Il rischio ergonomico in agricoltura: l esperienza della. Regione Puglia. G. Di Leone. Dipartimento di Prevenzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio ergonomico in agricoltura: l esperienza della. Regione Puglia. G. Di Leone. Dipartimento di Prevenzione"

Transcript

1 Dipartimento di Prevenzione Regione Puglia SPESAL AREA NORD Assessorato alle Politiche della Salute Il rischio ergonomico in agricoltura: l esperienza della Regione Puglia G. Di Leone 1

2 COLTURE PREVALENTI ASL BARI AREA NORD: Olivo Uva da tavola Fiori in serra Cereali MEDIA OCCUPATI PER AZIENDA PER COLTURA (PUGLIA): Olive: 1,4 Uva da tavola: 4 Cereali: 0,6 2

3 Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA NORD 1. SOVRACCARICO BIOMECCANICO 16. AMBULATORIO MEDICO 15. CORSO ISTITUTI AGRARI 2. INFORMAZIONE 3. CORSO PER RSPP SPESAL AREA NORD PROGETTO AGRICOLTURA 4. CORSO ANTINCENDIO 1. SOVRACCARICO BIOMECCANICO 5. CORSO RLS 6. CORSO PRONTO SOCCORSO 7. CORSO TRATTORISTI 8. CORSO PER FITOFARMACI 14. CORSO PER OFFICINE RIPARAZIONE 9. VIGILANZA SU DEPOSITI/RIVENDITORI FITOSANITARI 13. VIGILANZA SU UTILIZZO TRATTORI 10. VIGILANZA ORDINARIA 12. ASSISTENZA PER VDR STANDARDIZZATA 11. SPORTELLO INFORMATIVO 3

4 IL SOVRACCARICO BIOMECCANICO DELL APPARATO MUSCOLOSCHELETRICO IN AGRICOLTURA LE LINEE DI ATTIVITÀ NELLA REGIONE PUGLIA Informazione Formazione rivolta agli operatori ASL Formazione rivolta a medici competenti e consulenti aziendali Studio di coltivazioni tipiche del territorio con lo strumento della premappatura dei rischi e dei pericoli per gruppi omogenei di lavoratori Analisi dei cicli mensili e annuali di lavorazioni con l elaborazione di indici di rischio intrinseci per i diversi compiti lavorativi e indici di rischio sintetici mensili e annuali Predisposizione di strumenti per la valutazione semplificata dei rischi da movimenti ripetuti degli arti superiori nelle coltivazioni studiate Raccolta di esempi di soluzioni ergonomiche Elaborazioni di piani mirati di intervento e strumenti mirati per la vigilanza 4

5 Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA NORD INFORMAZIONE QUADERNO DELLA PREVENZIONE dedicato al Rischio da sovraccarico biomeccanico dell apparato muscoloscheletrico 5

6 I N F O R M A Z I O N E 6

7 F O R M A Z I O N E FORMATI IN TUTTO N. 126 OPERATORI: N. 26 MEDICI E N. 60 TECNICI DELLA PREVENZIONE DELLE ASL PUGLIESI N. 27 MEDICI COMPETENTI E N. 13 CONSULENTI LIBERI PROFESSIONISTI 7

8 LA PREMAPPATURA La premappatura dei disagi e dei pericoli è uno strumento di analisi delle lavorazioni proposto dall EPM (in linea anche con il mandato del WHO-IEA e con gli standard della serie ISO 11228) che consente l individuazione delle priorità nelle possibili sorgenti di rischio presenti nel ciclo lavorativo per gruppi omogenei di lavoratori. Si utilizzano domande a risposta chiusa: i risultati (ottenuti automaticamente dal software, disponibile gratuitamente sul sito dell EPM, e facilmente leggibili attraverso istogrammi) aiutano non solo nell individuazione dei problemi ma anche nell offrire una scala di priorità per i successivi adempimenti valutativi. 8

9 Alcune dei principali compiti svolti 9

10 Produzione del pomodoro: azienda e gruppo omogeneo 10

11 11

12 Gruppi omogenei: uva da tavola N GRUPPO OPERAZIONI ESEGUITE 1 eseguono tutte le lavorazioni connesse all'uso della trattrice (lavorazioni meccaniche al terreno, trinciature, concimazioni, trattamenti fitosanitari, ecc) e nessun intervento sulle piante, coperture, fertirrigazioni ecc NUMERO ADDETTI 2 2 eseguono tutte le lavorazioni sulle piante, coperture, raccolta ma non le arature ed altre lavorazioni meccaniche al terreno, concimazioni, fertirrigazioni e controllo impianto irriguo, trattamenti fitosanitari e quant'altro connesso all'uso della trattrice 4 3 eseguono le lavorazioni di coperture, potatura verde, raccolta, ma non le operazioni connesse all'uso della trattrice - fertirrigazione - controllo impianto irriguo - potatura secca - legatura sarmenti 4 eseguono tutte le lavorazioni di potatura verde, raccolta, ma non le operazioni connesse all'uso della trattrice - fertirrigazione - controllo impianto irriguo - potatura secca - legatura sarmenti - coperture 5 eseguono le sole operazioni di fertirrigazione e controllo impianto irriguo eseguono le sole operazioni di diradamento dei grappoli, acinino e sfogliatura della potatura verde, ma non le operazioni connesse all'uso della trattrice - fertirrigazione - controllo impianto irriguo - potatura secca - legatura sarmenti - coperture - raccolta 7 eseguono le sole operazioni di diradamento dei grappoli, acinino e sfogliatura della potatura verde, raccolta, ma non le operazioni connesse all'uso della trattrice - fertirrigazione - controllo impianto irriguo - potatura secca - legatura sarmenti - coperture

13 DESCRIZIONE DI UNA GIORNATA TIPO NELL'ANNO DURATA TURNO (min) 400 N.PAUSE UFFICIALI (ESCLUSA PAUSA MENSA) N.PAUSE EFFETTIVE DI DURATA UGUALE O SUPERIORE A 8 MINUTI (ESCLUSA PAUSA MENSA) 3 DURATA EFFETTIVA DELLE PAUSE (ESCLUSA PAUSA MENSA) 30 DURATA PAUSA MENSA SE PRESENTE INTERNA AL TURNO (RETRIBUITA) IL TURNO SI SVOLGE CONSECUTIVAMENTE SI SE IL TURNO NON SI SVOLGE CONSECUTIVAMENTE PERCHE' ESISTONO DELLE INTERRUZIONI PER CAMBIO SEDE (O PER PAUSA MENSA NON RETRIBUITA) SEGNARE IL NUMERO DI TALI INTERRUZIONI DI ATTIVITA' SOLO SE DI DURATA UGUALE O SUPERIORE ALLA MEZZ'ORA. DURA COMPLESSIVA PAUSE EFFETTIVE PRESENTI IN ORARIO DI LAVORO 30 Orari di lavoro rappresentativi 13

14 CALCOLO TOT. ORE LAVORATE ANNO/ADDETTO GEN FEBB MAR APR MAG GIU LUG AGO SETT OTT NOV DIC N ORE LAVORATE PER MESE ( da tutto il gruppo o dalla persona) compresi gli eventuali stagionali o periodici) N ORE LAVORATE PER MESE/ADDETTO N. MESI LAVORATI % RISPETTO A COSTANTE 40 ORE SETT, 160 ORE MESE, 20 GIORNI LAVORATI MESE 37% 22% 52% 36% 16% N.ADDETTI del totali N.ADDETTI del gruppo omogeneno N.ADDETTI stagionali o periodici TOT.NUMERO ORE LAVORATE/ANNO PER ADDETTO COSTANTE ORE LAVORATE ANNO PER ADDETTO Costante 160 ore mese 5 MESI LAVORATI, CON MONTE ORE MOLTO INFERIORE ALLA COSTANTE 14

15 Calcolo di indici intrinseci di rischio da movimenti ripetitivi degli arti superiori per ciascun compito individuato all interno di ciascuna coltivazione È stata utilizzata la Checklist OCRA. Individuati i vari compiti lavorativi si è proceduto a valutarli come se ciascuno di loro fosse effettuato per un turno lavorativo di 480 minuti, con una pausa mensa e due pause di 10 minuti ciascuna. Se ne è ricavato un indice di rischio intrinseco proprio di ciascun compito, che successivamente, quando applicato ad una determinata programmazione del lavoro di un particolare gruppo omogeneo di lavoratori (omogeneo per esposizione a rischio), verrà ponderato in funzione del tempo realmente dedicato a compiere tale compito, prima nel mese e poi rispetto all intero anno. 15

16 16

17 moltipliatore n.ore senza frequenza forza lato spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari Guida trattore con aratro valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1,33 4 2, ,98 Trattamento e preparazione Terreno: guida trattore 17

18 moltipliatore n.ore senza frequenza forza spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari moltipliatore n.ore senza frequenza forza spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari Trapianto manuale piantine di finocchio valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, ,94 LATO DX Diserbo con pompa a spalla valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, ,62 LATO DX Coltivazione Trapianto e Diserbo Manuale 18

19 moltipliatore n.ore senza frequenza forza spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari Rimozione manuale di erbe valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, ,60 Coltivazione Rimozione erbacce 19

20 moltipliatore n.ore senza frequenza forza spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari Raccolta manuale dei finocchi LATO DX valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, ,94 Raccolta 20

21 Elaborazione di indici di rischio sintetico mensile ed annuale sugli esempi di coltivazioni analizzate per i movimenti ripetitivi degli arti superiori Ottenuti con l ausilio di un foglio di calcolo di Excel (prodotto e messo a disposizione dalla Unità di Ricerca EPM) che ha consentito di mettere in relazione i singoli indici intrinseci calcolati per tutti i compiti, con l organizzazione del lavoro presente in quella specifica situazione lavorativa nell anno analizzato. L indice ottenuto è rappresentativo per gruppi omogenei di lavoratori esposti a quella singola coltivazione se articolata (qualitativamente e quantitativamente) nel modo organizzativo dell anno così come illustrato nell esempio applicativo fornito. 21

22 GEN FEBB MAR APR MAG GIU LUG AGO SETT OTT NOV DIC RIPARTIZIONE PERCENTUALE DELLA DURATA DEI COMPITI ALL'INTERNO DI OGNI MESE DELL'ANNO MACROFASI/ AREE /REPARTI CONNOTAZIONI DEI COMPITI TRATTAMENTO PREP. TERRENO Disinfestazione con trattore e nebulizzatore 20% Aratura e preparazione terreno 20% COLTIVAZIONE Trapianto e semina 60% 60% Dinsinfestazione/Disinfezzione 30% 10% 30% Diserbo erbe non controllate 30% 50% 20% 30% Rimozione di erbo non contrallate da diserbo 40% 50% 100% 10% 40% RACCOLTA Raccolta vera e propria 70% Carico del raccolto nelle ceste 20% Carico raccolto sul camion 10% 100% 100% 100% 100% 0% 0% 0% 0% 0% 100% 100% 100% 22

23 checklist OCRA copyright DANIELA COLOMBINI ANDAMENTO VALORI CHECKLIST OCRA (MEDIA PONDERATA L A SU S COSTANTE O N DI 1760 E GEN FEBB ORE MAR ANNO) DI APR NEI DIVERSI MAG MESI GIU DELL'ANNO U G T O T C G O T V? T 34,0 DX 2,2 2,3 2,7 16,3 0,0 0,0 ## ## ## ## ## ## 32,0 SX 1,9 1,9 1,9 14,9 0,0 0,0 ## ## ## ## ## ## 30,0 28,0 26,0 Per arrivare a 24,0 22,0 determinare il vero 20,0 rischio espositivo 18,0 sarebbe necessario 16,0 14,0 analizzare a quali culture 12,0 tali lavoratori sono 10,0 addetti nel periodo 8,0 estivo, molto 6,0 4,0 probabilmente alla 2,0 raccolta pomodori 0,0 GEN FEBB MAR APR MAG GIU LUG AGO SETT OTT NOV DIC DX 2,2 2,3 2,7 16,3 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 17,8 24,2 2,2 SX 1,9 1,9 1,9 14,9 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 13,1 18,2 1,9 DX SX DX SX 6,1 4,9 16,9 13,5 MEDIA PONDERATA ANNUALE MULTITASK COMPLEX SU COSTANTE RE ANNO ANNUALE 23

24 Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA NORD Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Al momento sono state studiate le seguenti coltivazioni: Ortaggi (finocchi, pomodori, pomodoro ciliegino in serra, cetrioli, cavolfiore, carote, carciofi, patate, broccoletti sia dal punto di vista della coltivazione che da quello del confezionamento) Frutta (uva da tavola sia dal punto di vista della coltivazione che da quello del confezionamento, ciliegie, pesche, angurie, clementine, meloncini Cantalupi) Olive Grano Coltivazioni in vivaio di piante e fiori. 24

25 ERGONOMIA IN AGRICOLTURA PREVENZIONE ERGONOMIA E LAVORO 25

26 Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA NORD Sul portale: quaderno della prevenzione presentazione del progetto coltivazioni studiate file in excell per la valutazione semplificata del rischio Per ciascuna coltivazione oggetto di studio: abstract descrittivo presentazione in power point indici di rischio intrinseco calcolati per ciascun compito lavorativo filmati collegati a ciascun compito studiato 26

27 Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA NORD Gli indici intrinseci individuati nel corso di questo progetto potranno essere utilizzati per costruire (mediante un software dedicato) le esposizioni lavorative tipiche di ogni azienda agricola con l obiettivo di definire l indice di rischio sintetico specifico. In altri termini, per aziende agricole nelle quali sono previste diverse coltivazioni nel corso dell anno (ad esempio vari tipi di ortaggi e/o frutta) nel rispetto delle varie stagioni e dell organizzazione aziendale, sarà possibile calcolare l indice sintetico di rischio da movimenti ripetitivi degli arti superiori utilizzando i diversi indici intrinseci già precedentemente calcolati per i differenti compiti 27 lavorativi.

28 Mol. rec. Mol. Rec. recup. freq. forza lato spalla gomito polso mano stereotipia Tot. postura complem. moltipliatore n.ore senza frequenza forza lato spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari POSTURA CON STEREO POSTURA SENZA STEREO moltipliatore n.ore senza frequenza forza lato spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complementari POSTURA CON STEREO POSTURA SENZA STEREO moltipliatore n.ore senza frequenza forza lato spalla gomito polso mano stereotipia totale postura complem. GUIDA TRATTORE valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1,33 4 4, ,98 POTATURA CON SCALA valore Check-List INTRINSECO N (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, dx ,5 5 15,3 5 5 POTATURA SENZA SCALA valore Check-List INTRINSECO (durata 8 ore con mensa e 2 pause da 10 minuti) 1, dx ,5 3 15,3 3 3 IMBALLATORE I Check list OCRA D I C E A N N U O Org. Lavoro ANNUA 20 % 10 % 8 % 1,3 10,64 3 1,33 4 2,5 0 DX ,5 5,5 0 1,33 1, SX ,5 5,5 0 7,32 20 % 28

29 Dipartimento di Prevenzione Regione Puglia SPESAL AREA NORD Assessorato alle Politiche della Salute K. Popper Voi tutti conoscerete la storia del soldato che scoprì che il suo battaglione (a parte lui) non marciava al passo. Logica della scoperta scientifica 29

A cura di Antonio Capraro e G.Criscolo R.Cafaro M.Torsello

A cura di Antonio Capraro e G.Criscolo R.Cafaro M.Torsello A cura di Antonio Capraro e G.Criscolo R.Cafaro M.Torsello Le origini dell anguria o cocomero provengono dall Africa tropicale. Per la prima raccolta, le notizie ci portano a 5000 anni fa, al popolo egiziano.

Dettagli

LE MALATTIE DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO MSK E LE INIZIATIVE IN AGRICOLTURA

LE MALATTIE DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO MSK E LE INIZIATIVE IN AGRICOLTURA Dipartimento di Prevenzione SPESAL AREA Nord LA PREVENZIONE E LA SALVAGUARDIA DI CHI LAVORA E PRODUCE IN AGRICOLTURA. I PIANI NAZIONALI E REGIONALI 2014 2018: ATTIVITÀ E PROSPETTIVE FOGGIA 28 29 APRILE

Dettagli

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità

Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Trieste settembre Il rischio da movimenti ripetitivi: alcuni casi studio e analisi delle criticità Maria Angela Gogliettino INAIL F.V.G. - CONTARP (Consulenza Tecnica Accert. Rischi e Prevenzione) Autori:

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno

PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno PRINCIPALI LAVORAZIONI A RISCHIO DA MOVIMENTI E SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI attività > 4 ore per turno MONTAGGIO, ASSEMBLAGGIO, CABLAGGIO (materie plastiche, metalli preziosi, bigiotteria, metalmeccanica,

Dettagli

La nuova gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico

La nuova gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico La nuova gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico Il sovraccarico biomeccanico rappresenta il rischio prevalente tra i rischi occupazionali, ciò determina conseguentemente che le malattie muscolo-scheletriche

Dettagli

La prevenzione e la gestione dei rischi da sovraccarico biomeccanico correlato al lavoro, degli arti superiori e del rachide

La prevenzione e la gestione dei rischi da sovraccarico biomeccanico correlato al lavoro, degli arti superiori e del rachide Corsi speciali di secondo livello : Anno 2014- SEDE CENTRALE-MILANO MILANO 2-3 OTTOBRE 2014 La prevenzione e la gestione dei rischi da sovraccarico biomeccanico correlato al lavoro, degli arti superiori

Dettagli

Dr.ssa Vincenza Giurlando Dr.ssa Nora Vitelli Dr.ssa Enrica D Agostino Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro

Dr.ssa Vincenza Giurlando Dr.ssa Nora Vitelli Dr.ssa Enrica D Agostino Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Rischio da sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella grande distribuzione alimentare: l analisi l della valutazione e gestione del rischio da parte dell ASL di Milano Dr.ssa Vincenza

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

Compiti e obblighi del Medico Competente

Compiti e obblighi del Medico Competente DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA AREA DIPARTIMENTALE MONTAGNA U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Il ruolo degli RLS nella prevenzione dei rischi di natura ergonomica e da sovraccarico

Dettagli

Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA:

Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA: Corso di formazione valido come Aggiornamento Per RSPP/ASPP e DdL-RSPP di tutti i macrosettori ATECO RLS CORSI DI ERGONOMIA: TRAINO E SPINTA METODO NIOSH METODO OCRA 24 CREDITI (8 crediti ogni modulo)

Dettagli

Sergio Ardissone SPreSAL ASL di Asti

Sergio Ardissone SPreSAL ASL di Asti Sergio Ardissone SPreSAL ASL di Asti IL NOCCIOLO PRODUZIONE INTERNAZIONALE DEL NOCCIOLO La diffusione del nocciolo, che con mandorlo e noce ha origini asiatiche, è avvenuta grazie ai Fenici e ai Greci,

Dettagli

Comunicazione e gestione degli eventi

Comunicazione e gestione degli eventi OCM (Reg. CE n. 1234/07 - Reg. CE n. 1580/07) Comunicazione e gestione degli eventi Villanova di Castenaso 13 maggio 2010 Trasmissione dei dati relativi alla compagine sociale Scadenza: 31/01 di ogni anno

Dettagli

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro

Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Budget economico e finanziario per Appalti, Cantieri e Commesse di lavoro Il software consente alle Aziende che operano nel campo delle costruzioni, delle manutenzioni, della produzione per commesse di

Dettagli

La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale.

La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale. La valutazione del rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide e degli arti superiori nella mensa aziendale di un ospedale. Dr. Alberto Baratti Dr. Angela Merogno Servizio Medicina del Lavoro, A.S.L.

Dettagli

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico

Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Azienda Sanitaria Firenze Nuove possibilità per la valutazione del rischio biomeccanico Andrea Belli, Tecnico della Prevenzione San Casciano in Val di Pesa, 20 novembre 2013 Movimentazione manuale carichi

Dettagli

Comunicazione e gestione degli eventi

Comunicazione e gestione degli eventi OCM (Reg. CE n. 1234/07 - Reg. CE n. 1580/07) Comunicazione e gestione degli eventi Villanova di Castenaso 15 marzo 2010 Trasmissione dei dati relativi alla compagine sociale Scadenza: 31/01 15/07 di ogni

Dettagli

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Filiera Cerealicola: Organizzazione della filiera Utilizzo di agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Il contoterzismo nelle colture cerealicole di pianura Premesse Si va sempre più

Dettagli

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche

Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche AZIENDA ULSS 20 - VERONA Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura: dalla valutazione del rischio alle misure di prevenzione e buone prassi ergonomiche A cura di: Manuela Peruzzi, Mario Gobbi,

Dettagli

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. TURNI FARMACIE APRILE 2016 Sab. 2 apr. Dom. 3 apr. Sab. 9 apr. Dom. 10 apr. Sab. 16 apr. Dom. 17 apr. Sab. 23 apr. Dom. 24 apr. Lun. 25 apr. Sab. 30 apr. Dom. 1 mag. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

Calendario del Contadino

Calendario del Contadino Parrocchia,Natività Maria SS., Mussotto Consorzio Socio-Assistenziale Alba-Langhe-Roero CAM DO N M ILA N I Calendario del Contadino 00 Dedica al contadino: Grazie a Bruno esperto contadino...è bello quando

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014

1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014 1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014 Metodologia di calcolo Partendo dai dati raccolti attraverso l indagine campionaria che ha consentito di rilevare i costi medi

Dettagli

Intervenire sull organizzazione del lavoro

Intervenire sull organizzazione del lavoro Intervenire sull organizzazione del lavoro Sistema Ambiente ha un modulo per l esame delle condizioni più specificatamente ergonomiche. Il metodo consente la definizione di parametri oggettivi di misurazione

Dettagli

STUDIO DELLE POSTURE DEL RACHIDE E DEGLI ARTI INFERIORI: TECNICHE DESCRITTIVE E CRITERI VALUTATIVI IN SETTORI COMPLESSI

STUDIO DELLE POSTURE DEL RACHIDE E DEGLI ARTI INFERIORI: TECNICHE DESCRITTIVE E CRITERI VALUTATIVI IN SETTORI COMPLESSI STUDIO DELLE POSTURE DEL RACHIDE E DEGLI ARTI INFERIORI: TECNICHE DESCRITTIVE E CRITERI VALUTATIVI IN SETTORI COMPLESSI A cura di Daniela Colombini e Marco Tasso, Olga Menoni DEFINIZIONE Per POSTURA si

Dettagli

Le procedure semplificate per la valutazione del rischio: lo stato dell arte. D. De Merich - F. Sormani A.USL PC

Le procedure semplificate per la valutazione del rischio: lo stato dell arte. D. De Merich - F. Sormani A.USL PC Le procedure semplificate per la valutazione del rischio: lo stato dell arte D. De Merich - F. Sormani A.USL PC Art. 35. Misure di semplificazione per le prestazioni lavorative di breve durata 1. All articolo

Dettagli

Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna

Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna Banca dati per il monitoraggio dei consumi e degli acquisti L esperienza della Regione Emilia Romagna Daniela Carati Servizio Politica del Farmaco Assessorato alla Sanità e Politiche Sociali 1 Il sistema

Dettagli

A cura di Daniela Colombini

A cura di Daniela Colombini A cura di Daniela Colombini Primi risultati di studi organizzativi, in un grande servizio di preparazione pasti in ospedale, per la messa a punto di metodiche semplificate di valutazione del rischio da

Dettagli

LE DATE POSSONO ESSERE SOGGETTE A VARIAZIONI PERTANTO SI PREGA DI CHIEDERE CONFERMA PRESSO I NOSTRI UFFICI

LE DATE POSSONO ESSERE SOGGETTE A VARIAZIONI PERTANTO SI PREGA DI CHIEDERE CONFERMA PRESSO I NOSTRI UFFICI F1 Addetti antincendio attività a rischio di incendio basso 08-feb POGGIBONSI Via Salceto 123 8.30 12.30 F1 Addetti antincendio attività a rischio di incendio basso 11-apr POGGIBONSI Via Salceto 123 9.00

Dettagli

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

ESEMPIO DI STAMPA DVR. VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. DVR VALUTAZIONE RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 008, n. 81 e s.m.i.) VALUTAZIONE CON CHECKLIST OCRA Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

AnAlisi MUlTiTAsK negli ADDETTI AGLI SCAVI ARCHEOLOGICI

AnAlisi MUlTiTAsK negli ADDETTI AGLI SCAVI ARCHEOLOGICI AnAlisi MUlTiTAsK negli ADDETTI AGLI SCAVI ARCHEOLOGICI Per. Ind. Katia Nadalini Premessa Attraverso questa indagine, si vuole approfondire e valutare gli aspetti legati ai rischi lavorativi presenti nelle

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VM43U ATTIVITÀ 46.61.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE, ACCESSORI E UTENSILI AGRICOLI, INCLUSI I TRATTORI ATTIVITÀ 47.52.40 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SISTEMA COMPLESSO

PRODUZIONE PRIMARIA E SISTEMA COMPLESSO L esperienza della Regione Lombardia e il progetto vite Eugenio Ariano Laboratorio Regionale di Approfondimento Prevenzione in agricoltura Milano, 31 gennaio 2014 Clinica del Lavoro Luigi Devoto La valutazione

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2009

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGRAMMA DIDATTICO DEL CORSO SPECIFICO DEDICATO ALL AGRICOLTURA

CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGRAMMA DIDATTICO DEL CORSO SPECIFICO DEDICATO ALL AGRICOLTURA La valutazione dei rischi da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori correlato al lavoro in agricoltura Unità di Ricerca EPM Ergonomia della Postura e del Movimento Fondazione IRCCS Cà Granda Policlinico

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE

Dettagli

Allegato 1 73,89 73,89

Allegato 1 73,89 73,89 Allegato 1 Lavori ordinari Altri lavori 1 Cereali autunno vernini l/ha l/ha Concimazione 6,47 Diserbo/trattamenti 9,24 Mietitrebbiatura 33,25 Raccolta paglia 11,08 Trasporti vari 9,24 Irrigazione di soccorso

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE CONVEGNO REGIONALE SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA PIANO REGIONALE PREVENZIONE 2010 2013 PROGETTO: CONTRASTO DEL RISCHIO DI INFORTUNI MORTALI ED INVALIDANTI IN AGRICOLTURA RISULTATI E PROSPETTIVE FUTURE

Dettagli

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara SCHEDA SOURCE - Dominio INPUT = 15 X 12 km, OUTPUT = 13 X 10 Km SORGENTE GRIGLIA PARAMETRI: georef.. Celle 250mX250m (ArcView( ArcView), h griglia (m), emissioni (t/a) La sorgente griglia contiene la sommatoria

Dettagli

MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI

MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI MOVIMENTI RIPETUTI DEL SEGMENTO MANO-BRACCIO E SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: ANALISI DI DUE CASI AZIENDALI RELATORE : PROF. DOTT. LUCA MARIA NERI STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137

Dettagli

umero 18 /2013 Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura secondo la tipologia di coltivazione (1 )

umero 18 /2013 Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura secondo la tipologia di coltivazione (1 ) umero 18 /2013 Il rischio da sovraccarico biomeccanico in agricoltura secondo la tipologia di coltivazione (1 ) Nelle scorse settimane si è svolto, organizzato da EPM, SNOP e ASL della Puglia il Settimo

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

LA CHECKLIST DI TORINO (CDT v. 3)

LA CHECKLIST DI TORINO (CDT v. 3) LA VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL RISCHIO DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO: LA CHECKLIST DI TORI (CDT v. 3) A. Baracco (1), M.P. Cavatorta (2), S. Di Cuia (1), A. Pollone (1), D. Zito (1), L. Ghibaudo (2), S.

Dettagli

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Progetto Studio VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Promosso da: ARS di Bergamo CPT di Bergamo INAIL di Bergamo Realizzato da: U.S.C. Medicina del Lavoro ErgoDesign In

Dettagli

Tavolo Regia Osservatorio Prevenzione. Riorganizzazione della sanità nella nuova ATS e ruolo dell osservatorio

Tavolo Regia Osservatorio Prevenzione. Riorganizzazione della sanità nella nuova ATS e ruolo dell osservatorio 11.3.2016 Tavolo Regia Osservatorio Prevenzione Riorganizzazione della sanità nella nuova ATS e ruolo dell osservatorio Report infortuni 2010-2014: definizione dell utilizzo della documentazione prodotta

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Budget e Cash flow Ristoranti e Mense

Budget e Cash flow Ristoranti e Mense Budget e Cash flow Ristoranti e Mense E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare l

Dettagli

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE

Mozzarelle ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE ADDETTO ALLA GESTIONE DELLA MACCHINA IMPASTATRICE Matteo Martini Storia dell azienda L azienda nasce nel 1920 e nel corso degli anni ha aumentato la gamma dei prodotti: alla produzione di crescenze e stracchini (anni '60) si è aggiunta quella di robiole

Dettagli

Ufficio Servizi per l Utenza e Relazioni con il Pubblico

Ufficio Servizi per l Utenza e Relazioni con il Pubblico Ufficio Servizi per l Utenza e Relazioni con il Pubblico Periodo GENNAIO-MARZO 2011 12 APRILE 2011 Colombo CONTI pag. 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 FREQUENZA MENSILE DELLE RICHIESTE... 4 TIPOLOGIA DEL CONTATTO...

Dettagli

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI -Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI Servizio : Responsabile :!" #! $% CdC/Ufficio : Obiettivo : &' % Unità di Operazio Tipo

Dettagli

Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14

Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14 Città di Torino Provincia di Torino Lab. CCIAA ASL Dip. Int. Prevenzione Il menù l ho fatto io Percorso partecipato sull Educazione Alimentare Proposta rivolta alle Scuole a.s. 2013/14 PREMESSA Sulla base

Dettagli

mercati della provincia della bat fiere, mercati e sagre della provincia di bat

mercati della provincia della bat fiere, mercati e sagre della provincia di bat mercati della provincia della bat fiere, mercati e sagre della provincia di bat 2 comuni della provincia della bat Comune di Andria Piazza Umberto 1 Tel 088 111 - Fax 088 225 Comune di Barletta Corso Vittorio

Dettagli

T he Italian. Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO

T he Italian. Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO T he Italian Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO Frutta italiana di Alta Qualità FRUTTA CALENDARIO PRODUZIONI GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC AGRUMI VERDURA GEN FEB MAR APR

Dettagli

Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di

Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di Sommario Obiettivi dello studio e ipotesi del modello... 2 Analisi Convenienza rispetto a Consip nel 2014... 3 Previsioni costo energia elettrica

Dettagli

Metodo Ocra: messa a punto di una nuova procedura per l analisi di compiti multipli con rotazioni infrequenti.

Metodo Ocra: messa a punto di una nuova procedura per l analisi di compiti multipli con rotazioni infrequenti. Metodo Ocra: messa a punto di una nuova procedura per l analisi di compiti multipli con rotazioni infrequenti. Enrico Occhipinti, Daniela Colombini, Michele Occhipinti Unità di Ricerca EPM (Ergonomia della

Dettagli

CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI

CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI CONFRONTO TRA I PRINCIPALI METODI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE DA SFORZI RIPETUTI DEGLI ARTI SUPERIORI G. Ricupero*, M. Della Pasqua** * INAIL - Direzione Regionale Emilia Romagna - Consulenza

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Seconda parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Seconda parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Seconda parte AA 2013/2014 STAMPA Quando si esegue il comando FILE STAMPA, Excel manda alla stampante tutte le celle del foglio di lavoro corrente che hanno un contenuto. Il numero

Dettagli

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali E' un Software ideato e realizzato per poter essere facilmente utilizzato dalle Piccole e Medie Imprese che non possono contare su una struttura

Dettagli

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Chi Siamo? RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Siamo dipendenti pubblici che lavorano nella Fondazione Ca Granda Ospedale Policlinico di Milano in Clinica del Lavoro Dipartimento di Medicina

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM43U ATTIVITÀ 46.61.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE, ACCESSORI E UTENSILI AGRICOLI, INCLUSI I TRATTORI ATTIVITÀ 47.52.40 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI GIUGNO 2008

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

La rotazione delle colture

La rotazione delle colture La rotazione delle colture Ultimi aggiornamenti: 2011 La rotazione delle colture è una tecnica colturale le cui origini si perdono nella notte dei tempi; trattasi sostanzialmente di una tecnica basata

Dettagli

Azienda U.L.SS. n. 4 Alto Vicentino Via Rasa, 9 36016 Thiene (VI)

Azienda U.L.SS. n. 4 Alto Vicentino Via Rasa, 9 36016 Thiene (VI) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo BINOTTO PIZZATO ELANIA Via Giuseppe Verdi, 1 35010 Santa Giustina in Colle (PD) Telefono Aziendale: 0445.389168 Fax Aziendale:

Dettagli

IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI

IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI Direzione Regionale Agricoltura e Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca Servizio Fitosanitario Regionale IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI La legge prevede che le macchine per la distribuzione

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Agenda 1. Conoscenza del fenomeno 2. Approccio organizzativo 3. Approccio tecnologico 4. Cura

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico FOTOVOLTAICO = INVESTIMENTO Compreresti la macchina senza contachilometri? Faresti un investimento finanziario senza controllare

Dettagli

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate Gli interventi di prevenzione della ASL RM H Dr. Sandro Sanna Velletri 14 novembre 2008 Salute e sicurezza in agricoltura Principali problematiche

Dettagli

GDO: alcuni dati di comparto Un confronto tra dati ISTAT e INAIL. Evoluzione del settore della GDO

GDO: alcuni dati di comparto Un confronto tra dati ISTAT e INAIL. Evoluzione del settore della GDO REGIONE DEL VENETO GDO: alcuni dati di comparto Un confronto tra dati ISTAT e INAIL Linee guida della Regione Veneto per l ergonomia alla FonteISTAT: CensimentoIndustriae Servizi 2011, datoimpresee risorseumane.

Dettagli

BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA

BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA CORSO DI FORMAZIONE I PARTE BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA Treviso, 5 dicembre 2007 BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA D.M. 174/06 (1/4) - D.M. 20 dicembre 2000 Possibilità di negoziare telematicamente i

Dettagli

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica L Azienda Agrituristica Fattoria Didattica L Agrumeto è situata nella regione del Parteolla, in agro di Donori, piccolo paese a vocazione agricola a circa 25 Km. da Cagliari. Il paesaggio è collinare,

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso 1. Programma di controllo 2. Monitoraggio 3. Rete di ovitrappole 4. Manutenzione settimanale 5. Sistema di sorveglianza a Roma 6. Parametri utilizzati 7. Dati climatici

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

SISTEMA PUGLIA. Il settore agroalimentare pugliese

SISTEMA PUGLIA. Il settore agroalimentare pugliese SISTEMA PUGLIA Il settore agroalimentare pugliese Le aziende agricole presenti nella regione Puglia sono 352.510, pari al 13,59% delle aziende agricole presenti in tutta Italia. La regione è la seconda

Dettagli

Gestione del Rischio da Movimentazione Pazienti : Misure di Prevenzione & Obiettivi di Miglioramento L IDONEITÀ DEGLI ADDETTI ALL ASSISTENZA ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI Silvia Cairoli Verifica

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa

Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa Valutazione Rischi Settore Musicale : Dovendo valutare il rischio di una fanfara militare( banda musicale che opera per cerimonie e intrattenimento

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

A cura di Daniela Colombini, Michele Fanti Alessio Miorelli,, Massimo Candeliere, Andrea Turetta

A cura di Daniela Colombini, Michele Fanti Alessio Miorelli,, Massimo Candeliere, Andrea Turetta A cura di Daniela Colombini, Michele Fanti Alessio Miorelli,, Massimo Candeliere, Andrea Turetta INDICE 1. Presentazione dell impresa 2. Classificazione dei compiti svolti 3. Le problematiche nella valutazione

Dettagli

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI Premessa L idea di redigere degli strumenti utili al lavoro delle segreterie regionali, va nella duplice direzione, da un lato, di uniformare

Dettagli

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio)

AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) AL MERCATO DELLA FRUTTA E VERDURA (in febbraio) La classe si è recata al mercato delle erbe per vedere gli ortaggi della stagione invernale. Gli ortaggi sono venduti dagli stessi produttori. Oltre agli

Dettagli

Copertina. L Orto delle lune

Copertina. L Orto delle lune Copertina L Orto delle lune 1 Rosa dei Venti Gobba a ponente Luna Crescente Gobba a levante 2 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Preparazione Semina Trapianto Piantagione Potatura Raccolta Luna

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE.

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. IL RUOLO DELLE REGIONI

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

D.Lgs 102/14. Diagnosi energetiche per le imprese

D.Lgs 102/14. Diagnosi energetiche per le imprese D.Lgs 102/14 Diagnosi energetiche per le imprese 1 Recepimento direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica Miglioramento dell efficienza energetica Per raggiungere obiettivo SEN (Strategia Energetica

Dettagli

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ******

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ****** Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL Nei giorni scorsi è stato pubblicato dall INAIL il II volume delle Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico

Dettagli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli Centro istruzione Professionale Agricola Assistenza Tecnica della Confederazione italiana agricoltori piazza Caiazzo 3 20124 Milano tel. 02/ 6701083 66982569 - fax 02/66984935 e-mail cipa-at.lombardia@cia.it

Dettagli