UN APPROCCIO RINNOVATO ALLA RAZIONALITÀ NEL PIANO Parole chiave: Razionalità, GPRA, Logical Framework Approach

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN APPROCCIO RINNOVATO ALLA RAZIONALITÀ NEL PIANO Parole chiave: Razionalità, GPRA, Logical Framework Approach"

Transcript

1 UN APPROCCIO RINNOVATO ALLA RAZIONALITÀ NEL PIANO Parole chiave: Razionalità, GPRA, Logical Framework Approach Giuseppe B. Las Casas, Anna Sansone 1. INTRODUZIONE In un epoca di profonda e rapida trasformazione in campo economico, sociale e tecnologico, si assiste nei fatti ad un cambiamento del modo di concepire il processo di pianificazione e, quindi, del ruolo e delle strumentazioni tecniche del pianificatore. Come sottolinea Friedman (1993) la pianificazione è quella pratica professionale che cerca di collegare forme di conoscenza con forme di azione nella pubblica arena. Il punto centrale della pianificazione è proprio la ricerca del nesso tra conoscenza ed azione (Faludi, 1997), attraverso un processo che tende ad assistere, guidare il sistema urbano verso la condizione desiderabile per i diversi attori, indirizzandone l agire, piuttosto che tentando di disegnarne il futuro. Tali elementi di innovazione pongono, in modo ormai non più rinviabile, l esigenza di un riordino del sistema di pianificazione anche dal punto di vista dei suoi strumenti. Dopo un periodo troppo lungo in cui, in onore di un insieme di concetti di grande rilevanza, si è assistito ad una pressione continua verso l abbandono di forme di piano sistematiche, comprensive e razionali a favore di forme prevalentemente poco strutturate e trasparenti di negoziazione, oggi i nuovi strumenti di intervento, connotati da forti caratteri di operatività, richiedono un richiamo ad un attività di valutazione sistematica che faccia chiaro riferimento ad un quadro preciso e strutturato di obiettivi e ad ipotesi il più possibile formalizzate circa il contributo di ciascuna azione al conseguimento degli stessi. Alla base della nostra proposta poniamo l ampia riflessione sul governo della complessità che gli ultimi dieci anni ci hanno ripresentato e, senza riproporne la lettura, proponiamo la presentazione di strumenti di ordinamento delle idee ed di esplicitazione dei processi logici di costruzione del piano. Tali strumenti, fra i quali la costruzione del Quadro logico degli Obiettivi viene collocata in posizione centrale, vengono proposti per: - la loro capacità di contribuire al formarsi di una sorta di soluzione (incertezza) trasparente e condivisa su quegli oggetti la cui dinamica definisce le condizioni di massima incertezza; - per la loro capacità di controllo 1

2 In questo lavoro viene presentata una breve discussione del significato e delle utilità del Logical Framework Approach, una revisione recente di un vecchio format di ordinamento delle procedure valutative, diffuso fin dai primi anni ottanta presso le agenzie delle Nazioni Unite per valutare i programmi di intervento nei PVS. Quello che qui viene proposto è una descrizione critica di tale approccio sottolineando come esso possa essere di supporto rispetto ad una diffusa istanza di innovazione dei metodi di pianificazione e di valutazione che emerge dal fondamentale apporto della GPRA del Governo Federale degli Stati Uniti e dai programmi di miglioramento della valutazione della Commissione Europea. 2. RAZIONALITÀ LIMITATA E INCREMENTALISMO Come sottolinea Friedman, la pianificazione può essere intesa come l arte dell assunzione razionale di decisioni sociali. La razionalità, per la pianificazione detta sinottica, veniva definita, nel passato, come la esigenza di una procedura standard per l assunzione di decisioni. Assumiamo, qui, che una decisione sia tanto più razionale quanto più è coerente con i suoi obiettivi e compatibile con le possibilità e i vincoli esistenti e/o con i mezzi a sua disposizione. La migliore razionalità si fonda dunque sulla migliore conoscenza possibile delle condizioni e dei vincoli della decisione, e di poterne pertanto valutare meglio l efficacia. 1 Le riflessioni che proponiamo si legano ad un ristretto campionario di tecniche, prevalentemente indirizzate ad aspetti di base del processo valutativo nel processo di piano. Il campo di applicazione che costituisce il centro di questa proposta, si riferisce ai principi etici della: Accountability Della trasparenza E della incertezza condivisa (Las Casas, G. 1995) nella decisione collettiva che dovrebbe a nostro avviso, costituire la base dei comportamenti che tendono a proporre impieghi di risorse pubbliche o di risorse non negoziabili come quelle ambientali (Las Casas, G. 1984) Nel corso degli anni si è passati dalla totale ignoranza del nesso fra conoscenza e azione, assunto nel pensiero e nell agire di derivazione ottocentesca come esito esclusivo della sensibilità del progettista, ad 1 È noto da Simon in poi il concetto di razionalità limitata, che allude principalmente alla impossibilità di potersi dotare di una conoscenza perfetta preliminare alla assunzione della decisione, numerosi autori sia a partire da questa osservazione sistematica che da altri punti di vista hanno evidenziato il carattere processuale attraverso cui la conoscenza si sviluppa. Significativo nel pensiero moderno è il concetto di incrementalismo, che a partire dalla piecemal engineering di Popper, (1978) ha promosso numerosi filoni di ricerca fra i quali occorre segnalare, per i rilevanti aspetti operativi, il contributo di Bernard Roy (si veda per tutti: Roy, B. 1985) attraverso la modellizzazione del processo incrementale ed evolutivo della decisione collettiva. 2

3 un attenzione ed ad una massa di attese sproporzionata rispetto alla reale possibilità di effettuare valutazioni in maniera completa ed incontrovertibile che la cultura della ottimizzazione coltivava alle origini delle applicazioni della ricerca operativa. Alla fine degli anni settanta (del periodo classico del cosiddetto approccio sistemico), permanevano rilevanti elementi di insoddisfazione circa il passaggio dall analisi al progetto, restando tale passaggio legato alla impostazione di un problema di decisione di tipo sostanzialmente ottimizzatorio, disgiunto dal contributo di robustezza offerto dal processo di apprendimento collettivo. Ignorare il nesso tra conoscenza ed azione e, in particolare fra l attività di conoscenza e il processo di implementazione, significa abbandonare questo passaggio all immaginazione del pianificatore. Di grande utilità al fine di chiarire la possibile strada da intraprendere è il contributo di A. Faludi, la cui proposta vede il passaggio da una concezione statica della pianificazione come semplice applicazione delle conoscenze ad una visione più dinamica centrata sulla decisione come processo. (Faludi, 1997). Ma tutto questo reclama nuovi tipi di razionalità e, soprattutto, come ci sembra, strumenti che esaltino il carattere procedurale e che tengano conto che la incertezza non è superabile e faciliti l implementazione di processi decisionali improntati alla flessibilità, al partenariato, a modalità iterative di valutazione-decisione-monitoraggio-decisione (Camagni, 1997). Se l idea di una razionalità assoluta è ormai superata, ciò non toglie che sempre di una razionalità abbiamo bisogno, per quanto limitata. Nella pianificazione, abbiamo ancora bisogno di trovare buone soluzioni, di valutare gli effetti delle decisioni passate, di garantire la coerenza e la compatibilità di diverse decisioni contemporanee (diversi singoli progetti urbani, che spesso sono gestiti separatamente), di monitorare l impatto di singoli progetti sul piano urbanistico, trasportistico, economico e sociale. Il concetto di razionalità limitata (bounded rationality) dovuto a Herbert Simon ( ed.), grossomodo si richiama alla impossibilità di avere una conoscenza perfetta (su aspirazioni obiettivi, sui futuri.) e dunque genera una razionalità, appunto, limitata. Le innovazioni nelle politiche di gestione del territorio hanno posto, insieme alle trasformazioni del quadro politico, economico e sociale, l esigenza di profonde innovazioni tanto nei metodi della pianificazione, per i quali si richiedono qualità di flessibilità e adattabilità alla domanda di integrazione dell azione pubblica con quella privata, quanto nei metodi della valutazione, i quali, dal mondo della pratica estimativa, si sono spinti in una più estesa pluralità di campi, diventando sempre più strumenti di ausilio per la 3

4 selezione di scelte allocative e trasformative, cioè: metodi di aiuto alle decisioni. (Las Casas 92) 3. PROCESSO LOGICO, PIANIFICAZIONE STRATEGICA E GPRA Alla luce di tali concetti, oggi pianificare non può essere visto semplicemente come pura analisi razionale, ma è diventato un ibrido tra pensiero intellettuale analisi razionale ed interazione sociale 2 Un approccio ai principi e ai metodi dello strategic planning, secondo Camagni, sembra superare alcuni dei limiti della pianificazione tradizionale e si propone di misurare la sua efficacia non in termini di conformità tra azioni e progetti, ma in termini di performance, cioè della produzione di risultati concreti mano a mano che, attorno ai diversi obiettivi, si aggreghi consenso e si sviluppi coinvolgimento attivo. Poiché tali coinvolgimenti vengono conseguiti attraverso il tempo, gli stessi obiettivi devono essere rivisti nel tempo, determinando così gli aspetti essenziali di quel carattere di flessibilità che si domanda alla pianificazione. Faludi e Van der Valk (1994) secondo Mazza (1997) provengono da una definizione estremamente generale di pianificazione strategica: la pianificazione strategica è pianificazione globale, si tratta, continua Luigi Mazza, di una generalità che è difficile non condividere, infatti se non fosse astratta e generale, non sarebbe pianificazione strategica La pianificazione strategica si presenta come un processo dalla cui ambiguità ed apertura deriva la sua forza e flessibilità. La formazione del piano dice infatti Faludi (1997)- deve assumere le decisioni in corso come punto di partenza, a maggior ragione dal momento che queste decisioni costituiscono l interfaccia tra le politiche pubbliche e le aspirazioni degli attori privati Diverse sono le tecniche per favorire l accordo tra i diversi attori, ma sempre favorendo l accostamento ad un efficace compromesso tra rigidità e flessibilità, [avendo] cura allo stesso tempo che la negoziazione non diventi presupposto per la negazione del piano (De Luca, Las Casas 1997). Il quadro esigenziale posto dalla riflessione teorica degli anni 80 e 90 trova negli Stati Uniti un primo tentativo di riformulazione dei metodi della decisone pubblica. Esso non guarda semplicisticamente a obiettivi di efficienza di stampo quasi aziendalista, in un ottica di quei miglioramenti della produttività che si otterrebbero accorciando i tempi tra elaborazione di una decisione e sua implementazione (snellendo le procedure), quanto in 2 E. R. Alexander Introduzione alla Pianificazione: Teorie, Concetti e Problemi attuali, Clean, Napoli, (t.o. Approaches to Planning. Introducing Current Planning Theories, Concepts and Issues Gordon and Breach Science Publishers, Lausanne, 1992). 4

5 un ottica di ridisegno totale della stessa pubblica amministrazione e del suo modus operandi, attraverso la formula del reinventing government. Tale formula trova applicazione pratica nel Government Performance and Results Act (GPRA) del 1993, una legge del governo degli Stati Uniti che obbliga alla pianificazione strategica tutte le agenzie a scala federale. Processo di cambiamento che si sta allargando anche alle scale statali e locali, tanto da costituire, come riferisce Archibugi (1998) un autentica rivoluzione epocale Al di là dell efficace slogan politico, vi è un coefficiente di novità, molto alto che nasce da questo punto di vista sulla pianificazione strategica o di risultato (GPRA): l introduzione sistematica in tutti gli organi gestionali del Governo Federale dell obbligo di elaborare piani strategici (quinquennali), piani di prestazione (annuali) e, conseguentemente, il bilancio di programma (program budgeting) assumendo in una chiave più condivisa e moderna i principi antichi del PPBS nella letteratura anni 60 (cfr. Hill, M., 1966 Litchfield, N.,1998) Fra i numerosi elementi di innovazione introdotti, con il Government Performance and Results Act del 1993, nelle modalità di gestione degli affari nella Pubblica Amministrazione, si è individuata una nuova attenzione agli strumenti di coinvolgimento nella costruzione di un piano di tutti i soggetti, sia pubblici che privati, attraverso un modello di Pianificazione Strategica che consente di soddisfare criteri di razionalità nel processo di elaborazione, gestione e valutazione del piano. Razionalità che si concretizza nella valutazione condivisa dei nessi fra fini e mezzi. In questo tipo di approccio dinamico in cui si apprende durante l azione (learning by doing), le differenti fasi del processo programmatorio sono sistematicamente accompagnate da verifiche e relative correzioni: - sia della coerenza degli obiettivi rispetto all approfondimento che deriva dalla presenza costante ed attiva sul territorio e rispetto ai cambiamenti dello scenario esterno, - sia dei risultati delle azioni messe in atto. La valutazione si viene affermando come pratica integrata nella pianificazione e nel governo del territorio e dell ambiente. Deve accompagnare tutte le fasi del processo di realizzazione del Piano, ovvero ex-ante, quando si decide di avviare un attività di piano e si selezionano le azioni; in itinere, quando viene esercitata l azione di governance in corso d opera; ex-post, quando le si giudica alla luce dell esperienza per reiterarle o modificarle e finale, quando si cerca di estrarre insegnamento dalle azioni messe in opera. 3 3 Sulle fasi del processo di valutazione, cfr. anche (Las Casas 1992): i) quella in cui ci si propone la valutazione dello stato di fatto ; ii) quella in cui ci si propone la valutazione di strategie, piani o progetti alternativi, al fine di individuare fra questi una scelta sulla quale decidere; 5

6 Tale esercizio si caratterizza dunque come occasione di riflessione e di dialogo che accompagna l azione nel suo divenire, nei suoi esiti ed impatti e produce i suoi effetti per scopi diversi: - per migliorare l efficienza di contesti organizzativi, - per migliorare l efficacia dell azione pubblica, - per migliorare la qualità di prodotti e contesti; La valutazione nel processo di piano viene accolta quindi come forma di comunicazione, in quanto diffonde le informazioni su possibili scenari di sviluppo urbano, mostrando convenienze e costi per la collettività e per i soggetti coinvolti Valutazione-scelta-decisione Allo scopo di trovare un accordo per i termini più essenziali del problema, viene innanzitutto proposta una riflessione sulle differenze e sui legami che si stabiliscono fra tre momenti di un processo conoscitivo che costituiscono il centro del processo di decisione. Si tratta di porre l'attenzione su differenze e peculiarità di termini e, dunque di processi che spesso vengono impropriamente sovrapposti, scambiando finalità dell'uno con quelle proprie di un altro. In particolare appare indispensabile osservare che: - la valutazione attiene ad una prima fase di un processo cognitivo che riguarda sia aspetti sostantivi che procedurali. In particolare questa attività riguarda il raffronto con obiettivi di conseguimento ritenuti essenziali: sono i terms of reference i quali definisconolo spazio entro il quale la valutazione si svolge e nel quale viene collocato l oggetto o gli oggetti della valutazione. - la scelta conclude un processo valutativo che tende a selezionare una alternativa fra molte, in un contesto di criteri e punti di vista multipli e, spesso, conflittuali. Essa richiama la necessità di confrontare e selezionane più alternative. A questo scopo richiede di dotarsi di criteri, cioè di funzioni dei vantaggi connessi a ciascuna alternativa in ragione dei diversi obiettivi che permettano di stabilire una relazione di preferenza e, successivamente di definire o, meglio, costruire regole di comportamento che permettano di dare esito all attività di selezione/ordinamento quando ci si trova in presenza di una molteplicità iii) quella secondo il quale ci si propone di valutare i risultati conseguiti (o conseguibili) da un progetto realizzato (o in corso di realizzazione). In questa ottica, si ripropongono alcuni dei concetti principali di un così detto "approccio rinnovato" al ciclo del progetto, basato su esperienze e considerazioni sviluppate in un contesto relativo alla elaborazione e alla valutazione di progetti di investimento con implicazioni rilevanti di ordine territoriale. I riferimenti considerati si rifanno alle esperienze della Banca Mondiale e di altre organizzazioni internazionali legate alle Nazioni Unite. 6

7 di criteri e di alternative, ognuna delle quali per alcuni criteri è preferita alle altre e, per altri criteri, viene preferita. 4 - la decisione, non più intesa solamente come atto deliberativo, ma, come spiega Bernard Roy (1979), come "...un tempo forte di un processo...". Tale atto deliberativo conclude, solo temporaneamente, un processo lungo e complesso di natura squisitamente politica in cui è il rapporto fra individui di una collettività (e dunque fra interessi non necessariamente concorrenti) a dover essere regolato. Osserveremo ancora che, mentre il processo valutativo include prevalentemente questioni di ordine tecnico, (non escluse questione di ordine qualitativo e soggettivo che richiamano la sensibilità del (dei) valutatore (i)) e la decisione attiene soprattutto a questioni di ordine squisitamente politico, la scelta induce problematiche che appartengono sia all una che all altra sfera. Mentre la costruzione e lo sviluppo di metodi per comparare e ordinare alternative è infatti oggetto di tentativi e di proposte che sono di natura tecnica, la scelta della regola è un fatto politico: si tratta infatti della scelta del metodo attraverso cui valutare il consenso. (cfr. fra gli altri: P. Martelli, 1983) 4. PROJECT CYCLE MANAGEMENT E IL LFA (LOGICAL FRAMEWWORK APPROACH) In questo contesto esiste una valida strumentazione di riordino analitico che facilita il compito del progettista, proponendo un approccio razionale per la stesura dei documenti pianificatori. Ci si riferisce in particolare alla metodologia del Project Cycle Management proposto dalla comunità europea che rappresenta un approccio consolidato in ambito di progetti territoriali e di pianificazione degli interventi pubblici. Seguendo le ipotesi metodologiche consolidate 5, diremo che le fasi del ciclo del progetto sono: 1) Identificazione del progetto e della sua ragion d'essere; (Valutazione dei Fabbisogni) 2) Elaborazione del progetto; (Valutazione della consistenza fra i legami logici che pongono in relazione azioni e risultati attesi) 3) Valutazione e decisione di investire (o di non investire) (Valutazione comparata fra costi e vantaggi per diverse strategie, compreso il non-progetto) 4 È il problema alla base delle metodologie multicriteri di aiuto alla decisione che, come ricorda lo stesso P. Vinke, (1981) si qualifica come un problema hill founded (cioè mal posto che, in generale non ammette una soluzione univoca. 5 Si veda il manuale UNIDO del 1982 e per una ripresa, Pennisi e Scandizzo 1085 e Las Casas Formulazioni leggermente diverse, forse più semplici, sono state proposte nel citato manuale della Commissione Europea. 7

8 4) Implementazione; (e valutazione on-going) 5) Valutazione finale; (audit) 6) Valutazione a-posteriori; (messa a punto delle considerazioni sugli effetti conseguiti quando il progetto è a regime) Durante lo svolgimento di una qualunque delle fasi, o alla fine del ciclo, è possibile avviare un altro ciclo relativo ad un ulteriore progetto (compreso il non progetto) Gli strumenti proposti rappresentano i tratti essenziali del ragionamento di piano e definiscono le azioni di un attività di pilotaggio (cibernetica) che riveste i tratti della evolutività che caratterizza un punto di vista rinnovato all approccio sistemico. Il Logical Framework Approach (LFA) è stato comunemente usato, negli anni settanta dalle agenzie di sviluppo internazionali (USAID) per accrescere la sua accountability al congresso e successivamente anche dalla FAO, come uno strumento per la gestione di piani di sviluppo, in quanto hanno riconosciuto che il modo per migliorare le prestazioni e l'impatto dei progetti è rafforzare il processo di pianificazione all'interno di una struttura di gestione coerente caratterizzata da obiettivi definiti chiaramente con vantaggi ottenibili e misurabili. 6 6 Nel 1969 il LFA fu elaborato per conto della U.S. Agency for International Development (USAID) come strumento di presentazione dei progetti descrittivi in natura. Dopo il l ACDI (Agency Canadienne de Development International) ha utilizzato il LFA come parte dell attività di concezione del progetto. Nel 1985 l ACDI ha pubblicato una guida di utilizzazione del LFA nella gestione e valutazione dei progetti di sviluppo internazionale. Nel 1992 il NORAD ha pubblicato una guida di pianificazione per obiettivi. Nel 1995 il DANIDA ha proposto il LFA come strumento di sviluppo partecipativo. Nel 2001 la Comunità Europea ha proposto nel manuale del PMC (Project Cycle Management) il LFA come tappa del PMC. 8

9 figura 1. Ora è utilizzato come una tecnica efficace per consentire ai diversi soggetti, di individuare ed analizzare problemi, definire obiettivi e attività da intraprendere per risolvere quei problemi, come strumento di analisi, ai fini dell approvazione e valutazione di progetti. Esso si compone (v. figura 1) delle seguenti fasi: Fase di analisi, durante la quale si analizza la situazione esistente per sviluppare una visione della situazione futura desiderata e selezionare le strategie che ne possono permettere il raggiungimento. La fase di analisi di un LFA prevede come inizio l analisi della situazione esistente. Partendo dalla conoscenza degli stakeholders, i quali definiscono i problemi e i bisogni principali, si definiscono gli obiettivi prioritari da raggiungere con il compimento del progetto. Se non ci fossero problemi non ci sarebbe bisogno d'azione, la diagnosi del problema dipende dall'immagine dello stato desiderato, che agisce come punto di riferimento. Partire con una buona conoscenza delle aspettative, dei problemi, e delle preferenze dei gruppi coinvolti nel programma, elimina parte dei conflitti dovuti ad un diverso modo di concepire il piano, evitando così la non riuscita del piano stesso. Un tipico approccio per visualizzare come i problemi si relazionino tra di loro è il problems tree (albero dei problemi), nel quale si sistemano i problemi secondo una logica di causa- effetto dal basso verso l alto. Il problems tree, una volta completato fornisce lo specchio negativo della realtà secondo la lettura degli attori che lo hanno costruito. 9

10 figura 2. Problem tree Logical Framework Analysis as a tool for project planning a Necessary Evil? Orlaith McCaul Il duale del problems tree è l objectives tree, il quale, al contrario, delinea il futuro desiderato, collegando gli obiettivi entro una struttura gerarchica governata dalle assunzioni relative al nesso fini-mezzi. È ovvio che trasformare i rapporti di causa effetto del problems tree in rapporti mezzi fini dell objectives tree non è un operazione semplice, al contrario richiede in alcuni casi una riformulazione delle dichiarazioni che si può raggiungere solo attravereso trattative, compromessi e negoziazioni. Una delle sfide più difficili nella pianificazione è la traduzione di vaghi, incoerenti fini in obiettivi operativi. I fini chiaramente espressi non sono solo necessari per portare avanti le fasi successive della pianificazione, come la progettazione e la valutazione delle alternative, ma sono anche un significativo elemento del piano o delle politiche in se stessi e la loro comunicazione efficiente è uno dei fattori più importanti ai fini del successo della implementazione di un piano, di una politica o di un programma. Naturalmente, identificare i fini e gli obiettivi non è facile. In organizzazioni e istituzioni complesse, l'articolazione dei fini si può raggiungere solo attraverso negoziazioni, trattative e attraverso la composizione di conflitti mediante la prospettazione sempre più ricca del quadro delle alternative e delle loro ricadute rispetto ad un quadro di obiettivi che evolve, nella formulazione e nella percezione della importanza relativa. A questo punto si individuano le strategie da utilizzare per raggiungere gli obiettivi desiderati 10

11 Fase di sintesi o di pianificazione, durante la quale la strategia viene sviluppata in un programma operativo. In questa fase si definiscono, nel Logframe, le azioni da intraprendere, le risorse a disposizione e da reperire in relazione agli obiettivi desiderati il legame fra obiettivi sottordinati e obiettivi sovraordinati ( rapporto fini e mezzi). La fase di sintesi si concretizza con la costruzione del logframe matrix (o quadro logico), nel quale riassumono le conclusioni della fase precedente. Il LF è concepito nella fase di implementazione e formulazione del PCM e serve per strutturare la logica delle attività di piano. Il LF presenta la gerarchia degli obiettivi in una griglia composta almeno da quattro righe e quattro colonne (cfr. AusAid Guidelines dell Australian Agency for International Development; Manual Project Cycle Management - Unione Europea). Schema del logframe Narrative Summary Development Objective Objectively Verifiable Indicators (OVIs) Means of Verification MOVs External Factors (Assumptions) Immediate Objective Outputs / Activities figura 3 Schema del Log Frame Ci sono due logiche che consentono la lettura della matrice: quella verticale e quella orizzontale. La logica verticale della matrice è una descrizione degli obiettivi del progetto e comprende (nelle righe) overall objective, purpose, outputs ed activities. Tale logica consiste nel fatto che un progetto produrrà il suo contributo all overall objective raggiungendo i suoi purposes, i quali richiedono la produzione di alcuni outputs dalle activities previste. Il raggiungimento di ogni livello può essere dimostrato dagli indicatori di performance verificabili obiettivamente (key indicators performance), ma dipende anche dalla consapevolezza e dalla gestione di external condictions (assumptions/risks). 11

12 Goal Purpose Assumptions Outputs Assumptions Activities Assumptions Inputs Assumptions figura 4. La logica verticale della struttura di programma La logica orizzontale consente al pianificatore di poter specificare gli indicatori di performance dei vari livelli della struttura del progetto, come l informazione è stata generata e la fonte dei dati utili per il calcolo (means of verification) e, contemporaneamente, i rischi e presupposti interni o esterni al controllo e gestione del progetto richiesti per assicurare che i vari livelli siano raggiunti ed eventualmente la precondizione necessaria affinché il progetto possa essere iniziato. Al livello delle attività, nelle colonne successive, si riportano le informazioni relative agli inputs e ai costi del progetto, invece degli indicatori di performance e delle relative fonti. In conclusione si può affermare che la costruzione della matrice permette un duplice livello di osservazione riferito: - al sistema di obiettivi (generali e specifici), risultati attesi e azioni (posizionati nella matrice lungo l asse verticale); - alla concretezza ed alla misurabilità di ciascun obiettivo, risultato ed azione, sulla base di indicatori obiettivamente verificabili e delle fonti di verifica (posizionati sull asse orizzontale). I concetti di misurabilità e comparazione sono tipici della valutazione. Infatti la valutazione può essere intesa come identificazione, e quindi misurazione, degli effetti dell impatto di un intervento o, più esattamente di una politica, in relazione a dati obiettivi e vincoli. Così pure la valutazione può essere intesa come comparazione tra gli effetti di un intervento e gli effetti di altri interventi alternativi al primo. Gli indicatori di performance costituiscono una utile soluzione al problema della trasformazione dei dati, in informazioni significative per la valutazione della prestazione di un sistema urbano o di un progetto di intervento. Nel logframe sono proposti due tipi di indicatori quelli di efficacia, con cui si misura il grado di conseguimento degli obiettivi o di fornitura dei prodotti e quelli di efficienza, con cui si misura il rapporto tra risorse impiegate e prodotti realizzati o conseguimento degli obiettivi di livello inferiore e obiettivi di livello superiore. Le misure fornite da ogni indicatore devono essere tali da renderlo obiettivamente verificabile. Un indicatore si dice obiettivamente verificabile se persone diverse, usando lo stesso processo di misurazione, ottengono gli stessi dati. Gli indicatori dovrebbero mostrare chi si sta giovando del progetto e permettere di valutare gli impatti attesi ed involontari sui gruppi a 12

13 cui è rivolto il progetto Affinché un indicatore sia obiettivamente verificabile è necessario che sia: Misurabile: un indicatore deve poter essere misurato in termini quantitativi o qualitativi; Fattibile: deve essere fattibile in termini di finanze, apparecchiature, esperienze e tempi; Pertinente ed accurato: deve esprimere quello che cerchiamo di misurare in modo preciso; Sensibile: deve essere capace di raccogliere i cambiamenti nel periodo a cui facciamo riferimento; Tempestivo: deve fornire tempestivamente le informazioni. Ai fini della costruzione del quadro logico degli obiettivi si guadi alla descrizione delle principali questioni, riportate nella figura seguente. DOMANDE DA PORSI PER COSTRUIRE IL LOGFRAME 7 LOGICA DEGLI INTERVENTI (con riferimento alla struttura del progetto o sommario narrativo) OBIETTIVO GENERALE (comunemente chiamato Overall Objective o goal). Quali sono i problemi che il progetto aiuterà a risolvere? OBIETTIVO IMMEDIATO (o anche detto Project Purpose) Quali sono gli effetti a breve scadenza attesi sull'area di progetto e dai gruppi coinvolti? Quali sono i vantaggi attesi (o gli effetti negativi) e a chi andranno? Quali cambiamenti porterà il progetto? INDICATORI OBIETTIVAMENTE VERIFICABILI - OVIS Quali sono i modi quantitativi per misurare o i modi qualitativi per giudicare se questo scopo è stato realizzato? Quali sono le misure quantitative o la prova qualitativa da cui il raggiungimento e la distribuzione di effetti e vantaggi possono essere giudicati? RISULTATI (riferito agli outputs o ai risultati intermedi) Quali risultati sono stati ottenuti dal progetto riguardo al raggiungimento degli obiettivi? ATTIVITÀ Quali attività devono essere prodotte per ottenere gli outputs? Figura 5 cheklist per la costruzione del LF MEZZI DI VERIFICA -MOVS Quali sono le fonti di informazioni esistenti? È possibile misurare il rapporto tra i costi e i benefici? Quali sono le fonti di informazioni esistenti? Le disposizioni per la raccolta dei dati devono essere previste sotto gli inputs e gli outputs? Quali sono le fonti di informazione? RIEPILOGO DEGLI INPUTS CHIAVE, E COSTI. Quali materiali, attrezzature, ecc, a quale costo ed entro quale periodo devono essere forniti? PRESUPPOSTI, RISCHI, CONDIZIONI (FATTORI ESTERNI). Quali condizioni, fuori del controllo del gruppo di implementazione, sono necessarie affinché il raggiungimento degli obiettivi del progetto contribuisca alla realizzazione del overall objective? Quali condizioni esterne si devono verificare affinché sia più probabile il raggiungimento degli obiettivi? Quali condizioni esterne si devono verificare affinché l implementazione delle attività produca gli outputs nei termini previsti? 7 Building bridges in PME guidelines for good practice in the planning, monitoring and evaluation of community-based development projects. Implemented by southern ngos with support from european ecumenical agencies 13

14 Il fattore esterno è importante? Sì No Si realizzerà? Non includere nel Logframe Quasi certamente La definizione delle ipotesi relative alle condizioni al contorno e alla robustezza dei legami logici costituisce l aspetto Includere di come maggiore presupposto delicatezza della costruzione del Quadro logico degli obiettivi: nella quarta sulla colonna consapevolezza di tali ipotesi riposa un principio di responsabilità che distingue il ruolo di chi ha concepito un programma senza tenere conto È possibile delle condizioni ridisegnare esterne il da progetto secondo l influenza del quello di chi avendo prospettato legami con fattore altri esterno? possibili avvenimenti ne rimane vittima e, infine da quello di chi possa aver direttamente influenzato l esito del piano. Cfr. Las Casas, 1992 ( È possibile ritenere che la colpa (dell insuccesso di un programma) sia sempre e tutta solo di altri? ) Probabilmente Improbabile Sì Non includere nel Logframe A conclusione delle fasi di analisi della situazione al cui sviluppo ben Ridisegnare il progetto aggiungendo Il progetto non contribuiscono risultati recenti o attività: sviluppi riformulare della lo analisi SWOT è fattibile in corso di sperimentazione, scopo se la necessario selezione delle condizioni al contorno costituisce, dunque un elemento di qualificazione del ragionamento di piano. A questo fine riportiamo la procedura di verifica e ricerca dei fattori esterni proposta dalla UE (2001) No (Fonte: EUROPEAN COMMISSION Europe Aid Co-operation Office General Affairs Evaluation, Manual Project Cycle Management, march

15 CONCLUSIONI. Questo lavoro ha posto brevemente l accento, da un lato su una domanda di strumenti di razionalità che si pone in relazione alla valutazione di politiche di governance dinamiche e in grado di seguire/anticipare esigenze e comportamenti fortemente evolutivi, dall altro sul valore di un approccio tecnico-metodologico ritenuto di grande importanza. Il LFA seppure data ormai da diversi anni, è passato dal ruolo di un Format estremamente evoluto per supportare l attività di valutazione presso gli uffici di organizzazioni internazionali a strumento di strutturazione e riordino del ragionamento di piano. Tale passaggio che qui viene interpretato nelle sue potenzialità ci sembra possa accompagnare operativamente l istanza di miglioramento della valutazione che l Unione Europea auspica in modo esplicito dopo il lancio del V programma quadro. Esso condurrebbe gli esperti verso il passaggio da una valutazione che non esiteremmo a definire burocratica nel senso che riscontra per ciascun programma una serie di indicatori predefiniti e, su questa base, effettua la selezione (in genere tri-cotomica) dei progetti verso una valutazione integrata che coglie gli aspetti di processualità che, naturalmente, accompagnano la decisione. Si tratta di una processualità che, nei casi migliori, assumendo in maniera esplicita gli elementi di problematicità che sottostanno alla ricerca del consenso di fronte ad obiettivi conflittuali, sviluppa in maniera empirica la ricerca della soluzione. A fronte di tale approccio non codificabile, ma spesso rimosso, la ricerca del nesso (fra fini e mezzi e fra pensiero e azione) viene tradotto in uno strumento di ordine e trasparenza. Tale importante contributo si confronta con la natura complessa del sistema degli attori i quali presentano obiettivi i più disparati e capacità di influenzare la decisione estremamente diverse. A fronte di questa complessità l esito deliberativo del processo decisionale non può non rivestire spesso caratteri di casualità in cui principi di efficienza e di equità rimangono accantonati o non verificati. Questo lavoro si è soffermato solo sugli aspetti tecnici del LFA, quelli riferiti alla costruzione della Matrice del Quadro logico (Logframe) rinviando ad altra trattazione l esame del contributo che accurate sessioni di SWOT Analysis possono conferire alla costruzione del Problem tree il quale, per dirla con George Chadwick (1971), rimane il very crux and hinge pine of a rational planning process. 15

16 RIFERIMENTI Alexander E. R., (1992) Introduzione alla Pianificazione: Teorie, Concetti e Problemi attuali, Clean, Napoli, (t.o. Approaches to Planning. Introducing Current Planning Theories, Concepts and Issues, Gordon and Breach Science Publishers, Lausanne, 1992). Andersson A.E., Johansson B. (1986) Livello di conoscenza, cicli produttivi e regioni metropolitane in Bardazzi Silvestro (cur) Pianificazione delle aree metropolitane,angeli, Milano Archibugi F. (1998), Prefazione, in Formez. Astengo (1971), Le scienze umane in Italia oggi, Il Mulino, Bologna Australian Agency for International Development, (2000), AusAid Guidelines (Draft), Australian Agency for International Development. Camagni R. P. (1992) Le reti di città verso una teorizzazione ed una tassonomia, in ROSINI R. a cura di, L urbanistica delle aree metropolitane, Alinea, Firenze. Camagni R. (1999), Agire metropolitano: verso forme e strumenti di governo a geometria variabile, in Camagni R., Lombardo S. (a cura di), La città metropolitana: strategie per il governo e la pianificazione, Alinea, Firenze Camagni R., Gibelli M. C., Rigamonti P. (2002), I costi collettivi della città dispersa, Alinea editrice, Firenze Chadwwick, G A System View of Planning Pergamon Press Oxford Mass. Coleman, G. (1987). Logical Framework Approach to the Monitoring and Project Appraisal Evaluation of Agricultural and Rural Development Projects. Beech Tree Publishing. Surrey, England. Danida (Danish Agency for International Development Cooperation) (1996), Logical Framework Approach LFA. A flexible tool for participatory development, DK De Luca G., Las Casas G. B. (1997), Dalla razionalità alla ragionevolezza, il contributo delle scienze cognitive all argomentazione in urbanistica, in C. S. Bertuglia, F. Vaio, a cura di, La Città e le sue Scienze. La programmazione della città, F. Angeli, Milano, EUROPEAN COMMISSION, (2001), Europe Aid Co-operation Office General Affairs Evaluation, Manual Project Cycle Management, Bruxelles Faludi A., Van der Valk A. (1994), Rule and Order: Dutch Planning Doctrine in the Twentieth Century, Kluwer Academic Publishers, Dordrecht Faludi A. (1997), Il nesso tra analisi e progetto : studio di un difficile rapporto, in C. S. Bertuglia, F. Vaio, La Città e le sue scienze: la La programmazione della città, Franco Angeli, Milano. Finlayson Peter (1999), Strategic planning: The Logical Framework Approach, paper presented at the 1999 AAAC Annual Conference held at Ballarat, Vic. Finlayson, P.M. (1999), Logical Framework Development Planning a dynamic project definition and design methodology for year 2000 managers. Proc. AAAC Conf., Ballarat, Vic., AIAST, Melb. Friedman J. (1993) Pianificazione e dominio pubblico: dalla conoscenza all azione, Edizioni Dedalo, Bari 16

17 FORMEZ - CENTRO DI FORMAZIONE E STUDI, Archivio di materiale didattico a supporto dei Corsi PASS (1998), Dispense del Corso di Pianificazione strategica e Documenti e casi di studio. Gibelli M.C. (1999), Dal modello gerarchico alla governance: nuovi approcci alla pianificazione e gestione delle aree metropolitane, in Camagni R., Lombardo S. (a cura di), La città metropolitana: strategie per il governo e la pianificazione, Alinea, Firenze Hill Morris (1966) A Method for Evaluating Alternative Plans: The Goals Achievement Matrix Applied to Transportation Plans ITAD Ltd (1996), The logical framework approach - a project management tool. ITAD(Information Training and Agricultural Development) Ltd., (1999), Project Cycle Management Training Handbook, European Commission Jackson Bill (1997), Designing Project and Project Evaluation Using the Logical Framework Approach. Unpublished Paper. Monitoring and Evaluation Initiative, The World Conservation Union (IUCN ). Gland, Switzerland. Las Casas G. (1995), Conoscenza e valutazione nelle scelte di piano: l etica della trasparenza in Atti del XXI Congresso INU, Bologna. Las Casas G (1992) "La valutazione dei piani". in:" Mezzogiorno e Scienze Regionali: l'analisi e la programmazione." A cura di R.P. Camagni, A. Hoffmann e F. Latella. Ed. F. Angeli, Milano Las Casas, G. (1984)"Processo di piano ed esigenze informative" In: "Pianificazione del Territorio e Sistema informativo" A cura di F. Clemente. Ed. F. Angeli, Milano.) Litchfield, N. et alii, Eds. (1998), Evaluation in Planning, Kluver, Dordrecht Martelli, P " La logica delle scelte collettive" Ed. Il Saggiatore, Milano Mazza L. (1997), «Ordine e cambiamento, regola e strategia», in C. S. Bertuglia, F. Vaio, La Città e le sue scienze: la La programmazione della città, Franco Angeli, Milano. McCaul Orlaith, (2000) Logical Framework Analysis as a tool for project planning, a Necessary Evil?, Occasional paper 3 Ministero dei lavori pubblici, (1954) Criteri di indirizzo per lo studio dei Piani territoriali di coordinamento in Italia, vol. II, a cura di G. Astengo, Roma NORAD (Norwegian Agency for Development Cooperation),(1996) The Logical Framework Approach (LFA) - A Handbook for Objective-Oriented Planning NORAD (Norwegian Agency for Development Cooperation) (1999), The logical framework Approach (LFA) Pennisi, G. e Scandizzo, G., 1985 "Tecniche di valutazione degli investimenti pubblici" Istituto Poligrafico dello Stato, Roma. Popper, K "La ricerca non ha fine" Ed. A. Armando, Roma. Project Cycle Management (PCM) and Objectives-Oriented Project Planning (ZOPP) Guidelines Deutsche Gesellschaft fur Technische Zusammenarbeit (GTZ),

18 Roy, B. 1979, "De-quelle Decision s'agit-il, qui aider et comment? Document du LAMSADE N^ 4, Universite de Paris Dauphine, Paris. Simon Herbert ( ed.) Administratve Behavior. A Study of Decision Making Processes in Administrative Organization. MacMillan PU. New York 18

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

LOGICAL FRAMEWORK APPROACH NELLA PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI: UNO STATO DELL ARTE

LOGICAL FRAMEWORK APPROACH NELLA PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI: UNO STATO DELL ARTE XXVIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI LOGICAL FRAMEWORK APPROACH NELLA PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI: UNO STATO DELL ARTE Corrado RINDONE 1 1 DIMET, Università Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

Scuola di Ingegneria giuseppe.lascasas@unibas.it

Scuola di Ingegneria giuseppe.lascasas@unibas.it Università degli Studi della Basilicata Scuola di Ingegneria UN APPROCCIO RINNOVATO ALLA RAZIONALITÀ NEL PIANO: IL LOGICAL FRAMEWORK APPROACH Ingegneria del territorio 26-11-2015 Prof. Giuseppe Las Casas

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione Strumenti del PM Strumenti del Project Management Introduzione 1 La pianificazione del progetto Strumenti del Project Management Ambito del progetto (scope) 4 Cosa intendiamo per ambito Criteri per l identificazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI

LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI LA VAS NELLA PIANIFICAZIONE DI BACINO DEI DISTRETTI IDROGRAFICI SOVRAREGIONALI Il significato della VAS nella pianificazione di bacino Grazia Brunetta Politecnico di Torino grazia.brunetta@polito.it Corso

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI YOUTH ON THE MOVE Contenuti I finanziamenti europei e i loro principi operativi Cos è un progetto? Il GOPP e l albero dei problemi Il Logical Framework Un esempio: il bando Youth in action Le politiche

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

CCIAA DI REGGIO EMILIA

CCIAA DI REGGIO EMILIA CCIAA DI REGGIO EMILIA RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITA DEI CONTROLLI INTERNI (ART.14, COMMA 4, LETTERA A E LETTERA G, D.LGS. 150/2009). 1 INDICE

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Regione Lombardia. A FLEXIBLE FRAMEWORK FOR INDICATORS FOR SUSTENIBILITY IN REGIONS USING SYSTEM DYNAMICS MODELLING Milano 15-16 gennaio 2006

Regione Lombardia. A FLEXIBLE FRAMEWORK FOR INDICATORS FOR SUSTENIBILITY IN REGIONS USING SYSTEM DYNAMICS MODELLING Milano 15-16 gennaio 2006 INSURE A FLEXIBLE FRAMEWORK FOR INDICATORS FOR SUSTENIBILITY IN REGIONS USING SYSTEM DYNAMICS MODELLING Milano 15-16 gennaio 2006 How regional decision-makers would use indicators towards a more sustainable

Dettagli

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica Progetto di Formazione Docenti Studio di caso di Valentina Mariano Perché del progetto La Legge di Riforma della Scuola richiede al personale docente maggiori competenze per attuare le numerose innovazioni

Dettagli

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:"Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente Introduzione Gli anni passati sono stati caratterizzati da interventi normativi e da una serie di azioni che hanno evidenziato la volontà del legislatore di diffondere capillarmente la cultura della misurazione

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 3 Project Cycle Management DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 Perché il Project Cycle Management? Esperienze pregresse -Quadro

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE INDICE DEL DOCUMENTO Il contesto di riferimento Pagina 3 La Provincia di Bologna e l ipotesi di un progetto Pagina 4 allargato alle altre Amministrazioni Pubbliche

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Servizio per la sicurezza dei Cittadini. Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine

Servizio per la sicurezza dei Cittadini. Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine Provincia di Padova Servizio per la sicurezza dei Cittadini Commissione Europea Ufficio EuropeAid Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine MANUALE DI VALUTAZIONE

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I Piani di Rientro della spesa sanitaria: un analisi comparativa

I Piani di Rientro della spesa sanitaria: un analisi comparativa I Piani di Rientro della spesa sanitaria: un analisi comparativa Corrado Cuccurullo - Seconda Università degli Studi di Napoli Francesca Ferrè, Federico Lega Cergas Bocconi Tendenze in atto nella sanità

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro a cura di Andrea Stocchiero Indice 1 Introduzione... 2 2 La cooperazione decentrata dai progetti ai programmi... 3 3 Elementi per la programmazione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Gruppo Bureau Veritas

Gruppo Bureau Veritas Gruppo Bureau Veritas Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell ambito della Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Introduzione alla metodologia di progettazione europea

Introduzione alla metodologia di progettazione europea Seminario informativo Come presentare una proposta di successo nel quadro del programma ENPI CBC MED Introduzione alla metodologia di progettazione europea (parte I versione ridotta) Docente: Cecilia Chiapero

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 In collaborazione con Partner 2 3 Gli obiettivi del percorso formativo Il programma proposto mira a: Elevare il grado di preparazione

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL ( a cura di Paolo Bonelli) 1) La Legge Regionale 16 Aprile 2004, N 8, Norme per il turismo in Lombardia. La nuova

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo.

Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo. Quando parlava Eschine, gli Ateniesi dicevano: senti come parla bene. Quando parlava Demostene, gli Ateniesi dicevano: uniamoci contro Filippo. Noi siamo della scuola di Demostene. La Società Un progetto

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione Le nuove frontiere dell e-government Il Controllo Gestione di nella Pubblica Amministrazione Il controllo di gestione è la procedura diretta a verificare lo stato di attuazione degli obiettivi programmati

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo Direzione per le Valutazioni Ambientali La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo LE COMPETENZE IN MATERIA

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti.

Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti. Il mentoring. Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti. Ti intervisto sul mentoring, ma forse la prima domanda dovrebbe riguardare la differenza che intercorre tra mentoring e coaching.

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

SFONDO INTEGRATORE 1. la scuola dell InfanzIa come IstItuzIone e Il ruolo dell Insegnante

SFONDO INTEGRATORE 1. la scuola dell InfanzIa come IstItuzIone e Il ruolo dell Insegnante SFONDO INTEGRATORE 1 la scuola dell InfanzIa come IstItuzIone e Il ruolo dell Insegnante In questo sfondo integratore vengono affrontati i seguenti contenuti dal «Programma d esame» e «avvertenze generali»

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL CICLO DI PROGETTO Programmazione Valutazione Identificazione Realizzazione Formulazione Richiesta finanziamento Perché il ciclo di progetto? Approccio tradizionale PCM Quadro

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Ontologie e programmazione dello sviluppo regionale europeo: dall interoperabilità semantica alla valutazione integrata

Ontologie e programmazione dello sviluppo regionale europeo: dall interoperabilità semantica alla valutazione integrata Ontologie e programmazione dello sviluppo regionale europeo: dall interoperabilità semantica alla valutazione integrata Francesco SCORZA, Giuseppe LAS CASAS Università della Basilicata () UniversityofBasilicata

Dettagli