LVIA 60 MAIS 61 MANI TESE 62 MOVIMENTO SVILUPPO E PACE onlus 63 N.A.A.A. onlus 64 NOVA 65 NUTRIAID onlus 66 OAF-I 67 OASI FRATERNITÀ onlus 68 PERSONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LVIA 60 MAIS 61 MANI TESE 62 MOVIMENTO SVILUPPO E PACE onlus 63 N.A.A.A. onlus 64 NOVA 65 NUTRIAID onlus 66 OAF-I 67 OASI FRATERNITÀ onlus 68 PERSONE"

Transcript

1 INDICE Introduzione 3 Una grande cascata d amore 4 Il Comune di Torino per il sostegno a distanza 5 Perchè una nuova Guida 7 Il sostegno a distanza: obiettivi e strategie 9 La solidarietà in Italia 11 Il ForumSaD 15 La Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza 17 Il Coordinamento ELSAD 20 L Istituto Italiano della Donazione 22 Organizzazioni aderenti al Coordinamento Sad Torino 23 AEMETRA 25 ALFA E OMEGA INSIEME PER IL CONGO onlus 26 AMICI DEI BAMBINI 27 AMSES onlus 28 ANPAS 29 ASPE 30 ASSEFA 31 Associazione DIVINA PROVVIDENZA 32 Associazione GEOS onlus 33 Associazione LA RAGNATELA DELLA SOLIDARIETÀ onlus 34 Associazione MARIA MADRE DELLA PROVVIDENZA onlus 35 Associazione MISSIONE DEL SORRISO onlus 36 Associazione MISSIONI DON BOSCO onlus 37 Associazione MISSIONI FAÀ DI BRUNO onlus 38 Associazione OLTRE I CONFINI onlus 39 Associazione RITMI AFRICANI onlus 40 Associazione umanitaria TUTTIARTISTI 41 Associazione VOLONTARI SENZA FRONTIERE onlus 42 BATTITO SOLIDALE 43 CENTRO DI COMUNICAZIONE DIRETTA ALICE onlus 44 CIFA onlus 45 CIS 46 CISV 47 COMITATO DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO DEL GUATEMALA 48 COMITATO GIROTONDO 49 COMPASSION ITALIA onlus 50 COOPI PIEMONTE 51 COSTRUIRE INSIEME 52 CULTURE IN MOVIMENTO onlus 53 EMERGENZA AIUTO onlus 54 ENZO b 55 Fondazione FRATELLI DIMENTICATI onlus 56 INSIEME SENZA CONFINI - SVDP ISCOS 58 ISTITUTO MISSIONI CONSOLATA 59

2 LVIA 60 MAIS 61 MANI TESE 62 MOVIMENTO SVILUPPO E PACE onlus 63 N.A.A.A. onlus 64 NOVA 65 NUTRIAID onlus 66 OAF-I 67 OASI FRATERNITÀ onlus 68 PERSONE COME NOI onlus 69 SEGRETARIATO MISSIONI CAMILLIANE 70 SO.LE onlus 71 SOLE CHE NASCE onlus 72 SOS INDIA onlus 73 SOS ZASTAVA 74 UAI BRASIL 75 Scheda per future adesioni 77 Il Settore Cooperazione Internazionale e Pace 78

3 INTRODUZIONE Il Sostegno a Distanza è un mondo da scoprire. Questo è il primo significato della Guida che hai tra le mani: un mondo fatto di lavoro serio e volontario, di realtà eterogenee e di grande passione, un mondo autonomo e forte, spesso poco conosciuto. Ecco dunque che il Comune e la Provincia di Torino si pongono al servizio tanto delle Associazioni e degli Enti che realizzano i progetti di Sostegno, quanto soprattutto dei cittadini che intendono interessarsi a questa realtà. Nel momento in cui ci si avvicina a questo mondo ci si trova smarriti fra moltissime sigle di Associazioni magari sconosciute, verso le quali è legittimo avere dei dubbi. Per questa ragione la pubblica amministrazione si è posta l obiettivo di fornire con questa Guida un elenco dettagliato delle Associazioni presenti sul nostro territorio. Di ciascuna sono indicate le attività, i luoghi in cui agisce, da quanti anni è operativa, i beneficiari del sostegno e l importo richiesto. Il vero plusvalore, che rappresenta una prima garanzia di serietà, è che le organizzazioni inserite in questo volume hanno accettato di sottoscrivere un rigoroso codice etico di comportamento sulla gestione dei fondi loro affidati. Speriamo che le foto di questa Guida, le schede descrittive e le parole che leggerai suscitino in te curiosità ed interesse, per incominciare a capire se un Sostegno a Distanza ti può dare le emozioni e la gioia che ha già dato a tante persone. Uno piccolo sforzo per chi lo compie, una speranza concreta per chi lo riceve. Michele Dell Utri Assessore alla Cooperazione Internazionale della Città di Torino Aurora Tesio Assessora alle Relazioni Internazionali della Provincia di Torino 3

4 UNA GRANDE CASCATA D AMORE Raffaella Carrà Chiudere in un affettuoso abbraccio ideale un bimbo che vive molto lontano, aiutarlo a crescere in buona salute e ad acculturarsi per diventare una persona consapevole sono per me i significati basilari dell Adozione a Distanza. Ho cercato di comunicare questi concetti in Televisione forte di due incontri personali con due dei miei bambini in Guatemala e Perù. Temevo fosse un compito difficile convincere i telespettatori a provare la tenera gioia di questa esperienza ed invece, con mia grande sorpresa, altri bambini oggi hanno un Futuro grazie a tanti italiani sensibili e generosi. Una goccia nell oceano, secondo alcuni; è vero, ma se tutti collaboriamo le gocce si moltiplicano sino a formare una grande cascata d amore e di condivisione. Auguro alla Guida al sostegno a distanza del Comune e della Provincia di Torino di ottenere i migliori risultati e di continuare a promuovere questi progetti per molti anni. Nel mio piccolo continuerò in ogni modo a partecipare, sia in TV che altrove, e a sostenere un opera così doverosa, tenera, importante e semplicemente giusta. 4

5 IL COMUNE DI TORINO PER IL SOSTEGNO A DISTANZA Nel luglio 2003 il Comune di Torino ha promosso la nascita di un Coordinamento sul sostegno a distanza a livello locale, con due scopi: riunire le organizzazioni torinesi attive in questo settore e stimolare la solidarietà internazionale dei propri cittadini. Al Coordinamento hanno immediatamente aderito 38 realtà diverse: associazioni, onlus, ONG e congregazioni missionarie. Sin dall inizio, perciò, l iniziativa ha agito contemporaneamente nei confronti delle organizzazioni aderenti, che utilizzano il Coordinamento come luogo di scambio d idee e di esperienze sulle rispettive concezioni e prassi di sostegno a distanza (Sad), e verso i cittadini, soprattutto grazie alla pubblicazione della Guida al sostegno a distanza a Torino, giunta alla seconda edizione. Le organizzazioni aderenti al Coordinamento hanno richiesto di far precedere l uscita della prima edizione della Guida dalla firma di un codice deontologico, a dimostrazione della serietà dell attività di Sad da esse condotta. Si è ritenuto che la Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza rispondesse a questi requisiti, perché frutto di una lunga e ampia elaborazione compiuta a livello nazionale. Le organizzazioni del Coordinamento torinese hanno perciò sottoscritto la Carta durante una cerimonia svoltasi nel febbraio 2004 in Municipio. Nel settembre 2004, inoltre, è stato lanciato il progetto Torino, città amica delle bambine e dei bambini del mondo. In quell occasione le organizzazioni del Coordinamento attive nelle città del Sud del mondo con cui Torino ha stabilito Accordi di cooperazione negli ultimi anni sono state invitate ad avanzare proposte di Sad nel settore scolastico, presentate ai capi d istituto delle scuole torinesi con l intento di favorire relazioni concrete e durature di apprendimento interculturale, d interscambio e di solidarietà fra classi del Nord e del Sud del mondo. Dopo una fase sperimentale in favore delle scuole di Praia (Capo Verde), attualmente sono in corso gemellaggi con istituti di Breza (Bosnia Erzegovina) e Louga (Senegal). 5

6 Nel dicembre 2004 la Provincia di Roma ha proposto al Comune di Torino di aderire al Coordinamento nazionale Enti Locali per il Sostegno A Distanza (ELSAD), che attualmente riunisce 38 Province e Comuni italiani impegnati a promuovere il Sad quale strumento di riequilibrio delle ingiustizie sociali e come misura di accompagnamento a interventi di cooperazione decentrata. Il Comune di Torino ha formalmente aderito a ELSAD nel giugno Quale proprio contributo agli obiettivi di ELSAD il Comune di Torino ha programmato specifici appuntamenti sul Sad in occasione della manifestazione One World (settembre 2005), realizzata in occasione della proclamazione della Tregua Olimpica. Le iniziative hanno compreso una mostra, prodotta con il concorso delle realtà aderenti al Coordinamento sul sostegno a distanza a Torino, e un convegno alla presenza del cantante Eugenio Finardi, testimonial della prima edizione della Guida. Durante l 8 Forum nazionale del sostegno a distanza, ospitato nella nostra città nel febbraio 2007, 14 nuove organizzazioni hanno aderito al Coordinamento, firmando la Carta dei Princìpi nel corso di una cerimonia alla presenza di Raffaella Carrà. Nel novembre 2007, infine, è stata condotta una revisione sulla partecipazione delle organizzazioni ai lavori del Coordinamento. Gli attuali membri sono 51. 6

7 PERCHÉ UNA NUOVA GUIDA La prima edizione della Guida è uscita nel settembre 2005, soddisfacendo sia l esigenza di visibilità espressa dalle organizzazioni e sia il desiderio di trasparenza molto avvertito dai sottoscrittori. I cambiamenti avvenuti all interno del Coordinamento nel 2007 (l ingresso di 14 nuove organizzazioni e la revisione sulla partecipazione degli iscritti, culminata con alcune sostituzioni) hanno fornito lo spunto per questa nuova Guida, aggiornata e di più semplice lettura. Anche questa seconda edizione nasce per fornire uno strumento utile a comprendere il fenomeno con dati sintetici ma significativi, per trovare informazioni sugli organismi attivi in questo settore e per facilitare chi vuole sottoscrivere un progetto di Sad. Obiettivo della pubblicazione, pertanto, resta quello di mettere in contatto offerta e domanda di solidarietà, avvicinando famiglie, scuole, gruppi e singoli cittadini al tema della cooperazione internazionale attraverso lo strumento del Sad. Il nuovo volume è strutturato in 9 parti. Nella prima (Il sostegno a distanza: obiettivi e strategie) vengono delineate le tre principali forme di supporto: individuale, a microprogetti, a comunità nel loro complesso. Poiché queste diverse filosofie sono considerate alternative, molte organizzazioni scelgono di agire in una sola direzione, mentre altre ne sperimentano più di una. La seconda parte (La solidarietà in Italia) sintetizza alcune ricerche svolte di recente per valutare la disponibilità degli italiani a compiere donazioni per ragioni umanitarie. Il capitolo successivo (Il ForumSaD) evidenzia l importanza e la rappresentatività assunta da questo organismo di coordinamento composto da 50 organizzazioni italiane, dalle grandi ONG attive in decine di Paesi alle piccole associazioni operanti in un una sola nazione. La pubblicazione continua con il testo integrale della Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza, il principale codice di autoregolamentazione del settore sottoscritto in Italia da oltre 150 organizzazioni. Seguono due nuovi capitoli dedicati al Coordinamento nazionale Enti Locali per il Sostegno A Distanza (ELSAD) e all Istituto Italiano della Donazione (IID). 7

8 Il cuore della Guida è costituito da 51 schede, in ordine alfabetico, che illustrano l attività delle organizzazioni attualmente aderenti al Coordinamento sul sostegno a distanza a Torino, coinvolte nella stesura della Guida per descrivere il profilo dell ente, i Paesi e i settori d intervento, le informazioni utili per avviare un sostegno e contattare la sede operativa dell organizzazione. Il volume si conclude con una pagina destinata a censire associazioni disponibili ad aderire in futuro al Coordinamento alle medesime condizioni di quelle già incluse (avere una sede operativa in provincia di Torino e sottoscrivere la Carta dei Principi) e con una scheda sulle iniziative del Settore Cooperazione Internazionale e Pace, promotore e curatore della Guida. È opportuno segnalare che la Guida è stata realizzata sulla base di informazioni fornite dalle organizzazioni incluse nel volume, le quali sono pertanto completamente responsabili di quanto dichiarato. Il Comune di Torino non può verificare i dati riportati, e di conseguenza non ha alcuna responsabilità per eventuali dichiarazioni non rispondenti al vero o di atteggiamenti non leciti da parte delle Associazioni presenti nel volume. Si ritiene tuttavia che la sottoscrizione della Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza da parte di tutte le organizzazioni del Coordinamento sia stata un importante passaggio verso la loro autoregolamentazione. Le schede, inoltre, contengono di per sé alcuni indicatori di trasparenza, ad esempio l indicazione dei referenti in loco o la percentuale che l organizzazione trattiene per le spese di gestione del Sad. È sulla trasparenza che l intero mondo del Sad gioca la sua credibilità: ciò non può che richiamare le organizzazioni a una gestione etica e trasparente, e i donatori a una partecipazione diretta e non delegata. Nelle intenzioni, infatti, questa Guida non è soltanto uno strumento informativo ma anche uno stimolo a intraprendere un percorso consapevole di solidarietà internazionale. Iniziare un Sad equivale a fare un investimento concreto sul futuro di una persona, di un progetto o di una comunità. È perciò opportuno svolgere una verifica diretta, preventiva e non superficiale sulle caratteristiche dell organizzazione che lo propone: la filosofia che contraddistingue i suoi interventi, i referenti su cui si appoggia nei vari Paesi, gli strumenti usati per aggiornare i sottoscrittori sull andamento del sostegno. Ecco dunque alcune proposte per assumere un atteggiamento attivo e meditato: visitare la sede dell organizzazione; visionare i bilanci annuali e leggere i rapporti spediti dai referenti nei ; informarsi sulla situazione sociale ed economica del Paese individuato; partecipare alle riunioni organizzate per informare i donatori sui risultati raggiunti; diffondere l iniziativa parlandone ai colleghi di lavoro, coinvolgendo gli insegnanti dei figli o gli amici; prestarsi in occasione di iniziative di autofinanziamento; infine, l esperienza più emozionante di tutte: una visita sul luogo dove è in corso il progetto per vivere in prima persona il valore culturale ed emotivo di un gesto solo in apparenza piccolo e semplice, ma che invece è un importante risposta alle disuguaglianze nel mondo. 98

9 IL SOSTEGNO A DISTANZA: OBIETTIVI E STRATEGIE Orfani, profughi, meniños de rua o semplicemente bambini provenienti da famiglie poverissime che non riescono a provvedere ai loro bisogni primari: questi sono i principali destinatari delle azioni di Sad. È un tipo di aiuto particolare che sostiene il ragazzo senza sradicarlo dalla realtà in cui vive, consentendogli una crescita dignitosa e offrendogli pasti regolari, vestiario, assistenza medica e istruzione di base attraverso ONG (Organizzazioni Non Governative), enti religiosi o associazioni presenti sul luogo. Chi adotta a distanza un bambino spesso ha la possibilità di instaurare con lui un rapporto epistolare e, comunque, di essere aggiornato sulle sue condizioni di vita e sui traguardi raggiunti. Esiste anche una forma di Sad che non prevede il rapporto diretto con il bambino, bensì il supporto a microprogetti in favore di un gruppo di persone, in prevalenza donne o minori: una campagna per la tutela della maternità, la gestione di una comunità-alloggio, l avvio di una scuola di strada, l allestimento di un reparto pediatrico. Ogni microprogetto presenta caratteristiche particolari in relazione al Paese di riferimento, al tipo di bisogno, alla durata dell intervento e ai princìpi degli organismi promotori. Si tratta di un aiuto che, senza ledere la dignità dei beneficiari, fa della concretezza e discrezione le sue caratteristiche distintive. C è infine una variante innovativa del tradizionale Sad, della quale esistono in Italia varie esperienze. Non si tratta di inviare denaro per un singolo bambino, ma di sostenere un progetto da cui traggono vantaggio tutti i minori del villaggio o un intera comunità in difficoltà. Tali azioni si configurano a pieno titolo come progetti di sviluppo, caratterizzati dall equità. In altre parole, sono i bisogni collettivi a essere alla base del sostegno e non più le necessità dei singoli. Queste, peraltro, sono spesso fonte di squilibri all interno della comunità e sono talvolta difficili da soddisfare, perché il contributo di un sottoscrittore non sempre è sufficiente a coprire tutte le spese necessarie ai bisogni del ragazzo. 9

10 A questa filosofia d intervento, di carattere espressamente sociale, corrisponde perciò una forma di Sad che riguarda l intero contesto in cui vivono i minori, a cominciare da quello famigliare: in questo senso, il beneficio si estende anche agli adulti con azioni che interessano la vita collettiva della comunità di appartenenza: attività scolastiche, di formazione professionale, di prevenzione sanitaria, di difesa dei diritti. Tutte le azioni descritte in precedenza non debbono essere intese come gesti occasionali di beneficenza, ma come forme di aiuto stabile e prolungato per dare a chi si trova in condizioni svantaggiate la possibilità di riscattarsi autonomamente, utilizzando le risorse del proprio ambiente e della propria cultura. Si tratta, in altri termini, di offrire ai beneficiari la possibilità di una vita più dignitosa, senza essere costretti a emigrare e ad abbandonare il proprio contesto familiare e comunitario. Per questo, in qualsiasi forma si decida di intervenire, il sostegno non è mai a senso unico, perché consente ai chi lo effettua di guardare il mondo con altri occhi, di capire perché tante persone non hanno le nostre stesse possibilità e di mettere in discussione stereotipi e pregiudizi che spesso si trasformano in comportamenti discriminatori.

11 LA SOLIDARIETÀ IN ITALIA Silvia Pochettino, direttore della rivista Volontari per lo Sviluppo Quanto sono solidali gli italiani? È una domanda a cui non è semplice rispondere. Apparentemente molto. Nove italiani su dieci, infatti, chiedono la cancellazione del debito estero dei paesi in via di sviluppo, mentre tre su quattro vogliono aumentare gli aiuti internazionali per i paesi poveri e ridurre le spese militari, secondo i risultati dell indagine Barometro della solidarietà internazionale degli italiani, promossa nel 2007 da Volontari nel mondo-focsiv e realizzata da Doxa e Università di Padova su un campione di oltre intervistati di tutte le provenienze e classi sociali. La prima urgenza mondiale individuata dagli intervistati è la fame nel mondo, cui seguono la disoccupazione e la pace e solo al quarto posto il terrorismo internazionale. «Gli italiani dimostrano una buona conoscenza e un attenzione costante verso la situazione internazionale, in linea con le ricerche degli anni passati (il Barometro della solidarietà era già stato realizzato nel 1999 e nel 2001, nda)» sostiene il professor Belotti, sociologo dell Università di Padova e responsabile scientifico dell indagine, «riproponendo al centro la questione della fame nel mondo, della disoccupazione e della pace come tre elementi interconnessi. Dimensioni queste più presenti della pur diffusa preoccupazione legata al terrorismo che, dopo l impennata avuta nella rilevazione del 2001, raccoglie meno consensi». Tuttavia, a fronte di una sensibilità diffusa, relativamente pochi risultano impegnarsi in prima persona. Dai dati del Barometro gli italiani risultano oggi meno disponibili di un tempo a esprimere solidarietà concreta. Si dona pressoché come nel 2001, ma molto meno del 99. Secondo un altra indagine, quella realizzata da Gfk Eurisko per l Istituto Italiano della Donazione, il 31% della popolazione adulta ha effettuato almeno una donazione negli ultimi dodici mesi, per un totale di 5 milioni di persone. Ma la maggior parte è andata alle donazioni per la ricerca medico-scientifica, mentre solo il 13% per le emergenze umanitarie, l 8% agli aiuti ai paesi poveri e il 5% alle persone bisognose in Italia. 11

12 «Non c è deficit di informazione, ma di partecipazione» sostiene il professor Belotti. «È un cambiamento che indica la prevalenza di modelli di impegno votati alla delega. C è grande sfiducia nella politica, di fronte alle emergenze si chiede di intervenire alle istituzioni internazionali e alle organizzazioni di volontariato che si ritiene possano supplire, a costi contenuti, alla propria indisponibilità soggettiva». Questo dato allarmante ha valso alla ricerca del Barometro il titolo di Solidali in tempi difficili, perché «fare solidarietà oggi è molto più complesso che qualche anno fa». A fronte di un 6% di impegnati ovvero persone che già svolgono attività solidale e un 20% di disponibili a praticarla, una fetta importante di popolazione, il 22%, si dichiara decisamente estranea a tali questioni, e una percentuale ancora maggiore, il 32%, risulta sensibile, ovvero consapevole dei problemi ma passiva, trascinata dal principio del lo so, è importante, ma lascio fare ad altri. Come segnalato anche dalla rilevazione Eurisko prevalgono le donazioni legate a un emergenza, in quanto risposta a un evento drammatico e improvviso che nasce dalla partecipazione a una mobilitazione collettiva in cui la motivazione di fondo è di tipo emozionale. Ci sono poi le donazioni occasionali, ad esempio le adesioni alle raccolte di fondi promosse da trasmissioni televisive o l acquisto di prodotti sui banchetti allestiti per strada. In questi casi la donazione nasce come risposta spontanea a uno stimolo esterno non programmato e spesso resta un gesto isolato. Ma solo le donazioni abitudinarie - come il sostegno a distanza o la contribuzione regolare per progetti - sono considerate vere donazioni in quanto nascono da una scelta meditata e da una relazione di fiducia con le organizzazioni di solidarietà. Tra queste il sostegno a distanza è sicuramente la formula più diffusa e apprezzata dagli italiani, con un 12% di donatori che sceglie questa tipologia di aiuto, secondo i dati del A fronte, anche qui, di un assai più ampio bacino (un italiano su tre) che si dichiara molto interessato e disponibile, anche se nel concreto non agisce. A fianco di questi dati sulla passività degli italiani, ne emergono altri che indicano una grande chiarezza tra gli intervistati circa le emergenze internazionali e le modalità di affrontarle, prima fra tutte quella riguardo l aumento e il miglior utilizzo degli aiuti. Il 64% degli italiani infatti chiede un incremento della quota di aiuti internazionali ai paesi poveri, parallelamente a un aumento di controllo sull utilizzo delle risorse. Circa due terzi degli intervistati richiama l Onu a un maggior esercizio di responsabilità nell indirizzare e convogliare gli aiuti (73%; era il 66% nel 99), segue l Unione europea (50%; era il 42% nel 99), quindi le Ong e le associazioni della società civile (39%), i missionari e le chiese (28%). Ma se gli italiani reputano che debbano essere i grandi organismi internazionali a individuare ed erogare gli aiuti, a sorpresa la maggiore fiducia sul loro buon utilizzo va invece alle Ong (67%), cui seguono i missionari (65%) e solo parecchio dopo Onu, Ue e governo italiano. 912

13 «Verso le Ong si ripone grande fiducia» sostiene Belotti, «anche perché si individua in loro i soggetti che più esprimono vicinanza alla gente e che, a minor costo, possono supplire la carenza di impegno dei singoli. Si riconferma invece chiaramente la sfiducia nelle istituzioni, in particolare quelle nazionali». Da entrambe le rilevazioni poi (Doxa e Eurisko) emerge un elemento comune: la richiesta di maggiore trasparenza nell utilizzo dei fondi da parte delle organizzazioni di solidarietà, grandi o piccole che siano. delega in bianco dunque, ricerca di correttezza etica ma anche competenza e professionalità. Tra i criteri che i donatori applicano alle loro scelte di donazione al primo posto si colloca la notorietà dell organizzazione non profit (nessuno è disposto a sostenere organizzazioni sconosciute) a cui concorrono la visibilità sui grandi mezzi di comunicazione, la presenza sul territorio e la storicità dell organizzazione. Ma per le realtà che operano a livello locale più importante risulta la vicinanza, la conoscenza diretta e la possibilità di controllo e verifica personale del loro operato. Insomma, grandi slanci emotivi, a cui non sempre seguono altrettanti grandi gesti concreti, e soprattutto fedeltà nel tempo sono gli elementi che sembrano caratterizzare i donatori oggi, stretti tra crisi economica e precarietà lavorativa. Tuttavia il bacino potenziale di donatori resta alto, interessato soprattutto al rapporto di conoscenza diretta con le associazioni di solidarietà e i beneficiari e alla trasparenza nell utilizzo dei fondi, che sono proprio le caratteristiche del sostegno a distanza. 13

14 14

15 IL FORUMSAD Se per un verso l interesse degli italiani verso il Sad resta alto, indice di un movimento tuttora in crescita, per un altro verso esso pone la questione di definire e rispettare strumenti di autoregolamentazione allo scopo di dare garanzie di efficacia e onestà a chi sostiene i progetti versando denaro. Anche per rispondere a questa esigenza nel 1999 è stato costituito a Roma il Forum permanente per il Sostegno a Distanza (ForumSaD), nel corso di un meeting organizzato dal Coordinamento La gabbianella a cui hanno partecipato un centinaio di organizzazioni italiane attive nel Sad. Nel 2004 diventa Associazione non profit e onlus. Attualmente aderiscono a ForumSaD 50 organizzazioni che gestiscono progetti in 110 Paesi del mondo, con circa un milione di sostenitori e due milioni e mezzo di beneficiari coinvolti. Le Associazioni affiliate si impegnano, singolarmente o con iniziative coordinate, a promuovere il Sad quale forma di sviluppo dei popoli, a favorire momenti di incontro e di collaborazione fra le organizzazioni del settore, nonché il reciproco arricchimento di idee al fine di sostenere la crescita di una coscienza solidale. ForumSaD (www.forumsad.it) è inoltre attivo nel ricercare strumenti per favorire la trasparenza, la visibilità e la qualità degli interventi di Sad e per realizzare un costante rapporto con le istituzioni e le organizzazioni sociali internazionali, nazionali e locali, al fine di accrescere una cultura di pace. Uno dei risultai ottenuti da ForumSaD è stata la redazione e la diffusione della Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza, che a oggi è stata sottoscritta da oltre 150 organizzazioni italiane. La Carta si definisce come uno strumento di autoregolamentazione e deontologia. ForumSaD ha inoltre promosso la Carta dei Criteri di Qualità SaD, un altro codice di comportamento che coniuga i princìpi generali con criteri gestionali di qualità, e l Anagrafe nazionale delle Associazioni SaD, entrambi strumenti di garanzia nei confronti dei sostenitori e dei beneficiari. Inoltre ha aperto un dialogo con gli operatori dell informazione, con gli Enti Locali e altre istituzioni pubbliche per favorire lo sviluppo della solidarietà. 15

16 ASSOCIAZIONI ADERENTI A FORUMSAD A,B,C, SOLIDARIETÀ E PACE AMICI DEL BRASILE AMICI DEL MADAGASCAR AMICI DELLE MISSIONI PSSF AMICI DI MANAUS APIBIMI ASSISI SOLIDALE ASTRO DEL CIGNO AZIONE PER FAMIGLIE NUOVE BHALOBASA BIMBO AQUILONE CEFA CENTRO COOPERAZIONE E SVILUPPO CENTRO INTERNAZIONALE PER LA PACE FRA I POPOLI CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO CHIAMA L AFRICA CIFA COMITATO S. ANDREA AP. LABICO COOPI ECPAT ENERGIA PER I DIRITTI UMANI ESSERE PER ESSERE FONDAZIONE I SUD DEL MONDO* FONDAZIONE L ALBERO DELLA VITA FONDAZIONE PRO.SA FONDAZIONE SENZA FRONTIERE* GIAMPI GRUPPI INSIEME SI PUÒ GRUPPO ALEIMAR GRUPPO LAICI TERZO MONDO* IL NOCE IL SOLE INCONTRO FRA I POPOLI INSIEME PER CASO* INSIEME SENZA CONFINI SVDP 87 INTERVITA ITALIA SOLIDALE VO.S.VI.M. LA GABBIANELLA LA PICCOLA FAMIGLIA MAIS NAAA ONLUS NUTRIAID ONLUS PUNTO DI FRATERNITÀ SEMINATORI D AMORE DUKUNDANE SORRISI DAL MONDO SPAZIO APERTO UCODEP UN PONTE PER... VOLONTARI DOKITA YOU AND ME TOGETHER* Roma Villa Potenza (MC) Brissago Val Travaglia (VA) Castelletto di Brenzone (VR) Taranto Volano (TN) Assisi (PG) Biganzolo (VB) Grottaferrata (RM) Perignano (PI) Conversano (BA) Bologna Genova Assisi (PG) Padova Fano (PS) Torino Labico (RM) Milano Roma Roma Caltanissetta Roma Milano Milano Castel Goffredo (MN) Nettuno (RM) Belluno Melzo (MI) Napoli Casarsa della Delizia (PN) Como Cittadella (PD) Chianciano Terme (SI) Torino Milano Roma Roma Coriano (RN) Roma Ciriè (TO) Torino Genova Roma Forlì Gorla Maggiore (VA) Arezzo Roma Roma Lamezia Terme (CZ) * aderisce come osservatore 916

17 LA CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA La stesura di questo documento fa seguito alla consultazione di un centinaio di Associazioni italiane nel biennio ed è stata approvata dal comitato promotore del 2 Forum per l'adozione a Distanza (Roma, novembre 2000). PREMESSA Si è consolidata ed è in continua espansione una nuova forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, affido a distanza, adozione scolastica a distanza, sostegno a distanza, tutela, padrinato, madrinato, borsa di studio, sponsorizzazione... Pur essendo ogni organizzazione libera di utilizzare la denominazione ritenuta idonea, il termine scelto convenzionalmente in questa sede è sostegno a distanza. Il sostegno a distanza è un atto di solidarietà che consiste nell'impegno morale a inviare, tramite referenti responsabili, un contributo economico stabile e continuativo, del cui uso il donatore riceve riscontro, rivolto a minori, adulti, famiglie, comunità ben identificate, in condizioni di necessità e in ogni parte del mondo, per offrire la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita nell'ambiente sociale e culturale in cui vivono. La consapevolezza che in questo settore operano tanti e diversi soggetti di varia estrazione e portata culturale e sociale, costituiti in differenti forme organizzative e istituzionali (gruppi amicali informali - parrocchiali - privati, congregazioni o istituti ecclesiali, associazioni, organizzazioni non governative, comitati, coordinamenti, fondazioni) e la necessità di tutelare i diritti dei bambini e delle comunità sostenute e di garantire i diritti delle persone alla trasparenza e al buon uso del loro dono hanno portato numerosi enti e associazioni a incontrarsi e a confrontarsi su alcuni princìpi cardine a cui rifarsi unanimemente. Nasce così la Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza. 17

18 Le organizzazioni che la sottoscrivono, operando nel rispetto delle norme dello Stato italiano e dei princìpi contenuti nei seguenti documenti: - Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo, Convenzione Internazionale sui Diritti dell'infanzia, Convenzioni dell'organizzazione Internazionale del Lavoro, 1973 e Dichiarazione delle Nazioni Unite sull eliminazione della violenza contro le donne, Legge italiana contro la prostituzione minorile, 1998 SI IMPEGNANO A 1. Promuovere il sostegno a distanza quale gesto di libera e solidale condivisione con chi è nel bisogno. 2. Sviluppare l'informazione e la formazione multiculturale. Le organizzazioni, con un'azione concreta di politica sociale, danno voce a minori, adulti, famiglie e comunità costretti a vivere in situazioni difficili e, nell avvicinare culture e società diverse, ne promuovono l'interscambio e il rispetto reciproco, valorizzando la persona nella sua dignità dentro ogni contesto e cultura. 3. Caratterizzare questo gesto solidale rispetto alle altre forme di solidarietà basate sulla raccolta fondi occasionale o per emergenze. Le organizzazioni metteranno in evidenza nei loro progetti la continuità dell impegno del sostegno a distanza che acquista un duplice valore: educa il sostenitore alla consapevolezza dei disagi e della povertà in cui versano milioni di persone e garantisce al contempo un finanziamento stabile per l'attuazione del progetto. 4. Rendere consapevole il sostenitore dell importanza del suo aiuto economico costante nel tempo, anche se il sostenitore può recedere dall'impegno preso; in questo caso, le organizzazioni si impegnano a ricercare in tempi brevi chi lo sostituisca e, nel frattempo, a utilizzare tutti i propri strumenti per garantire il proseguimento del progetto. 5. Mettere a disposizione presso la propria sede il bilancio o il rendiconto annuale e renderlo pubblico secondo le norme previste. Ciascuna organizzazione si rifà alle normative vigenti in merito alla propria configurazione giuridica: al proprio statuto, alle leggi relative all'albo regionale del volontariato, alle disposizioni in merito agli enti del Terzo Settore non profit Onlus e alle ONG, alla Carta della Donazione e alle normative proprie per gli enti ecclesiastici. 6. Comunicare al sostenitore l effettiva somma destinata al beneficiario del sostegno a distanza e quella trattenuta dall'organizzazione per le spese di gestione, come garanzia sul corretto utilizzo dei fondi e informazione sulle modalità di intervento. 7. Valutare con accortezza le richieste di aiuto ricevute e ad avviare un progetto solo là dove esista l esplicito consenso della comunità interessata. Le organizzazioni garantiranno che i loro operatori o delegati agiscano con il consenso della popolazione locale. 918

19 8. Agire in modo che il sostegno a distanza sia strumento di promozione all autosviluppo del beneficiario, della sua famiglia laddove esista e della sua comunità. Per evitare che questo aiuto economico diventi una forma di assistenzialismo, nei Paesi in cui interverranno le organizzazioni coinvolgeranno le comunità nella realizzazione e nella gestione dei progetti con un accompagnamento stabile alle persone, complementare e non sostitutivo. 9. Verificare con attenzione l affidabilità e il lavoro di eventuali partner esteri e ad adoperarsi per garantire il buon esito del progetto anche in caso di loro inadempienze. Le organizzazioni si impegnano a comunicare al sostenitore da chi è curata in loco la realizzazione del progetto e a valutare l affidabilità e l'efficienza dei referenti locali o dei propri collaboratori impegnati nell'attuazione degli interventi di sostegno. 10.Confrontarsi con le altre organizzazioni che operano con le stesse finalità nel perseguimento degli obiettivi di solidarietà e pace, rispettandone le diversità. Le organizzazioni si rendono disponibili a forme di collaborazione tra loro, soprattutto nelle medesime aree geografiche e negli stessi settori di intervento. 11.Rispettare la Carta dei Princìpi per il Sostegno a Distanza. Le organizzazioni valuteranno l opportunità di accettare la collaborazione e i finanziamenti di enti e istituzioni pubblici o privati secondo i princìpi richiamati in questa Carta. 19

20 IL COORDINAMENTO ELSAD Una specificità italiana è la diffusione della partecipazione degli Enti Locali a progetti di sostegno a distanza. A tale proposito va segnalata la nascita nel 2005, su iniziativa della Provincia di Roma, del Coordinamento nazionale Enti Locali per il Sostegno A Distanza (ELSAD), che riunisce 26 Province e 12 Comuni italiani impegnati a promuovere il Sad quale strumento di riequilibrio delle ingiustizie sociali, di educazione allo sviluppo, di impegno personale alla cooperazione internazionale e all apprendimento interculturale, e quale misura di accompagnamento agli interventi di cooperazione decentrata. Il Coordinamento ELSAD (www.provincia.torino.it/europa/cooperazione/reteelsad/elsad), infatti, si pone l obiettivo di sensibilizzare i cittadini, di facilitare un interscambio tra le istituzioni, di sostenere le diverse realtà che operano sul campo, di favorire la trasparenza degli interventi e di operare per la messa in rete delle diverse esperienze. Il Comune di Torino ha aderito al Coordinamento ELSAD nel giugno Sulla base di un principio di rotazione fra i diversi membri, dal marzo 2007 la presidenza del Coordinamento è stata assunta dalla Provincia di Torino. 20

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale

CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale Gli italiani e l aiuto allo sviluppo I risultati delle principali indagini nazionali e internazionali Progetto COCIS Cooperazione? Sì, grazie! Nuovi scenari dello

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli