Diagnosi della polmonite acquisita in comunità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diagnosi della polmonite acquisita in comunità"

Transcript

1 Dr. med. Marco Pons Ospedale Civico, Schweiz Corso di formazione «Infezioni delle vie respiratorie, polmonite ed esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva: terapia ambulatoriale ottimale» Lugano, 18 marzo 2003 Keywords: polmonite, malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), resistenti, esacerbazione acuta della bronchite cronica (AECB), chinoloni, moxifloxacina Take Home Messages La polmonite è una malattia che necessita di una particolare considerazione a causa della potenziale gravità con mortalità che varia tra l'1% e oltre il 30%. La radiografia del torace con infiltrato polmonare di nuova insorgenza, associata ad almeno due sintomi clinici tipici, costituisce la base per la diagnosi della polmonite acquisita in comunità (Community Acquired Pneumonia = CAP). In base a score prognostici che considerano età, comorbidità, caratteristiche cliniche e risultati di laboratorio, si decide se trattare il paziente ambulatoriamente o in ospedale. Nella terapia antibiotica ambulatoriale della CAP si utilizzano macrolidi, amoxicillina/acido clavulanico, tetracicline, cefalosporine e chinoloni. I nuovi fluorochinoloni, come moxifloxacina e levofloxacina, sono caratterizzati da un ampio spettro d'azione contro microrganismi tipici e atipici. I nuovi chinoloni sono utilizzati in caso di polmonite di gravità moderata o severa, sospetta polmonite da Streptococcus pneumoniae resistente alla penicillina, sospetta polmonite da legionella e intolleranza ad altri antibiotici. A differenza della bronchite acuta, nella cui terapia gli antibiotici non sono di regola indicati, in caso di esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva (AECB) il trattamento con antibiotici è spesso utile, come dimostrato da meta-analisi. Per il trattamento dell'aecb vengono utilizzati amoxicillina/acido clavulanico, cefalosporine della 2a e 3a generazione, cotrimoxazolo, tetraciclina, macrolidi e come riserva i nuovi chinoloni. Polmonite: una malattia che va presa sul serio La polmonite colpisce annualmente da 2,6 a 16,8 persone per ogni 1000 adulti. Solo il 10% dei pazienti con infezione delle vie respiratorie inferiori ha effettivamente una polmonite, mentre il 90% è affetto da bronchite acuta. In Svizzera si ammalano annualmente di polmonite circa 150'000 persone, di cui 20'000 vengono ricoverate in ospedale. Oltre l'80% delle polmoniti possono essere curate ambulatoriamente. La polmonite curata in ospedale è venti volte più cara rispetto al trattamento ambulatoriale e l'importo dipende soprattutto dalla durata della degenza ospedaliera. La mortalità causata da polmonite varia tra l'1% nei giovani pazienti curati ambulatoriamente e oltre il 30% nei pazienti trattati nel servizio di cure intensive. Nella polmonite acquisita in comunità l'agente patogeno può essere identificato nel 35-60% dei casi, mentre la causa rimane sconosciuta nel 40-65% dei pazienti. Gli agenti più frequenti sono: Streptococcus pneumonite (30-70%), batteri atipici quali Mycoplasma pneumoniae, Chlamydia pneumoniae e legionella (8-48%), Haemophilus influenzae e bacilli Gram negativi. Circa un quarto delle polmoniti acquisite in comunità sono causate da un agente virale. Il tipo di microrganismo responsabile delle polmoniti curate ambulatoriamente, delle polmoniti curate all'ospedale e delle polmoniti curate in cure intense è diverso e correla con la gravità della polmonite, l'età del paziente e le comorbidità presenti. In Svizzera il 12% dei pneumococchi sono resistenti alla penicillina e il 19% resistenti ai macrolidi. In Svizzera raramente il grado di resistenza alla penicillina è elevato e i pneumococchi possono essere solitamente trattati con una dose adeguata di un antibiotico ß-lattaminico adatto. I pneumococchi resistenti alla penicillina presentano sovente una resistenza crociata con altri antibiotici quali macrolidi, cefalosporine, cotrimoxazolo e tetraciclina e possono rendere più difficile la terapia. Questo vale soprattutto per pazienti a rischio come ammalati cronici, bambini piccoli, in particolare quelli che risiedono in scuole d'infanzia o asili, persone anziane, pazienti con recente terapia antibiotica o con polmonite acquisita in ospedale. Cosa possiamo dedurre per l'utilizzo delle diverse classi di antibiotici contro i pneumococchi resistenti alla penicillina? Per gli antibiotici ß-lattaminici, che raggiungono un'elevata concentrazione nel siero, l'aumento della concentrazione inibente minima è oggigiorno di regola modesta. Queste sostanze rimangono quindi molto importanti nella cura delle infezioni causate da pneumococchi. Altri antibiotici devono essere considerati inefficaci, quando le concentrazioni inibenti minime sono chiaramente superiori alla concentrazione antibiotica raggiungibile nel siero. just-medical! 1

2 Fig. 1: La statistica dei decessi in Svizzera dimostra che nelle persone con età superiore agli 85 anni la polmonite acquisita in comunità è responsabile di 700 su 100'000 decessi. Il rischio di morire per polmonite acquisita in comunità aumenta drasticamente con l'età del paziente (Fig. 1). Conformemente alla statistica svizzera dei decessi, nel 1998 la polmonite acquisita in comunità ha causato la morte di 700/100'000 persone con età superiore agli 85 anni. I principali fattori di rischio per lo sviluppo di una polmonite acquisita in comunità sono, oltre all'età, l'alcolismo, il tabagismo, diverse comorbidità (in particolare la bronco-pneumopatia cronico ostruttiva e l'insufficienza cardiaca), l'immunosoppressione (HIV) e l'origine etnica (per esempio afroamericani negli USA). Sono inoltre maggiormente a rischio persone che soggiornano in case di cura, case per anziani e carceri. Diagnosi della polmonite acquisita in comunità Per porre la diagnosi di polmonite acquisita in comunità è necessaria una radiografia del torace con infiltrato polmonare di nuova insorgenza, associata ad almeno due dei seguenti sintomi: febbre, tosse, aumentata espettorazione, dispnea, aumentata sudorazione, dolori toracici, emottisi. Nei pazienti con infezione acuta delle vie respiratorie e focolaio udibile all'auscultazione, in oltre il 30% dei casi la radiografia del torace conferma la presenza di un infiltrato polmonare. Solo il 3% delle radiografie sono invece positive, se il reperto auscultatorio è normale. Nonostante la colorazione Gram, la coltura dell'espettorato, le emocolture e la ricerca di antigeni per pneumococchi e legionella nelle urine siano utili nei pazienti ricoverati in ospedale, queste analisi di laboratorio non sono consigliate nella pratica ambulatoriale. I risultati microbiologici e sierologici inducono un cambiamento dell'antibiotico solo nell'8% dei pazienti con CAP. Una coltura dell'espettorato dovrebbe essere richiesta anche nei pazienti ambulatoriali se si sospetta un'infezione con micobatteri, Pneumocystis carinii, Pseudomonas species (ad es. in caso di mucoviscidosi) o batteri multiresistenti. Se sussiste il sospetto di polmonite da legionella occorre ricercare la presenza dei relativi antigeni nelle urine. Ad eccezione della colorazione Gram dell'espettorato, sovente non ottimale dal profilo qualitativo, e la ricerca di antigeni urinari, l'esito delle analisi sierologiche e microbiologiche non è di regola sufficientemente rapido. Per questo motivo la terapia antibiotica della CAP viene effettuata in modo empirico ed è instaurata precocemente senza attendere l'esito degli esami microbiologici. Terapia della polmonite acquisita in comunità just-medical! 2

3 Fig. 2: Score prognosticio secondo Fine: suddivisione dei pazienti in gruppi di rischio per decidere se effettuare un trattamento a domicilio o in ospedale. Con l'aiuto di speciali score prognostici (1), che considerano età, comorbidità, caratteristiche cliniche e risultati di laboratorio, i pazienti possono essere suddivisi in categorie di rischio. Queste categorie consentono di decidere se il paziente può essere curato a domicilio o se è invece necessario il suo ricovero all'ospedale (Fig. 2). Indipendentemente dallo score prognostico, le seguenti caratteristiche rappresentano controindicazioni assolute per un trattamento a domicilio: ipossiemia con saturazione O2 La scelta individuale dell'antibiotico avviene in base alle condizioni del paziente e tiene conto del luogo del trattamento (domicilio, ospedale, cure intense), gravità della CAP, comorbidità (bronco-pneumopatia cronico ostruttiva, insufficienza cardiaca), nonché dei fattori di rischio per una polmonite con germi particolari (pneumococchi resistenti alla penicillina, bacilli Gram negativi, Pseudomonas spp). Sono recentemente state pubblicate da diverse associazioni mediche negli USA, in Canada e in Europa direttive per il trattamento della CAP. Le direttive raccomandate dalla Società Europea di Pneumologia sono: terapia a domicilio: amoxicillina, macrolide, tetraciclina, cefalosporina o chinolone; pazienti giovani durante epidemie da micoplasma: macrolide; pazienti ricoverati in ospedale, non in cure intense: cefalosporina della 2a e 3a generazione, amoxicillina/acido clavulanico con o senza macrolide o nuovo chinolone, p. es. moxifloxacina o levofloxacina. La terapia da noi consigliata per la terapia della polmonite acquisita in comunità è la seguente: pazienti giovani con polmonite di gravità lieve-moderata, senza comorbidità o fattori di rischio: macrolide; pazienti giovani con polmonite di gravità lieve-moderata e clinica suggestiva per infezione da Streptococcus pneumoniae: antibiotici ß-lattaminici come amoxicillina/acido clavulanico, cefuroxime o cefalosporina della 3a generazione; pazienti di età superiore ai 60 anni con polmonite di gravità lieve-moderata con o senza comorbidità o fattori di rischio: antibiotici b-lattaminici come amoxicillina/acido clavulanico, cefuroxime o cefalosporina della 3a generazione. Se dopo ore non si riscontra un miglioramento: aggiungere macrolide o monoterapia con un nuovo chinolone, p.es. moxifloxacina o levofloxacina; pazienti con polmonite grave, senza fattori di rischio per germi particolari, che vengono comunque trattati a domicilio: cefalosporina della 3a generazione associata ad un macrolide o monoterapia con un nuovo chinolone. I nuovi chinoloni e i loro vantaggi I nuovi chinoloni rappresentano una preziosa alternativa per la terapia della CAP. I nuovi fluorochinoloni, come moxifloxacina (1 x 400 mg/giorno) o levofloxacina (1-2 x 500 mg/giorno) si distinguono per le seguenti caratteristiche: azione ad ampio spettro contro agenti "tipici" e "atipici"; eccellente biodisponibilità superiore al 90%; tossicità ridotta; debole sviluppo di resistenze rispetto ai chinoloni della prima generazione. La moxifloxacina per esempio è molto efficace contro: Streptococcus pneumoniae (anche in caso di resistenza alla penicillina e ai macrolidi), Haemophilus influenzae, Mycoplasma pneumoniae, Chlamydia pneumoniae e legionella. In caso di CAP l'impiego di un nuovo fluorochinolone può essere consigliato nelle seguenti situazioni: polmonite di gravità moderata o severa (classe Fine III-V); sospetto di Streptococcus pneumonite resistente alla penicillina; sospetto di infezione da legionella; intolleranza ad altri antibiotici. Esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva (AECB) In Svizzera 400'000 persone sono affette da bronco-pneumopatia cronico ostruttiva (BPCO). La mortalità dovuta a BPCO aumenta con just-medical! 3

4 l'età del paziente. Secondo la statistica svizzera, nelle persone di età superiore agli 85 anni circa 400 su 100'000 decessi sono da ricondurre a BPCO. Si stima che nel 2020 la BPCO costituirà la terza causa di morte nei paesi industrializzati. L'AECB è definita come un peggioramento dei sintomi clinici di BPCO con colorazione dell'espettorato, incremento del volume dell'espettorato e aumento della dispnea. Febbre, ostruzione bronchiale e insufficienza cardiaca di destra sono altri possibili sintomi. Diagnosi dell'aecb La diagnosi è posta clinicamente in considerazione dei sintomi succitati. La radiografia del torace consente di escludere una polmonite. L'esame batteriologico dell'espettorato di regola non è molto utile nella diagnosi della AECB. Nell'esacerbazione acuta della BPCO molti aspetti non sono ancora chiari: si tratta di un'infiammazione o di un'infezione? Se si tratta di un'infezione, è di tipo batterico o virale? Quali marcatori dell'infezione esistono? Quando e quali antibiotici sono indicati? Le seguenti argomentazioni fanno supporre un ruolo patogenetico delle infezioni batteriche nella AECB: in oltre il 50% dei casi la coltura dell'espettorato è positiva, il numero di batteri aumenta nel corso di un'aecb, sovente possono essere isolati nuovi ceppi di batteri e in numerosi studi gli antibiotici portano ad un miglioramento clinico. Meta-analisi di studi randomizzati in cui l'antibiotico è testato verso placebo, dimostrano un beneficio nei pazienti curati con antibiotici, senza differenze significative tra i vari antibiotici. Malgrado ciò non è ancora possibile stabilire una chiara indicazione alla terapia antibiotica in caso di AECB. Le seguenti argomentazioni parlano contro un ruolo patogenetico delle infezioni batteriche in caso di AECB: l'albero bronchiale dei pazienti BPCO è colonizzato da batteri; il 50% dei pazienti con AECB mostrano un miglioramento clinico spontaneo; l'aecb spesso non è causata da batteri, bensì da virus. Quando pazienti con BPCO di gravità lieve o moderata presentano un'esacerbazione acuta, sovente vengono isolati Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae o Moraxella catarrhalis. Nelle AECB di pazienti con BPCO grave si isolano più frequentemente anche bacilli Gram negativi e Pseudomonas spp. Terapia dell'aecb La bronchite acuta è solitamente causata da virus, motivo per cui una terapia antibiotica non è indicata. Per il trattamento delle AECB non complicate (meno di quattro esacerbazioni all'anno, nessuna comorbidità, volume espiratorio forzato al primo secondo superiore al 50% del valore predittivo) vengono presi in considerazione i seguenti antibiotici: amoxicillina/acido clavulanico, cefalosporine della 2a e 3a generazione, cotrimoxazolo, doxiciclina, macrolide e come riserva i nuovi chinoloni. Per il trattamento delle AECB complicate (età del paziente superiore ai 65 anni, quattro o più esacerbazioni all'anno, volume espiratorio forzato al primo secondo inferiore 50% del valore predittivo, recente ricovero in ospedale o recente terapia antibiotica) sono consigliate cefalosporine della 3a e 4a generazione o i nuovi fluorochinoloni. In assenza di risposta alla terapia in corso o presenza di Pseudomonas aeruginos Pseudomonas aeruginosa è consigliabile prescrivere ceftazidina, cefepime, piperacillina, tircacillina o ciprofloxacina. Casi clinici: Radiografia del torace (Fig. 3): conferma la presenza di una polmonite. Uomo di 82 anni con BPCO Status: buono stato generale, afebbrile, pressione arteriosa 120/60 mmhg, polso 76/min, eupnoico, rantoli umidi bibasali, espirio prolungato con sibili espiratori. Laboratorio: leucociti 25'200/ul con deviazione a sinistra, trombociti 129'000/ul, CRP 117 mg/l, creatininemia 125 umol/l, saturazione O2 94%. Secondo lo score prognostico di Fine, il punteggio del paziente raggiunge 102 per la sua età e la creatininemia leggermente aumentata. just-medical! 4

5 Appartiene quindi alla categoria di rischio IV e dovrebbe essere trattato in ospedale. Terapia effettuata: nuovo chinolone (alternativa antibiotico b-lattaminico con o senza macrolide) Decorso: emocoltura con presenza di Streptococcus pneumoniae. Guarigione senza complicazioni. Dimissione dopo dieci giorni. Donna di 27 anni con tosse non produttiva intensa Radiografia del torace (Fig. 4): polmonite La paziente precedentemente in eccellente stato di salute presenta da 24 ore tosse secca, brividi, dispnea, dolori toracali respirodipendenti a destra. Status: febbre 39.8, pressione arteriosa 90/70 mmhg, polso 130/min, frequenza respiratoria 40/min, respiro bronchiale udibile sul campo medio destro. Laboratorio: leucociti 6800/ml con deviazione a sinistra, CRP 500 mg/l, saturazione O2 83%, pressione parziale dell'ossigeno nel sangue arterioso 58 mmhg. Score prognostico di Fine 57 punti: età meno 10 punti, frequenza respiratoria superiore a 30/min. (+20), polso superiore a 125/min. (+10), pressione parziale dell'ossigeno nel sangue arterioso inferiore a 60 mmhg (+10). Appartiene pertanto alla categoria di rischio II e potrebbe essere curata a domicilio. Terapia effettuata: sospetta polmonite batterica con «presentazione clinica tipica», motivo per cui è stato prescritto un antibiotico b-lattaminico, come ad es. amoxicillina/acido clavulanico o Ceftriaxon. Decorso: ricovero, Ceftriaxon 2 g/giorno i.v., emocoltura sterile, ricerca di antigeni urinari positiva per pneumococchi. Febbre persistente C per cinque giorni, dopo sette giorni passaggio al trattamento per via orale. Uomo di 73 anni con BPCO, ipertensione arteriosa, diabete e obesità just-medical! 5

6 Radiografia del torace (Fig. 5): polmonite Dispnea ingravescente. Il medico curante diagnostica una polmonite e prescrive amoxicillina/acido clavulanico, dopo 24 ore brividi, febbre 39,8 C, ricovero in ospedale. Status: cattivo stato generale, afebbrile, pressione 180/90 mmhg, polso 118/min, frequenza respiratoria 48/min. Rantoli umidi bibasali, espirio allungato con rari sibili espiratori. Laboratorio: leucociti /ml con deviazione a sinistra, Na 130 mmol/l, creatinina 193 uol/l, CK 680 U/l, saturazione O2 84%. Terapia instaurata: sospetta polmonite da legionella. Ricovero in cure intense (score di Fine 152, categoria di rischio V). Terapia antibiotica con Ceftriaxon 2 g/d i.v. e claritromicina 2 x 500 mg/d i.v. Possibile alternativa: nuovo chinolone. Decorso: ricerca di antigeni urinari positiva per legionella. Aggiunta di Rifampicina. Decorso sfavorevole con intubazione ed emodialisi per insufficienza renale. Lento e progressivo miglioramento con dimissione Uomo di 24 anni senza comorbidità Radiografia del torace (Fig. 6): polmonite Cefalea da tre giorni, tosse secca, dolori muscolari, febbre. Status: buono stato generale, febbre 38.1, pressione arteriosa 120/70 mmhg, polso 89/min, frequenza respiratoria 16/min. Auscultazione polmonare normale. Laboratorio: leucociti 8500/ul con deviazione a sinistra, saturazione O2 94%. Terapia: macrolidi Decorso: rapida guarigione. just-medical! 6

7 Referenz 1) Fine MJ et al. A prediction rule to identify low-risk patients with community-acquired pneumonia. N Engl J Med 1997; 336: ) Niedermann MS et al. Guidelines for the management of adult with community-acquired pneumonia: diagnosis, assessment of severity, antimicrobial therapy, and prevention. Am J Respir Crit Care Med 2001;163: ) Halm EA et al. Management of community-acquired pneumonia. N Engl J Med 2002; 347: just-medical! 7

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale TRATTAMENTO DELLA BPCO Obiettivi Prevenire la progressione della malattia Migliorare i sintomi Migliorare la

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti Codice prodotto IF1250M Rev. I Caratteristiche prestazionali Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti VALORI ATTESI Popolazione con polmonite acquisita in comunità Due sperimentatori esterni

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Comprendere le esacerbazioni polmonari

Comprendere le esacerbazioni polmonari Comprendere le esacerbazioni polmonari COMPRENDERE LE ESACERBAZIONI POLMONARI INTRODUZIONE Riconoscere i cambiamenti di segnali e sintomi della malattia polmonare è una parte importante della gestione

Dettagli

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO Il documento è stato redatto dal gruppo di lavoro provinciale costituito da: LUIGI AZZOLINI (MMG -

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri OTITE MEDIA ACUTA E FARINGOTONSILLITE ACUTA IN ETA' PEDIATRICA PROTOCOLLO ASSISTENZIALE

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

UOC MALATTIE INFETTIVE

UOC MALATTIE INFETTIVE UOC MALATTIE INFETTIVE POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA NEGLI ADULTI: PERCORSO CLINICO-ORGANIZZATIVO Novembre 2012 UO Audit Clinico e Sistemi Informativi Sanitari. Giacinto Di Gianfilippo, Paola Lunari

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo?

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Roberto Grinta, Katia Bini, Federica Verri U.O. Budget Medicina Generale AV2, Jesi Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Introduzione La polmonite continua a

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Gli antibiotici in medicina generale

Gli antibiotici in medicina generale Gli antibiotici in medicina generale Anna Maria Marata Olbia 11 ottobre 2008 gli antibiotici quale posto nella prescrizione territoriale? Rapporto OSMED 2007: www.agenziafarmaco.it la prescrizione nella

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911 POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA Dr. Andrea Cai Responsabile U.O. Pronto Soccorso-Med.Urg. Ospedale Pistoia «L amica dell anziano» una malattia «acuta, breve e spesso non dolorosa» che aveva come conseguenza

Dettagli

Documento sull'uso appropriato degli antibiotici

Documento sull'uso appropriato degli antibiotici R E P U B B L I C A I T A L I A N A Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA SALUTE Dipartimento Regionale per la Pianificazione Strategica Servizio 7 Farmaceutica Centro Regionale di Farmacovigilanza e Vaccinovigilanza

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Le polmoniti acquisite in comunità

Le polmoniti acquisite in comunità Le polmoniti acquisite in comunità Cosa può aggiungere il metodologo? Oreste Capelli CeVEAS (Centro per la Valutazione dell Efficacia dell Assistenza Sanitaria) Evidence-based Medicine What it is and what

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Anno Accademico

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

Febbre al rientro da Malindi, Kenya

Febbre al rientro da Malindi, Kenya Febbre al rientro da Malindi, Kenya Una giovane coppia di fidanzati (26 anni lui, 23 anni lei) sono rientrati da una settimana da un viaggio a Malindi, Kenya, durato quindici gg. Non hanno effettuato alcuna

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH INFLUENZA Malattia respiratoria acuta causata da un virus appartenente agli

Dettagli

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro POLMONITI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova POLMONITI Classificazione Definizione Epidemiologia

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino?

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? 1 L opuscolo raccoglie le più frequenti domande rivolte agli operatori del

Dettagli

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO RIACUTIZZAZIONI DI BPCO Causa comune di morbidità e mortalità nei pazienti con BPCO In USA: >16 milioni di visite ambulatoriali e 500.000 ricoveri all anno ~1/3 dei pz dimessi da PS con riacutizzazione

Dettagli

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio)

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio) La Spezia 08/11/2005 critica Al Direttore Sanitario Ai Dirigenti Dipartimenti Ai Direttori Area Medica, specialistica e OGGETTO : Legionellosi Premessa La sorveglianza della legionella permette di effettuare

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009 Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino 31 luglio 2009 Info-med 06/2009 Influenza A H1N1: adattamento della strategia Gentile collega, egregio collega Desideriamo

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie LA DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie Lucia Martelli influenza la terapia che è in funzione di permette di individuare cluster epidemici Presenza

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie Con la dizione Broncopneumopatie Croniche Ostruttive () si indica un gruppo di affezioni respiratorie invalidanti dell età adulta con elevati costi sociali, clinicamente caratterizzate da persistente espettorazione

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2 P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori A cosa serve? Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia F. Sangalli APPARATO RESPIRATORIO: Insieme di organi che

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l. I casi dell Ospedale Sacco

L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l. I casi dell Ospedale Sacco L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l italiana I casi dell Ospedale Sacco 2003 Sabato 15 marzo sera: segnalazione del Ministero della Salute via fax alla

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

Caso clinico: un dilemma diagnostico

Caso clinico: un dilemma diagnostico APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE ALL'ITTERO OSTRUTTIVO Verona, 1 ottobre 2010 Caso clinico: un dilemma diagnostico M Bortul 1, S Scomersi 1, F Vassallo 2, T Stocca 3 1 S.C.Clinica Chirurgica-Azienda Ospedaliero

Dettagli

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Informazioni generali La nuova influenza A(H1N1) è un infezione virale acuta dell'apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica

Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica Sergio Carbonara, Francesca Stano Clinica Malattie Infettive, Università degli Studi, Bari Piazza G. Cesare

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Legionella pneumophila: epidemiologia e controllo in SanitàPubblica

Legionella pneumophila: epidemiologia e controllo in SanitàPubblica Ai miei genitori Legionella pneumophila: epidemiologia e controllo in SanitàPubblica CATTEDRA DI IGIENE Giancarlo Ripabelli La prevenzione impiantistica della Legionella Auditorium Consorzio per lo Sviluppo

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Televoto Far comparire poi la domanda 2

Televoto Far comparire poi la domanda 2 Caso 1 sess. 1 Antonio, 50 anni, fumatore, si presenta al medico di famiglia dopo un episodio influenzale perché la tosse persiste da 3 settimane negli ultimi giorni anche con un po di catarro giallino.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 La legionellosi nel territorio dell ASL Provincia di Milano n. 1 Rapporto 2000-2005 Introduzione La legionellosi in Italia è una malattia soggetta

Dettagli

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Convegno Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Dr Fernando Antonio Compostella Direttore Agenzia Regionale dei Servizi Socio-sanitari della Regione del Veneto

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA U.O.Malattie Infettive Caso clinico Legionellosi nel paziente con infezione da HIV Dr.ssa Daniela Segala Uomo, 42 anni, msm HIV+ dal 1997 CDC A3 DATI SIEROLOGICI

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli