ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 1

2 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE IL CONTESTO Lo scenario di business di ENAV L ambito operativo L evoluzione dei sistemi informativi di supporto alla gestione L OGGETTO DELLA FORNITURA Consulenza Organizzativa e Supporto alla Direzione Processi e procedure Supporto funzionale e Program/Project Management Change Management Le dimensioni e la durata I profili professionali MODALITÀ DI ESECUZIONE Modalità di erogazione dei servizi Modalità continuativa Modalità progettuale Piano di lavoro Piano di progetto dell obiettivo Piano di lavoro per attività continuative Rendiconto risorse Qualità Pianificazione della Qualità Piano della qualità della fornitura Piano della qualità di intervento Indicatori di qualità Rilievi Rapporto Indicatori Qualità Vincoli temporali sulle consegne Modalità di approvazione Deliverable della fornitura Modalità di consegna dei deliverable Contenuto dei deliverable Indice dei deliverable consegnati Affiancamento di inizio fornitura Trasferimento di know how Strumenti di Documentazione Luogo di lavoro...53 Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 2

3 1. INTRODUZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di definire i requisiti relativi alla fornitura, in un unico lotto, dei servizi relativi all analisi dei processi e delle procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle. Con il termine ENAV va intesa la ENAV S.p.A. a socio unico; Con il termine SICTA va inteso il Consorzio Sistemi Informativi per il Controllo del Traffico aereo, istituito per lo sviluppo di attività ad alto contenuto tecnologico nelle regioni del Sud Italia; Con il termine ENAC va inteso l Ente Nazionale per l Aviazione Civile; Con il termine Aggiudicatario vanno intese le imprese aggiudicatarie della fornitura. 2. IL CONTESTO 2.1 Lo scenario di business di ENAV ENAV sta sperimentando da diversi anni un processo di profondo cambiamento che investe tutta l azienda sia a livello centrale che territoriale. Il contesto di mercato in cui l azienda opera è in continua evoluzione e caratterizzato da elementi di crescente complessità, che richiedono un impegno costante nel perseguire un miglioramento continuo sia nelle modalità e negli strumenti gestionali che nelle performance di servizio. Tale complessità è correlata ad una serie di fattori quali la rilevante crescita del traffico aereo, la progressiva europeizzazione dei servizi di ATM (Air Traffic Management) e le significative pressioni, da parte del contesto esterno, affinché le organizzazioni pubbliche adempiano alla propria missione istituzionale nel rispetto di criteri di efficacia e di efficienza. In tale contesto, tra i più rilevanti fenomeni di cambiamento che interessano l azienda e che determinano impatti diffusi sull organizzazione, sui processi e sui sistemi informativi di supporto possono essere citati i seguenti: Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 3

4 l integrazione di ENAV con Techno Sky, a seguito dell acquisizione di Vitrociset Sistemi; il processo di integrazione del sistema di navigazione aerea in Europa secondo quanto previsto dalla normativa europea Single European Sky ; la trasformazione di un numero rilevante di aeroporti militari in aeroporti civili, con la probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea; la scelta strategica di perseguire una politica di differenziazione che consista nel presidiare, oltre al core business, ulteriori nuove iniziative collegate alle competenze specifiche di ENAV. Nel prosieguo della trattazione verranno affrontati in modo specifico tali fenomeni allo scopo di delinearne i tratti salienti. L integrazione con Techno Sky Con la fine del 2006 si è conclusa l operazione di acquisizione di Vitrociset Sistemi (oggi Techno Sky) che, come ramo d azienda Vitrociset, forniva ad ENAV i servizi di conduzione e manutenzione degli impianti. L acquisizione ha avuto i seguenti obiettivi primari: il miglioramento sostanziale delle performance di mantenimento in efficienza e continuità dell intera infrastruttura tecnologica utilizzata da ENAV per la sicurezza della Navigazione Aerea in Italia; la riduzione del costo dei servizi di conduzione tecnica e manutenzione, conseguibile grazie alle sinergie tra la componente tecnica di ENAV e quella di Techno Sky; il rafforzamento del sistema ENAV in termini di competenze tecniche, elemento sempre più indispensabile rispetto alle evoluzioni tecnologiche in atto che stanno portando al nuovo Sistema ATM. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 4

5 Le attività di Techno Sky sono articolate su quattro Aree di Business: Installazione, Manutenzione e Conduzione Impianti; Radiomisure; Ingegneria e Sistemistica; Infrastrutture e impiantistica. Per ciascuna di queste Aree è prevista una integrazione di attività tra le strutture di Techno Sky e quelle di ENAV, con l obiettivo di sviluppare sinergie e predisporre un contesto tecnico in grado di rispondere alle esigenze di: mantenimento in funzione senza soluzioni di continuità della infrastruttura tecnologica ENAV dedicata alla fornitura del servizio di controllo del traffico aereo; miglioramento funzionale e prestazionale dei sistemi, anche attraverso feedback di indirizzo nei confronti dei costruttori; aggiornamento della piattaforma tecnologica secondo le necessità indotte dai programmi paneuropei, in cui ENAV è impegnata, e finalizzato al mantenimento di un adeguata capacità di sistema in relazione agli sviluppi del traffico aereo che si stanno registrando; predisposizione di una organizzazione tecnica integrata tra Techno Sky, ENAV e Sicta per le attività di definizione e progettazione di sistemi tecnologici di nuova generazione. Oltre a fornire le proprie prestazioni nei confronti di ENAV, Techno Sky prevede di ampliare significativamente le proprie attività sia sul mercato esterno diretto (gestori aeroportuali, costruttori ATM, grandi operatori di trasporto nazionali) sia sul mercato internazionale ATM, al quale proporre la realizzazione di sistemi chiavi in mano attraverso l integrazione di apporti tra Techno Sky, ENAV e le industrie del settore. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 5

6 L evoluzione del quadro di regolamentazione in ambito europeo La normativa europea Single European Sky (Regolamenti CE 10 Marzo 2004), che ha costituito un punto di svolta nel processo di integrazione del sistema di navigazione Aerea in Europa, è orientata al perseguimento dei seguenti obiettivi specifici: l integrazione degli Spazi Aerei, anche attraverso l istituzione di Blocchi Funzionali interstatuali; l interoperabilità tra Sistemi Tecnologici in termini strumentali e procedurali; l ottimizzazione degli Spazi Aerei e del Sistema delle Rotte; la dotazione di Requisiti Comuni da parte dei Service Provider europei, che riguardano in particolare: la Certificazione NSA (National Supervisory Authority, ENAC in Italia), la Certificazione di Qualità (ISO 9001) e Sicurezza (ESARR, di definizione Eurocontrol); il miglioramento delle performance tecnico-funzionali ed economiche. L Italia ha recepito la normativa comunitaria con la Legge di Riforma dell Aviazione Civile (legge n. 265/2004), ed ENAV ha provveduto, a partire dal 2005, ad allineare le proprie attività ed iniziative, anche già in corso, al nuovo contesto regolatorio, attraverso: l orientamento dei progetti di cooperazione sugli Spazi Aerei secondo la prospettiva dei Blocchi Funzionali ; lo sviluppo di progetti di cooperazione tecnologica finalizzati al Nuovo Sistema ATM ; l avvio del Progetto Riconfigurazione delle Rotte ; in collaborazione con ENAC e l Aeronautica Militare ed in coordinamento con Eurocontrol ed i Service Provider degli stati limitrofi; l orientamento delle iniziative, anche già in corso, alle specifiche e ai tempi indicati nei Requisiti Comuni, ottenendo in tal modo la certificazione (ai sensi del Single European Sky) da parte di ENAC; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 6

7 l assunzione di obiettivi di performance tecnico-funzionali ed economiche (puntualità, sicurezza del volo ed economicità) quali obiettivi aziendali primari e prerequisito di legittimazione verso gli utenti ed in ambito europeo. Nell ambito del Single European Sky, inoltre, ENAV partecipa attivamente al progetto SESAR Single European Sky ATM Research, finalizzato alla messa a punto del nuovo Sistema ATM europeo. La trasformazione di aeroporti militari in aeroporti civili Il passaggio dal Demanio Militare a quello dell Aviazione Civile di un significativo numero di Aeroporti (15), disciplinato dall articolo 693 del Codice della Navigazione (modificato con il Decreto Legislativo 151/2006), prefigura la probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea. Un analisi predisposta da ENAV nel 2005 relativamente ai 15 aeroporti interessati, che ha consentito di stimare sia i nuovi investimenti per l ammodernamento delle infrastrutture ATM, sia i costi operativi necessari, ha evidenziato la necessità di effettuare il trasferimento per stadi progressivi e attraverso soluzioni capaci di soddisfare le esigenze sia di ENAV, che dei gestori aeroportuali e degli operatori locali. Tale trasferimento verrà affrontato tenendo conto delle seguenti logiche: valorizzazione dei nuovi aeroporti in raccordo con i soggetti locali pubblici e privati; definizione di soluzioni innovative nella ripartizione di attività ed investimenti; realizzazione e proposta di un offerta servizi basata anche sulle nuove competenze disponibili con la controllata Techno Sky. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 7

8 La strategia di differenziazione del business Le priorità degli ultimi anni di consolidare performance elevate rispetto alla missione istituzionale e di porre in essere modalità gestionali proprie di una Società per Azioni, hanno fatto in modo che ENAV si concentrasse esclusivamente sul proprio core business. Tuttavia, il percorso strategico di riferimento per i prossimi anni prevede che il presidio del business caratteristico da parte di ENAV sia accompagnato da una politica di differenziazione di business basata sullo sfruttamento realistico e redditivo delle potenzialità tecniche dell azienda, con lo scopo principale, ancorché non unico, di fornire risorse alla sua missione istituzionale. In riferimento al presidio del core business, le strategie di medio-lungo periodo confermano la scelta di puntare sull elevato livello di performance prestazionali (puntualità e sicurezza operativa) con traguardi top class in Europa e costi in riduzione allineati a quelli dei principali Paesi europei (Germania, Spagna, Francia, Regno Unito), che ha già premiato ENAV nel 2007 con l affidamento da parte di Eurocontrol di sorvoli in precedenza assistiti da Paesi limitrofi. ENAV si considera, inoltre, impegnata a mettere a disposizione nei prossimi anni le proprie competenze e a sostenere con tempestività i mutamenti che dovessero intervenire a seguito di cambiamenti negli assetti operativi sugli aeroporti del principale vettore italiano. In riferimento alla politica di differenziazione, invece, la possibilità di sviluppo di business complementari richiede la messa a punto di una capacità di offerta specifica basata sulle proprie competenze distintive, anche attraverso sinergie ed alleanze mirate. I principali ambiti di diversificazione del business sono: Installazione, conduzione e manutenzione di impianti di controllo del traffico: ENAV si propone di assumere funzioni di ingegneria e program management, affidando alla controllata Techno Sky lo svolgimento delle attività; Radiomisure; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 8

9 Soluzioni ATM integrate: verrà perseguita una attenta esplorazione delle possibilità di partecipazione a Gare, specie in contesto internazionale; Addestramento operativo ATC (Air Traffic Control): verranno valutate le condizioni industriali (alleanze con altri service provider, competitività dei costi, nonché competenze e risorse necessarie) e di mercato che rendano effettivamente sostenibile un volume di attività continuativo per questo tipo di prodotto; in particolare verranno valutate, attraverso appositi piani di sviluppo, le prospettive e le sinergie delle attività di Academy nell ambito del Polo Aeronautico in formazione a Forlì, in una prospettiva che guardi sia il contesto nazionale, sia quello internazionale. 2.2 L ambito operativo La capacità di ENAV di far fronte alle sfide del proprio contesto di business è strettamente connessa alla capacità dell azienda di proseguire nel percorso di miglioramento continuo dei processi gestionali, anche attraverso l ottimizzazione dei sistemi informativi di supporto. Tale percorso di miglioramento, che investe l azienda nel suo complesso, vede, tra le aree e funzioni aziendali maggiormente coinvolte - ed in relazione alle quali i servizi oggetto di gara dovranno essere svolti dall Aggiudicatario in misura prevalente - le seguenti: Funzione Risorse Umane e Qualità; Area Amministrativa e, in particolare, Funzione Sistemi Informativi Gestionali e Funzione Acquisti; Funzione Pianificazione e Controllo. L Aggiudicatario dovrà effettuare le prestazioni richieste nel presente Capitolato Tecnico anche qualora - a seguito della modifica dell attuale assetto organizzativo - saranno variati i processi e le risorse allocate per ogni area/funzione. L Aggiudicatario dovrà, Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 9

10 inoltre, eseguire i servizi oggetto della presente gara con continuità, anche in caso di eventuali variazioni della consistenza dell organico e/o della dislocazione delle sedi e degli uffici di ENAV. Il concorrente, pertanto, dovrà considerare quanto sopra nella formulazione della propria offerta tecnica ed economica. Funzione Risorse Umane e Qualità Le modalità di presidio dei processi inerenti alla gestione delle risorse umane ed alla qualità in ENAV stanno sperimentando, negli ultimi anni, una evoluzione finalizzata ad adeguare la struttura organizzativa, i processi ed i sistemi di supporto alle nuove sfide gestionali. Il miglioramento continuo dell efficienza gestionale complessiva di ENAV ha, tra i propri elementi cardine, l ottimizzazione dei processi e delle procedure inerenti alle risorse umane. Per tale ragione, l efficientamento delle modalità operative della Funzione Risorse Umane e Qualità costituirà uno degli obiettivi più importanti dei servizi oggetto di gara. Ad oggi, la Funzione Risorse Umane e Qualità è articolata nella seguenti funzioni: Organizzazione e Qualità, Costo del lavoro e Reporting, Selezione e Sviluppo Risorse Umane, Normativa Contenzioso del Lavoro e Privacy, Assicurazioni, Gestione Risorse Umane, Relazioni Industriali, Servizi Generali. Nel suo complesso, la Funzione Risorse Umane è deputata prevalentemente allo svolgimento dei seguenti compiti: Proporre al Vertice aziendale le politiche per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane, per le relazioni industriali, per l organizzazione e per la qualità. Presidiare i processi inerenti alla selezione, sviluppo, gestione e amministrazione del personale dirigente e non dirigente dell Azienda. Presidiare il processo interfunzionale di individuazione e gestione dei fabbisogni formativi del personale dirigente e non dirigente e, in raccordo con la Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 10

11 funzione Academy e con le Funzioni utenti, presidiare, per gli aspetti di competenza, l attuazione delle azioni formative monitorandone l efficacia. Curare le relazioni industriali e condurne lo svolgimento a tutti i livelli, assicurando l unitarietà dell azione aziendale e partecipando all evoluzione delle politiche e delle normative. Garantire l uniformità di interpretazione ed applicazione in ambito aziendale della normativa giuslavoristica, presidiando la gestione del contenzioso del lavoro. Presidiare lo sviluppo organizzativo in termini di strutture, processi e sistemi normativo-procedurali di competenza, curando l integrazione o la coerenza tra questi ultimi e i sistemi normativo-procedurali aziendali. Sovrintendere al Sistema di Gestione per la Qualità dell Azienda, svolgendo le funzioni di Rappresentante della Direzione, con relative responsabilità ed autorità previste dalla norma ISO Presidiare il processo di certificazione e sorveglianza del Sistema Qualità e i processi relativi all applicazione di altri schemi certificativi. Presidiare, in materia di privacy, l esecuzione degli adempimenti attribuiti dalla normativa al Titolare del trattamento dei dati personali. Sovrintendere alla gestione dei servizi generali. Presidiare la gestione delle coperture assicurative della Società. Funzione Sistemi Informativi Gestionali La Funzione Sistemi Informativi Gestionali, in quanto deputata alla gestione dei sistemi informativi a supporto dei processi gestionali e al governo dell evoluzione di tali sistemi, riveste un ruolo centrale nel garantire efficacia e continuità al percorso di miglioramento continuo in atto in ENAV. La Funzione in oggetto si articola, al proprio interno, in tre funzioni - Infrastrutture IT, Sistemi e Reti, Applicazioni Gestionali e Servizi IT - ed ha la seguente missione: Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 11

12 Assicurare l abilitazione dei processi gestionali tramite la leva del supporto informatico in coerenza con l evoluzione strategica ed organizzativa al fine di consentire all Azienda l efficiente ed efficace svolgimento dei processi stessi. Definire il piano di evoluzione dei sistemi informativi gestionali garantendo la coerenza con le strategie, gli obiettivi ed i piani aziendali. Definire metodologie, procedure e standard inerenti alle attività interne della funzione e delle sue articolazioni, in coerenza con le linee di indirizzo aziendali. Coordinare lo sviluppo e la gestione di sistemi, applicativi ed infrastrutture di informatica gestionale, garantendo l integrità, la sicurezza, la continuità, la privacy e la disponibilità dei servizi e dei dati gestiti. Funzione Acquisti La Funzione Acquisti è deputata alla esecuzione dei seguenti compiti: Gestire il processo di acquisto, nel rispetto delle regole e procedure aziendali e delle normative vigenti, curando anche le attività di competenza relative alla gestione amministrativa dei contratti. Supportare il Vertice aziendale nella definizione delle politiche di approvvigionamento. Sviluppare, sulla base degli indirizzi del Vertice aziendale, gli strumenti finalizzati alla migliore efficienza ed efficacia del processo di acquisto. Garantire la qualità del processo di acquisto, anche attraverso la definizione ed il monitoraggio di linee guida, procedure e standard, redatti nel rispetto delle vigenti normative, ed assicurare il monitoraggio e la valutazione complessiva dei fornitori. Uniformare e supervisionare le metodologie di acquisto utilizzate dai soggetti aziendali delegati agli acquisti. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 12

13 Assicurare il supporto all Area Tecnica nella predisposizione delle richieste di acquisto, al fine di precostituire le condizioni per una efficace ed efficiente gestione delle attività di affidamento e di gestione dei contratti. Effettuare la pianificazione ed il controllo delle attività centralizzate di acquisto, con la predisposizione di un adeguato sistema di reportistica. Coordinare la redazione del Piano aziendale degli investimenti. Curare le gare e i contratti attivi, con particolare riguardo agli aspetti e agli adempimenti giuridico-amministrativi. Funzione Pianificazione e Controllo Elemento importante affinché ENAV prosegua sul percorso di efficientamento già avviato è il continuo affinamento della capacità di effettuare un monitoraggio efficace delle performance gestionali. Pertanto, riveste particolare importanza, ai fini dei servizi oggetto di gara, la Funzione Pianificazione e Controllo. Nell ambito delle proprie responsabilità, tale Funzione: Cura l elaborazione del piano strategico, con il supporto delle competenti funzioni, nel quadro degli scenari, delle ipotesi e delle linee guida definite dal Consiglio di Amministrazione, formulando le opportune analisi e simulazioni basate sulle possibili opzioni strategiche. Coordina le attività di programmazione e controllo individuando i piani d azione in base al piano strategico approvato, alle politiche tariffarie stabilite e alle linee guida del Vertice. Presidia e controllo l esecuzione dei piani d azione stabiliti per il perseguimento di obiettivi strategici e/o gestionali di interesse aziendale. Coadiuva il vertice aziendale nella definizione della politica tariffaria. Presidia l andamento e l evoluzione degli scenari di settore, assicurando le relative analisi strategiche. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 13

14 Coordina, di concerto con il vertice aziendale, e sulla base delle linee guida da esso indicate, la presenza della società ai tavoli di maggiore valenza strategica, raccordandosi a tal fine con le altre funzioni volta per volta interessate. Garantisce il necessario flusso di informazioni inerente alle attività societarie, svolte presso i tavoli internazionali. Collabora alla definizione del Contratto di Programma e di Servizio per gli aspetti di natura economico-patrimoniale. Area Tecnica L Area Tecnica ha la responsabilità delle attività tecniche di ENAV ed in particolare si occupa dei processi di program management e di ingegneria dei sistemi, consentendo il raggiungimento degli obiettivi prefissati in termini di rinnovamento complessivo delle tecnologie di cui si avvale ENAV. In particolare l Area Tecnica ha la seguente missione: Identifica, propone e realizza soluzioni tecnico-ingegneristiche finalizzate alla affidabilità ed efficienza dei sistemi tecnologici destinati alle attività ATM; Assicura il perseguimento delle politiche aziendali e degli obiettivi strategici attraverso la realizzazione degli investimenti e relativi programmi e progetti; Garantisce l acquisizione, l installazione e l attivazione tecnica di sistemi coerenti all evoluzione tecnologica, assicurando un adeguata capacità operativa rispetto alla domanda di traffico ed alle sue prospettive evolutive; Assicura il coordinamento delle attività tecniche con le esigenze operative del sistema di controllo del traffico aereo, ottimizzando e correlando le prestazioni a standard di sicurezza, regolarità e qualità del servizio; Identifica esigenze e propone soluzioni per il piano degli investimenti, armonizzando e coordinando le esigenze operative provenienti dalle altre Aree aziendali; Presidia e coordina lo sviluppo e il mantenimento della rete aziendale e del software specifico degli apparati operativi; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 14

15 Presidia lo sviluppo delle politiche e dei modelli di manutenzione; Indirizza e sovrintende alle attività di ricerca applicata e pre-operativa necessarie a supportare i programmi di implementazione ed aggiornamento tecnologico. 2.3 L evoluzione dei sistemi informativi di supporto alla gestione Per far fronte alle sfide ed ai cambiamenti del contesto di riferimento ed alle crescenti esigenze gestionali ed informative aziendali, ENAV ha realizzato, nel corso del biennio , un Programma di evoluzione dei propri sistemi informativi gestionali che ha coinvolto un vasto numero di risorse sia interne che esterne. Gli interventi previsti nel percorso evolutivo hanno puntato ad ampliare la portata, a consolidare le funzionalità e a migliorare la continuità operativa dei sistemi gestionali, qualificandoli così come strumenti sempre più evoluti per il governo dell azienda. Il Programma di evoluzione dei sistemi gestionali ha perseguito in particolare i seguenti obiettivi: ampliare la copertura informatica dei processi amministrativi e contabili aziendali, con particolare riferimento alla gestione dei cespiti, alla gestione progetti di investimento, alla tesoreria ed ai processi amministrativi del personale consolidare i sistemi esistenti ed incrementare il livello di affidabilità e fruibilità delle informazioni aziendali. Il Programma è stato finalizzato a garantire la capacità di ENAV di far fronte a specifiche esigenze di natura gestionale, informativa e normativa quali: conseguire e mantenere la certificazione della contabilità analitica per la determinazione certa e attendibile delle tariffe, come richiesto dalla normativa vigente in materia e da organismi internazionali; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 15

16 garantire il rispetto della normativa civilistica e fiscale, soprattutto in materia di gestione dei cespiti aziendali e dei progetti di investimento; tenere maggiormente sotto controllo la situazione finanziaria, in seguito all acquisizione di Techno Sky ed all incremento degli investimenti tecnici finalizzati al miglioramento del servizio di controllo del traffico aereo nel rispetto dei sempre più stringenti parametri di sicurezza; fornire al Vertice Aziendale l andamento dei consuntivi dei costi e degli investimenti, in modo tempestivo, attendibile e con una periodicità adeguata, al fine di consentire il confronto dei consuntivi stessi con il budget economico ed il piano investimenti, le ripianificazioni periodiche e le eventuali revisioni. Il programma di evoluzione dei sistemi informativi gestionali è stato articolato in tre progetti: First Fase3, Sistemi HR ed Enterprise Data Warehouse. Di seguito si riportano, per ciascun progetto, i principali risultati raggiunti dal programma: Progetto First Fase3 : Avvio in esercizio delle nuove funzionalità del sistema ERP aziendale, relativamente alla gestione progetti di investimento, gestione cespiti e tesoreria; Avvio in esercizio del nuovo sito internet aziendale; Erogazione della formazione agli utenti ENAV sulle nuove funzionalità realizzate; Approvazione delle procedure aziendali di gestione cespiti, chiusure contabili, istruzioni operative per la gestione dei progetti di investimento nel sistema ERP aziendale e redazione e gestione del piano investimenti. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 16

17 Progetto Sistemi HR : Avvio in esercizio dei nuovi sistemi per l elaborazione dei cedolini del personale non dirigente, per la gestione delle presenze/assenze e per la gestione delle trasferte. Progetto Enterprise Data Warehouse : Avvio in esercizio della reportistica riguardante i dati di tariffazione, i reclami e le analisi del volato relativamente al traffico aereo nazionale, al traffico aereo per ACC (Area Control Center) e al traffico Aeroportuale; Avvio in esercizio della reportistica riguardante l analisi delle prestazioni, l analisi su trasferte/turni ed il valore economico delle ferie; Realizzazione della reportistica riguardante la Logistica, con particolare riferimento alla disponibilità ed al valore economico del magazzino ed al livello di guasto delle parti di ricambio. ENAV è determinata a proseguire anche per i prossimi anni sul percorso di ottimizzazione dei propri sistemi gestionali e dei processi di business ad essi collegati, attraverso le seguenti linee guida: evoluzione delle infrastrutture tecnologiche centrali e periferiche per mantenere elevato il livello delle prestazioni dell intero Sistema Informativo Gestionale; incremento del livello di integrazione tra processi aziendali e sistema informativo gestionale; estensione della copertura funzionale del parco applicativo, mantenendo la centralità dell ERP aziendale; consolidamento dei sistemi di business intelligence e sviluppo dei cruscotti direzionali; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 17

18 revisione dei processi operativi della Funzione Sistemi Informativi Gestionali per migliorare la qualità del supporto agli utenti; perseguimento del massimo livello di conformità ai Sistemi di Gestione della Qualità (ISO 9001:2000) e di Sicurezza delle Informazioni (ISO/IEC 27001:2005). 3. L OGGETTO DELLA FORNITURA Nel seguito sono dettagliate le principali attività per le quali potrà essere richiesto un supporto organizzativo e operativo. Resta inteso che l Aggiudicatario potrà essere chiamato a svolgere solo parte di tali attività, come pure ulteriori supporti di natura organizzativa e operativa rispetto a quelli successivamente descritti. L Aggiudicatario è, infatti, chiamato di volta in volta a supportare ENAV in base alle esigenze del momento e dovrà garantire in ogni momento la disponibilità di risorse che possano coprire l intera gamma di attività di competenza. L Aggiudicatario dovrà altresì assicurare il raggiungimento degli obiettivi, pur in presenza di variazioni del contesto di riferimento. 3.1 Consulenza Organizzativa e Supporto alla Direzione L Aggiudicatario dovrà garantire a ENAV il supporto per interventi legati prevalentemente all analisi macro e micro organizzativa, alla definizione di nuove soluzioni organizzative e alla predisposizione dei documenti di supporto necessari alla realizzazione delle soluzioni identificate. Inoltre, l Aggiudicatario dovrà garantire il supporto consulenziale necessario per la gestione di attività di supporto alla Direzione, quali, ad esempio, analisi di mercato, studi di fattibilità. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 18

19 In particolare l Aggiudicatario dovrà supportare soprattutto l individuazione e l attuazione di azioni di efficientamento e miglioramento delle performance organizzative. Più specificamente l Aggiudicatario dovrà svolgere le seguenti attività: 1. analisi del contesto di riferimento e individuazione dei fabbisogni in termini di interventi di ottimizzazione sull organizzazione; 2. elaborazione di studi di fattibilità; 3. progettazione di strumenti di monitoraggio e sviluppo delle performance individuali; 4. progettazione di strumenti di monitoraggio delle performance funzionali; 5. assessment su sistemi informatici; 6. raccolta di business requirement e/o requisiti funzionali; 7. supporto nelle attività di software selection; 8. supporto nella definizione dei fabbisogni di investimento; 9. supporto nella definizione, progettazione ed evoluzione di cruscotti direzionali; 10. progettazione di sistemi di supporto al ciclo passivo relativamente a: o fornitori o mercati d acquisto o prezzi o best practice e tendenze di settore 11. Supporto per l elaborazione di reportistica direzionale periodica. Si riportano a titolo esemplificativo e non esaustivo i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: 1. documenti organizzativi (ad esempio, organigrammi, disposizioni organizzative); 2. documenti di descrizione dei ruoli e delle responsabilità funzionali; 3. studi di fattibilità; 4. analisi di mercato su hardware e software; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 19

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli