Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre Vito Madaio, PMP, TSPM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre 2015. Vito Madaio, PMP, TSPM"

Transcript

1 Nuovo Esame PMP dal 2 Novembre 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM

2 Cosa significa L Esame PMP Cambia nel 2015 Uno studio recente introduce un aggiornamento sul ruolo del Project Manager certificato PMP. Dopo una vasta indagine tra i possessori della certificazione PMP sono stati proposti degli aggiornamenti a domini, task, conoscenza e competenze. Lo studio contempla le prospettive di tutti i settori di industria nel mondo. Role Delineation Study (RDS) è la base fondante dell esame PMP, garantendo la sua validità e la sua rilevanza. What this means A recently completed Role Delineation Study (RDS) provided an updated description of the project management professional role. Research included a large-scale survey of global Project Management Professional (PMP) certification holders to validate updates to domains, tasks, knowledge, and skills. The RDS captures perspectives of project management practitioners from all industries, work settings, and regions. It serves as the foundation for the PMP exam and ensures its validity and relevance. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 2

3 Argomenti Questo documento di servizio, riprende il contenuto dell annuncio ufficiale del PMI, versione definitiva di Giugno 2015 Exam Content Outline Alcune slide sono direttamente in lingua inglese, poi tradotte anche in italiano, per non alterare l enfasi data dal gruppo di studio RDS. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 3

4 Come Cambia l Esame PMP L esame fonda sugli stessi domini, più 8 nuovi task Dominio 1 - Avvio Aggiunti task: 2, 7 e 8 Dominio 2 - Pianificazione Aggiunto task: 13 Dominio 3 - Esecuzione Aggiunti task: 6 e 7 Dominio 4 Monitoraggio e Controllo Aggiunti task: 6 e 7 Dominio 5 - Chiusura Nessuna modifica Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 4

5 Date da Ricordare Fino al 1 Novembre l esame farà riferimento al vecchio schema (RDS) Dal 2 Novembre farà riferimento al nuovo RDS Bisogna conoscere gli 8 nuovi task e tutti i piccoli cambiamenti apportati ai vari task, come appresso illustrato Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 5

6 8 New Tasks Avvio / Initiating 2 Identify key deliverables based on the business requirements in order to manage customer expectations and direct the achievement of project goals- 7 Conduct benefit analysis with relevant stakeholders to validate project alignment with organizational strategy and expected business value. 8 Inform stakeholders of the approved project charter to ensure common understanding of the key deliverables, milestones, and their roles and responsibilities. Pianificazione / Planning 13 Develop the stakeholder management plan by analyzing needs, interests, and potential impact in order to effectively manage stakeholders expectations and engage them in project decisions. Esecuzione / Execution 6 Manage the flow of information by following the communications plan in order to keep stakeholders engaged and informed. 7 Maintain stakeholder relationships by following the stakeholder management plan in order to receive continued support and manage expectations. Monitoraggio e Controllo / Monitoring and Controlling 6 Capture, analyze, and manage lessons learned, using lessons learned management techniques in order to enable continuous improvement. 7 Monitor procurement activities according to the procurement plan in order to verify compliance with project objectives. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 6

7 Enfasi dei Nuovi Task Avvio Identificare le deliverable del progetto in base ai requisiti di business per gestire le aspettative e soddisfare i goal del progetto Eseguire l analisi dei benefici con i principali stakeholder per essere allineati alle strategie aziendali ed al valore di business atteso Comunicare l approvazione del Project Charter agli stakeholder per garantire la comprensione di deliverable, milestone e ruoli e responsabilità sul progetto Pianificazione Sviluppare il piano di gestione degli stakeholder, analizzando esigenze, interessi e potenziale impatto per gestire efficacemente le loro aspettative e coinvolgerli nel processo decisionale Esecuzione Gestire il flusso di informazioni secondo un piano di comunicazione per tenere gli stakeholder coinvolti e informati Gestire le relazioni con gli stakeholder secondo il piano di gestione degli stakeholder per ricevere continuo supporto e gestire le aspettative Monitoraggio e Controllo Raccogliere, analizzare e gestire le lessons learned con tecniche di gestione delle lessons learned per perseguire il miglioramento continuo Monitorare gli acquisti secondo il piano di approvvigionamento per verificare la conformità con gli obiettivi del progetto. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 7

8 La Certificazione PMP La certificazione PMP, rilasciata dal PMI, è la principale certificazione internazionale per project manager L esame PMP è molto rigoroso secondo il (ProExam), Examination Service Professional sviluppato fin dal 1941 L esame è accreditato ISO Lo standard ISO è stato pubblicato da Education Research Association, National Council on Measurement in Education e American Psychological Association La certificazione PMP è stata accreditata dall ANSI allo standard internazionale ISO/IEC 17024: Conformity Assessment General Requirements for Bodies Operating Certification of Persons Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 8

9 Cosa vuole essere il RDS? Role Delineation Study (RDS) Il PMI esegue uno studio sul ruolo dei PMP ogni 5-7 anni Per garantire che la certificazione rifletta le prassi effettivamente utilizzate ed evolva per soddisfare le esigenze della professione Per restare sempre conforme allo standard ISO Perché è importante lo studio RDS? Perché individua gli elementi critici delle prassi utilizzate con il project management Perchè garantisce che l esame di certificazione faccia sempre riferimento alle necessità quotidiane dei project manager Nel contesto globale, l esame PMP - accreditato ISO costituisce una differenza sostanziale rispetto alle tante iniziative di certificazioni nostrane Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 9

10 Accreditamento ISO della Certificazione PMP La certificazione PMP (Project Management Professional) è rilasciata dal PMI (Project Management Institute) Visita Valore della Credenziale PMP accreditata ISO La credenziale PMP è accreditata allo standard internazionale ANSI/ISO/IEC Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 10

11 Nuova Distribuzione Domande d Esame Dominio % Domande Numero Domande Avvio 13% 26 Pianificazione 24% 48 Esecuzione 31% 62 Monitoraggio e Controllo 25% 50 Chiusura 7% 14 Totale 100% 200 Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 11

12 Task per l Avvio Nuovo dal 2015 Nuovi dal 2015 Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 12

13 Pianificazione Nuovo dal 2015 Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 13

14 Esecuzione Nuovi dal 2015 Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 14

15 Monitoraggio e Controllo Nuovi dal 2015 Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 15

16 Chiusura Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 16

17 Domande effettive per il rate Attenzione 25 domande non contribuiscono al rate dell esame servono al PMI per sperimentare nuove domande o per statistiche sul comportamento dei candidati Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 17

18 Dominio Avvio - 13% 1. Realizzare l'assessment di progetto sulla base delle informazioni disponibili, lessons learned da precedenti progetti, e riunioni con stakeholder rilevanti per valutare la fattibilità di nuovi prodotti o servizi entro le assunzioni e/o i vincoli imposti. 2. Identificare le deliverable principali sulla base dei requisiti di business per gestire le aspettative del cliente e dirigere il raggiungimento dei goal di progetto. 3. Effettuare l'analisi degli stakeholder utilizzando tool e tecniche appropriati per garantire l'allineamento con le aspettative ed ottenere supporto per il progetto. 4. Identificare rischi di livello alto, assunzioni e vincoli in base all'ambiente attuale, ai fattori organizzativi, ai dati storici e al parere dell esperto per proporre una strategia di implementazione. 5. Sviluppare il project charter compilando e analizzando le informazioni raccolte per garantire che gli stakeholder ne condividano gli elementi. 6. Ottenere l'approvazione del project charter da parte dello Sponsor per formalizzare l autorità assegnata al project manager e ottenere l impegno e l accettazione per il progetto. 7. Eseguire l analisi dei benefici insieme agli stakeholder più importanti per confermare l allineamento del progetto alle strategie aziendali ed al valore di business atteso. 8. Informare gli stakeholder dell approvazione del project charter per garantire la comune comprensione delle principali deliverable, milestone e il loro ruolo e responsabilità. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 18

19 Dominio Avvio - 13% Conoscenze e Competenze Competenze Analitiche Tecniche di Analisi dei Benefici Elementi di un Project Charter Tecniche e tool di stime Gestione strategica Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 19

20 Dominio Pianificazione - 24% 1. Fare l assessment dei requisiti di dettaglio del progetto, dei vincoli e delle assunzioni con gli stakeholder in base al project charter, alle lessons learned e all impiego di tecniche di raccolta dei requisiti per stabilire le deliverable di dettaglio del progetto. 2. Sviluppare un piano di gestione dell ambito, in base all ambito del progetto approvato e utilizzando tecniche di gestione dell ambito per definire, mantenere e gestire l ambito del progetto. 3. Sviluppare un piano digestione del costo in base all ambito del progetto, schedulazione, risorse, project charter approvato e altre informazioni impiegando tecniche di stima per gestire i costi del progetto. 4. Sviluppare la schedulazione di progetto in base ai piani di gestione di deliverable di progetto approvate e milestone, ambito e risorse per gestire la tempificazione del progetto. 5. Sviluppare il piano di gestione delle risorse umane definendo ruoli e responsabilità dei membri del team di progetto per creare una efficiente struttura organizzativa del progetto e fornire guida su come assegnare e gestire le risorse. 6. Sviluppare il piano di comunicazione basato sulla struttura organizzativa del progetto e sui requisiti degli stakeholder esterni per gestire il flusso di informazioni del progetto. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 20

21 Dominio Pianificazione - 24% 7. Sviluppare il piano degli acquisti in base ad ambito, budget e schedulazione del progetto per garantire che le risorse necessarie al progetto siano disponibili. 8. Sviluppare il piano di gestione della qualità e definire gli standard di qualità per il progetto e i suoi prodotti, in base ad ambito, rischi e requisiti di progetto per prevenire la presenza di difetti e controllare il costo della qualità. 9. Sviluppare il piano di gestione delle modifiche definendo come saranno trattate le modifiche e controllate per tracciare e gestire le modifiche. 10. Pianificare la gestione del rischio, sviluppando un piano di gestione del rischio identificando, analizzando e mettendo in priorità i rischi; creando il registro dei rischi, e definendo le strategie di risposta al rischio per gestire l incertezza e le opportunità nell arco del ciclo di vita del progetto. 11. Presentare il piano di project management agli stakeholder chiave secondo politiche e procedure applicabili per ottenere l approvazione a procedere con il progetto. 12. Tenere la riunione di kick-off, comunicando l avvio del progetto, le milestone principali e altre informazioni rilevanti per informare e coinvolgere gli stakeholder e ottenere il commitment. 13. Sviluppare il piano di gestione degli stakeholder analizzando esigenze, interessi e potenziale impatto per gestire efficacemente le aspettative degli stakeholder e coinvolgerli nel processo decisionale. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 21

22 Conoscenze e Competenze Dominio Pianificazione - 24% Pianificazione della Gestione delle Modifiche Pianificazione della gestione dei costi, compreso tool e tecniche di definizione del budget di progetto Pianificazione delle comunicazioni Tipi di contratti e criteri di scelta Tool e tecniche di stima Pianificazione risorse umane Principi di lean e di efficienza Pianificazione degli acquisti Pianificazione gestione qualità Tecniche di raccolta dei requisiti (es. sessioni di pianificazione, brainstorming e focus group) Pianificazione assessment norme di legge e impatti ambientali Pianificazione della gestione del rischio Tool e tecniche di smontaggio dell ambito (es. WBS, backlog) Pianificazione gestione ambito Pianificazione gestione stakeholder Pianificazione gestione tempo, compreso tool e tecniche Tecniche di diagrammi di workflow Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 22

23 Dominio Esecuzione - 31% 1. Ottenere e gestire le risorse del progetto seguendo i piani di gestione delle risorse umane e degli acquisti per soddisfare i requisiti del progetto. 2. Gestire l esecuzione dei task in base al piano di project management guidando e sviluppando il team per realizzare le deliverable di progetto. 3. Implementare il piano di gestione della qualità utilizzando tool e tecniche appropriati per garantire che il lavoro venga eseguito nel rispetto degli standard di qualità richiesti 4. Implementare le modifiche approvate e le azioni correttive secondo il piano di gestione delle modiche per soddisfare i requisiti di progetto. 5. Implementare le azioni approvate seguendo il piano di gestione del rischio per minimizzare l impatto dei rischi e trarre vantaggio dalle opportunità. 6. Gestire il flusso di informazioni seguendo il piano di comunicazioni per mantenere gli stakeholder coinvolti ed informati. 7. Mantenere le relazioni con gli stakeholder seguendo il piano di gestione degli stakeholder per ricevere supporto continuo e gestire le aspettative. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 23

24 Dominio Esecuzione - 31% Conoscenze e Competenze Processi di miglioramento continuo Tecniche di gestione dei contratti Elementi di una dichiarazione di lavoro Interdipendenze tra elementi del progetto Tecniche e tool di budgeting del progetto Tool di standard di qualità Tecniche di gestione dei fornitori Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 24

25 Monitoraggio e Controllo - 25% 1. Misurare la prestazione del progetto utilizzando appropriati tool e tecniche, per identificare e quantificare qualsiasi varianza e azioni correttive. 2. Gestire le modifiche al progetto seguendo il piano di gestione delle modifiche per garantire che i propositi (goal) di progetto restino allineati alle esigenze di business. 3. Verificare che le deliverable di progetto siano conformi agli standard di qualità stabiliti nel piano di gestione della qualità, utilizzando appropriati tool e tecniche per soddisfare i requisiti di progetto e le esigenze di business. 4. Monitorare e verificare il rischio determinando se l esposizione è cambiata e valutare l efficacia delle strategie di risposta al rischio per gestire l impatto dei rischi e delle opportunità sul progetto. 5. Rivedere il log delle issue, aggiornarlo se necessario e determinare le azioni correttive utilizzando appropriati tool e tecniche per minimizzare l impatto sul progetto. 6. Raccogliere, analizzare e gestire le lessons learned, utilizzando tecniche di lessons learned per garantire il miglioramento continuo. 7. Monitorare le attività di acquisti secondo il piano di approvvigionamento per verificare la conformità con gli obiettivi di progetto. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 25

26 Monitoraggio e Controllo - 25% Conoscenze e Competenze Misurazione delle prestazioni e tecniche per tracciare (es. EV, CPM, PERT, trend Analysis) Tecniche di analisi del processo (es. LEAN, Kanban, Six Sigma) Limiti di controllo del progetto (es. soglie, tolleranze) Tool e tecniche di monitoraggio progetti Standard e best practice di Qualità del progetto (es. ISO, BS, CMMI, IEEE) Tool di misurazione della qualità (es. statistical sampling, control chart, flow chart, inspection, assessment) Tecniche di identificazione e analisi del rischio Tecniche di risposta al rischio Tecniche di conferma e verifica della qualità Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 26

27 Dominio Chiusura - 7% 1. Ottenere l accettazione finale delle deliverable di progetto dagli stakeholder principali, per confermare che ambito e deliverable del progetto sono stati raggiunti. 2. Trasferire la proprietà delle deliverable agli stakeholder assegnatari secondo il paino di progetto, per facilitare la chiusura del progetto. 3. Ottenere la chiusura finanziarie, legale e amministrativa utilizzando le prassi generalmente accettate, per comunicare la chiusura formale del progetto e garantire il trasferimento della responsabilità. 4. Preparare e condividere il report finale del progetto secondo il piano di gestione della comunicazione per documentare e illustrare la prestazione del progetto dando assistenza nella valutazione del progetto. 5. Raccogliere le lessons learned documentate durante il progetto e condurre una revisione generale del progetto per aggiornare la base di conoscenza dell organizzazione. 6. Archiviare documenti e materiali di progetto utilizzando pratiche generalmente accettate per essere conformi con i requisiti di legge e per il potenziale utilizzo su progetti futuri e audit. 7. Ottenere feedback dai principali stakeholder utilizzando tool e tecniche appropriate e in base al piano di gestione degli stakeholder per valutare la loro soddisfazione. Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 27

28 Dominio Chiusura - 7% Conoscenze Competenze Archiviazione pratiche ed atti Conformità (atto(organizzazione) Requisiti di chiusura del contratto Procedure di chiusura finale Tecniche di feedback Tecniche di misurazione della prestazione (KPI e KSF) Tecniche di revisione del progetto Tecniche di pianificazione della transizione Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 28

29 Competenze Cross su Tutti i Domini Ascolto attivo (saper ascoltare) Leggi applicabili e regolamenti Realizzazione di benefici Tecniche di brainstorming Business acumen Tecniche di change management Tecniche di coaching, mentoring, training e motivazionali Canali di comunicazione, tool, tecniche e metodi Gestione della configurazione Tecniche di soluzione dei conflitti Metriche di customer satisfaction Tecniche di raccolta dati Presa di decisioni Tecniche di delega Sensibilità sulle differenze culturali e diversità Sensibilità e diversità generazionale Intelligenza emozionale Tecnica del parere dell esperto Facilitazioni Tool, tecniche e metodi di information management Interpersonal skills (Competenze interpersonali) Gestione della conoscenza Tool, tecniche e competenze di leadership Tool e tecniche di leadership Tecniche di gestione delle Lessons learned Tecniche di gestione delle riunioni Negoziazione e tecniche e capacità di influenzare Conoscenza organizzazione e operatività Processo di revisione tra pari Tecniche e tool di presentazione Gestione del tempo e delle priorità Tecniche e tool di problem solving Principi di finanza del progetto Tecniche assicurazione e controllo della qualità Gestione delle relazioni Tecniche di risk assessment Comprensione della situazione Tecniche di gestione degli stakeholder Tecniche di sviluppo del team Gestione team virtuali/remoti Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 29

30 Follow on L esame PMP si basa sul PMBOK Guide 5 th Edition Da Novembre, le domande di esame porranno maggiormente l accento sui nuovi task Il materiale del corso PMP-Prep Online sarà allineato con i nuovi contenuti, appena disponibili Sarà nostra cura informarvi tempestivamente su eventuali chiarimenti del PMI sulle nuove domande di esame, che sicuramente ci saranno Decidere subito se dare l esame con il Decidere subito se dare l esame con il vecchio schema oppure con quello nuovo, ossia dopo il 1 Novembre Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 30

31 Certificazione PMP Se intendi certificarti PMP, prima o dopo Novembre 2015, scegli tranquillamente PMP-Prep Online Potrai certificarti senza stress, al primo tentativo Per ulteriori informazioni, contatta Vito Madaio, PMP, TSPM Nuovo Esame PMP (parte di PMP-Prep Online) 31

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

C URR I C U L U M V I T A E

C URR I C U L U M V I T A E C URR I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Ercole Colonese Indirizzo Via Carlo Cattaneo 15, 00185 Roma Telefono (+39) 338 7248417 E-mail ercole@colonese.it (personale) Sito web www.colonese.it

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli