LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO"

Transcript

1 LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO DELLA POLMONITE DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA (CAP) NELL ADULTO

2 Il documento è stato redatto dal gruppo di lavoro provinciale costituito da: LUIGI AZZOLINI (MMG - Carpi), GIOVANNI CARRIERI (Medicina Int. - Pavullo), TITO CASONI (Medicina Int. - Mirandola); PAOLO COPPI (Lungo Degenza - Finale Emilia), ROSSANO DALLARI (Pneumologia - Sassuolo coordinatore), GIULIANA FERRARI (MMG - Sassuolo), MAURIZIO FINO (Medicina Int. - Castelfranco E.), FABIO GILIOLI (Medicina Int. - Carpi), ENZO GOTTARDI (Medicina d Urgenza - Sassuolo), PAOLO GRANDI (Pneumologia - Mirandola), ANNA MARIA MARATA (CeVEAS - ASL Modena), MAURO MARAZZI (MMG - Mirandola), WAINER MAZZI (MMG - Modena), Giuliano Monari (MMG - Pavullo), GRAZIELLA NARDINI (MMG - Vignola), PATRIZIA NERI (Medicina Int. - Osp. Civile di Modena), ANTONIO PEDRAZZI (Medicina Int. - Sassuolo), LUCA RICHELDI (Pneumologia - Policlinico di Modena), NICOLA RIZZI (MMG - Castelfranco E.), LUDOVICO TRIANNI (Medicina I - Osp. Estense Modena), GIULIANO VARINI (Medicina Int. - Vignola) Modena, 11 Settembre 2003 LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 2 / 35

3 SOMMARIO AMBITO DELLA LINEA GUIDA... 4 Definizione... 4 Eziologia... 5 Resistenza agli antibiotici dei principali patogeni... 7 CRITERI DI GRAVITÀ E RISCHIO DI COMPLICANZE...10 CRITERI DI RICOVERO...12 GESTIONE CONSIGLIATA...15 RACCOMANDAZIONI TERAPEUTICHE...23 PRIMO TRATTAMENTO EMPIRICO...25 FONTI BIBLIOGRAFICHE...29 ALLEGATO 1 (DOSI CONSIGLIATE DEI PRINCIPALI ANTIBIOTICI)...30 LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 3 / 35

4 Ambito della Linea Guida La LG si occupa esclusivamente del primo trattamento empirico della polmonite di origine extraospedaliera nell adulto, non affronta quindi le scelte terapeutiche in caso di fallimento del primo ciclo di terapia. Le raccomandazioni si riferiscono sia al paziente gestito a domicilio sia al paziente gestito in ospedale. Non è oggetto di questo documento la terapia della CAP in età pediatrica e nei pazienti affetti da infezione da HIV o da severa neutropenia (< 500 neutrofili/mm 3 ). La stesura di questo documento è ispirata alle più recenti linee guida prodotte sulla CAP e in particolare: la LG dell American Thoracic Society (ATS) 1, la linea guida della British Thoracic Society (BTS) 2. Definizione La polmonite è una patologia acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi tipici dell infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del torace e/o ad un quadro ascoltatorio toracico compatibile. Si definisce di origine extraospedaliera (CAP) una polmonite che si manifesta in un paziente non ospedalizzato oppure ricoverato da meno di ore o residente in una casa di riposo o simili da meno di 14 giorni dall insorgenza dei sintomi *. La sintomatologia è solitamente caratterizzata dalla comparsa di sintomi legati alla flogosi delle basse vie respiratorie; talvolta però (e soprattutto nel paziente anziano) sono presenti soltanto sintomi aspecifici quali astenia, mialgie, dolori addominali anoressia, cefalea, confusione mentale, talora anche in assenza di febbre. * Il paziente degente presso una casa di riposo o simili da più di 14 giorni presenta dal punto di vista eziologico e delle resistenze agli antibiotici caratteristiche intermedie fra il paziente ricoverato in ospedale e il paziente che vive presso la propria abitazione. Si dovrà quindi tenere conto di ciò nella scelta della terapia empirica. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 4 / 35

5 Eziologia Sia per i pazienti trattati a domicilio sia per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente è lo Streptococcus pneumoniae (o pneumococco) che è anche il patogeno più rilevante da un punto di vista clinico. Altri agenti eziologici responsabili della CAP sono: l Haemophilus influenzae, lo Staphylococcus aureus, la Moraxella catarralis ed altri Gram negativi quali la Klebsiella, l Enterobacter, l Escherichia coli, la Pseudomonas aeruginosa. Fra gli agenti eziologici atipici i microrganismi a localizzazione intracellulare, clinicamente rilevanti, sono il Mycoplasma pneumoniae, la Legionella pneumophila e la Chlamydia specieae. Tali dati derivano dalle casistiche disponibili sull eziologia della CAP (che tuttavia presenta una percentuale complessiva di positività alle indagini microbiologiche non superiore al 50% dei pazienti studiati). Non esiste, ad oggi, la dimostrazione di una relazione diretta fra sintomatologia, segni clinici, rilievi radiologici ed eziologia della polmonite. Il sospetto eziologico deriverà, ancora una volta, da una valutazione clinica globale. Poiché alcune condizioni cliniche predispongono più di altre a specifiche eziologie è consigliabile tener conto di ciò nella definizione del sospetto eziologico (vedi tab. 1). LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 5 / 35

6 Tabella 1 - I principali patogeni in funzione della condizione clinica predisponente. (da LG ATS modificata) Condizione clinica/epidemiologica BPCO-tabagismo Epidemia influenzale Sospetto di polmonite da aspirazione, scarsa igiene orale Alcolismo Recente trattamento con antibiotici Pregressa splenectomia Patologia polmonare severa (bronchiectasie, fibrosi cistica, ecc.) Tossicodipendenza Residenza in casa di riposo o RSA Probabili patogeni Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Moraxella catarralis, Legionella pneumophila Virus influenzale, Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae Anaerobi Anaerobi, bacilli Gram negativi (es. Klebsiella pneumoniae) Streptococcus pneumoniae resistente a penicilline e/o macrolidi, Pseudomonas aeruginosa Streptococcus pneumoniae Pseudomonas aeruginosa, Pseudomonas cepacia, Staphylococcus aureus Staphylococcus aureus, anaerobi, (Mycobacterium tuberculosis)* (Pneumocystis carinii)* Streptococcus pneumoniae, Staphylococcus aureus bacilli Gram negativi (es. Haemophilus influenzae), anaerobi, Chlamydia pneumoniae, (Mycobacterium tuberculosis)* * patogeni confondenti LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 6 / 35

7 Resistenza agli antibiotici dei principali patogeni I dati della letteratura internazionale su tale capitolo sono molto numerosi e con differenze molto marcate tra Europa e Nord America; dall analisi dei dati i principali problemi emersi sono i seguenti: le resistenze alla penicillina G dello Streptococcus pneumoniae. Tale fenomeno ha forte rilevanza negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei quali la Spagna e la Francia. le resistenze ai macrolidi dello Streptococcus pneumoniae. Tale fenomeno ha forte rilevanza in Italia dove è diffuso anche fra i pneumococchi sensibili alla penicillina, mentre in altre realtà (ad es. il Nord America) è diffuso principalmente fra i Pneumococchi penicillino-resistenti. la produzione di beta lattamasi da parte dell Haemophilus influenzae. I dati pubblicati dall Osservatorio Epidemiologico Italiano 3 per il monitoraggio delle resistenze agli antibiotici nei patogeni respiratori di origine extraospedaliera nel periodo (Tab.2) evidenziano che: o la percentuale di pneumococchi altamente resistenti alla Penicillina (MIC > 2 µg/ml) è inferiore al 4% [dato molto inferiore rispetto ad alcuni paesi Europei come la Francia e la Spagna (> 30%) e agli Stati Uniti (24% con un massimo del 35% nel Tennessee)] 1 ; o la percentuale di pneumococchi resistenti all eritromicina, ma sensibili alla Penicillina, è invece molto elevata (attorno al 21%). Tale dato è molto superiore rispetto ad altre realtà come gli Stati Uniti, dove la percentuale di resistenza ai macrolidi è elevata solo fra i pneumococchi altamente resistenti alla penicillina (fino al 60%) 1 ; o la percentuale di pneumococchi resistenti alle tetracicline è circa del 30%; LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 7 / 35

8 o la percentuale di Haemophilus influenzae produttori di beta lattamasi nel 1999 nella regione Emilia Romagna è stata tra il 3% ed il 5%; nelle varie regioni italiane la percentuale media è stata del 15%, tale percentuale aumenta se si considera solo la popolazione adulta, si è inoltre assistito ad un aumento della percentuale di produttori di beta lattamasi dal 1997 al LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 8 / 35

9 Tabella 2 - Osservatorio Epidemiologico Italiano3 sulla eziologia delle polmoniti di origine extraospedaliera: dati riassuntivi di tre anni di osservazione Streptococcus pneumoniae n. di ceppi saggiati Penicillina G: basso livello di R Penicillina G: alto livello di R anni % di ceppi resistenti Penicillina G: Totale Resistenze Macrolidi Cotrimoxazolo Tetraciclina Haemophilus influenzae n. di ceppi saggiati % di ceppi resistenti Azitromicina Claritromicina % di ceppi Produttori di β lattamasi LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 9 / 35

10 Criteri di gravità e rischio di complicanze Uno dei problemi clinici più importanti per il medico, di fronte al paziente con una diagnosi sospetta o certa di polmonite, è valutare la gravità del quadro clinico ed il rischio di complicanze. Da tale valutazione discenderanno infatti: la scelta di ricoverare il paziente (nel caso del medico di medicina generale o del medico di pronto soccorso); la scelta di trasferire il paziente in un reparto di cure intensive (nel caso del medico di un reparto ospedaliero o del medico di pronto soccorso). Molti sono gli studi che hanno cercato di portare un contributo a tale fondamentale problema clinico. La linea guida ATS propone una serie di criteri di gravità che possono essere considerati il riassunto più completo ed aggiornato dei fattori di rischio ad oggi disponibili (Tabella 3). LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 10 / 35

11 Tabella 3 Fattori di rischio di mortalità o di decorso complicato (da LG ATS modificata) 1. età > 65 anni 2. patologie associate: BPCO, bronchiectasie, neoplasie *, diabete mellito, insufficienza renale *, scompenso cardiaco congestizio *, patologia epatica cronica *, abuso cronico di alcool, malnutrizione o difficoltà ad alimentarsi per os, patologia cerebrovascolare *, pregressa splenectomia, ospedalizzazione nell anno precedente. 3. presenza di segni clinici: frequenza respiratoria >30 respiri/min.*; PA diast. < 60 mmhg PA sist. < 90 mm Hg*; T < 35 o > 40 C*; confusione mentale o modificato livello di coscienza*; evidenza di localizzazioni extrapolmonari. 4. presenza di alterazioni dei seguenti esami: G. bianchi < 4.000/mm3 o > /mm3 o una conta assoluta dei neutrofili < 1.000/mm3; PaO2 < 60 mmhg* oppure SaO2 < 90%, PaCO2 > 50 mmhg (in aria ambiente); evidenza di alterata funzione renale desumibile dai valori di creatinina e di azoto ureico; evidenza radiologica di coinvolgimento di più di un lobo, presenza di cavità, rapida estensione dell opacità polmonare, presenza di versamento pleurico*; ematocrito < 30%* o Hb < 9 g/dl; evidenze di sepsi o patologia d organo quali acidosi metabolica, o coagulopatia; ph arterioso < 7,35*. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 11 / 35

12 Qualora presenti, specialmente se multipli, questi fattori dovrebbero indurre a considerare l ospedalizzazione o a seconda dei casi, un breve ricovero per osservazione di ore. * l asterisco indica la presenza di tale sintomo o segno clinico nei criteri dello studio PORT 4 Oltre ai criteri clinici, i seguenti elementi possono orientare verso il ricovero ospedaliero: Problemi socio-assistenziali o logistici Scarsa affidabilità del paziente e/o dei familiari Criteri di ricovero Lo studio PORT 4, citato dalla maggior parte delle più recenti Linee Guida, ha consentito di elaborare uno score, che considera la maggior parte dei sintomi e segni clinici elencati nella Tabella 3 e che può essere applicato all arrivo del paziente in Pronto Soccorso. Applicando lo score (Tabella 4) si possono individuare cinque classi di rischio (lo score è stato costruito valutando come unico esito la mortalità a 30 giorni). La classe I è costituita dai pazienti a rischio minimo (mortalità a 30 giorni: 0,1%-0,4%); la classe II è costituita da pazienti il cui rischio pur essendo lievemente aumentato (mortalità a 30 giorni: 0,6%- 0,7%), rientra comunque in una fascia a basso rischio. Per i pazienti della classe I e II viene quindi raccomandata una gestione a domicilio della polmonite; la presenza di problemi logisticoorganizzativi (non compresi nello score) è comunque da tutti riconosciuta come un elemento determinante per proporre il ricovero anche in presenza di un basso rischio di morte. Per la classe III invece il rischio è più elevato (mortalità a 30 giorni: 0,9%-2,8%): in tale caso il medico dovrà valutare se inviare il paziente in ospedale per un breve periodo di osservazione oppure LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 12 / 35

13 se esistono le condizioni cliniche e socio-assistenziali per una gestione domiciliare; la presenza di un maggior rischio è ovviamente da considerare nella scelta del regime terapeutico. Per le classi IV (mortalità a 30 giorni: 8,2%-9,3%) e V (mortalità a 30 giorni: 27%-31,1%) il ricovero è fortemente consigliato (Tabella 5). Tale score, comunque, può aiutare il medico nella decisione, ma non sostituirsi al giudizio clinico globale del medico stesso. Esistono infatti altri metodi per identificare i pazienti a rischio, anche se non sono ad oggi disponibili confronti diretti sulla predittività di ognuno di essi. Deve inoltre essere considerato che la riduzione della mortalità può non essere l unico obiettivo da perseguire quando si decide per un ricovero. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 13 / 35

14 Tabella 4 Punteggio per definire il rischio di morte a 30 giorni in paziente con polmonite di origine extraospedaliera secondo lo studio PORT CARATTERISTICHE DEL PUNTI ASSEGNATI PAZIENTE Fattori demografici Età (anni) Maschio Femmina Anni Anni -10 Residente in casa di riposo o +10 casa protetta Patologia associata Malattia Neoplastica +30 Patologia epatica +20 Scompenso congestizio +10 Patologia cerebro-vascolare +10 Patologia renale +10 Esame obiettivo Stato mentale alterato +20 Frequenza respiratoria 30/min +20 PA sistolica < 90 mmhg +20 Temperatura < 35 o 40 C +15 Frequenza cardiaca 125 /min +10 Esami di laboratorio o radiologici Ph < 7, Azotemia > 65 mg/dl +20 Natriemia < 130 m Eq/L +20 Glicemia > 250 mg/dl +10 Ematocrito< 30% +10 PO 2 < 60 mmhg o SaO 2 < 90% +10 Versamento pleurico +10 Punteggio <?90: consigliata una gestione a Domicilio Punteggio >?91: consigliata una gestione in Ospedale LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 14 / 35

15 Tabella 5 - STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO IN BASE AL PUNTEGGIO OTTENUTO secondo lo studio PORT Rischio Classe Punteggio Mortalità a 30 giorni basso I ,1% II ,6% Gestione consigliata A Domicilio III 71 90** 2,8% A Domicilio** medio IV ,2% alto V >130 29,2% In Ospedale ** eventuale ricovero breve In pratica, gli scenari che si possono verificare sono sostanzialmente due: 1. Il paziente viene sottoposto a prima visita, in ambulatorio o a domicilio, da parte del medico di MG (figura1). Questi, dopo avere posto diagnosi di sospetta CAP, sulla base dei soli elementi clinico-anamnestici mostrati in tabella 3 (punti 1,2,3) e delle valutazioni logistiche e/o socio-assistenziali di cui sopra, può già decidere se ci sono i presupposti per una terapia domiciliare della CAP. Se il medico di MG decide che in nessun caso sarebbe possibile una terapia domiciliare invia il paziente in ospedale per ricovero. Se è teoricamente ipotizzabile una terapia domiciliare, ma mancano elementi per classificare il rischio del paziente, il medico invia il paziente al Pronto Soccorso dell ospedale per una più approfondita valutazione che consiste nell esecuzione di alcuni esami bioumorali, una emogasanalisi arteriosa ed una radiografia del torace. La corretta attribuzione di un punteggio, come da tabella 4, facilita la LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 15 / 35

16 decisione del medico di Pronto Soccorso sulla necessità o meno del ricovero. 2. Il paziente si reca spontaneamente al Pronto Soccorso (figura 2). Qui il medico, che effettua la prima visita, può avvalersi in ogni caso della documentazione radiologica e/o di laboratorio che ritiene più opportuna, utilizzando poi la tabella 4 per attribuire un punteggio ed averne un supporto per valutare l opportunità del ricovero. Nel fare ciò tiene conto anche degli elementi socioassistenziali sopra ricordati. I seguenti diagrammi di flusso mostrano i due percorsi decisionali in caso di paziente visitato in prima istanza dal medico di medicina generale oppure presentatosi direttamente in Pronto Soccorso: LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 16 / 35

17 Figura 1 Algoritmo decisionale per Pazienti sottoposti a prima visita, in ambulatorio o a domicilio da parte del Medico di Medicina Generale LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 17 / 35

18 Figura 2 Algoritmo decisionale per Pazienti sottoposti a prima visita in pronto soccorso LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 18 / 35

19 Tabella 6 - Criteri per individuare i pazienti con CAP grave e per decidere se attuare un monitoraggio continuo delle condizioni cliniche e cure intensive (da LG ATS modificata) Criteri minori (Criteri solitamente utilizzabili all ingresso in ospedale) Pa O2 /Fi O2 < 250 * Polmonite bilaterale/multilobare Criteri maggiori (Criteri solitamente utilizzabili nel corso del ricovero) Necessità di ventilazione meccanica Shock settico o necessità di farmaci inotropi per > 4 h Pa Sistolica < 90 mm Hg * Corrispondente ad un valore di PaO2 < 50 mmhg in aria ambiente. E consigliabile effettuare una ossimetria o una gasanalisi prima di somministrare O 2 con ventimask Se sono presenti 2 criteri minori o 1 criterio maggiore la polmonite deve essere considerata grave e quindi deve essere valutata l opportunità di monitorare il paziente e sottoporlo a cure intensive. Seguendo tale regola la percentuale di falsi positivi (decisione di polmonite grave non vera) è del 22%, la percentuale di falsi negativi (decisione di polmonite non grave non vera) è del 6%. Ciò garantisce un buon ausilio alla decisione clinica pur ribadendo che la decisione finale dovrà essere presa dal medico considerando globalmente tutti i dati anamnestici, clinici e strumentali. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 19 / 35

20 Tabella 7 - Iter diagnostico: anamnesi, esame obiettivo, esami strumentali ed ematochimici. (derivano dall analisi delle raccomandazioni diagnostiche presenti nelle LG ATS e BTS discusse dal panel e adattate alla realtà locale) Eseguire un anamnesi accurata che consideri: età, abitudini di vita e di lavoro, patologie concomitanti, eventuali allergie ai farmaci, situazione epidemiologica nel periodo in oggetto, stato socioeconomico. Eseguire poi un accurato esame obiettivo. Paziente gestito a domicilio Paziente ospedalizzato Radiografia del torace Di fronte ad un sospetto fondato di polmonite l esecuzione di un Rx torace, anche se auspicabile, non deve essere considerata indispensabile. Radiografia del torace Di fronte ad un sospetto fondato di polmonite è raccomandata l esecuzione di un Rx torace. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 20 / 35

21 Esami microbiologici Per la maggioranza dei pazienti gestiti a domicilio non si raccomandano esami microbiologici. Esami microbiologici All ingresso in ospedale sono raccomandati i seguenti esami: emocoltura (2 prima di iniziare la terapia antibiotica), anche se il paziente è apirettico. Escreatocoltura batterioscopico (colorazione Gram ed eventualmente ricerca di alcool-acido resistenti ecc.) NB nei paz. con diagnosi di polmonite, in particolare in quelli con un quadro clinico grave, sarebbe opportuna l esecuzione di un batterioscopico dell escreato quanto prima. L esame colturale va richiesto solo se è possibile ottenere un campione adeguato di escreato senza ritardare l inizio della terapia antibiotica (per l esecuzione e la conservazione corretta dell esame microbiologico seguire le raccomandazioni contenute nella LG aziendale sulle modalità di prelievo, conservazione ed invio dei campioni per esami microbiologici prodotta dal Dipartimento di Patologia Clinica nel febb. 2002). Entrambi gli esami, vista la loro semplicità di esecuzione ed il loro basso costo vengono consigliati nonostante la bassa sensibilità e specificità nel definire la diagnosi etiologica della polmonite (si ricorda infatti che solo per micobatteri, pneumocistis carini o miceti endemici il riscontro al batteriologico ha un elevato valore predittivo positivo). Nei pazienti in ICU è raccomandato un maggior sforzo al fine di ottenere un campione adeguato per la diagnosi etiologica (eventualmente attraverso l esecuzione di un broncoaspirato, broncolavaggio o brush bronchiale) L esecuzione di un unico test sierologico non è utile nella scelta della terapia empirica. In presenza di un preciso sospetto diagnostico la valutazione comparativa di esami eseguiti in tempi successivi può rappresentare un ausilio nella diagnosi e nella terapia. Per tale ragione gli esami sierologici non sono raccomandati routinariamente LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 21 / 35

22 Esami ematochimici L esecuzione routinaria di esami di laboratorio non è necessaria Emogasanalisi arteriosa L opportunità di eseguire una saturazione di O 2 può aiutare nella valutazione della gravità e del decorso Esami ematochimici All ingresso in ospedale gli esami raccomandati in caso di sospetto clinico di polmonite sono: emocromo completo, indici di funzionalità renale ed epatica, glicemia, elettroliti (utili per calcolare lo score di PORT) Toracentesi Eseguire una toracentesi in tutti i pazienti con versamento pleurico di entità significativa con determinazioni biochimiche, ph, esame batterioscopico e colturale. Tale raccomandazione è presente nella maggior parte delle LG esistenti. Emogasanalisi arteriosa Una emogasanalisi arteriosa (o almeno una saturazione di 0 2 ) è raccomandata in tutti i pazienti al momento del ricovero In presenza di decorso favorevole la radiografia di controllo al torace non è indispensabile; tuttavia, se si decide di eseguirla, non è opportuno farla prima di 2-3 settimane dall inizio della terapia antibiotica, in presenza di un decorso clinico favorevole. In caso di persistenza di sintomi o di segni clinici o in pazienti ad alto rischio di patologia neoplastica (es. fumatori, paz > 50 aa ecc.), una radiografia (o successive più approfondite indagini) dovrebbe essere comunque eseguita entro 6 settimane dall episodio acuto LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 22 / 35

23 Raccomandazioni terapeutiche Criteri generali La netta maggioranza delle LG pubblicate concorda sui seguenti principi generali: Per scegliere il trattamento antibiotico è necessaria una stratificazione di gravità dei pazienti. Nelle LG disponibili vengono raccomandate scelte terapeutiche differenti in base ad una stratificazione del rischio che identifica i pazienti in cui la polmonite viene gestita a domicilio rispetto a quelli in cui è consigliabile una gestione in ospedale (reparto o terapia intensiva). Nei pazienti gestiti a domicilio, è consigliabile un controllo clinico entro le 72 ore successive alla diagnosi per cogliere eventuali modificazioni del quadro clinico che consiglino il ricovero. L efficacia del trattamento antibiotico in corso, effettuata attraverso una valutazione globale del quadro clinico e del suo andamento, in condizioni normali non deve essere effettuata prima di ore dall inizio della terapia effettuata ai dosaggi consigliati. In caso di mancata o ridotta risposta al trattamento rivalutare il paziente rispetto alla diagnosi fatta e al trattamento scelto (Figura 5). Nell ambito dei due gruppi di pazienti (gestiti a domicilio e ricoverati) si identificano ulteriori sottoclassi di rischio (non esattamente sovrapponibili fra le varie LG) che nella maggioranza dei casi considerano l età, le patologie associate, la provenienza da case di riposo o strutture protette, la gravità del quadro clinico, eventuali sospetti eziologici specifici, eventuali intolleranze o allergie agli antibiotici. Di fronte ad una diagnosi/sospetto clinico di polmonite l inizio del trattamento antibiotico non deve essere dilazionato; ciò è vero sia per il paziente gestito a domicilio sia per il paziente gestito in ospedale ed è particolarmente raccomandabile nei pazienti più gravi. Studi clinici (condotti in ospedale) dimostrano che il ritardare l inizio della terapia rispetto al momento della diagnosi/sospetto LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 23 / 35

24 diagnostico è associato ad un aumento della mortalità. Per la polmonite in condizioni cliniche stabili (sia in pazienti a domicilio sia in pazienti ricoverati), il trattamento raccomandato è costituito da un antibiotico da somministrare per via orale. La via di somministrazione parenterale andrebbe riservata alle situazioni cliniche a maggior rischio, ai pazienti ospedalizzati in condizioni cliniche non stabili, a casi particolari, quando il trattamento orale non è possibile o non è tollerato. Quando il quadro clinico è stabilizzato (Tabella 7) e il trattamento orale è possibile e tollerato, è consigliabile il passaggio dalla terapia iniettiva a quella orale (preferibilmente con lo stesso antibiotico o un antibiotico equivalente come spettro). Nella scelta degli antibiotici da somministrare, considerare la situazione epidemiologica locale rispetto alla flora batterica eventualmente isolata e alle resistenze locali agli antibiotici. Il trattamento antibiotico ha di norma una durata di 7-10 giorni (nelle forme da germi difficili anche 15-20) e la sua sospensione si basa su criteri clinici. Tabella 7 - Elementi che indicano l efficacia della terapia in corso e che possono indurre a valutare il passaggio dalla somministrazione ev alla somministrazione per os (secondo la Linea Guida ATS). Scomparsa della febbre da > 24 h FC < 100 batt/min Scomparsa della tachipnea Non segni di disidratazione Scomparsa dell ipotensione Assenza di ipossia o ripristino della PaO 2 precedente l episodio infettivo Miglioramento della leucocitosi Assenza di segni di batteriemia Non evidenza batteriologica di eziologia da Legionella, Stafilococco o Gram negativi di origine enterica LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 24 / 35

25 Nessun problema di assorbimento Primo trattamento empirico Le Figure 3 e 4 illustrano, attraverso un algoritmo prescrittivo, le scelte del primo trattamento empirico, raccomandate dal gruppo di lavoro. Tali raccomandazioni dovrebbero rappresentare una guida comune per i medici di medicina generale, i medici di pronto soccorso e i medici dei reparti ospedalieri che devono iniziare un trattamento antibiotico in un paziente adulto affetto da polmonite di origine extraospedaliera. Le scelte successive, in caso di mancata o parziale risposta al primo trattamento empirico, non sono state affrontate poiché in tale caso il grande numero di variabili cliniche consiglia una scelta personalizzata sul singolo paziente. La figura 5 elenca le possibili cause di fallimento o scarsa risposta al trattamento. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 25 / 35

26 Figura 3 - Algoritmo decisionale per il primo trattamento empirico di CAP non grave LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 26 / 35

27 Figura 4 - Algoritmo decisionale per il primo trattamento empirico di CAP grave LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 27 / 35

28 Figura 5 Cause di fallimento del primo trattamento empirico secondo la LG della British Thoracic Society (da LG BTS modificata) DIAGNOSI ERRATA Scompenso cardiaco Embolia polmonare Edema polmonare Patologia neoplastica Bronchiectasie Polmonite non infettiva Corpo estraneo Anomalie polm congenite Ecc. Il fallimento potrà verificarsi in presenza di: DIAGNOSI CORRETTA per fattori legati: ALL OSPITE PER: Fattori locali (ostruzioni ecc.) Immunodepressione locale o sistemica) Complicanze polm. (versamento pleurico, ascesso pol., empiema, ARDS, ecc.) Complicanze extra polm. (infezioni metastatiche, sepsi, flebite in sede di infusione ecc.) AL TRATTAMENTO: Antibiotico poco attivo per: - Scarso assorbimento - Dose inadeguata - Scarsa compliance - Effetti indesiderati - Interazioni tra farmaci ALL AGENTE EZIOLOGICO Microrganismi resistenti all antibiotico scelto (es. patogeni atipici ) Microrganismi che hanno sviluppato una resistenza (es. H. infuenzae resistente all ampicillina) Microrganismi non sensibili agli antibiotici quali micobatteri, virus, miceti LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO ALTRE EMPIRICO POSSIBILI CAUSE: 28 / 35 DELLE POLMONITI DI ORIGINE EXTRAOSPEDALIERA Infezione a decorso NELL ADULTO tumultuoso Lenta risposta a causa dell età

29 Implementazione locale ed indicatori IL gruppo di lavoro non ha fornito raccomandazioni sull implementazione e non ha definito indicatori da monitorare perché tale lavoro sarà effettuato a livello aziendale nell ambito del progetto Tripps 3. Tale progetto sperimentale che coinvolge nove Aziende Sanitarie italiane ha l obiettivo di trasferire le raccomandazioni della LG ( o alcune di esse) nella pratica assistenziale. La scelta del tipo e del numero di raccomandazioni da implementare sarà decisa dal gruppo di lavoro Tripps dopo aver effettuato una analisi retrospettiva dei comportamenti diagnostici e prescrittivi nella realtà ospedaliera modenese. Fonti bibliografiche 1. American Thoracic Society. Guidelines for the management of adults with community-acquired pneumonia. Am J Respir Crit Care Med 2001;163: BTS guidelines for the management of community acquired pneumonia in adults. Thorax 2001; 56 (suppl.iv):iv1-iv Osservatorio epidemiologico italiano per il monitoraggio delle resistenze agli antibiotici nei patogeni respiratori comunitari : suggerimenti per la pratica clinica. GIMMOC 2000; Vol IV (1). 4. M.J. Fine et al. A prediction rule to identify low-risk patients with community-acquired pneumonia N. Engl. J. Med. 1997; 336: LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 29 / 35

30 Allegato 1 DOSAGGI CONSIGLIATI PER I VARI ANTIBIOTICI CITATI Vengono riportati i dosaggi medi consigliati per la somministrazione orale, intramuscolare ed endovenosa nell adulto. Gli antibiotici citati sono i più comunemente usati (la lista non è da considerare completa sia per quanto riguarda le molecole che i dosaggi disponibili, i tipi di confezioni elencati escludono quelle ad uso pediatrico e sono solo riassuntive della modalità di somministrazione). PENICILLINE Amoxicillina (cp da 500 mg e da 1 g) 500 mg ogni 8 ore quando si deve trattare un infezione da germe sensibile, 1 g ogni 8 ore quando è opportuno garantire concentrazioni plasmatiche efficaci anche nella eventualità che il patogeno sia uno Pneumococco con ridotta sensibilità alla Penicillina. Amoxicillina + Ac. Clavulanico (cp o buste contenenti Amoxicillina 875 mg e Ac. Clavulanico 125 mg) fl EV contenenti Amoxicillina 1000 mg e Ac. Clavulanico 200 mg fl EV contenenti Amoxicillina 2000 mg e Ac. Clavulanico 200 mg) 1 cp ogni 12 ore è la dose standard consigliata; si può utilizzare la dose di 1 cp ogni 8 ore nel caso di pazienti obesi e nelle forme più gravi. 1 fl (contenente 1000 mg di Amoxicillina) ogni 8 ore ev (somministrazione lenta) o nelle infezioni più gravi 1 fl (contenente 2000 mg di Amoxicillina) ogni 8 ore EV (somministrazione in 30 minuti); LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 30 / 35

31 dose massima quotidiana EV: 12 g Ampicillina + Sulbactam (fl IM contenenti Ampicillina 1 g e Sulbactam 500 mg) 1 fl IM/EV ogni 8 ore è la dose standard parenterale, la dose massima per via IM è di 1 fl ogni 6 ore; tale dosaggio è consigliabile nei pazienti obesi e nelle forme più gravi. dose massima quotidiana per via EV: 12 g. Penicilline protette con attività antipseudomonas Piperacillina + Tazobactam (fl IM/EM contenenti Piperacillina 2 g e Tazobactam 250 mg, fl EV contenenti Piperacillina 4 g e Tazobactam 500 mg) 1 fl (contenente 2 g di piperacillina) IM/EV ogni 8-12 ore, 1 fl (contenente 4 g di piperacillina) EV ogni 6-8 ore nei casi più gravi; dose massima quotidiana di Piperacillina EV: 24 g. CEFALOSPORINE DI II GENERAZIONE Parenterali Cefamandolo (fl IM da 1 g, fl EV da 2 g) 1 g IM/EV ogni 8 ore è la dose standard consigliata; dose massima quotidiana EV: 12 g. Cefonicid (fl IM/EV da 1 g) 1g IM/EV ogni 24 ore è la dose standard consigliata; dose massima quotidiana EV: 2 g. Cefuroxim (fl IM/EV da 1 g, fl EV da 2 g) 1 g IM/EV ogni 8 ore è la dose standard consigliata; dose massima quotidiana EV: 6 g. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 31 / 35

32 CEFALOSPORINE DI III- IV GENERAZIONE Parenterali Cefodizime (fl IM/EV da 1 g, fl EV da 2 g,) 1 g IM/EV ogni 24 ore è la dose standard consigliata, nelle forme più gravi 2g EV ogni 24 ore ( o in alternativa si potrà somministrare 1 g EV ogni 12 ore), dose massima quotidiana EV: 6 g. Cefotaxime (fl IM/EV da 500 mg e 1 g; flacone EV da 2 g) 1g IM ogni 8-12 ore è la dose standard consigliata ( nei pazienti obesi o nei casi più gravi si dovrà sempre somministrare almeno 1 g IM ogni 8 ore). La dose EV è di 1-2 g EV ogni 8 ore, dose massima quotidiana EV: 12 g. Ceftizoxime (fl IM/EV da 1 g, fl EV da 2 g) 1g IM/EV ogni 8-12 ore è la dose standard consigliata, nelle forme più gravi 2 g ogni 12 ore; dose massima quotidiana EV: 12 g. Ceftriaxone (fl IM/EV da 1 g, fl EV da 2 g) 1g IM/EV ogni 24 ore è la dose standard consigliata; nelle forme più gravi 2g EV ogni 24 ore, dose massima quotidiana EV: 4 g. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 32 / 35

33 Cefalosporine con attività antipseudomonas Cefepime (fl IM/EV da 0,5 g e da 1 g, fl EV da 2 g) 1g IM/EV ogni 12 ore è la dose standard consigliata; nelle forme più gravi 2 g EV ogni 12 ore, dose massima quotidiana EV: 6 g. Ceftazidime (fl IM/EV da 1 g, 1 fl EV da 2 g) 1g IM/EV ogni 8 ore è la dose standard consigliata; nelle forme più gravi 2 g EV ogni 8 ore; dose massima quotidiana EV: 6 g. Imipenem/cilastatina (fl IM/EV da 500 mg di Imipenem e 500 mg di Cilastatina) 500 mg IM/EV ogni 8 ore è la dose standard consigliata; dose massima quotidiana di cilastatina EV: 4 g. Meropenem (fl EV da 500 mg e 1 g) 500 mg IM/EV ogni 8 ore è la dose standard consigliata; dose massima quotidiana EV: 6 g. MACROLIDI Azitromicina (cp da 500 mg, fl EV da 500 mg) 500 mg per bocca ogni 24 ore. Claritromicina (cp da 250 e 500 mg, cp a rilascio modificato da 500 mg, fl EV da 500 mg) 500 mg per OS ogni 12 ore è la dose standard consigliata mg/kg/die EV in 2 somministrazioni. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 33 / 35

34 Eritromicina (cp da 600 mg, buste da 500 mg e 1 g) La dose minima e di 2 g la dose standard di 2400 mg in 2-4 somministrazioni. Josamicina (cpr 500 mg, cpr da 1 g, buste da 1 g) 1 g ogni 12 ore per OS è la dose standard consigliata (nelle forme più gravi può essere utilizzata la dose totale di 3 g in 24 ore). Miokamicina (cpr da 600 mg, buste da 900 mg) 600 per OS ogni 12 ore è la dose standard consigliata (nelle forme più gravi può essere utilizzata la dose totale di 1800 mg in 2-3 somm). Rokitamicina (cp da 400 mg) 400 mg per OS ogni 12 ore è la dose standard consigliata (nelle forme più gravi può essere utilizzata la dose totale di 1200 mg). FLUOROCHINOLONI Ciprofloxacina (cp da 500 mg, cp da 750 mg, fl EV da 200 mg) 500-mg per OS ogni 12 ore è la dose standard consigliata, ( nelle forme più gravi può essere utilizzata la dose di 750 mg per OS ogni 12 ore). La dose EV è di mg ogni 12 ore, dose massima quotidiana EV: 1200 mg. Ofloxacina (cp da 200 e 300 mg) mg per OS ogni 12 ore è la dose standard consigliata. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 34 / 35

35 Pefloxacina (fl da 400 mg) 400 mg EV ogni 12 ore è la dose standard consigliata. Chinoloni con attività antipneumococcica Levofloxacina (cp da 250 e 500 mg, fl EV da 500 mg ) 500 mg per OS ogni 24 ore è la dose standard consigliata (in casi gravi si potrà utilizzare la dose di 500 mg ogni 12 ore). La dose EV è di 500 mg ogni 24 ore; dose massima quotidiana EV 1000 mg. Moxifloxacina (cp da 400 mg) 400 mg per OS ogni 24 ore è la dose standard consigliata. AMINOGLICOSIDI Amikacina fl IM/EV da 250, 500 mg) 15 mg/kg/die EV/IM in 1-2 somministrazioni giornaliere, dose massima quotidiana EV 1500 mg. Gentamicina (fl IM/EV da 40, 80, 120, 160 mg) 4-7 mg/kg/die EV/IM in monosomministrazione giornaliera. Netilmicina (fl IM/EV da 100, 150, 200, 300 mg) 5-6,5 mg/kg/die EV/IM in monosomministrazione giornaliera. Tobramicina (fl IM/EV da 40, 100, 150 mg) 4-7 mg/kg/die EV/IM in monosomministrazione giornaliera. LINEA GUIDA PER IL TRATTAMENTO EMPIRICO 35 / 35

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

Le polmoniti acquisite in comunità

Le polmoniti acquisite in comunità Le polmoniti acquisite in comunità Cosa può aggiungere il metodologo? Oreste Capelli CeVEAS (Centro per la Valutazione dell Efficacia dell Assistenza Sanitaria) Evidence-based Medicine What it is and what

Dettagli

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE

DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE LE POLMONITI DEFINIZIONI e CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONI LA POLMONITE Patologia acuta del parenchima polmonare associata a sintomi tipici dell infezione e presenza di infiltrato all Rx torace e/o quadro

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

UOC MALATTIE INFETTIVE

UOC MALATTIE INFETTIVE UOC MALATTIE INFETTIVE POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA NEGLI ADULTI: PERCORSO CLINICO-ORGANIZZATIVO Novembre 2012 UO Audit Clinico e Sistemi Informativi Sanitari. Giacinto Di Gianfilippo, Paola Lunari

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità

Diagnosi della polmonite acquisita in comunità Dr. med. Marco Pons Ospedale Civico, Schweiz Corso di formazione «Infezioni delle vie respiratorie, polmonite ed esacerbazione acuta della bronco-pneumopatia cronico ostruttiva: terapia ambulatoriale ottimale»

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro POLMONITI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova POLMONITI Classificazione Definizione Epidemiologia

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911

Osler, William. The Principles and Practice of Medicine. 7 ed. D. Appleton and Company; New York, NY; 1911 POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA Dr. Andrea Cai Responsabile U.O. Pronto Soccorso-Med.Urg. Ospedale Pistoia «L amica dell anziano» una malattia «acuta, breve e spesso non dolorosa» che aveva come conseguenza

Dettagli

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio)

Nella figura A si vede la distribuzione mensile dei casi (picco nel mese di luglio) La Spezia 08/11/2005 critica Al Direttore Sanitario Ai Dirigenti Dipartimenti Ai Direttori Area Medica, specialistica e OGGETTO : Legionellosi Premessa La sorveglianza della legionella permette di effettuare

Dettagli

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D.

Le terapia della CAP secondo LG. Oreste CAPELLI, M.D. Le terapia della CAP secondo LG Oreste CAPELLI, M.D. LG ATS/IDSA (2007) e BTS (2009) Eziologia della CAP Sia per i pazienti trattati a domicilio che per i pazienti ricoverati l agente eziologico più frequente

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Struttura del Centro. Reparto di degenza

Struttura del Centro. Reparto di degenza Reparto di degenza Il reparto di degenza dispone di 10 stanze singole e di moderne apparecchiature diagnostiche, riabilitative e terapeutiche. Ogni stanza è dotata di un sistema di climatizzazione, poltrona

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri OTITE MEDIA ACUTA E FARINGOTONSILLITE ACUTA IN ETA' PEDIATRICA PROTOCOLLO ASSISTENZIALE

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI.

SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI. SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI. Protocollo Operativo UOS Epidemiologia e profilassi malattie infettive SISP, ASL Roma A Dr.ssa Andreina Ercole Misure di prevenzione, ricerca attiva

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo?

Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Roberto Grinta, Katia Bini, Federica Verri U.O. Budget Medicina Generale AV2, Jesi Dalla polmonite comunitaria alla polmonite nosocomiale: quali costi nel processo? Introduzione La polmonite continua a

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011 RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011 SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA RIGUARDA I LAVORATORI ESPOSTI A RISCHIO ai sensi dell art. 2

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 Gastroprotettori: -Misoprostolo -esomeprazolo -lansoprazolo -omeprazolo -pantoprazolo -misoprostolo + diclofenac

Dettagli

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova paziente con sospetta infezione CVC-correlata: quale

Dettagli

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi CASO CLINICO 2 Presenter: R. Bicocchi Discussant: P. Bassi Caso clinico Paziente maschio di 35 anni, nazionalità algerina. In data 10/03/11 viene trasferito presso il nostro reparto dalla Ematologia con

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Polmoniti. Linee guida

Polmoniti. Linee guida Linee guida Raccomandazioni sviluppate in modo sistematico per assistere medici e pazienti nelle decisioni sulla gestione appropriata di specifiche condizioni cliniche (Institute of Medicine1992) (IDSA

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale TRATTAMENTO DELLA BPCO Obiettivi Prevenire la progressione della malattia Migliorare i sintomi Migliorare la

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a:

Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: Al Centro ipertensione afferiscono pazienti ipertesi inviati dai MMG o dagli specialisti con particolare riguardo a: sospetta ipertensione arteriosa secondaria ipertensione resistente ipertensione in gravidanza

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE

PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE PROCESSI ASSISTENZIALI DEI PAZIENTI IN TERAPIA EMODIALITICA E TRAPIANTATI IN APPLICAZIONE DEI NUOVI CRITERI PREVISTI DAL DAY SERVICE Dr.ssa S. Melli Dr. Cristoforo Cuzzola MODALITA DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO

CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO CRONICITÀ E APPROPRIATEZZA NEI SETTING DI CURA FIBROSI CISTICA DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Cammi Emilio Reggio Emilia, 25 settembre 2015 Fibrosi cistica Malattia genetica rara Patologia multiorgano che

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Giochi didattici. 1. Cruciverba

Giochi didattici. 1. Cruciverba B FLG BG Giochi didattici Giochi didattici - un cruciverba, quattro rebus e le relative soluzioni - per testare la vostra preparazione. giochi si possono utilizzare prima di intraprendere il percorso formativo

Dettagli

Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità

Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità Gestione in OBI del paziente con Polmonite Acquisita in Comunità dott. ssa angela linzalone dirigente medico U.O. Malattie Infettive Ospedale Madonna delle Grazie di Matera Premessa Le infezioni delle

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL 5 ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio: Data conclusione tirocinio:.. Studente Tutor clinico (nome e cognome) (qualifica

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

DN-SEV Sistema Esperto per la Validazione

DN-SEV Sistema Esperto per la Validazione DN-SEV Sistema Esperto per la Validazione Ing.Sergio Storari DEIS Università di Bologna DN-SEV: DiaNoema Sistema Esperto per la Validazione Scopo del DN-SEV: Fornire all operatore medico informazioni esaurienti

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Azienda Sanitaria Firenze Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Percorso Sepsi 2011 aumentare il livello di attenzione 2012 - Giornata Mondiale per la Prevenzione della Sepsi Attivazione di

Dettagli

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato I Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Vista la relazione di valutazione del comitato di valutazione

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L attività del medico di medicina generale Modena, 24 febbraio 2007 ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Assistenza domiciliare integrata

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino?

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? 1 L opuscolo raccoglie le più frequenti domande rivolte agli operatori del

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Febbre al rientro da Malindi, Kenya

Febbre al rientro da Malindi, Kenya Febbre al rientro da Malindi, Kenya Una giovane coppia di fidanzati (26 anni lui, 23 anni lei) sono rientrati da una settimana da un viaggio a Malindi, Kenya, durato quindici gg. Non hanno effettuato alcuna

Dettagli

L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l. I casi dell Ospedale Sacco

L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l. I casi dell Ospedale Sacco L INFETTIVOLOGIA DEL TERZO MILLENNIO Paestum 13-15 15 maggio 2004 SARS: l esperienza l italiana I casi dell Ospedale Sacco 2003 Sabato 15 marzo sera: segnalazione del Ministero della Salute via fax alla

Dettagli