Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica"

Transcript

1 Polmonite acquisita in comunità nell adulto immunocompetente: principi di terapia antimicrobica Sergio Carbonara, Francesca Stano Clinica Malattie Infettive, Università degli Studi, Bari Piazza G. Cesare BARI Tel , , E.mail: Sommario La polmonite acquisita in comunità (CAP) rappresenta una delle patologie infettive di più frequente riscontro nella pratica clinica e rappresenta spesso una emergenza clinica, richiedendo pertanto un trattamento antimicrobico adeguato e precoce, scelto su base empirica. Tuttavia, questa esigenza è resa problematica dalla diversità degli agenti microbici responsabili di CAP e dalla progressiva diffusione di ceppi farmacoresistenti. Pertanto, un approccio terapeutico corretto dovrà essere non semplicemente empirico ma empirico-ragionato, basato cioè sulla conoscenza delle eziologie microbiche più frequentemente riportate dalla recente letteratura nei diversi quadri clinici di presentazione. Le linee guida di trattamento della CAP divulgate dalle istituzioni scientifiche più accreditate in questo campo o forniscono al clinico gli elementi conoscitivi ed i criteri per orientare questa delicata scelta, i principali dei quali vengono qui di seguito riportati e discussi. Delle molteplici linee guida pubblicate sull argomento, in questa sede sono state considerate elettivamente le più recenti: quelle della Infectious Diseases Society of America (IDSA, 2003) e quelle della European Respiratory Society (ERS, 2005). Un adeguata gestione clinica del paziente con CAP deve tener conto anche di altri aspetti, quali la scelta dell ambiente di trattamento più appropriata (ambulatorio o ospedale), la durata della terapia, il monitoraggio della sua efficacia e dei suoi eventi avversi, le eventuali misure di supporto. Definizione di CAP La IDSA (Infectious Diseases Society of America) definisce la Polmonite Acquisita in Comunità (CAP) (1) come un infezione acuta del parenchima polmonare associata ad alcuni sintomi (nella maggior parte degli studi presenti almeno due) di infezione acuta delle basse vie respiratorie (come febbre, tosse di nuova insorgenza, variazione nell aspetto dell escreato in paziente con tosse cronica, dolore toracico, dispnea) ed alla presenza di un infiltrato polmonare evidenziabile alla radiografia del torace e/o di reperti ascoltatori compatibili con una polmonite (come rumori secchi o umidi localizzati), in pazienti non ospedalizzati, nè residenti in strutture di lungo-degenza, da almeno 14 giorni prima dell insorgenza dei sintomi. La maggior parte dei pazienti presenta anche sintomi aspecifici come astenia, anoressia, mialgie, algie addominali e cefalea. Note epidemiologiche Le polmoniti acquisite in comunità rappresentano una comune patologia infettiva con alta percentuale di morbilità e mortalità. Per quanto non siano disponibili dati precisi a riguardo per la maggior parte degli stati europei (Italia compresa), alcuni studi condotti in Spagna, Finlandia e Inghilterra hanno mostrato che ogni anno nove soggetti su mille della popolazione adulta 1

2 ammalano di CAP. Di questi, una percentuale compresa tra l 8 e il 51% richiede l ospedalizzazione e, mentre la mortalità tra i pazienti non ospedalizzati è molto bassa (< 1%), tra i pazienti ricoverati questa è compresa tra il 4 e il 14% (3). Eziologia Gli agenti microbici più frequentemente responsabili di polmonite comunitaria sono illustrati nella tabella 1. La loro frequenza relativa varia in rapporto alla gravità del quadro clinico e, quindi, al contesto in cui il paziente viene assistito (ambulatoriale, ospedaliero diverso da terapia intensiva, di terapia intensiva). Lo S. pneumoniae è il patogeno responsabile identificato nella maggior parte dei pazienti con CAP; tuttavia in circa il 50% dei casi l agente eziologico rimane misconosciuto. Molto rilevante è inoltre il ruolo dei patogeni atipici, in particolare di M. pneumoniae, responsabile di polmoniti soprattutto in soggetti con età inferiore ai 50 anni. La frequenza di infezioni polmonari miste, causate cioè da più patogeni di cui uno rappresentato di solito da un atipico, varia dal 2% all 11%; uno studio di File e altri (4) ha messo in evidenza che in circa il 45% dei pazienti con polmonite da C. pneumoniae è stato isolato anche lo S. pneumoniae. Tab.1. Agenti eziologici più frequenti della polmonite comunitaria, nei diversi contesti di cura. Pazienti non ricoverati Pazienti ricoverati (non in UTI) Pazienti ricoverati in UTI S. pneumoniae S. pneumoniae S. pneumoniae M. pneumonia M. pneumoniae Legionella spp H. influenzae C. pneumoniae H. influenzae C. pneumoniae H. influenzae Gram-negativi Virus respiratori* Legionella spp S. aureus UTI: unità di terapia intensiva. *Virus respiratori: Virus dell Influenza A e B, Virus della parainfluenza, Adenovirus, Virus respiratoriosinciziale. Tabella modificata da File TM (5) Criteri di ospedalizzazione Un corretto approccio terapeutico al paziente con CAP comporta anzitutto la definizione della gravità del quadro di presentazione e del conseguente rischio di mortalità del paziente. Da questo, infatti, dipende la scelta sia dell ambiente più appropriato di gestione clinica del paziente (ambulatorio, unità di degenza ospedaliera non di terapia intensiva, unità di terapia intensiva) sia del trattamento antimicrobico iniziale più razionale. La decisione di ricoverare un paziente dipende da molti fattori, che includono l età del paziente, la gravità del processo polmonare, le patologie coesistenti e la probabilità da parte del paziente di aderire correttamente ad una prescrizione terapeutica ambulatoriale. Per supportare il clinico in tale definizione diagnostica, sono stati messi a punto degli indici di predittivi del rischio di mortalità, e quindi della gravità del quadro clinico complessivo, del paziente che si presenta con CAP. 2

3 l IDSA e l ATS (American Thoracic Society) raccomandano di utilizzare il Pneumonia PORT (Patient Outcomes Research Team) Severity Index (6); questo indice (Fig. 1 ) stratifica i pazienti in cinque classi di rischio in base ai seguenti parametri: età, presenza di almeno una tra cinque condizioni patologiche (specificate nella figura), alterazione dello stato mentale, alterazioni di parametri vitali e di laboratorio. I pazienti che si collocano nelle classi I-II presentano un quadro clinico di gravità lieve-moderata, un basso rischio di morte e possono pertanto essere trattati al proprio domicilio. Quelli collocabili nella classe di rischio IV-V presentano un quadro clinico di gravità medio-severa, un rischio di mortalità moderata e, rispettivamente, elevata, e dovrebbero quindi essere sempre ricoverati (quelli di rischio V in unità di terapia intensiva). I pazienti in classe di rischio III presentano un quadro di gravità intermedia e possono essere gestiti ambulatorialmente o in ospedale in base al giudizio clinico. Le linee guida della BTS e della ERS (10, 11) raccomandano che la valutazione della gravità della malattia sia effettuata in base alla presenza di caratteristiche prognostiche sfavorevoli che includono: età >50 anni, patologie coesistenti e quattro caratteristiche addizionali quali confusione mentale, aumento dell urea, aumento della frequenza respiratoria a >30 atti /m, bassa pressione arteriosa (sintetizzati con l acronimo CURB). Per quanto sia stata dimostrata una buona attendibilità di tali indici, la necessità o meno del ricovero deve essere valutata dal giudizio del medico. La maggior parte dei pazienti con CAP può essere curata con buon grado di sicurezza al proprio domicilio (8). 3

4 Fig.1. Indice di gravità della polmonite (Pneumonia PORT severity index). L indice, determinato secondo l algoritmo qui rappresentato, è usato per determinare il rischio di morte di un paziente ed orientare così il clinico nella scelta dell ambiente di trattamento (ambulatorio, ricovero non in terapia intensiva, ricovero in terapia intensiva). Il paziente presenta 1 tra le condizioni sotto specificate? Età > 50 anni Una o più tra le seguenti patologie associate: o neoplasia, malattia epatica o insufficienza cardiaca congestizia o malattia cerebrovascolare o malattia renale. Uno o più tra i seguenti reperti obiettivi: o alterazioni della stato mentale o frequenza respiratoria >30 atti/minuto o pressione arteriosa <90 mm Hg o temperatura <35 C o > 40 C o frequenza cardiaca >125 battiti/ minuto NO SI Assegnazione alla classe di rischio I Assegnazione alle classi di rischio II-V, in base al punteggio complessivo ottenuto sommando i punti indicati per ciascuna delle seguenti caratteristiche. Caratteristiche Punti Caratteristiche Punti Demografiche: Maschio Età (anni) Femmina Età (anni) 10 Degente in casa di cura + 10 Comorbidità: Neoplasie + 30 Epatopatie + 20 Cardiopatie + 10 Malattie + 10 cerebrovascolari Patologie renali + 10 Esame obiettivo: Alterazioni della stato mentale + 20 Frequenza respiratoria >30 atti/minuto + 20 Pressione arteriosa <90 mm Hg + 20 Temperatura <35 C o >40 C + 15 Frequenza cardiaca >125 battiti/ minuto + 10 Dati di laboratorio e radiografici: PH sangue arterioso < Azotemia >64 mg/dl (22.85 mmol/l) + 20 Sodiemia <130 meq/l (130 mmol/l) + 20 Glicemia >250 mg/ dl (13.87 mmol/l) + 10 Ematocrito <30% + 10 PaO2 <60 mm Hg o SO2 <90% + 10 Versamento pleurico + 10 Punteggio Totale Classe di Rischio Rischio Mortalità % Contesto di cura raccomandato Nessun fattore di rischio I Basso 0.1 Ambulatoriale 70 II Basso 0.6 Ambulatoriale III Basso 2.8 Ambulatoriale o Ospedaliero IV Moderato 8.2 Ospedaliero (non UTI) > 130 V Alto 29.2 Ospedaliero (UTI) Modificata da Fine et al. (6) 4

5 Approccio terapeutico alle CAP Principi generali. Il trattamento antimicrobico delle CAP è nelle maggior parte dei casi empirico-ragionato, in ragione, come sopra menzionato, della frequente esigenza di trattamenti domiciliari e della bassa resa diagnostica delle indagini microbiologiche, come quelle su escreato (1,9). Tuttavia si ritiene che almeno nei casi osservati in ospedale e in pazienti complessi (polmonite recidivante o non responsiva ad un primo trattamento antibiotico empirico, quadri gravi, presenza di patologie associate, di immunodeficit accertato o sospetto, ecc.) sia comunque opportuno avviare indagini microbiologiche quali emocolture (2,10,11), la ricerca di antigene urinario di S.pneumoniae e di L.pneumophila (2,10,11) e l esame microscopico e colturale dell escreato (2,10,11) prima dell inizio della terapia antibiotica empirico-ragionata. Tali indagini infatti, qualora esitino nell identificazione di un patogeno possibilmente responsabile della malattia e del suo profilo di sensibilità in vitro agli antibatterici, rappresenteranno un prezioso ausilio per la gestione clinica del paziente in quanto potranno consentire un aggiustamento del tiro dell iniziale terapia empiricoragionata (e come tale possibilmente non o poco efficace), riducendo i rischi di mortalità, di selezione di resistenze farmacologiche e di tossicità, nonchè i tempi ed i costi di guarigione. L utilità di tali indagini microbiologiche può essere ottimizzata seguendo alcuni principi generali, che vengono sintetizzati qui di seguito: - l avvio delle indagini microbiologiche non deve comunque ritardare l inizio della terapia empirico-ragionata di una polmonite acuta (la quale rappresenta una emergenza clinica) - la resa e l accuratezza diagnostica dell esame dell escreato può essere aumentata assistendo il paziente per una corretta raccolta del campione (con riduzione del rischio di un campione salivare o delle alte vie respiratorie o di contaminazione da parte di queste): far precedere la raccolta da più colluttori del cavo orale con soluzione fisiologica, invitare il paziente a duetre respiri profondi, l ultimo dei quali seguito da un energico colpo di tosse, con successiva raccolta dell escreato (2). - l esame microscopico diretto dell escreato, ottenibile in poche ore, può risultare già di per se molto utile (es. in caso di un campione adeguato che presenti una popolazione batterica prevalente). - l isolamento, specie se unico, di un germe non necessariamente comporta un suo ruolo eziologico nel quadro clinico osservato - il profilo di sensibilità antimicrobica in vitro va interpretato criticamente: in linea generale vanno esclusi i farmaci cui il germe risulta resistente, mentre non è indifferente la scelta tra i farmaci risultati attivi. - in casi dubbi, la corretta interpretazione clinica dell esito delle indagini microbiologiche suddette (esame diretto, colturale, antibiogramma), dovrebbe avvalersi, ai fini di una scelta terapeutica ottimale, di uno specialista in malattie infettive. Le indicazioni di terapia antibiotica empirico-ragionata di primo impiego nella CAP, illustrate dalle diverse linee guida e qui di seguito discusse, sono basate, come del resto in tutti i casi di trattamento antimicrobico empirico di patologie infettive di altre sedi, sul principio della best guess eziologica: in rapporto alle principali caratteristiche del quadro clinico e del paziente vengono selezionate, sulla base degli studi più recenti disponibili in letteratura, le specie batteriche più probabilmente responsabili di quel quadro clinico e, di conseguenza, i trattamenti più adeguati. Le raccomandazioni in questione vanno comunque valutate dal clinico con senso critico, alla luce di diverse considerazioni tra cui: 5

6 la frequenza relativa delle varie specie microbiche responsabili di CAP, e del rispettivo profilo di sensibilità agli antibatterici, può variare anche di molto da un area geografica all altra e, quindi, anche all interno di una stessa macroarea (es. Europa, Italia). Pertanto le indicazioni generali di trattamento devono essere sempre vagliate alla luce del quadro epidemiologico locale, dove questo sia disponibile. nelle linee guida in questione, l indicazione, per uno stesso quadro di presentazione, di più opzioni terapeutiche non deve comportare una scelta indifferente o casuale tra queste da parte del clinico; tale scelta, piuttosto, deve essere effettuata alla luce di vari fattori, in primis delle caratteristiche dell ospite, quali: - storia di intolleranza o tossicità inerente alcune molecole - età avanzata ( maggiori rischi di eventi avversi, specie da classi quali aminoglicosidi e fluorochinoloni) - patologie coesistenti (es. malattia epatica o renale) - coesistenti localizzazioni extrapolmonari del processo infettivo ( preferenza di molecole a maggior grado di diffusione nelle sedi in questione) - bassa aderenza attesa del paziente verso prescrizioni terapeutiche ambulatoriali ( preferenza di regimi a posologia semplificata) - terapie concomitanti ( scelta di antimicrobici con minori rischi di tossicità additiva, interazioni farmacocinetiche e di bassa aderenza da parte del paziente. un quadro clinico di CAP può essere causato da eziologie non standard che richiedono un approccio diagnostico e terapeutico peculiare. In particolare va ricordata la malattia tubercolare, attualmente di riscontro frequente specie in categorie quali extracomunitari e immunodepressi; nei quadri clinici in cui tale ipotesi eziologica non sia remota, andrebbero avviate sempre indagini microbiologiche specifiche, specie prima della somministrazione di molecole a rilevante attività antimicobatterica (come fluorochinoloni, aminoglucosidi). un quadro clinico di CAP, specie se complesso, può celare o associarsi ad altre patologie, sia infettive (es. infezione da HIV) che non (es. neoplasie). Regimi di prima linea di trattamento empirico-ragionato (Tabb. 1,2). Le attuali linee guida statunitensi (IDSA e ATS) (2,9) indicano l utilizzo di un macrolide o della doxiciclina (nei casi di intolleranza al suddetto) quale regime preferenziale nelle CAP trattate ambulatorialmente (in quanto a basso rischio di mortalità), al fine garantire un attività non solo nei confronti dello pneumococco ma anche dei patogeni atipici. D altro canto, nelle linee guida europee (ERS e British Thoracic Society - BTS) (10,11), la terapia empirica in questa fascia di pazienti è incentrata prioritariamente sullo S. pneumoniae, e pertanto l amoxicillina è raccomandata come antibiotico di prima scelta, privo tuttavia di attività sugli agenti atipici. Tale discordanza di indicazione è dovuta all evidenza che in Europa i ceppi di S. pneumoniae sono frequentemente resistenti ai macrolidi attraverso il meccanismo erm mediato (vedi in seguito), che conferisce loro una MIC molto elevata per l eritromicina. Inoltre, la BTS considera poco rilevante il ruolo dei patogeni atipici poiché l infezione da M. pneumoniae, il più frequente in questo gruppo di germi, esibisce una periodicità quinquennale e colpisce soprattutto soggetti giovani; alla luce di queste considerazioni, la BTS ritiene che nella gestione ambulatoriale di prima linea delle CAP non sia necessario garantire un attività verso tali agenti. Tra i macrolidi viene indicata come equivalente la scelta tra eritromicina, azitromicina e claritromicina. Tuttavia, si rammenta come le ultime due molecole presentino un profilo farmacocinetico più favorevole, consentendo la somministrazione di sole due dosi giornaliere. L ERS indica come possibile anche l impiego della roxitromicina mentre non contempla 6

7 raccomandazioni specifiche sul ketolide telitromicina, per l esperienza clinica ancora limitata con tale molecola. L IDSA e ATS (2,9) individuano, tra i pazienti a gestione ambulatoriale, un sottogruppo di pazienti che presentino patologie associate (elencate nella tab.2) o siano stati sottoposti a recente trattamento antibiotico. In questi viene raccomandato un approccio terapeutico più aggressivo del precedente, tramite l utilizzo di un associazione tra macrolide e β-lattamico (amoxicillina, amoxicillinaclavulanato, cefpodoxime, cefprozil, cefuroxime) o di una monoterapia con fluorochinolone respiratorio. Quest ultima definizione utilizzata nelle linee guida statunitensi, sebbene non del tutto appropriata, sottolinea l utilità elettiva di queste molecole nelle infezioni delle vie respiratorie, in ragione dell attività verso i patogeni atipici e i gram-positivi, quest ultima in misura maggiore rispetto alle molecole di generazione precedente della stessa classe. I fluorochinoloni respiratori sono attualmente rappresentati da levofloxacina e moxifloxacina. Quest ultima presenta un maggiore quoziente inibitorio, e pertanto una maggiore potenza verso S.pneumoniae. Dati estrapolati da trials clinici comparativi evidenziano che il fluorochinolone in monoterapia è efficace quanto l associazione di β lattamico e macrolide (7,15). Anche nei pazienti ospedalizzati (quindi con un quadro più grave dei precedenti ma non tale da comportare il ricovero in terapia intensiva) le linee guida sia statunitensi che europee consigliano l impiego del solo fluorochinolone respiratorio o l associazione tra macrolide e β-lattamico; per quest ultimo, tuttavia, vengono consigliate molecole ad infusione endovenosa (IDSA/ATS: cefotaxime, ceftriaxone, ampicillina-sulbactam, ertapenem; ERS: penicillina G, amoxicillinaclavulanato, altre aminopenicilline, cefalosporine di 2^ o 3^ generazione, non specificate). Chi scrive consiglia di considerare, in questo contesto di pazienti, le cefalosporine di 3^ generazione come una seconda scelta, in quanto queste molecole presentano uno spettro di azione sbilanciato sui gram negativi. La penicillina G, sebbene rimanga uno degli antibiotici più potenti nei confronti dei gram positivi sensibili, trova oggi un impiego limitato per la frequenza di ceppi di S.pneumoniae resistenti, per la inattività verso gli altri patogeni comunemente causa di CAP e per la complessità posologica. Infine, si rammenta come amoxicillina-clavulanato e ampicillina-sulbactam siano da considerarsi equipollenti come spettro di azione; tuttavia, mentre le formulazioni endovena di entrambe sono impiegabili indifferentemente, la formulazione orale della prima è preferibile a quella della seconda in virtù del maggiore assorbimento intestinale. Nei pazienti ricoverati in terapia intensiva, le linee guida statunitensi e dell ERS discriminano i pazienti in base alla presenza o meno del rischio di una eziologia da P.aeruginosa. Questo va considerato nei soggetti con patologie strutturali del parenchima polmonare (come bronchiectasie) o sottoposti a recenti antibiotico-terapie o ricoveri ospedalieri, specie in unità di terapia intensiva. Nei casi esenti da tali fattori di rischio, viene raccomandata l associazione tra β-lattamico iniettabile (vedi sopra) associato a un macrolide o ad un fluorochinolone respiratorio. Per i pazienti invece con rischio di infezione da pseudomonas, è consigliato l utilizzo di un antibiotico ad attività antipseudomonas (piperacillina±tazobactam, carbapenemi, cefepime) associato ad un fluorochinolone attivo sullo pseudomonas (ciprofloxacina) ovvero ad un fluorochinolone respiratorio più un aminogicoside (sconsigliato negli anziani). Nei pazienti allergici ai β-lattamici, l aztreonam può rappresentare un alternativa negli schemi suddetti. Infine, l ERS e la ATS sottolineano come in pazienti con caratteristiche peculiari, a prescindere dal contesto in cui essi vengano trattati (generalmente ospedaliero), debbano essere prese in considerazione eziologie specifiche (Tab. 4), che comportano l impiego di molecole attive verso tali germi. 7

8 Tab.2 Terapia empirica per CAP negli adulti immunocompetenti Infectious Diseases Society of America (IDSA). Caratteristiche dei pazienti Opzioni terapeutiche consigliate Pazieni ambulatoriali: Nessuna patologia associata: Nessun trattamento antibiotico precedente Recente trattamento antibiotico b Patologie associate (BPCO, diabete, insufficienza renale, scompenso cardiaco, neoplasie): Nessun trattamento antibiotico precedente Recente trattamento antibiotico Sospetta infezione ab ingestis Influenza con superinfezione batterica Pazienti ricoverati in unità mediche: Nessun trattamento antibiotico precedente Recente trattamento antibiotico Pazienti ricoverati in UTI: Non a rischio d infezione da Pseudomonas Non a rischio d infezione da Pseudomonas ma con allergia alle β-lattamine A rischio d infezione da Pseudomonas i A rischio d infezione da Pseudomonas ma con allergia alle β-lattamine - Macrolide a o doxiciclina - Fluorochinolone respiratorio c in monoterapia - Macrolide di nuova generazione d + alte dosi amoxicillina e - Macrolide di nuova generazione + alte dosi di amoxicillina/clavulanato f - Macrolide di nuova generazione d - Fluorochinolone respiratorio - Fluorochinolone respiratorio c in monoterapia - Macrolide di nuova generazione+ β-lattamico g - Amoxicillina/clavulanato - Clindamicina - Un β-lattamico g - Fluorochinolone respiratorio - Fluorochinolone respiratorio in monoterapia - Macrolide di nuova generazione + β-lattamico h - Macrolide di nuova generazione + β-lattamico - Fluorochinolone respiratorio in monoterapia (in base al tipo di terapia antibiotica precedentemente effettuata) - β-lattamico h + Macrolide di nuova generazione - β-lattamico + Fluorochinolone respiratorio - Fluorochinolone respiratorio ± Clindamicina - Antibiotico con attività su Pseudomonas j + Ciprofloxacina - Antibiotico con attività su Pseudomonas + Aminoglicoside k + Fluorochinolone respiratorio o Macrolide - Aztreonam + Levofloxacina l - Aztreonam + Moxifloxacina/Gatifloxacina ± Aminoglicoside Degenti in Case di Cura: Trattati presso la casa di cura Ospedalizzati - Fluorochinolone respiratorio in monoterapia - Macrolide di nuova generazione + Amoxicillina/clavulanato - Stesso trattamento descritto per i pazienti ricoverati nelle unità mediche e di terapia intensiva NOTE. BPCO:broncopneumopatia cronica ostruttiva; UTI: unità di terapia intensiva a Eritromicina,claritromicina o azitromicina b Pazienti che hanno ricevuto trattamento antibiotico nei 3 mesi precedenti. Tale evenienza è considerata come fattore di rischio per DRSP(drug-resistant S.pneumoniae)e infezioni da Gram negativi. La scelta dell antibiotico è subordinata al precedente trattamento effettuato. c Moxifloxacina, gatifloxacina, levofloxacina o gemifloxacina. d Azitromicina o claritromicina. e Dosaggio: 1 gr po tid f Dosaggio: 2 gr po bid g Amoxicillina ad alte dosi,amoxicillina/clavulanato ad alte dosi, cefpodoxime, cefprozil, cefuroxime. h Cefotaxime, ceftriaxone, ampicillina/sulbactam, ertapenem; l ertapenem è stato recentemente approvato per questo uso ma l esperienza clinica è limitata. i I fattori di rischio per l infezione da Pseudomonas includono le patologie strutturali del polmone (bronchiectasie), recente trattamento antibiotico o l essere stato ricoverato in ospedale (soprattutto in UTI). Per i pazienti con CAP ricoverati in UTI deve essere assicurata la copertura per S. pneumoniae e Legionella spp. Piperacillina/tazobactam, imipenem, meropenem e cefepime sono eccellenti β-lattamine attive nelle infezioni da S. pneumoniae e H. influenzae. j Piperacillina/tazobactam, piperacillina, imipenem, meropenem o cefepime. k Non consigliati nei pazienti anziani. l Dosaggio nei pazienti ospedalizzati: 750 mg qd. Modificata da Bartlett JG e al. (2) 8

9 Tab.3. Terapia empirica per CAP - European Respiratory Society. Gravità Cap Trattamento Preferito Alternativo a Moderata - Penicillina G + Macrolide b - Aminopenicillina + Macrolide b - Amoxicillina/clav + Macrolide b - Cefalosporina II o III gen + Macrolide b - Levofloxacina, Moxifloxacina c Grave - Cefalosporina IIIgen + Macrolide b - Cefalosporina III gen. + Levofloxacina o Moxifloxacina Grave con rischio per Infezione da Pseudomonas - Cefalosporina con attività anti- Pseudomonas d + Ciprofloxacina - Ureidopenicilline/Inibitori β- lattamasi + Ciprofloxacina - Carbapenemi + Ciprofloxacina NOTE. a Da usare in caso di allergia o in zone in cui vi è resistenza clinicamente rilevante agli antibiotici utilizzati preferenzialmente. b Azitromicina, eritromicina, claritromicina o roxitromicina. c Tra i fluorochinoloni, la moxifloxacina ha più alta attività sullo S. pneumoniae. d Cefepime, non consigliato l uso di ceftazidime. Modificata da Woodhead e al. (11) Durata del trattamento. Non ci sono trials controllati che abbiano valutato nello specifico la durata ottimale del trattamento antibiotico nelle CAP; la decisione è di solito basata sul patogeno in causa, sulla risposta al trattamento del quadro clinico, sulle patologie associate e sull eventuale comparsa di complicanze. Con i dati disponibili è emerso che il trattamento nelle CAP causate da S. pneumoniae deve essere prolungato fino a 72 ore di apiressia (8). L utilizzo di brevi cicli di terapia con antibiotici ad alte dosi incrementa l efficacia i diminuisce l insorgenza di resistenze (7). Con i nuovi fluorochinoloni e i macrolidi è stato dimostrato che la durata ottimale della terapia è di 7-10 giorni (5). Monitoraggio dell efficacia terapeutica. L efficacia di un trattamento antimicrobico va monitorata basandosi principalmente sui parametri clinici di presentazione (quali febbre, tosse, dispnea, alterazioni dell escreato) e di laboratorio (quali VES, PCR, conta e formula leucociti). Infatti, in presenza di una terapia efficace, i reperti radiologici presentano comunemente tempi di miglioramento più lenti. In linea generale, una terapia antimicrobica non andrebbe giudicata inefficace prima del terzo giorno dal suo inizio. Monitoraggio degli eventi avversi al trattamento. Non va trascurato il monitoraggio della tossicità della terapia o intolleranza del paziente nei confronti della stessa, in particolare nei quadri clinici più gravi, nei pazienti anziani o con patologie associate e nelle terapie più complesse, specie se comprensive di due o più farmaci con simile profilo di tossicità. Esempi di eventi avversi peculiari dei principali antimicrobici impiegati nelle CAP sono: reazioni allergiche ai β-lattamici (per il resto generalmente ben tollerati), nefrotossicità di aminoglicosidi e carbapenemi (specie in pazienti anziani), ototossicità di aminoglicosidi, epatotossicità di macrolidi (11). 9

10 Tab.4. Eziologie principali delle CAP in pazienti con caratteristiche peculiari. Caratteristiche Patogeni Alcolisti - S. pneumoniae (inclusi DRSP a ) - Anaerobi - Gram negativi - M. tuberculosis BPCO b / fumatori Degenti in case di cura Polmoniti da aspirazione Malattie strutturali del polmone (bronchiectasie, fibrosi cistica etc.) Tossicodipendenti Recente terapia antibiotica Trattamento cronico con steroidi - S. pneumoniae - H. influenzae - M. catarrhalis - Legionella spp. - S. pneumoniae - Gram-negativi, - H. influenzae - S. aureus - Anaerobi - C. pneumoniae - M. tuberculosis - Anaerobi - P. aeruginosa - P. cepacia - S. aureus - Anaerobi - M. tuberculosis - P. jirovecii - DRSP a - Aspergillus spp. a DRSP: Pneumococco farmaco-resistente b BPCO: Broncopneumopatia cronica ostruttiva Modificata da Woodhead et al. (11) e da ATS (9) 10

11 Resistenza farmacologica di S.pneumoniae La prevalenza di ceppi resistenti di S. pneumoniae verso una o più classi di antimicrobici è in continuo aumento in tutto il mondo (Tab. 5). S. pneumoniae Penicillino-resistente In due recenti studi la prevalenza mondiale di S. pneumoniae resistente alla penicillina è compresa tra 18,2 % e 22,1% (13,14). In Italia il tasso di resistenza è più basso rispetto agli USA e ad altri paesi europei (12). Qualora sia presente resistenza per la penicillina, questa è spesso associata a resistenza in vitro verso altri antibiotici quali cefalosporine, macrolidi, doxiciclina e trimetoprim/sulfametoxizolo (17). Molti studi tuttavia suggeriscono che gli attuali livelli di resistenza ai β-lattamici non comportano generalmente fallimenti terapeutici con queste molecole nei pazienti con CAP (12). Mentre gli attuali breakpoints per la sensibilità alla penicillina sono rilevanti per le meningiti ( 0.06 µg/ml = sensibile; µg/ml = sensibilità intermedia; >2.0 µg/ml = resistente), non si può dire che lo siano allo stesso modo per le CAP. Sulla base di studi di farmocinetica e di farmacodinamica, l utilizzo di adeguate concentrazioni sieriche e tissutali di β-lattamici somministrati per via parenterale o amoxicillina somministrata per os risultano essere efficaci nel trattamento delle polmoniti causati da ceppi di S. pneumoniae considerati resistenti alla penicillina secondo gli attuali criteri; inoltre, l analisi di nove trials controllati di pazienti trattati con alte dosi di amoxicillina o di amoxicillina-clavulanato (5) per os hanno dimostrato nella maggior parte dei casi l efficacia di tale farmaco nelle polmoniti causate da S. pneumoniae con MIC della penicillina superiore a 8 µg/ml. S. pneumoniae Macrolido-resistente. In Italia la resistenza di S. pneumoniae all eritromicina è in continuo aumento (16). I meccanismi ad oggi conosciuti di tale resistenza sono due: il primo prevede una metilazione ribosomiale codificata dal gene erm, che blocca il legame non solo dei macrolidi ma anche delle lincosamidi all unità ribosomiale; il secondo meccanismo si esplica grazie all azione di un carrier di membrana codificato dal gene mef responsabile dell efflusso del macrolide dalla cellula. I ceppi di S. pneumoniae mef (diffusi soprattutto in Nord America) hanno un livello di resistenza più basso (MIC dell eritromicina compresa tra 1 e 16 µg/ml) rispetto ai ceppi erm (diffusi in Europa.) I ceppi mef sono di solito sensibili alla clindamicina; i ceppi erm hanno una MIC molto elevata per l eritromicina (>64 µg/ml) e sono cross-resistenti alla clindamicina. S. pneumoniae resistente ai fluorochinoloni. Sebbene la percentuale di Pneumococchi resistenti ai più recenti fluorochinoloni è globalmente bassa (circa il 2%), in alcuni paesi è in crescente aumento. Pazienti falliti alla terapia con fluorochinoloni sono spesso soggetti già sottoposti in precedenza a trattamento antibiotico. Antibiotici efficaci su S.pneumoniae e gram positivi farmacoresistenti. Glicopeptidi. I glicopeptidi (vancomicina e teicoplanina) inibiscono la sintesi della parete batterica; il loro spettro d azione comprende anche S. pneumoniae penicillino-resistenti ma non sono attivi verso i patogeni atipici. Ketolidi. Il capostipite di questa nuova classe di antibiotici è la telitromicina, un derivato semisintetico della eritromicina, attivo nei confronti anche dei ceppi di pneumococco resistenti ai macrolidi, di H. influenzae e M. catarrhalis, nonchè dei germi atipici. La molecola presenta anche un profilo farmacocinetico vantaggioso rispetto agli altri macrolidi, che consente un unica somministrazione giornaliera alla dose di 800 mg. 11

12 Oxazolidinoni. Gli oxazolidinoni sono una recente classe di antibiotici molto attivi nei confronti dei batteri Gram positivi, ivi compresi ceppi multiresistenti, con resistenza anche a glicopeptidi. Linezolid è stato il primo oxalidinone approvato per il trattamento di infezioni causate da Gram positivi quali stafilococchi aurei meticillino resistenti e con ridotta sensibilità a vancocina, enterococchi vancomicino-resistenti e pneumococchi penicillino resistenti. Possiede un ottima diffusibilità tissutale, è disponibile in formulazione e.v. ed orale, consentendo pertanto terapie sequenziali e domiciliari (dose 600mg/12h). 12

13 Tab. 5. MIC 50, MIC 90, range di MIC e antibiotico-resistenza di 2,279 isolati di S. pneumoniae in otto Paesi europei MIC (µg/ml) Nazione (n di isolati) Antibiotici % Resistenti (I + R) 50% 90% Range Austria (n = 160) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > Levofloxacina Belgio (n = 148) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > > Levofloxacina > Francia (n = 443) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > > Levofloxacina > Germania (n = 530) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromcina > Levofloxacina > Italia(n = 462) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > > Levofloxacina Portogallo (n = 174) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > Levofloxacina > Spagna (n =310) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > > Levofloxacina >32 1 Svizzera (n = 52) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > Levofloxacina Totale isolati (n = 2,279) Penicillina G Amoxicillina Cefotaxime Claritromicina > > Levofloxacina > Modificata da Reinert e al. (18) 13

14 Bibliografia 1. Bartlett JG, Dowell SF,Mandell LA et al. Infectious Diseases Society of America (IDSA) guidelines for treatment of patients with community-acquired pneumonia. Clin Infect Dis. 2000;31: Mandell LA, Bartlett JG, Dowell SF, et al. Infectious Diseases Society of America (IDSA). Update of Practice Guidelines for the Management of Community-Acquired Pneumonia in Immunocompetent Adults. Clin Infect Dis. 2003;37: M. Woodhead. Community-acquired pneumonia in Europe: causative pathogens and resistance patterns. Eur Respir J 2002; 20:20S-27S. 4. File TM Jr, Plouffe JF Jr, Breiman RF, Skelton SK. Clinical characteristics of Chlamydia pneumoniae infection as the sole cause of community-acquired pneumonia. Clin Infect Dis 1999; 29: T.M. File Jr. Community Acquired Pneumoniae. Lancet 2003;362: Fine MJ, Auble TE, Yealy DM, et al. A prediction rule to identify low-risk patients with community-acquired pneumonia. N Engl J Med 1997;336: John Segreti, Hans R. House and Robert E. Siegel Principles of antibiotic treatment of community-acquired pneumonia in the outpatient setting. The American Journal of Medicine.2005;118;suppl. 1; Bartlett JG, Dowell SF, Mandell LA et al. Guidelines from the Infectious Diseases Society of America. Practice guidelines for the management of community-acquired pneumonia in adults. Clin Infect Dis 2000; 31: American Thoracic Society. Guidelines for the Management of Adults with Community-acquired Pneumonia Am J Respir Crit Care Med Vol 163. pp , British Thoracic Society (BTS) Pneumonia Guidelines Committee. BTS guidelines for the management of community acquired pneumonia in adults update. Published on BTS website on 30/04/ M. Woodhead, F. Blasi, S. Ewig, et al. European Respiratory Society Task Force in collaboration with the European Society for Clinical Microbiology and Infectious Diseases. Guidelines for the management of adult lower respiratory tract infections. Eur Respir J. 2005;26(6): T. M. File, Jr, J. Garau, F. Blasi et al. Guidelines for Empiric Antimicrobial Prescribing in Community-Acquired Pneumonia. Chest 2004;125; Felmingham D. Evolving Resistance Patterns in Community-acquired Respiratory Tract Pathogens: First Results from the PROTEKT Global Surveillance Study. J Infection 2002; 44 (suppl A): Jacobs MR, Felmingham D, Appelbaum PC, Gruneberg RN and thealexander project Group. The Alexander Project :susceptibility of pathogens isolated from community-acquired lower 14

15 respiratory tract infection to commonly used antimicrobial agents.j Antimicrob Chemother 2003; 52: C. Fogarty, G. Siami, R. Kohler et al., Multicenter, open-label, randomized study to compare the safety and efficacy of levofloxacin versus ceftriaxone sodium and erythromycin followed by clarithromycin and amoxicillin-clavulanate in the treatment of serious community-acquired pneumonia in adults, Clin Infect Dis 38 (2004) (suppl), pp. S16 S A. Marchese, F. Ardito, G. Fadda, et al. The Sentinel Project: an update on the prevalence of antimicrobial resistance in community-acquired respiratory Streptococcus pneumoniae and Haemophilus spp. in Italy. International Journal of Antimicrobial Agents Volume 26, Issue 1, July 2005, Pages K.P. Klugman,, D.E. Low, J Metlay, J.-C. Pecheree,, K. Weiss. Community-acquired pneumonia: new management strategies for evolving pathogens and antimicrobial susceptibilities Review. International Journal of Antimicrobial Agents 24 (2004) R.R.Reinert, S.Reinert, M. van der Linden et al. Susceptibility of Streptococcus pneumoniae in Eight European Countries from 2001 to Antimicrobial Agents and Chemotherapy, July 2005, p , Vol. 49, No. 7 15

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità Dr. med. Marco Pons Ospedale Civico, Schweiz Corso di formazione «Infezioni delle vie respiratorie, polmonite ed esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva: terapia ambulatoriale ottimale»

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911 POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA Dr. Andrea Cai Responsabile U.O. Pronto Soccorso-Med.Urg. Ospedale Pistoia «L amica dell anziano» una malattia «acuta, breve e spesso non dolorosa» che aveva come conseguenza

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

UOC MALATTIE INFETTIVE

UOC MALATTIE INFETTIVE UOC MALATTIE INFETTIVE POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA NEGLI ADULTI: PERCORSO CLINICO-ORGANIZZATIVO Novembre 2012 UO Audit Clinico e Sistemi Informativi Sanitari. Giacinto Di Gianfilippo, Paola Lunari

Dettagli

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO

LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO Il documento è stato redatto dal gruppo di lavoro provinciale costituito da: LUIGI AZZOLINI (MMG -

Dettagli

La Carta di Milano Criteri di base per un utilizzo adeguato degli antibiotici: raccomandazioni della Società Italiana di Chemioterapia

La Carta di Milano Criteri di base per un utilizzo adeguato degli antibiotici: raccomandazioni della Società Italiana di Chemioterapia Journal of Chemotherapy Vol. 21 n. 5 (475-481) 2009 RASSEGNA La Carta di Milano Criteri di base per un utilizzo adeguato degli antibiotici: raccomandazioni della Società Italiana di Chemioterapia F. SCAGLIONE

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

Le polmoniti acquisite in comunità

Le polmoniti acquisite in comunità Le polmoniti acquisite in comunità Cosa può aggiungere il metodologo? Oreste Capelli CeVEAS (Centro per la Valutazione dell Efficacia dell Assistenza Sanitaria) Evidence-based Medicine What it is and what

Dettagli

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP critical care review Le polmoniti nosocomiali* L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP Le polmoniti

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità

Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità dott. ssa angela linzalone dirigente medico U.O. Malattie Infettive Ospedale Madonna delle Grazie di Matera Premessa Le infezioni delle

Dettagli

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale TRATTAMENTO DELLA BPCO Obiettivi Prevenire la progressione della malattia Migliorare i sintomi Migliorare la

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova paziente con sospetta infezione CVC-correlata: quale

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE III Corso avanzato di aggiornamento La riparazione tessutale delle lesioni croniche cutanee Campolongo Hospital Eboli, 28-30 ottobre 2004 Direttore Scientifico: F. Petrella Coordinatore Didattico: G. Nebbioso

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

Le infezioni della cute e dei tessuti molli (SSTIs,

Le infezioni della cute e dei tessuti molli (SSTIs, Le Infezioni in Medicina, Suppl. 4, 58-63, Analisi delle linee guida esistenti per il trattamento delle infezioni della cute e dei tessuti molli Analysis of current guidelines for the treatment of skin

Dettagli

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 Ricerca I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 ALESSANDRO ROSSI *, VINCENZO ARCORACI **, ACHILLE P. CAPUTI **, GIUSEPPE NICOLETTI ***, GIAN CARLO SCHITO **** * Società Italiana di Medicina Generale; ** Università

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali. Savona 24 febbraio 2007

Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali. Savona 24 febbraio 2007 Le infezioni nosocomiali nella realtà degli ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali Savona 24 febbraio 2007 INDICAZIONI AD UN CORRETTO USO DEI FARMACI ANTIBIOTICI: IL CALMIERE

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Meglio informati sulla presa degli antibiotici

Meglio informati sulla presa degli antibiotici Informazioni per i pazienti Meglio informati sulla presa degli antibiotici 13116-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Antibiotici» 1 Indice Gli antibiotici. Cosa sono e

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Le polmoniti nei pazienti provenienti da residenze sanitarie assistenziali: è necessaria una strategia terapeutica dedicata?

Le polmoniti nei pazienti provenienti da residenze sanitarie assistenziali: è necessaria una strategia terapeutica dedicata? Italian Journal of Medicine (2009) 3, 212 219 disponibile su www.sciencedirect.com journal homepage: www.elsevier.com/locate/itjm ARTICOLO ORIGINALE Le polmoniti nei pazienti provenienti da residenze sanitarie

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Antibiotici, usali con cautela Campagna di comunicazione per un uso corretto degli antibiotici L Italia tra i Paesi UE ad più alto consumo,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 La legionellosi nel territorio dell ASL Provincia di Milano n. 1 Rapporto 2000-2005 Introduzione La legionellosi in Italia è una malattia soggetta

Dettagli

Antibiotici in odontoiatria: indicazioni, modi e tempi di somministrazione

Antibiotici in odontoiatria: indicazioni, modi e tempi di somministrazione Antibiotici in odontoiatria: indicazioni, modi e tempi di somministrazione Andrea Novelli Dipartimento di Farmacologia Preclinica e Clinica, Università degli Studi di Firenze Abstract Gli antibiotici sono

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica Dott. Pietro Ragni, Direzione Sanitaria Azienda USL di Reggio Emilia Le patologie che espongono a rischio aumentato

Dettagli

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro POLMONITI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova POLMONITI Classificazione Definizione Epidemiologia

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 Dott.ssa Lorenza Repetto UO Farmacia Dott. Marco Anselmo

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè

Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè Terapia delle infezioni respiratorie Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè FARINGITE FARINGITE NON COMPLICATA INFEZIONE DELLO SPAZIO SOTTOMANDIBOL ARE (Angina di Ludwig) Cellulite dura a rapida diffusione, bilaterale,

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 Gastroprotettori: -Misoprostolo -esomeprazolo -lansoprazolo -omeprazolo -pantoprazolo -misoprostolo + diclofenac

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Inquadramento clinico delle infezioni delle basse vie respiratorie

Inquadramento clinico delle infezioni delle basse vie respiratorie Inquadramento clinico delle infezioni delle basse vie respiratorie 3.0 2.5 2.0 1.5 VARIAZIONE PERCENTUALE DELLE MORTI PER ETA IN U.S.A. Proporzione della frequenza del 1965 Coronaropatie Infarto Altre

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA: VANTAGGI E SVANTAGGI. ANDREA GALANTI Dirigente Medico UOC Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso

TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA: VANTAGGI E SVANTAGGI. ANDREA GALANTI Dirigente Medico UOC Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA: VANTAGGI E SVANTAGGI ANDREA GALANTI Dirigente Medico UOC Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso 1950: Primi organismi resistenti alla penicillina isolati in ospedale 1960:

Dettagli

Sindromi urologiche (ivu)

Sindromi urologiche (ivu) Terapia empirica ragionata Delle Sindromi urologiche (ivu) Dr. Pg Bertucci Tropicalista NON CONFONDETE LA TERAPIA URINARIA CON LA URINOTERAPIA Gli Agenti Eziologici Oltre il 95% delle IVU sono monomicrobiche

Dettagli

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti Codice prodotto IF1250M Rev. I Caratteristiche prestazionali Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti VALORI ATTESI Popolazione con polmonite acquisita in comunità Due sperimentatori esterni

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Antibiotici: servono sempre? Relatore: Dr. Del Monte 05 febbraio 2014 sala Piccolotto ANTIBIOTICI: servono sempre? Dott.ssa Daniela Signori Dott. Vincenzo Catena

Dettagli

LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte. Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie

LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte. Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie TERAPIA STANDARD (SCC) Isoniazide 300 mg/die Rifampicina 600 mg/die Pirazinamide 25 mg/kg/die Etambutolo 15-25 mg/kg/die

Dettagli

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo?

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Roberto Grinta, Katia Bini, Federica Verri U.O. Budget Medicina Generale AV2, Jesi Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Introduzione La polmonite continua a

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae Roma, 26-27 Novembre 2014 Roma, 28-29 Febbraio 2012 Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae MARINA CERQUETTI Marina Cerquetti Dipartimento di Malattie

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

La malattia tubercolare: aspetti clinici

La malattia tubercolare: aspetti clinici La malattia tubercolare: aspetti clinici Maurizio Ferrarese Centro Regionale di Riferimento per la Tubercolosi A.O. Niguarda - Villa Marelli Milano Varese, 9 Novembre 2011 Attualità sulla diagnostica dell

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze IV trimestre 2011 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio)

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio) La Spezia 08/11/2005 critica Al Direttore Sanitario Ai Dirigenti Dipartimenti Ai Direttori Area Medica, specialistica e OGGETTO : Legionellosi Premessa La sorveglianza della legionella permette di effettuare

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO RIACUTIZZAZIONI DI BPCO Causa comune di morbidità e mortalità nei pazienti con BPCO In USA: >16 milioni di visite ambulatoriali e 500.000 ricoveri all anno ~1/3 dei pz dimessi da PS con riacutizzazione

Dettagli

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau Sezione di Farmacologia Clinica Dipartimento di Neuroscienze B.B.Brodie Università degli Studi di Cagliari -ASL Resp. Prof.ssa Maria Del Zompo Direzione Sanitaria ASL Dott.ssa Maria Rosaria Ruggiu Antibiotici

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli