DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA CT TURISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA CT TURISMO"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PRIMO LEVI QUARTU SANT ELENA ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97-DPR 323/98 ART. 5.2) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA CT TURISMO Contenuto: 1. Composizione del Consiglio di Classe 2. Elenco dei candidati interni 3. Profilo professionale dell indirizzo di studio 4. Presentazione della classe 5. Sintesi del percorso formativo dell ultimo anno e risultati conseguiti 6. Attività programmate 7. Sintetica relazione su progetti e /o argomenti pluridisciplinari 8. Metodi di insegnamento 9. Verifica e valutazione dell apprendimento 10. Tracce delle simulazioni della 3ª prova 11. Griglie di correzione della 3ª prova 12. Piani di lavoro individuali Quartu Sant'Elena 15 maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof Enrico Frau

2 1. Composizione del Consiglio di Classe Materia Docente Firma Italiano - Storia Mannai Patrizia Geografia Scarteddu Rosella Arte e Territorio Carta Giulia Diritto e Legislazione Zucca Marcella Tecnica Turistica Puddu Sergio Giovanni Matematica Quarto Santino Educazione Fisica Pettinau Simone Religione Panunzio Giovanni Inglese Pinna Luciana Spagnolo L2 Lupini Paola Spagnolo L3 Tedesco Sostegno Francese Pezzi Alessandra Scarparo Carla Deiana Rosanna Alba Maria Chiara Coordinatrice del Consiglio di Classe: Professoressa Giulia Carta Commissari interni per l Esame di Stato Docente Materia Prof. Mannai Patrizia Prof. Carta Giulia Prof. Quarto Santino Italiano e Storia Arte e Territorio Matematica

3 2. Elenco dei candidati interni COGNOME e NOME CLASSE PROVENIENZA Cappa Giacomo Cappai Angelo Carta Nicola Casula Alessandro Cortis Alessio Mainas Giulia Manca Luca Olla Sabrina Quarta CT Quarta CT Quarta CT Quarta CT Quarta CT Quarta CT Quarta CT Quarta CT

4 3. Profilo professionale dell indirizzo di studio Indirizzo Turismo: Il Tecnico per il Turismo possiede un ampia formazione culturale. Ha una buona conoscenza della storia dell'arte e del territorio nei suoi molteplici aspetti artistici e ambientali, in funzione della sua specifica professionalità turistica. Possiede competenze relazionali che può utilizzare efficacemente sia nel settore del marketing che nella direzione del personale di imprese turistiche. Conosce tre lingue straniere; oltre all inglese il curricolo prevede lo studio di altre due lingue a scelta tra il francese, lo spagnolo ed il tedesco. Lo studio delle discipline turistiche aziendali è affiancato da esperienze quali viaggi d istruzione, visite e stage nelle strutture ricettive (hotel, camping, agriturismo) e in altri enti operanti nel settore (agenzie di viaggio, turistiche etc.). Il titolo conseguito gli consente di proseguire agevolmente negli studi universitari. Sbocchi professionali Il tecnico per il turismo si può inserire nel mondo del lavoro come operatore in aziende private e presso enti pubblici(aziende di promozione turistica, assessorati al turismo etc.). Può operare sia nel turismo di accoglienza che nel turismo in uscita, in Italia e all estero, con particolare riguardo ai Paesi europei e dell area del Mediterraneo e può svolgere attività libero professionali.

5 4. Presentazione della classe La classe 5^CT si compone di 8 allievi, di cui 6 maschi e 2 femmine. Tutti gli allievi provengono dalla classe Quarta CT, un alunno è diversamente abile e per i dettagli si rimanda alla relazione della docente di sostegno. La frequenza risulta regolare per la maggioranza degli alunni, fatta eccezione per qualche caso regolarmente certificato. I docenti concordano nel configurare la Classe come una realtà omogenea caratterizzata da buoni rapporti interpersonali che hanno positivamente influenzato la collaborazione e l'aiuto reciproco, il comportamento degli allievi è stato corretto e partecipativo in aula e in occasione delle frequenti uscite per le varie attività previste e richieste dallo specifico indirizzo di studio. Nel corso del triennio gli allievi si sono distinti per serietà, correttezza e vivacità, negli stage organizzati presso hotel e altre strutture operanti nel settore (agenzie di viaggio, turistiche) di Cagliari e provincia, nel corso della quinquennale partecipazione alla manifestazione Monumenti Aperti e in tutti quei progetti che, in stretta e fattiva collaborazione, i docenti hanno proposto e realizzato con la classe. Tutti gli alunni hanno maturato brevi esperienze nel settore turistico che, in alcuni casi, si sono tradotte nel soddisfacente raggiungimento degli obiettivi legati alla specifica professionalità turistica. Da un punto di vista strettamente didattico, nel presente anno scolastico la classe ha beneficiato della continuità didattica dei docenti per tutte le discipline, tranne che per Italiano, Storia, e Francese. Gli alunni si sono mostrati partecipi e interessati e, durante le lezioni frontali, non hanno evidenziato particolari carenze nella comprensione di quanto proposto alla riflessione, ma qualche incertezza è emersa in fase di verifica della rielaborazione personale e di analisi critica dei contenuti appresi. La disomogeneità nei livelli di partenza ha infatti prodotto risultati diversi ma la maggior parte degli alunni ha acquisito i contenuti proposti in modo, nel complesso, adeguato. Sono state svolte varie attività finalizzate al potenziamento delle competenze elaborative, delle capacità espressive e del metodo di studio, tuttavia in alcuni allievi permangono carenze espressive e metodologiche. La tendenza a uno studio mnemonico non ha sempre favorito l autonomo e critico collegamento fra argomenti interdisciplinari. La preparazione appare nel complesso varia e generalmente discreta. Nella classe si sono distinti alcuni componenti particolarmente meritevoli che hanno ottenuto dei risultati buoni e ottimi in quasi tutte le discipline. E da evidenziare che la coincidenza tra le lezioni curricolari, le Festività, le assemblee di Classe e d Istituto e le varie attività formative della Scuola riservate alla classe quinta, che sfortunatamente si sono ripetute prevalentemente in alcuni giorni della settimana, ha determinato un rallentamento nello svolgimento dei programmi di alcune discipline e ne ha impedito il completo svolgimento. I docenti ritengono, comunque, che quanto svolto costituisca un livello di conoscenza adeguato e consenta agli alunni di affrontare l Esame di Stato. Sono state effettuate due prove di simulazione per la Terza Prova, tipologia A e B, dai risultati emersi, per il Consiglio di Classe, la trattazione sintetica risulta la più idonea alla preparazione della classe. Attività di recupero: Durante l'anno scolastico, sono stati effettuati, nello svolgimento dell attività curricolare interventi di recupero da parte di tutti i docenti al fine di potenziare le conoscenze degli alunni e di rimuovere le lacune pregresse. Il presente documento è condiviso in tutte le sue parti dai docenti del Consiglio di Classe.

6 5. Sintesi del percorso formativo dell ultimo anno e risultati conseguiti OBIETTIVI PROGRAMMATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE Conoscenze: sapere i principali argomenti relativi alle diverse discipline. Competenze: analizzare e decodificare i vari tipi di testo. Redigere e interpretare documenti di vario genere:letterari, aziendali, giuridici e linguistici. Sostenere conversazioni adeguate ai diversi contesti e situazioni in lingua straniera. Capacità: possedere un lessico adeguato nelle diverse discipline, possedere capacità logico interpretative e rielaborative, saper organizzare il proprio lavoro in modo razionale e produttivo, mettere in relazione le problematiche emergenti nella scuola e rapportarle all esterno. saper lavorare ingruppo e rispettare i punti di vista diversi dai propri. OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze: Contenuti fondamentali delle singole discipline. Conoscenze linguistico espressive e logico-interpretative. Competenze: Cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle varie discipline, per essere in grado di analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi e alle risorse tecnologiche. Capacità: Comunicare efficacemente utilizzando appropriati linguaggi tecnici. Partecipare al lavoro organizzativo individualmente o in gruppo, accettando ed esercitando il coordinamento. Individuare strategie risolutive ricercando e assumendo le opportune informazioni. Valutare l'efficacia delle soluzioni adottate e individuare gli interventi necessari. Documentare adeguatamente il proprio lavoro. Affrontare il cambiamento sapendo riconoscere le nuove istanze e ristrutturare le proprie conoscenze. 6. Attività programmate Nel periodo compreso tra la stesura del documento finale e l'inizio dell'esame il Consiglio di Classe intende consolidare, approfondire e in alcuni casi completare, gli argomenti qualificanti trattati durante il corso dell Anno Scolastico secondo la programmazione. Per i contenuti disciplinari e pluridisciplinari si rinvia ai piani di lavoro individuali. I programmi dettagliati e i progetti realizzati durante l anno scolastico saranno depositati in Vice- Presidenza.

7 7. Sintetica relazione su progetti e/o argomenti pluridisciplinari Gli alunni hanno partecipato con grande interesse ed entusiasmo alle diverse attività formative e culturali proposte dall Istituto: Viaggio d istruzione a Bruxelles, Salon des vacances; Visita guidata a Sant Antioco; Certificazione in lingua tedesca FIT in Deutsch 2; Visione del film Il Giovane Favoloso Laboratori di lettura sulla violenza domestica e incontri con gli autori, il giudice Michela Capone e la scrittrice Maria Mantega ; La Giornata della Memoria, laboratorio sulla Shoah, incontro con la storica Anna Foa Conferenza sulla chiesa di San Pietro di Ponte, tenuta dal prof. Andrea Pala; Visita guidata all Antico Palazzo di Città, Mostra di Maria Lai; Conferenza/incontro sul Progetto Erasmus; Conferenza sulla mafia, incontro con Salvatore Borsellino; Corso di primo soccorso; Memorial Beatrice Lopez; Festival della Letteratura Mediterranea, di Quartu Presentazione del libro Minoranze silenziose, Il Cimitero Monumentale di Quartu ; Orientamento Universitario, Ateneo di Cagliari e di Oristano Monumenti aperti a Quartu Sant Elena.

8 8. Metodi di insegnamento TIPO DI ATTIVITA (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Lezione frontale Lavoro individuale Lavoro in coppia Lavoro in gruppo Discussione Verifiche MODALITA DI LAVORO (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Lezione/applicazione * Scoperta guidata Insegnamento per problemi** Progetto/indagine * Spiegazione seguita da esercizi applicativi ** Presentazione di una situazione problematica non precedentemente incontrata per la quale si chiede una soluzione, seguita da discussione e sistematizzazione

9 MATERIALI E STRUMENTI UTILIZZATI (frequenza media :1=nessuno o quasi,,5=tutti o quasi) Libri di testo Altri libri Dispense LIM Laboratori Stage aziendale Incontri con esperti Software TEMPI E SPAZI La scansione della programmazione didattica è stata suddivisa in un trimestre e un pentamestre. Gli spazi utilizzati sono stati i seguenti: SPAZI MATERIALI E STRUMENTI UTILIZZATI (frequenza media:1=nessuno o quasi,,5=tutti o quasi) Aula Magna Laboratori Biblioteca Palestra Visite guidate in azienda Viaggi d istruzione Visite culturali

10 9. Verifica e valutazione dell apprendimento TIPOLOGIE DI VERIFICA Formativa: Come accertamento dei livelli di conoscenza raggiunti. Sommativa: Come accertamento delle abilità strumentali, delle capacità di applicazione e delle capacità critiche conseguite. VERIFICA E VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Tipologia verifiche formative (frequenza media:1=nessuno o quasi,,5=tutti o quasi) Analisi di testo Verifiche orali Questionari a risposta singola Questionari a risposta multipla Vero - falso con motivazione Trattazione sintetica Prove pratiche Temi e saggi Risoluzioni di problemi VERIFICA E VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Strumenti Verifiche formative Libri di testo (5) Altri libri (5) Fotocopie (5)

11 STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMATIVA (frequenza media:1=nessuno o quasi,,5=tutti o quasi) Interrogazione lunga Interrogazione breve Relazione Test Esercizi Questionario Temi saggi e relazioni Risoluzione di problemi Sono state utilizzate griglie di osservazione sistematica per la rilevazione di comportamenti e/o atteggiamenti (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Le classificazioni periodiche sono state supportate da giudizi analitici (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) I giudizi sono stati comunicati alle famiglie SI NO

12 FATTORI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE (con riferimento alla situazione personale, alla classe) E stata fatta distinzione tra misurazione del profitto e valutazione complessiva SI NO Se SI, la valutazione complessiva terrà in considerazione: Il metodo di studio! La partecipazione all attività didattica! L impegno! Il progresso nell apprendimento! Le conoscenze acquisite! Le abilità raggiunte! Frequenza Per l attribuzione dei voti sono stati utilizzati i parametri di valutazione definiti a livello di Istituto.

13 10. Tracce delle simulazioni della 3ª Prova CANDIDATO/A Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca I. I. S. S. Primo Levi QUARTU SANT ELENA Anno scolastico Indirizzo ITER Classe 5ª sez. CT SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA A: 4 quesiti 4 discipline (trattazione sintetica) materie: Arte e territorio Matematica Lingua e civiltà francese/spagnola Discipline turistiche aziendali tempo a disposizione: 2 ore

14 CANDIDATO/A Matematica DESCRIVERE IL PROBLEMA DELLE SCORTE ED IL RELATIVO MODELLO MATEMATICO

15 CANDIDATO/A Lingua e Civiltà Francese VOUS ACCOMPAGNEZ UN GROUPE DE TOURISTES EN VACANCES À FLORENCE: FAITES-LEUR UNE PRÉSENTATION GÉNÉRALE DE LA VILLE (GÉOGRAPHIE, HISTOIRE, QUARTIERS ET MUSÉES À VISITER)

16 CANDIDATO/A Discipline turistiche aziendali L analisi dei risultati aziendali si esplica in tre diverse attività: riclassificazione dei dati di bilancio, analisi per indici e analisi per flussi. In riferimento alle prime due fasi, spiega in cosa consistono e quali finalità si prefiggono. Specifica, inoltre, a cosa mira l analisi della redditività in riferimento alla situazione economico-reddituale dell azienda e quali sono gli indici più rappresentativi.

17 CANDIDATO/A Lingua e Civiltà Spagnola DEFINE LAS AGENCIAS DE VIAJES Y ESPLICA LAS FUNCIONES QUE DESARROLAN.

18 CANDIDATO/A Arte e Territorio Analizza e metti a confronto l iconografia e le novità formali dell opera Una domenica alla Grande Jatte di Georges Seurat con ll quarto stato di Pellizza da Volpedo con particolare riferimento ai seguenti elementi: azioni e postura dei personaggi, atmosfera della scena.

19 CANDIDATO/A Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca I. I. S. S. Primo Levi QUARTU SANT ELENA Anno scolastico Indirizzo Turismo Classe 5ª sez. CT SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA B: 12 quesiti 4 discipline (3 per disciplina) materie: Arte e territorio Discipline turistiche aziendali Matematica Lingua e civiltà francese/spagnolo tempo a disposizione: 2 ore

20 LINGUA E CIVILTÀ SPAGNOLA - L2 Candidato: 1) Qué significó para España la dictadura de Francisco Franco? 2) Qué fue la Transición en España? 3) Qué acontecimiento pone a prueba a la democracia Española el 23 de febrero de 1981?

21 Alunno: TIPOLOGIA "B" MASSIMO 5 RIGHE MATEMATICA 1) data la funzione z=f(x,y) ed il punto P 0 =(x 0 ; y 0 ) appartenente ad essa, elenca le condizioni affinché nel punto P 0 si abbia un punto di massimo relativo. 2) In relazione alla legge della domanda e dell offerta dare la definizione di punto di equilibrio. 3) Relativamente alla rappresentazione grafica di una superficie nello spazio, definita da una funzione in due variabili, dare la definizione di curva di livello SIMULAZIONE 3ª PROVA

22 LANGUE ET CIVILISATION FRANÇAISE TYPOLOGIE << B >> 1) QUI SONT LES PÈRES FONDATEURS DE LA CEE ET QU EST-CE QU IL YA À LA BASE DE SA CONSTRUCTION? 2) QUELLES SONT LES DIFFÉRENTES ÉTAPES DE L UNION EUROPÉENNE? 3) PARLEZ DES INSTITUTIONS QUI FONT FONCTIONNER L UNION EUROPÉENNE

23 CANDIDATO/A Arte e Territorio 1) Chi è l'autore dell'opera riprodotta, come si intitola, cosa rappresenta? 2) Quando si sviluppa la fase del cubismo primitivo e in che cosa consiste? 3) Cosa si intende per cubismo analitico? Cita almeno un opera di questa fase.

24 CANDIDATO/A Discipline turistiche aziendali 1) Dopo aver fornito un adeguata definizione di bilancio d esercizio, indicane i documenti che lo rappresentano 2) Dopo aver definito gli obbiettivi che si pone l analisi di bilancio, indicane le fasi del suo sviluppo 3) Cosa si intende per budget? Quali sono le classificazioni in cui si divide il budget?

25 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N Candidato Classe 5^ Tema scelto A B1 B2 B3 B4 C D SCALA DI VALORI INDICATORI Suff Correttezza e proprietà linguistica Semplice ma Scorretta Impropria corretta Adeguata Specifica Raffinata Per le tipologie B-C-D Conoscenza specifica dell argomento e riferimenti al contesto cui si riferisce Ampiezza dell argomentazione e sviluppo critico delle questioni proposte Pertinenza, organicità e coerenza del discorso che sia espressione di personale convincimenti Solo per la tipologia A Comprensione interpretazione e contestualizzazione del testo proposto, anche in relazione alla sua natura e alle sue strutture stilistiche Frammen tari Lacunosi o limitati Accettabili Esaurienti Approfonditi Completi e documentati Modesti Accennati Essenziali Significativi Ampi Spiccati Scarse Approssimative Accettabili Apprezzabili Articolate Rilevanti Insicure Disorganiche Accettabili Significative Approfondite Elevate La media in presenza di numeri decimali superiori a 0,50 viene approssimata all unità superiore Punteggio totale Media Punteggio assegnato

26 CANDIDATO/A Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca I. I. S. S. Primo Levi QUARTU SANT ELENA Anno scolastico Indirizzo ITER Classe 5ª sez. CT GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA A: 4 quesiti 4 discipline INDICATORI PUNTEGGI MASSIMI LIVELLI PUNTEGGIO CORRISPONDENTE VOTO Arte e territorio Discipline Turistiche Aziendali 2ª lingua matematica Padronanza della lingua e utilizzo del linguaggio specifico della disciplina 5 Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono/Ottimo 1,5 2,5 3, ,5 2,5 3, ,5 2,5 3, ,5 2,5 3,5 4 5 Conoscenza specifica degli argomenti richiesti 5 Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono/Ottimo 0,5 1,5 3, ,5 1,5 3, ,5 1,5 3, ,5 1,5 3,5 4 5 Capacità di organizzare le conoscenze 3 Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono/Ottimo 1 1,5 2 2, ,5 2 2, ,5 2 2, ,5 2 2,5 3 Capacità di sintesi e originalità del testo 2 Insufficiente Sufficiente Buono/Ottimo 0, , , ,5 1 2 VOTO COMPLESSIVO DELLA PROVA /15 N:B: Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali, viene approssimato per eccesso all unità superiore. La sufficienza è corrispondente al voto 10/15 Tempo a disposizione: 2 ore

27 CANDIDATO/A Indirizzo Turismo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca I. I. S. S. Primo Levi QUARTU SANT ELENA Anno scolastico GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA B: 12 quesiti 4 discipline (3 per disciplina) Classe 5ª sez. CT INDICATORI LIVELLI DI VALUTAZIONE II lingua Arte e territorio Matematica Discipline turist. aziendali CONOSCENZA DEI CONTENUTI GENERALI E SPECIFICI: conoscere la terminologia specifica, le definizioni fondamentali e le classificazioni relative all argomento proposto SCARSA FRAMMENTARIA E DISARTICOLATA PARZIALE E/O APPROSSIMATIVA COMPLETA MA NON APPROFONDITA RICCA, BEN ARTICOLATA E COMPLETA COMPETENZE TECNICHE ED ESPOSITIVE: saper esporre con chiarezza e SCARSE INSUFFICIENTI organicità usando il lessico specifico e corrette strutture morfosintattiche, saper descrivere, motivare e/o contestualizzare concetti, formule o procedure nello specifico disciplinare SUFFICIENTI VALIDE OTTIME CAPACITÀ: di analisi, sintesi e di integrazione delle conoscenze e delle competenze possedute SCARSE INSUFFICIENTI ADEGUATE BUONE OTTIME TOTALE TOTALE /15

28 12. Piani di lavoro individuali

29 ESAME DI STATO - RELAZIONE FINALE - A.S. 2014/2015 CLASSE 5ªCT MATERIA ARTE E TERRITORIO DOCENTE prof.ssa Giulia Carta LIBRO DI TESTO Calabrese, Giudici Art (volume terzo) Le Monnier Scuola N ore di lezione effettive 47 (al 15/05/2015) OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe ha manifestato un reale interesse per la materia e per la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico, partecipando con impegno alle diverse attività (visite guidate, Monumenti Aperti). La maggioranza degli alunni ha conseguito risultati complessivamente buoni; si considerano complessivamente raggiunti gli obiettivi disciplinari (la conoscenza dei principali aspetti tecnici, iconografici e stilistici delle opere d'arte e la collocazione, in maniera consapevole, di queste nel tempo e nello spazio) solo in qualche caso permangono carenze espressive e/o metodologiche. CONTENUTI Nella scelta degli autori o delle opere, essendo molto vasta la trattazione dei temi artistici prevista nella programmazione, sono stati favoriti percorsi tematici che permettessero dei collegamenti pluridisciplinari; la pratica didattica ha, inoltre, suggerito un ulteriore selezione degli argomenti in rapporto alla comprensione, all interesse e alla frequenza degli alunni. 1) Mito, Natura e Storia nell arte del primo ottocento. Neoclassicismo e Romanticismo. 2) Iconografie mondane e nuove tecniche.francia centro culturale. Impressionismo e postimpressionismo. Divisionismo. 3) La crisi di fine secolo. Art Nouveau. Simbolismo. Estetismo. 4) Avanguardie artistiche del 900. Espressionismo, Cubismo, Futurismo, Astrattismo, Dada, Surrealismo. 5) Il novecento nell arte in Sardegna: Maria Lai. METODI DI INSEGNAMENTO Ogni argomento è stato proposto attraverso il metodo storicistico e iconologico; si è privilegiata la lezione dialogata, utilizzando, oltre le spiegazioni da parte dell insegnante, l esercitazione alla lettura e all analisi del testo artistico e lo stimolo alla riflessione critica sulle immagini. Si è cercato di sollecitare il contatto diretto con le opere, i monumenti e le collezioni presenti sul territorio e di rendere lo studio della disciplina più critico, ampliando il ventaglio delle letture e dei riscontri, tenuto conto anche delle maggiori capacità di formalizzazione e collegamento pluridisciplinare degli alunni. STRUMENTI DI VERIFICA Il colloquio orale (interrogazioni e brevi interventi), prove semistrutturate; nelle simulazioni per la terza prova scritta la classe si è esercitata nelle tipologie A, B, i risultati migliori sono stati conseguiti nella trattazione sintetica di argomenti. PARAMETRI DI VALUTAZIONE Per le prove orali: conoscenza degli argomenti, capacità espressive, capacità critiche, di analisi e sintesi; per le prove scritte: rispondenza tra proposta e svolgimento, capacità espressive e critiche, capacità di lettura iconografica e iconologica. STRUMENTI DIDATTICI E SPAZI Oltre il libro di testo, si è utilizzato un vasto repertorio iconografico (monografie degli artisti, cartoline o cataloghi di mostre); le lezioni si sono svolte nell aula e nel laboratorio informatico, con l ausilio di audiovisivi e siti web.

30 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PRIMO LEVI QUARTU S. ELENA A.S. 2014/2015 RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE Disciplina: Diritto e Legislazione Turistica Classe: 5CT Docente: prof.ssa Marcella Zucca Obiettivi raggiunti Gli obiettivi previsti nella programmazione iniziale sono stati complessivamente raggiunti. Gli allievi hanno acquisito un adeguata preparazione di base, conoscono la legislazione turistica e i relativi codici linguistici. Gli alunni sono in grado di individuare i soggetti pubblici e privati che operano nel settore turistico; sanno individuare le interrelazioni tra i soggetti giuridici ai fini della promozione dello sviluppo sociale, economico e territoriale; sono in grado di identificare le relazione esistenti tra il settore turistico e gli organi nazionali ed internazionali competenti; sanno ricercare le opportunità di finanziamento e investimento fornite dagli Enti locali, nazionali ed internazionali. L'interesse mostrato verso la disciplina, nel lavoro in classe, è stato quasi sempre complessivamente discreto. Nel corso del pentamestre è stato registrato da parte degli alunni un maggiore impegno nello studio della disciplina e perciò i risultati raggiunti sono stati positivi. Nelle valutazioni finali emergono risultati differenti ottenuti tenendo conto dell andamento scolastico complessivo, con particolare riferimento all impegno mostrato nello studio e alla rilevata capacità di analisi e di lettura della realtà. Modalità di lavoro e strumenti utilizzati I contenuti del corso sono stati suddivisi per moduli, suddivisi in unità didattiche. Le lezioni sono state prevalentemente di tipo frontale. Il linguaggio è stato il più possibile semplice e lineare. Gli strumenti di lavoro sono stati la normativa sul turismo, la Costituzione Italiana e il libro di testo.

31 Contenuti disciplinari Il sistema delle fonti della legislazione turistica L amministrazione statale, centrale e periferica Lo Stato e il turismo Gli enti turistici pubblici a livello nazionale L organizzazione turistica a livello locale L impresa turistica L attività ricettiva L esercizio dell attività alberghiera L agriturismo Le agenzie di viaggio e turismo (cenni) Il contratto di viaggio (cenni) Quartu S. Elena 8 maggio 2015 La docente Prof.ssa Marcella ZUCCA DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE 5CT A.S. 2014/15 Piano di Lavoro Docente: Sergio Govanni Puddu Il bilancio d esercizio e la sua analisi La nozione del bilancio d esercizio La valenza informativa del bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio e il SIA Il contenuto del bilancio d esercizio Lo stato patrimoniale Il Conto economico La nota integrativa L analisi del bilancio d esercizio: definizioni e finalità La riclassificazione del bilancio d esercizio L analisi di bilancio per indici I principali indici di bilancio L analisi patrimoniale L analisi finanziaria L analisi economica

32 OBIETTIVI Conoscere la funzione del bilancio d esercizio Conoscere i principi di redazione del bilancio Conoscere il contenuto e la struttura dello Stato Patrimoniale e del Conto economico Conoscere il contenuto e la funzione della Nota Integrativa Conoscere lo scopo dell analisi di bilancio Conoscere l importanza della riclassificazione del bilancio Conoscere le procedure per effettuare l analisi di bilancio per indici Conoscere l utilità dei principali indici di bilancio di natura patrimoniale, finanziaria ed economico Saper redigere uno Stato Patrimoniale in forma semplificata Saper redigere un Conto Economico in forma semplificata Saper redigere il bilancio riclassificato Saper calcolare i principali indici di bilancio di natura patrimoniale, finanziaria ed economico-reddituale Il marketing turistico Il marketing: aspetti generali Il marketing di massa e il marketing segmentato Il marketing management Il marketing plan Il marketing strategico Il marketing operativo Il marketing mix Gli strumenti del marketing turistico L analisi del mercato e le ricerche di marketing L analisi delle risorse Il prodotto turistico Il ciclo di vita del prodotto L analisi SWOT Il web marketing Il marketing turistico territoriale Il marketing turistico pubblico e integrato Il marketing della destinazione turistica Turismo sostenibile ed eco-responsabile OBIETTIVI Conoscere il concetto di marketing Conoscere le finalità del marketing Conoscere la differenza tra imprese product oriented e market oriented Conoscere il concetto di marketing di massa e marketing segmentato Conoscere il concetto di marketing diretto Conoscere la funzione del marketing management Conoscere gli strumenti del marketing turistico Conoscere l utilità del marketing strategico e operativo Conoscere l utilità e le funzioni di un piano di marketing Conoscere le metodologie e gli strumenti di marketing Conoscere il concetto di marketing territoriale Sapere riconoscere gli elementi del marketing Saper individuare i compiti del marketing management Saper riconoscere gli elementi del marketing mix

33 Saper redigere un semplice piano di marketing di un impresa turistica (dal 16 maggio) Il budget La definizione di budget Le varie tipologie di budget Il budget settoriale Il budget generale Il budget economico Il budget degli investimenti Il budget delle imprese turistiche Il controllo budgetario e il reporting OBIETTIVI Conoscere il concetto di budget Conoscere le finalità del budget Conoscere le varie tipologie di budget Conoscere la funzione del controllo budgetario Saper redigere i vari budget settoriali Saper redigere il budget generale Il business plan La business idea Dall idea business al business plan Le funzioni del business plan: interna ed esterna Il contenuto del business plan Lo sviluppo del business plan Il problema della determinazione della quantità e del prezzo di equilibrio (BEP) Le misure sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro Il business plan per una nuova impresa OBIETTIVI Conoscere il concetto di business plan Conoscere gli elementi del business plan Conoscere le regole fondamentali per la redazione del business plan Saper sviluppare un business plan in riferimento ad un impresa turistica di piccole dimensioni Alternanza scuola lavoro Gli alunni hanno partecipato al percorso di alternanza scuola lavoro, in modo proficuo, nell ambito del triennio, alle attività di orientamento al lavoro e alle professioni turistiche, alle fiere del turismo, alle visite aziendali in imprese turistiche, ai campus formativi organizzati dalla scuola, agli stage, sia di tipo orientativo e conoscitivo, che applicativo, rispettando per quest ultimo lo standard minimo di 80 ore, nel settore del turismo ricettivo, agenziale, congressuale e culturale. METODOLOGIE Nell impostazione delle lezioni si è fatto ricorso a:

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli