1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA"

Transcript

1 AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della propria identità personale e sociale (emozioni, motivazioni, interessi, attitudini, lingua, abitudini, tradizioni, religione...) e di quanto deve fare per conseguire una salute fisica e mentale ottimali, intese anche quali risorse per sé, la propria famiglia e l ambiente sociale di appartenenza. DIMENSIONE CRITERI INDICATORI CONTROLLO EMOTIVO 1 Accettazione di critiche 1.1 accetta osservazioni dagli insegnanti 1.2 accetta critiche dai compagni 1.3 non perde fiducia in sè nel confronto con gli altri, ma gestisce le conflittualità 2 Riconoscimento di emozioni 2.1riconosce ed esprime le proprie emozioni in situazioni di vita scolastica ed extrascolastica 2.2 spiega i motivi che hanno provocato le proprie emozioni anche con aiuto CONOSCENZA E STIMA DI SE 1 Conoscenza di sè 1.1 nelle situazioni libere e strutturate si avvia a riconoscere i propri interessi, i propri limiti del momento, le proprie attitudini 1.2 parla di sé e del proprio vissuto spontaneamente 1

2 MOTIVAZIONE, INTERESSE, IMPEGNO ATTENZIONE 2 Fiducia in se stessi 3 Confronto con gli altri 1 Curiosità 2 Interesse per le proposte della scuola 3 Conduzione a termine degli impegni assunti 1 Concentrazione 2.1 mostra fiducia nelle proprie capacità e sa far fronte da solo a situazioni note 2.2 sa fra fronte a situazioni nuove, anche chiedendo aiuto 3.1 si confronta con altri motivando i propri punti di vista 1.1 Si pone problemi, fa confronti (individuando dissonanze e criticità) e domande pertinenti durante le conversazioni o anche in situazioni libere 1.2 ricerca e porta materiali di approfondimento a scuola 2 1 accetta di buon grado le consegne 2.2 è collaborativo con l insegnante 3.1 aggiorna il lavoro dopo un assenza 3.2 aggiorna il diario 3.3 esegue con regolarità i compiti assegnati a scuola e a casa 1.1 si concentra sul compito da svolgere 2 Attenzione prolungata 2.1 mantiene ferma l attenzione per il tempo necessario a svolgere il lavoro 2

3 2. RELAZIONALITA E PARTECIPAZIONE Competenza sociale L alunno imposta una corretta e significativa relazione con gli altri fondata sulla comprensione dei codici di comportamento e delle maniere socialmente accettate: interagisce e collabora in modo costruttivo in situazioni diverse. DIMENSIONE CRITERI IINDICATORI RISPETTO DELLE REGOLE COMUNI 1- Riconoscimento del bisogno di regole del vivere comune 1.1 collabora nella stesura di un semplice regolamento di classe/scuola/gruppo laboratoriale 2 Rispetto delle regole comuni concordate 2.1 rispetta il regolamento di classe/scuola PARTECIPAZIONE E COLLABORAZIONE 3 Rispetto delle regole ambienti frequentati abitualmente (strada, biblioteca, società sportive, ACR,,,) 3.1 è consapevole che nelle comunità sociali frequentate abitualmente esistono regole il cui rispetto garantisce una corretta fruizione dei servizi offerti dalle medesime 1 Ascolto 1.1 mostra interesse e attenzione per ciò che insegnanti e compagni gli vogliono comunicare nelle varie situazioni 1.2 ricava informazioni da quanto gli viene comunicato 3

4 2 Intervento 3 Cooperazione 4 Aiuto 2.1 rispetta il proprio turno 2.2 interviene in modo pertinente 2.3 esprime il proprio punto di vista 2.4 motiva le proprie affermazioni, anche se non coincidenti con quelle degli interlocutori 3.1 modifica il proprio comportamento per consentire ad un compagno di partecipare a un attività 3.2 rispetta i tempi e i modi di lavorare degli altri 3.3 apporta il proprio contributo (competenze, materiali) nelle situazioni di gruppo 3.4 gestisce le conflittualità controllando le proprie reazioni 3.5 accetta l errore come risorsa per raggiungere un traguardo comune 4.1 è disponibile ad aiutare un compagno(aggiornare il lavoro dopo un assenza, aiuto in momenti di difficoltà ) 4.2 sa riconoscere i bisogni del gruppo e offre il suo aiuto anche agli insegnanti 4.3 individua i bisogni del vivere comune della classe e accetta di svolgere incarichi 4

5 INTERAZIONE CON I COMPAGNI RAPPORTO CON GLI ADULTI 1 Rispetto verso i compagni 2 Dialogo 1- Comunicazione 1.1 accetta i compagni nei diversi momenti di lavoro e liberi mostra interesse e rispetto verso la diversità personale e culturale 2.1 è disponibile ad ascoltare i compagni 2.2 sa che quello che dice può avere conseguenze (dialogo responsabile) 11 riesce ad esprimere i propri bisogni e comunica le proprie esperienze all insegnante 1.2 ascolta consegne e osservazioni dell insegnante 2- Rispetto verso gli adulti 2.1 comprende e accetta il ruolo dell adulto 2.2 adegua il proprio comportamento e il proprio stile di comunicazione alla qualità del rapporto alunno-insegnante 5

6 3- CITTADINANZA Competenza civica L alunno colloca l esperienza personale in un sistema di regole e valori fondato sul riconoscimento reciproco dei diritti: si mostra solidale e capace di interessarsi a problemi collettivi a lui vicini. DIMENSIONE CRITERI INDICATORI PROGETTUALITA 1 Autonomia organizzativa (gestione del tempo, dello spazio, dei materiali). 1.1 gestisce i tempi di lavoro prestabiliti 1.2 gestisce in modo adeguato il tempo libero o di attesa 1.3 utilizza adeguatamente lo spazio personale e collettivo 1.4 organizza il materiale in modo funzionale all attività da svolgere RESPONSABILITA 2 Autovalutazione 1 Comportamento responsabile 2 Cittadinanza responsabile cerca di valutare adeguatamente le proprie risorse e i propri punti deboli 2.2 sa orientare il proprio contributo in base alle attitudini personali 2.3 riconosce e cerca di correggere i propri errori da solo o con aiuto 1.1 è consapevole che ogni comportamento è frutto di una scelta e che le eventuali conseguenze devono essere accettate 2.1 riconosce problemi collettivi in ambienti vicini alla propria esperienza e partecipa alla loro risoluzione modificando le azioni della propria vita

7 quotidiana (es. spegnere la luce o chiudere i rubinetti quando è finito l utilizzo...) IMPEGNO CIVICO 1 1 Rispetto dei valori 2 Solidarietà 1.1riconosce che in una comunità sociale tutti hanno uguali diritti e doveri 1.2 rispetta i propri valori culturali nonché i valori sociali e la sfera privata altrui 2.1 riconosce il bisogno nell altro 2.2 si dimostra solidale e disponibile nei confronti di chi ha più bisogno GESTIONE DELL INFORMAZIONE 1 Orientamento nella varietà 2 Interpretazione 1.1 sa che l informazione è influenzata dall uso e dallo scopo per cui è prodotta 2.1 distingue tra fatti e opinioni 2.3 si avvia al confronto di informazioni che riorganizza secondo il proprio punto di vista 7

8 CURRICOLO PER L AREA SOCIO/AFFETTIVA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 1- BENESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della propria identità personale e sociale (emozioni, motivazioni, interessi, attitudini, lingua, abitudini, tradizioni, religione...) e di quanto deve fare per migliorare la propria salute fisica e mentale, intese anche quali risorse per sé, la propria famiglia e l ambiente sociale di appartenenza, armonizzandole con le proprie aspirazioni. DIMENSIONE CRITERI INDICATORI CONTROLLO EMOTIVO 1 Accettazione di critiche 1.1 accetta osservazioni dagli insegnanti in un clima di dialogo 1.2 accetta osservazioni dai compagni 1.3 rafforza la fiducia in sé nel confronto con gli altri, gestendo le conflittualità 2 Riconoscimento di emozioni 2.1 riconosce ed esprime le proprie emozioni in situazioni di vita scolastica interpretandone le origini ed inquadrandole nel proprio vissuto 2.2 spiega i motivi che hanno provocato le proprie emozioni, commenta gli aspetti conflittuali nel confronto con coetanei ed adulti ed indica possibili azioni di contrasto 3 Adattabilità 3.1 dimostra flessibilità nel gestire il cambiamento 8

9 CONOSCENZA E STIMA DI SE 1 Conoscenza di sé 1.1 nelle situazioni libere e strutturate si avvia a riconoscere i propri interessi, i propri limiti del momento, le proprie attitudini 1.2 fa riferimento al proprio vissuto inquadrandolo in un progetto di crescita personale e sociale 2 Fiducia in se stessi 2.1 mostra fiducia nelle proprie capacità e sa far fronte da solo a situazioni note ed in divenire 3 Confronto con gli altri 3.1 si confronta con altri motivando i propri punti di vista ed accettando quelli altrui MOTIVAZIONE, INTERESSE, IMPEGNO 1 Curiosità 1.1 Si pone problemi, fa confronti e domande pertinenti durante le conversazioni o anche in situazioni libere 2 Interesse per le proposte della scuola 2 1 accetta di buon grado le consegne 2.2 è collaborativo con l insegnante 3 Conduzione a termine degli impegni assunti 3.1 aggiorna il lavoro dopo un assenza 3.2 aggiorna il diario e il libretto scolastico 3.3 esegue con regolarità i compiti assegnati a scuola e a casa 9

10 ATTENZIONE 1 Concentrazione 1.1 si concentra sul compito da svolgere in un clima di collaborazione coi compagni 2 Attenzione prolungata 2.1 mantiene ferma l attenzione per il tempo necessario a svolgere il lavoro 10

11 2- RELAZIONALITA E PARTECIPAZIONE Competenza sociale L alunno imposta una corretta e significativa relazione con gli altri fondata sulla comprensione dei codici di comportamento e delle maniere socialmente accettate dal comune sentire collettivo: interagisce e collabora in modo costruttivo in situazioni diverse. DIMENSIONE CRITERI INDICATORI RISPETTO DELLE REGOLE COMUNI 1 Riconoscimento del bisogno di regole del vivere comune 1.1 collabora nella stesura di un regolamento di classe/gruppo laboratoriale 2 Rispetto delle regole comuni concordate 2.1 rispetta il regolamento di classe/gruppo laboratoriale e ne richiede agli altri il rispetto 2.2 rispetta il regolamento d istituto e ne richiede agli altri il rispetto PARTECIPAZIONE E COLLABORAZIONE 1 Ascolto 2 Intervento 1.1 mostra interesse e attenzione per ciò che insegnanti e compagni gli vogliono comunicare nelle varie situazioni 1.2 ricava informazioni da quanto gli viene comunicato 2.1 rispetta il proprio turno 2.2 interviene in modo pertinente 2.3 esprime il proprio punto di vista 2.4 motiva le proprie affermazioni 3 Cooperazione 3.1 è disponibile a lavorare con tutti, anche con compagni non vicini affettivamente 11

12 3.2 rispetta i tempi e i modi di lavorare degli altri 3.3 apporta il proprio contributo (competenze, materiali) nelle situazioni di gruppo 3.4 gestisce le conflittualità controllando le proprie reazioni 3.5 accetta l errore come risorsa per raggiungere un traguardo comune 4 Aiuto 4.1 è disponibile ad aiutare un compagno in momenti di difficoltà 4.2 offre collaborazione anche agli insegnanti 4.3 accetta di svolgere incarichi INTERAZIONE CON I COMPAGNI 1 Rispetto verso i compagni 1.1 accetta i compagni nei diversi momenti di lavoro e liberi 1.2 mostra interesse e rispetto verso la diversità personale e culturale 2 Dialogo 2.1 è disponibile ad ascoltare i compagni 2.2 sa che quello che dice può avere conseguenze (dialogo responsabile) 12

13 RAPPORTO CON GLI ADULTI 1 Comunicazione 1.1 si rivolge con fiducia all insegnante per esprimere i propri bisogni e comunicare le proprie esperienze 1.2 ascolta e accetta indicazioni e suggerimenti dell insegnante 2 Rispetto verso gli adulti 2.1 comprende e accetta il ruolo dell adulto 2.2 adegua il proprio comportamento e il proprio stile di comunicazione alla qualità del rapporto alunnoinsegnante 13

14 3. CITTADINANZA Competenza civica L alunno colloca l esperienza personale in un sistema di regole e valori fondato sul riconoscimento reciproco dei diritti: si mostra solidale e capace di interessarsi a problemi collettivi a lui vicini. DIMENSIONE CRITERI INDICATORI PROGETTUALITA 1 Autonomia organizzativa (gestione del tempo, dello spazio, dei materiali). 1.1 gestisce i tempi di lavoro prestabiliti in accordo coi docenti 1.2 gestisce in modo adeguato il tempo libero o di attesa 1.3 utilizza adeguatamente lo spazio personale e collettivo 1.4 organizza il materiale in modo funzionale all attività da svolgere 2 Autovalutazione 2.1 cerca di valutare adeguatamente le proprie risorse e i propri punti deboli 2.2 riconosce e cerca di correggere i propri errori da solo o con aiuto RESPONSABILITA 1 Comportamento responsabile 1.1 è consapevole che ad ogni comportamento corrisponde una conseguenza positiva o negativa 1.2 è consapevole che ogni comportamento è frutto di una scelta e che le eventuali conseguenze devono essere accettate 14

15 2 Cittadinanza responsabile 2.1 riconosce problemi collettivi in ambienti vicini alla propria esperienza e partecipa alla loro risoluzione modificando le azioni della propria vita quotidiana anche in relazione al proprio ruolo di cittadino ed individuo IMPEGNO CIVICO 1 Rispetto dei valori 1.1 considera la sincerità e la lealtà nel comportamento un valore imprescindibile nella vita sociale dell individuo 1.2 riconosce che in una comunità sociale tutti hanno uguali diritti e doveri ed opera affinché vengano rispettati 1.3 rispetta i propri valori culturali nonché i valori sociali e la sfera privata altrui GESTIONE DELL INFORMAZIONE 2 Solidarietà 1 Orientamento nella varietà 2 Interpretazione 2.1 riconosce il bisogno nell altro 2.2 si dimostra solidale e disponibile nei confronti degli altri 1.1 Sa che l informazione è influenzata dall uso e dallo scopo per cui è prodotta 1.2discrimina l uso e lo scopo per i quali l informazione e prodotta 2.1 distingue tra fatti e opinioni 2.2 distingue tra individuo e ruolo sociale 2.3 confronta le informazioni e le riorganizza secondo il proprio punto di vista nel rispetto della sensibilità comune, del principio di lealtà e dei valori collettivi 15

16 CONFRONTO TRA I DUE ORDINI DI SCUOLA 1- BENESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della propria identità personale e sociale (emozioni, motivazioni, interessi, attitudini, lingua, abitudini, tradizioni, religione...) e di quanto deve fare per conseguire una salute fisica e mentale ottimali, intese anche quali risorse per sé, la propria famiglia e l ambiente sociale di appartenenza. CONTROLLO EMOTIVO 1 Accettazione di critiche 2 Riconoscimento di emozioni 3 Adattabilità CRITERIO 1.ACCETTAZIONE DI CRITICHE Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 Accetta osservazioni 1.1 Accetta osservazioni dagli 1.1Attraverso il confronto dagli insegnanti insegnanti arricchisce la sua 1.2 Accetta critiche dai 1.2 Accetta critiche dai personalità compagni compagni 1.2 Accetta critiche dai compagni 1.3 Non perde fiducia in sé 1.3 Non perde fiducia in sé nel 1.3 Non perde fiducia in sé nel nel confronto con gli confronto con gli altri, ma confronto con gli altri, ma altri, ma gestisce le gestisce le conflittualità gestisce le conflittualità conflittualità Conosce le modalità del rapportarsi con gli altri Accetta il punto di vista altrui e manifesta il proprio in modo rispettoso Conosce le modalità del rapportarsi con gli altri Accetta il punto di vista altrui e manifesta il proprio in modo rispettoso Comprende gli elementi di arricchimento derivanti dal confronto con gli altri Interagisce con maggiore consapevolezza nelle varie circostanze 16

17 2. RICONOSCIMENTO DI EMOZIONI 2.1 Riconosce ed esprime le proprie emozioni in situazioni di vita scolastica ed extrascolastico 2.2 Spiega i motivi che hanno provocato le proprie emozioni con aiuto 2.1Riconosce ed esprime le proprie emozioni in situazioni di vita scolastica ed extrascolastica 2.2 Spiega i motivi che hanno provocato le proprie emozioni con aiuto 2.1 Riconosce ed esprime le proprie emozioni in situazioni di vita scolastica interpretandone le origini ed inquadrandole nel proprio vissuto 2.2 Spiega i motivi che hanno provocato le proprie emozioni con aiuto Conosce le varie emozioni Riconosce le proprie emozioni nei vari contesti Conosce le varie emozioni Riconosce le proprie emozioni nei vari contesti dimostra flessibilità nel gestire il cambiamento Affina la conoscenza delle emozioni Riconosce le proprie emozioni nei vari contesti e le sa esporre 3. ADATTABILITA 3.1 Si dimostra disponibile al cambiamento, anche se con il supporto di una figura di riferimento adulta 3.1 Si dimostra disponibile al cambiamento, in modo sempre piu autonomo 3.1 Si dimostra disponibile al cambiamento, ed e capace di fare scelte autonome 17

18 CONOSCENZA E STIMA DI SE 1. Conoscenza di sé 2. Fiducia in se stessi 3. Confronto con gli altri Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1-CONOSCENZA DI SE' 1.1Nelle situazioni strutturate si avvia a riconoscere i propri interessi, i propri limiti del momento Conosce i vari campi di interesse in relazione agli stimoli ricevuti Si avvia ad Individuare i propri interessi 1.2Parla di sé e del proprio vissuto spontaneamente Conosce la differenza fra realtà ed immaginazione E in grado di raccontare il proprio vissuto 1.1Nelle situazioni strutturate si avvia a riconoscere i propri interessi, i propri limiti del momento, le proprie attitudini Conosce i vari campi di interesse in relazione agli stimoli ricevuti Si avvia ad Individuare i propri interessi 1.2Parla di sé e del proprio vissuto spontaneamente Conosce la differenza fra realtà ed immaginazione E in grado di raccontare il proprio vissuto 1.1Nelle situazioni libere e strutturate si avvia a riconoscere i propri interessi, i propri limiti del momento, le proprie attitudini Conosce i vari campi di interesse e le attitudini necessarie ad attuarli Si avvia ad Individuare i propri interessi e a definire le proprie attitudini 1.2Parla di sé e del proprio vissuto con la guida dell insegnante Conosce la differenza fra realtà ed immaginazione E in grado di raccontare il proprio vissuto e di confrontarlo con le esperienze degli altri 18

19 2. FIDUCIA IN SE STESSI 2.1 Mostra fiducia nelle proprie capacità e sa far fronte da solo a situazioni note, e nuove, con l aiuto dell insegnante 2.1 Mostra fiducia nelle proprie capacità e sa far fronte da solo a situazioni note ed in divenire 2.1 Mostra fiducia nelle proprie capacità e sa far fronte da solo a situazioni note ed in divenire Conosce l importanza dell avere fiducia in sé stessi Dimostra di avere fiducia in sé stesso Conosce l importanza dell avere Riconosce l importanza dell avere fiducia in sé stessi fiducia in sé stessi Dimostra di avere fiducia in sé stesso Dimostra di avere fiducia in sé stesso 3. CONFRONTO CON GLI ALTRI 3.1 Si confronta con altri motivando i propri punti di vista 3.1 Si confronta con altri motivando i propri punti di vista 3.1 Si confronta con altri motivando i propri punti di vista Conosce l esistenza dei diversi punti di vista Accetta punti di vista diversi dai propri Conosce l esistenza dei diversi punti di vista Accetta punti di vista diversi dai propri Conosce l esistenza dei diversi punti di vistaed apprezza il pensiero altrui come fonte di arricchimento Accetta punti di vista diversi dai propri ed arricchisce il suo pensiero 19

20 MOTIVAZIONE, INTERESSE,IMPEGNO 1. Curiosità 2. Interesse per le proposte della scuola 3. Conduzione a termine degli impegni assunti 1.C 1. CURIOSITA' Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 Si pone problemi, fa confronti e domande pertinenti durante le conversazioni o anche in situazioni libere 1.2 ricerca e porta materiali di approfondimento a scuola 1.1 Si pone problemi, fa confronti e domande pertinenti durante le conversazioni o anche in situazioni libere 1.1 Si pone problemi, fa confronti e domande pertinenti durante le conversazioni o anche in situazioni libere 1.2 ricerca e porta materiali di approfondimento a scuola 1.3 Individua dissonanze e criticità 2. I2. INTERESSE PER LE PROPOSTE DELLA SCUOLA 2 1 accetta di buon grado le consegne 2.2 è collaborativo con l insegnante 2 1 accetta di buon grado le consegne 2.2 è collaborativo con l insegnante 2 1 accetta di buon grado le consegne 2.2 è collaborativo con l insegnante CONDUZIONE A TERMINE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI 3.1 aggiorna il lavoro dopo un assenza 3.2 aggiorna il diario 3.3 esegue con regolarità i compiti assegnati a scuola e a casa 3.1 aggiorna il lavoro dopo un assenza 3.2 aggiorna il diario e il libretto scolastico 3.3 esegue con regolarità i compiti assegnati a scuola e a casa 3.1 aggiorna il lavoro dopo un assenza 3.2 aggiorna il diario 3.3 esegue con regolarità i compiti assegnati a scuola e a casa 20

21 ATTENZIONE 1. Concentrazione 2. Attenzione prolungata Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1 CONCENTRAZIONE 1.1 si concentra sul compito da svolgere 1.1 si concentra sul compito da svolgere in un clima di collaborazione coi compagni 1.1 si concentra sul compito da svolgere in un clima di collaborazione coi compagni 2 ATTENZIONE PROLUNGATA 2.1 mantiene ferma l attenzione per il tempo necessario a svolgere il lavoro 2.1 mantiene ferma l attenzione per il tempo necessario a svolgere il lavoro 2.1 mantiene ferma l attenzione per il tempo necessario a svolgere il lavoro 21

22 2- RELAZIONALITA E PARTECIPAZIONE RISPETTO DELLE REGOLE COMUNI 1 riconoscimento delle regole comuni 2.rispetto delle regole comuni concordate 3 partecipazione e collaborazione 1.RICONOSCIMENTO DELLE REGOLE COMUNI Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 È in grado di proporre regole da 1.1 È in grado di proporre regole da 1.1È in grado di proporre regole da inserire nel regolamento di classe e inserire nel regolamento di classe e di inserire nel regolamento di classe e di di stabilire una sanzione. stabilire una sanzione. stabilire una sanzione. 2.RISPETTO DELLE REGOLE COMUNI CONCORDATE Rispetta le regole. Rispetta le regole adeguandosi (in modo positivo) al nuovo ambiente. Rispetta le regole in modo consapevole anche in mancanza di controllo. Sa che in ogni ambiente sociale bisogna rispettare le regole per avere relazioni positive. Adegua il comportamento alle regole proposte. Si informa sul regolamento del luogo in cui si trova e lo rispetta. Sa che il non rispetto del Regolamento di Istituto può avere conseguenze per sé e per il gruppo. Rispetta il regolamento di istituto anche senza il controllo dell adulto. 22

23 PARTECIPAZIONE E COLLABORAZIONE 1 Ascolto 2 Intervento 3 Cooperazione 4 Aiuto 23

24 1 Ascolto Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1Sa ascoltare adulti e 1.1Sa ascoltare adulti e coetanei 1.1 Sa ascoltare coetanei coetanei 1.2 Sa ricavare informazioni da ciò 1.2 Sa ascoltare più adulti che usano 1.2 Sa ricavare che gli viene detto linguaggi specifici informazioni da ciò che gli 1.3 Sa ricavare informazioni da ciò che viene detto gli viene detto 2 Intervento 2.1 Sa intervenire rispettando tempi e modalità 2.2 Sa motivare le proprie affermazioni 2.3 Sa intervenire rispettando tempi e modalità 2.4 Sa motivare le proprie affermazioni 2.1 Sa intervenire rispettando tempi e modalità 2.2Sa motivare le proprie affermazioni 2.3Sa rapportarsi con adulti diversi anche utilizzando linguaggi più adeguati 3 Cooperazione 3.1Sa collaborare con i compagni anche con quelli non vicini affettivamente 3.2Sa gestire le proprie emozioni 3.1Sa collaborare con i compagni anche con quelli non vicini affettivamente 3.2Sa gestire le proprie emozioni 3.1Sa collaborare con i compagni anche con quelli non vicini affettivamente 3.2Sa gestire le proprie emozioni 3.3Sa dare il proprio contributo nelle varie situazioni 3.4 Sa accettare l'errore come risorsa per raggiungere un traguardo comune 4 Aiuto 4.1Sa rendersi disponibile ad aiutare un compagno nei momenti di difficoltà 4.2Sa individuare i bisogni del gruppo e accetta di svolgere incarichi 4.1Sa rendersi disponibile ad aiutare un compagno nei momenti di difficoltà 4.2Sa individuare i bisogni del gruppo e accetta di svolgere incarichi 4.1sa rendersi disponibile ad aiutare un compagno nei momenti di difficoltà (aggiornare il lavoro dopo un assenza...) 4.2sa rendersi disponibile a collaborare con i diversi insegnanti 4.3sa individuare i bisogni del gruppo e accetta di svolgere incarichi 24

25 INTERAZIONE CON I COMPAGNI 1 Rispetto verso i compagni Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 accetta i compagni nei diversi 1.1 accetta i compagni nei diversi 1.1 accetta i compagni nei diversi momenti di lavoro e liberi momenti di lavoro e liberi momenti di lavoro e liberi 1.2 mostra interesse e rispetto 1.2 mostra interesse e rispetto verso la 1.2 mostra interesse e rispetto verso la verso la diversità personale e diversità personale e culturale diversità personale e culturale culturale 2 Dialogo 2.1 è disponibile ad ascoltare i compagni 2.2 sa che quello che dice può avere conseguenze (dialogo responsabile) 2.1è disponibile ad ascoltare i compagni 2.2 sa che quello che dice può avere conseguenze (dialogo responsabile) 2.1è disponibile ad ascoltare i compagni 2.2 sa che quello che dice può avere conseguenze (dialogo responsabile.. 25

26 RAPPORTO CON GLI ADULTI 1 Comunicazione 2 Rispetto verso gli adulti Fine Quinta Inizio Prima Media Fine prima Media 1. COMUNICAZIONE 1.1-CONOSCENZE - L alunno inizia a riconosce che il ruolo della comunicazione è importante nell apprendimento - conosce registri diversi per comunicare con i vari interlocutori -l alunno riconosce l insegnante come figura guida nel percorso di apprendimento e crescita personale ABILITA - L alunno utilizza la comunicazione (verbale, gestuale, scritta ) per apprendere e relazionarsi con gli altri - inizia ad utilizzare registri diversi per comunicare con i vari interlocutori - l alunno recepisce e accetta le consegne e le osservazioni dell insegnante 1.1 CONOSCENZE - L alunno inizia a riconosce che il ruolo della comunicazione è importante nell apprendimento - conosce registri diversi per comunicare con i vari interlocutori -l alunno riconosce l insegnante come figura guida nel percorso di apprendimento e crescita personale ABILITA - L alunno utilizza la comunicazione (verbale, gestuale, scritta ) per apprendere e relazionarsi con gli altri - inizia ad utilizzare registri diversi per comunicare con i vari interlocutori - l alunno recepisce e accetta le consegne e le osservazioni dell insegnante 1.1-CONOSCENZE - L alunno sa che il ruolo della comunicazione è importante nell apprendimento e nella relazione - conosce registri diversi per comunicare con i vari interlocutori -l alunno riconosce l insegnante come figura guida nel percorso di apprendimento e crescita personale ABILITA - L alunno utilizza in modo più pertinente la comunicazione (verbale, gestuale, scritta ) per apprendere e relazionarsi con gli altri -utilizza registri diversi per comunicare con i vari interlocutori - l alunno recepisce e accetta le consegne e le osservazioni dell insegnante 26

27 2.RISPETTO VERSO GLI ADULTI 2.1 CONOSCENZE - l alunno riconosce i diversi ruoli degli adulti nel suo vissuto - l alunno conosce gli stili di comportamento adatti a diverse situazioni ABILITA - l alunno accetta e rispetta il ruolo degli adulti - l alunno adegua i suoi comportamenti ai vari contesti 2.1 CONOSCENZE - l alunno riconosce i diversi ruoli degli adulti nel suo vissuto - l alunno conosce gli stili di comportamento adatti a diverse situazioni ABILITA - l alunno accetta e rispetta il ruolo degli adulti - l alunno adegua i suoi comportamenti ai vari contesti 2.1 CONOSCENZE - l alunno riconosce i diversi ruoli degli adulti nel suo vissuto - l alunno conosce gli stili di comportamento adatti a diverse situazioni ABILITA - l alunno accetta e rispetta il ruolo degli adulti - l alunno adegua i suoi comportamenti ai vari contesti 27

28 3. CITTADINANZA PROGETTUALITA 1. Autonomia organizzativa (gestione del tempo, dello spazio, dei materiali) 2. Autovalutazione L alunno colloca l esperienza personale in un sistema di regole e valori fondato sul riconoscimento reciproco dei diritti: si mostra solidale e capace di interessarsi a problemi collettivi a lui vicini. Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1. AUTONOMIA ORGANIZZATIVA 1.1 sa gestire i tempi di lavoro prestabiliti 1.2 sa gestire in modo adeguato il tempo libero o di attesa 1.3 sa utilizzare adeguatamente lo spazio personale e collettivo 1.4 sa organizzare il materiale in modo funzionale all attività da svolgere 1.1 sa gestire i tempi di lavoro prestabiliti 1.2 sa gestire in modo adeguato il tempo libero o di attesa 1.3 sa utilizzare adeguatamente lo spazio personale e collettivo 1.4 sa organizzare il materiale in modo funzionale all attività da svolgere 1.1 sa gestire i tempi di lavoro prestabiliti 1.2 sa gestire in modo adeguato il tempo libero o di attesa 1.3 sa utilizzare adeguatamente lo spazio personale e collettivo 1.4 sa organizzare il materiale in modo funzionale all attività da svolgere 4 AUTOVALUTAZIONE 2.1 Si avvia a riconoscere le proprie potenzialità 2.2. Cerca di dare il proprio contributo alle varie attività secondo le proprie attitudini in modo pertinente 2.3 riconosce e cerca di correggere i propri errori con aiuto dell'insegnante 2.1 Si avvia a riconoscere le proprie potenzialità 2.2 Cerca di dare il proprio contributo alle varie attività secondo le proprie attitudini in modo pertinente 2.3 riconosce e cerca di correggere i propri errori con aiuto dell'insegnante 2.1 Riconosce le proprie potenzialità 2.2 Dà il proprio contributo alle varie attività secondo le proprie attitudini in modo pertinente 2.3 riconosce con aiuto e cerca di riconosce i propri errori con aiuto e li corregge 28

29 RESPONSABILITÀ 1. Comportamento Responsabile 2. Cittadinanza Responsabile 1. COMPORTAMENTO RESPONSABILE Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 L alunno è consapevole che 1.1 L alunno è consapevole che 1.1 L alunno è consapevole che ad ogni comportamento è frutto di una ogni comportamento è frutto di una ogni comportamento corrisponde scelta e che le eventuali scelta e che le eventuali una conseguenza positiva o conseguenze devono essere conseguenze devono essere negativa. accettate. accettate. (Previsione delle conseguenze ( Accettazione delle conseguenze verso se stessi e verso gli altri) verso se stessi) 2. CITTADINANZA RESPONSABILE 2.1 L alunno riconosce problemi collettivi in ambienti vicini alla propria esperienza e partecipa, guidato, alla loro risoluzione modificando le azioni della propria vita quotidiana (es. spegnere la luce o chiudere i rubinetti quando è finito l utilizzo ) (Consapevolezza dei problemi legati al proprio ambiente e vissuto personale) 2.1 L alunno riconosce problemi collettivi in ambienti vicini alla propria esperienza e partecipa alla loro risoluzione modificando le azioni della propria vita quotidiana. 2.1 L alunno riconosce problemi collettivi in ambienti vicini alla propria esperienza e partecipa alla loro risoluzione modificando le azioni della propria vita quotidiana anche in relazione al proprio ruolo di cittadino ed individuo. (Interiorizzazione delle regole, consapevolezza del proprio ruolo) 29

30 IMPEGNO CIVICO 1. Rispetto dei valori 2. Solidarietà 1. RISPETTO DEI VALORI Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1.1 percepisce che in una comunità 1.1 percepisce che in una comunità 1.1 percepisce che in una comunità sociale tutti hanno uguali diritti e sociale tutti hanno uguali diritti e sociale tutti hanno uguali diritti e doveri doveri doveri e opera affinchè vengano 1.2 rispetta i propri valori culturali 1.2 rispetta i propri valori culturali rispettati nonchè i valori sociali e la sfera nonché i valori sociali e la sfera 1.2 rispetta i propri valori culturali privata altrui privata altrui nonchè i valori sociali e la sfera 1.3 considera la sincerità e al lealtà 1.3 considera la sincerità e al lealtà privata altrui nel comportamento come valori nel comportamento come valori 1.3 considera la sincerità e al lealtà necessari necessari nel comportamento come valori importanti per la vita sociale di ogni persona 2. SOLIDARIETÀ 2.1 riconosce il bisogno dell'altro 2.2 si dimostra solidale e disponibile nei confronti degli altri 2.1 riconosce il bisogno dell'altro 2.2 si dimostra solidale e disponibile nei confronti degli altri 2.1 riconosce il bisogno dell'altro 2.2 si dimostra solidale e disponibile nei confronti di chi ha più bisogno 30

31 GESTIONE DELL INFORMAZIONE 1.Orientamento nella varietà 2.Interpretazione Fine quinta Inizio prima media Fine prima media 1. ORIENTAMENTO NELLA VARIETÀ 1.1Comprende i concetti di comunità e di società 1.2Possiede capacità di auto identificazione e si situa positivamente nell ambito della comunità locale 1.3 Analizza criticamente situazioni, idee, comportamenti e eventi relativi alla realtà personale e sociale territoriale 1.1Comprende i concetti di comunità e di società 1.2Possiede capacità di auto identificazione e si situa positivamente nell ambito della comunità locale 1.3 Analizza criticamente situazioni, idee, comportamenti e eventi relativi alla realtà personale e sociale territoriale 1.1Comprende e rispetta le regole sociali e delle comunità civili nazionali ed internazionali 1.2 E in grado di percepire il senso di appartenenza ad una comunità più vasta (Europa) 1.3 Analizza criticamente situazioni, idee, comportamenti e eventi relativi a problematiche nazionali e globali 2. INTERPRETAZIONE 2.1Comprende il concetto di sviluppo integrale della persona 2.2 Conosce e comprende i concetti di dignità, libertà e uguaglianza 2.3 Conosce l esistenza di: enti locali e territoriali, Stato e Repubblica 2.4 Conosce le principali regole del codice della strada, si muove con sufficiente sicurezza nell ambito della realtà territoriale locale 2.5 Conosce l esistenza dei Diritti del fanciullo 2.1Comprende il concetto di sviluppo integrale della persona 2.2 Conosce e comprende i concetti di dignità, libertà e uguaglianza 2.3 Conosce l esistenza di: enti locali e territoriali, Stato e Repubblica 2.4 Conosce le principali regole del codice della strada, si muove con sufficiente sicurezza nell ambito della realtà territoriale locale 2.5 Conosce l esistenza dei Diritti del fanciullo 2.1Riconosce le differenti componenti della personalità umana 2.2 E in grado di applicare positivamente tali concetti in alcuni contesti 2.3 Conosce le principali competenze relative a tali Enti, conosce l esistenza delle norme costituzionali 2.4 Si comporta per la strada secondo criteri orientati alla sicurezza e alla prevenzione dei rischi 2.5 Conosce l esistenza della Carta Costituzionale 31

32 32

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE PER COMPETENZE Il nostro curricolo: verticale,integrato,unitario 1 ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI CRISPI MESSINA Misure di accompagnamento Indicazioni Nazionali Annualità 2014-15 Progetto Formativo Nazionale: Rafforzamento

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2"

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI TRE ANNI S.A. 1 S.A. 2 S.A. 3 S.A. 4 S.A. 5 TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO GIOCA IN MODO COSTRUTTIVO E CREATIVO CON GLI ALTRI, SA ARGOMENTARE,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2014/2015 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SAPERI METODOLOGIE

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA Titolo/Denominazione " L'energia: lu sule, l acqua, lu ientu" Anno scolastico 2014/2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

ATTIVITA ALTERNATIVA ALL I.R.C.- 3/ 4/ 5 ANNI SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/15 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ARGOMENTI DISCIPLINARI ATTIVITA

ATTIVITA ALTERNATIVA ALL I.R.C.- 3/ 4/ 5 ANNI SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/15 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ARGOMENTI DISCIPLINARI ATTIVITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Statale Sandro Pertini Via V. Cuoco,63 00013 Fonte Nuova (RM) Tel. 069059089 Fax

Dettagli

Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013 Istituto Comprensivo n 3 Scuola Secondaria di Primo Grado Anno scolastico 2012-2013 UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 MATERIA: Inglese TITOLO: Questioni ambientali DESTINATARI: Classi III C, III E, III F, III

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DEL- LE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO IL GIROTONDO DELL AMICIZIA Insieme è.più bello!! I.C. Gramsci Camponogara Autrici: Artusi Paola, Santin Martina 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IL GIROTONDO DELL AMICIZIA

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE PRIMA

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA Conoscere la funzione della regola nei diversi ambienti di Conoscere i concetti di diritto/dovere. Acquisisce la consapevolezza di muoversi in uno spazio conosciuto, rispettando le relazioni

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Unita di apprendimento ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Comprendente UdA PIANO DI LAVORO CONSEGNA AGLI STUDENTI I.C. Gramsci Camponogara Autori: - Plesso A. Manzoni : Abet Luisa, Menin Loredana,

Dettagli