A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O -"

Transcript

1 Ministero dello sviluppo economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Regione Basilicata I N T E S A I S T I T U Z I O N A L E D I P R O G R A M M A T R A I L G O V E R N O D E L L A R E P U B B L I C A I T A L I A N A E L A R E G I O N E B A S I L I C A T A A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O - Roma, 28 novembre 2007

2 Premesso 1. che il Decreto legislativo 7 marzo 2005 n.82 concerne il Codice dell Amministrazione Digitale ; 2. che il Decreto legge 18 maggio 2006 n. 181 convertito, con modifiche, in Legge 17 luglio 2006 n. 233, reca disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri; 3. che il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 giugno 2007 ha trasferito le funzioni con le relative risorse finanziarie, strumentali e di personale dal Ministero dell economia e delle finanze al Ministero dello sviluppo economico (MISE), ad eccezione della Segreteria del CIPE; 4. che la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) 22 marzo 2006 n. 3 Ripartizione delle risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate rifinanziamento della Legge 208/1998 per il periodo (Legge finanziaria 2006) (CIPE n. 3/06) ha assegnato alla Regione Basilicata una quota pari a ,00 quale riparto regionale per interventi da ricomprendere nelle Intese istituzionali di programma; 5. che la delibera CIPE 22 marzo 2006 n. 14 concerne la: Programmazione delle risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate mediante le Intese istituzionali di programma e gli Accordi di programma quadro ; 6. che il CIPE nella seduta del 22 dicembre 2006 ha modificato il calendario delle diverse fasi procedurali previste per la stipula degli APQ in fase di prima applicazione della delibera CIPE n. 14/2006; 7. che il Ministro dell economia e delle finanze ha approvato, con proprio D.M. 19 gennaio 2006, modifiche all organizzazione del Dipartimento per le politiche di sviluppo e di coesione; 8. che il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, con nota protocollo n. DIT del 15 gennaio 2007 del Capo Dipartimento, ai sensi del punto 2.2 della delibera CIPE n.14/2006, ha trasmesso una relazione informativa relativa alla programmazione di medio periodo - risorse ordinarie e risorse aggiuntive sul territorio; 9. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Linee programmatiche di indirizzo del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, pubblicato il 4 luglio 2006; 10. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Verso il sistema nazionale di e-government - Linee strategiche del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, pubblicato nel mese di marzo 2007; 11. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento Progetto PAESE Patto per l Attuazione del Sistema Nazionale di e-government nelle Regioni e negli Enti Locali, approvato dalla Conferenza Unificata il 20 settembre 2007; 12. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il documento denominato PICO Piano per l innovazione, la crescita e l occupazione - Piano italiano ; 13. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con Il piano d azione egovernment per l iniziativa i2010: accelerare l egovernment in Europa a vantaggio di tutti, presentato dalla Commissione Europea nel mese di aprile 2006; 14. che è stata riscontrata la coerenza programmatica con il Documento Strategico Regionale relativo al periodo di programmazione ; 15. che la Regione Basilicata, con nota protocollo n /71AP del 31 maggio 2007, ha inviato alle Amministrazioni centrali interessate una proposta di Quadro strategico del IV Atto integrativo all Accordo di programma quadro Società dell informazione, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 16. che il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) ha condiviso, con nota protocollo n del 31 maggio 2007, il suddetto Quadro strategico, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 17. che il MISE, con nota protocollo n del 31 maggio 2007, ha condiviso il suddetto Quadro strategico, ai sensi del punto 2.4 della delibera CIPE n.14/06; 2

3 18. che il Nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della Regione Basilicata ha inviato, con nota protocollo /71AP del 12 ottobre 2007, la Relazione tecnica di cui al punto della delibera CIPE n.14/06; 19. che, con delibera di Giunta regionale del 25 settembre 2006 n. 1376, la Regione Basilicata ha destinato l importo di 3 M della propria quota regionale al finanziamento del IV Atto integrativo all Accordo di programma quadro in materia di Società dell informazione; 20. che è stato stipulato in data 25 marzo 2004 l Accordo di programma quadro (APQ) in materia di Società dell informazione fra il Ministero dell'economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e la Regione Basilicata; 21. che in data 31 marzo 2005 è stato stipulato il I Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 22. che in data 30 giugno 2005 è stato stipulato il II Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 23. che in data 31 maggio 2006 è stato stipulato il III Atto integrativo del precedente Accordo di programma quadro; 24. che tale Accordo di programma è finalizzato a introdurre importanti innovazioni nel processo amministrativo, con l obiettivo principale di agevolare l approccio di cittadini e imprese ai servizi erogati dalla Regione e di migliorare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa; 25. che in data 15 dicembre 2005 la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome ha approvato il documento concernente il rafforzamento e la semplificazione delle Intese istituzionali di programma e degli Accordi di programma quadro; 26. che è stata conclusa la procedura di validazione dati inseriti nella banca dati dell Applicativo intese ai sensi della Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Amministrazioni regionali in data 9 ottobre 2003 con nota protocollo n dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese del III Dipartimento dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico; fra il Ministero dello sviluppo economico la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione - Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie e la Regione Basilicata si conviene e si stipula il seguente IV ATTO INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI SOCIETA DELL INFORMAZIONE Articolo 1 Recepimento delle premesse e degli allegati Le premesse, le allegate tabelle A elenco degli interventi, B quadro finanziario, C profili di spesa, D quadro programmatico, l Allegato 1, Relazione tecnica, e l Allegato 2, Schede intervento costituiscono parte integrante del presente Atto integrativo, di seguito Accordo. Articolo 2 Oggetto e finalità Il presente Accordo, nel riaffermare la piena validità di quanto stabilito nell Accordo di programma quadro sottoscritto in data 25 marzo 2004 e nei successivi Atti integrativi stipulati, persegue 3

4 obiettivi analoghi e complementari sviluppandosi in coerenza con: a) i piani e programmi nazionali per l e-government e la società dell informazione; b) il quadro di riferimento tecnico e organizzativo formulato nel documento L e-government per un federalismo efficiente: una visione condivisa, una realizzazione cooperativa ; c) gli obiettivi, le azioni e le modalità di attuazione indicati nel documento L e-government nelle regioni e negli enti locali: II fase di attuazione.il presente Accordo è finalizzato, da un lato, ad ottimizzare il processo di pubblicazione dei bandi e degli avvisi attraverso la realizzazione di un unica centrale in grado di mettere al servizio di tutte le strutture regionali l organizzazione e gli strumenti tecnologici necessari e, dall altro, favorire l evoluzione dei servizi e delle tecnologie della rete telematica RUPAR verso il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) inquadrandosi nell ambito del programma per lo sviluppo della larga banda nella Regione Basilicata. Articolo 3 Quadro attuativo ed elenco interventi L attuazione del presente Atto è prevista attraverso l esecuzione degli interventi inseriti nella sezione attuativa, di cui all allegata tabella A, e nella sezione programmatica, di cui all allegata tabella D. I singoli interventi sono illustrati in dettaglio nella Relazione tecnica (Allegato 1) e nelle Schede intervento (Allegato 2), inserite nell Applicativo intese del Ministero dello sviluppo economico, redatte, ai sensi della delibera CIPE 2 agosto 2002, n. 76 e s.m.i., con le modalità previste dalla Circolare sulle procedure di monitoraggio del Servizio politiche di sviluppo territoriale e le intese dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, citata nelle premesse. In ogni singola scheda intervento è riportata: l'indicazione relativa ai soggetti sottoscrittori, ai soggetti attuatori, al soggetto responsabile dell'intervento, ai contenuti progettuali, al costo complessivo, al fabbisogno finanziario e alla sua articolazione nel tempo, con individuazione delle relative fonti di copertura, all'impegno finanziario di ciascun soggetto, ai tempi di attuazione, ed alle procedure tecnico/amministrative necessarie per l'attuazione degli interventi, con l'eventuale individuazione di termini ridotti. Le parti danno atto che gli interventi individuati nel presente Accordo sono coerenti con gli atti di pianificazione e programmazione generale e settoriale di rispettiva competenza. Articolo 4 Copertura finanziaria e costo degli interventi Il valore complessivo del presente Atto, costituito dal valore complessivo degli interventi inseriti nella sezione attuativa, ammonta a ,00 la cui copertura finanziaria è assicurata dalle seguenti: FONTI FINANZIARIE Importi in Euro Risorse statali a carico del FAS delibera CIPE n.3/ quota C.3 Risorse Mezzogiorno ,00 TOTALE GENE RALE ,00 La disponibilità delle risorse assegnate dalla delibera CIPE n.3/2006 è vincolata al rispetto dei criteri delineati al punto 6.5 della medesima delibera. Eventuali riprogrammazioni finalizzate al rispetto di tale adempimento saranno effettuate con le procedure e secondo le modalità di cui al punto 5 della delibera CIPE n.14/2006. Le economie riprogrammabili, ai sensi della vigente normativa, derivanti dalla attuazione degli interventi individuati nel presente Accordo e opportunamente accertate dal Soggetto responsabile dell Accordo in sede di monitoraggio semestrale, sono riprogrammate, su proposta del Soggetto responsabile medesimo, secondo le modalità previste dalla delibera CIPE 22 marzo 2006, n. 14 punto

5 Nella Tabella B è riportato il quadro finanziario dei singoli interventi distinto per anno di competenza delle fonti di copertura. Nella Tabella C è riportato il profilo di spesa dei costi dei singoli interventi distinto per anno di realizzazione. Articolo 5 Sezione programmatica Nella allegata Tabella D sono riportati gli interventi, e relativi costi, coerenti con il presente Accordo, necessari al raggiungimento degli obiettivi prefissati ma che allo stato attuale non dispongono delle condizioni tecnico-finanziarie per essere immediatamente attivati. Tali interventi programmatici sono: 1. Potenziamento ed Adeguamento della rete RUPAR - II lotto importo del progetto pari a ,00; 2. Progetto ALI-CST Inclusione dei piccoli comuni nell attuazione dell e-government importo del progetto pari a 800,000; 3. Progetto Riuso. Diffusione territoriale dei servizi per cittadini ed imprese importo del progetto pari a 800,000. Gli interventi programmatici potranno passare alla sezione attuativa a seguito di adeguata progettazione e solo dopo il reperimento delle risorse necessarie per la loro realizzazione. Le parti convengono che il passaggio tra le due sezioni avverrà mediante proposta del Responsabile dell Accordo al Tavolo dei sottoscrittori al quale dovrà presentare, inoltre, un integrazione di Relazione tecnica, quale supplemento istruttorio propedeutico all attivazione degli interventi di cui al presente articolo, da cui si evinca il dettaglio tecnico-progettuale relativo agli interventi interessati da tale passaggio. Il Ministero dello sviluppo economico provvederà ad acquisire nei successivi 15 giorni il formale assenso da parte dei sottoscrittori. Successivamente, acquisito l assenso, il Responsabile dell Accordo curerà l inserimento dei dati nell Applicativo intese, ai sensi delle delibera CIPE n.44/00 e n.76/02, ed a seguito della validazione dati da parte del Ministero dello sviluppo economico gli interventi saranno attivi. Articolo 6 Impegni dei soggetti sottoscrittori e governance dell Accordo Le parti convengono la costituzione del Tavolo dei soggetti sottoscrittori ai sensi e con le procedure previste dal punto della delibera CIPE n.14/2006 composto dai firmatari, o da loro delegati, con il compito di esaminare le proposte, provenienti dal Responsabile dell APQ e dai sottoscrittori, utili al procedere degli interventi programmati e quindi decidere in materia di: - riattivazione o annullamento degli interventi; - riprogrammazione di risorse ed economie; - modifica delle coperture finanziarie degli interventi; - promozione di atti integrativi o passaggio di interventi dalla sezione programmatica a quella attuativa ; - attivazione di eventuali procedure di accelerazione delle fasi attuative da parte delle stazioni appaltanti, anche attraverso la facoltà di modificare, mediante le risorse premiali, la quota di cofinanziamento a carico dei soggetti attuatori degli interventi. Ciascun soggetto sottoscrittore del presente Accordo, ad integrazione e specificazione degli impegni assunti in base all Accordo di programma quadro stipulato in data 25 marzo 2004 e successivi Atti integrativi, si impegna, nello svolgimento dell attività di propria competenza ed in particolare: a) a rispettare i termini concordati ed indicati nelle schede intervento allegate al presente Accordo; b) ad utilizzare forme di immediata collaborazione e di stretto coordinamento, ed in particolare, con il ricorso, laddove sia possibile, agli strumenti di semplificazione dell attività amministrativa e di snellimento dei procedimenti di decisione e di controllo previsti dalla vigente normativa, eventualmente facendo ricorso agli accordi previsti dall articolo 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241; 5

6 c) a procedere semestralmente al monitoraggio ed alla verifica dell Accordo, e, se necessario, a proporre, per il tramite del soggetto responsabile dell attuazione di cui al successivo art.7, gli eventuali aggiornamenti da sottoporre al Tavolo dei sottoscrittori e, in caso di problematiche ivi non risolte, al Comitato intesa paritetico così come previsto al punto della delibera CIPE n.14/06; d) ad attivare ed utilizzare a pieno ed in tempi rapidi tutte le risorse finanziarie individuate nel presente Accordo, per la realizzazione delle diverse attività e tipologie di intervento; e) a porre in essere ogni misura necessaria per le programmazione, la progettazione e l attuazione delle azioni concordate, secondo le modalità previste nell Accordo; f) a rimuovere, in ognuna delle fasi del procedimento di realizzazione degli interventi, ogni eventuale elemento ostativo alla realizzazione degli interventi; g) a condividere il monitoraggio, ognuno per le proprie competenze, in base alle indicazioni fornite dal CIPE ed in relazione alla Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre Articolo 7 Soggetto responsabile dell attuazione dell Accordo Al fine di garantire la continuità funzionale con l APQ in materia di Società dell informazione stipulato in data 25 marzo 2004, è individuato, quale Soggetto responsabile dell attuazione del presente Accordo, l Ing. Donato Pafundi, Dirigente dell Ufficio Società dell informazione, della Regione Basilicata. Al Soggetto responsabile vengono conferiti i compiti di cui all articolo 8 del predetto APQ ed in particolare: a) rappresentare in modo unitario gli interessi dei soggetti sottoscrittori; b) coordinare il processo complessivo di realizzazione degli interventi previsti nel presente Atto attivando le risorse tecniche ed organizzative necessarie alla sua attuazione; c) promuovere, in via autonoma o su richiesta dei Responsabili dei singoli interventi, di cui al successivo articolo 8, le eventuali azioni ed iniziative necessarie a garantire il rispetto degli impegni e degli obblighi dei soggetti sottoscrittori; d) monitorare in modo continuativo lo stato di attuazione dell Atto, secondo le modalità indicate dal Ministero dello sviluppo economico; e) coordinare i Responsabili di intervento di cui al successivo articolo 8, nelle attività dell Atto ed in particolare in relazione alla immissione dati per l istruttoria ed il monitoraggio dei singoli interventi nella banca dati Applicativo intese; f) assicurare e garantire il completo inserimento, rispettivamente entro il 31 luglio e il 31 gennaio di ogni anno, dei dati relativi al semestre precedente nell Applicativo intese e successivamente di chiederne la convalida degli stessi; g) inviare al Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese e a tutti i sottoscrittori del presente Atto, entro e non oltre il 30 settembre ed il 28 febbraio di ogni anno a partire dal primo semestre successivo alla data di stipula - il Rapporto di monitoraggio sullo stato di attuazione dell Atto. Il Rapporto, redatto ai sensi del combinato disposto delle delibere CIPE n.36/02 e n.17/03, deve essere distinto in tre sezioni rispettivamente per la descrizione sintetica sull andamento generale, per il contesto programmatico e per l analisi sintetica dell andamento dei singoli interventi con le relative osservazioni e criticità, secondo le modalità e le specifiche previste nella citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003; h) individuare ritardi e inadempienze assegnando al soggetto inadempiente, se del caso, un congruo termine per provvedere; decorso inutilmente tale termine, segnalare tempestivamente l inadempienza al Tavolo dei sottoscrittori; 6

7 i) comunicare ai Soggetti responsabili di intervento, nei modi e nelle forme di rito, i relativi compiti di cui al successivo articolo 8. Articolo 8 Soggetto responsabile dell attuazione dei singoli interventi Nelle apposite Schede intervento (Allegato 2) viene indicato, per ogni intervento, il Responsabile di intervento che, nel caso di lavori pubblici, corrisponde al soggetto già individuato come Responsabile unico del procedimento" ai sensi del DPR 554/1999 e s.m.i.. Il Responsabile di intervento, ad integrazione delle funzioni previste come Responsabile del procedimento ex art. 8 del DPR 554/1999 e s.m.i., svolge nel corso dei monitoraggi semestrali i seguenti compiti: a) pianificare il processo operativo teso alla completa realizzazione dell intervento attraverso la previsione dei tempi, delle fasi, delle modalità e dei punti - cardine, adottando un modello metodologico di pianificazione e controllo riconducibile al project management; b) organizzare, dirigere, valutare e controllare l attivazione e la messa a punto del processo operativo teso alla completa realizzazione dell intervento; c) monitorare costantemente l attuazione degli impegni assunti dai soggetti coinvolti nella realizzazione dell intervento, ponendo in essere tutte le azioni opportune e necessarie al fine di garantire la completa realizzazione dello stesso nei tempi previsti e segnalando tempestivamente al Responsabile dell APQ gli eventuali ritardi e/o ostacoli tecnico - amministrativi che ne dilazionano e/o impediscono l attuazione; d) compilare con cadenza semestrale le schede di monitoraggio degli interventi inserendo i dati richiesti nell Applicativo intese e di cui ne risponde della veridicità nel rispetto di quanto indicato dalla citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003; e) trasmettere al Responsabile dell Accordo una relazione esplicativa contenente la descrizione dei risultati conseguiti e le azioni di verifica svolte, comprensive di ogni informazione utile a definire lo stato di attuazione dello stesso, nonché l indicazione di ogni ostacolo amministrativo, finanziario o tecnico che si frapponga alla realizzazione dell intervento e la proposta delle relative azioni correttive. Articolo 9 Monitoraggio Il monitoraggio verrà effettuato, in accordo con quanto previsto dalla Intesa istituzionale di programma e da quanto riportato nel presente Accordo, in base alle procedure stabilite dalla delibere CIPE in materia e con particolare riferimento all Allegato n. 4 della delibera CIPE 9 maggio 2003 n.17 ed alla Circolare attuativa trasmessa alle Amministrazioni regionali dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese del III Dipartimento dell ex Ministero dell economia e delle finanze, ora Ministero dello sviluppo economico, citata in premessa. Articolo 10 Modalità di trasferimento delle risorse In attuazione delle delibere del CIPE n.44/2000, n.76/2002, n.17/ con particolare riferimento all Allegato n.4 - e della citata Circolare sulle procedure di monitoraggio degli Accordi di programma quadro trasmessa alle Regioni dal Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese con nota protocollo n del 9 ottobre 2003, i trasferimenti delle risorse relative al Fondo aree sottoutilizzate sono condizionati al corretto inserimento ed aggiornamento dei dati di monitoraggio. La procedura di trasferimento è avviata alla chiusura del monitoraggio ovvero alla redazione finale del Rapporto di monitoraggio semestrale. In particolare, l avvio della procedura di trasferimento è subordinata alla chiusura dei due monitoraggi semestrali dell anno precedente. La procedura di trasferimento delle risorse a carico del Fondo aree sottoutilizzate sarà avviata dal 7

8 competente Servizio del Dipartimento politiche di sviluppo e coesione del Ministero dello sviluppo economico, nei limiti delle assegnazioni di competenza e subordinatamente alle disponibilità di cassa, con le seguenti modalità: - 20% del finanziamento entro 60 giorni dalla stipula dell APQ a titolo di anticipazione; - 80% in proporzione allo stato di avanzamento degli interventi e sulla base del valore delle opere realizzate, come risultanti dai dati di monitoraggio semestrale dell Applicativo intese del Ministero dello sviluppo economico. Articolo 11 Ulteriori interventi Con successivi Atti integrativi, tenuto anche conto degli esiti del monitoraggio, si procederà a definire eventuali ulteriori iniziative coerenti con le finalità dell Accordo finalizzando a tal fine gli ulteriori fondi statali, regionali, comunitari e privati che si rendessero disponibili. Articolo 12 Norma finale e di rinvio Per quanto non disposto dal presente Atto integrativo si rinvia all Accordo di programma quadro ed ai successivi Atti integrativi. Roma, Ministero dello sviluppo economico Direttore del Servizio per le politiche di sviluppo territoriale e le intese Ing. Aldo Mancurti Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Capo Dipartimento Ing. Ciro Esposito Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Direttore Generale Cons. Caterina Cittadino Regione Basilicata Direttore del Dipartimento Presidenza della Giunta Dott. Angelo Nardozza.. 8

9 TABELLA A - Elenco interventi Regione BASILICATA Accordo SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 N interventi Costo totale ,00 Codice Intervento Titolo Intervento Costo Totale 01 Centrale bandi e avvisi regionali ,00 02 I Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete Rupar ,00

10 TABELLA B - Quadro finanziario Regione BASILICATA Accordo di Programma Quadro SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 Fonti ed anni di competenza dell'accordo Totali Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , , ,00 Totale , , ,00 Cod. Int. Fonti ed anni di competenza per intervento Copertura Intervento Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , ,00 Importo totale ,00 Legge 208/1998 Delibera CIPE N. 03 del Quota C.3 - Regioni Mezzogiorno , , ,00 Importo totale ,00. Totali , , ,00

11 TABELLA C - Profilo di spesa Regione BASILICATA Anni Totali , , , ,00 Accordo di Programma Quadro SZ - Società dell'informazione - IV Atto Integrativo-1141 Cod. Intervento Totale , , , , , , , ,00 Totale , , , ,00 Pagina 1 di 1

12 TABELLA D - ELENCO INTERVENTI PROGRAMMATICI Regione Basilicata Accordo di programma quadro SZ - SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE - IV ATTO INTEGRATIVO N interventi 3 Costo totale ,00 Codice Intervento Titolo Intervento Costo Totale 03 Potenziamento della rete RUPAR - II Lotto ,00 04 Progetto ALI - CST - Inclusione dei piccoli comuni nell'attuazione dell'e-government ,00 05 Progetto Riuso. Diffusione territoriale dei servizi per cittadini ed imprese ,00 Pagina 1 di 1

13 Ministero dello sviluppo economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Regione Basilicata I N T E S A I S T I T U Z I O N A L E D I P R O G R A M M A T R A I L G O V E R N O D E L L A R E P U B B L I C A I T A L I A N A E L A R E G I O N E B A S I L I C A T A A C C O R D O D I P R O GR A M M A Q U A D R O S O C IE T A D E L L IN F O R M A Z I O N E - I V A T T O IN T E G R A T IV O - A L L E G A T O n. 1 R E L A Z IO N E T E C N IC A Roma, 28 novembre

14 INDICE GENERALE Premessa.3 Coerenza programmatica..3 Centrale bandi e avvisi regionali Scheda sintetica 5 Elaborato progettuale 8 I Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete RUPAR Scheda sintetica..24 Elaborato progettuale.26 Interventi inseriti nella sezione programmatica Progetto CST-ALI Provincia di Matera e di Potenza Progetto RIUSO Provincia di Matera e di Potenza...39 Progetto II Lotto potenziamento ed adeguamento dei nodi rete RUPAR..42 2

15 PREMESSA L obiettivo prioritario del IV Atto integrativo dell APQ Società dell informazione è: Sviluppare le opportunità della Società dell informazione per l apertura dei sistemi delle relazioni esterne, la diffusione della larga banda e l accessibilità inclusiva, allo scopo di ridurre il digital divide in coerenza con gli obiettivi del piano di azione e-europe 2005: una società dell informazione per tutti. Gli interventi che soddisfano tale obiettivo, approfonditi in seguito nelle apposite sezioni, sono i seguenti: 1. Progetto centrale bandi/avvisi e avvisi regionali. (1 Meuro). Tale intervento è finalizzato ad ottimizzare il processo di pubblicazione dei bandi/avvisi e degli avvisi finalizzati alla erogazione di contributi e/o servizi. L idea è quella di realizzare una centrale unica dei bandi/avvisi la cui organizzazione e gli strumenti tecnologici sono messi al servizio delle strutture regionali. 2. Primo lotto potenziamento della rete RUPAR (2 Meuro). Il progetto Potenziamento Nodi Rupar rappresenta una naturale evoluzione dei servizi e delle tecnologie a disposizione della rete telematica RUPAR della Regione Basilicata verso il Sistema pubblico di connettività (SPC) e si inquadra nell ambito del programma per lo sviluppo della Larga Banda nella regione. COERENZA PROGRAMMATICA Coerenza con le priorità della programmazione comunitaria I due interventi proposti risultano coerenti con gli indirizzi sulla Società dell informazione definiti nella Strategia di Lisbona rivista e in modo particolare nel Nuovo quadro strategico comunitario i una società europea dell informazione per la crescita e l occupazione (COM/2005)229) e nel piano d'azione egovernment per l'iniziativa i Accelerare l'egovernment in Europa a vantaggio di tutti (COM/2006/0173). Nello specifico, i due interventi rispondono: da un lato, all obiettivo di creazione di uno spazio unico europeo dell informazione per quanto concerne le sfide dell interoperabilità dei sistemi (nello specifico dei sistemi pubblici di connettività) e della loro sicurezza; dall altro, all obiettivo del rafforzamento di una società dell informazione in grado di offrire servizi pubblici di elevata qualità in termini di trasparenza, accessibilità per tutti, efficienza ed efficacia. Coerenza con le priorità della programmazione nazionale (generale e settoriale) Il programma di interventi proposto è coerente con le linee strategiche nazionali Verso il sistema nazionale di e-government (marzo 2007), ed in particolare con: obiettivo 1 - Migliorare l efficienza della PA - in quanto è finalizzato ad innovare i processi amministrativi, semplificare e ridurre tempi e costi dei procedimenti; obiettivo 4 - Costruire la cittadinanza digitale - grazie all enfasi posta negli interventi sul rafforzamento della semplicità e sicurezza dell accesso ai servizi in rete e sullo sviluppo di contenuti e servizi interattivi da parte della PA. Inoltre, il programma di interventi proposto, per l enfasi posta sull e-government quale fattore chiave per aumentare la competitività, ridurre i costi e gli oneri amministrativi nonché sull importanza della sicurezza in rete, risulta coerente con gli obiettivi delineati nel Quadro Strategico Nazionale , marzo 2007, soprattutto per quanto riguarda la Priorità Sostenere la promozione di servizi pubblici moderni e rafforzare i processi di innovazione della Pubblica amministrazione attorno alle nuove Tecnologie dell informazione e comunicazione e la priorità 10 Governance - capacità istituzionali e mercati concorrenziali ed efficaci. Va infine sottolineato come il programma proposto risulti in linea con il Codice dell Amministrazione Digitale, per la congruenza con i c.d. strumenti comuni, per 3

16 l interoperabilità ed il sistema pubblico di connettività (Visione condivisa, SPC e CISIS-Q3I, per l apporto dato alla realizzazione di standard di sicurezza delle reti pubbliche di connettività). Coerenza con le priorità della programmazione regionale (generale e settoriale) L intervento risulta coerente con gli strumenti di programmazione regionale in particolare: con il Documento strategico regionale relativo al periodo di programmazione , il quale considera lo sviluppo della società dell informazione e dell e-government uno degli obiettivi e al contempo uno degli strumenti per incidere sulle condizioni di contesto e fare della Basilicata una regione fondata sull economia della conoscenza. Inoltre, i PON a valere sulle risorse FESR, FSE e FEASR, mettono l accento sulla strategicità della società dell informazione (con riferimento sia alle reti sicure ed accessibili che alla fruibilità di servizi innovativi offerti dalla PA) quale leva per promuovere un aumento della competitività e dell innovazione e garantire anche maggiore coesione territoriale. In ultimo con il Piano strategico BASITEL +, in particolare: a) con il sottoprogramma Infratel, per le azioni volte a garantire soluzioni per la sicurezza della rete e per l interoperabilità dei sistemi; b) con il sottoprogramma INTRA-PA, per le azioni volte a promuovere innovazioni di processo nell ambito della PA e l erogazione on-line di servizi efficienti ai cittadini ed alle imprese. 4

17 Cod. A.I. 01 Titolo intervento Centrale bandi e avvisi regionali Valore complessivo del progetto ,00 a carico delle risorse delibera CIPE n.03/2006 La proposta progettuale in oggetto si prefigge di introdurre un importante innovazione del processo amministrativo attinente la progettazione, pubblicazione e gestione di avvisi pubblici, con l obiettivo principale di agevolare l approccio di cittadini e imprese ai servizi erogati dalla Regione e di migliorare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa.tale progetto risponde alle seguenti esigenze evidenziate dalla proposta progettuale facendo esplicito riferimento ad esperienze specifiche di gestione di avvisi pubblici: sistematizzare e condividere nell ambito della PA le conoscenze per progettare bandi e formulari, mettendo a punto una piattaforma tecnologica che attraverso specifici algoritmi faciliti la predisposizione di avvisi pubblici e la costruzione di un sistema per quanto possibile automatizzato di selezione; Descrizione degli obiettivi accelerare e rendere trasparenti i processi di selezione delle istanze e dei progetti presentati in risposta ad un avviso pubblico; semplificare le procedure e ridurre tempi e costi delle operazioni, garantire l interoperabilità dei diversi sistemi gestionali (concernenti il sistema di monitoraggio, di controllo e di pagamenti) e consentire un uso ottimale delle informazioni ai fini di una migliore programmazione, valutazione e gestione. Il quadro delle esigenze viene formulato dal progetto facendo esplicito riferimento a delle criticità connesse all attuale situazione (proliferazione di archivi con i cittadini costretti a presentare per ogni avviso gli stessi documenti, mancanza di collegamento con altri sistemi gestionali, macchinosità nella comunicazione con i cittadini, ecc.). La proposta progettuale prevede un azione innovativa che, attraverso la creazione di una struttura di assistenza tecnica regionale ed un avanzata soluzione tecnologica, fornisca supporto ai vari uffici dipartimentali regionali direttamente impegnati nelle attività connesse alla gestione dell iter di un avviso pubblico. Il progetto si rivolge in primo luogo all amministrazione regionale ed in secondo luogo all utenza (cittadini, imprese, ecc.). In particolare per quanto riguarda l amministrazione regionale, il Descrizione del progetto progetto prevede il supporto agli uffici dei vari Dipartimenti responsabili della preparazione, pubblicazione e gestione di avvisi pubblici attraverso: la messa a sistema delle conoscenze in materia di avvisi pubblici, l uso di software avanzati e la standardizzazione delle modalità operative e dei controlli, nonché l accompagnamento di personale competente. Si intende, quindi, creare un sistema che consentirà di semplificare il processo di costruzione del bando, di istruttoria delle istanze e di monitoraggio. Il sistema inoltre prevede: 1) di alimentare l anagrafe unica regionale, consentendo alla PA di recuperare le 5

18 informazioni già in possesso dei vari uffici regionali; 2) di essere interoperabile con gli altri sistemi gestionali dell Ente (quali ad esempio: catasto progetti, protocollo informatico, contabilità integrata, ecc.) realizzando, in tal modo,l ottimizzazione dei processi in termini di efficienza (riduzione dei costi e dei tempi di alimentazione di banche dati, accelerazione e semplificazione dei controlli e dei pagamenti) e di efficacia (i dati di monitoraggio in tempo reale consentono la valutazione in itinere ed ex-post dell andamento dell avviso pubblico consentendo una migliore programmazione).per quanto concerne l utenza esterna (cittadini, imprese, ecc.), il progetto prevede delle interfacce multicanale (Client Server, SMS, WAP) per accedere ai bandi pubblicati online. Affinchè tutti i cittadini, anche quelli a rischio di digital divide, possano partecipare ai bandi per via telematica (l ipotesi di base è che tutti i bandi siano automatizzati), il progetto fa riferimento alla rete dei 150 internet social point (ISP), punti pubblici di accesso assistito e gratuito ad internet con particolare interesse per l accesso ai servizi erogati dalle PA diffusi capillarmente in tutti i comuni della regione, nonché ad altre strutture pubbliche riconosciute dall amministrazione regionale quali i CAA per le imprese agricole che possono fornire assistenza alla compilazione dell istanza. La soluzione progettuale scelta prevede un periodo attuativo di 2 anni con la costituzione di un Centro Servizi dotato di personale tecnico-informatico esterno e di infrastrutture tecnologiche idonee in grado di operare in affiancamento continuo con le segreterie dipartimentali e gli uffici interessati. I principali compiti saranno: gestione dell infrastruttura tecnologica (hardware e software); realizzazione e gestione dell evoluzione del software applicativo inteso come Sistema di Conoscenze eventualmente con il reimpiego delle soluzioni già in uso presso altre Regioni (Emilia Romagna o Toscana) con possibilità di personalizzazione; supporto alle segreterie dipartimentali ed al personale degli uffici nella impostazione dei formulari; supporto nella fase di controllo formale delle istanze; supporto alla definizione e pubblicazione on-line delle graduatorie; gestione front-end; produzione di regole direttive per soggetti terzi (es. Enti sub-regionali). Il risultato del progetto, della durata di 2 anni, permetterà la definizione delle procedure per lo svolgimento dell intero processo, il software di gestione automatica di Bandi/Avvisi che diventerà patrimonio dell Ente ed il completo trasferimento al personale regionale del know-how necessario per operare in autonomia. Stato della progettazione Progetto preliminare disponibile 6

19 ELABORATO PROGETTUALE REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. PROGETTO CENTRALE BANDI E AVVISI REGIONALI APQ-SI IV INTEGRAZIONE (FAS 2006) 7

20 1. Premessa Con l intento di migliorare l efficienza operativa dell Ente e di contenerne la spesa, l Ufficio SIRS, negli ultimi anni, si è fortemente impegnato in realizzazioni coerenti con il processo di digitalizzazione e di ammodernamento della P.A. regionale. La linea strategica del Sistema Informativo Regionale, infatti, persegue l obiettivo di innovare i servizi interni ed esterni all Ente e di dare piena attuazione al Codice dell amministrazione digitale anche per quel che riguarda la comunicazione telematica con il cittadino. Per realizzare quanto auspicato, la Regione Basilicata si è concentrata sulle attività di razionalizzazione e di sicurezza dei sistemi informativi e sulle attività di integrazione/interoperabilità dei diversi sistemi gestionali realizzati in modo da raggiungere l obiettivo importante di condividere informazioni e servizi, di ridurre costi e tempi di realizzazione e di manutenzione, di ottimizzare l uso delle risorse hardware e software e di definire uno standard nell uso delle metodologie e degli strumenti, elemento fondamentale, quest ultimo, per la salvaguardia degli investimenti realizzati. Unicamente attraverso questa necessaria e continua opera di ottimizzazione degli interventi ICT è possibile cogliere tutte le opportunità di realizzare economie gestionali e favorire l accelerazione del processo di innovazione dell amministrazione. In questo contesto l Ufficio SIRS ritiene necessario automatizzare il processo di pubblicazione dei bandi/avvisi finalizzati alla erogazione di contributi e/o servizi, da non confondere con i CAT Centri Acquisti Territoriali che afferiscono ad altro ambito. L idea è quella di introdurre una forte innovazione del processo amministrativo di produzione e gestione di avvisi e bandi, da realizzare attraverso due momenti: 1. l adozione di un nuovo modello organizzativo, 2. l implementazione di una infrastruttura tecnologica, fortemente ingegnerizzata, che a partire da modelli predefiniti e personalizzabili dall utente sia messa a disposizione dei dipartimenti regionali e delle amministrazioni comunali per consentire una gestione autonoma ed omogenea dei bandi e degli avvisi. Al fine di garantire una maggior copertura territoriale dei servizi innovativi, il progetto prevede anche il coinvolgimento dei Centri di Servizi Territoriali (CST) riferendoci ai due di recente costituiti nella Regione Basilicata: CST Potenza e CST Matera, che nascono proprio con l obiettivo importante di mettere a disposizione di un aggregazione di comuni medio-piccoli le risorse tecnologiche ed il know-how necessari per l erogazione dei servizi. D ora in poi, nel resto del documento, si farà riferimento alle strutture regionali intendendo anche il personale dei suddetti CST. 1.2 Contesto Normativo di Riferimento Linea d azione n 3 del Piano Triennale per l Informatica del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA). DGR n del di approvazione del nuovo Piano Basitel+ come estensione e revisione del precedente Piano Basitel. Documento Annuale di Programmazione Economica e Finanziaria (DAPEF) della Regione Basilicata, ASP 7: Modernizzazione del Sistema Pubblico regionale, punto d. sviluppo dei canali e degli strumenti della Società dell informazione e della dotazione infrastrutturale della Regione Basilicata. 1.3 Obiettivi del progetto e benefici attesi Il progetto si pone l obiettivo di continuare nella direzione dell innovazione dell organizzazione e dei processi ma, soprattutto, di realizzare un sistema di assets tecnologici che costituiscono la base 8

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 30 giugno 2014. Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Esiti della ricognizione di cui alla

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO LIGURIA IN RETE

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO LIGURIA IN RETE Ministero dello sviluppo economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Regione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE ABRUZZO TERZO ATTO INTEGRATIVO -

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE ABRUZZO TERZO ATTO INTEGRATIVO - Ministero dell economia e delle finanze Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero per le riforme e l'innovazione nella Pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa Il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella pubblica amministrazione Il Presidente del Consiglio di Stato PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI E-GOVERNMENT E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE PIEMONTE

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI E-GOVERNMENT E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE PIEMONTE Ministero dell Economia e delle Finanze Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le tecnologie Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione INTESA ISTITUZIONALE

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Regione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014

PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 PON R&C - STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AL 30.04.2014 Con riferimento agli strumenti di ingegneria finanziaria attivati dall OI MiSE-DGIAI nell ambito competitività del

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di ricerca finalizzata in materia di tutela della salute nei luoghi di lavoro

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di ricerca finalizzata in materia di tutela della salute nei luoghi di lavoro Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di ricerca finalizzata in materia di tutela della salute nei luoghi di lavoro (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso

Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso IL PRESIDENTE Premesso che: - per progetti cofinanziati dal primo avviso di e-government, si intendono i progetti riportati negli allegati A e B del decreto

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it Accordo tra Agenzia delle Entrate e Regioni per la gestione delle compensazioni, eseguite tramite modello F24, in relazione al credito d imposta per la creazione di nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA... 3 1.1 Come si presenta una domanda?... 3 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 1.3 Quali sono i documenti obbligatori da allegare alla

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico. Regione Lazio

Ministero dello Sviluppo Economico. Regione Lazio Ministero dello Sviluppo Economico Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI SOCIETA DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA

ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI SOCIETA DELL INFORMAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA Ministero dell Economia e delle Finanze Servizio per le Politiche di sviluppo territoriale e le Intese Regione Siciliana Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Dipartimento Programmazione

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Avviso per la selezione di progetti di e-learning (Pubblicato in G.U. n. 160 del 12-7-2005 p. 58) - Visto il decreto legislativo 12 febbraio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli