REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE"

Transcript

1 Comune di Alfonsine Provincia di Ravenna MEDAGLIA D'ARGENTO DELLA RESISTENZA Piazza Gramsci, n. 1 tel. (0544) fax REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE Approvato con delibera di C.C. n. 84 del , pubblicata all Albo Pretorio del Comune dal al e ripubblicata dal al , divenuta esecutiva il giorno

2 INDICE Pag. ART. 1 - (Finalità e destinatari dei finanziamenti) 3 ART. 2 - (Domande ammissibili) 3 ART. 3 - (Descrizione dell agevolazione) 4 ART. 4 - (Modalità e tempi di prestazione delle domande) 5 ART. 5 - (Obblighi dei richiedenti) 5 ART. 6 - (Sanzioni) 5 ART. 7 - (Vincoli) 6 ART. 8 - (Compiti istruttori) 6 2

3 ART. 1 - Finalità e destinazione dei finanziamenti L Amministrazione comunale, al fine di promuovere l attività edilizia e di favorire la costituzione di nuovi nuclei familiari, mette a disposizione un fondo per abbattere i tassi di interesse nelle operazioni di mutuo attivate per l acquisto o il recupero di abitazioni. Il recupero di edifici da cui si possono ricavare più di un unità abitativa e l utilizzo della bioedilizia (vedi Regolamento approvato con atto di C.C. n.83 del ) costituiscono diritto di precedenza nell assegnazione dei finanziamenti agevolati. Possono quindi accedere ai finanziamenti agevolati: A. Nuclei familiari già costituiti o in corso di formazione per la costituzione della loro prima casa (giovani e giovani coppie); B. Nuclei familiari non rientranti nella categoria precedente (generalità richiedenti). Rientrano nella precedente lett. A coloro che risultino in possesso dei seguenti requisiti: 1. almeno un componente del nucleo familiare richiedente, non abbia compiuto il 35esimo anno di età alla data del ; 2. Valore ISEE (indicatore della Situazione Economica Equivalente), calcolato ai sensi del D.Lgs 109/98 così come modificato dal D.Lgs 130/2000, non superiore a ,00 per i nuclei già costituiti. Per i nuclei in fase di costituzione o per i soggetti singoli, l Amministrazione comunale procederà alla determinazione del reddito adottando gli stessi criteri previsti dall ISEE. Il reddito da considerarsi è quello relativo alla dichiarazione fiscale dell anno precedente a quello di presentazione della domanda. 3. Non titolarità, alla data della domanda, del diritto di proprietà (compresa la nuda proprietà), usufrutto, uso, abitazione, su tutto il territorio nazionale, di alcun bene immobile (unità immobiliare, aree fabbricabili, terreni agricoli) fatta eccezione per: a. eventuali quote non superiori al 50% dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale di parenti entro il 2 grado e sue pertinenze, pervenute a seguito di successione ereditaria e comunque tali da non consentire il concreto utilizzo abitativo da parte del richiedente secondo gli standard abitativi previsti dalla Tabella A lett. C) allegata alla L.R. 12/84 e successive modificazioni ed integrazioni e cioè: almeno 2 vani, escluso cucina e servizi, per un nucleo familiare di due persone; almeno 1 vano, escluso cucina e servizi, per un nucleo familiare di due persone; 45 mq. per nucleo familiare composto da 1-2 persone; 60 mq. per nucleo familiare composto da 3-4 persone; 75 mq. per nucleo familiare composto da 5 persone; 95 mq. per nucleo familiare composto da 6 persone ed oltre. b. unità immobiliare oggetto di intervento edilizio per il quale viene richiesto il finanziamento. c. unità immobiliare a destinazione abitativa di dimensioni inferiori agli standard di cui sopra. In tale circostanza l abitazione di proprietà dovrà essere venduta entro 12 (dodici) mesi dalla data di accoglimento della richiesta. Rientrano nella precedente lett. B coloro che risultino in possesso dei seguenti requisiti: 1. Valore ISEE (indicatore della Situazione Economica Equivalente), calcolato ai sensi del D.Lgs 109/98 così come modificato dal D.lgs 130/2000, non superiore a ,00, per i nuclei già costituiti. Per i nuclei in fase di costituzione o per i soggetti singoli, l Amministrazione comunale procederà alla determinazione del reddito adottando gli stessi criteri previsti dall ISEE. Il reddito da considerarsi è quello relativo alla dichiarazione fiscale dell anno precedente a quello di presentazione della domanda. ART. 2 Domande ammissibili. Sono ammissibili al finanziamento, con le modalità sopra esposte, per le sole quote residenziali, le richieste finalizzate a: 3

4 1. interventi di straordinaria manutenzione, ristrutturazione edilizia/urbanistica di immobili a destinazione residenziale così come definiti nell allegato A al presente regolamento; Le richieste potranno essere inoltrate previa specifica concessione o autorizzazione edilizia. L ammontare del finanziamento sarà determinato esclusivamente sull entità delle opere ancora da eseguire alla data della domanda. 2. acquisto di alloggi finalizzati ad un utilizzo diretto dell acquirente e relativo nucleo familiare o da concedersi in locazione con contratti stipulati ai sensi della Legge 431/98 (affitti concertati). Il finanziamento potrà essere concesso a condizione che l'atto di compravendita dell'abitazione in questione non risulti essere stato stipulato alla data del I finanziamenti in questione potranno essere concessi per l'acquisto o per l intervento edilizio, ma non per entrambi, fatta eccezione per gli edifici da recuperare. Richieste di finanziamento destinate all acquisto di quote parte di abitazione sono ammissibili a condizione che con tale compravendita si ottenga la riunificazione della proprietà e che la quota parte oggetto di acquisto sia pari almeno al 50% dell intera unità immobiliare. I mutui in questione non potranno essere concessi nel caso in cui il richiedente abbia ottenuto un altro finanziamento pubblico per l acquisto o il recupero della stessa unità abitativa. I richiedenti rientranti nella categoria prevista al punto A del precedente art. 1 (giovani o giovani coppie): possono ottenere, l assegnazione del finanziamento agevolato, su immobili localizzati su tutto il territorio comunale finalizzati all utilizzo diretto e del proprio nucleo familiare. L abitazione, per la quale viene concesso il finanziamento, dovrà essere interamente intestata nella piena proprietà al richiedente ed eventualmente agli altri componenti del suo nucleo familiare. I richiedenti rientranti nella categoria prevista al punto B del precedente art. 1 (generalità): possono ottenere, l assegnazione del finanziamento agevolato, su immobili localizzati esclusivamente all interno del Piano Quadro denominato P.d.R. Strada della Memoria nonché per gli edifici vincolati dal P.R.G. (case nere) localizzati su tutto il territorio comunale. L abitazione, per la quale viene concesso il finanziamento, dovrà essere intestata al richiedente e a quanti altri lo stesso riterrà di intestare. ART. 3 - Descrizione dell agevolazione. I soggetti richiedenti in possesso dei requisiti sopra indicati, possono accedere una sola volta, all assegnazione di un finanziamento agevolato con le seguenti caratteristiche: applicazione di una riduzione del tasso d interesse bancario, calcolata per il periodo di ammortamento massimo di 10 (dieci) anni. I mutui potranno essere concessi per una durata superiore, fermo restando l intervento dell agevolazione alla durata di 10 (dieci) anni di ammortamento: 1 punto, aumentato di 0,5 punti per edifici da recuperare e di un ulteriore 0,5 per utilizzo della bioedilizia, per la generalità dei richiedenti (art. 1 B); 1,5 punti, aumentato di 0,5 punti per edifici da recuperare e di un ulteriore 0,5 punti per utilizzo della bioedilizia, punti per giovani e giovani coppie (art.1 A); dalla agevolazione sono esclusi gli interessi di preammortamento. L agevolazione sarà applicata sui seguenti importi massimi: acquisto: fino al 100% del valore di stipula notarile fino ad un massimo di ,00. interventi edilizi: fino all 80% della spesa ritenuta ammissibile fino ad un massimo di: ,00 in caso di manutenzione straordinaria; ,00 in caso di interventi di cui alle lettere dalla c) alla f) dell allegato A ; ,00 per la categoria d intervento di cui al punto b) dell allegato A e per interventi osservanti almeno il 50% dei requisiti indicati nel Regolamento per la bioedilizia in vigore, elevabili a ,00 per interventi osservanti il 100% dei requisiti indicati nel Regolamento per bioedilizia citato. 4

5 Il tasso di interesse da applicare al mutuo sarà fissato nella misura massima pari Euribor (365) sei mesi, maggiorato di 1 (uno) punto percentuale, variabile tempo per tempo sulla base della fluttuazione dello stesso secondo i valori rilevabili dalle pubblicazioni sulla stampa specializzata; il tasso varierà in relazione alle oscillazioni del tasso di riferimento senza minimo fisso. ART. 4 - Modalità e tempi di presentazione delle domande. Per l'ottenimento di detti finanziamenti, i richiedenti entro la data del di ogni anno, dovranno presentare domanda, su apposito modulo, direttamente agli Istituti di Credito convenzionati, i quali dovranno disporre di uno sportello nel Comune di Alfonsine e per conoscenza anche al Comune di Alfonsine. Le richieste verranno esaminate in ordine cronologico, in base alla data di protocollazione apposta sulla domanda inoltrata, per conoscenza, al Comune ed in base ai diritti di precedenza stabiliti all art.1 comma 2. L iniziativa avrà luogo per gli anni 2002, 2003, 2004 e 2005, in ciascun anno saranno ammesse domande sino alla concorrenza di di somma mutuata. Le domande non accolte per mancanza di fondi nell anno di presentazione, saranno considerate le prime dell anno successivo, fermo restando le condizioni del presente Regolamento. In via eccezionale e per il solo anno 2002 potranno essere presentate domande di finanziamento entro il , anche con banche non convenzionate oppure con banche convenzionate ma sprovviste di uno sportello nel Comune di Alfonsine, senza rinegoziazione delle convenzioni. ART. 5 - Obblighi dei richiedenti. I beneficiari dei finanziamenti, contestualmente alla stipula del mutuo e per la durata del contributo comunale, assumono i seguenti obblighi: rispettare e conservare le destinazioni d'uso abitativa; i richiedenti di cui alla lett. A del precedente art. 1: utilizzare direttamente gli alloggi acquistati o ristrutturati entro 6 (sei) mesi dalla data di stipula in caso di compravendita o dalla data di fine lavori, in caso di interventi edilizi. i richiedenti di cui alla lett. B del precedente art. 1: utilizzare direttamente o attraverso cessione in locazione con contratti stipulati ai sensi della Legge 431/98 (affitti concertati), l alloggio acquistato o ristrutturato entro 6 (sei) mesi dalla data di stipula in caso di compravendita o dalla data di fine lavori, in caso di intervento edilizio. presentare agli uffici comunali la pratica per l'esecuzione dei lavori previsti entro mesi 3 (tre) dalla data di stipula del mutuo in caso di acquisto di alloggio per il quali sia previsto qualche intervento edilizio, anche se di sola manutenzione ordinaria. estinguere anticipatamente il mutuo prima di procedere alla vendita dell'immobile oggetto di finanziamento agevolato. ART. 6 - Sanzioni. Il Responsabile del Settore/Servizio competente, qualora rilevi il mancato rispetto dei succitati obblighi, dichiarerà il concessionario inadempiente: ciò comporterà la perdita di tutti i benefici usufruiti o da usufruire in relazione al finanziamento ottenuto e precisamente: cessazione del pagamento da parte del Comune, del contributo comunale sul tasso di interesse globale; diritto del Comune di essere rimborsato dal mutuatario della quota già versata all'istituto di Credito per il titolo di cui sopra; diritto dell'istituto di Credito di pretendere il pagamento, a decorrere dall'inizio del periodo di ammortamento del mutuo, della differenza fra il tasso di interesse concesso in base alla convenzione relativa alla presente iniziativa e quello previsto per le normali operazioni. Il Responsabile del Settore/Servizio competente potrà tenere in considerazione una eventuale richiesta di deroga agli obblighi assunti, in presenza di cause di forza maggiore. 5

6 L'estinzione anticipata o nei termini previsti del mutuo, interrompe tutti i benefici e gli obblighi sopra citati. ART. 7 - Vincoli L'assegnatario del mutuo ha l'obbligo di addivenire alla relativa stipula con l'istituto di Credito prescelto fra quelli convenzionati e solo per l anno 2002 quelli previsti all art.4, entro mesi 9 (nove) dalla data di comunicazione dell'ammissione al finanziamento. Il Responsabile del Settore/Servizio competente può eccezionalmente concedere una proroga, pari ad un massimo di ulteriori mesi 3 (tre), a tale termine su richiesta motivata e documentata del richiedente in relazione a sistemazioni di particolare complessità comunque non imputabili al richiedente. Il mancato rispetto dei succitati tempi comporta la decadenza dal beneficio. ART. 8 -Compiti istruttori L'istruttoria e la gestione delle pratiche è affidata al Responsabile del Settore/Servizio competente il quale provvederà a proporre la valutazione delle domande e alla conseguente emissione degli esiti. La predisposizione delle domande e della necessaria documentazione allegata sarà a cura degli Istituti di Credito. 6

7 ALLEGATO A Gli interventi edilizi ammessi a finanziamento vengono di seguito meglio precisati: a) Interventi di manutenzione straordinaria e cioè le opere o le modifiche necessarie per rinnovare o sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonchè per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d'uso; b) Interventi di restauro scientifico e di restauro e di risanamento conservativo e cioè quelli rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze d'uso, la eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio; c) Interventi di ristrutturazione edilizia e cioè quelli rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, la eliminazione, la modifica e inserimento di nuovi elementi ed impianti; d) Interventi su aree ed immobili assoggettati a strumento urbanistico preventivo sia di tipo conservativo che di trasformazione urbanistica (piani particolareggiati di iniziativa pubblica o privata su lotti o comparti individuati a ristrutturazione urbanistica); e) Interventi su aree od immobili assoggettati a Piani di Recupero di iniziativa pubblica o privata; f) Interventi di ripristino edilizio e cioè quelli rivolti alla ricostruzione con nuovo intervento teso al recupero di spazi già edificati ed ora completamente demoliti. 7

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 64 del

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 ALLEGATO A COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Servizio Assistenza e Politiche Sociali REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 Giugno 2006 COMUNE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Allegato alla delibera n. del Comune di Solarolo Provincia di Ravenna Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Art. 1 OGGETTO Al fine di agevolare i nuclei familiari ed

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI. Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena Settore Segreteria Affari Generali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa.

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa. Legge 1985032 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA Fondo per l' edilizia abitativa. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 53 del 30 dicembre 1985 Il Consiglio

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO TESEO

FONDO PENSIONE APERTO TESEO FONDO PENSIONE APERTO TESEO istituito dalla Società Reale Mutua di Assicurazioni (Gruppo Reale Mutua) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 17 Documento sulle anticipazioni (redatto ai sensi del

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(*2/$0(172 3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(&83(52'(/&(17526725,&2', 021'2/)2 - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 del 01.06.1998 esaminato dal CO.RE.CO. di Ancona nella seduta del

Dettagli

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva UniCredit Futuro P.I.P. Aviva Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO -PROVINCIA DI ANCONA-

COMUNE DI CASTELFIDARDO -PROVINCIA DI ANCONA- COMUNE DI CASTELFIDARDO -PROVINCIA DI ANCONA- BANDO DI CONCORSO Allegato A PER L ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO COMUNALE SUI MUTUI FINALIZZATI AL RECUPERO DELLE UNITA IMMOBILIARI DESTINATE A CIVILE ABITAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACCESSO A FINANZIAMENTI AGEVOLATI Mutui prima casa giovani e giovani coppie -

REGOLAMENTO PER ACCESSO A FINANZIAMENTI AGEVOLATI Mutui prima casa giovani e giovani coppie - REGOLAMENTO PER ACCESSO A FINANZIAMENTI AGEVOLATI Mutui prima casa giovani e giovani coppie - ART. 1 Finalità L Amministrazione comunale, nell ambito delle autonome politiche abitative, si propone di attivare

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

Aviva Top Pension DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione

Aviva Top Pension DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Aviva Top Pension Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita (art. 13 del

Dettagli

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR

COMUNE DI OBČINA MONRUPINO - REPENTABOR BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO, AI SENSI DELL ART. 11 DELLA L. 431/1998 E DELL ART. 6 DELLA L.R. 6/2003. Art.

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCENSIONE DI MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE O IL RECUPERO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE IN TERRITORIO

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (aggiornato al 24/03/2016) PANORAMICA SULLE ANTICIPAZIONI Secondo quanto stabilito dall art. 11, comma 7 del D.Lgs 252/05 (e dagli Orientamenti Covip del 10/02/2011), gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Periodico informativo n. 40/2013

Periodico informativo n. 40/2013 Periodico informativo n. 40/2013 Revisione caldaia con Iva al 10% Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che alla revisione periodica

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

DALLA REGIONE LOMBARDIA --------

DALLA REGIONE LOMBARDIA -------- DALLA REGIONE LOMBARDIA -------- CONTRIBUTI PER L' ACCESSO E IL RECUPERO DELLA PRIMA CASA D'ABITAZIONE - DECIMO BANDO - 2010 Il 3 novembre 2010, la Giunta ha approvato la Dgr 738 " Decimo Bando per l Acquisto

Dettagli

DGR 5 febbraio 2010, n. 74

DGR 5 febbraio 2010, n. 74 DGR 5 febbraio 2010, n. 74 OGGETTO: Attuazione art. 14 Lr 11 agosto 2009, n. 21 - Misure a sostegno dei soggetti che hanno contratto o contrarranno mutui per l acquisto, costruzione e recupero o autorecupero

Dettagli

ANTICIPAZIONE DELLE DETRAZIONI FISCALI RELATIVE AD INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONI E DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA GUIDA PER L'USO

ANTICIPAZIONE DELLE DETRAZIONI FISCALI RELATIVE AD INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONI E DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA GUIDA PER L'USO ANTICIPAZIONE DELLE DETRAZIONI FISCALI RELATIVE AD INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONI E DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA GUIDA PER L'USO Questa guida sarà aggiornata in relazione delle richieste di chiarimento

Dettagli

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (Articolo 11, comma 7, Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252) Helvetia Aequa è iscritto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 17-05-1976 REGIONE PIEMONTE. << Finanziamenti integrativi a favore delle cooperative a proprietà indivisa >>.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 17-05-1976 REGIONE PIEMONTE. << Finanziamenti integrativi a favore delle cooperative a proprietà indivisa >>. Legge 1976028 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 17-05-1976 REGIONE PIEMONTE >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO,6 Al Comune di Alfonsine Sede All Istituto di credito Banca di Romagna Filiale di Alfonsine

Dettagli

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria.

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria. Legge Regionale 18 marzo 1964, n. 8 Provvidenze a favore dell industria alberghiera e turistica. Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Art.1

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE DI RIOLUNATO. (Provincia di Modena)

COMUNE DI RIOLUNATO. (Provincia di Modena) COMUNE DI RIOLUNATO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI A TASSO AGEVOLATO PER INTERVENTI DI RECUPERO EDILIZIO, URBANISTICO ED AMBIENTALE NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Legge 1982082 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Provvidenze regionali per l' edilizia abitativa: agevolazioni finanziarie a cooperative edilizie per la costruzione di

Dettagli

Documento sulle Anticipazioni

Documento sulle Anticipazioni Allegato alla Nota Informativa CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO Documento sulle Anticipazioni Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE a cura di Paola Martina RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 1 co, 87 Legge di stabilità 2014 D.L. 4 giugno 2013 n. 63, convertito, con modifiche, dalla L. 3

Dettagli

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 Allegato al D.A.n 1571 del 14/06/2004 CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 OBIETTIVI La Regione riconosce e promuove quale soggetto

Dettagli

HELVETIA PENSIONE COMPLETA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE

HELVETIA PENSIONE COMPLETA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE HELVETIA PENSIONE COMPLETA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (articolo 11, comma 7, decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252) Helvetia

Dettagli

Sardegna: Fondo per l'edilizia abitativa

Sardegna: Fondo per l'edilizia abitativa Sardegna: Fondo per l'edilizia abitativa Descrizione In breve Contributi in conto interessi e a fondo perduto per la costruzione, l'acquisto e il recupero della prima casa di abitazione, in attuazione

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

Previdenza Attiva. Documento sulle anticipazioni. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015

Previdenza Attiva. Documento sulle anticipazioni. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015 BG Previdenza Attiva Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015 Documento sulle anticipazioni Il presente documento costituisce parte integrante della

Dettagli

Comune di Sarsina. Provincia di Forlì-Cesena

Comune di Sarsina. Provincia di Forlì-Cesena Comune di Sarsina Provincia di Forlì-Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Approvato con deliberazione

Dettagli

Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI DELLA CASA DA GIOCO DI SAINT-VINCENT GIOCHI TRADIZIONALI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte del Fondo (di seguito, Anticipazione),

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO

CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO CREDEMPREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita CREDEMPREVIDENZA. DOCUMENTO SULLE

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI UN FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA

FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE DIPENDENTI GRUPPO AXA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il presente documento è valido a decorrere dal 02 Aprile 2013.

Il presente documento è valido a decorrere dal 02 Aprile 2013. DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (articolo 11, comma 7, decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252) DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento costituisce parte integrante della Nota informativa

Dettagli

costi accessori del denaro a carico dello Stato e conterrà l indicazione delle somme per le quali lo Stato presterà garanzia coperta da privilegio.

costi accessori del denaro a carico dello Stato e conterrà l indicazione delle somme per le quali lo Stato presterà garanzia coperta da privilegio. DECRETO 21 febbraio 2006 n.39 REPUBBLICA DI SAN MARINO RATIFICA DECRETO 14 FEBBRAIO 2006 N.32 (MODIFICHE DEL TESTO UNICO E DI RIFORMA DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA SOVVENZIONATA (LEGGE 15 DICEMBRE

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sulle anticipazioni Il presente

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (approvato dal Consiglio di Amministrazione del 14.12.2015) SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE Approvato dall Assemblea Consortile con deliberazione n.

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI PORDENONE CAP 33078 L.R.6/2003 ART.6 e L.431/98 ART.11 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE LOCAZIONI ASSESSORATO ALLA TUTELA SOCIALE Vista la Legge Regionale 07.03.2003

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

Periodico informativo n. 47/2012

Periodico informativo n. 47/2012 Periodico informativo n. 47/2012 Il Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Documento sulle anticipazioni (art. 11, comma 7, del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005)

Documento sulle anticipazioni (art. 11, comma 7, del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Società del Gruppo Sara Libero Domani Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5092 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del

Dettagli

Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI

Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI - REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI... 2 - ART. 1 TITOLARI DEL DIRITTO... 2 - ART. 2 MISURA DELL ANTICIPAZIONE... 2 - ART.3 CAUSALI... 3 a) Spese Sanitarie... 3 b) Acquisto

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO. Provincia di Udine n 3151 Protocollo Lì, 28/04/2009

COMUNE DI DIGNANO. Provincia di Udine n 3151 Protocollo Lì, 28/04/2009 COMUNE DI DIGNANO Provincia di Udine n 3151 Protocollo Lì, 28/04/2009 BANDO 2009 PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE SPESE SOSTENUTE PER IL PAGAMENTO DI CANONI DI LOCAZIONE (L. 09.12.1998, N.431, ART.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte I

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte I REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte I Erogazione di contributi per la durata massima di 10 (dieci) anni in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari contratti dagli iscritti

Dettagli

Fino a quando posso fare la domanda? Il termine per la presentazione della domanda è fissato al 20 dicembre 2008.

Fino a quando posso fare la domanda? Il termine per la presentazione della domanda è fissato al 20 dicembre 2008. B) BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER L ACQUISTO O LA COSTRUZIONE DELLA PRIMA CASA OVVERO PER IL RECUPERO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE, NEL TERRITORIO DELLA

Dettagli

MUTUI IPOTECARI. Regolamento dei mutui

MUTUI IPOTECARI. Regolamento dei mutui MUTUI IPOTECARI Regolamento dei mutui Avviso a decorrere dalla rata con scadenza 30 giugno 2005 i tassi d'interesse (3,20% fisso - 2,90% variabile) previsti dal nuovo Regolamento in vigore dal 1/01/2005

Dettagli

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 168 18.06.2014 Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata Categoria: IVA Sottocategoria: Aliquota applicabile Nell ambito degli interventi

Dettagli

Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione

Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione Regolamento per la richiesta di anticipazioni 1 Fonti

Dettagli

REGOLAMENTO. approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009

REGOLAMENTO. approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009 REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009 Via Sammontana, 39 50056 MONTELUPO FIORENTINO (FI) codice fiscale 94017550487 tel. 0571-53271 fax 0571-5327265 e-mail: fondopensione.dirigenti@ancc.coop.it

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI AXA MPS PREVIDENZA ATTIVA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa

Dettagli

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per gli anni 2015 2018, approvati con deliberazioni

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della provincia di Cremona Approvato con D.C.P. n. 165 del 17.12.2008

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (redatto ai sensi del D. Lgs. 5 Dicembre 2005, n.252, art.11, comma 7)

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (redatto ai sensi del D. Lgs. 5 Dicembre 2005, n.252, art.11, comma 7) Piano Individuale Pensionistico Fondo Pensione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (redatto ai sensi del D. Lgs. 5 Dicembre 2005, n.252, art.11, comma 7) Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014

Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014 Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014 DL Sblocca Italia - le nuove agevolazioni sull acquisto degli immobili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL sblocca Italia (n. 133

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

ALLEATA PREVIDENZA - Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione CONDIZIONI PER OTTENERE L ANTICIPAZIONE

ALLEATA PREVIDENZA - Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione CONDIZIONI PER OTTENERE L ANTICIPAZIONE - Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione 1 di 5 Documento sulle ANTICIPAZIONI Il presente documento costituisce parte integrante della Nota informativa della forma pensionistica

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni delle prestazioni SEZIONE I: NORME GENERALI

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli