Skills and Tools to the Cultural Heritage and Cultural Tourism Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Skills and Tools to the Cultural Heritage and Cultural Tourism Management"

Transcript

1 Patrimonio culturale e sviluppo del Turismo nei sistemi economico-sociali complessi Riflessioni e Presentazione del Volume: Skills and Tools to the Cultural Heritage and Cultural Tourism Management a cura di S.Santoro Sommario 1. Progetto CHTMBAL: Caratteristiche e Risultati. 2. Sistemi culturali e del turismo negli scenari della complessità. Prof. Giovanni Padroni Università di Pisa, Campus Turismo Lucca, Board, Opera della Primaziale Pisana, Board, Parco regionale Toscano MSRM 1

2 1. Progetto CHTMBAL: Caratteristiche e Risultati. Il Patrimonio culturale e ambientale assume, anche nei Paesi Balcanici, crescente significatività quale motore e volano di espansione economica e sociale. Capace di creare valore, potenziare e attivare filiere di beni e servizi, in coerenza con le linee guida dell Unesco, è caratterizzato da condizioni di attrazione turistica e competitività internazionale, presenti ed in notevole misura inespresse e potenziali. Ricordiamo come fin dall'anno 2000 l' European Council abbia proiettato da Lisbona uno scenario per il Continente rivolto ad una crescita autenticamente sostenibile, capace di generare nuovi, migliori posti di lavoro e una più ampia coesione sociale, caratterizzato da conoscenza competitiva e dinamica. E proprio la condivisione di conoscenza, metodi e strumenti tra diversi Paesi rappresenta il punto qualificante di un prezioso strumento quale il Network for Post Graduate Masters in Cultural Heritage and Tourism Management. I contributi del Progetto CHTMBAL rendono possibile mettere a fuoco e arricchire cruciali tematiche, da quelle antropologiche a quelle sociali ed economiche, con particolare focus sul territorio balcanico caratterizzato da 2

3 forte senso di appartenenza, alta densità di capitale umano, preziose risorse materiali e immateriali, radicate istituzioni. In tutti i sistemi socio-economici, ed anche nel campo dei Beni Culturali, i modelli classici, con cui si interpretavano fino a ieri i fenomeni, si rivelano tendenzialmente obsoleti esigendo, in una prospettiva postmoderna, anzitutto attenzione verso paradigmi e strumenti delle più aggiornate teorie economico-aziendali. Nel sentiero recentemente tracciato dal Manifesto de Il Sole 24 Ore, sintetizzato nelle parole Se non c è cultura non esiste sviluppo, si comprendono più approfonditamente gli scenari e le sfide che hanno di fronte i Paesi Balcanici, impegnati nella valorizzazione di un Patrimonio ricchissimo con politiche innovative che devono spaziare dalla personalizzazione di massa ai Network, al sapiente impiego delle tecnologie. Non è solo per necessità che le tecnologie aprono a prospettive di rete: esse sono anche potenti strumenti di comunicazione che consentono interazioni prima sconosciute fra il bene e i suoi fruitori. Così l utilizzo di innovativi strumenti infotelematici guida verso obiettivi di qualità e migliore soddisfazione del turista, anzitutto cliente. Tuttavia le tecnologie rappresentano una condizione, ancorché necessaria, non sempre sufficiente per il cambiamento. E sempre importante agire parallelamente su più fattori, dalle risorse umane al contesto istituzionale, dalle attività di formazione e informazione al marketing. La raccolta di un ampio e qualificato numero di Papers, che viene presentato sotto il titolo Skills and Tools to the Cultural Heritage and Cultural Tourism Managemen, è il crogiolo scientifico di un ampio ventaglio 3

4 di ricerche sapientemente coordinate dalla Prof. Sara Santoro dell Università G.d Annunzio Chieti-Pescara, Dipartimento di Scienze Psicologiche, Umanistiche e del Territorio, nella cornice del Programma Tempus IV dell Unione Europea. Il Volume rappresenta molto più di un mero lavoro collettaneo. Facendo seguito ad importanti Training Tour in diversi Paesi Europei, è anzitutto segno di attenzione e concreta attività nello sforzo di elaborare paradigmi di ricerca e tracciare sentieri di intervento anche nel segno di più elevati livelli di efficacia, efficienza ed in generale economicità a valere nel tempo. La presenza di una prestigiosa équipe di studiosi e di Atenei di vari Paesi, che hanno riflettuto e scavato su vari campi e con diverse metodologie, rappresenta un punto di forza coerente con un tema complesso quale il turismo, in sinergia con il Patrimonio culturale ed ambientale. La corposa pubblicazione, che fa seguito ai Proceedings of Sustainable Tourism Development del 2011, è destinata anzitutto ai colleghi e agli studenti del Master attivato su questi scenari dalle Facoltà di Economia in Shkoder (Albania) e Prizen (Kosovo), ma si offre come pregevole contributo al dibattito e all approfondimento, anche in prospettiva metodologica, per un confronto multidisciplinare e comparato. Appare importante anzitutto osservare come una forte attenzione nei Corsi di Master implementati dal Progetto sia rivolto agli studi manageriali. Organizzazione, Marketing turistico, creazione di eventi, Strategie, aspetti giuridici e amministrativi, Fund Raising, tecnologie innovative, sostenibilità, rappresentano fattori qualificanti per dare impulso a innovative forme di sviluppo, anche di tipo socio economico, promettenti in termini di creazione di posti di lavoro. 4

5 Il Patrimonio di identità competitive che vanno dalla cultura in senso stretto alle radici storiche e al paesaggio si configura, anche nei Paesi Balcanici, come fattore durevole per lo sviluppo. Strumento e obiettivo privilegiato dei processi turistici, alimenta lo sviluppo socio-economico con ricadute sul reddito e l occupazione, nel circuito virtuoso innescato nei diversi settori coinvolti 1. Può offrire grandi opportunità ma richiede coerenti responsabilità e spinge verso una crescente attenzione a piani di investimento in infrastrutture interconnesse con proposte culturali. La ricerca, suddivisa in quattro parti, si apre con le riflessioni introduttive della Prof. Sara Santoro che ne illustrano la struttura, gli obiettivi, i temi principali: non solo premessa ma visione attenta e approfondita, capace di far meglio apprezzare significati e le peculiarità dei temi in un forte quadro sistemico. Alla prima parte della pubblicazione fanno riferimento studi di carattere generale e concettuale che spaziano dalle connessioni tra antropologia e management a problemi identitari della città, dagli aspetti comportamentali a possibilità e limiti di modelli organizzativi e di marketing in differenti sistemi colturali, dal valore di esperienze turistiche a contributi della letteratura di viaggio per la costruzione dell immagine territoriale. Dalle analisi si conferma un quadro in cui il sistema culturale appare sempre più intimamente vincolato a quello turistico, con la presenza sinergica d'unità anche eterogenee, tradizionali e no profit, in cui il pubblico e le infrastrutture assumono un ruolo di catalizzatore attivando network impregnati di interfunzionalità. 1 Interessanti analisi sono state sviluppate a Firenze nel corso del Convegno internazionale dedicato all'economia dei beni culturali e ambientali(florens, 2010). 5

6 Nella seconda parte del volume le attenzioni si rivolgono ad un ventaglio di problematiche polarizzate su metodologia, ruolo dei sistemi reticolari nella gestione del Patrimonio, realtà dei Paesi in progressione di sviluppo, ricadute del Master in Cultural Heritage and Tourism Management. Una particolare enfasi è rivolta alle modalità di utilizzo e presentazione in rete delle città storiche di Italia e Albania, possibile esercizio per originali analisi e fecondi approfondimenti incrociati. E' noto come i sistemi produttivi, non solo in Italia, siano caratterizzati da unità "minori" che peraltro, benché giuridicamente autonome, vivono di vita propria e riflessa. Reti e fenomeni aggregativi rendono possibili economie di scala, miglioramenti nella catena del valore, nelle variegate condizioni di efficacia ed efficienza. Anche il Patrimonio culturale e ambientale, pur con alcune eccezioni, è in genere riconducibile alle piccole e medie dimensioni. Analogamente a quanto avviene nei sistemi industriali è necessario percorrerne strade aziendali di tipo innovativo, sia in termini strategici sia strutturali. Così, nella logica del Network il museo diffuso valorizza le potenzialità della città, tra l'altro "cucendo" e integrando esposizioni e strutture minori con esperienze artistiche e socio-economiche peculiari. Proprio le reti e il lavoro di gruppo rappresentano leve per la crescita quali-quantitativa e la diffusione delle conoscenze, per "imparare mediante il lavoro", per la soluzione di problematiche sempre più articolate. Ciò nella convinzione che la complessità generi situazioni d'incertezza e "nuova sensibilità" nei confronti d'elementi quali la responsabilità sociale, la sostenibilità, una diversa ermeneutica dell equilibrio socio-economico durevole, aprendo originali scenari nel segno di un ineludibile riferimento al "paradigma della realtà"(padroni, 2007). 6

7 Sulla linea indicata dall Unesco, che focalizza attenzione e stimoli verso i paesaggi, i siti multipli, gli itinerari, il patrimonio immateriale piuttosto che le opere singole, le radici culturali sono nel volume analizzate non soltanto dal punto di vista storico, ma anche come Asset di concreta valorizzazione socio-economica. I Paesi Balcanici, millenario crocevia di popoli e culture, dai Romani ai Bizantini agli Ottomani, in cui è evidente la costante presenza di un robusto substrato etnico locale e di componenti slave, sono caratterizzati da enormi ricchezze, ancora in gran parte da scoprire e valorizzare, in aree che vanno della storia alle arti all archeologia, dalle tradizioni ai paesaggi. E' utile ricordare come le "Linee guida operative" dell Unesco per l'inserimento nel World Heritage prevedano che il Patrimonio favorisca interscambi nel sistema dei valori, rappresenti testimonianza degli insediamenti umani e dell uso del territorio, sia tangibilmente associato con eventi, tradizioni, idee, credenze, attività artistiche e letterarie comunque di elevato significato. Emerge dai contributi del volume, con evidenza o sotto traccia, l obiettivo strategico di alimentare continuamente una "cultura della cultura" con strumenti capaci di coniugare economicità e "Customer Satisfaction". La globalizzazione porta con sé cambiamenti profondi, economico-sociali ma anche culturali e psicologici, di fronte ai quali non si può rimanere meri osservatori. Se favorisce una moltiplicazione delle connessioni materiali e immateriali, nel tramonto della territorialità delle appartenenze e dei poteri, non è neutrale per l Heritage l affermarsi di strutture di tipo neuronale, con interconnessione di molteplici poli, più o meno in assenza di un centro dirigente. 7

8 La logica della complessità in cui ci troviamo immersi, ben presente nella trama del volume, è caratterizzata anche nel Patrimonio da non linearità, razionalità limitata, probabilità, elevato numero di variabili in gioco e spinge i sistemi culturali ed ambientali verso la "valorizzazione" di tutte le risorse, sia "interne" sia "esterne", portando a sintesi il valore intellettuale delle persone, le potenzialità tecnologiche e delle informazioni. Comunità liquide si formano e vivono nella virtualità, in cyberspazi mobili che sono alla base, come in Internet, di nuove cittadinanze. Le reti collegano sistemi e sottosistemi, dai parchi ai musei, dalle biblioteche a strutture associative e intermediarie, con modalità più efficaci ed efficienti rispetto ai tradizionali modelli gerarchici: sia in termini di flessibilità sia di costi di transazione, responsabilizzazione, apprendimento. Riflessioni teoriche ed esperienze già maturate spingono nella direzione e continua rivisitazione del Distretto culturale e delle filiere collegabili in cui rappresentazioni concettuali, ancora prima di concrete realizzazioni, possono rappresentare strumenti di cambiamento per un più elevato e duraturo Total Quality Management. Nei Paesi Balcanici esistono potenziali Distretti anche per la presenza di significative componenti tangibili ed intangibili: percorsi capaci di valorizzare e collegare in modo sistemico Centri Storici, edifici, botteghe artigiane, biblioteche, monumenti, paesaggi naturali, luoghi di intrattenimento, folklore, per meglio comprendere storia, vita, arte, tradizioni, lavoro, in sinergica interazione con le comunità locali. Il Distretto si sviluppa in un condiviso sistema di valori, utilizza processi di crescita che si modulano in simbiosi con il territorio locale di riferimento, 8

9 con fecondi scambi di saperi tra settori, attività, attori 2. Per molti aspetti legato al tema dell economia della conoscenza, si configura essenzialmente come sistema di offerta territoriale caratterizzato da alta densità di risorse o attività culturali di pregio e da integrazione di servizi culturali e turistici, ove insistono esperienze di valorizzazione che hanno anche per obiettivo lo sviluppo di filiere collegate dell'economia locale. Il cambiamento nelle organizzazioni museali, oggetto di alcuni contributi del volume con interessanti analisi sul campo, si inserisce nell ambito delle più ampie dinamiche di riforma dei settori culturali, evidenti anche a livello internazionale. Parlare di musei nell area Balcanica presuppone non epidermiche riflessioni anche sui cambiamenti in atto nella società. Si tratta di strutture immerse nei sistemi sociali, strumenti in cui l'uomo riflette sia in senso diacronico sia sincronico: su se stesso ma anche sull' ambiente e, in senso lato, sulla realtà 3 ed il tempo. Anche il museo deve perseguire la qualità totale partendo dalle problematiche organizzative che coinvolgono aspetti diversi: anzitutto normativi, finanziari, retributivi, formativi. Se un congruo flusso di finanziamenti è condizione necessaria è anche importante, in termini strutturali, che alla configurazione gerarchica si 2 L'area dei Parchi della Val di Cornia rappresenta, non solo in Toscana, un caso di eccellenza particolarmente interessante per la sinergia tra Enti centrali e locali. E' esempio di virtuosa gestione culturale ed economica del territorio anche legata alla positiva collaborazione tra la Regione, le Soprintendenze e la Provincia. 3 Non c'è società umana in cui l'idea di museo non sia stata concepita e, in qualche modo, realizzata: mediante la produzione e raccolta di oggetti con un ventaglio di scopi: dalle offerte agli dei o ai morti alle suppellettili funerarie sepolte nelle tombe, dalle reliquie alle opere d'arte o curiosità naturali. Si tratta di oggetti portatori di significati, più o meno importanti, che hanno la prerogativa di mettere in comunicazione il visibile con eventi e persone lontane nello spazio e nel tempo, spesso antenati e divinità. 9

10 sostituisca quella fornitore-cliente interno, in processo che valorizzino obiettivi e responsabilità piuttosto che la mera funzione, arricchendo l area discrezionale e la responsabilità del management. Al visitatore devono essere offerti conoscenza, informazioni, coinvolgimento, con strumenti che vanno dalle ricostruzioni multimediali all interattività, dal marchandising agli orari di apertura, agli eventi artistici e di intrattenimento 4. Nel difficile processo di governo del cambiamento i musei possono offrire un considerevole aiuto: contribuiscono a dare nuove identità alle comunità, irrobustiscono le radici culturali, creano coesione e senso di appartenenza, aiutano ad aprirsi al mondo. Vari Papers del volume mettono in evidenza come aspetti materiali e intangibili del Patrimonio balcanico rappresentino ricchezze dalle enormi potenzialità 5. Strade, piazze, campagne sono anche originali palcoscenici di eventi civili, religiosi, folkloristici, ricchi di segni e simboli, capaci di declinare l'universale tema della bellezza e dei valori dello spirito in collegamento con la musica, la letteratura, l' eno-gastronomia, le tradizioni. 4 Bisogna tuttavia osservare che i servizi aggiuntivi possono avere un significato in termini di reale economicità allorché il museo richiami un grande numero di visitatori. Se il "Moma" di New York, visitato ogni anno da quasi 3 milioni di persone, fa quasi tutto all'interno, valorizzando direttamente i propri "prodotti", lo strumento del network può rivelarsi condizione, ancorché non sufficiente, necessaria per superare il gap di dimensioni molto più contenute. 5 Ricordiamo come in ambito Unesco sia stata adottata nel 2003 la Convenzione internazionale per la salvaguardia del Patrimonio culturale intangibile che si propone di proteggerne e valorizzarne gli elementi nella comunità, nei gruppi, nelle persone e rappresenta un capitale molto vulnerabile de processo identitario culturale: basti pensare al Canto a tenore dei pastori sardi.in coerenza con le linee elaborate dall'unesco i Siti Patrimonio dell'umanità devono tracciare sequenze di azioni nel tempo composte da obiettivi, modalità di azione, tipi di controllo. Il collegato Piano di gestione serve in primo luogo a garantire un elevato livello di protezione del bene e promuovere l'integrazione nei programmi di sviluppo locale. 10

11 Le possibili ricadute sono potenzialmente vaste, con interconnessioni capaci di rafforzare il messaggio dei prodotti/servizi e connotarli in senso socio-economico oltreché estetico 6. Nella terza parte importanti Case Studies, riflessioni e strumenti operativi propongono collegamenti tra impostazioni più squisitamente teoriche e aspetti legati al territorio, con rimandi ai ricchi e per molti aspetti paradigmatici Patrimoni di Italia e Spagna. E molto significativa, in quest area, l analisi del Codice italiano dei Beni Culturali: punto di arrivo di un iter lungo ed approfondito che ha visto partecipazione e contributi molto ampi, di varia provenienza politica e culturale, strumento fondamentale di ispirazione e confronto anche per altri Paesi. Il Codice, con uno sforzo di semplificazione legislativa, fornisce uno strumento importante per difendere e promuovere il più grande tesoro degli italiani e rappresenta uno strumento che, assumendosi il compito di ricomporre la materia su basi sistemiche, prevede ampi margini di cooperazione nell'esercizio dei compiti di tutela da parte degli enti territoriali che agiscono con l'obiettivo di costituire un sistema integrato di valorizzazione. Molte discussioni sul Patrimonio dei Paesi Balcanici richiamano queste problematiche, atte a garantire alle future generazioni un'idonea fruizione. 6 La Toscana ha offerto recentemente un contributo importante nella direzione dei distretti e in generale di miglioramenti strutturali e strategici nel sistema dei beni culturali. Il T.U approvato con la Legge regionale 21/2010 traccia linee guida ed operative per la riorganizzazione e la valorizzazione del patrimonio sul territorio. Un segnale di rilievo lanciato riguarda il riferimento all' ecomuseo, istituto culturale pubblico o privato, senza scopo di lucro, per lo sviluppo culturale ed educativo locale caratterizzato da funzioni di ricerca, conservazione, valorizzazione di un insieme di beni, sia materiali sia immateriali. Tra gli obiettivi vi è la ricostruzione, salvaguardia e valorizzazione di ambiti e contesti ambientali e modi di vita, il recupero intelligente di saperi, tradizioni, testimonianze del lavoro. 11

12 E, con il paradigmatico scenario riferito all Italia, appare di sicuro interesse, in coerenza con il Codice, il principio di integrazione tra la tutela e le discipline urbanistiche, con il coinvolgimento degli enti locali e della società civile nel governo del territorio. Se in gran parte dell Europa l azione umana ha organizzato e modellato lo spazio creando fusione tra natura e cultura, il nuovo Corpus italiano, codificando il principio della tutela del paesaggio come interazione tra bene singolo e contesto, architettura e ambiente, arte e società, può costituire occasione di riflessione anche nei Paesi Balcanici. Ancora nella terza parte, puntuali riflessioni sull ecoturismo fanno osservare come le dinamiche turistiche debbano essere sempre perseguite secondo ottiche di sostenibilità: perché ogni sviluppo, come ogni crisi, sono culturali ed etiche prima ancora che economico-finanziarie 7. E restaurare il paesaggio e gli ecosistemi urbani non è congelare un identità o un autenticità fissa ma intervenire in una dinamica con inarrestabile mutamento. Il turista ricerca anzitutto nel territorio contatti con la natura, la cultura, l'arte, lo stile di vita, le radici. E lo sviluppo armonico e duraturo di un sistema può avvenire nella misura in cui le risorse siano gestite in modo tale che le variegate esigenze risultino coerenti con gli stili di vita, gli aspetti biologici, culturali, ecologici dell'area. Esiste un link sistemico tra cultura, economia, turismo: un turismo che si deve non epidermicamente confrontare con aspetti di Governance, legami con le infrastrutture, relazioni qualità-prezzo, riconoscendone la frequente eziologia organizzativa 8. 7 Nel territorio europeo sono presenti circa 4 milioni di chilometri quadrati di realtà storiche, archeologiche, naturali, sociali, la cui valorizzazione richiede l'utilizzo non occasionale di metodologie e strumenti economico-aziendali. 8 E forse non è casuale che negli avveniristici e suggestivi edifici di Maranello progettati da Fuksas, dove nasce l'eccellenza delle vetture Ferrari, l'ambiente architettonico e quello immateriale, 12

13 L'organizzazione può essere realisticamente considerata come un sistema di ruoli per produrre un sistema di valori: è dunque importante che ogni persona della struttura ad ogni livello gerarchico li conosca e li condivida. Il riferimento e la opportuna rivisitazione di elementi peculiari del management sono spunto per nuove prospettive di osservazione e soluzioni volte all economicità e alla migliore soddisfazione del cliente. Ciò, in un panorama in cui stentano ad affermarsi risposte adeguate, anche in ragione degli elevati costi di transazione e dei processi decisionali che comportano. Infine, la presenza di esperienze sul territorio spagnolo, sia riferite al Patrimonio materiale sia immateriale, consegnano in questa terza parte preziose lezioni su cui riflettere. La quarta area, dedicata ai problemi dell apprendimento, ospita significativi contributi, provenienti da vari Paesi, concernenti in particolare l analisi di curricula e percorsi didattici in Istituti d istruzione superiore, ponderazioni su strumenti tradizionali e virtuali, laboratori di simulazione. La conservazione e la presentazione del Patrimonio, coerenti con lo spirito del tempo, offrono un ventaglio amplissimo di opportunità anche per la formazione e l apprendimento, non sempre colte in modo congruo. Segni e simboli nelle opere dell'uomo e della natura sono capaci di attivare, anche in termini innovativi, interesse e attrazione sia per le popolazioni locali sia per i visitatori esterni. Nella complessità del Volume, arricchito da un pregevole patrimonio iconografico, degne di nota sono anche i rimandi ed i riferimenti bibliografici, strumento per ulteriori approfondimenti: perché le ricerche non hanno mai l'estetica e l'etica formino un'unità inscindibile. Al centro è posta la persona che fa procedere insieme l'homo faber con l'homo ludens, l'architettura e il capitale umano. In ciò: dimostrando che anche la bellezza può assumere un grande valore economico perché bene e bello, in sinergia, sono potenti leve di successo. 13

14 conclusioni definitive, sono piuttosto ponte in progress che collega il passato ed il futuro. Ogni studioso deve essere consapevole che suo impegno è quello, anzitutto, di aggiungere alcuni pioli alla scala della conoscenza, cercando di inventare il futuro, piuttosto che meramente subirlo. 2. Sistemi culturali e del turismo negli scenari della complessità. Un caso di eccellenza, suscettibile di attenzione e almeno potenzialmente capace di fonti di riferimento nell Heritage Management, è rappresentato dall Opera Primaziale di Pisa, Fabbriceria dell Undicesimo Secolo, Ente gestore del Patrimonio Unesco della Piazza dei Miracoli di Pisa. Nel complesso, visitato ogni anno da oltre tre milioni di persone, significativi miglioramenti nei livelli di economicità, flessibilità e qualità totale sono stati ottenuti, piuttosto che mediante gli strumenti finanziari, con miglioramenti nelle aree del controllo di gestione, del marketing, della formazione, delle strutture, del bilancio sociale. In quest ottica l Opera ha dato vita a centri di costo riferiti ai principali monumenti del Sito: Il Campanile (AD 1173), la Cattedrale (AD 1064), il Battistero(AD 1152), il Camposanto Monumentale(AD 1278), I Musei dell Opera del Duomo e delle Sinopie. Collaborazioni su tecnologie avanzate con gli Atenei pisani consentono enormi passi avanti anche nella Customer Satisfaction. Un esempio, verosimilmente esportabile nella reatà balcanica, è rappresentato dallo strumento Information Landscapes, oggetto di ricerche di eccellenza della Scuola Sant Anna e sperimentato a Pisa, che consente alle immagini di venire trasformate in scenari tridimensionali. Lo spettatore 14

15 immerso in questo contesto diviene attore e protagonista di un percorso spaziale che si accompagna ad un coinvolgimento sensoriale arricchito nel rispetto di una realtà rigorosamente conservata. Ulteriori occasioni di Customer Satisfaction sono rappresentati dal Museo virtuale, capace di offrire sinergie tra i Patrimoni di località anche molto distanti, con effetti promozionali e scambi di conoscenze intense ed innovative. Se anche negli scenari dell Heritage la conoscenza era tradizionalmente esprimibile attraverso un paradigma "ad albero", richiamante un pensiero "verticale", appare oggi più realistica una rappresentazione reticolare in cui, più della base e del centro, sono importanti le interconnessioni: un modello stabile di transazioni cooperative tra diversi soggetti capace di generare nuovi "attori collettivi". Il sistema appartiene ad una categoria dinamica caratterizzato dal graduale spostamento dai bisogni ai desideri, in un quadro di motivazioni volatili e fortemente immateriali. Ed in un periodo di crisi quale stiamo attraversando, segnato da disoccupazione anche legata al mancato incrocio tra domanda ed offerta, la crescita dei bisogni culturali, opportunamente messa in sintonia con l'offerta di nuovi beni e servizi e naturalmente coerenti professionalità, rappresenta una leva sicuramente interessante. La "rete", oltre che strumento organizzativo, diviene immagine esplicativa, fa emergere problemi di consonanza antropologico-sociale fra repertori comunicativi e nuovi saperi del cambiamento. Concorre a spostare l attenzione dal valore di stock a quello generato dal flusso dei benefici erogati sotto forma di beni e servizi con più marcata interazione tra domanda e offerta. Appare come vera e propria architettura 15

16 capace di offrire al processo di innovazione e sviluppo nuove concrete modalità di comprensione e realizzazione. Si configura uno sviluppo che passa attraverso modelli di crescita sia interni sia esterni, separati da confini evanescenti e dinamici. Una ricca molteplicità di stimoli culturali rende le città ma anche gli ambienti rurali sempre più vivi e stimolanti sia per gli abitanti sia per i flussi turistici, più attratti dalle caratteristiche di sostenibilità. Il concetto ampio di sostenibilità ha acquisito forte rilevanza in tempi recenti quale criterio per valutare le politiche di sviluppo. In questa prospettiva, agli interventi di tutela e valorizzazione di Beni e attività culturali è attribuito un ruolo significativo, considerato il loro stretto legame con il territorio. Ed un fuoco è sull'abilità di garantire sinergia tra il Patrimonio, le risorse di conoscenza ed il complessivo quadro di equilibrio economico-sociale a valere nel tempo. Le norme relative alle qualità nella gestione sono esplicabili in sistemi, processi, prodotti e servizi che hanno come obiettivo primario quello di soddisfare bisogni e desideri dei clienti e di altre parti interessate, nella valorizzazione delle peculiarità di mercato ed ambientali. La definizione di sviluppo sostenibile si trasforma nella ricerca di soluzioni orientate, almeno in un ottica di lungo periodo, verso modelli capaci di determinare un reale sviluppo culturale oltre che economico. E ciò può avvenire nella misura in cui le risorse siano gestite in modo tale che le esigenze socio-economiche ed estetiche risultino coerenti con i sistemi di vita, gli aspetti biologici, culturali, ecologici dell'area. Le filiere di interconnessione, che svolgono un ruolo importante nei processi di tutela, gestione e fruibilità, sono in questo contesto di tipo complesso ed interessano una serie di soggetti, dai proprietari dei beni e dei 16

17 servizi ai gestori delle risorse locali, dalle imprese fornitrici dei servizi alle infrastrutture di accoglienza. Ancorché non sia meccanicamente sovrapponibile, l'organizzazione del distretto culturale appare in molti casi influenzata dai più diffusi e conosciuti paradigmi "industriali". Le principali comunanze sono riferibili allo stretto legame tra prodotto/servizio e territorio, alle definizioni di standard qualitativi, alla circolazione di informazioni e conoscenze, alla presenza del settore pubblico, spesso soggetto di riferimento delle infrastrutture. Il distretto culturale ha il carattere della flessibilità, è territorialmente definito(ancorché i confini possano non essere rigidi), caratterizzato da alta intensità di risorse sia di tipo materiale sia immateriale. Ha come priorità la formazione ad ampio spettro, favorendo la continua interazione strategiastruttura. Proprio nei periodi di crisi e di difficoltà economiche investimenti sulla cultura e sul talento possono assumere un potente effetto di leva economicosociale. La sfida è rappresentata anzitutto dal riuscire a scoprire le radici, ravvivare le grandi tradizioni materiali e immateriali del passato scommettendo sull'innovazione, nell'ambito di un turismo sempre più esigente, dinamico e arricchito di informazioni. Ciò di fronte agli scenari dell OCSE che ipotizzano, espressa dal Better Life Index, nei prossimi due decenni una forte ascesa dei settori legati al benessere e alla cultura: scenari articolati e disomogenei, in continuo divenire, le cui variabili sono interdipendenti e causa di cambiamenti di fondo nei contesti di riferimento. Dunque emerge per governanti, pianificatori, progettisti, l esigenza di un convinto impegno a creare città desiderabili per vivere, lavorare, conoscere: non tanto Debit Driven, basate sulla spesa pubblica, quanto 17

18 piuttosto Smart Oriented, polarizzate su creatività e capacità di generare valore e sviluppo, grazie anche ad una costruttiva coopetition tra pubblico e privato. Nei territori balcanici città e territorio possono essere il nuovo volano dell economia: un motore interrelato con infrastrutture, tecnologie, rapporti con università e centri di ricerca. E' importante lavorare nella direzione di un'economia creativa offrendo anzitutto ai giovani concrete opportunità per dar vita ad un lavoro coerente con i bisogni e i desideri dei clienti. Ciò anche utilizzando fabbriche e strutture in disuso. Le attività del distretto possono essere analizzate e sviluppate scendendo nel dettaglio di aree quali la gestione dei flussi informativi, i collegamenti tra reti diverse(dal turismo scolastico a quello congressuale, religioso, di ricerca), la concreta fruizione dei beni(dalle visite guidate alle biglietterie), i network di punti commerciali, la produzione di materiale promozionale, la programmazione di eventi. Il sistema culturale locale rappresenta la base di partenza per avviare nel territorio la valorizzazione dell'identità strettamente legata alla "unicità del patrimonio", promuovere lo sviluppo del sistema economico ed il miglioramento della qualità della vita. Ciò con il coinvolgimento di ogni cittadino, che deve essere spinto a riappropriarsi con responsabilità di un patrimonio stratificato in millenni di storia ma che non ha perso il suo valore. Nel sistema, anche locale, dei beni culturali, la comunicazione e l'informazione sono strumenti irrinunciabili. Efficaci campagne mediatiche, partnerships di interscambio, di condivisione di spazi espositivi tra Musei di Paesi e Continenti diversi, accrescono i flussi dei visitatori e il grado di fidelizzazione. 18

19 La ricerca, anche nei sistemi economico-aziendali del Patrimonio, si realizza sempre meno all'interno d ambiti "chiusi", privilegiando forme che non appartengono a definiti, preesistenti paradigmi (Reale e Antiseri, 2001). D'altronde, proprio alla naturale e crescente complessità dei problemi è connessa la necessità di configurare e implementare soluzioni sempre più innovative. Di fronte ad un mercato-ambiente turbolento è alto il rischio di vuoti o ritardi nelle capacità d adattamento e recupero. Anche l organizzazione dei beni culturali e ambientali deve acquisire, non solo una tantum, strumenti e caratteri adeguati in termini di "resilienza", in altre parole capacità di assorbire sollecitazioni senza subire apprezzabili traumi, e di adeguata "risonanza" con il mercato-ambiente, segnata dalla capacità di mutazioni strategiche e strutturali non meramente adattive, coerenti in termini qualiquantitativi. Ciò anzitutto acquisendo forte attitudine verso le mutazioni, generando manager capaci di "facilitare" anziché imporre, valorizzando idee mediante flussi adeguati di capitali e talenti (Hamel, 2004). Le risorse organizzative, insieme al posizionamento sul mercato e al sistema del prodotto-servizio, continuano a rappresentare, oltre che fattori strategici, fondamentali pilastri dello sviluppo imprenditoriale anche nelle aree, parzialmente esplorate, del Patrimonio. Così come l innovazione tecnologica e la società dell informazione, verso un economia della conoscenza fortemente auspicata in sede europea. Ma non può essere eluso il problema della tutela, che si presenta spesso in modo urgente e preoccupante, appesantito da "storiche" carenze di risorse a ciò dedicate, in grado di condizionare politiche ancorché urgenti e affascinanti. 19

20 Fanno riflettere le carenze dei circa cinquemila piccoli musei italiani. Fortemente bisognosi di un'idonea valorizzazione, toccano un ampio spettro: dagli inventari del patrimonio ai livelli di sicurezza alle condizioni ambientali e di microclima, dagli organici ai sistemi premianti. Ricordiamo come l Unesco definisca il museo integrale come quello creato da un forte legame con lo sviluppo sociale e culturale di una determinata area. Questo nuovo concetto lo trasforma in uno "strumento" dinamico non solo in grado di promuovere un tipo di sviluppo tradizionale ma aperto verso contenuti culturali di tipo intangibile. Nell agosto del 2013 accade negli USA una vera e propria rivoluzione : vengono per la prima volta inseriti nel calcolo del PIL la creatività, la creazione artistica, la ricerca, l innovazione. Il valore dei Beni immateriali è allineato sulle linee dell Unesco, che già considera elementi quali il Paesaggio, la Dieta Mediterranea, il Canto a tenore Sardo, il Folklore, come oggetti di forte attenzione: indubbiamente una strada con molte opportunità per i Paesi Balcanici, ricchi di importanti, spesso poco note ricchezze anche in queste aree. Se nel management del Patrimonio è condizione imprescindibile l'innovazione, capace di spaziare dall'organizzazione ai comportamenti strategici 9, ciò è anzitutto cercare di capire e soddisfare in modo più completo bisogni, desideri, aspettative, di classi sempre più variegate ed esigenti Vanno in queste direzione, essenzialmente di customer satisfaction, le esperienze di "augmented reality" (come nell'applicazione "Toscana plus") in cui è possibile generare una guida interattiva scaricabile gratuitamente nel proprio smartphone. Inquadrando un monumento appaiono svariate informazioni, dalle opere all'l'artigianato, dalle tradizioni alle le strutture alberghiere e di ristorazione. 10 E' verosimile ipotizzare che nel 2020 nei mercati occidentali i consumatori"over 65" cresceranno vistosamente. Il segmento degli anziani diventerà presto un target rilevante quasi come quello giovanile. 20

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Commissione Nazionale Siti UNESCO e Sistemi Turistici Locali ll MODELLO del PIANO di GESTIONE dei Beni Culturali iscritti alla lista del Patrimonio dell Umanità

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli