A cura di: dott. Flavio Chikhani dott. Giuseppe Rolli LA FORMAZIONE ESPERIENZIALE LA METODOLOGIA OUTDOOR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di: dott. Flavio Chikhani dott. Giuseppe Rolli LA FORMAZIONE ESPERIENZIALE LA METODOLOGIA OUTDOOR"

Transcript

1 Acuradi: dott.flaviochikhani dott.giusepperolli LAFORMAZIONEESPERIENZIALE E LAMETODOLOGIAOUTDOOR 1

2 INDICE 1 LaFormazioneEsperienziale 1.1Metodologiediapprendimentodell adulto 1.2L aspettopsicologicodell apprendimentodegliadulti 1.3Laresponsabilizzazioneindividualeelafacilitazionenelprocessodiapprendimento 1.4Lamotivazioneadapprendere 1.5Lavalorizzazionedelleesperienzepersonalieprofessionali 1.6Latrasferibilitàdellaformazionealleprestazionilavorative 1.7Ilmodelloandragogicoelemetodologieesperienziali 2 ElementiCaratteristicidiunInterventoOutdoor 2.1MetaphoricExperientialLearning 2.2Sceltaecostruzionedellametaforaformativa 2.3Lasceltadellalocation 2.4Ilgradodistress 2.5Lanaturaelasequenzadeicompiti 2.6Briefing,PlayingeprocessidiDebriefing 2.7Metodologieetecnichedidebriefing 3 LametodologiaOutdoor 3.1OutdoorSmallTechniques OST 3.2CampiOutdoorPreimpostati COP 3.3OutdoorTraining OT 3.4OutdoorManagementTraining OMT 2

3 1Laformazioneesperienziale Nella formazione degli adulti, il detto che s impara a fare, facendo, è alla base delle Experiential Learning. Gli interventi di formazione esperienziale, quindi di apprendimento tramite esperienza, consentono di osservare le attitudini, di sviluppare le capacità e di acquisireomodificaregliatteggiamentiindividuali,presisiasingolarmente,siaincontestidi gruppo. Fare formazione esperienziale vuol dire, progettare e gestire un ambiente fisico ed uno spazio mentale in cui le persone possono interagire liberamente e condividere delle esperienze cognitive, emotive e fisiche, direttamente o analogicamente correlate all apprendimento di conoscenze,capacitàeatteggiamentiutiliperilmiglioramentodelleprestazionilavorative. La formazione esperienziale spinge il discente ad una riflessione critica sui propri assunti, sulle idee, sulle prospettive e sui valori culturali che tradizionalmente influenzano la sua visione del mondo, il suo atteggiamento e quindi, il suo comportamento, aiutandolo ad apprendere ad apprendere. Le persone sono stimolate a fronteggiare l incertezza dell ambiente esterno mediante la propria creatività, tenacia e perseveranza mantenendo sempre la concentrazione sugli obiettivi da perseguire. Il ruolo del formatore, in questo contesto,èquellodelfacilitatorediapprendimento;affiancareildiscentenellaricostruzione delle esperienze vissute, condividere gli elementi postivi e negativi delle dinamiche del processoesperienziale,formalizzare,infine,icomportamentivincentiequellidamigliorare. Laformazioneesperienzialemettealcentrodelprocessodiapprendimentol esperienzareale dell individuo, stimolando la riflessione, la validazione e l interiorizzazione dei modelli cognitiviedeicomportamentiefficaci. Nel realizzare attività didattiche rivolte agli adulti, lo strumento ed il modello esperienziale risultaessereparticolarmenteefficaceinquantoinlineaconquellechesonolenecessitàele peculiaritàdelsoggettoadultocheapprendemesseinlucedalmodelloandragogico. 1.1Metodologiadiapprendimentodell adulto Leparticolariesigenzedell adultocheapprende,hannoportatoallosviluppoedallaadozione diunmodellodefinitoandragogico,articolatosualcunevariabili: L aspettopsicologicodell apprendimentodegliadulti; Laresponsabilizzazioneindividualeelafacilitazionenelprocessodiapprendimento; Lemotivazioniadapprendere; Lavalorizzazionedelleesperienzepersonalieprofessionali; Latrasferibilitàdellaformazionealleprestazionilavorative. 1.2L aspettopsicologicodell apprendimentodegliadulti L adultoèunapersonaconunaconsolidatastrutturadell esperienza,dellaconoscenzaedegli schemimentali;ogniprocessodiapprendimentopassaattraversolacondizionedell errore,e gli adulti, caratterizzati da notevole orgoglio individuale, generalmente subiscono questa condizione in modo personale con ripercussioni negative sull autostima e sulla fiducia nelle propriepossibilità. È compito del docente supportare la partecipazione degli adulti, sia mediante l adozione di uno stile facilitativo e avalutativo, che attraverso la gestione delle relazioni interpersonali e del clima dell aula. Ciò che emerge è che l adulto deve sentirsi psicologicamente al sicuro e libero di pensare e di sbagliare senza il timore di essere ridicolizzato o valutato negativamente. 3

4 1.3 La responsabilizzazione individuale e la facilitazione nel processo di apprendimento Gli adulti sono essenzialmente persone autonome ed, in quanto tali, dovrebbero essere in gradodiregolare,piùomenoautonomamente,lemodalitàeditempidelloroapprendimento; questo perché, tendenzialmente, dotati di maggiore autodisciplina rispetto ai bambini. Per i motivi appena esposti, l adulto dovrebbe essere lasciato libero di determinare autonomamente intensità e ritmo dell apprendimento, ciò è possibile destrutturando l articolazionedeicontenutiformativi,favorendo,facilitandoedaffiancandoildiscenteadulto nell orientamentoversoilpropriopercorso. Ilcoinvolgimentoattivodeldiscenteadultosiottieneinizialmenteconlapresadicoscienza, dapartedellostesso,delpropriofabbisognoformativo;ciòcheilsoggettodeverazionalizzare èperchéhabisognodisapere.unprimopassocheilformatore/facilitatorepuòcompierein questadirezione,èsomministrareuntestall aulaincuisonoraccolteleaspettative,leattesee gliobiettividiapprendimento.ilmassimodellapartecipazioneattivadell adultoavverrebbe se fosse messo in grado di partecipare alla progettazione ed alla pianificazione del proprio processoformativo;ilcoinvolgimentodeldiscentepotrebbeessererichiestoancheinmerito alla scelta delle metodologie di erogazione e degli strumenti di valutazione della propria attivitàdidattica. Èevidentecheleteoriedell apprendimentodegliadultispostanoilbaricentrodelprocessodi apprendimentodaldocentealdiscente,trasformandoilprimoinun facilitatorediprocesso oltrecheovviamente,espertoneicontenutiformativi. 1.4Lemotivazioniadapprendere L apprendimentodegliadultisibasasullamotivazionedell individuonellapartecipazioneal processoformativoerisiedenell interesseenelbeneficioindividualechelapersonasiaspetta ditrarredalcorso. Fondamentale per il docente è individuare immediatamente, sia le attese che gli adulti manifestano nella partecipazione al corso, sia ciò che è rilevante e significativo rispetto a bisogniedesideridiapprendimento;cosìfacendoriesceprontamentearidefinireeriallineare leattesedeipartecipanticongliobiettividellaformazione. 1.5Lavalorizzazionedelleesperienzepersonalieprofessionali Gli adulti sono persone in possesso di un ricco bagaglio di esperienze e conoscenze, alimentatoneglianni;ildocentedeveessereingradodiriconoscereunsimilebackgroundedi saperlovalorizzareedutilizzareaifinidell apprendimento. Essendo presente questo importante bagaglio di conoscenze ed esperienze pregresse, le nuoveinformazionisonocostantementerelazionateconleesperienzepassate;ildocenteper facilitarel apprendimentodeveprestareattenzioneatempiemodalitàdiquestoprocessodi affiancamento e integrazione delle conoscenze, aiutando il discente a focalizzare i punti di connessione, riepilogando costantemente i nuovi passi conoscitivi, valorizzando la valenza applicativaerisolutivaneicontestidilavoro. 1.6Latrasferibilitàdellaformazionealleprestazionilavorative Gli adulti sono persone pragmatiche, per questo nella progettazione occorre progettare ed orientare l attività didattica ad obiettivi di apprendimento strettamente correlati al miglioramentodellaprestazionelavorativa. 4

5 L apprendimento degli adulti deve esaltare continuamente la valenza applicativa e la trasferibilità dei contenuti teorici alla pratica professionale. Per soddisfare il bisogno di immediataapplicazionedelleconoscenzeallaprassireale,ildocentedeve: Valorizzaregliaspettiapplicatividellenuoveconoscenze,mettendoleinrelazionealle esperienzedeidiscenti; Affiancareildiscentenellarealizzazionediunpianodiazionerelativoall applicazione inaziendadelleconoscenzeacquisite; Condividereiprogettipersonalidisviluppoattraversolavoridigruppo; Al termine del corso, supportare il discente nell applicazione delle conoscenze acquisite attraversoprogrammiditutorship,coaching,follow up. Iltrasferimentodell apprendimentoalcontestolavorativoe/opersonale,èilprimosuccesso dell attivitàformativa. 1.7Ilmodelloandragogicoelemetodologieesperienziali Il modello andragogico, dunque, pone al centro del processo di apprendimento dell adulto l esperienza, non solo il recupero di quella passata, ma anche la realizzazione di nuove. La prospettivadim.knowlesevidenziacomel apprendimentodegliadultirichiedaunapproccio metodologico orientato a massimizzare il coinvolgimento dell individuo nell esperienza formativa. Il discente apprende meglio se stimolato in tutte le dimensioni in cui può esprimerelapropriasoggettività:intellettuale,emotivaefisica. Apprendere da e attraverso l esperienza vuol dire ancorare a vissuti psico/emotivi l acquisizione di nuova conoscenza, mediante un attività di riflessione critica. In termini metodologici, si pone grande enfasi sulle modalità attive, sul bilanciamento tra le logiche induttiveededuttivedelprocessodiapprendimento. Lavoraconleesperienzepertantorichiededialternare: Momenti induttivi, di riflessione e valutazione delle esperienze e delle realtà aziendali, alla ricerca di principi di elaborazione, d ipotesi interpretative e di concettualizzazionedell esperienza; Momenti deduttivi,diutilizzodellelogicheedelleregoletrovate,perinterpretarele esperienzepassateepersperimentareepianificarecomportamentifuturi;innescando cosìilpassaggiodallateoriaallapratica. Illavorosulleesperienzeaiutaasvilupparealcunecompetenzetrasversalidiosservazionedi ascolto,dianalisi,dipensierocritico,dipianificazioneedimplementazionedell azione;tutte capacitàdiffusamenterichiestenell attualecontestomanageriale. In sostanza, nella formazione manageriale, non bisogna tanto lavorare sulla modellazione deduttiva del comportamento individuale, quanto sulla riproduzione analogica della complessità degli ambienti aziendali, con attività di formazione che rispecchino le caratteristichedellavoroelecompetenzeadessoassociate;iltuttoconapproccioinduttivo. 2ElementiCaratteristicidiunInterventoOutdoor Primadiillustrarealcunedelletecnicheconcuièpossibilerealizzareinterventidiformazione esperienzialeoutdoor,èopportunounchiarimentoprettamentelinguistico. Perattivitàoutdoors intendonotuttequegliinterventidiformazionecheapplicanomodellidi apprendimentoesperienzialeechesonorealizzatifuoridall aula,all ariaaperta. 5

6 Questo capitolo indaga quelli che possono essere definiti gli elementi imprescindibili di un efficace intervento di formazione esperienziale outdoor. L elemento che coinvolge tutta la progettazionedell esperienzaèlametaforautilizzata.daciòderivalasceltadellalocation,del livellodistressdaconferireallesingoleattivitàelanaturaesequenzadeicompiti. Successivamentepotrannoessereillustratelemetodologierelativealbriefing,alplayingadal debriefing. 2.1MetaphoricExperientialLearning La metafora è una figura linguistica retorica per la quale si attribuisce ad un vocabolo un significato diverso da quello per cui è convenzionalmente inteso, in base ad un rapporto di similitudine. La metafora lavora sulle analogie, sulla sovrapposizione tra la fonte di comparazione e l oggettoanalogo,tenendopresenteperòcheun attivitàimmaginativaèefficaceseitermini comparatinonsianototalmenteviciniodistantinelsignificatofigurato. L utilizzo della metafora nei processi formativi è un potente strumento di strutturazione e potenziamento dell apprendimento, in quanto, riconosce e valorizza il funzionamento del cervello che costruisce continuamente connessioni e associazioni, percependo e ricordando meglioeventinuoviedinusuali. L apprendimentopermetaforapuòrealizzarsi,siatrovandoneesostenendoneunaingradodi contenereeveicolarealmeglioicontenutidellaformazione,siafacendovivereun esperienza reale in un contesto simbolico che riproduca le stesse dinamiche comportamentali dell ambientelavorativo.nellemetaforeesperienziali,illavoroanalogicosibasasulrapporto di somiglianza tra gli elementi costitutivi degli oggetti della comparazione e sulla capacità intuitiva ed immaginativa dei soggetti coinvolti, di interpretare il suddetto rapporto. La sovrapposizioneparzialetraidueambiti,quellometaforicoequelloreale,organizzativo,èin grado di produrre e stimolare significati ed emozioni figurate fortemente impresse nella mentedegliindividui.infatti,l apprendimentoveicolatodall attivitàmetaforicaèingradodi: Rinforzare il ragionamento analogico dei partecipanti, avvicinando contesti apparentementedistintiestimolandonuovimodidipensare; Creareunsignificatocontestualeesocialedell identitàdelgruppo; Stimolareinterminicognitivilacreativitàel immaginazionesociale; Facilitare il cambiamento cognitivo, orientando e guidando il comportamento organizzativonellefasiditransizioneedisviluppo; Raccogliere,elaborare,rinforzare,spiegareediffonderelaconoscenzaesistente. Perquantoriguardagliinterventidiformazioneesperienzialecheutilizzanolametodologia dell outdoorechesonoprogettati,quindi,interminimetaforici,siindividuacomeobiettivodi apprendimento, principalmente, lo sviluppo degli individui e dei gruppi. Le metafore esperienzialistimolano: Lasocializzazioneedilmiglioramentodelclimaaziendale; Losviluppodellafiducia,siaallivellointrafunzionale,cheinterfunzionale; Laconsapevolezzadiséedilcambiamentocomportamentale; Lacollaborazioneelecomunicazioniinterpersonali; Lecapacitàdiactionplanning,goalsetting,problemsolvingedecisionmaking; Lacreazione,lagestioneelosviluppodeigruppidilavoro; Glistilidileadershipnelleorganizzazioni; Lagestionedell incertezzaedelcambiamento; Lagestionedellostress; Losviluppodellacreativitàedell innovazione; 6

7 Lapropensionelacapacitàdiassunzionedelrischio. Le potenzialità formative del sistema appena esposto sono un risultato comunemente raggiunto dalle attività incentrate sul metaphoric experiential learning in quanto le persone sonocalateinuncontestonuovo,concompitioriginaliecompetenzeinusualidametterein campo. Essendo attività incentrate su diverse dimensioni (fisica, psicologica, intellettuale, sociale, ecc.), gli interventi esperienziali producono stimoli diversi e complementari sulle intelligenze multiple degli individui, creando le miglior condizioni per l apprendimento individuale, ognuno in funzione del proprio stile. La formazione esperienziale metaforica supportal apprendimentointutteetreledimensioniincuiètradizionalmentedisaggregato, ossia,cognitivo,affettivoepsicologico. Leattivitàconsentonolosviluppodellecapacitàcognitive,inquanto,esercitanoleoperazioni diconoscenzaecomprensionedelcompitodasvolgere,facilitandoleattivitàdianalisi,sintesi, valutazione ed autovalutazione del lavoro svolto e del processo realizzato. In termini cognitivi, le attività esperienziali sviluppano prevalentemente la conoscenza procedurale e tacitasullemodalità,opportunitàecircostanzediutilizzodellecapacitàpossedute. Dal punto di vista affettivo, l apprendimento sollecitato riguarda la consapevolezza delle proprie emozioni e delle dinamiche psicologiche delle attività svolte; la capacità di discriminarelediversepossibilicause. Nelle esperienze metaforiche, viene evocata un ampia serie di emozioni: paura o ansia di affrontareunasfida,uncompitopercepitocomerischiosoopericoloso;frustrazioneorabbia dinonessereascoltatidalgruppoodinonpoterchiedereautonomiadecisionale;entusiasmo o soddisfazione per il raggiungimento degli obiettivi. Nella progettazione delle attività esperienziali occorre tener presente che la vulnerabilità e l intensità emotiva, sono direttamente correlate al livello di stress, per cui è necessario contenerle per evitare demotivazione e non partecipazione alle attività. Da un altro punto di vista, non bisogno dimenticare che, la dimensione emotiva aiuta a mantenere alta l attenzione ed a far permanerel apprendimentonellungotermine. Diseguitosonoillustratiimomentichecaratterizzanolaprogettazioneelarealizzazionedi uninterventoesperienzialemetaforico: Lasceltaelacostruzionedellametafora; Lasceltadellalocation; Ilgradodistress; Lanaturaelasequenzadeicompiti. 2.2Sceltaecostruzionedellametaforaformativa Nellasceltaenellacostruzionedellametaforaesperienzialeoccorreprogettareun iniziativa ingradodiriprodurrelenecessarieanalogieconl ambientelavorativo,conleregole,lostile dileadership,l atmosfera,ilclimaelaculturaaziendale. Perpoterfarciòènecessariopredisporreedeffettuareun accurataanalisideifabbisognidi apprendimento;lametaforaha,infatti,ilcompitodicostruireconnessionieassociazionitrale attivitàesperenzialiegliobiettividiapprendimento. Percreareunametaforaformativaoccorrefocalizzarsisuicontenutidell iniziativadidattica.il progettista può, inizialmente, individuare una serie di diverse metafore sulle quali sia possibile sviluppare il contenuto, globale o parziale, dell intervento formativo. Successivamentedecideràqualemetaforaimplementareequaleescludere. Sviluppatal ideametaforica,occorredisaggregareanchequestaneisuoielementicostitutivi per confrontarli con quelli degli obiettivi formativi che si vogliono perseguire; questo 7

8 accostamento ha lo scopo di creare, individuare e rafforzare eventuali associazioni, similitudiniconnessionidautilizzareinterminiesperienziali. Per meglio intendere quali siano i passaggi concreti che il progettista di formazione deve percorrere al fine di creare la metafora adatta alla specifica problematica, è opportuno introdurreilcasodiunaipoteticaazienday. Ciòsucuil aziendaydeveinterveniresonoquattroelementi:ilcambiamento,ladiversità, l antagonismo e la scarsa comunicazione interfunzionale. Sintetizzati questi parametri, si affrontaun brainstormingmetaforico conilseguenterisultato: 1. Cambiamento: passaggio, percorso, trasformazione, modificazione, sviluppo, elaborazione,mutazione,pauradell ignoto, 2. Diversità: sesso, sociale, aziendale, identità e storia aziendale, modi di dire, di lavorare,dicomunicaregergotecnico,diversitàdipotere,diredditodistatus, 3. Antagonismo: non collaborazione, competizione, avversità, inimicizia, non comunicazione,antipatia,critichedistruttive,lottedipotere 4. Scarsa comunicazione: disinteresse, deresponsabilizzazione, ostruzionismo, opportunismo,diversità,adverseselection. Obiettiviipoteticidelprocessodisviluppo:miglioramentodelclimaedellacomunicazione. La metafora che deve essere creata ha lo scopo quindi di far apprendere e percepire il processodicambiamentoeintegrazionesenzafarrinnegareilpassatoeleidentitàpregresse. Dal brain storming supponiamo derivi lo spunto per sintetizzare un insieme di parole e concetti rappresentativi della metafora che si deve creare: diversità, percorso, paura dell ignoto,identità,storia,collaborazione. Conquesteparoleinmentesitentadiprogettareuninterventocheuniscametaforicamentela valorizzazione dell identità e della diversità con la necessità della collaborazione. Inoltre, l intervento,dovrebbeessereingradodifarvivereunpercorso,cheprocedessedallestorie, dalleesperienzeaziendali,attraversolapauradell ignotoedarrivasseadunapprodosicuro. Formalizzato il contenuto metaforico del processo esperenziale, attraverso la tecnica delle associazionilibere,siprocedeperassociareleparolechiavesopraindividuateadaltrettante idee;ilrisultatopotrebbeessereilseguente: DIVERSITA : ogni azienda parte da una storia diversa per arrivare la gruppo aziendale; bagaglio culturale, identità storia; nella cultura fluiscono le storie; simboli, miti e valori produconocultura. PERCORSO èuncammino,fattoinsieme,conqualcunoodasoli;unpercorsoconducead unameta;unpercorsoèlastradadiunprogetto;passodopopasso;strada,sentiero. PAURA DELL IGNOTO ignoto è ciò che non si conosce, che non si capisce, che sfugge dai nostrisenti;qualcosaincuiisensisonolimitatiapercepireacomprendere;qualcosacheti avvolgecomeilbuio,l oscurità. IDENTITA, DIVERSITA E COLLABORAZIONE: sebbene diversi, si può collaborare, ma la diversitànonaiutalacollaborazione.l identitàproducediversità;lacollaborazionevuoldire lavorareconqualcuno,maèpossibilelavorareconqualcunoconcuinonsihaquasinullain comune?cosapuòunireduediversità? Le libere associazioni così create, costituiscono la base sulla quale iniziare a sviluppare una seriedimetaforedaporreatemadell intervento.ovviamentetuttelepropostemetaforiche dovevanorisultareanaloghealleideechiaveedalledisgregazioniproposte. 8

9 Laprimametaforapropostaèquelladel fiume.ilconcettodelfiumerichiamaqualcosache proviene da lontano, che trova arricchimento dal suo percorso, nutrendosi di notevoli affluenti, di tante acque provenienti da posti diversi, da terre diverse, mantiene una sua identitàesitrasformainmare. Un seconda proposta è il puzzle. Il puzzle è composto da tanti pezzi, ognuno diverso per forma e colore, ma ognuno necessario per completare il tutto. Il tutto non è niente anche senzasolounodeglielementi;ognipezzohaunpostogiustodoveesserecollocato. Il patchwork,uncompostoditantipezzi,diversiebendistinguibili,dinaturacoloreeforma diversa.asecondadelgustodichilocompone,diventaun unicaopera. Un altra metafora è la casa, questo perché per costruirla è necessario un progetto, delle fondamenta, del lavoro, dei collaudi. L integrazione pianificata di tutti i contributi serve ad erigerelacostruzione. L ultimapropostametaforicaè l arcobaleno,inquanto,compostodatantestriscecolorate, diverse,machecamminanonellastessadirezione,conuninizioedunafine.indicaunpunto diarrivo. Dal punto di vista formativo, strutturare un unica attività che comprende tutte le metafore proposte, renderebbe molto complesse le fasi di debriefing. Per questo motivo si preferisce costituireunprogettoformatodatantepiccoleattività,integrandopiùmetafore,ognunadelle qualipotrebbeinterveniresudiunospecificoaspettorelativoagliobiettivi. Ed è in base alle motivazioni metodologiche appena esposte che, in relazione al caso dell ipotetica azienda Y, si potrebbe decidere di utilizzare la metafora dell orienteering in campagna per poter lavorare sul concetto di strada, di percorso di orientamento, di nuovo sentierodatrovareall internodelcontestochecambia. Proprio perché il concetto di cambiamento è fondamentale in questo caso reale, potrebbe essereefficace,farintraprendereilpercorsodinotte,inquanto,ilbuiosimboleggialapaura dell ignoto. Igruppipartecipantiall orienteeringavrebberotuttipuntidipartenzadiversi,questoservea valorizzarelastoriadiogniaziendaprimadellapartenza.sipotrebbeinoltreproporredifar portarenellozaino,deglioggettirappresentantilapropriaidentitàorganizzativa. Quest ultimo punto ha sia lo scopo di far vivere il peso della storia passata nel processo di cambiamento, processo che nell outdoor è rappresentato dalla camminata notturna, sia l intento di far rielaborare al termine dell intervento, una analisi dei valori delle persone medianteunarappresentazione,unacomposizione,nellospecificoilpatchwork,cheuniscele diversità(i.e.glioggettiportatinellozaino),inun operacomune. Perrinforzareerichiamarecontinuamenteleideologieallabasedell intervento,sipotrebbero farintersecarepiùvoltecompitiegruppi,alloscopodimettereinattounrimescolamentodei gruppi nelle diverse attività rendendo così necessaria, ai fini dei giochi, l aggregazione e l integrazionedellediverseprospettive. Al termine dell intervento si potrebbe far scrivere e mettere in scena, con l ausilio di attori professionisti, la storia dell azienda, dell avventura formativa, e degli avvenimenti goliardici avvenuti durante i tre giorni di formazione. L attività è volta al rafforzamento ed al consolidamentodelleesperienzeeffettuateedellalorovalenzatrasformativa. Ilprogettononsiconcludeconilrientroinsededeipartecipanti,maunmesedopol outdoor si prevede una sessione di follow up arricchita oltre che dalla raccolta dei feedback, da una lezione frontale sulla comunicazione interpersonali e sulle relazioni interfunzionali; la sessioneprevedeovviamentelerestituzionedeifeedbackallacommittenza. 2.3Lasceltadellalocation Nella scelta della location occorre distinguere quelle metafore che richiedono necessariamente un ambientazione outdoor perché basate su attività sportive (rafting, 9

10 canoing, orienteering, ecc.), o su giochi all aperto (caccia al tesoro o soft air), da quelle che possono essere svolte anche in un ambiente interno sufficientemente spazioso. Appare evidentechelasceltadiunaspecificametaforavincolalasceltadellalocation;èunaperditadi tempo progettare un attività centrata su una metafora che necessariamente richiede una locationesternaquandosièconsapevolidinonpoterlaindividuareinbrevetempooquando ladistanza,adesempio,larendenonidoneaaivincolidibudgetdisponibili. Alloscopodiorientareladecisionesullatipologiadiinterventoedilocation,siprendonoin considerazionevantaggiesvantaggidell outdoorexperientialtrainingedell indooradventure training. Lasceltadiunsitoesterno,fuoridallemuradell aula,presentaalcunisvantaggi: L incontrollabilitàdelclima; Lapossibilediscriminazionenell attivitàamaggiorrichiestafisica,dellepersonemeno allenate; Ilmaggiorrischiodidannofisico; Il rischio di spiazzamento delle finalità formative, dovuto al prevaricare della dimensionediavventura. Percontro,lesuddetteattivitàesterne: Promuovonolacreazionedimemoriepermanenti,promuovendol apprendimentoedil richiamosuccessivodelleesperienze. Valorizzano la dimensione reale dell apprendimento, attribuendo un sostanziale elementodinovitàall attivitàformativa. Se l ambientazione avviene in mezzo alla natura, producono benefici psicologici e spiritualicontribuendoalraggiungimentodegliobiettiviformativi. GlistudidiThomashowsottolineanoche,confrontarsiconl ambientenaturaleaiutaadavere dei punti fermi in un mondo in continuo cambiamento, calmando così molte ansie e meccanismididifesa.un esperienzaacontattostrettoconlanaturaèingradodiindurreun forte senso di spiritualità che, sostituendo il contatto con la divinità, calma le paure dell impermanenzadelgenereumano.lamaestosità,l immensitàdiunospettacolonaturale, ricorda all uomo la sua intrinseca debolezza e vulnerabilità, risveglia un senso di umiltà, ridimensionandomanie,ambizioni,setedifamaefortuna.lefrustrazioniedifallimentidella vita quotidiana sembrano in questo modo, meno importanti; tutto ciò predispone meglio le persone alle attività esperienziali permettendogli di aprirsi alla socializzazione ed alla apprendimento. Inquestiterminisembrachelametodologiaoutdoorsial unicasoluzioneaccettabileperun determinato tipo di contenuti formativi anche se la configurazione indoor, non comporta necessariamentelaperditadellacomponente avventura,elementoprivilegiatodell outdoor experientiallearning. Gli interventi di indoor adventure training consentono una progettazione ed uno stretto controllo dei livelli di stress e della percezione del rischio psicologico; inoltre vi è un abbattimentodelrischioderivantedallecondizioniclimaticheedallepossibilidiscriminazioni fisichedeisingolipartecipanti.ciòchel indoormantieneincomuneconlatipologiaoutdoorè lanovitàdelcontestoincuiavvienelaformazione,lesfideindividualiedigruppoacuisiè sottoposti,lapartecipazioneattivaall attivitàdisviluppoedallarisoluzionedeiproblemi. 2.4Ilgradodistress Nellaprogettazionedelleattivitàesperenzialioccorrevalutareilgradodistresscheidiversi interventi potrebbero arrecare ai partecipanti. Un giusto livello di stress produce stimoli 10

11 appropriati, fattori che facilitano l apprendimento ed un adeguato reclutamento nella partecipazionedellepersone;sitrattainquest accezionepositivadieustress. Le metafore esperienziali devono aiutare ad uscire dalla routine, dalla monotonia formativa senza suscitare paura o livelli elevati di ansia. Le paure più frequenti durante un evento di formazione, sono relative alla perdita di immagine di fronte al gruppo a causa di eventuali fallimenti nello svolgimento del compito; contestualmente potrebbe insorgere la paura di perdere il controllo davanti ai propri colleghi e rivelare troppe cose di sé. In questo caso si verificherebbeundistress,ossiaunostressnegativocheandrebbeadestabilizzareilprocesso diapprendimento. Le metafore devono servire per creare un esperienza piacevole ed accattivante, non minacciosaoimposta.l adultoapprendeveramentesoloquandolecosechepercepiscesono vistecomeunmiglioramentoounrafforzamentodellastrutturadisé.qualorasubentrasseil rischiodiunaminaccia,lastrutturapsicologicasiirrigidirebbe,attivandodeimeccanismidi difesacheminerebberol apprendimento. Nonostanteilrischiodicreareattivitàeccessivamentestressanti,unminimolivellodiansiaè necessarioperanimare,risvegliareilsensodisfidaedisuperamentodell ostacolo,unevento problematico,manoninsormontabile. Quandosiprogettauninterventoesperienziale,chesiaindoorooutdoor,nonbisognaesporre i partecipanti a rischi reali, ne fisici, ne tantomeno psicologici. Questo perché non è assolutamenteammissibileinuncontestoformativo,perdeiprogettisti,prendersilalibertàdi esporrelepersonearischi,inoltre,nontutteepersonehannoleconoscenzeelecapacitàper affrontaredeterminateattivitàfisichecherichiederebberounperiododipretraining. Ciòcherendelagestionedelrischiounelementoparticolarmentecriticoinfaseprogettuale,è decideresesiafunzionale,omeno,all apprendimentoindurrelapercezionediunrischioreale ocomunicarneonestamentel assenza. Generalmente, la prassi che si assume in fase di progettazione della metafora è quella di generare un rischio immaginario, percepito, che riesca a sfidare le paure e le ansie, senza invadeesuscitareresistenze.ciòchelametaforedevefare,èemozionare,senzastravolgeree destabilizzare le persone, deve catturare l attenzione e a concentrazione durante l esercizio fisicosenzafartemérelesioniodanniallapropriapersona. Per minimizzare e presidiare meglio i rischi formativi è necessario prestare attenzione ad alcunelineeguidadiprogettazionedegliinterventiesperienziali: Definire un livello di esperienza minima o qualifica tecnica richiesta ai trainer od ai facilitatori; Stabilire la dimensione, minima e massima, dei sottogruppi di partecipanti, per non trovarsinellasituazionedidovergestireunnumeroelevatodipersone; Stabilire se è richiesta un esperienza pregressa specifica ai partecipanti, altrimenti formarliconunpretraining; Definireglistandarddisicurezzadelleattrezzature; Ottenere l approvazione specifica, da parte della committenza, per eventuali attività conrischiopercepito. 2.5Lanaturaelasequenzadeicompiti In molti casi, è importante per il raggiungimento degli obiettivi formativi che ci sia un elementodinovitàrelativoaicompitiedalcontestoambientale. La novità attrae la percezione, l attenzione e la concentrazione individuale, sconvolgendo la ripetitivitàdellastrutturamentaledellepersoneindicendolealpensierolaterale.analizzare le attività ed i processi aziendali, quando si affronta progettualmente questo tema, è fondamentale per trarre importanti spunti di riflessione per meglio definire la proposta formativa. 11

12 Per quanto riguarda la natura delle attività, ad esempio, proporre in forma metaforica un attivitàfamiliareinunambientenoto,puòcomportareilrischiodiriprodurreledinamiche e gli atteggiamenti esistenti, contribuendo al loro consolidamento. Diversamente, invece, proponendo una situazione nuova, con attività apparentemente dissimili e metaforicamente allineate alla cultura ed ai processi aziendali, consente una sfida più efficace alla mentalità esistente. L elementodinovitàdeveavereanchealtrecaratteristicheperessereefficace;ladimensione dell avventura, ad esempio, esprime un ulteriore criterio di progettazione. Questo elemento portaconseilgiustogradodistress,diingaggioemotivoediansiadaprestazionechefacilita erinforzailprocessodiapprendimento. Un altro elemento di progettazione delle attività riguarda il loro grado di complessità, la difficoltàdisvolgimento.richiamandoilconcettodell isomorfismodelleattivitàformativeai contestiaziendali,lacomplessitàdelcompitodeveessereprogettataperrifletterelestrutture manageriali e le modalità di comunicazione che contraddistinguono l organizzazione. Fondamentaleècreareunbilanciamentotralecapacitàpossedutedaidiscentieladifficoltà delletaskpresentatedallametaforaesperienziale.questoèunbilanciamentochedeveessere trovatonecessariamentedalprogettistadiformazione,inquanto,leattivitàtroppocomplesse operlequalinonsiposseggonolecompetenzenecessarie,risultanoesseresolodemotivantie nonpromuovonolosviluppopersonale. Ai gradi di complessità delle attività si vincola anche la sequenza delle stesso; all inizio dell esperienzasaranno,infatti,proposticompitipiùsempliciperpoiarrivareaproblemidi maggiorcomplessitàconilprogrediredell interventoformativo. Poiché l apprendimento avviene con la pratica, rivedendo gli errori commessi, è importante che la sequenza delle attività progettate, oltre ad avere complessità crescente, lavori a rinforzodellecapacitàchesivoglionostimolareedallenare. A questo punto dell analisi e dello studio delle attività metaforiche, è possibile introdurre ulterioridimensioniclassificatorie.èpossibile,infatti,distinguereicompitiinvirtùdelgrado di strutturazione concuivengonopresentati.laformazioneesperienzialeèparticolarmente efficace per problemi poco strutturati, aperti a molteplici soluzioni e metodi risolutivi, con restituzionediunfeedbackapprofondito. La destrutturazione di un problema riproduce metaforicamente la non familiarità del compito,unasituazionediincertezzaambientaleelanecessitàdiunaefficacecomunicazione digruppoperpoterlorisolvere.laprogettazionediinterventiaperti,consentediosservaree raggiungereunamolteplicitàdiobiettividiapprendimento.nelmomentoincuiiformatorie di trainer cogliessero, nell evolversi dell esperienza outdoor, uno o più spunti per rilanciare undibattitovoltoadindagareaspetticomportamentalinonprevistiinfaseprogettuale,hanno la possibilità di indirizzare, durante i briefing intermedi e nel debriefing finale, la rielaborazioneversociòchelaplateadeidiscentisentecomeunargomentorilevante. Un maggior approfondimento all argomento è offerto dall accostamento del grado di destrutturazione del compito con il grado di intensità del feedback; questo sistema offre un importantespuntodiriflessionesullepotenzialitàdegliinterventiesperienziali. Uninterventoesperienzialeconcompitidestrutturatiefeedbackabassaintensitàrischiadi non avere nessuna valenza formativa, un intervento di questo tipo ha un approccio principalmenteludicoerestasolouncontestopersocializzare. La progettazione di attività con compiti strutturati, con un numero di soluzioni limitato, focalizzatisualcunecompetenzespecifiche,harisvoltidifferentiinfunzionedell intensitàdel feedback. 12

13 2.6Briefing,PlayingeProcessidiDebriefing Ogni intervento esperienziale che utilizza la metodologia metaforica richiede una attenta progettazionedellefasidibriefing,ilmomentocheprecedel intervento,ilplaying,ossialo svolgimentodeicompitiedinfineildebriefing,ossialarielaborazionefinale. Briefing: è il momento in cui le persone sono istruite e preparate allo svolgimento dell attività.coerentementeconquantoteorizzatodalmodelloandragogico,ilbriefingserve ad inquadrare ed a spiegare il senso delle attività rispetto agli obiettivi di apprendimento. Durantequestoincontrosonocomunicatigliobiettividelleattività,leregoledelgiocoedella sicurezzaeleeventualiinformazionidaconoscereprimadiintraprenderegliesercizi.ilruolo delformatore,inquestomomento,èquellodifornireleistruzionidell attività,renderlachiara efruibiledatuttiipartecipanti. Durante il briefing possono essere anche attivati dei piccoli esercizi (small techniques), per facilitare la socializzazione ed iniziare a preparare i discenti a quello che sarà il tipo di linguaggio utilizzatodallaformazioneesperienzialemetaforica. Playing: immersi nell ambiente che è stato creato e preparato per la formazione, i discenti partecipano, realizzano e vivono l esperienza. In questa fase il ruolo del trainer o del formatore è quello del facilitatore che, supportato eventualmente da uno psicologo, assiste allo svolgimento dell intervento. Il trainer deve raccogliere osservazioni dirette sulle dinamiche interpersonali, sugli atteggiamenti e sui ruoli emergenti nel gruppo. La raccolta delleosservazionipuòavveniretramiteappositegrigliedianalisisviluppatedaiformatorio tramitevideoripreseofotografie.lacorrettarilevazionedelleosservazionicostituiràlabase sullaqualeincentrareildebriefingfinale. Il ruolo del trainer in questa fase è anche quello di supervisore delle sicurezza durante le attività; ha ovviamente anche il potere e la responsabilità di intervenire di persona ed interromperel esercitazioneincasodirischigraviopericoliperipartecipanti. Debriefing: è il momento in cui si ripercorre il processo per evidenziare le dinamiche interpersonali, i momenti critici, gli errori e le inefficienze nel coordinamento dei diversi operatori;tuttoperrielaborareleazioniinpuntidiapprendimento,opportunitàdisviluppo personaleedigruppo. Il questa fase il ruolo del trainer è quello del facilitatore che supporta i discenti al fine di permettergli di riflettere sull esperienza, sollecitare il confronto delle sensazioni e delle opinioni,dirigereecondurreallaconclusioneglieventualiconflitti.iltrainerdevecondurrela discussione in modo da far emergere ai discenti ciò che è stato osservato durante le esercitazioni. Facendo riferimento alle osservazioni dirette raccolte durante il playing, il trainerdeverestituireilfeedbacksulleosservazioni,facendoloemergereinmodomaieutico; sono i discenti che esprimono un feedback su loro stessi, il trainer li accompagna in questo processodiestrazione. Lo stile dell osservazione e del debriefing dovrebbe essere neutro, avalutativo, orientato all ascoltoedalrispecchiamentodelledinamicheosservate. È opportuno dedicare un approfondimento a quelle che sono le tecniche e le dinamiche che subentranoduranteunasessionedidebriefingalterminediuninterventoesperienziale. 2.7Metodologieetecnichedidebriefing Il debriefing è il momento qualificante e sostanziale di ogni intervento esperienziale metaforico;comelealtrefasi,dovrebbeesserebenprogettatoegestito.èinquestomomento cheilmessaggio,laparabolametaforica,trovariscontroesplicitoconlarealtàprofessionalee personaledeidiscentichehannopresoparteall intervento. 13

14 Non esiste una letteratura consolidata sulle metodologie da applicare od alle quali ispirarsi per progettare e condurre un incontro di debriefing. Si impara a condurli osservando e collaborando al fianco di formatori esperiti. Tuttavia l improvvisazione, anche in questo contesto, non è sempre una soluzione da poter vagliare troppo alla leggera, in quanto, un approccio troppo empirico lascia spazio ad improvvisazioni di ruolo non funzionali all apprendimento. Per i motivi appena esposti, bisogna far riferimento ad alcuni criteri di buon senso che partonodallefinalitàpercuisonocomparsigliincontrididebriefing. Le prime esperienze si fanno risalire a quei momenti, al termine delle campagne militari, in cuiipartecipantieranoconvocatiinunariunionealterminedellamissioneperdescriveree dar conto delle attività, con lo scopo di valutare le responsabilità di ognuno e di stabilire nuovestrategieperilfuturo. Lefinalitàdeldebriefingsipossonocosìriassumere: Raccogliereetrasmettereinformazioni; Verificarelemetodologieusateduranteleattività; Processareedeliminareleconseguenzenegativedelledinamicheinterpersonali; Restituireilfeedbackaipartecipanti; Indurreipartecipantiasperimentarelemetodologieapprese. Il debriefing deve essere progettato tenendo presente il format, le formulazione delle domandeedallocandoilgiustotempoalleinterazioniconipartecipanti. Relativamentealformatdeldebriefingsipuòdecideredi: Discutere le situazioni lavorative in cui è possibile applicare ciò che si è appreso. Durante la rielaborazione dovranno emergere limiti e agevolazioni che si prevede sarannoincontratinell ambienterealeorganizzativo; Discutere in modo collaborativo, neutrale ed avalutativo sulla base delle domande postedalfacilitatore; Elaborare e discutere gli approcci alternativi allo svolgimento delle attività, valutandonevantaggiesvantaggi; Scrivere in un giornale o in un diario collettivo le esperienze vissute, le teorie di riferimentoeleapplicazioniaziendali; Perquantoriguardalagiustaformulazioneesuccessionedelledomande,occorreinnanzitutto conoscere le caratteristiche delle attività; la sequenza delle domande dipende molto dalla tipologiadimetaforautilizzata. In secondo luogo, le domande possono essere orientate e collegate ai quattro stadi dell apprendimento teorizzati e sintetizzati da Kolb; ad ogni stadio sarà possibile associare diversetipologiedidomande. Nellafasedell esperienzaconcreta,ledomandesarannovolteadindagareedafardescrivere l esperienza vissuta, nella fase dell osservazione riflessiva, le domande, invece, indagheranno l osservazione dei comportamenti altrui da parte dei singoli discenti, l osservazione delle dinamichediazione/reazioneedilconfrontoavalutativodelleriflessione.nellaterzafasedel modello di Kolb, la concettualizzazione astratta, il formatore/facilitatore orienterà la discussione al fine di permettere ai discenti di sviluppare ed astrarre dall esperienza, un sistema di regole generalizzabili ed applicabili alle situazioni lavorative. Nell ultima fase, la sperimentazione attiva, il facilitatore segue i discenti nel mettere in pratica i contenuti dell apprendimentonelleesercitazionisuccessive. La variabile tempo, per quanto riguarda i debriefing, non può essere prevista e gestita con eccessiva rigidità da parte dei progettisti. La pratica e l esperienza dei formatori aiuta a prevedere un tempo adeguato alle necessità delle singole esperienze; ciò che deve essere 14

15 tenutodacontoquandosidefinisceiltempodadestinareallarielaborazioneèsicuramentela complessità dell esercizio, l intensità dell attività, la risposta ed il coinvolgimento dei partecipantiedinfineiltipoedilformatdidebriefingscelto. Illustratiglielementichecaratterizzanoildebriefing,èopportunoindividuarequeicriteridi facilitazionecherendonoefficaceevalidoilprocessodirielaborazione. Inprimoluogo,dovrebberoemergeredalladiscussione,leanalogieelesimilitudinipostealla base della costruzione metaforica. È a partire da ciò, che subentra l abilità del facilitatore nell avviare il processo di trasferimento delle esperienze formative alle applicazioni lavorative.comeanticipatoinaperturadiparagrafo,nonesisteunaletteraturadiriferimento chepossasupportareilformatoreinquestaattivitàmaieutica. Laforzadegliinterventiformativiesperienziali,quindianchequellirealizzaticonmetodologie outdoor, è che il discente, a seguito dell esperienza, coglie autonomamente quello che è il messaggioformativoallabasedell attività.lafunzionedelformatoreèquelladelfacilitatore, coluiche,condomandemirate,guidaildiscentefinoafaremergeredalprofondodelvissuto personale i contenuti dell apprendimento che in fase progettuale sono stati posti alla base dellametaforautilizzata. È nella fase di debriefing che si nota come la metodologia esperienziale metaforica sembra esserecostruitaintornoaquellichesonoidettamidelmodelloandragogico. Insecondoluogo,ildebriefingdovrebbeavviareilprocessodirestituzionedelfeedbacksulle dinamicheosservate.supportatodasistemidiraccoltaedanalisideidati,ilfeedbackindicaal gruppoleareedisvilupposuiprincipaliprocessididecisione,comunicazione,collaborazione, pianificazionedelleattivitàebrainstorming. Esisteunaseriediindicazioniprogettualiegestionalichepotenzial usodeldebriefingnelle attivitàesperienziali: Ogniattivitàpropostadovrebbeessereconclusaconunasessionedidebriefing; Il progredire della complessità delle attività dovrebbe essere seguito da debriefing semprepiùapprofonditi,puntualiepersonalizzati; Al termine di ogni attività dovrebbe emergere dalla rielaborazione il modello teorico cognitivosottostanteallaprogettazionedell intervento; Al procedere delle attività e dei debriefing, il facilitatore dovrebbe stimolare una capacità di auto riflessione ed autoapprendimento nel gruppo, limitando il suo interventoallesessionicollettive; Larielaborazioneèopportunochesiasvoltainmomentidellagiornataincuiidiscenti nonsianostanchiodemotivati; Lariflessioneelarevisionedell esperienzaèmaggiormenteefficacesesifocalizzasul processodigruppo,suicomportamentifunzionaliallarisoluzionedeiproblemienon direttamente sul miglioramento delle prestazioni. Riassumendo, nella gestione del debriefing,lostileanagogicoèpreferibileaquellopedagogico. Lariflessionesull esperienzaèmaggiormenteefficacesesupportatadametodistrutturatidi raccolta delle riflessioni individuali e di gruppo. Tra i diversi metodi possibili ci sono i questionari,legrigliediosservazioneedidiaridibordo. Ladifficoltàchespessosiriscontraquandosirealizzanointerventiformativiesperienziali,è che, ciò che viene appreso, non trova applicazione nel contesto aziendale; questo perché la committenzaocomunqueladirigenza,noncredendoalvalorerealedegliinterventisvolticon questametodologia,nonprendeparteallaprogettazionedelpianodisviluppodelpersonale delquell interventoesperienzialedovrebbefarparte. L atmosfera avalutativa e neutrale in cui si dovrebbe svolgere il debriefing è il momento ideale in cui tentare di superare quegli ostacoli che per cultura aziendale e nazionale, o per 15

16 attitudine, limitano, ad esempio, la condivisione delle informazioni, la collaborazione tra colleghi,lacondivisionedellerisorseedegliobiettivi. 3LametodologiaOutdoor Seguonoalcunefralediversemodalitàconcuipuòessereprogettataederogatalaformazione esperienzialeoutdoor. 3.1OutdoorSmallTechniques OST Con questa dicitura si intendono tutte quelle esercitazioni brevi, di minuti circa, condotteall aperto,conl obiettivodifavorirelaconsapevolezzaelosviluppodideterminati comportamentiorganizzativi. Iprincipalivantaggidell OSTsono: l assenzadiattrezzaturecomplesseperl erogazione; ilbassolivellodiorganizzazioneepreparazione; l altaflessibilità. L assenzadiattrezzaturecomplessedagestirefasichequesteattivitàpossanoessereerogate daitrainersenzalasupervisioneditecnici. Lo svolgimento dell esercizio è seguito dalla rielaborazione di quanto accaduto, questi momentisonoseguitiegestitidaiformatorichehannoassistitoall esercitazione;puòcapitare didover congelare momentaneamentel esercizioincorsopersvolgereunbrevemomento diriflessionealfinedicogliereapienoilpotenzialeformativopresentenell attività. Data la semplicità dello strumento OST, la struttura semplice e le regole precise che le caratterizzano, i comportamenti che i partecipanti metto in atto spesso sono facilmente prevedibili entro un limite di possibilità; questo, facilità sicuramente l osservazione, ma allo stessotempolimitagliapprendimentipossibili. Sono talvolta ricompresi nelle OST anche quegli esercizi definiti energizers, possono essere usatidaitrainerincontestidioutdoor,anchesenonhannoobiettivididatticispecifici.queste attivitàhannoloscopodicrearel atmosferagiustatraipresentiefarlisocializzare.innegabile èlaloroapplicazioneefficaceinambientidiapprendimentoapattoperòchenondiventino l elementocaratteristicodellaformazione. LeOSTrappresentanoiltipodiformazioneoutdoorpiùdiffuso,questoèdovuto: albassoimpattoorganizzativoedeconomico; allafacilitàdipreparazioneeconduzione; alla flessibilità organizzativa ed alla possibilità in caso di mal tempo di traslare le attivitàinindoor; la facilità di osservazione (i trainer sanno cosa e dove guardare durante l esercitazione); la possibilità di inserire attività di OST all interno di fiere, congressi o momenti formativitradizionali. Gliobiettivididatticichepossonoessereperseguitiattraversoquestasemplicetecnicasono: Lavorodigruppo; Processicomunicativi; Relazioniinterpersonali; Problemsolving; Sviluppodell attenzioneversol altro. 16

17 Leadership; Dare/riceverefiducia; Membership. Ciòcherendepossibileedefficacel utilizzodiquestametodologiainuncontestofinalizzato all apprendimento è il debriefing. In questa fase si gioca un momento cruciale per l apprendimento,inquanto,èquicheavviene laristrutturazionecognitivadell agireludico. AlcuniesempidiOST Iltuffoneglialtri:aturnoipartecipantisonoinvitatiasaliresuuntavoloounapedanaauno oduemetrid altezzaedandolespallealgrupposilascianocaderenellebracciadeicompagni disposti a formare un tappeto di mani per accoglierlo. Prima di questo momento il gruppo vienepreparatoadisporsiinmodotaledagarantireaccoglienzaesicurezza.iltuffatorepuò essere libero o bendato. Le implicazioni più evidenti di questo esercizio sono il dare ed il ricevere fiducia, il tuffatore si lascia cadere di spalle tra le braccia di persone con cui ha probabilmentesolorapportiprofessionali;c èunaffidamentototaledeltuffatoreallepersone cheloaccolgono.diconversoilgruppoiniziaacostituirsiinquantosentediriceverefiducia dalpartedichisilancia.oltreaquestaprimaimplicaziones iniziaacreareattenzioneverso l atroesiabbattonolebarrierechebloccanolerelazioniinterpersonali,inquanto,ilcontatto fisicotralepersoneèforteed impatto;probabilmenteipartecipantiall attivitànonsierano scambiatipiùdiunastrettadimano. La ragnatela: con delle corde si forma una ragnatela verticale tra due alberi o due pali ben piantatinelterreno.ilgruppoèdispostotuttosullostessolatodelreticolo,hal obiettivodi passare dall altro lato. Si dice al gruppo che le corde della ragnatela sono percorse dall elettricitàpercuièimpossibiletoccarle;qualoraciòaccadesse,ilgrupporiceverebbeuna penalità. Ogni volta che una persona passa per un passaggio della ragnatela, questo diventa interdetto,ossianonpuòpiùessereusatoperl attraversamento. Lasquadradovràquindidecidereegestirecome,einchesequenza,farattraversarelareteai diversi membri del team. Ad esempio, dato che le persone più pesanti saranno difficili da sorreggeredurantel attraversamento,ilteamdovràriservareloroipassaggipiùinbasso;lo stesso,dovrannoprevederedilasciareunpassaggiosempliceperl ultimochepasseràlarete. Inoltre,durantel attraversatadovrannobilanciarelasquadrainmododaavereunapartedel gruppo da entrambi i lati del muro di corde in modo, ad esempio da poter far passare i più leggeriperipassaggipiùalti. Questa semplice attività insinua immediatamente il bisogno del lavoro in gruppo, la risoluzione dei problemi, evidenzia l importanza di una comunicazione efficace (proprio perché il team deve trovare una strategia condivisa per attraversare la ragnatela), e promuoveilsuperamentodellebarriereinterpersonaligrazieallaforteinterazionefisica,di contatto,traipartecipanti. Lafiguracieca:sifannodisporreipartecipantiincerchioevisimettenelmezzounacorda;il gruppohailcompitodiorganizzarsiinmododadisporsilungolacordasecondounaqualsiasi forma geometrica. I partecipanti devono inizialmente decidere la figura che vogliono rappresentare, poi prima di iniziare, vengono tutti bendati. Quando pensano di aver completato la figura possono posare la corda per terra, si tolgono le bende e guardano il risultatodellorolavoro. L attività pone l accento sull importanza del lavoro di team, sulla comunicazione efficace e sulla capacità di organizzare e gestire le operazioni; si sviluppa inoltre un forte senso di membership. 17

18 3.2CampiOutdoorPreimpostati COP I Capi Preimpostati possono raggruppare alcuni diversi tipi di esercitazioni e, come le OST, hanno l obiettivo di stimolare e sviluppare determinati comportamenti organizzativi. Le differenze che sussistono tra i Campi e le Small Techniques sono che, le attività svolte nei primi hanno una durata ben superiore ai secondi, in genere minuti, inoltre i campi hanno bisogno di attrezzature complesse e strumentazioni di supporto che devono essere necessariamente predisposte in anticipo. Per questo motivo spesso sono svolti in campi attrezzati,dovelestrumentazionieleattrezzaturesonogiàdisponibili. Sono attività in genere più sfidanti rispetto alle OST: introducono o rafforzano, rispetto a queste ultime, il concetto che per apprendere occorre uscire dalla sicurezza delle proprie abitudiniconsolidate,la zonadiconfort edentrareinunterrenonuovoo challengezone.il limitepiùevidentediquestametodologiaspecificadioutdoor,èlafortestandardizzazione,la quale, se da un lato riduce la personalizzazione limitando la gamma degli obiettivi didattici perseguibili,diconversopermetteun elevatareplicabilità. Lo svolgimento di ogni esercizio è seguito da uno spazio dedicato alla riflessione su quanto accaduto ed alla rielaborazione delle emozioni che, dato il tipo di esercitazioni, spesso possono anche essere forti; le riflessioni sono seguite dai formatori che hanno assistito all esercizio. Gli obiettivi didattici che possono essere perseguiti utilizzando le esercitazioni in COP sono riconducibiliaitemidi: Lavorodigruppo; Processicomunicativi; Relazioniinterpersonali; Problemsolving; Sviluppodell attenzioneversol altro. Leadership; Dare/riceverefiducia; Membership; Incoraggiareesostenerel altro; Fiduciainsestessi, Andareoltreilimitiapparenti; Raccogliere/gestirelesfide; Consapevolezzadipoterfaredipiùdelprevisto. AlcuniesempidiCOP Convergentibasse:ipartecipantisonodivisiincoppie,ognicoppiasiarrampicasuduepalie parte camminando in equilibrio su una corda tesa. Per aiutarsi a rimanere in equilibrio possonoancorarsiadun altracordatesacomecorrimano.lefunilegateaiduepalidaiquali partonoiduepartecipanti,sonoposizionateacircaduemetrid altezzaecostituisconoledue braccia di una grande Y. Dopo aver percorso in equilibrio un tratto della fune da soli, si incontranoalcentrodella Y.Quidevonodeciderecomeorganizzarsiperpercorrereiltratto di strada che manca, rimanendo tutti e due in equilibrio fino alla piattaforma di arrivo. Scopronocosìcomeriuscirannoamuoversiinequilibrioreciproco.Lasicurezzaègarantitada unacordasospesaallaqualesonoancorateleimbragature. Convergenti alte: l esercizio è lo stesso delle convergenti basse, soltanto che in questa modalità le corde sono fissate ad un altezza di circa sette metri facendo apparire tutto più complesso. 18

19 Muro: i partecipanti sono divisi in piccoli gruppi da tre o quattro persone, ogni gruppo, a turno,devesuperareunmurodilegnoappositamentecostruito.l ostacolopuòesserealtodai due,adiecimetriedessereadinclinazioneregolabilecosìdarenderepiùomenodifficilela scalata. Il muro è sufficientemente largo da permettere una scalata in parallelo di due persone. Seilmuroètroppoaltorispettoallastaturadeipartecipanti,questipossonoaiutarsicondegli appositi appigli presenti sulla parete. Una variante alla scalate prevede che la coppia che approcciaall ostacolosialegatacosìdadoversicoordinarecontinuamenteperottimizzarela sceltadegliappiglipresentisullaparete.durantel eserciziosaràevidenteaipartecipantiche nelle loro mani ci sono gli strumenti per aiutarsi o ostacolarsi. Spetta a loro decidere come comportarsi. Il palo: è un esercitazione utile per far fare l esperienza di come un gruppo può favorire l espansionedellepropriecapacitàindividualiedilsuperamentodeiproprilimiti.l esercizio consistenell arrampicarsiaturnosudiunpaloaltocircadiecimetri,giuntisullacima,salgono suunapiccolapiattaformapresentesullasommitàdelpalo.aquestopuntodevonolanciarsi giù,attaccatiadellecordechesonorettedeitraineredaglialtripartecipanti.lasicurezzaè garantitadall imbragoedalcasco. 3.3OutdoorTraining OT PerOutdoorTrainingsiintendonoqueiprogrammidiformazione,professionaleopersonale, chesiarticolanoinpercorsistrutturatidiesperienzecoinvolgenti,nellequalilepersonesono completamenteimmerse.questeesperienzeutilizzanoilsupportodisituazionireali,concrete edemotivamentedense,insessioniprolungatenellanaturaemettonoipartecipantidifronte aprobleminuoviecomplessipersvilupparedeterminatecompetenzeattraversolacapacità diapprenderedall esperienza.leesperienzediotsonopiùlungheecoinvolgentirispettoalle attivitàdismalltechniquesodicampipreimpostati. Dopolosvolgimentodiogniattivitàipartecipanticonfrontanoiproprivissutifraloroeconi feedbackfornitidaitrainer,chehavissutoeosservatol esperienza. Le rielaborazioni sono più lunghe e complesse di quelle presentate nelle pagine precedenti, durano mediamene anche due ore; sono dei veri e propri debriefing piuttosto che delle rielaborazioni. Iconduttoridiquestiprogrammisonodeiformatoriespertiincomportamentoorganizzativo che generalmente provengono dalla formazione tradizionale in aula ed hanno cercato strumenti innovativi per poter incidere meglio sul comportamento dei discenti; per questi motivi hanno creato ed attivato una rete di relazioni con tecnici di altri settori, tradizionalmentemoltolontanidallaformazione. Gli obiettivi didattici che possono essere perseguiti con attività ed esperienze di OT sono principalmente: Attivazionedinuoveenergieindividualiedigruppo; Sviluppodell iniziativa,dell autonomiaedellafiduciainsestessi; Aumentodellafiducianelgruppo,dellasolidarietàedellacollaborazione; Sviluppodellecompetenzedileadershipedelsensodiresponsabilità; Scopertaorafforzodell importanzadell apportodeglialtri,dellorofeedback,dellaloro cooperazione,dellacoesionedigruppo; Sviluppodelcoraggiodiaffrontarecambiamenti,situazioninuoveepococonosciute; Attivazionediunprocessodiriflessioneevagliodelleproprieesperienzeedeirisultati raggiunti; Accrescimento dell autoconsapevolezza e delle capacità di leggere il proprio comportamento; 19

20 Sviluppodellecapacitàdiascolto,delsensodiosservazioneedellacuriosità; Miglioramentodellecompetenzadicomunicazioneerelazionali; Aumento della tolleranza, della comprensione e della capacità di gestione della diversità; Sviluppodell intelligenzaemotiva. ProgrammadiunpercorsodiOT Unprogrammadooutdoortrainingdura,ingenere,daidueacinquegiorni,lapartecipazione è full time e spesso sono usate anche le ore serali per continuare a lavorare al fine di mantenere la sensazione di essere immersi un contesto totalizzante e non in un esperienza caratterizzatadaeventispot,saltuari. Unprogrammaminimo,tipico,diunpercorsodiOTduratregiorni,peruntotaledicirca24 oredilavoroedècompostoda: Unasessioned apertura; Tre o quattro esperienze di outdoor, ognuna composta dalle sessioni di azione rielaborazioneemodellimentali; Unasessionedichiusura. Ilprogrammainiziageneralmentelaseradelprimogiornodopolacenad accoglienzaconuna sessione plenaria d apertura in cui in genere sono illustrate e condivise le finalità del programmaconirelativiobiettivididattici;èinoltreespostaedillustratalametodologiadiot alfinecheidiscentinecomprendanol utilità.sipresentanolostaffdiconduzioneegliaspetti logistici;aquestopuntoèpossibilerichiedereleaspettativedeipartecipanti,nonsonocosasi aspettanodall esperienza,maanchesensazioni,pensierieperplessità. Nellasessioned aperturasiformanoigruppiesicondividelamodalitàdipartecipazionealle esperienzeoutdoor,leregole,sucosaleesperienzeandrannoalavorareesucosainveceno; siillustralostrumentodeldebriefinginterminidivalore,modalitàeduso. Lasessionesiconcludeconledomandedeipartecipanti. Sec ètempoesiritieneutile,èpossibileeseguireunaopiùsmalltechniquesperpermettere la conoscenza fra i membri, attivare la reciproca fiducia ed avviare processi di autovalutazione. Il secondo giorno si svolgono le esperienze di OT secondo la modalità programmata, generalmentesiprevedeuncompitofisicocheprevedeilsuperamentodiqualcheostacoloo di qualche difficoltà in un ambiente naturale sufficientemente isolato. Ogni esperienza prevede una parte di rielaborazione ed una parte di estrazione dei modelli mentali. La sequenza delle esperienze viene scelta seguendo una progressione di difficoltà fisico/emotivo/cognitivoesecondogliobiettivididatticidaraggiungere.leesperienzesono svolte in gruppi da 6 10 persone condotta da un trainer che vive con loro l esperienza e ne conducelarielaborazione. L esperienza si chiude con una plenaria di chiusura nella quale si procede con una rielaborazioneglobaledelpercorsoeffettuato.inquestafaseavvienel incrociotragliobiettivi e le aspettative espresse nella plenaria d apertura e quanto si è verificati durante i diversi momenti dell esperienza di OT. Compito dei trainer è anche quello di concludere il lavoro facendo emergere dai partecipanti, punti di forza ed aree di miglioramento, sia per ciò che riguardal esperienzaformativa,sial organizzazione,lalogistica,elesoluzioniadottatedalla committenzainaccordocontrainereformatori. Alla chiusura dei lavori sono comunicati gli altri incontri eventualmente previsti per continuareasvilupparel attivitàformativa. LeesperienzediOT 20

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA TEORIA VYGOTSKIJANA

LA TEORIA VYGOTSKIJANA LA TEORIA VYGOTSKIJANA Le ricerche di Vygotskij e quelle più recenti della psicologia cognitivista, hanno dimostrato che una buona cooperazione fornisce la base dello sviluppo individuale. Ad esempio nel

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli