IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI"

Transcript

1 "Così questo paese,dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di piccoli paesi, non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto" "Un paese ci vuole. Non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non esser soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" Cesare Pavese, La luna e i falò IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI Il popolo Sahrawi (pronuncia saraui), che in arabo significa gente del deserto, è il legittimo abitante del Sahara Occidentale, territorio di circa kmq che si affaccia sull Oceano Atlantico, confina a nord con il Marocco a sud ed a est con la Mauritania. Da 36 anni la popolazione sahrawi vive divisa tra i campi profughi in Algeria e le zone occupate del Sahara Occidentale. Queste ultime sono tuttora sotto il dominio marocchino e praticamente inaccessibili a chiunque desideri accertarsi delle reali condizioni di vita della popolazione sahrawi. Il popolo sahrawi è il risultato di un lungo processo di fusione. Le vicende in corso, la guerra, l esilio, l occupazione straniera, l emigrazione, non hanno smesso di trasformare questo popolo, nel quale sono tuttavia riconoscibili alcuni caratteri stabili. I sahrawi sono un popolo nomade, suddiviso in numerose tribù frutto della simbiosi tra cultura berbera ed araba. Da una parte i berberi portano la cultura religiosa, dall altra le tribù arabe impongono definitivamente l uso della lingua araba e introducono la tradizione guerriera dei nomadi del deserto. La lingua parlata, l hassaniya, è molto simile all arabo classico e molto diversa dai dialetti parlati in Marocco o in Algeria, mentre è diffusa in quasi tutta la Mauritania. Il Sahara Occidentale dal Congresso di Berlino del 1885 al 1975 fu colonia della Spagna, il cui sfruttamento riguardò soprattutto i ricchi giacimenti di fosfati. Negli anni 70, in tutto il continente africano, si radicava un forte spirito anti-coloniale e i sahrawi non ne furono immuni: nel 1973 nacque il Fronte Popolare di Liberazione del Saguia al

2 Hamra e Rio de Oro (Fronte Polisario), dal nome dei due distretti della colonia, presto simbolo dei Saharawi, che diede vita a una resistenza armata contro gli spagnoli. Mentre la Corte internazionale di giustizia il 16 ottobre 1975 negando legami di sovranità territoriale del Marocco e della Mauritania sulla regione sanciva per la prima volta il diritto all autodeterminazione del popolo sahrawi, il Marocco dette vita (6 novembre) alla cosiddetta Marcia Verde con cui 350 mila civili attraversarono il confine per coprire l'infiltrazione militare del proprio esercito. Pochi giorni dopo con l Accordo di Madrid la Spagna franchista cedette il Sahara Occidentale al Marocco e alla Mauritania in amministrazione temporanea. Al momento dell evacuazione definitiva del territorio da parte della Spagna, il 27 febbraio 1976, il Fronte Polisario proclamò la Repubblica araba sahrawi democratica (Rasd), ma de facto quella data fu l inizio dell invasione militare da parte di Marocco e Mauritania. Centinaia di migliaia di sahrawi furono costretti a fuggire in Algeria, incalzati dai bombardamenti dell aviazione e dalle violenze dell esercito marocchino. Attorno alla città algerina di Tindouf, in pieno deserto, sorsero campi profughi organizzati dal Polisario, dando vita ad un modello comunitario unico, con le wilaya (regioni), di Smara, Dakhla, El-Ayoun e Auserd. Ogni wilaya fu poi suddivisa in diverse zone (6-7), denominate daira (provincia), e ogni zona in diversi settori o quartieri. Ognuna di queste suddivisioni prese il nome di una città o di una località sahrawi. Un modo simbolico per i profughi di restare uniti alla patria. L'invasione militare costrinse i sahrawi ad un altro compito vitale: la resistenza armata. La Mauritania, sotto la pressione della lotta armata dei sahrawi, si ritirò definitivamente dal Sahara Occidentale nel Intanto il Polisario aprì un nuovo fronte sul piano diplomatico e la RASD venne ammessa nel 1980 come stato membro nell Oua (Organizzazione per l'unità Africana). Il Marocco invece sin dai primi anni 80 dopo aver ripreso lo sfruttamento dei giacimenti di fosfati iniziò una colonizzazione di popolamento dell intero territorio occupato. A tale scopo fu messo sotto controllo gran parte del territorio con muri difensivi, tanto che oggi un unico muro di sabbia fortificato di km divide da nord a sud tutto il Sahara Occidentale. La parte interna al muro racchiude le ricchezze del Sahara Occidentale, le miniere di fosfati e il controllo della costa che è considerata una delle più pescose al mondo. Un'importante ricchezza che per ora non può essere sfruttata è quella dei giacimenti petroliferi costieri, in quanto le Nazioni Unite permettono solo la ricerca e non lo sfruttamento fino al celebrarsi del referendum di autoderminazione. La zona controllata dalla Repubblica Araba Saharawi Democratica non ha invece importanza economica. Attorno al muro sono presenti da uno a due milioni di mine, un dato che porta la zona fra le prime dieci al mondo per la loro concentrazione. Ma il muro e l occupazione rappresentano anche un altra lacerazione: la separazione tra le famiglie Saharawi in esilio e quelle che vivono nei territori occupati. Per decenni nessun contatto è stato permesso e solo di recente, grazie a un programma dell ONU, è stato possibile realizzare viaggi e visite reciproche tra parenti dai due lati del muro.

3 Nell agosto 1988 il segretario generale dell Onu ottenne dal Marocco e dal Fronte Polisario un accordo di principio per un piano di pace, sottoscritto nel 1990 con la previsione del cessate il fuoco, del dispiegamento di forze Onu e di un referendum di autodeterminazione (indipendenza o integrazione al Marocco) con liste di elettori compilate a partire dal censimento eseguito dagli spagnoli nel Nel 1991 fu proclamato il cessate il fuoco e poté cominciare il dispiegamento dei caschi blu (Minurso) in previsione del referendum nel gennaio Da quella data invece il piano di pace è stato ostacolato dalla pretesa del Marocco di ampliare oltre misura la base elettorale, provocando continui slittamenti del voto. Su invito del Consiglio di sicurezza, dall estate 2007 sono ripresi i colloqui diretti Polisario- Marocco in vista di una soluzione condivisa che rispetti il diritto all autodeterminazione. Nel frattempo, la Minurso è stata sistematicamente prorogata. LA QUESTIONE SAHRAWI OGGI Quella dei campi sahrawi continua ad essere l unica esperienza di autorganizzazione dei profughi, altrove affidata a organismi internazionali o ad organizzazioni umanitarie, anche se l aspetto dei campi è profondamente mutato dal 1976 ad oggi. Ormai le tendopoli sono diventate villaggi in mattoni di sabbia. Strutture pubbliche, scuole, dispensari, centri amministrativi sono stati progressivamente ingranditi e migliorati, con uno sforzo particolare rivolto all educazione e alla sanità: tutti i giovani hanno accesso alla scuola, l assistenza sanitaria è garantita a tutta la popolazione. Fin dai primi anni furono sperimentate forme di coltivazione e di allevamento in una regione che non aveva mai conosciuta una simile esperienza. A partire dagli anni 90 il denaro cominciò a circolare, consentendo di integrare l alimentazione e l acquisto di alcuni beni di consumo. L illuminazione delle case è assicurata da pannelli solari. Si organizzano mercati nelle wilaya. La società sahrawi è in piena mutazione, anche se pienamente dipendente dagli aiuti internazionali. Un popolo pacifico, che ha deciso di non usare mezzi violenti per far ascoltare le proprie ragioni e per vedere riconosciuto il proprio diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza. Dal maggio 2005 nei territori occupati è in corso una resistenza popolare, non violenta, per protestare contro la violazione sistematica dei diritti fondamentali e chiedere la fine dell occupazione della propria terra da parte del Marocco. La risposta delle autorità marocchine è stata violentissima e la repressione si è abbattuta sulle popolazioni dei territori occupati, con gravi e ripetute violazioni dei diritti umani (divieto di manifestazioni, arresti arbitrari, torture, casi desaparecidos).

4 ACCOGLIENZA ESTIVA: PICCOLI AMBASCIATORI DI PACE Ogni anno circa bambini sahrawi piccoli ambasciatori di pace sono ospitati in paesi stranieri attraverso programmi di accoglienza estiva temporanea. Le iniziative di solidarietà con i sahrawi in Italia sono iniziate quasi subito dopo l'invasione del Sahara Occidentale da parte del Marocco, ma hanno cominciato a strutturarsi con la presenza dei primi gruppi di bambini sahrawi ospiti estivi in Toscana già agli inizi degli anni '80. Attraverso l'ospitalità dei bambini e i molti viaggi di conoscenza in questi anni sono sorti nella nostra regione numerosi comitati e associazioni di solidarietà e sono stati stipulati gemellaggi e patti di amicizia da 9 province e 134 comuni. Questo ha fatto sì che la Toscana abbia svolto un ruolo trainante a livello nazionale, dove si sono progressivamente sviluppate iniziative in quasi tutte le regioni d'italia. A livello nazionale l attività di coordinamento è affidata all Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Sahrawi (ANSPS), che opera su tre fronti: Attività di sostegno politico alla causa sahrawi attraverso la mobilitazione degli enti locali e la pressione sul governo italiano e sull'unione Europea. Invio di aiuti alle tendopoli sahrawi, sostegno a progetti di intervento e all'ospitalità di sahrawi per motivi di studio o di salute. Ospitalità di gruppi di bambini sahrawi in estate. Per quanto riguarda l ospitalità estiva, criteri e obiettivi sono stabiliti dall ANSPS in collaborazione con la rappresentanza Saharawi in Italia e il Comitato Minori Stranieri del Ministero degli Esteri italiano. Sin dal 2008 nella provincia di Pistoia è stato attivato un protocollo d intesa per la gestione di un programma di soggiorno estivo per i bambini e le bambine sahrawi che vivono nei campi profughi nel deserto algerino, nei pressi di Tindouf., cui hanno aderito i seguenti comuni: Agliana, Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Piteglio, Ponte Buggianese, Quarrata, San Marcello Pistoiese, Serravalle Pistoiese e Uzzano. La gestione dell accoglienza è stata affidata all Associazione di amicizia con il popolo Saharawi Al Sadaqa di Massa e Cozzile (all. 1). Nei primi quattro anni di attuazione del protocollo sono stati ospitati complessivamente 56 bambini in gruppi annuali ciascuno formato da 12/17 minori di 6/12 anni, accompagnati da un adulto, ospitati nel territorio della nostra provincia nei mesi di luglio ed agosto (all. 2). Il soggiorno, avvenuto in strutture di accoglienza in alcuni casi messe a disposizione dagli stessi i comuni, ha costituito anche la possibilità di coinvolgere associazioni e cittadini dell intero territorio pistoiese attraverso incontri pubblici, cene, inserimenti nei centri estivi. L aspetto maggiormente qualificante del protocollo resta quello della profilassi medico-

5 sanitaria. Grazie alla preziosa collaborazione della Azienda U.S.L. 3 di Pistoia e dell'ospedale Meyer di Firenze si rende possibile sottoporre sin dal loro arrivo i bambini ad un controllo sanitario generale, con particolare riguardo a: visita pediatrica generale, visita oculistica, visita otorinolaringoiatria e visita dentistica, analisi del sangue e urine, test della celiachia, visita dermatologica. Eventuali patologie, ove necessario e possibile, sono state interventi prima della scadenza del soggiorno. Grazie all esperienza acquisita negli anni, sono state costituite cartelle mediche individuali sulle quali sono annotate tutte le attività mediche svolte; cartelle poi riconsegnate ai bambini al momento della partenza in modo da permettere alla famiglia di origine di disporre di un quadro medico riassuntivo del bambino. In particolare questi sono gli obiettivi prioritari dell accoglienza: offrire ai bambini sahrawi la possibilità di riposo e svago dopo la fine dell anno scolastico e all inizio del periodo di più intenso di calore nei campi profughi; consentire ai bambini un apertura sul mondo esterno e su realtà nuove e diverse; stimolare lo sviluppo pedagogico del minore attraverso attività ricreativo culturali; permettere l'effettuazione di visite mediche e di monitoraggi sanitari adeguati (normalmente preclusi dalla precarie condizioni della vita nei campi) ai bambini e ai loro accompagnatori; assumere responsabilità concrete nei confronti dei diritti del popolo sahrawi e alla loro sopravvivenza, diffondendo presso la cittadinanza la realtà vissuta dai bambini sahrawi, le difficoltà del proprio popolo ed il messaggio di pace che portano con sé. Il protocollo rappresenta quindi un esperienza virtuosa, in grado di accomunare in un progetto di solidarietà internazionale di riconosciuta eccellenza quasi venti amministrazioni comunali della provincia, permettendo di implementare efficienze economiche e sinergie organizzative, così da garantire sia una corretta gestione dell accoglienza che gli obiettivi del progetto (altrimenti di difficile attuazione). Allegato 1)

6 Associazione Al SADAQA Denominazione: Al Sadaqa Associazione di amicizia con il popolo Saharawi Associazione di Promozione sociale. Data di costituzione:: 17 novembre 2006 Sede Legale: via F.lli Cervi, 6 Massa e Cozzile (PT) sede operativa via Primo Maggio 47 Margine Coperta c/o Circolo ARCI Soci: 2011 = 65 Comitato Esecutivo: Aldo Di Grazia, Barbara Puleggi (tesseramento), Gherda Maestripieri (tesoriere e contabilità), Marzia Dolfi (Presidente), Silvia Barsotti (Progetto asili), Marco Grassini, Andrea Paolo Nannini (Vicepresidente), Erminio Maraia (segretario, stage e progetti nelle scuole), Giovanni Giannini (rapporti con enti locali), Roberto Zonefrati, Maria Laura Contini (accoglienza e iniziative), Claudia Sturlini (adozioni a distanza), Ramona Lazzarini. Membro dell Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Saharawi, socio sostenitore dell associazione per la difesa dei diritti umani AFAPREDESA, Affiliata ARCI Iscritta nella sezione provinciale del registro regionale delle associazioni di promozione sociale, alla sezione C per il settore sociale, avvenuta con determinazione del dirigente del servizio lavoro e politiche sociali n. 85/ Obiettivi: promuovere la conoscenza della realtà culturale e sociale della popolazione Saharawi promuovere ogni iniziativa diretta a creare nel territorio pistoiese un tessuto di solidarietà concreta con il Popolo Saharawi attività di cooperazione, di aiuto umanitario e di emergenza, di assistenza sanitaria con il Sahara Occidentale Progetti: Gestione dell'accoglienza di un gruppo di bambini e bambine Saharawi nei mesi estivi Gestione dei richiami/trattenimenti sanitari di bambine/bambine con particolari problemi: trattenimento per un anno dal 2008 al 2009 di un bambino con perforazione del timpano con effettuazione di timpanoplastica presso l AOU Pisana. Trattenimento in corso di una bambina dal 2009 ad oggi, per postumi di cheilognatoschisi, con effettuazione di innesto osseo mascellare ed impianto di apparecchio ortodontico, presso l AOU Meyer di Firenze; la bambina è inoltre celiaca. Per gli altri interventi sanitari, gestiti in occasione dell accoglienza, si rinvia alla scheda sovrastante. Adozione a distanza dei bambini e delle bambine del campo profughi Saharawi situato nel deserto algerino per consentire loro un adeguata alimentazione, istruzione e formazione nonché idonee

7 condizioni igienico sanitarie, continuando a vivere secondo le tradizioni e la cultura locali; ad oggi sono state attivate 45 adozioni a distanza di bambini Saharawi, 51 sono le famiglie enti ed associazioni italiane coinvolte. Costo annuo di un adozione 360,00. Sostegno all asilo della daira di Aguenit Attivo da settembre Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo; rafforzare il sistema formativo dell asilo attraverso la fornitura di materiale didattico per i bambini; incrementare le opportunità ludiche attraverso la fornitura di giochi di vario tipo (quest'ultima azione è portata avanti in collaborazione con la Società di Mutuo Soccorso di Bardalone fraz di San Marcello Pistoiese). Costo delle azioni del progetto: o Interventi strutturali una tantum: costruzione di nuovi servizi igienici (2008) ,00, acquisto di 4 megafoni per la Daira di Aguenit (2008) costo 300,00. o Materiale didattico e paradidattico una tantum 4.500,00 (nel 2008). o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche). Sostegno all asilo della daira di Bir Ganduz. - Attivo da settembre 2007 condotto in collaborazione con il Comune di Massa e Cozzile e da questi finanziato. Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo; Costo delle azioni del progetto: o Una tantum - acquisto di un frigorifero per la conservazione degli alimenti deperibili da distribuire ai bambini 400,00 o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche) Sostegno all asilo della daira di Miyec Attivo da marzo Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo. Costo delle azioni: o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche) Diffusione della cultura Saharawi nelle scuole del territorio pistoiese attraverso la presentazione di progetti alle scuole elementari, medie e superiori. I progetti prevedono interventi di 2 ore con il supporto di una presentazione in power point. Ad oggi sono stati effettuati incontri nelle scuole elementari di Pescia, Uzzano e Massa e Cozzile presentando la storia, la cultura e le tradizioni del popolo Saharawi, con realizzazioni grafiche finali dei bambini italiani.

8 Allegato 2) 8

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 PROMOTORI Jaima Sahrawi (Reggio Emilia), El Ouali (Bologna), Kabara Lagdaf

Dettagli

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE ANSPS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE Presentazione del Programma Estate 2012 Alle associazioni e agli Enti locali interessati al Programma

Dettagli

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Premessa: I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Le schede seguenti si basano sui dati ufficiali forniti dal Gestore Servizi Elettrici alla data del 08/04/2011: questi dati sono da considerarsi

Dettagli

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010)

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010) FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione internazionale Anno accademico 2011/2012 LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA

Dettagli

Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE

Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE Ottobre 2008 1 DATI GENERALI E SISTEMA ISTITUZIONALE Territorio Lingua Religione Risorse Il Sahara occidentale si estende per circa 266.000 chilometri

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l

Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l Algeria e la Mauritania. E' in gran parte desertico, ma

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO CENSIMENTO DENOMINATO "CONOSCERE CHI HA BISOGNO DI AIUTO" NECESSARIO AL COMPLETAMENTO DATI DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE E DELLE PROCEDURE DELLA CENTRALE

Dettagli

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna Regione EmiliaRomagna Assemblea legislativa AL/2015/16305 del 16/04/2015 OGGETTO 473 Bologna, 14/04/2015 G Risoluzione Alla Presidente Dell'Assemblea Legislativa Simonetta Saliera Sede L'Assemblea Legislativa

Dettagli

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi.

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. PAG. 1 OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. L anno duemilasette, addì diciassette del mese di ottobre in Macerata e nella

Dettagli

IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE

IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Con il patrocinio di Provincia di Firenze Pontassieve Bagno a Ripoli Dicomano Fiesole Incisa Valdarno Loda Pelago Reggello Rignano sull Arno Rufina

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova

Comune di San Giorgio di Mantova Comune di San Giorgio di Mantova Piazz a dell a Repu bbl ica, 8. T e l 037 6 2731 11 F ax 037 6 2731 54 p. e.c. c o m u ne. san gio rgi o di m an tova@p e c. regione.lombardia. it C. F. 800 046 102 02

Dettagli

RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO. PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010

RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO. PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010 RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010 Nei giorni 29, 30 e 31 ottobre 2010, nel Palazzo dei Congressi di Le Mans (Francia) si è riunita la 36 a Conferenza

Dettagli

Elenco Associazioni di Volontariato e Tutela AUSL 3 Pistoia

Elenco Associazioni di Volontariato e Tutela AUSL 3 Pistoia 1 A.C.A.T. Associazione Alcolisti in trattamento Pistoia 2 ADICONSUM Pistoia 3 A.D.M.O. Associazione Donatori Midollo Osseo 4 A.D.O.C. 5 ADUSBEF 6 AGESCI 7 AGRABAH 8 A.I.A.S. 9 A.I.C. Associazione Italiana

Dettagli

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO La Provincia di Pistoia ha realizzato questo piccolo opuscolo per forinire ai cittadini le informazioni necessarie a prevenire gli eventuali disagi che la neve potrebbe

Dettagli

PICCOLI SAHARAWI TRA NOI

PICCOLI SAHARAWI TRA NOI PICCOLI SAHARAWI TRA NOI TRICASE 1 LUGLIO - 24 AGOSTO piccolisaharawitranoi.wordpress COMUNICATO STAMPA Piccoli Saharawi tra noi è un progetto di solidarietà tra il Salento e il popolo del deserto algerino

Dettagli

Calcolo della dotazione di servizio per Comune (millesimi) Elaborazione dati del monitoraggio dell utenza

Calcolo della dotazione di servizio per Comune (millesimi) Elaborazione dati del monitoraggio dell utenza ANALISI RETE TPL Estratto dai materiali raccolti a seguito della Convenzione tra l Amministrazione Provinciale di Pistoia e il Dipartimento di Ingegneria civile ed ambientale (DICEA) Area Trasporti della

Dettagli

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012 IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI Roma 22 Aprile 2012 Sono passati sei mesi dal rapimento della nostra rappresentante nei campi Saharawi, Rossella Urro, prelevata nella

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani AZIONI ALL'INTERNO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani - Monitoraggio delle attività legate ai progetti sulla pace e sulla cooperazione

Dettagli

PROGETTO SAHARAWI. Progetto per il miglioramento delle condizioni di salute dei celiaci Saharawi in Algeria Pag. 1 di 15

PROGETTO SAHARAWI. Progetto per il miglioramento delle condizioni di salute dei celiaci Saharawi in Algeria Pag. 1 di 15 PROGETTO SAHARAWI 2012 Algeria Pag. 1 di 15 PARTE A. DESCRIZIONE A.1 TITOLO DEL PROGETTO Algeria A.2 RAGIONI E BACKGROUND DEL PROGETTO Questa sezione serve a mettere in evidenza la motivazione che sottende

Dettagli

S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3. Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7

S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3. Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7 S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3 Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7 1.1. Le origini dei Saharawi... 7 1.2. Il periodo precoloniale... 8 1.3. La colonizzazione spagnola... 9 1.4. La nascita

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PROGRAMMA BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI DI PACE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PROGRAMMA BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI DI PACE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PROGRAMMA BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI DI PACE Edizione 2009 Le Linee Guida per la gestione del Programma e il

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA SPORT PER TUTTI ottobre 2004 (suddiviso per Comuni)

PROGRAMMA SPORT PER TUTTI ottobre 2004 (suddiviso per Comuni) COMUNICATO STAMPA DECINE DI APPUNTAMENTI SPORTIVI CON "SPORT PER TUTTI" PER TUTTO IL MESE DI OTTOBRE Partono dal fine settimana prossimo e durano tutto ottobre, le iniziative di "Sport per tutti", la manifestazione

Dettagli

CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE

CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE L'Associazione Bambini+Diritti ha per scopo l'elaborazione, la promozione, la realizzazione di progetti di solidarietà sociale, civile, culturale, caritativa tra cui l'attuazione

Dettagli

SAHARA MARATHON 2007

SAHARA MARATHON 2007 SAHARA MARATHON 2007 Caro partecipante, in nome dei gruppi Sahara Marathon e del comitato organizzativo Saharawi dei rifugiati del Sahara Occidentale, siamo felici che ti unirai a noi per la sesta edizione

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo sostenibile Relazione finale del progetto POTENZIAMENTO DELLE RISORSE IDRICHE A FAVORE DEI RESIDENTI DEL CENTRO CHREIEF,

Dettagli

Convegno. "Stato di Salute Ambientale", Monsummano Terme. Sportello Pistoiese Energia Rinnovabile (SPER) - Pistoia e Monsummano Terme

Convegno. Stato di Salute Ambientale, Monsummano Terme. Sportello Pistoiese Energia Rinnovabile (SPER) - Pistoia e Monsummano Terme Convegno "Stato di Salute Ambientale", Monsummano Terme Sportello Pistoiese Energia Rinnovabile (SPER) Pistoia e Monsummano Terme Lo Sportello Pistoiese Energia Rinnovabile (SPER) nasce nel giugno del

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 IL COMPRENSORIO CONSORTILE Il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio si estende

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRESENTATI OGGI NELLA SEDE APT VALDINIEVOLE I NUOVI GUIDA "MUSEI & VALDINIEVOLE" E SITO INTERNET

COMUNICATO STAMPA PRESENTATI OGGI NELLA SEDE APT VALDINIEVOLE I NUOVI GUIDA MUSEI & VALDINIEVOLE E SITO INTERNET COMUNICATO STAMPA PRESENTATI OGGI NELLA SEDE APT VALDINIEVOLE I NUOVI GUIDA "MUSEI & VALDINIEVOLE" E SITO INTERNET www.provincia.pistoia.it/museievaldinievole Sono stati presentati oggi, venerdì 9 luglio

Dettagli

Rendiconto finale del progetto

Rendiconto finale del progetto Sapienza Università di Roma CIRPS Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo sostenibile Rendiconto finale del progetto POTENZIAMENTO DELLE RISORSE IDRICHE A FAVORE DEI RESIDENTI DEL CENTRO CHREIEF,

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010 Oggetto: Adesione al Sistema Informativo Locale Integrato (SILI) da parte della Società della Salute

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 23/10/2006 Nr. Prot. 22107 Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

L autodeterminazione del popolo Saharawi nel diritto internazionale Marco Balboni Forlì 16 marzo 2009

L autodeterminazione del popolo Saharawi nel diritto internazionale Marco Balboni Forlì 16 marzo 2009 L autodeterminazione del popolo Saharawi nel diritto internazionale Marco Balboni Forlì 16 marzo 2009 Il processo per l'autodeterminazione del popolo Saharawi non si è ancora compiuto, unico caso in tutto

Dettagli

MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011

MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011 MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011 Composizione della Delegazione: Consiglieri Luciano Vecchi, Mauro Manfredini, Gian Guido

Dettagli

Publicidad en rasd-tv

Publicidad en rasd-tv Cari amici, Il 20 maggio 2009 sono state avviate le emissioni satellitari di RASD-TV e quindi i notiziari televisivi Saharawi sono andati sempre più incrementando il loro pubblico nel nord Africa, in particolare

Dettagli

Il sistema internazionale alla prova: il caso del Sahara Occidentale

Il sistema internazionale alla prova: il caso del Sahara Occidentale Il diritto di esistere Il sistema internazionale alla prova: il caso del Sahara Occidentale Elaborato finale di un percorso di studio e confronto su un conflitto internazionale ancora aperto a cura di

Dettagli

Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione rifiuti, Bonifica inquinamenti ambientali e aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi.

Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione rifiuti, Bonifica inquinamenti ambientali e aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi. La funzione ambientale ed economica del bosco: le potenzialità delle foreste pistoiesi FUNZIONI AMBIENTALI: TANTE! EVIDENZA: PROTEZIONE DEL SUOLO (AGGIORNARE) ACCUMULO CO2 NELLE PIANTE, LIGNINA NON DECOMPOSTA

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono:

Art. 5 I campi prioritari di iniziativa e intervento dell Associazione e i compiti della PROCIV Girifalco sono: PREMESSA La PROCIV Girifalco, Associazione dei Volontari per la Protezione Civile, tutela ambientale, educazione alla salute, è costituita in Girifalco (CZ) ed è parte integrante della PROCIV ARCI Associazione

Dettagli

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati LA REGIONE TOSCANA e gli ENTI LOCALI: Premesso che: Secondo la Convenzione sullo status di rifugiato delle Nazioni Unite di Ginevra ( 1951),

Dettagli

I consumi culturali dei

I consumi culturali dei I consumi culturali dei cittadini stranieri nella Provincia di Pistoia Rete Documentaria della provincia di Pistoia INDICE PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE PREMESSA ANALISI DEI DATI Nota metodologica Identikit

Dettagli

Steps. Short Term Projects AFSAI ICYE ITALY. Programma a breve termine di educazione interculturale e volontariato internazionale

Steps. Short Term Projects AFSAI ICYE ITALY. Programma a breve termine di educazione interculturale e volontariato internazionale Steps Short Term Projects Programma a breve termine di educazione interculturale e volontariato internazionale AFSAI ICYE ITALY STePs Short Terms Projects 1. Chi siamo L AFSAI è una organizzazione nazionale

Dettagli

Saharawi 2009. Con il patrocinio di. Provincia di Firenze. Saharawi Calendario 300x420 09_impaginatook 10-11-2008 11:01 Pagina 1.

Saharawi 2009. Con il patrocinio di. Provincia di Firenze. Saharawi Calendario 300x420 09_impaginatook 10-11-2008 11:01 Pagina 1. Saharawi Calendario 300x420 09_impaginatook 10-11-2008 11:01 Pagina 1 Con il patrocinio di Provincia di Firenze Pontassieve Bagno a Ripoli Dicomano Fiesole Incisa Valdarno Londa Pelago Reggello Rignano

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PIANO INDUSTRIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PIANO INDUSTRIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art. 27, L.R.T. 25/98) D1 - Criteri per la redazione del A cura di A.T.I.: P&A Professionisti Associati S.r.l. Studio Associato Gasparini Studio Tecnico Saetti

Dettagli

LA QUESTIONE SAHARAWI

LA QUESTIONE SAHARAWI LA QUESTIONE SAHARAWI Estratto dalla tesi di laurea di Samanta Musarò: Bambini nei campi, profughi altrove. L'identità dei bambini saharawi dal deserto all'accoglienza estiva in Italia, Facoltà di Scienze

Dettagli

Premessa:... 7. 1 Storia:... 8. 1.1 Il periodo precoloniale:... 8. 1.2 Periodo coloniale:... 9. 1.3 Periodo contemporaneo:... 12

Premessa:... 7. 1 Storia:... 8. 1.1 Il periodo precoloniale:... 8. 1.2 Periodo coloniale:... 9. 1.3 Periodo contemporaneo:... 12 Undici anni di cooperazione veterinaria nei campi profughi Saharawi (Algeria): studio epidemiologico su di alcune patologie di interesse veterinario, risultati e prospettive Eleven years of veterinary

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

TESI IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO TESSERE LA LIBERTÁ: LE DONNE SAHARAWI E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

TESI IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO TESSERE LA LIBERTÁ: LE DONNE SAHARAWI E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Università degli Studi di Firenze Facoltà di Economia Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale TESI IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO TESSERE LA LIBERTÁ: LE DONNE SAHARAWI E LA COOPERAZIONE

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Omissis ASSOCIAZIONE NAZIONALE PERSEGUITATI POLITICI ITALIANI ANTIFASCSTI STATUTO

Omissis ASSOCIAZIONE NAZIONALE PERSEGUITATI POLITICI ITALIANI ANTIFASCSTI STATUTO Omissis. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PERSEGUITATI POLITICI ITALIANI ANTIFASCSTI STATUTO ART. 1 COSTITUZIONE E CARATTERE DELL ANPPIA E costituita una Associazione tra i cittadini italiani perseguitati dal fascismo

Dettagli

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO CENTRI SOCIO EDUCATIVI PROVINCIA DI PISTOIA MANIFESTO IDENDITARIO Cosa sono i Centri Socio Educativi Principi e finalità L applicazione dei principi Metodologia La dimensione dell agire educativo Chi utilizza

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

(Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) 1 di 8 11/11/2011 10.30 (Approvata dall'assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948) Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale

Dettagli

cos è - cosa fa - come funziona

cos è - cosa fa - come funziona Presentazione dell Associazione cos è - cosa fa - come funziona Chii siiamo L'Associazione Promozione Infanzia Bisognosa del Mondo Impoverito (A.P.I.Bi.M.I.) é stata legalmente costituita a Rovereto nel

Dettagli

SISTAN. Marzo 2011 IL MOVIMENTO TURISTICO IN PROVINCIA DI PISTOIA NEL 2010

SISTAN. Marzo 2011 IL MOVIMENTO TURISTICO IN PROVINCIA DI PISTOIA NEL 2010 SISTAN P r o v i n c i a d i P i s t o i a N O T II Z II A R II O S T A T II S T II C O Marzo 2011 IL MOVIMENTO TURISTICO IN PROVINCIA DI PISTOIA NEL 2010 Il contesto internazionale e nazionale I risultati

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani

dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA SEZIONE ITALIANA umani ichia azion niver alede iritti dichiarazione universale dei diritti SEZIONE ITALIANA umani SEZIONE ITALIANA dichia razione univer saledei dirit tiumani Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009

Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009 Prot. 262/09 Venezia, 18 dicembre 2009 Ogg.: Presentazione del Progetto Europeo Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa anno 2010-2011 Egregi Signori/Direttori scolastici, siamo lieti di

Dettagli

PUBBLICHE ASSISTENZE AREA PISTOIESE

PUBBLICHE ASSISTENZE AREA PISTOIESE PUBBLICHE ASSISTENZE AREA PISTOIESE Coordinamento Prov.le Pubbliche Assistenze 00 OPERATIVA Via dei Macelli, 1 51100 PISTOIA LEGALE Via Manin 22 51026 MONTECATINI TERME - 0573 24380 H24 0573 33333 0573

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi

PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi SITUAZIONE POLITICA I Sahrawi, letteralmente gente del deserto,

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Interventi diretti a favore delle persone celiache Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 5 74 5 INTERVENTI DIRETTI A FAVORE DELLE PERSONE CELIACHE 5.1 SICUREZZA E BENESSERE DELLA PERSONA

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

INEDITO IL MARE DI SABBIA. di Daniela Corneo

INEDITO IL MARE DI SABBIA. di Daniela Corneo INEDITO IL MARE DI SABBIA di Daniela Corneo Señor, tiene caramelo? Signore, ce l ha una caramella? Poi allungano la mano, sperando, inshyallah, sempre che Allah lo voglia, dicono qui, sia la loro giornata

Dettagli

nome progetto GARANZIA GIOVANI ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto obiettivi obiettivi specifici

nome progetto GARANZIA GIOVANI ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto obiettivi obiettivi specifici nome Assistenza Immigrati e profughi 2014: Rete Bianca e Bernie progetto GARANZIA GIOVANI ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Assistenza; immigrati, profughi Centro Astalli,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Provinciale

Deliberazione del Consiglio Provinciale N 119 del 29.11.2010 pagina 1 di 11 Prot. n. 237651 / 01.10.20.10 OGGETTO: Mozione presentata dalla consigliera Alessandra Landucci (capogruppo Sinistra e Libertà) a sostegno a sostegno della popolazione

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

«dalla valutazione del rischio alla presa in carico» Firenze, Villa la Quiete, 30 marzo 2015

«dalla valutazione del rischio alla presa in carico» Firenze, Villa la Quiete, 30 marzo 2015 «dalla valutazione del rischio alla presa in carico» Firenze, Villa la Quiete, 30 marzo 2015 Dott.ssa Graziella Franchi Direzione Sanitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Il Codice Rosa è un

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

AGLIANA DOTT. BARSOCCHINI M. DOTT. BARSOCCHINI S. STUDIO SITO IN AGLIANA VIA ROMA 27 TEL 0574/718764 APERTO DAL 1 AL 10 E DAL 27 AL 31 AGOSTO

AGLIANA DOTT. BARSOCCHINI M. DOTT. BARSOCCHINI S. STUDIO SITO IN AGLIANA VIA ROMA 27 TEL 0574/718764 APERTO DAL 1 AL 10 E DAL 27 AL 31 AGOSTO AGLIANA DOTT. BARSOCCHINI M. DOTT. BARSOCCHINI S. STUDIO SITO IN AGLIANA VIA ROMA 27 TEL 0574/718764 STUDIO DENTISTICO IL SORRISO STUDIO SITO IN AGLIANA VIA CATALANI 28 TEL. 0574/719132 349/6172778 CASALGUIDI

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli