L'IMPORTANZA DELL'APPROCCIO PPM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'IMPORTANZA DELL'APPROCCIO PPM"

Transcript

1 serena.com L'IMPORTANZA DELL'APPROCCIO PPM Massima trasparenza e controllo totale dei portafogli di applicazioni e progetti Autore: Harvey A. Levine

2 INDICE Vi Riconoscete in Queste Descrizioni?... 3 I Tre Aspetti Della Gestione del Portafoglio Progetti... 4 Sezione Uno: Ambiente e Finalità del Progetto... 5 Sezione Due: Problemi... 6 Sezione Tre: Processi e Soluzioni... 8 Sezione Quattro: Strumenti Per la Gestione del Portafoglio Progetti... 9 Sezione Cinque: Implementazione Dei Processi di PPM Informatizzati Riepilogo: l'importanza del PPM serena.com

3 Vi riconoscete in queste descrizioni? Siete inondati dalle richieste di progetti? Gli sponsor vi assediano promuovendo idee "irrinunciabili" e progetti "assolutamente necessari" a cui voi dovete solo aggiungere del denaro, un po' di spazio e parte delle vostre risorse limitate? Ritenete che la scelta dei progetti non dipenda da giudizi oculati, ma da decisioni politiche? E che ne è dei progetti in corso? Si trascinano a fatica? Prosciugano le vostre risorse offrendo in cambio risultati discutibili? Vi chiedete mai il motivo per cui sono stati approvati? E ora che sono in corso, apporteranno veramente i benefici per cui sono stati pubblicizzati? Sapete come porre fine a un progetto malamente gestito o sfuggito al controllo? Sapreste identificarlo? Soffermiamoci sulle applicazioni IT. Si tratta forse di rottami vecchi almeno 12 anni per cui una riparazione sarebbe più costosa di un rimpiazzo? Sono per caso programmi obsoleti? Ridondanti? Difficili da integrare con le applicazioni emergenti? E che ne è della richiesta di risorse, sia quelle necessarie sia quelle previste? Disponete di un inventario contenente i progetti in corso, le applicazioni in uso e i progetti che sono stati proposti? Riuscite a barcamenarvi tra richieste e assegnazioni? Siete sufficientemente informati sulle competenze a vostra disposizione? Siete in grado di valutare l'effetto causato dall'aggiunta o dal rifiuto di un progetto o di un'applicazione? Se di fronte a buona parte di queste domande provate un senso di frustrazione, non preoccupatevi. Non siete i soli. Si tratta di condizioni molto diffuse, che non devono tuttavia essere per questo ignorate. Esiste una soluzione semplice, razionale ed economica per superarle. Per risolvere questi problemi, molte aziende si stanno oggi rivolgendo alla gestione del portafoglio. Supportato da un crescente consenso, l'approccio PPM (Project Portfolio Management, gestione del portafoglio progetti) sta ottenendo sempre più visibilità tra le pratiche commerciali consolidate. Con un investimento minimo si ottengono vantaggi eccezionali. Il PPM rappresenta perciò una soluzione di estremo valore. 3 serena.com

4 I tre aspetti della gestione del portafoglio progetti Figura 1: i tre aspetti della gestione del portafoglio progetti Se considerate questo schema vedrete come la richiesta di risorse si articoli in tre ambiti principali. Ebbene, è ora di integrare i processi e gli strumenti che determinano la scelta delle risorse e di utilizzarli per creare una nuova armonia tra questi tre aspetti. Insomma, è finalmente giunto il momento di creare un ambiente caratterizzato da una lingua comune e da chiari processi comunicativi in cui sia possibile colmare il divario tra il lato progettuale e quello operativo dell'impresa. Le tre fasi di progetto sopra illustrate poggiano tutte su risorse interne all'azienda. Nonostante alcune differenze che le contraddistinguono, presentano delle caratteristiche comuni che permettono di applicare loro un unico processo di gestione. In realtà, dato l'impatto condiviso che si ha sulle risorse, l'implementazione di una soluzione integrata e completa è essenziale. Occorre interrompere l'uso di tre canali separati, ciascuno isolato nel suo ambiente e mirato a livelli superiori diversi, scollegati tra loro e senza alcuna continuità all'interno e attraverso l'intero ciclo di vita progetto/applicazione. Cosa si intende con questo ciclo di vita? Secondo molte organizzazioni dedite al lavoro progettuale, esistono solo due fasi. Nel mio ultimo libro (Project Portfolio Management: A Practical Guide to Selecting Projects, Managing Portfolios, and Maximizing Benefits; Jossey-Bass, 2005) ho identificato tali fasi come segue: Selezione dei progetti per il portafoglio. Gestione della produzione dei progetti. Esiste poi un terzo aspetto, ossia il campo d'azione delle operazioni IT, in cui i progetti completati vanno ad alimentare un portafoglio di applicazioni continue. Questo processo è generalmente detto APM (Application Portfolio Management, gestione del portafoglio applicazioni). Iniziamo con il parlare dell'ambiente, delle finalità, dei problemi, dei processi e degli strumenti di supporto che riguardano un progetto. Se avete già familiarità con questi concetti potete passare alla sezione successiva. 4 serena.com

5 Sezione uno: ambiente e finalità del progetto Selezione dei progetti e gestione del portafoglio progetti In sintesi, alla base di queste due pratiche distinte c'è un unico concetto. Nella prima fase ci preoccupiamo soprattutto di scegliere i progetti giusti per il portafoglio. Nella seconda, ci concentriamo sul conservarli. È in questa seconda fase che capita di accorgersi che i progetti scelti potrebbero non più rappresentare l'applicazione ottimale delle nostre risorse limitate. Studi condotti su progetti industriali falliti dimostrano che questa è purtroppo una preoccupante verità. Le aziende che si sono soffermate a esaminare i loro portafogli di progetti, spesso hanno rilevato uno scioccante numero di progetti discutibili. Dal punto di vista della selezione, questo tipo di progetti esibiva una o più delle seguenti caratteristiche: Mancanza di allineamento con le strategie aziendali. Uso poco efficiente delle risorse aziendali. Non concepiti per offrire vantaggi o ROI adeguati. Inadeguata considerazione del fattore di rischio. Obsolescenza a livello tecnologico o commerciale. Per quale motivo organizzazioni competenti scelgono di caricare il loro portafoglio con progetti selezionati senza cognizione di causa? Da osservazioni personali raccolte nella mia attività di consulenza, emerge una responsabilità principale: la mancanza di informazioni puntuali e di comunicazione tra i segmenti dell'azienda. Esempio: una società internazionale finanziaria e assicurativa ha implementato un PMO che apparentemente segue in modo eccellente la gestione dei progetti. Ma il vicepresidente delle operazioni trova la cosa frustrante e irritante e non attribuisce alcuna importanza ai report PMO. Cosa importa se i progetti funzionano? Stanno realmente contribuendo alla crescita dell'azienda? Gli interessi del vicepresidente (e il suo sistema di incentivi) vanno oltre metriche, piani e studio dei costi. La situazione presenta un divario a livello di comunicazione e di conoscenze e il vicepresidente non riesce a gestire il portafoglio progetti né a contribuire ai suoi risultati. Appurato l'esito positivo dei progetti, egli ne mette in dubbio l'utilità. L'approccio PPM risolve questo problema. Anche se il caso aziendale del progetto citato supporta i criteri di selezione nella fase iniziale, non tutto il suo ciclo di vita sostiene questa scelta. Talvolta, è solo dopo avere avviato il progetto che ci si accorge che la scelta non è quella ottimale. Ecco perché la prima fase di molti progetti deve corrispondere a uno studio di fattibilità. Inoltre, senza la struttura e la disciplina necessarie, i progetti non vengono terminati e le risorse sono sprecate in attività inutili mentre potrebbero essere impiegate in modo più intelligente. Certo, esiste anche il caso dei progetti in cui le prestazioni si rivelano diverse dalle aspettative, gli obiettivi intermedi non vengono raggiunti, i budget sono sforati e i contenuti, i rendimenti o i vantaggi risultano ridotti compromettendo gli obiettivi di qualità. Data la mancanza di dati di monitoraggio (ossia di un'adeguata sorveglianza), i progetti spesso raggiungono un calo di rendimento troppo tardi, quando è ormai inutile individuare i punti carenti e quando intraprendere un'azione correttiva o abbandonare il progetto non serve più. I progetti devono essere valutati a cadenza regolare e in corrispondenza di significative attività cardine (fasi). I processi strutturati e i flussi di dati che portano all'elaborazione di report grafici chiari e concisi e alla comunicazione a livello aziendale sono parte integrante di una visione proattiva. Gestione del portafoglio applicazioni: un caso particolare 5 serena.com

6 Tradizionalmente, un progetto si definisce come un gruppo di attività eseguite in un periodo di tempo predefinito, al fine di rispondere a una serie di obiettivi specifici. Il progetto è da considerarsi completo quando i prodotti vengono consegnati. In molti campi tuttavia, soprattutto nel settore IT, si consegnano piuttosto delle "applicazioni", il cui scopo è offrire determinati vantaggi per la durata del loro ciclo di vita. In aggiunta al portafoglio progetti si delinea quindi un portafoglio applicazioni. Molti aspetti della gestione del portafoglio applicazioni coincidono con la gestione di un portafoglio progetti. Per questo, i processi APM e gli strumenti utilizzati per supportarli spesso si sovrappongono e per prendere decisioni ponderate occorre quindi integrarli. Sezione due: problemi Nella sezione precedente abbiamo definito un ambiente di progetto diffuso, in cui i progetti non contribuivano al successo potenziale dell'azienda. Abbiamo inoltre evidenziato il fatto che spesso i progetti non riescono a fornire i vantaggi promessi e abbiamo altresì sottolineato le caratteristiche di un portafoglio progetti sbagliato (mancanza di allineamento con gli obiettivi aziendali, erronea considerazione dei rischi tecnici o commerciali). Possiamo risolvere questi errori tramite la gestione del portafoglio progetti, ma solo dopo avere compreso a fondo i problemi coinvolti. Questioni globali Risorse. A un esame superficiale i tre aspetti dell'approccio PPM potrebbero apparire separati. Si tratta di un'interpretazione errata. Essi sono interdipendenti e collegati in quanto elementi del ciclo di vita progetti/prodotti/vantaggi e spesso attingono alle stesse risorse. Tuttavia, gli strumenti che utilizziamo per gestire la richiesta e l'assegnazione di risorse sono spesso scollegati e rudimentali. Responsabilità. La responsabilità per i tre aspetti fa capo a diverse sezioni dell'organizzazione. I progetti sono il campo d'azione del reparto Progetti. Nelle organizzazioni odierne il modello organizzativo di progetti tradizionale è il PMO (Project Management Office). Le applicazioni software sono gestite dal reparto IT. La scelta dei progetti è compito di un team di responsabili di progetto senior, che chiameremo d'ora in poi GC (Governance Council). Un problema diffuso è che molte soluzioni software di gestione dei progetti sono state progettate per supportare le esigenze del PMO, ma ignorano quelle del GC, dei manager IT e dell'apparato gestionale senior in genere. Inventario. Manca un inventario preciso di progetti proposti, progetti attivi e applicazioni attive. Questo inventario è necessario per esprimere una valutazione dei progetti nei singoli gruppi, determinare l'impatto sulle risorse e supportare l'assegnazione delle stesse. Di pari importanza è la necessità di disporre di un inventario delle risorse e delle competenze disponibili per facilitare le decisioni di nomina e un'assegnazione delle risorse rapida e interattiva. Un approccio strutturato che promuove la standardizzazione dei processi, la connessione tra le tre fasi e la comunicazione tra tutti i componenti dell'organizzazione conduce a un'integrazione efficiente, pratica ed economica di tutti questi elementi. Problemi inerenti alla fase di selezione Ogni azienda si trova continuamente ad affrontare opportunità ed esigenze che si presentano sotto forma di proposte di progetto. L'obiettivo è quello di valutare la scelta di casi aziendali di progetto e selezionare una serie equilibrata di progetti che siano in linea con gli obiettivi aziendali, utilizzino le risorse disponibili in modo adeguato, non presentino un rischio eccessivo e garantiscano il ROI migliore. Problemi legati alla selezione: considerazioni su valore/vantaggi 6 serena.com

7 Mancanza di allineamento con le strategie Caso aziendale inadeguato o assente I vantaggi proposti e il rischio comportato non sono equilibrati Mancanza di chiarezza nella sponsorizzazione Problemi legati alle risorse: Risorse limitate (denaro, persone, strutture). Le competenze disponibili non corrispondono alle esigenze. Previsione delle risorse necessarie di scarsa qualità. Problemi inerenti ai progetti attivi Una volta avviato, un progetto deve essere periodicamente rivisto per accertare che la riduzione delle prestazioni non vada a inficiare i vantaggi attesi e che questi ultimi continuino a essere prodotti e a rispondere alle esigenze iniziali individuate. La regola base è non dare niente per scontato. Ogni singolo progetto deve poter sempre giustificare risorse e supporto. Problemi legati alle prestazioni: Le carenze a livello di costi e pianificazione non vengono segnalate in tempo utile. Controllo inadeguato dei cambiamenti di opportunità. Perdita di qualità o contenuto di progetti. Problemi legati alle decisioni: Mancanza di strutture che regolino il progresso delle varie fasi. Mancanza di supervisione per rispondere ai problemi di rendimento. Variazione delle considerazioni su allineamento e vantaggi. Mancanza di una cultura che supporti l'interruzione di progetti poco redditizi. Problemi legati alle risorse: Come nella fase precedente. Problemi inerenti al portafoglio applicazioni La vita delle applicazioni ha un suo corso e una fine. L'obsolescenza, le modifiche degli scenari tecnici e commerciali o l'incompatibilità contribuiscono a ridurre il valore di un progetto. La gestione del portafoglio applicazioni richiede un processo decisionale strutturato che prevede il riesame di tutte le applicazioni per decidere in merito a investimenti, manutenzione, sostituzione e ritiro degli applicativi. Problemi legati alla produttività applicativa: Applicazioni obsolete. Duplicati/Sovrapposizioni. Scarsi vantaggi. Mancanza di allineamento o integrazione con l'architettura aziendale. Problemi legati alle risorse: Come nelle altre fasi. 7 serena.com

8 Sezione tre: processi e soluzioni Soluzioni generali Abbiamo delineato una nutrita schiera di problemi. Adesso passiamo a definire le soluzioni. Strutturare l'intero ciclo di vita Definire i processi in modo che risolvano delle aree di problemi Implementare il supporto integrato e informatizzato dei processi Basta poco per capire che in questa fase delicata l'uso di semplici fogli di lavoro o di un software gestionale di livello base non solo non sarà di alcun supporto, ma si rivelerà addirittura di ostacolo nella risoluzione dei problemi. Per contro, strumenti concepiti appositamente per pratiche di gestione ottimali del portafoglio potranno essere di grande aiuto. I fogli di lavoro sono soggetti a falle significative poiché è l'utente a progettare la struttura e il flusso di dati e il regime computazionale. Gli errori diventano così molto comuni. Tra un foglio di lavoro e l'altro non esistono schemi di verifica né garanzie di coerenza. Ho assistito personalmente a moltissimi casi in cui, nonostante le modifiche del piano di lavoro, costi e risorse rimanevano immutati. Gran parte del tempo viene speso armeggiando manualmente con i dati per sincronizzarli e quando problemi di questo tipo diventano evidenti per il direttivo senior la reputazione del project manager è ormai danneggiata. Il tradizionale software per la gestione dei progetti è un piccolo passo in avanti che però tende a non supportare l'intero ciclo di vita con un'integrazione completa. Questi strumenti sono ottimizzati per progetti in corso e non sono progettati per la gestione di una serie di proposte. In genere non sono in grado di valutare i vantaggi né di esaminare il ROI e anche se riescono a gestire i costi, lo stesso non vale per i risparmi e le entrate. Altra falla del software di PM tradizionale è che è destinato alle persone direttamente coinvolte nel progetto. Spesso i responsabili senior e le persone del lato operativo si lamentano di non trarre alcun vantaggio da questi strumenti. Ciò che apprezzo particolarmente dell'approccio PPM e degli strumenti che lo corredano sono proprio le pratiche che aiutano a coprire il divario tra il lato progettuale e quello operativo dell'azienda. Le decisioni del personale operativo vengono facilitate da un flusso di informazioni sui progetti attuali e in sospeso che viene fornito in termini comprensibili e funzionali. Da qualsiasi punto di vista lo si consideri, il costo degli strumenti a supporto del PMM è decisamente basso. Le ore risparmiate settimanalmente grazie alla continuità del flusso informativo garantito alla comunità di utenti bastano da sole a collocarvi in una posizione privilegiata. Se poi ci aggiungete l'ottimizzazione dell'assegnazione delle priorità di lavoro e delle risorse garantita dagli strumenti PMM otterrete un ulteriore vantaggio. Infine, con gli strumenti adatti potrete progettare, implementare e applicare un approccio e una serie di routine strutturati per la gestione del portafoglio. Il valore che ne consegue è incalcolabile. Ecco alcuni "case study" di aziende che hanno scelto di implementare le pratiche di PPM. Nei primi 90 giorni della fusione tra HP e Compaq, il Global Project Management Office ha interrotto oltre 100 progetti o programmi non allineati con la strategia emergente che avrebbero fornito risultati duplicati o che facevano un cattivo uso delle risorse. Nel 2003, AOL ha costruito attorno all'implementazione del PPM una cultura di gestione dei progetti interamente nuova, con sette team di gestione portafogli, una per line of business. Per il ciclo di pianificazione del 2004, AOL è riuscita a ridurre del 40% le ore di richiesta (rispetto al 8 serena.com

9 portafoglio iniziale) bilanciando la capacità di risorse e l'offerta senza dover aggiungere nuovi elementi. Secondo le testimonianze, le aziende con il rendimento migliore hanno cancellato in fase prematura il 40% dei progetti grazie alle tecniche di revisione del rischio. Per i progetti di alto valore sono state liberate risorse cruciali. I promotori iniziali delle tecniche e degli strumenti di PPM hanno scoperto di poter ridurre il carico dei progetti, alleggerire il fardello delle risorse e conseguire risultati superiori. Paradossalmente, hanno aumentato le loro entrate portando a termine un numero inferiore di progetti. Al cuore della soluzione stanno dei processi strutturati e reiterabili. Ma per poter funzionare il sistema implica la presenza di due elementi aggiuntivi: (1) il supporto informatizzato dei processi e (2) gli adattamenti organizzativi finalizzati a chiarire ruoli e responsabilità e a migliorare la comunicazione. Il trio composto da organizzazione, processi e strumenti prevede un sistema per la gestione del portafoglio di progetti e applicazioni. Questo obiettivo, di primo acchito complesso da realizzare, riduce notevolmente gli sforzi dedicati alla gestione dei portafogli e migliora i risultati conseguiti. Si tratta di un processo graduale, ma che, sotto una guida attenta, si farà promotore di una crescita razionale verso la piena maturità. Al termine di questa crescita i vantaggi risulteranno ottimizzati e vi ritroverete a seguire meno progetti, a ridurre le risorse necessarie e le spese di gestione. L'adozione dei metodi PPM e l'aggiornamento degli strumenti che li supportano sono un giusto investimento. Sezione quattro: strumenti per la gestione del portafoglio progetti Non credo sia necessario promuovere l'importanza del supporto informatico in qualunque processo reiterabile. Piuttosto, la domanda è quali sono i vantaggi derivanti da un investimento in strumenti specializzati per il PPM. Potete adesso riconsiderare i problemi indicati nella seconda sezione e capire se gli strumenti che avete a disposizione rientrano in quella casistica. Non si crederebbe che la moderna gestione dei progetti, con la pianificazione e i controlli computerizzati, ha appena festeggiato le nozze d'oro. Nonostante l'importanza di strumenti PERT e basati su CPM, solo negli ultimi sei anni si è cominciata a percepire l'idea di un supporto informatico specializzato per PPM. Il software PM di base non è in grado di fornire il debito supporto per il PPM. Per farlo, deve infatti disporre di una serie di funzionalità: Pianificazione dall'alto al basso. Possibilità di creare piani di alto livello e quadri della domanda delle risorse. Allineamento con piani strategici e architettura aziendale. Assegnazione di priorità e classifica dei progetti candidati. Calcolo di vantaggi, rischi e ROI. Possibilità di gestire entrate e costi. Analisi delle ipotesi (effetto di aggiunta/rimozione di progetti alle risorse). Visualizzazione a livello dirigenziale dei dati utilizzati a supporto della scelta dei progetti. Integrazione con gli strumenti ALM. Sebbene in genere siano gli strumenti a seguire lo sviluppo dei processi, non è insolito affidarsi a un attento esame delle funzionalità degli strumenti e dei consigli degli sviluppatori per avere degli utili riferimenti in merito alle metodologie PPM. Per questo motivo da un punto di vista pratico le scelte di strumenti e processi vanno di pari passo. I vantaggi di un sistema informatizzato: 9 serena.com

10 Display panoramico con indicatori, parametri, problemi e possibilità di recupero di dettagli approfonditi. Collegamento diretto tra progetti, applicazioni, operazioni e gruppi finanziari. Immissione unica dei dati per più usi. Verifiche. Modelli e indicazioni per pratiche ottimali e coerenza. Rapida rielaborazione dei dati e analisi delle alternative. Strumenti specializzati per classifica, rischio, valori/vantaggi, gestione della domanda di risorse, saldo portafoglio, comunicazione. Sezione cinque: implementazione dei processi di PPM informatizzati Come abbiamo già indicato, per essere efficace un PPM necessita di una combinazione di organizzazione, processi e strumenti. Nel risolvere i problemi organizzativi è importante riconoscere che non si richiede di effettuare drastici cambiamenti o di assumere nuovo personale. Si tratta per lo più di variazioni di ruolo, dell'accettazione di nuove responsabilità e di aggiornare gli strumenti a supporto del PPM. Organizzazione del PPM Al centro del processo PPM sono presenti due gruppi. Il Project Management Office (PMO) e il Governance Council (GC). Il loro livello di coinvolgimento varia in base all'azienda. In mancanza di una divisione precisa, il PMO si occuperà sempre del monitoraggio dei progetti e dirigerà il processo e i dati per la valutazione e la selezione dei progetti candidati. La decisione riguardo al contenuto del portafoglio è compito del GC. Il GC può decidere di avere un ruolo attivo nel processo decisionale oppure delegare buona parte degli sforzi a un solido PMO, avallando i consigli ricevuti da quest'ultimo. Introduzione e sviluppo Benché il massimo vantaggio della funzionalità PPM si realizzi solo se applicato a tutta l'azienda, raggiungere questo obiettivo in un solo momento non è né pratico né saggio. Perciò, occorre mappare un percorso verso la piena funzionalità PPM da percorrere a piccoli passi in cui la crescita delle applicazioni PPM sia proporzionata a quella di una maturità PPM. Partite con un'implementazione pilota. Inizialmente, limitate l'ambito d'azione a una piccola sezione dell'azienda. Se possibile, selezionate un'area con personale chiave e lungimirante (in opposizione a chi pone resistenza al cambiamento). Il successo dell'area pilota vi fornirà dei leader che potranno allargare la crescita del processo PPM ad altre aree aziendali. Nel mappare la crescita della funzionalità PPM si consiglia di operare tenendo presente un chiaro modello di maturità PPM. Una volta individuata la posizione da voi occupata nel modello, potete sviluppare un piano strutturato per salire di livello. Le funzioni di strumenti e processi devono essere proporzionali ai livelli di maturità. Piuttosto che cercare da subito la soluzione più potente, pensate a selezionare gli strumenti di supporto tenendo presenti gli obiettivi di crescita, in modo da disporre della funzionalità giusta quando sarà il momento di attivarla. Analogamente a quanto accade con i fogli di calcolo e gli elaboratori di scrittura, non occorre utilizzare tutte le funzioni disponibili contemporaneamente. Per evitare di investire subito tutto nell'acquisizione degli strumenti PPM, considerate l'opzione SaaS (Software-as-a-Service), che consente di affittarli con una quota mensile. Riepilogo: l'importanza del PPM 10 serena.com

11 Quali sono i problemi da risolvere? Le risorse della maggior parte delle aziende sono talmente disperse da non poter supportare le richieste per i progetti proposti, quelli attivi e per le applicazioni in uso. I progetti vengono selezionati in modo inefficace e in molti casi i loro potenziali vantaggi svaniscono prima ancora di essere portati a termine. Soluzioni proposte. Strutturare il processo di selezione dei progetti candidati, assegnando priorità in base ai vantaggi e all'allineamento con le strategie aziendali. Monitorare e valutare i progetti attivi per garantire il supporto continuo di vantaggi pianificati. Cessare (o modificare) i progetti problematici che presentano scarsi rendimenti e non sono più vantaggiosi. Registrare un inventario delle applicazioni in uso ed esaminare periodicamente le decisioni di investimento, manutenzione, sostituzione e ritiro degli applicativi. Componenti della soluzione PPM. Creare una funzionalità PPM regolando e chiarendo i ruoli di supporto al PPM. Aggiungere nuove competenze (non necessariamente nuove persone) al PMO e organizzare un GC di responsabili senior. Aggiungere nuovi processi per definire un approccio strutturato alla scelta dei progetti, al loro monitoraggio e alla gestione delle applicazioni. Aggiornare gli strumenti di gestione dei progetti per supportare i processi PPM potenziati. Vantaggi. I costi per porre le basi di un metodo PPM sono minimi. I processi sono eseguiti dal personale disponibile, per apportare più efficienza e ordine al loro ciclo di vita. Una scelta accurata e una visione complessiva consentono di estirpare i progetti meno produttivi, sia nella fase di selezione che in quella di esecuzione. Spesso per ottenere più vantaggi (e più guadagni) basta eseguire meno progetti. La riduzione del numero di progetti attivi velocizza la consegna di progetti e prodotti, fattore estremamente importante nell'attuale scenario di rapida crescita tecnologica. I costi aggiuntivi dell'aggiornamento degli strumenti PPM (se presenti) sono bilanciati dalla riduzione degli altri costi e dall'aumento dei vantaggi. Più vantaggi. L'approccio PPM integra l'intero ciclo di vita dei progetti: scelta del progetto, sua esecuzione e gestione delle applicazioni. Con processi strutturati applicati sul ciclo di vita integrato, l'uso delle risorse (finanziamenti, persone, strutture) è reso più efficiente e conduce a risparmi e profitti superiori. Grazie al supporto di strumenti adeguati sarà facile raggiungere una selezione più oculata e un assiduo monitoraggio e i tempi di risposta alle azioni fondamentali miglioreranno notevolmente. Conclusione. Spero di avervi convinto dell'importanza dell'approccio PPM. Sono fiducioso che riuscirete a considerare gli straordinari vantaggi derivanti dall'integrazione di tutti gli aspetti del ciclo di vita progetti/prodotti/vantaggi. E spero vivamente che effettuerete i pochi e semplici passi che, con una minima spesa, vi consentiranno di potenziare gli strumenti di supporto al PPM per coprire il divario tra il lato progettuale e quello operativo dell'azienda. Nel farlo, tenete a mente questi requisiti che riguardano gli strumenti e i processi PPM: Supporto e integrazione nella scelta di progetti, gestione del portafoglio progetti e del portafoglio applicazioni. Supporto delle esigenze dei responsabili di progetto e di quelli senior. Supporto della pianificazione dall'alto al basso: possibilità di creare piani di alto livello e quadri della domanda delle risorse. Offerta di una chiara visuale di facile interpretazione dell'impatto dei progetti e delle applicazioni sulle risorse e supporto nella previsione e nell'ottimizzazione dell'assegnazione delle risorse per l'intero ciclo di vita. Supporto dell'analisi delle ipotesi (effetto di aggiunta/rimozione di progetti alle risorse). Visualizzazione di alto livello in un unico database delle informazioni su progetti in sospeso, attuali e sulle applicazioni in uso. 11 serena.com

12 Possibilità di integrazione con strumenti ALM (se pertinente). Possibilità di visualizzare i vantaggi e i costi. Possibilità di affitto (SaaS) o acquisto degli strumenti per le funzioni PPM emergenti. Possibilità di crescita di strumenti e processi proporzionale all'avanzamento della maturità. INFORMAZIONI SU SERENA Serena Software, Inc. è un'azienda leader di software indipendente dedita a Business Mashup, Project Portfolio Management (PPM) e Application Lifecycle Management (ALM). Oltre organizzazioni nel mondo, tra cui 96 imprese incluse nell'elenco Fortune 100, si affidano a soluzioni Serena per l'automazione del processo di sviluppo degli applicativi e la gestione efficace del loro portafoglio IT. La sede centrale di Serena si trova a Redwood City, California e l'azienda ha sedi negli Stati Uniti, in Europa e in Asia Pacifico. CONTATTI Per ulteriori informazioni sui prodotti Serena visitate o contattate un rappresentante di vendita nella vostra area. Sede centrale Serena Serena Software, Inc. Corporate Offices 1900 Seaport Boulevard 2nd Floor Redwood City, CA Stati Uniti Sede Serena Europa Serena Software Europe Ltd. Hertfordshire Abbey View Everard Close St. Albans Hertfordshire AL 1 2PS Regno Unito Sede Serena Asia Pacifico Serena Software Pte Ltd. 360 Orchard Road #12-10 International Building Singapore T F +44 (0) T +44 (0) F T F Copyright 2008 Serena Software, Inc. Tutti i diritti riservati Serena, TeamTrack, ChangeMan, PVCS, StarTool, Collage, Mariner e Comparex sono marchi registrati di Serena Software. Change Governance, Command Center, Dimensions, Mover e Composer sono marchi di Serena Software, Inc. Tutti gli altri nomi di prodotti o società qui citati sono utilizzati a scopo identificativo e potrebbero essere marchi dei rispettivi proprietari. WP1900_001_1105_ serena.com

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti Micro Focus Benvenuti nell'assistenza clienti Contenuti Benvenuti nell'assistenza clienti di Micro Focus... 2 I nostri servizi... 3 Informazioni preliminari... 3 Consegna del prodotto per via elettronica...

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Introduzione Gestire le assenze in modo efficiente è probabilmente uno dei processi amministrativi

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory la consulenza patrimoniale su misura per voi Cosa vi offriamo? Desiderate beneficiare di un monitoraggio

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

etrex 10 manuale di avvio rapido

etrex 10 manuale di avvio rapido etrex 10 manuale di avvio rapido Operazioni preliminari Panoramica del dispositivo attenzione Per avvisi sul prodotto e altre informazioni importanti, consultare la guida Informazioni importanti sulla

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli