Business Plan ANNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Plan ANNI 2010-2013"

Transcript

1 Business Plan ANNI

2 Sommario In questo Business Plan, la nostra società ECOGLASSES s.r.l. - intende descrivere il proprio progetto di start-up per un'iniziativa commerciale nel settore industriale da sviluppare nel nostro territorio. Il piano si articolerà nella descrizione degli aspetti di natura mercatistica, tecnica, economico-finanziaria e organizzativa che verranno analizzati e implementati nella strategia aziendale. I risultati economici appaiono adeguati e conseguibili facilmente in relazione alle esperienze professionali dei soci e del management, la solidità finanziaria della società e le potenzialità commerciali sfruttabili.

3 Tavola Aspetti Fondamentali vendite margine lordo margine netto

4 Sommario Aziendale In questo step del ns. Business Plan descriveremo tutti i dati anagrafici e societari della ECOGLASSES s.r.l., la natura della missione aziendale e l'articolazione di massima del progetto imprenditoriale che si intende realizzare. Descrizione Azienda La ECOGLASSES s.r.l. è una giovane e dinamica società che si propone di commercializzare articoli ecologici realizzati in Italia. L'azienda ha la forma giuridica di una società a responsabilità limitata con capitale sociale interamente versato di euro e sede legale a Cerignola, in via G. Gentile n.4. Assetto Proprietario Il capitale societario della ECOGLASSES s.r.l è di euro ; i titolari dell'azienda con quote di partecipazione al 20% sono Sig. Davide Mastrici (presidente) e Simona Grieco (vicepresidente). Il Sig. Mastrici è nato a S. Giovanni Rotondo il 07/07/1994 ed è attualmente residente a Cerignola. Studia presso l Istituto Tecnico Commerciale Dante Alighieri di Cerignola e conta significative esperienze di lavoro imprenditoriale. Possiede inoltre un ottima conoscenza della lingua inglese che parla correntemente. Il Sig.ra Grieco è nata a Cerignola il 29/11/1994, ove risiede; studia presso l Istituto Tecnico Commerciale Dante Alighieri di Cerignola.

5 Mission La società si occuperà esclusivamente della vendita di articoli ecologici sul mercato nazionale. In particolare, gli articoli saranno prodotti dalla stessa società. Le linee saranno di livello medio-alto e indirizzate sia alla clientela Business (grande distribuzione) che Consumers (mercato consumatori). I prospect principali del segmento Trade saranno rappresentati dai più importanti Department Stores, mentre i clienti del segmento Consumers apparterranno a fasce sociali attente alla qualità dei prodotti ecologici e sensibili al fascino del made in Italy. I prodotti offerti saranno innovativi, realizzati con le più moderne tecnologie disponibili, ma profondamente legati alla tradizione italiana. In questo singolare binomio di innovazione e tradizione che risiede il differenziale competitivo offerto dalla ns. azienda, insieme ad un rapporto qualità-prezzo molto interessante.

6 Descrizione Progetto Il progetto della ECOglasses s.r.l. nasce dall'esigenza di valorizzare le conoscenze e le esperienze professionali dei soci, affrontando un mercato evoluto con ottime potenzialità di sviluppo e rispetto per l'ambiente. Siamo consapevoli, da sempre e non per moda, della nostra responsabilità verso le generazioni che verranno e ci impegniamo insieme ai nostri Clienti per uno sviluppo sostenibile con fatti concreti: realizziamo occhiali in plastica riciclata all'82% e per ogni occhiale in plastica riciclata che vendiamo diamo un contributo a Legambiente per sostenere progetti a tutela dell'ambiente utilizziamo energia derivata da fonti rinnovabili per l'illuminazione utilizziamo materiali riciclati per gli arredi dei negozi utilizziamo sacchetti in biocartene, riutilizzabili a casa per la raccolta differenziata il montaggio degli occhiali e la colorazione delle lenti è effettuato dalla stessa specializzata che effettua un corretto smaltimento degli scarti di lavorazione. In tutti i nostri processi eliminiamo ciò che è superfluo e ricicliamo tutto ciò che può essere riciclato. Il risultato è evidente : meno rifiuti per l'ambiente e meno costi superflui.

7 "Il valore di un'idea sta nel metterla in pratica". Thomas Alva Edison Trovare l'idea è stata la prima difficoltà che abbiamo incontro sul nostro cammino. Dopo aver fatto le nostre ricerche, abbiamo osservato: la realtà economica locale, nazionale ed internazionale leggendo quotidiani economici e pubblicazioni specialistiche, in modo da ottenere informazioni sull'andamento dei diversi settori di attività e sulle loro possibilità di espansione o contrazione la vita quotidiana, cioè lo stile di vita degli altri; l'opportunità di avviare un'attività potrebbe nascere proprio dall'assenza o scarsità di concorrenza in un determinato settore. Anche le attività coltivate al di fuori del contesto lavorativo (come gli hobby e gli interessi) sono indicative di capacità e competenze che spesso sottovalutiamo e che, invece, potrebbero essere uno spunto per la creazione di una nuova attività l'ambiente di lavoro, sia che ci si trovi in una grande azienda o in una piccola impresa, consente di individuare il campo specifico di attività la concorrenza, i clienti con le loro esigenze e l'evoluzione del settore le idee degli altri L'IDEA NON DEVE ESSERE A TUTTI I COSTI GENIALE O ORIGINALE: E' PIU' IMPORTANTE CHE SIA CHIARA E REALIZZABILE. Molti di noi hanno "idee e sogni chiusi nello sgabuzzino", pensateci, rispolverate quella parte accantonata di voi che ancora amate e provateci, impegnatevi. La verifica dell'idea In ogni caso, sia che abbiate voi stessi un'idea, sia che vi appoggiate a quella di qualcun'altro, è necessario testarla, cioè verificarla nel concreto. Si può iniziare ponendosi questa domanda: "La mia idea può dar vita ad un progetto realistico?" Per rispondere a questa domanda è necessario rimanere "con i piedi per terra" e: definire l'idea dettagliando il più possibile qual è il prodotto o servizio che si vuole offrire, qual è il mercato a cui ci si rivolge, in che cosa ci si differenzia rispetto ai prodotti o servizi già esistenti;

8 Obiettivi Economico-Finanziari II nostro primo obiettivo economico e finanziario è quello di poter conseguire il break-even entro il primo anno dal lancio della campagna di commercializzazione della ns. linea di prodotto. Il fatturato previsto per il primo anno è di circa e contiamo che dopo 3 anni di attività possa raddoppiare rispetto allo start-up, raggiungendo circa (stime prudenziali in base ad un ipotesi annua di sviluppo del 10% dei volumi fisici di vendita e dei prezzi). Da un punto di vista reddituale, prevediamo che nel primo anno di attività l'azienda possa chiudere con un margine netto dopo le imposte di circa e con un risultato finale di circa

9 Sommario del Mercato In questa parte del Business Plan descriveremo i prodotti inclusi nell'analisi di mercato e quali sono i prescelti come target, includendo i tassi attesi di crescita per segmento e altre valutazioni. I dati sono stati ottenuti da associazioni di categoria italiane (UNIPRO), da pubblicazioni di società di ricerca (Databank) e dall'istituto di Commercio Estero Italiano. Le previsioni sono state effettuate con l'ausilio di esperti. Strategia di Proprietà La nostra strategia di proprietà è fondata sulla precostituita società ECOGLASSES s.r.l. ma riteniamo nel futuro di poter esplorare anche l'opportunità di costituire una jointventure ad hoc.

10 Descrizione Paese/Mercato Prima dell esame dei mercati, riteniamo importante segnalare alcuni aspetti economici, sociali e demografici sintetici dell Italia. Cerignola è un comune italiano sito nella provincia di Foggia in Puglia; gli abitanti prendono il nome di cerignolani. E geograficamente situata nella valle dell Ofanto, sulle alture del tavoliere meridionale ed ha un estensione di ettari. É il secondo centro della Capitanata per numero di abitanti ed è altresì il più grosso centro agricolo della provincia di appartenenza. Il clima del Tavoliere è di tipo continentale, caratterizzato da forti escursioni termiche; estati torride si contrappongono ad inverni più o meno rigidi, tuttavia la temperatura media annua si aggira sui 16 C. L economia si basa su una produzione agricola, la più importante in tutta la regione, di particolare rilievo è il settore agro-alimentare rappresentato soprattutto da viticoltura, olivicoltura, orticoltura e cerealicoltura. Anche l'allevamento (suini, ovini, bovini e pollame) rappresenta un' interessante risorsa economica, ed è molto sviluppato. Nonostante Cerignola si basi sul settore agricolo si è deciso di dare uno slancio innovativo all economia locale attraverso questa idea imprenditoriale che mira al rispetto dell ambiente tramite il riciclo della plastica. La nostra azienda vuole lanciare una sfida per posizionarsi in maniera positiva e competitiva sul mercato anche se questo comporterà molti ostacoli da superare. Ad esempio: L innovazione tecnologica L internazionalizzazione dell impresa La crescita dimensionale La managerializzazione La trasparenza del grado di solidità patrimoniale

11 1.L innovazione tecnologica influenza la competitività delle imprese e del capitale umano. 2.Negli ultimi decenni si assiste ad una crescita della competizione dell impresa infatti le società cercano di espandersi nei mercati internazionali attraverso l esportazione di alcuni prodotti. 3.La piccola impresa è destinata a crescere attraverso processi temporali, diventando così una impresa più grande, se così non fosse scomparirà a causa della grande competitività del mercato. 4.Questi tre punti sono sfide che aumentano i rischi per le società, per cui è necessario potenziare il patrimonio manageriale. 5.Gli imprenditori hanno una grande possibilità di accedere al credito in quanto il sistema economico finanziario si è ottimizzato a causa della globalizzazione. 6.L innovazione tecnologica influenza la competitività delle imprese e del capitale umano. 7.Negli ultimi decenni si assiste ad una crescita della competizione dell impresa infatti le società cercano di espandersi nei mercati internazionali attraverso l esportazione di alcuni prodotti. 8.La piccola impresa è destinata a crescere attraverso processi temporali, diventando così una impresa più grande, se così non fosse scomparirà a causa della grande competitività del mercato. 9.Questi tre punti sono sfide che aumentano i rischi per le società, per cui è necessario potenziare il patrimonio manageriale. 10.Gli imprenditori hanno una grande possibilità di accedere al credito in quanto il sistema economico finanziario si è ottimizzato a causa della globalizzazione. Dati socio-economici: disoccupati: 8,4% (gennaio 2011) PIL pro capite: (2010) Indice di povertà: 13,1% della popolazione PIL: Milioni di euro (2010)

12 Strategia di Marketing In questa parte del piano descriveremo le scelte che intendiamo adottare sul fronte del marketing strategico: le strategie di segmentazione, target e posizionamento di marketing. Quindi illustreremo le scelte operative di marketing-mix per tradurre le linee-guida in azioni; in particolare, le scelte di prodotto, prezzo, promozione, distribuzione e servizi saranno costruite in modo armonico sul concetto di Missione Aziendale e sul posizionamento strategico che vede la ns. azienda porsi come un'azienda di qualità, dall elevata immagine.

13 Fattori Critici di Successo L'area critica è quella del marketing, sempre più scisso nelle due connotazioni di consumer marketing e trade marketing, distinzione dalla quale consegue l'impostazione di specifiche strategie. Nel settore innovazione e differenziazione del prodotto sono alla base del successo. L innovazione tende inoltre a differenziare le forme di presentazione dei prodotti. Importanza fondamentale ha, oltre alla politica di differenziazione del prodotto, una coerente scelta del canale, le politiche di promozione (gift, buoni sconto, concorsi a premi ecc.) e di assistenza al punto vendita (assistenza al layout, al merchandising, al training dei personale di vendita). In generale, il prezzo non costituisce un fattore di successo determinante (anche se sta avendo una maggiore rilevanza), mentre lo è sicuramente una scelta coerente della fascia nella quale collocare il marchio. Il prezzo contenuto è comunque importante nel mass-market ed è una variabile che sta interessando anche alcune imprese che operano in profumeria con marchi di prestigio, preoccupate di anticipare la possibile evoluzione del canale verso un'offerta molto più articolata rispetto a quella attuale. L'attività pubblicitaria continua a rappresentare un fattore determinante di successo per le imprese di tutti i canali. La politica distributiva, ovvero la modalità di presenza nel canale prescelto, costituisce un altro fattore critico di successo.

14 Vantaggio Competitivo Sintesi, l analisi della ECOGLASSES s.r.l. mostra come elementi critici per il vantaggio competitivo: 1. Immagine; 2. Innovazione di prodotto, in particolare modo formulazione e packaging; 3. Qualità, specialmente per le materie prime impiegate; 4. Distribuzione: selezione punti vendita, formazione forza vendita; 5. Pubblicità e promozione, specialmente come investimenti pubblicitari e promozioni al consumatore In particolare, le fonti del ns. vantaggio competitivo risiederanno nella Qualità dei prodotti (per materie prime e processi produttivi) e nella Distribuzione che avverrà tramite il canale Department Stores e la vendita diretta. Obiettivi di Marketing In relazione agli obiettivi economici, gli obiettivi di marketing saranno fondamentalmente quelli di assicurare gli apporti di vendite del nostro prodotto in base ai diversi canali distributivi che verranno individuati. In particolare, l'azienda punterà ad acquisire una maggiore visibilità nel tempo nell'ottica del Made in Italy, puntando su iniziative di vario genere per la diffusione del marchio aziendale.

15 Strategia di Segmentazione Il ns. mercato di riferimento è rappresentato dal volume di produzione di prodotti ecologici in Italia, e nello spefico, le categorie di prodotto nelle quali intendiamo inserirci sono quelle degli accessori, che presentano le migliori prospettive di sviluppo. Da un punto di vista di segmentazione e di clienti, la nostra strategia è duplice: 1) Rivolgersi ai grandi e importanti Department Stores 2) Rivolgersi direttamente ai clienti finali mediante il circuito di vendita mass market rappresentato dai network televisivi. Strategia di Targetizzazione La nostra società ECOGLASSES S.r.l, dopo precise indagini di mercato ed esaminando le necessità dei consumatori, si è giunti alle seguenti conclusioni: si è notato che, in media, una persona su due possiede un paio di occhiali e quindi la nostra società è orientata, utilizzando plastica riciclata, verso la produzione di montature per occhiali. La nostra missione è quella di promuovere il concetto di prodotto ecologico italiano, focalizzandoci sui bisogni dei clienti attraverso prodotti originali di elevatissima qualità.in tale senso il posizionamento strategico di prodotto sarà necessariamente di livello alto, ma con un regime di prezzi relativamente competitivo, tutelando l ambiente. La selezione della nostra clientela avviene seguendo due criteri sia quantitativo che qualitativo. Per quanto concerne il primo criterio abbiamo organizzato la distribuzione del nostro prodotto verso grossisti che provvederanno a rifornire le aziende produttrici di lenti o direttamente alle aziende stesse, al dettaglio attraverso il nostro punto vendita. Per quanto riguarda il secondo criterio la nostra selezione della clientela prende spunto da un indagine svolta sul nostro territorio, dalla quale è emerso che molta gente effettua il riciclaggio ed è disposta ad aiutarci nella raccolta della materia prima (plastica riciclata) al fine di ottenere sia piccoli incentivi, sia un prodotto utile a poco prezzo.

16 Posizionamento La nostra missione è quella di promuovere il concetto di prodotto ecologico italiano, focalizzandoci sui bisogni dei clienti attraverso prodotti originali di elevatissima qualità. In tale senso il posizionamento strategico di prodotto sarà necessariamente di livello alto, ma con un regime di prezzi relativamente competitivo. Marketing-Mix Questa sezione dedicata al Marketing-Mix rappresenta una sintesi delle diverse politiche di prodotto, prezzo, promozione, servizi di seguito esaminate che verranno poste in essere per la realizzazione del presente Business Plan.

17 Prodotto/Servizio La densità relativamente bassa di molte materie plastiche contribuisce alla leggerezza del prodotto finale. La plastica presenta inoltre eccellenti proprietà di isolamento termico ed elettrico. Ma, se necessario, alcune materie plastiche possono fungere da conduttori di elettricità. Sono resistenti alla corrosione di molte sostanze che intaccano altri materiali, e alcune sono trasparenti e quindi ideali per applicazioni ottiche. Facili da stampare in sagome e forme complesse, le materie plastiche permettono l integrazione di funzioni e materiali diversi. E se le proprietà fisiche di una materia plastica non dovessero rispondere a determinati requisiti, è possibile modificarne le proprietà con l aggiunta di riempitivi di rinforzo, coloranti, agenti schiumogeni, ritardanti di fiamma, plastificanti, ecc., rispondendo così alle esigenze di quella particolare applicazione. In generale queste plastiche sono prodotti sintetici. In linea di principio è possibile sviluppare qualsiasi combinazione di proprietà per rispondere a qualsiasi esigenza applicativa immaginabile. La plastica svolge un ruolo essenziale, offrendo e fornendo sostegno alla qualità, al comfort e alla sicurezza degli stili di vita moderni. Il suo straordinario rapporto costi/prestazioni significa anche che le persone di tutte le fasce di reddito possono godere di questi benefici. Soddisfare le esigenze della società non significa tuttavia soltanto quelle di "oggi". Anche le generazioni future hanno diritto ai vantaggi materiali ed altri benefici. Soddisfare le esigenze di domani è il fondamento del concetto di "Sviluppo sostenibile". I prodotti plastici stanno già contribuendo ogni giorno a migliorare la vita delle persone, conservando al contempo le risorse naturali ed aiutando a proteggere l'ambiente di domani, in un mondo la cui popolazione è in aumento, con richieste in costante crescita di acqua, cibo, alloggi, misure sanitarie, energia, servizi relativi alla salute e alla sicurezza economica. I sistemi più efficaci per la gestione dei rifiuti sono invece quelli basati sulla riduzione dei rifiuti e sul loro riuso (tecnicamente definito reimpiego o più comunemente noto come "vuoto a rendere"), in cui, una volta terminato l'utilizzo di un oggetto esso non va ad aumentare la mole dei rifiuti, ma, dopo un semplice processo di pulizia viene utilizzato nuovamente senza che i materiali di cui è composto subiscano trasformazioni.

18 La mancanza in molti stati di politiche di sostegno del riuso con incentivi e disincentivi, fanno sì che al giorno d'oggi la gran parte dei contenitori, delle confezioni e degli imballaggi sia invece ancora costituita da plastica e carta e non possa quindi essere riutilizzata tal quale. La scelta delle imprese è ovviamente una scelta economica che cade inevitabilmente su questi prodotti dal costo finanziario ridotto, anche se dall'elevato impatto ambientale ma con l introduzione del concetto di riciclaggio prima e di raccolta differenziata poi, si sono aperte nuove frontiere che hanno portato benefici sia ambientali che economici e applicativi. Grazie a ricerche più che decennali e all esperienza acquisita nel settore, abbiamo saputo sfruttare questa preziosa risorsa per dare vita ai Riprodotti con una linea di manufatti realizzati in PLASTICA RICICLATA AL 100%. La nostra azienda lavora nel settore dell ecologia e produce una serie completa di montature realizzate in plastica riciclata. VANTAGGI Resistenti all'acqua. Rispettosi dell'ambiente. Atossici. Privi di schegge. Colori che rimangono inalterati nel tempo. Inattaccabili da batteri, funghi e muffe. Resistenti agli agenti atmosferici. SPONSOR: Qualcuno disse: la vita è troppo bella per essere vista attraverso un unico paio di occhiali. La maggior parte delle persone ha più di un paio di scarpe e più di una camicia ma quante di esse hanno un secondo paio di occhiali?

19 Dalla materia prima agli occhiali Ø LA RACCOLTA Sulla base del tipo di raccolta è possibile ottenere una buona qualità del prodotto e avviare il riciclo. SELEZIONE L attività di selezione permette di eliminare eventuali frazioni estranee, ovvero vetro, carta ecc. TRITURAZIONE L operazione della triturazione produce la frantumazione grossolana del materiale, portando lo stesso ad assumere dimensioni di pezzatura omogenea anche se irregolare. Poi il ciclo di riciclaggio e produzione inizia di nuovo Così termina il ciclo di riciclaggio della plastica, che ci permette successivamente di creare i nostri occhiali. GRANULAZIONE E questa la parte finale dell impianto nel corso della quale si ottiene il granulo che verrà utilizzato per le successive applicazioni. MACINAZIONE LAVAGGIO Il lavaggio del prodotto ottenuto a seguito della triturazione viene eseguito nel caso in cui sia necessario separare quelle parti che potrebbero essere dannose. Il prodotto viene convogliato in un mulino macinatore che ha lo scopo di ridurre la pezzatura del materiale.

20 ØProspettive future Strengths: Tutela dell ambiente Impegno sociale Prodotto riciclato Materie prime a basso costo unici Weaknesses Questione di gusti Threats Un altra azienda produce montature in plastica riciclata Opportunities collaborare con altre aziende sensibili all'ambiente Espandersi su altri mercati

21 Prezzo Il ns. pricing sarà correlato alla gamma e alla qualità dei prodotti offerti, in sintonia con il regime dei prezzi dei competitori di elevato standing e costruiti in modo da coprire i costi e garantirci un adeguato margine. Questa è la tipologia di prezzi medi per prodotto: MONTATURE SEMPLICI : 10 ; MONTATURE PARTICOLARI:20 ; MONTATURE SU RICHIESTA : 30. Promozione/Comunicazione La ECOGLASSES s.r.l. applicherà un mix classico di strumenti promozionali e comunicativi, fra cui: - la pubblicità e le promozioni, soprattutto sotto forma di sales promotion, utilizzando la stampa specializzata e gli eventi, come, ad esempio, i seminari, la televisione commerciale; - il merchandising sul punto vendita, nello specifico realizzando corner nei più importanti stores, con display delle vetrine e delle aree di vendita; - il marketing diretto (mailing, telemarketing, personal selling, ecc.), in connessione con le telepromozioni attivate dal network televisivo Tra gli sviluppi futuri abbiamo programmato politiche promozionali e di advertising anche sul canale Web con un apposito sito aziendale inserito su un importante portale italiano.

22 Tabella promozioni / pubblicitarie Iniziative promozionali/pubblicitarie Costo a regime 3 anno volantinaggio si 4.000,00 affissioni si 7.000,00 depliant si 5.000,00 Sito internet si 0 presentazione prodotti si 5.000,00 Partecipazione a fiere si 9.000,00 Totale ,00

23 Distribuzione La distribuzione dei prodotti ecologici vede fra i suoi canali tipici la grande distribuzione. Nonostante la possibilità di sviluppare il ns. business in maniera molto articolata, intendiamo scegliere per praticità, efficacia ed efficienza solo alcune modalità che potranno darci un contributo molto rapido sul conto economico. Pertanto, i ns. canali distributivi saranno così articolati: 1. Department Stores 2. Vendita tramite Internet I nostri servizi complementari saranno notevoli e includeranno: 1. Assistenza formativa pre-vendita per la rete di agenti; 2. Assistenza formativa post-vendita; 3.Sito Web e counselling via per agenti, stores e consumatori

24 Sommario Fattibilità Tecnica In questo step di Analisi della Fattibilità Tecnica, provvederemo ad una ricostruzione delle tipologie di investimento necessarie per l'attività di impresa e lo sviluppo della sede commerciale. Analisi degli Investimenti Gli investimenti strutturali che la ECOGLASSES s.r.l. andrà a realizzare saranno prettamente di natura commerciale. In particolare, provvederemo ad impiantare un ufficio direzionale a Cerignola (FG), che doteremo di attrezzature elettroniche e contabili e di arredo funzionale ed elegante. Altri costi saranno quelli del management e degli investimenti promozionali e comunicativi (advertising, promotion, merchandising, ecc.). Essendo i prodotti realizzati in Italia, la struttura dovrà occuparsi esclusivamente dei contatti commerciali, della gestione dei contratti con i network. I rapporti con gli agenti e i rappresentanti saranno di tipo misto, con riconoscimento di un fisso mensile e di provvigioni sugli accordi conclusi con gli stores. Immobilizzi di Rilievo Le spese rilevanti da un punto di vista tecnico-strutturale saranno rappresentate da Attrezzature e Arredo (computer, rete telefonica, fax, scrivanie, armadi, scaffalature, ecc.), il cui costo è stimato complessivamente in euro. Analisi Fornitori Come precedentemente richiamato, il fornitore unico di ECOGLASSES s.r.l. è rappresentato dalle imprese di riciclaggio (SIA), che si occuperà integralmente della fornitura e della spedizione presso la nostra società, dei prodotti lanciati con marchio ECO.

25 Sommario Fattibilità Economico-Finanziaria Tale ampia parte del BP comprende una sezione relativa alle Previsioni delle Vendite, ai costi per prodotto e al Break-Even Point, una successiva sezione denominata Fattibilità Economica, i piani del personale, il budget di contribuzione, e una parte finale Fattibilità Finanziaria con l analisi dello stato patrimoniale prospettico, del cashflow e degli indici economico-finanziari.

26 Tavola Piano del Personale Piano del Personale: Personale Produttivo Subtotale Personale Marketing General Manager Sales Manager R & D Manager Subtotale Personale Amministrativo Segretaria Subtotale Altro Subtotale Totale Totale Spese Generali Totale Spese Personale

27 Start-up Le spese di start-up sono fondamentalmente di natura legale per la costituzione della società, i servizi contabili, consulenziali e assicurativi, il reclutamento e la remunerazione iniziale del management; l'ammontare totale è stimato intorno ai I fabbisogni di capitale circolante sono stati stimati in ragione di fra cassa e magazzino (l'acquisto di plastica riciclata dai nostri fornitori in ragione di circa ), mentre la stima dei fabbisogni strutturali legati all'ufficio di Cerignola per attrezzature e mobili è di circa Il totale dei fabbisogni finanziari è pari quindi a circa ; a fronte delle fonti di capitali di rischio per (capitale sociale aziendale),e di un piccolo affidamento bancario di , le necessità finanziarie residue ammontano a circa

28 Totale Fonti di Finanziamento Tabella - Piano Investimenti e finanziamenti Start-up Plan Spese di Start-up Legali e notarili Consulenziali Assicurazione Reclutamento management e addetti Varie Totale Spese di Start-up Fabbisogni Finanziari Circolanti Start-up Necessità di cassa Magazzino Altre attività a breve Totale Capitali Correnti Investimenti di Lungo Termine Impianti produzione montature plastic Attrezzature Mobili e arredi Fabbricato Totale Investimenti di Lungo Termine Totale Investimenti Totali Fabbisogni di Start-up Residuo Finanziario da coprire: 0 Piano di Copertura Start-up Capitale sociale Passività Correnti Fornitori Prestiti a breve Altre passività a breve Subtotale Passività Correnti Passività Consolidate Totale Passività

29 Grafico - Start up start up investimenti capitale di proprietà passività

30 Previsione delle Vendite Per stimare le vendite per prodotto, abbiamo ipotizzato prudenzialmente di poter allocare i prodotti ECO su un numero medio di punti vendita pari a 2 e che tale numero rimanga costante nel tempo, durante il primo anno di attività. Successivamente abbiamo ipotizzato che ogni giorno vengono acquistati globalmente n. 6 pezzi per il punto vendita al dettaglio e quantità maggiori per le vendite all ingrosso. Le stime sono state effettuate considerando 6 giorni lavorativi per 4 settimane e ipotizzando un andamento stagionale che comporti un raddoppio delle vendite nel periodo pasquale e estivo e un netto calo del 50% nei mesi invernali. Abbiamo altresì ipotizzato un aumento delle vendite negli anni successivi in ragione del 10% (stima molto prudenziale). I costi diretti di vendita sono legati alle quantità e ai prezzi dei singoli prodotti, anche in questo caso abbiamo stimato un leggero aumento dei prezzi negli anni successivi pari al 10% annuo. Il fatturato previsto per il primo anno e contiamo che dopo 3 anni di attività possa aumentare raggiungendo circa (stime prudenziali basate su un ipotesi di sviluppo annuo del 10% dei volumi fisici di vendita e dei prezzi). Budget Spese e Contribuzione L'andamento previsto del margine di contribuzione è positivo, a seguito delle ipotesi formulate sui costi operativi connessi al personale, alle spese di marketing e alle politiche di ammortamento. Inoltre, la dinamica contenuta delle spese e dei prezzi di acquisto dei prodotti, permetterà una contrazione percentuale delle spese sulle vendite e un incremento dei margini percentuali di contribuzione. In definitiva, prevediamo che nel primo anno di attività l'azienda possa chiudere con un margine netto dopo le imposte di circa e con un risultato finale di circa Nelle tabelle e grafici correlati viene illustrata la consistenza e dinamica delle grandezze economiche.

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1 Dall'idea all'impresa BUSINESS PLAN Dott.ssa Zifaro Maria 1 Glossario dei principali termini economici e finanziari Ammortamento Saldo Attività Passività Bilancio d'esercizio Break-even point Profitto

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Costituzione dell azienda

Costituzione dell azienda START UP E PMI INNOVATIVE - DALL IDEA ALL IMPRESA: SVILUPPO E STRUMENTI NORMATIVI I vantaggi, le agevolazioni fiscali, i finanziamenti regionali Costituzione dell azienda Giovedì 26 novembre 2015 Gli Step

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix

Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix di Antonio Ferrandina (*) Nel presente articolo viene presentata un esemplificazione di business plan per il risanamento. Verrano quindi descritte

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE UN OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO MODULO DI VALUTAZIONE DELLA NUOVA INIZIATIVA IMPRENDITORIALE PER ACCESSO AI SERVIZI DEGLI INCUBATORI DI IMPRESA DI: GROSSETO SCARLINO MASSA MARITTIMA

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE ALCUNE NOZIONI DI BASE Alcune nozioni di base Prima di affrontare l argomento principale del corso è bene che tutti abbiano familiarità con alcune nozioni necessarie per riuscire a seguire con profitto

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8 - Business Plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA Schema_businessplan Schema di Business Plan 2/8 Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Guida per presentare un'idea

Guida per presentare un'idea BUSINESS PLAN DELLE START UP E DEI PROGETTI DI BUSINESS ONLINE Guida per presentare un'idea 1 A CHI E QUANDO SERVE IL BUSINESS PLAN IMPRESA GIA' START UP ESISTENTE Lancio nuovo prodotto/servizio Nuova

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento)

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) DENOMINAZIONE IMPRESA REGIONE COMUNE Dati anagrafici del proponente e sintesi del Business Plan Nome impresa

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

FARMACIE GENOVESI Srl RELAZIONE SULLE GESTIONE BILANCIO AL 31-12-2014

FARMACIE GENOVESI Srl RELAZIONE SULLE GESTIONE BILANCIO AL 31-12-2014 FARMACIE GENOVESI Srl RELAZIONE SULLE GESTIONE BILANCIO AL 31-12-2014 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Risultato della gestione L esercizio 2014 si chiude con un risultato di 740 così composto: Valore della

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup)

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) L'idea Imprenditoriale e Le Persone Il Prodotto/Servizio Il Piano Di Marketing Il Piano Di Produzione Gli Aspetti Economico-Finanziari L'

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

2. OLEIFICIO DE SANTIS

2. OLEIFICIO DE SANTIS 1. LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN 1.1. Organizzazione del business plan pag. 3 1.2. Sommario pag. 5 1.3. Descrizione azienda pag. 6 1.3.1 Sommario aziendale pag. 6 1.3.2 Descrizione dell azienda pag. 6

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Approvati i progetti di bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2014. Avviata azione di responsabilità

Approvati i progetti di bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2014. Avviata azione di responsabilità COMUNICATO STAMPA BIOERA S.p.A. Approvati i progetti di bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2014 Avviata azione di responsabilità Principali risultati consolidati del Gruppo Bioera al 31

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN TRASFORMARE UN IDEA IN UN IMPRESA: IL BUSINESS PLAN Prof. Alessandro Montrone Università degli Studi di Perugia Camerino, 26 giugno 2006 A. Montrone - Business Plan 1 La nuova impresa nasce da un'idea,

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore)

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore) Paolo Mazzoni 2010. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2010". Non sono ammesse

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli