Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.trainermkt.it info@trainermkt.it"

Transcript

1 1

2 Indice Ci presentiamo..pag 3 La nostra offerta..pag 3-4 La Ricerca...pag 4 La Consulenza..pag 5 I Corsi.pag 5-6 I Master..pag 7 Il Coaching..pag 8 L Outdoor experience..pag 9-10 Il Business Game.pag 10 La Formazione Finanziata pag 10 I nostri Clienti pag10 Equilibrio tra esperienza 2

3 Ci presentiamo TrainerMKT nasce dalla volontà di un gruppo di professionisti di mettere a disposizione dei clienti le proprie competenze ed esperienze in ambito formativo, consulenziale, di ricerca e di supporto alla persona. Le risorse che operano in TrainerMKT hanno maturato e costruito le loro competenze operando con Business School, Università e Società di formazione e consulenza, con l obiettivo di realizzare interventi formativi di breve e media durata, Master annuali e progetti di alta qualificazione destinati sia a giovani risorse che a quadri e dirigenti con comprovata esperienza aziendale. La nostra missione è affiancare e supportare le aziende nei loro processi di sviluppo e cambiamento attraverso la valorizzazione delle persone, il miglioramento dei processi organizzativi, l avanzamento del buisness. I valori ai quali ci ispiriamo sono: lealtà e credibilità verso i clienti, i soci, le proprie risorse, la missione competenze distintive e qualificate ricerca del costante equilibrio tra risultati ottenuti e investimenti effettuati dalle aziende clienti differenza rispetto alle esperienze maturate da altre aziende nel settore raggiungimento dei risultati ricercando sempre la soddisfazione di tutti gli stakeholders La nostra offerta MARKETING & COMMERCIALE MANAGEMENT & COMUNICAZIONE SVILUPPO PERSONALE ORGANIZZAZIONE & RISORSE UMANE PIANIFICAZIONE & CONTROLLO DI GESTIONE QUALITÀ INTELLECTUAL CAPITAL BILANCIO & PIANIFICAZIONE SOCIALE RICERCA CONSULENZA CORSI MASTER COACHING OUTDOOR EXPERIENCE BUSINESS GAME FORMAZIONE FINANZIATA 3

4 TrainerMKT La ricerca del rivolge risultatola dichiarato propria offerta impone a banche, TrainerMKT finanziarie, di impiegare imprese in aula di assicurazione, docenti, professionisti commerciali, ed esperti industriali cone di comprovata servizio. esperienza aziendale e di sviluppare metodologie d aula che diano ampio spazio ad esercitazioni, soluzioni di casi complessi, prove individuali e di gruppo, role playing. In questo contesto i nostri professionisti d aula svolgono, in relazione alla diversa natura del progetto, le diverse funzioni di docente, facilitatore e coach. La Ricerca Accanto all innovazione strettamente tecnologica che riguarda i nuovi prodotti e le filiere produttive, esiste l altra faccia dell innovazione che riguarda le strategie, l organizzazione aziendale, i processi operativi, i mercati, i segmenti di clientela. Il nostro paese è in genere più debole rispetto a quest ultimo tipo di innovazione ed è proprio questa che determina la caduta di produttività, competitività, redditività del sistema Italia. Una crescita, per essere sostenibile, deve avere una continua tensione verso il miglioramento della propria qualità e deve essere necessariamente costruita sulla valorizzazione delle risorse umane e su un rapporto equilibrato con la comunità e l ambiente. Ricerche in azione su strumenti e metodi Ricerche per le banche: misura dello stile di governo della banca tra direttivo e partecipativo; misura del livello di applicazione in banca dei principi internazionali di management; autovalutazione del sistema di gestione delle filiali da parte del personale di filiale; valutazione del sistema di gestione delle risorse umane. Ricerche economiche e di mercato Definizione e quantificazione di mercati e di prodotti in termini di clienti, volumi e prezzi; analisi dei bisogni ed aspettative dei consumatori come input alla pianificazione aziendale e commerciale e come input allo sviluppo di prodotti e servizi; misura ed analisi di customer satisfaction e customer loyalty. Ricerche interne Ricerche sul personale: rilevazione esigenze ed aspettative; analisi di clima, misura ed analisi di people satisfaction e di internal marketing. Ricerche prospettiche Analisi puntuali e di trend, analisi comparate. Benchmarking e benchlearning. Valutazione previsionale di innovazioni relative a prodotti, sistemi, processi, mestieri (metodo Delphi). 4

5 La Consulenza Direzione: politica e strategie; pianificazione, action plan, controllo; organizzazione e sistemi di monitoraggio prestazioni; internal marketing; riesame, miglioramento continuo, miglioramento di soglia e innovazione.ù Marketing: marketing strategico ed operativo, vendite, marketing one to one; valutazione dei portafogli clienti ; marketing and sales audit. Finanza: bilancio d esercizio consuntivo, previsionale, comparato; budget; management accounting e controllo di gestione; cruscotti direzionali; intellectual capital statement; bilancio e pianificazione sociale basato sullo stakeholder management. Persone: progettazione di sistemi di gestione, sviluppo, audit delle persone; definizione di schemi monitorabili di sviluppo della professionalità collegati ai business goal; valutazione e qualifica delle competenze, evocazione attraverso gap analysis; piani di azione di sviluppo personale; piani aziendali di sviluppo professionale continuo. Indicatori di output della consulenza I progetti di consulenza possono essere misurati nel valore incrementale creato rispetto all investimento in consulenza effettuato. I parametri adottabili sono: aumento della redditività: aumento della produttività (riduzione dei tempi, riduzione dei costi, miglioramento sicurezza ed ambiente di lavoro), aumento della competitività (aumento di volumi, ricavi, margini ed aumento della quota di mercato totale, di segmento, sul cliente) aumento del patrimonio e del business continuity: aumento della soddisfazione e fedeltà (dei clienti, personale, soci, fornitori); aumento della reputazione ( presso gli stakeholder, comunità e collettività, generazioni future). Metodi e prassi I metodi e le prassi prevalenti utilizzati sono basati: sul problem solving, sulla gestione per processi customer focus, internal marketing, decentramento, valore aggiunto. I Corsi Marketing & Commerciale Management & Comunicazione Crediti & Finanza Pianificazione & Controllo di Gestione Organizzazione & Risorse Umane 5

6 MARKETING E COMMERCIALE L INTERNAL MARKETING: COME AUMENTARE LA PRODUTTIVITÀ E SODDISFARE IL CLIENTE INTERNO LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CLIENTI. LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDIVIDUALE DI SVILUPPO COMMERCIALE. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI LA REDAZIONE DEL PIANO COMMERCIALE DI FILIALE. DALLA ANALISI DELLE POTENZIALITA COMMERCIALI DELLA PIAZZA ALLA VALUTAZIONE DEI RISULTATI DAL CONTO ECONOMICO DI FILIALE AL CONTO ECONOMICO DI CLIENTE IL JUDO DELLA VENDITA: COME VENDERE CON LA FORZA DELL ALTRO CONTRO LO SCONTO: LA DIFESA DEL PREZZO LA CONCLUSIONE EFFICACE DELLA TRATTATIVA COMMERCIALE IL LANCIO DI UN NUOVO PRODOTTO: IL METODO DEL TRIANGOLO PER L ADDESTRAMENTO E LA MOTIVAZIONE DELLA FORZA VENDITA IL TELEFONO NEI PIANI DI VENDITA DEL PERSONALE DI SVILUPPO CONTATTI IL CUSTOMER SERVICE: IL BACK OFFICE PER LO SVILUPPO DELLE RELAZIONI CON IL CLIENTE LA FORMAZIONE DELLA FORZA VENDITA NELLA CONVENTION DI LANCIO IL FRONT OFFICE E L ECCELLENZA NELLA VENDITA CACCIA ALLA VOLPE: STRATEGIA DI VENDITA SUI GRANDI CLIENTI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DALLA MISSIONE, ALLA VISIONE, ALLA STRATEGIA IL CONTROLLO DI GESTIONE ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE DAI MODELLI ALLE STRATEGIE DI ORGANIZZAZIONE DALL ANALISI DI RUOLO ALLO SVILUPPO PROFESSIONALE LA VALORIZZAZIONE DELL ESPERIENZA MANAGEMENT E COMUNICAZIONE L ELEFANTE E LA PALLA: leadership, guida e motivazione delle risorse ACQUA ALLE FUNI: la gestione dello stress TRENI TRENI TRENI: la gestione del cambiamento CORRIDOI E COLTELLI: la gestione dei conflitti IL CONTRACCOLPO DEL QUINTO CERVELLO: la gestione delle riunioni SPEAKER S CORNER: oratoria pubblica LE REGOLE E LA MOTIVAZIONE DEI COLLABORATORI: i pilastri del capo IL VENTO E IL TIMONE: management per obiettivi, project management A BEAUTIFUL MIND: il pensiero come strumento consapevole IL NEGOZIATORE: il marketing nella organizzazione per manager e gestori PROTAGONISTI E REGISTI: il colloquio efficace con i collaboratori ANALISI DEI PROBLEMI E PRESA DELLE DECISIONI IL COLLO DELLA CLESSIDRA: la gestione del tempo verso i risultati LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE EMOTIVE, RELAZIONALI E MANAGERIALI ATTRAVERSO IL MODELLO DEI TRE SELF (awareness, management, direction) CREDITI E FINANZA LETTURA E INTERPRETAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO AI FINI DELL AFFIDAMENTO BANCARIO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI AFFIDAMENTO E LA GESTIONE DEL RAPPORTO CREDITIZIO LA VALUTAZIONE E LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELLE SOCIETA DI PERSONA E DELLE DITTE INDIVIDUALI L AFFIDAMENTO DEI GRUPPI AZIENDALI E IL BILANCIO CONSOLIDATO CORSO TITOLI BASE I PRODOTTI ASSICURATIVI E PREVIDENZIALI L ORGANIZZAZIONE DEL PRIVATE BANKING L ASSET ALLOCATION PROFESSIONALE IL PROMOTORE FINANZIARIO: METODI, TECNICHE E STRUMENTI 6

7 I Master Le aziende oggi - per poter affrontare le sfide imposte dai nuovi scenari italiani ed europei in chiave competitiva, tecnologica, organizzativa e di offerta, hanno bisogno di risorse preparate attraverso percorsi di velocizzazione esperienziale, come appunto i Master post experience. Questi percorsi formativi si rivolgono a risorse giovani e a dirigenti con comprovata esperienza aziendale, caratterizzati da forte motivazione all apprendimento, volontà di mettersi in gioco, spirito di gruppo, iniziativa e capacità di affrontare le sfide. I saperi affrontati nel corso del Master svilupperanno e consolideranno le suddette caratteristiche e completeranno il bagaglio di conoscenze tecniche, gestionali e manageriali di tutte le risorse partecipanti all iniziativa. Il monitoraggio dei partecipanti sarà affidato ad un consolidato e sperimentato sistema di valutazione delle performance di apprendimento al fine di consentire ad ogni partecipante di individuare le proprie aree di miglioramento e allo staff didattico di intervenire dove necessario. In particolare, un Tutor specializzato in didattica, sistemi di valutazione dell apprendimento, sostegno e supporto nei momenti esercitativi e di lavoro di gruppo affianca i partecipanti in tutti i moduli del progetto. L impianto didattico e di valutazione delle performance d aula e di apprendimento è assicurato da un gruppo di docenti, coordinatori e tutor, da sempre vicini allo sviluppo delle risorse in azienda, con esperienza nella progettazione ed erogazione di 23 Master. Inoltre è prevista una continua alternanza tra attività in aula e nelle aziende di appartenenza, attraverso momenti di studio, esercitazioni e lavori intermodulo, per consentire ai partecipanti di verificare costantemente nell operatività quotidiana i temi affrontati nel corso. Nelle giornate d aula sono previsti moduli diversi che si ripetono nel tempo e una serie di lavori che legano un modulo all altro al fine di tenere sempre in tensione il percorso di sviluppo dei diversi saperi. Queste iniziative consentono alle aziende che credono e investono in questi percorsi di poter disporre - in breve termine - di risorse giovani ma con competenze e abilità altrimenti riscontrabili in persone con un esperienza e anzianità aziendale decisamente superiore. 7

8 Il Coaching Il coaching è un lavoro concorde tra due persone, il coach (professionista esterno) ed il coachee (risorsa fruitore del servizio) impegnate a far sì che quest ultimo sviluppi nuove forme di competenza e una performance più efficace in momenti cruciali della sua carriera o di fronte a nuove sfide manageriali e strategiche. La metodologia prevede di individuare e condividere con la risorsa il profilo del proprio ruolo e la corretta interpretazione del suo inserimento nel contesto aziendale al fine di sviluppare competenze e prestazioni, facilitare svolte strategiche e transizioni di responsabilità, incrementare la performance di business ed orientare la cultura organizzativa verso l apprendimento attivo. Durante gli incontri il professionista può esprimere pienamente le proprie potenzialità, approfondire temi non facilmente esplicitabili in un ambito collettivo, esaminare ed allenare in uno spazio protetto opzioni comportamentali diverse da quelle abituali, analizzare e risolvere problemi complessi disponendo del supporto e della guida del coach di TrainerMKT. L approccio prevede incontri basati su un rapporto personalizzato tra la risorsa e il coach, che presuppone assenso esplicito e partecipazione attiva del soggetto, piena garanzia di riservatezza, focus sul lavoro quotidiano della persona e sul business aziendale ed un percorso flessibile, concordato con le parti in gioco (coach, coachee e committenza). Durante gli incontri vengono utilizzate e restituite al responsabile di funzione schede di lavoro che contribuiscono alla redazione del report finale. Fasi del Coaching contratto formale coach coachee: condivisione aspetti etici, operativi, logistici; obiettivi, tempi di sviluppo, frequenza e modalità degli incontri esplorazione del contesto aziendale e professionale individuazione requisiti di ruolo attuali e attesi piano di sviluppo; evidenziazione degli ostacoli e delle leve disponibili; azioni da eseguire e monitorare potenziamento allenamento - consolidamento chiusura e report finale 8

9 L Outdoor Experience L'outdoor experience è un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti complessi con follow up per valutare gli effetti del cambiamento ottenuto. Il suo scopo è sempre formativo, cioè sviluppo della persona e dei suoi comportamenti. Si rivolge a tutte quelle aziende che desiderano attuare miglioramenti significativi nella propria organizzazione e hanno l'esigenza di ottenere dal personale il massimo contributo ad un alto livello di qualità e intensità. Gli elementi che caratterizzano i progetti di outdoor di TrainerMKT sono: la sperimentazione attiva: il gruppo diventa "ambiente" di apprendimento il focus nella sfera cognitivo-emotiva più che in quella razionale la riflessione post-attività lo sviluppo personale Il collegamento con tematiche manageriali Il concetto da sviluppare è: non insegnare a chi sa già, ma indurre una risorsa a far emergere e condividere i motivi della sua eccellenza, la sua best practice e farli diventare cultura di gruppo. In tal senso l'outdoor Training: è una metodologia ad alto coinvolgimento psicofisico, che induce tutte le persone ad una naturale partecipazione con i colleghi favorendo la conoscenza reciproca e incrementando la coesione del gruppo è un valido strumento per affrontare con successo il tema del cambiamento offre spunti per comprendere realmente cosa vuol dire mettersi in gioco e perché vale la pena impegnarsi per riuscirci rende palese come per cambiare sia necessario aiutare gli altri e farsi aiutare sottolinea come sia possibile coniugare nei fatti l'orientamento alla relazione con l'orientamento al risultato, tipica prerogativa dei team di successo. è uno strumento efficace per superare se stessi e le proprie credenze, per creare empatia, per raggiungere obiettivi e ritrovare motivazione ed entusiasmo nella vita di tutti i giorni è molto adatto a sperimentare processi di orientamento e di problem solving che impongono di raggiungere una meta in un ambiente sconosciuto, a volte con poche e imprecise informazioni pone le persone di fronte ad esperienze insolite, e quindi produce emozioni forti. Al tempo stesso è meno stressante di situazioni problematiche lavorative, perché è pur sempre un esperienza da cui si può entrare e uscire a piacimento garantisce il permanere di un ricordo positivo che si concretizza in senso di appartenenza all azienda. 9

10 Forza Destinatari dei risultati. Aree Commerciali, Responsabili di area, Rete Vendita Management Off -Road Progetto Principal Skill Destinatari Training Orienteering Sail Azione, Training Climbing Management Analisi Golf Management System Canyoning Empowerment Training Climbing Strategia, System Canyoning Coordinamento, Empowerment Strategia, Motivazione, Motivazione, Il Business Game risultati, competizione, organizzazione, gestione del tempo dell ambiente, gestione delle informazioni, azione, risultati, gruppo, ruolo, gestione del tempo coordinamento, gruppo, ruolo gruppo, determinazione, risultati forza del singolo, tenuta, concentrazione, gestione dello stress autostima, fiducia, gruppo, determinazione autostima, comunicazione, gruppo. Aree Commerciali, Responsabili di area, prima e seconda linea di management Prima e seconda linea di management Aree Commerciali, prima e seconda linea di management Il singolo Manager Manager di 1 2 e 3 linea Manager di 1 2 e 3 linea Il Business Game è un modello di simulazione di gestione aziendale altamente interattivo in grado di riprodurre il funzionamento di un'azienda in concorrenza con altre aziende all'interno di uno stesso mercato. Simulare i comportamenti di una azienda significherà assumerne decisioni e atteggiamenti in grado di guidarla e programmarne le attività al fine di condurla verso gli obiettivi di mercato prefissati. Ai Business Game di TrainerMKT possono partecipare imprenditori, neo assunti, quadri e dirigenti delle aree marketing, produzione, organizzazione, nonché tutte le risorse con obiettivi di natura commerciale. L obiettivo è vivere una stimolante esperienza di competizione aziendale o interaziendale, che permette di: acquisire gli elementi di base per l analisi del sistema impresa e per le valutazioni delle performance aziendali assumere una conoscenza sistemica dell impresa e dei rapporti con l ambiente diffondere i valori della cultura imprenditoriale sviluppare l'attitudine ad essere "imprenditori di se stessi" agevolare la capacità di lavorare in gruppo e per obiettivi favorire abilità nell assunzione di decisioni coerenti con l obiettivo di fondo. 10

11 La Formazione Finanziata TrainerMKT intende favorire le aziende clienti nella realizzazione di progetti di formazione continua anche attraverso la ricerca delle diverse modalità di cofinanziamento pubbliche disponibili. A tal fine la nostra azienda offre il suo supporto per la realizzazione delle seguenti fasi: analisi dei fabbisogni formativi in coerenza con i Piani di Sviluppo Aziendali progettazione e coordinamento delle attività formative erogazione di corsi sulle diverse tematiche individuate e concordate valutazione e monitoraggio dell apprendimento ricerca degli strumenti di cofinanziamento pubblico alle attività di formazione individuazione della fonte di finanziamento più idonea alle esigenze dell azienda predisposizione della documentazione interna analisi della compatibilità del progetto con le linee guida delle OO.SS. competenti territorialmente inserimento e controllo di tutta la documentazione necessaria sulla piattaforma WEB del Fondo stesura e presentazione convenzione protocollata al Fondo presentazione del Bilancio delle Competenze di fine progetto al Fondo rendicontazione amministrativa e finanziaria dell intera iniziativa formativa e relativa Relazione di Certificazione Finale di Spesa rilasciata da un revisore contabile iscritto al registro per legge. I nostri clienti Gruppo IntesaSanpaolo Formazione & Lavoro Federazione Trentina delle Cooperative Banche di Credito Cooperativo del Trentino Gruppo Bipiemme Banca del Valdarno Banche partecipanti al Master Bancario in Area Commerciale: Credito Valtellinese Credito Siciliano Banca Artigianato e Industria Banca Agricola Mantovana Banca Popolare Valsabbina Banca Agricola Popolare di Ragusa Banca di Piacenza Banca Popolare di Cividale Banca Popolare di Intra Banca Popolare dell Emilia Romagna ICBPI Banca di Credito Popolare Gruppo Allianz SE Gruppo Credito Valtellinese Gruppo Engineering Leaseplan Europcar Tecres Wincor Nixdorf I -faber - Unicredit Group Academy Procurement Executive Circle 2008 Canon Nexen per Metropolitane di Roma Eurotherm Turbomach Obiettivo Neve LIUC Università Carlo Cattaneo SUPSI - Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana I-Side Migros Bayer 11

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli