Business Plan ANNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Plan ANNI 2010-2013"

Transcript

1 Business Plan ANNI

2 Sommario In questo Business Plan, la nostra società ECOGLASSES s.r.l. - intende descrivere il proprio progetto di start-up per un'iniziativa commerciale nel settore industriale da sviluppare nel nostro territorio. Il piano si articolerà nella descrizione degli aspetti di natura mercatistica, tecnica, economico-finanziaria e organizzativa che verranno analizzati e implementati nella strategia aziendale. I risultati economici appaiono adeguati e conseguibili facilmente in relazione alle esperienze professionali dei soci e del management, la solidità finanziaria della società e le potenzialità commerciali sfruttabili.

3 Tavola Aspetti Fondamentali vendite margine lordo margine netto

4 Sommario Aziendale In questo step del ns. Business Plan descriveremo tutti i dati anagrafici e societari della ECOGLASSES s.r.l., la natura della missione aziendale e l'articolazione di massima del progetto imprenditoriale che si intende realizzare. Descrizione Azienda La ECOGLASSES s.r.l. è una giovane e dinamica società che si propone di commercializzare articoli ecologici realizzati in Italia. L'azienda ha la forma giuridica di una società a responsabilità limitata con capitale sociale interamente versato di euro e sede legale a Cerignola, in via G. Gentile n.4. Assetto Proprietario Il capitale societario della ECOGLASSES s.r.l è di euro ; i titolari dell'azienda con quote di partecipazione al 20% sono Sig. Davide Mastrici (presidente) e Simona Grieco (vicepresidente). Il Sig. Mastrici è nato a S. Giovanni Rotondo il 07/07/1994 ed è attualmente residente a Cerignola. Studia presso l Istituto Tecnico Commerciale Dante Alighieri di Cerignola e conta significative esperienze di lavoro imprenditoriale. Possiede inoltre un ottima conoscenza della lingua inglese che parla correntemente. Il Sig.ra Grieco è nata a Cerignola il 29/11/1994, ove risiede; studia presso l Istituto Tecnico Commerciale Dante Alighieri di Cerignola.

5 Mission La società si occuperà esclusivamente della vendita di articoli ecologici sul mercato nazionale. In particolare, gli articoli saranno prodotti dalla stessa società. Le linee saranno di livello medio-alto e indirizzate sia alla clientela Business (grande distribuzione) che Consumers (mercato consumatori). I prospect principali del segmento Trade saranno rappresentati dai più importanti Department Stores, mentre i clienti del segmento Consumers apparterranno a fasce sociali attente alla qualità dei prodotti ecologici e sensibili al fascino del made in Italy. I prodotti offerti saranno innovativi, realizzati con le più moderne tecnologie disponibili, ma profondamente legati alla tradizione italiana. In questo singolare binomio di innovazione e tradizione che risiede il differenziale competitivo offerto dalla ns. azienda, insieme ad un rapporto qualità-prezzo molto interessante.

6 Descrizione Progetto Il progetto della ECOglasses s.r.l. nasce dall'esigenza di valorizzare le conoscenze e le esperienze professionali dei soci, affrontando un mercato evoluto con ottime potenzialità di sviluppo e rispetto per l'ambiente. Siamo consapevoli, da sempre e non per moda, della nostra responsabilità verso le generazioni che verranno e ci impegniamo insieme ai nostri Clienti per uno sviluppo sostenibile con fatti concreti: realizziamo occhiali in plastica riciclata all'82% e per ogni occhiale in plastica riciclata che vendiamo diamo un contributo a Legambiente per sostenere progetti a tutela dell'ambiente utilizziamo energia derivata da fonti rinnovabili per l'illuminazione utilizziamo materiali riciclati per gli arredi dei negozi utilizziamo sacchetti in biocartene, riutilizzabili a casa per la raccolta differenziata il montaggio degli occhiali e la colorazione delle lenti è effettuato dalla stessa specializzata che effettua un corretto smaltimento degli scarti di lavorazione. In tutti i nostri processi eliminiamo ciò che è superfluo e ricicliamo tutto ciò che può essere riciclato. Il risultato è evidente : meno rifiuti per l'ambiente e meno costi superflui.

7 "Il valore di un'idea sta nel metterla in pratica". Thomas Alva Edison Trovare l'idea è stata la prima difficoltà che abbiamo incontro sul nostro cammino. Dopo aver fatto le nostre ricerche, abbiamo osservato: la realtà economica locale, nazionale ed internazionale leggendo quotidiani economici e pubblicazioni specialistiche, in modo da ottenere informazioni sull'andamento dei diversi settori di attività e sulle loro possibilità di espansione o contrazione la vita quotidiana, cioè lo stile di vita degli altri; l'opportunità di avviare un'attività potrebbe nascere proprio dall'assenza o scarsità di concorrenza in un determinato settore. Anche le attività coltivate al di fuori del contesto lavorativo (come gli hobby e gli interessi) sono indicative di capacità e competenze che spesso sottovalutiamo e che, invece, potrebbero essere uno spunto per la creazione di una nuova attività l'ambiente di lavoro, sia che ci si trovi in una grande azienda o in una piccola impresa, consente di individuare il campo specifico di attività la concorrenza, i clienti con le loro esigenze e l'evoluzione del settore le idee degli altri L'IDEA NON DEVE ESSERE A TUTTI I COSTI GENIALE O ORIGINALE: E' PIU' IMPORTANTE CHE SIA CHIARA E REALIZZABILE. Molti di noi hanno "idee e sogni chiusi nello sgabuzzino", pensateci, rispolverate quella parte accantonata di voi che ancora amate e provateci, impegnatevi. La verifica dell'idea In ogni caso, sia che abbiate voi stessi un'idea, sia che vi appoggiate a quella di qualcun'altro, è necessario testarla, cioè verificarla nel concreto. Si può iniziare ponendosi questa domanda: "La mia idea può dar vita ad un progetto realistico?" Per rispondere a questa domanda è necessario rimanere "con i piedi per terra" e: definire l'idea dettagliando il più possibile qual è il prodotto o servizio che si vuole offrire, qual è il mercato a cui ci si rivolge, in che cosa ci si differenzia rispetto ai prodotti o servizi già esistenti;

8 Obiettivi Economico-Finanziari II nostro primo obiettivo economico e finanziario è quello di poter conseguire il break-even entro il primo anno dal lancio della campagna di commercializzazione della ns. linea di prodotto. Il fatturato previsto per il primo anno è di circa e contiamo che dopo 3 anni di attività possa raddoppiare rispetto allo start-up, raggiungendo circa (stime prudenziali in base ad un ipotesi annua di sviluppo del 10% dei volumi fisici di vendita e dei prezzi). Da un punto di vista reddituale, prevediamo che nel primo anno di attività l'azienda possa chiudere con un margine netto dopo le imposte di circa e con un risultato finale di circa

9 Sommario del Mercato In questa parte del Business Plan descriveremo i prodotti inclusi nell'analisi di mercato e quali sono i prescelti come target, includendo i tassi attesi di crescita per segmento e altre valutazioni. I dati sono stati ottenuti da associazioni di categoria italiane (UNIPRO), da pubblicazioni di società di ricerca (Databank) e dall'istituto di Commercio Estero Italiano. Le previsioni sono state effettuate con l'ausilio di esperti. Strategia di Proprietà La nostra strategia di proprietà è fondata sulla precostituita società ECOGLASSES s.r.l. ma riteniamo nel futuro di poter esplorare anche l'opportunità di costituire una jointventure ad hoc.

10 Descrizione Paese/Mercato Prima dell esame dei mercati, riteniamo importante segnalare alcuni aspetti economici, sociali e demografici sintetici dell Italia. Cerignola è un comune italiano sito nella provincia di Foggia in Puglia; gli abitanti prendono il nome di cerignolani. E geograficamente situata nella valle dell Ofanto, sulle alture del tavoliere meridionale ed ha un estensione di ettari. É il secondo centro della Capitanata per numero di abitanti ed è altresì il più grosso centro agricolo della provincia di appartenenza. Il clima del Tavoliere è di tipo continentale, caratterizzato da forti escursioni termiche; estati torride si contrappongono ad inverni più o meno rigidi, tuttavia la temperatura media annua si aggira sui 16 C. L economia si basa su una produzione agricola, la più importante in tutta la regione, di particolare rilievo è il settore agro-alimentare rappresentato soprattutto da viticoltura, olivicoltura, orticoltura e cerealicoltura. Anche l'allevamento (suini, ovini, bovini e pollame) rappresenta un' interessante risorsa economica, ed è molto sviluppato. Nonostante Cerignola si basi sul settore agricolo si è deciso di dare uno slancio innovativo all economia locale attraverso questa idea imprenditoriale che mira al rispetto dell ambiente tramite il riciclo della plastica. La nostra azienda vuole lanciare una sfida per posizionarsi in maniera positiva e competitiva sul mercato anche se questo comporterà molti ostacoli da superare. Ad esempio: L innovazione tecnologica L internazionalizzazione dell impresa La crescita dimensionale La managerializzazione La trasparenza del grado di solidità patrimoniale

11 1.L innovazione tecnologica influenza la competitività delle imprese e del capitale umano. 2.Negli ultimi decenni si assiste ad una crescita della competizione dell impresa infatti le società cercano di espandersi nei mercati internazionali attraverso l esportazione di alcuni prodotti. 3.La piccola impresa è destinata a crescere attraverso processi temporali, diventando così una impresa più grande, se così non fosse scomparirà a causa della grande competitività del mercato. 4.Questi tre punti sono sfide che aumentano i rischi per le società, per cui è necessario potenziare il patrimonio manageriale. 5.Gli imprenditori hanno una grande possibilità di accedere al credito in quanto il sistema economico finanziario si è ottimizzato a causa della globalizzazione. 6.L innovazione tecnologica influenza la competitività delle imprese e del capitale umano. 7.Negli ultimi decenni si assiste ad una crescita della competizione dell impresa infatti le società cercano di espandersi nei mercati internazionali attraverso l esportazione di alcuni prodotti. 8.La piccola impresa è destinata a crescere attraverso processi temporali, diventando così una impresa più grande, se così non fosse scomparirà a causa della grande competitività del mercato. 9.Questi tre punti sono sfide che aumentano i rischi per le società, per cui è necessario potenziare il patrimonio manageriale. 10.Gli imprenditori hanno una grande possibilità di accedere al credito in quanto il sistema economico finanziario si è ottimizzato a causa della globalizzazione. Dati socio-economici: disoccupati: 8,4% (gennaio 2011) PIL pro capite: (2010) Indice di povertà: 13,1% della popolazione PIL: Milioni di euro (2010)

12 Strategia di Marketing In questa parte del piano descriveremo le scelte che intendiamo adottare sul fronte del marketing strategico: le strategie di segmentazione, target e posizionamento di marketing. Quindi illustreremo le scelte operative di marketing-mix per tradurre le linee-guida in azioni; in particolare, le scelte di prodotto, prezzo, promozione, distribuzione e servizi saranno costruite in modo armonico sul concetto di Missione Aziendale e sul posizionamento strategico che vede la ns. azienda porsi come un'azienda di qualità, dall elevata immagine.

13 Fattori Critici di Successo L'area critica è quella del marketing, sempre più scisso nelle due connotazioni di consumer marketing e trade marketing, distinzione dalla quale consegue l'impostazione di specifiche strategie. Nel settore innovazione e differenziazione del prodotto sono alla base del successo. L innovazione tende inoltre a differenziare le forme di presentazione dei prodotti. Importanza fondamentale ha, oltre alla politica di differenziazione del prodotto, una coerente scelta del canale, le politiche di promozione (gift, buoni sconto, concorsi a premi ecc.) e di assistenza al punto vendita (assistenza al layout, al merchandising, al training dei personale di vendita). In generale, il prezzo non costituisce un fattore di successo determinante (anche se sta avendo una maggiore rilevanza), mentre lo è sicuramente una scelta coerente della fascia nella quale collocare il marchio. Il prezzo contenuto è comunque importante nel mass-market ed è una variabile che sta interessando anche alcune imprese che operano in profumeria con marchi di prestigio, preoccupate di anticipare la possibile evoluzione del canale verso un'offerta molto più articolata rispetto a quella attuale. L'attività pubblicitaria continua a rappresentare un fattore determinante di successo per le imprese di tutti i canali. La politica distributiva, ovvero la modalità di presenza nel canale prescelto, costituisce un altro fattore critico di successo.

14 Vantaggio Competitivo Sintesi, l analisi della ECOGLASSES s.r.l. mostra come elementi critici per il vantaggio competitivo: 1. Immagine; 2. Innovazione di prodotto, in particolare modo formulazione e packaging; 3. Qualità, specialmente per le materie prime impiegate; 4. Distribuzione: selezione punti vendita, formazione forza vendita; 5. Pubblicità e promozione, specialmente come investimenti pubblicitari e promozioni al consumatore In particolare, le fonti del ns. vantaggio competitivo risiederanno nella Qualità dei prodotti (per materie prime e processi produttivi) e nella Distribuzione che avverrà tramite il canale Department Stores e la vendita diretta. Obiettivi di Marketing In relazione agli obiettivi economici, gli obiettivi di marketing saranno fondamentalmente quelli di assicurare gli apporti di vendite del nostro prodotto in base ai diversi canali distributivi che verranno individuati. In particolare, l'azienda punterà ad acquisire una maggiore visibilità nel tempo nell'ottica del Made in Italy, puntando su iniziative di vario genere per la diffusione del marchio aziendale.

15 Strategia di Segmentazione Il ns. mercato di riferimento è rappresentato dal volume di produzione di prodotti ecologici in Italia, e nello spefico, le categorie di prodotto nelle quali intendiamo inserirci sono quelle degli accessori, che presentano le migliori prospettive di sviluppo. Da un punto di vista di segmentazione e di clienti, la nostra strategia è duplice: 1) Rivolgersi ai grandi e importanti Department Stores 2) Rivolgersi direttamente ai clienti finali mediante il circuito di vendita mass market rappresentato dai network televisivi. Strategia di Targetizzazione La nostra società ECOGLASSES S.r.l, dopo precise indagini di mercato ed esaminando le necessità dei consumatori, si è giunti alle seguenti conclusioni: si è notato che, in media, una persona su due possiede un paio di occhiali e quindi la nostra società è orientata, utilizzando plastica riciclata, verso la produzione di montature per occhiali. La nostra missione è quella di promuovere il concetto di prodotto ecologico italiano, focalizzandoci sui bisogni dei clienti attraverso prodotti originali di elevatissima qualità.in tale senso il posizionamento strategico di prodotto sarà necessariamente di livello alto, ma con un regime di prezzi relativamente competitivo, tutelando l ambiente. La selezione della nostra clientela avviene seguendo due criteri sia quantitativo che qualitativo. Per quanto concerne il primo criterio abbiamo organizzato la distribuzione del nostro prodotto verso grossisti che provvederanno a rifornire le aziende produttrici di lenti o direttamente alle aziende stesse, al dettaglio attraverso il nostro punto vendita. Per quanto riguarda il secondo criterio la nostra selezione della clientela prende spunto da un indagine svolta sul nostro territorio, dalla quale è emerso che molta gente effettua il riciclaggio ed è disposta ad aiutarci nella raccolta della materia prima (plastica riciclata) al fine di ottenere sia piccoli incentivi, sia un prodotto utile a poco prezzo.

16 Posizionamento La nostra missione è quella di promuovere il concetto di prodotto ecologico italiano, focalizzandoci sui bisogni dei clienti attraverso prodotti originali di elevatissima qualità. In tale senso il posizionamento strategico di prodotto sarà necessariamente di livello alto, ma con un regime di prezzi relativamente competitivo. Marketing-Mix Questa sezione dedicata al Marketing-Mix rappresenta una sintesi delle diverse politiche di prodotto, prezzo, promozione, servizi di seguito esaminate che verranno poste in essere per la realizzazione del presente Business Plan.

17 Prodotto/Servizio La densità relativamente bassa di molte materie plastiche contribuisce alla leggerezza del prodotto finale. La plastica presenta inoltre eccellenti proprietà di isolamento termico ed elettrico. Ma, se necessario, alcune materie plastiche possono fungere da conduttori di elettricità. Sono resistenti alla corrosione di molte sostanze che intaccano altri materiali, e alcune sono trasparenti e quindi ideali per applicazioni ottiche. Facili da stampare in sagome e forme complesse, le materie plastiche permettono l integrazione di funzioni e materiali diversi. E se le proprietà fisiche di una materia plastica non dovessero rispondere a determinati requisiti, è possibile modificarne le proprietà con l aggiunta di riempitivi di rinforzo, coloranti, agenti schiumogeni, ritardanti di fiamma, plastificanti, ecc., rispondendo così alle esigenze di quella particolare applicazione. In generale queste plastiche sono prodotti sintetici. In linea di principio è possibile sviluppare qualsiasi combinazione di proprietà per rispondere a qualsiasi esigenza applicativa immaginabile. La plastica svolge un ruolo essenziale, offrendo e fornendo sostegno alla qualità, al comfort e alla sicurezza degli stili di vita moderni. Il suo straordinario rapporto costi/prestazioni significa anche che le persone di tutte le fasce di reddito possono godere di questi benefici. Soddisfare le esigenze della società non significa tuttavia soltanto quelle di "oggi". Anche le generazioni future hanno diritto ai vantaggi materiali ed altri benefici. Soddisfare le esigenze di domani è il fondamento del concetto di "Sviluppo sostenibile". I prodotti plastici stanno già contribuendo ogni giorno a migliorare la vita delle persone, conservando al contempo le risorse naturali ed aiutando a proteggere l'ambiente di domani, in un mondo la cui popolazione è in aumento, con richieste in costante crescita di acqua, cibo, alloggi, misure sanitarie, energia, servizi relativi alla salute e alla sicurezza economica. I sistemi più efficaci per la gestione dei rifiuti sono invece quelli basati sulla riduzione dei rifiuti e sul loro riuso (tecnicamente definito reimpiego o più comunemente noto come "vuoto a rendere"), in cui, una volta terminato l'utilizzo di un oggetto esso non va ad aumentare la mole dei rifiuti, ma, dopo un semplice processo di pulizia viene utilizzato nuovamente senza che i materiali di cui è composto subiscano trasformazioni.

18 La mancanza in molti stati di politiche di sostegno del riuso con incentivi e disincentivi, fanno sì che al giorno d'oggi la gran parte dei contenitori, delle confezioni e degli imballaggi sia invece ancora costituita da plastica e carta e non possa quindi essere riutilizzata tal quale. La scelta delle imprese è ovviamente una scelta economica che cade inevitabilmente su questi prodotti dal costo finanziario ridotto, anche se dall'elevato impatto ambientale ma con l introduzione del concetto di riciclaggio prima e di raccolta differenziata poi, si sono aperte nuove frontiere che hanno portato benefici sia ambientali che economici e applicativi. Grazie a ricerche più che decennali e all esperienza acquisita nel settore, abbiamo saputo sfruttare questa preziosa risorsa per dare vita ai Riprodotti con una linea di manufatti realizzati in PLASTICA RICICLATA AL 100%. La nostra azienda lavora nel settore dell ecologia e produce una serie completa di montature realizzate in plastica riciclata. VANTAGGI Resistenti all'acqua. Rispettosi dell'ambiente. Atossici. Privi di schegge. Colori che rimangono inalterati nel tempo. Inattaccabili da batteri, funghi e muffe. Resistenti agli agenti atmosferici. SPONSOR: Qualcuno disse: la vita è troppo bella per essere vista attraverso un unico paio di occhiali. La maggior parte delle persone ha più di un paio di scarpe e più di una camicia ma quante di esse hanno un secondo paio di occhiali?

19 Dalla materia prima agli occhiali Ø LA RACCOLTA Sulla base del tipo di raccolta è possibile ottenere una buona qualità del prodotto e avviare il riciclo. SELEZIONE L attività di selezione permette di eliminare eventuali frazioni estranee, ovvero vetro, carta ecc. TRITURAZIONE L operazione della triturazione produce la frantumazione grossolana del materiale, portando lo stesso ad assumere dimensioni di pezzatura omogenea anche se irregolare. Poi il ciclo di riciclaggio e produzione inizia di nuovo Così termina il ciclo di riciclaggio della plastica, che ci permette successivamente di creare i nostri occhiali. GRANULAZIONE E questa la parte finale dell impianto nel corso della quale si ottiene il granulo che verrà utilizzato per le successive applicazioni. MACINAZIONE LAVAGGIO Il lavaggio del prodotto ottenuto a seguito della triturazione viene eseguito nel caso in cui sia necessario separare quelle parti che potrebbero essere dannose. Il prodotto viene convogliato in un mulino macinatore che ha lo scopo di ridurre la pezzatura del materiale.

20 ØProspettive future Strengths: Tutela dell ambiente Impegno sociale Prodotto riciclato Materie prime a basso costo unici Weaknesses Questione di gusti Threats Un altra azienda produce montature in plastica riciclata Opportunities collaborare con altre aziende sensibili all'ambiente Espandersi su altri mercati

21 Prezzo Il ns. pricing sarà correlato alla gamma e alla qualità dei prodotti offerti, in sintonia con il regime dei prezzi dei competitori di elevato standing e costruiti in modo da coprire i costi e garantirci un adeguato margine. Questa è la tipologia di prezzi medi per prodotto: MONTATURE SEMPLICI : 10 ; MONTATURE PARTICOLARI:20 ; MONTATURE SU RICHIESTA : 30. Promozione/Comunicazione La ECOGLASSES s.r.l. applicherà un mix classico di strumenti promozionali e comunicativi, fra cui: - la pubblicità e le promozioni, soprattutto sotto forma di sales promotion, utilizzando la stampa specializzata e gli eventi, come, ad esempio, i seminari, la televisione commerciale; - il merchandising sul punto vendita, nello specifico realizzando corner nei più importanti stores, con display delle vetrine e delle aree di vendita; - il marketing diretto (mailing, telemarketing, personal selling, ecc.), in connessione con le telepromozioni attivate dal network televisivo Tra gli sviluppi futuri abbiamo programmato politiche promozionali e di advertising anche sul canale Web con un apposito sito aziendale inserito su un importante portale italiano.

22 Tabella promozioni / pubblicitarie Iniziative promozionali/pubblicitarie Costo a regime 3 anno volantinaggio si 4.000,00 affissioni si 7.000,00 depliant si 5.000,00 Sito internet si 0 presentazione prodotti si 5.000,00 Partecipazione a fiere si 9.000,00 Totale ,00

23 Distribuzione La distribuzione dei prodotti ecologici vede fra i suoi canali tipici la grande distribuzione. Nonostante la possibilità di sviluppare il ns. business in maniera molto articolata, intendiamo scegliere per praticità, efficacia ed efficienza solo alcune modalità che potranno darci un contributo molto rapido sul conto economico. Pertanto, i ns. canali distributivi saranno così articolati: 1. Department Stores 2. Vendita tramite Internet I nostri servizi complementari saranno notevoli e includeranno: 1. Assistenza formativa pre-vendita per la rete di agenti; 2. Assistenza formativa post-vendita; 3.Sito Web e counselling via per agenti, stores e consumatori

24 Sommario Fattibilità Tecnica In questo step di Analisi della Fattibilità Tecnica, provvederemo ad una ricostruzione delle tipologie di investimento necessarie per l'attività di impresa e lo sviluppo della sede commerciale. Analisi degli Investimenti Gli investimenti strutturali che la ECOGLASSES s.r.l. andrà a realizzare saranno prettamente di natura commerciale. In particolare, provvederemo ad impiantare un ufficio direzionale a Cerignola (FG), che doteremo di attrezzature elettroniche e contabili e di arredo funzionale ed elegante. Altri costi saranno quelli del management e degli investimenti promozionali e comunicativi (advertising, promotion, merchandising, ecc.). Essendo i prodotti realizzati in Italia, la struttura dovrà occuparsi esclusivamente dei contatti commerciali, della gestione dei contratti con i network. I rapporti con gli agenti e i rappresentanti saranno di tipo misto, con riconoscimento di un fisso mensile e di provvigioni sugli accordi conclusi con gli stores. Immobilizzi di Rilievo Le spese rilevanti da un punto di vista tecnico-strutturale saranno rappresentate da Attrezzature e Arredo (computer, rete telefonica, fax, scrivanie, armadi, scaffalature, ecc.), il cui costo è stimato complessivamente in euro. Analisi Fornitori Come precedentemente richiamato, il fornitore unico di ECOGLASSES s.r.l. è rappresentato dalle imprese di riciclaggio (SIA), che si occuperà integralmente della fornitura e della spedizione presso la nostra società, dei prodotti lanciati con marchio ECO.

25 Sommario Fattibilità Economico-Finanziaria Tale ampia parte del BP comprende una sezione relativa alle Previsioni delle Vendite, ai costi per prodotto e al Break-Even Point, una successiva sezione denominata Fattibilità Economica, i piani del personale, il budget di contribuzione, e una parte finale Fattibilità Finanziaria con l analisi dello stato patrimoniale prospettico, del cashflow e degli indici economico-finanziari.

26 Tavola Piano del Personale Piano del Personale: Personale Produttivo Subtotale Personale Marketing General Manager Sales Manager R & D Manager Subtotale Personale Amministrativo Segretaria Subtotale Altro Subtotale Totale Totale Spese Generali Totale Spese Personale

27 Start-up Le spese di start-up sono fondamentalmente di natura legale per la costituzione della società, i servizi contabili, consulenziali e assicurativi, il reclutamento e la remunerazione iniziale del management; l'ammontare totale è stimato intorno ai I fabbisogni di capitale circolante sono stati stimati in ragione di fra cassa e magazzino (l'acquisto di plastica riciclata dai nostri fornitori in ragione di circa ), mentre la stima dei fabbisogni strutturali legati all'ufficio di Cerignola per attrezzature e mobili è di circa Il totale dei fabbisogni finanziari è pari quindi a circa ; a fronte delle fonti di capitali di rischio per (capitale sociale aziendale),e di un piccolo affidamento bancario di , le necessità finanziarie residue ammontano a circa

28 Totale Fonti di Finanziamento Tabella - Piano Investimenti e finanziamenti Start-up Plan Spese di Start-up Legali e notarili Consulenziali Assicurazione Reclutamento management e addetti Varie Totale Spese di Start-up Fabbisogni Finanziari Circolanti Start-up Necessità di cassa Magazzino Altre attività a breve Totale Capitali Correnti Investimenti di Lungo Termine Impianti produzione montature plastic Attrezzature Mobili e arredi Fabbricato Totale Investimenti di Lungo Termine Totale Investimenti Totali Fabbisogni di Start-up Residuo Finanziario da coprire: 0 Piano di Copertura Start-up Capitale sociale Passività Correnti Fornitori Prestiti a breve Altre passività a breve Subtotale Passività Correnti Passività Consolidate Totale Passività

29 Grafico - Start up start up investimenti capitale di proprietà passività

30 Previsione delle Vendite Per stimare le vendite per prodotto, abbiamo ipotizzato prudenzialmente di poter allocare i prodotti ECO su un numero medio di punti vendita pari a 2 e che tale numero rimanga costante nel tempo, durante il primo anno di attività. Successivamente abbiamo ipotizzato che ogni giorno vengono acquistati globalmente n. 6 pezzi per il punto vendita al dettaglio e quantità maggiori per le vendite all ingrosso. Le stime sono state effettuate considerando 6 giorni lavorativi per 4 settimane e ipotizzando un andamento stagionale che comporti un raddoppio delle vendite nel periodo pasquale e estivo e un netto calo del 50% nei mesi invernali. Abbiamo altresì ipotizzato un aumento delle vendite negli anni successivi in ragione del 10% (stima molto prudenziale). I costi diretti di vendita sono legati alle quantità e ai prezzi dei singoli prodotti, anche in questo caso abbiamo stimato un leggero aumento dei prezzi negli anni successivi pari al 10% annuo. Il fatturato previsto per il primo anno e contiamo che dopo 3 anni di attività possa aumentare raggiungendo circa (stime prudenziali basate su un ipotesi di sviluppo annuo del 10% dei volumi fisici di vendita e dei prezzi). Budget Spese e Contribuzione L'andamento previsto del margine di contribuzione è positivo, a seguito delle ipotesi formulate sui costi operativi connessi al personale, alle spese di marketing e alle politiche di ammortamento. Inoltre, la dinamica contenuta delle spese e dei prezzi di acquisto dei prodotti, permetterà una contrazione percentuale delle spese sulle vendite e un incremento dei margini percentuali di contribuzione. In definitiva, prevediamo che nel primo anno di attività l'azienda possa chiudere con un margine netto dopo le imposte di circa e con un risultato finale di circa Nelle tabelle e grafici correlati viene illustrata la consistenza e dinamica delle grandezze economiche.

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

guida al business planning

guida al business planning guida al business planning indice INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - L APPROCCIO AL BUSINESS PLAN 1.1 Il contesto imprenditoriale 1.2 Fare impresa 1.3 Il business plan 1.4 Scrivere il business plan CAPITOLO 2 -

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Silver Management Trainer. Lo Scenario

Silver Management Trainer. Lo Scenario 46 Silver Management Trainer Lo Scenario Indice dei contenuti 0.- INTRODUZIONE...3 1.- AZIENDE...3 2.- IL CONTESTO...4 3.- PRODOTTI...5 4.- MERCATI...6 5.- PROFILI DEMOGRAFICI DEGLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli