ATTIVITA PROGETTUALI ALL ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA PROGETTUALI ALL ESTERO"

Transcript

1

2

3

4 ATTIVITA PROGETTUALI ALL ESTERO A) ACCOGLIENZA TEMPORANEA BAMBINI BIELORUSSI (VOCE DI BILANCIO PROGETTO ACCOGL.ZA 2014 COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI RIGA TOTALE COSTI ) SETTORE: SANITARIO/SOCIALE PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: BAMBINI BIELORUSSI TRA I 7 E I 12 ANNI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: MIGLIORATE CONDIZIONI PSICO FISICHE DEI BAMBINI BIELORUSSI VITTIME DELLE RADIAZIONI NUCLEARI DI CHERNOBYL OSPITATI IN ITALIA DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : Trattasi di accoglienza di bambini bielorussi di età compresa tra i 7 e i 12 anni provenienti da zone contaminate a seguito dell esplosione della Centrale Nucleare di Chernobyl. L accoglienza avviene mediante i Comitati disseminati su tutto il territorio nazionale Italia, i quali consistono in gruppi di persone motivate (almeno 10), spinte da spirito altruistico e di solidarietà, che insieme lavorano a titolo gratuito, per il raggiungimento di uno scopo di cui si fanno promotrici. I Comitati di famiglie agiscono nel pieno rispetto delle norme e procedure stabilite dal Comitato Minori Stranieri, organismo nazionale che tutela i minori che, a qualunque titolo, entrano in Italia, a garanzia del bene dei bambini ospitati. Il Comitato, dotato di una minima struttura interna che gli permetta di interfacciarsi con la Fondazione nelle questioni pratiche e burocratiche, decide la ciclicità dell accoglienza (per quanti anni accogliere lo stesso bambino), sceglie se accogliere bambini provenienti da famiglie o da istituto (dove si trovano bambini senza genitori o privati della patria potestà da parte dei genitori per loro inadempienze) e il periodo dell accoglienza, che può essere estivo o scolastico. Di norma i bambini provengono da famiglie o da orfanotrofi e vengono inseriti in famiglie italiane che ne fanno richiesta per un periodo di tempo concordato. I bambini vengono accompagnati da interprete nella proporzione di 1/20. I bambini provenienti da famiglia possono venire fino ad un massimo di tre volte, un mese, una volta l anno, mentre quelli provenienti da istituto possono venire anche più di tre volte, un mese, una volta l anno. I documenti necessari per le famiglie italiane atti ad ospitare il bambino e tutti gli adempimenti consequenziali per il soggiorno sono predisposti ed organizzati dalla Fondazione. RISULTATI OTTENUTI: La Fondazione Aiutiamoli a Vivere ha ospitato nell anno 2014, minori bielorussi e 236 accompagnatori, come da tabella sottostante. TOTALE SESSO M F F I F I TOTALE ACCOMPAGNATORI MAESTRE INTERPRETI

5 REGIONE N. BAMBINI N. ACCOMPAGNATORI CALABRIA 5 1 E. ROMAGNA LAZIO 8 1 LOMBARDIA PIEMONTE 45 7 SARDEGNA 7 1 SICILIA 20 3 TOSCANA 25 5 TRENTINO/FRIULI UMBRIA 45 4 VENETO TOTALE Le famiglie italiane sono sempre più orientate verso l accoglienza di minori provenienti da famiglie, proprio perché quando gli stessi provengono da Istituto, anche se in numero ridotto (sei o sette) insieme all interprete, è fatto obbligo di ospitare anche una maestra, quindi costi maggiori per i Comitati. L attività dell accoglienza temporanea dei minori bielorussi è realizzata ogni anno in collaborazione con i Comitati regionali e locali della Fondazione Aiutiamoli a Vivere, con la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk), con il Comitato Minori Stranieri per lo svolgimento delle pratiche burocratiche. L attività dell accoglienza temporanea dei minori bielorussi è totalmente finanziata dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dai suoi Comitati su territorio nazionale. B) PROGETTO SCUOLA FABBRICA (VOCE DI BILANCIO PROGETTI 2014 COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI - RIGA 2/0010 SETTORE: EDUCATIVO/FORMATIVO PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: ISTITUTO DI SENNO E CERNITSY (REGIONE DI VITEBSK), ISTITUTO DI OSHMIANY; RAGAZZI/E PRESENTI NEI SUDDETTI ISTITUTI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: TRIENNALE, IN CORSO OBIETTIVI: AUMENTATE LE POSSIBILITA LAVORATIVE NEL TESSUTO SOCIALE E PRODUTTIVO DEL TERRITORIO BIELORUSSO DEI RAGAZZI/E USCITI DAGLI ISTITUTI DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : La pluriennale cooperazione esistente tra la Fondazione Aiutiamoli a Vivere e la Bielorussia, nonché lo studio delle condizioni sociali della stessa, hanno evidenziato come il fermarsi al semplice assistenzialismo non riesca a produrre cambiamenti rilevanti. La Fondazione Aiutiamoli a Vivere ha sempre ritenuto che l accoglienza dei bambini bielorussi non dovesse rimanere fine a se stessa ma essere un volano che avviasse una solidarietà concreta anche e soprattutto nei luoghi dove vivono e dove si svolgerà il loro futuro. L aiuto umanitario pure e semplice riamane utile ma insufficiente a creare i presupposti per avviare e dare continuità al processo di reinserimento sociale, in modo tale da garantire una reale prospettiva di miglioramento di vita per i giovani. Questa considerazione ha spinto la Fondazione ad intraprendere una collaborazione più stretta con l orfanotrofio di Senno che opera su bambini e giovani

6 svantaggiati. Da questo contatto e confronto è nata l idea di costruire un progetto comune che ha come obiettivo finale quello di fornire ai beneficiari un ambiente e degli strumenti conoscitivi per un effettivo superamento dell emarginazione sociale. Considerando che attualmente sono circa in 130 istituti, la Fondazione non può risolvere il problema ma crede di poter dare un segnale positivo di cambiamento di una situazione ormai mummificata e che senza input dall esterno non riesce a trovare dentro di sé la forza di evolversi con fiducia nel futuro. I bambini ospiti degli istituti, raggiunti i diciassette anni, non possono più soggiornarvi e, nel migliore dei casi, sono inseriti in corsi di avviamento al lavoro i quali, oltre che essere non aggiornati ne qualificanti, prospettano ai ragazzi una vita con scarsi guadagni, in una società appiattita in cui è difficilissimo emergere ed è la stessa che ha portato i loro genitori sulla strada dell alcoolismo e della delinquenza. La soluzione è stata quella di individuare un istituto pilota in cui sperimentare soluzioni nuove, pertanto, nel 1998 l idea ha preso corpo nell Istituto di Senno, nella provincia di Vitebsk. RISULTATI OTTENUTI: Anno 2014: SENNO (Reg. di Vitebsk Repubblica di Belarus) - Attualmente sono presenti n 103 ospiti. - Produzione con vendita sul libero mercato (mercati locali e partecipazione a mostre - mercato regionali) - Settore SARTORIA: Ricavo netto Rbl Settore FALEGNAMERIA: Ricavo netto Rbl Settore AGRICOLO (produzioni a pieno campo, serricoltura, apicoltura): Ricavo netto. Rbl CERNITSY (Reg. di Vitbesk Repubblica di Belarus) Al momento attuale non in attività, in attesa che il Ministero della Sanità della Belarus, adotti le trasformazioni programmate dalle direttive Presidenziali. OSHMIANY (Reg. di Grodno Repubblica di Belarus) - Attualmente n 103 ospiti presenti, al termine dell anno scolastico saranno dimessi n 22 allievi frequentanti la nona classe e n 11 allievi frequentanti l undicesima classe. - Settore SARTORIA e MAGLIERIA: Ricavo netto Rbl Settore FALEGNAMERIA: Ricavo netto Rbl Settore AGRICOLO: ALLEVAMENTO suini + bovini: Ricavo Rbl PRODUZIONI PIENO CAMPO SERRICOLTURA APICOLTURA: Ricavo Rbl Le produzioni dei settori della sartoria e falegnameria (quantificabili attorno al 20-25%) e del settore orticolo (40%) vengono prodotti e reimpiegati per uso interno alle scuole - fabbrica con conseguente maggiorazione finanziaria. All interno delle due scuole - fabbrica esistono laboratori di parrucchiera che producono reddito solamente utilizzato all interno delle stesse. IMPRESA SOCIALE Il Progetto Impresa sociale nasce come ampliamento e completamento del Progetto Scuola Fabbrica con l intento di agevolare la formazione e l inserimento nel mondo del lavoro dei ragazzi/e bielorussi all interno del tessuto sociale e produttivo. L idea progettuale è quella di far

7 convergere in un unica direzione formazione professionale (Progetto Scuola Fabbrica) e formazione universitaria (Progetto Adozione studenti universitari) dando vita alla nascita di imprese sociali nella consapevolezza che la formazione costituisca la carta vincente per l autonomia delle persone, specialmente le più fragili e con minori opportunità. La criticità riscontrata in questi anni di attività è proprio il contesto carente di strutture economico - produttive in grado di accogliere i ragazzi formati. Per questa ragione nasce il Progetto Impresa Sociale che nel 2014 ha preso il via attraverso le prime due missioni di monitoraggio necessarie per la definizione dell idea imprenditoriale e la sua possibilità di realizzazione, anche in termini burocratici, e per poter individuare i beneficiari da coinvolgere, valutandone le attitudini imprenditoriali. Il progetto Scuola Fabbrica è realizzato in collaborazione con gli istituti di Senno, Cernitsy, e Oshmiany, con i Comitati della Fondazione Aiutiamoli a Vivere su scala nazionale, con la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk). Il progetto Scuola Fabbrica è finanziato in termini economici dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dai suoi Comitati nella misura del 40% mentre il restante 60% è stanziato dagli istituti bielorussi destinatari del progetto in termini di aiuto benevolo e messa a disposizione del personale. C) PROGETTO VACANZE LAVORO (VOCE DI BILANCIO PROGETTI 2014 COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI - RIGA 2/0012) SETTORE: SOSTEGNO AMBIENTALE/EDILIZIA PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: ISTITUTI BIELORUSSI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: RISTRUTTURATI GLI AMBIENTI DEGLI ISTITUTI BIELORUSSI DOVE VIVONO I BAMBINI/E AL FINE DI MIGLIORARE LA QUALITA DELLA LORO VITA DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : La situazione precaria degli istituti e orfanotrofi bielorussi ha dato vita al progetto Vacanze Lavoro mirato alla ristrutturazione ed installazione di nuovi impianti nelle cucine, refettori, servizi igienici, lavanderie e aule di laboratorio. Il progetto in questione è parte integrante dei progetti di sviluppo volti a finanziare attività e realizzare infrastrutture che possano contribuire a rafforzare l autonomia delle comunità locali bielorusse e migliorare la qualità di vita dei ragazzi/e e del personale all interno degli istituti. Ogni anno volontari che provengono da tutte le regioni di Italia trascorrono 15 giorni di intensa vacanza prestando la loro opera presso gli istituti. I volontari sono tutti tecnici specializzati, artigiani, uomini e donne di buona volontà pronti a vivere un esperienza di gruppo. Il progetto, verificati i risultati ottenuti in vent anni di attività, ha ottemperato al compito assunto fin dall inizio quale progetto di sviluppo. Nel ormai lontano 2004 il direttore dell internato di Senno (Vitebsk) affermava: E uno dei progetti della Fondazione più apprezzato in Bielorussia e più desiderato negli istituti. E il progetto che permette di salvare le strutture, di creare le condizioni normali della vita dei bambini, di raggiungere il più alto livello igienico e funzionale. E il progetto che cambia generalmente le strutture e richiede un modello nuovo di manutenzione, di conoscenza generale delle tecnologie moderne. E il progetto che non crea dubbi nella gente bielorussa a riguardo degli scopi dei volontari e lo si vede in tutti. Lo scopo ripete ogni volontario è aiutare i bambini! E il progetto che per due settimane cambia la vita nell istituto. Arriva la gente italiana, la gente allegra, aperta, sincera, comprensiva e spesso cambia questa vita per sempre. I volontari del progetto in tutti questi anni hanno condiviso difficoltà e contribuito ad alimentare la speranza in un futuro migliore nei collettivi e nei bambini in più di 27 scuole internat, in due centri diurni per ragazzi con diverse disabilita, in un priut (centro di prima accoglienza), in scuole ed asili di villaggi e in un dispensario medico. Sono state 1266 le presenze dei volontari in questi anni e il valore

8 economico dei lavori realizzati sfiora i di euro. Dal 2007 il progetto si è preso in carico l istallazione di serre per la produzione di ortaggi che integrano l alimentazione dei bambini degli istituti. Questo nuovo progetto è stato elogiato non solo dalle autorità locali ma anche da quelle nazionali. Sono state installate serre anche nelle scuole di villaggio e in un centro sociale per adulti. Questo progetto poi ha un valore aggiunto dato dal fatto che le serre, ben 36, sono state totalmente pagate dai nostri comitati. RISULTATI OTTENUTI: Anno 2014: RISTRUTTURAZIONE REPARTO PEDIATRIA PRESSO L OSPEDALE CENTRALE PROVINCIALE DELLA CITTA DI SLAVGOROD REGIONE DI MOGHILEV Diverse sono state le missioni preventive presso l ospedale per verificare e concordare con i partner locali le lavorazioni e le forniture dei materiali a loro carico, organizzare gli aspetti di gestione delle squadre che si sarebbero succedute nelle quattro settimane. Le scelte dei materiali da utilizzare, la loro tipologia funzionale alle modalità di lavorazione e di posa in opera, i tempi di messa in opera, di asciugatura etc. risultano fondamentali per la garanzia, oltre che di buona riuscita dell intervento, anche dell assoluta certezza di poterlo completare in tempo. La fase successiva è stata quella del reperimento dei materiali che dovevano essere spediti in Belarus, nella quale hanno giocato un ruolo fondamentale le molte ditte che ormai da anni danno il loro apporto nella fornitura dei materiali e delle attrezzature quali la Kerakoll, la Saniplast, la Marazzi, la Sanitaria Lodigiana e le tante altre. La partenza delle squadre di lavoro, che di regola si svolge a cavallo della metà di agosto, quest anno, proprio per le problematiche sopra descritte, è stata necessariamente anticipata di due settimane: il 21 luglio sono partiti i primi 21 volontari, alcuni dei quali sono rimasti per tutte e quattro le settimane dei lavori, mentre altri 28 sono arrivati le ultime due settimane per portare a termine il progetto. L intervento presso l ospedale è stato eseguito con una certa tranquillità, anche se con ritmi di lavoro decisamente sostenuti, rispettando perfettamente le tempistiche esecutive e le modalità di finitura dell intervento. Grande il supporto della direttrice dell ospedale e di tutte le sue collaboratrici, dei responsabili della provincia di Slavgorod che, pur essendo in un periodo particolarmente complicato per loro, hanno cercato in tutti i modi di risolvere quei piccoli problemi che si presentavano nello sviluppo del cantiere. In 24 giorni effettivi di lavoro sono stati posati circa 350 mq di pavimento e circa 450 mq di rivestimenti; abbiamo rasato circa 1200 mq di pareti; abbiamo posato circa 800 mq di cartongesso e circa 300 mq di controsoffitti; sono stati utilizzati 20 mc di argilla espanso, 33 mc di sabbia, kg di cemento, 7500 kg di rasante per pareti; sono stati posati centinaia di metri di tubi idraulici e chilometri di fili elettrici; sono stati tinteggiati circa 2500 mq di pareti e soffitti. Il 9 ottobre 2014 il reparto è stato dedicato, nel ventesimo anno dalla prima edizione delle Vacanze Lavoro, al Socio Fondatore, prematuramente scomparso, Padre Vincenzo Bella. Il progetto Vacanze Lavoro è realizzato in collaborazione con gli istituti di bielorussi, con la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk), con l Associazione Lombardia Onlus della Fondazione Aiutiamoli a Vivere e con i Comitati della stessa su scala nazionale. Il progetto Vacanze Lavoro è finanziato in termini economici dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere, dall Associazione Lombardia Onlus della Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dagli istituti bielorussi destinatari del progetto in termini di aiuto benevolo e messa a disposizione del personale.

9 D) PROGETTO SERGIO GALLIA (VOCE DI BILANCIO PROGETTI COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI RIGA 2/0009) SETTORE: SOSTEGNO MEDICO/SANITARIO PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: ISTITUTI E VILLAGGI BIELORUSSI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: MIGLIORATA LA CONDIZIONE ORALE DEI BAMBINI/E OSPITI DEGLI ORFANOTROFI BIELORUSSI MEDIANTE LA MODERNIZZAZIONE DEGLI STUDI DENTISTICI PRESENTI NEGLI STESSI DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : Il progetto Sergio Gallia (dal nome del suo ideatore prematuramente scomparso) consiste nell installazione e nella manutenzione di riuniti dentistici presso alcuni orfanotrofi e piccoli ambulatori bielorussi, oltre alla fornitura di materiale di consumo per le cure dentistiche. Fu nel 1994 che l ideatore del progetto (Sergio Gallia) si mise al lavoro. La sua intenzione di allestire e mantenere studi dentistici negli istituti bielorussi si sarebbe rivelata un idea geniale e feconda, in quanto si dava la possibilità di poter curare i denti di circa 2500 bambini che altrimenti, viste le condizioni precarie in cui versano gli istituti bielorussi, avrebbero avuto ben poche possibilità di assistenza dentistica se non alcuna nei casi più gravi. Il progetto è affidato a due coordinatori, un tecnico di riuniti dentistici ed un tecnico elettricista idraulico che ogni anno si recano in Bielorussia per effettuare un giro di ricognizione e per la manutenzione di tutte le istallazioni che dal 1995 ad oggi risultano essere 18. RISULTATI OTTENUTI: Nell anno 2014 il progetto Gallia ha finanziato l acquisto e l installazione da parte della ditta bielorussa VMK di un nuovo riunito dentistico destinato al Policlinico di Novy Lyscitsy. Al 2013 il Progetto Gallia consta di 19 riuniti dentistici installati sul territorio bielorusso, di cui 4 al momento inattivi. Quelli attivi sono: 7 presso le Skola Internat (orfanotrofi) di Vileika, Vietrino, Senno, Belynici, Ulukovie, Ielsk e Kobrin, 4 rispettivamente presso i policlinici di Mikhaliova (nei pressi di Bobruisk), di Novy Lyscitsy e Molciad(regione di Brest) e Riasno (regione di Moghilev), 1 presso l internato per adulti di Babinici (provincia di Orsha, regione di Vitebsk), 1 presso l Istituto per la cura della scoliosi di Moghilev ed infine 2 presso le scuole di Dobromisli (provincia di Liosna, regione di Vitebsk) e di Rogaciov (regione di Gomel). Quelli inattivi si trovano presso gli internati ora chiusi di Dubrovno, Svetlagorsk e Cernitsy. Anche a Poriece lo studio è inattivo ma a causa della mancanza del dentista. Tutti gli impianti (tranne le nuove installazioni che utilizzano acqua distillata) dispongono del filtraggio dell acqua (filtro meccanico a calza). L utilizzo di acqua filtrata (date le condizioni dell acqua in Bielorussia) è una garanzia in più sia per i piccoli pazienti sia per le condizioni di lavoro degli stessi impianti. Tutti gli impianti sono dotati di sterilizzatrice, MOCOM W10 o De Giorgi WS-01 installate nell ambito del Progetto. Solo i Policlinici di Mikhaliova, Riasno e Novy Lyscitsy utilizzano l autoclave dell ospedale. Le installazioni hanno ricevuto il materiale di consumo richiesto, materiale acquistato completamente in Bielorussia. Il progetto Sergio Gallia è realizzato in collaborazione con gli istituti di bielorussi, con la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk) e con i Comitati della Fondazione Aiutiamoli a Vivere su scala nazionale. Il progetto Sergio Gallia è finanziato in termini economici dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dai suoi Comitati presenti sul territorio nazionale.

10 E) PROGETTO SANITARIO (VOCE DI BILANCIO PROGETTI COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI RIGA 2/0008) SETTORE: MEDICO/SANITARIO; FORMATIVO PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: BAMBINI BIELORUSSI AFFETTI DA PATOLOGIE VARIE E MEDICI BIELORUSSI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: INCREMENTATA LA QUALITA DELL ASSISTENZA SANITARIA OFFERTA A PAZIENTI BIELORUSSI AFFETTI DA PATOLOGIE VARIE, MEDIANTE ATTIVITA VOLTE ALL OTTIMIZZAZIONE DELLA DIAGNOSTICA, DELLA TERAPIA CHIRURGICA E DELLA RIABILITAZIONE DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : Il progetto si articola in formazione, educazione ed aiuti umanitari specifici in determinate aree d intervento medico. Nello specifico vengono sostenuti economicamente ed organizzati stage di medici bielorussi in Italia e convegni di carattere medico sanitario in Bielorussia. Al contempo vengono somministrati medicinali di diverso genere a pazienti bielorussi affetti da patologie varie ed infine viene organizzata e finanziata l accoglienza terapeutica in Italia di persone audiolese. RISULTATI OTTENUTI: Nel 2014 il Progetto Sanitario ha predisposto e sostenuto uno stage a Messina per la Dott.sa bielorussa Gianna Ghiriliuk dell ospedale pediatrico di Brest inerente la malattia della fibrosi cistica ed ha provveduto all invio in Bielorussia di medicinali per la cura di differenti patologie. Il Progetto Sanitario è realizzato in collaborazione con gli la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk) e con i Comitati della Fondazione Aiutiamoli a Vivere su scala nazionale. Il Progetto Sanitario è finanziato in termini economici dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dai suoi Comitati presenti sul territorio nazionale. F) PROGETTO MUCOVISCIDOSI (VOCE DI BILANCIO PROGETTI 2014 COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI - RIGA 2/0006) SETTORE: SOSTEGNO MEDICO/SANITARIO PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: ASSOCIAZIONE MUCOVISCIDOSI DI MINSK E OSPEDALE DI MINSK; 70 BAMBINI BIELORUSSI AFFETTI DA FIBROSI CISTICA ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: OTTIMIZZATA LA DIAGNOSTICA, CURA, OSSERVAZIONE E RIABLITAZIONE MEDICA DEI BAMBINI BIELORUSSI AFFETTI DA FIBROSI CISTICA DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : L attività congiunta italo - bielorussa presuppone l istituzione di una linea di collaborazione, consistente nella preparazione di personale medico e paramedico del Centro Repubblicano per la pneumologia e Fibrosi Cistica, che opera presso la clinica pediatrica n. 3, e dei medici del Centro diagnostico di Minsk che si occupano di osservazione permanente dei bambini affetti da fibrosi cistica. Detta linea collaborativa, inoltre, è volta ad attivare scambi di esperienze pratiche dei medici italiani negli istituti di cura e diagnostica di Minsk, al fine di applicare le metodologie reciprocamente accettabili e compatibili di cura, prevenzione e riabilitazione dei malati. Tutto ciò, così come la più generale collaborazione italo - bielorussa, si propone di consentire all equipe del Centro di Minsk per fibrosi cistica ed ai presidi regionali una sufficiente sicurezza ed autonomia nel prossimo futuro.

11 Se si volessero dettagliare gli obiettivi che la Fondazione persegue mediante il progetto mucoviscidosi, essi sarebbero: 1) Favorire conoscenze e collaborazioni fra il Centro Repubblicano di Minsk ed i Centri Ospedalieri italiani mediante la promozione di convegni di studio ed approfondimenti al fine di adottare comuni protocolli di cura 2) Favorire la partecipazione di personale medico e paramedico a convegni internazionali inerenti la fibrosi cistica 3) Favorire la conoscenza di comuni norme di comportamento per la prevenzione degli stadi di aggravamento avanzato della patologia 4) Creare direttamente in Bielorussia la possibilità, per i malati di fibrosi cistica, di ricevere una diagnosi corretta ed una assistenza medica adeguata, sia domiciliare che ospedaliera, mediante un appropriata formazione ed un continuo aggiornamento medico, nonché attraverso la possibilità di consulti con i medici italiani 5) Fornire i medicinali essenziali alla cura precisa e costante della fibrosi cistica 6) Fornire le attrezzature specialistiche per la fisioterapia 7) Realizzare anche per i bambini malati dei soggiorni vacanza in Italia, presso famiglie o in strutture, al fine di effettuare approfondimenti diagnostici o semplicemente per dare la possibilità a tali pazienti di poter usufruire di una vacanza ristoratrice. 8) Concorrere al potenziamento della diagnostica e dell assistenza sanitaria attualmente esistente nella città di Minsk. 9) Favorire la costituzione di reparti regionali specializzati in diagnostica, prima assistenza e ricovero, da dislocarsi in strutture che abbiano caratteristiche idonee. 10) Donare assistenza alle famiglie con bambini malati di mucoviscidosi. RISULTATI OTTENUTI: Il progetto Mucoviscidosi, in 16 anni si è sviluppato partendo dalla costituzione dell associazione delle famiglie per poter fare più pressione sulle istituzioni, continuando con la formazione di medici e fisioterapisti, vacanze terapeutiche per gruppi di mamme con bambini piccoli o per adulti, la fornitura continua di farmaci, apparecchi di aerosol terapia, strumenti di diagnosi come il Nanoduct o generatori di ossigeno per malati che spesso ne hanno bisogno per gran parte della giornata. Al di là dell aiuto concreto e diretto, tutto questo ha prodotto altri risultati: - Registrazione in Bielorussia di alcuni farmaci come la Colimicina che in precedenza venivano usati solo se portati dalla FAV. Registrazione ed acquisto dei kit di diagnosi del sudore che vengono usati con gli apparecchi acquistati dalla FAV e donati agli ospedali di Minsk, Vitebsk e Gomel. Tutto questo significa due cose: - A volte gli effetti delle azioni intraprese possono essere visti dopo anni, ma non per questo sono meno efficaci. - Se si vuol influire sul governo bielorusso in maniera concreta e duratura su temi che riguardano la salute, si dimostra più efficace la spinta che viene dal basso, ovvero dai medici stessi che fanno corsi di formazione preferibilmente in Italia o comunque all estero o che partecipano a congressi internazionali, verificando così di persona l efficacia di certi farmaci e premendo quindi sulle loro amministrazioni affinché li acquistino. Gli interventi a sostegno del progetto Fibrosi Cistica, nell anno 2014, sono stati: - Donazioni. - Accoglienza di mamma con bambino, singoli o in gruppo e predisposizione per una visita di controllo presso il più vicino centro Fibrosi Cistica. Nel 2014 sono venute in Italia (a Caselle, Argenta, Alfonsine, Copparo, Messina, Palermo e Tassullo) 12 mamme e 12 bambini oltre a 2 adulti. - Raccolta di medicinali donate da associazioni che si occupano di Fibrosi Cistica.

12 Il progetto Mucoviscidosi è realizzato in collaborazione con l Associazione Mucoviscidosi di Minsk, l Ospedale di Minsk, con la rappresentanza in Bielorussia della Fondazione Aiutiamoli a Vivere (Pianeta dei bambini a Minsk), e con i Comitati della Fondazione Aiutiamoli a Vivere su scala nazionale. Il progetto Mucoviscidosi è finanziato in termini economici dalla Fondazione Aiutiamoli a Vivere e dai suoi Comitati presenti sul territorio nazionale. G) PROGETTO TIR DELLA SPERANZA (VOCE DI BILANCIO PROGETTI 2014 COLONNA DESCR CDC VOCE COSTI - RIGA 2/0013) SETTORE: AIUTI UMANITARI PAESE: BIELORUSSIA ORGANISMO LOCALE BENEFICIARIO: INTERNATI, OSPEDALI, ISTITUZIONI SOCIALI, COMUNITA, VILLAGGI BIELORUSSI ATTIVITA COMPLETATA O ANCORA IN CORSO: ANNUALE, COMPLETATA OBIETTIVI: MIGLIORATE LE CONDIZIONI DI VITA DEI BENEFICIARI GRAZIE ALLE CONSEGNA DI MATERIALI ED ATTREZZATURE RELATIVI A PROGETTI DI SVILUPPO, SANITARI ED EDUCATIVI DESCRIZIONE DELL ATTIVITA : Trattasi di spedizione e consegna diretta di aiuti umanitari a orfanotrofi, ospedali, istituzioni, comunità della Bielorussia. L intervento si realizza come risposta a bisogni conosciuti e valutati, nel rispetto della cultura e delle normative locali, grazie all impegno di volontari aderenti alla Fondazione. Il progetto persegue attività mirate a soddisfare bisogni immediati ed essenziali come: mangiare, vestirsi, garantire le necessarie condizioni di igiene della persona e dell ambiente in cui si vive. La Fondazione ha scelto di gestire il progetto in prospettiva di uno sviluppo, distribuendo gli aiuti direttamente a strutture ben identificate, valutabili e controllabili. La conoscenza dei bisogni di queste strutture è elemento preliminare e fondamentale per inviare aiuti mirati utili a migliorare la qualità di vita nelle stesse stimolando successivamente l auto mantenimento di questo miglioramento. VALORE FORMATIVO DEL PROGETTO: Il numero sempre elevato di partecipanti, il ricambio annuale (ci sono sempre tanti volontari alla prima esperienza), sono sicuramente indicatori di interesse per il progetto. Lo spirito di gruppo che rapidamente si crea, il bisogno di condividere, di confrontarsi, di comprendere le esperienze che si vivono danno un significato emotivamente forte alla partecipazione al Tir che è vissuta da tutti in modo molto attivo e positivo. La constatazione storicamente documentata che molti partecipanti al Tir acquisiscono le motivazioni per arricchire di valori e rendere propositiva la proprie vita di volontari è un ulteriore indicatore di efficacia del progetto dal punto di vista della formazione dei volontari. SOSTEGNO UMANITARIO DEL PROGETTO: L'efficacia di un progetto di sostegno basato sulla consegna di aiuti umanitari dipende da molti fattori: dal contesto di riferimento, dall'appropriatezza rispetto ai bisogni, dalla priorità rispetto ad altre forme di aiuto. La Bielorussia in 21 anni è molto cambiata, come società, come cultura. L'urbanizzazione esasperata, la diffusione di tecnologie moderne, comportano bisogni molto diversi, rispetto a modelli di vita rurale dignitosamente poveri, ma più autosufficienti. Aiuti che sono appropriati in un piccolo villaggio di campagna sono sgraditi nella grande città. Anche in Italia la situazione è molto diversa rispetto ad alcuni anni fa. Molte donazioni in natura, che fino ad alcuni anni fa erano facilmente raggiungibili, ora sono impossibili. I costi di trasporto sono aumentati. Sono cambiate le procedure, bisogna scaricare gli aiuti provenienti dall'italia, fare le pratiche doganali e poi ricaricarli su altri tir. Sono cambiate notevolmente le procedure per esportare aiuti, il

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli