AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE ALLA DGCS COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO MAECI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE ALLA DGCS COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO MAECI"

Transcript

1 AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE ALLA DGCS COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO MAECI 1 settembre giugno 2014

2 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo testi a cura di Gerardo Bellantone

3 Aggiornamento professionale alla DGCS INTRODUZIONE E BACKGROUND Il Programma di condivisione delle conoscenze è stato diffuso agli uffici DGCS con appunto del 31 ottobre 2013, dopo averlo presentato, nel corso di due separate riunioni, alla RSU ed alla delegazione sindacale della DGCS. Attraverso il Programma, la DGCS, ha inteso sviluppare e mantenere le competenze nelle aree principali di operatività, sulla base delle esigenze di servizio e dei bisogni di conoscenza rappresentati, nel contesto di una gestione generale orientata alla performance, secondo le migliori pratiche internazionali. Il Programma è l atto finale del progetto relativo allo start-up dell aggiornamento professionale alla DGCS, predisposto dal Consigliere Ministeriale Gerardo Bellantone, il quale d'intesa con il Vice Direttore Generale per gli Affari Generali ed Amministrativi Luca Maestripieri, ha garantito anche il coordinamento generale della prima fase delle attività di aggiornamento. Il progetto è stato lanciato con appunto del 19 luglio 2013, indirizzato a tutti gli Uffici DGCS, ed ha registrato le seguenti fasi: a. Analisi dei bisogni, per l identificazione delle esigenze di aggiornamento, compresa la disponibilità e la volontà del personale a partecipare alle iniziative previste e l impegno dei titolari delle strutture a consentirvi la partecipazione (sezione 2 del presente documento); b. Individuazione degli obiettivi, degli attori e definizione delle procedure operative (sezioni 3 e 4); c. Redazione del programma di condivisione delle conoscenze della DGCS ed elencazione dei singoli moduli, comprensivi di obiettivi e contenuti generali (sezione 5). Gli obiettivi sono sintetizzabili nei termini seguenti: 4 Aumento e potenzimento delle conoscenze sul funzionamento della DGCS e degli Uffici all estero in materia di cooperazione allo sviluppo 4 Allineamento delle conoscenze di base in materia di cooperazione allo sviluppo di tutti gli operatori della Cooperazione Italiana allo Sviluppo 4 Portare le conoscenze degli specifici operatori (esperti progettisti, valutatori, funzionari addetti ai contratti pubblici, all amministrazione ed alla contabilità) a livelli qualitativi ottimali 4 Migliorare l immagine della DGCS attraverso un adeguato posizionamento nei social network ed il miglioramento delle soft skills nei contatti con l esterno 4 Rafforzare lo spirito di squadra all interno delle singole unità organizzative 3

4 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo Le attività svolte nel periodo 9/2013 6/2014 per il raggiungimento dei suddetti obiettivi sono riconducibiili alle seguenti: 1) Erogazione dei moduli di aggiornamento; 2) Valutazione dell efficacia dell aggiornamento, compresa la valutazione dei partecipanti sull adeguatezza e sui risultati e la valutazione sistematica della performance successiva dei corsisti, nell ambito delle proprie attività, per affinare e migliorare i risultati ottenuti nell ambito delle future offerte di aggiornamento professionale; 3) Analisi e riflessione con il vertice direzionale sulle specifiche esigenze di aggiornamento da soddisfare e revisione a metà percorso del portafoglio moduli. 4) Divulgazione e promozione delle attività. Questa relazione descrive le attività svolte nel periodo di riferimento e costituisce anche elemento per la divulgazione e promozione delle attività. 4

5 Aggiornamento professionale alla DGCS 1. EROGAZIONE DEI MODULI DI AGGIORNAMENTO Nell ambito del periodo di riferimento sono stati organizzati 20 eventi formativi, suddivisi in varie edizioni, il cui dettaglio è riportato in allegato 1. I fruitori della formazione specialistica DGCS sono stati 277, di cui 15 partecipanti esterni e 262 partecipanti interni (diplomatici, dirigenti, funzionari, esperti). Nel complesso sono state erogate 28,8 giornate di formazione, di cui 27,8 a favore di personale DGCS. Di seguito si propongono alcune informazioni procedurali relative all organizzazione dei singoli moduli ed elementi di dettaglio sui singoli moduli. 1.1 Procedure seguite per l organizzazione dei singoli moduli Nell ambito del programma di condivisione delle conoscenze, il coordinatore del modulo formativo d intesa con il coordinatore della formazione, lancia i moduli previsti nel piano formativo preparando un appunto, a firma Vice-Direttore Generale/Direttore Centrale per gli Affari Generali ed Amminstrativi della Cooperazione, diretto a tutti gli uffici, ed in copia alla DGRI Istituto Diplomatico, allegando il programma del modulo e specificando le modalità previste per l iscrizione. Nell appunto viene sempre segnalato che in caso di richieste superiori alle disponibilità logistiche, la DGCS valuterà di replicare, anche nell immediato il modulo formativo. Prima del termine di scadenza, soprattutto nel caso in cui non sia pervenuto un numero sufficiente di candidature, il coordinatore del modulo trasmette un di richiamo a tutti i capi ufficio, allegando l appunto già trasmesso e ricordando il termine di scadenza per la presentazione delle candidature. Scaduto il termine il coordinatore del modulo prepara la lista dei partecipanti e trasmette un confermando la partecipazione al modulo ovvero segnalando l ulteriore edizione nella quale gli interessati sono stati collocati. Nella medesima ai partecipanti viene anche trasmessa un agenda del modulo formativo ed una reading list preliminare per approfondire gli argomenti da trattare. Il giorno in cui ha luogo il modulo formativo, il coordinatore del modulo ovvero uno degli speakers si assicura che all ingresso dell aula individuata per la formazione siano affissi l elenco dei partecipanti e l agenda del modulo. I partecipanti al modulo firmano un apposito registro presenze. Il modulo formativo prevede un interruzione almeno ogni 2 ore ed una pausa pranzo di almeno un ora. Da un punto di vista metodologico in apertura di ogni modulo formativo sono enunciati gli obiettivi di apprendimento, consistenti nelle abilità che i partecipanti acquisiranno a conclusione della formazione. Il giorno stesso in cui ha avuto luogo la formazione, ovvero, al più tardi il giorno successivo, il coordinatore del modulo, tramite posta elettronica, trasmette a tutti i partecipanti la documentazione di riferimento, comprese le slides utilizzate durante la presentazione. 5

6 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo 1.2 Eventi formativi Sono stati organizzati i seguenti eventi formativi: WeLCoMING / PRe-PoStING Questo modulo formativo è stato organizzato in un unica edizione, il 10 settembre I partecipanti sono stati gli esperti di cooperazione allo sviluppo in procinto di partire per lunghe missioni (a Bruxelles, a Karthoum ed a San Salvador) ed i nuovi arrivati alla DGCS, diplomatici e dirigenti. Nell ambito del modulo sono stati affrontati i seguenti argomenti: 4 Il ciclo del progetto; 4 Il metodo del quadro logico; 4 I contratti pubblici; 4 La cooperazione delegata con l Unione europea; 4 La gestione contabile e la rendicontazione delle iniziative CoNtRAttI PUBBLICI Il modulo Contratti pubblici è stato svolto in 3 edizioni: il 27/11/2013, l 11/12/2013, il 13/02/2014. Gli obiettivi di apprendimento sono stati i seguenti: 4 COMPRENDERE i principi generali sugli affidamenti di contratti pubblici; 4 DISTINGUERE le fasi per l affidamento di lavori, servizi, forniture; 4 INDIVIDUARE la corretta procedura di evidenza pubblica per la realizzazione degli interventi; 4 REPERIRE la documentazione necessaria per approfondire gli aspetti principali di una procedura di evidenza pubblica. Nell ambito delle tre edizioni hanno partecipato globalmente 36 funzionari e dirigenti DGCS. Al termine del primo di questi moduli è stata istituzionalizzata la prassi della foto e del tweet ufficiali del modulo. La terza edizione del modulo ha registrato la presenza di 4 speakers, provenienti principalmente dall Ufficio X della DGCS (Capecchi, Di Ioia, Di Simone). 6

7 Aggiornamento professionale alla DGCS GeStIoNe DeL CICLo DI PRoGetto - PRojeCt CyCLe MANAGeMeNt Il modulo è stato organizzato in due edizioni, il 4 dicembre 2013 ed il 26 febbraio tra gli speaker del corso anche l Ing. Giancarlo Palma, esperto di cooperazione e membro del Nucleo di Valutazione tecnica della DGCS. Gli obiettivi di apprendimento erano i seguenti: 4 AGGIORNAMENTO E CONFRONTO sulle migliori pratiche internazionali relative alla gestione del ciclo del progetto; 4 INDIVIDUAZIONE dei metodi più efficaci per il controllo qualità dei progetti; 4 DEFINIZIONE degli elementi principali di un approccio comune, basato sul confronto di esperienze; 4 PREVENZIONE degli errori ricorrenti nella redazione/revisione delle matrici del quadro logico. Il modulo ha registrato un elevato numero di candidature, tale per cui, originariamente previsto in un edizione, è stato sdoppiato e riorganizzato in Sala onofri. Nel complesso sono state formate 58 risorse in quella che è la materia fondamentale della cooperazione allo sviluppo. Anche le edizioni del modulo sulla Gestione del ciclo di progetto hanno avuto i tweet ufficiali: 7

8 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo team BUILDING NeGLI UffICI DeLLA CooPeRAzIoNe ALLo SVILUPPo Il modulo team building è stato attuato in versione pilota con l Ufficio X DGCS il 10 giugno La sessione si è svolta al Circolo del Ministero degli Affari esteri, in un atmosfera molto informale ed amichevole. è stato imposto il seguente dress-code: Smart Casual, No ties, No tailleur, No high heels, No sneakers, No jeans. Gli obiettivi formativi erano i seguenti: 4 Far conoscere in maniera non invasiva e più in profondità le persone che fanno parte della stessa squadra. 4 Creare relazione, incrementare la collaborazione, aumentare il livello di fiducia nei colleghi, motivare il gruppo di lavoro, creare coesione ed integrazione. 4 Facilitare la comunicazione, stimolare la creatività, far emergere la leadership, educare alla delega ed al lavoro per obiettivi, sviluppare l empatia e l ascolto, veicolare vision, mission e valori istituzionali, valutare il potenziale e le attitudini, avvicinare management e personale operativo. Sono stati svolti esercizi sul lavoro di gruppo, sulla gestione dei conflitti, su come evitare situazioni di stallo e su come individuare alternative win-win. L evento ha ricevuto particolari apprezzamenti da tutti i soggetti coinvolti. Questi di seguito sono alcuni degli elaborati predisposti dai partecipanti nell ambito dei giochi di ruolo organizzati: Quello sopra riportato era il Noi come..., utilizzato per rafforzare il senso di appartenenza dei componenti al team. ogni team, autonomamente, doveva confrontarsi sulle caratteristiche di ciascun componente, trovando caratteristiche in comune, al fine di identificare una categoria rappresentativa del team (piante, alberi, fiori, animali, città ). 8

9 Aggiornamento professionale alla DGCS ovviamente, anche al termine del modulo team Building sono stati lanciati i tweet ufficiali: SISteMA DI CoNtRoLLo INteRNo, RISK MANAGeMeNt, INteRNAL AUDIt Gli obiettivi formativi del modulo in questione erano i seguenti: 4 Acquisire la consapevolezza della necessità di un controllo interno in tutti gli aspetti della gestione 4 Saper individuare le carenze di controllo 4 Saper identificare, classificare ed affrontare i rischi connessi alle proprie attività 4 Comprendere l utilità della funzione di Audit interno Il corso è stato organizzato anche per facilitare la compilazione e l aggiornamento del registro del rischio 2014 della DGCS. Il modulo è stato svolto l 11 giugno 2014 ed ha registrato la presenza di 13 partecipanti. fra gli speakers anche l Auditor Interno della DGCS AMMINIStRAzIoNe e CoNtABILItà DeLLA CooPeRAzIoNe ALLo SVILUPPo Gli obiettivi del modulo riguardavano il migliorare delle capacità operative del personale che a vario titolo si occupa di gestione amministrativo- contabile negli Uffici della DGCS e del personale in partenza per le sedi estere che gestisce programmi di cooperazione. Sono state organizzate 4 edizioni del modulo, ciascuna di esse su tre giornate formative, nei seguenti periodi: 16/12/2013, 23-24/1/2014, 29-31/01/2014, 5-7/2/2014, 11-14/02/ CoNtRAttI DI LAVoRo Questo modulo, organizzato il 21/01/2014, costituisce uno spin-off di quello precedente (amministrazione e contabilità), ed ha posto particolare enfasi sulla gestione ed amministrazione dei contratti di lavoro a tempo determinato degli esperti inviati in missione lunga o breve dalla DGCS, sul personale assunto in loco per le esigenze delle UtL, sugli aspetti relativi al contenzioso. 9

10 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo H.e.A.t. (HoStILe environment AWAReNeSS training). Il corso HeAt si prefigge di migliorare la conoscenza in relazione alle minacce multiple presenti in ambienti ostili, per affrontarle efficacemente e imparare a mettere in pratica le procedure di sicurezza su specifiche minacce. I contenuti del corso hanno riguardato: 1. Contesti e strumenti in ambienti ostili 2. Giochi di ruolo ed esercizi situazionali 3. Primo soccorso medico 4. Orientamento, comunicazione e guida di veicoli speciali 5. Esercitazione sul campo Il corso è stato organizzato dalla Scuola Superiore di Studi Universitari Sant Anna di Pisa, in collaborazione con il reggimento tuscania dei Carabinieri. Al corso, residenziale, della durata di 40 ore, distribuite su 5 giorrni, ha partecipato un funzionario diplomatico della DGCS. Si tenga presente che per la ripetizione di tali corsi è necessario perfezionare un apposita convenzione con la SSSUP CooPeRAzIoNe ALLo SVILUPPo e INteRNAzIoNALIzzAzIoNe è questo un evento aperto ad utenti esterni organizzato dalla DGCS per favorire la massima diffusione delle informazioni alle imprese sugli strumenti disponibili, sull'aggiornamento delle disposizioni regolamentari e sulle gare di loro interesse. Al corso, pubblicizzato sul sito istituzionale della Cooperazione italiana, svoltosi il 22 ottobre 2013, hanno partecipato 15 esponenti di enti pubblici e privati. Il corso, aperto dal Direttore Generale, ha visto la partecipazione di 4 speakers DGCS nell ambito delle seguenti materie: 1. Presentazione degli Uffici e delle attività DGCS 2. Le modalità di attuazione dell APS 3. Strumenti finanziari per le imprese: innovazioni normative e regolamentari (art.7 L. 49/87, matching, ecc.). 4. La gestione dei progetti alla DGCS 5. Early warning: ruolo della DGCS Numerose sono state le manifestazioni di apprezzamento ricevute al termine dell iniziativa, da parte dei rappresentanti dei soggetti pubblici e privati coinvolti ReSULtS oriented APPRoACH Questo modulo è stato organizzato anche sulla base delle esigenze emerse a seguito della peerreview dell ocse, svolta alla fine del In particolare, al fine di migliorare l orientamento ai risultati della DGCS sono stati condotti 5 eventi formativi in materia, rispettivamente per i Senior officer DGCS (in due sessioni), i junior diplomats (1 10

11 Aggiornamento professionale alla DGCS sessione), il restante personale DGCS (1 sessione), 1 debriefing al Direttore Generale. Gli obiettivi dei moduli formativi erano i seguenti: 4 Aggiornamento delle conoscenze e delle competenze dei dirigenti della cooperazione italiana allo sviluppo al fine di poter predisporre, verificare e garantire che gli interventi della cooperazione italiana allo sviluppo siano orientati alla performance e contribuiscano al raggiungimento delle priorità italiane in materia di cooperazione allo sviluppo; 4 Superamento dell orientamento alle attività ed all esecuzione finanziaria. I contenuti del modulo vertevano sui seguenti argomenti: 1. Concetti essenziali (Progetto, Programma, Input, Attività, Outputs, Outcomes, Impatti) 2. Orientamento ai risultati (Results Based Management, Goal Oriented Project Planning, Logical Framework Approach, Activity Based Management, Activity Based Budgeting, Results Oriented Monitoring) 3. Obiettivi ed indicatori 4. Catena dei risultati (results chain) 5. Best practices internazionali Nel complesso 71 colleghi DGCS sono stati sensibilizzati sulle tematiche dell orientamento ai risultati tra gli eventi formativi anche due edizioni dedicate a Senior officers, avviate alla presenza del Direttore Generale Cantini, del Vice-Direttore Generale Cassese e del Vice-Direttore Generale Maestripieri: 11

12 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo Anche le edizioni del modulo Results oriented Approach, così come tutti gli altri moduli, si concludevano con la consegna degli attestati di partecipazione al corso. Come per gli altri eventi formativi, anche Results oriented Approach è stato twittato e ritwittato: 12

13 Aggiornamento professionale alla DGCS 2. VALUTAZIONE E GRADIMENTO 2.1 Valutazione dei corsi, espressa dai partecipanti Al termine del modulo formativo il coordinatore del modulo, ovvero uno degli speakers, consegna il questionario di valutazione da far redigere a tutti i partecipanti e rimette gli attestati di partecipazione precedentemente predisposti da parte del personale della segreteria, su indicazioni del coordinatore del modulo. La distribuzione degli attestati di partecipazione è poi elencata nel Registro degli attestati DGCS, disponibile nel drive condiviso U:\Segreteria\Programma di condivisione delle conoscenze Appena sono disponibili i questionari valutativi compilati, il coordinatore del modulo ne analizza i dati e trasmette le risultanze al vertice direzionale (Direttore Generale e Direttori Centrali). Dall analisi dei dati sono emersi giudizi molto lusinghieri per la qualità dei corsi organizzati e, inoltre, la totalità dei corsisti suggerirebbe ai colleghi di partecipare alle iniziative di formazione della DGCS. 2.2 Valutazione della performance dei corsisti I partecipanti, per la quasi totalità dei moduli, sono stati oggetto di una sorta di valutazione dell apprendimento tramite una batteria di domande rivolte sia all inizio della formazione che al termine, per le quali la classe doveva stabilire una posizione di condivisione o non condivisione. In altre parole, prima dell avvio delle lezione, veniva proposto un elenco di 10 affermazioni, a cui si doveva dare una risposta specificando se l affermazione proposta era vera o falsa. tale interrogazione di gruppo costituiva la baseline di partenza delle conoscenza che veniva quindi perfezionata con l erogazione del corso. Al termine della lezione venivano quindi riproposte le affermazioni e, nella totalità dei casi, i partecipanti erano autonomamente in grado di individuare le risposte corrette, confermando quindi il livello di apprendimento del corso. 13

14 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo 3. CALENDARIO DELLE ATTIVITà PREVISTE A PARTIRE DAL 1 LUGLIO 2014 La tabella seguente individua le attività che sarebbe auspicabile effettuare entro la fine del 2014, a cura del nominando coordinatore dell aggiornamento professionale della DGCS, d intesa con il Vice- Direttore Generale / Direttore Centrale per gli Affari Generali ed Amministrativi della Cooperazione allo Sviluppo, previa individuazione di un coordinatore per ogni modulo formativo in programma. N. MODULO EDIZIONI DATE INDIVIDUATE 1 Welcoming Almeno 1 edizione, secondo le esigenze 1 edizione al raggiungimento di 10 newcomers 2 Contratti pubblici 3 edizioni settembre, ottobre, novembre Gestione del ciclo di progetto 4 Team building negli uffici della cooperazione allo sviluppo 5 Sistema di controllo interno, Risk management, Internal Audit 6 Introduzione alla valutazione di progetti e programmi 7 Amministrazione e contabilità della cooperazione allo sviluppo 8 Preparazione alle nuove funzioni/impieghi/incarichi 9 H.e.a.t. (Hostile Environment Awareness Training) 10 Cooperazione allo sviluppo e internazionalizzazione 3 edizioni settembre, ottobre, novembre edizione per ogni ufficio DGCS 1 edizione, al termine dell aggiornamento del registro del rischio edizione 9/2014 A scelta, da parte degli uffici 1 edizione 11/2014 Almeno 1 edizione, secondo le esigenze Almeno 1 edizione, secondo le esigenze CONDIZIONI NECESSARIE Individuazione di un facilitatore esperto 9/2014 Approvazione formale del Piano della performance del MAE /2014 Heat V (9/2014) o Heat VI (11/2014) 1 edizione 10/2014 Stipulare convenzione con la SSSUP Public and social speaking 1 edizione 10/2014 in development cooperation 12 Tutela dei diritti umani delle 1 edizione 9/2014 persone con disabilità 13 Results Oriented Approach 1 edizione 11/2014

15 Aggiornamento professionale alla DGCS 3. CONCLUSIONI A conclusione del primo periodo di esecuzione del Programma di condivisione delle conoscenze, sottopongo le seguenti conclusioni: 1. Il Programma è stato attuato in conformità alla pianificazione ed è stato anche integrato con numerosi eventi non previsti originariamente. 2. Tutta la documentazione relativa al Programma è disponibile nel drive U:\ della DGCS al seguente percorso: U:\Segreteria\Programma di condivisione delle conoscenze Dal punto di vista organizzativo emerge l esigenza di individuare formalmente un coordinatore della formazione. 4. Da un punto di vista logistico-amministrativo emerge l esigenza di individuare una risorsa di segreteria dedicata alle attività di formazione, con particolare riferimento all analisi dei risultati dei questionari valutativi. 15

16 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo Allegato 1: Dettaglio dei moduli formativi organizzati 16

17 Aggiornamento professionale alla DGCS Allegato 2: Sintesi delle attività e dei risultati 17

18 DGCS - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Ministero degli Affari Esteri Piazzale della Farnesina, Roma, Italia Tel.: progetto grafico e impaginazione Sala Grafica DGCS - Ufficio IX

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Laboratorio di progettazione europea

Laboratorio di progettazione europea Laboratorio di progettazione europea Obiettivi Avere una conoscenza di base utile a orientarsi nella struttura della UE e dei Programmi attraverso i quali si distribuiscono le risorse finanziarie comunitarie

Dettagli

Processo di gestione del rischio

Processo di gestione del rischio Processo di gestione del rischio Responsabili del progetto: Min. Plen. Barbara Bregato, Vice Direttore Generale/Direttore Centrale DGCS, Cons. Leg. Michele Cecchi Capo Ufficio I DGCS, Cons. Min. Gerardo

Dettagli

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data Aicq Tosco Ligure, in collaborazione con AICQ Formazione, AICQ Sicev e Accredia, è lieta di presentare il corso di formazione per l aggiornamento sulla nuova ISO 9001-2015 al quale potranno partecipare

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza

Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza Formati Standard per la documentazione di programma delle iniziative di emergenza Responsabile del Progetto: Cons. d Amb. Bruno Antonio Pasquino, DGCS Ufficio VI Min. Plen. Pier Francesco Zazo DGCS Unità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: A SCUOLA CON EMMANUEL GARANZIA GIOVANI SETTORE e Area di Intervento: Settore E - EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE; Area d intervento: 06.

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

HR Team Empowerment. Il New Deal delle Risorse Umane. www.gigroup.eu

HR Team Empowerment. Il New Deal delle Risorse Umane. www.gigroup.eu HR Team Empowerment Il New Deal delle Risorse Umane www.gigroup.eu Cosa è Il modulo HR Team Evolution vuole offrire alle strutture HR uno spazio (all interno di staff meeting, nei kickoff, in eventi ad

Dettagli

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione.

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Credits foto: Nikolas Kallmorgen Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Corso di formazione di alto livello per professionisti della

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

O S S E R V A T O R I O

O S S E R V A T O R I O Direzione Generale della Sanità Servizio programmazione sanitaria e economico finanziaria e controllo di gestione Settore gestione del personale delle aziende sanitarie, programmazione della formazione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Utenti destinatari Restituzione dell esperienza di stage Studenti classi quinte Servizi Commerciali Discipline

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Sessione 1 (14,15-15,15)

Sessione 1 (14,15-15,15) GIORNO 1 20 ottobre Introduzione al corso (obiettivi, risultati attesi, programma, organizzazione, etc.); Icebreaking session; Brainstorming di gruppo ( Cos è un progetto europeo; Concetti di base e parole

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Procedura P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione La funzione di internal audit ha acquisito, negli anni, un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'adozione delle migliori regole

Dettagli

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA P.O.R. VENETO F.S.E. 2007-2013 D.G.R. n. 1148 del 5 luglio 2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse Capitale Umano - Sviluppo del Potenziale Umano nella ricerca e nell innovazione. Assegni

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

1. Team coaching e valorizzazione delle risorse umane

1. Team coaching e valorizzazione delle risorse umane RISORSE UMANE 1. Team coaching e valorizzazione delle risorse umane Gli obiettivi strategici della proposta L approccio del team coaching alla gestione delle risorse umane si fonda sugli stessi principi

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Obiettivo Europa s.r.l. (Riproduzione vietata) www.obiettivoeuropa.it

Obiettivo Europa s.r.l. (Riproduzione vietata) www.obiettivoeuropa.it Il Corso di formazione in Europrogettazione per le Piccole e Medie Imprese (PMI), proposto da Obiettivo Europa, intende fornire alle imprese italiane solide conoscenze e validi strumenti operativi necessari

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000

Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000 La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di Specializzazione per Responsabili dei Sistemi Qualità secondo la nuova edizione delle ISO 9000

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Il bando di gara La candidatura

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Presentazione. Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II. Contrattualistica, Fiscalità e Finanza 1

INTERNAL AUDIT. Presentazione. Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II. Contrattualistica, Fiscalità e Finanza 1 1 Riapertura dei termini iscrizioni Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II Presentazione La funzione di internal audit ha acquisito, negli anni, un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'adozione

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Sales Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di gestire tutte

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM SEDE DI HANOI Iniziativa SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM - Missione di formulazione TERMINI DI RIFERIMENTO I. Informazioni generali

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

Progettazione ed erogazione di servizi educativi innovativi: il Metodo Montessori

Progettazione ed erogazione di servizi educativi innovativi: il Metodo Montessori Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Progettazione ed erogazione di servizi educativi innovativi: il Metodo Montessori Corsi

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014

Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile. Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Salute e sicurezza per i volontari di protezione civile Dire&Fare Lucca 4 ottobre 2014 Il decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO Valorizzare competenze, potenziale e motivazione per il successo personale e aziendale RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO www.ecfconsulenza.it Percorso Formativo:

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO. 8-9 Aprile 2003

PROVINCIA DI TORINO. 8-9 Aprile 2003 PROVINCIA DI TORINO Percorso formativo per l avvio della progettazione dei Piani di Zona 8-9 Aprile 2003 La progettazione partecipata ed il lavoro di rete Marco Anoni responsabile unità Formazione Kai

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area La gestione delle risorse umane come strumento generatore di valore L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Nord Milano nasce

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROGRAMMA INTENSIVO IN 2 GIORNI CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE I FONDI EUROPEI 2014-2020 PER LE IMPRESE E GLI STRUMENTI OPERATIVI PER PRESENTARE LE DOMANDE DI FINANZIAMENTO Il

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli