UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE PROGETTARE E VALUTARE INTERVENTI FORMATIVI IN AZIENDA APPLICAZIONE: IL CASO ASKOLL RELATORE: CH.MO PROF. LORENZO FORNI LAUREANDA: MARIA SASSO MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 INDICE INTRODUZIONE... 2 CAPITOLO IL PROCESSO FORMATIVO Premessa L analisi dei fabbisogni La progettazione La valutazione Conclusioni... 9 CAPITOLO LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE Le definizioni Il modello di Kirkpatrick Gradimento Apprendimento Comportamento Risultati La rivalutazione delle assunzioni Le evoluzioni I modelli di efficacia della formazione Conclusioni CAPITOLO IL CASO ASKOLL Premessa sull azienda Il contesto L approccio L individuazione delle competenze L analisi dei gap formativi L interpretazione dei risultati La progettazione La valutazione Il questionario di gradimento Conclusioni BIBLIOGRAFIA

3 INTRODUZIONE L approccio delle aziende alla formazione dei dipendenti ha subito una notevole evoluzione nel corso dell ultimo secolo e si è progressivamente allineato ai cambiamenti che hanno interessato le dinamiche di mercato, lo scenario competitivo, la valorizzazione del capitale umano e l organizzazione del lavoro. Il punto di partenza di tale evoluzione è stato il taylorismo che, sviluppatosi in America nel primo decennio del secolo scorso, aveva come obiettivo la massimizzazione della produttività industriale. A causa dell estrema parcellizzazione del processo produttivo originatasi da tale corrente organizzativa, la formazione dei lavoratori era assimilabile ad un mero addestramento e prevedeva la trasmissione di semplici routine operative necessarie a svolgere il compito. In accordo con questa visione meccanicista del lavoro e della formazione, l aspetto progettuale degli interventi ed il loro impatto in termini di motivazione dei destinatari erano del tutto ignorati. Intorno agli anni 60, con il rapido sviluppo tecnologico e la rivalutazione della dimensione emotiva e relazionale dell individuo, è emersa la necessità di rendere i dipendenti flessibili alle evoluzioni tecnico-scientifiche del periodo, nonché di rivalutare l importanza degli aspetti socio-psicologici del lavoro. La concezione della formazione è passata, quindi, da addestramento a processo di sviluppo a sostegno della motivazione e delle esigenze strategiche dell organizzazione (Bianchi e Di Giovanni, 2000). Negli ultimi trent anni, la crescente internazionalizzazione dei business e la necessità di sapersi adattare al cambiamento hanno accentuato il ruolo di asset strategico del capitale umano, allontanando la formazione dalla rigidità e spersonalizzazione che l avevano precedentemente caratterizzata. Essa è stata progressivamente orientata alla trasmissione di guide lines tali da stimolare le abilità di ragionamento e problem solving; le attività di training, inoltre, hanno assunto una notevole valenza anche per i dipendenti, i quali si sono dimostrati sempre più attratti dalla possibilità di sviluppare le proprie competenze e di fare carriera all interno dell azienda (Brewer, 2007). Di seguito sarà trattato in modo più analitico il tema della formazione in azienda, in particolare, nel primo capitolo sarà proposta una descrizione teorica delle fasi che compongono il processo formativo; nel secondo capitolo sarà approfondita la fase valutativa tramite la presentazione dei principali modelli di riferimento; nel terzo capitolo sarà descritto il Caso aziendale Askoll che fornirà un esempio di concreta progettazione di un intervento di training customizzato. 2

4 CAPITOLO 1 IL PROCESSO FORMATIVO Nel corso della sua evoluzione, la formazione è cambiata sia a livello metodologico, rispetto alle modalità di progettazione ed erogazione degli interventi, che a livello semantico, grazie alla sua ridefinizione in termini di processo. In questo capitolo sarà descritta l articolazione dell iter formativo nelle sue fasi di analisi dei fabbisogni, progettazione e valutazione. 1.1 Premessa La predisposizione di un percorso formativo per i dipendenti assume un differente grado di complessità a seconda della scelta di esternalizzare o internalizzare l erogazione del corso. Nel primo caso l organizzazione dell intervento è affidata ad enti esterni, conseguentemente, l azienda si limita a provvedere all iscrizione dei partecipanti e, nel caso cui l attività sia svolta presso l azienda stessa, a predisporre spazi idonei per lo svolgimento delle attività. Nel secondo caso, invece, è compito del responsabile della formazione definire gli aspetti progettuali dell intervento, sia con riferimento alle modalità e ai contenuti didattici, che ad aspetti più operativi quali, ad esempio, il reperimento del materiale necessario e di un docente interno competente. 1.2 L analisi dei fabbisogni La formazione dei dipendenti costituisce per le aziende una risorsa strategica ed allo stesso tempo un notevole investimento, per questo motivo si è diffusa una crescente sensibilità nei confronti della fase di analisi dei fabbisogni con lo scopo di focalizzare gli interventi erogati sulle reali necessità dei destinatari, evitando spese improduttive e facendo dello sviluppo delle Risorse Umane un potenziale vantaggio competitivo. Questa fase dovrebbe concretizzarsi nella raccolta di dati attinenti tre variabili, quali l organizzazione, il compito e le persone (Quaglino e Carrozzi, 1995), al fine di determinare l esistenza di possibili fabbisogni organizzativi, professionali ed individuali. Costituiscono fabbisogni organizzativi, o come definiti da Mosca (2012), Formazione istituzionale al ruolo, quelli derivanti da cambiamenti nella strategia aziendale tali da portare alla nascita di nuovi ruoli o alla ridefinizione di quelli esistenti in termini di competenze richieste; ne sono un esempio i gap linguistici dei dipendenti originati dalla delocalizzazione di uno 3

5 Il processo formativo stabilimento, oppure i fabbisogni formativi generati dall introduzione di un nuovo modello produttivo o software di progettazione. I fabbisogni professionali, o Accrescimenti di competenze sul ruolo (Mosca, 2012), possono sorgere a fronte di un difetto di competenze tale da generare una prestazione lavorativa sotto la media, nonché a causa di scostamenti evidenti tra performance attesa e attuale. In questo caso i dati da rilevare attengono l analisi del compito e sono tipicamente individuati tramite la determinazione dei differenziali tra le conoscenze, le capacità e gli atteggiamenti richiesti dalla Job Specification della posizione e quelli in possesso del dipendente. Infine, i fabbisogni individuali vedono come perno d analisi il potenziale e le prospettive di crescita del singolo lavoratore, focalizzandosi sull erogazione di corsi allineati al piano di sviluppo personale (Costa e Gianecchini, 2013). Gli strumenti utilizzabili per il rilevamento dei fabbisogni formativi sono molteplici e l impiego dell uno o dell altro dipende principalmente dall oggetto di valutazione, dal tipo di dati che si desidera rilevare e dalla disponibilità di tempo. L osservazione diretta è utile se si desidera analizzare il comportamento del dipendente sul campo e può essere attuata con il consenso del lavoratore o a sua insaputa. Il rischio che caratterizza la prima modalità è che il soggetto agisca in modo distorto a causa della pressione dell osservatore, in entrambi i casi, invece, c è la possibilità che l osservatore interpreti ciò che vede in modo arbitrario, allineando i comportamenti osservati alle proprie aspettative. L osservazione, inoltre, richiede tempi lunghi di svolgimento, per questo motivo appare inadeguata nel caso in cui si debba valutare un numero elevato di persone. Questi vincoli all impiego dell osservazione diretta trovano superamento nell uso del questionario, che presenta un diverso grado di strutturazione a seconda che siano poste domande chiuse, aperte od entrambe. I principali vantaggi delle domande chiuse sono la minimizzazione dei tempi di somministrazione, la maggiore oggettività della rilevazione e la possibilità di quantificare e comparare i risultati. Le domande aperte, al contrario, possono porre problemi interpretativi e, richiedendo maggiori tempi di risposta, tendenzialmente riducono la disponibilità alla collaborazione (Bianchi e Di Giovanni, 2007; Quaglino e Carrozzi, 1995). Il questionario è impiegato prettamente per rilevare dati attinenti il possesso di nozioni o abilità specifiche; tali informazioni sono usualmente reperite tramite l impiego di test di conoscenza e test psicoattitudinali (Costa e Gianecchini, 2013). L intervista consente di unire formalizzazione e precisione a flessibilità, infatti, le domande possono essere poste in modo più o meno focalizzato lasciando all intervistato un diverso grado di libertà espositiva. I principali limiti di questo strumento risiedono ancora una volta nell interpretazione delle risposte e dei segnali 4

6 Il processo formativo non verbali dell intervistato e nel rischio che le caratteristiche dell intervistatore (ad esempio la posizione gerarchica) o il clima del colloquio (formale o informale) influenzino le risposte del soggetto; l intervistato, ad esempio, potrebbe rispondere in modo distorto al fine di trasmettere una buona immagine di sé, o di soddisfare le aspettative del Manager. Il suo più grande vantaggio risiede nella possibilità di adattare il colloquio al singolo interlocutore focalizzando l attenzione di volta in volta sugli aspetti di maggior interesse; l intervista risulta particolarmente utile per verificare il possesso di competenze trasversali attinenti le dimensioni relazionale e motivazionale del soggetto (Bianchi e Di Giovanni, 2007; Quaglino e Carrozzi, 1995). Il Focus Group consiste in un intervista di gruppo volta alla rilevazione di informazioni e pareri inerenti il contenuto dell intervento formativo ed è finalizzato a verificare i motivi per cui esso debba essere erogato (Mosca, 2012). I suoi vantaggi principali sono la profondità di analisi e la creazione di un clima meno teso rispetto al colloquio one to one; il maggior limite, invece, risiede nella necessità di impiegare personale qualificato capace di gestire le dinamiche relazionali e di mantenere l attenzione sull oggetto del dibattito (Bianchi e Di Giovanni, 2007). Quelli appena descritti sono i principali strumenti di rilevazione delle esigenze formative, tuttavia, non sempre l implementazione di metodi analitici è funzionale o necessaria in questa fase. Si ricorre all impiego di strumenti strutturati principalmente quando l organizzazione si trova ad affrontare un problema associato a performance individuali deficitarie, ponendosi la necessità di valutare l esistenza e l entità dei gap formativi; allo stesso modo, si privilegia un analisi di dettaglio nel caso in cui si desideri progettare un intervento di sviluppo customizzato sulle specifiche esigenze dei destinatari. Si pensi, ad esempio, alla necessità di predisporre un analisi dei fabbisogni per un dipendente che abbia ottenuto una promozione e, potenzialmente, presenti delle lacune in merito alle competenze richieste dal nuovo ruolo. La partecipazione ad un corso non nasce sempre da una puntuale analisi dei fabbisogni; a volte è lo stesso dipendente ad esprimere, con il consenso del Manager, il proprio interesse nei confronti di un offerta formativa, altre volte la partecipazione è suggerita dal superiore gerarchico o dal responsabile della formazione; infine, il verificarsi di eventi particolari, come un nuovo inserimento, implica in modo automatico il sorgere di un fabbisogno informativo che sarà colmato senza la necessità di procedere ad una strutturata analisi dei gap. In merito a quest ultimo punto si pensi, ad esempio, alla formazione sulla sicurezza in azienda che viene erogata in modo standard a tutti i neoassunti. 5

7 Il processo formativo In conclusione, sebbene sia fondamentale la definizione di una best practice che guidi la fase di analisi dei fabbisogni, è necessario che le aziende siano flessibili e sappiano individuare di volta in volta la modalità più consona di rilevazione. 1.3 La progettazione Obiettivi. A seguito dell analisi dei fabbisogni, la questione prioritaria riguarda la definizione di obiettivi formativi SMART (Simple, Measurable, Attainable, Relevant, Time bound), che costituiscono i driver delle scelte di progettazione, nonché una variabile di notevole impatto sull atteggiamento dei dipendenti nei confronti della proposta di training (Costa e Gianecchini, 2013). A sostegno dell importanza della chiara definizione degli obiettivi si staglia la Teoria dell Aspettativa di Vroom (si vedano Costa e Gianecchini 2013, p.81) secondo cui, la forza motivazionale di un comportamento sarebbe determinata dall interesse nei confronti della ricompensa attesa (Valenza), dalla fiducia nella possibilità di raggiungere l obiettivo (Aspettativa) e dalla convinzione che al raggiungimento dell obiettivo seguirà la ricompensa (Strumentalità). Applicando questa teoria all ambito formativo, emerge l impossibilità di far prescindere il comportamento dei dipendenti dalla definizione di ciò che l azienda si aspetta dalla loro partecipazione all attività formativa e dal valore che attribuisce al raggiungimento dei risultati. Allo stesso modo, la teoria del Goal Setting (si veda Loi 2004, p.17) evidenzia come la definizione di obiettivi di performance sfidanti ma raggiungibili stimoli il soggetto ad apprendere ed applicare i contenuti necessari al perseguimento dei risultati prefissati; in tal senso è fondamentale che i goal formativi siano calibrati sul destinatario dell intervento al fine di promuoverne l impegno e la motivazione. Gli obiettivi di apprendimento sono definiti sui tre piani del sapere, saper fare e saper essere, a seconda che il focus dell intervento sia l aumento di nozioni teoriche, l accrescimento di conoscenze e saperi pratici direttamente applicabili al job, o l analisi e il miglioramento del proprio modo di operare nel contesto lavorativo, sia in termini di capacità di problem solving che di gestione delle relazioni sociali (Quaglino e Carrozzi, 1995). Docenza. La scelta della docenza si basa principalmente sul tipo di nozioni che devono essere trasmesse; se si tratta di saperi specialistici è necessario affidare il ruolo di formatore ad un soggetto esterno che abbia un livello di conoscenza ed aggiornamento adeguati alla materia da trattare; si predilige altresì l esternalizzazione se, al contrario, si desidera formare in ambiti non strettamente attinenti al business, quali ad esempio le lingue. La docenza interna è preferita nei casi in cui alcuni dipendenti abbiano i requisiti necessari sia in termini di 6

8 Il processo formativo conoscenze che di idoneità all insegnamento, nonché nei casi in cui si desideri trasmettere informazioni firm specific e sviluppare la trattazione delle tematiche anche sulla base del vissuto organizzativo (Costa e Gianecchini, 2013). Metodi didattici. Se il docente è interno è necessario procedere con la scelta delle modalità didattiche; tale scelta è strettamente associata ai contenuti che si desidera trasferire. A fronte di conoscenze teoriche si privilegia la lezione frontale, così da ottimizzare costi e tempi di erogazione dell intervento; se deve essere trasmesso un saper fare si opta per attività di affiancamento più o meno formalizzate, rispettivamente mentoring o training on the job; se i contenuti presentano sia una dimensione nozionistica che risvolti pratici sono impiegate simulazioni o esercitazioni che permettano sia l acquisizione di framework teorici che una loro contestualizzazione ed applicazione; se la formazione è orientata allo sviluppo del singolo dipendente si ricorre tipicamente al coaching o al counseling, a seconda che ci si focalizzi sullo sviluppo dell efficienza professionale o sulla gestione dell emotività; infine, se l interesse è rivolto all analisi delle dinamiche relazionali ed emotive e al potenziamento delle capacità di problem solving, allora le scelte ottimali ricadono su attività che coinvolgono l interazione tra soggetti (T-Group), la capacità di risolvere problemi e gestire le relazioni intragruppo (Action Learning) anche in condizioni inusuali, esterne al business o di elevato stress (Outdoor Training) (Costa e Gianecchini, 2013). Destinatari. In caso di internalizzazione, una volta individuati i destinatari potrebbe essere funzionale un loro raggruppamento sulla base di criteri che tengano conto della loro posizione gerarchica, età ed esperienza, al fine di favorire la distensione del clima formativo e la predisposizione di attività il più possibile rispondenti alle esigenze dei partecipanti (Costa e Gianecchini, 2013). In generale, sarebbe utile che al momento della rilevazione di una proposta formativa l azienda provvedesse ad individuare potenziali altri interessati all intervento, così da evitare l insorgere di una stessa esigenza a distanza di tempo. Si noti, tuttavia, che per potrebbe risultare improduttivo oltre che oneroso far partecipare troppe persone alla medesima attività di training, per questo motivo spesso è disposta la partecipazione di alcuni rappresentanti incaricati di provvedere ad una successiva condivisione dei contenuti con i colleghi. 7

9 Il processo formativo 1.4 La valutazione Valutare il raggiungimento degli obiettivi prefissati è fondamentale per evitare che possibili errori commessi in fase di progettazione siano reiterati in futuro; nel caso in cui il feedback sia positivo, inoltre, la valutazione costituisce per l azienda un incentivo ad investire in formazione e per i dipendenti uno stimolo a partecipare alle attività di sviluppo. Questa fase può essere scomposta in tre momenti successivi, quali la valutazione ex ante, in itinere ed ex post, ciascuno focalizzato su aspetti diversi di analisi (Costa e Gianecchini, 2013). La valutazione ex ante ha lo scopo di appurare la fattibilità tecnica dell intervento, nonché di verificare che i motivi e gli obiettivi che ne hanno ispirato l erogazione siano idonei alla decisione di investirci tempo e denaro. Ciò che è valutato in itinere può riguardare sia l adeguatezza di metodi e strumenti impiegati, che il livello di gradimento dei partecipanti e di apprendimento intermedio dei contenuti, così da poter cogliere eventuali segnali di insoddisfazione e correggerli in corso d opera. L ultimo momento concerne il tentativo di capire quanto il corso sia stato funzionale al perseguimento degli obiettivi iniziali, nonché a come il loro raggiungimento debba essere misurato. In merito a questo punto si rimanda all approfondimento sulla valutazione della formazione che sarà trattato nel prossimo capitolo; in questa sede mi limito ad evidenziare alcuni generici indicatori di efficienza ed efficacia dell intervento. Sono indicatori di efficienza le ore annue di formazione pro capite e la percentuale di soggetti formati sull organico totale; costituiscono invece indicatori di efficacia il sorgere di un differenziale positivo nella performance lavorativa dei partecipanti, l innalzamento del livello di soddisfazione dei clienti, o un miglioramento nella valutazione dei collaboratori da parte dei superiori (Costa e Gianecchini, 2013). Sebbene molte aziende investano notevoli somme per lo sviluppo dei propri dipendenti, la valutazione della formazione è tendenzialmente disattesa (Bellamìo, 2009). In genere tale disinteresse si associa a particolari contesti culturali aziendali e/o a particolari caratteristiche del percorso formativo, tra cui: la sfiducia da parte della Direzione nei confronti dell utilità della formazione; la scarsa precisione nella definizione degli obiettivi formativi e la conseguente difficoltà nel definire ciò che dovrebbe essere effettivamente valutato; la mancanza di personale dotato delle competenze necessarie per la realizzazione e l implementazione di strumenti di valutazione; la presenza di situazioni di formazione occasionale ( spot ), caratterizzate da una modesta complessità organizzativa e/o contenuti non particolarmente strategici. 8

10 Il processo formativo 1.5 Conclusioni Alla luce delle evoluzioni che hanno interessato la formazione continua negli ultimi anni è evidente come lo sviluppo del capitale umano costituisca una risorsa essenziale per le aziende. Nell ottica di massimizzare motivazione, identificazione e commitment dei lavoratori, nonché il ritorno dell investimento in formazione, sarebbe opportuno che le organizzazioni dimostrassero un atteggiamento positivo nei confronti delle attività formative, adoperandosi alla progettazione di percorsi il più possibile rispondenti alle necessità dei dipendenti ed alle loro esigenze di sviluppo. 9

11 CAPITOLO 2 LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE Nel presente capitolo sarà approfondita la terza fase dell iter formativo, ossia la valutazione. Nel primo paragrafo sarà brevemente descritta la differenza tra valutazione ed efficacia della formazione e successivamente saranno presentati i principali modelli teorici di riferimento. Il modello di Kirkpatrick costituirà il benchmark per la trattazione dell intero capitolo. 2.1 Le definizioni Il concetto di Training Evaluation non presenta una definizione univoca; tra gli autori che hanno dato una personale interpretazione alla questione, Gianpiero Quaglino evidenzia come..quando si parla di valutazione dei risultati di solito ci si riferisce in particolare all attività di ricerca e di individuazione dei cambiamenti intervenuti nei partecipanti ad un corso di formazione dal momento della conclusione di tale esperienza e che possono essere ritenuti come effetti ovvero come risultati del corso stesso. (2005, p.113). Seppur non esista ad oggi un parere universale in merito alla definizione di valutazione e del suo oggetto, appare particolarmente esaustivo e rappresentativo anche il pensiero di Domenico Lipari, che scrive: Il valutatore può essere mosso da una pluralità di scopi [ ] da un lato, quelli più direttamente rivolti alle dimensioni individuali del processo formativo; in questo caso l orientamento è rivolto ad accertare il raggiungimento dei traguardi di apprendimento dei singoli soggetti in formazione; [ ] da un altro lato emerge una caratterizzazione degli scopi diversa se la valutazione sposta il suo centro di interesse sulle dimensioni d insieme del processo formativo (1995, p.150). Lipari precisa maggiormente l oggetto di analisi identificando il cambiamento di interesse con l acquisizione dei contenuti trasmessi, inoltre, egli fa riferimento all adeguatezza delle modalità di svolgimento del processo formativo e degli strumenti impiegati. In generale, le variabili coinvolte più frequentemente nelle definizioni di Training Evaluation riguardano il rapporto costi-benefici dell investimento formativo, il soddisfacimento delle esigenze dei partecipanti e la comparazione tra i risultati attesi e quelli effettivamente raggiunti. Un estrema sintesi delle definizioni proposte in merito alla valutazione della formazione è rappresentata da quelle che Scriven considera le tre domande chiave di questa fase, ossia: l intervento formativo ha creato valore? Era possibile realizzare il processo in modo più efficace? Sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati? (Si veda Brewer 2007, p. 23). 10

12 La valutazione della formazione A partire dalla seconda metà del secolo scorso molti autori hanno approfondito il tema della valutazione della formazione proponendone diversi modelli teorici; alcuni studiosi, tuttavia, si sono spinti oltre la semplice analisi valutativa estendendo il concetto di Training Evaluation all individuazione dei fattori a monte del raggiungimento degli obiettivi formativi e alla valutazione del Transfer of training, ossia dell applicazione pratica di quanto appreso (Loi, 2004). Questi sviluppi hanno portato al sorgere del dualismo tra valutazione ed efficacia della formazione: mentre la valutazione in senso stretto si è associata all identificazione dei goal formativi attesi ed alla verifica del loro raggiungimento, gli studi sull efficacia hanno individuato nel trasferimento il fine ultimo del processo formativo e si sono interessati ad esaminarne le principali determinanti. Di seguito saranno descritti i principali modelli di valutazione ed efficacia della formazione sviluppatisi a partire dagli studi di Kirkpatrick. 2.2 Il modello di Kirkpatrick Il modello gerarchico di Kirkpatrick (1967) risulta ad oggi il più utilizzato e condiviso in tema di valutazione della formazione. L autore propone uno schema valutativo articolato sui quattro livelli di Reazioni, Apprendimento, Comportamento e Risultati, al fine di valutare diversi aspetti ed obiettivi associati alla partecipazione dei dipendenti ad attività formative (si vedano Costa e Gianecchini 2013, pp ). Le assunzioni che ispirano l elaborato di Kirkpatrick riguardano la sequenzialità dei livelli, l esistenza di un rapporto causale tra i risultati di ciascuno di essi, e la presenza di correlazione positiva tra i diversi step di valutazione (Alliger e Janak, 1989). In base a tali assunzioni, il modello è strutturato secondo l analisi di una serie ordinata di criteri, dal meno informativo al più approfondito (Sequenzialità), dove il raggiungimento di una valutazione di soglia nel livello precedente costituisce una condizione necessaria, ma non sufficiente, al realizzarsi dell outcome successivo (Causalità). Secondo l autore, inoltre, il grado di raggiungimento di uno degli obiettivi più a monte (Gradimento, Apprendimento, Comportamento) determinerebbe l andamento delle valutazioni seguenti (Apprendimento, Comportamento, Risultati); ad esempio, i corsi che hanno registrato un elevato livello di gradimento dovrebbero garantire un risultato positivo in termini di apprendimento, o, quantomeno, un livello di apprendimento superiore rispetto a quello ottenibile da corsi meno graditi (Correlazione). 11

13 La valutazione della formazione Gradimento L obiettivo di questa prima fase è la rilevazione del giudizio dei partecipanti in merito ad alcuni aspetti attinenti l organizzazione e lo svolgimento del corso, tra cui, l utilità dei contenuti, l adeguatezza delle modalità didattiche, dei materiali e dei supporti impiegati, la competenza dei docenti e la percezione del grado di complessità degli argomenti. A causa del carattere qualitativo e soggettivo delle informazioni rilevate, il gradimento non può che marginalmente intendersi come rappresentativo della reale utilità ed efficacia dell intervento; in genere, inoltre, i partecipanti sottovalutano la rilevanza del loro giudizio e sono poco disponibili ad investire del tempo in tale attività valutativa. Per i suddetti motivi, in questa fase sono preferibili modalità di indagine semplici ed immediate, quali i questionari strutturati e le discussioni di fine intervento (Coinu, 2007). In generale, mentre la standardizzazione, ed eventualmente l anonimato, del questionario a domande chiuse consente il reperimento di dati poco distorti e facilmente analizzabili, la discussione, pur costituendo un potenziale vincolo alla libera espressione del proprio pensiero, permette la raccolta di informazioni più varie ed approfondite, soprattutto se si desidera reperire suggerimenti e critiche sugli aspetti progettuali del corso (Quaglino e Carrozzi, 1995) Apprendimento Con apprendimento s intende l acquisizione di nuove conoscenze, abilità e tecniche funzionali allo svolgimento o al miglioramento dell attività lavorativa. Ciascuna delle tre tipologie di apprendimento (sapere, saper fare, saper essere) si associa tendenzialmente a diverse modalità di valutazione dei risultati. Se l obiettivo è appurare l acquisizione di nozioni teoriche, il test di conoscenza rappresenta lo strumento più utilizzato; esso si compone tipicamente di domande a risposta multipla, veri e falso e frasi a completamento attinenti i contenuti trasmessi. Al contrario, se si desidera verificare l acquisizione di saperi pratici si può ricorrere all impiego di simulazioni, richiedendo ai partecipanti di applicare ad una potenziale situazione lavorativa i concetti appresi (Costa e Gianecchini, 2013). La valutazione dell apprendimento integra notevolmente le informazioni reperite nella fase precedente, ciononostante, un buon livello di acquisizione dei contenuti non costituisce una garanzia alla loro applicazione e, quindi, non è sempre un buon indicatore dell utilità del corso. 12

14 La valutazione della formazione Comportamento Oggetto di questo momento valutativo è la verifica dell implementazione in sede lavorativa dei concetti appresi tramite formazione; tale livello di analisi dovrebbe far emergere un differenziale tra la prestazione lavorativa pre e post formazione. Volendo valutare il comportamento del soggetto nel contesto lavorativo, l osservazione, seppur con i limiti esposti in precedenza, risulta essere particolarmente indicativa (Quaglino e Carrozzi, 1995). Per ovviare alla relativa affidabilità dello strumento si può ricorrere all intervista situazionale con lo scopo di rilevare, anche se in modo astratto ed ipotetico, la modalità con cui l intervistato affronterebbe un problema posto dall interlocutore. Se condotta prima e dopo l intervento, l intervista situazionale permette di rilevare delle variazioni comportamentali potenzialmente attribuibili alla partecipazione al corso. Si noti che, per quanto la valutazione comportamentale possa risultare significativa nello stabilire se il corso sia stato funzionale ad un miglioramento dell attività lavorativa, l applicazione dei contenuti rilevata nel breve termine non garantisce il mantenimento del nuovo modus operandi in futuro; allo stesso modo, non è detto che una mancata applicazione registrata nel breve periodo precluda un successivo e graduale cambiamento comportamentale Risultati La valutazione dei Risultati rappresenta la dimensione più ostica e per certi versi inaffidabile dell intero modello in quanto attinente la misurazione dell impatto organizzativo degli interventi formativi. L oggetto di valutazione è il contributo di questi ultimi al miglioramento dei risultati aziendali, che sono tipicamente misurati in termini di soddisfazione dei clienti, qualità dell output, e riduzione di costi o errori produttivi (Coinu, 2007). A causa della difficoltà di isolare gli effetti della formazione su tali indicatori, se i corsi non presentano una particolare valenza strategica, la maggior parte delle organizzazioni decide di concludere l attività valutativa alle fasi precedenti. 2.3 La rivalutazione delle assunzioni In merito alla fondatezza delle assunzioni del modello gerarchico, il contributo principale è giunto dagli studi di Alliger e Janak (1989). L unica puntualizzazione fatta degli autori sull assunzione relativa all apporto informativo dei livelli di valutazione concerne l utilità dell integrale applicazione del modello gerarchico. Secondo gli autori, non tutti gli interventi di training presentano un importanza tale da 13

15 La valutazione della formazione richiedere una valutazione articolata su tutte e quattro le fasi descritte; per attività di breve durata o di scarno contenuto, infatti, potrebbe ritenersi poco affidabile se non addirittura inutile una valutazione che vada oltre l apprendimento. Per quanto concerne l assunzione di causalità, dagli studi è emerso che, mentre appare confermata la relazione causale tra Apprendimento e Comportamento, risulta meno plausibile la causalità tra Reazioni e Apprendimento, e tra Comportamento e Risultati. Come già accennato, per la sua natura puramente emotiva e personale, non è pensabile che il gradimento sia condizione necessaria all effettiva acquisizione di contenuti, o, più evidentemente, che una reazione positiva si traduca sempre in apprendimento. In merito alla relazione tra Comportamento e Risultati, invece, la critica ne ha proposto una ridefinizione in termini bidirezionali. Questa modifica è stata motivata dalla duplice natura dei risultati organizzativi che, se da un lato possono essere considerati come outcome del miglioramento nella performance lavorativa, dall altro, possono intendersi come rinforzi e cause al mantenimento di tale miglioramento. Per quanto concerne l assunzione di correlazione tra i criteri, dall analisi condotta è emersa una sostanziale incorrelazione tra Reazioni di gradimento e le altre variabili (Alliger, 1998). Nello studio in esame i criteri sono stati parzialmente ridefiniti: le Reazioni sono state distinte in affettive, ossia di personale apprezzamento del corso, e di utilità, intese come percezione della possibilità di applicare in sede lavorativa le nozioni apprese e di trarre da tale applicazione un miglioramento di performance; l Apprendimento è stato scomposto in apprendimento di nozioni e di abilità; i livelli di Comportamento e Risultati organizzativi sono rimasti invariati. Lo studio ha rilevato correlazioni significative tra le sottodimensioni dei primi criteri, e correlazioni irrisorie tra criteri diversi; in particolare, le Reazioni affettive sono risultate il fattore che presenta la correlazione con gli altri più prossima a zero, mentre sono parse leggermente più indicative le Reazioni di utilità. Aldilà della puntuale analisi dei dati rilevati, lo studio condotto ha supportato ed enfatizzato la conclusione secondo cui il primo step di valutazione non può essere inteso come predittivo degli altri outcome formativi. 2.4 Le evoluzioni I due framework valutativi più coerenti con il modello gerarchico sono stati proposti da Phillips e Kaufman & Keller, mentre i modelli CIRO e CIPP si sono maggiormente scostati dallo stesso benchmark. Il contributo di Phillips ha riguardato l introduzione del ROI (Return On Investment) della formazione come quinto livello valutativo. L approfondimento proposto dall autore è di 14

16 La valutazione della formazione natura finanziaria ed ha lo scopo di misurare il ritorno dell investimento in formazione tramite la monetizzazione dei costi e dei benefici ad essa associati. Nonostante il potenziale apporto informativo di tale indice, la necessità di isolare gli effetti della formazione sui miglioramenti organizzativi rilevati e, successivamente, di quantificarli, pone un notevole limite al suo impiego (si veda Brewer 2007, pp.26-27); si pensi, ad esempio, di dover calcolare il ROI di un corso sulle attività di Reception per un azienda industriale. La critica mossa da Kaufman e Keller (1995) al modello gerarchico ha riguardato la sua eccessiva focalizzazione sulla valutazione della formazione. Gli autori hanno evidenziato la necessità di elaborare un framework più ampio che permetta di valutare anche altri tipi di attività orientate al miglioramento delle performance. In tale prospettiva, essi hanno proposto un ampliamento al modello di Kirkpatrick tramite l introduzione di un quinto Mega livello di analisi, così definito in quanto volto a misurare il valore apportato a Società e Clienti dalle attività di performance improvement dei dipendenti. I modelli CIRO, di Warr, Bird e Rackham (1970), e CIPP, di Stufflebeam (1983), si sono allontanati maggiormente dall elaborato di Kirkpatrick provvedendo alla ridefinizione degli elementi coinvolti nel processo di valutazione; nello specifico, mentre entrambi i modelli considerano le variabili di Contesto e Input, il primo si completa con l analisi di Reazioni ed Outcome, il secondo con quelle di Processo e Prodotto (si veda Brewer 2007, pp.27-28). Secondo gli autori è inizialmente necessario valutare il contesto organizzativo ed identificare, a partire da questo, i fabbisogni e gli obiettivi formativi (Contesto). In secondo luogo, dovrebbero essere valutate le risorse disponibili, sia in termini monetari che didattici (materiali, docenti, spazi,..), così da progettare le attività in modo rapido ed efficace (Input). In seguito, mentre nel modello CIRO dovrebbe essere rilevata la Reazione dei partecipanti, ossia un giudizio di customer satisfaction integrato da eventuali suggerimenti in merito all organizzazione dell intervento, nel modello CIPP dovrebbe essere svolta un analisi del Processo, ossia una verifica della lineare e corretta implementazione dell intervento. Gli ultimi livelli di Outcome e Prodotto hanno un significato simile nei due modelli, in quanto si riferiscono entrambi all analisi dei risultati conseguititi. Nel primo caso i risultati riguardano i livelli di apprendimento (Immediate level), applicazione dei contenuti (Intermediate level) e miglioramento dei risultati organizzativi (Ultimate level); nel secondo caso, invece, si fa un generico riferimento ai risultati attesi e inattesi di breve o lungo periodo (Stufflebeam and McKee, 2003). 15

17 La valutazione della formazione Context Input Reaction Process Outcome Product Fig. 1 Modello CIRO e Modello CIPP 2.5 I modelli di efficacia della formazione Ad ampliare la prospettiva valutativa degli autori sopra citati si stagliano gli studi sull efficacia della formazione. Di seguito saranno descritti i contributi di Noe, Baldwin & Ford e Holton all approfondimento del modello gerarchico. Il modello elaborato da Noe (si veda Loi 2004, pp.27-30) può essere inteso come un integrazione a quello di Kirkpatrick in quanto inclusivo della definizione delle variabili più influenti sul raggiungimento degli obiettivi formativi. L unica modifica apportata dall autore alla gerarchia dei risultati riguarda il ruolo delle Reazioni di gradimento che, coerentemente con gli studi condotti sulle assunzioni del modello, sono state declassate da primo outcome formativo ad influenza secondaria dell Apprendimento. Con riferimento alle variabili a monte del processo di trasferimento, l autore individua nella motivazione ad apprendere e nella motivazione a trasferire il fattori di maggior impatto, che sarebbero rispettivamente determinati dal possesso di un locus of control interno o esterno e dal contesto organizzativo. Il contesto organizzativo è definito in termini di supporto sociale da parte di supervisori e pari, e di opportunità o vincoli all applicazione di quanto appreso (Holton, 1996). Si consideri, ad esempio, il caso in cui il Manager non dimostri fiducia nel dipendente o non si preoccupi di evidenziare i suoi miglioramenti; oppure alla situazione in cui il lavoratore non abbia a disposizione le tecnologie adatte all implementazione dei nuovi saperi. Il possesso di un locus of control interno indica un elevata fiducia in se stessi e nella convinzione di poter autocontrollare gli eventi della propria vita; al contrario, un locus of control esterno è indice di bassa autostima e della tendenza ad attribuire i propri risultati a 16

18 La valutazione della formazione fattori esterni. La tesi sostenuta dall autore è che persone con un locus of control interno sono più disposte ad affrontare in modo positivo e produttivo i percorsi formativi, sono più coinvolti sul lavoro e più attivi nella pianificazione della loro carriera; inoltre, essi sono maggiormente inclini ad accettare feedback negativi di valutazione ed a colmare i propri gap formativi. Nel loro elaborato Baldwin & Ford (1997) si scostano maggiormente dal modello gerarchico, definendo due soli obiettivi formativi, ossia, Apprendimento & Ritenzione, e Generalizzazione & Mantenimento. I primi sono intesi come grado di effettiva acquisizione dei contenuti al termine del corso; i secondi, invece, come livello di applicazione in ambito lavorativo di quanto appreso e di mantenimento delle nuove abilità nel tempo. Nella definizione dei fattori più influenti sul raggiungimento degli obiettivi citati, gli autori integrano il modello di Noe con l introduzione della variabile di contesto formativo (Training design). A loro avviso, l acquisizione delle nozioni sarebbe influenzata, oltre che dal contesto organizzativo e dalle caratteristiche personali dei partecipanti (assimilabili al concetto di locus of control), anche dall adeguatezza dell attività formativa in termini di principi dell apprendimento utilizzati, di sequenzialità degli insegnamenti e di Job relevance dei contenuti. Il modello proposto da Holton (1996) è considerato la più completa sintesi degli studi precedenti. L autore raggruppa le variabili a monte dei risultati formativi nelle categorie di elementi motivazionali, ambientali e facilitanti, ciascuna delle quali comprenderebbe, seppur con marginali modifiche, i fattori già descritti dagli autori precedenti. Secondo Holton, ogni outcome formativo sarebbe determinato da tre variabili, ciascuna appartenente ad una diversa categoria (Fig.2). La principale variazione rispetto agli altri modelli riguarda il reinserimento dei Risultati organizzativi tra gli outcome formativi; tali Risultati vengono qui espressi in funzione di 1) fattori esterni, quali ad esempio il tasso si assenteismo dei dipendenti o l andamento del mercato; 2) l utilità attesa dell intervento; 3) la percezione che l intervento formativo sia in linea con gli obiettivi, la mission e la strategia aziendali. Il contributo di Holton è stato inoltre notevole con riferimento alla ridefinizione dei rapporti causali tra ciascuna delle variabili del modello. 17

19 La valutazione della formazione Elementi motivazionali Motivazione ad apprendere Motivazione a trasferire Utilità attesa/roi Elementi ambientali Reazioni Stimoli organizzativi al trasferimento Outcomes Apprendimento Performance individuale Fattori esterni Risultati organizzativi Elementi facilitanti Abilità Contesto formativo Coerenza con gli obiettivi organizzativi Fig. 2 Il modello di Holton 2.6 Conclusioni Il contributo degli autori che dalla seconda metà degli anni 70 si sono interessati di valutazione ed efficacia della formazione ha portato ad una significativa evoluzione e rivalutazione del modello di Kirkpatrick. Volendo sintetizzare le modifiche apportate a tale framework, esse hanno riguardato la discussione sull attendibilità delle assunzioni di causalità e correlazione; la ridefinizione dei risultati formativi e del peso da attribuirsi al giudizio di gradimento; la ricerca delle variabili a monte del raggiungimento dei training outcomes. Sebbene molti autori abbiano tacciato il modello di Kirkpatrick come incompleto e semplicistico proponendone versioni sempre più articolate, esso, proprio per la sua linearità ed immediatezza applicativa, costituisce tuttora il riferimento teorico più noto ed usufruito in tema di valutazione della formazione. 18

20 CAPITOLO 3 IL CASO ASKOLL Nel tentativo di concretizzare quanto esposto finora, quest ultimo capitolo sarà dedicato alla descrizione di un progetto formativo creato dall azienda per cui ho svolto la mia attività di Stage. Trattandosi di un percorso realizzato internamente, sono stata coinvolta nel processo di elaborazione dell iter formativo fornendo un supporto operativo alla sua realizzazione. A seguito della progettazione dell intervento, inoltre, ho proposto la rielaborazione del questionario di gradimento che l azienda somministra ai partecipanti al termine di ogni corso. 3.1 Premessa sull azienda Askoll è un azienda multinazionale dedita alla produzione di pompe e circolatori di alta gamma per acquari, elettrodomestici e caldaie ad uso domestico. Il gruppo conta circa 2500 dipendenti in tutto il mondo, e si compone di undici aziende dislocate strategicamente tra Stati Uniti, Europa ed Asia. I valori che ispirano la Mission di Askoll sono innovazione, imprenditorialità, etica, spirito di collaborazione e rispetto per l ambiente; nel tentativo di concretizzare tali principi, l azienda ha saputo creare un giusto bilanciamento tra il proprio Capitale relazionale, umano ed organizzativo. In Askoll è radicata l idea che alla base della buona riuscita di un business ci sia la corretta gestione delle persone che vi lavorano; in questo senso la Direzione ha da sempre promosso lo sviluppo di un clima aziendale informale ed aperto alla condivisione e al confronto; inoltre, ha cercato di creare un Gruppo di aziende, seppur autonome, allineate nei modelli gestionali ed orientate alla cooperazione. A partire dalla convinzione che la produttività degli asset materiali e dei sistemi gestionali ed operativi di un organizzazione dipende strettamente dalla presenza di persone capaci di gestirli e valorizzarli, in ottica di lungo periodo, Askoll ha scelto di investire costantemente in attività di sviluppo e formazione, con l obiettivo di massimizzare il valore apportato dalle Risorse Umane all azienda ed, allo stesso tempo, di accrescerne il potenziale e la motivazione. 3.2 Il contesto La realizzazione di un progetto formativo per alcuni membri di uno stabilimento del Gruppo Askoll è stata stimolata dal rilevamento di un margine di miglioramento nell efficienza della gestione produttiva; in particolare, negli ultimi tempi era emersa la volontà di aumentare la propensione di alcuni lavoratori alla Job Rotation. La polivalenza della manodopera è un 19

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL DIRETTORE DELL ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICO SOCIALI. Il sistema di valutazione si articola, dal punto di vista metodologico, in tre aspetti distinti ma tra

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Premessa Nell ambito della gestione delle Risorse Umane, EBC Consulting si affianca alle Aziende nel mettere a punto strumenti e processi coerenti

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA

LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA LA GESTIONE DELL INTERCAMBIABILITÀ DEL PERSONALE IN AZIENDA SOSTITUZIONE DEL PERSONALE SUL LUNGO (TAVOLE DI RIMPIAZZO), MEDIO (ASSENZE PROGRAMMATE) O BREVE PERIODO (ASSENTEISMO) MARIO ROSSI: Buongiorno,

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

COMUNE DI MONTE COLOMBO

COMUNE DI MONTE COLOMBO COMUNE DI MONTE COLOMBO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione Pag.

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA P.O.R. VENETO F.S.E. 2007-2013 D.G.R. n. 1148 del 5 luglio 2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse Capitale Umano - Sviluppo del Potenziale Umano nella ricerca e nell innovazione. Assegni

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme Sistema di valutazione della performance individuale del personale apicale Finalità Il sistema di valutazione della performance individuale

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli