L Associazione La Dimora Onlus. si presenta CARTA DEI SERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Associazione La Dimora Onlus. si presenta CARTA DEI SERVIZI"

Transcript

1 L Associazione La Dimora Onlus si presenta CARTA DEI SERVIZI Aggiornato 3 AGOSTO 2013

2 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è una dichiarazione di impegno che l Associazione La Dimora onlus assume nei confronti dei cittadini e delle coppie che ad essa si rivolgono per attuare il loro iter adottivo, con lo scopo di migliorare, nel tempo, la qualità del servizio offerto e del rapporto con le persone che ne usufruiscono. La Carta dei Servizi rappresenta uno strumento di dialogo con lo scopo di Tutelare il diritto di quanti si rivolgono all Associazione Promuovere l operato dell Associazione descrivendo i servizi attivati ed offerti Favorire la partecipazione attiva di quanti si rivolgono all Associazione La Dimora onlus al fine di migliorare l offerta e la qualità delle prestazioni. La Carta dei Servizi rappresenta, pertanto, l impegno concreto dell Associazione La Dimora Onlus a fornire determinati livelli di servizi, a esplicitare, mantenere e migliorare i propri standard di qualità e nel contempo essere un importante veicolo di comunicazione interna ed esterna. L obiettivo principale è, infatti, quello di aiutare il cittadino a richiedere ed ottenere risposte adeguate per la soddisfazione del proprio bisogno. 2

3 CI PRESENTIAMO COS È LA DIMORA O.N.L.U.S. La Dimora. Il nome vuole indicare l intenzione ultima che muove l associazione. Il logo è una casa, ma la dimora è molto di più di una semplice casa, è il luogo in cui cresce la persona, accolta senza riserve nella sua dignità originaria e nell interezza della sua umanità. La Dimora onlus nasce a Ragusa nel Gennaio del 2000 (Atto notarile Ragusa Notaio F. Morello Rep. n Rac. n. 4224) per iniziativa di numerose famiglie, legate insieme dall esperienza dell'adozione e che da più di vent anni, lavorano per diffondere una cultura dell accoglienza del bisogno e per incoraggiare e sostenere ed aiutare quanti cominciano ad intraprendere questo cammino volto all adozione di bambini che non possono più essere adeguatamente seguiti nella loro terra di origine. L'Associazione, alla luce delle nuove normative nel settore dell'adozione internazionale, si propone di essere un punto di riferimento di persone, con le quali affrontare un percorso di accoglienza, facendo prendere coscienza sin dalla fase iniziale del cammino all adozione, del significato e delle implicazioni dell'accoglienza di un bambino che viene da lontano Nella fase post adottiva l associazione si propone di sostenere la coppia a vivere l esperienza dell essere genitori La Dimora ha ottenuto, da parte della Commissione Nazionale per le Adozioni Internazionali, l autorizzazione per svolgere, in Colombia, Polonia, Bulgaria ed in altri Paesi in via di accreditamento, pratiche di adozione internazionali ed è autorizzata a lavorare in tutto il territorio italiano attraverso le sedi operative locali. La dislocazione delle sedi è studiata in funzione della possibilità per ognuna delle quali, con i propri operatori, di seguire la coppia dal primo contatto con l Associazione fino alla conclusione dell iter adottivo garantendo la salvaguardia della frequenza e la qualità dei contatti tra famiglia adottiva ed Associazione. AMBITI DI INTERVENTO L Associazione La Dimora onlus opera principalmente in due ambiti: La promozione e la realizzazione di percorsi di adozione internazionale per bambini in stato di totale ed assoluto abbandono. La convinzione che il percorso adottivo debba essere l ultima spiaggia per il bambino, l esito di tentativi falliti di mantenerlo nel proprio ambiente di vita e nella propria nazione, ci porta ad operare in un numero ristretto di Paesi ma con l impegno preciso di verificare che per il bambino che viene dichiarato adottabile non vi siano possibili percorsi attivabili in loco. La promozione e la realizzazione di interventi di cooperazione internazionale e di sussidiarietà attraverso iniziative di solidarietà a distanza, in linea con quanto sopra enunciato. Annualmente la Commissione Adozioni Internazionali assegna dei finanziamenti ai progetti presentati dagli Enti Autorizzati che meglio possono rispondere a questo impegno. Già da alcuni anni i progetti presentati dalla Dimora onlus sono stati riconosciuti meritori di tale sostegno finanziario. 3

4 ORGANIGRAMMA DELL ASSOCIAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE DIREZIONE TECNICO-OPERATIVA DIRETTORE TECNICO UFFICIO STAMPA FORMAZIONE E CONSULENZA PAESI ESTERI E PROGETTI SEDE OPERATIVA TERRITORIALE Responsabile SEDE OPERATIVA TERRITORIALE Responsabile SEDE OPERATIVA TERRITORIALE Responsabile Equipe socio-psicopedagogica Segreteria e supporto tecnicoamministrativo Equipe socio-psicopedagogica Segreteria e supporto tecnicoamministrativo Equipe socio-psicopedagogica Segreteria e supporto tecnicoamministrativo 4

5 L ADOZIONE INTERNAZIONALE LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE IN ITALIA SEDE DI TRENTO Responsabile: Dott. Giuseppe Tasin C.so Tre Novembre TRENTO Tel SEDE DI IMPERIA Responsabile: Dott.ssa Lina Pisana Via G. Brescia Imperia Tel SEDE DI SENIGALLIA Responsabile dott.ssa Cinzia Fronzi Richiesta autorizzazione SEDE DI PISA Responsabile dott.ssa Ambra Bianchini Richiesta autorizzazione SEDE DI CAGLIARI-PIRRI Responsabile: dott.ssa Anna Loretta Spano Via del canneto CAGLIARI_PIRRI Tel SEDE DI RAGUSA Responsabile: dott.ssa Rosaria Ornella Licitra Via Taormina RAGUSA Tel

6 L organizzazione si articola su una sede centrale, una direzione tecnico operativa, su sedi operative territoriali che godono di ampia autonomia all interno di direttive generali impartite dalla Direzione tecnica. Tale scelta trova origine nella diversità del territorio nazionale e nell operatività dei servizi pubblici preposti all adozione. L autonomia operativa delle sedi garantisce quella flessibilità necessaria a rispondere alle esigenze di famiglie, enti istituzionali e territori anche moto diversi tra di loro e le pone nella condizione di essere protagoniste anche in relazione ai protocolli regionali e provinciali sottoscritti o sottoscrivibili con le istituzioni locali. LA SEDE CENTRALE E diretta dalla Presidente Ornella Rosaria Licitra Ubicata fisicamente presso la sede di Ragusa, ospita gli organi sociali: Assemblea dei soci, direttivo, presidente. Impartisce le direttive di governo dell associazione e ne verifica il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Rappresenta la Sede centrale dell Associazione La Dimora onlus e presso di essa è costituita la Sede legale dell Ente. E sita a Ragusa, in via Taormina 1, Tel: 335/ / Fax: 0932/ sito web LA DIREZIONE TECNICO OPERATIVA Ubicata fisicamente presso la Sede di Trento,coordina l attività delle sedi locali e da attuazione alle indicazioni generali del direttivo trasformandole in azioni concrete finalizzate al perseguimento dei fini associativi. Tel E diretta dal dott. Giuseppe Tasin SEDI OPERATIVE TERITORIALI Sede di Ragusa Sita in via Taormina RAGUSA - Tel: 335/ / Fax: 0932/ E diretta dalla Presidente dott.ssa Ornella Licitra Sede di Trento sita in Via Giuseppe Grazioli TRENTO - tel fax e.mail È diretta dal dott. Gianfranco Mattera Sede di Imperia sita in Via Abbo il santo IMPERIA - tel e.mail È diretta dalla dott.ssa Lina Pisana Sede di Senigallia In via di apertura e.mail sarà diretta dalla dott.ssa Cinzia Fronzi in attesa di autorizzazione Sede di Pisa In via di apertura e.mail sarà diretta dalla dott.ssa Ambra Bianchini in attesa di autorizzazione Sede di Cagliari Sito in Via P.da Palestrina, CAGLIARI - tel e.mail È diretta dalla dott.ssa Anna Loretta Spano 6

7 All estero la Dimora onlus può avvalersi delle proprie sedi di Bogotà e di Sofia, mentre per la çolonia è stata stipulata una intesa di collaborazione reciproca con l Associazione La Cicogna di Torino per l utilizzo congiunto della sede di Varsavia di detta Associazione, nella quale è confluito anche il personale dell Associazione La Dimora onlus. ATTIVITA DELLE SEDI Ognuna di queste Sedi Operative Territoriali gode di ampia autonomia organizzativa entro linee generali dettate dalla Direzione tecnico-operativa. Ogni Sede si avvale oltre all eventuale personale di segreteria, di una equipe formata da assistenti sociali e psicologi al bisogno integrata da terapeuti familiari, neuropsichiatra, legale, pediatra o altre figure professionali. Nel caso una figura non fosse presente nella sede, sarà distaccata per un numero congruo di ore settimanali da altra sede che ne è dotata. La Sede territorialmente competente rappresenta il naturale interlocutore della coppia e presso di essa la coppia adottante troverà garantiti tutti gli interventi necessari al buon completamento del percorso di adozione. Nello specifico: Primo contatto informativo (con la singola coppia o di gruppo) Colloqui con la singola coppia di approfondimento e analisi delle relazioni dei Servizi Restituzione in merito alle possibilità da parte dell Ente circa di presa in carico Formalizzazione della richiesta di presa incarico da parte della coppia Formazione specifica delle coppie aspiranti all adozione attraverso corsi e/o colloqui individuali, con particolare riferimento alla cultura e alle tradizioni dei Paesi con cui La Dimora onlus opera Conferimento dell incarico L equipe della Sede territorialmente competente provvederà a redigere le eventuali di relazioni integrative se richieste dall Autorità straniera e in quanto utili al procedimento di adozione Composizione da parte della coppia del fascicolo per il Paese estero secondo le indicazioni fornite dalla Sede operativa locale Trasmissione del fascicolo della coppia, attraverso la sede centrale di Ragusa che ne attesta la correttezza formale, alla Commissione per le Adozioni Internazionali ed al Paese straniero prescelto, secondo l iter vigente in Italia e nel Paese prescelto. Informazione costante, per quanto noto all Associazione, sullo stato della pratica e sulla situazione nel Paese prescelto. Comunicazione dell abbinamento e delle motivazioni che vi sottendono Assistenza alla coppia nella fase decisionale circa l accettazione dell abbinamento 7

8 Assistenza nell organizzazione del viaggio verso il Paese estero. Illustrazione delle modalità di incontro con il/i bambino/i al momento dell abbinamento da parte del Paese prescelto Sostegno nel post-adozione, con la stesura delle eventuali relazioni richieste dal Paese di origine del bambino. METODOLOGIA OPERATIVA La fase informativa La Dimora onlus svolge, in collaborazione con i servizi territoriali, attività di informazione, sull'adozione internazionale e sulle relative procedure, sugli Enti autorizzati e sulle altre forme di solidarietà verso i minori. Nella fase informativa, attuata attraverso incontri di coppia e di gruppo, è dato maggiore spazio a quegli elementi caratterizzanti notizie ed informazioni circa le metodologie operative adottate, i servizi attivati dall Associazione, la realtà del Paese estero nei suoi vari aspetti, culturali. religiosi, geografici, economici, storici e sociali. Vengono date informazioni sulle cause e sulle conseguenze dell'abbandono dei bambini e degli interventi a loro favore da parte dello Stato straniero ed il grado d assistenza garantito alla popolazione, con particolare riferimento a quella infantile. Sono predisposti momenti informativi e formativi attraverso incontri individuali, di gruppo e corsi dedicati ad aiutare la coppia a prendere in considerazione l'evento reale della presenza di un bambino straniero nella famiglia. I servizi offerti sono diretti a sostenere la presa di coscienza e la preparazione del nucleo ad accogliere il minore che decideranno di prendere in adozione.. La coppia che ritiene di riconoscersi nei principi e nelle metodologie adottate dalla Dimora onlus, può presentare richiesta di conferimento incarico, corredata da copia del decreto e delle relazioni dell equipe adozioni, alla Sede di Ragusa attraverso la Sede operativa competente territorialmente. Presso la Sede operativa territorialmente competente la coppia sostiene uno o più colloqui di approfondimento e conoscenza. L equipe della sede territoriale territoriale formalizza le proprie osservazioni e trasmette l istanza alla sede centrale di Ragusa. 8

9 La Direzione tecnica, sentito il parere del Responsabile della sede territorialmente competente vaglierà la richiesta nella prima riunione utile seguente alla data della richiesta stessa, informando, tempestivamente la sede territorialmente competente per la presa in carico e i richiedenti circa la decisone assunta. In caso di diniego, questo sarà debitamente motivato. Motivi di diniego possono essere, a mero titolo esemplificativo: 1. Eccessivo numero di pratiche in carico 2. Problematiche relative al Paese (blocchi, attese imprevedibili o troppo lunghe) 3. Aspettative/richieste della coppia alle quali l ente non è in grado di dare risposta. 4. impreparazione o problematiche specifiche della coppia non compatibili con le possibilità adottive previste nei Paesi con cui si opera. Accolta la richiesta da parte della Direzione tecnica la sede territorialmente competente appronterà la documentazione necessaria alla formalizzazione del conferimento di incarico e del relativo contratto. Saranno attuati da parte degli operatori dell Ente uno o più colloqui di coppia finalizzati alla conoscenza e all approfondimento delle caratteristiche della coppia per la redazione della relazione integrativa di presentazione e per il futuro abbinamento. Entro 10 giorni dalla sottoscrizione del conferimento dell incarico la coppia verserà il primo acconto di Euro 2000,oo relativo ai servizi resi in Italia dall Associazione. Informa ed assiste gli aspiranti genitori adottivi circa la predisposizione dei documenti che andranno a formare il fascicolo contenente tutta la documentazione necessaria per l inoltro della domanda presso l Autorità centrale del Paese estero prescelto o ad un Ente autorizzato dalla stessa, all'adozione internazionale. La Sede operativa territoriale accoglierà, poi, il fascicolo della coppia. Entro 45 giorni lavorativi a decorrere dall effettiva ricezione del fascicolo completo in tutte le sue parti l equipe territoriale dell Ente redigerà la relazione integrativa se ed ove previsto e trasmetterà la pratica alla Sede centrale di Ragusa per gli adempimenti necessari di competenza. La Sede Centrale di Ragusa entro 30 giorni provvederà agli adempimenti di competenza e alla trasmissione del fascicolo della coppia al traduttore che entro 30 giorni dalla ricezione provvederà alla traduzione. In questa fase alla coppia sarà richiesta a seconda del Paese una somma variabile quale prima trance di pagamento delle spese di traduzione del fascicolo. Entro 30 giorni dalla sottoscrizione del conferimento d incarico la coppia verserà il saldo di 2000,oo Euro relativi ai servizi resi in Italia dall Associazione. Qualora il Paese estero richiedesse integrazioni della documentazione o delle informazioni inviate, la Sede territorialmente competente si attiverà al fine di rispondere nel minor tempo possibile alla richiesta dello stato estero. L invio e la traduzione della documentazione integrativa potrà comportare per la coppia un nuovo versamento a copertura delle ulteriori spese di traduzione. Non appena ultimata la traduzione, il fascicolo sarà consegnato all Autorità estera preposta. Nelle fasi iniziali del percorso adottivo la coppia è tenuta a partecipare ad un corso di formazione finalizzato alla preparazione al percorso adottivo futuro. Il corso non presenta costi specifici per la coppia se non il rimborso delle spese logistiche di vitto ed eventuale alloggio (per le quali sarà rilasciata ricevuta) nel caso il corso si strutturi su più giornate consecutive. 9

10 E fatto assoluto divieto alle coppie aspiranti l adozione di intrattenere rapporti diretti con i referenti e le equipe estere dell Associazione, salvo esplicita autorizzazione da parte della Direzione Tecnica a mezzo della Sede territorialmente competente. La Fase formativa Lo schema di riferimento teorico nell attività di formazione, fa riferimento alla teoria sistemico relazionale ed ai gruppi esperienziali, ed è utilizzato da tutti i professionisti che operano in Associazione. I momenti formativi si concretizzano in: 1. Colloqui individuali: con finalità di approfondimento delle dinamiche della coppia in relazione alle capacità educative ed alla flessibilità del sistema familiare, elementi utili alla creazione dello spazio necessario per l'inserimento del minore o dei minori da adottare. I temi maggiormente trattati riguardano La coppia: La sua storia e la sterilità, le attese, il bambino immaginato, condizione per vivere l'attesa, risorse personali e familiari. Il bambino nell immaginario della coppia adottiva Il bambino: la ferita dell'abbandono e la famiglia d'origine, il bambino reale e le sue attese. L'avventura educativa Il Paese di provenienza e la normativa 2. Incontri di gruppo: Sessioni in numero variabile con un numero di coppie da cinque a otto e sono impegnate professionalità quali neuropsichiatra infantile, psicologo, assistente sociale, esperto in educazione, famiglie testimonial. 3. Corsi formativi: 10

11 E richiesta la frequenza di almeno un corso informativo/formativo incentrato sui significati dell adozione, sulla sua sussidiarietà rispetto ad altre forme di aiuto, sui percorsi attuabili, sull elaborazione del lutto rispetto alla genitorialità biologica ed alle tematiche riguardanti l inserimento del bambino nella nuova famiglia. Nel tempo dell attesa possono essere proposti dalle sedi territoriali, momenti conviviali e di auto mutuo aiuto, di studio e di approfondimento anche in collaborazione con Associazioni di genitori affidatari ed adottivi in modo da favorire il contatto con l esperienza reale. Per le attività svolte in collaborazione con altre associazioni potranno essere richiesti contributi minimi a copertura delle spese vive. Sono, poi proposti alcuni momenti di approfondimento su aspetti specifici individuati sulla base dello stato di avanzamento delle pratiche riferite alle singole coppie. La Fase dell abbinamento Il Paese prescelto dalla coppia adottante una volta ricevuto il fascicolo della coppia, provvederà, sulla base della propria normativa, a inserire la coppia in lista di attesa per un abbinamento. Generalmente il processo di valutazione degli aspiranti genitori e del possibile rapporto genitori-bambino è il frutto di un percorso che a seconda del Paese può avere durata e caratteristiche molto diverse. Questa processo si chiude con la proposta di abbinamento, cioè la messa in relazione dei bisofni e delle caratteristiche del bambino con le potenzialità genitoriali e le caratteristiche della coppia. Ricevuta la proposta di abbinamento dal Paese di origine del minore, attraverso l equipe della sede territorialmente competente, vengono presentate alla coppia le informazioni pervenute dal Paese estero e contenute nel dossier personale del o dei bambini, e con la coppia si valuta l accettazione o meno della proposta di abbinamento. Si andranno ad analizzare le modalità di accettazione o le conseguenze di un eventuale rifiuto dell abbinamento, nonché le modalità di incontro con il bambino. In caso di accettazione è cura della Dimora onlus dare comunicazione a CAI, Tribunale Minorenni ed Equipe adozioni dell avvenuto abbinamento e dell ipotetico periodo di permanenza all estero da parte della coppia. Alla coppia è fornita tutta l assistenza necessaria per la preparazione dei documenti ed il sostegno nel percorso di avvicinamento all incontro con il bambino. Tale fase è gestita con incontri con la singola coppia. Saranno date indicazioni alla coppia sui documenti necessari, i tempi entro cui predisporre gli stessi e i tempi ipotetici di partenza per il Paese di origine del bambino. Sarà altresì garantita tutta l assistenza necessaria nell'organizzazione della permanenza della coppia presso il Paese straniero. 11

12 Accompagnamento all Estero Nel corso della permanenza all estero la coppia è seguita dall equipe estera dell Associazione, mentre la sede locale garantisce la reperibilità per ogni necessità la coppia presenti La professionalità del referente all'estero è sempre quella dello psicologo o dell assistente sociale. In ogni Paese in cui la Dimora onlus è presente, opera un referente che rappresenta l Associazione. Al referente estero fa capo la struttura estera dell Associazione che potrà avere diversa articolazione a seconda del carico di lavoro e delle caratteristiche e della normativa vigente nel Paese estero. L'ente, attraverso i propri collaboratori all'estero è in grado di offrire: assistenza legale assistenza logistica consulenza psico-pedagogica alla coppia raccordo stretto con i servizi preposti all adozione nel Paese adottante. I futuri genitori saranno assistiti costantemente lungo tutte le fasi e del procedimento legale e di incontro con il bambino. All'incontro con il bambino/a è sempre presente un operatore dell Associazione al fine di garantire sia supporto morale, sia consigli pratici, sia l eventuale servizio di traduzione. La sede territoriale competente in Italia garantisce la reperibilità 24 ore su 24, poiché si è sperimentato che in talune situazioni la consulenza telefonica o per posta elettronica, data da operatori che conoscono la coppia si è rivelata più efficace e di maggior sostegno che non quella in loco data da professionisti che non conoscono la situazione della coppia e non hanno gli approfondimenti conoscitivi necessari per garantire un intervento immediato. E fatto obbligo alla coppia di attenersi scrupolosamente alle indicazioni dei referenti e degli accompagnatori esteri dell Associazione, al fine di prevenire eventuali problemi. 12

13 Dove operiamo L Associazione La Dimora onlus è autorizzata dalla Commissione Adozioni Internazionali italiana e dalle autorità estere ad operare in: COLOMBIA Del. 80/2000/AE/AUT/CC del POLONIA Del. 17/2002 del BULGARIA Del. 17/2002 del

14 Post Adozione Al rientro della coppia con il bambino, di norma nei primi giorni vi è da parte dell equipe territoriale, un primo contatto telefonico o di colloquio o di visita domiciliare per dare le informazioni tecniche (iscrizione anagrafe sanitaria, adempimenti con il Tribunale Minorenni, ) Successivamente verranno espletati incontri periodici finalizzati all acquisizione delle informazioni necessarie alla redazione delle relazioni da inviare al Paese estero secondo il calendario dallo stesso stabilito. Il sostegno post adottivo dopo il rientro viene fornito su richiesta delle coppie attraverso colloqui con la famiglia con o senza, la presenza del minore. Sulla base dei protocolli operativi sottoscritti con le varie regioni e provincie autonome,la coppia potrà optare per richiedere il sostegno post adottivo all equipe territoriale dell Associazione oppure al servizio adozioni dell Ente Pubblico, nel qual caso gli operatori dell Ente pubblico che decideranno di farsi carico delle stesura delle relazioni periodiche per il Paese estero, provvederanno alla loro redazione nel numero e nella forma richiesta dal Paese Estero secondo le indicazioni fornite dalla Sede territoriale della Dimora onlus ed alla stesse andranno inoltrate per il successivo invio al Paese estero. Nel caso la famiglia richieda il sostegno all Associazione La Dimora onlus, la sede territorialmente competente dovrà ottemperare all'impegno di invio dei follow-up richiesti dal Paese d'origine del minore. Del rientro in Italia della coppia è data comunicazione all equipe adozioni dell Ente locale e al Tribunale Minorenni territorialmente competente. In questa fase anche per le coppie che optano per essere seguite solo dall Ente, si chiede l autorizzazione per il raccordo con l equipe adozioni, al fine di coordinare più efficacemente le azioni di sostegno e vigilanza. E preciso dovere, in ossequio alla normativa vigente, degli operatori dell Associazione segnalare all Equipe adozioni del dell Ente Pubblico Locale, incaricato dell azione di vigilanza e all Autorità Giudiziaria minorile eventuali elementi di rischio per il benessere del bambino o bambini adottati che emergessero nel corso del periodo di inserimento nella nuova famiglia e fino alla conclusione del percorso di follow-up per il Paese di origine. 14

15 Percorso adottivo e compatibilità con adozione nazionale e altri istituti. Nella convinzione che ad un bambino privo di famiglia vada garantita la possibilità di trovare un ambiente adeguato dove poter essere accolto e dove poter crescere con dei nuovi genitori, la Dimora onlus ritiene di chiedere alle coppie che conferiscono incarico la rinuncia alla disponibilità all adozione nazionale nel momento in cui perviene dal Paese prescelto una proposta di abbinamento. Nel caso di affidamento familiare, vanno vagliate attentamente le condizioni e le modalità dello stesso, poiché la proiezione dei futuri genitori verso il bambino affidato potrebbe condizionare pesantemente il percorso adottivo, fino al punto di impedirne l attuazione o di indurre la coppia a rinunciare all abbinamento in favore del minore affidato. Trasferimento per o da altro ente Le coppie che avevano precedentemente conferito incarico ad altro Ente e che intendono ora conferirlo alla Dimora onlus dovranno fissare un appuntamento con la Sede operativa territoriale competente presentando copia del decreto e delle relazioni, nonché la comunicazione inviata a Commissione Adozione Internazionali, Ente Autorizzato e Tribunale per i Minorenni in merito alla loro intenzione di cambiare ente. L iter che ne seguirà sarà identico a quello delle altre coppie, ovvero la Sede territoriale valuterà la possibilità di presa in carico e trasmetterà gli atti alla Sede centrale per l autorizzazione. Una volta autorizzata la presa in carico, la coppia potrà sottoscrivere il conferimento di incarico e seguirà lo stesso iter procedurale previsto per le altre coppie. L attività formativa, anche se già effettuata presso altro Ente sarà comunque, obbligatoria, poiché le modalità di realizzazione dei corsi e i loro contenuti sono trattati in modo specifico secondo la filosofia e la metodologia della Dimora onlus che può essere diversa da quella dell Ente di provenienza. Inoltre si precisa che ogni incontro con la coppia fa parte di una mosaico più articolato finalizzato alla miglior riuscita dell abbinamento prima e dell adozione nel suo complesso, poi. Dal punto di vista economico le coppie che conferiscono incarico alla Dimora onlus provenienti da altri Enti. dovranno osservare le stesse scadenze e gli stessi importi previsti per tutte le altre coppie, salvo casi eccezionalissimi autorizzati di volta in volta dal Consiglio Direttivo. Nel caso in cui la coppia che ha conferito incarico alla Dimora onlus, intenda cambiare Ente, la stessa coppia dovrà far pervenire a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o altro mezzo certamente tracciabile (corriere espresso, posta elettronica certificata, ) alla Sede operativa territorialmente competente una comunicazione nella quale si esprime la volontà di cambiare ente e le motivazioni che la determinano. Conoscere le motivazioni che determinano la scelta della coppia è importante per l Associazione, anche come riscontro circa le proprie modalità operative. Entro sette giorni dal ricevimento della comunicazione la Sede territorialmente competente trasmetterà la comunicazione al Tribunale per i Minorenni territorialmente competente, all equipe adozioni della zona di residenza della coppia, alla Sede centrale che notizierà la Commissione Adozioni Internazionali. Si precisa che in caso di cambio ente le coppie non potranno pretendere alcuna restituzione delle somme versate e già impegnate nell iter adottivo, salvo casi eccezionalissimi autorizzati di volta in volta dal Consiglio Direttivo. 15

16 Restituzione o revoca del mandato Si ritiene che la scelta dell Ente autorizzato e il conseguente conferimento di incarico, configuri la stipula di un rapporto di fiducia reciproca tra Associazione La Dimora onlus e futuri genitori adottivi. In questo quadro si identificano a mero titolo esemplificativo alcune condizioni che possono pregiudicare il rapporto Ente-coppia e che possono determinare la remissione del mandato da parte della Dimora onlus o da parte della coppia, tra queste condizioni citiamo: Perdita dei requisiti di legge e/o nel caso il decreto venga revocato dal Tribunale per i minorenni Sopraggiunta adozione nazionale Sopraggiunta filiazione biologica Rifiuto della proposta di abbinamento senza giustificata motivazione Affidamento familiare nei casi valutati dall equipe dell Ente come interferente con il percorso adottivo Sopraggiunta manifesta sfiducia nell Ente dichiarata o desumibile da dichiarazioni pubbliche ripetute orali o scritte, ivi incluso i post sui vari forum, Mancata adesione a corsi e colloqui con gli operatori dell Associazione Ingiustificato ritardo nella produzione dei documenti richiesti Condanne penali sopraggiunte e non compatibili con lo status di genitore adottivo. Mancata comunicazione di intervenute variazioni significative al proseguo dell iter adottivo. Interferenza durante il percorso di soggetti non autorizzati. Contatti non autorizzati con i referenti esteri Violazione ripetuta delle condizioni contrattuali e degli accordi sottoscritti al conferimento dell incarico Limitazioni al decreto da parte di CAI o Tribunale per i Minorenni Sopraggiunta ed imprevedibile impossibilità dell Ente ad operare nel Paese prescelto dalla coppia a causa di variazioni normative o accreditative non dipendenti dalla volontà dell Associazione La Dimora onlus In quest ultimo caso, l Associazione si attiverà, di concerto con la Commissione Adozioni Internazionali per aiutare la coppia a trovare la soluzione più idonea al fine di garantire un proseguo ottimale del percorso adottivo. Nel caso di restituzione o revoca del mandato, la coppia non avrà diritto ad alcun rimborso delle spese sostenute fino a quel momento, in quanto i pagamenti sono studiati in funzione dei momenti di effettivo utilizzo delle somme versate sia in Italia che all estero. 16

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI INDICE 1. Carta dei Servizi per l adozione internazionale: perchè 2. Presentazione della Fondazione AVSI Chi è AVSI Paesi per i quali è autorizzata, accreditata

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli