A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O -"

Transcript

1 Ministero dello sviluppo economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Regione Basilicata I N T E S A I S T I T U Z I O N A L E D I P R O G R A M M A T R A I L G O V E R N O D E L L A R E P U B B L I C A I T A L I A N A E L A R E G I O N E B A S I L I C A T A A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O - Roma, 28 novembre 2007

2 Premesso 1. che il Decreto legislativo 7 marzo 2005 n.82 concerne il Codice dell Amministrazione Digitale ; 2. che il Decreto legge 18 maggio 2006 n. 181 convertito, con modifiche, in Legge 17 luglio 2006 n. 233, reca disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri; 3. che il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 giugno 2007 ha trasferito le funzioni con le relative risorse finanziarie, strumentali e di personale dal Ministero dell economia e delle finanze al Ministero dello sviluppo economico (MISE), ad eccezione della Segreteria del CIPE; 4. che la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) 22 marzo 2006 n. 3 Ripartizione delle risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate rifinanziamento della Legge 208/1998 per il periodo (Legge finanziaria 2006) (CIPE n. 3/06) ha assegnato alla Regione Basilicata una quota pari a ,00 quale riparto regionale per interventi da ricomprendere nelle Intese istituzionali di programma; 5. che la delibera CIPE 22 marzo 2006 n. 14 concerne la: Programmazione delle risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate mediante le Intese istituzionali di programma e gli Accordi di programma quadro ; 6. che il CIPE nella seduta del 22 dicembre 2006 ha modificato il calendario delle diverse fasi procedurali previste per la stipula degli APQ in fase di prima applicazione della delibera CIPE n. 14/2006; 7. che il Ministro dell economia e delle finanze ha approvato, con proprio D.M. 19 gennaio 2006, modifiche all organizzazione del Dipartimento per le politiche di sviluppo e di coesione; 8. che il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, con nota protocollo n. DIT del 15 gennaio 2007 del Capo Dipartimento, ai sensi del punto 2.2 della delibera CIPE n.14/2006, ha trasmesso una relazione informativa relativa alla programmazione di medio periodo - risorse ordinarie e risorse aggiuntive sul territorio; 9. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Linee programmatiche di indirizzo del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, pubblicato il 4 luglio 2006; 10. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Verso il sistema nazionale di e-government - Linee strategiche del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, pubblicato nel mese di marzo 2007; 11. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Progetto PAESE Patto per l Attuazione del Sistema Nazionale di e-government nelle Regioni e negli Enti Locali, approvato dalla Conferenza Unificata il 20 settembre 2007; 12. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento denominato PICO Piano per l innovazione, la crescita e l occupazione - Piano italiano ; 13. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con Il piano d azione egovernment per l iniziativa i2010: accelerare l egovernment in Europa a vantaggio di tutti, presentato dalla Commissione Europea nel mese di aprile 2006; 14. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il Documento Strategico Regionale relativo al periodo di programmazione ; 15. che la Regione Basilicata, con nota protocollo n /71AP del 31 maggio 2007, ha inviato alle Amministrazioni centrali interessate una proposta di Quadro strategico del IV Atto integrativo all Accordo di programma quadro Società dell informazione, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 16. che il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) ha condiviso, con nota protocollo n del 31 maggio 2007, il suddetto Quadro strategico, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 17. che il MISE, con nota protocollo n del 31 maggio 2007, ha condiviso il suddetto Quadro strategico, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 2

3 18. che il Nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della Regione Basilicata ha inviato, con nota protocollo /71AP del 12 ottobre 2007, la Relazione tecnica di cui al punto della delibera CIPE n.14/06; 19. che, con delibera di Giunta regionale del 25 settembre 2006 n. 1376, la Regione Basilicata ha destinato l importo di 3 M della propria quota regionale al finanziamento del IV Atto integrativo all Accordo di programma quadro in materia di Società dell informazione; 20. che è stato stipulato in data 25 marzo 2004 l Accordo di programma quadro (APQ) in materia di Società dell informazione fra il Ministero dell'economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e la Regione Basilicata; 21. che in data 31 marzo 2005 è stato stipulato il I Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 22. che in data 30 giugno 2005 è stato stipulato il II Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 23. che in data 31 maggio 2006 è stato stipulato il III Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 24. che tale Accordo di programma è finalizzato a introdurre importanti innovazioni nel processo amministrativo, con l obiettivo principale di agevolare l approccio di cittadini e imprese ai servizi erogati dalla Regione e di migliorare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa; 25. che in data 15 dicembre 2005 la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome ha approvato il documento concernente il rafforzamento e la semplificazione delle Intese istituzionali di programma e degli Accordi di programma quadro; 26. che è stata conclusa la procedura di validazione dati inseriti nella banca dati dell Applicativo intese ai sensi della Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Amministrazioni regionali in data 9 ottobre 2003 con nota protocollo n dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese del III Dipartimento dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico; fra il Ministero dello sviluppo economico la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione - Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie e la Regione Basilicata si conviene e si stipula il seguente IV ATTO INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI SOCIETA DELL INFORMAZIONE Articolo 1 Recepimento delle premesse e degli allegati Le premesse, le allegate tabelle A elenco degli interventi, B quadro finanziario, C profili di spesa, D quadro programmatico, l Allegato 1, Relazione tecnica, e l Allegato 2, Schede intervento costituiscono parte integrante del presente Atto integrativo, di seguito Accordo. Articolo 2 Oggetto e finalità Il presente Accordo, nel riaffermare la piena validità di quanto stabilito nell Accordo di programma quadro sottoscritto in data 25 marzo 2004 e nei successivi Atti integrativi stipulati, persegue 3

4 obiettivi analoghi e complementari sviluppandosi in coerenza con: a) i piani e programmi nazionali per l e-government e la società dell informazione; b) il quadro di riferimento tecnico e organizzativo formulato nel documento L e-government per un federalismo efficiente: una visione condivisa, una realizzazione cooperativa ; c) gli obiettivi, le azioni e le modalità di attuazione indicati nel documento L e-government nelle regioni e negli enti locali: II fase di attuazione.il presente Accordo è finalizzato, da un lato, ad ottimizzare il processo di pubblicazione dei bandi e degli avvisi attraverso la realizzazione di un unica centrale in grado di mettere al servizio di tutte le strutture regionali l organizzazione e gli strumenti tecnologici necessari e, dall altro, favorire l evoluzione dei servizi e delle tecnologie della rete telematica RUPAR verso il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) inquadrandosi nell ambito del programma per lo sviluppo della larga banda nella Regione Basilicata. Articolo 3 Quadro attuativo ed elenco interventi L attuazione del presente Atto è prevista attraverso l esecuzione degli interventi inseriti nella sezione attuativa, di cui all allegata tabella A, e nella sezione programmatica, di cui all allegata tabella D. I singoli interventi sono illustrati in dettaglio nella Relazione tecnica (Allegato 1) e nelle Schede intervento (Allegato 2), inserite nell Applicativo intese del Ministero dello sviluppo economico, redatte, ai sensi della delibera CIPE 2 agosto 2002, n. 76 e s.m.i., con le modalità previste dalla Circolare sulle procedure di monitoraggio del Servizio politiche di sviluppo territoriale e le intese dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, citata nelle premesse. In ogni singola scheda intervento è riportata: l'indicazione relativa ai soggetti sottoscrittori, ai soggetti attuatori, al soggetto responsabile dell'intervento, ai contenuti progettuali, al costo complessivo, al fabbisogno finanziario e alla sua articolazione nel tempo, con individuazione delle relative fonti di copertura, all'impegno finanziario di ciascun soggetto, ai tempi di attuazione, ed alle procedure tecnico/amministrative necessarie per l'attuazione degli interventi, con l'eventuale individuazione di termini ridotti. Le parti danno atto che gli interventi individuati nel presente Accordo sono coerenti con gli atti di pianificazione e programmazione generale e settoriale di rispettiva competenza. Articolo 4 Copertura finanziaria e costo degli interventi Il valore complessivo del presente Atto, costituito dal valore complessivo degli interventi inseriti nella sezione attuativa, ammonta a ,00 la cui copertura finanziaria è assicurata dalle seguenti: FONTI FINANZIARIE Importi in Euro Risorse statali a carico del FAS delibera CIPE n.3/ quota C.3 Risorse Mezzogiorno ,00 TOTALE GENE RALE ,00 La disponibilità delle risorse assegnate dalla delibera CIPE n.3/2006 è vincolata al rispetto dei criteri delineati al punto 6.5 della medesima delibera. Eventuali riprogrammazioni finalizzate al rispetto di tale adempimento saranno effettuate con le procedure e secondo le modalità di cui al punto 5 della delibera CIPE n.14/2006. Le economie riprogrammabili, ai sensi della vigente normativa, derivanti dalla attuazione degli interventi individuati nel presente Accordo e opportunamente accertate dal Soggetto responsabile dell Accordo in sede di monitoraggio semestrale, sono riprogrammate, su proposta del Soggetto responsabile medesimo, secondo le modalità previste dalla delibera CIPE 22 marzo 2006, n. 14 punto

5 Nella Tabella B è riportato il quadro finanziario dei singoli interventi distinto per anno di competenza delle fonti di copertura. Nella Tabella C è riportato il profilo di spesa dei costi dei singoli interventi distinto per anno di realizzazione. Articolo 5 Sezione programmatica Nella allegata Tabella D sono riportati gli interventi, e relativi costi, coerenti con il presente Accordo, necessari al raggiungimento degli obiettivi prefissati ma che allo stato attuale non dispongono delle condizioni tecnico-finanziarie per essere immediatamente attivati. Tali interventi programmatici sono: 1. Potenziamento ed Adeguamento della rete RUPAR - II lotto importo del progetto pari a ,00; 2. Progetto ALI-CST Inclusione dei piccoli comuni nell attuazione dell e-government importo del progetto pari a 800,000; 3. Progetto Riuso. Diffusione territoriale dei servizi per cittadini ed imprese importo del progetto pari a 800,000. Gli interventi programmatici potranno passare alla sezione attuativa a seguito di adeguata progettazione e solo dopo il reperimento delle risorse necessarie per la loro realizzazione. Le parti convengono che il passaggio tra le due sezioni avverrà mediante proposta del Responsabile dell Accordo al Tavolo dei sottoscrittori al quale dovrà presentare, inoltre, un integrazione di Relazione tecnica, quale supplemento istruttorio propedeutico all attivazione degli interventi di cui al presente articolo, da cui si evinca il dettaglio tecnico-progettuale relativo agli interventi interessati da tale passaggio. Il Ministero dello sviluppo economico provvederà ad acquisire nei successivi 15 giorni il formale assenso da parte dei sottoscrittori. Successivamente, acquisito l assenso, il Responsabile dell Accordo curerà l inserimento dei dati nell Applicativo intese, ai sensi delle delibera CIPE n.44/00 e n.76/02, ed a seguito della validazione dati da parte del Ministero dello sviluppo economico gli interventi saranno attivi. Articolo 6 Impegni dei soggetti sottoscrittori e governance dell Accordo Le parti convengono la costituzione del Tavolo dei soggetti sottoscrittori ai sensi e con le procedure previste dal punto della delibera CIPE n.14/2006 composto dai firmatari, o da loro delegati, con il compito di esaminare le proposte, provenienti dal Responsabile dell APQ e dai sottoscrittori, utili al procedere degli interventi programmati e quindi decidere in materia di: - riattivazione o annullamento degli interventi; - riprogrammazione di risorse ed economie; - modifica delle coperture finanziarie degli interventi; - promozione di atti integrativi o passaggio di interventi dalla sezione programmatica a quella attuativa ; - attivazione di eventuali procedure di accelerazione delle fasi attuative da parte delle stazioni appaltanti, anche attraverso la facoltà di modificare, mediante le risorse premiali, la quota di cofinanziamento a carico dei soggetti attuatori degli interventi. Ciascun soggetto sottoscrittore del presente Accordo, ad integrazione e specificazione degli impegni assunti in base all Accordo di programma quadro stipulato in data 25 marzo 2004 e successivi Atti integrativi, si impegna, nello svolgimento dell attività di propria competenza ed in particolare: a) a rispettare i termini concordati ed indicati nelle schede intervento allegate al presente Accordo; b) ad utilizzare forme di immediata collaborazione e di stretto coordinamento, ed in particolare, con il ricorso, laddove sia possibile, agli strumenti di semplificazione dell attività amministrativa e di snellimento dei procedimenti di decisione e di controllo previsti dalla vigente normativa, eventualmente facendo ricorso agli accordi previsti dall articolo 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241; 5

6 c) a procedere semestralmente al monitoraggio ed alla verifica dell Accordo, e, se necessario, a proporre, per il tramite del soggetto responsabile dell attuazione di cui al successivo art.7, gli eventuali aggiornamenti da sottoporre al Tavolo dei sottoscrittori e, in caso di problematiche ivi non risolte, al Comitato intesa paritetico così come previsto al punto della delibera CIPE n.14/06; d) ad attivare ed utilizzare a pieno ed in tempi rapidi tutte le risorse finanziarie individuate nel presente Accordo, per la realizzazione delle diverse attività e tipologie di intervento; e) a porre in essere ogni misura necessaria per le programmazione, la progettazione e l attuazione delle azioni concordate, secondo le modalità previste nell Accordo; f) a rimuovere, in ognuna delle fasi del procedimento di realizzazione degli interventi, ogni eventuale elemento ostativo alla realizzazione degli interventi; g) a condividere il monitoraggio, ognuno per le proprie competenze, in base alle indicazioni fornite dal CIPE ed in relazione alla Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre Articolo 7 Soggetto responsabile dell attuazione dell Accordo Al fine di garantire la continuità funzionale con l APQ in materia di Società dell informazione stipulato in data 25 marzo 2004, è individuato, quale Soggetto responsabile dell attuazione del presente Accordo, l Ing. Donato Pafundi, Dirigente dell Ufficio Società dell informazione, della Regione Basilicata. Al Soggetto responsabile vengono conferiti i compiti di cui all articolo 8 del predetto APQ ed in particolare: a) rappresentare in modo unitario gli interessi dei soggetti sottoscrittori; b) coordinare il processo complessivo di realizzazione degli interventi previsti nel presente Atto attivando le risorse tecniche ed organizzative necessarie alla sua attuazione; c) promuovere, in via autonoma o su richiesta dei Responsabili dei singoli interventi, di cui al successivo articolo 8, le eventuali azioni ed iniziative necessarie a garantire il rispetto degli impegni e degli obblighi dei soggetti sottoscrittori; d) monitorare in modo continuativo lo stato di attuazione dell Atto, secondo le modalità indicate dal Ministero dello sviluppo economico; e) coordinare i Responsabili di intervento di cui al successivo articolo 8, nelle attività dell Atto ed in particolare in relazione alla immissione dati per l istruttoria ed il monitoraggio dei singoli interventi nella banca dati Applicativo intese; f) assicurare e garantire il completo inserimento, rispettivamente entro il 31 luglio e il 31 gennaio di ogni anno, dei dati relativi al semestre precedente nell Applicativo intese e successivamente di chiederne la convalida degli stessi; g) inviare al Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese e a tutti i sottoscrittori del presente Atto, entro e non oltre il 30 settembre ed il 28 febbraio di ogni anno a partire dal primo semestre successivo alla data di stipula - il Rapporto di monitoraggio sullo stato di attuazione dell Atto. Il Rapporto, redatto ai sensi del combinato disposto delle delibere CIPE n.36/02 e n.17/03, deve essere distinto in tre sezioni rispettivamente per la descrizione sintetica sull andamento generale, per il contesto programmatico e per l analisi sintetica dell andamento dei singoli interventi con le relative osservazioni e criticità, secondo le modalità e le specifiche previste nella citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003; h) individuare ritardi e inadempienze assegnando al soggetto inadempiente, se del caso, un congruo termine per provvedere; decorso inutilmente tale termine, segnalare tempestivamente l inadempienza al Tavolo dei sottoscrittori; 6

7 i) comunicare ai Soggetti responsabili di intervento, nei modi e nelle forme di rito, i relativi compiti di cui al successivo articolo 8. Articolo 8 Soggetto responsabile dell attuazione dei singoli interventi Nelle apposite Schede intervento (Allegato 2) viene indicato, per ogni intervento, il Responsabile di intervento che, nel caso di lavori pubblici, corrisponde al soggetto già individuato come Responsabile unico del procedimento" ai sensi del DPR 554/1999 e s.m.i.. Il Responsabile di intervento, ad integrazione delle funzioni previste come Responsabile del procedimento ex art. 8 del DPR 554/1999 e s.m.i., svolge nel corso dei monitoraggi semestrali i seguenti compiti: a) pianificare il processo operativo teso alla completa realizzazione dell intervento attraverso la previsione dei tempi, delle fasi, delle modalità e dei punti - cardine, adottando un modello metodologico di pianificazione e controllo riconducibile al project management; b) organizzare, dirigere, valutare e controllare l attivazione e la messa a punto del processo operativo teso alla completa realizzazione dell intervento; c) monitorare costantemente l attuazione degli impegni assunti dai soggetti coinvolti nella realizzazione dell intervento, ponendo in essere tutte le azioni opportune e necessarie al fine di garantire la completa realizzazione dello stesso nei tempi previsti e segnalando tempestivamente al Responsabile dell APQ gli eventuali ritardi e/o ostacoli tecnico - amministrativi che ne dilazionano e/o impediscono l attuazione; d) compilare con cadenza semestrale le schede di monitoraggio degli interventi inserendo i dati richiesti nell Applicativo intese e di cui ne risponde della veridicità nel rispetto di quanto indicato dalla citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003; e) trasmettere al Responsabile dell Accordo una relazione esplicativa contenente la descrizione dei risultati conseguiti e le azioni di verifica svolte, comprensive di ogni informazione utile a definire lo stato di attuazione dello stesso, nonché l indicazione di ogni ostacolo amministrativo, finanziario o tecnico che si frapponga alla realizzazione dell intervento e la proposta delle relative azioni correttive. Articolo 9 Monitoraggio Il monitoraggio verrà effettuato, in accordo con quanto previsto dalla Intesa istituzionale di programma e da quanto riportato nel presente Accordo, in base alle procedure stabilite dalla delibere CIPE in materia e con particolare riferimento all Allegato n. 4 della delibera CIPE 9 maggio 2003 n.17 ed alla Circolare attuativa trasmessa alle Amministrazioni regionali dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese del III Dipartimento dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, citata in premessa. Articolo 10 Modalità di trasferimento delle risorse In attuazione delle delibere del CIPE n.44/2000, n.76/2002, n.17/ con particolare riferimento all Allegato n.4 - e della citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003, i trasferimenti delle risorse relative al Fondo aree sottoutilizzate sono condizionati al corretto inserimento ed aggiornamento dei dati di monitoraggio. La procedura di trasferimento è avviata alla chiusura del monitoraggio ovvero alla redazione finale del Rapporto di monitoraggio semestrale. In particolare, l avvio della procedura di trasferimento è subordinata alla chiusura dei due monitoraggi semestrali dell anno precedente. La procedura di trasferimento delle risorse a carico del Fondo aree sottoutilizzate sarà avviata dal 7

8 competente Servizio del Dipartimento politiche di sviluppo e coesione del Ministero dello sviluppo economico, nei limiti delle assegnazioni di competenza e subordinatamente alle disponibilità di cassa, con le seguenti modalità: - 20% del finanziamento entro 60 giorni dalla stipula dell APQ a titolo di anticipazione; - 80% in proporzione allo stato di avanzamento degli interventi e sulla base del valore delle opere realizzate, come risultanti dai dati di monitoraggio semestrale dell Applicativo intese del Ministero dello sviluppo economico. Articolo 11 Ulteriori interventi Con successivi Atti integrativi, tenuto anche conto degli esiti del monitoraggio, si procederà a definire eventuali ulteriori iniziative coerenti con le finalità dell Accordo finalizzando a tal fine gli ulteriori fondi statali, regionali, comunitari e privati che si rendessero disponibili. Articolo 12 Norma finale e di rinvio Per quanto non disposto dal presente Atto integrativo si rinvia all Accordo di programma quadro ed ai successivi Atti integrativi. Roma, Ministero dello sviluppo economico Direttore del Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese Ing. Aldo Mancurti Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Capo Dipartimento Ing. Ciro Esposito Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Direttore Generale Cons. Caterina Cittadino Regione Basilicata Direttore del Dipartimento Presidenza della Giunta Dott. Angelo Nardozza.. 8

9 TABELLA A - Elenco interventi Regione BASILICATA Accordo SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 N interventi Costo totale ,00 Codice Intervento Titolo Intervento Costo Totale 01 Centrale bandi e avvisi regionali ,00 02 I Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete Rupar ,00

10 TABELLA B - Quadro finanziario Regione BASILICATA Accordo di Programma Quadro SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 Fonti ed anni di competenza dell'accordo Totali Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , , ,00 Totale , , ,00 Cod. Int. Fonti ed anni di competenza per intervento Copertura Intervento Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , ,00 Importo totale ,00 Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , , ,00 Importo totale ,00. Totali , , ,00

11 TABELLA C - Profilo di spesa Regione BASILICATA Anni Totali , , , ,00 Accordo di Programma Quadro SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 Cod. Intervento Totale , , , , , , , ,00 Totale , , , ,00 Pagina 1 di 1

12 TABELLA D - ELENCO INTERVENTI PROGRAMMATICI Regione Basilicata Accordo di programma quadro SZ - SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE - IV ATTO INTEGRATIVO N interventi 3 Costo totale ,00 Codice Intervento Titolo Intervento Costo Totale 03 Potenziamento della rete RUPAR - II Lotto ,00 04 Progetto ALI - CST - Inclusione dei piccoli comuni nell'attuazione dell'e-government ,00 05 Progetto Riuso. Diffusione territoriale dei servizi per cittadini ed imprese ,00 Pagina 1 di 1

13 Ministero dello sviluppo economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Regione Basilicata I N T E S A I S T I T U Z I O N A L E D I P R O G R A M M A T R A I L G O V E R N O D E L L A R E P U B B L I C A I T A L I A N A E L A R E G I O N E B A S I L I C A T A A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O - A L L E G A T O n. 1 R E L A Z IO N E T E C N IC A Roma, 28 novembre

14 INDICE GENERALE Premessa.3 Coerenza programmatica..3 Centrale bandi e avvisi regionali Scheda sintetica 5 Elaborato progettuale 8 I Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete RUPAR Scheda sintetica..24 Elaborato progettuale.26 Interventi inseriti nella sezione programmatica Progetto CST-ALI Provincia di Matera e di Potenza Progetto RIUSO Provincia di Matera e di Potenza...39 Progetto II Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete RUPAR..42 2

15 PREMESSA L obiettivo prioritario del IV Atto integrativo dell APQ Società dell informazione è: Sviluppare le opportunità della Società dell informazione per l apertura dei sistemi delle relazioni esterne, la diffusione della larga banda e l accessibilità inclusiva, allo scopo di ridurre il digital divide in coerenza con gli obiettivi del piano di azione e-europe 2005: una società dell informazione per tutti. Gli interventi che soddisfano tale obiettivo, approfonditi in seguito nelle apposite sezioni, sono i seguenti: 1. Progetto centrale bandi/avvisi e avvisi regionali. (1 Meuro). Tale intervento è finalizzato ad ottimizzare il processo di pubblicazione dei bandi/avvisi e degli avvisi finalizzati alla erogazione di contributi e/o servizi. L idea è quella di realizzare una centrale unica dei bandi/avvisi la cui organizzazione e gli strumenti tecnologici sono messi al servizio delle strutture regionali. 2. Primo lotto potenziamento della rete RUPAR (2 Meuro). Il progetto Potenziamento Nodi Rupar rappresenta una naturale evoluzione dei servizi e delle tecnologie a disposizione della rete telematica RUPAR della Regione Basilicata verso il Sistema pubblico di connettività (SPC) e si inquadra nell ambito del programma per lo sviluppo della Larga Banda nella regione. COERENZA PROGRAMMATICA Coerenza con le priorità della programmazione comunitaria I due interventi proposti risultano coerenti con gli indirizzi sulla Società dell informazione definiti nella Strategia di Lisbona rivista e in modo particolare nel Nuovo quadro strategico comunitario i una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione (COM/2005)229) e nel piano d'azione egovernment per l'iniziativa i Accelerare l'egovernment in Europa a vantaggio di tutti (COM/2006/0173). Nello specifico, i due interventi rispondono: da un lato, all obiettivo di creazione di uno spazio unico europeo dell informazione per quanto concerne le sfide dell interoperabilità dei sistemi (nello specifico dei sistemi pubblici di connettività) e della loro sicurezza; dall altro, all obiettivo del rafforzamento di una società dell informazione in grado di offrire servizi pubblici di elevata qualità in termini di trasparenza, accessibilità per tutti, efficienza ed efficacia. Coerenza con le priorità della programmazione nazionale (generale e settoriale) Il programma di interventi proposto è coerente con le linee strategiche nazionali Verso il sistema nazionale di e-government (marzo 2007), ed in particolare con: obiettivo 1 - Migliorare l efficienza della PA - in quanto è finalizzato ad innovare i processi amministrativi, semplificare e ridurre tempi e costi dei procedimenti; obiettivo 4 - Costruire la cittadinanza digitale - grazie all enfasi posta negli interventi sul rafforzamento della semplicità e sicurezza dell accesso ai servizi in rete e sullo sviluppo di contenuti e servizi interattivi da parte della PA. Inoltre, il programma di interventi proposto, per l enfasi posta sull e-government quale fattore chiave per aumentare la competitività, ridurre i costi e gli oneri amministrativi nonché sull importanza della sicurezza in rete, risulta coerente con gli obiettivi delineati nel Quadro Strategico Nazionale , marzo 2007, soprattutto per quanto riguarda la Priorità Sostenere la promozione di servizi pubblici moderni e rafforzare i processi di innovazione della Pubblica amministrazione attorno alle nuove Tecnologie dell informazione e comunicazione e la priorità 10 Governance - capacità istituzionali e mercati concorrenziali ed efficaci. Va infine sottolineato come il programma proposto risulti in linea con il Codice dell Amministrazione Digitale, per la congruenza con i c.d. strumenti comuni, per 3

16 l interoperabilità ed il sistema pubblico di connettività (Visione condivisa, SPC e CISIS-Q3I, per l apporto dato alla realizzazione di standard di sicurezza delle reti pubbliche di connettività). Coerenza con le priorità della programmazione regionale (generale e settoriale) L intervento risulta coerente con gli strumenti di programmazione regionale in particolare: con il Documento strategico regionale relativo al periodo di programmazione , il quale considera lo sviluppo della società dell informazione e dell e-government uno degli obiettivi e al contempo uno degli strumenti per incidere sulle condizioni di contesto e fare della Basilicata una regione fondata sull economia della conoscenza. Inoltre, i PON a valere sulle risorse FESR, FSE e FEASR, mettono l accento sulla strategicità della società dell informazione (con riferimento sia alle reti sicure ed accessibili che alla fruibilità di servizi innovativi offerti dalla PA) quale leva per promuovere un aumento della competitività e dell innovazione e garantire anche maggiore coesione territoriale. In ultimo con il Piano strategico BASITEL +, in particolare: a) con il sottoprogramma Infratel, per le azioni volte a garantire soluzioni per la sicurezza della rete e per l interoperabilità dei sistemi; b) con il sottoprogramma INTRA-PA, per le azioni volte a promuovere innovazioni di processo nell ambito della PA e l erogazione on-line di servizi efficienti ai cittadini ed alle imprese. 4

17 Cod. A.I. 01 Titolo intervento Centrale bandi e avvisi regionali Valore complessivo del progetto ,00 a carico delle risorse delibera CIPE n.03/2006 La proposta progettuale in oggetto si prefigge di introdurre un importante innovazione del processo amministrativo attinente la progettazione, pubblicazione e gestione di avvisi pubblici, con l obiettivo principale di agevolare l approccio di cittadini e imprese ai servizi erogati dalla Regione e di migliorare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa.tale progetto risponde alle seguenti esigenze evidenziate dalla proposta progettuale facendo esplicito riferimento ad esperienze specifiche di gestione di avvisi pubblici: sistematizzare e condividere nell ambito della PA le conoscenze per progettare bandi e formulari, mettendo a punto una piattaforma tecnologica che attraverso specifici algoritmi faciliti la predisposizione di avvisi pubblici e la costruzione di un sistema per quanto possibile automatizzato di selezione; Descrizione degli obiettivi accelerare e rendere trasparenti i processi di selezione delle istanze e dei progetti presentati in risposta ad un avviso pubblico; semplificare le procedure e ridurre tempi e costi delle operazioni, garantire l interoperabilità dei diversi sistemi gestionali (concernenti il sistema di monitoraggio, di controllo e di pagamenti) e consentire un uso ottimale delle informazioni ai fini di una migliore programmazione, valutazione e gestione. Il quadro delle esigenze viene formulato dal progetto facendo esplicito riferimento a delle criticità connesse all attuale situazione (proliferazione di archivi con i cittadini costretti a presentare per ogni avviso gli stessi documenti, mancanza di collegamento con altri sistemi gestionali, macchinosità nella comunicazione con i cittadini, ecc.). La proposta progettuale prevede un azione innovativa che, attraverso la creazione di una struttura di assistenza tecnica regionale ed un avanzata soluzione tecnologica, fornisca supporto ai vari uffici dipartimentali regionali direttamente impegnati nelle attività connesse alla gestione dell iter di un avviso pubblico. Il progetto si rivolge in primo luogo all amministrazione regionale ed in secondo luogo all utenza (cittadini, imprese, ecc.). In particolare per quanto riguarda l amministrazione regionale, il Descrizione del progetto progetto prevede il supporto agli uffici dei vari Dipartimenti responsabili della preparazione, pubblicazione e gestione di avvisi pubblici attraverso: la messa a sistema delle conoscenze in materia di avvisi pubblici, l uso di software avanzati e la standardizzazione delle modalità operative e dei controlli, nonché l accompagnamento di personale competente. Si intende, quindi, creare un sistema che consentirà di semplificare il processo di costruzione del bando, di istruttoria delle istanze e di monitoraggio. Il sistema inoltre prevede: 1) di alimentare l anagrafe unica regionale, consentendo alla PA di recuperare le 5

18 informazioni già in possesso dei vari uffici regionali; 2) di essere interoperabile con gli altri sistemi gestionali dell Ente (quali ad esempio: catasto progetti, protocollo informatico, contabilità integrata, ecc.) realizzando, in tal modo,l ottimizzazione dei processi in termini di efficienza (riduzione dei costi e dei tempi di alimentazione di banche dati, accelerazione e semplificazione dei controlli e dei pagamenti) e di efficacia (i dati di monitoraggio in tempo reale consentono la valutazione in itinere ed ex-post dell andamento dell avviso pubblico consentendo una migliore programmazione).per quanto concerne l utenza esterna (cittadini, imprese, ecc.), il progetto prevede delle interfacce multicanale (Client Server, SMS, WAP) per accedere ai bandi pubblicati online. Affinchè tutti i cittadini, anche quelli a rischio di digital divide, possano partecipare ai bandi per via telematica (l ipotesi di base è che tutti i bandi siano automatizzati), il progetto fa riferimento alla rete dei 150 internet social point (ISP), punti pubblici di accesso assistito e gratuito ad internet con particolare interesse per l accesso ai servizi erogati dalle PA diffusi capillarmente in tutti i comuni della regione, nonché ad altre strutture pubbliche riconosciute dall amministrazione regionale quali i CAA per le imprese agricole che possono fornire assistenza alla compilazione dell istanza. La soluzione progettuale scelta prevede un periodo attuativo di 2 anni con la costituzione di un Centro Servizi dotato di personale tecnico-informatico esterno e di infrastrutture tecnologiche idonee in grado di operare in affiancamento continuo con le segreterie dipartimentali e gli uffici interessati. I principali compiti saranno: gestione dell infrastruttura tecnologica (hardware e software); realizzazione e gestione dell evoluzione del software applicativo inteso come Sistema di Conoscenze eventualmente con il reimpiego delle soluzioni già in uso presso altre Regioni (Emilia Romagna o Toscana) con possibilità di personalizzazione; supporto alle segreterie dipartimentali ed al personale degli uffici nella impostazione dei formulari; supporto nella fase di controllo formale delle istanze; supporto alla definizione e pubblicazione on-line delle graduatorie; gestione front-end; produzione di regole direttive per soggetti terzi (es. Enti sub-regionali). Il risultato del progetto, della durata di 2 anni, permetterà la definizione delle procedure per lo svolgimento dell intero processo, il software di gestione automatica di Bandi/Avvisi che diventerà patrimonio dell Ente ed il completo trasferimento al personale regionale del know-how necessario per operare in autonomia. Stato della progettazione Progetto preliminare disponibile 6

19 ELABORATO PROGETTUALE REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. PROGETTO CENTRALE BANDI E AVVISI REGIONALI APQ-SI IV INTEGRAZIONE (FAS 2006) 7

20 1. Premessa Con l intento di migliorare l efficienza operativa dell Ente e di contenerne la spesa, l Ufficio SIRS, negli ultimi anni, si è fortemente impegnato in realizzazioni coerenti con il processo di digitalizzazione e di ammodernamento della P.A. regionale. La linea strategica del Sistema Informativo Regionale, infatti, persegue l obiettivo di innovare i servizi interni ed esterni all Ente e di dare piena attuazione al Codice dell amministrazione digitale anche per quel che riguarda la comunicazione telematica con il cittadino. Per realizzare quanto auspicato, la Regione Basilicata si è concentrata sulle attività di razionalizzazione e di sicurezza dei sistemi informativi e sulle attività di integrazione/interoperabilità dei diversi sistemi gestionali realizzati in modo da raggiungere l obiettivo importante di condividere informazioni e servizi, di ridurre costi e tempi di realizzazione e di manutenzione, di ottimizzare l uso delle risorse hardware e software e di definire uno standard nell uso delle metodologie e degli strumenti, elemento fondamentale, quest ultimo, per la salvaguardia degli investimenti realizzati. Unicamente attraverso questa necessaria e continua opera di ottimizzazione degli interventi ICT è possibile cogliere tutte le opportunità di realizzare economie gestionali e favorire l accelerazione del processo di innovazione dell amministrazione. In questo contesto l Ufficio SIRS ritiene necessario automatizzare il processo di pubblicazione dei bandi/avvisi finalizzati alla erogazione di contributi e/o servizi, da non confondere con i CAT Centri Acquisti Territoriali che afferiscono ad altro ambito. L idea è quella di introdurre una forte innovazione del processo amministrativo di produzione e gestione di avvisi e bandi, da realizzare attraverso due momenti: 1. l adozione di un nuovo modello organizzativo, 2. l implementazione di una infrastruttura tecnologica, fortemente ingegnerizzata, che a partire da modelli predefiniti e personalizzabili dall utente sia messa a disposizione dei dipartimenti regionali e delle amministrazioni comunali per consentire una gestione autonoma ed omogenea dei bandi e degli avvisi. Al fine di garantire una maggior copertura territoriale dei servizi innovativi, il progetto prevede anche il coinvolgimento dei Centri di Servizi Territoriali (CST) riferendoci ai due di recente costituiti nella Regione Basilicata: CST Potenza e CST Matera, che nascono proprio con l obiettivo importante di mettere a disposizione di un aggregazione di comuni medio-piccoli le risorse tecnologiche ed il know-how necessari per l erogazione dei servizi. D ora in poi, nel resto del documento, si farà riferimento alle strutture regionali intendendo anche il personale dei suddetti CST. 1.2 Contesto Normativo di Riferimento Linea d azione n 3 del Piano Triennale per l Informatica del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA). DGR n del di approvazione del nuovo Piano Basitel+ come estensione e revisione del precedente Piano Basitel. Documento Annuale di Programmazione Economica e Finanziaria (DAPEF) della Regione Basilicata, ASP 7: Modernizzazione del Sistema Pubblico regionale, punto d. sviluppo dei canali e degli strumenti della Società dell informazione e della dotazione infrastrutturale della Regione Basilicata. 1.3 Obiettivi del progetto e benefici attesi Il progetto si pone l obiettivo di continuare nella direzione dell innovazione dell organizzazione e dei processi ma, soprattutto, di realizzare un sistema di assets tecnologici che costituiscono la base 8

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.)

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Regione Basilicata Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007/2013 V e r s i o n e n.2 m a g g i o 2 0 1 4 R e g i o n e B a s i l i c a

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli