DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S. 2014-2015"

Transcript

1 Istituto Professionale di Stato per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera con Istituto Professionale di Stato per le Attività Agricole FEDERICO DI SVEVIA Termoli Presidenza e Segreteria via Foce dell Angelo n 2 Tel Fax C.F DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S

2 Scheda informativa generale INDICE 1. Premessa... p Profilo professionale: Tecnico dei Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera... p Quadro orario Tecnico dei Servizi per l Ospitalità Alberghiera.... p Stabilità e composizione del Consiglio di Classe p Composizione della classe: elenco alunni... p Crediti formativi pregressi e criteri per l attribuzione A.S. 2014/ p Criteri per l attribuzione del voto di condotta..p Verifiche effettuate nei confronti degli alunni con debito formativo. p Presentazione della classe Storia della classe p. 8 Caratteristiche della classe p. 8 Informazioni relative all ambito socio-economico e culturale di provenienza. p. 9 Situazione di partenza.... p. 9 Frequenza, partecipazione ed impegno.. p. 9 Progressi in relazione alla situazione di partenza.... p Indicazioni sugli esami e simulazioni.. p Programmazione didattica della classe Competenze di Cittadinanza Trasversali..... p. 1a Competenze professionali.. p. 11 Obiettivi raggiunti in termine di conoscenze, abilità e competenze.. p Organizzazione delle attività per il raggiungimento delle competenze Metodi generali di insegnamento del Consiglio di Classe. p. 14 Mezzi.. p. 14 Spazi... p. 14 Tempi. p. 14 Verifiche.. p Griglia di valutazione. p Attività integrative.. p Conoscenze, abilità, competenze e contenuti disciplinari Italiano... p. 15 Storia, Cittadinanza e Costituzione..... p. 17 Matematica...p. 18 Inglese. p. 21 Francese. p. 24 Scienza e Cultura dell Alimentazione p.25 Diritto e Tecniche Amministrative della Struttura Ricettiva... p. 28 2

3 Laboratorio dei Servizi Accoglienza Turistica... p. 31 Tecniche di Comunicazione e Relazione p. 33 Scienze motorie e Sportive.. p. 36 Religione. p Alternanza scuola-lavoro p. 37 Il Consiglio di Classe..p.39 ALLEGATO A Griglie di valutazione prima prova scritta: Italiano Tipologia A: ANALISI DEL TESTO Tipologia B: SAGGIO BREVE ARTICOLO DI GIORNALE Tipologia C: TEMA DI ARGOMENTO STORICO Tipologia D: TEMA DI ARGOMENTO GENERALE ALLEGATO B Griglie di valutazione seconda prova scritta: Diritto e Tecniche Amministrative della Struttura Ricettiva ALLEGATO B1 Griglie di valutazione seconda prova scritta - Tipologia tema più due quesiti ALLEGATO B2 Griglie di valutazione seconda prova scritta - Tipologia tema più un quesito ALLEGATO C Griglia di valutazione terza prova scritta ALLEGATO D Griglia di valutazione colloquio ALLEGATO E Prima simulazione terza prova d esame Frontespizio - Storia - Laboratorio Accoglienza Turistica - Tecniche della Comunicazione e Relazione - Scienze e Cultura dell Alimentazione - Inglese ALLEGATO E1 Seconda simulazione terza prova d esame Frontespizio - Storia - Laboratorio Accoglienza Turistica - Tecniche della Comunicazione e Relazione - Scienze e Cultura dell Alimentazione - Inglese ALLEGATO F - RELAZIONE DI PRESENTAZIONE DELL ALLIEVA CON PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA - RICHIESTA DI PROVE COERENTI CON IL PERCORSO DIDATTICO DIFFERENZIATO EFFETTUATO DAL CANDIDATO - PROVE DIFFERENZIATE : I PROVA scritta di Italiano, II PROVA scritta di Diritto e Tecniche Amm.ve della Struttura Ricettiva, III PROVA di Inglese, Storia, Laboratorio Accoglienza Turistica, Tecniche della comunicazione, Scienza e Cultura dell Alimentazione - GRIGLIE DI VALUTAZIONE PROVE DIFFERENZIATE 3

4 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE 1 Premessa La classe 5^C si è formata nell'anno scolastico 2012/2013 come classe 3 Accoglienza Turistica e rientra nel piano della riforma ministeriale del Profilo professionale: Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera al termine del percorso quinquennale ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell enogastronomia e dell ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi. Egli è in grado di: -utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l organizzazione della commercializzazione dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalità; -organizzare attività di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane; -applicare le norme attinenti la conduzione dell esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro; -utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all ottimizzazione della qualità del servizio; -comunicare in almeno due lingue straniere; -reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi; -attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici; -curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti; documentare il proprio lavoro e redigere relazioni tecniche. Nella filiera dell enogastronomia: -agisce nel sistema di qualità per la trasformazione, conservazione, presentazione e servizio dei prodotti agroalimentari; -integra le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche e comunicative; -opera nel sistema produttivo sia promuovendo le tradizioni locali, nazionali ed internazionali sia individuando le nuove; -tendenze enogastronomiche. Nella filiera dell ospitalità alberghiera: -svolge attività operative e gestionali funzionali all amministrazione, produzione, erogazione e vendita dei servizi. 4

5 3 Quadro orario Tecnico dei Servizi per l Ospitalità Alberghiera MATERIA D INSEGNAMENTO 5^ SC./OR./PRAT./TEORICO AREA COMUNE ITALIANO 4 S. O. STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE 2 O. MATEMATICA 3 S. O. 1^ LINGUA STRANIERA INGLESE 3 S. O. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 2 P. RELIGIONE 1 AREA DI INDIRIZZO 2^ LINGUA STRANIERA FRANCESE 3 S. O. SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE 2 S. O. DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA 6 S. O. LABORATORIO DEI SERVIZI ACCOGLIENZA TURISTICA 4 P.T. TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE 2 T. ORE COMPLESSIVE 32 4 Stabilità e composizione del Consiglio di Classe Docente FORCHETTI Rosina Continuità didattica Materia Classe IV Classe V Italiano Sì Sì Storia Sì Sì D AGOSTINO Mariantonietta Matematica Sì Sì CROCE Antonio Inglese Sì Sì DI DONATO Maria Francese Sì Sì PISTILLI Francesca Scienza e cultura dell alimentazione No Sì CORDISCO Paolo Diritto e tecniche amm.ve struttura ricettiva Sì Sì RAHO Katja Tecniche di comunicazione Sì Sì D ALESSANDRO Pasqualina TSPO Sì Sì MASCELLARO Dario Scienze motorie No Sì GRAFONE Cinzia Paola Sostegno Sì Sì COLECCHIA Rita Religione Sì Sì 5

6 5 Composizione della classe: elenco alunni ALUNNI (Cognome e Nome) DATI ANAGRAFICI (Anno di nascita) Provenienza 1.AUGELLI ALFREDO Omissis Omissis 2.BENVENUTO CONCETTA ANTONIA Omissis Omissis 3.CASOLINO LARA Omissis Omissis 4.CIAVARRA GENNY Omissis Omissis 5.COSTANTINO MARA Omissis Omissis 6.DE LUCA MARIA ANTONIETTA Omissis Omissis 7.DI LUZIO ROSSELLA Omissis Omissis 8.FERRIERI CINZIA Omissis Omissis 9.FLORIO ALESSIA Omissis Omissis 10.LIZZI PAOLO Omissis Omissis 11.MANNARINO FRANCESCO ROSARIO Omissis Omissis 12.PICANZA GIOVANNI Omissis Omissis 13.PIETROSINO LIANA Omissis Omissis 14.POPA CRISTIAN ALPAR Omissis Omissis 6 Crediti formativi pregressi e criteri per l attribuzione A.S. 2014/2015 ALLIEVI (COGNOME E NOME) CREDITO SCOLASTICO a.s. a.s. a.s. Totale 11/ / /14 1.AUGELLI ALFREDO BENVENUTO CONCETTA ANTONIA 3.CASOLINO LARA CIAVARRA GENNY COSTANTINO MARA DE LUCA MARIA ANTONIETTA 7.DI LUZIO ROSSELLA FERRIERI CINZIA FLORIO ALESSIA LIZZI PAOLO MANNARINO FRANCESCO ROSARIO 12.PICANZA GIOVANNI PIETROSINO LIANA

7 14.POPA ALPAR CRISTIAN Per l attribuzione del credito allo scrutinio finale si terrà conto della seguente tabella inserita nel POF: CLASSE QUINTA Media dei voti Punti di credito M = < M < M < M < M Relativamente all attribuzione del credito formativo per l anno scolastico 2014/2015 sono riconosciute, nei limiti della banda di oscillazione, tutte le attività extracurricolari certificate di rilevanza culturale e sociale purché svolte per un numero di ore non inferiore a Criteri per l attribuzione del voto di condotta Per l attribuzione del voto di condotta e del credito formativo si fa riferimento ai criteri di valutazione stabiliti con delibera nr. 163 del del Collegio Docenti e alla tabella che segue. Il voto di condotta viene attribuito dal consiglio di classe in base ai seguenti criteri: rispetto del Patto educativo di corresponsabilità e del regolamento di istituto, frequenza delle lezioni e puntualità, rispetto degli impegni scolastici e partecipazione alle lezioni, collaborazione con insegnanti, compagni e tutto il personale scolastico come previsto dal POF. Si propone pertanto la seguente griglia di valutazione per garantire uniformità nell attribuzione del voto di condotta nei diversi consigli di classe: Indicatori Valutazione Scrupoloso rispetto del regolamento di Istituto Rispetto degli altri e dell Istituzione scolastica Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate giustificate Interesse e partecipazione propositiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo propositivo all interno della classe e ottima socializzazione Rispetto del regolamento di Istituto Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate giustificate Costante adempimento dei doveri scolastici Interesse e partecipazione attiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo positivo e collaborazione nel gruppo classe Osservazione regolare delle norme fondamentali relative alla vita scolastica Alcune assenze, ritardi e/o uscite anticipate giustificate Svolgimento regolare dei compiti assegnati Discreta attenzione e partecipazione alle attività scolastiche Correttezza nei rapporti interpersonali Ruolo collaborativo a funzionamento del gruppo classe Episodi limitati e non gravi di mancato rispetto del regolamento scolastico Ricorrenti assenze ritardi e/o uscite anticipate Saltuario svolgimento dei compiti assegnati

8 Partecipazione discontinua all attività didattica Interesse selettivo Rapporti sufficientemente collaborativi con la comunità scolastica Episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico, anche soggetti a sanzioni disciplinari Frequenti assenze e numerosi ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Scarsa partecipazione alle lezioni e disturbo dell attività didattica Disinteresse per alcune discipline Rapporti problematici con la comunità scolastica Mancato rispetto del regolamento scolastico Gravi episodi che hanno dato luogo a sanzioni disciplinari Numerose assenze e continui ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Continuo disturbo delle lezioni Completo disinteresse per le attività didattiche Comportamento scorretto nel rapporto con insegnanti e compagni Funzione negativa nel gruppo classe Verifiche effettuate nei confronti degli alunni con debito formativo Per il recupero dei debiti degli ammessi con giudizio sospeso alla classe V non sono stati attivati corsi di recupero nel mese di Giugno/Luglio 2014, per cui gli alunni hanno provveduto per conto loro allo studio finalizzato al recupero delle carenze disciplinari. A partire dal 27 agosto e fino alla fine del mese si sono sostenuti gli esami, sia scritti che orali, con i relativi scrutini finali. Il recupero dei debiti alla fine del Trimestre è stato svolto in itinere all inizio del Pentamestre e, a scelta, si è potuto far ricorso anche allo sportello didattico. Alla fine dell attività di recupero ogni disciplina, per la valutazione finale, ha provveduto a svolgere verifiche scritte e/o orali per la valutazione. 9 Presentazione della classe Storia La classe 5^C è costituita dagli allievi che hanno frequentato la classe III C Indirizzo Accoglienza Turistica nell anno scolastico La disponibilità al dialogo educativo e l impegno domestico profuso, pur con le differenze del caso, hanno permesso a tutti i frequentanti di raggiungere la qualifica di operatore Servizi di Accoglienza Turistica in regime transitoria ; un alunna è riuscita a conseguirla con il massimo del punteggio. Sia nel corso del terzo anno che del quarto gli allievi hanno sempre avuto un comportamento generalmente corretto e rispettoso delle regole del vivere civile e l impegno scolastico è stato, nella media, discreto. Nell a. s si è aggiunto alla classe un allievo ripetente la classe quinta. Caratteristiche L attuale 5^ C - Indirizzo Accoglienza Turistica - è formata da 14 alunni, di cui 13 provenienti dalla classe IV C e uno ripetente. Sono stati inseriti in una classe articolata costituita dai suddetti allievi e quelli della VE Indirizzo Sala e Vendita. Il gruppo classe VC si presenta disomogeneo relativamente ai livelli di partenza e ai ritmi di apprendimento; le competenze maturate sono diversificate : sufficienti per alcuni, discrete per la maggior parte degli allievi e buone per qualche elemento. 8

9 In classe è presente un alunna con disabilità tutelata dalla legge 104, per la quale è stata predisposta una programmazione differenziata, che è stata seguita dall insegnante di sostegno per un totale di 18 ore settimanali. Quattro allievi hanno partecipato all attività di alternanza scuola-lavoro che si è svolta a Lourdes nel mese di agosto 2014 per una settimana e sette allievi a quella svolta, nel mese di settembre 2014, a Malta della durata di un mese. Informazioni relative all'ambito socio - economico e culturale di provenienza La provenienza degli alunni è eterogenea: provengono dalla provincia di Chieti, Campobasso e Foggia. L ambiente familiare e sociale degli allievi risulta essere poco stimolante sul piano culturale. Qualche alunno ha già intrapreso esperienze di tipo lavorativo che, se da un lato hanno sicuramente penalizzato il tempo da dedicare allo studio domestico, dall altro lato possono essere considerati come valore aggiunto alle competenze scolastiche, favorendo il processo complessivo di maturazione. Situazione di partenza Come si evince dalla tabella relativa ai docenti, la classe ha avuto la continuità didattica per la maggior parte delle discipline. Ciò ha permesso di continuare il percorso educativo e didattico intrapreso nel precedente anno scolastico. Gli allievi provenienti dalla IV C avevano instaurato e hanno continuato a mantenere rapporti abbastanza positivi e collaborativi sia tra di loro che con i docenti e hanno accolto educatamente l allievo ripetente proveniente dalla V C dello scorso anno scolastico. Quasi tutti gli alunni lavorano con costanza e diligenza, partecipano attivamente al dialogo educativo e svolgono assiduamente il lavoro domestico. Il livello di partenza rilevato è nella media discreto, quanto a conoscenze ed abilità: nella classe è presente un gruppo di alunni che riesce a conseguire risultati discreti e/o buoni, un gruppo il cui livello è sufficiente, mentre solo un numero esiguo di allievi riesce a conseguire risultati mediocri/ sufficienti. Da un punto di vista strettamente comportamentale la classe si presenta rispettosa delle regole e particolarmente disponibile nei confronti dei compagni in difficoltà. In riferimento all atteggiamento nei confronti delle singole discipline e della partecipazione la classe risulta motivata all apprendimento, la frequenza è in generale abbastanza assidua, l impegno è costante per la maggior parte degli allievi. In particolare si sono riscontrate: - per l area linguistica a livello grammaticale, lessicale ed espositivo qualche elemento ha evidenziato lacune dovute a una modesta preparazione di base e al superficiale impegno nello studio, per la maggior parte le capacità sono discrete e per un paio di allievi buone/ottime; - per l area logico-matematica gli allievi manifestano abilità di base diversificate, con inadeguate conoscenze dei linguaggi specifici; - per l area professionalizzante i risultati si attestano su livelli diversi: un piccolo gruppo di allievi consegue risultati buoni, quello più numeroso si attesta su un livello discreto/sufficiente. Frequenza, partecipazione ed impegno La frequenza all attività didattica è stata regolare per quasi tutti gli allievi, infatti pochi hanno registrato un elevato numero di assenze. Nella partecipazione al dialogo educativo gli studenti si sono dimostrati propensi all ascolto e attivi nell atteggiamento. Nell impegno personale, nello svolgimento del lavoro domestico, nella ricerca di un buon grado di autonomia e di capacità critica la classe ha sempre evidenziato impegno e volontà per 9

10 superare le difficoltà incontrate, condizionate, in genere, da lacune pregresse per alcuni. Tutto il gruppo di allievi ha partecipato alle attività dimostrando impegno ed interesse in tutte le discipline. Progressi in relazione alla situazione di partenza I risultati raggiunti dalla classe, relativamente al profitto e ai progressi realizzati, possono ritenersi nel complesso mediamente discreti rapportati al livello delle conoscenze di base, alle capacità ed attitudini di ciascuno, ai ritmi di apprendimento ed ai disagi sostenuti da alcuni a causa di particolari situazioni personali. Si evidenziano casi di buoni/ottimi livelli, grazie all interesse, all impegno e all approfondimento dei contenuti acquisiti e alle abilità di fare sintesi, creare collegamenti interdisciplinari e rielaborare personalmente gli argomenti proposti. 10 Indicazioni sugli esami e simulazioni Sin dall inizio dell anno sono state fornite tutte le informazioni necessarie sugli Esami di Stato e sono state effettuate esercitazioni scritte ed orali conformi alle metodologie previste. Sono state inoltre effettuate le seguenti prove di simulazione: - tre simulazioni della prima prova scritta di Italiano - due simulazioni della seconda prova scritta di diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva - due simulazioni della terza prova scritta riguardanti le seguenti discipline: 1^ simulazione: Inglese, Scienza e cultura dell alimentazione, Tecniche di comunicazione e Accoglienza turistica; 2^ simulazione: Inglese, Scienza e cultura dell alimentazione, Tecniche di comunicazione e Accoglienza turistica; -una simulazione della prova orale effettuata in data , alla presenza dei docenti di Italiano e Storia, Inglese, Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Scienza e cultura dell alimentazione, Accoglienza Turistica e Tecniche della Comunicazione. Sulla base degli esempi di seconda prova scritta, indicati dal Miur in data 06 maggio 2015 e secondo la circolare n.1 del 29 gennaio 2015 prot. N. 758 che esplicita la struttura della seconda prova scritta per gli istituti professionali settore servizi -, si allegano al documento due griglie di valutazione per le seguenti tipologie di prova: - tema più un quesito a scelta del candidato - tema più due quesiti a scelta del candidato. Per queste ultime tipologie di prova gli allievi si sono esercitati nell ultimo periodo lavorando sia in classe che a casa. Per quanto riguarda la terza prova scritta, sono state utilizzate le seguenti tipologie per tutte e cinque le discipline: quattro quesiti a risposta singola; due quesiti a risposta breve. Per la lingua inglese i quattro quesiti a risposta chiusa e la prima domanda a risposta aperta sono relativi alla comprensione del testo, la seconda domanda a risposta aperta è di studio. Per l allieva con programmazione differenziata sono state somministrate prove di simulazione differenziate con relative valutazioni allegate al presente documento. Per la valutazione di tutte le prove, sia scritte che orali, sono state utilizzate le griglie allegate al presente documento. 10

11 11 Programmazione didattica della classe COMPETENZE DI CITTADINANZA TRASVERSALI IL SE Imparare a Imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale) anche in funzione dei tempi disponibili delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro Progettare: elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti RELAZIONE CON GLI ALTRI Comunicare comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali); - rappresentare eventi, fenomeni,principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti Collaborare e Partecipare interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. Agire in modo Autonomo e Responsabile sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità. RAPPORTO CON LA REALTA NATURALE E SOCIALE Risolvere problemi affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. Individuare collegamenti e relazioni individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti. collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e a loro natura probabilistica Acquisire ed interpretare l informazione acquisire ed interpretare criticamente informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l attendibilità e utilità, distinguendo fatti e opinioni. COMPETENZE PROFESSIONALI Generali di indirizzo 1. Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. 2. Utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. 3. Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. 4. Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. 11

12 5. Applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. 6. Attuare strategie di pianificazione, compensazione, monitoraggio per ottimizzare la produzione di beni e servizi in relazione al contesto. 7. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Relative all articolazione Accoglienza turistica 1. Utilizzare le tecniche di promozione, vendita, commercializzazione, assistenza, informazione e intermediazione turistico-alberghiera. 2. Adeguare la produzione e la vendita dei servizi di accoglienza e ospitalità in relazione alle richieste dei mercati e della clientela. 3. Promuovere e gestire i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione dei servizi turistici per valorizzare le risorse ambientali, storico-artistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio. 4. Sovrintendere all organizzazione dei servizi di accoglienza e di ospitalità, applicando le tecniche di gestione economica e finanziaria alle aziende turistico-alberghiere OBIETTIVI RAGGIUNTI IN TERMINE DI CONOSCENZE, ABILITA E COMPETENZE Gli allievi hanno raggiunto un livello di autonomia appena sufficiente, iniziando a sviluppare una personalità più consapevole e matura. Un esiguo numero di alunni ha arricchito le proprie doti progettuali con valori di etica professionale; la rimanente parte ha mantenuto atteggiamenti di sufficiente responsabilità e interesse. CONOSCENZE La maggior parte degli alunni conosce in maniera appena sufficiente e in forma semplice i contenuti essenziali della maggior parte delle discipline, altri conservano qualche lacuna legata alle carenze pregresse o all inadeguatezza del metodo di studio, un esiguo gruppo invece dimostra di padroneggiare le conoscenze in modo abbastanza positivo. Conoscono in maniera appena sufficiente le strutture, funzioni e relazioni presenti nella comunicazione linguistico-letteraria ed in quella scientifico-professionale. ABILITA Alcuni allievi hanno iniziato ad utilizzare in modo semplice le conoscenze acquisite in ambiti diversi da quello propriamente scolastico, sono in grado di scegliere tecniche e procedimenti per risolvere problemi relativi all area di indirizzo, applicando con flessibilità e senso critico le conoscenze e le competenze maturate. Gli allievi dimostrano un lieve miglioramento nelle abilità espressive e nella comprensione e soluzione dei problemi e, se guidati, riescono a decontestualizzare. Sufficiente, ma non per tutti, risulta l acquisizione delle abilità tecnico-pratiche, specifiche delle discipline tecnico-professionali. La classe inoltre ha solo iniziato a perfezionare la capacità di considerare in modo critico fatti ed eventi, perfezionando solo parzialmente le proprie capacità logico deduttive; se guidata, è in grado di cogliere gli aspetti essenziali dell organizzazione e gestione di un azienda ristorativa e i rapporti con le diverse realtà produttive. Quasi tutti i discenti sono in grado di stabilire rapporti interpersonali improntati al rispetto di se stessi e degli altri, al dialogo e alla tolleranza, denotando una certa maturazione della coscienza civica. 12

13 COMPETENZE Tutti gli allievi comprendono messaggi semplici, espressi attraverso i diversi canali comunicativi e qualcuno comunica in lingua straniera anche in contesti professionali. Pochi allievi conoscono ed utilizzano in modo appropriato i linguaggi specifici delle singole discipline e utilizzano le conoscenze acquisite riportandole in semplici contesti e, talvolta, in situazioni diverse. Analizzano dati e stabiliscono relazioni ciascuno secondo le proprie capacità. 12 Organizzazione dell attività per il raggiungimento delle competenze Per il conseguimento delle competenze sono stati messe in atto le seguenti strategie: - Controllare e correggere i compiti assegnati, attivando l attenzione e la riflessione sugli errori ortografici e di contenuto. - Stimolare l interesse per la migliore comprensione dei nuclei fondanti delle discipline - Utilizzare metodi comunicativi chiari. - Favorire un clima equilibrato e costruttivo, in classe, durante le attività pratiche e in tutte le altre situazioni comunicative che avvengono nell ambito scolastico. - Stimolare l attitudine ad ascoltare, fare domande, esprimere il proprio punto di vista. - Stimolare la partecipazione consapevole alle discussioni, al lavoro di gruppo. - Pretendere la chiarezza espositiva, molto semplice ed elementare in un primo tempo e via via più complessa e ricca di termini e costrutti. - Sviluppare e potenziare il lessico specifico, pretendendo l esattezza nell uso dei termini e nella definizione dei concetti. - Esigere la puntualità e la precisione nel lavoro individuale e di gruppo, scolastico e domestico; - Proporsi come un modelli per la puntualità e il rispetto dei regolamenti dell Istituto - Sollecitare la capacità di rispettare gli impegni assunti. - Controllare il rispetto degli orari all inizio delle lezioni e durante i cambi dell ora. - Controllare la consegna delle giustificazioni tutte le mattine alla prima ora. - Informare tempestivamente la famiglia in caso di ripetuti ritardi o mancate giustificazioni. - Pretendere il rispetto della persona col dialogo, la persuasione, la tolleranza, la disponibilità all ascolto, la fermezza e la coerenza. - Convocare le famiglie nel caso ci siano atteggiamenti anomali o segnali di inquietudine e malessere. - Non adottare o minacciare di adottare provvedimenti disciplinari sproporzionati o insostenibili. - Dare valore e credibilità alle note sul registro - Pretendere il rispetto del patrimonio e degli spazi comuni. - Pretendere un abbigliamento decoroso - Partire da compiti di realtà. - Favorire la partecipazione propositiva alle attività didattiche. - Utilizzare spesso il lavoro di gruppo. - Stimolare la curiosità. CONOSCENZE E ABILITA Per il conseguimento delle conoscenze e lo sviluppo delle abilità sono state messe in atto le seguenti strategie: verifiche scritte e orali frequenti e regolari, rivolte a tutta la classe, su argomenti chiave; approfondimenti e chiarimenti del testo con informazioni orali supplementari; accertamento durante la lezione di una corretta ricezione e annotazione di terminologie specifiche; organizzazione di lavori di gruppo, anche al fine di educare all ascolto e al rispetto dell opinione altrui. 13

14 Inoltre, per potenziare le conoscenze, le abilità e le competenze sono stati affrontati percorsi interdisciplinari relativamente all evoluzione delle abitudini alimentari nel 900, per le discipline di italiano, storia, alimentazione e inglese, e La gestione di un ristorante, per cucina. - Metodi generali di insegnamento del Consiglio di Classe Al fine di perseguire gli obiettivi programmati, i docenti hanno messo in atto lezioni frontali e interattive, lavori individuali e di gruppo, momenti di approfondimento e recupero, mappe concettuali, situazioni da analizzare e risolvere mediante il problem solving, verifiche formative e sommative, esercitazioni pratiche. - Mezzi Relativamente al materiale gli strumenti utilizzati sono i testi in uso, estratti da altri testi, vocabolari, audio e videocassette, libri di narrativa presi in prestito dalla biblioteca d istituto, giornali, testi di ricerca e consultazione, supporti informatici. - Spazi: Aula, sala audiovisiva, laboratori. - Tempi Lo svolgimento dei programmi è stato impostato secondo la didattica per unità di apprendimento. - Verifiche Gli strumenti utilizzati dai docenti per accertare il grado di acquisizione delle conoscenze e il possesso delle competenze sono stati test, questionari, relazioni, temi, saggi brevi, traduzioni, articoli di giornale, analisi testuale, risoluzione di problemi ed esercizi, sviluppo di progetti, interrogazioni, prove pratiche, test motori, osservazioni sul comportamento di lavoro (partecipazione, impegno, metodo di studio e di lavoro, etc.), verifiche orali, prove strutturate o semi-strutturate, tema - saggio (argomentativo). 13 Griglia di valutazione utilizzata come previsto dal POF Per l uso dei voti dall 1 al 10. Partecipazione ed impegno GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER COMPETENZE Conoscenze Abilità Competenze Giudizio Voto Inadeguati Esigue Nessuna Nessuna Scarso 1-2 Demotivazione, scarsa collaborazione Partecipazione poco attiva Partecipazione costante impegno adeguato Partecipazione e impegno sistematici Lacunose, scarse Parziali e superficiali Essenziali Approfondite ma non complete Gravi difficoltà a rielaborare le scarse conoscenze acquisite Incerta autonomia nell organizzazione del lavoro Utilizza i contenuti culturali acquisiti in maniera essenziale Applica i contenuti culturali in modo autonomo ma in contesti semplici Nessuna Applica le conoscenze in modo parziale e con incertezze in situazioni semplici e con integrazione dei saperi in modo saltuario Si orienta con autonomia in situazioni note e ripetitive; riesce a integrare parzialmente i saperi E autonomo nell applicazione delle conoscenze in situazioni non sempre note; riesce ad integrare adeguatamente i saperi Insufficiente BASE NON RAGGIUNTO Mediocre BASE Sufficiente BASE Discreto INTERMEDIO

15 Partecipazione attiva, costante e motivata Partecipazione costruttiva e responsabile Approfondite e complete Ampie, ben strutturare, complesse Sa applicare le conoscenze e le procedure acquisite anche in compiti complessi Evidenzia ottime capacità di osservazione, di astrazione e di valutazione E autonomo e consapevole nell applicazione delle conoscenze; rielabora criticamente effettuando collegamenti interdisciplinari E autonomo, in situazioni complesse, nuove e interdisciplinari; evidenzia capacità critiche e di valutazione Buono INTERMEDIO Ottimo Eccellente AVANZATO Attività integrative Nel corso dell anno scolastico sono state svolte le seguenti attività integrative in orario sia curricolare che extracurricolare: Tipo di attività Periodo Argomento/destinazione Ottobre -Corso di primo soccorso Incontri formativi Novembre Marzo Aprile - Carabinieri: cultura della legalità ed il rispetto delle regole - Guardia di Finanza - UNIMOL - Donazione sangue AVIS ( Mannarino, Picanza, Popa) Agosto Lourdes ( Mannarino, Lizzi, De Luca e Florio) Alternanza Lavoro Scuola- Settembre Malta ( Florio Alessia, De Luca Maria Antonietta, Picanza Giovanni, Di Luzio Rossella, Casolino Lara, Popa Cristian e Ferrieri Cinzia) Dicembre Valle D Aosta ( Ciavarra Genny) 15 Conoscenze, abilità, competenze e contenuti disciplinari ITALIANO Libro di testo: L ATTUALITA DELLA LETTERATURA Dall età postunitaria ai giorni nostri di G. Baldi-S. Giusso-M. Razetti-G. Zaccaria, vol. 3, Paravia 15

16 OBIETTIVI DISCIPLINARI PROGRAMMATI Educazione linguistica o Esporre un argomento letterario, culturale, professionale, con attenzione all'uso appropriato dei termini e alla corretta costruzione sintattica. o Migliorare la capacità di sintesi in relazione a testi e tematiche letterarie. o Guidare l allievo alla riflessione sulle caratteristiche sintattiche e sul lessico specifico dei differenti argomenti studiati, riguardino essi la letteratura, la cultura generale o tematiche professionalizzanti. o Stimolare una autonoma attività di ricerca e di approfondimento su varie fonti e mediante l uso di strumenti informatici e multimediali. Educazione letteraria Conoscenze o o o o Conoscere la biografia, la poetica, il contesto storico-culturale e il percorso letterario degli autori presi in esame Conoscere i nuclei tematici presenti nei testi esaminati Conoscere l evoluzione formale delle strutture e dei significati del romanzo del Novecento e le differenze con quello dell Ottocento Conoscere le principali caratteristiche stilistiche e linguistiche della poesia del Novecento Competenze o o o Saper analizzare i testi e saperli contestualizzare in relazione al periodo storico, alla corrente letteraria e alla poetica dell autore Saper individuare le diverse tipologie dei personaggi protagonisti delle opere analizzate Saper problematizzare i temi affrontati dagli autori nei loro scritti, riuscendo a cogliere analogie e differenze con le stringenti tematiche di attualità Abilità o o o Acquisire un criterio personale di rielaborazione dei contenuti Acquisire la capacità di analizzare e confrontare testi a livello tematico, formale e strutturale Acquisire la capacità di effettuare confronti e collegamenti tra autori OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Gli obiettivi prefissati all inizio dell anno scolastico sono stati raggiunti da tutta la classe in maniera differente: la maggior parte dei discenti ha raggiunto le conoscenze in modo discreto, cogliendo della disciplina i concetti in forma semplice e più complessa, mentre uno sparuto numero le possiede in maniera sufficiente, evidenziando un livello di apprendimento pienamente accettabile. Ottimo il livello per un allieva. 16

17 Competenze La maggior parte degli alunni riesce ad analizzare un testo in maniera discreta, a contestualizzarlo in riferimento al periodo storico-letterario e ad avere una visione adeguatamente critica e problematica dei temi affrontati. Qualcuno ha raggiunto tali competenze in modo pienamente sufficiente: difatti, pur riuscendo ad analizzare i testi in modo adeguato, trova qualche difficoltà nel cogliere gli aspetti critici e problematici delle tematiche trattate, avendo bisogno, per farlo, di essere guidato. Ottime le competenze per un allieva. Abilità Le capacità acquisite al termine del corso di studi rispecchiano esattamente il livello della classe riguardo alle competenze. Di conseguenza, la maggior parte degli allievi è in grado di analizzare i testi nei vari livelli, fare confronti e collegamenti tra gli autori e rielaborare i contenuti in maniera autonoma e personale. Un gruppo meno ampio, avendo qualche difficoltà a problematizzare, rivela lievi incertezze riguardo alla rielaborazione autonoma dei contenuti e la capacità di effettuare collegamenti e confronti tra gli autori. Ottime le capacità per un alunna. Contenuti Il Decadentismo G. Pascoli - G. D Annunzio- Le caratteristiche del romanzo di primo Novecento - Il romanzo e il racconto in Europa: La metamorfosi di F. Kafka e Gente di Dublino di J. Joyce - Ritratto d autore: Luigi Pirandello; Italo Svevo - Le linee generali della cultura europea tra le due guerre: le avanguardie e il Futurismo - Ritratto d autore: G. Ungaretti; E. Montale STORIA Libro di testo: Spazio storia - Il Novecento di V. Calvani, vol, 3, A. Mondadori Scuola OBIETTIVI PROGRAMMATI GENERALI o Favorire la comprensione del presente attraverso lo studio del passato. o Educare alla solidarietà attraverso la conoscenza della diversità dei popoli. o Acquisire consapevolezza della complessità degli eventi storici. DISCIPLINARI Conoscenze o Saper riconoscere la natura di un fatto o di un fenomeno storico-sociale, economico, politicoculturale e saperlo collocare in una prospettiva diacronica e sincronica. o Saper esporre i contenuti appresi in maniera chiara, ricca e precisa nel lessico. Competenze o Saper analizzare le cause, gli effetti e le trasformazioni di un fenomeno storico. o Saper cogliere ed utilizzare un linguaggio appropriato. o Saper individuare analogie e differenze tra gli eventi. Abilità o Saper produrre una sintetica comparazione tra passato e presente. o Saper rielaborare criticamente i dati della conoscenza operando collegamenti e approfondimenti. 17

18 OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Un discreto gruppo di alunni evidenzia una conoscenza completa degli argomenti e non solo limitata agli elementi essenziali; oltre a riconoscere i fenomeni storico-sociali, riesce anche a porli in una prospettiva diacronica e sincronica e ad esporli con sicurezza e proprietà di linguaggio. Il resto della classe, pur con qualche lieve difficoltà nell argomentazione, coglie in maniera pienamente sufficiente gli eventi, seppur manifestando qualche incertezza nei collegamenti diacronici e sincronici. Ottime le conoscenze per un allieva. Competenze Un discreto numero di alunni sa analizzare le cause, gli effetti e le trasformazioni di un fenomeno storico usando una terminologia appropriata. La restante parte della classe riesce a riferire solo i contenuti essenziali della disciplina, sa applicare le conoscenze acquisite in situazioni semplici e le sa sintetizzare, ma opportunamente sollecitato e guidato. Ottime le competenze per un allieva. Abilità La maggior parte degli allievi si attesta su un livello di discreto raggiungimento degli obiettivi prefissati, riguardo le capacità e sa esprimere valutazioni autonome, pur se parziali, di quanto studiato; la maggior parte di essi rivela qualche incertezza nel rielaborare criticamente i contenuti, limitandosi ad un esposizione pienamente sufficiente degli eventi, ma, per argomentare, ha bisogno di essere guidata. Solo qualche alunno è in grado di rielaborare autonomamente i fenomeni storici e di operare collegamenti interdisciplinari. Ottime le capacità per un allieva. Contenuti L Italia giolittiana - La prima guerra mondiale - La rivoluzione russa- Il dopoguerra e la grande crisi - Il fascismo in Italia- Il nazismo in Germania- La seconda guerra mondiale Linee generali sui principali avvenimenti verificatisi in Europa e nel mondo dal II dopoguerra in poi. MATEMATICA ED INFORMATICA Testo: Nuova Matematica a colori Leonardo Sasso Ed. Petrini OBIETTIVI PROGRAMMATI CONOSCENZE Conoscere gli elementi essenziali della disciplina Conoscere la terminologia specifica della disciplina Conoscere le procedure euristiche e quelle di soluzione dei problemi di natura matematica Conoscere le analogie tra le strutture studiate Conoscere i procedimenti di induzione e deduzione Comprendere il valore strumentale della matematica nelle situazioni concrete 18

19 COMPETENZE Utilizzare le conoscenze per produrre e risolvere problemi Utilizzare le conoscenze per risolvere formalismi Comprendere il senso dei formalismi matematici introdotti; Matematizzare adeguate situazioni problematiche in vari ambienti disciplinari Adoperare i metodi, linguaggi e gli strumenti matematici introdotti come strumenti di apprendimento e risoluzione di problemi ABILITA Utilizzare consapevolmente le procedure di calcolo studiate Rielaborare in modo critico le conoscenze acquisite Interpretare e trarre deduzioni Saper scegliere le più appropriate tecniche risolutive dei singoli problemi Saper svolgere un lavoro di analisi e sintesi Riconoscere le regole della logica e del corretto ragionare Affrontare le situazioni problematiche con un approccio logico deduttivo Utilizzare consapevolmente il linguaggio specifico della disciplina OBIETTIVI RAGGIUNTI Si premette che il raggiungimento dei seguenti obiettivi riguarda solo una parte della classe, per molti alunni, infatti, le carenze, le lacune pregresse, il poco impegno e la scarsa motivazione non hanno permesso il pieno conseguimento delle conoscenze, competenze ed abilità programmate. CONOSCENZE La classe risulta divisa in due componenti se si tiene conto sia delle capacità possedute sia dell impegno. Le conoscenze acquisite risultano generalmente mnemoniche e superficiali. Solo una parte della classe ha appreso gli elementi essenziali della disciplina ad un livello più che sufficiente. La conoscenza del linguaggio specifico della disciplina è mediamente sufficiente. COMPETENZE La maggior parte degli alunni ancora non utilizza al meglio le conoscenze per produrre o risolvere semplici problemi, pochi riescono ad analizzare problemi di maggiore complessità servendosi dei principi e dei concetti della disciplina. Una parte del gruppo classe è in grado di utilizzare i metodi, linguaggi e gli strumenti matematici per migliorare le tecniche di apprendimento e risolvere problemi di diversa natura. ABILITA Pochi sono gli studenti in grado di rielaborare criticamente le conoscenze acquisite, reinterpretandole anche in contesti diversi, di trarre deduzioni e scegliere le tecniche ed i procedimenti appropriati per la 19

20 risoluzione di problemi. Si riscontra una comune difficoltà ad organizzare ed esporre verbalmente i contenuti e, più in generale, una padronanza appena sufficiente del linguaggio specifico della disciplina. CONTENUTI SVOLTI MODULO 1 Equazioni e disequazioni - Equazioni e disequazioni di primo grado CONTENUTI Equazioni di primo grado Disequazioni di primo grado Disequazioni fratte Sistemi di disequazioni - Equazioni e disequazioni di secondo grado MODULO 2 Le funzioni e loro rappresentazione Equazioni di secondo grado Disequazioni di secondo grado Disequazioni fratte Sistemi di disequazioni - La funzione - Funzione retta - Funzione parabola - Funzione esponenziale Definizione di funzione; Definizione di dominio e di insieme delle immagini Funzione pari e dispari Classificazione delle funzioni analitiche; Funzioni razionali ed irrazionali Funzioni trascendenti Campo di esistenza di una funzione Studio del segno di una funzione Intersezione con gli assi cartesiani Crescenza e decrescenza (desunte dal grafico) Analisi di grafici di funzioni da cui dedurre le proprietà La retta e la sua rappresentazione La parabola e la sua rappresentazione La funzione esponenziale e sua rappresentazione 20

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza ALL. A Competenze chiave di cittadinanza Cosa sono Dove se ne parla Riferimenti europei L intreccio Nel dettaglio A cosa servono Cosa contrastare Come si acquisiscono Le competenze chiave di cittadinanza

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia Classe 2 a Tecnico dei Servizi Commerciali Sez. B Situazione iniziale della classe La classe poco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore Servizi SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI 1-2 Articolazioni 1-2 SERVIZI di ENOGASTRO- NOMIA SERVIZI di SALA e VEN-

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012/ 2013 Consiglio Classe I sezione B Data di approvazione 24/10/2012 Doc.:

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1-2- 3 A.S. 2015/ 2016 A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni classi quinte Periodo Primo Secondo Terzo Trimestre Contesto

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 3 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: REALIZZAZIONE DI UNA PROTESI PARZIALE MOILE IN RESINA CON GANCI A FILO, REALIZZAZIONE DI UN ELEMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli