COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE"

Transcript

1 COMMISONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2003 ) 1221 DEFINITIVO BRUXELLES, BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2003 SEZIONE III - COMMISONE PARTE B STORNO DI STANZIAMENTI N. 33/2003 SPESE NON OBBLIGATORIE IN EURO ORIGINE DEGLI STANZIAMENTI DAL CAPITOLO - B5-30 AZIONI STRATEGICHE D'ATTUAZIONE ARTICOLO - B5-300 Programma strategico sul mercato interno VOCE - B Attuazione e sviluppo del mercato interno DESTINAZIONE DEGLI STANZIAMENTI Al CAPITOLO - B3-40 DIALOGO SOCIALE E OCCUPAZIONE ARTICOLO - B3-401 Mercato del lavoro e occupazione VOCE - B3-4011A Eures (European Employment Services) Spese di gestione amministrativa AL CAPITOLO - B5-80 LOTTA CONTRO LE DISCRIMINAZIONI, LE ESCLUONI E I MALTRATTAMENTI ARTICOLO - B5-803 Azioni per combattere e prevenire la discriminazione

2 I. RAFFORZAMENTO I.A B3-4011A - Eures (European Employment Services) - Spese di gestione amministrativa 1A. Stanziamenti dell'esercizio (bilancio iniziale + BR) Stanziamenti definitivi dell'esercizio (1A+1B+2) Esecuzione degli stanziamenti definitivi dell'esercizio Stanziamenti non utilizzati/disponibili (3-4) Fabbisogno fino a fine esercizio Rafforzamento proposto Percentuale del rafforzamento rispetto agli stanziamenti dell'esercizio (7/1A) 19,51% c) Motivazione dettagliata del rafforzamento Rafforzamento in stanziamenti d'impegno - bilancio Web Developer: 400 x 60 giorni ,00 Servizi web: costo dipendente dall'offerta ricevuta ,00 TOTALE ,00 Il "web developer" è stato di importanza fondamentale per lo sviluppo del portale per la mobilità professionale avviato recentemente dal Commissario. La prossima fase consisterà nel perfezionare e completare alcuni elementi del portale che si trova sul sito EUROPA. Per far sì che gli SPO europei possano applicare il nuovo orientamento 3 della strategia europea per l'occupazione, adottata dal Consiglio il 22 luglio 2003, la DG EMPL partecipa ad una serie di progetti pilota volti a migliorare l'attuale sistema di scambi e di informazioni relativamente alle offerte di impiego a livello europeo. Uno di tali progetti consiste nel testare il possibile utilizzo di una nuova tecnologia denominata "servizi web". Dopo un approfondito esame dell'architettura di EURES esistente, negli ultimi sei mesi è stato testato ed applicato il concetto di servizi web per lo scambio di informazioni (offerte di impiego) tra i sistemi locali degli SPO nazionali e il sistema centrale di EURES. L'idea di fondo di questo progetto pilota è che tutte le offerte di impiego rimangano sul sito/sulla banca dati degli SPO e non siano modificate o spostate. Il software dei servizi web si limita ad estrarre una copia dell'offerta di impiego affinché il cliente la possa vedere e la copia viene poi cancellata. L'offerta di impiego non è conservata in una banca dati centrale all'interno o all'esterno della Commissione cosicché gli SPO hanno il controllo finale delle proprie offerte di impiego. Avendo verificato che il modello di servizi web rappresenta un mezzo utile per lo scambio di dati e il controllo in un sistema decentralizzato, si propone ora la realizzazione di un sistema pienamente operativo in tutti gli SPO. Si tratta di un progetto urgente in quanto l'orientamento 3 della strategia europea per l'occupazione, adottata dal Consiglio il 22 luglio 2003, ha stabilito un calendario di attuazione serrato. 2

3 La presente richiesta di storno è necessaria per poter avviare l'applicazione della Fase 11 del progetto pilota. 3

4 I.B B Azioni per combattere e prevenire la discriminazione 1A. Stanziamenti dell'esercizio (bilancio iniziale + BR) Stanziamenti definitivi dell'esercizio (1A+1B+2) Esecuzione degli stanziamenti definitivi dell'esercizio Stanziamenti non utilizzati/disponibili (3-4) Fabbisogno fino a fine esercizio Rafforzamento proposto Percentuale del rafforzamento rispetto agli stanziamenti dell'esercizio (7/1A) 2,16% c) Motivazione dettagliata del rafforzamento Alla fine del 2003 giunge a scadenza un contratto rinnovabile di 3 milioni di euro per la campagna di informazione "For diversity against discrimination" che coinvolge i 15 Stati membri attuali. Tale contratto (per il periodo dal dicembre 2003 al 2004) deve coprire anche i lavori preparatori necessari per includere nella campagna i dieci nuovi Stati membri. Si calcola che l'importo necessario sia di 1 milione di euro. Sono indispensabili sforzi di sensibilizzazione in questi nuovi Stati membri per garantire una buona adozione dell'acquis comunitario nel settore della lotta contro la discriminazione. Gli stanziamenti di impegno attualmente disponibili possono coprire solo euro di tale importo ed quindi necessario un rafforzamento di euro. 4

5 II. PRELIEVO B Attuazione e sviluppo del mercato interno 1A. Stanziamenti dell'esercizio (bilancio iniziale + BR) Stanziamenti definitivi dell'esercizio (1A+1B+2) Esecuzione degli stanziamenti definitivi dell'esercizio Stanziamenti non utilizzati/disponibili (3-4) Fabbisogno fino a fine esercizio Prelievo proposto Percentuale del prelievo rispetto agli stanziamenti dell'esercizio (7/1A) 2.67% c) Motivazione dettagliata del prelievo Il presente storno riguarda solo stanziamenti della DG MARKT iscritti alla presente linea. La riorganizzazione della DG MARKT avvenuta all'inizio del 2003 ha determinato una ridefinizione delle priorità. Parte delle spese previste sono state quindi cancellate. In particolare l'importo disponibile è quello relativo a quattro studi complessi che sono stati cancellati a seguito della ridefinizione delle priorità sopra menzionata. 5

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2004 ) 950 DEFINITIVO BRUXELLES, 16.07.2004

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2004 ) 950 DEFINITIVO BRUXELLES, 16.07.2004 COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE SEC( 2004 ) 950 DEFINIVO BRUXELLES, 16.07.2004 BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2004 SEZIONE III COMMISSIONE TOLI 01, 03, 04, 05, 17, 25, 27, 29 STORNO DI STANZIAMENTI N.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2004 ) 716 DEFINITIVO BRUXELLES, 15.06.2004 BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2004 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLO 01 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC34/2004 SPESE OBBLIGATORIE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2006 ) 829 DEFINITIVO BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2006 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLI 23, 31 BRUXELLES, 28.06.2006 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 27/2006 Aiuti

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

IT 1 IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008

IT 1 IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008 BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2008 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLO 26 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 32/2008 SPESE NON OBBLIGATORIE

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Il Presidente Decisione n. ADM-10-18 relativa all attuazione del programma del Fondo di cooperazione UAMI per progetti congiunti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Strategici Comunitari Bozza Maggio 2005

POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Strategici Comunitari Bozza Maggio 2005 POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Bozza Maggio 2005 STRATEGIA DI LISBONA: 2 OBIETTIVI CRESCITA IMPIEGO Policy: A more attractive place to invest and work Extend

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 6.12.2007 COM(2007) 773 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2009)0254),

vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2009)0254), P7_TA(2009)0094 Anno europeo del volontariato (2011) * Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 26 novembre 2009 sulla proposta di decisione del Consiglio relativa all'anno europeo del volontariato

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è è Catena dell innovazione in H2020 Le tre priorità di H2020 consentono di coprire l intera catena dell innovazione dalla ricerca di frontiera, allo sviluppo,

Dettagli

SCHEDA TECNICA - PREVENTIVO. (ALLEGATO n.2)

SCHEDA TECNICA - PREVENTIVO. (ALLEGATO n.2) SCHEDA TECNICA PREVENTIVO (ALLEGATO n.2) Titolo Progetto: Tecniche di allevamento e trasfprmazione delle produzioni derivanti dalle razze ovine autoctone Delle Langhe e Brigasca Acronimo: 1. RIFERIMENTI

Dettagli

1. Il Bilancio Europeo.

1. Il Bilancio Europeo. 1. Il Bilancio Europeo. Come illustrato nel capitolo 21 con la Scheda sulle principali tappe della storia delle istituzioni europee (Scheda 21.1), le fonti che disciplinano il funzionamento dell Unione

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene

irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene Associazione Irene: Rapporto Attività 1991 2011 Europa per una Iniziative Ricerche Esperienze Nuova Molte delle immagini che promuovono la diversità usate nel Rapporto di attività sono state realizzate

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ed IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITA DELLA ROMANIA IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE 2016-2019

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE 2016-2019 ISTITUTO COMPRENSIVO MORTEGLIANO-CASTIONS DI STRADA Via Leonardo da Vinci, 11-33050 MORTEGLIANO (UD) Tel. 0432/761917 Fax 0432/760037 UDIC83900A - C.F. 80005260304 Scuola dell Infanzia Mortegliano, Scuole

Dettagli

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile Comitato economico e sociale europeo Sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza Osservatorio del mercato del lavoro Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. Impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. Impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini PARLAMENTO EUROPEO 2004 Documento di seduta 2009 Impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini Risoluzione del Parlamento europeo del 3 settembre 2008 sull impatto del marketing

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea I Programmi di finanziamento UE a gestione diretta Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Programma d azione comunitario

Dettagli

Campagna europea contro la violenza domestica

Campagna europea contro la violenza domestica Campagna europea contro la violenza domestica Rompere il silenzio 3 Perché una campagna europea? Da secoli la violenza domestica è considerata un tema tabù. Nessuno ne parla, nessuno ammette di esserne

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

Labour Mobility Package

Labour Mobility Package Labour Mobility Package Contributo della Confederazione Europea dei sindacati (traduzione dal inglese a cura di Arianna Torre) PREMESSA METODOLOGICA Il principio della libera circolazione delle persone

Dettagli

Gruppo Consiliare "11Coraggio di Cambiare" Comune di Impruneta MOZIONE EX ART. 24 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Gruppo Consiliare 11Coraggio di Cambiare Comune di Impruneta MOZIONE EX ART. 24 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Gruppo Consiliare "11Coraggio di Cambiare" Comune di Impruneta COMUNE DI IMPRUNETA 1 9 NOV. 2013 Prot. N 2t.,A03 ANNO - TIT. CL. AI Sindaco del Comune di Impruneta AI Presidente del Consiglio Comunale

Dettagli

VIENE STIPULATO IL SEGUENTE PROTOCOLLO D INTESA

VIENE STIPULATO IL SEGUENTE PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARTENARIATO PUBBLICO / PRIVATO A FAVORE DELLA MOBILITA EUROPEA GEOGRAFICA E PROFESSIONALE DEI LAVORATORI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA COMUNITARIO EURES (EUROPEAN

Dettagli

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC):

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Martine Parmantier Commissione Europea DG Giustizia e dei Consumatori

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014 Consiglio di amministrazione BILANCIO RETTIFICATIVO 1/ CT/CA-026/IT INDICE I. INTRODUZIONE A. Introduzione generale B. Tariffe C. Entrate D. Spese II. STATO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE RIEPILOGO III. STATO

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione Gli Interventi AIFO I bambini con disabilità: dall'esclusione all'inclusione Il nuovo rapporto annuale dell'unicef sullo stato dell'infanzia nel mondo

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 3/12 DEL 19.1.2016

DELIBERAZIONE N. 3/12 DEL 19.1.2016 Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia 1 "Investire sulle persone". Priorità Scuola. Riprogrammazione Azioni Piano di Azione e Coesione e indicazioni operative finalizzate all'attuazione

Dettagli

DIGITALIZZAZIONE. Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio. Aggiornamento: 23 luglio 2001 POLITICHE DI DIGITALIZZAZIONE

DIGITALIZZAZIONE. Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio. Aggiornamento: 23 luglio 2001 POLITICHE DI DIGITALIZZAZIONE CONTENUTI EUROPEI NELLE RETI GLOBALI MECCANISMI DI COORDINAMENTO PER I PROGRAMMI DI DIGITALIZZAZIONE Documento di lavoro, versione 1.3, 5 maggio Aggiornamento: 23 luglio 2001 PIANO D'AZIONE PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. sulla situazione delle donne disabili nell'unione europea (2006/2277(INI))

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. sulla situazione delle donne disabili nell'unione europea (2006/2277(INI)) PARLAMENTO EUROPEO 2004 Documento di seduta 2009 FINALE A6-0075/2007 23.3.2007 RELAZIONE sulla situazione delle donne disabili nell'unione europea (2006/2277(INI)) Commissione per i diritti della donna

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 COM(2008) 819 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Piano di azione per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la cooperazione

Dettagli

New skills for new jobs. La Commissione europea fa dialogare formazione e lavoro

New skills for new jobs. La Commissione europea fa dialogare formazione e lavoro www.bollettinoadapt.it New skills for new jobs. La Commissione europea fa dialogare formazione e lavoro Il 16 dicembre 2008 la Commissione europea ha adottato la comunicazione New skills for new jobs,

Dettagli

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi 3 Il fondo FEI Gli strumenti finanziari comunitari per l immigrazione Quadro istituzionale e organizzativo Le programmazioni pluriennale

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Il presente bando si divide in due sezioni

Il presente bando si divide in due sezioni BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DELL'OBESITA' E PATOLOGIE CORRELATE ALLA CATTIVA ALIMENTAZIONE, ALLA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE, ALLA

Dettagli

WORKSHOP I DIRITTI DI CITTADINANZA EUROPEA: OPPORTUNITA E STRUMENTI DI INFORMAZIONE

WORKSHOP I DIRITTI DI CITTADINANZA EUROPEA: OPPORTUNITA E STRUMENTI DI INFORMAZIONE WORKSHOP I DIRITTI DI CITTADINANZA EUROPEA: OPPORTUNITA E STRUMENTI DI INFORMAZIONE Jessica Spezzano Regione Lombardia DG Istruzione, Formazione e Lavoro Milano, 8 aprile 2014 Libera circolazione e mobilità

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA tra UNIONE NAZIONALE COMUNI COMUNITÀ ENTI MONTANI (UNCEM) TOSCANA e Unione dei Comuni montani CASENTINO Azienda USL 8 di Arezzo per la prosecuzione del progetto MONTAGNA IN SALUTE

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO IN MATERIA DI PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE

RACCOMANDAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO IN MATERIA DI PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue Ufficio Relazioni Internazionali RACCOMANDAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO IN MATERIA DI PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE GINEVRA, 20 GIUGNO 2002

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

ORIENTAMENTI COMUNI Termine delle consultazioni per Bulgaria e Romania: 2 maggio 2006

ORIENTAMENTI COMUNI Termine delle consultazioni per Bulgaria e Romania: 2 maggio 2006 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 28 aprile 2006 (03.05) (OR. en) 8752/06 Fascicolo interistituzionale: 2004/0165 (COD) FSTR 26 SOC 197 CADREFIN 110 CODEC 393 OC 320 NOTA del: Gruppo "Misure strutturali"

Dettagli

LEGGE 4 novembre 2010, n. 183

LEGGE 4 novembre 2010, n. 183 LEGGE 4 novembre 2010, n. 183 Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l'impiego, di

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti

Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa Analisi delle leggi e le politiche nei paesi europei partecipanti Migliori pratiche nei servizi sanitari per gli immigrati in Europa L'obiettivo generale di EUGATE (Best Practice in Health Services for Inmigrants in Europe) è stato quello di individuare le buone pratiche

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

SCUOLA il provvedimento in sintesi

SCUOLA il provvedimento in sintesi la buona SCUOLA il provvedimento in sintesi Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti. Un piano straordinario di assunzioni per oltre 100.000 insegnanti. risorse stabili per la formazione

Dettagli

CONVENZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO, 2006 1

CONVENZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO, 2006 1 Convenzione 187 CONVENZIONE SUL QUADRO PROMOZIONALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO, 2006 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio 29.9.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 244/27 REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

Dettagli

Pubblicato dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), New York, e HelpAge International, Londra

Pubblicato dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), New York, e HelpAge International, Londra Pubblicato dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), New York, e HelpAge International, Londra Il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) è un organismo di sviluppo internazionale

Dettagli

Stato della pianificazione a marzo 2013

Stato della pianificazione a marzo 2013 Dipartimento federale delle finanze DFF Organo direzione informatica della Confederazione Strategia TIC 2012 2015 della Confederazione Allegato B: Piano direttore Stato della pianificazione a marzo 2013

Dettagli

WORKSHOP «LA MOBILITA PROFESSIONALE IN EUROPA»

WORKSHOP «LA MOBILITA PROFESSIONALE IN EUROPA» WORKSHOP «LA MOBILITA PROFESSIONALE IN EUROPA» EURES Provincia di Teramo Assessorato al Lavoro e Formazione SERVIZIO EURES c/o Centri per l Impiego PROVINCIA DI TERAMO www.teramolavoro.it/eures Lavorare

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA Comma 1 (finalità della legge): affermare il ruolo centrale della scuola nella societa della conoscenza innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo VIA CIMAROSA 13 00013 MENTANA Telefono Uff.: +39 06/6593.21.63 E-mail Cittadinanza aciccolini@regione.lazio.it Italiana Data di

Dettagli

Il lavoro si muove in Europa!

Il lavoro si muove in Europa! Il lavoro si muove in Europa! http://europa.eu.int/eures Eures Adviser Regione Basilicata Angela Palese LA RETE EURES: OBIETTIVI Informare, consigliare e aiutare i candidati alla mobilità europea Rendere

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 03 del 24.03. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES: una rete per il lavoro Laura Robustini EURES Adviser 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i cittadini dell

Dettagli

Prot. n. 4878/C2 Trieste, 16 ottobre 2015

Prot. n. 4878/C2 Trieste, 16 ottobre 2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE GUGLIELMO OBERDAN Via P.Veronese, 1-34144 Trieste tel. 040309406-040309078 fax 0403798964 C.F. 80020630325 e.mail: tsps03000b@istruzione.it posta elettronica certificatatsps03000b@pec.istruzione.it

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

STANDARD DI QUALITA' E SERVIZI STANDARD DI QUALITA' E SERVIZI EURES TRATTAMENTO DELLE OFFERTE DI LAVORO

STANDARD DI QUALITA' E SERVIZI STANDARD DI QUALITA' E SERVIZI EURES TRATTAMENTO DELLE OFFERTE DI LAVORO EURES I servizi erogati si basano su NORME DI QUALITA' e devono essere: BASATI SULLE ESIGENZE DEL CLIENTE EURES fornisce un servizio basato sulle esigenze del cliente. La rete tratta le offerte di lavoro

Dettagli

La raccolta differenziata in Provincia di Rieti

La raccolta differenziata in Provincia di Rieti La raccolta differenziata in Provincia di Rieti 25 settembre 2014 parte II Società S.A.PRO.DI.R. e Rimodulazione Programma Finanziamenti 2012-2016 Provincia di Rieti Settore III Programmazione e Pianificazione

Dettagli

2)i metodi e le procedure di segnalazione e presa in carico delle vittime, come degli autori dei reati;

2)i metodi e le procedure di segnalazione e presa in carico delle vittime, come degli autori dei reati; CIF COMUNALE BENEVENTO CORSO DI PERFEZIONAMENTO TEORIE, METODI E STRATEGIE PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLO STALKING E DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Proponente: CIF Comunale di Benevento Progettista:

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 1º febbraio 2013 (07.02) (OR. en) 5698/13 LIMITE EDUC 21 SOC 48 NOTA del: Segretariato generale del Consiglio al: Comitato dei Rappresentanti permanenti (parte

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo OpenMed Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo Indice Chi siamo... 4 Le fasi del progetto... 5 Attività completate... 5 1. Analisi degli strumenti informativi esistenti...5 2. Definizione di criteri

Dettagli

I finanziamenti diretti nella programmazione 2014-2020 Massimiliano Prozzo - Esperto Project Management

I finanziamenti diretti nella programmazione 2014-2020 Massimiliano Prozzo - Esperto Project Management I finanziamenti diretti nella programmazione 2014-2020 Massimiliano Prozzo - Esperto Project Management Quadro finanziario pluriennale E il principale strumento dell UE che pianifica in termini finanziari

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche della famiglia Roma, 1 ottobre 2009 Piano In risposta alla pronuncia della Corte di giustizia delle comunità europee del 13 novembre

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Ufficio Progetti Internazionali Programma 2013 2014

Ufficio Progetti Internazionali Programma 2013 2014 Ufficio Progetti Internazionali Programma 2013 2014 Introduzione La progettazione non è fund raising, i progetti soprattutto quelli europei servono a supportare idee e attività in massima parte innovative,

Dettagli