IL SOSTEGNO E IL MOVIMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SOSTEGNO E IL MOVIMENTO"

Transcript

1 IL SOSTEGNO E IL MOVIMENTO

2 è formato da due complessi sistemi: - sistema scheletrico - sistema muscolare I tendini sono le strutture che mantengono in collegamento meccanico i muscoli con le ossa.

3 Sistema scheletrico Funzioni Il sistema scheletrico è formato da ossa che svolgono all interno nostro corpo svariate funzioni: - sostegno soprattutto la colonna vertebrale - protezione cranio e gabbia toracica - emopoiesi midollo osseo produce globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. - locomozione lavoro di coppia tra muscoli e ossa - riserva sali minerali

4 Sistema scheletrico Tipologie di tessuti Lo scheletro è formato da due tipi di tessuti: tessuto osseo: formato da cellule vive dette osteociti immerse in una matrice minerale. tessuto osseo compatto: formato da sottili lamelle concentriche dette trabecole che circondano i vasi sanguigni localizzati nel canale di Havers. Ogni sistema di lamelle viene detto osteone. tessuto osseo spugnoso: formato da trabecole ossee intrecciate per lasciare spazio al midollo osseo rosso.

5 Sistema scheletrico Tipologie di tessuti Lo scheletro è formato da due tipi di tessuti: tessuto osseo: formato da cellule vive dette osteociti immerse in una matrice minerale. tessuto osseo compatto tessuto osseo spugnoso

6 Sistema scheletrico Tipologie di tessuti Lo scheletro è formato da due tipi di tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo: costituito da cellule vive tondeggianti, dette condrociti, immerse in una matrice proteica, detta collagene. Alla nascita il nostro scheletri è formato da abbondante cartilagine, resistente ed elastica, per poi trasformarsi completamente in tessuto osseo, ad eccezione di padiglioni auricolari, punta naso, estremità le costole, dischi intervertebrali.

7 Sistema scheletrico Tipologie di tessuti Lo scheletro è formato da due tipi di tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo

8 Sistema scheletrico Tipologie di ossa Possiamo trovare tre tipologie di ossa: - ossa lunghe: parte mediana allungata, detta diafisi, e due estremità chiamate epifisi. - ossa piatte: sono estese in superficie, ma molto sottili. Sono un sandwich di due tessuti compatti con all interno un tessuto spugnoso. - ossa corte: hanno tre dimensioni quasi equivalenti. Sono completamente composti da tessuto spugnoso avvolto da tessuto compatto.

9 Sistema scheletrico Le parti lo scheletro CAPO cranio e faccia forame occipitale TRONCO colonna vertebrale gabbia toracica ARTI arti superiori: cinto scapolare, braccio, avanbraccio e mano arti inferiori cinto pelvico o bacino, anche, coscia, gamba, piede

10 Sistema scheletrico Le parti lo scheletro: CAPO cranio e faccia forame occipitale CAPO TRONCO ARTI

11 Sistema scheletrico Le parti lo scheletro: TRONCO Colonna vertebrale: 34 vertebre impilate: foro vertebrale, sede midollo spinale. Regioni la colonna: cervicale, toracica, sacrale, coccigea lombare, CAPO TRONCO ARTI

12 Sistema scheletrico Le parti lo scheletro: TRONCO Gabbia toracica sterno 12 paia di costole, suddivise in: 7 costole vere 3 costole false 2 costole fluttuanti più corte CAPO TRONCO ARTI

13 Sistema scheletrico Le parti lo scheletro: ARTI Arti superiori Attaccati al tronco tramite cinto scapolare, formato da due clavicole e due scapole. Braccio: omero Avanbraccio: radio e ulna Mano: carpo, metacarpo, falangi Arti inferiori attaccati al tronco tramite cinto pelvico o bacino, formato da due anche costituite da ileo, ischio e pube, fuse insieme. Coscia: femore Gamba: tibia e perone Piede: tarso, metatarso, falangi CAPO TRONCO ARTI

14 Sistema scheletrico Le articolazioni Strutture che collegano due o più ossa. Si possono distinguere articolazioni: - fisse: non consentono alcun movimento, come le suture la scatola cranica; - semimobili: sono costituite prevalentemente di cartilagine e permettono movimenti limitati, come i dischi intervertebrali che collegano le vertebre; - mobili: consentono ampi movimenti. Può essere sferica (anca), a cerniera (ginocchio, gomito) o a perno (atlante).

15 Funzioni dei muscoli I muscoli sono organi formati da cellule dette fibre muscolari. Ogni fibra muscolare è capace di contrarsi. I muscoli svolgono le seguenti funzioni: sostegno: mantengono in posizione le ossa lo scheletro. Danno inoltre forma al corpo. movimento: contrattilità ed elasticità rendono possibile il movimento. contrattilità: capacità di contrarsi elasticità: capacità di ritornare nella forma originaria. produzione di calore: come tutti i mammiferi l uomo è omeotermo. I muscoli sono la principale fonte calore corporeo. I brividi sono contrazioni dei muscoli per innalzare la T corporea.

16 Struttura dei muscoli Esistono tre tipologie di tessuto muscolare: tessuto muscolare liscio tessuto muscolare striato tessuto muscolare cardiaco

17 Struttura dei muscoli Esistono tre tipologie di tessuto muscolare: tessuto muscolare liscio Formato da fibre muscolari lisce. contengono un solo nucleo e sono lunghe pochi decimi di millimetro. Ogni cellula è attraversata longitudinalmente da moltissime strutture cellulare dette miofibrille, le vere strutture contrattili le cellule muscolari. Il tessuto appare liscio al microscopio, cioè privo di bande trasversali. Tutti i muscoli lisci sono involontari.

18 Struttura dei muscoli Esistono tre tipologie di tessuto muscolare: tessuto muscolare liscio tessuto muscolare striato Le miofibrille le cellule muscolari appaiono bandeggiate. La fibra muscolare striata presenta una lunghezza elevata e la presenza di diversi nuclei. Tutti i muscoli striati sono volontari e sono i muscoli che collaborano al movimento nostro corpo con l apparato scheletrico. Sono anche detti muscoli scheletrici.

19 Struttura dei muscoli Esistono tre tipologie di tessuto muscolare: tessuto muscolare liscio tessuto muscolare striato tessuto muscolare cardiaco Ha caratteristiche simile al tessuto muscolare striato, ma è un tessuto che forma un muscolo involontario.

20 I muscoli scheletrici Sono i muscoli che agiscono in cooperazione con le ossa e sono costituiti da tessuto muscolare striato (volontario). Possiamo avere 4 tipologie di muscoli scheletrici: muscoli flessori: avvicinano tra loro due ossa muscoli estensori: allontanano tra loro due ossa muscoli adduttori: avvicinano un arto alla linea mediana corpo muscoli abduttori: allontano un arto dalla linea mediana corpo Due muscoli che permettono movimenti contrario sono definiti muscoli antagonisti.

21 I muscoli scheletrici

22 I muscoli scheletrici Due muscoli che permettono movimenti contrario sono definiti muscoli antagonisti.

23 I muscoli scheletrici Due muscoli che permettono movimenti contrario sono definiti muscoli antagonisti.

24 La fisiologia le fibre muscolari striate Ogni fibra muscolare è una cellula contenente molti nuclei. Ogni fibra muscolare (ogni cellula quindi) è formata da fasci di miofibrille.

25 La fisiologia le fibre muscolari striate Ogni fibra muscolare è una cellula contenente molti nuclei. Ogni fibra muscolare (ogni cellula quindi) è formata da fasci di miofibrille. Ogni miofibrilla è formata da due tipologie di filamenti proteici: - filamenti di miosina - filamenti di actina

26 La fisiologia le fibre muscolari striate Ogni fibra muscolare è una cellula contenente molti nuclei. Ogni fibra muscolare (ogni cellula quindi) è formata da fasci di miofibrille. Ogni miofibrilla è formata da due tipologie di filamenti proteici: - filamenti di miosina - filamenti di actina

27 La fisiologia le fibre muscolari striate Osserviamo il meccanismo nello specifico. Le molecole nominate ATP e ADP sono le molecole energetiche nostro corpo. Ogni attività umana prevede l impiego di molecole energetiche.

28 Una piccola divagazione...atp Da dove ricaviamo ATP? ATP: adenosina trifosfato Quando assumiamo zuccheri (saccarosio, glucosio, amido, ecc) questi vengono scissi (divisi) in molecole più semplici fino ad ottenere molecole di glucosio. Saccarosio G F + G F Amido G G G G G G... G + G + G...

29 Una piccola divagazione...atp Le molecole di glucosio così formate vengono elaborate dalle cellule fino ad ottenere molte molecole di ATP, secondo questa complessa reazione chimica. Ogni molecola di glucosio origina 2 molecole di ATP. Glucosio + 2 NAD+ + 2 ADP + 2 Pi 2 NADH + 2 piruvato + 2 ATP + 2 H2O + 2 H+ G ATP + ATP

30 Una piccola divagazione...atp G ATP + ATP

31 Una panoramica

32 Una panoramica

33 Una panoramica

34 Una panoramica

35 Una panoramica

36 Una panoramica