SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT"

Transcript

1 SINTESI CODICE CAPACITY ALLOCATION AND CONGESTION MANAGEMENT FINALITÀ DEL CODICE Il codice è volto a definire un set di norme per l allocazione della capacità e la gestione delle congestioni tra le diverse zone di mercato, definendo in particolare una metodologia comune per il calcolo della capacità disponibile tra le zone e per la individuazione delle zone medesime, utilizzando sia per il day ahead che per l infraday timeframe il principio dell allocazione implicita. AMBITO DI APPLICAZIONE Le regole riguardano i TSO, le Autorità di regolazione, l ACER, i NEMO (Nominated Electricity Market Operators) e i partecipanti al mercato. Il codice stabilisce l obbligo di consultazione con tutti gli stakeholders delle metodologie previste dal codice (definizione delle Regioni, definizione delle zone di mercato, metodo di calcolo della capacità a livello regionale, metodologia per la definizione del common grid model, la metodologia per l intraday capacity pricing, le aste implicite complementari regionali, ecc.) Sono altresì individuate le metodologie che dovranno essere approvate complessivamente da tutte le Autorità di regolazione, quelle che dovranno essere approvate complessivamente dalle Autorità dei paesi facenti parte di ciascuna Regione e quelle invece che dovranno essere approvate da parte di ogni singola Autorità di ciascun Paese interessato. Le metodologie sono proposte dai System Operator (es. TSO), dai NEMO o dai Market Coupling Operators, unitamente ad un piano di implementazione. Ove le Autorità non raggiungono un accordo, subentra per le decisioni rimesse al regolatore l ACER. RUOLI E RESPONSABILITÀ PREVISTE DAL CODICE Sono previsti i seguenti ruoli: (a) System Operator; (b) Nominated Electricity Market Operator; (c) Market Coupling Operator(s); (d) Scheduled Exchange Calculator; (e) Market Information Aggregator; (f) Coordinated Capacity Calculator(s); (g) European Merging Function; (h) Shipping Agent; (i) Central Counter Party; (j) Congestion Income Distributor, Le entità designate come NEMO sono responsabili per i ruoli di cui alle lettere b) e i). Le medesime entità devono svolgere anche il ruolo di cui alla lettera c) salvo che la Commissione non decida per il ruolo di market coupling operator di procedere ad individuare un unico soggetto regolato attraverso una gara. Il NEMO svolge altresì il ruolo di Central Counter Party. Ciascuno stato membro deve assegnare i restanti ruoli al TSO. Ad ogni modo sia i TSO che gli altri soggetti designati come NEMO potranno delegare parte o tutte le funzioni a terze parti, restandone comunque responsabili ultimi ai sensi del codice. CAPACITY CALCULATION Timeframes: day ahead e infraday Capacity calculation regions: entro i tempi fissati dal codice, tutti i System Operators (SO) dovranno presentare una proposta circa la definizione delle Regioni in ciascuna delle quali dovrà essere coordinato il metodo di calcolo della capacità. Tale configurazione di Regioni potrà comunque essere annualmente soggetta a riesame.

2 Common grid model: a) entro i tempi fissati dal codice, tutti i SO sviluppano una metodologia per la trasmissione dei dati di generazione e consumo, definendo i dati (di tipo tecnico, di disponibilità degli impianti, sui programmi di generazione e consumo e sulle modalità di dispacciamento), quali soggetti saranno tenuti a comunicarli e con quali tempi e modalità, al fine di poter costruire il modello comune di rete. b) Entro i tempi fissati dal codice, tutti i SO sviluppano la metodologia per lo sviluppo del modello comune di rete. Esso dovrà prevedere come minimo: - gli scenari di riferimento (per ciascuno timeframe, ossia day ahead e intraday, con le migliori previsioni circa la posizione netta (ovvero il saldo tra import e export) di ciascuna zona e il flusso su ogni interconnessione); - la definizione dei modelli di rete individuali, per ciascuna zona di mercato e per ciascun scenario, da parte dei singoli SO (sulla base di criteri il più possibile omogenei e in modo che ogni modello individuale rappresenti la migliore previsione delle condizioni della rete tenendo conto dei più rilevanti elementi del sistema di trasmissione di riferimento); - la descrizione del processo di assemblaggio dei modelli individuali nel modello comune. La procedura di sviluppo del modello comune di rete potrà essere revisionata con cadenza non inferiore all anno. Metodo per la Capacity Calculation: tutti i SO di ciascuna Regione sviluppano una metodologia coordinata per il calcolo, entro i tempi fissati dal codice. Tale metodologia potrà essere soggetta a revisione con cadenza non inferiore all anno. La metodologia dovrà contenere almeno gli elementi stabiliti dal codice, con riferimento ai seguenti aspetti: a) Definizione degli input per il calcolo (margini di riserva, vincoli di sicurezza quali limiti termici e di tensione sugli elementi di rete, ulteriori vincoli per l allocazione, azioni correttive, criteri per la traduzione di eventuali modifiche delle posizioni nette in modifiche di carichi o di prelievi, ecc); b) Metodologia di calcolo della capacità (flow based o NTC); c) Validazione della Cross Zonal Capacity (capacità dell interconnessione tra zone di mercato). Ciascun SO potrà accettare o correggere il valore della capacità cross zonale definita dal Coordinated capacity calculator. Solo per ragioni di sicurezza tale valore potrà essere ridotto durante il processo di validazione. Eventuali riduzioni dovranno essere ogni tre mesi riportate alle Autorità di regolazione della Regione di riferimento. I SO perseguono l armonizzazione tra le diverse Regioni nella definizione degli inputs e della metodologia stessa. Processo di Calcolo della Capacità Entro i tempi fissati dal codice, tutti i SO dovranno costituire per ciascuna Regione il capacity calculator e le relative norme operative per il processo di calcolo della capacità. Entro tempi stabiliti, tutti i SO dovranno inoltre stabilire per ciascuna regione la funzione di assemblaggio del Common grid model, alla quale ciascun SO dovrà, ricevuti i dati necessari di input, comunicare il modello di rete di ciascun sistema di trasmissione nella propria competenza definito per ciascun timeframe (day ahead e intraday) e per ciascuno scenario prestabilito. La Funzione di assemblaggio del Common grid model a sua volta elaborerà il modello integrato di rete e lo trasmetterà a ciascun capacity calculator e a ciascun SO nell ambito della Regione di riferimento. Il capacity calculator sulla base della metodologia prestabilita provvede poi a calcolare la capacità cross zonale da utilizzare poi nella successiva funzione di allocazione per ciascun timeframe. Il calcolo sarà poi soggetto alla validazione di ciascun SO che poi restituirà la validazione a tutti i SO e al capacity calculator della Regione di riferimento. Un report biennale sul calcolo della capacità, da fornire alle Autorità nazionali della Regione di riferimento sarà poi elaborato da parte di tutti i SO interessati. ZONE DI MERCATO La revisione delle zone di mercato può essere proposta o da tutte le Autorità insieme ovvero da un singolo SO, su parere dell Autorità di riferimento nel caso in cui la zona in questione abbia un basso livello di interdipendenza negli scambi con le altre zone e ricada nell unica Area di controllo del SO che la propone.

3 La revisione dovrà poi essere notificata e motivata a tutti gli altri SO e, da parte dell Autorità competente, a tutte le altre Autorità della Regione di riferimento. Sono definiti poi i criteri che sottendono l assessment della revisione delle zone, criteri che si rifanno ad aspetti di: - sicurezza della rete; - efficienza complessiva del mercato; - stabilità e robustezza delle zone. Ogni due anni è previsto un assessment dell efficienza della configurazione corrente delle zone di mercato, cui partecipano tutti i SO per la parte tecnica e tutte le Autorità per gli aspetti di mercato e di potere di mercato, con l elaborazione di un rapporto biennale. COUNTERTRADING E REDISPATCHING I SO definiscono gli accordi con gli altri SO, almeno su base regionale, per le attività di countertrading e redispatching. I prezzi delle azioni di countertrading e redispatching devono essere definiti sulla base dei prezzi che si formano sul mercato nel timeframe di riferimento o sulla base del costo delle risorse selezionate. ALGORITMO I market coupling operators dovranno sviluppare: - Price coupling algorithm per il day ahead market - Continuous trading matching algorithm per il mercato intraday Entro i tempi fissati dal codice: a) Tutti i SO congiuntamente dovranno fornire ai market coupling operator i requisiti per un efficiente capacity allocation sulla base dei quali dovranno essere sviluppati gli algoritmi previsti; b) Tutti i NEMO congiuntamente dovranno fornire ai market coupling operator i requisiti per un efficiente processo di matching sulla base dei quali dovranno essere sviluppati gli algoritmi. Nei tempi stabiliti dal codice, i market coupling operator dovranno definire una proposta di algoritmo sulla base dei requisiti suddetti e sottoporla ai SO e ai NEMO, i quali sono chiamati a lavorare congiuntamente con i market coupling operator, qualora sia necessario affinare la proposta di algoritmo. I SO devono sottoporre ad approvazione delle Autorità di regolazione gli elementi dell algoritmo che afferiscono la gestione delle capacità interzonali o di altri vincoli e che hanno impatto sull efficiente allocazione della capacità. Tutti i SO comunicheranno poi ai market coupling operator la decisione finale. Con cadenza non inferiore al biennio, SO insieme a NEMO e Market coupling operator procedono a verificare l operatività dell algoritmo. Qualora emerga la necessità di modifiche afferenti la gestione delle capacità interzonali o di altri vincoli e che hanno impatto sull efficiente allocazione della capacità, i SO sottopongono una proposta di modifica alle Autorità per la relativa approvazione. COUPLING DEI MERCATI DAY AHEAD L algoritmo per il day ahead market sarà basato sul marginal price system. Con riferimento alle offerte potranno essere definiti prodotti che coprono anche periodi di consegna multipli e potranno essere definiti valori di prezzo massimo e minimo. Il prezzo della capacità nel day ahead timeframe riflette le congestioni ed è dato dalla differenza del prezzo di clearing tra le zone accoppiate. Sono definite le tempistiche per il funzionamento del processo di coupling: chiusura della sessione per gli operatori sul mercato non oltre le ore Trasmissione ai market coupling operator almeno un ora prima dell inizio dell asta dei dati sulla capacità cross zonale da parte del coordinated capacity calculator. A seguito della chiusura, il market information aggregator dovrà rendere pubbliche, non oltre le 15,30, le informazioni, il cui contenuto minimo è previsto dal codice, su una piattaforma centrale, per ciascuna zona di mercato e per ciascun periodo di consegna. I NEMO forniranno poi le informazioni di prezzo e delle offerte accettate e non ai partecipanti al mercato. PROCEDURE DI FALLBACK

4 I SO devono prevedere che adeguate procedure di fallback, definite con i NEMO e con i market coupling operator, siano rese operative in modo efficace ed efficiente nel caso in cui l algoritmo di coupling non produca risultati. IL MERCATO INTRADAY La negoziazione intraday si svolge sencodo il principio del continuous trading. I prodotti negoziabili potranno essere sia quelli scambiabili simultaneamente su tutte le zone sia quelli che potranno essere oggetto di offerta solo su una zona; potranno inoltre essere definiti valori di prezzo massimo e minimo. Il prezzo della capacità cross zonale nel timeframe intraday dovrà riflettere le congestioni presenti e essere basata sugli ordini effettivi. Entro i tempi fissati dal codice i SO dovranno predisporre per l approvazione da parte delle Autorità nazionali una metodologia di calcolo del prezzo della capacità. Nelle more della definizione di tale metodologia, i SO possono proporre per l approvazione da parte dell Autorità nazionale competente meccanismi di allocazione della capacità intraday ove questi consentano la definizione di un prezzo della capacità. Negoziazione intraday SO dovranno definire orario di apertura e di chiusura delle negoziazioni. Almeno 15 minuti prima dell ora di apertura del mercato, i coordinated capacity calculator dovranno fornire al market coupling operator i dati sulla capacità effettivi e aggiornati di continuo. I tempi di chiusura delle negoziazioni devono essere definiti in modo da massimizzare la partecipazione degli operatori al mercato, consentendo a questi oltre che ai SO il tempo sufficiente per le attività di definizione dei programmi e per i processi di bilanciamento, in condizioni di sicurezza per il sistema. Gli ordini dei partecipanti al mercato sono raccolti nel book di negoziazione da parte dei NEMO che poi provvede a trasmetterli al market coupling operator. A seguito di ogni abbinamento delle offerte presentate nell intervallo intraday, i NEMO dovranno rendere pubblici i relativi risultati. Aste implicite regionali complementari E contemplata la possibilità di aste implicite complementari al continuous trading ma a certe condizioni: a) Le aste non devono compromettere la liquidità della negoziazione a livello europeo che avviene in continuous trading; b) Tutta la capacità cross zonale deve essere allocata attraverso il capacity management module; c) L asta locale non può introdurre restrizioni ai partecipanti provenienti da altre regioni; d) Le tempistiche della sessione d asta devono essere compatibili con il processo di continous trading; e) Le autorità di regolazione interessate devono consultare lo Stakeholder Committee. METODOLOGIA PER IL CALCOLO DEGLI SCAMBI PROGRAMMATI Nei tempi fissati dal codice, SO dovranno definire la metodologia che consente di determinare i programmi di scambio tra le diverse zone geografiche, risultanti dal coupling dei mercati o dal continuous trading intraday, per ciascun periodo di mercato. Tale metodologia, che dovrà essere approvata dalle Autorità, dovrà indicare le informazioni che dovranno essere fornite dai NEMO allo Scheduled exchanges calculator, ovvero la funzione che provvede a determinare gli scambi programmati. CHISURA DELLE POSIZIONI E REGOLAZIONE COMMERCIALE E l attività che riguarda la Central Counterpart, in qualità di controparte centrale di tutti i partecipanti al mercato della zona di mercato di competenza nonché, relativamente agli scambi interzonali, delle controparti centrali delle altre zone di mercato. Nei rapporti di scambio tra zone può intervenire in qualità di counterpart lo Shipping Agent. Controparti centrali o Shipping Agent provvedono a raccogliere la rendita di congestione che deriva dalle negoziazioni e a trasferirla alla funzione che dovrà poi ripartirla tra i diversi aventi diritto (congestion income distributor). Quanto alle condizioni di pagamento delle partite, qualora le tempistiche di pagamento tra le diverse zone non siano allineate, gli stati membri devono assicurare che un soggetto intervenga per gestire il disallineamento e sopportarne i relativi costi.

5 FIRMNESS DELLA CAPACITÀ INTER ZONALE ALLOCATA Entro i tempi fissati dal codice, i SO devono definire il termine ultimo oltre il quale la capacità è garantita. Tale termine dovrà in ogni caso essere non più tardi di mezzora prima della chiusura del mercato day ahead. Per il mercato intraday, la capacità è garantita non appena viene allocata. Casi di forza maggiore sono tuttavia contemplati. RIPARTIZIONE DELLA RENDITA DI CONGESTIONE Nei tempi fissati dal codice, tutti i SO definiscono una metodologia comune per la ripartizione della rendita di congestione, nel rispetto dei criteri fissati dal codice stesso. METODOLOGIA DI RIPARTIZIONE DEI COSTI DI REDISPATCHING E COUNTERTRADING Nei tempi fissati dal codice, tutti i SO appartenenti a una determinata Regione definiscono una metodologia per la ripartizione dei costi di redispatching e countertrading, nel rispetto dei criteri fissati dal codice stesso RECUPERO DEI COSTI Con riferimento a: - costi per lo sviluppo degli algoritmi - costi per lo sviluppo e la gestione del processo di calcolo della capacità - costi operativi dei processi per i mercati del giorno prima e intraday - costi per la regolazione delle partite economiche - costi per garantire la capacità è previsto che le Autorità di regolazione approvino i costi, i quali, se sostenuti dai SO, potranno essere recuperati per mezzo delle tariffe; se sostenuti dai Market coupling operator o dai NEMO, potranno essere recuperati attraverso commissioni/tariffe applicate ai partecipanti al mercato. ACCORDI TRANSITORI PER IL MERCATO INTRADAY Specifici accordi transitori possono prevedere l allocazione esplicita della capacità intraday, purché in linea con gli obiettivi del codice.. Tale allocazione esplicita avverrà da parte dei SO, su richiesta delle Autorità di regolazione interessate, sempre tramite lo stesso Capacity Allocation Module che alloca in continuous trading la capacità interzonale. Prodotti specifici vengono costituiti, prima della rimozione delle aste esplicite, attraverso la cooperazione tra NEMO e i SO, previa consultazione dei partecipanti al mercato affinchè tali prodotti rispondano alle loro esigenze.

Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING. Roma, 26 Novembre 2014

Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING. Roma, 26 Novembre 2014 Il mercato elettrico nazionale: situazione, prospettive e criticità FOCUS SUL MARKET COUPLING Roma, 26 Novembre 2014 2 Sommario Il mercato elettrico italiano e i mercati elettrici europei: differenze e

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

Market Coupling dei Mercati Elettrici

Market Coupling dei Mercati Elettrici Market Coupling dei Mercati Elettrici Milano, 20 Novembre 2009 Giuseppe Buglione, Guido Cervigni, Eileen Fumagalli, Elena Fumagalli IEFE Università Bocconi 1 Indice della Presentazione Organizzazione della

Dettagli

Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso

Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso Il mercato italiano nel nuovo quadro regolatorio europeo il processo di integrazione dei mercati all ingrosso Francesco Cariello Responsabile Unità Affari Regolatori Internazionali - Dipartimento per la

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Panorama europeo del mercato dell energia (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015)

Panorama europeo del mercato dell energia (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015) Panorama europeo del mercato del (elettricità e gas): prospettive per il mercato italiano in vista del mercato unico europeo (2015) Clara Poletti AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Capo Dipartimento

Dettagli

Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo

Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo Amstelveenseweg 998 1081 JS Amsterdam The Netherlands T: +31 20 520 79 70 info@efet.org www.efet.org Il mercato elettrico italiano: verso la realizzazione del Target Model europeo EFET Position Paper -

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 197/24 REGOLAMENTO (UE) 2015/1222 DELLA COMMISSIONE del 24 luglio 2015 che stabilisce orientamenti in materia di allocazione della capacità e di gestione della congestione (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 1 DEFINIZIONI

Dettagli

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA Dr. Maurizio SARECCHIA SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SETTORE L Acquirente Unico (AU): Acquista energia per i clienti vincolati Acquista prodotti

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 10, comma 2, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n.79, modificato dall articolo 1-quinquies, comma 5, del decreto-legge 29 agosto 2003, n.239 convertito

Dettagli

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Il modello IGEX (Italian Gas Exchange) Un progetto di: Realizzato con il supporto

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa

Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa Shippers Day Snam Rete Gas e il mercato: insieme verso l Europa 14 maggio 2014 snamretegas.it Agenda Evoluzione dei Servizi Commerciali nell offerta Snam Rete Gas D. Gamba - Direttore Sviluppo e Commerciale

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica

Il mercato dell energia elettrica Seminari Energia Ecologia Economia - 2015 Conferenza I meccanismi del mercato dell energia Il mercato dell energia elettrica Romano GIGLIOLI Prof. Ord. Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo

Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA-BoS-14/181 IT Orientamenti sulla solvibilità di gruppo EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori. Roma 20-22 marzo 2007

Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori. Roma 20-22 marzo 2007 Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori Roma 20-22 marzo 2007 2 Agenda L operatività sulla Piattaforma dei bilaterali L operatività sulla Piattaforma

Dettagli

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX.

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. MODIFICA AL REGOLAMENTO DI EUROTLX Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. Il nuovo regolamento entrerà in vigore lunedì 14 luglio 2014, compatibilmente con

Dettagli

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 (Attuazione delle disposizioni di cui all articolo articolo 6 del regolamento (CE)

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE ai fini dell allocazione del gas tra gli utenti dei punti di riconsegna condivisi del sistema di trasporto (Delibera n 38/04) Il nuovo processo di allocazione ai Punti di Riconsegna

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 18 Settembre 2015 Osservazioni al DCO 409/2015/R/gas Riforma della regolazione

Dettagli

Intraday Power Trading

Intraday Power Trading Intraday Power Trading PADOVA 22 Maggio 2014 Mercati energetici e metodi quantitativi: un ponte tra Università e Aziende Stefano Fiorenzani ALEPH - Director & Founder ALEPH CONSULTING ENERGY RISK FINANCE

Dettagli

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori I Parte Vanna Gualandi vanna.gualandi@terna.it AGENDA Un excursus sull assetto del settore elettrico Gli organi di supervisione del settore elettrico Il

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO (UE) N. 312/2014

MODALITA DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO (UE) N. 312/2014 MODALITA DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO (UE) N. 312/2014 Implementazione del codice di rete europeo relativo al bilanciamento del gas nelle reti di trasporto Luglio 2014 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Principi

Dettagli

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Alberto Pototschnig Amministratore Delegato Gestore del Mercato Elettrico Spa Sistema Energetico: Superamento

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO 1

IL MERCATO ELETTRICO 1 IL MERCATO ELETTRICO 1 Caratteristiche del prodotto energia elettrica In generale, la produzione di qualunque bene deve essere tale da adeguare l'offerta alla domanda. Come si può programmare la produzione

Dettagli

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A.

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Versione del 27-10-2015 Azioni proprie Per la negoziazione di azioni proprie ci si avvale della

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI ISTRUZIONI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE RECANTE LE ALTRE INFORMAZIONI DI CUI ALL ART. 2, COMMA 1, LETT. A), D), E), F),

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE

ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2014/R/EEL ADESIONE DEL MERCATO ITALIANO AL PROGETTO DI MARKET COUPLING EUROPEO, INQUADRAMENTO NORMATIVO E PROPOSTE IMPLEMENTATIVE Documento per la consultazione Mercato

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

Allegato A. Titolo I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni

Allegato A. Titolo I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni Allegato A Direttive al gestore della rete di trasmissione nazionale per l adozione di regole tecniche in materia di progettazione e funzionamento degli impianti di generazione, delle reti di distribuzione,

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC.

Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC. Traduzione in lingua italiana del documento Common Principles for bank accounts switching dello European Banking Industry Committee-EBIC Giugno 2010 DOCUMENTI 2010 INDICE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3

Dettagli

REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA AI FINI DELLA LORO ESECUZIONE NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO

REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA AI FINI DELLA LORO ESECUZIONE NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA AI FINI DELLA LORO ESECUZIONE NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO Documento per la consultazione 4 agosto 2005 Premessa La pubblicazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI 1 di 22 PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI PROGRAMMAZIONE DEL Storia delle revisioni Rev.01 15/10/2009 Introduzione nuove modalità di offerta sul Rev.02 15/05/2010 Adeguamento alla

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 17/12/2014 1 Indice 1. Introduzione 3 1.1 Quadro Normativo di Riferimento 3 1.2 Gestioni di Quaestio Capital

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

Come operare nel mercato elettrico

Come operare nel mercato elettrico Come operare nel mercato elettrico Alberto POTOTSCHNIG Confindustria Roma, 19 giugno 2001 Assetto del settore - Struttura del mercato Impianti con contratto GRTN Impianti senza contratto Contratti bilaterali

Dettagli

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea RAPPORTI INTERNAZIONALI Con la liberalizzazione dei mercati energetici, le istituzioni internazionali che seguono l evoluzione economica e istituzionale dei paesi membri hanno iniziato ad includere fra

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia Aste ad oggetto multiplo Applicazione alla Borsa dell Energia Funzione di offerta (uniform-price) p smp uniform price values m Funzione di offerta Pay-as-bid p discriminatory max p D min p D values m Confronto

Dettagli

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI

CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI CAMFIN S.p.A. PROCEDURA SUI FLUSSI INFORMATIVI VERSO CONSIGLIERI E SINDACI 1. Premessa 1.1 La completezza delle informazioni a disposizione degli amministratori rappresenta condizione essenziale per il

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

2 VENDITE ALLO SCOPERTO OVERNIGHT E PRESTITO TITOLI DA DIRECTA

2 VENDITE ALLO SCOPERTO OVERNIGHT E PRESTITO TITOLI DA DIRECTA t B= il termine ultimo per ricoprirsi dalle operazioni effettuate; decorso il primo di questi, il Cliente non avrà più la possibilità di vendere allo scoperto e dovrà revocare eventuali ordini di vendita

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G

CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G CONDIZIONI GENERALI PARTE II Servizi di CC&G 1. - Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa indicazione

Dettagli

Estratto della Procedura di Best Execution

Estratto della Procedura di Best Execution Estratto della Procedura di Best Execution 1 La RREEF FONDIMMOBILIARI, al fine di ottenere il miglior risultato possibile per i fondi gestiti (di seguito, i Fondi ), procede, ai sensi degli artt. 68, 69

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005

AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 ALLEGATO 2 AZIONE B 4 PRSE 2001-2005 Infrastrutture pubbliche per il turismo Annualità 2005 Beneficiari Enti locali, soggetti pubblici, società o fondazioni immobiliari a prevalente capitale pubblico che

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

1) PROMOTORI 2) OBIETTIVI 3) DESTINATARI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO The Social Challenge è un processo partecipato di individuazione e selezione di progetti sociali elaborati da Organizzazioni Non Profit operanti nelle province di Milano e Varese, a beneficio

Dettagli

Osservazioni e proposte Anigas

Osservazioni e proposte Anigas AEEG - DIREZIONE MERCATI 2^ PRESENTAZIONE AL SOTTOGRUPPO DI LAVORO MISURA DISTRIBUZIONE GAS 14 MAGGIO 2009 Osservazioni e proposte Anigas Milano, 25 maggio 2009 Pagina 1 di 8 Premessa A seguito dell incontro

Dettagli

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina i dei imercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 Luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Il nuovo MI: tra regolamento CACM e riforma del dispacciamento

Il nuovo MI: tra regolamento CACM e riforma del dispacciamento Coordinamento tra Mercato Infragiornaliero e MSD: verso una gate closure prossima al tempo reale Il nuovo MI: tra regolamento CACM e riforma del dispacciamento Cristian Lanfranconi Unità Affari Regolatori

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati.

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati. Milano, 25 marzo 2010 Spettabile CONSOB Divisione Mercati Via G. B. Martini, 3 00198 Roma Prot. N. 213/10 Anticipata a mezzo posta elettronica Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli