SPECIALE SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIALE SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE"

Transcript

1 SPECIALE SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE SUPPLEMENTO AL NUMERO 1 DI AUSER INFORMA 2013

2 PROTAGONISTI NELLA SOLIDARIETÀ CHE GUARDA LONTANO Con questo numero speciale di Auser Informa presentiamo venti progetti di solidarietà internazionale. Venti piccole grandi iniziative di circoli e sedi territoriali che ci accompagnano in un viaggio nel mondo della solidarietà di Auser attraverso l'europa, l'africa, l'asia e l'america Latina. Negli anni un crescente numero di volontari ha dedicato tempo e attenzione alle condizioni di vita di popolazioni lontane. I principi della nostra Carta dei Valori, la solidarietà e la giustizia sociale, sono per noi valori senza confini per i quali operiamo nelle comunità in cui viviamo, così come sostenendo coloro che in altri continenti soffrono a causa di guerre, povertà, disastri naturali. Tale impegno prende forma in attività di accoglienza, nei progetti di cooperazione, nella raccolta fondi, nell'affidamento di bambini a distanza, nelle tante campagne globali per la salvaguardia dei beni comuni e della biodiversità. La nostra vocazione alla pace e alla emancipazione dei popoli è alimentata dalla consapevolezza che i diritti fondamentali delle persone meglio si affermano in una dimensione più ampia di quella nazionale. Da qui la ragione della nostra partecipazione attiva a Solidar, la storica rete di associazioni della società civile dei diversi paesi europei, nata alla fine della seconda guerra mondiale. Le 56 organizzazioni aderenti a Solidar sono unite dall'impegno comune su tre fronti per noi essenziali: la costruzione dell'europa sociale, la cooperazione internazionale e l'apprendimento permanente. Quest'ultimo è un campo in cui frequentemente realizziamo progetti internazionali partecipando materialmente alla costruzione di scuole e inviando materiale didattico a piccole comunità per l'infanzia e l'adolescenza. Dalla nostra esperienza quotidiana traiamo la convinzione che l'istruzione dei bambini e l'educazione degli adulti sono strumenti importanti per l'emancipazione delle persone e per lo sviluppo generale della democrazia. Nel 2013 ci attendono due eventi. Il primo è la trentottesima edizione dell'eucoco (Conferenza dei Comitati di sostegno del Saharawi) che si svolgerà a Roma dal 15 al 17 novembre. È il maggior appuntamento annuale della solidarietà internazionale verso il popolo del Sahara Occidentale. Un popolo che dal 1975, da quando il Marocco ha occupato la terra in cui viveva, è profugo nel deserto algerino in condizioni di emergenza umanitaria. Nel 2011 Auser ha invitato in una Conferenza a Bologna rappresentanti della Commissione europea, del sindacato e del Governo Saharawi in esilio per riaccendere i riflettori su questa causa dimenticata. Lo abbiamo detto allora e lo ribadiamo: è urgente lanciare una mobilitazione globale per costringere le istituzioni politiche internazionali a fermare la violazione dei diritti umani delle donne, degli uomini e dei bambini Saharawi e creare le condizioni per la loro autodeterminazione. Ci aspetta un secondo importante appuntamento. Quest'anno cade il ventennale del Trattato di Maastricht e, a conferma dello storico Patto, il 2013 è stato indicato dalla Commissione europea come l'anno della cittadinanza. Le principali associazioni del Terzo settore hanno creato un'alleanza per chiedere un concreto avanzamento dei diritti di cittadinanza in tutti gli stati dell'unione. Verranno presentate proposte alle istituzioni europee e organizzate mobilitazioni. Come Auser parteciperemo a questo grande movimento dell'associazionismo con la nostra capillare capacità di generare iniziative e cultura della solidarietà. Sempre più spesso con i nostri progetti affrontiamo i problemi in una dimensione globale. Ora con il Congresso possiamo guardare al futuro costruendo una visione d'insieme tra le tante e diverse iniziative territoriali; contaminando le esperienze e la rete di relazioni; scegliendo progetti nei quali esprimere la nostra esperienza nella costruzione di comunità solidali e plurali. E infine, ma non meno importante, va animato, e, noi ci candidiamo a farlo, un nuovo protagonismo del Terzo settore a livello europeo. Perché l Europa sociale e politica della coesione e della giustizia, che abbiamo a cuore, non potrà essere costruita senza il contributo delle idee e la voce vitale della società civile organizzata. Marica Guiducci, Presidenza Nazionale Auser Direttore responsabile GIUSY COLMO Hanno collaborato a questo numero SAMIA BEN YOUSSEF, MARICA GUIDUCCI, LETIZIA LEO Direzione, redazione, amministrazione VIA NIZZA, ROMA Tel Fax Impaginazione e stampa O.GRA.RO. Roma Editore AUSER NAZIONALE - ONLUS Aut. Trib. N /91 del 09/04/91 Distribuzione gratuita

3 ALGERIA. IL SAPERE NELLA VALIGIA DEI PROFUGHI SAHARAWI Auser Emilia Romagna ha organizzato corsi di formazione attraverso borse di studio per i giovani Saharawi dei campi profughi. I Saharawi sono un popolo di origine nomade e berbera proveniente dal Sahara Occidentale (ex colonia spagnola) e profugo da più di trent'anni a sud dell'algeria, in quel deserto chiamato nella lingua locale Hammada (sofferenza). Il popolo saharawi dei campi profughi conta circa persone, e vive in queste condizioni da quando il Marocco, dopo la decolonizzazione, decise di invadere, attraverso la famosa marcia verde, i territori del Sahara Occidentale rivendicandoli come propria provincia. Da allora la popolazione sopravvive soltanto grazie agli aiuti umanitari internazionali. Il progetto promosso da Auser Emilia Romagna intende finanziare corsi Veduta esterna del Centro di Formazione professionale e sindacale dell UGT Sario, Sauro Mantellini di formazione attraverso borse di studio per i Una lezione di falegnameria giovani Saharawi dei campi profughi nel sud dell'algeria, sostenendo in tal modo il progetto di alfabetizzazione promosso dal governo locale. Grazie ai fondi stanziati dai soci Auser, è stato inaugurato un Centro di Formazione professionale e sindacale dell UGT Sario, Sauro Mantellini, permettendo così ai volontari di operare autonomamente attraverso la formazione in sede. I corsi sono sostenuti attraverso l erogazione di borse di studio, indispensabili non solo per l avvio del progetto, ma anche per il sostentamento delle spese per il vitto e il trasporto dei partecipanti, privilegiando coloro i quali non potrebbero permettersi il pagamento di un corso di formazione, mentre potranno accedervi anche le persone interessate che hanno la possibilità di contribuire economicamente attraverso una piccola spesa. Scopo del progetto, infine, è quello di spezzare la catena dell assistenzialismo, insegnando a questa popolazione le basi di un mestiere, come la falegnameria, la meccanica, la sartoria o la pelletteria, oltre che un corso di alfabetizzazione linguistica, e affiancando i corsi ad una formazione sindacale, promossa dal sindacato UGT Sario. SAHARAWI. AIUTARE I BAMBINI ANCHE CON UN SOGGIORNO IN ITALIA L Auser Provinciale di La Spezia sostiene con altre associazioni ed enti* un progetto di solidarietà, iniziato oltre 5 anni fa e basato sull accoglienza di bambini provenienti dal Saharawi, attraverso un soggiorno nel nostro Paese. Oltre a questo periodo di vacanze, in cui si coinvolgono i ragazzi in attività ludiche e ricreative, si cerca di aiutare questi bambini anche nella loro nazione, attraverso l invio di fondi per la costruzione di scuole, di medicinali e di indumenti. *ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Auser Provinciale La Spezia, Associazione Saharawi, Comune di La Spezia e Assessorato alle politiche sociali, Regione Liguria, Comune di Lerici. SAHARAWI. CARLO GIULIANI VIVE NEL DESERTO Grazie ai fondi raccolti dai soci Auser è stata costruita in Saharawi la scuola elementare Carlo Giuliani. Nella scuola elementare Carlo Giuliani sottolinea Luigi De Vittorio, ex vicepresidente nazionale dell'auser- tanti bambini studieranno per diventare cittadini di domani e per dare una speranza a questo popolo ( ). La realizzazione di questo progetto ha impegnato migliaia di volontari di tutta Italia - continua De Vittorio - che hanno raccolto oltre 43 mila euro sufficienti per costruire questa scuola elementare ( )". Alla realizzazione del progetto ha contribuito la Fondazione "Carlo Giuliani" che per volontà dei genitori ha destinato un contributo finanziario all'iniziativa e che realizzerà un documentario sulla scuola e sulla vita del popolo Saharawi. "C'è un proverbio del popolo Saharawi che mi piace ricordare, dice Giuliano Giuliani, Possono uccidere il gallo che canta l'alba, ma in nessun modo potranno arrestare l'arrivo dell'alba". Progetto promosso da Auser e dalla Fondazione "Carlo Giuliani" L ingresso della scuola 1

4 SAHARAWI. AIUTARE I BAMBINI CELIACI A SCOPRIRE LA LORO PATOLOGIA Auser Livorno ha sposato nel 1990 un progetto promosso dall Associazione Livornese Saharawi ed altri enti*, per accogliere nei mesi estivi nella loro città i bambini dei campi profughi del Saharawi. Durante la loro prima permanenza il pediatra dell Ospedale di Livorno si accorse che alcuni di questi bambini presentavano una patologia che poteva far pensare alla celiachia, e promosse delle ricerche nei campi profughi dai quali provenivano questi ragazzi. I sospetti si rivelarono fondati: vi erano molti bambini e neonati affetti da celiachia. Da allora si è iniziato un progetto che ha portato alla costruzione di strutture mediche sul posto, formando medici e infermieri autoctoni per sensibilizzare la popolazione locale verso questa patologia. Inoltre l Associazione Livornese Saharawi ha iniziato un progetto di adozioni a distanza di bambini celiaci: nei mesi di luglio e agosto, 20 bambini affetti da celiachia sono ospitati a Livorno, e si donano loro prodotti alimentari per celiachi, e si contribuisce anche economicamente Un istantanea dell incontro organizzato coi bambini celiaci al loro soggiorno, comprando loro generi di prima necessità. In queste settimane passate in Italia, i bambini trascorrono le giornate nei parchi o al mare. Finora, dall avvio del progetto, ben 250 bambini del Saharawi hanno aderito all iniziativa. *ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Auser Livorno, Associazione Livornese Saharawi, Comune di Livorno, Campi profughi Saharawi, Regione Tosana, COOP Toscana e Lazio. SIERRA LEONE. AIUTI PER AGEVOLARE IL LAVORO AGRICOLO. Un progetto per contrastare le difficoltà dei contadini attraverso l acquisto di macchinari agricoli Le Auser di Ribolla e Gavorrano con la sinergia di Auser Nazionale, Auser Provinciale ed altri enti*, hanno avviato un progetto nel 2010 per l acquisto di attrezzi agricoli da destinare ai contadini di Makeni, in Sierra Leone. Come ha ricordato Fiorella Cateni, Presidente di Auser Livorno, fondamentale per la promozione di questa iniziativa è stato l incontro con Padre Salifu Suma, sacerdote appartenente della Diocesi di Makeni : attraverso di lui l associazione è venuta a conoscenza delle enormi difficoltà che vivono quotidianamente i contadini di questo Paese nello svolgere manualmente il loro lavoro. Pertanto Auser ha voluto contribuire attraverso l'acquisto e l'invio, in Sierra Leone, di 2 container, 2 trattori, un aratro, uno spandiconcime, uno sterpatore, una seminatrice, una saldatrice e altre attrezzature agricole. Abbiamo approfittato degli spazi disponibili dei container per inviare altri beni, come biciclette, indumenti, confezioni alimentari, computer e scrivanie. Vogliamo segnalare in particolar modo la dedizione delle nostre donne collaboratrici che lavorano in laboratorio di sartoria per produrre oggetti da vendere nei mercatini organizzati in varie località del Comune di Roccastrada. Il ricavato serve a sostenere i progetti della Sierra Leone. Inoltre, parte dei fondi stanziati sono destinati alla costruzione di una scuola secondaria nel villaggio di Sinkunia nel nord della Sierra Leone, per contrastare l elevatissima dispersione scolastica del Paese. Infine, dopo dieci anni di guerra civile, le Organizzazioni non Governative della Sierra Leone hanno ideato una serie di progetti, intitolati Food Security, con lo scopo di insegnare alle popolazioni locali l autosostentamento, cercando così di diminuire la quantità di cibo importata. La finalità è quella di sviluppare il settore agricolo, soprattutto nell impiego di macchinari nelle coltivazioni, per potenziare le capacità acquisite dagli agricoltori per renderli autonomi nel loro sostentamento, incrementando di conseguenza la produttività utile ai bisogni dell intera comunità. *ENTI E ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Auser di Ribolla, Auser di Gavorrano, Auser Nazionale, Auser Provinciale, Auser Massa Marittima, CRAS - Agenzia di Ribolla, Associazione Tic Como, Diocesi di Makeni. Alcuni dei mezzi agricoli acquistati 2

5 AUSER DAL 2005 SOSTIENE IL POPOLO SAHARAWI CON PROGETTI DI COOPERAZIONI E SOLIDARIETÀ 2005 Una scuola per i bambini di Dakla-Saharawi 2007 Formazione professionale dei giovani Saharawi-Campi Profughi Saharawi 2008 Formazione assistenza e riabilitazione nel campo delle disabilità motorie e mentali 2008 Trasferimento di competenze professionali alle scuole di Dakla (Campo profughi Saharawi) per l inserimento di minori disabili nelle scuole 2009 Formazione e professionalità. Un investimento per il futuro dei giovani Saharawi 2009 Approfondire la formazione e sostenere l avvio di cooperative di giovani saharawi per lo sviluppo di attività generatrici di reddito 2010 Formazione professionale attività generatrici di reddito ed integrazione disabili per giovani Saharawi I progetti sono stati promossi da Auser e Nexus Emilia Romagna 2007 Sostegno alla formazione professionale dei giovani Saharawi 2009 Ristrutturiamo insieme la scuola elementare di Dakla 2010 Educazione ed integrazione scolastica e multiculturale nel campo di Dakla 2011 Diamo un taglio all'esclusione nei Campi Profughi Saharawi in Algeria 2012 E tuttora in corso un progetto rivolto ai ragazzi e ragazze che vivono nei campi profughi, realizzato con l intento di offrire corsi di formazione di attività professionali, come sartoria, falegnameria, meccanica e studio delle lingue. Con un piccolo contributo economico è possibile sostenere un corso di formazione per un giovane del Saharawi, presso il centro di formazione sindacale Sauro Mantellini, a Rabouni. I progetti sono stati promossi da Auser Emilia Romagna, Nexus Emilia Romagna, Cassa di Risparmio di Modena, Comune e Provincia di Modena. AUSER LOMBARDIA E AUSER PIEMONTE INSIEME PER IL SENEGAL L importante impegno assunto con il Senegal da Auser Lombardia e Auser Piemonte si realizza su due fronti: in Senegal attraverso il supporto all autosufficienza alimentare nella Comunità rurale di Coubalan, nella regione di Ziguinchor, e in Italia, attraverso il sostegno all integrazione degli immigrati senegalesi presenti sul territorio. ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: CPAS Onlus, Comune di Asti, Auser Lombardia, Aisap, Coldiretti Asti, Coldiretti Novara, APS BLUBOX, camera di commercio Asti, Tavolo Agricoltura della Regione Piemonte, KDES, CR COUBALAN, CONSIGLIO REGIONALE DI ZIGUINCHOR, ISRA, ANCAR. MAROCCO. STRUMENTI DI INTEGRAZIONE PER I LAVORATORI IN MOVIMENTO Dal 1995 Auser Basilicata è impegnata nel sostenere gli immigrati nella lotta all esclusione sociale e al razzismo latente, realizzando interventi socioculturali innovativi. Nell anno 2012 questa associazione, infatti, ha avviato nel Centro di La classe del progetto Lavoratori in movimento: strumenti di integrazione Aggregazione il corso di Arabo per italiani, con un docente di madre lingua e ha partecipato al progetto Lavoratori in movimento: strumenti di integrazione con l obiettivo di offrire, nei paesi di provenienza, gli strumenti per preparare i lavoratori migranti all ingresso in Italia, favorendo così una reale possibilità di integrazione lavorativa. ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Legacoop Basilicata, Auser Basilicata, Auser Calabria, Inca Cgil, Inca sede Casablanca, Inca Cgil Potenza, Confagricoltura, Associazione Allevatori, Cna, Comuni di Brindisi Montagna, Accettura, Avigliano, Pignola, Lagonegro, Apof-IL, Associazione Vita. 3

6 Grazie agli sforzi compiuti dai volontari Auser, in collaborazione con ONG, istituzioni ed enti locali, sono stati avviati numerosi progetti di solidarietà internazionale. L'impegno di Auser, nelle attività che porta avanti, è caratterizzato da una grande estensione geografica e tematica e da un approccio partecipato e rispettoso delle realtà locali. L attenzione è rivolta principalmente al popolo saharawi, sostenuto con numerose iniziative attivate da varie Auser sparse sul territorio. All interno del continente africano l Auser è poi impegnata con le popolazioni della Sierra Leone, Senegal, Mali, Uganda, Sudan, Congo e Marocco, in Centro e Sud America ad Haiti, in Bolivia, Brasile e Colombia, e nel continente asiatico in Bangladesh e Palestina. I progetti riguardano principalmente il sostegno all autosufficienza alimentare, al lavoro e all istruzione dei ragazzi, e l aiuto economico e psicologico rivolto ai bambini e agli adolescenti in condizioni di disagio. Gli obiettivi sono perseguiti tramite progetti sul territorio, adozioni a distanza, raccolta e invio di fondi e di generi di prima necessità. Molto importante infine è l adesione di Auser a due importanti progetti europei: il progetto europeo di volontariato senior Silver Thread, che coinvolge Auser Marche e Third Age Foundation in Irlanda, e il progetto Stop Vi.e.w. Violence against elderly woman, iniziativa promossa dal III programma Daphne e dall Auser Lombardia con l obiettivo di portare alla luce e combattere ogni tipo di violenza sulle donne, in particolare quella sulle donne anziane. 4

7

8 AFRICA E AMERICA DEL SUD. VICINI DI BANCO LONTANI Un progetto sulle adozioni a distanza per permettere ai bambini più disagiati la frequenza scolastica Molti progetti sono stati promossi da varie Auser sparse sul territorio nazionale a favore delle adozioni a distanza dei bambini residenti nei Paesi in via di sviluppo. Le prime ad aderire ad un progetto di questo tipo sono state le Auser Ribolla e Auser di Gavorrano nel Fiorella Cateni, Presidente di Auser Livorno, ricorda come sia nata questa iniziativa: una nostra socia si recò nel 2005 a Makeni, in Sierra Leone, per frequentare uno stage in Cooperazione. La situazione con cui venne in contatto fu drammatica, soprattutto per quanto concerne la qualità della vita dei più piccoli, per i quali l educazione scolastica più che un diritto è un lusso. Colpita da questa esperienza, una volta rientrata in Italia, la donna decise di promuovere presso l Auser Ribolla un progetto per finanziare un percorso di studi per questi sfortunati bambini. Ma gli obiettivi di questo progetto non si limitano a supportare l educazione scolastica, ma includono anche aiuti per Cartolina natalizia inviata da un bambino adottato arginare la povertà e l emarginazione a cui sono soggetti, e cercare di far superare loro gli effetti traumatici della guerra, cercando di creare un sistema di solidarietà tra le famiglie adottive e questi ragazzi. Anche l Auser Foligno da sei anni contribuisce economicamente ad un progetto in favore delle adozioni a distanza di ragazzi brasiliani, boliviani e dell Uganda, affinché si migliorino le loro condizioni di vita, e l Auser di Poggi Bonzi destina una parte dei fondi ricavati dal tesseramento dei soci per sostenere i costi scolastici di due bambini del Mali. Inoltre contribuiscono a questi progetti anche Auser Lombardia, Auser Piemonte, e le sedi di Novara, Vercelli e Biella. ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Auser Ribolla, Auser di Gavorrano, Auser Foligno, Auser di Poggi Bonzi, Auser Lombardia, Auser Piemonte, Sedi Auser di Novara, Vercelli e Biella. BRASILE. INSIEME PER EDUCARE ALLE EMOZIONI Come prevenire e curare la violenza degli adolescenti. Questo progetto, che ha visto la luce nel dicembre 2012 ed è tuttora in corso, è stato denominato "Promuovendo la convivenza pacifica, dall'io al NOI. Programma pedagogico di EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI: uno strumento di prevenzione e cura alla radice della violenza nella Comunità del Calabetao, Brasile". Il titolo denota immediatamente l arduo compito che si è preposta l Associazione I ragazzi di val, insieme alla partnership di Auser Isonzo, Auser Gorizia, Auser Regionale Friuli e altre associazioni ed enti*. L intento infatti è quello di divulgare l educazione alle emozioni" per cercare di arginare il dilagante ricorso alla violenza fisica e psicologica di cui bambini e adolescenti brasiliani sono sempre più vittime. Il programma, quindi, promuove il benessere affettivo, psicologico, emozionale e sociale dei bambini e degli adulti coinvolti, favorendo il COLOMBIA. INAUGURATA LA SCUOLA ELEMENTARE Grazie alla sinergia tra Auser Lombardia, Auser Nazionale, Auser Piemonte e alla fondazione colombiana Los Golondrinas, si è potuta costruire una nuova scuola elementare a Medellin, in Colombia. Lo scopo di questo progetto, denominato Per un nuovo progetto di vita, è quello di allontanare i bambini più disagiati dalla strada, e di organizzare, anche attraverso i volontari in loco, adozioni a distanza e viaggi secondo i principi del turismo equo e solidale. Il progetto ha visto la luce nel 2007, ed ogni anno Un momento delle attività di alfabetizzazione e di sostegno scolastico promossi contatto e una gestione positiva delle relazioni tra ragazzi e adulti, per incoraggiare la crescita dell etica civica e della sensibilizzazione dell opinione pubblica locale sul tema della violenza, e sulle possibili alternative per sconfiggerla. *ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Auser Regionale Trieste, Centro di socializzazione Auser di Cassegliano, Auser Territoriale di Staranzano, I ragazzi di Val Onlus, Regione Friuli Venezia Giulia,Comune di San Piero, Cassa di Risparmio di Gorizia, Banda Berimbau, percussioni brasiliane per il supporto agli eventi pubblici di divulgazione delle attività del progetto, Inner Wheel Club unitamente al Rotary Club, di Cividale del Friuli (Ud) - serate di solidarietà con presentazione di video-racconto del percorso di solidarietà in Brasile presso l'associazione Centro Cultural Oficina Reciclavel. aumenta l impegno di Auser e Los Golondrinas nel contrastare la povertà, la malnutrizione e le sofferenze di questa popolazione. 6 Veduta interna della scuola elementare costruita coi fondi raccolti da Auser Lombardia, Auser Nazionale, e Auser Piemonte

9 HAITI. QUANDO LA SEMPLICE RICOSTRUZIONE NON È SUFFICIENTE Un progetto per eliminare la povertà del Paese Già prima del devastante sisma del 12 gennaio 2010, l 80% della popolazione haitiana viveva sotto la soglia di povertà, e un milione e mezzo di abitanti era senza impiego. Attualmente, dopo il terremoto, il livello di disoccupazione è ancora più alto, le istituzioni sono poco presenti, la corruzione è alta, la libertà sindacale e la contrattazione collettiva sono quasi inesistenti. Conscia di questa situazione, ISCOS e Auser hanno avviato un percorso non focalizzato esclusivamente sulla ricostruzione, ma incentrato soprattutto sulla democrazia e i diritti. Il progetto, denominato Better work for a decent reconstruction e avviato nel 2011, è basato sulle linee guida definite dalla comunità internazionale dei sindacati, compresi quelli haitiani, durante la Conferenza CSI CSA di Santo Domingo nel Questo programma è rivolto ai lavoratori per migliorare concretamente le condizioni lavorative e di vita di chi opera ad Haiti, rafforzando le organizzazioni sindacali, supportando l accesso di lavoratrici e lavoratori ai sistemi di protezione sociale, attraverso la formazione professionale e tecnica per l inserimento lavorativo e per l aumento del reddito. L obiettivo è quello di supportare un modello di ricostruzione decente, cogliendo l occasione per Haiti di accedere a una democrazia che sia tale anche sul piano economico e sociale. ENTI E ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Solidar, Auser nazionale, Auser Puglia, Regione Toscana, ISCOS, Progetto Sviluppo-CGIL, Progetto Sud, ARCS-ARCI, CSA, Fondazione Rinaldi, CISL, CGIL, UIL e Confindustria. Una lezione pratica di costruzione edilizia BOLIVIA. CON L ACQUA TORNA LA VITA. Supplire alla mancanza idrica attraverso il riutilizzo dell acqua piovana. Il progetto Con l acqua torna la vita è stato promosso da Auser Nazionale, Auser Liguria e Auser Genova con l aiuto di altri enti ed associazioni*, ed è stato avviato nel 2012 in Bolivia, precisamente a Omereque, nel Dipartimento di Cochabamba, una zona tra le più povere del Paese e tra le più colpite dalla siccità. Questa popolazione infatti è attanagliata dalla cronica mancanza d acqua, e per bere, cucinare, lavarsi e coltivare i campi utilizza quella contaminata dei bacini artificiali scavati nella terra. Il progetto quindi ha lo scopo di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita delle comunità indigene, favorendo l autoconsumo e la produzione di prodotti ortofrutticoli. Pertanto si è cooperato per la costruzione di 44 sistemi di raccolta e stoccaggio dell acqua piovana, formando gli abitanti attraverso due corsi di formazione professionale: uno per la muratura e la lattoneria, e un altro per la realizzazione e gestione di orti familiari diversificati, ecologicamente sostenibili. Tali attività sono supportate anche dal Comitato per la Sicurezza Alimentare, promosso dalle stesse comunità con l intento di incidere sulla politica e le istituzioni locali nell'ambito della sicurezza alimentare. *ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: ICO (Istituto di Formazione dell Oriente) -organizzazione non governativa che dal 1981 lavora nelle Valli Interandine, tra le aree più povere del Paese. Promuove la partecipazione politica e lo sviluppo economico con l obiettivo di contribuire alla costruzione di un nuovo modello sociale giusto, equo, inclusivo e sostenibile, attraverso la gestione sostenibile dell ambiente, la sovranità alimentare, l approccio di genere e la promozione dei diritti economici, politici e sociali. ICO collabora attualmente con i Programmi di Sviluppo Umano delle Nazioni Unite, con associazioni internazionali, europee e con enti e istituzioni boliviani; Auser Nazionale, Auser Liguria, Auser Genova; Progetto Sviluppo Liguria; Comuni di Genova, Savona e Noli; Ufficio 8x1000 della Tavola Valdese; L'Albero dei Sorrisi. Sistemi di captazione familiare dell acqua e di sementi e formate per l implementazione dei propri orti destinati all autoconsumo. 7

10 MILANO. STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE ANZIANE Si è concluso il progetto europeo ma continua l impegno delle associazioni Si è concluso a Milano, il 29 gennaio 2013, un iniziativa promossa dal III Programma Daphne e dall Auser Regionale Lombardia, intitolata Stop Vi.e.w. Violence Against Elderly Woman (Stop alla violenza contro le donne anziane). Il fine di questo progetto è quello di portare alla luce le difficoltà che vivono le donne anziane e creare reti di solidarietà coinvolgendo persone e organizzazioni sociali, anche attraverso il confronto con le istituzioni e associazioni impegnate in questo tema. Questo è un progetto europeo che si pone l obiettivo di aiutare le donne over 65, troppo spesso vittime, a causa della loro fragilità e dipendenza individuale e sociale, della solitudine, dell abbandono e delle violenze sia in famiglia che nelle strutture di ricovero. L intento è quello di creare un adeguato sostegno per sconfiggere la paura e l impotenza e combattere ogni tipo di violenza sulle donne, e in particolare il maltrattamento di quelle più anziane. Al convegno internazionale che si è tenuto a Milano in occasione della conclusione di questo progetto, denominato Ci sono storie difficili da raccontare, hanno partecipato i partner europei*, e la Regione Lombardia. La direttrice di quest ultima, Rosa Romano, ha inaugurato il convegno mettendo in evidenza l inarrestabile processo di invecchiamento della popolazione italiana, e di come sia necessario salvaguardare le donne dai rischi derivanti dalla fragilità fisica e psicologica e da vari fenomeni di violenze, come solitudine, maltrattamenti e truffe. Ogni nazione ha presentato un azione specifica del progetto nel contesto locale: la Slovenia ha inaugurato programmi di sensibilizzazione trasmessi dalla radio; la Francia da più vent'anni ha introdotto un esteso programma di formazione; Spagna e Bulgaria hanno sensibilizzato la popolazione attraverso protocolli per azioni congiunte tra amministrazioni pubbliche e terzo settore; il Portogallo ha curato la comparazione delle ricerche sul fenomeno che ogni partner ha svolto sul proprio territorio; l'italia ha presentato i risultati di una metodologia innovativa e sperimentale attraverso i gruppi di mutuo aiuto e il counselling. Auser, in particolare, ha avviato un programma specifico di formazione per gli operatori di telefonia sociale e un attività di sensibilizzazione vastissima raggiungendo cittadini, amministrazioni, operatori socio sanitari, medici di base, volontari, case di riposo e centri anziani. ENTI ED ASSOCIAZIONI COINVOLTI: Programma europeo Daphne, Auser Lombardia, Regione Lombardia, Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia, le Associazioni europee: Cnidff (Francia), Anjaf (Portogallo), Unaf (Spagna), Bgrf (Bulgaria), Zdus (Slovenia). PRATO. UN MESTIERE CON LE DONNE E PER LE DONNE DEL MONDO Un esempio di come l integrazione interraziale passi anche dal lavoro Dal 2009 l Auser Provinciale di Prato ha promosso un progetto finalizzato al coinvolgimento delle donne straniere nel mondo del lavoro. Un sarto infatti insegna il proprio mestiere a 45 donne provenienti dall Albania, Romania, Ghana, Marocco e Nigeria. Ma l iniziativa non termina con l apprendimento dell arte del confezionamento degli abiti: queste donne portano con loro i propri figli, che altrimenti rimarrebbero soli in casa. Questo progetto ha un particolare valore intrinseco in quanto il lavoro femminile supplisce quello dei mariti, che a causa della chiusura delle aziende per le quali lavoravano si son trovati disoccupati e privi degli ammortizzatori sociali. Infine si è riusciti ad adempiere al fine che ci si era preposto sull integrazione interraziale: una donna marocchina e una ghanese sono state premiate per il loro impegno sociale col loro inserimento nel direttivo provinciale Auser di Prato. AUSER RIBOLLA. ADOTTA UNA PIGOTTA La sede Auser di Ribolla si trasforma in sartoria per ventidue volontarie toscane impegnate nella realizzazione di Pigotte. Una volta completati, i lavori sono presentati presso i mercatini di Grosseto e il ricavato della vendita è devoluto all Unicef per il finanziamento di progetti internazionali in difesa dei bambini. SARTORIE SOCIALI AD ABBADIA SAN SALVATORE La sartoria sociale di Abbadia San Salvatore si occupa della produzione di Pigotte per l'unicef, abbigliamento per bambini, accessori per la casa e personali. Il laboratorio si autofinanzia attraverso la vendita di alcuni dei prodotti mentre altri sono direttamente inviati ai bambini bisognosi, principalmente in Congo e Palestina. AUSER MARCHE. PROGETTO EUROPEO "SILVER THREAD" Auser Marche e Third Age Foundation (organizzazione nazionale di volontariato operante in Irlanda che celebra la terza età della vita) dal 2010 sono partner nel progetto europeo di Volontariato Senior Filo d Argento. I progetti promossi dal Volontariato Senior nascono per valorizzare a livello europeo le competenze e le attività dei volontari favorendo la mobilità e lo scambio di buone pratiche. Attraverso questo progetto i volontari hanno aumentato le capacità e le competenze personali, linguistiche, sociali e interculturali e hanno appreso come si possa contribuire alla comunità attraverso la buona prassi della cittadinanza attiva. Un momento dell incontro tra i volontari Auser e Third Age Foundation 8

11 LA SCOMPARSA DI ADRIANA SENSI, animatrice delle sartorie toscane della solidarietà, instancabile volontaria nelle cucine dei campi antimafia Adriana, ragazza del 1943, avrebbe compiuto 70 anni nel prossimo mese di maggio, ma una malattia improvvisa e spietata ce l ha portata via il 17 gennaio. Il nome di Adriana è legato alla fabbrica tessile Lebole dove divenne per lungo tempo la leader delle operaie, le cosiddette leboline. Una volta in pensione è approdata al mondo del volontariato Auser. Il suo grande merito è di essere stata una delle animatrici più importanti del progetto Sartorie della Solidarietà in Toscana, dei luoghi straordinari dove le donne di tutte le età cuciono insieme, tessono, realizzano abiti, soprattutto per bambini, con stoffe recuperate con pazienza, da inviare in quei paesi lontani dove ci sono emergenze di guerra o le conseguenze di catastrofi naturali.. Adriana ha seguito le Sartorie le ha fatte crescere, con tanto impegno, serietà e passione, facendole diventare la realtà che sono oggi. Adriana è poi diventata responsabile per la Toscana della solidarietà internazionale. Inoltre da circa quattro anni, durante l estate. Adriana si trasferiva in Sicilia a Corleone per trasformarsi in volontaria cuoca e partecipare al progetto di campi antimafia Liberarci dalle spine, cucinando per i ragazzi di Libera. Ha continuato a scrivere e lavorare dal suo letto, fino all ultimo momento, lasciando a tutti noi pensieri di coraggio, volontà, serenità. Ha dato molto all Auser che amava con tutta se stessa e l affetto degli amici e dei volontari le hanno riscaldato il cuore, fino alla fine. LE SARTORIE DELLA SOLIDARIETÀ Tra le attività di solidarietà dell Auser si distingue l impegno profuso dalle Sartorie della solidarietà. Nate in Toscana, circa venti anni fa, sono oggi 50 e impegnano oltre 800 volontarie. Le sartorie sono soprattutto luoghi di incontro e socialità nei quali molte donne, ma anche tanti uomini, si riuniscono per esprimere la propria creatività realizzando oggetti di artigianato, ricamano e confezionano le famose bambole di pezza segno distintivo dell Unicef, conosciute con il nome di Pigotte. Le sartorie dell Auser sono dei veri e propri laboratori di Solidarietà, un modello innovativo di cittadinanza attiva capace di mettere radici dove altre forme di volontariato si scontrano con la diffidenza e le difficoltà del rapporto tra culture diverse. Nel corso degli anni le volontarie dell Auser hanno confezionato alcune decine di migliaia di Pigotte per le campagne dell Unicef in sostegno dell infanzia, migliaia capi di vestiario e materiale sanitario e raccolto fondi da devolvere alle popolazioni del Sahara Occidentale, della Moldavia, dell Ucraina, dell Ecuador, dell Argentina, dello Adriana Sensi cuoca volontaria nei campi antimafia Swaziland, della Tanzania, del Congo, della Nigeria, del Burkina Faso, della Bulgaria, dell Afghanistan, dell India, del Pakistan, di Haiti e molti altri paesi. 9

12 AUTODETERMINAZIONE PER IL POPOLO SAHARAWI. CONDIZIONE PER LA PACE NEL MAGHREB 38 EUCOCO Conferenza Europea di Coordinamento dei Comitati di solidarietà con il popolo saharawi Roma, novembre 2013 La Conferenza si tiene ogni anno, dal 1978, in una città diversa europea con lo scopo di fare il punto sulla condizione del popolo del Sahara Occidentale, programmare gli interventi, sensibilizzare le istituzioni, l opinione pubblica e i mass media. Riunisce le associazioni della solidarietà, rappresentanti delle istituzioni nazionali e dell Unione Europea, amministratori locali, organizzazioni per la difesa dei diritti umani, giuristi, osservatori internazionali, rappresentanti di forze politiche e sindacali, personalità e premi Nobel per la pace insieme ai rappresentanti sahrawi: il Fronte Polisario, il governo della RASD, il sindacato UGTSario, organizzazioni per la difesa dei diritti umani e della società civile saharawi. Gli obiettivi politici più urgenti per l autodeterminazione del popolo saharawi al centro della 38 Conferenza Eucoco: che il governo italiano riconosca il Fronte Polisario e la sua rappresentanza con status di rappresentanza diplomatica ; che i governi europei e la stessa Unione Europea si facciano promotori della richiesta di ampliamento del mandato della Missione ONU nei Territori Occupati per la tutela dei diritti umani; che gli Accordi Commerciali tra la UE ed il Marocco non permettano lo sfruttamento delle risorse naturali e della pesca nei territori occupati, come previsto dalla Convenzione Internazionale di Ginevra.

CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE

CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE Conferenza europea di presentazione dei risultati e delle prospettive del progetto 29 GENNAIO 2013 CIRCOLO DELLA STAMPA Corso Venezia, 48 MILANO GRUPPI DI AUTO MUTUO

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Gennaio 2014 Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Diamo qui una descrizione sintetica del progetto,

Dettagli

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado PREMESSA LA CITTADINANZA PER I RAGAZZI CHE FREQUENTANO LE NOSTRE ISTITUZIONE SCOLASTICHE

Dettagli

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 DIECI BORSE

Dettagli

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva Centro di servizi per il volontariato del Lazio Presidente Paola Capoleva Più punti di vista Più punti di vista esistono in un popolo, dai quali esaminare il mondo che tutti ospita in eguale misura e a

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012. Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012. Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace

Dettagli

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE ANSPS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE Presentazione del Programma Estate 2012 Alle associazioni e agli Enti locali interessati al Programma

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

2015-2016 Un anno scolastico in

2015-2016 Un anno scolastico in 2015-2016 Un anno scolastico in U.S.A. e CINA La Fondazione Varrone, in collaborazione con Intercultura, bandisce un concorso per OTTO borse di studio completamente gratuite, di cui SEI per soggiorni di

Dettagli

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana o.n.l.u.s. UNA SCUOLA PER AMICA LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana I Rapporto Semestrale di avanzamento del progetto

Dettagli

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza

REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza REPORT CAMPAGNA TENDE 2011-2012 R.D. Congo Tutti a scuola con il Sostegno a distanza ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace occorre

Dettagli

Diventa ambasciatore dei diritti dei bambini! Partner istituzionali Iniziativa realizzata con Grazie a

Diventa ambasciatore dei diritti dei bambini! Partner istituzionali Iniziativa realizzata con Grazie a Con il Patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri Regione Campania Regione Emilia Romagna Regione Lazio Regione Liguria Regione Lombardia Regione Piemonte Regione Puglia Regione Sardegna Regione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009)

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Indice: Sintesi Generale 1 Sintesi mappatura progetti regionali su fondi comunitari in ambito

Dettagli

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa»

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» Cosa fa il WFP Chi sono i beneficiari interviene nelle emergenze umanitarie le vittime di guerre e di disastri naturali promuove lo sviluppo

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

Coopermondo: la mission. value

Coopermondo: la mission. value Coopermondo: la mission value manage partner / global alliance for sustainable development partnership: a global alliance for sustainable development 415 progetti (295 in corso) 612 organizzazioni partner

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione Regione Toscana Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica www.regione.toscana.it/bandolegalita Progetti di educazione alla legalità offerti alle scuole

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

ICEI. CITTADINI NEL MONDO un lungo viaggio insieme verso il cambiamento

ICEI. CITTADINI NEL MONDO un lungo viaggio insieme verso il cambiamento ICEI. CITTADINI NEL MONDO un lungo viaggio insieme verso il cambiamento CHI SIAMO Siamo un associazione senza fini di lucro impegnata nella solidarietà internazionale, nella cooperazione allo sviluppo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Presentazione associazione ITAL WATINOMA

Presentazione associazione ITAL WATINOMA Associazione ITAL WATINOMA ONLUS Piazza Europa 5-20058 Villasanta (MB) C.F. 94595990154 Presentazione associazione ITAL WATINOMA L Associazione ITAL WATINOMA Accoglienza è un organizzazione di volontariato

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

PROGETTO ITACA ONLUS. Per la mente, con il cuore. *i dati citati all interno della presentazione sono riferiti alla sola sede di Milano

PROGETTO ITACA ONLUS. Per la mente, con il cuore. *i dati citati all interno della presentazione sono riferiti alla sola sede di Milano PROGETTO ITACA ONLUS Per la mente, con il cuore *i dati citati all interno della presentazione sono riferiti alla sola sede di Milano Progetto Itaca: chi siamo Progetto Itaca Onlus è oggi l Associazione

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM. propongono il seminario

In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM. propongono il seminario In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM propongono il seminario Promuovere la salute mentale nella comunità: È utile lo sport? 1 Venerdì 15 dicembre 2006 (Bologna,

Dettagli

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva 5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN acqua e cittadinanza attiva Progetto gratuito per le scuole secondarie di 2 grado e i centri di formazione professionale della

Dettagli

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA CRISI: ACLI ROMA, "4% ROMANI VIVE SOTTO SOGLIA DI POVERTÀ, IL 7% MANGIA IN MANIERA ADEGUATA OGNI DUE GIORNI" Progetto

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Foto Settimio Benedusi 2 a edizione giovedì 20 novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Iniziativa nazionale di sensibilizzazione sui diritti dei bambini e raccolta di farmaci da banco

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Comunicato stampa. Il viaggio di Operation Daywork in Albania

Comunicato stampa. Il viaggio di Operation Daywork in Albania Comunicato stampa Il viaggio di Operation Daywork in Albania Il viaggio: Operation Daywork ogni anno sostiene un progetto di cooperazione allo sviluppo nel mondo. All assemblea generale del 17 Maggio 2014

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Dalla relazione finale

Dalla relazione finale V.O.I.C.E.S. Project - Voluntary Organisation for International Children Teenagers And Women s Emergency Service - Daphne Initiative 1999 VIOLENCE IS WHEN... Violence against Women and Children from Telephonic

Dettagli

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus Donazione. Azione CESVI Fondazione Onlus Cesvi è un'organizzazione umanitaria laica e indipendente fondata in Italia nel 1985. Con 80 sedi estere, opera in tutti i continenti con progetti di cooperazione

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO Le Reti favoriscono meccanismi di scambio finalizzati alla cooperazione con il territorio, con le altre agenzie formative e le strutture amministrative attraverso

Dettagli

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 L Associazione Cuore d Africa nasce nel settembre 2008. Si occupa di fornire sostegno ed istruzione a bambini e ragazzi con gravi problemi economici e familiari, attraverso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE Zero Sprechi 100% Solidarietà e Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli