COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA"

Transcript

1 COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero. 54 del Oggetto: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L'AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI. L'anno duemilanove il giorno sedici del mese di novembre alle ore 17:00, nella solita sala delle adunanze consiliari del Comune suddetto, si è riunito il Consiglio Comunale convocato, a norma di legge, in Prima convocazione ed in seduta Pubblica. Dei Signori Consiglieri, assegnati a questo Comune ed in carica : DOTOLI PASQUALE P DELL'OSSO GABRIELE P PICA GIUSEPPE P PAGLIARA MARCO P PETRUCCI FRANCESCO P VITARELLI ALDO P CEDOLA MICHELE P RIZZI DARIO P DE PEPPO VINCENZO P MASSARIELLO MARIO A PITOCCO ANTONIO P GENTILE RENATO P CAPOBIANCO GIACOMO P BERNARDI ANDREA P FOLLIERI MARIO ALFONSO P DE VICARIIS LUIGI P DI BATTISTA FRANCESCO P PIACQUADIO LUIGI P PITTA GIOVANNI P TUTOLO ANTONIO P MARINO ANTONIO P BORRELLI LUCA P DI SABATO GIUSEPPE G. A GRASSO GIUSEPPE P DE PASQUALE ANTONIO P SCIOSCIA PIETRO A SILVESTRE MATTEO P FORTE VINCENZO P DI IANNI RAFFAELE P RUGGIERO AURELIO P DE CESARE SERGIO PIO P ne risultano presenti n. 28 e assenti n. 3. Risultato che gli intervenuti sono in numero legale; Assume la presidenza il Dott. PICA GIUSEPPE in qualità di PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dott. Avvanzo Salvatore Nominati scrutatori i Signori: Il Presidente dichiara aperta la discussione sull argomento in oggetto regolarmente iscritto all ordine del giorno, premettendo che, sulla proposta della presente deliberazione sono stati espressi i seguenti pareri: Parere di regolarità tecnica ai sensi dell art. 49, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000:Favorevole Il Responsabile del Servizio f.to PELLEGRINO FRANCESCO Visto: si attesta la regolarità contabile ai sensi dell art.49, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000 :Favorevole Il Responsabile del Servizio Finanziario f.to Cardillo Raffaele

2 DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 2 di 13

3 IL CONSIGLIO COMUNALE Udito l intervento del Presidente della III Commissione, consigliere Cedola Michele, che ha così relazionato sul regolamento per la concessione di contributi per l affidamento definitivo di cani randagi: Il Comune di Lucera detiene al momento 469 cani, di cui 243 accolti presso una struttura rifugio ubicata in località Mazzuolo (agro di San Marco in Lamis) di proprietà dell' associazione EMP A TIA, convenzionata con il Comune per il servizio di custodia e alimentazione dei randagi e n. 226 nel canile sanitario comunale (anch'esso affidato all'empatia) ubicato presso i locali dell'ex mattatoio.quest'ultima struttura è attualmente sottoposta a sequestro cautelare amministrativo, a seguito dell'intervento dei NAS di Campobasso che hanno accertato un sovraffollamento di animali rispetto alle superfici messe a loro disposizione. A tal proposito vale sottolineare che circa 170 dei cani ospitati nella struttura sequestrata, sono il risultato degli abbandoni di cuccioli (reato impunito da parte delle forze dell'ordine) registrati si negli ultimi 56 anni; i rimanenti soggetti sono il risultato di accalappiamenti avvenuti a seguito di aggressioni (o presunte tali), cui non è seguito (per ragioni di cautela) la reimmissione degli animali sul territorio. Nel corso della gestione commissariale, si è dato inizio (pur non essendo compito del Comune) all'importante attività di censimento dei cani presenti nelle aziende agricole e residenze di campagna; l'intervento è stato condotto dai soci dell 'EMP A TIA, in collaborazione con il Comando della Polizia Municipale. Sono stati individuati e schedati circa 90 soggetti di diversa taglia e razza, per i quali si è in attesa che il servizio veterinario provveda all'applicazione del microchip direttamente in azienda. In precedenza, per iniziativa dell' ASLFG, con la collaborazione dell'empatia e l'intervento dei veterinari di Lucera, sono state effettuate un modesto numero di sterilizzazioni di cagne vaganti, intervento che non è proseguito per mancanza di risorse messe a disposizione dalla Regione Puglia. Seppur nella precarietà sopra citata, il canile comunale è stato oggetto negli ultimi anni di parziali lavori di miglioramento, attraverso la costruzione di recinti all'aperto, un ambulatorio veterinario attrezzato anche per interventi chirurgici, il rifacimento dell'impianto elettrico, di illuminazione e l'installazione di n. 3 telecamere esterne. La spesa annuale che il Comune sostiene per la custodia e l'alimentazione dei randagi è di circa euro. In detta somma sono anche comprese le spese per pulizia fogna e pozzetti, modeste manutenzioni del canile e smaltimento di carcasse. Il corrispettivo per l'associazione EMP A TIA è commisurato all'effettivo numero di cani alimentati mensilmente (euro 0,80/cane per il canile comunale ed euro 1,26/cane per quelli del rifugio dell'associazione). Alla luce dell' attuale situazione, ovvero degli orientamenti e delle proposte dibattute nella commissione, è emersa la necessità di programmare una serie di interventi che si prefiggono i seguenti obiettivi: 1. il contrasto degli abbandoni da perseguire con il completamento del censimento dei cani nelle località di campagna da parte dei soci dell'empatia, con l'intensificazione dei controlli da parte dei vigili urbani sui possessori dei cani, per accertare il rispetto dell' obbligo dell' applicazione del microchip di riconoscimento, oltre che quello della denuncia dei nuovi nati. In questa fase presso l'ufficio comunale agricoltura potrà essere istituito "l'ufficio affari animali" cui i cittadini potranno rivolgersi per informazioni, denunce delle cucciolate e per ogni altra necessità. Inoltre si ritiene necessaria una richiesta del Sindaco al Prefetto per un incontro urgente sul randagismo. Lo scopo è quello di ottenere da parte della Prefettura l'invio ai Sindaci dei comuni limitrofi di una circolare con la quale rendere obbligatorio il censimento dei cani nelle località di campagna, oltre che l'applicazione del microchip. Segue anche una richiesta alle forze dell' ordine per intensificare i controlli ed accertare e punire gli abbandoni dei cani. 2. il parziale svuotamento del canile municipale ( contenimento della spesa comunale di custodia) da realizzarsi attraverso una pianificazione e regolamentazione di incentivi alle adozioni dei cani attualmente custoditi dal Comune, a favore di cittadini in grado di assicurare idonee condizioni di ricovero agli animali da adottare, oltre che un' adeguata conoscenza del comportamento animale. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 3 di 13

4 Per il raggiungimento dello scopo, così come discusso in commissione, si è ritenuto opportuno redigere un apposito Regolamento comunale che disciplini le adozioni garantendo: una precisa ed inequivocabile selezione dei soggetti destinatari degli incentivi di adozione. il benessere animale. idonee forme di controllo per accertare il puntuale utilizzo dell'incentivo comunale stimato in euro 200 che sarà messo a disposizione dei cittadini titolari delle adozioni. La commissione ha valutato in maniera adeguata che l'amore per un animale non può nascere dietro compenso; tuttavia ci si è resi conto della situazione diffide che stiamo attraversando in questo periodo e onde alleviare la gravosità di un' adozione si è pensato ad un incentivo. La ratio di tale Regolamento è quella di contenere la spesa comunale e a tal fine saranno necessari opportuni controlli da parte dell' Amministrazione. Sentiti gli interventi dei seguenti consiglieri che ne hanno fatto richiesta: Il Consigliere Marco PAGLIARA ritiene che l adozione del regolamento è un atto opportuno, ma che lo stesso debba essere potenziato per alcuni aspetti. In primo luogo occorre potenziare la pubblicità dell intervento tramite il sito internet comunale che potrebbe accogliere le foto dei cani da offrire in dotazione, così che gli appassionati possano individuare con precisione le razze di loro interessamento e optare per scelte mirate. Relativamente al contributo annuale di euro 200,00 per ogni cane adottato, egli non lo condivide. Crede che gli appassionati non adotteranno un cane solo per l incentivo offerto. E poi, continua, perché appesantire il bilancio comunale? Il Consigliere Michele CEDOLA sottolinea che attualmente il Comune spende per ogni ricovero nel canile, 480,00 euro all anno. Tolto il contributo, si risparmieranno circa 280,00 euro all anno. Tra le altre finalità del contributo sono da annoverare anche i costi per le visite veterinarie, le vaccinazioni e l apposizione dei microchip. Il Consigliere Marco PAGLIARA teme l insorgere di fenomeni speculativi sulla gestione del canile proprio in virtù del previsto contributo. Il Consigliere Francesco DI BATTISTA riferisce che la Commissione sta valutando l opportunità di organizzare delle mostre dei cani la domenica mattina proprio nella Villa Comunale. Ribadisce che il contributo trova giustificazione nei costi di mantenimento, spese veterinarie e microchip. Il Consigliere Andrea BERNARDI sottolinea che in ogni caso il risparmio del Comune sulla gestione dei cani è notevole e, quindi, meritorio di approvazione. Il Consigliere Antonio TUTOLO è consapevole che il problema del randagismo e dell abbandono dei cani nasce proprio dallo scarso amore per gli animali. Bisogna partire dal dato di fatto esistente ( canile posto sotto sequestro, randagismo) e trovare una soluzione. Il Regolamento inoltre prevede anche altri aspetti non meno importanti: controllo sui microchip, sterilizzazione, sanzioni etc. Ritiene che l argomento debba essere approvato. Il Consigliere Marco PAGLIARA precisa che condivide le finalità del Regolamento, ad eccezione del contributo. Constatata la volontà degli intervenuti di mantenere l esistenza del contributo, propone di legare lo stesso al reddito di chi adotta il cane, che potrebbe quantificarsi fino a ,00 euro. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 4 di 13

5 Anche il Consigliere Raffaele DI IANNI ritiene che l atto debba essere approvato in virtù del notevole risparmio per l Ente. Il Consigliere Antonio PITOCCO riferisce che è già difficile adottare un cane, per cui non ritiene giusto appesantire la procedura con la presentazione delle dichiarazioni dei redditi. Il Consigliere Aurelio RUGGIERO dopo aver sottolineato la gravità del randagismo e di cani che bivaccano davanti alle scuole che a volte spaventano gli alunni, ritiene che è molto difficile adottare un randagio, per cui è molto dubbioso sulla validità del provvedimento che si intende adottare. ULTIMATI gli interventi, il Sindaco Dott. Pasquale DOTOLI ringrazia la Commissione che per la prima volta ha affrontato seriamente l argomento. Il problema del randagismo deve essere affrontato nella sua globalità ed in sinergia con la ASL, attraverso la sterilizzazione, l apposizione di microchip, controlli nelle campagne e forti tentativi di adozione. Attualmente i randagi non possono essere rimossi perché il canile è sotto sequestro per sovraffollamento. Rivolgersi alle aziende agricole per l affidamento dei cani significa non solo trovare spazi idonei, ma anche controllare se in dette aziende vi sono ulteriori cani da sterilizzare o da microchippare. Si è in attesa anche di un contributo regionale di circa ,00 euro per realizzare gli interventi. Riferisce che l associazione EMPATIA, che gestisce il canile, sta organizzando esposizioni dei cani nella villa comunale. Solo un intervento ad ampio raggio può portare alla risoluzione del problema. Indi il Presidente del Consiglio Dott. Giuseppe PICA invita i consiglieri a votare la proposta del Consigliere Marco PAGLIARA di collegare l erogazione del contributo di euro 200,00 a limiti di reddito. IL CONSIGLIO COMUNALE con voti contrari 25 e favorevoli 3 (Pagliara, Dell Osso, Vitarelli) dei consiglieri presenti e votanti, NON APPROVA; Successivamente, su invito del Presidente del Consiglio, IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il parere della competente Commissione Consiliare; ACQUISITI i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile; con voti favorevoli 25 e astenuti 3 ( Pagliara, Dell Osso, Vitarelli) dei consiglieri presenti e votanti, DELIBERA Di approvare, come approva, l allegato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI. Di demandare ai servizi e uffici comunali competenti i successivi adempimenti per quanto attiene all attuazione del regolamento approvato. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 5 di 13

6 C O M U N E D I L U C E R A (PROVINCIA DI FOGGIA) III^ COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE ATTIVITA PRODUTTIVE - COMMERCIO - POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 6 di 13

7 INDICE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI Art.1: FINALITA Art.2: REQUISITI PER L AFFIDAMENTO DEGLI ANIMALI Art.3: PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI ANIMALI Art.4: CONTRIBUTO ECONOMICO Art.5: ACCERTAMENTI E SANZIONI Art.6: SMARRIMENTO E/O CESSIONE O DECESSO DELL ANIMALE Art.7: ADOZIONI A DISTANZA Art.8: VISITE GUIDATE Art. 9: Art. 10: Art. 11: Allegati: schema di domanda DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 7 di 13

8 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI Il Comune di Lucera, intende contrastare in maniera incisiva il fenomeno del randagismo, a tal fine ha predisposto il seguente piano di intervento comunale: 1) contrasto degli abbandoni, mediante controlli e sanzionando, a norma delle leggi vigenti, i cittadini trasgressori; 2) intensificazione dei controlli da parte dai Vigili Urbani sui possessori di cani, per accertare il rispetto dell obbligo dell applicazione del microchip di riconoscimento e l iscrizione all anagrafe canina; 3) controllo sulle nascite: ogni 6 mesi saranno chiamati 30 proprietari di cagne per verificare, con l ausilio di veterinari, eventuali gravidanze e l iscrizione dei cuccioli all anagrafe canina, in caso contrario saranno applicate sanzioni come previsto dalla legge. 4) Incremento delle sterilizzazioni, grazie ai fondi regionali o statali. Art.1: FINALITA La finalità del presente Regolamento è l incentivazione dell affidamento dei cani randagi catturati sul territorio comunale, al fine di garantire il loro benessere, di economizzare le spese derivanti dal mantenimento dei cani medesimi, nonché di prevenire il sovraffollamento della struttura comunale deputata al ricovero di tali animali. Art.2: REQUISITI PER L AFFIDAMENTO DEGLI ANIMALI I cani ricoverati presso il canile Comunale e/o convenzionato potranno essere affidati definitivamente qualora ricorrano le seguenti condizioni in capo al soggetto aspirante affidatario: 1) compimento diciottesimo anno di età ai fini della capacità di intendere e volere; 2) garanzia di adeguato trattamento, con impegno al mantenimento dell animale in buone condizioni presso la propria abitazione o in ambiente idoneo ad ospitarlo, in relazione alla taglia, alle esigenze proprie della razza, assicurando le previste vaccinazioni e cure veterinarie; 3) assenza di condanne penali per maltrattamento di animali; 4) consenso a far visionare il cane, anche senza preavviso, agli uffici comunali preposti, allo scopo di accertare la corretta tenuta dell animale. Non potranno essere affidati definitivamente cani di età inferiore ai giorni 60 (sessanta). La cessione in adozione dei cani ricoverati potrà avvenire soltanto trascorsi 60 giorni dal ricovero in struttura. L affidamento temporaneo degli animali, ossia prima che siano trascorsi 60 giorni dal ricovero, sarà tuttavia possibile qualora gli stessi abbiano concluso il periodo di osservazione ai fini del controllo sanitario. In ogni caso dal momento dell affido, sono trasferiti all affidatario tutti gli obblighi e le responsabilità del proprietario di animali ai sensi delle leggi vigenti. Art.3: PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI ANIMALI Il soggetto convenzionato con il comune di Lucera per la custodia e l alimentazione dei cani randagi dovrà comunicare all ufficio comunale competente, individuato nell ufficio agricoltura, il nominativo del cittadino a cui è stato consegnato il cane affidato, che dovrà essere necessariamente un cane a carico del Comune di Lucera. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 8 di 13

9 Art.4: CONTRIBUTO ECONOMICO Ai soggetti cui sarà affidato in via definitiva un cane sarà erogato, a seguito di formale istanza, un contributo economico annuale pari a complessivi 200,00 euro. Nel caso in cui il soggetto affidatario sarà un istituto scolastico, sarà erogato un contributo pari a 300,00 euro. Il contributo annuale sarà erogato in un unica rata annuale posticipata. Art.5: ACCERTAMENTI E SANZIONI In caso di maltrattamento o abbandono, l ufficio di Polizia Municipale applicherà le sanzioni previste dalla legge, nonché provvederà a revocare tempestivamente l affido disponendo il ricovero dell animale presso la struttura convenzionata, con obbligo di rimborso del contributo erogato. Art.6: SMARRIMENTO E/O CESSIONE O DECESSO DELL ANIMALE Nel caso l animale dovesse morire, oppure fosse smarrito, l assegnatario è tenuto a comunicarlo all ufficio di Polizia Municipale entro 48 ore. Nel caso l assegnatario volesse cederlo ad altri, è tenuto a proporre specifica richiesta preventivamente all ufficio agricoltura, indicando altresì la persona cui verrà ceduto. La cessione dell animale a terze persone è subordinata al Nulla-Osta rilasciato dall Ufficio Agricoltura circa il possesso dei requisiti di cui all art. 2 (del presente regolamento) da parte del terzo beneficiario. Art.7: ADOZIONI A DISTANZA E prevista la possibilità di adottare a distanza un cane ricoverato presso il canile comunale. L adozione a distanza è consentita a singole persone o a gruppi di persone (es. scuole, associazioni, etc). All adottante verrà rilasciato un attestato di adozione in cui vengono indicati il nome e la foto del cane. Chi adotta un cane a distanza può, a proprio piacimento, e previo accordo con i responsabili del canile, prelevarlo e tenerlo con se per un giorno a settimana, prelevandolo la mattina e riconsegnandolo la sera in orari da concordare con i responsabili della struttura. L adozione prevede la necessità di un versamento annuo pari a. 50,00 da effettuarsi su indicazione dell Ufficio Agricoltura. Art.8: VISITE GUIDATE Al fine di incentivare le adozioni, il canile comunale sarà aperto ai visitatori tre giorni a settimana, così come previsto dall ordinanza del n.163 del ministero della salute. Art. 9 : Il cittadino interessato alle adozioni disciplinati dal presente regolamento dovrà produrre istanza in carta semplice secondo lo schema di domanda allegato al presente regolamento. Art. 10: Nel caso il cane affidato sia femmina non ancora sterilizzata, l affidatario si impegna a far eseguire la sterilizzazione chirurgica nei modi e nei tempi indicati dall autorità preposta. La sterilizzazione sarà eseguita a spese del Comune. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 9 di 13

10 Art. 11: E fatto obbligo agli esercenti la vendita di animali, di comunicare l avvenuta compravendita all anagrafe canina della a. s. l. e al Comune di Lucera. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 10 di 13

11 C O M U N E D I L U C E R A SERVIZIO AGRICOLTURA MODULO PER RICHIESTA AFFIDAMENTO CANI RANDAGI DI CUI AL REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 54\2009 DEL CONSIGLIO COMUNALE. AL SIG. SINDACO del Comune di Lucera All Ufficio Agricoltura del Comune di Lucera Il\la sottoscritto\a residente in Lucera Via\Piazza\Contrada telefono (indicare sia il numero di rete fissa che di un cellulare ai sensi del Regolamento in oggetto : C H I E D E L affidamento, con erogazione di contribuzione economica da parte del Comune di Lucera, dei seguenti cani custoditi nel canile comunale sito in viale Ovidio in Lucera (segnare una e\o entrambe le voci che interessano, indicando il numero di esemplari) : Cucciolo n.ro Cane adulto n.ro A tal fine dichiara : (il punto 1 non deve essere compilato nel caso non si possedesse alcun cane) 1. di possedere i seguenti cani : (indicare il numero, il sesso, il luogo della custodia, il numero di microchip di riconoscimento) 1. che il cane\i richiesti saranno mantenuti presso (indicare l indirizzo esatto, oppure i dati catastali e la località nel caso i cani debbano essere tenuti presso azienda agricola o casa di campagna) 2. di essere a conoscenza e di osservare tutti gli obblighi e divieti previsti dal regolamento comunale, garantendo in particolare agli animali in adozione quanto previsto dal comma 2, art. 2 del regolamento; 3. di consentire che siano effettuati, anche senza preavviso i controlli che l Amministrazione disporrà attraverso gli uffici competenti per accertare la corretta tenuta dell animale. 4. di accettare tutte le altre condizioni poste dal regolamento comunale. DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 11 di 13

12 LUCERA DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 12 di 13

13 Approvato e sottoscritto : Il Segretario Generale f.to Avvanzo Salvatore Il Presidente f.to PICA GIUSEPPE Si attesta che copia della presente è in corso di pubblicazione all'albo pretorio per giorni quindici dal al Prot. n lì Il Segretario Generale f.to Dott. Avvanzo Salvatore CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Su conforme relazione del Messo comunale, il sottoscritto Segretario certifica che copia della presente deliberazione è stata pubblicata mediante affissione all'albo pretorio di questo Comune per quindici giorni dal al senza reclami e opposizioni. Lucera, li Il Segretario Generale f.to Dott. Avvanzo Salvatore Il sottoscritto Segretario comunale, visti gli atti d ufficio, A T T E S T A - che la presente deliberazione è stata comunicata al Prefetto in data prot. n. ; - è divenuta esecutiva il giorno perché dichiarata immediatamente eseguibile (Art.134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000); decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (Art.134, comma 3, D.Lgs. n. 267/2000); lì... Il Segretario Generale f.to Dott. Avvanzo Salvatore E copia conforme all originale da servire per uso amministrativo. Il Segretario Generale Dott. Avvanzo Salvatore DELIBERA DI CONSIGLIO N. 54 del COMUNE DI LUCERA Pagina 13 di 13

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 1. 1 DEL. N.72 - G DEL 11.12. 2014 Comune di Eboli VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 72 /G del 11/12/2014 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: Approvazione regolamento comunale

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni Regolamento Comunale per l adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Piaggine Adottato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI ART. 1 Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 OGGETTO: LINEE GUIDA PER INCENTIVARE L ADOZIONE DI CANI RANDAGI. L anno duemilaquattordici, il giorno

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO

COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO COMUNE DI CASTIGLIONE COSENTINO Prov. di Cosenza Codice fiscale 00391420783 telef. 0984-442007 fax 0984-442185 ORIGINALE Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 40 del 11/03/2014 COPIA OGGETTO: Atto di

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 23.06.2015. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec. Web: www.comune.contrada.av.it PEC: protocollo.contrada@asmepec.it Via Luigi Bruno n.79-83020 0825.674081 0825/660977 Regolamento per l'adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO DI CANI RICOVERATI PRESSO STRUTTURE CONVENZIONATE E PER LA COPERTURA DELLE SPESE INCENTIVANTI L AFFIDO ALLEGATO PARTE INTEGRANTE

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani

COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA. Regolamento struttura comunale di ricovero per cani COMUNE DI COGOLETO PROVINCIA DI GENOVA Regolamento struttura comunale di ricovero per cani Approvato con Deliberazione Consiliare n. 46 del 29.11.2011 1 SOMMARIO ART.1 FINALITA DEL REGOLAMENTO ART.2 ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA ( PROVINCIA DI CATANIA )

COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA ( PROVINCIA DI CATANIA ) ALLEGATO ALLA DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL 3 SERVIZIO N. 168 DEL 02/07/2013 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DEFINITIVO DI CANI RANDAGI DI PROPRIETA DEL COMUNE. Art. 1 FINALITA

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 43 del 10/09/2013

COMUNE DI USSANA. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 43 del 10/09/2013 COMUNE DI USSANA rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 43 del 10/09/2013 COIA Oggetto: rogetto sperimentale di sensibilizzazione all'adozione dei cani ospitati presso il canile

Dettagli

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.

COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio. COMUNE DI VILLAROSA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Tel. e Fax 0935567002 e-mail poliziamunicipalevillarosa@virgilio.it REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. DEL INDICE Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Modalità di adozione...3 Art. 3 Incentivi

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Domenica Areddu Allegato alla delibera di Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 173 Seduta del 19.04.2016. OGGETTO: AGEVOLAZIONI A FAVORE DEI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria )

COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) COMUNE DI GIOIOSA IONICA 89042 (Provincia di Reggio Calabria ) Partita IVA 00288960800 - (0964) 51536 - Fax (0964) 410520 DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALL ADOZIONE DEI CANI CUSTODITI PRESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Adottato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 07.03.2014 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI

Dettagli

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!.

LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Allegato A alla delibera di Giunta n. 179_ del_26/09/2011 LINEE GUIDA FINALIZZATE ALL ADOZIONE DI CANI RANDAGI NEL COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (SR) PROGETTO ADOTTA UN CITTADINO A 4 ZAMPE!. Art. 1 FINALITÀ

Dettagli

C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N.

C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N. C O M U N E D I S A N T A N G E L O R O M A N O Provincia di Roma DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto N.15 del 2/3/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI OSPITI DI

Dettagli

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIANA DI MONTE VERNA PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n. 32 del 27/11/2009 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE

N. 100. COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI VAGANTI RECUPERATI SUL TERRITORIO COMUNALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N. 75 DEL 15/11/2012 N. 100 ARTICOLO

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI CASTELL ARQUATO DENOMINATO RIFUGIO

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E

APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E CITTÀ DI COSENZA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. DEL. I N D I C E ~ 2 ~ ARTICOLO 1... 3 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2... 3 ADOZIONI... 3 ARTICOLO 3... 3 AGEVOLAZIONI... 3 ARTICOLO 4...

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA.

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. ART. 1 - Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani ttttt UN FIDO AIUTO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI CANI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 10 del 27 febbraio 2013 INDICE ART. 1 OGGETTO ART.

Dettagli

COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia) COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia) CODICE ENTE: 11285 n.reg.delib. 16 n.reg.pubbl. 34 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaquattordici addì 03 del mese di aprile alle ore 20.45 convocata

Dettagli

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI

COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI COMUNE DI CAMPODIPIETRA PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 45 del 29.09.2009 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 MODALITA DI ADESIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE: AFFIDAMENTO DIRETTO, MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani

Comune di Villasor Provincia di Cagliari REGOLAMENTO per l adozione dei cani Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 31 marzo 2015 REGOLAMENTO per l adozione dei cani IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE ORIGINALE numero 138 del 01-08-2012 OGGETTO: PROGETTO "ADOTTA UN CANE" - PROVVEDIMENTI. L'anno duemiladodici addì uno del mese

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero. 16 del 03-03-2011 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

Dettagli

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R.

BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. BANDO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BONNANARO CONCESSIONE CONTRIBUTI AI SENSI DELLA L.R. 21/94 E DELLA D.G.R. 17/39 DEL 27/04/2010. Art. 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe canina informatizzata (iscrizione, cancellazione, trasferimenti di residenza, trasferimenti

Dettagli

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani

Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani 1 Regolamento del servizio canile sanitario e del rifugio per cani Indice Art. 1 - Compiti del Canile Sanitario e del Rifugio per cani Città di Molfetta Art. 2- Servizio cattura cani randagi Art. 3 Gestione

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. territo rio di Gricignano di Aversa.

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. territo rio di Gricignano di Aversa. wh :u rv. y%k, ;: : 2%,. +? $q% PROVINCIA DI CASERTA 9 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 6 del Regisuo data 06.12.2012 h Oggettc.ovazio ne linee guida per incentivare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 152 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE: AFFIDAMENTO DIRETTO, MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COMUNEDICACCAMO ProvinciaRegionalediPalermo VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COPIA N.95 del 25-09-2013 OGGETTO: Regolamento"Afidocanirandagi".RINVIO. L'anno duemilatredici,ilgiorno venticinquedelmesedisetembrealeore20:30eseguenti,incaccamo

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Tel. 0873.913121-913106 Fax 0873.913175 P.I. 00243570694 Piazza Donato Iezzi, 15 66020 Torino di Sangro PEC protocollo@comunetorinodisangro.legalmail.it www.comune.torinodisangro.ch.it

Dettagli

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA

UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE L.34/97 ANAGRAFE CANINA Le funzioni di questo servizio sono le seguenti: Anagrafe per animali d affezione della Regione Lazio informatizzata (iscrizione, cancellazione,

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015 COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 6 DEL 12/03/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL CANILE COMUNALE CAPO I TITOLARITA E FORME DI GESTIONE Articolo 1 - Titolarità 1. Il Comune di Luino è proprietario del Canile sito in Via Don Folli,

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO '. ' CITTÀ DI CASTELVETRANO ProVincia di Trapani DELlBERAZlONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE D. h61 del ------i 1~...,aN '... O~ V, """'" 2~ Ol~_ 4 OGGETTO;~'UnFidor Aiuto'~r;Concessione contributi a favore

Dettagli

N. 50. REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

N. 50. REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N. 50. REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE... OGGETTO: CONVENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI MERCENASCO Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 Del 06/12/2012 Oggetto: Approvazione convenzione per il servizio di ritiro cani

Dettagli

Comune di Gissi Provincia di Chieti

Comune di Gissi Provincia di Chieti Comune di Gissi Provincia di Chieti AVVISO PUBBLICO CAMPAGNA PER L ADOZIONE DEI CANI ABBANDONATI ANNO 2014 ADOTTA UN AMICO A QUATTRO ZAMPE! Premesso: che presso il canile Abruzzo Servizi S.r.l. servizio

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 7 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Approvazione della convenzione per il servizio di custodia e mantenimento dei cani

Dettagli

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa

Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Comune di Vicopisano Provincia di Pisa BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI FINALIZZATI ALL AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI CONVENZIONATI CON IL COMUNE Approvato con deliberazione G.C.

Dettagli

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: COMUNE DI BITRITTO (Provincia di Bari) Assessorato alla Polizia Municipale e alle Politiche per l Ambiente Servizio Polizia Municipale - Settore Randagismo AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO ORIGINALE VERBALE N. 54 DEL 16.03.2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI TERNO D'ISOLA E L'ASSOCIAZIONE

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. 19 OGGETTO: SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA A.S. 2014-2015 FOGLIO PATTI E CONDIZIONI.

Dettagli

Il Sindaco, GIANNATEMPO dr. Antonio, d intesa con l Assessore alla Sanità, ROMANO dott. Michele, propone l'adozione del presente provvedimento.

Il Sindaco, GIANNATEMPO dr. Antonio, d intesa con l Assessore alla Sanità, ROMANO dott. Michele, propone l'adozione del presente provvedimento. CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.129 In data 18-04-2014 OGGETTO: Prima attuazione della D.G.C. n. 68/2014 per il servizio di recupero e rieducazione cani randagi.

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 103 Del 06-11-2013 Oggetto: Iscrizione all'anagrafe canina - Provvedimenti L'anno duemilatredici il giorno sei

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SAN VITO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO OGLIASTRA SOCCORSO AMICI DEGLI ANIMALI.

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SAN VITO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO OGLIASTRA SOCCORSO AMICI DEGLI ANIMALI. Allegato A) alla determinazione del Servizio AA.GG. n. 103 del 24/04/2013 Il Responsabile del Servizio F.to Dott.ssa Veronica Anedda COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL

Dettagli

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA N 72 del Registro CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Canile sanitario.- Progetto esecutivo di adeguamento funzionale

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE Numero 87 del 05-05-2009 Oggetto: ELEZIONE MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO ED AMMINISTRATIVE COMUNALI DEL 6 E 7 GIUGNO 2009: INDIVIDUAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI OLLOLAI PROVINCIA DI NUORO

COMUNE DI OLLOLAI PROVINCIA DI NUORO Il presente viene letto, approvato e sottoscritto. IL SEGRETARIO F.to DOTT. STEFANO SCHIRMENTI IL SINDACO F.to MARCO WALTER COLUMBU COMUNE DI OLLOLAI PROVINCIA DI NUORO Copia Conforme DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ARCONATE COMUNE D EUROPA Provincia di Milano numero delib. data G.C. 30 30/04/2012 ORIGINALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ARCONATE E L ASSOCIAZIONE PROTEZIONE ANIMALI DI LEGNANO ONLUS

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 DEL 27/03/2014.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 60 DEL 27/03/2014. C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 60 DEL 27/03/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE AI SENSI DELLA LR N 27/2000 FRA IL COMUNE DI NOCETO E L'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO RESCUE DOG

Dettagli

Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Maratea REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 68 del 23.10.2015 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili

Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili Regolamento per l'adozione a privato cittadino di cani randagi ricoverati nei canili PROGETTO "ADOTTA un AMICO di cui mi FIDO" Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Modalità di adozione progetto "ADOTTA

Dettagli

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO-ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE CON IL COMUNE DI GALATONE Articolo 1 Finalità e

Dettagli

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1 CITTÀ DI SANT ELPIDIO A MARE PROVINCIA DI FERMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO- ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 09 del 20/09/2011 OGGETTO: Approvazione dello schema di convenzione regolante i rapporti tra il Comune di Cremona e il Comune di Cappella Cantone che intende avvalersi per i prossimi 10 anni, a

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI

COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI COMUNE DI ALBENGA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEL CANILE GATTILE COMUNALE DI REGIONE ENESI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 77 DEL 25.11.2009 Art. 1 Strutture e finalità

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 37 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI EUPILIO E L'ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO "GLI AMICI DEL RANDAGIO ONLUS"

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Il Dirigente sottoscritto, in qualità di Dirigente del 4 Settore Polizia Locale

Dettagli

COMUNE DI TORRAZZA COSTE PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TORRAZZA COSTE PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRAZZA COSTE PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 77 Reg. Delib. N.Reg. Pubblic. OGGETTO:Approvazione schema di convenzione per servizio di custodia e cura cani randagi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE. Art. 1 - Orario di apertura del canile. Art. 2 - Ingresso dei cani al canile REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Orario di apertura del canile Art. 2 - Ingresso dei cani al canile Art. 3 - Abbinamento e inserimento nuovi cani nei box Art. 4 - Rieducazione

Dettagli

ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE

ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO ALLA SOCIETA' ASSO S.R.L. DEL SERVIZIO DI CUSTODIA, MANTENIMENTO E CURA DEI CANI RANDAGI. L'Anno Duemilanove il giorno Quattordici del mese di Ottobre alle

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CANI OSPITI DI CANILI 2 CONVENZIONATI CON IL COMUNE 2 ART. 1 - FINALITÀ 2 ART. 2 - DOMANDA DI AFFIDAMENTO 2 ART. 3 - AFFIDAMENTO 2 ART. 4 - CONSEGNA DEL MATERIALE A CORREDO

Dettagli

Comune di Cutrofiano

Comune di Cutrofiano Allegato 1 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CANILE SANITARIO E DEL CANILE RIFUGIO COMUNALE SITO IN VIA DEL CIMITERO - IMPORTO A BASE D ASTA EURO 1,46 GIORNALIERI PER UNITA, OLTRE I.V.A..

Dettagli

ORIGINALE ATTO N. 7 DEL 02.02.2009 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ORIGINALE ATTO N. 7 DEL 02.02.2009 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CHIANNI PROVINCIA DI PISA ORIGINALE ORIGINALE ATTO N. 7 DEL 02.02.2009 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE CON L'ASSOCIAZIONE AMICI DEL CANE PER L'AFFIDAMENTO IN CUSTODIA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C.

COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C. COMUNE DI CAPOTERRA (Prov. CA) Regolamento per l incentivazione all affido di cani randagi ( Approvato con deliberazione C.C. n 3 del 22/02/11) Art.1) Finalità e scopo. La finalità del presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA JONICA

COMUNE DI GIOIOSA JONICA COMUNE DI GIOIOSA JONICA Via Garibaldi n. 16/18-89042 Provincia di Reggio Calabria Comando Polizia Municipale (Partita IVA 00288960800 - Tel. e Fax 0964/51537 e-mail: pmgioiosaionica1957@tiscali.it ) CAPITOLATO

Dettagli