ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 1

2 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE IL CONTESTO Lo scenario di business di ENAV L ambito operativo L evoluzione dei sistemi informativi di supporto alla gestione L OGGETTO DELLA FORNITURA Consulenza Organizzativa e Supporto alla Direzione Processi e procedure Supporto funzionale e Program/Project Management Change Management Le dimensioni e la durata I profili professionali MODALITÀ DI ESECUZIONE Modalità di erogazione dei servizi Modalità continuativa Modalità progettuale Piano di lavoro Piano di progetto dell obiettivo Piano di lavoro per attività continuative Rendiconto risorse Qualità Pianificazione della Qualità Piano della qualità della fornitura Piano della qualità di intervento Indicatori di qualità Rilievi Rapporto Indicatori Qualità Vincoli temporali sulle consegne Modalità di approvazione Deliverable della fornitura Modalità di consegna dei deliverable Contenuto dei deliverable Indice dei deliverable consegnati Affiancamento di inizio fornitura Trasferimento di know how Strumenti di Documentazione Luogo di lavoro...53 Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 2

3 1. INTRODUZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di definire i requisiti relativi alla fornitura, in un unico lotto, dei servizi relativi all analisi dei processi e delle procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle. Con il termine ENAV va intesa la ENAV S.p.A. a socio unico; Con il termine SICTA va inteso il Consorzio Sistemi Informativi per il Controllo del Traffico aereo, istituito per lo sviluppo di attività ad alto contenuto tecnologico nelle regioni del Sud Italia; Con il termine ENAC va inteso l Ente Nazionale per l Aviazione Civile; Con il termine Aggiudicatario vanno intese le imprese aggiudicatarie della fornitura. 2. IL CONTESTO 2.1 Lo scenario di business di ENAV ENAV sta sperimentando da diversi anni un processo di profondo cambiamento che investe tutta l azienda sia a livello centrale che territoriale. Il contesto di mercato in cui l azienda opera è in continua evoluzione e caratterizzato da elementi di crescente complessità, che richiedono un impegno costante nel perseguire un miglioramento continuo sia nelle modalità e negli strumenti gestionali che nelle performance di servizio. Tale complessità è correlata ad una serie di fattori quali la rilevante crescita del traffico aereo, la progressiva europeizzazione dei servizi di ATM (Air Traffic Management) e le significative pressioni, da parte del contesto esterno, affinché le organizzazioni pubbliche adempiano alla propria missione istituzionale nel rispetto di criteri di efficacia e di efficienza. In tale contesto, tra i più rilevanti fenomeni di cambiamento che interessano l azienda e che determinano impatti diffusi sull organizzazione, sui processi e sui sistemi informativi di supporto possono essere citati i seguenti: Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 3

4 l integrazione di ENAV con Techno Sky, a seguito dell acquisizione di Vitrociset Sistemi; il processo di integrazione del sistema di navigazione aerea in Europa secondo quanto previsto dalla normativa europea Single European Sky ; la trasformazione di un numero rilevante di aeroporti militari in aeroporti civili, con la probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea; la scelta strategica di perseguire una politica di differenziazione che consista nel presidiare, oltre al core business, ulteriori nuove iniziative collegate alle competenze specifiche di ENAV. Nel prosieguo della trattazione verranno affrontati in modo specifico tali fenomeni allo scopo di delinearne i tratti salienti. L integrazione con Techno Sky Con la fine del 2006 si è conclusa l operazione di acquisizione di Vitrociset Sistemi (oggi Techno Sky) che, come ramo d azienda Vitrociset, forniva ad ENAV i servizi di conduzione e manutenzione degli impianti. L acquisizione ha avuto i seguenti obiettivi primari: il miglioramento sostanziale delle performance di mantenimento in efficienza e continuità dell intera infrastruttura tecnologica utilizzata da ENAV per la sicurezza della Navigazione Aerea in Italia; la riduzione del costo dei servizi di conduzione tecnica e manutenzione, conseguibile grazie alle sinergie tra la componente tecnica di ENAV e quella di Techno Sky; il rafforzamento del sistema ENAV in termini di competenze tecniche, elemento sempre più indispensabile rispetto alle evoluzioni tecnologiche in atto che stanno portando al nuovo Sistema ATM. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 4

5 Le attività di Techno Sky sono articolate su quattro Aree di Business: Installazione, Manutenzione e Conduzione Impianti; Radiomisure; Ingegneria e Sistemistica; Infrastrutture e impiantistica. Per ciascuna di queste Aree è prevista una integrazione di attività tra le strutture di Techno Sky e quelle di ENAV, con l obiettivo di sviluppare sinergie e predisporre un contesto tecnico in grado di rispondere alle esigenze di: mantenimento in funzione senza soluzioni di continuità della infrastruttura tecnologica ENAV dedicata alla fornitura del servizio di controllo del traffico aereo; miglioramento funzionale e prestazionale dei sistemi, anche attraverso feedback di indirizzo nei confronti dei costruttori; aggiornamento della piattaforma tecnologica secondo le necessità indotte dai programmi paneuropei, in cui ENAV è impegnata, e finalizzato al mantenimento di un adeguata capacità di sistema in relazione agli sviluppi del traffico aereo che si stanno registrando; predisposizione di una organizzazione tecnica integrata tra Techno Sky, ENAV e Sicta per le attività di definizione e progettazione di sistemi tecnologici di nuova generazione. Oltre a fornire le proprie prestazioni nei confronti di ENAV, Techno Sky prevede di ampliare significativamente le proprie attività sia sul mercato esterno diretto (gestori aeroportuali, costruttori ATM, grandi operatori di trasporto nazionali) sia sul mercato internazionale ATM, al quale proporre la realizzazione di sistemi chiavi in mano attraverso l integrazione di apporti tra Techno Sky, ENAV e le industrie del settore. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 5

6 L evoluzione del quadro di regolamentazione in ambito europeo La normativa europea Single European Sky (Regolamenti CE 10 Marzo 2004), che ha costituito un punto di svolta nel processo di integrazione del sistema di navigazione Aerea in Europa, è orientata al perseguimento dei seguenti obiettivi specifici: l integrazione degli Spazi Aerei, anche attraverso l istituzione di Blocchi Funzionali interstatuali; l interoperabilità tra Sistemi Tecnologici in termini strumentali e procedurali; l ottimizzazione degli Spazi Aerei e del Sistema delle Rotte; la dotazione di Requisiti Comuni da parte dei Service Provider europei, che riguardano in particolare: la Certificazione NSA (National Supervisory Authority, ENAC in Italia), la Certificazione di Qualità (ISO 9001) e Sicurezza (ESARR, di definizione Eurocontrol); il miglioramento delle performance tecnico-funzionali ed economiche. L Italia ha recepito la normativa comunitaria con la Legge di Riforma dell Aviazione Civile (legge n. 265/2004), ed ENAV ha provveduto, a partire dal 2005, ad allineare le proprie attività ed iniziative, anche già in corso, al nuovo contesto regolatorio, attraverso: l orientamento dei progetti di cooperazione sugli Spazi Aerei secondo la prospettiva dei Blocchi Funzionali ; lo sviluppo di progetti di cooperazione tecnologica finalizzati al Nuovo Sistema ATM ; l avvio del Progetto Riconfigurazione delle Rotte ; in collaborazione con ENAC e l Aeronautica Militare ed in coordinamento con Eurocontrol ed i Service Provider degli stati limitrofi; l orientamento delle iniziative, anche già in corso, alle specifiche e ai tempi indicati nei Requisiti Comuni, ottenendo in tal modo la certificazione (ai sensi del Single European Sky) da parte di ENAC; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 6

7 l assunzione di obiettivi di performance tecnico-funzionali ed economiche (puntualità, sicurezza del volo ed economicità) quali obiettivi aziendali primari e prerequisito di legittimazione verso gli utenti ed in ambito europeo. Nell ambito del Single European Sky, inoltre, ENAV partecipa attivamente al progetto SESAR Single European Sky ATM Research, finalizzato alla messa a punto del nuovo Sistema ATM europeo. La trasformazione di aeroporti militari in aeroporti civili Il passaggio dal Demanio Militare a quello dell Aviazione Civile di un significativo numero di Aeroporti (15), disciplinato dall articolo 693 del Codice della Navigazione (modificato con il Decreto Legislativo 151/2006), prefigura la probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea. Un analisi predisposta da ENAV nel 2005 relativamente ai 15 aeroporti interessati, che ha consentito di stimare sia i nuovi investimenti per l ammodernamento delle infrastrutture ATM, sia i costi operativi necessari, ha evidenziato la necessità di effettuare il trasferimento per stadi progressivi e attraverso soluzioni capaci di soddisfare le esigenze sia di ENAV, che dei gestori aeroportuali e degli operatori locali. Tale trasferimento verrà affrontato tenendo conto delle seguenti logiche: valorizzazione dei nuovi aeroporti in raccordo con i soggetti locali pubblici e privati; definizione di soluzioni innovative nella ripartizione di attività ed investimenti; realizzazione e proposta di un offerta servizi basata anche sulle nuove competenze disponibili con la controllata Techno Sky. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 7

8 La strategia di differenziazione del business Le priorità degli ultimi anni di consolidare performance elevate rispetto alla missione istituzionale e di porre in essere modalità gestionali proprie di una Società per Azioni, hanno fatto in modo che ENAV si concentrasse esclusivamente sul proprio core business. Tuttavia, il percorso strategico di riferimento per i prossimi anni prevede che il presidio del business caratteristico da parte di ENAV sia accompagnato da una politica di differenziazione di business basata sullo sfruttamento realistico e redditivo delle potenzialità tecniche dell azienda, con lo scopo principale, ancorché non unico, di fornire risorse alla sua missione istituzionale. In riferimento al presidio del core business, le strategie di medio-lungo periodo confermano la scelta di puntare sull elevato livello di performance prestazionali (puntualità e sicurezza operativa) con traguardi top class in Europa e costi in riduzione allineati a quelli dei principali Paesi europei (Germania, Spagna, Francia, Regno Unito), che ha già premiato ENAV nel 2007 con l affidamento da parte di Eurocontrol di sorvoli in precedenza assistiti da Paesi limitrofi. ENAV si considera, inoltre, impegnata a mettere a disposizione nei prossimi anni le proprie competenze e a sostenere con tempestività i mutamenti che dovessero intervenire a seguito di cambiamenti negli assetti operativi sugli aeroporti del principale vettore italiano. In riferimento alla politica di differenziazione, invece, la possibilità di sviluppo di business complementari richiede la messa a punto di una capacità di offerta specifica basata sulle proprie competenze distintive, anche attraverso sinergie ed alleanze mirate. I principali ambiti di diversificazione del business sono: Installazione, conduzione e manutenzione di impianti di controllo del traffico: ENAV si propone di assumere funzioni di ingegneria e program management, affidando alla controllata Techno Sky lo svolgimento delle attività; Radiomisure; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 8

9 Soluzioni ATM integrate: verrà perseguita una attenta esplorazione delle possibilità di partecipazione a Gare, specie in contesto internazionale; Addestramento operativo ATC (Air Traffic Control): verranno valutate le condizioni industriali (alleanze con altri service provider, competitività dei costi, nonché competenze e risorse necessarie) e di mercato che rendano effettivamente sostenibile un volume di attività continuativo per questo tipo di prodotto; in particolare verranno valutate, attraverso appositi piani di sviluppo, le prospettive e le sinergie delle attività di Academy nell ambito del Polo Aeronautico in formazione a Forlì, in una prospettiva che guardi sia il contesto nazionale, sia quello internazionale. 2.2 L ambito operativo La capacità di ENAV di far fronte alle sfide del proprio contesto di business è strettamente connessa alla capacità dell azienda di proseguire nel percorso di miglioramento continuo dei processi gestionali, anche attraverso l ottimizzazione dei sistemi informativi di supporto. Tale percorso di miglioramento, che investe l azienda nel suo complesso, vede, tra le aree e funzioni aziendali maggiormente coinvolte - ed in relazione alle quali i servizi oggetto di gara dovranno essere svolti dall Aggiudicatario in misura prevalente - le seguenti: Funzione Risorse Umane e Qualità; Area Amministrativa e, in particolare, Funzione Sistemi Informativi Gestionali e Funzione Acquisti; Funzione Pianificazione e Controllo. L Aggiudicatario dovrà effettuare le prestazioni richieste nel presente Capitolato Tecnico anche qualora - a seguito della modifica dell attuale assetto organizzativo - saranno variati i processi e le risorse allocate per ogni area/funzione. L Aggiudicatario dovrà, Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 9

10 inoltre, eseguire i servizi oggetto della presente gara con continuità, anche in caso di eventuali variazioni della consistenza dell organico e/o della dislocazione delle sedi e degli uffici di ENAV. Il concorrente, pertanto, dovrà considerare quanto sopra nella formulazione della propria offerta tecnica ed economica. Funzione Risorse Umane e Qualità Le modalità di presidio dei processi inerenti alla gestione delle risorse umane ed alla qualità in ENAV stanno sperimentando, negli ultimi anni, una evoluzione finalizzata ad adeguare la struttura organizzativa, i processi ed i sistemi di supporto alle nuove sfide gestionali. Il miglioramento continuo dell efficienza gestionale complessiva di ENAV ha, tra i propri elementi cardine, l ottimizzazione dei processi e delle procedure inerenti alle risorse umane. Per tale ragione, l efficientamento delle modalità operative della Funzione Risorse Umane e Qualità costituirà uno degli obiettivi più importanti dei servizi oggetto di gara. Ad oggi, la Funzione Risorse Umane e Qualità è articolata nella seguenti funzioni: Organizzazione e Qualità, Costo del lavoro e Reporting, Selezione e Sviluppo Risorse Umane, Normativa Contenzioso del Lavoro e Privacy, Assicurazioni, Gestione Risorse Umane, Relazioni Industriali, Servizi Generali. Nel suo complesso, la Funzione Risorse Umane è deputata prevalentemente allo svolgimento dei seguenti compiti: Proporre al Vertice aziendale le politiche per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane, per le relazioni industriali, per l organizzazione e per la qualità. Presidiare i processi inerenti alla selezione, sviluppo, gestione e amministrazione del personale dirigente e non dirigente dell Azienda. Presidiare il processo interfunzionale di individuazione e gestione dei fabbisogni formativi del personale dirigente e non dirigente e, in raccordo con la Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 10

11 funzione Academy e con le Funzioni utenti, presidiare, per gli aspetti di competenza, l attuazione delle azioni formative monitorandone l efficacia. Curare le relazioni industriali e condurne lo svolgimento a tutti i livelli, assicurando l unitarietà dell azione aziendale e partecipando all evoluzione delle politiche e delle normative. Garantire l uniformità di interpretazione ed applicazione in ambito aziendale della normativa giuslavoristica, presidiando la gestione del contenzioso del lavoro. Presidiare lo sviluppo organizzativo in termini di strutture, processi e sistemi normativo-procedurali di competenza, curando l integrazione o la coerenza tra questi ultimi e i sistemi normativo-procedurali aziendali. Sovrintendere al Sistema di Gestione per la Qualità dell Azienda, svolgendo le funzioni di Rappresentante della Direzione, con relative responsabilità ed autorità previste dalla norma ISO Presidiare il processo di certificazione e sorveglianza del Sistema Qualità e i processi relativi all applicazione di altri schemi certificativi. Presidiare, in materia di privacy, l esecuzione degli adempimenti attribuiti dalla normativa al Titolare del trattamento dei dati personali. Sovrintendere alla gestione dei servizi generali. Presidiare la gestione delle coperture assicurative della Società. Funzione Sistemi Informativi Gestionali La Funzione Sistemi Informativi Gestionali, in quanto deputata alla gestione dei sistemi informativi a supporto dei processi gestionali e al governo dell evoluzione di tali sistemi, riveste un ruolo centrale nel garantire efficacia e continuità al percorso di miglioramento continuo in atto in ENAV. La Funzione in oggetto si articola, al proprio interno, in tre funzioni - Infrastrutture IT, Sistemi e Reti, Applicazioni Gestionali e Servizi IT - ed ha la seguente missione: Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 11

12 Assicurare l abilitazione dei processi gestionali tramite la leva del supporto informatico in coerenza con l evoluzione strategica ed organizzativa al fine di consentire all Azienda l efficiente ed efficace svolgimento dei processi stessi. Definire il piano di evoluzione dei sistemi informativi gestionali garantendo la coerenza con le strategie, gli obiettivi ed i piani aziendali. Definire metodologie, procedure e standard inerenti alle attività interne della funzione e delle sue articolazioni, in coerenza con le linee di indirizzo aziendali. Coordinare lo sviluppo e la gestione di sistemi, applicativi ed infrastrutture di informatica gestionale, garantendo l integrità, la sicurezza, la continuità, la privacy e la disponibilità dei servizi e dei dati gestiti. Funzione Acquisti La Funzione Acquisti è deputata alla esecuzione dei seguenti compiti: Gestire il processo di acquisto, nel rispetto delle regole e procedure aziendali e delle normative vigenti, curando anche le attività di competenza relative alla gestione amministrativa dei contratti. Supportare il Vertice aziendale nella definizione delle politiche di approvvigionamento. Sviluppare, sulla base degli indirizzi del Vertice aziendale, gli strumenti finalizzati alla migliore efficienza ed efficacia del processo di acquisto. Garantire la qualità del processo di acquisto, anche attraverso la definizione ed il monitoraggio di linee guida, procedure e standard, redatti nel rispetto delle vigenti normative, ed assicurare il monitoraggio e la valutazione complessiva dei fornitori. Uniformare e supervisionare le metodologie di acquisto utilizzate dai soggetti aziendali delegati agli acquisti. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 12

13 Assicurare il supporto all Area Tecnica nella predisposizione delle richieste di acquisto, al fine di precostituire le condizioni per una efficace ed efficiente gestione delle attività di affidamento e di gestione dei contratti. Effettuare la pianificazione ed il controllo delle attività centralizzate di acquisto, con la predisposizione di un adeguato sistema di reportistica. Coordinare la redazione del Piano aziendale degli investimenti. Curare le gare e i contratti attivi, con particolare riguardo agli aspetti e agli adempimenti giuridico-amministrativi. Funzione Pianificazione e Controllo Elemento importante affinché ENAV prosegua sul percorso di efficientamento già avviato è il continuo affinamento della capacità di effettuare un monitoraggio efficace delle performance gestionali. Pertanto, riveste particolare importanza, ai fini dei servizi oggetto di gara, la Funzione Pianificazione e Controllo. Nell ambito delle proprie responsabilità, tale Funzione: Cura l elaborazione del piano strategico, con il supporto delle competenti funzioni, nel quadro degli scenari, delle ipotesi e delle linee guida definite dal Consiglio di Amministrazione, formulando le opportune analisi e simulazioni basate sulle possibili opzioni strategiche. Coordina le attività di programmazione e controllo individuando i piani d azione in base al piano strategico approvato, alle politiche tariffarie stabilite e alle linee guida del Vertice. Presidia e controllo l esecuzione dei piani d azione stabiliti per il perseguimento di obiettivi strategici e/o gestionali di interesse aziendale. Coadiuva il vertice aziendale nella definizione della politica tariffaria. Presidia l andamento e l evoluzione degli scenari di settore, assicurando le relative analisi strategiche. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 13

14 Coordina, di concerto con il vertice aziendale, e sulla base delle linee guida da esso indicate, la presenza della società ai tavoli di maggiore valenza strategica, raccordandosi a tal fine con le altre funzioni volta per volta interessate. Garantisce il necessario flusso di informazioni inerente alle attività societarie, svolte presso i tavoli internazionali. Collabora alla definizione del Contratto di Programma e di Servizio per gli aspetti di natura economico-patrimoniale. Area Tecnica L Area Tecnica ha la responsabilità delle attività tecniche di ENAV ed in particolare si occupa dei processi di program management e di ingegneria dei sistemi, consentendo il raggiungimento degli obiettivi prefissati in termini di rinnovamento complessivo delle tecnologie di cui si avvale ENAV. In particolare l Area Tecnica ha la seguente missione: Identifica, propone e realizza soluzioni tecnico-ingegneristiche finalizzate alla affidabilità ed efficienza dei sistemi tecnologici destinati alle attività ATM; Assicura il perseguimento delle politiche aziendali e degli obiettivi strategici attraverso la realizzazione degli investimenti e relativi programmi e progetti; Garantisce l acquisizione, l installazione e l attivazione tecnica di sistemi coerenti all evoluzione tecnologica, assicurando un adeguata capacità operativa rispetto alla domanda di traffico ed alle sue prospettive evolutive; Assicura il coordinamento delle attività tecniche con le esigenze operative del sistema di controllo del traffico aereo, ottimizzando e correlando le prestazioni a standard di sicurezza, regolarità e qualità del servizio; Identifica esigenze e propone soluzioni per il piano degli investimenti, armonizzando e coordinando le esigenze operative provenienti dalle altre Aree aziendali; Presidia e coordina lo sviluppo e il mantenimento della rete aziendale e del software specifico degli apparati operativi; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 14

15 Presidia lo sviluppo delle politiche e dei modelli di manutenzione; Indirizza e sovrintende alle attività di ricerca applicata e pre-operativa necessarie a supportare i programmi di implementazione ed aggiornamento tecnologico. 2.3 L evoluzione dei sistemi informativi di supporto alla gestione Per far fronte alle sfide ed ai cambiamenti del contesto di riferimento ed alle crescenti esigenze gestionali ed informative aziendali, ENAV ha realizzato, nel corso del biennio , un Programma di evoluzione dei propri sistemi informativi gestionali che ha coinvolto un vasto numero di risorse sia interne che esterne. Gli interventi previsti nel percorso evolutivo hanno puntato ad ampliare la portata, a consolidare le funzionalità e a migliorare la continuità operativa dei sistemi gestionali, qualificandoli così come strumenti sempre più evoluti per il governo dell azienda. Il Programma di evoluzione dei sistemi gestionali ha perseguito in particolare i seguenti obiettivi: ampliare la copertura informatica dei processi amministrativi e contabili aziendali, con particolare riferimento alla gestione dei cespiti, alla gestione progetti di investimento, alla tesoreria ed ai processi amministrativi del personale consolidare i sistemi esistenti ed incrementare il livello di affidabilità e fruibilità delle informazioni aziendali. Il Programma è stato finalizzato a garantire la capacità di ENAV di far fronte a specifiche esigenze di natura gestionale, informativa e normativa quali: conseguire e mantenere la certificazione della contabilità analitica per la determinazione certa e attendibile delle tariffe, come richiesto dalla normativa vigente in materia e da organismi internazionali; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 15

16 garantire il rispetto della normativa civilistica e fiscale, soprattutto in materia di gestione dei cespiti aziendali e dei progetti di investimento; tenere maggiormente sotto controllo la situazione finanziaria, in seguito all acquisizione di Techno Sky ed all incremento degli investimenti tecnici finalizzati al miglioramento del servizio di controllo del traffico aereo nel rispetto dei sempre più stringenti parametri di sicurezza; fornire al Vertice Aziendale l andamento dei consuntivi dei costi e degli investimenti, in modo tempestivo, attendibile e con una periodicità adeguata, al fine di consentire il confronto dei consuntivi stessi con il budget economico ed il piano investimenti, le ripianificazioni periodiche e le eventuali revisioni. Il programma di evoluzione dei sistemi informativi gestionali è stato articolato in tre progetti: First Fase3, Sistemi HR ed Enterprise Data Warehouse. Di seguito si riportano, per ciascun progetto, i principali risultati raggiunti dal programma: Progetto First Fase3 : Avvio in esercizio delle nuove funzionalità del sistema ERP aziendale, relativamente alla gestione progetti di investimento, gestione cespiti e tesoreria; Avvio in esercizio del nuovo sito internet aziendale; Erogazione della formazione agli utenti ENAV sulle nuove funzionalità realizzate; Approvazione delle procedure aziendali di gestione cespiti, chiusure contabili, istruzioni operative per la gestione dei progetti di investimento nel sistema ERP aziendale e redazione e gestione del piano investimenti. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 16

17 Progetto Sistemi HR : Avvio in esercizio dei nuovi sistemi per l elaborazione dei cedolini del personale non dirigente, per la gestione delle presenze/assenze e per la gestione delle trasferte. Progetto Enterprise Data Warehouse : Avvio in esercizio della reportistica riguardante i dati di tariffazione, i reclami e le analisi del volato relativamente al traffico aereo nazionale, al traffico aereo per ACC (Area Control Center) e al traffico Aeroportuale; Avvio in esercizio della reportistica riguardante l analisi delle prestazioni, l analisi su trasferte/turni ed il valore economico delle ferie; Realizzazione della reportistica riguardante la Logistica, con particolare riferimento alla disponibilità ed al valore economico del magazzino ed al livello di guasto delle parti di ricambio. ENAV è determinata a proseguire anche per i prossimi anni sul percorso di ottimizzazione dei propri sistemi gestionali e dei processi di business ad essi collegati, attraverso le seguenti linee guida: evoluzione delle infrastrutture tecnologiche centrali e periferiche per mantenere elevato il livello delle prestazioni dell intero Sistema Informativo Gestionale; incremento del livello di integrazione tra processi aziendali e sistema informativo gestionale; estensione della copertura funzionale del parco applicativo, mantenendo la centralità dell ERP aziendale; consolidamento dei sistemi di business intelligence e sviluppo dei cruscotti direzionali; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 17

18 revisione dei processi operativi della Funzione Sistemi Informativi Gestionali per migliorare la qualità del supporto agli utenti; perseguimento del massimo livello di conformità ai Sistemi di Gestione della Qualità (ISO 9001:2000) e di Sicurezza delle Informazioni (ISO/IEC 27001:2005). 3. L OGGETTO DELLA FORNITURA Nel seguito sono dettagliate le principali attività per le quali potrà essere richiesto un supporto organizzativo e operativo. Resta inteso che l Aggiudicatario potrà essere chiamato a svolgere solo parte di tali attività, come pure ulteriori supporti di natura organizzativa e operativa rispetto a quelli successivamente descritti. L Aggiudicatario è, infatti, chiamato di volta in volta a supportare ENAV in base alle esigenze del momento e dovrà garantire in ogni momento la disponibilità di risorse che possano coprire l intera gamma di attività di competenza. L Aggiudicatario dovrà altresì assicurare il raggiungimento degli obiettivi, pur in presenza di variazioni del contesto di riferimento. 3.1 Consulenza Organizzativa e Supporto alla Direzione L Aggiudicatario dovrà garantire a ENAV il supporto per interventi legati prevalentemente all analisi macro e micro organizzativa, alla definizione di nuove soluzioni organizzative e alla predisposizione dei documenti di supporto necessari alla realizzazione delle soluzioni identificate. Inoltre, l Aggiudicatario dovrà garantire il supporto consulenziale necessario per la gestione di attività di supporto alla Direzione, quali, ad esempio, analisi di mercato, studi di fattibilità. Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 18

19 In particolare l Aggiudicatario dovrà supportare soprattutto l individuazione e l attuazione di azioni di efficientamento e miglioramento delle performance organizzative. Più specificamente l Aggiudicatario dovrà svolgere le seguenti attività: 1. analisi del contesto di riferimento e individuazione dei fabbisogni in termini di interventi di ottimizzazione sull organizzazione; 2. elaborazione di studi di fattibilità; 3. progettazione di strumenti di monitoraggio e sviluppo delle performance individuali; 4. progettazione di strumenti di monitoraggio delle performance funzionali; 5. assessment su sistemi informatici; 6. raccolta di business requirement e/o requisiti funzionali; 7. supporto nelle attività di software selection; 8. supporto nella definizione dei fabbisogni di investimento; 9. supporto nella definizione, progettazione ed evoluzione di cruscotti direzionali; 10. progettazione di sistemi di supporto al ciclo passivo relativamente a: o fornitori o mercati d acquisto o prezzi o best practice e tendenze di settore 11. Supporto per l elaborazione di reportistica direzionale periodica. Si riportano a titolo esemplificativo e non esaustivo i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: 1. documenti organizzativi (ad esempio, organigrammi, disposizioni organizzative); 2. documenti di descrizione dei ruoli e delle responsabilità funzionali; 3. studi di fattibilità; 4. analisi di mercato su hardware e software; Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 19

CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO Pag. 1 di 15 1. OGGETTO 1.1. Premessa Con delibera n. 52 del 25 e 26 settembre 2015, l Assemblea Capitolina ha deliberato l Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani e di igiene urbana ad

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3

1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 CAPITOLATO TECNICO Redazione: Approvazione/Autorizzazione: Beppe Bozzi Luca Colman Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 2.1 Lo scenario di business di

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CAPITOLATO TECNICO Redazione: Approvazione/Autorizzazione: Roberto Mainiero Roberto Mainiero Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 2.1 L ambito operativo...

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle Funzioni e direzioni Aziendali

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Area I Amministrazione

Area I Amministrazione I Amministrazione AmArea ( Bilancio Sociale 2007 2012 r Sezione 3. Risultati per Aree di attività r Area I. Amministrazione 165 Amministrazione Presentazione Poiché le attività della Fondazione sono assai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI DI CONSULENZA METODOLOGICA E ORGANIZZATIVA NELL AMBITO DEL PROGETTO Documento Versione Data di rilascio Capitolato tecnico 1.0 4 marzo 2013

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance

Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance Dalla condivisione dei dati all analisi delle performance Agenda Presentazione Alfa Group Sistemi informativi tradizionali La La soluzione innovativa Gli strumenti Le Le regole del gioco Il Il prototipo

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 Allegato 2D Modello di offerta tecnica - Lotto4 Pagina 1 di 16 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO per l affidamento del servizio di analisi e progettazione del sistema di programmazione, di bilancio e controllo dell I.N.A.F. Pagina 1 di 10 INDICE DEI CONTENUTI ARTICOLI Pag. 1 Premessa...

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015 05 PROFILO ICT (RIF. 0/05) BENI E SERVIZI (RIF. 0/05) ANALISTA MERCATO BENI MOBILI (RIF. 03/05) ANALISTA MARKETING (RIF. 04/05) DESCRIZIONE La posizione ha la responsabilità di assicurare l acquisizione

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L.

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N 6/14 Cortina d Ampezzo, 10 aprile 2014 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI POLITICHE ASSUNZIONALI E DI GESTIONE DEL PERSONALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI:

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI: REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL LAVORO, COOPERAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE 70123 BARI Zona industriale - Viale Corigliano, 1 Tel. 080/5407631 Fax 080/5407601 Email:

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli