Esame Practitioner FX03

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame Practitioner FX03"

Transcript

1 Esame Practitioner FX03 Fascicolo Scenario La presente prova oggettiva avrà la durata di 2.5 ore. Il presente fascicolo illustra lo scenario di un progetto su cui si basano tutte le domande contenute all interno del Fascicolo omande. ll interno del Fascicolo Scenario sono disponibili informazioni aggiuntive relative ad alcune domande. Qualora ci sia un riferimento ad informazioni aggiuntive, ne verrà fatta chiara menzione nella domanda pertinente. Tutte le informazioni fornite nell ambito di una domanda devono essere applicate esclusivamente alla domanda stessa. iascuna delle 8 domande vale 10 punti, con un totale di 80 punti disponibili per l'intero esame. Il punteggio necessario per superare la prova è pari al 55% (44 punti). In ciascuna domanda si indica chiaramente l'area del programma di studio a cui ci si riferisce. L unico materiale di sostegno ammesso durante l'esame è il Manuale PRINE2. Non è consentito l uso di qualsiasi altro materiale in aggiunta al Fascicolo omande, Fascicolo Scenario, Fascicolo Risposte ed al Manuale PRINE2. Numero andidato:...

2 Questa pagina è stata lasciata in bianco intenzionalmente

3 Scenario del progetto Progetto Ristrutturazione (Nota: Riferimenti ad aziende o persone reali sono puramente casuali) Un dipartimento del governo, il Ministero dell'igiene limentare (MI), sta incontrando pressioni crescenti perché siano tagliati i costi, e sta fronteggiando dei problemi causati da controlli interni inadeguati e da tecnologie superate. Sono stati ingaggiati dei consulenti esterni di Teamtech, un'agenzia di collocamento che fornisce risorse specializzate ai dipartimenti del governo. I consulenti hanno condotto uno studio di fattibilità per identificare soluzioni per risolvere i problemi. Sono state considerate le seguenti opzioni: Non fare nulla; Ristrutturare alcune funzioni aziendali selezionate; Eliminare alcune funzioni aziendali selezionate ed appaltare a fornitori esterni l'erogazione dei relativi servizi. Lo studio di fattibilità è giunto alla conclusione che ci sono i presupposti per ristrutturare i servizi attualmente erogati da due funzioni aziendali: Infrastrutture (responsabile della manutenzione degli edifici e dei terreni) e Information Technology (IT). Le raccomandazioni dello studio sono state: Ristrutturare i servizi delle Infrastrutture e ridurre il numero di personale impiegato del 20%; Ristrutturare i servizi IT e sostituire l'attuale sistema IT con una nuova soluzione hardware e software. Lo studio di fattibilità contiene una sintesi di alto livello dell'attuale organizzazione del personale della funzione Infrastrutture, e del sistema IT esistente, oltre a un usiness ase preliminare per il progetto richiesto. I consulenti esterni di Teamtech hanno anche indicato le seguenti raccomandazioni per la gestione del progetto: Utilizzare PRINE2; Impostare il progetto con 4 fasi di gestione: o Fase 1: attività standard di inizio PRINE2; o Fase 2: creazione di un progetto dettagliato per la futura organizzazione del personale della funzione Infrastrutture, e una specifica della nuova soluzione hardware e software. Predisporre un contratto per la fornitura e l'installazione della nuova soluzione hardware e software; o Fase 3: creazione di una richiesta di offerta e valutazione delle proposte ricevute. Scelta del fornitore e stipula del contratto; o Fase 4: attuazione della nuova organizzazione del personale della funzione Infrastrutture, installazione della nuova soluzione hardware e software e avvio di un periodo di prova. Le stime iniziali hanno indicato un costo per il progetto pari a , e una previsione di 2 anni per il suo completamento. Si prevede una riduzione dei costi pari a in 10 anni. La direzione del MI ha accettato le raccomandazioni come base del progetto. In ogni caso ogni evento che possa causare la perdita dei dati del MI deve essere riferito immediatamente alla direzione. Il progetto di Ristrutturazione ha completato il processo di vvio di un Progetto, e si trova adesso nella fase di Inizio. ata l'importanza strategica del progetto, sarà il irettore Generale del MI a ricoprire il ruolo di Executive. Un Project Manager con esperienza PRINE2 è stato nominato tra il personale del MI. lcune persone delle funzioni aziendali in corso di ristrutturazione lavoreranno con i consulenti esterni che hanno preparato lo studio di fattibilità al fine di realizzare il progetto e le specifiche di dettaglio.

4 omanda 2: Tematica Organizzazione - Informazioni aggiuntive Risorse che potrebbero essere coinvolte nel progetto: ccount Manager Teamtech: E il rappresentante di Teamtech, un agenzia di collocamento che fornisce risorse specializzate ai dipartimenti del governo. Teamtech ha fornito i consulenti che hanno portato avanti lo studio di fattibilità; questi non realizzeranno nessuno dei prodotti del progetto. Tuttavia gli stessi consulenti saranno resi disponibili per supportare e per guidare i gruppi di lavoro delle Infrastrutture e dell Information Technology durante il progetto di Ristrutturazione. irettore Finanziario: E stata trasferita dalla funzione Information Technology 12 mesi fa, ed è responsabile di assicurare l adozione di un approccio economicamente conveniente in tutte le attività operative e di progetto all interno del Ministero dell Igiene limentare. Responsabile dell Hardware: Riporta al irettore dell Information Technology ed è responsabile della manutenzione dell hardware e del software per computer di tutte le funzioni aziendali. Responsabile delle Paghe: Riporta al irettore Finanziario. E un contabile efficiente e di grande esperienza, ed è responsabile della gestione di parte della ivisione Finanze per conto del irettore Finanziario. E stato coinvolto nella preparazione della strategia aziendale del Ministero e ha partecipato a una valutazione completa del rischio aziendale. Ha anche predisposto la bozza degli standard aziendali per i usiness ase. irettore della Ricerca e Sviluppo: Gestisce un team numeroso che è sempre incredibilmente indaffarato. Gran parte dei processi della ricerca e sviluppo richiedono quotidianamente degli input da parte dei gruppi di Infrastruttura e Information Technology. omprende molto bene di cosa abbia bisogno ciascun team per poter operare in modo efficace.

5 omanda 3: Tematica Qualità - Informazioni aggiuntive escrizione del Prodotto per il contratto Titolo ontratto. Obiettivo Questo accordo specifica i requisiti del MI per la fornitura e l installazione di una soluzione hardware e software e fornisce criteri misurabili nei confronti dei quali le prestazioni del fornitore esterno selezionato saranno valutate. omposizione Responsabilità del MI e del fornitore esterno selezionato. Meccanismi per il monitoraggio e per riferire sui livelli di prestazione. Processo di risoluzione delle controversie adottato dal MI. isposizioni di riservatezza. ondizioni per la rescissione del contratto. Glossario di tutti i termini tecnici contenuti nel contratto. Formato e presentazione ocumento Word in formato 4 stampato fronte-retro in bianco e nero. arattere: rial, 12 punti riteri di qualità ontiene tutti gli elementi della composizione indicata sopra. Non contiene più di 60 pagine. È conforme agli standard aziendali sull'immagine di MI. Non contiene errori tipografici. ompetenze di sviluppo richieste Responsabilità in materia di qualità apacità di correggere le bozze. Produttore/Presentatore: irettore dell Information Technology. Presidente: Project Manager. Revisore: Responsabile dell'hardware. Responsabile dell'approvazione: irettore Generale. Le informazioni aggiuntive continuano alla pagina seguente

6 ontinua Note relative alla qualità nel Promemoria Giornaliero Il contratto tra il MI e il fornitore esterno selezionato specificherà il tipo e la qualità del servizio richiesto. Il fornitore esterno selezionato dovrà seguire gli standard qualitativi del settore durante il rilascio delle soluzioni hardware e software. Il sistema di gestione per la qualità (SGQ) del MI è stato certificato conforme agli standard ISO (International Organization for Standardization). Il SGQ contiene politiche e procedure per l 80% dei processi aziendali del MI. Uno di questi processi riguarda la realizzazione dei contratti di impiego. Il SGQ contiene anche standard per i documenti che devono essere applicati a tutta la documentazione prodotta. Non è presente una procedura documentata per il controllo delle modifiche. Tutti i documenti di progetto saranno assoggettati ad una verifica di qualità. Per alcuni prodotti è richiesta una registrazione formale della qualità che deve essere firmata dal presidente del team di verifica della qualità. Estratto dalla bozza di Strategia di Gestione della Qualità (può contenere errori) Introduzione 1. Questo documento definisce l approccio che deve essere adottato nel corso del progetto per raggiungere i livelli di qualità richiesti. 2. Il omitato di Progetto avrà la responsabilità complessiva per la Strategia di Gestione della Qualità. 3. La Garanzia di Progetto è responsabile di assicurare l attuazione della Strategia di Gestione della Qualità. Procedura di gestione della qualità Standard di qualità 4. Standard qualitativi di settore per la consegna delle soluzioni hardware e software 5. Standard per i documenti del MI. Registrazioni 6. Sarà mantenuto un Registro della Qualità al fine di registrare le attività pianificate relativamente alla qualità e i risultati effettivi di tali attività. 7. Saranno mantenute delle Schede di onfigurazione per ciascun prodotto, al fine di descriverne lo stato, la versione e la variante. 8. Le registrazioni della qualità per quei prodotti che le richiedono saranno archiviate nella base dati della Qualità. Ruoli e responsabilità 9. I Team Manager forniranno informazioni sui controlli per la qualità che sono stati eseguiti. 10. I Team Manager assicureranno che il Registro della Qualità sia aggiornato con i nomi dei membri del team che hanno partecipato al processo di verifica. 11. L Utente Senior riesaminerà le escrizioni dei Prodotti per i prodotti che devono essere realizzati dal fornitore esterno selezionato per assicurarsi che questi siano realizzabili.

7 omanda 6: Tematica ambiamento - Informazioni aggiuntive Il progetto si trova nella terza settimana della fase 3. Restano ancora 41 settimane nella fase. Il contenuto della richiesta di preventivo per la gara d'appalto è stato approvato, ma la richiesta stessa non è ancora stata distribuita ai fornitori esterni. Il irettore Generale (G) del Ministero dell'igiene limentare (MI) ha convocato una riunione di emergenza a causa di una nuova iniziativa del governo per centralizzare tutti i servizi di infrastruttura. Tutti i progetti che coinvolgono servizi di infrastruttura dovranno essere interrotti immediatamente. Il Project Manager ha creato un Rapporto sulla Questione, in quanto l'ambito del progetto di Ristrutturazione dovrà essere ridotto in modo da eliminare la ristrutturazione dei servizi di infrastruttura. i sono nel budget per i cambiamenti del progetto; restano inoltre +6 settimane / -6 settimane nella tolleranza di tempo a livello di progetto e / nella tolleranza di costo a livello di progetto. Sono stati previsti per la riduzione del numero delle persone nel team delle Infrastrutture e l'aggiornamento della soluzione hardware e software. fronte di tali costi, si prevede un risparmio sui costi operativi annuali pari a o a in 10 anni. Il lavoro richiesto per ridurre l'ambito del progetto, e consegnare al MI solamente la soluzione hardware e software, è pari a fronte di tali costi si prevede un risparmio sui costi operativi annuali pari a o in 10 anni. La tempistica prevista di due anni rimane invariata. d ogni modo, il Project Manager è preoccupato in quanto le specifiche tecniche della nuova soluzione software prendono in considerazione i requisiti dei processi operativi del dipartimento Infrastrutture ristrutturato e non quelli attuali. Per rimuovere i servizi Infrastrutture dal progetto di Ristrutturazione sarà necessario riesaminare tutti i prodotti relativi all'implementazione della nuova struttura del personale della funzione Infrastrutture. È stata svolta un'analisi completa. Si prevede che implementare tali cambiamenti causerà un ritardo di tre settimane sulla fase 3 ed aumenterà i costi di tale fase di Restano nella tolleranza di costo a livello di fase della fase 3. Si prevede che l'iniziativa del governo di centralizzare i servizi infrastrutture apporterà un risparmio sui costi operativi pari a in 10 anni. Il progetto di entralizzazione ha un costo stimato pari a

8 omanda 7: Tematica Stato di vanzamento - Informazioni aggiuntive Le informazioni che seguono sono state estratte dal Pacchetto di Lavoro che è stato consegnato al Team Manager dell IT per l installazione di una nuova soluzione hardware e software realizzata dal fornitore esterno selezionato. Il Pacchetto di Lavoro è stato preparato dal Project Manager. Il trasferimento dei dati dai sistemi attuali al nuovo software dovrà avvenire con un impatto minimo sui servizi esistenti. Nello stesso periodo i servizi di Infrastrutture saranno ristrutturati. Il Team Manager dell IT dovrà lavorare con il Team Manager dell Infrastrutture per assicurare che il lavoro dei team sia sincronizzato e i relativi prodotti risultino compatibili. Il completamento di questa attività è pianificato per la fine della settimana 24 nella fase 4. Le informazioni sul progetto contenute nell estratto del documento riportato qui di seguito sono vere, ma potrebbero non essere state riportate nel documento corretto o nel paragrafo corretto. ozza del pacchetto di lavoro Tecniche, processi e procedure 1. Ogni minaccia che possa causare una perdita di dati del MI deve essere riferita immediatamente. ccordi congiunti 2. Il lavoro deve partire all inizio della settimana 2 (Fase 4). 3. Il progetto richiederà due anni per essere completato, ad un costo stimato di Tolleranze 4. Nessuna. Vincoli 5. Il personale del MI non deve essere coinvolto in attività che richiedano il sollevamento di carichi pesanti durante la rimozione degli attuali apparati IT. 6. Il lavoro di installazione deve aver luogo durante il normale orario lavorativo del MI / isposizioni relative al reporting 8. Highlight Report ogni lunedì alle Il report deve contenere una sintesi di tutti i prodotti su cui si è lavorato nel corso della settimana precedente. 10. Il Project Manager deve essere informato immediatamente e per telefono di ogni questione. Gestione dei problemi e presentazione delle eccezioni 11. L analisi dell impatto di ciascuna questione deve essere completata entro 24 ore. Estratti o riferimenti 12. Il Piano di Fase per la fase 4 è disponibile presso il Supporto al Progetto. Metodo di approvazione 13. La Garanzia del Progetto riesaminerà il Pacchetto di Lavoro finito e ne confermerà il completamento.

9 Esame Practitioner FX03 Fascicolo omande Numero andidato:...

10 Questa pagina è stata lasciata in bianco intenzionalmente

11 rea del programma di studio omanda 1 - Processi di vvio di un Progetto + Inizio di un Progetto omanda 2 - Tematica Organizzazione omanda 3 - Tematica Qualità omanda 4 - Tematica Piani omanda 5 - Tematica Rischio omanda 6 - Tematica ambiamento omanda 7 - Tematica Stato di vanzamento omanda 8 - Processi di ontrollo di Fase + Gestione della onsegna dei Prodotti

12 omanda numero 1 rea del programma di studio Processi di vvio di un Progetto + Inizio di un Progetto rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Processi di vvio di un Progetto + Inizio di un Progetto 1 4 La olonna 1 riporta un elenco di voci registrate nel Promemoria Giornaliero durante il processo di vvio di un Progetto. Per ogni voce della olonna 1 selezionate l attività in cui questa informazione avrebbe dovuto essere individuata se fosse stata applicata correttamente. Ogni selezione della olonna 2 può essere utilizzata una sola volta, più di una volta o non essere utilizzata affatto. olonna 1 olonna 2 1 ue aziende di outsourcing hanno dimostrato nel corso di altri progetti di essere inaffidabili e non dovrebbero essere incluse come fornitori potenziali di servizi. 2 Il MI sta incontrando pressioni crescenti perché siano tagliati i costi, e sta fronteggiando dei problemi causati da controlli interni inadeguati e da tecnologie superate. 3 Il nuovo hardware sarà selezionato da un elenco di soluzioni commerciali standard. La soluzione software sarà progettata e realizzata specificatamente per il MI. 4 Si suppone che i consulenti esterni Teamtech siano disponibili alla partenza della fase di inizio. Nominare l Executive e il Project Manager Reperire lezioni precedenti Strutturare e nominare il team di gestione del progetto Preparare il usiness ase preliminare E Selezionare l approccio al progetto e preparare il Project rief F Pianificare la fase di inizio

13 rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Processi di vvio di un Progetto + Inizio di un Progetto 1 3 Rispondete alle seguenti domande utilizzando lo Scenario del Progetto. ecidete se le azioni intraprese durante il processo di vvio di un Progetto rappresentano un applicazione appropriata di PRINE2 per questo progetto e selezionate la risposta che supporta la vostra decisione. 1 Il Project Manager ha realizzato una descrizione del ruolo per l Executive al momento di strutturare e nominare il team di gestione del progetto. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché le responsabilità dell Executive avrebbero dovuto essere stabilite prima di questa attività. No, perché la creazione delle descrizioni del ruolo NON è una responsabilità del Project Manager. Sì, perché le descrizioni del ruolo dovrebbero essere predisposte per tutti i ruoli del omitato di Progetto. Sì, perché il Project Manager è responsabile di questa attività. 2 urante la preparazione del usiness ase preliminare l Executive ha richiesto al irettore Finanziario del MI per finanziare il progetto. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché il costo totale del progetto non è ancora noto. No, perché questa attività è di responsabilità del Project Manager. Sì, perché l Executive è responsabile di assicurare i fondi necessari per il progetto. Sì, perché tutti i fondi necessari per il progetto devono essere disponibili prima che il progetto possa essere autorizzato. 3 urante la preparazione del Piano della Fase di Inizio il Project Manager ha definito le modalità di monitoraggio e controllo da applicare durante tutta la durata del progetto. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché questo è il ruolo dell Executive. No, perché le modalità di monitoraggio e controllo descritte nel Piano della Fase di Inizio devono essere quelle della fase di inizio. Sì, perché due dei principi di PRINE2 sono gestione per fasi e continua giustificazione di business Sì, perché il monitoraggio e controllo del progetto consente la valutazione della continua fattibilità del progetto stesso.

14 rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Processi di vvio di un Progetto + Inizio di un Progetto 1 3 Rispondete alle seguenti domande utilizzando lo Scenario del Progetto. ecidete se le azioni intraprese dal Project Manager rappresentano un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto e scegliete la risposta che supporta la vostra decisione. 1 Il Project Manager ha deciso di ritardare la creazione della Strategia di Gestione del Rischio fino alla fase 4, quando potranno essere utilizzate le procedure di gestione del rischio del fornitore esterno selezionato. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché una gestione efficace del rischio dovrebbe essere eseguita durante tutta la vita del progetto. No, perché il fornitore è esterno all organizzazione dell azienda. Sì, perché tutte le strategie dovrebbero essere sviluppate utilizzando lezioni provenienti da organizzazioni esterne. Sì, perché il fornitore esterno selezionato sarà il proprietario di tutti i rischi di progetto associati con i prodotti specialistici. 2 urante la realizzazione della Strategia di Gestione della onfigurazione il Project Manager ha deciso di raccomandare che il fornitore esterno selezionato sia autorizzato ad approvare ed attuare tutte le modifiche. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché il fornitore esterno selezionato NON rappresenta gli utenti. No, perché l utorità per i ambiamenti dovrebbe essere indipendente dal progetto. Sì, perché il fornitore esterno selezionato consegnerà dei prodotti di questo progetto. Sì, perché la salvaguardia dell integrità della soluzione completa fa parte del ruolo del Fornitore Senior / dei Fornitori Senior. 3 urante la realizzazione della Strategia di Gestione della Qualità il Project Management ha notato che il sistema per la gestione della qualità aziendale non copre in modo specifico le attività di project management. Il Project Manager si è rivolto alla Garanzia di Progetto per un parere. Si tratta di un applicazione appropriata di PRINE2 a questo progetto? No, perché il Project Manager dovrebbe modificare il sistema per la gestione della qualità aziendale con i processi mancanti relativi al project management. No, perché la Garanzia di Progetto riporta direttamente al omitato di Progetto. Sì, perché la Garanzia di Progetto è responsabile di verificare che la Strategia di Gestione della Qualità soddisfi i fabbisogni del omitato di Progetto. Sì, perché la Garanzia di Progetto è responsabile di specificare le aspettative di qualità e i criteri di accettazione del cliente per il progetto.

15 omanda numero 2 rea del programma di studio Tematica Organizzazione rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Tematica Organizzazione 2 6 Rispondete alle seguenti domande utilizzando lo Scenario del Progetto. Ogni domanda propone dei candidati in alternativa per un ruolo, supportando la candidatura con un affermazione veritiera per ciascuno di loro. Scegliete i 2 suggerimenti che, nel contesto dei ruoli e delle responsabilità raccomandati da PRINE2, forniscono una valutazione appropriata del candidato originariamente proposto per quel ruolo, o una candidatura alternativa. Ricordatevi di selezionare due risposte per ogni domanda. 1 Il irettore Generale è stato nominato per il ruolo di Executive in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Mantenere, perché il irettore Generale accetta che la ristrutturazione è la soluzione migliore. Sostituire con il irettore Finanziario, perché può garantire un approccio economicamente conveniente. Mantenere, perché ha il giusto livello di autorità che gli consente di controllare la natura strategica del progetto di Ristrutturazione. ggiungere il irettore Finanziario perché comprende l ambiente operativo. Rimpiazzare con il Responsabile delle Paghe perché è un contabile efficiente e di grande esperienza. 2 L ccount Manager di Teamtech è stato nominato per il ruolo di Utente Senior in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Mantenere, perché fornisce le risorse specializzate necessarie a supporto del progetto. Sostituire con il irettore della Ricerca e Sviluppo, perché ha rapporti con le Funzioni Infrastruttura e Information Technology e può garantire che le necessità dell utente siano specificate. Sostituire con i consulenti Teamtech perché questi si relazionano direttamente con gli utenti. ggiungere il Responsabile dell Hardware, perché si occupa della manutenzione dell hardware per computer di tutte le funzioni aziendali. Mantenere perché fornirà supporto al gruppo delle Infrastrutture durante il progetto. La domanda continua alla pagina seguente

16 continua 3 Il irettore dell Information Technology è stato nominato per il ruolo di Fornitore Senior in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Mantenere perché è responsabile della progettazione delle prassi di lavoro future della funzione Information Technology. ggiungere il irettore delle Infrastrutture perché è responsabile della progettazione della futura organizzazione del personale della funzione Infrastrutture. ggiungere il Responsabile dell Hardware perché il risultato finale del progetto avrà un impatto su di lui. Eliminare perché rappresenta soltanto la funzione Information Technology. Sostituire con il irettore delle Infrastrutture perché lui sostiene l iniziativa. 4 Il Responsabile delle Paghe è stato nominato per il ruolo di Garanzia ziendale di Progetto in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Eliminare perché il progetto avrà un impatto su di lui, e di conseguenza il Responsabile delle Paghe è da considerare un utente. Sostituire con Project Manager perché si tratta di un progetto semplice che non richiede ulteriori garanzie. ggiungere i onsulenti Teamtech perché hanno realizzato lo studio di fattibilità. ggiungere il irettore Finanziario perché è responsabile di verificare che tutti i pagamenti ai fornitori e ai subappaltatori siano autorizzati. Mantenere perché conosce bene la strategia aziendale del Ministero dell Igiene limentare, il livello di valutazione del rischio aziendale e gli standard per il usiness ase. 5 Il irettore delle Infrastrutture è stato nominato per il ruolo di Garanzia di Progetto del Fornitore in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Mantenere perché è in possesso di una qualificazione professionale riguardante la gestione delle infrastrutture e quindi è in una posizione adeguata per specificare le necessità del personale delle Infrastrutture. Mantenere perché sarà in grado di fornire informazioni su molti dei prodotti che consentiranno la ristrutturazione, come ad esempio la futura organizzazione del personale delle Infrastrutture. Mantenere perché è ben visto all interno del Ministero per il livello di efficienza, l ottimo livello di servizio e i risparmi che ha ottenuto nel servizio Infrastrutture. ggiungere l 'ccount Manager Teamtech' perché fornirà informazioni sulle modifiche potenziali e il relativo impatto sull integrità dei prodotti del progetto. Rimuovere perché è coinvolto nel progetto e quindi NON è indipendente. La domanda continua alla pagina seguente

17 continua 6 Il irettore della Ricerca e Sviluppo e il Responsabile Hardware sono stati nominati per il ruolo di Garanzia di Progetto dell Utente in questo progetto. Quali sono i 2 suggerimenti appropriati per questa nomina? E Mantenere perché sono entrambi molto favorevoli alla ristrutturazione delle funzioni aziendali individuate. Mantenere perché possono garantire che la relazione con gli utenti si svolga correttamente. Rimuovere perché nessuno dei due proviene dalle funzioni aziendali che devono essere ristrutturate. Mantenere perché scegliere uno solo dei due potrebbe generare conflitti non necessari. Mantenere perché possono fornire informazioni sull impatto di potenziali cambiamenti.

18 rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Tematica Organizzazione 2 4 Rispondete alla domanda seguente riguardante i ruoli nel progetto Ristrutturazione utilizzando lo Scenario del Progetto e le informazioni aggiuntive fornite nel Fascicolo Scenario per questa domanda. Le righe da 1 a 4 della tabella che segue comprendono un affermazione e la relativa motivazione. Per ciascuna riga individuate l opzione appropriata tra le cinque (da a E). Ogni opzione può essere utilizzata una volta, più di una volta o non essere utilizzata affatto. Opzione ffermazione Motivazione Vera Vera E la motivazione spiega l affermazione Vera Vera M la motivazione non spiega l affermazione Vera Falsa Falsa Vera E Falsa Falsa ffermazione Motivazione 1 Sarebbe appropriato che il fornitore esterno prescelto, che era stato selezionato nella fase 3, fosse rappresentato durante la fase 4 con un Fornitore Senior nel omitato di Progetto. 2 Sarebbe appropriato nominare più di una persona nel ruolo di Supporto al Progetto. 3 Sarebbe appropriato scegliere il Responsabile dell Hardware per il ruolo di Fornitore Senior. 4 Sarebbe appropriato scegliere il Responsabile delle Paghe per il ruolo di Garanzia ziendale. PERHÉ Il Fornitore Senior è responsabile di valutare la fattibilità dell approccio al progetto. PERHÉ Il Fornitore Senior è responsabile di garantire che sia stato specificato il risultato finale desiderato del progetto. PERHÉ Il Fornitore Senior è il responsabile ultimo della qualità dei prodotti consegnati dai fornitori. PERHÉ Il ruolo di Garanzia ziendale dovrebbe essere assegnato a qualcuno in possesso della qualifica di contabile.

19 omanda numero 3 rea del programma di studio Tematica Qualità rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Tematica Qualità 3 3 Le domande seguenti contengono soltanto affermazioni veritiere riguardanti il progetto di Ristrutturazione, ma soltanto una frase è appropriata per il paragrafo della escrizione del Prodotto del Progetto specificato nella domanda. 1 Quale affermazione dovrebbe essere riportata nel paragrafo riteri di accettazione? La nuova soluzione hardware e software dovrebbe consentire l elaborazione del 500% di dati in più rispetto al sistema esistente. Ogni modifica ai prodotti del progetto deve essere gestita tramite il controllo formale delle modifiche. I consulenti esterni devono fornire indicazioni su come realizzare una soluzione di dettaglio per la futura organizzazione del personale delle Infrastrutture. Il fornitore esterno selezionato dovrà essere nominato nella fase 3. 2 Quale affermazione dovrebbe essere riportata nel paragrafo Tolleranze sulla qualità a livello del progetto? Il numero dei membri del personale delle Infrastrutture deve essere ridotto del 20% e tutti i servizi delle Infrastrutture devono essere ristrutturati. Il personale delle Infrastrutture deve essere ristrutturato per evitare la possibilità di scioperi. L'aumento dei costi di manutenzione deve essere minimo. Per mantenere una funzionalità efficiente, almeno il 15% del personale delle Infrastrutture deve essere messo in mobilità, ma non più del 25%. 3 Quale affermazione dovrebbe essere riportata nel paragrafo Tolleranza di qualità per il progetto? Il numero del personale delle Infrastrutture deve essere ridotto del 20% e tutti i servizi delle Infrastrutture devono essere ristrutturati, Il personale delle Infrastrutture deve essere sottoposto a ristrutturazione il più presto possibile per evitare la possibilità di scioperi. L aumento dei costi di manutenzione deve essere ridotto al minimo. Per garantire un funzionamento efficace delle infrastrutture si deve ridurre almeno del 15% il personale delle Infrastrutture, ma non lo si deve ridurre più del 25%.

20 rea del programma di studio omanda numero Parte Punti Tematica Qualità 3 3 Utilizzando lo Scenario del Progetto e la escrizione del Prodotto fornita come informazione supplementare per questa domanda nel Fascicolo Scenario, rispondete alla seguente domanda. Il irettore dell Information Technology è responsabile della realizzazione del contratto di fornitura e dell installazione della soluzione hardware e software. Il Pacchetto di Lavoro non contiene altri prodotti e ha una tolleranza di +2 giorni / -2 giorni. Il contratto è stato prodotto nei termini stabiliti ed è in corso la riunione di verifica della qualità. Le 3 voci seguenti sono state incluse in un elenco consolidato delle domande o sono state sollevate durante la riunione. Selezionate l azione che il gruppo di verifica dovrebbe concordare allo scopo di gestire appropriatamente ciascuna voce. 1 Il logo aziendale del MI dovrebbe essere riportato sulla prima pagina del contratto, anche se questo non è specificato negli standard aziendali attuali per l uso del marchio. Modificare il contratto nei rimanenti +2 giorni di tolleranza. Presentare una questione (fuori specifica). Presentare una questione (richiesta di cambiamento). ccettare il contratto con una concessione. 2 Il contratto non è stampato a colori. Ridisegnare il contratto nei rimanenti +2 giorni di tolleranza. Presentare una questione (fuori specifica). ccettare il contratto con una concessione. Non è necessaria alcuna azione. 3 Il contratto non contiene il processo di risoluzione delle controversie del MI. ggiungere questo processo richiederà un giorno di lavoro ma farà sì che il contratto superi le 60 pagine. Presentare una questione (fuori specifica). Presentare una questione (richiesta di cambiamento). ggiungere il processo di risoluzione delle controversie del MI nei rimanenti +2 giorni di tolleranza. Non è necessaria alcuna azione.

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA. Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE

Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA. Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE 1 Introduzione 1.1 Premessa 1. Il presente Allegato A2

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno.

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno. Glossario Internal Auditing Fonte: Associazione Italiana Internal Audit (AIIA) www.aiiaweb.it Adeguato controllo Un controllo è adeguato se viene pianificato e organizzato (progettato) dal management in

Dettagli

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Come è ormai noto a quanti operano nel campo della qualità, è stata pubblicata la nuova revisione della ISO 9001. Le Norme ISO toccano numerosi ambiti

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5 Gentile Cliente, la presente comunicazione ha lo scopo di illustrare i servizi compresi nel contratto che prevede la fornitura di aggiornamenti e assistenza sui prodotti software distribuiti da Sinergica

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

Funzione Data Firma Data Firma

Funzione Data Firma Data Firma Pagina 1 di 8 DATA FUNZIONE FIRMA Progettato 31/01/2012 Dr. Dario Macchioni Redatto 01/03/2012 Dr. Dario Macchioni Verificato 06/03/2012 Dr. Luigi Rubens Curia Approvato In vigore GESTORE: Funzione Dott.

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE Manuale d uso UTILIZZO delle PROCEDURE Versione 1.0 Maint manager è sviluppato da ISI per Sommario. Manuale utente...1 Sommario...2 Gestione della manutenzione:...3 Richieste di servizio...3 Dichiarazione

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata 1 Presentazione della nuova Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Valutazione della conformità Requisiti generali per gli organismi che operano la certificazione delle persone Giancarlo Colferai Presidente

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali PARTE 4 SOMMARIO 1. Specificazione del contesto internazionale 2. Oltre gli accordi di protezione

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione (traduzione del documento ISO/TC176/SC2/N544R) Questo documento guida vuole aiutare gli utilizzatori delle norme

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP Pag. 1 di 10 PROCEDURA DI AUDIT EUCIP REVISIONI 1 10/05/04 Prima Emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Funzione Qualità delle Certificazioni EUCIP Responsabile

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test )

Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test ) Sicurezza Aziendale: gestione del rischio IT (Penetration Test ) Uno dei maggiori rischi aziendali è oggi relativo a tutto ciò che concerne l Information Technology (IT). Solo negli ultimi anni si è iniziato

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROJECT MANAGER ED I CORSI DI Cod. QI 62 01 00a REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROJECT MANAGER ED I CORSI DI Cod. QI 62 01 00a REGOLAMENTO GENERALE STORIA DELLE REVISIONI: REGOLAMENTO GENERALE Rev. 02 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROJECT MANAGER ED I CORSI DI N DATA MOTIVO EMETTE APPROVA 00 2013-03-18 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli