ITACA: Protocollo Itaca: dalla certificazione degli edifici alla sostenibilità ambientale RAGIONI E OPPORTUNITA DI UN MODELLO DI ABITARE SOSTENIBILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITACA: Protocollo Itaca: dalla certificazione degli edifici alla sostenibilità ambientale RAGIONI E OPPORTUNITA DI UN MODELLO DI ABITARE SOSTENIBILE"

Transcript

1 CONVEGNO DI STUDI Patrocinato da Protocollo Itaca: dalla certificazione degli edifici alla sostenibilità ambientale ITACA: RAGIONI E OPPORTUNITA DI UN MODELLO DI ABITARE SOSTENIBILE Arch. Antonella Perrone

2 Secondo studi accreditati, gli ecosistemi hanno già superato la soglia di collasso, mentre la popolazione mondiale continua ad aumentare incessantemente (è di pochi giorni fa la notizia che la popolazione mondiale ha superato i 7 miliardi) Produzione CO2 pro capite Per dare il senso della non equa 30 distribuzione delle risorse è possibile 20 evidenziare i seguenti dati (ottenuti 10 esaminando le produzioni pro capite 0 di CO2 prodotto dalla combustione) americano italiano indiano 2

3 Il consumo di energia è in costante aumento nelle città e ad oggi, a livello europeo, tale consumo è responsabile di oltre il 50% delle emissioni di gas serra causate, direttamente o indirettamente, dall uso dell energia da parte dell uomo Visivamente 1 chilo di CO2 corrisponde a una bolla di gas serra di 1 metro di diametro che si può calcolare secondo la formula empirica: φ = 3 kgco2 Esempio: Percorrendo dieci chilometri in città in una automobile di media cilindrata si producono oltre 3 kg di anidride carbonica, quindi si produce una bolla di circa 1.50 m di diametro FONTE: 3

4 La città può essere paragonata ad un organismo vivente essendo un vero e proprio ecosistema artificiale composto da tanti individui con età e bisogni diversi, che consumano energie e producono rifiuti. Nel mondo, ogni giorno si esauriscono 12.5 milioni di tonnellate di carbone 7.5 miliardi di metri cubi di gas naturale 85 milioni di barili di petrolio 4

5 Ma dovremmo sapere che, per produrre lo stesso quantitativo di petrolio, che corrisponde al consumo mondiale di una sola giornata, la natura ha impiegato giorni. 5

6 100 milioni di tonnellate di CO2, scaricate al giorno in atmosfera provocano: il surriscaldamento del pianeta e e lo scioglimento dei ghiacciai. 6

7 Va ancora detto che, quotidianamente si producono quasi 10 tonnellate di rifiuti, si portano all estinzione 150 specie di animali si bruciano tonnellate di foreste, e piante si producono ettari di deserto, si perdono 90 milioni di tonnellate di terreno fertile 7

8 Lo Sviluppo Sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l orientamento dello sviluppo tecnologico e i cambiamenti istituzionali siano resi coerenti con i bisogni futuri oltre che con gli attuali Commissione Brundtland* - Rapporto Our Common Future, 1987 * Primo ministro norvegese G.H.Brundtland 8

9 Secondo quanto riportato nel Libro Verde sull efficienza energetica della Commissione Europa di Bruxelles del 2005, nel settore edile le possibilità di risparmio di energia oscillano dal 70 e al 90 %. Sarebbe perciò da irresponsabili non cogliere questa opportunità! 9

10 Cosa si può fare Progettare e costruire in modo ecocompatibile 10

11 Classe C costruzione quasi autosufficiente energeticamente Consumi compresi tra 51 e 70 Kwh/mq anno 11

12 Vantaggi di una costruzione dotata di certificato energetico Contribuisce alla tutela dell ambiente Migliora il comfort abitativo Stimola i proprietari a migliorare i propri edifici Documenta lo standard energetico e tecnologico dell edificio Informa sugli impianti e i potenziali di risparmio energetico Rende più trasparente il mercato immobiliare E uno strumento di marketing 12

13 Qualche accorgimento tecnico per risparmiare energia: 1 - Realizzazione di costruzioni compatte 2 - Esecuzione di un ottimo isolamento termico della struttura, possibilmente del tipo a cappotto 3 - Areazione controllata 13

14 Qualche accorgimento tecnico per incrementare i guadagni termici: 1 Utilizzo passivo rafforzato dell irradiamento solare (serre solari) 2 Utilizzo attivo del sole (collettori solari, fotovoltaici) 3 Utilizzo attivo del terreno (geotermia) 14

15 Accorgimenti tecnici ed architettonici per un edificio a basso consumo Orientamento Impermeabilità dell involucro al vento Compattezza della forma Finestre e schermature Isolamento termico Eliminazione ponti termici Impianti

16 Fabbisogno energetico europeo nel anno 2006 Industria Trasporti Edilizia Fonte Portale dell Unione Europea; http: //europa.eu.int 16

17 Legge Regionale n. 13 del 10 giugno 2008 Norme per l abitare sostenibile ha approvato l atto di Indirizzo per produrre il Sistema di valutazione del livello di sostenibilità ambientale degli edifici a destinazione residenziale. Il corrispondente sistema di valutazione e di certificazione energetico-ambientale degli edifici è denominato Protocollo Itaca-Puglia. 17

18 Il "Protocollo Itaca Regione Puglia", frutto del processo di contestualizzazione del "Protocollo ITACA" - nazionale, implica la compilazione di una serie di schede tematiche a ciascuna delle quali è associato un punteggio, che definisce in modo univoco e secondo presupposti di correttezza scientifica il grado di qualità ambientale dell intervento. Le cinque macro aree di riferimento sono: Qualità del sito, Consumo di risorse, Carichi ambientali, Qualità ambientale indoor e Qualità del servizio 18

19 CRITERI CATEGORIE AREE DI VALUTAZIONE peso criterio nel sistema peso categoria nel sistema peso aee di valutazione nel sistema Livello di contaminazione del sito 1.3 Livello di urbanizzaznione del sito 1.3 Riutilizzo del territorio 1.4 Adiacenza ad infrastrutture 1.1 Distanza da attività culturali e commerciali 1.0 Accessibilità aò trasporto pubblico 1.1 Integrazione con il contesto urbano e paesaggistico 1.4 Trattamento vegetazionale degli spazi aperti di pertinenza dell'edificio 1.6 Condizioni del sito 40 Accessibilità ai servizi 30 Pianificazione Urbanistica QUALITA' DEL SITO 10 Trasmittanza termica dell'involucro edilizio 4.5 Energia netta per il riscaldamento 4.5 Energia primaria per il riscaldamento 6.75 Penetrazione diretta della radiazione solare 2.25 Controllo della radiazione solare 5.75 Qualità energetica 60 Inerzia termica dell'edificio 5.75 Energia primaria per il raffrescamento 6.40 Energia netta per il raffrescamento 8.65 Efficienza della ventilazione naturale 3.45 Energia termica per Acqua Calda Sanitaria (ACS) 3.0 Energia elettrica 6.0 Energia primaria per produzione Acqua Calda Sanitaria (ACS) 3.0 Materiali da fonti rinnovabili 1.4 Materiali riciclati / recuperati 1.4 Materiali locali 1.4 Materiali locali per finiture 1.4 Materiali eco-compatibili 20 Materiali riciclabili e smontabili 1.4 Materiali biosostenibili 1.2 Acqua potabile per usi indoor 8.0 Acqua potabile 20 CONSUMO DI RISORSE 40 19

20 CRITERI CATEGORIE AREE DI VALUTAZIONE Emisssioni di CO2 Emissioni previste in fase operativa 10.0 equivalente 50 Acque grigie inviate in fognatura 1.4 Acque reflue 20 Acque meteoriche captate e stoccate 1.4 Permeabilità del suolo 1.2 Effetto isola di calore: coperture 2.0 Impatto ambientale 30 Effetto isola di calore: aree esterne 2.0 Effeto isola di calore: ombreggiamento superfici esterne 2.0 Ventilazione 2.1 Ventilazione 20 Controllo degli agenti inquinanti: radon 1.9 Benessere Temperatura dell'aria 4.0 termoigrometrico 20 Illuminazione naturale 3.0 Benessere visivo 15 Isolamento acustico involucro edificio 2.1 Benessere acustico Isolamento acustico partizioni interne Rumore da calpestio 1.9 Inguinamento Campi magnetici a frequenza industriale (5o Hertz) 3.0 elettromagnetico 15 CARICHI AMBIENTALI 40 QUALITA' AMBIENTALE INDOOR BACS (Building Automation and Control System) e TBM (Techical Building Management) 1.5 Controllabilità degli impianti 15 Disposizione della documentazione tecnica degli edifici 0.7 Mantenimento delle Sviluppo ed implementazione di un piano di manutenzione 0.9 prestazioni in fase 25 QUALITA' DEL SERVIZIO 10 Mantenimento delle prestazioni dell'involucro edilizio 0.9 operativa Supporto all'uso delle biciclette 1.1 Aree comuni Aree attrezzate per la gestione dei rifiuti 1.2 dell'edificio 45 Aree ricreative 1.1 Accessibiità 1.1 Qualità del sistema di cablatura 0.8 Domotica 15 Integrazione sistemi

21 Criterio: Permeabilità del suolo Nel Protocollo Nazionale nome del criterio: C.4.3 Nel Protocollo Itaca-Puglia nome del criterio: L esigenza che va soddisfatta con la verifica del presente criterio è quella di minimizzare l interruzione e l inquinamento dei flussi naturali d acqua. Scala di prestazione % PUNTI NEGATIVO - -1 SUFFICIENTE 0 0 BUONO 60 3 OTTIMO Metodo di calcolo e verifica Calcolo dell indicatore mediante la formula: Dove: A= area complessiva di tutte le superfici esterne di pertinenza dell edificio ovvero l area superficie del lotto a netto dell impronta dell edificio B= *αi = sommatoria di tutte le aree (Bi) ciascuna moltiplicata per il proprio coefficiente di permeabilità αi, ottenendo l estensione complessiva della superficie esterna permeabile 21

22 Esempio di calcolo di un criterio Permeabilità del suolo Area Tipo Superficie Coeff. permeabilità A1 Verde A2 Pavimentazione continua A3 Autobloccanti in cls 10 0,3 A4 Verde 63,40 1 A5 Pavimentazione continua 50 0 Calcolo indicatore= A = area complessiva di tutte le superfici esterne di pertinenza dell edificio ovvero l area superficie del lotto a netto dell impronta dell edificio B = *αi area complessiva di tutte le superfici esterne di pertinenza dell edificio ovvero l area superficie del lotto a netto dell impronta dell edificio A = mq (589,40 110) = mq 479,40 mq =mq[(242+63,40)*1]+[(114+50)*0]+ (10*0,3) = mq(305,40+3)= mq 308,4 Quindi B/A*100 = (308,40/479,40)*100 = 64,33% Scala di prestazione % PUNTI NEGATIVO - -1 SUFFICIENTE 0 0 BUONO 60 3 OTTIMO Il valore dell indicatore pari a 64,33% interpolato con i valori riportati nella scala di prestazione da un punteggio pari a

23 SISTEMA DI PESATURA ELENCO CRITERI 1. Qualità del sito 1.1 Condizioni del sito Livello di contaminazione del sito Livello di urbanizzazione del sito Riutilizzo di strutture esistenti 1.2 Accessibilità ai servizi Accessibilità al trasporto pubblico Distanza da attività culturali e commerciali Adiacenza ad infrastrutture 2. Consumo di risorse 2.1 Energia primaria non rinnovabile richiesta durante il ciclo di vita Energia inglobata nei materiali da costruzione Trasmittanza termica dell involucro edilizio Energia netta per il riscaldamento Energia primaria per il riscaldamento Controllo della radiazione solare Inerzia termica dell edificio Energia netta per il raffrescamento Energia primaria per il raffrescamento 2.2 Energia da fonti rinnovabili Energia termica per ACS Energia elettrica 2.3 Materiali eco-compatibili Materiali da fonti rinnovabili Materiali riciclati/recuperati Materiali locali Materiali locali per finiture Materiali riciclabili e smontabili 2.4 Acqua potabile Acqua potabile per irrigazione Acqua potabile per usi indoor 3. Carichi Ambientali 3.1 Emissioni di CO2 equivalente Emissioni inglobate nei materiali da costruzione Emissioni previste in fase operativa 3.2 Acque reflue Acque grigie inviate in fognatura Acque meteoriche captate e stoccate Permeabilità del suolo 3.3 Impatto sull ambiente circostante Effetto isola di calore: coperture Effetto isola di calore: aree esterne pavimentate 4. Qualità ambientale indoor 4.1 Ventilazione Ventilazione Controllo degli agenti inquinanti: Radon 4.2 Benessere termoigrometrico Temperatura dell aria 4.3 Benessere visivo Illuminazione naturale 4.4 Benessere acustico Isolamento acustico involucro edilizio Isolamento acustico partizioni interne Rumore da calpestio 4.5 Inquinamento elettromagnetico Campi magnetici a frequenza industriale (50Hertz) 5. Qualità del servizio 5.1 Controllabilità degli impianti BACS (Building Automation and Control System) e TBM (Technical Building Management) 5.2 Mantenimento delle prestazioni in fase operativa Disponibilità della documentazione tecnica degli edifici Sviluppo ed implementazione di un piano di manutenzione Mantenimento delle prestazioni dell involucro edilizio 5.3 Aree comuni dell edificio Supporto all uso di biciclette Aree attrezzate per la gestione dei rifiuti Aree ricreative 5.4 Domotica Qualità del sistema di cablatura Videocontrollo Anti intrusione, Controllo accessi e Safety Integrazione sistemi #RIF! 3. Carichi Ambientali 3.1 Emissioni di CO2 equivalente Emissioni inglobate nei materiali da costruzione Emissioni previste in fase operativa 3.2 Acque reflue Acque grigie inviate in fognatura Acque meteoriche captate e stoccate Permeabilità del suolo 3.3 Impatto sull ambiente circostante Effetto isola di calore: coperture Effetto isola di calore: aree esterne pavimentate Quindi: Peso criterio rispetto all all area di valutazione 18,10% 52,6% 49% 4,67% 51% 4,86% 15,8% Peso criterio rispetto all intero sistema 34% 0,97% 34% 0,97% 32% 0,91% 31,6% 50% 2,86% 50% 2,86% 3,2 *32/100= 1,02 è il punteggio pesato del criterio rispetto all area di valutazione 3,2 *0,91/100= 0,02 è il punteggio pesato del criterio rispetto all area di valutazione La somma dei voti pesati delle aree di valutazione fornisce il voto finale dell intervento 23

24 Linee guida per un regolamento edilizio tipo regionale Le indicazioni contenute nello schema di regolamento tipo intendono fornire una guida metodologica per la definizione di contenuti minimi, al fine di garantire la qualità degli inserimenti edilizi e con la consapevolezza che la qualità paesaggistica dipende anche dalla qualità delle aree urbane e del rapporto degli interventi di antropizzazione con il loro contesto. La struttura del regolamento prevede una organizzazione in quattro titoli ognuno dei quali ordinato in capi, sezioni e articoli. Capo V Prestazioni ambientali 1. Prestazioni dell involucro, 2. Efficienza energetica degli impianti, 3. Utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, 4. Azioni per la sostenibilità 24

25 Cosa devono fare i comuni? 1 redigere o integrare i regolamenti edilizi 2 - approvare la deliberazione per graduare gli incentivi 3 - prevedere sistemi di monitoraggi, verifica e controllo 25

26 Il miglioramento delle performance quantitative costituisce la premessa necessaria ma non sufficiente per una architettura davvero capace di migliorare la nostra esistenza Ugo Sasso 26

27 Intanto che si discute di qualità ambientale e di sostenibilità l inquinamento progredisce 27

28 NEL CORSO DELLA SUA VITA UN EDIFICIO DOVREBBE RISARCIRE LA NATURA DI QUELLO CHE LE HA SOTTRATTO THOMAS Herzog 28

29 Grazie per l attenzione Via San Lazzaro, Galatina (Le) Esperto Protocollo Itaca / fax PEC: Consulente energetico CasaClima Skype antonella.perrone1 29

GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI

GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI GIORNATA DI STUDIO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE INNOVATIVA PER UNA EDILIZIA SOSTENIBILE ASPETTI TECNICI, GIURIDICI E SOCIO -ECONOMICI 1 La sfida? È orientare verso costruzioni sostenibili! 2 Lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini Lab. di Ecologia del Paesaggio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43.

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE AVVISO CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO

PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO PROTOCOLLO ITACA RESIDENZIALE PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO EDIFICIO PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO - Disperde l energia attraverso l involucro - Riceve energia dall esterno e dall interno IL SISTEMA EDIFICIO

Dettagli

ALLEGATO A MODELLO DI DOMANDA

ALLEGATO A MODELLO DI DOMANDA MODELLO DI DOMANDA ALLEGATO A Il/La sottoscritto/a. Nato/a a... Residente a... In via.. Località.. Provincia...cap.. Tel..cellulare. E-mail. In qualità di proprietario o legale rappresentante RICHIEDE

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione.

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Relatore: Ing. Raffaela Fontana PO Attuazione del PEAR ed Efficienza Energetica Giunta Regione Marche Convegno su EDIFICI A ENERGIA QUASI

Dettagli

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito SISTEMA DI PESATURA DELLE SCHEDE DEI REQUISITI Modalità di calcolo del punteggio pesato: 1 Voto del requisito x peso = Voto pesato del requisito 2 Somma dei voti pesati del requisito = voto dell'area di

Dettagli

ENERGIA ED EMISSIONI

ENERGIA ED EMISSIONI PROTOCOLLO ITACA RESIDENZIALE ENERGIA ED EMISSIONI ENERGIA ED EMISSIONI IL SISTEMA EDIFICIO - IMPIANTO EDIFICIO - Disperde l energia attraverso l involucro - Riceve energia dall esterno e dall interno

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

EDIFICI AD USO PUBBLICO ECOCOMPATIBILI MOSTRA di PROGETTI Bologna SAIE 2009. Raccolta segnalazioni

EDIFICI AD USO PUBBLICO ECOCOMPATIBILI MOSTRA di PROGETTI Bologna SAIE 2009. Raccolta segnalazioni EDIFICI AD USO PUBBLICO ECOCOMPATIBILI MOSTRA di PROGETTI Bologna SAIE 2009 Raccolta segnalazioni Nell ambito del progetto Percorsi di Sostenibilità, EdicomEdizioni organizza, in occasione della manifestazione

Dettagli

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri CasaClima Efficienza energetica rispettando l ambiente Norbert Lantschner, direttore dell Ufficio provinciale Aria e Rumore della Provincia Autonoma di Bolzano e coordinatore del progetto CasaClima Petrolio

Dettagli

COMUNE di PUTIGNANO. Provincia di Bari IIIª Ripartizione Urbanistica. L.R. 10 giugno 2008, n. 13 Norme per l abitare sostenibile

COMUNE di PUTIGNANO. Provincia di Bari IIIª Ripartizione Urbanistica. L.R. 10 giugno 2008, n. 13 Norme per l abitare sostenibile COMUNE di PUTIGNANO Provincia di Bari IIIª Ripartizione Urbanistica L.R. 10 giugno 2008, n. 13 Norme per l abitare sostenibile Regolamento comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

Masterplan ZIPA VERDE

Masterplan ZIPA VERDE Masterplan ZIPA VERDE il piano idea e il prg Ambito di nuova urbanizzazione TT1.9 SUL 143.000 mq Destinazioni d uso: industrie e artigianato di produzione (compatibili con l eco-distretto), complessi terziari,

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO 01 FORMAZIONE

CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO 01 FORMAZIONE Allegata 3 Comma 1 lett. e) dell' Art. 4 della LR 14/2008 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO 01 FORMAZIONE "Certificazione Energetica e Ambientale degli edifici".! 9 '1 Pag.1/10 ~ Indice 1. Premessa

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO - MODULO BASE

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO - MODULO BASE e iisbe ITALIA e con il patrocinio dell Istituto ITACA, organizzano il corso di 32 ore su CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

Efficienza energetica

Efficienza energetica Efficienza energetica negli edifici i La certificazione energetica degli edifici M. De Carli Leggi italiane ai fini del risparmio energetico Legge 373/76 Legge 10/91 DPR 412/93 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs. 311/2006

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

Valutazione della sostenibilità dei progetti tramite il protocollo ITACA

Valutazione della sostenibilità dei progetti tramite il protocollo ITACA Corso di processi di pianificazione e processi di valutazione a.a. 2014/15 Valutazione della sostenibilità dei progetti tramite il protocollo ITACA Lezione di arch. Valeria Ruaro valeria.ruaro@gmail.com

Dettagli

Ordini degli Ingegneri delle Province di Bari, BAT, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto

Ordini degli Ingegneri delle Province di Bari, BAT, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto REGIONE PUGLIA Assessorato alla Qualità del Territorio PROTOCOLLO DI INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI FORMAZIONE E DI ACCREDITAMENTO COME CERTIFICATORI DI SOSTENIBILITA

Dettagli

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design

ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design ClimaTech: Le tecnologie (Ore: 180 MF 84 ME 96 MA CFU 20) Involucro, impianti tecnologici, building energy design Fundamentals (MF) Exercises (ME) Applications (MA) Caratteristiche e comportamento dei

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Valutazione di sostenibilità ambientale

Valutazione di sostenibilità ambientale Valutazione economica del progetto Valutazione di sostenibilità ambientale prof. arch. Stefano Stanghellini collaboratrice: phd arch. Valeria Ruaro Sostenibilità e sviluppo sostenibile: definizione «Lo

Dettagli

SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) L.R. 27 Maggio 2008, n. 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Allegato 1a. Indice. 4. Procedure per la verifica delle prestazioni energetico-ambientali degli interventi. 5. Monitoraggio.

Allegato 1a. Indice. 4. Procedure per la verifica delle prestazioni energetico-ambientali degli interventi. 5. Monitoraggio. Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetico-ambientale degli edifici in attuazione della L.R. n. 19/2009 così come modificata dalla L.R. n. 1/2011. Protocollo Itaca Campania sintetico.

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2011 Relazione di calcolo

PROTOCOLLO ITACA 2011 Relazione di calcolo PROTOCOLLO ITACA 2011 Relazione di calcolo EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Palazzina 6 unità residenziali - Impianto centralizzato Via Verdi 1, Borgomanero Mario Bianchi Via Verdi 1, Borgomanero

Dettagli

Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. 27 Maggio 2008, n. 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 - P.I. Marcello Fantina TELMOTOR S.p.A. 15/11/2013 Diapositiva nr. 1 Automazione degli Edifici

Dettagli

R E G I O N E L A Z I O

R E G I O N E L A Z I O IL TESTO HA VALORE DI MERA PUBBLICITÀ NOTIZIA VIII LEGISLATURA R E G I O N E L A Z I O CONSIGLIO REGIONALE Si attesta che il Consiglio regionale il 14 maggio 2008 ha approvato la deliberazione legislativa

Dettagli

Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali. Claudio DEL PERO

Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali. Claudio DEL PERO Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali Claudio DEL PERO Bologna, 15 ottobre 2015 Obiettivo Nell ambito della sua attività di ricerca, il Politecnico di Milano ha sviluppato in collaborazione

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO ITACA EDILIZIA RESIDENZIALE E TERZIARIO PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO ITACA EDILIZIA RESIDENZIALE E TERZIARIO PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO e IISBE ITALIA e con il patrocinio dell Istituto ITACA, organizzano il corso di 40 ore su LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO ITACA EDILIZIA RESIDENZIALE E TERZIARIO PER PROFESSIONISTI

Dettagli

STRUMENTO DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITA' ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI FRAMEWORK

STRUMENTO DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITA' ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI FRAMEWORK STRUMENTO DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITA' ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI FRAMEWORK Comune Pratica n Data Dati di progetto EDIFICIO COMMITTENTE PROGETTISTA Nome Ubicazione Oggetto Tipo intervento

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

RIDURRE I CONSUMI ENERGETICI SI PUO E CONVIENE

RIDURRE I CONSUMI ENERGETICI SI PUO E CONVIENE CONFERENZA PUBBLICA RIDURRE I CONSUMI ENERGETICI SI PUO E CONVIENE Prof. Giuliano Dall O 21 Ottobre 2009 Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell Ambiente Costruito Building & Environment Science & Technology

Dettagli

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio,

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio, LA BIOEDILIZIA Costruire in armonia con l ambiente significa riconoscere che la casa fa parte di un ecosistema che si estende al di là delle pareti domestiche. Risulta fondamentale, pertanto, scegliere

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Corso ENERGY MANAGER Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Reggio Calabria 09 giugno 2009 Ripartizione del fabbisogno energetico In Europa i consumi complessivi di energia

Dettagli

M.I.B.AR. MASTER INTERNAZIONALE DI BIOARCHITETTURA

M.I.B.AR. MASTER INTERNAZIONALE DI BIOARCHITETTURA M.I.B.AR. MASTER INTERNAZIONALE DI BIOARCHITETTURA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA La pianificazione sostenibile IV Modulo: Linee guida della Regione Toscana per la promozione della bioedilizia

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE SETTORE VII ASSETTO DEL TERRITORIO - Servizio Edilizia Privata -

COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE SETTORE VII ASSETTO DEL TERRITORIO - Servizio Edilizia Privata - COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE SETTORE VII ASSETTO DEL TERRITORIO - Servizio Edilizia Privata - EDILIZIA SOSTENIBILE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ED I PREMI EDIFICATORI Dicembre

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

4.4. 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale. Lo scenario strategico. Linee guida regionali

4.4. 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale. Lo scenario strategico. Linee guida regionali Lo scenario strategico 4 4.4 Linee guida regionali 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale REGIONE PUGLIA - Assessorato all Assetto del Territorio 4 LINEE GUIDA* DESCRIZIONE Nome

Dettagli

ESIT e la certificazione Protocollo ITACA

ESIT e la certificazione Protocollo ITACA INIZIATIVA ITALIANA PER LA VALORIZZAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI SOSTENIBILI ESIT e la certificazione Protocollo ITACA Lecce, 9 novembre 2011 Claudio Capitanio iisbe Italia Protocollo ITACA

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

Agenzia Parma Energia srl

Agenzia Parma Energia srl Il nuovo regolamento energetico di Parma Opportunità per il settore edilizio i sostenibile La normativa regionale Delibera dell assemblea legislativa 156/2008 I I requisiti iti minimi i i di prestazione

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE SESIA PROVINCIA DI VERCELLI LABORATORIO TERRITORIALE Centro di Educazione Ambientale della Provincia di Vercelli

COMUNE DI SERRAVALLE SESIA PROVINCIA DI VERCELLI LABORATORIO TERRITORIALE Centro di Educazione Ambientale della Provincia di Vercelli COMUNE DI SERRAVALLE SESIA PROVINCIA DI VERCELLI LABORATORIO TERRITORIALE Assessorato all Ambiente Centro di Educazione Ambientale della Provincia di Vercelli E' espressione del linguaggio corrente parlare

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA ENERGETICO-AMBIENTALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE La relazione deve contenere gli elementi descrittivi idonei

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti RE 2014 Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti Parte Quarta Titolo IV AMBIENTE ED ECOSOSTENIBILITA Contenuti Il Titolo IV della parte IV del

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro Esempio di CasaClima A Nature: dettagli e costi OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE PER LA CERTIFICAZIONE "CASACLIMA A" Efficienza dell involucro

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Cosa bisogna sapere sugli edifici nuovi

Cosa bisogna sapere sugli edifici nuovi Cosa bisogna sapere sugli edifici nuovi Le finestre determinano il carattere della vostra casa e sono il collegamento con il mondo esterno. Le finestre sono soprattutto fonti naturali di luce che creano

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 UFFICI. Consiglio Direttivo 21 aprile 2011

PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 UFFICI. Consiglio Direttivo 21 aprile 2011 PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 UFFICI Consiglio Direttivo 21 aprile 2011 Indice 1. Elenco generale dei criteri... 2 2. Elenco di dettaglio dei criteri... 4 3. Schede criterio... 11 4. Elenco criteri e

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 RESIDENZIALE

PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 RESIDENZIALE PROTOCOLLO ITACA Nazionale 2011 Versione maggio 2012 Indice 1. Elenco generale dei criteri...2 2. Elenco di dettaglio dei criteri...4 3. Schede criterio...10 4. Elenco criteri e pesatura...48 1. Elenco

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA LAZIO 2015 NON

PROTOCOLLO ITACA LAZIO 2015 NON Allegato B REGIONE LAZIO PROTOCOLLO ITACA LAZIO 2015 NON Residenziale Ottobre 2015 Aggiornamento del Protocollo ITACA Lazio 2014 ai requisiti di cui ai DM 26 Giugno 2015 ELENCO CRITERI - PROTOCOLLO ITACA

Dettagli

REGOLAMENTI EDILIZI E PROGETTO CASACLIMA. Linee Guida per Province e Comuni

REGOLAMENTI EDILIZI E PROGETTO CASACLIMA. Linee Guida per Province e Comuni REGOLAMENTI EDILIZI E PROGETTO CASACLIMA Linee Guida per Province e Comuni 19 Gennaio 2008 Agenzia CasaClima Damiano Chiarini OBIETTIVI Tutela del clima Risparmio Energetico Sostenibilità Ambientale OBIETTIVI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Regione VENETO Comune di ROVIGO PROGETTO PER LA NUOVA COSTRUZIONE DI 6 EDIFICI RESIDENZIALI PER COMPLESSIVE 8 UNITA ABITATIVE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Proprietà:

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini BC1 Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Workshop Diapositiva 1 BC1 inserire i propri riferimenti Nome e Cognome relatore Titolo

Dettagli

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO Normativa La realizzazione degli ampliamenti/ricostruzioni deve avvenire nel rispetto della normativa statale e regionale in materia sostenibilità energetico/ambientale e di bioedilizia. (art. 3, comma

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino

Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino Elena Marchigiani Assessore Pianificazione Urbana, Mobilità e Traffico, Edilizia Privata, Politiche per la casa,

Dettagli

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Agenzia CasaClima Bolzano Responsabile progetto: Norbert Lantschner Responsabile tecnico: Mariadonata Bancher La visione del settore residenziale...

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

Bando di concessione contributi alle PMI esercenti impianti stradali di distribuzione carburanti per autotrazione in Piemonte a sostegno di progetti inerenti l innovazione tecnologica e gestionale Beneficiari

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi 1. Metodologia di calcolo per interventi di piccole dimensioni di incremento dell efficienza energetica di cui all articolo 4, comma 1 1.1 Per gli interventi

Dettagli

CORSO BASE modulo 1 4 h

CORSO BASE modulo 1 4 h ALLEGATO I - CB 1/5 CORSO BASE modulo 1 4 h Introduzione Protezione climatica ed ambientale Effetto serra naturale e di derivazione antropogena Emissioni con effetti sul clima Effetti sui cambiamenti climatici

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA SOMMARIO APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA ing. Paola Zampiero 1 1 Dottore di Ricerca esperto in

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Pinerolo Casa Energetica

Pinerolo Casa Energetica Pinerolo Casa Energetica La casa che risparmia e produce energia Soluzioni per trasformare un edificio esistente in casa efficiente Giornata di studio Sala Baralis 28 marzo 2008 Consumi energetici in Europa

Dettagli