IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI"

Transcript

1 "Così questo paese,dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di piccoli paesi, non so se da ragazzo mi sbagliavo poi di molto" "Un paese ci vuole. Non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non esser soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" Cesare Pavese, La luna e i falò IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI Il popolo Sahrawi (pronuncia saraui), che in arabo significa gente del deserto, è il legittimo abitante del Sahara Occidentale, territorio di circa kmq che si affaccia sull Oceano Atlantico, confina a nord con il Marocco a sud ed a est con la Mauritania. Da 36 anni la popolazione sahrawi vive divisa tra i campi profughi in Algeria e le zone occupate del Sahara Occidentale. Queste ultime sono tuttora sotto il dominio marocchino e praticamente inaccessibili a chiunque desideri accertarsi delle reali condizioni di vita della popolazione sahrawi. Il popolo sahrawi è il risultato di un lungo processo di fusione. Le vicende in corso, la guerra, l esilio, l occupazione straniera, l emigrazione, non hanno smesso di trasformare questo popolo, nel quale sono tuttavia riconoscibili alcuni caratteri stabili. I sahrawi sono un popolo nomade, suddiviso in numerose tribù frutto della simbiosi tra cultura berbera ed araba. Da una parte i berberi portano la cultura religiosa, dall altra le tribù arabe impongono definitivamente l uso della lingua araba e introducono la tradizione guerriera dei nomadi del deserto. La lingua parlata, l hassaniya, è molto simile all arabo classico e molto diversa dai dialetti parlati in Marocco o in Algeria, mentre è diffusa in quasi tutta la Mauritania. Il Sahara Occidentale dal Congresso di Berlino del 1885 al 1975 fu colonia della Spagna, il cui sfruttamento riguardò soprattutto i ricchi giacimenti di fosfati. Negli anni 70, in tutto il continente africano, si radicava un forte spirito anti-coloniale e i sahrawi non ne furono immuni: nel 1973 nacque il Fronte Popolare di Liberazione del Saguia al

2 Hamra e Rio de Oro (Fronte Polisario), dal nome dei due distretti della colonia, presto simbolo dei Saharawi, che diede vita a una resistenza armata contro gli spagnoli. Mentre la Corte internazionale di giustizia il 16 ottobre 1975 negando legami di sovranità territoriale del Marocco e della Mauritania sulla regione sanciva per la prima volta il diritto all autodeterminazione del popolo sahrawi, il Marocco dette vita (6 novembre) alla cosiddetta Marcia Verde con cui 350 mila civili attraversarono il confine per coprire l'infiltrazione militare del proprio esercito. Pochi giorni dopo con l Accordo di Madrid la Spagna franchista cedette il Sahara Occidentale al Marocco e alla Mauritania in amministrazione temporanea. Al momento dell evacuazione definitiva del territorio da parte della Spagna, il 27 febbraio 1976, il Fronte Polisario proclamò la Repubblica araba sahrawi democratica (Rasd), ma de facto quella data fu l inizio dell invasione militare da parte di Marocco e Mauritania. Centinaia di migliaia di sahrawi furono costretti a fuggire in Algeria, incalzati dai bombardamenti dell aviazione e dalle violenze dell esercito marocchino. Attorno alla città algerina di Tindouf, in pieno deserto, sorsero campi profughi organizzati dal Polisario, dando vita ad un modello comunitario unico, con le wilaya (regioni), di Smara, Dakhla, El-Ayoun e Auserd. Ogni wilaya fu poi suddivisa in diverse zone (6-7), denominate daira (provincia), e ogni zona in diversi settori o quartieri. Ognuna di queste suddivisioni prese il nome di una città o di una località sahrawi. Un modo simbolico per i profughi di restare uniti alla patria. L'invasione militare costrinse i sahrawi ad un altro compito vitale: la resistenza armata. La Mauritania, sotto la pressione della lotta armata dei sahrawi, si ritirò definitivamente dal Sahara Occidentale nel Intanto il Polisario aprì un nuovo fronte sul piano diplomatico e la RASD venne ammessa nel 1980 come stato membro nell Oua (Organizzazione per l'unità Africana). Il Marocco invece sin dai primi anni 80 dopo aver ripreso lo sfruttamento dei giacimenti di fosfati iniziò una colonizzazione di popolamento dell intero territorio occupato. A tale scopo fu messo sotto controllo gran parte del territorio con muri difensivi, tanto che oggi un unico muro di sabbia fortificato di km divide da nord a sud tutto il Sahara Occidentale. La parte interna al muro racchiude le ricchezze del Sahara Occidentale, le miniere di fosfati e il controllo della costa che è considerata una delle più pescose al mondo. Un'importante ricchezza che per ora non può essere sfruttata è quella dei giacimenti petroliferi costieri, in quanto le Nazioni Unite permettono solo la ricerca e non lo sfruttamento fino al celebrarsi del referendum di autoderminazione. La zona controllata dalla Repubblica Araba Saharawi Democratica non ha invece importanza economica. Attorno al muro sono presenti da uno a due milioni di mine, un dato che porta la zona fra le prime dieci al mondo per la loro concentrazione. Ma il muro e l occupazione rappresentano anche un altra lacerazione: la separazione tra le famiglie Saharawi in esilio e quelle che vivono nei territori occupati. Per decenni nessun contatto è stato permesso e solo di recente, grazie a un programma dell ONU, è stato possibile realizzare viaggi e visite reciproche tra parenti dai due lati del muro.

3 Nell agosto 1988 il segretario generale dell Onu ottenne dal Marocco e dal Fronte Polisario un accordo di principio per un piano di pace, sottoscritto nel 1990 con la previsione del cessate il fuoco, del dispiegamento di forze Onu e di un referendum di autodeterminazione (indipendenza o integrazione al Marocco) con liste di elettori compilate a partire dal censimento eseguito dagli spagnoli nel Nel 1991 fu proclamato il cessate il fuoco e poté cominciare il dispiegamento dei caschi blu (Minurso) in previsione del referendum nel gennaio Da quella data invece il piano di pace è stato ostacolato dalla pretesa del Marocco di ampliare oltre misura la base elettorale, provocando continui slittamenti del voto. Su invito del Consiglio di sicurezza, dall estate 2007 sono ripresi i colloqui diretti Polisario- Marocco in vista di una soluzione condivisa che rispetti il diritto all autodeterminazione. Nel frattempo, la Minurso è stata sistematicamente prorogata. LA QUESTIONE SAHRAWI OGGI Quella dei campi sahrawi continua ad essere l unica esperienza di autorganizzazione dei profughi, altrove affidata a organismi internazionali o ad organizzazioni umanitarie, anche se l aspetto dei campi è profondamente mutato dal 1976 ad oggi. Ormai le tendopoli sono diventate villaggi in mattoni di sabbia. Strutture pubbliche, scuole, dispensari, centri amministrativi sono stati progressivamente ingranditi e migliorati, con uno sforzo particolare rivolto all educazione e alla sanità: tutti i giovani hanno accesso alla scuola, l assistenza sanitaria è garantita a tutta la popolazione. Fin dai primi anni furono sperimentate forme di coltivazione e di allevamento in una regione che non aveva mai conosciuta una simile esperienza. A partire dagli anni 90 il denaro cominciò a circolare, consentendo di integrare l alimentazione e l acquisto di alcuni beni di consumo. L illuminazione delle case è assicurata da pannelli solari. Si organizzano mercati nelle wilaya. La società sahrawi è in piena mutazione, anche se pienamente dipendente dagli aiuti internazionali. Un popolo pacifico, che ha deciso di non usare mezzi violenti per far ascoltare le proprie ragioni e per vedere riconosciuto il proprio diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza. Dal maggio 2005 nei territori occupati è in corso una resistenza popolare, non violenta, per protestare contro la violazione sistematica dei diritti fondamentali e chiedere la fine dell occupazione della propria terra da parte del Marocco. La risposta delle autorità marocchine è stata violentissima e la repressione si è abbattuta sulle popolazioni dei territori occupati, con gravi e ripetute violazioni dei diritti umani (divieto di manifestazioni, arresti arbitrari, torture, casi desaparecidos).

4 ACCOGLIENZA ESTIVA: PICCOLI AMBASCIATORI DI PACE Ogni anno circa bambini sahrawi piccoli ambasciatori di pace sono ospitati in paesi stranieri attraverso programmi di accoglienza estiva temporanea. Le iniziative di solidarietà con i sahrawi in Italia sono iniziate quasi subito dopo l'invasione del Sahara Occidentale da parte del Marocco, ma hanno cominciato a strutturarsi con la presenza dei primi gruppi di bambini sahrawi ospiti estivi in Toscana già agli inizi degli anni '80. Attraverso l'ospitalità dei bambini e i molti viaggi di conoscenza in questi anni sono sorti nella nostra regione numerosi comitati e associazioni di solidarietà e sono stati stipulati gemellaggi e patti di amicizia da 9 province e 134 comuni. Questo ha fatto sì che la Toscana abbia svolto un ruolo trainante a livello nazionale, dove si sono progressivamente sviluppate iniziative in quasi tutte le regioni d'italia. A livello nazionale l attività di coordinamento è affidata all Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Sahrawi (ANSPS), che opera su tre fronti: Attività di sostegno politico alla causa sahrawi attraverso la mobilitazione degli enti locali e la pressione sul governo italiano e sull'unione Europea. Invio di aiuti alle tendopoli sahrawi, sostegno a progetti di intervento e all'ospitalità di sahrawi per motivi di studio o di salute. Ospitalità di gruppi di bambini sahrawi in estate. Per quanto riguarda l ospitalità estiva, criteri e obiettivi sono stabiliti dall ANSPS in collaborazione con la rappresentanza Saharawi in Italia e il Comitato Minori Stranieri del Ministero degli Esteri italiano. Sin dal 2008 nella provincia di Pistoia è stato attivato un protocollo d intesa per la gestione di un programma di soggiorno estivo per i bambini e le bambine sahrawi che vivono nei campi profughi nel deserto algerino, nei pressi di Tindouf., cui hanno aderito i seguenti comuni: Agliana, Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Piteglio, Ponte Buggianese, Quarrata, San Marcello Pistoiese, Serravalle Pistoiese e Uzzano. La gestione dell accoglienza è stata affidata all Associazione di amicizia con il popolo Saharawi Al Sadaqa di Massa e Cozzile (all. 1). Nei primi quattro anni di attuazione del protocollo sono stati ospitati complessivamente 56 bambini in gruppi annuali ciascuno formato da 12/17 minori di 6/12 anni, accompagnati da un adulto, ospitati nel territorio della nostra provincia nei mesi di luglio ed agosto (all. 2). Il soggiorno, avvenuto in strutture di accoglienza in alcuni casi messe a disposizione dagli stessi i comuni, ha costituito anche la possibilità di coinvolgere associazioni e cittadini dell intero territorio pistoiese attraverso incontri pubblici, cene, inserimenti nei centri estivi. L aspetto maggiormente qualificante del protocollo resta quello della profilassi medico-

5 sanitaria. Grazie alla preziosa collaborazione della Azienda U.S.L. 3 di Pistoia e dell'ospedale Meyer di Firenze si rende possibile sottoporre sin dal loro arrivo i bambini ad un controllo sanitario generale, con particolare riguardo a: visita pediatrica generale, visita oculistica, visita otorinolaringoiatria e visita dentistica, analisi del sangue e urine, test della celiachia, visita dermatologica. Eventuali patologie, ove necessario e possibile, sono state interventi prima della scadenza del soggiorno. Grazie all esperienza acquisita negli anni, sono state costituite cartelle mediche individuali sulle quali sono annotate tutte le attività mediche svolte; cartelle poi riconsegnate ai bambini al momento della partenza in modo da permettere alla famiglia di origine di disporre di un quadro medico riassuntivo del bambino. In particolare questi sono gli obiettivi prioritari dell accoglienza: offrire ai bambini sahrawi la possibilità di riposo e svago dopo la fine dell anno scolastico e all inizio del periodo di più intenso di calore nei campi profughi; consentire ai bambini un apertura sul mondo esterno e su realtà nuove e diverse; stimolare lo sviluppo pedagogico del minore attraverso attività ricreativo culturali; permettere l'effettuazione di visite mediche e di monitoraggi sanitari adeguati (normalmente preclusi dalla precarie condizioni della vita nei campi) ai bambini e ai loro accompagnatori; assumere responsabilità concrete nei confronti dei diritti del popolo sahrawi e alla loro sopravvivenza, diffondendo presso la cittadinanza la realtà vissuta dai bambini sahrawi, le difficoltà del proprio popolo ed il messaggio di pace che portano con sé. Il protocollo rappresenta quindi un esperienza virtuosa, in grado di accomunare in un progetto di solidarietà internazionale di riconosciuta eccellenza quasi venti amministrazioni comunali della provincia, permettendo di implementare efficienze economiche e sinergie organizzative, così da garantire sia una corretta gestione dell accoglienza che gli obiettivi del progetto (altrimenti di difficile attuazione). Allegato 1)

6 Associazione Al SADAQA Denominazione: Al Sadaqa Associazione di amicizia con il popolo Saharawi Associazione di Promozione sociale. Data di costituzione:: 17 novembre 2006 Sede Legale: via F.lli Cervi, 6 Massa e Cozzile (PT) sede operativa via Primo Maggio 47 Margine Coperta c/o Circolo ARCI Soci: 2011 = 65 Comitato Esecutivo: Aldo Di Grazia, Barbara Puleggi (tesseramento), Gherda Maestripieri (tesoriere e contabilità), Marzia Dolfi (Presidente), Silvia Barsotti (Progetto asili), Marco Grassini, Andrea Paolo Nannini (Vicepresidente), Erminio Maraia (segretario, stage e progetti nelle scuole), Giovanni Giannini (rapporti con enti locali), Roberto Zonefrati, Maria Laura Contini (accoglienza e iniziative), Claudia Sturlini (adozioni a distanza), Ramona Lazzarini. Membro dell Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Saharawi, socio sostenitore dell associazione per la difesa dei diritti umani AFAPREDESA, Affiliata ARCI Iscritta nella sezione provinciale del registro regionale delle associazioni di promozione sociale, alla sezione C per il settore sociale, avvenuta con determinazione del dirigente del servizio lavoro e politiche sociali n. 85/ Obiettivi: promuovere la conoscenza della realtà culturale e sociale della popolazione Saharawi promuovere ogni iniziativa diretta a creare nel territorio pistoiese un tessuto di solidarietà concreta con il Popolo Saharawi attività di cooperazione, di aiuto umanitario e di emergenza, di assistenza sanitaria con il Sahara Occidentale Progetti: Gestione dell'accoglienza di un gruppo di bambini e bambine Saharawi nei mesi estivi Gestione dei richiami/trattenimenti sanitari di bambine/bambine con particolari problemi: trattenimento per un anno dal 2008 al 2009 di un bambino con perforazione del timpano con effettuazione di timpanoplastica presso l AOU Pisana. Trattenimento in corso di una bambina dal 2009 ad oggi, per postumi di cheilognatoschisi, con effettuazione di innesto osseo mascellare ed impianto di apparecchio ortodontico, presso l AOU Meyer di Firenze; la bambina è inoltre celiaca. Per gli altri interventi sanitari, gestiti in occasione dell accoglienza, si rinvia alla scheda sovrastante. Adozione a distanza dei bambini e delle bambine del campo profughi Saharawi situato nel deserto algerino per consentire loro un adeguata alimentazione, istruzione e formazione nonché idonee

7 condizioni igienico sanitarie, continuando a vivere secondo le tradizioni e la cultura locali; ad oggi sono state attivate 45 adozioni a distanza di bambini Saharawi, 51 sono le famiglie enti ed associazioni italiane coinvolte. Costo annuo di un adozione 360,00. Sostegno all asilo della daira di Aguenit Attivo da settembre Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo; rafforzare il sistema formativo dell asilo attraverso la fornitura di materiale didattico per i bambini; incrementare le opportunità ludiche attraverso la fornitura di giochi di vario tipo (quest'ultima azione è portata avanti in collaborazione con la Società di Mutuo Soccorso di Bardalone fraz di San Marcello Pistoiese). Costo delle azioni del progetto: o Interventi strutturali una tantum: costruzione di nuovi servizi igienici (2008) ,00, acquisto di 4 megafoni per la Daira di Aguenit (2008) costo 300,00. o Materiale didattico e paradidattico una tantum 4.500,00 (nel 2008). o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche). Sostegno all asilo della daira di Bir Ganduz. - Attivo da settembre 2007 condotto in collaborazione con il Comune di Massa e Cozzile e da questi finanziato. Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo; Costo delle azioni del progetto: o Una tantum - acquisto di un frigorifero per la conservazione degli alimenti deperibili da distribuire ai bambini 400,00 o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche) Sostegno all asilo della daira di Miyec Attivo da marzo Obiettivi: migliorare le condizioni alimentari dei bambini e delle bambine Saharawi che frequentano l asilo. Costo delle azioni: o Costo anno 2011 per la fornitura di merenda (30 settimane scolastiche) Diffusione della cultura Saharawi nelle scuole del territorio pistoiese attraverso la presentazione di progetti alle scuole elementari, medie e superiori. I progetti prevedono interventi di 2 ore con il supporto di una presentazione in power point. Ad oggi sono stati effettuati incontri nelle scuole elementari di Pescia, Uzzano e Massa e Cozzile presentando la storia, la cultura e le tradizioni del popolo Saharawi, con realizzazioni grafiche finali dei bambini italiani.

8 Allegato 2) 8

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE ANSPS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE Presentazione del Programma Estate 2012 Alle associazioni e agli Enti locali interessati al Programma

Dettagli

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 PROMOTORI Jaima Sahrawi (Reggio Emilia), El Ouali (Bologna), Kabara Lagdaf

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Premessa: I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Le schede seguenti si basano sui dati ufficiali forniti dal Gestore Servizi Elettrici alla data del 08/04/2011: questi dati sono da considerarsi

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO CENSIMENTO DENOMINATO "CONOSCERE CHI HA BISOGNO DI AIUTO" NECESSARIO AL COMPLETAMENTO DATI DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE E DELLE PROCEDURE DELLA CENTRALE

Dettagli

Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE

Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE Servizio di collegamento con l E DOSSIER SAHARA OCCIDENTALE Ottobre 2008 1 DATI GENERALI E SISTEMA ISTITUZIONALE Territorio Lingua Religione Risorse Il Sahara occidentale si estende per circa 266.000 chilometri

Dettagli

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010)

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010) FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione internazionale Anno accademico 2011/2012 LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi.

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. PAG. 1 OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. L anno duemilasette, addì diciassette del mese di ottobre in Macerata e nella

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna Regione EmiliaRomagna Assemblea legislativa AL/2015/16305 del 16/04/2015 OGGETTO 473 Bologna, 14/04/2015 G Risoluzione Alla Presidente Dell'Assemblea Legislativa Simonetta Saliera Sede L'Assemblea Legislativa

Dettagli

Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l

Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l Il Sahara Occidentale è un territorio di circa 266000 Kmq che si affaccia sull Atlantico per un migliaio di chilometri, confina con il Marocco, l Algeria e la Mauritania. E' in gran parte desertico, ma

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani AZIONI ALL'INTERNO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani - Monitoraggio delle attività legate ai progetti sulla pace e sulla cooperazione

Dettagli

Elenco Associazioni di Volontariato e Tutela AUSL 3 Pistoia

Elenco Associazioni di Volontariato e Tutela AUSL 3 Pistoia 1 A.C.A.T. Associazione Alcolisti in trattamento Pistoia 2 ADICONSUM Pistoia 3 A.D.M.O. Associazione Donatori Midollo Osseo 4 A.D.O.C. 5 ADUSBEF 6 AGESCI 7 AGRABAH 8 A.I.A.S. 9 A.I.C. Associazione Italiana

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Gennaio 2014 Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Diamo qui una descrizione sintetica del progetto,

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI Intercultura è una ONLUS, associazione di volontariato ed ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85. E presente in 147 città italiane ed in 65

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE

IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Con il patrocinio di Provincia di Firenze Pontassieve Bagno a Ripoli Dicomano Fiesole Incisa Valdarno Loda Pelago Reggello Rignano sull Arno Rufina

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Fondazione Nuovi Giorni Onlus Via dell Antella, 58 50012 Bagno a Ripoli Firenze Tel +393284460876 www.fondazionenuovigiorni.org E.

Fondazione Nuovi Giorni Onlus Via dell Antella, 58 50012 Bagno a Ripoli Firenze Tel +393284460876 www.fondazionenuovigiorni.org E. CARTELLA STAMPA FONDAZIONE NUOVI GIORNI ONLUS: UN FUTURO AUTONOMO PER LE PERSONE DISABILI La nascita e gli obiettivi Fondazione Nuovi Giorni Onlus nasce nel 2010 per iniziativa della Società della Salute

Dettagli

Calcolo della dotazione di servizio per Comune (millesimi) Elaborazione dati del monitoraggio dell utenza

Calcolo della dotazione di servizio per Comune (millesimi) Elaborazione dati del monitoraggio dell utenza ANALISI RETE TPL Estratto dai materiali raccolti a seguito della Convenzione tra l Amministrazione Provinciale di Pistoia e il Dipartimento di Ingegneria civile ed ambientale (DICEA) Area Trasporti della

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà

Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà Il microcredito, cooperazione decentrata e la responsabilità sociale di Parma nella lotta alla povertà a cura di silvia marchelli Mani Onlus 1 sviluppo sostenibile Il diritto ad uno sviluppo sostenibile

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua VIS Volontariato Internazionale per lo Sviluppo Breve presentazione del soggetto concorrente Concorrente Il VIS, VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO, è un Organismo Non Governativo (ONG), senza

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

Il servizio sociale professionale svolge una duplice azione: Sostegno diretto alla persona straniera; Agevolazione nell accesso alle istituzioni.

Il servizio sociale professionale svolge una duplice azione: Sostegno diretto alla persona straniera; Agevolazione nell accesso alle istituzioni. GLI STRANIERI IN ITALIA a cura di: Ceroli Serena Forte Serena Montoni Sara È straniero chi non è cittadino italiano Il servizio sociale professionale svolge una duplice azione: Sostegno diretto alla persona

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012 IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI Roma 22 Aprile 2012 Sono passati sei mesi dal rapimento della nostra rappresentante nei campi Saharawi, Rossella Urro, prelevata nella

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova

Comune di San Giorgio di Mantova Comune di San Giorgio di Mantova Piazz a dell a Repu bbl ica, 8. T e l 037 6 2731 11 F ax 037 6 2731 54 p. e.c. c o m u ne. san gio rgi o di m an tova@p e c. regione.lombardia. it C. F. 800 046 102 02

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Affidamento familiare: uno sguardo d insieme sulla realtà umbra

Affidamento familiare: uno sguardo d insieme sulla realtà umbra Affidamento familiare: uno sguardo d insieme sulla realtà umbra Un Percorso nell Affido Seminario di Restituzione Istituto Degli Innocenti, Firenze, 21 giugno 2011 A cura di: Servizio Affidi Comune di

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO. PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010

RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO. PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010 RISOLUZIONI FINALI DELLA 36a CONFERENZA EUCOCO PARIS - LE MANS, 29, 30 e 31 OTTOBRE 2010 Nei giorni 29, 30 e 31 ottobre 2010, nel Palazzo dei Congressi di Le Mans (Francia) si è riunita la 36 a Conferenza

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali.

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. 1. Ente capofila ANCI Toscana 2. Altri soggetti: Regione

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Presentare le operazioni militari e le capacità militari

Presentare le operazioni militari e le capacità militari Presentare le operazioni militari e le capacità militari Military PESD mission Rafforzare capacità dell Unione Europea ad agire in ambito esterno attraverso lo sviluppo delle capacità civili e militari

Dettagli

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO TITOLO PERCORSO Alla ricerca del diritto perduto Ente no profit Sede legale Referente progetto VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO via Appia Antica, 126 00179 Roma RM Emma Colombatti tel. 335/8726222

Dettagli

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne 24 novembre 2008 Indice ===================================================================================== PREMESSA... 5 1.

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

PROGRAMMA SPORT PER TUTTI ottobre 2004 (suddiviso per Comuni)

PROGRAMMA SPORT PER TUTTI ottobre 2004 (suddiviso per Comuni) COMUNICATO STAMPA DECINE DI APPUNTAMENTI SPORTIVI CON "SPORT PER TUTTI" PER TUTTO IL MESE DI OTTOBRE Partono dal fine settimana prossimo e durano tutto ottobre, le iniziative di "Sport per tutti", la manifestazione

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ALLEGATO 1. PATTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO DAL MESE DI SETTEMBRE 2014 AL MESE DI MAGGIO 2015 percorso in alternanza scuola-lavoro PRIMA PARTE DENOMINAZIONE PERCORSO:. PROFILO DELL INDIRIZZO DI STUDIO

Dettagli

PICTURES ON HUMAN RIGHTS

PICTURES ON HUMAN RIGHTS Luciano Nadalini ISBN 978-88-97046-01-1 euro 9,90 (i.i.) 9 788897 046011 CAMERA CHIARA EDIZIONI 4 Articolo 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione

Dettagli

Prefettura di Bergamo COMUNE DI ANTEGNATE COMUNE DI CASAZZA COMUNE DI MONASTEROLO DEL CASTELLO

Prefettura di Bergamo COMUNE DI ANTEGNATE COMUNE DI CASAZZA COMUNE DI MONASTEROLO DEL CASTELLO Prefettura di Bergamo COMUNE DI ANTEGNATE COMUNE DI CASAZZA COMUNE DI MONASTEROLO DEL CASTELLO COMUNE DI SEDRINA COMUNE DI URGNANO COMUNE DI VALBONDIONE COMUNE DI VIGANO SAN MARTINO A M B I T O PROTOCOLLO

Dettagli

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione Regione Toscana Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica www.regione.toscana.it/bandolegalita Progetti di educazione alla legalità offerti alle scuole

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

Prefettura di Vicenza Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Vicenza Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Vicenza Ufficio Territoriale del Governo COMUNE DI VICENZA tra: PROTOCOLLO D INTESA PER L'ATTUAZIONE DI ATTIVITA' DI VOLONTARIATO DEI RICHIEDENTI ASILO NELLA CITTA' DI VICENZA Prefettura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. Che cosa è il protocollo di accoglienza?

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. Che cosa è il protocollo di accoglienza? ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIANO DA CHIUSI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Che cosa è il protocollo di accoglienza? E un documento deliberato dal Collegio dei Docenti, quale strumento per l attuazione del D.P.R.

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Storia della Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Per favore grazie!!! Henry Dunant 1859 Battaglia Solferino Esercito Austro-Ungarico

Dettagli

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA DENOMINAZIONE: ASSISTENZA PUBBLICA PARMA (onlus) INDIRIZZO: PARMA 43125 V.LE GORIZIA 2/A TELEFONO E FAX: 0521/224922 0521/224920 MAIL: amministrazione@apparma.org ANNO DI FONDAZIONE: 1902 CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva Centro di servizi per il volontariato del Lazio Presidente Paola Capoleva Più punti di vista Più punti di vista esistono in un popolo, dai quali esaminare il mondo che tutti ospita in eguale misura e a

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Partecipi e solidali voce 4 SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 OBIETTIVI DEL PROGETTO voce7 Obiettivi

Dettagli

FONDAZIONE NUOVI GIORNI ONLUS: UN FUTURO AUTONOMO PER LE PERSONE DISABILI. La nascita e gli obiettivi

FONDAZIONE NUOVI GIORNI ONLUS: UN FUTURO AUTONOMO PER LE PERSONE DISABILI. La nascita e gli obiettivi CARTELLA STAMPA FONDAZIONE NUOVI GIORNI ONLUS: UN FUTURO AUTONOMO PER LE PERSONE DISABILI La nascita e gli obiettivi Fondazione Nuovi Giorni Onlus nasce nel 2010 per iniziativa della Società della Salute

Dettagli

Quali sono gli organismi internazionali preposti alla promozione e alla tutela dei diritti umani?

Quali sono gli organismi internazionali preposti alla promozione e alla tutela dei diritti umani? Quali sono gli organismi internazionali preposti alla promozione e alla tutela dei diritti umani? Un'organizzazione internazionale è per definizione ogni organizzazione con membri, scopo o presenza internazionali;

Dettagli

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti Questionario Questo questionario fa parte della ricerca sul tema dei rifugiati, richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria a Bologna e provincia che Cospe (Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli