Presentazione delle associazioni aderenti al progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione delle associazioni aderenti al progetto"

Transcript

1 Presentazione delle associazioni aderenti al progetto 1. Associazioni che possono essere destinatarie della raccolta Caritas Tarvisina La Caritas ha come obiettivo primario la promozione della persona e del suo valore, che è e resterà sempre sacro. Al centro di ogni progetto c è sempre la persona con la sua storia, con le sue risorse e le sue debolezze. I progetti Caritas hanno l'obiettivo di accompagnare chi è in difficoltà in un cammino di riscoperta della propria dignità e del proprio valore, spesso finito sotto la polvere dell'indifferenza e del pregiudizio. I servizi e progetti attivi in questo momento sono: Centro d'ascolto, Osservatorio povertà e risorse, Promozione mondialità, Cinque pani e due pesci, Il granello di senape, Effatà, Carcere, Pampas, Adozioni a vicinanza. Via Venier, 50 - Treviso (ingresso davanti al Park Dal Negro) La segreteria è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle Tel , fax ; Caritas Vittorio Veneto Gli articoli 1 e 2 dello Statuto della Caritas Diocesana permettono di coglierne le finalità: "La Caritas Diocesana è l'organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine di sensibilizzare le comunità ecclesiali a testimoniare la carità, promuovendo stili di vita consoni al Vangelo, con attenzione particolare alle situazioni sociali, ai bisogni della persona umana e al suo sviluppo integrale, con un opzione preferenziale per i poveri e con intento prevalentemente pedagogico". In collaborazione con altri organismi di ispirazione cristiana e laica, Caritas: - realizza studi e ricerche per scoprire i bisogni presenti sul territorio diocesano, individuarne le cause e stimolare l'intervento sia legislativo che operativo delle istituzioni civili; - promuove con adeguati programmi educativi il servizio civile, il volontariato e le iniziative per la pace e la giustizia; - contribuisce allo sviluppo umano e sociale dei Paesi del Terzo Mondo attraverso la sensibilizzazione dell'opinione pubblica e aiuti economici, coordinando le iniziative dei vari gruppi e movimenti di ispirazione cristiana; - stimola la realizzazione di opere-segno come testimonianza concreta di carità. Servizi e progetti: accoglienza donne, ambulatorio di solidarietà, consulenza legale, distribuzione alimenti, fondo di solidarietà, microcredito, centro di ascolto, distribuzione mobili. Piazza San Francesco, 6 - Vittorio Veneto (TV) Tel , fax ; Centro di aiuto alla vita di Treviso È un associazione apartitica, non persegue fini di lucro e, ispirandosi ai valori cristiani e ai principi democratici, ha lo scopo di prevenire l aborto volontario, gestire e promuovere iniziative a favore della vita e in difesa della maternità. Il Centro di aiuto alla vita si propone di

2 prestare gratuitamente sostegno alle donne, senza distinzione di razza, di religione né di status sociale, sulla base di un rapporto di ascolto, di dialogo personale, di apertura e di disponibilità. Si rivolge a: donne sole e a genitori che abbiano difficoltà di vario genere ad accettare una nuova vita; famiglie con neonati portatori di disabilità; famiglie numerose; madri e famiglie bisognose con figli nei primi anni di vita; donne che hanno vissuto il dramma dell interruzione volontaria di gravidanza. Servizi e progetti in corso: accoglienza e ascolto; consulenze psicologiche, familiari, educative, legali e mediche; aiuto ordinario e straordinario; scuola per neo mamme con percorsi preparto, postparto e svezzamento; progetto scuola. Via Sebastiano Venier, 46 - Treviso Tel , Centro di aiuto alla vita e Movimento per la vita di Vittorio Veneto Il Movimento per la Vita si propone la diffusione di una cultura consapevole e rispettosa del valore della vita umana, dal concepimento alla morte naturale. Il Centro di Aiuto alla Vita è al servizio della madre che si trova in particolare difficoltà a causa della sua gravidanza, o in situazioni di disagio economico, e offre gratuitamente e con riservatezza colloquio, assistenza e aiuto concreto. Incontriamo le mamme una o due volte la settimana o a seconda delle richieste. Integriamo le loro conoscenze sull alimentazione e la salute del bambino piccolo; offriamo vestiario che ci è donato, attrezzatura per bambini (passeggini, girelli, giochi ) fornita da altre famiglie, prodotti alimentari (la spesa per grandi e piccini) e tanto latte. Il nostro sostegno alle famiglie dura da 5 a 8 mesi, a seconda delle necessità e disponibilità. Piazza Flaminio, 23 - Vittorio Veneto Cell Granello di senapa L'associazione Granello di Senapa è una rete di persone che sorregge e si fa sorreggere, sono delle famiglie che sognano e progettano, è una casa, è un giorno della settimana Come il granello di senapa, che da piccolo seme diventa un grande albero, così anche noi con le nostre famiglie e le persone singole vogliamo diventare un grande albero. Per questo cerchiamo di praticare i valori della solidarietà, della condivisione, dell'apertura, dell' impegno sociale, della fiducia nella forza della famiglia, e offriamo rifugio e ristoro tra i nostri rami a bambini in situazioni di disagio, con la formula dell'affido familiare, e a famiglie in difficoltà. Il Granello di Senapa vuole essere uno strumento per promuovere e sostenere reti di solidarietà tra famiglie. Tra i suoi servizi e progetti: Comunità di tipo familiare "Le Giare", Lunedì comunitario, Promozione della famiglia Via Volta 7 Ponzano Veneto Maurizio e Betty, cell ; Associazione di carità e volontariato don Aldo Cagnin Opera attraverso l attività di volontari di tutte le età, che offrono una parte del proprio tempo libero e sostegno economico per far fronte ai bisogni del territorio, delle missioni e dei paesi

3 più poveri, anche attraverso le adozioni a distanza. In collaborazione con altre organizzazioni della città, svolge anche attività di raccolta e distribuzione di generi alimentari, vestiario, mobilio e quanto possa essere utilizzato per venire incontro alle persone bisognose, e offre servizi di assistenza e sostegno alle persone anziane. Via Carpani, 40 Castelfranco Veneto Tel fax San Vincenzo De Paoli (Consiglio Centrale di Vittorio Veneto) La Società di San Vincenzo De Paoli è un organizzazione internazionale di laici cattolici. È presente nella Diocesi di Vittorio Veneto da più di 80 anni. I soci sono raggruppati in 18 Conferenze, che si trovano a Vittorio Veneto (3), Conegliano (6), Tarzo, Pieve di Soligo, Soligo, San Polo di Piave, Oderzo (2), Motta di Livenza, Sacile e San Vendemiano. I vincenziani sono uomini e donne, giovani e meno giovani, impegnati ad aiutare, con rispetto e amicizia, le persone che si trovano in difficoltà morale e materiale, con un impegno personale e diretto, in collaborazione con l Ufficio assistenza dei Comuni, con i Centri di ascolto Caritas e con i parroci. Accanto alle tradizionali attività, la San Vincenzo ne ha attivate altre più specifiche: trasporto anziani per visite mediche, animazione e assistenza negli ospedali e nelle Case di riposo, doposcuola, raccolta e distribuzione (settimanale o mensile) di generi alimentari, laboratorio di cucito. Via Jacopo Stella, 8 - Vittorio Veneto Tel. e fax San Vincenzo De Paoli di Treviso L'espressione "Famiglia Vincenziana" non ha alcun significato giuridico-canonico, ma piuttosto pastorale. Con questa espressione ci si riferisce infatti a quell'insieme di Congregazioni, Movimenti, Associazioni, Gruppi, che in modo diretto o indiretto prolungano nel tempo il carisma vincenziano. E ciò sia che risultino fondati direttamente da San Vincenzo De Paoli, sia che riconoscano in lui la comune fonte di ispirazione e consacrazione al servizio dei poveri. Lo sguardo incessante alla vita, alle opere e alle parole di Gesù, il contatto diretto con le persone e gli ambienti di vita, il senso di Chiesa, l'atteggiamento missionario, la consapevolezza di aver fatto sempre troppo poco di fronte alle necessità dei poveri, sono uno stimolo permanente alla ricerca di sempre nuovi traguardi, di sempre nuove mete, di sempre nuovi ideali da raggiungere. Tutto ciò comporta momenti di comunione, d'intesa e di collaborazione reciproca che possono realizzarsi in programmi coordinati ai vari livelli. Attività e progetti: centro di ascolto; raccolta e distribuzione di generi alimentari, vestiario, mobilio. Via Barberia, 30 Treviso Tel

4 Cittadini volontari - Coordinamento delle associazioni di volontariato di Montebelluna Il Coordinamento è nato per coordinare e collegare i gruppi e le organizzazioni di volontariato di Montebelluna e dei comuni limitrofi che insieme vogliono promuovere e sostenere, in ogni ambito, iniziative di solidarietà e di impegno ambientale e culturale. In particolare il progetto Nessuno escluso offre una risposta alle situazioni di disagio economico presenti sempre più spesso nella nostra comunità, e lo fa attraverso una distribuzione di generi alimentari porta a porta, che garantisce discrezione e relazione. Assieme al cibo si porta anche vicinanza, amicizia e opportunità di relazione, costruendo una rete di solidarietà sempre più diffusa nella nostra comunità. Attualmente 28 volontari seguono 274 persone (114 dei quali minori) in 60 nuclei familiari. Via Dante, 14 - Montebelluna Tel. e fax Croce rossa italiana (Comitato provinciale di Treviso) La Croce rossa italiana, oltre al servizio sanitario in ambulanza, svolge molte altre attività, soprattutto in ambito sociale e socio-assistenziale. In particolare il Comitato Femminile, una delle sue sei componenti, si dedica all'ascolto e al sostegno delle fasce più deboli della società; è formato da un centinaio di socie e si fa carico di seguire mediamente 20/25 famiglie ogni settimana, in alcuni casi attraverso la distribuzione di viveri e vestiario, in altri offrendo un aiuto economico per affrontare spese urgenti, come il pagamento di bollette, le spese sanitarie e per l'acquisto di medicinali. L'attività è svolta in collaborazione con i Servizi sociali dei comuni della provincia. Nel 2010 sono state aiutate circa 250 famiglie, alle quali sono stati distribuiti oltre 100 litri di latte, 1 quintale di pasta, 1 quintale di zucchero, olio, scatolame, biscotti e prodotti per l'igiene personale. Via Lancenigo 2/C - Treviso Tel Fax Croce rossa italiana (Comitato locale di Conegliano) La Croce rossa italiana, oltre al servizio sanitario in ambulanza, svolge molte altre attività soprattutto in ambito sociale e socio-assistenziale. Il Comitato Femminile, una delle sue sei componenti, si dedica all'ascolto e al sostegno delle fasce più deboli della società; le socie sono circa 60 e si fanno carico di seguire ogni settimana numerose famiglie e persone sole, attraverso la distribuzione di viveri e vestiario o con un aiuto economico per affrontare spese urgenti come il pagamento di bollette, spese sanitarie e per l'acquisto di medicinali. L'attività è svolta in collaborazione con i Servizi sociali dei comuni della zona di competenza. Nel 2010 il Comitato locale di Conegliano ha seguito circa 6000 persone attraverso la consegna di generi di prima necessità. Via Maggiore Piovesana, 134 Conegliano Tel ; Fax

5 I Care onlus L associazione I Care non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Offre assistenza alle persone e alle famiglie, nei momenti di necessità e disagio, sia fisico che psicologico, e promuove attività di educazione e prevenzione orientate al reinserimento sociale. Più specificatamente I Care opera al servizio delle categorie e delle persone socialmente più deboli, degli indigenti, degli immigrati e dei bambini e dei giovani attraverso le seguenti attività, svolte prevalentemente nel territorio della provincia di Treviso: raccolta e distribuzione di indumenti, mobili, prodotti alimentari, materiale didattico gestione di un Banco Alimentare promozione di percorsi di alfabetizzazione rivolti prevalentemente a donne immigrate che vivono in condizioni di marginalità sociale e culturale, con l obiettivo di fornire loro strumenti di inserimento o reinserimento sociale assistenza a persone che hanno perso casa e lavoro, anche con la consulenza e l organizzazione di rientro volontariato assistito nei Paesi di origine attività di animazione con il Ludobus, pulmino attrezzato con giochi e materiali per favorire i percorsi di socializzazione dei bambini e dei ragazzi, con particolare attenzione alle realtà ad alta intensità migratoria. L associazione sostiene anche progetti di cooperazione decentrata allo sviluppo in Africa e iniziative a livello provinciale e territoriale per la promozione dell associazionismo tra i cittadini immigrati. Viale Francia, 24 Treviso Tel Associazione La Porta L associazione ha come finalità la prevenzione e presa in carico del disagio minorile tramite l'affido. Gestisce due comunità alloggio per minori, una a Vittorio Veneto (denominata La Piccola Resi ) e una a Sarmede (denominata Piccola comunità educante ). Sono strutture organizzate in modo tale da ricreare al loro interno un ambiente e dei ritmi simili a quelli di una normale famiglia. L obiettivo è di garantire le relazioni affettive, il mantenimento, l'educazione e l'istruzione dei minori ospiti, temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo alla loro crescita psicofisica. L'associazione coordina anche due gruppi di famiglie affidatarie, tramite incontri di auto mutuo aiuto; organizza percorsi rivolti alle famiglie che si dimostrano disponibili all'affido, offrendo loro sostegno e formazione, e incontri con la popolazione, per promuovere e diffondere il concetto dell'affido minorile. Sede di Vittorio Veneto: tel Sede di Sarmede: tel Rete famiglie affidatarie Vittorio Veneto: cell Coordinamento volontariato Treviso Sud-Mogliano Il Coordinamento nasce nell'anno 2007 con la finalità di promuovere le aggregazioni tra le varie associazioni di volontariato appartenenti agli otto Comuni del Distretto socio-sanitario n 3 di Mogliano per la loro messa in rete e favorire la loro partecipazione all elaborazione dei Piani di zona delle Ulss.

6 Il Coordinamento promuove e sostiene iniziative a favore delle associazioni e degli enti del territorio (Istituto GRIS, Comitato Moglianese, Fondazione Il nostro Domani, ), partecipa alla promozione culturale della cittadinanza attraverso la realizzazione di un cineforum presso il Cinema Busan, aderisce ai progetti del Coordinamento provinciale. Piazzale Mons. Luigi Fedalto, 1 Tel ; cell Caritas di Montebelluna La Caritas di Montebelluna si articola in un Centro d'ascolto e cinque Centri di distribuzione. Serve un'area territoriale che comprende i comuni di Montebelluna, Caerano e Trevignano, al suo interno conta 11 parrocchie. Il Centro d'ascolto offre accoglienza e dà orientamento e sostegno a chi si trova in stato di sofferenza e/o disagio. Nel corso di questi anni è diventato punto di riferimento importante per persone messe in difficoltà dalla crisi economica e dalla crescita della disoccupazione. Nei Centri Distribuzione vengono assegnati cibo, vestiario e mobilio a persone e famiglie bisognose. Fra le sue attività si segnala anche un servizio di microcredito. Tel. e fax cda.montebelluna.tiscali.it Associazione Uomo Mondo Si occupa di promozione della persona umana e dei suoi valori fondamentali, con azioni di solidarietà, interventi di assistenza e di cooperazione internazionale, iniziative culturali e di formazione. Le azioni di solidarietà rispondono alle situazioni di bisogno riscontrate sul territorio, favorendo se possibile lo sviluppo di progetti in collaborazione con altre associazioni e istituzioni. Tutti gli interventi sono finalizzati a promuovere la solidarietà, il dialogo e l amicizia anche fra persone di etnie, religioni e culture diverse, e si basano sull impegno gratuito dei volontari nelle varie azioni concrete. Le attività, infatti, vengono realizzate grazie alla disponibilità di molte persone che, in vario modo e secondo le proprie possibilità, operano liberamente e gratuitamente nella prospettiva di contribuire a realizzare un mondo più solidale ed unito. Via S.Angelo 37/b - Treviso Associazione Donne Senegalesi Nata nel 2003, l associazione delle donne senegalesi vuole facilitare l integrazione delle famiglie e dei bambini, aiutare chi si trova in difficoltà economica e sociale, rivendicare i diritti della donna e far conoscere la cultura senegalese. Oggi l associazione ha più di 100 socie, provenienti da un bacino territoriale ampio, che da Conegliano si è esteso fino a Sacile e Ponte di Piave. Alle socie si affiancano sei volontari italiani, a supporto delle varie attività. Ogni mese, le donne dell associazione si incontrano a Conegliano, per trovare soluzioni ai problemi di cui vengono a conoscenza; con altre associazioni partecipano attivamente alla distribuzione di borse de spesa a famiglie bisognose, non solo senegalesi o immigrate, ma anche italiane (circa 120 al mese). Ogni anno, a settembre, promuove una distribuzione di materiale scolastico ai figli di famiglie bisognose e, a dicembre, organizza una festa di Natale.

7 Ligguet Dieum Kanam c/o sig.ra Die Tall Presidente Die Tall Caritas Castelfranco Nell aprile 2011 i Consigli pastorali delle parrocchie della Pieve, del Duomo e di Salvarosa, hanno costituito la Caritas cittadina, per coordinare e migliorare le iniziative di carità, coinvolgere sempre di più le comunità e formare operatori preparati e capaci di un dialogo consapevole e costruttivo con le istituzioni. Attività: Centro di ascolto e sportello microcredito, centro di solidarietà, distribuzione borse della spesa, vestiario, mobilio, mensa, servizio docce. Tel e fax Associazioni che sostengono il progetto (senza essere destinatarie della raccolta) Apio (Associazione di prevenzione e informazione oncologica) Si occupa di sensibilizzazione e organizzazione di iniziative e conferenze mediche sul tema della prevenzione e gestisce un ambulatorio che settimanalmente, in convenzione con i medici oncologici del CRO di Aviano, svolge visite gratuite. Collabora da tempo con associazioni riconosciute a livello nazionale, come la Lilt, per le campagne nazionali di prevenzione, lotta e ricerca contro i tumori e con le ASL del distretto sanitario di Mogliano Veneto e del territorio per l informazione e la diffusione delle campagne di prevenzione tramite screening. via 28 Aprile, 2 Mogliano Veneto Tel Coordinamento del volontariato della Castellana È nato nel 1985 per coordinare e collegare i gruppi, le associazioni e le organizzazioni di volontariato del territorio di Castelfranco Veneto e dei comuni limitrofi. Ha come finalità statutarie promuovere e sostenere, in ogni ambito, iniziative di solidarietà e di impegno ambientale e culturale. In questi ultimi anni, attraverso il progetto Diamoci una mano, ha rivolto la sua attenzione al fenomeno dell impoverimento, letto sia in chiave economica che sotto il profilo culturale e sociale. Via Verdi, 3 Castelfranco Veneto Tel , fax Unicef-Comitato di Treviso L Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l Infanzia, è stato creato dall Onu nel 1946 per far fronte alle difficoltà dell immediato dopoguerra e per sostenere tutti i bambini, sia dei paesi vinti sia di quelli vincitori, senza alcuna considerazione di carattere politico. Dal 1953 l Unicef divenne un organizzazione permanente delle Nazioni Unite; da allora è presente in tutto il mondo con due finalità istituzionali:

8 - l attività di raccolta fondi per sostenere i progetti a favore dei bambini nei Paesi in via di sviluppo; - l attività di advocacy e la sensibilizzazione su temi fondamentali come la conoscenza dell altro, il rispetto di se stessi e dell ambiente, l importanza dell istruzione, la divulgazione della Convenzione sui Diritti dell Infanzia. Il Comitato Provinciale Unicef di Treviso è presente nel nostro territorio da oltre 30 anni e collabora con gli Enti e le Istituzioni locali per divulgare la Convenzione sui Diritti dell Infanzia, per promuovere la Città Amica dei bambini e per fare in modo che i diritti dei bambini e degli adolescenti, scritti nel testo della Convenzione, vengano concretamente applicati nelle nostre scuole e nelle nostre città. Il Comitato Provinciale Unicef di Treviso collabora con i Sindaci e le Amministrazioni comunali per promuovere il diritto alla partecipazione dei ragazzi anche attraverso i Consigli comunali dei Ragazzi per far sperimentare loro la partecipazione e la vita attiva nella comunità. Via Delle Absidi, 12 Treviso Tel

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Verbale 2/14 Altri Comuni

Verbale 2/14 Altri Comuni Tavolo Tecnico Zonale Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera Verbale 2/14 Altri Comuni L'anno duemilaquattordici, il giorno 3 del mese di dicembre, alle ore 11.30 presso la sede della Provincia

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Attività Anno Pastorale 2013-2014

Attività Anno Pastorale 2013-2014 Attività Anno Pastorale 2013-2014 Chi siamo La Caritas è l organismo pastorale voluto dalla Chiesa finalizzato a promuovere la testimonianza della carità all interno della comunità cristiana. La Caritas

Dettagli

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS9 Azienda ULSS n. 9 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 DESIGNAZIONE dei DIRIGENTI MEDICI AUTORIZZATI al RILASCIO dei

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica

Linee orientative per la gestione dei beni negli Istituti di vita consacrata e nelle Società di vita apostolica Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più (Lc 12, 48) Linee orientative

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli