DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S. 2014-2015"

Transcript

1 Istituto Professionale di Stato per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera con Istituto Professionale di Stato per le Attività Agricole FEDERICO DI SVEVIA Termoli Presidenza e Segreteria via Foce dell Angelo n 2 Tel Fax C.F DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE VC ACCOGLIENZA TURISTICA A.S

2 Scheda informativa generale INDICE 1. Premessa... p Profilo professionale: Tecnico dei Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera... p Quadro orario Tecnico dei Servizi per l Ospitalità Alberghiera.... p Stabilità e composizione del Consiglio di Classe p Composizione della classe: elenco alunni... p Crediti formativi pregressi e criteri per l attribuzione A.S. 2014/ p Criteri per l attribuzione del voto di condotta..p Verifiche effettuate nei confronti degli alunni con debito formativo. p Presentazione della classe Storia della classe p. 8 Caratteristiche della classe p. 8 Informazioni relative all ambito socio-economico e culturale di provenienza. p. 9 Situazione di partenza.... p. 9 Frequenza, partecipazione ed impegno.. p. 9 Progressi in relazione alla situazione di partenza.... p Indicazioni sugli esami e simulazioni.. p Programmazione didattica della classe Competenze di Cittadinanza Trasversali..... p. 1a Competenze professionali.. p. 11 Obiettivi raggiunti in termine di conoscenze, abilità e competenze.. p Organizzazione delle attività per il raggiungimento delle competenze Metodi generali di insegnamento del Consiglio di Classe. p. 14 Mezzi.. p. 14 Spazi... p. 14 Tempi. p. 14 Verifiche.. p Griglia di valutazione. p Attività integrative.. p Conoscenze, abilità, competenze e contenuti disciplinari Italiano... p. 15 Storia, Cittadinanza e Costituzione..... p. 17 Matematica...p. 18 Inglese. p. 21 Francese. p. 24 Scienza e Cultura dell Alimentazione p.25 Diritto e Tecniche Amministrative della Struttura Ricettiva... p. 28 2

3 Laboratorio dei Servizi Accoglienza Turistica... p. 31 Tecniche di Comunicazione e Relazione p. 33 Scienze motorie e Sportive.. p. 36 Religione. p Alternanza scuola-lavoro p. 37 Il Consiglio di Classe..p.39 ALLEGATO A Griglie di valutazione prima prova scritta: Italiano Tipologia A: ANALISI DEL TESTO Tipologia B: SAGGIO BREVE ARTICOLO DI GIORNALE Tipologia C: TEMA DI ARGOMENTO STORICO Tipologia D: TEMA DI ARGOMENTO GENERALE ALLEGATO B Griglie di valutazione seconda prova scritta: Diritto e Tecniche Amministrative della Struttura Ricettiva ALLEGATO B1 Griglie di valutazione seconda prova scritta - Tipologia tema più due quesiti ALLEGATO B2 Griglie di valutazione seconda prova scritta - Tipologia tema più un quesito ALLEGATO C Griglia di valutazione terza prova scritta ALLEGATO D Griglia di valutazione colloquio ALLEGATO E Prima simulazione terza prova d esame Frontespizio - Storia - Laboratorio Accoglienza Turistica - Tecniche della Comunicazione e Relazione - Scienze e Cultura dell Alimentazione - Inglese ALLEGATO E1 Seconda simulazione terza prova d esame Frontespizio - Storia - Laboratorio Accoglienza Turistica - Tecniche della Comunicazione e Relazione - Scienze e Cultura dell Alimentazione - Inglese ALLEGATO F - RELAZIONE DI PRESENTAZIONE DELL ALLIEVA CON PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA INDIVIDUALIZZATA - RICHIESTA DI PROVE COERENTI CON IL PERCORSO DIDATTICO DIFFERENZIATO EFFETTUATO DAL CANDIDATO - PROVE DIFFERENZIATE : I PROVA scritta di Italiano, II PROVA scritta di Diritto e Tecniche Amm.ve della Struttura Ricettiva, III PROVA di Inglese, Storia, Laboratorio Accoglienza Turistica, Tecniche della comunicazione, Scienza e Cultura dell Alimentazione - GRIGLIE DI VALUTAZIONE PROVE DIFFERENZIATE 3

4 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE 1 Premessa La classe 5^C si è formata nell'anno scolastico 2012/2013 come classe 3 Accoglienza Turistica e rientra nel piano della riforma ministeriale del Profilo professionale: Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera al termine del percorso quinquennale ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell enogastronomia e dell ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi. Egli è in grado di: -utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l organizzazione della commercializzazione dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalità; -organizzare attività di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane; -applicare le norme attinenti la conduzione dell esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro; -utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all ottimizzazione della qualità del servizio; -comunicare in almeno due lingue straniere; -reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi; -attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici; -curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti; documentare il proprio lavoro e redigere relazioni tecniche. Nella filiera dell enogastronomia: -agisce nel sistema di qualità per la trasformazione, conservazione, presentazione e servizio dei prodotti agroalimentari; -integra le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche e comunicative; -opera nel sistema produttivo sia promuovendo le tradizioni locali, nazionali ed internazionali sia individuando le nuove; -tendenze enogastronomiche. Nella filiera dell ospitalità alberghiera: -svolge attività operative e gestionali funzionali all amministrazione, produzione, erogazione e vendita dei servizi. 4

5 3 Quadro orario Tecnico dei Servizi per l Ospitalità Alberghiera MATERIA D INSEGNAMENTO 5^ SC./OR./PRAT./TEORICO AREA COMUNE ITALIANO 4 S. O. STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE 2 O. MATEMATICA 3 S. O. 1^ LINGUA STRANIERA INGLESE 3 S. O. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 2 P. RELIGIONE 1 AREA DI INDIRIZZO 2^ LINGUA STRANIERA FRANCESE 3 S. O. SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE 2 S. O. DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA 6 S. O. LABORATORIO DEI SERVIZI ACCOGLIENZA TURISTICA 4 P.T. TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE 2 T. ORE COMPLESSIVE 32 4 Stabilità e composizione del Consiglio di Classe Docente FORCHETTI Rosina Continuità didattica Materia Classe IV Classe V Italiano Sì Sì Storia Sì Sì D AGOSTINO Mariantonietta Matematica Sì Sì CROCE Antonio Inglese Sì Sì DI DONATO Maria Francese Sì Sì PISTILLI Francesca Scienza e cultura dell alimentazione No Sì CORDISCO Paolo Diritto e tecniche amm.ve struttura ricettiva Sì Sì RAHO Katja Tecniche di comunicazione Sì Sì D ALESSANDRO Pasqualina TSPO Sì Sì MASCELLARO Dario Scienze motorie No Sì GRAFONE Cinzia Paola Sostegno Sì Sì COLECCHIA Rita Religione Sì Sì 5

6 5 Composizione della classe: elenco alunni ALUNNI (Cognome e Nome) DATI ANAGRAFICI (Anno di nascita) Provenienza 1.AUGELLI ALFREDO Omissis Omissis 2.BENVENUTO CONCETTA ANTONIA Omissis Omissis 3.CASOLINO LARA Omissis Omissis 4.CIAVARRA GENNY Omissis Omissis 5.COSTANTINO MARA Omissis Omissis 6.DE LUCA MARIA ANTONIETTA Omissis Omissis 7.DI LUZIO ROSSELLA Omissis Omissis 8.FERRIERI CINZIA Omissis Omissis 9.FLORIO ALESSIA Omissis Omissis 10.LIZZI PAOLO Omissis Omissis 11.MANNARINO FRANCESCO ROSARIO Omissis Omissis 12.PICANZA GIOVANNI Omissis Omissis 13.PIETROSINO LIANA Omissis Omissis 14.POPA CRISTIAN ALPAR Omissis Omissis 6 Crediti formativi pregressi e criteri per l attribuzione A.S. 2014/2015 ALLIEVI (COGNOME E NOME) CREDITO SCOLASTICO a.s. a.s. a.s. Totale 11/ / /14 1.AUGELLI ALFREDO BENVENUTO CONCETTA ANTONIA 3.CASOLINO LARA CIAVARRA GENNY COSTANTINO MARA DE LUCA MARIA ANTONIETTA 7.DI LUZIO ROSSELLA FERRIERI CINZIA FLORIO ALESSIA LIZZI PAOLO MANNARINO FRANCESCO ROSARIO 12.PICANZA GIOVANNI PIETROSINO LIANA

7 14.POPA ALPAR CRISTIAN Per l attribuzione del credito allo scrutinio finale si terrà conto della seguente tabella inserita nel POF: CLASSE QUINTA Media dei voti Punti di credito M = < M < M < M < M Relativamente all attribuzione del credito formativo per l anno scolastico 2014/2015 sono riconosciute, nei limiti della banda di oscillazione, tutte le attività extracurricolari certificate di rilevanza culturale e sociale purché svolte per un numero di ore non inferiore a Criteri per l attribuzione del voto di condotta Per l attribuzione del voto di condotta e del credito formativo si fa riferimento ai criteri di valutazione stabiliti con delibera nr. 163 del del Collegio Docenti e alla tabella che segue. Il voto di condotta viene attribuito dal consiglio di classe in base ai seguenti criteri: rispetto del Patto educativo di corresponsabilità e del regolamento di istituto, frequenza delle lezioni e puntualità, rispetto degli impegni scolastici e partecipazione alle lezioni, collaborazione con insegnanti, compagni e tutto il personale scolastico come previsto dal POF. Si propone pertanto la seguente griglia di valutazione per garantire uniformità nell attribuzione del voto di condotta nei diversi consigli di classe: Indicatori Valutazione Scrupoloso rispetto del regolamento di Istituto Rispetto degli altri e dell Istituzione scolastica Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate giustificate Interesse e partecipazione propositiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo propositivo all interno della classe e ottima socializzazione Rispetto del regolamento di Istituto Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate giustificate Costante adempimento dei doveri scolastici Interesse e partecipazione attiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo positivo e collaborazione nel gruppo classe Osservazione regolare delle norme fondamentali relative alla vita scolastica Alcune assenze, ritardi e/o uscite anticipate giustificate Svolgimento regolare dei compiti assegnati Discreta attenzione e partecipazione alle attività scolastiche Correttezza nei rapporti interpersonali Ruolo collaborativo a funzionamento del gruppo classe Episodi limitati e non gravi di mancato rispetto del regolamento scolastico Ricorrenti assenze ritardi e/o uscite anticipate Saltuario svolgimento dei compiti assegnati

8 Partecipazione discontinua all attività didattica Interesse selettivo Rapporti sufficientemente collaborativi con la comunità scolastica Episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico, anche soggetti a sanzioni disciplinari Frequenti assenze e numerosi ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Scarsa partecipazione alle lezioni e disturbo dell attività didattica Disinteresse per alcune discipline Rapporti problematici con la comunità scolastica Mancato rispetto del regolamento scolastico Gravi episodi che hanno dato luogo a sanzioni disciplinari Numerose assenze e continui ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Continuo disturbo delle lezioni Completo disinteresse per le attività didattiche Comportamento scorretto nel rapporto con insegnanti e compagni Funzione negativa nel gruppo classe Verifiche effettuate nei confronti degli alunni con debito formativo Per il recupero dei debiti degli ammessi con giudizio sospeso alla classe V non sono stati attivati corsi di recupero nel mese di Giugno/Luglio 2014, per cui gli alunni hanno provveduto per conto loro allo studio finalizzato al recupero delle carenze disciplinari. A partire dal 27 agosto e fino alla fine del mese si sono sostenuti gli esami, sia scritti che orali, con i relativi scrutini finali. Il recupero dei debiti alla fine del Trimestre è stato svolto in itinere all inizio del Pentamestre e, a scelta, si è potuto far ricorso anche allo sportello didattico. Alla fine dell attività di recupero ogni disciplina, per la valutazione finale, ha provveduto a svolgere verifiche scritte e/o orali per la valutazione. 9 Presentazione della classe Storia La classe 5^C è costituita dagli allievi che hanno frequentato la classe III C Indirizzo Accoglienza Turistica nell anno scolastico La disponibilità al dialogo educativo e l impegno domestico profuso, pur con le differenze del caso, hanno permesso a tutti i frequentanti di raggiungere la qualifica di operatore Servizi di Accoglienza Turistica in regime transitoria ; un alunna è riuscita a conseguirla con il massimo del punteggio. Sia nel corso del terzo anno che del quarto gli allievi hanno sempre avuto un comportamento generalmente corretto e rispettoso delle regole del vivere civile e l impegno scolastico è stato, nella media, discreto. Nell a. s si è aggiunto alla classe un allievo ripetente la classe quinta. Caratteristiche L attuale 5^ C - Indirizzo Accoglienza Turistica - è formata da 14 alunni, di cui 13 provenienti dalla classe IV C e uno ripetente. Sono stati inseriti in una classe articolata costituita dai suddetti allievi e quelli della VE Indirizzo Sala e Vendita. Il gruppo classe VC si presenta disomogeneo relativamente ai livelli di partenza e ai ritmi di apprendimento; le competenze maturate sono diversificate : sufficienti per alcuni, discrete per la maggior parte degli allievi e buone per qualche elemento. 8

9 In classe è presente un alunna con disabilità tutelata dalla legge 104, per la quale è stata predisposta una programmazione differenziata, che è stata seguita dall insegnante di sostegno per un totale di 18 ore settimanali. Quattro allievi hanno partecipato all attività di alternanza scuola-lavoro che si è svolta a Lourdes nel mese di agosto 2014 per una settimana e sette allievi a quella svolta, nel mese di settembre 2014, a Malta della durata di un mese. Informazioni relative all'ambito socio - economico e culturale di provenienza La provenienza degli alunni è eterogenea: provengono dalla provincia di Chieti, Campobasso e Foggia. L ambiente familiare e sociale degli allievi risulta essere poco stimolante sul piano culturale. Qualche alunno ha già intrapreso esperienze di tipo lavorativo che, se da un lato hanno sicuramente penalizzato il tempo da dedicare allo studio domestico, dall altro lato possono essere considerati come valore aggiunto alle competenze scolastiche, favorendo il processo complessivo di maturazione. Situazione di partenza Come si evince dalla tabella relativa ai docenti, la classe ha avuto la continuità didattica per la maggior parte delle discipline. Ciò ha permesso di continuare il percorso educativo e didattico intrapreso nel precedente anno scolastico. Gli allievi provenienti dalla IV C avevano instaurato e hanno continuato a mantenere rapporti abbastanza positivi e collaborativi sia tra di loro che con i docenti e hanno accolto educatamente l allievo ripetente proveniente dalla V C dello scorso anno scolastico. Quasi tutti gli alunni lavorano con costanza e diligenza, partecipano attivamente al dialogo educativo e svolgono assiduamente il lavoro domestico. Il livello di partenza rilevato è nella media discreto, quanto a conoscenze ed abilità: nella classe è presente un gruppo di alunni che riesce a conseguire risultati discreti e/o buoni, un gruppo il cui livello è sufficiente, mentre solo un numero esiguo di allievi riesce a conseguire risultati mediocri/ sufficienti. Da un punto di vista strettamente comportamentale la classe si presenta rispettosa delle regole e particolarmente disponibile nei confronti dei compagni in difficoltà. In riferimento all atteggiamento nei confronti delle singole discipline e della partecipazione la classe risulta motivata all apprendimento, la frequenza è in generale abbastanza assidua, l impegno è costante per la maggior parte degli allievi. In particolare si sono riscontrate: - per l area linguistica a livello grammaticale, lessicale ed espositivo qualche elemento ha evidenziato lacune dovute a una modesta preparazione di base e al superficiale impegno nello studio, per la maggior parte le capacità sono discrete e per un paio di allievi buone/ottime; - per l area logico-matematica gli allievi manifestano abilità di base diversificate, con inadeguate conoscenze dei linguaggi specifici; - per l area professionalizzante i risultati si attestano su livelli diversi: un piccolo gruppo di allievi consegue risultati buoni, quello più numeroso si attesta su un livello discreto/sufficiente. Frequenza, partecipazione ed impegno La frequenza all attività didattica è stata regolare per quasi tutti gli allievi, infatti pochi hanno registrato un elevato numero di assenze. Nella partecipazione al dialogo educativo gli studenti si sono dimostrati propensi all ascolto e attivi nell atteggiamento. Nell impegno personale, nello svolgimento del lavoro domestico, nella ricerca di un buon grado di autonomia e di capacità critica la classe ha sempre evidenziato impegno e volontà per 9

10 superare le difficoltà incontrate, condizionate, in genere, da lacune pregresse per alcuni. Tutto il gruppo di allievi ha partecipato alle attività dimostrando impegno ed interesse in tutte le discipline. Progressi in relazione alla situazione di partenza I risultati raggiunti dalla classe, relativamente al profitto e ai progressi realizzati, possono ritenersi nel complesso mediamente discreti rapportati al livello delle conoscenze di base, alle capacità ed attitudini di ciascuno, ai ritmi di apprendimento ed ai disagi sostenuti da alcuni a causa di particolari situazioni personali. Si evidenziano casi di buoni/ottimi livelli, grazie all interesse, all impegno e all approfondimento dei contenuti acquisiti e alle abilità di fare sintesi, creare collegamenti interdisciplinari e rielaborare personalmente gli argomenti proposti. 10 Indicazioni sugli esami e simulazioni Sin dall inizio dell anno sono state fornite tutte le informazioni necessarie sugli Esami di Stato e sono state effettuate esercitazioni scritte ed orali conformi alle metodologie previste. Sono state inoltre effettuate le seguenti prove di simulazione: - tre simulazioni della prima prova scritta di Italiano - due simulazioni della seconda prova scritta di diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva - due simulazioni della terza prova scritta riguardanti le seguenti discipline: 1^ simulazione: Inglese, Scienza e cultura dell alimentazione, Tecniche di comunicazione e Accoglienza turistica; 2^ simulazione: Inglese, Scienza e cultura dell alimentazione, Tecniche di comunicazione e Accoglienza turistica; -una simulazione della prova orale effettuata in data , alla presenza dei docenti di Italiano e Storia, Inglese, Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Scienza e cultura dell alimentazione, Accoglienza Turistica e Tecniche della Comunicazione. Sulla base degli esempi di seconda prova scritta, indicati dal Miur in data 06 maggio 2015 e secondo la circolare n.1 del 29 gennaio 2015 prot. N. 758 che esplicita la struttura della seconda prova scritta per gli istituti professionali settore servizi -, si allegano al documento due griglie di valutazione per le seguenti tipologie di prova: - tema più un quesito a scelta del candidato - tema più due quesiti a scelta del candidato. Per queste ultime tipologie di prova gli allievi si sono esercitati nell ultimo periodo lavorando sia in classe che a casa. Per quanto riguarda la terza prova scritta, sono state utilizzate le seguenti tipologie per tutte e cinque le discipline: quattro quesiti a risposta singola; due quesiti a risposta breve. Per la lingua inglese i quattro quesiti a risposta chiusa e la prima domanda a risposta aperta sono relativi alla comprensione del testo, la seconda domanda a risposta aperta è di studio. Per l allieva con programmazione differenziata sono state somministrate prove di simulazione differenziate con relative valutazioni allegate al presente documento. Per la valutazione di tutte le prove, sia scritte che orali, sono state utilizzate le griglie allegate al presente documento. 10

11 11 Programmazione didattica della classe COMPETENZE DI CITTADINANZA TRASVERSALI IL SE Imparare a Imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale) anche in funzione dei tempi disponibili delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro Progettare: elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti RELAZIONE CON GLI ALTRI Comunicare comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali); - rappresentare eventi, fenomeni,principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti Collaborare e Partecipare interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. Agire in modo Autonomo e Responsabile sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità. RAPPORTO CON LA REALTA NATURALE E SOCIALE Risolvere problemi affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. Individuare collegamenti e relazioni individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti. collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e a loro natura probabilistica Acquisire ed interpretare l informazione acquisire ed interpretare criticamente informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l attendibilità e utilità, distinguendo fatti e opinioni. COMPETENZE PROFESSIONALI Generali di indirizzo 1. Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. 2. Utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. 3. Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. 4. Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. 11

12 5. Applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. 6. Attuare strategie di pianificazione, compensazione, monitoraggio per ottimizzare la produzione di beni e servizi in relazione al contesto. 7. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Relative all articolazione Accoglienza turistica 1. Utilizzare le tecniche di promozione, vendita, commercializzazione, assistenza, informazione e intermediazione turistico-alberghiera. 2. Adeguare la produzione e la vendita dei servizi di accoglienza e ospitalità in relazione alle richieste dei mercati e della clientela. 3. Promuovere e gestire i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione dei servizi turistici per valorizzare le risorse ambientali, storico-artistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio. 4. Sovrintendere all organizzazione dei servizi di accoglienza e di ospitalità, applicando le tecniche di gestione economica e finanziaria alle aziende turistico-alberghiere OBIETTIVI RAGGIUNTI IN TERMINE DI CONOSCENZE, ABILITA E COMPETENZE Gli allievi hanno raggiunto un livello di autonomia appena sufficiente, iniziando a sviluppare una personalità più consapevole e matura. Un esiguo numero di alunni ha arricchito le proprie doti progettuali con valori di etica professionale; la rimanente parte ha mantenuto atteggiamenti di sufficiente responsabilità e interesse. CONOSCENZE La maggior parte degli alunni conosce in maniera appena sufficiente e in forma semplice i contenuti essenziali della maggior parte delle discipline, altri conservano qualche lacuna legata alle carenze pregresse o all inadeguatezza del metodo di studio, un esiguo gruppo invece dimostra di padroneggiare le conoscenze in modo abbastanza positivo. Conoscono in maniera appena sufficiente le strutture, funzioni e relazioni presenti nella comunicazione linguistico-letteraria ed in quella scientifico-professionale. ABILITA Alcuni allievi hanno iniziato ad utilizzare in modo semplice le conoscenze acquisite in ambiti diversi da quello propriamente scolastico, sono in grado di scegliere tecniche e procedimenti per risolvere problemi relativi all area di indirizzo, applicando con flessibilità e senso critico le conoscenze e le competenze maturate. Gli allievi dimostrano un lieve miglioramento nelle abilità espressive e nella comprensione e soluzione dei problemi e, se guidati, riescono a decontestualizzare. Sufficiente, ma non per tutti, risulta l acquisizione delle abilità tecnico-pratiche, specifiche delle discipline tecnico-professionali. La classe inoltre ha solo iniziato a perfezionare la capacità di considerare in modo critico fatti ed eventi, perfezionando solo parzialmente le proprie capacità logico deduttive; se guidata, è in grado di cogliere gli aspetti essenziali dell organizzazione e gestione di un azienda ristorativa e i rapporti con le diverse realtà produttive. Quasi tutti i discenti sono in grado di stabilire rapporti interpersonali improntati al rispetto di se stessi e degli altri, al dialogo e alla tolleranza, denotando una certa maturazione della coscienza civica. 12

13 COMPETENZE Tutti gli allievi comprendono messaggi semplici, espressi attraverso i diversi canali comunicativi e qualcuno comunica in lingua straniera anche in contesti professionali. Pochi allievi conoscono ed utilizzano in modo appropriato i linguaggi specifici delle singole discipline e utilizzano le conoscenze acquisite riportandole in semplici contesti e, talvolta, in situazioni diverse. Analizzano dati e stabiliscono relazioni ciascuno secondo le proprie capacità. 12 Organizzazione dell attività per il raggiungimento delle competenze Per il conseguimento delle competenze sono stati messe in atto le seguenti strategie: - Controllare e correggere i compiti assegnati, attivando l attenzione e la riflessione sugli errori ortografici e di contenuto. - Stimolare l interesse per la migliore comprensione dei nuclei fondanti delle discipline - Utilizzare metodi comunicativi chiari. - Favorire un clima equilibrato e costruttivo, in classe, durante le attività pratiche e in tutte le altre situazioni comunicative che avvengono nell ambito scolastico. - Stimolare l attitudine ad ascoltare, fare domande, esprimere il proprio punto di vista. - Stimolare la partecipazione consapevole alle discussioni, al lavoro di gruppo. - Pretendere la chiarezza espositiva, molto semplice ed elementare in un primo tempo e via via più complessa e ricca di termini e costrutti. - Sviluppare e potenziare il lessico specifico, pretendendo l esattezza nell uso dei termini e nella definizione dei concetti. - Esigere la puntualità e la precisione nel lavoro individuale e di gruppo, scolastico e domestico; - Proporsi come un modelli per la puntualità e il rispetto dei regolamenti dell Istituto - Sollecitare la capacità di rispettare gli impegni assunti. - Controllare il rispetto degli orari all inizio delle lezioni e durante i cambi dell ora. - Controllare la consegna delle giustificazioni tutte le mattine alla prima ora. - Informare tempestivamente la famiglia in caso di ripetuti ritardi o mancate giustificazioni. - Pretendere il rispetto della persona col dialogo, la persuasione, la tolleranza, la disponibilità all ascolto, la fermezza e la coerenza. - Convocare le famiglie nel caso ci siano atteggiamenti anomali o segnali di inquietudine e malessere. - Non adottare o minacciare di adottare provvedimenti disciplinari sproporzionati o insostenibili. - Dare valore e credibilità alle note sul registro - Pretendere il rispetto del patrimonio e degli spazi comuni. - Pretendere un abbigliamento decoroso - Partire da compiti di realtà. - Favorire la partecipazione propositiva alle attività didattiche. - Utilizzare spesso il lavoro di gruppo. - Stimolare la curiosità. CONOSCENZE E ABILITA Per il conseguimento delle conoscenze e lo sviluppo delle abilità sono state messe in atto le seguenti strategie: verifiche scritte e orali frequenti e regolari, rivolte a tutta la classe, su argomenti chiave; approfondimenti e chiarimenti del testo con informazioni orali supplementari; accertamento durante la lezione di una corretta ricezione e annotazione di terminologie specifiche; organizzazione di lavori di gruppo, anche al fine di educare all ascolto e al rispetto dell opinione altrui. 13

14 Inoltre, per potenziare le conoscenze, le abilità e le competenze sono stati affrontati percorsi interdisciplinari relativamente all evoluzione delle abitudini alimentari nel 900, per le discipline di italiano, storia, alimentazione e inglese, e La gestione di un ristorante, per cucina. - Metodi generali di insegnamento del Consiglio di Classe Al fine di perseguire gli obiettivi programmati, i docenti hanno messo in atto lezioni frontali e interattive, lavori individuali e di gruppo, momenti di approfondimento e recupero, mappe concettuali, situazioni da analizzare e risolvere mediante il problem solving, verifiche formative e sommative, esercitazioni pratiche. - Mezzi Relativamente al materiale gli strumenti utilizzati sono i testi in uso, estratti da altri testi, vocabolari, audio e videocassette, libri di narrativa presi in prestito dalla biblioteca d istituto, giornali, testi di ricerca e consultazione, supporti informatici. - Spazi: Aula, sala audiovisiva, laboratori. - Tempi Lo svolgimento dei programmi è stato impostato secondo la didattica per unità di apprendimento. - Verifiche Gli strumenti utilizzati dai docenti per accertare il grado di acquisizione delle conoscenze e il possesso delle competenze sono stati test, questionari, relazioni, temi, saggi brevi, traduzioni, articoli di giornale, analisi testuale, risoluzione di problemi ed esercizi, sviluppo di progetti, interrogazioni, prove pratiche, test motori, osservazioni sul comportamento di lavoro (partecipazione, impegno, metodo di studio e di lavoro, etc.), verifiche orali, prove strutturate o semi-strutturate, tema - saggio (argomentativo). 13 Griglia di valutazione utilizzata come previsto dal POF Per l uso dei voti dall 1 al 10. Partecipazione ed impegno GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER COMPETENZE Conoscenze Abilità Competenze Giudizio Voto Inadeguati Esigue Nessuna Nessuna Scarso 1-2 Demotivazione, scarsa collaborazione Partecipazione poco attiva Partecipazione costante impegno adeguato Partecipazione e impegno sistematici Lacunose, scarse Parziali e superficiali Essenziali Approfondite ma non complete Gravi difficoltà a rielaborare le scarse conoscenze acquisite Incerta autonomia nell organizzazione del lavoro Utilizza i contenuti culturali acquisiti in maniera essenziale Applica i contenuti culturali in modo autonomo ma in contesti semplici Nessuna Applica le conoscenze in modo parziale e con incertezze in situazioni semplici e con integrazione dei saperi in modo saltuario Si orienta con autonomia in situazioni note e ripetitive; riesce a integrare parzialmente i saperi E autonomo nell applicazione delle conoscenze in situazioni non sempre note; riesce ad integrare adeguatamente i saperi Insufficiente BASE NON RAGGIUNTO Mediocre BASE Sufficiente BASE Discreto INTERMEDIO

15 Partecipazione attiva, costante e motivata Partecipazione costruttiva e responsabile Approfondite e complete Ampie, ben strutturare, complesse Sa applicare le conoscenze e le procedure acquisite anche in compiti complessi Evidenzia ottime capacità di osservazione, di astrazione e di valutazione E autonomo e consapevole nell applicazione delle conoscenze; rielabora criticamente effettuando collegamenti interdisciplinari E autonomo, in situazioni complesse, nuove e interdisciplinari; evidenzia capacità critiche e di valutazione Buono INTERMEDIO Ottimo Eccellente AVANZATO Attività integrative Nel corso dell anno scolastico sono state svolte le seguenti attività integrative in orario sia curricolare che extracurricolare: Tipo di attività Periodo Argomento/destinazione Ottobre -Corso di primo soccorso Incontri formativi Novembre Marzo Aprile - Carabinieri: cultura della legalità ed il rispetto delle regole - Guardia di Finanza - UNIMOL - Donazione sangue AVIS ( Mannarino, Picanza, Popa) Agosto Lourdes ( Mannarino, Lizzi, De Luca e Florio) Alternanza Lavoro Scuola- Settembre Malta ( Florio Alessia, De Luca Maria Antonietta, Picanza Giovanni, Di Luzio Rossella, Casolino Lara, Popa Cristian e Ferrieri Cinzia) Dicembre Valle D Aosta ( Ciavarra Genny) 15 Conoscenze, abilità, competenze e contenuti disciplinari ITALIANO Libro di testo: L ATTUALITA DELLA LETTERATURA Dall età postunitaria ai giorni nostri di G. Baldi-S. Giusso-M. Razetti-G. Zaccaria, vol. 3, Paravia 15

16 OBIETTIVI DISCIPLINARI PROGRAMMATI Educazione linguistica o Esporre un argomento letterario, culturale, professionale, con attenzione all'uso appropriato dei termini e alla corretta costruzione sintattica. o Migliorare la capacità di sintesi in relazione a testi e tematiche letterarie. o Guidare l allievo alla riflessione sulle caratteristiche sintattiche e sul lessico specifico dei differenti argomenti studiati, riguardino essi la letteratura, la cultura generale o tematiche professionalizzanti. o Stimolare una autonoma attività di ricerca e di approfondimento su varie fonti e mediante l uso di strumenti informatici e multimediali. Educazione letteraria Conoscenze o o o o Conoscere la biografia, la poetica, il contesto storico-culturale e il percorso letterario degli autori presi in esame Conoscere i nuclei tematici presenti nei testi esaminati Conoscere l evoluzione formale delle strutture e dei significati del romanzo del Novecento e le differenze con quello dell Ottocento Conoscere le principali caratteristiche stilistiche e linguistiche della poesia del Novecento Competenze o o o Saper analizzare i testi e saperli contestualizzare in relazione al periodo storico, alla corrente letteraria e alla poetica dell autore Saper individuare le diverse tipologie dei personaggi protagonisti delle opere analizzate Saper problematizzare i temi affrontati dagli autori nei loro scritti, riuscendo a cogliere analogie e differenze con le stringenti tematiche di attualità Abilità o o o Acquisire un criterio personale di rielaborazione dei contenuti Acquisire la capacità di analizzare e confrontare testi a livello tematico, formale e strutturale Acquisire la capacità di effettuare confronti e collegamenti tra autori OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Gli obiettivi prefissati all inizio dell anno scolastico sono stati raggiunti da tutta la classe in maniera differente: la maggior parte dei discenti ha raggiunto le conoscenze in modo discreto, cogliendo della disciplina i concetti in forma semplice e più complessa, mentre uno sparuto numero le possiede in maniera sufficiente, evidenziando un livello di apprendimento pienamente accettabile. Ottimo il livello per un allieva. 16

17 Competenze La maggior parte degli alunni riesce ad analizzare un testo in maniera discreta, a contestualizzarlo in riferimento al periodo storico-letterario e ad avere una visione adeguatamente critica e problematica dei temi affrontati. Qualcuno ha raggiunto tali competenze in modo pienamente sufficiente: difatti, pur riuscendo ad analizzare i testi in modo adeguato, trova qualche difficoltà nel cogliere gli aspetti critici e problematici delle tematiche trattate, avendo bisogno, per farlo, di essere guidato. Ottime le competenze per un allieva. Abilità Le capacità acquisite al termine del corso di studi rispecchiano esattamente il livello della classe riguardo alle competenze. Di conseguenza, la maggior parte degli allievi è in grado di analizzare i testi nei vari livelli, fare confronti e collegamenti tra gli autori e rielaborare i contenuti in maniera autonoma e personale. Un gruppo meno ampio, avendo qualche difficoltà a problematizzare, rivela lievi incertezze riguardo alla rielaborazione autonoma dei contenuti e la capacità di effettuare collegamenti e confronti tra gli autori. Ottime le capacità per un alunna. Contenuti Il Decadentismo G. Pascoli - G. D Annunzio- Le caratteristiche del romanzo di primo Novecento - Il romanzo e il racconto in Europa: La metamorfosi di F. Kafka e Gente di Dublino di J. Joyce - Ritratto d autore: Luigi Pirandello; Italo Svevo - Le linee generali della cultura europea tra le due guerre: le avanguardie e il Futurismo - Ritratto d autore: G. Ungaretti; E. Montale STORIA Libro di testo: Spazio storia - Il Novecento di V. Calvani, vol, 3, A. Mondadori Scuola OBIETTIVI PROGRAMMATI GENERALI o Favorire la comprensione del presente attraverso lo studio del passato. o Educare alla solidarietà attraverso la conoscenza della diversità dei popoli. o Acquisire consapevolezza della complessità degli eventi storici. DISCIPLINARI Conoscenze o Saper riconoscere la natura di un fatto o di un fenomeno storico-sociale, economico, politicoculturale e saperlo collocare in una prospettiva diacronica e sincronica. o Saper esporre i contenuti appresi in maniera chiara, ricca e precisa nel lessico. Competenze o Saper analizzare le cause, gli effetti e le trasformazioni di un fenomeno storico. o Saper cogliere ed utilizzare un linguaggio appropriato. o Saper individuare analogie e differenze tra gli eventi. Abilità o Saper produrre una sintetica comparazione tra passato e presente. o Saper rielaborare criticamente i dati della conoscenza operando collegamenti e approfondimenti. 17

18 OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Un discreto gruppo di alunni evidenzia una conoscenza completa degli argomenti e non solo limitata agli elementi essenziali; oltre a riconoscere i fenomeni storico-sociali, riesce anche a porli in una prospettiva diacronica e sincronica e ad esporli con sicurezza e proprietà di linguaggio. Il resto della classe, pur con qualche lieve difficoltà nell argomentazione, coglie in maniera pienamente sufficiente gli eventi, seppur manifestando qualche incertezza nei collegamenti diacronici e sincronici. Ottime le conoscenze per un allieva. Competenze Un discreto numero di alunni sa analizzare le cause, gli effetti e le trasformazioni di un fenomeno storico usando una terminologia appropriata. La restante parte della classe riesce a riferire solo i contenuti essenziali della disciplina, sa applicare le conoscenze acquisite in situazioni semplici e le sa sintetizzare, ma opportunamente sollecitato e guidato. Ottime le competenze per un allieva. Abilità La maggior parte degli allievi si attesta su un livello di discreto raggiungimento degli obiettivi prefissati, riguardo le capacità e sa esprimere valutazioni autonome, pur se parziali, di quanto studiato; la maggior parte di essi rivela qualche incertezza nel rielaborare criticamente i contenuti, limitandosi ad un esposizione pienamente sufficiente degli eventi, ma, per argomentare, ha bisogno di essere guidata. Solo qualche alunno è in grado di rielaborare autonomamente i fenomeni storici e di operare collegamenti interdisciplinari. Ottime le capacità per un allieva. Contenuti L Italia giolittiana - La prima guerra mondiale - La rivoluzione russa- Il dopoguerra e la grande crisi - Il fascismo in Italia- Il nazismo in Germania- La seconda guerra mondiale Linee generali sui principali avvenimenti verificatisi in Europa e nel mondo dal II dopoguerra in poi. MATEMATICA ED INFORMATICA Testo: Nuova Matematica a colori Leonardo Sasso Ed. Petrini OBIETTIVI PROGRAMMATI CONOSCENZE Conoscere gli elementi essenziali della disciplina Conoscere la terminologia specifica della disciplina Conoscere le procedure euristiche e quelle di soluzione dei problemi di natura matematica Conoscere le analogie tra le strutture studiate Conoscere i procedimenti di induzione e deduzione Comprendere il valore strumentale della matematica nelle situazioni concrete 18

19 COMPETENZE Utilizzare le conoscenze per produrre e risolvere problemi Utilizzare le conoscenze per risolvere formalismi Comprendere il senso dei formalismi matematici introdotti; Matematizzare adeguate situazioni problematiche in vari ambienti disciplinari Adoperare i metodi, linguaggi e gli strumenti matematici introdotti come strumenti di apprendimento e risoluzione di problemi ABILITA Utilizzare consapevolmente le procedure di calcolo studiate Rielaborare in modo critico le conoscenze acquisite Interpretare e trarre deduzioni Saper scegliere le più appropriate tecniche risolutive dei singoli problemi Saper svolgere un lavoro di analisi e sintesi Riconoscere le regole della logica e del corretto ragionare Affrontare le situazioni problematiche con un approccio logico deduttivo Utilizzare consapevolmente il linguaggio specifico della disciplina OBIETTIVI RAGGIUNTI Si premette che il raggiungimento dei seguenti obiettivi riguarda solo una parte della classe, per molti alunni, infatti, le carenze, le lacune pregresse, il poco impegno e la scarsa motivazione non hanno permesso il pieno conseguimento delle conoscenze, competenze ed abilità programmate. CONOSCENZE La classe risulta divisa in due componenti se si tiene conto sia delle capacità possedute sia dell impegno. Le conoscenze acquisite risultano generalmente mnemoniche e superficiali. Solo una parte della classe ha appreso gli elementi essenziali della disciplina ad un livello più che sufficiente. La conoscenza del linguaggio specifico della disciplina è mediamente sufficiente. COMPETENZE La maggior parte degli alunni ancora non utilizza al meglio le conoscenze per produrre o risolvere semplici problemi, pochi riescono ad analizzare problemi di maggiore complessità servendosi dei principi e dei concetti della disciplina. Una parte del gruppo classe è in grado di utilizzare i metodi, linguaggi e gli strumenti matematici per migliorare le tecniche di apprendimento e risolvere problemi di diversa natura. ABILITA Pochi sono gli studenti in grado di rielaborare criticamente le conoscenze acquisite, reinterpretandole anche in contesti diversi, di trarre deduzioni e scegliere le tecniche ed i procedimenti appropriati per la 19

20 risoluzione di problemi. Si riscontra una comune difficoltà ad organizzare ed esporre verbalmente i contenuti e, più in generale, una padronanza appena sufficiente del linguaggio specifico della disciplina. CONTENUTI SVOLTI MODULO 1 Equazioni e disequazioni - Equazioni e disequazioni di primo grado CONTENUTI Equazioni di primo grado Disequazioni di primo grado Disequazioni fratte Sistemi di disequazioni - Equazioni e disequazioni di secondo grado MODULO 2 Le funzioni e loro rappresentazione Equazioni di secondo grado Disequazioni di secondo grado Disequazioni fratte Sistemi di disequazioni - La funzione - Funzione retta - Funzione parabola - Funzione esponenziale Definizione di funzione; Definizione di dominio e di insieme delle immagini Funzione pari e dispari Classificazione delle funzioni analitiche; Funzioni razionali ed irrazionali Funzioni trascendenti Campo di esistenza di una funzione Studio del segno di una funzione Intersezione con gli assi cartesiani Crescenza e decrescenza (desunte dal grafico) Analisi di grafici di funzioni da cui dedurre le proprietà La retta e la sua rappresentazione La parabola e la sua rappresentazione La funzione esponenziale e sua rappresentazione 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli