L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare."

Transcript

1 1. Premessa Il presente Progetto Esecutivo propone una soluzione integrata finalizzata alla generale sostituzione nella Provincia di Foggia della circolazione di documenti cartacei con documenti digitali, favorendo quindi i processi di archiviazione, di ricerca di documenti e dati, nonché la rapidità dello scambio delle informazioni, elemento focale per una maggiore efficienza ed efficacia operativa. Inoltre, il sistema proposto realizzerà l automazione dei processi documentali, tramite l introduzione di logiche di workflow, per la gestione del protocollo in entrata, in uscita ed interno. Ciò consentirà di: - Avviare l adeguamento alla normativa del DPR 445/2000 senza cambiare sostanzialmente i processi in uso Come riportato dal CNIPA, ogni sistema di protocollo informatico, che si intende adottare o realizzare, deve ottemperare a specifiche indicazioni, riportate nel Testo Unico (DPR 445/2000). Nella prima pagina del proprio sito web dedicata al Protocollo Informatico, il legislatore definisce protocollo informatico come l'insieme delle risorse di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzati dalle amministrazioni per la gestione dei documenti, ovvero, tutte le risorse tecnologiche necessarie alla realizzazione di un sistema automatico per la gestione elettronica dei flussi documentali. L azione che si progetta tenderà alla realizzazione di quanto il legislatore ha inteso normare. - Sostituire la circolazione del documento cartaceo, copie e fotocopie, con la circolazione del documento digitale Un documento cartaceo originale potrà essere archiviato in modo rapido, immediato e sicuro, anche ai fini di preservarlo da smarrimento o distruzione involontaria, mediante impiego di scanner con ADF ad alta produttività. I documenti interni potranno essere gestiti completamente in modo digitale, favorendo l archiviazione, la ricerca, la gestione. Nonostante il trattamento in forma numerica, il documento digitale sarà sempre e comunque disponibile per la stampa su carta. - Realizzare l automazione dei processi documentali, tramite l introduzione di logiche di workflow, per la gestione del protocollo in entrata, in uscita e interno; introdurre lo strumento dell agenda informatizzata per seguire le pratiche aperte e i processi ad essa connessi Il sistema proposto garantirà la riduzione dei tempi di attuazione dei procedimenti a favore di una maggiore qualità del servizio; consentirà inoltre una equa distribuzione dei carichi di lavoro e quindi anche una maggiore qualità del lavoro per i dipendenti. In ogni momento saranno pienamente disponibili tutte le informazioni sullo stato del processo, sia al fine del controllo e coordinamento interno, sia eventualmente anche a favore degli attori esterni nell ambito dell adozione di una politica di trasparenza. Ulteriori benefici conseguenti si genereranno da un complessivo miglioramento dell immagine nei confronti dei cittadini e dal maggior controllo anche delle attività di organizzazioni esterne, ma cooperanti nei micro-processi. Pagina 1 di 32

2 1 Caratteristiche delle forniture 1.1 Archivio digitale (CED primario) Presso il Palazzo della Provincia di via Telesforo, in locale adiacente al CED attuale posto al piano interrato, sarà eseguita un attività di site preparation finalizzata alla realizzazione ed avviamento di un nuovo CED dedicato all archiviazione in forma digitale dei documenti ed all housing di tutti i relativi sistemi hardware, software e telematici Site Preparation CED primario Il site preparation comprenderà la realizzazione delle seguenti opere: - Fornitura e posa in opera di pavimento flottante secondo normativa costituito da blocchi 60x60 cm, pulizia della sala e tinteggiatura delle pareti; - Fornitura e installazione di n.6 armadi rack 42RUx800x1000mm organizzati in struttura filare per il contenimento di tutte le componenti attive server e telematiche; - Fornitura e installazione dell impianto di distribuzione elettrica ed alimentazione UPS centralizzata degli armadi rack di sala e degli armadi rack di piano (n.2 linee da 16A per armadio), quadri elettrici di alimentazione, distribuzione e bypass; - Fornitura e installazione di n.2 UPS trifase/trifase di tipo online interactive (rigenerazione continua della forma d onda sinusoidale) di potenza 20kVA cad. autonomia 10 a pieno carico, equipaggiati con scheda LAN di management e relativo software di gestione; - Fornitura e installazione di un impianto di climatizzazione da sala con alimentazione trifase, mandata aria fredda dal basso e prelievo dell aria calda dall ambiente e relativo sistema di gestione ed allarme; - Fornitura e installazione di un impianto di allarme anti-intrusione e rilevazione fumi, provvisto di combinatore telefonico gsm; - Fornitura e installazione di una porta tagliafuoco per l accesso al locale CED, comprensiva di maniglione antipanico ed elettroserratura; - Fornitura e installazione di un sistema di controllo accessi con accesso mediante badge a banda magnetica e/o transponder e relativo sistema di gestione e logging degli accessi effettuati; - Fornitura e installazione dell impianto di illuminazione di sala; - Fornitura e installazione dell impianto telematico di sala mediante interconnessione degli armadi secondari su armadio master di permutazione sia con mezzo trasmissivo in rame (ovvero mediante la posa di n.24 cavi UTP Cat.6 guaina LS0H per ciascun armadio, terminati su pannelli di permutazione RJ-45 UTP Cat.6), che in fibra ottica (mediante la posa in ciascun armadio di un cavo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H da n.12 fibre ottiche 50/125µm OM3, terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SC-duplex). Tale fornitura comprenderà sia le necessarie patch-cord rame UTP Cat.6 con connettori RJ45-RJ45, che le necessarie bretelle ottiche bifibra 50/125µm OM3 con connettori SC/LC. Pagina 2 di 32

3 1.1.2 Accesso rete VPN CED primario Il CED sarà collegato alla VPN (Virtual Private Network) della Provincia di Foggia, e quindi al CED secondario ed alle altre sedi dell ente, mediante l accesso WAN SPC (Sistema Pubblico di Connettività) già contrattualizzato ed in corso di realizzazione, in tecnologia SDH su anello in fibra ottica ridondato sia a livello di canale di accesso main/backup che di CPE (Customer Premise Equipment) di accesso main/backup, per una capacità complessiva di 20+20Mbps simmetrici garantiti. Pagina 3 di 32

4 1.2 Archivio digitale (CED secondario disaster-recovery e business-continuity) Come elemento di affidabilità complessiva dei sistemi, al fine di garantire la continua operatività dei servizi informatici erogati e la duplicazione online/offline degli archivi digitali, è prevista la realizzazione di un CED secondario con finalità di Disaster-Recovery e Business-Continuity presso la sede provinciale di Palazzo Dogana, piazza XX Settembre, nel locale adiacente al centro-stella dati attuale. Il sito secondario opererà in modalità hot start ovvero ripartenza immediata senza perdita di dati e transazioni. La soluzione sarà basata su tecnologie di mirroring remoto a livello dischi e sul colloquio continuo tra il sistema primario ed il sistema remoto nel centro alternativo, nonché sull attestazione duplicata dei sistemi di rete. Presso il sito di Disaster-Recovery saranno eseguite, sia pur in scala ridotta a causa della minor occupazione dei sistemi secondari, attività di site preparation analoghe a quelle previste sul CED primario al fine di mantenere il medesimo livello di sicurezza ed integrità delle informazioni elaborate ed archiviate Site Preparation CED secondario Il site preparation comprenderà la realizzazione delle seguenti opere: - Fornitura e posa in opera di pavimento flottante secondo normativa costituito da blocchi 60x60 cm, pulizia della sala e tinteggiatura delle pareti; - Fornitura e installazione di n.3 armadi rack 42RUx800x1000mm organizzati in struttura filare per il contenimento di tutte le componenti attive server e telematiche; - Fornitura e installazione dell impianto di distribuzione elettrica ed alimentazione UPS centralizzata degli armadi rack di sala e degli armadi rack di piano (n.2 linee da 16A per armadio), quadri elettrici di alimentazione, distribuzione e bypass; - Fornitura e installazione di n.1 UPS trifase/trifase di tipo online interactive (rigenerazione continua della forma d onda sinusoidale) di potenza 20kVA cad. autonomia 10 a pieno carico, equipaggiato con scheda LAN di management e relativo software di gestione; - Fornitura e installazione di un impianto di climatizzazione da sala con alimentazione trifase, mandata aria fredda dal basso e prelievo dell aria calda dall ambiente e relativo sistema di gestione ed allarme; - Fornitura e installazione di un impianto di allarme anti-intrusione e rilevazione fumi, provvisto di combinatore telefonico gsm; - Fornitura e installazione di una porta tagliafuoco per l accesso al locale CED, comprensiva di maniglione antipanico ed elettroserratura; - Fornitura e installazione di un sistema di controllo accessi mediante badge a banda magnetica e/o transponder e relativo sistema di gestione e logging degli accessi effettuati; - Fornitura e installazione dell impianto di illuminazione di sala; - Fornitura e installazione dell impianto telematico di sala mediante interconnessione degli armadi secondari su armadio master di permutazione sia con mezzo trasmissivo in rame (ovvero mediante Pagina 4 di 32

5 la posa di n.24 cavi UTP Cat.6 guaina LS0H per ciascun armadio, terminati su pannelli di permutazione RJ-45 UTP Cat.6), che in fibra ottica (mediante la posa in ciascun armadio di un cavo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H da n.12 fibre ottiche 50/125µm OM3, terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SC-duplex). Tale fornitura comprenderà sia le necessarie patch-cord rame UTP Cat.6 con connettori RJ45-RJ45, che le necessarie bretelle ottiche bifibra 50/125µm OM3 con connettori SC/LC Accesso rete VPN CED secondario Il CED secondario sarà collegato alla VPN (Virtual Private Network) della Provincia di Foggia, e quindi al CED primario ed alle altre sedi dell ente, mediante l accesso WAN SPC (Sistema Pubblico di Connettività) già contrattualizzato ed in corso di realizzazione, in tecnologia SDH su anello in fibra ottica ridondato sia a livello di canale di accesso main/backup che di CPE (Customer Premise Equipment) di accesso main/backup, per una capacità complessiva di 20+20Mbps simmetrici garantiti. Pagina 5 di 32

6 1.3 Adeguamento Sistema di Cablaggio Strutturato Caratteristiche generali Al fine di poter adeguatamente supportare il traffico di rete prodotto in logica distribuita dalle nuove applicazioni connesse all archivio digitale e non solo, è indispensabile verificare ed eventualmente adeguare tutti gli elementi che compongono la catena di trasmissione e che quindi concorrono, ciascuno nella propria funzione, al risultato finale della elaborazione dei documenti in forma digitale. In particolare, il sistema di cablaggio rappresenterà la componente primaria coinvolta nella trasmissione; si ravvisa, pertanto, la necessità di eseguire degli interventi mirati di adeguamento al fine di poter supportare in modo adeguato l elevata mole di informazioni che verranno scambiate in rete, anche in previsione degli sviluppi futuri; tutto ciò salvaguardando le preesistenze riutilizzabili Cablaggio Palazzo della Provincia, via Telesforo Presso tale sede l intervento di adeguamento riguarderà essenzialmente le montanti ottiche ed il sistema di distribuzione dell alimentazione degli armadi rack (centralizzato presso il CED e posto sotto continuità, come già descritto nel paragrafo relativo). Nello specifico, le attività previste saranno le seguenti: - Fornitura e installazione di n.6 dorsali ottiche mediante posa di cavo in fibra ottica da n.24 monofibre 50/125µm OM3, cavo di tipo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H; ciascun cavo sarà terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SCduplex. La fornitura comprenderà le bretelle ottiche bifibra di permutazione 50/125µm OM3 di tipo SC/LC. - Fornitura e installazione di n.6 montanti per la elettrificazione e messa a terra degli armadi telematici di piano; tale rete elettrica di distribuzione si diramerà dai quadri elettrici d uscita degli UPS di sala CED. Ciascuna montante sarà costituita da n.2 linee da 16A cad. e sarà terminata lato armadio di piano su altrettante strisce di alimentazione a prese universali (UPS-A e UPS-B). - Bonifica e pulizia degli armadi di distribuzione di piano (n.6 armadi rack); fornitura e installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità degli armadi stessi Cablaggio Palazzo Dogana Presso tale sede l intervento di adeguamento coinvolgerà non soltanto le montanti ottiche ed il sistema di distribuzione dell alimentazione degli armadi rack, come già per la sede di via Telesforo, ma prevederà anche l installazione di un nuovo armadio di distribuzione di piano (al piano secondo, zona ragioneria) e l ampliamento/bonifica della rete orizzontale per n.100 posti di lavoro (pdl) al fine di ricondurre l architettura ad una logica gerarchico-stellare corretta e conforme agli standard ed alle normative di riferimento. Pagina 6 di 32

7 Nello specifico, gli interventi saranno i seguenti: - Fornitura e installazione di n.4 dorsali ottiche mediante posa di cavo in fibra ottica da n.24 monofibre 50/125µm OM3, cavo di tipo loose ad armatura dielettrica con guaina LS0H; ciascun cavo sarà terminato ad ambedue le estremità su cassetti ottici equipaggiati con connettori SCduplex. La fornitura comprenderà le bretelle ottiche bifibra di permutazione 50/125µm OM3 di tipo SC/LC. - Fornitura e installazione di n.4 montanti per la elettrificazione e messa a terra degli armadi telematici di piano; tale rete elettrica di distribuzione si diramerà dal quadro elettrico d uscita dell UPS di sala CED. Ciascuna montante sarà costituita da n.2 linee da 16A cad. e sarà terminata lato armadio di piano su altrettante strisce di alimentazione a prese universali (UPS e UPS-bkp, disponibile per potenziamenti futuri). - Bonifica e pulizia degli armadi di distribuzione di piano esistenti (n.4 armadi rack); fornitura e installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità degli armadi stessi. - Fornitura e posa di nuovo armadio rack 42RUx800x800mm, presso il piano secondo lato ragioneria, completo di accessori (kit ventole, kit messa a terra, passacavi verticali ed orizzontali, pannelli di permutazione, ecc.). - Fornitura e posa di n.100 pdl doppi UTP Cat.6, cavo con guina LS0H, comprensivo di canalizzazione PVC, scatola tipo 503, placca a due posizioni, connettori RJ45 UTP Cat.6, patch-cord UTP Cat.6 RJ45- RJ45 lato utenza e lato armadio, quota pannello di permutazione Cablaggio Altre Sedi Le restanti sedi saranno caratterizzate da semplici reti locali, spesso distribuite a partire da un armadio unico. Anch esse saranno interessate da adeguamenti non strutturali, finalizzati ad un generale ammodernamento ed adeguamento agli standard e normative di riferimento. Complessivamente, le attività saranno le seguenti: - Bonifica e pulizia di n.20 armadi rack e contestuale installazione di ventole estrattrici del calore sulla sommità dei rack stessi; - Fornitura e posa di n.50 pdl doppi UTP Cat.6, cavo con guina LS0H, comprensivo di canalizzazione PVC, scatola tipo 503, placca a due posizioni, connettori RJ45 UTP Cat.6, patch-cord UTP Cat.6 RJ45- RJ45 lato utenza e lato armadio, quota pannello di permutazione. - Fornitura e installazione di n.20 UPS da rack con capacità 700VA, scheda di rete, autonomia 10 a pieno carico; - Fornitura e installazione di n.1 UPS da rack con capacità 3kVA, scheda di rete, autonomia 10 a pieno carico. Gli elementi costituenti la fornitura saranno prodotti appartenenti a case costruttrici leader nei rispettivi settori, oltre che in possesso della richiesta certificazione ISO Pagina 7 di 32

8 1.4 Apparati di rete locale Questa sezione illustra, relativamente a tutte le sedi dell ente, gli interventi previsti in termini di ridisegno architetturale, di adeguamento delle componenti attive di rete LAN e di centralizzazione delle funzioni di network management. L obiettivo di una completa reingegnerizzazione delle reti LAN è quello di incrementare la distribuzione e la velocità di scambio delle informazioni tra i vari segmenti di rete (con conseguente ottimizzazione dei tempi di esecuzione delle attività e quindi della produttività), garantendo nel contempo la più ampia scalabilità ed affidabilità, in un contesto di perfetto controllo e governo dei sistemi in rete, oltre che di sicurezza delle informazioni trasmesse, nonché di agevole troubleshooting in presenza di eventuali anomalie o guasti Caratteristiche generali Da un punto di vista tecnologico ed architetturale, le reti LAN presenteranno se seguenti caratteristiche: - Tutte le parti attive di rete locale saranno sostituite con apparati di nuova generazione, in grado di erogare prestazioni adeguate al nuovo contesto applicativo, garantendo affidabilità e controllo ed il supporto dei necessari protocolli e standard di rete. - I dispositivi attivi di rete core saranno completamente ridondati sia in termini di apparato che di alimentazione elettrica; ciò al fine di massimizzare la affidabilità e disponibilità dei servizi erogati. - Saranno impiegate componenti caratterizzate da prestazioni di switching adeguate alle applicazioni in corso di implementazione; ciò prevedendo avanzate tecnologie di commutazione (hardware ASIC dedicato per lo switching e per il packet processing ) ed architetture parallele. Gli switch di core, in particolare, dislocati presso i CED primario e secondario, saranno di tipo modulare ed impiegheranno una matrice crossbar per lo switching, oltre che packet processor indipendenti per ciascun modulo; ciò consentirà una capacità di commutazione di oltre 600Gbps cadauno. - Gli switch di core saranno interconnessi in logica HA ( High Availability ) mediante anello resiliente ad altissima capacità (almeno 40+40Gbps); tale collegamento di interconnessione realizzerà un unico switch logico, composto da due macchine identiche operanti a bilanciamento di carico, garantendo altissime prestazioni e completa fault-tolerance. - I collegamenti ottici tra i dispositivi core dei CED e gli switch di accesso installati ai piani nelle stesse sedi saranno ridondati e di capacità pari ad 1+1Gbps, operanti a bilanciamento di carico. Ciascuno switch di accesso sarà singolarmente connesso alla coppia di switch core mediante doppio canale 1+1Gbps; tale architettura di dorsale garantirà prestazioni elevate ed uniformi a tutta l utenza distribuita in rete. - Le porte di accesso saranno di tipo 10/100BaseTX con supporto POE ( Power over Ethernet ) a standard IEEE 802.3af, al fine di poter supportare la tele alimentazione su rete Ethernet. - Tutti i server saranno bi-attestati direttamente ai dispositivi core su apparati di rete diversificati, con interconnessione 1+1Gbps per singolo server oppure 10+10Gbps per singolo blade chassis. Pagina 8 di 32

9 - Gli apparati saranno completamente telegestibili via telnet, web-server integrato e via sistema di network management SNMPv3 al fine di poter esercitare il pieno controllo e governo degli stessi in modo centralizzato presso il Centro di Controllo Helpdesk. - Gli switch di accesso supporteranno tutti i necessari protocolli Layer 2 a standard IETF e IEEE; gli switch di core e distribution supporteranno anche i necessari protocolli Layer 3, secondo gli standard IETF e IEEE Palazzo della Provincia, via Telesforo Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 core switch Layer 3 di tipo modulare interconnessi mediante anello resiliente di capacità 40+40Gbps, ciascuno caratterizzato da matrice crossbar in grado di sviluppare una capacità di switching di almeno 600Gbps; ciascun core switch sarà equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX, n.12 slot SFP 1Gbps (caricati con altrettanti SFP 1000BaseSX), n.1 slot XFP 10Gbps (caricato con XFP 10G-BaseSR). - N.14 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP, caricate con n.2 transceiver SFP 1000BaseSX Palazzo Dogana Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 core switch Layer 3 di tipo modulare interconnessi mediante anello resiliente di capacità 40+40Gbps, ciascuno caratterizzato da matrice crossbar in grado di sviluppare una capacità di switching di almeno 600Gbps; ciascun core switch sarà equipaggiato con almeno n.12 porte 10/100/1000BaseTX, n.12 slot SFP 1Gbps (caricati con altrettanti SFP 1000BaseSX), n.1 slot XFP 10Gbps (caricato con XFP 10G-BaseSR). - N.10 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP, caricate con n.2 transceiver SFP 1000BaseSX Biblioteca Provinciale Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - N.2 distribution switch Layer 3 a configurazione fissa, interconnessi mediante stack ad anello, ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX e n.4 slot SFP. - N.4 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP Uffici via Telesforo, 8 Presso tale sede è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: Pagina 9 di 32

10 - N.1 distribution switch Layer 3 a configurazione fissa, stackable ad anello resiliente, equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100/1000BaseTX, n.4 slot SFP 1Gbps e n.2 slot XFP 10Gbps Altre sedi A completamento delle LAN delle restanti sedi (via Manfredonia, via Arpi, via Cutino, via Imperiale, via Fornelli, CTI di Foggia via S.Severo, CTI Lucera, CTI Manfredonia, CTI S.Severo, CTI Vico del Gargano, CTI Ascoli Satriano, CTI Cerignola) è prevista la fornitura, installazione e configurazione dei seguenti apparati: - Complessivi n.17 access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX con supporto POE IEEE 802.3af, n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP. - Complessivi n.4 transceiver SFP 1000BaseSX. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 10 di 32

11 1.5 Sistema di Management e Centro di controllo helpdesk La centralizzazione del management di tutti i dispositivi di networking e di server farm mediante software grafico dedicato permetterà il monitoraggio continuo dello stato e delle prestazioni della rete (NMS, Network Management System) e dei singoli dispositivi (EMS, Element Management System), favorendo la proattività degli interventi di assistenza e manutenzione, nonché la semplificazione delle attività di troubleshooting e di add, move and change. Grazie all impiego di apparati attivi completamente telegestibili, tutto il parco installato potrà essere costantemente monitorato e gestito, in tempo reale. Operativamente le attività di management saranno eseguite presso il Centro di Controllo Helpdesk di via Telesforo utilizzando una piattaforma software di tipo grafico, dedicata non solo agli apparati specifici che compongono la rete, ma anche in grado di poter integrare tutte le altre componenti del sistema per mezzo dello standard SNMPv Gestione grafica mediante interfaccia multilivello La piattaforma sarà di tipo grafico multilivello, consentendo la realizzazione della seguente gerarchia: - Livello di Territorio: Sarà il più alto livello di astrazione del sistema; esso presenterà in forma grafica il territorio provinciale con indicazione iconografica delle sedi dell ente, illuminate con colore dipendente dallo stato dei dispositivi installati e monitorati presso le stesse sedi (verde, giallo o rosso). - Livello di Sede: Mediante drill-down su una sede specifica sarà aperta una nuova finestra a video che presenterà uno schema a blocchi con le macrocomponenti WAN-LAN-PBX-Server rappresentate in forma di icone grafiche, illuminate con colore dipendente dallo stato dei dispositivi appartenenti a ciascuna macrocompente (verde, giallo o rosso). - Livello Apparati: Mediante ulteriore drill-down su una macrocomponente specifica si aprirà una nuova finestra che evidenzierà i singoli dispositivi monitorati ed il loro stato rappresentato dal colore (verde, giallo o rosso). Nel livello apparati, il sistema presenterà: - Componente WAN: le icone rappresentative dei router di accesso alla rete VPN MPLS (router main/backup e router virtuale HSRP/VRRP, dove presente); - Componente LAN: la/le planimetrie del plesso e le icone rappresentative degli switch posizionate sulla pianta e/o prospetto secondo i luoghi di effettiva installazione; Pagina 11 di 32

12 - Componente PBX (se presente nella sede): le icone rappresentative delle componenti fondamentali dei sistema IP-PBX; - Componente Server (se presente nella sede): la rappresentazione grafica degli armadi rack e dei server installati con icone identificative dello stato degli stessi e di ciascuna interfaccia di rete. Ciascuna sede (al più alto livello di astrazione) come pure il singolo device (nel massimo livello di dettaglio), saranno identificati graficamente mediante un icona che, in condizioni di normale funzionamento, presenterà un colore verde; in caso di mancata raggiungibilità di un dispositivo monitorato il sistema genererà delle trap specifiche di mancata raggiungibilità che verranno graficamente tradotte in un cambio di colore della relativa icona che dal verde passerà al giallo (situazione di preallarme) e quindi al rosso (situazione di allarme), registrando i relativi log. Cliccando sull icona rappresentativa del particolare dispositivo si aprirà un interfaccia grafica che visualizzerà in tempo reale le interfacce fisiche installate ed il loro stato (EMS). Da tale GUI sarà possibile gestire graficamente anche la configurazione delle VLAN. Sarà anche possibile accedere direttamente al dispositivo via telnet al o via web interface (se disponibile ed attiva) Dotazioni del Centro di Controllo Helpdesk Al fine di poter efficacemente rappresentare in tempo reale la situazione corrente di tutti i device monitorati dal sistema, presso il Centro di Controllo Helpdesk di via Telesforo saranno previste le seguenti ulteriori componenti: - N.1 monitor LCD 42 per la visualizzazione continua del Livello di Territorio in sala, completo della relativa postazione di controllo; - N.3 postazioni di management (helpdesk) costituite da workstation desktop/tower comprensive di monitor LCD da almeno 22. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 12 di 32

13 1.6 Sicurezza logica Al fine di implementare sul sistema rete le corrette ed opportune policy di sicurezza logica atte a preservare l intero sistema distribuito da possibili vulnerabilità di tipo informatico, l architettura dei CED prevederà una segmentazione della rete in Security Level attuata mediante dispositivi di firewalling, VLAN e filtri statici Organizzazione logica in Security Level E prevista l implementazione almeno dei seguenti livelli di sicurezza: - Security Level 0 (Outside): porzione di rete direttamente visibile dalla rete pubblica Internet (e quindi caratterizzata dal più basso livello di sicurezza), rappresenterà il segmento di interconnessione dei firewall perimetrali con i router main/backup di accesso Internet. - Security Level 1 (DMZ, De-Militarized Zone): comprenderà tutti i segmenti di rete (protetti da firewall) che ospiteranno i servizi visibili dalla rete pubblica Internet. - Security Level 2 (Inside): sarà il segmento di raccordo tra i firewall perimetrali e gli apparati di core. - Security Level 3 (Users/VPN Users): comprenderà tutti i segmenti di rete che ospiteranno gli utenti locali (VLAN Users) oppure remoti (via VPN); tali VLAN saranno organizzate per posizione oppure gruppi di lavoro. - Security Level 4 (Server Farm): tale livello comprenderà i segmenti di rete caratterizzati dal più elevato livello di sicurezza (cd. back-end); apparterranno a tali livello i segmenti di server farm e management. I segmenti di livello 4 saranno protetti dai segmenti di livello 3 mediante configurazione di filtri statici sui dispositivi di core Caratteristiche delle Security Appliance I segmenti Outside, DMZ e Inside saranno gestiti da una coppia di security appliance, configurate in alta affidabilità, che svolgeranno sia funzioni di firewalling perimetrale ( stateful inspection ) che di content filtering, al fine di prevenire l accesso a siti non autorizzati e/o potenzialmente soggetti a rischio informatico. Circa l ultimo punto, dovrà essere possibile l integrazione con il dominio Micorsoft Active- Directory esistente al fine di sincronizzare automaticamente utenti e gruppi e, quindi, attribuire in modo agevole ed efficace la corretta profilazione per categorie di siti visitabili. Le security appliance dovranno elaborare i flussi di traffico mediante hardware ASIC al fine di sviluppare un throughput nominale non inferiore a 6Gbps per oltre sessioni concorrenti su utenti illimitati. Pagina 13 di 32

14 Ciascun apparato dovrà inoltre disporre di almeno n.5 interfacce 10/100/1000BaseTX per l attestazione di tutti i segmenti di rete di competenza. Infine, per la realizzazione dei segmenti Outside e DMZ, la fornitura comprenderà n.2 coppie di access switch Layer 2 a configurazione fissa di tipo stackable (stack ad anello), ciascuno equipaggiato con almeno n.24 porte 10/100BaseTX e n.2 porte 10/100/1000BaseTX/SFP. Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 14 di 32

15 1.7 Sistema Telefonico ToIP In considerazione dello stato di obsolescenza del sistema telefonico esistente e delle caratteristiche di affidabilità, ridondanza, scalabilità e flessibilità dell infrastruttura di rete descritta ai precedenti paragrafi, si prevede la completa sostituzione dei PBX con un sistema telefonico unificato ToIP ( Telephony over IP ) ovvero completamente e nativamente IP-based, a standard SIP Caratteristiche generali Il nuovo sistema telefonico presenterà le seguenti caratteristiche: - Architettura distribuita dei sistemi server di segnalazione (n.1 server presso il CED primario ed n.1 server presso il CED secondario, in una logica di Business-Continuity); - Architettura distribuita dei gateway TDM verso la rete telefonica pubblica PSTN (n.1 gateway da n.2 flussi Euro-ISDN PRA presso il CED primario, più un ulteriore gateway da n.2 flussi Euro-ISDN PRA presso il CED secondario, in logica di Business-Continuity); - Consolidamento dei flussi di interconnessione PSTN con gestione della Number-Portability di tutte le sedi provinciali (relative alle sedi di Foggia e del territorio provinciale); - Terminali telefonici autoconfiguranti (via DHCP e TFTP), telealimentati a mezzo POE standard IEEE 802.3af, con switch integrato 10/100BaseTX. - Voice Mail con possibilità di Unified Messaging (integrazione con Micorsoft Exchange) e IVR. - Servizi telefonici evoluti; - Sistema di management centralizzato web-based, integrabile nella piattaforma di gestione centralizzata in uso al Centro di Controllo Helpdesk; - Sistema di documentazione addebiti, con gestione dei centri di costo, reportistica ed allarmi; - Gateway IP per i dispositivi analogici (Fax) Benefici di breve, medio e lungo periodo L architettura fortemente innovativa di un sistema ToIP, basata essenzialmente sulla completa condivisione della medesima infrastruttura di rete convergente IP per il trasporto di servizi dati e fonia (sia in ambito LAN che in ambito WAN), diversamente da quanto consentito dai sistemi PBX tradizionali o IP-enabled, consentirà la realizzazione dei seguenti benefici di breve, medio e lungo periodo: - Semplicità di gestione: tutti gli apparecchi telefonici IP saranno autoconfiguranti e potranno quindi essere spostati per esigenze di carattere logistico (anche in sedi diverse) senza necessità di alcuna attività manuale di permutazione negli armadi, né di riconfigurazione del terminale e/o dell utenza ad esso associata. - Uso efficiente del cablaggio e degli switch di accesso LAN: grazie allo switch integrato, ciascuna postazione di lavoro composta da telefono IP e PC, impegnerà una sola presa telematica ed una sola porta sull apparato LAN di accesso, riducendo anche il numero dei cavi sulla postazione utente. Pagina 15 di 32

16 - Continuità di funzionamento in caso di black-out: grazie alla telealimentazione POE degli apparecchi telefonici ed alla distribuzione dell energia sui rack via UPS, il sistema telefonico continuerà ad essere operativo anche in caso di interruzioni nell erogazione dell energia elettrica, purché di durata limitata. - Semplice scalabilità: sarà possibile estendere il sistema telefonico integrato su nuove sedi dell ente (rendendo pertanto disponibili tutti i servizi di centrale, mantenendo il controllo dei terminali e le caratteristiche di gestione e rendicontazione) semplicemente ampliando la VPN IP/MPLS alle nuove sedi ed installando in rete locale i necessari apparecchi telefonici, senza dover installare nuovi PBX e/o nuovi sistemi server dedicati. - Estensione dell infrastruttura agli istituti scolastici di competenza dell ente: Quale possibile applicazione del punto precedente, sarà possibile, in prospettiva, estendere il sistema anche agli istituti scolastici del territorio provinciale, garantendo le numerazioni esistenti, ma anche la qualità dei servizi erogati ed il controllo del traffico telefonico prodotto. - Consolidamento dell interconnessione alla rete telefonica pubblica PSTN: nelle piccole sedi non sarà più necessario prevedere accessi locali alla rete telefonica; tutti gli accessi potranno infatti essere consolidati sui flussi PRA dei CED, pur mantenendo la numerazione esistente e la gestione locale/distrettuale delle chiamate; inoltre il sistema consentirà l estensione anche a questi utenti della selezione passante e della numerazione breve per le chiamate interne. Da non trascurare il vantaggio economico, gestionale e tecnico derivante dal consolidamento che consentirà l impiego di un numero di canali PSTN inferiore all attuale, grazie ad un uso statistico delle risorse di interconnessione scalato a tutta l utenza della Provincia di Foggia. - Management centralizzato: l intero sistema telefonico IP (sistemi server, gateway e terminali telefonici IP) sarà completamente telegestibile e configurabile dal Centro di Controllo Helpdesk; ciò garantirà un monitoraggio continuo di tutto il parco installato, favorendo gli interventi in proattività. - Protezione dell investimento: la telefonia IP a standard SIP rappresenta l unica tecnologia PBX che garantirà continuità di sviluppo e interoperabilità multi-vendor Dimensionamento del Sistema Telefonico ToIP Il sistema telefonico sarà dimensionato come di seguito riportato: - N.700 telefoni IP a standard SIP, con display alfanumerico, switch 10/100BaseTX integrato, supporto POE IEEE 802.3af, vivavoce full-duplex, almeno n.10 tasti di selezione rapida. - N.70 gateway fax (ATA); - N.2 posti operatore equipaggiati per operatori non-vedenti; - N.700 caselle voice mail; - Software di management e di documentazione addebiti; - N.2 sistemi server per la gestione della segnalazione (call processing) e dei telefoni; - N.2 gateway, ciascuno equipaggiato con almeno n.2 interfacce Euro-ISDN PRA; Pagina 16 di 32

17 Tutte le forniture descritte saranno comprensive dei servizi professionali di installazione, configurazione, training, migrazione, test ed avviamento dei sistemi previsti. Pagina 17 di 32

18 1.8 Potenziamento Server Farm CED primario Caratteristiche generali Come verrà meglio dettagliato nei paragrafi successivi, la soluzione proposta nel presente progetto è mirata al conseguimento dei seguenti obiettivi: - Creare un sistema affidabile ed altamente disponibile I servizi saranno erogati da un sistema blade agganciato ad una SAN dedicata, al fine di realizzare un sistema efficiente, ma al tempo stesso affidabile. In particolare, i server ospiteranno un ambiente di virtualizzazione (VMWare vsphere 4.0) che genererà gli ambienti operativi, condividendo ed ottimizzando le risorse hardware installate. Ciò significa ad esempio che un guasto su uno dei blade non genererà alcun blocco dei servizi, ma al più un sostenibile degrado delle prestazioni. Le applicazioni non dovranno essere necessariamente progettate per funzionare in alta-affidabilità su sistemi clusterizzati: l ambiente operativo virtuale è già clusterizzato in modo trasparente dal sistema VMWare. Tutte le componenti critiche dello chassis e dei collegamenti verranno duplicate (porte di rete, porte fibre channel, controller, etc.), lo storage utilizzerà il RAID5 al fine di elevare le prestazioni del servizio in termini di affidabilità e disponibilità, assicurando la massima continuità operativa. - Ottimizzare i costi I sistemi offerti si integreranno con quanto già in essere presso il CED esistente di via Telesforo, condividendo tutti gli strumenti e le facility già disponibili. I sistemi blade rispetto ai sistemi tradizionali basati su rack server consentiranno una maggiore flessibilità di crescita contenendo i costi. Non trascurabili saranno anche i benefici connessi al maggior risparmio energetico sia in termini di energia di alimentazione che di condizionamento. - Favorire il controllo ed il management Il sistema blade sarà fornito comprensivo di un sistema di management che renderà disponibile ai tecnici del Centro di Controllo Helpdesk un interfaccia di monitoraggio e controllo semplice ed efficace, tale quindi da favorire le proattività nell individuazione e gestione delle anomalie Sistemi Server di tipo Blade Un sistema di server consolidation basato su blade è costituito da uno chassis caratterizzato da un certo numero di slot, all interno dei quali si inseriscono i blade server, sottili e sostituibili a caldo, ciascuno caratterizzato dai suoi processori, le sue memorie, i suoi controller, il suo sistema operativo, ecc. I blade server condividono quindi lo chassis, gli alimentatori (ridondati ed operanti in load-sharing), le ventole di raffreddamento, le interfacce, ecc. Il sistema è progettato per ridurre gli ingombri, ridurre il Pagina 18 di 32

19 numero di cavi e di collegamenti, ottimizzare costi e risorse, incrementare la flessibilità, la scalabilità, l affidabilità, le performance, nonché semplificare le attività di installazione e manutenzione. In particolare, la soluzione proposta rappresenta l espressione ideale del nuovo concetto dell on-demand computing soprattutto nelle funzioni della gestione e bilanciamento dinamici dei carichi di lavoro e della virtualizzazione degli ambienti. In altri termini, mediante sistemi di virtualizzazione, è possibile creare tutti gli ambienti applicativi necessari, condividendo le risorse e la clusterizzazione del sistema blade. Nel momento in cui la crescita del carico di lavoro dovesse imporre la necessità di una maggiore capacità di calcolo, sarà sufficiente aggiungere nuove risorse di computing (ovvero un ulteriore blade server), alimentando il cluster con nuove risorse di processing e di memoria. Grazie a questo concetto innovativo, la capacità elaborativa diviene analoga ad una qualunque utilità, come ad es. l energia elettrica, ampliabile a costi contenuti e solamente nel momento in cui la necessità diviene effettiva Benefici della soluzione Blade - Densità Permettendo un elevato numero di blade ad alte prestazioni installati in un singolo chassis, la tecnologia blade raggiunge i più alti livelli di densità ottenibile; al tempo stesso rende possibili tutte le maggiori espansioni attraverso moduli opzionali. Un aumento della densità significa meno spazio rack, un minor numero di componenti duplicate, un minor numero dei cavi, un minor numero di unità di alimentazione in load-sharing. Quotidianamente vengono realizzati implicitamente molti rispami, quali l energia di alimentazione e quella di raffreddamento, i tempi di assemblaggio e di installazione, i costi derivanti dagli spazi occupati. - Disponibilità La tecnologia blade è disegnata per eliminare le vecchie limitazioni imposte dal disegno dei server e delle applicazioni convenzionali, nella quale ogni server realizza un ambiente applicativo e l altaaffidabilità è affidata al sistema operativo o all applicazione stessa. - Scalabilita Sottili e sostituibili a caldo, i server blade entrano in unico chassis (come libri in una libreria, pur restando ognuno un server indipendente, con i suoi processori, le sue memorie, il suo storage, i controller di rete, il sistema operativo), condividendo l alimentazione, i fans, gli switches, le porte I/O, il DVD. Aggiungere un nuovo server, generalmente, richiede l inserimento di un nuovo server blade mono o multi processore in uno slot libero dello chassis. I moduli opzionali interni allo chassis permettono di aggiungere dispositivi condivisi, collocati esternamente nelle soluzioni di tipo tradizionale. - Rapidità di installazione Con la tecnologia blade, un server aggiuntivo viene installato facendo scivolare nello chassis una lama (blade). Ciascun server blade si connette alle componenti dell infrastruttura nello chassis, senza richiedere l uso di cavi multipli. Pagina 19 di 32

20 - Manutenzione semplificata Tutte le componenti critiche di un server blade possono essere rese ridondanti hot-swappable, incluso i sistemi di raffreddamento, i gruppi di alimentazione, i controller e gli switch, gli hard disk ed i processori. Rimuovere un server per effettuare manutenzione, significa semplicemente sfilare la lama dallo chassis. - Management Per mezzo della console di management, tutti gli chassis possono essere monitorati e gestiti da una singola postazione (anche remota) attraverso una semplice ed intuitiva interfaccia grafica. I tools consentono l automazione degli update dei sistemi, l accensione e lo spegnimento, l abilitazione e la disabilitazione di switch, l immissione di sequenze di boot, l aggiornamento di firmware su uno specifico ed individuale blade, il redeployment, etc. - Riduzione dei costi Alta densità, riduzione dei collegamenti, facilità di gestione, installazione e manutenzione, scalabilità on-demand, riduzione dei consumi energetici, etc. sono tutti elementi che concorrono nella riduzione dei costi rispetto ad una soluzione tradizionale basata su rack server. A parità di processore utilizzato, un sistema blade può costare da 3 a 4 volte meno rispetto ad un equivalente sistema da rack Dimensionamento del sistema Blade e SAN (Storage Area Network) La soluzione proposta per il potenziamento del CED sarà composta da N.1 Blade chassis di ultima generazione, con unità di alimentazione ridondate e chassis da almeno n.10 slot, equipaggiato con n.3 server blade con le seguenti prestazioni: - Processore Intel Xeon Quad-Core; - RAM complessiva 32GB; - Doppio attacco fibra verso la SAN (doppio path), in caso di switch fiber-channel esterno, integrato in caso di modulo fiber-channel installato a chassis. - Doppio attacco verso rete LAN Ethernet (doppio path), in caso di attestazione diretta 1+1Gbps sugli apparati core, intergrato in caso di modulo switching integrato con porte di consolidamento 10+10Gbps. Il sistema Blade realizzerà un alto livello di affidabilità in considerazione delle seguenti caratteristiche: - Lame hot-swap operanti in load-sharing grazie al sistema di virtualizzazione VMWare; - Alimentazione ridondata; - RAM realizzata con DIMM Chipkill che permettono di isolare un banco malfunzionante; - Collegamenti LAN ridondati lato server, terminati su schede diversificate dello switch core del CED. - Collegamenti fibre-channel verso la SAN ridondati lato server, terminati su switch diversificati connessi a controller ridondati su SAN. Grazie all impiego di un pool di lame virtualizzate con VMWare, è possibile affermare che in qualunque momento, seppure con prestazioni degradate (in presenza di un guasto simultaneo su una o due lame), i servizi erogati saranno sempre attivi. L integrazione di una ulteriore lama all interno del pool permetterà di Pagina 20 di 32

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

1 Premessa. La Provincia di Foggia potrà quindi:

1 Premessa. La Provincia di Foggia potrà quindi: Gara di appalto per la fornitura di sistemi, infrastrutture tecnologiche e servizi per la dematerializzazione dei documenti e la costituzione dell archivio digitale e cartaceo degli atti della Provincia

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità Sistemi Server integrati di cassa MULTIFLEX Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità ASEM PROSERVER MULTI-FLEX integra storage, elaborazione e connettività per rendere più semplice il

Dettagli

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità Sistemi Server integrati di cassa MULTIFLEX Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità ASEM PROSERVER MULTI-FLEX integra storage, elaborazione e connettività per rendere più semplice il

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. All. 1 CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. OGGETTO E LUOGO DI CONSEGNA DELLA FORNITURA...4

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI UNA INFRASTRUTTURA SERVER BLADE, PER LA NUOVA SEDE DELLA FONDAZIONE RI.MED CUP H71J06000380001 NUMERO GARA 2621445 - CIG 25526018F9 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7400

Centralino telefonico OfficeServ 7400 Centralino telefonico OfficeServ 7400 Samsung OfficeServ 7400 è il sistema di comunicazione all-in-one dedicato alle aziende di medie e grandi dimensioni che necessitano di soluzioni semplici ed integrate

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7200

Centralino telefonico OfficeServ 7200 Centralino telefonico OfficeServ 7200 Samsung OfficeServ 7200 costituisce un unica soluzione per tutte le esigenze di comunicazione di aziende di medie dimensioni. OfficeServ 7200 è un sistema telefonico

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA.

ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA. ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSTENZA TECNICA. La fornitura delle apparecchiature richieste si compone di: 1. n. 2 armadi rack

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD

ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD Il presente allegato tecnico ha per oggetto la fornitura di server e di materiale e servizi di assistenza tecnica

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi

Caratteristiche e vantaggi Dominion KX II Caratteristiche Caratteristiche dell hardware Architettura hardware di nuova generazione Elevate prestazioni, hardware video di nuova generazione Due alimentatori con failover Quattro porte

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Appliance di protezione gestite via cloud

Appliance di protezione gestite via cloud Scheda Tecnica MX Serie Appliance di protezione gestite via cloud Panoramica Meraki MX è una soluzione completa che racchiude firewall e gateway di filiale di ultima generazione, concepita per fare in

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Esigenze Didattiche DIREZIONE DIDATTICA STATALE CIRCOLO Cod. Fisc.: 900460845 Cod. Mecc. AGEE0400E - Tel. +390996830 Fax +39099658 CAPITOLATO TECNICO - ALLEGATO B PROGETTO: SCUOL@ONLINE Questo documento

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Infrastrutture e Architetture di sistema

Infrastrutture e Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi B2_1 V1.1 Infrastrutture e Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

GUIDA AL PORTFOLIO LENOVO THINKSERVER. Altamente scalabile e flessibile per crescere insieme all azienda.

GUIDA AL PORTFOLIO LENOVO THINKSERVER. Altamente scalabile e flessibile per crescere insieme all azienda. GUIDA AL PORTFOLIO LENOVO THINKSERVER Altamente scalabile e flessibile per crescere insieme all azienda. Grazie ai sistemi Lenovo ThinkServer, fondamentali per l ottimizzazione di aziende da piccole a

Dettagli

Capitolato per la fornitura di server e relativi servizi di assistenza hardware in garanzia

Capitolato per la fornitura di server e relativi servizi di assistenza hardware in garanzia AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI FUNZIONE TECNOLOGIE INFORMATICHE E TELECOMUNICAZIONI Ufficio I AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI Capitolato per la fornitura di

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Symantec Network Access Control Starter Edition

Symantec Network Access Control Starter Edition Symantec Network Access Control Starter Edition Conformità degli endpoint semplificata Panoramica Con è facile iniziare a implementare una soluzione di controllo dell accesso alla rete. Questa edizione

Dettagli

NeXspan La nuova generazione di sistemi e soluzioni per la telefonia IP

NeXspan La nuova generazione di sistemi e soluzioni per la telefonia IP NeXspan La nuova generazione di sistemi e soluzioni per la telefonia IP Sistemi di comunicazione NeXspan small solutions NeXspan S NeXspan S1 NeXspan C Image For Position Only La gamma NeXspan è la soluzione

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione della Server Farm del SIFS

Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione della Server Farm del SIFS SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DELLA FISCALITÀ (SIFS) Progetto del Sotto-Sistema informativo di gestione delle imposte regionali (SIFS-02) Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione

Dettagli

L ARCHITETTURA TECNOLOGICA E IL DATA CENTER DI REGIONE MARCHE

L ARCHITETTURA TECNOLOGICA E IL DATA CENTER DI REGIONE MARCHE MARCHE DIGIP L ARCHITETTURA TECNOLOGICA E IL DATA CENTER DI REGIONE MARCHE Macerata 18 aprile 2013 MARIA LAURA MAGGIULLI CENTRO CONTROLLO RETI E SISTEMI PF SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI 1 DigiP La,

Dettagli

Immagina di proteggere la tua azienda in modo unico

Immagina di proteggere la tua azienda in modo unico Enteprise IP Solutions All-in-one solution 7400 Sistemi Telefonici Samsung Immagina di proteggere la tua azienda in modo unico OfficeServ 7400: il nuovo sistema telefonico per un azienda che arriva prima.

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli

A) SERVER PREMESSA. Fornitura ed installazione di n.13 configurazioni a rack di: n. 2 PC Server ciascuno con le seguenti caratteristiche:

A) SERVER PREMESSA. Fornitura ed installazione di n.13 configurazioni a rack di: n. 2 PC Server ciascuno con le seguenti caratteristiche: ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER, PERSONAL COMPUTER, ALTRE ATTREZZATURE INFORMATICHE E LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA. PREMESSA Il Sistema Informativo dell Assessorato

Dettagli

IBM BladeCenter S: grandi vantaggi per piccoli uffici

IBM BladeCenter S: grandi vantaggi per piccoli uffici IBM Center S: grandi vantaggi per piccoli uffici Caratteristiche principali Soluzione all-in-one, con integrazione di server, storage SAN, networking e input/ output (I/O) in un unico chassis Nessuna particolare

Dettagli

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Resoconto commissionato da EMC Corporation Introduzione In breve EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli

IBM BladeCenter S Grandi vantaggi per piccoli uffici

IBM BladeCenter S Grandi vantaggi per piccoli uffici IBM Center S Grandi vantaggi per piccoli uffici Caratteristiche Soluzione all-in-one, con integrazione di server, storage SAN, networking e input/output (I/O) in un unico chassis Nessuna particolare esigenza

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in ANSA: dal firewalling all'utm

La gestione integrata della sicurezza in ANSA: dal firewalling all'utm La gestione integrata della sicurezza in ANSA: dal firewalling all' di Michelangelo Uberti La lunga collaborazione tra Babel e Sophos Babel è un software & infrastructure system integrator con competenze

Dettagli

S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO

S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I Data di Pubblicazione Frascati, 20/05/2010 GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO Oggetto: Stabilizzazione

Dettagli

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia Sabato 8 marzo 2014 Aula Magna ITTS «A. Volta» - Perugia L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia VINICIO BALDUCCI Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Punto di partenza ideale come sistema di archiviazione professionale MAXDATA PLATINUM 600 IR

Punto di partenza ideale come sistema di archiviazione professionale MAXDATA PLATINUM 600 IR Punto di partenza ideale come sistema di archiviazione professionale MAXDATA PLATINUM 600 IR MAXDATA PLATINUM 600 IR: Punto di partenza ideale come sistema di archiviazione professionale Caratteristiche

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Scheda tecnica Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Panoramica del prodotto Trovare un'appliance di sicurezza della rete che offra la giusta velocità di trasmissione, la protezione dalle minacce e le opzioni

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

L architettura di rete FlexNetwork

L architettura di rete FlexNetwork HP L offerta di soluzioni e servizi per il networking di HP si inserisce nella strategia che concorre a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione di data

Dettagli

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE - Giugno 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE E DI BACKUP DEL III DIPARTIMENTO-SINIT ALLEGATO 6

CAPITOLATO TECNICO PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE E DI BACKUP DEL III DIPARTIMENTO-SINIT ALLEGATO 6 ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISIZIONE DI HARDWARE, SOFTWARE, E SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE AREA NETWORK E SUPPORTI DI BACKUP PER IL III DIPARTIMENTO-SINIT

Dettagli

Esercizio progettazione rete ex-novo

Esercizio progettazione rete ex-novo Esercizio progettazione rete ex-novo Si vuole cablare un edificio di due piani di cui si riporta la piantina. In ognuna delle stanze numerate devono essere predisposti 15 punti rete, ad eccezione della

Dettagli

Linea Meraki MX Appliance di protezione gestite via cloud

Linea Meraki MX Appliance di protezione gestite via cloud SCHEDA TECNI Linea Meraki MX Appliance di protezione gestite via cloud Panoramica Meraki MX è una soluzione completa che racchiude firewall e gateway di filiale di ultima generazione, concepita per fare

Dettagli

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti Silent Cubes Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti 02 Infinita quantità di dati indefinitamente: archiviazione di lungo termine con Silent Cubes Liberate spazio

Dettagli

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it La virtualizzazione delle risorse di rete e dei sistemi di sicurezza: l implementazione di router e firewall virtuali sul bordo di una rete dati di accesso al GARR Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Soluzioni networking per video IP

Soluzioni networking per video IP Safety Security Certainty Soluzioni networking per video IP Prestazioni elevate e flessibilità completa per soddisfare tutte le esigenze di trasmissione dati attuali e future Una piattaforma, possibilità

Dettagli

Soluzioni di storage per le aziende on demand

Soluzioni di storage per le aziende on demand Soluzioni di storage per le aziende on demand Sistemi IBM Storage Server X206 Storage Server x226 Storage Server HS20 Storage Server x346 Storage Server Caratteristiche principali Differenziazione e innovazione

Dettagli

MINISTERO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE REGIONE CAMPANIA COMUNE DI AVELLINO SETT. Segreteria Generale - CED

MINISTERO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE REGIONE CAMPANIA COMUNE DI AVELLINO SETT. Segreteria Generale - CED SETT. Segreteria Generale - CED Piano Nazionale di E-Government PIANO OPERATIVO REGIONALE Misura 6.2 Sviluppo della Società dell Informazione OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: CIVITAS.NET

Dettagli

2.2.1 FrontEnd FIREWALL CARATTERISTICHE VALORE RICHIESTO VALORE OFFERTO QTA' 2

2.2.1 FrontEnd FIREWALL CARATTERISTICHE VALORE RICHIESTO VALORE OFFERTO QTA' 2 2.2.1 FrontEnd FIREWALL RICHIESTO QTA' 2 modello throughput 400 Mbps Throughput cifrato (3DES) 200 Mbps VPN Session 700 Connessioni al secondo 7000 RAM 512 Mbyte System flash 64 6 porte per Network Gigabitporte

Dettagli

INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA...

INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA... CAPITOLATO TECNICO Appendice 1 DESCRIZIONE TECNICA DEGLI ATTUALI SISTEMI ED AMBIENTI E DEI RELATIVI PRODOTTI SOFTWARE COSTITUENTI LO SCENARIO TECNOLOGICO DI RIFERIMENTO Pagina 1 INDICE 1 PREMESSA... 3

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli

Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino

Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino Effective Email & Collaboration Ottenere il massimo da Lotus Notes e Domino SurfTech: la competenza al servizio dell innovazione SurfTech nasce nel Febbraio 2008, dall iniziativa di tre professionisti

Dettagli

Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia

Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia A cura di Fiumicelli Dott. Massimiliano Situazione attuale La Sala Server Distrettuale di Perugia è sita in P.zza Matteotti N. al Primo Piano

Dettagli

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI - TABELLE REQUITI MINIMI TABELLE REQUITI MINIMI REQUITI APPARATI TIPO A REQUITI GENERALI Apparato Modulare con backplane passivo, con CHASS montabile su rack standard

Dettagli

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati di sequenziamento Premessa Il presente Capitolato definisce

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8.

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8. Pag 1 di 6 Pag 2 di 6 Descrizione Generale L impianto prevede la fornitura, installazione, messa in esercizio e collaudo di una rete dati e per il collegamento di un edificio nuovo, denominato Edificio

Dettagli

HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks

HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks Full-IP per le piccole e medie imprese HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks s hipath 2000-20x20 10-05-2006 9:57 Pagina 3 La comunicazione IP Interagire rapidamente e in modo efficace con i propri

Dettagli

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere.

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Allegato A SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Gestione Infrastruttura Sistema Informativo

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

IBM System Storage DS5020 Express

IBM System Storage DS5020 Express Gestione della crescita, della complessità e dei rischi grazie a un sistema storage scalabile ad elevate prestazioni IBM System Storage DS5020 Express Punti di forza Interfacce FC a 8 Gbps di nuova Storage

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Virtuale L Offerta di Hosting di Impresa Semplice, capace di ospitare tutte le applicazioni di proprietà dei clienti in grado di adattarsi nel tempo

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO CED EX OPP

Dettagli

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SITR-GS SUAP-04 ARC-SARD-SV Progetto: SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SUAP-04- Evoluzione del sistema informativo Sardegna SUAP per l erogazione dei servizi in modalità

Dettagli

Soluzione medium cost: Thumper

Soluzione medium cost: Thumper CCR/19/07/P Luglio 2007 Versione 1.1 Infrastrutture di storage per servizi centrali e calcolo di esperimento: soluzioni e costi Gruppo storage di CCR Introduzione Questo documento riassume i dati sulle

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 INDICE pagina 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 6. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE 5 7. NODI DI RETE NUOVO

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani

Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani Enterprise UCC con SAMubycom Comunicare semplicemente, non semplicemente comunicare Luca Andreani 0 UC&C per il mondo Enterprise: perché? Per competere sul mercato l adozione di sistemi adeguati di Comunicazione

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Bando di gara a procedura aperta per la fornitura di hardware

Bando di gara a procedura aperta per la fornitura di hardware Repubblica Italiana P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 Misura 6.3 SITR-EST Supporto agli Enti Locali su Catasto, Territorio e Tributi: Estensione infrastruttura HW/SW del SITR e abilitazione sedi operative Bando

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

Multicom 301/302. Agente di rete NetMan 101/102 Plus. Convertitore di protocollo. Duplicatore di seriale Multicom 351/352.

Multicom 301/302. Agente di rete NetMan 101/102 Plus. Convertitore di protocollo. Duplicatore di seriale Multicom 351/352. Agente di rete NetMan 101/102 Plus L agente di rete NetMan plus consente la gestione dell UPS collegato direttamente su LAN 10/100 Mb utilizzando i principali protocolli di comunicazione di rete (TCP/IP,

Dettagli

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE Oggetto: Fornitura ed installazione di attrezzature informatiche, collegamenti Hiperlan tra le sedi comunali, sistema radio e di videosorveglianza perimetrale. TAV. 1 PREVENTIVO DI SPESA IL RESPONSABILE

Dettagli

SaeetNet division. Soluzioni Tecnologiche e Informatiche per Comunicazioni, Internet e Sicurezza

SaeetNet division. Soluzioni Tecnologiche e Informatiche per Comunicazioni, Internet e Sicurezza SaeetNet division Soluzioni Tecnologiche e Informatiche per Comunicazioni, Internet e Sicurezza Soluzioni per l ICT SaeetNet è la divisione di SAEET S.p.a. costituita nel Gennaio del 2006, focalizzata

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI 1 di 8 INDICE I Valori di Solutiva pag. 3 La Mission Aziendale pag. 4 La Manutenzione Hardware pag. 5 Le Soluzioni Software pag. 6 Il Networking pag. 7 I

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Risposte alle richieste di chiarimenti

Risposte alle richieste di chiarimenti Gara comunitaria, a procedura aperta, per la fornitura di un sistema di telefonia e dati su un unica infrastruttura di rete per le sedi dell Amministrazione centrale del Ministero della salute Risposte

Dettagli

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO]

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Scuol@2.0 ITIS Teramo [ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Progetto di massima della rete che si vuole realizzare per implementare il progetto "Patto per la Scuol@2.0" Prof.Mauro De Berardis Progetto della

Dettagli

WEBSENSE. La sicurezza unificata Triton. ICT Security 2013

WEBSENSE. La sicurezza unificata Triton. ICT Security 2013 ICT Security 2013 WEBSENSE La popolarità degli strumenti di collaborazione basati su Web, gli applicativi Internet sempre più complessi, i social network e la presenza di applicazioni software-as-a-service

Dettagli