L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare."

Transcript

1 1. Premessa Il presente Progetto Esecutivo propone una soluzione integrata finalizzata alla generale sostituzione nella Provincia di Foggia della circolazione di documenti cartacei con documenti digitali, favorendo quindi i processi di archiviazione, di ricerca di documenti e dati, nonché la rapidità dello scambio delle informazioni, elemento focale per una maggiore efficienza ed efficacia operativa. Inoltre, il sistema proposto realizzerà l automazione dei processi documentali, tramite l introduzione di logiche di workflow, per la gestione del protocollo in entrata, in uscita ed interno. Ciò consentirà di: - Avviare l adeguamento alla normativa del DPR 445/2000 senza cambiare sostanzialmente i processi in uso Come riportato dal CNIPA, ogni sistema di protocollo informatico, che si intende adottare o realizzare, deve ottemperare a specifiche indicazioni, riportate nel Testo Unico (DPR 445/2000). Nella prima pagina del proprio sito web dedicata al Protocollo Informatico, il legislatore definisce protocollo informatico come l'insieme delle risorse di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzati dalle amministrazioni per la gestione dei documenti, ovvero, tutte le risorse tecnologiche necessarie alla realizzazione di un sistema automatico per la gestione elettronica dei flussi documentali. L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare. - Sostituire la circolazione del documento cartaceo, copie e fotocopie, con la circolazione del documento digitale Un documento cartaceo originale potrà essere archiviato in modo rapido, immediato e sicuro, anche ai fini di preservarlo da smarrimento o distruzione involontaria, mediante impiego di scanner con ADF ad alta produttività. I documenti interni potranno essere gestiti completamente in modo digitale, favorendo l archiviazione, la ricerca, la gestione. Nonostante il trattamento in forma numerica, il documento digitale sarà sempre e comunque disponibile per la stampa su carta. - Realizzare l automazione dei processi documentali, tramite l introduzione di logiche di workflow, per la gestione del protocollo in entrata, in uscita e interno; introdurre lo strumento dell agenda informatizzata per seguire le pratiche aperte e i processi ad essa connessi Il sistema proposto garantirà la riduzione dei tempi di attuazione dei procedimenti a favore di una maggiore qualità del servizio; consentirà inoltre una equa distribuzione dei carichi di lavoro e quindi anche una maggiore qualità del lavoro per i dipendenti. In ogni momento saranno pienamente disponibili tutte le informazioni sullo stato del processo, sia al fine del controllo e coordinamento interno, sia eventualmente anche a favore degli attori esterni nell ambito dell adozione di una politica di trasparenza. Ulteriori benefici conseguenti si genereranno da un complessivo miglioramento dell immagine nei confronti dei cittadini e dal maggior controllo anche delle attività di organizzazioni esterne, ma cooperanti nei micro-processi. Pagina 1 di 32

2 1 Caratteristiche delle forniture 1.1 Archivio digitale (CED primario) Presso il Palazzo della Provincia di via Telesforo, in locale adiacente al CED attuale posto al piano interrato, sarà eseguita un attività di site preparation finalizzata alla realizzazione ed avviamento di un nuovo CED dedicato all archiviazione in forma digitale dei documenti ed all housing di tutti i relativi sistemi hardware, software e telematici Site Preparation CED primario Il site preparation comprenderà la realizzazione delle seguenti opere: - Fornitura e posa in opera di pavimento flottante secondo normativa costituito da blocchi 60x60 cm, pulizia della sala e tinteggiatura delle pareti; - Fornitura e installazione di n.6 armadi rack 42RUx800x1000mm organizzati in struttura filare per il contenimento di tutte le componenti attive server e telematiche; - Fornitura e installazione dell impianto di distribuzione elettrica ed alimentazione UPS centralizzata degli armadi rack di sala e degli armadi rack di piano (n.2 linee da 16A per armadio), quadri elettrici di alimentazione, distribuzione e bypass; - Fornitura e installazione di n.2 UPS trifase/trifase di tipo online interactive (rigenerazione continua della forma d onda sinusoidale) di potenza 20kVA cad. autonomia 10 a pieno carico, equipaggiati con scheda LAN di management e relativo software di gestione; - Fornitura e installazione di un impianto di climatizzazione da sala con alimentazione trifase, mandata aria fredda dal basso e prelievo dell aria calda dall ambiente e relativo sistema di gestione ed allarme; - Fornitura e installazione di un impianto di allarme anti-intrusione e rilevazione fumi, provvisto di combinatore telefonico gsm; - Fornitura e installazione di una porta tagliafuoco per l accesso al locale CED, comprensiva di maniglione antipanico ed elettroserratura; - Fornitura e installazione di un sistema di controllo accessi con accesso mediante badge a banda magnetica e/o transponder e relativo sistema di gestione e logging degli accessi effettuati; - Fornitura e installazione dell impianto di illuminazione di sala; - Fornitura e installazione dell impianto telematico di sala mediante interconnessione degli armadi secondari su armadio master di permutazione sia con mezzo trasmissivo in rame (ovvero mediante la posa di n.24 cavi UTP Cat.6 guaina LS0H per ciascun armadio, terminati su pannelli di permutazione RJ-45 UTP Cat.6), che in fibra ottica (mediante la posa in ciascun armadio di un cavo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H da n.12 fibre ottiche 50/125µm OM3, terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SC-duplex). Tale fornitura comprenderà sia le necessarie patch-cord rame UTP Cat.6 con connettori RJ45-RJ45, che le necessarie bretelle ottiche bifibra 50/125µm OM3 con connettori SC/LC. Pagina 2 di 32

3 1.1.2 Accesso rete VPN CED primario Il CED sarà collegato alla VPN (Virtual Private Network) della Provincia di Foggia, e quindi al CED secondario ed alle altre sedi dell ente, mediante l accesso WAN SPC (Sistema Pubblico di Connettività) già contrattualizzato ed in corso di realizzazione, in tecnologia SDH su anello in fibra ottica ridondato sia a livello di canale di accesso main/backup che di CPE (Customer Premise Equipment) di accesso main/backup, per una capacità complessiva di 20+20Mbps simmetrici garantiti. Pagina 3 di 32

4 1.2 Archivio digitale (CED secondario disaster-recovery e business-continuity) Come elemento di affidabilità complessiva dei sistemi, al fine di garantire la continua operatività dei servizi informatici erogati e la duplicazione online/offline degli archivi digitali, è prevista la realizzazione di un CED secondario con finalità di Disaster-Recovery e Business-Continuity presso la sede provinciale di Palazzo Dogana, piazza XX Settembre, nel locale adiacente al centro-stella dati attuale. Il sito secondario opererà in modalità hot start ovvero ripartenza immediata senza perdita di dati e transazioni. La soluzione sarà basata su tecnologie di mirroring remoto a livello dischi e sul colloquio continuo tra il sistema primario ed il sistema remoto nel centro alternativo, nonché sull attestazione duplicata dei sistemi di rete. Presso il sito di Disaster-Recovery saranno eseguite, sia pur in scala ridotta a causa della minor occupazione dei sistemi secondari, attività di site preparation analoghe a quelle previste sul CED primario al fine di mantenere il medesimo livello di sicurezza ed integrità delle informazioni elaborate ed archiviate Site Preparation CED secondario Il site preparation comprenderà la realizzazione delle seguenti opere: - Fornitura e posa in opera di pavimento flottante secondo normativa costituito da blocchi 60x60 cm, pulizia della sala e tinteggiatura delle pareti; - Fornitura e installazione di n.3 armadi rack 42RUx800x1000mm organizzati in struttura filare per il contenimento di tutte le componenti attive server e telematiche; - Fornitura e installazione dell impianto di distribuzione elettrica ed alimentazione UPS centralizzata degli armadi rack di sala e degli armadi rack di piano (n.2 linee da 16A per armadio), quadri elettrici di alimentazione, distribuzione e bypass; - Fornitura e installazione di n.1 UPS trifase/trifase di tipo online interactive (rigenerazione continua della forma d onda sinusoidale) di potenza 20kVA cad. autonomia 10 a pieno carico, equipaggiato con scheda LAN di management e relativo software di gestione; - Fornitura e installazione di un impianto di climatizzazione da sala con alimentazione trifase, mandata aria fredda dal basso e prelievo dell aria calda dall ambiente e relativo sistema di gestione ed allarme; - Fornitura e installazione di un impianto di allarme anti-intrusione e rilevazione fumi, provvisto di combinatore telefonico gsm; - Fornitura e installazione di una porta tagliafuoco per l accesso al locale CED, comprensiva di maniglione antipanico ed elettroserratura; - Fornitura e installazione di un sistema di controllo accessi mediante badge a banda magnetica e/o transponder e relativo sistema di gestione e logging degli accessi effettuati; - Fornitura e installazione dell impianto di illuminazione di sala; - Fornitura e installazione dell impianto telematico di sala mediante interconnessione degli armadi secondari su armadio master di permutazione sia con mezzo trasmissivo in rame (ovvero mediante Pagina 4 di 32

5 la posa di n.24 cavi UTP Cat.6 guaina LS0H per ciascun armadio, terminati su pannelli di permutazione RJ-45 UTP Cat.6), che in fibra ottica (mediante la posa in ciascun armadio di un cavo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H da n.12 fibre ottiche 50/125µm OM3, terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SC-duplex). Tale fornitura comprenderà sia le necessarie patch-cord rame UTP Cat.6 con connettori RJ45-RJ45, che le necessarie bretelle ottiche bifibra 50/125µm OM3 con connettori SC/LC Accesso rete VPN CED secondario Il CED secondario sarà collegato alla VPN (Virtual Private Network) della Provincia di Foggia, e quindi al CED primario ed alle altre sedi dell ente, mediante l accesso WAN SPC (Sistema Pubblico di Connettività) già contrattualizzato ed in corso di realizzazione, in tecnologia SDH su anello in fibra ottica ridondato sia a livello di canale di accesso main/backup che di CPE (Customer Premise Equipment) di accesso main/backup, per una capacità complessiva di 20+20Mbps simmetrici garantiti. Pagina 5 di 32

6 1.3 Adeguamento Sistema di Cablaggio Strutturato Caratteristiche generali Al fine di poter adeguatamente supportare il traffico di rete prodotto in logica distribuita dalle nuove applicazioni connesse all archivio digitale e non solo, è indispensabile verificare ed eventualmente adeguare tutti gli elementi che compongono la catena di trasmissione e che quindi concorrono, ciascuno nella propria funzione, al risultato finale della elaborazione dei documenti in forma digitale. In particolare, il sistema di cablaggio rappresenterà la componente primaria coinvolta nella trasmissione; si ravvisa, pertanto, la necessità di eseguire degli interventi mirati di adeguamento al fine di poter supportare in modo adeguato l elevata mole di informazioni che verranno scambiate in rete, anche in previsione degli sviluppi futuri; tutto ciò salvaguardando le preesistenze riutilizzabili Cablaggio Palazzo della Provincia, via Telesforo Presso tale sede l intervento di adeguamento riguarderà essenzialmente le montanti ottiche ed il sistema di distribuzione dell alimentazione degli armadi rack (centralizzato presso il CED e posto sotto continuità, come già descritto nel paragrafo relativo). Nello specifico, le attività previste saranno le seguenti: - Fornitura e installazione di n.6 dorsali ottiche mediante posa di cavo in fibra ottica da n.24 monofibre 50/125µm OM3, cavo di tipo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H; ciascun cavo sarà terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SCduplex. La fornitura comprenderà le bretelle ottiche bifibra di permutazione 50/125µm OM3 di tipo SC/LC. - Fornitura e installazione di n.6 montanti per la elettrificazione e messa a terra degli armadi telematici di piano; tale rete elettrica di distribuzione si diramerà dai quadri elettrici d uscita degli UPS di sala CED. Ciascuna montante sarà costituita da n.2 linee da 16A cad. e sarà terminata lato armadio di piano su altrettante strisce di alimentazione a prese universali (UPS-A e UPS-B). - Bonifica e pulizia degli armadi di distribuzione di piano (n.6 armadi rack); fornitura e installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità degli armadi stessi Cablaggio Palazzo Dogana Presso tale sede l intervento di adeguamento coinvolgerà non soltanto le montanti ottiche ed il sistema di distribuzione dell alimentazione degli armadi rack, come già per la sede di via Telesforo, ma prevederà anche l installazione di un nuovo armadio di distribuzione di piano (al piano secondo, zona ragioneria) e l ampliamento/bonifica della rete orizzontale per n.100 posti di lavoro (pdl) al fine di ricondurre l architettura ad una logica gerarchico-stellare corretta e conforme agli standard ed alle normative di riferimento. Pagina 6 di 32

7 Nello specifico, gli interventi saranno i seguenti: - Fornitura e installazione di n.4 dorsali ottiche mediante posa di cavo in fibra ottica da n.24 monofibre 50/125µm OM3, cavo di tipo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H; ciascun cavo sarà terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SCduplex. La fornitura comprenderà le bretelle ottiche bifibra di permutazione 50/125µm OM3 di tipo SC/LC. - Fornitura e installazione di n.4 montanti per la elettrificazione e messa a terra degli armadi telematici di piano; tale rete elettrica di distribuzione si diramerà dal quadro elettrico d uscita dell UPS di sala CED. Ciascuna montante sarà costituita da n.2 linee da 16A cad. e sarà terminata lato armadio di piano su altrettante strisce di alimentazione a prese universali (UPS e UPS-bkp, disponibile per potenziamenti futuri). - Bonifica e pulizia degli armadi di distribuzione di piano esistenti (n.4 armadi rack); fornitura e installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità degli armadi stessi. - Fornitura e posa di nuovo armadio rack 42RUx800x800mm, presso il piano secondo lato ragioneria, completo di accessori (kit ventole, kit messa a terra, passacavi verticali ed orizzontali, pannelli di permutazione, ecc.). - Fornitura e posa di n.100 pdl doppi UTP Cat.6, cavo con guina LS0H, comprensivo di canalizzazione PVC, scatola tipo 503, placca a due posizioni, connettori RJ45 UTP Cat.6, patch-cord UTP Cat.6 RJ45- RJ45 lato utenza e lato armadio, quota pannello di permutazione Cablaggio Altre Sedi Le restanti sedi saranno caratterizzate da semplici reti locali, spesso distribuite a partire da un armadio unico. Anch esse saranno interessate da adeguamenti non strutturali, finalizzati ad un generale ammodernamento ed adeguamento agli standard e normative di riferimento. Complessivamente, le attività saranno le seguenti: - Bonifica e pulizia di n.20 armadi rack e contestuale installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità dei rack stessi; - Fornitura e posa di n.50 pdl doppi UTP Cat.6, cavo con guina LS0H, comprensivo di canalizzazione PVC, scatola tipo 503, placca a due posizioni, connettori RJ45 UTP Cat.6, patch-cord UTP Cat.6 RJ45- RJ45 lato utenza e lato armadio, quota pannello di permutazione. - Fornitura e installazione di n.20 UPS da rack con capacità 700VA, scheda di rete, autonomia 10 a pieno carico; - Fornitura e installazione di n.1 UPS da rack con capacità 3kVA, scheda di rete, autonomia 10 a pieno carico. Gli elementi costituenti la fornitura saranno prodotti appartenenti a case costruttrici leader nei rispettivi settori, oltre che in possesso della richiesta certificazione ISO Pagina 7 di 32

8 1.4 Apparati di rete locale Questa sezione illustra, relativamente a tutte le sedi dell ente, gli interventi previsti in termini di ridisegno architetturale, di adeguamento delle componenti attive di rete LAN e di centralizzazione delle funzioni di network management. L obiettivo di una completa reingegnerizzazione delle reti LAN è quello di incrementare la distribuzione e la velocità di scambio delle informazioni tra i vari segmenti di rete (con conseguente ottimizzazione dei tempi di esecuzione delle attività e quindi della produttività), garantendo nel contempo la più ampia scalabilità ed affidabilità, in un contesto di perfetto controllo e governo dei sistemi in rete, oltre che di sicurezza delle informazioni trasmesse, nonché di agevole troubleshooting in presenza di eventuali anomalie o guasti Caratteristiche generali Da un punto di vista tecnologico ed architetturale, le reti LAN presenteranno se seguenti caratteristiche: - Tutte le parti attive di rete locale saranno sostituite con apparati di nuova generazione, in grado di erogare prestazioni adeguate al nuovo contesto applicativo, garantendo affidabilità e controllo ed il supporto dei necessari protocolli e standard di rete. - I dispositivi attivi di rete core saranno completamente ridondati sia in termini di apparato che di alimentazione elettrica; ciò al fine di massimizzare la affidabilità e disponibilità dei servizi erogati. - Saranno impiegate componenti caratterizzate da prestazioni di switching adeguate alle applicazioni in corso di implementazione; ciò prevedendo avanzate tecnologie di commutazione (hardware ASIC dedicato per lo switching e per il packet processing ) ed architetture parallele. Gli switch di core, in particolare, dislocati presso i CED primario e secondario, saranno di tipo modulare ed impiegheranno una matrice crossbar per lo switching, oltre che packet processor indipendenti per ciascun modulo; ciò consentirà una capacità di commutazione di oltre 600Gbps cadauno. - Gli switch di core saranno interconnessi in logica HA ( High Availability ) mediante anello resiliente ad altissima capacità (almeno 40+40Gbps); tale collegamento di interconnessione realizzerà un unico switch logico, composto da due macchine identiche operanti a bilanciamento di carico, garantendo altissime prestazioni e completa fault-tolerance. - I collegamenti ottici tra i dispositivi core dei CED e gli switch di accesso installati ai piani nelle stesse sedi saranno ridondati e di capacità pari ad 1+1Gbps, operanti a bilanciamento di carico. Ciascuno switch di accesso sarà singolarmente connesso alla coppia di switch core mediante doppio canale 1+1Gbps; tale architettura di dorsale garantirà prestazioni elevate ed uniformi a tutta l utenza distribuita in rete. - Le porte di accesso saranno di tipo 10/100BaseTX con supporto POE ( Power over Ethernet ) a standard IEEE 802.3af, al fine di poter supportare la tele alimentazione su rete Ethernet. - Tutti i server saranno bi-attestati direttamente ai dispositivi core su apparati di rete diversificati, con interconnessione 1+1Gbps per singolo server oppure 10+10Gbps per singolo blade chassis. Pagina 8 di 32

9 - Gli apparati saranno completamente telegestibili via telnet, web-server integrato e via sistema di network management SNMPv3 al fine di poter esercitare il pieno controllo e governo degli stessi in modo centralizzato presso il Centro di Controllo Helpdesk. - Gli switch di accesso supporteranno tutti i necessari protocolli Layer 2 a standard IETF e IEEE; gli switch di core e distribution supporteranno anche i necessari protocolli Layer 3, secondo gli standard IETF e IEEE Palazzo della Provincia, via Telesforo Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 core switch Layer 3 di tipo modulare interconnessi mediante anello resiliente di capacità 40+40Gbps, ciascuno caratterizzato da matrice crossbar in grado di sviluppare una capacità di switching di almeno 600Gbps; ciascun core switch sarà equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX, n.12 slot SFP 1Gbps (caricati con altrettanti SFP 1000BaseSX), n.1 slot XFP 10Gbps (caricato con XFP 10G-BaseSR). - N.14 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP, caricate con n.2 transceiver SFP 1000BaseSX Palazzo Dogana Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 core switch Layer 3 di tipo modulare interconnessi mediante anello resiliente di capacità 40+40Gbps, ciascuno caratterizzato da matrice crossbar in grado di sviluppare una capacità di switching di almeno 600Gbps; ciascun core switch sarà equipaggiato con almeno n.12 porte 10/100/1000BaseTX, n.12 slot SFP 1Gbps (caricati con altrettanti SFP 1000BaseSX), n.1 slot XFP 10Gbps (caricato con XFP 10G-BaseSR). - N.10 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP, caricate con n.2 transceiver SFP 1000BaseSX Biblioteca Provinciale Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 distribution switch Layer 3 a configurazione fissa, interconnessi mediante stack ad anello, ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX e n.4 slot SFP. - N.4 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP Uffici via Telesforo, 8 Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: Pagina 9 di 32

10 - N.1 distribution switch Layer 3 a configurazione fissa, stackable ad anello resiliente, equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX, n.4 slot SFP 1Gbps e n.2 slot XFP 10Gbps Altre sedi A completamento delle LAN delle restanti sedi (via Manfredonia, via Arpi, via Cutino, via Imperiale, via Fornelli, CTI di Foggia via S.Severo, CTI Lucera, CTI Manfredonia, CTI S.Severo, CTI Vico del Gargano, CTI Ascoli Satriano, CTI Cerignola) è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - Complessivi n.17 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP. - Complessivi n.4 transceiver SFP 1000BaseSX. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 10 di 32

11 1.5 Sistema di Management e Centro di controllo helpdesk La centralizzazione del management di tutti i dispositivi di networking e di server farm mediante software grafico dedicato permetterà il monitoraggio continuo dello stato e delle prestazioni della rete (NMS, Network Management System) e dei singoli dispositivi (EMS, Element Management System), favorendo la proattività degli interventi di assistenza e manutenzione, nonché la semplificazione delle attività di troubleshooting e di add, move and change. Grazie all impiego di apparati attivi completamente telegestibili, tutto il parco installato potrà essere costantemente monitorato e gestito, in tempo reale. Operativamente le attività di management saranno eseguite presso il Centro di Controllo Helpdesk di via Telesforo utilizzando una piattaforma software di tipo grafico, dedicata non solo agli apparati specifici che compongono la rete, ma anche in grado di poter integrare tutte le altre componenti del sistema per mezzo dello standard SNMPv Gestione grafica mediante interfaccia multilivello La piattaforma sarà di tipo grafico multilivello, consentendo la realizzazione della seguente gerarchia: - Livello di Territorio: Sarà il più alto livello di astrazione del sistema; esso presenterà in forma grafica il territorio provinciale con indicazione iconografica delle sedi dell ente, illuminate con colore dipendente dallo stato dei dispositivi installati e monitorati presso le stesse sedi (verde, giallo o rosso). - Livello di Sede: Mediante drill-down su una sede specifica sarà aperta una nuova finestra a video che presenterà uno schema a blocchi con le macrocomponenti WAN-LAN-PBX-Server rappresentate in forma di icone grafiche, illuminate con colore dipendente dallo stato dei dispositivi appartenenti a ciascuna macrocompente (verde, giallo o rosso). - Livello Apparati: Mediante ulteriore drill-down su una macrocomponente specifica si aprirà una nuova finestra che evidenzierà i singoli dispositivi monitorati ed il loro stato rappresentato dal colore (verde, giallo o rosso). Nel livello apparati, il sistema presenterà: - Componente WAN: le icone rappresentative dei router di accesso alla rete VPN MPLS (router main/backup e router virtuale HSRP/VRRP, dove presente); - Componente LAN: la/le planimetrie del plesso e le icone rappresentative degli switch posizionate sulla pianta e/o prospetto secondo i luoghi di effettiva installazione; Pagina 11 di 32

12 - Componente PBX (se presente nella sede): le icone rappresentative delle componenti fondamentali dei sistema IP-PBX; - Componente Server (se presente nella sede): la rappresentazione grafica degli armadi rack e dei server installati con icone identificative dello stato degli stessi e di ciascuna interfaccia di rete. Ciascuna sede (al più alto livello di astrazione) come pure il singolo device (nel massimo livello di dettaglio), saranno identificati graficamente mediante un icona che, in condizioni di normale funzionamento, presenterà un colore verde; in caso di mancata raggiungibilità di un dispositivo monitorato il sistema genererà delle trap specifiche di mancata raggiungibilità che verranno graficamente tradotte in un cambio di colore della relativa icona che dal verde passerà al giallo (situazione di preallarme) e quindi al rosso (situazione di allarme), registrando i relativi log. Cliccando sull icona rappresentativa del particolare dispositivo si aprirà un interfaccia grafica che visualizzerà in tempo reale le interfacce fisiche installate ed il loro stato (EMS). Da tale GUI sarà possibile gestire graficamente anche la configurazione delle VLAN. Sarà anche possibile accedere direttamente al dispositivo via telnet al o via web interface (se disponibile ed attiva) Dotazioni del Centro di Controllo Helpdesk Al fine di poter efficacemente rappresentare in tempo reale la situazione corrente di tutti i device monitorati dal sistema, presso il Centro di Controllo Helpdesk di via Telesforo saranno previste le seguenti ulteriori componenti: - N.1 monitor LCD 42 per la visualizzazione continua del Livello di Territorio in sala, completo della relativa postazione di controllo; - N.3 postazioni di management (helpdesk) costituite da workstation desktop/tower comprensive di monitor LCD da almeno 22. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 12 di 32

13 1.6 Sicurezza logica Al fine di implementare sul sistema rete le corrette ed opportune policy di sicurezza logica atte a preservare l intero sistema distribuito da possibili vulnerabilità di tipo informatico, l architettura dei CED prevederà una segmentazione della rete in Security Level attuata mediante dispositivi di firewalling, VLAN e filtri statici Organizzazione logica in Security Level E prevista l implementazione almeno dei seguenti livelli di sicurezza: - Security Level 0 (Outside): porzione di rete direttamente visibile dalla rete pubblica Internet (e quindi caratterizzata dal più basso livello di sicurezza), rappresenterà il segmento di interconnessione dei firewall perimetrali con i router main/backup di accesso Internet. - Security Level 1 (DMZ, De-Militarized Zone): comprenderà tutti i segmenti di rete (protetti da firewall) che ospiteranno i servizi visibili dalla rete pubblica Internet. - Security Level 2 (Inside): sarà il segmento di raccordo tra i firewall perimetrali e gli apparati di core. - Security Level 3 (Users/VPN Users): comprenderà tutti i segmenti di rete che ospiteranno gli utenti locali (VLAN Users) oppure remoti (via VPN); tali VLAN saranno organizzate per posizione oppure gruppi di lavoro. - Security Level 4 (Server Farm): tale livello comprenderà i segmenti di rete caratterizzati dal più elevato livello di sicurezza (cd. back-end); apparterranno a tali livello i segmenti di server farm e management. I segmenti di livello 4 saranno protetti dai segmenti di livello 3 mediante configurazione di filtri statici sui dispositivi di core Caratteristiche delle Security Appliance I segmenti Outside, DMZ e Inside saranno gestiti da una coppia di security appliance, configurate in alta affidabilità, che svolgeranno sia funzioni di firewalling perimetrale ( stateful inspection ) che di content filtering, al fine di prevenire l accesso a siti non autorizzati e/o potenzialmente soggetti a rischio informatico. Circa l ultimo punto, dovrà essere possibile l integrazione con il dominio Micorsoft Active- Directory esistente al fine di sincronizzare automaticamente utenti e gruppi e, quindi, attribuire in modo agevole ed efficace la corretta profilazione per categorie di siti visitabili. Le security appliance dovranno elaborare i flussi di traffico mediante hardware ASIC al fine di sviluppare un throughput nominale non inferiore a 6Gbps per oltre sessioni concorrenti su utenti illimitati. Pagina 13 di 32

14 Ciascun apparato dovrà inoltre disporre di almeno n.5 interfacce 10/100/1000BaseTX per l attestazione di tutti i segmenti di rete di competenza. Infine, per la realizzazione dei segmenti Outside e DMZ, la fornitura comprenderà n.2 coppie di access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX e n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 14 di 32

15 1.7 Sistema Telefonico ToIP In considerazione dello stato di obsolescenza del sistema telefonico esistente e delle caratteristiche di affidabilità, ridondanza, scalabilità e flessibilità dell infrastruttura di rete descritta ai precedenti paragrafi, si prevede la completa sostituzione dei PBX con un sistema telefonico unificato ToIP ( Telephony over IP ) ovvero completamente e nativamente IP-based, a standard SIP Caratteristiche generali Il nuovo sistema telefonico presenterà le seguenti caratteristiche: - Architettura distribuita dei sistemi server di segnalazione (n.1 server presso il CED primario ed n.1 server presso il CED secondario, in una logica di Business-Continuity); - Architettura distribuita dei gateway TDM verso la rete telefonica pubblica PSTN (n.1 gateway da n.2 flussi Euro-ISDN PRA presso il CED primario, più un ulteriore gateway da n.2 flussi Euro-ISDN PRA presso il CED secondario, in logica di Business-Continuity); - Consolidamento dei flussi di interconnessione PSTN con gestione della Number-Portability di tutte le sedi provinciali (relative alle sedi di Foggia e del territorio provinciale); - Terminali telefonici autoconfiguranti (via DHCP e TFTP), telealimentati a mezzo POE standard IEEE 802.3af, con switch integrato 10/100BaseTX. - Voice Mail con possibilità di Unified Messaging (integrazione con Micorsoft Exchange) e IVR. - Servizi telefonici evoluti; - Sistema di management centralizzato web-based, integrabile nella piattaforma di gestione centralizzata in uso al Centro di Controllo Helpdesk; - Sistema di documentazione addebiti, con gestione dei centri di costo, reportistica ed allarmi; - Gateway IP per i dispositivi analogici (Fax) Benefici di breve, medio e lungo periodo L architettura fortemente innovativa di un sistema ToIP, basata essenzialmente sulla completa condivisione della medesima infrastruttura di rete convergente IP per il trasporto di servizi dati e fonia (sia in ambito LAN che in ambito WAN), diversamente da quanto consentito dai sistemi PBX tradizionali o IP-enabled, consentirà la realizzazione dei seguenti benefici di breve, medio e lungo periodo: - Semplicità di gestione: tutti gli apparecchi telefonici IP saranno autoconfiguranti e potranno quindi essere spostati per esigenze di carattere logistico (anche in sedi diverse) senza necessità di alcuna attività manuale di permutazione negli armadi, né di riconfigurazione del terminale e/o dell utenza ad esso associata. - Uso efficiente del cablaggio e degli switch di accesso LAN: grazie allo switch integrato, ciascuna postazione di lavoro composta da telefono IP e PC, impegnerà una sola presa telematica ed una sola porta sull apparato LAN di accesso, riducendo anche il numero dei cavi sulla postazione utente. Pagina 15 di 32

16 - Continuità di funzionamento in caso di black-out: grazie alla telealimentazione POE degli apparecchi telefonici ed alla distribuzione dell energia sui rack via UPS, il sistema telefonico continuerà ad essere operativo anche in caso di interruzioni nell erogazione dell energia elettrica, purché di durata limitata. - Semplice scalabilità: sarà possibile estendere il sistema telefonico integrato su nuove sedi dell ente (rendendo pertanto disponibili tutti i servizi di centrale, mantenendo il controllo dei terminali e le caratteristiche di gestione e rendicontazione) semplicemente ampliando la VPN IP/MPLS alle nuove sedi ed installando in rete locale i necessari apparecchi telefonici, senza dover installare nuovi PBX e/o nuovi sistemi server dedicati. - Estensione dell infrastruttura agli istituti scolastici di competenza dell ente: Quale possibile applicazione del punto precedente, sarà possibile, in prospettiva, estendere il sistema anche agli istituti scolastici del territorio provinciale, garantendo le numerazioni esistenti, ma anche la qualità dei servizi erogati ed il controllo del traffico telefonico prodotto. - Consolidamento dell interconnessione alla rete telefonica pubblica PSTN: nelle piccole sedi non sarà più necessario prevedere accessi locali alla rete telefonica; tutti gli accessi potranno infatti essere consolidati sui flussi PRA dei CED, pur mantenendo la numerazione esistente e la gestione locale/distrettuale delle chiamate; inoltre il sistema consentirà l estensione anche a questi utenti della selezione passante e della numerazione breve per le chiamate interne. Da non trascurare il vantaggio economico, gestionale e tecnico derivante dal consolidamento che consentirà l impiego di un numero di canali PSTN inferiore all attuale, grazie ad un uso statistico delle risorse di interconnessione scalato a tutta l utenza della Provincia di Foggia. - Management centralizzato: l intero sistema telefonico IP (sistemi server, gateway e terminali telefonici IP) sarà completamente telegestibile e configurabile dal Centro di Controllo Helpdesk; ciò garantirà un monitoraggio continuo di tutto il parco installato, favorendo gli interventi in proattività. - Protezione dell investimento: la telefonia IP a standard SIP rappresenta l unica tecnologia PBX che garantirà continuità di sviluppo e interoperabilità multi-vendor Dimensionamento del Sistema Telefonico ToIP Il sistema telefonico sarà dimensionato come di seguito riportato: - N.700 telefoni IP a standard SIP, con display alfanumerico, switch 10/100BaseTX integrato, supporto POE IEEE 802.3af, vivavoce full-duplex, almeno n.10 tasti di selezione rapida. - N.70 gateway fax (ATA); - N.2 posti operatore equipaggiati per operatori non-vedenti; - N.700 caselle voice mail; - Software di management e di documentazione addebiti; - N.2 sistemi server per la gestione della segnalazione (call processing) e dei telefoni; - N.2 gateway, ciascuno equipaggiato con almeno n.2 interfacce Euro-ISDN PRA; Pagina 16 di 32

17 Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 17 di 32

18 1.8 Potenziamento Server Farm CED primario Caratteristiche generali Come verrà meglio dettagliato nei paragrafi successivi, la soluzione proposta nel presente progetto è mirata al conseguimento dei seguenti obiettivi: - Creare un sistema affidabile ed altamente disponibile I servizi saranno erogati da un sistema blade agganciato ad una SAN dedicata, al fine di realizzare un sistema efficiente, ma al tempo stesso affidabile. In particolare, i server ospiteranno un ambiente di virtualizzazione (VMWare vsphere 4.0) che genererà gli ambienti operativi, condividendo ed ottimizzando le risorse hardware installate. Ciò significa ad esempio che un guasto su uno dei blade non genererà alcun blocco dei servizi, ma al più un sostenibile degrado delle prestazioni. Le applicazioni non dovranno essere necessariamente progettate per funzionare in alta-affidabilità su sistemi clusterizzati: l ambiente operativo virtuale è già clusterizzato in modo trasparente dal sistema VMWare. Tutte le componenti critiche dello chassis e dei collegamenti verranno duplicate (porte di rete, porte fibre channel, controller, etc.), lo storage utilizzerà il RAID5 al fine di elevare le prestazioni del servizio in termini di affidabilità e disponibilità, assicurando la massima continuità operativa. - Ottimizzare i costi I sistemi offerti si integreranno con quanto già in essere presso il CED esistente di via Telesforo, condividendo tutti gli strumenti e le facility già disponibili. I sistemi blade rispetto ai sistemi tradizionali basati su rack server consentiranno una maggiore flessibilità di crescita contenendo i costi. Non trascurabili saranno anche i benefici connessi al maggior risparmio energetico sia in termini di energia di alimentazione che di condizionamento. - Favorire il controllo ed il management Il sistema blade sarà fornito comprensivo di un sistema di management che renderà disponibile ai tecnici del Centro di Controllo Helpdesk un interfaccia di monitoraggio e controllo semplice ed efficace, tale quindi da favorire le proattività nell individuazione e gestione delle anomalie Sistemi Server di tipo Blade Un sistema di server consolidation basato su blade è costituito da uno chassis caratterizzato da un certo numero di slot, all interno dei quali si inseriscono i blade server, sottili e sostituibili a caldo, ciascuno caratterizzato dai suoi processori, le sue memorie, i suoi controller, il suo sistema operativo, ecc. I blade server condividono quindi lo chassis, gli alimentatori (ridondati ed operanti in load-sharing), le ventole di raffreddamento, le interfacce, ecc. Il sistema è progettato per ridurre gli ingombri, ridurre il Pagina 18 di 32

19 numero di cavi e di collegamenti, ottimizzare costi e risorse, incrementare la flessibilità, la scalabilità, l affidabilità, le performance, nonché semplificare le attività di installazione e manutenzione. In particolare, la soluzione proposta rappresenta l espressione ideale del nuovo concetto dell on-demand computing soprattutto nelle funzioni della gestione e bilanciamento dinamici dei carichi di lavoro e della virtualizzazione degli ambienti. In altri termini, mediante sistemi di virtualizzazione, è possibile creare tutti gli ambienti applicativi necessari, condividendo le risorse e la clusterizzazione del sistema blade. Nel momento in cui la crescita del carico di lavoro dovesse imporre la necessità di una maggiore capacità di calcolo, sarà sufficiente aggiungere nuove risorse di computing (ovvero un ulteriore blade server), alimentando il cluster con nuove risorse di processing e di memoria. Grazie a questo concetto innovativo, la capacità elaborativa diviene analoga ad una qualunque utilità, come ad es. l energia elettrica, ampliabile a costi contenuti e solamente nel momento in cui la necessità diviene effettiva Benefici della soluzione Blade - Densità Permettendo un elevato numero di blade ad alte prestazioni installati in un singolo chassis, la tecnologia blade raggiunge i più alti livelli di densità ottenibile; al tempo stesso rende possibili tutte le maggiori espansioni attraverso moduli opzionali. Un aumento della densità significa meno spazio rack, un minor numero di componenti duplicate, un minor numero dei cavi, un minor numero di unità di alimentazione in load-sharing. Quotidianamente vengono realizzati implicitamente molti rispami, quali l energia di alimentazione e quella di raffreddamento, i tempi di assemblaggio e di installazione, i costi derivanti dagli spazi occupati. - Disponibilità La tecnologia blade è disegnata per eliminare le vecchie limitazioni imposte dal disegno dei server e delle applicazioni convenzionali, nella quale ogni server realizza un ambiente applicativo e l altaaffidabilità è affidata al sistema operativo o all applicazione stessa. - Scalabilita Sottili e sostituibili a caldo, i server blade entrano in unico chassis (come libri in una libreria, pur restando ognuno un server indipendente, con i suoi processori, le sue memorie, il suo storage, i controller di rete, il sistema operativo), condividendo l alimentazione, i fans, gli switches, le porte I/O, il DVD. Aggiungere un nuovo server, generalmente, richiede l inserimento di un nuovo server blade mono o multi processore in uno slot libero dello chassis. I moduli opzionali interni allo chassis permettono di aggiungere dispositivi condivisi, collocati esternamente nelle soluzioni di tipo tradizionale. - Rapidità di installazione Con la tecnologia blade, un server aggiuntivo viene installato facendo scivolare nello chassis una lama (blade). Ciascun server blade si connette alle componenti dell infrastruttura nello chassis, senza richiedere l uso di cavi multipli. Pagina 19 di 32

20 - Manutenzione semplificata Tutte le componenti critiche di un server blade possono essere rese ridondanti hot-swappable, incluso i sistemi di raffreddamento, i gruppi di alimentazione, i controller e gli switch, gli hard disk ed i processori. Rimuovere un server per effettuare manutenzione, significa semplicemente sfilare la lama dallo chassis. - Management Per mezzo della console di management, tutti gli chassis possono essere monitorati e gestiti da una singola postazione (anche remota) attraverso una semplice ed intuitiva interfaccia grafica. I tools consentono l automazione degli update dei sistemi, l accensione e lo spegnimento, l abilitazione e la disabilitazione di switch, l immissione di sequenze di boot, l aggiornamento di firmware su uno specifico ed individuale blade, il redeployment, etc. - Riduzione dei costi Alta densità, riduzione dei collegamenti, facilità di gestione, installazione e manutenzione, scalabilità on-demand, riduzione dei consumi energetici, etc. sono tutti elementi che concorrono nella riduzione dei costi rispetto ad una soluzione tradizionale basata su rack server. A parità di processore utilizzato, un sistema blade può costare da 3 a 4 volte meno rispetto ad un equivalente sistema da rack Dimensionamento del sistema Blade e SAN (Storage Area Network) La soluzione proposta per il potenziamento del CED sarà composta da N.1 Blade chassis di ultima generazione, con unità di alimentazione ridondate e chassis da almeno n.10 slot, equipaggiato con n.3 server blade con le seguenti prestazioni: - Processore Intel Xeon Quad-Core; - RAM complessiva 32GB; - Doppio attacco fibra verso la SAN (doppio path), in caso di switch fiber-channel esterno, integrato in caso di modulo fiber-channel installato a chassis. - Doppio attacco verso rete LAN Ethernet (doppio path), in caso di attestazione diretta 1+1Gbps sugli apparati core, intergrato in caso di modulo switching integrato con porte di consolidamento 10+10Gbps. Il sistema Blade realizzerà un alto livello di affidabilità in considerazione delle seguenti caratteristiche: - Lame hot-swap operanti in load-sharing grazie al sistema di virtualizzazione VMWare; - Alimentazione ridondata; - RAM realizzata con DIMM Chipkill che permettono di isolare un banco malfunzionante; - Collegamenti LAN ridondati lato server, terminati su schede diversificate dello switch core del CED. - Collegamenti fibre-channel verso la SAN ridondati lato server, terminati su switch diversificati connessi a controller ridondati su SAN. Grazie all impiego di un pool di lame virtualizzate con VMWare, è possibile affermare che in qualunque momento, seppure con prestazioni degradate (in presenza di un guasto simultaneo su una o due lame), i servizi erogati saranno sempre attivi. L integrazione di una ulteriore lama all interno del pool permetterà di Pagina 20 di 32

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Comunicazioni video Avaya

Comunicazioni video Avaya Comunicazioni video Avaya Video ad alta definizione per singoli e gruppi a livello aziendale. Facile utilizzo. Ampiezza di banda ridotta. Scelta di endpoint e funzionalità. Le soluzioni video Avaya sfatano

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli