INDICE. Introduzione... 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Introduzione... 4"

Transcript

1 INDICE Introduzione... 4 Capitolo 1: La formazione esperienziale Quadro teorico di riferimento Il modello esperienziale secondo Kolb, Deming, Knowels La teoria di Kolb La teoria di Deming La teoria di Knowles Trasferibilità della formazione alle esperienze lavorative Diffusione delle metodologie esperienziali in Italia 19 Capitolo 2: La metafora nella formazione esperienziale Scelta e costruzione della metafora formativa Analisi e progettazione delle metafore esperienziali Tipologie di metafore Metafore sportive Metafore dell arte Metafore enogastronomiche Metafore del gioco Capitolo 3: Il processo formativo Il processo formativo L analisi dei bisogni La progettazione La conduzione Il debriefing Il follow up Tipologie e ruoli nella formazione esperienziale. 49 1

2 Capitolo 4: Le competenze del formatore esperienziale Le competenze del formatore secondo l Isfol Le competenze del formatore esperienziale Le competenze del formatore esperienziale nello sviluppo della metafora Vantaggi della formazione esperienziale Intervista a Luca Giuman Intervista a Filomena Del Pesce Limiti della formazione esperienziale. 71 Conclusioni Ringraziamenti Bibliografia Sitografia 77 Allegato

3 A mia madre, Lei che continua ad illuminare la mia strada. 3

4 Introduzione Il presente lavoro si pone l obiettivo di voler approcciare ad un primo studio sulle competenze che dovrebbero caratterizzare il formatore esperienziale con uno specifico focus nello sviluppo della metafora. Lo scopo di questa tesi è quello di gettare uno sguardo d analisi su un tipo di formazione non convenzionale al fine di illustrare le caratteristiche distintive di un formatore esperienziale. La motivazione che mi ha portato a scegliere questa tematica nasce dal mio interesse verso la formazione esperienziale, metodologia formativa che ho avuto modo di conoscere durante l insegnamento di formazione e politiche delle risorse umane nel corso di laurea triennale in Formazione e Sviluppo delle Risorse Umane. La trattazione è stata divisa in quattro capitoli. Nel primo capitolo, ho delineato la storia della formazione esperienziale e le teorie dell apprendimento che considerano l esperienza lo strumento migliore per condurre gli individui ad acquisire conoscenze e a modificare atteggiamenti e comportamenti. In particolare, ho trattato la teoria dell apprendimento di Kolb, di Deming e di Knowles, pilastri fondamentali della formazione esperienziale. Nel secondo capitolo ho introdotto la metafora formativa e approfondito il tema riportando il caso di Errebian, un azienda italiana leader nella distribuzione di prodotti e servizi per l ufficio, presso la quale ho potuto osservare un corso di project management. Il secondo capitolo si conclude con una panoramica delle principali tipologie di metafore possibili. Nel terzo capitolo ho approfondito il processo formativo e ho definito, in seguito, le tipologie e i ruoli nella formazione esperienziale. Il quarto capitolo entra nel tema delle competenze del formatore. Ho analizzato il profilo del formatore secondo l Isfol e successivamente ho evidenziato le competenze del formatore esperienziale nello sviluppo della metafora. Il capitolo si conclude con un approfondimento sui vantaggi e i limiti della metodologia esperienziale e le 4

5 interviste al Direttore Generale di Infonet Solutions e la Responsabile Organizzazione e Training di AXA Assistance. Ritengo opportuno, all inizio di questo percorso, porsi una domanda a cui cercherò di dare risposta con questo lavoro: Quali sono le caratteristiche e le competenze che ha o dovrebbe avere un formatore esperienziale? È su questa analisi che si fonda questa tesi ed è da qui che ripartiremo in fase conclusiva del percorso di ricerca. 5

6 Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. Confucio 6

7 Capitolo 1 La formazione esperienziale L'apprendimento esperienziale è un tipo d'intervento formativo in cui il conduttore ha il ruolo di facilitatore dei processi di apprendimento; propone e fornisce, infatti, la possibilità di fare un'esperienza specifica. L'oggetto dell'apprendimento è proprio del partecipante; infatti, è solo la persona che sa cosa ha imparato dall'esperienza. Il facilitatore lo aiuta a farne qualcosa di utile a se stesso. La formazione esperienziale, come evidenziato dal nome, mette al centro del processo di apprendimento l esperienza intesa come scambio fra la persona e l oggetto dell esperienza; uno scambio che assume significato se la persona riesce a cogliere l effetto che l interazione ha avuto su di lei. Ha quindi particolare importanza non solo quello che accade, ma il riconoscimento di quanto è accaduto da parte di chi l ha vissuto. E un tipo di formazione attraverso la quale l adulto si mette in gioco. E progettata e realizzata da formatori esperti nella gestione dell apprendimento degli adulti che supportano il partecipante all interno di un preciso percorso formativo finalizzato allo sviluppo di competenze. L apprendimento esperienziale avviene quando le esperienze sono seguite dalla riflessione, dall analisi critica e dalla sintesi. «Fare formazione esperienziale vuol dire, quindi, progettare e gestire un ambiente fisico ed uno spazio mentale in cui le persone possono interagire liberamente e condividere delle esperienze cognitive, emotive e fisiche, direttamente o analogicamente correlate all apprendimento di conoscenze, capacità e atteggiamenti utili per il miglioramento delle prestazioni lavorative» (Rago E., L arte della formazione, Franco Angeli, 2006, pag. 33). La formazione esperienziale si occupa delle relazioni interpersonali nei contesti organizzativi e negli ambienti di lavoro, con particolare attenzione alla gestione dei conflitti, al significato di appartenenza, allo sviluppo delle qualità e alla realizzazione di uno stato di benessere personale e organizzativo. 7

8 La formazione esperienziale viene utilizzata per velocizzare i processi di apprendimento dei partecipanti, attraverso la consapevolezza dei propri comportamenti, facendo elaborare e sedimentare in loro alcuni concetti veicolati attraverso le emozioni che maturano durante l esperienza. La differenza più importante, rispetto alla formazione classica, è l ingresso in campo della sfera emotiva, delle sensazioni, della componente irrazionale. Fare formazione esperienziale significa, quindi, creare esperienze significative da utilizzare come base di lavoro personale, mettendo al centro l individuo e il suo rapporto con il mondo che lo circonda; procurare un esperienza e facilitare una riflessione che trasforma l azione in formazione. 1. Quadro teorico di riferimento Per capire a fondo la formazione esperienziale è necessario soffermarsi sulla definizione del termine esperienza. La parola esperienza deriva dal latino experior, dove il termine -perior implica una nozione di pericolo, prova, qualcosa con cui ci si misura. Nella tradizione filosofica il termine indica quel tipo di conoscenza che parte dall attività dei sensi. Nell antica Grecia l esperienza era indicata con la parola empeirìa che stava a significare che con l esperienza il soggetto era in grado di saggiare all interno la realtà. Platone condusse un analisi sul concetto di esperienza e fece una distinzione tra i giudizi formati sulla base di esperienze pratiche e quelli che hanno utilizzato l intelletto per elaborare veri e propri ragionamenti (Platone, Repubblica, IX, 582). Platone definisce, quindi, l esperienza come un «fondamento ontologico ai fenomeni sensibili sulla base delle idee che l esperienza stessa induce a risvegliare nella mente umana» (Livi A., Il principio di coerenza: senso comune e logica epistemica, Armando Editore, Roma, 1997, p.20). 8

9 Anche Aristotele condusse diversi studi sul concetto di esperienza, definendola come un insieme di sensazioni e memoria reso possibile dall induzione, cioè la capacità di cogliere l universale attraverso i particolari. Nel Medioevo l esperienza diviene un concetto della gnoseologia ed è intesa come una o l unica fonte del sapere. In questo periodo Ruggero Bacone afferma che «senza l esperienza niente può essere conosciuto sufficientemente. Infatti due sono i mezzi del conoscere, la dimostrazione e l esperimento. [...] Se difatti un uomo, che non ha mai visto il fuoco, ha provato con argomenti sufficienti che il fuoco brucia e intacca e distrugge le cose, mai per questo si acquieterebbe lo spirito dell ascoltatore nè eviterebbe il fuoco prima di avvicinare la mano o una cosa combustibile al fuoco, in modo da provare con l esperienza ciò che l argomento insegnava. Ma, ottenuta l esperienza della combustione, lo spirito si rende certo e si acquieta nel fulgore del vero. Non basta, quindi, l argomento, ma si richiede l esperienza» (Ruggero Bacone, Opus maius, VI, 1). Per John Locke l esperienza fornisce alla ragione il materiale della conoscenza che essa adopera. La ragione può solo ordinare questo materiale a suo modo, formando idee complesse e ragionamenti; ma anche in questa attività deve essere controllata dall esperienza perché altrimenti le sue costruzioni sono fantastiche. Locke, nel suo Saggio sull intelletto umano scrive che la mente umana è come un foglio di carta bianco: è l esperienza che vi scrive sopra le idee; ma come il foglio è predisposto alla scrittura, così la mente ha la facoltà di formulare e di elaborare le idee. Anche le idee complesse, frutto dell attività della mente, hanno la loro origine nelle idee semplici che scaturiscono dall immediatezza dell esperienza sensibile. Immanuel Kant nel 1781 pubblica la Critica della ragion pura, in cui evidenzia che l esperienza è il punto di partenza di ogni conoscenza, integrato, poi, dall apporto formale della ragione umana. Per John Dewey, l apprendimento avviene coltivando l individualità e la libera attività, imparando dall esperienza, acquisendo abilità che servono per raggiungere scopi davvero significativi, utilizzando al meglio le opportunità del presente, adattandosi al mondo che cambia. Non prepara alla vita, ma è essa stessa un processo 9

10 di vita. Si basa su motivazioni intrinseche e individuali piuttosto che su stimoli e punizioni. Nasce da una costante riorganizzazione dell esperienza che insegna a dirigere le esperienze successive. Kurt Lewin articola tutto il suo lavoro sull integrazione tra teoria e pratica. Lewin sostiene il learning circle. Il ciclo dell apprendimento inizia e termina con la concreta esperienza (concrete experience) che costituisce sia la spinta sia lo scopo del processo. La concreta esperienza passa attraverso l osservazione e la riflessione (observation and reflection) e utilizzando le teorie (abstract concepts) giunge con la sperimentazione (sperimentation) a tradurre la riflessione in azione e quindi in esperienza. Kurt Lewin Experiential Learning Circle Fonte: consultato in data 23/04/ Il modello esperienziale secondo Kolb, Deming, Knowels 2.1 La teoria di Kolb L apprendimento esperienziale è un processo nel quale la costruzione della conoscenza avviene passando attraverso l osservazione e la trasformazione dell esperienza; non, quindi, attraverso la passiva acquisizione di nozioni e concetti. 10

11 La teoria di Kolb si lega al concetto di life long learning in quanto imparare è un processo che dura tutta la vita. Si può apprendere in qualsiasi situazione, non solo in quelle designate per l apprendimento. Il modello esperienziale di Kolb propone un processo ciclico di apprendimento esperienziale che prevede 4 stadi: 1. stadio delle esperienze concrete, dove l apprendimento è prevalentemente il risultato delle percezioni e delle reazioni alle esperienze; 2. stadio dell osservazione riflessiva, dove l apprendimento deriva prevalentemente dall ascolto e dall osservazione. In questa fase si riflette sulle esperienze e si osservano da diverse prospettive; 3. stadio della concettualizzazione astratta, in cui l apprendimento si concretizza mediante l analisi e l organizzazione sistematica delle informazioni; 4. stadio della sperimentazione attiva, in cui l apprendimento è basato sull azione, la sperimentazione e il riscontro dei risultati. Un apprendimento efficace e completo vede coinvolte tutte le quattro fasi del processo e non è importante da quale delle quattro si sia partiti. È possibile, infatti, iniziare l'apprendimento da qualsiasi punto del ciclo, e ciascuno stadio ha bisogno di abilità diverse per essere svolto nel migliore dei modi. Le quattro fasi dell apprendimento del ciclo di Kolb vengono proposte come un ciclo di apprendimento continuo per l adulto e potrebbero essere assimilate alle fasi di crescita e sviluppo del bambino. Per rendere ancora più chiara l esposizione ci rifaremo, quindi, a questa similitudine. L esperienza concreta è un momento formativo tipico del neonato, il quale, durante tutta la sua prima parte della vita, non avendo ancora capacità di immagazzinare concetti astratti, si nutre di esperienze concrete e emozionali. Nella vita da adulti questa fase corrisponde alla parte di conoscenza che è nascosta nel bagaglio di esperienze più o meno emozionanti con cui cerchiamo di risolvere le situazioni che affrontiamo. Nello stadio delle esperienze concrete il focus è sul coinvolgimento diretto e personale. Questo atteggiamento coinvolge la sfera emotiva. Il risultato è vissuto come personale ed è favorito da un approccio intuitivo e dalla 11

12 capacità di adattamento situazionale. Durante la formazione, le attività che favoriscono questa fase sono le attività di laboratorio, i lavori sul campo, gli esempi, le simulazioni, i giochi di ruolo, il "training on the job" e in generale tutte le attività che richiamano la concretezza e l applicazione. Successivamente, entra in gioco un altra abilità. Il bambino inizia a interagire con più persone e a vedere che gli altri fanno le stesse attività in modo diverso. Da queste attente osservazioni il bambino trae dei suggerimenti, fa delle riflessioni e mette in azione piccoli cambiamenti. Durante la fase di osservazione riflessiva l'apprendimento si focalizza sulla comprensione dei significati attraverso l ascolto, il confronto e l'osservazione imparziale. Assumono importanza la comprensione, la qualità dell analisi e la sua attendibilità. Nella formazione gli strumenti che meglio facilitano questa fase sono la lezione, le letture specialistiche, i riferimenti autorevoli, la discussione, i case history. Il bambino si trasforma poco alla volta in adulto e durante il passaggio tra gli otto e i dodici anni inizia a trattenere le informazioni e i concetti astratti. Questa nuova capacità permette al bambino di discutere in maniera sempre più complessa, imparando modelli d azione letti o raccontati, ma non visti né già sperimentati. Nello stadio della concettualizzazione astratta l'apprendimento si focalizza sull organizzazione logica dei contenuti e sulla possibilità di individuare regole e dinamiche di processo, applicabili in maniera generalizzata. Si elaborano teorie e dimostrazioni astratte attraverso analisi, individuazione dei concetti chiave, dei nessi di causa ed effetto. Gli strumenti per il training sono le lezioni, gli articoli, i modelli, la rappresentazione grafica e i diagrammi. Infine, il bambino, ormai diventato ragazzo, tende a personalizzare il proprio modo di vedere e percepire le situazioni e con esse anche gli apprendimenti. Ciò significa che tutto ciò che acquisisce viene tritato attraverso la propria visione egocentrica. Non si riflette molto su ciò che si deve o non si deve fare, ma si passa velocemente all azione. Negli adulti, questa caratteristica d apprendimento si manifesta quando davanti a un problema o a una situazione nuova si tende a agire in maniera repentina, a volte quasi senza pensare. Nella sperimentazione attiva ci si focalizza sulla ricerca 12

13 di opzioni per il cambiamento e l'evoluzione. L azione e le possibili applicazioni sono dirette ad un obiettivo di funzionamento. Simulazioni, team working, laboratori, sono indicati per favorire questo stadio dell apprendimento. Una maggiore o minore inclinazione o predisposizione per ciascuno di questi stadi determina un diverso stile di apprendimento. Kolb ha elaborato, infatti, quattro stili di apprendimento che corrispondono a quattro tipologie di profili personali: 1. Stile adattivo 3. Stile assimilativo 2. Stile divergente 4. Stile convergente I quattro stili di apprendimento non corrispondono ai quattro stadi descritti da Kolb, ma ogni stile privilegia due fasi come si può notare nel seguente grafico. David Kolb Ciclo e stili di apprendimento Fonte: consultato in data 23/04/

14 Stile adattivo: privilegia l esperienza concreta e la sperimentazione attiva. Gli adattivi sono in grado di adattamenti intuitivi alle situazioni. Mostrano difficoltà nel decodificare a posteriori i processi che loro stessi hanno attivato e prediligono ripetersi apportando nuove modifiche ai comportamenti. Sono fortemente orientati ai risultati e il loro focus è diretto alle conseguenze delle loro azioni. Solitamente propendono per l assunzione di responsabilità e l agire per obiettivi li stimola. Sono disposti a sacrificare l efficienza di una soluzione per l ottimizzazione del risultato. Rientrano in questo profilo le categorie di insegnanti e liberi professionisti, i venditori. Stile divergente: privilegia osservazione riflessiva ed esperienze concrete. I divergenti sono interessati alle persone e investono molto sul piano relazionale ed emotivo. Sono sempre alla ricerca di ulteriori approfondimenti e significati ed hanno solitamente interessi vari e interdisciplinari. Hanno maggiore facilità ad uscire dagli schemi e necessitano di dialogo e generazione di idee alternative. Gli interessa trovare risposte ai propri perché?. Fanno parte di questo profilo gli psicologi, gli artisti, i coach, i creativi. Stile convergente: privilegia la concettualizzazione astratta e la sperimentazione attiva. I convergenti sviluppano solitamente abilità nell'applicazione pratica delle idee. Sono orientati all azione e propendono per la messa in pratica delle idee il più rapidamente possibile. Una discussione troppo lunga e con molte variabili rischia di renderli impazienti. Questo stile è stato definito convergente perché risponde al profilo di una persona che si trova a suo agio in quelle situazioni in cui si converge verso una singola opzione (o verso un numero limitato di opzioni). Si tratta di un profilo efficiente nell operatività ma rigido che apprende per prove ed errori e predilige, di conseguenza, un ambiente che favorisce la sperimentazione e non penalizza gli sbagli. Fanno parte di questo profilo ingegneri, avvocati, manager. Stile assimilativo: privilegia l osservazione riflessiva e la concettualizzazione astratta. Gli assimilatori sono abili nella sistematizzazione dei concetti e nell'elaborazione di modelli teorici costruiti attraverso ragionamenti induttivi. Assimilano le conoscenze raccogliendo dati e informazioni. Sono obiettivi, razionali 14

15 e logici e manifestano un forte orientamento al compito e un basso orientamento alla relazione. Il loro eloquio è logico e razionale. Individuano l'esperto come figura di riferimento in ottica di apprendimento. Fanno parte di questo profilo gli scienziati e gli specialisti di ricerca. 2.2 La teoria di Deming Con il suo ciclo di apprendimento Kolb ci introduce al tema della formazione esperienziale nell ottica di una formazione-apprendimento continuo. In tal senso ritengo opportuno affiancare al modello di Kolb quello di Deming che può essere preso a riferimento come modello di ciclo continuo di sviluppo personale. William Edwards Deming è considerato da molti il fondatore del movimento della qualità. Deming ha ideato il ciclo PDCA in Giappone negli anni cinquanta. In quegli anni in Giappone la produzione di qualità era assicurata semplicemente dalle fasi di collaudo. Ispezioni successive al processo davano la sola possibilità di scartare i pezzi difettosi e, in tale logica, l'aumento della qualità avrebbe significato l'aumentare delle ispezioni e di conseguenza dei costi. Sprechi e costi non erano in sintonia con il concetto di qualità ricercato dal Giappone, il quale si affidò ad esperti americani tra i quali William Edwards Deming, per introdurre degli strumenti atti ad assicurare un progressivo miglioramento della qualità. In seguito, il modello ideato da Deming è diventato famoso per la sua applicabilità ad ogni settore, in quanto il suo metodo circolare e ricorsivo permette di implementare e migliorare qualsiasi processo. Il ciclo di Deming è un modello studiato per il miglioramento continuo della qualità in un'ottica a lungo raggio. Serve per promuovere una cultura della qualità che è tesa al miglioramento continuo dei processi e all'utilizzo ottimale delle risorse. Questo strumento parte dall'assunto che per il raggiungimento del massimo della qualità sia necessaria la costante interazione tra ricerca, progettazione, test, produzione e vendita. 15

16 Il modello applicativo è suddiviso in quattro fasi: Plan: la pianificazione. Serve per stabilire gli obiettivi dei processi (o dei problemi) e progettare strategie per ottenere risultati conformi alle politiche dell organizzazione. Do: l implementazione. Inizia l attuazione dei processi pianificati. Check: la valutazione. Vengono monitorati e misurati i processi e confrontati rispetto agli obiettivi ipotizzati. Act: l agire. Vengono adottate azioni per consolidare e migliorare ulteriormente ed in maniera continuativa le prestazioni dei processi ed i risultati raggiunti. Per migliorare la qualità e soddisfare il cliente, le quattro fasi devono ruotare costantemente, tenendo come criterio principale la qualità. William Edwards Deming Il ciclo PDCA Fonte: consultato in data 22/04/ La teoria di Knowles Knowles può essere collocato tra i più noti studiosi dell apprendimento adulto. Per Knowles gli adulti apprendono in modo diverso dai bambini. Egli elabora una tipologia di caratteristiche dell adulto in apprendimento introducendo nella sua teoria due variabili dipendenti di primaria importanza: l età e l esperienza dei soggetti. L interrelazione tra esperienze di vita, età e apprendimento definisce l ambito stesso dell apprendimento e conduce Knowles ad una progressiva attenzione per l unicità 16

17 dei soggetti in formazione, per l individualità, per la dimensione qualitativa dei processi, dei casi e delle biografie individuali. «Le diverse esperienze producono negli individui adulti trasformazioni, anche nella forma di resistenze alla crescita e all apprendimento, che ne fanno soggetti adulti senza autonomia, senza capacità di autorealizzazione, senza sufficiente fiducia in se stessi» (Knowles M., Informal Adult Education, Association Press, New York, 1950). Knowles cerca di formulare una teoria dell apprendimento degli adulti tenendo conto degli esperimenti e delle ricerche sulle caratteristiche specifiche che presentano i soggetti adulti ed elaborò un modello che definì andragogico in contrapposizione a quello pedagogico. Il modello andragogico di Knowles, si fonda su sei presupposti: Il bisogno di conoscere: gli adulti sentono l esigenza di sapere perchè occorra apprendere qualcosa prima di intraprendere l apprendimento stesso. Il concetto di sé: gli adulti hanno un concetto di sé come persone responsabili delle loro decisioni, della loro vita e sviluppano un profondo bisogno psicologico di essere considerati e trattati dagli altri come persone capaci di gestirsi autonomamente. Il ruolo dell esperienza: gli adulti entrano in attività di formazione con una loro esperienza pregressa. La disponibilità ad apprendere: gli adulti sono disponibili ad apprendere ciò che hanno bisogno di sapere e di saper fare per far fronte alle situazioni della loro vita. L orientamento verso l apprendimento: in contrasto con l orientamento verso le materie, quello degli adulti è incentrato sulla vita reale. La motivazione: le motivazioni più potenti dell adulto sono le pressioni interne. 17

18 3. Trasferibilità della formazione esperienziale alle attività lavorative La trasferibilità della formazione alle esperienze lavorative può essere definita come la possibilità di applicare al proprio ambito lavorativo competenze, conoscenze, skills e atteggiamenti acquisiti durante la formazione, e mantenerli nel tempo. Il modello proposto da Marguerite Foxon in A Process Approach to the Transfer of Training evidenzia la distanza che esiste tra l ambiente formativo e quello professionale. Seppure i discenti lasciano l aula con l intenzione di applicare le conoscenze apprese, è possibile che diversi fattori ambientali compromettano la motivazione e quindi pregiudichino il successo della trasferibilità. Vi sono però alcuni fattori che entrano in gioco durante e immediatamente dopo la formazione, che supportano il trasferimento (ad esempio percepire l utilità dei nuovi comportamenti). I professionisti della formazione devono attuare delle strategie per massimizzare le probabilità di avvio e mantenimento del trasferimento della formazione alle attività lavorative. Una delle possibili basi per un cambiamento duraturo è l attività di follow-up: momento formativo della durata di una o due giornate a distanza di circa tre mesi dal termine dell attività d aula. Tali incontri di valutazione ex post possono fornire all organizzazione indici rilevanti dell efficacia della formazione sia a livello di conoscenza degli argomenti oggetto del corso, sia sul grado di miglioramento dei comportamenti lavorativi, obiettivo per il quale l organizzazione investe nella formazione. Durante le sessioni di follow up è utile utilizzare foto e video raccolti durante le giornate di formazione per farlo diventare uno stimolo efficace per rievocare emozioni ed esperienze vissute durante le attività esperienziali. Numerosi studi hanno dimostrato come l attività di follow up sia necessaria per garantire risultati duraturi nel tempo. La difficoltà viene percepita nel momento in cui si provano ad agire i comportamenti nuovi sperimentati durante un attività formativa ma, non raggiungendo i risultati attesi, si ritorna alle abitudini comportamentali precedenti. 18

19 È importante che l esperienza costituisca la fase iniziale di un processo di accompagnamento che può proseguire con piani di sviluppo personali, sessioni di follow up, ed eventualmente sessioni di coaching individuale. 4. Diffusione delle metodologie esperienziali in Italia Negli ultimi anni in Italia si è osservata una diffusione incontrollata delle metodologie esperienziali, metaforiche e outdoor nella formazione. Attualmente in Italia esiste un vero e proprio mercato della formazione esperienziale. Molta dell offerta formativa innovativa è realizzata spesso da attori, non necessariamente formatori e consulenti aziendali di professione, che introducono, o meglio commercializzano nel contesto organizzativo alcuni loro interessi e pratiche (nella maggior parte dei casi sportive e artistiche). Spesso queste proposte risultano in realtà in una fase sperimentazione ma vengono pubblicizzate alle aziende come format già rodati ed a regime. In altri casi possono essere una scopiazzatura di fornitori nuovi rispetto ad interventi formativi proposti da fornitori più qualificati. Manca, quindi un reale modello teorico di riferimento e soprattutto la misurazione dei risultati ottenuti nello sviluppo di competenze professionali specifiche. La ricca offerta del mercato della formazione esperienziale può creare difficoltà anche ai fornitori (oltre che ai clienti finali) che si trovano a dover investire risorse per abbattere resistenze e pregiudizi in un mercato altamente concorrenziale. I fruitori della formazione esperienziale, spesso, al momento del colloquio preliminare di analisi dei fabbisogni, tendono a focalizzare l attenzione più sull attività che sull obiettivo del processo formativo, creando una forte attenzione sull attività ludica. Negli ultimi anni la metodologia esperienziale e l outdoor training hanno avuto un ampia diffusione nel mondo della formazione aziendale italiana. È necessario, a questo punto, fare chiarezza sui termini. Danieta Fregosi 1 definisce con il termine 1 Daniela Fregosi è una psicologa del lavoro. Si occupa di consulenza e formazione aziendale dal 92 e di metodologie esperienziali dal 98. Specializzata in formazione esperienziale ed outdoor training con il Master Outdoor Management Training, nel 2008 ha fondato la Community dell Apprendimento esperienziale 19

20 formazione esperienziale «l approccio metodologico generale che comprende tutta una serie di metodologie specifiche e diversificate tra cui l outdoor training. È preferibile utilizzare l aggettivo outdoor per descrivere un contesto ambientale (all aria aperta) piuttosto che una metodologia e quindi la formazione esperienziale può, a seconda del tipo di attività metaforica utilizzata, svolgersi in un contesto indoor, outdoor o misto» (Fregosi D., La formazione esperienziale e l outdoor training: facciamo chiarezza su rischi ed opportunità, in La formazione esperienziale, inoltre, ha assoluto bisogno di differenziarsi da attività di animazione perché è progettata e realizzata da formatori esperti nella gestione dell apprendimento degli adulti e quindi non si limita a proporre divertenti e suggestive attività fine a se stesse ma supporta il partecipante all interno di un preciso percorso formativo concordato con l azienda committente. Azienda, formatori e partecipanti devono quindi avere ben chiari gli obiettivi di fondo dell intervento sin dall inizio per non correre il rischio di realizzare interventi, magari divertenti e di apparente successo, ma che non hanno centrato gli obiettivi e non sono formativi. 20

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13 Sviluppo Umano Sviluppo Umano sas di Gian Luca Cacciari & C. OFFERTA FORMATIVA 2013 1-13 Sviluppo Umano progetta e realizza interventi formativi su misura, realizzati ad hoc per i suoi Clienti. L esperienza

Dettagli

La Formazione come Strumento di Cambiamento per la Persona e l Organizzazione:

La Formazione come Strumento di Cambiamento per la Persona e l Organizzazione: La Formazione come Strumento di Cambiamento per la Persona e l Organizzazione: Esperienze Outdoor e Soft-outdooroutdoor Ad Meliora srl partita iva 074585210 Tel: 06 39754305 - Fax: 06 70474614 - www.admeliora.net

Dettagli

Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione

Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione V 01 2005 GG Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group - Via XXV aprile, 40 24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. +39 035332111

Dettagli

Sessione I - La Professione del Formatore e le metodologie didattiche (4 ore)

Sessione I - La Professione del Formatore e le metodologie didattiche (4 ore) PERCORSO DI ALTA FORMAZIONE: OUTDOOR E TECNICHE TEATRALI: FORMARE OLTRE I CONFINI PREMESSA Negli ultimi tempi si sono sviluppati nuovi metodi didattici che si rifanno spesso agli aspetti di concretezza

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

Formazione Manageriale e Comportamentale

Formazione Manageriale e Comportamentale Formazione Manageriale e Comportamentale La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Manageriale e Comportamentale 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA

Dettagli

Experiential Training Activity

Experiential Training Activity Experiential Training Activity L EXPERIENTIAL TRAINING ACTIVITY È un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti molto complessi. L Experiential Training Activity è una

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Formare per aprire le porte Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Safety experience nasce dal lavoro di un team di professionisti

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

La formazione vola alto.

La formazione vola alto. ALCUNI TRA I MIGLIORI Il vostro viaggio formativo HUMANFORM, FORMAZIONE SU MISURA Humanform è una società di formazione e consulenza aziendale certificata UNI ISO 9000:2008 EA 37 e accreditata Forma.Temp,

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

MASTER IN LIFE COACHING

MASTER IN LIFE COACHING MASTER IN LIFE COACHING Master in life coaching abilities ABILITIES 2016 Brain Fitness SRL Via Abbagnano 2 Senigallia, AN +39 392 33 22 000 www.progettocrescere.it/coaching www.brain.fitness coaching@brain.fitness

Dettagli

Change Project. Fai progetti per il futuro perché è li che passerai il resto della tua vita Mark Twain

Change Project. Fai progetti per il futuro perché è li che passerai il resto della tua vita Mark Twain Change Project Fai progetti per il futuro perché è li che passerai il resto della tua vita Mark Twain Presentazione Presentazione... 2 Introduzione al Gruppo Change... 3 "La missione della Società è...

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

La Formazione dei Formatori per la Sicurezza:

La Formazione dei Formatori per la Sicurezza: La Formazione dei Formatori per la Sicurezza: Passione e Competenza per la Sicurezza e il Benessere delle Persone nelle Organizzazioni Pag. 1 Gianpaolo Califano Formatore - Coach A.N.CO.R.S. - Management

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand TopActive è un team di professionisti che lavora da più di vent anni con Entusiasmo e Creatività alla realizzazione di progetti attraverso attività di Incentive e di Formazione Esperienziale. Nato da un

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE La formazione e lo sviluppo ru uno strumento di cambiamento per la persona e l organizzazione Ad Meliora srl partita iva 07458521007 Tel: 06 39754305 - Fax:

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

RISORSE UMANE. Rivista di cultura delle. Sergio Magrini Novità in tema di computo delle ore di assemblea retribuita spettanti ai singoli lavoratori

RISORSE UMANE. Rivista di cultura delle. Sergio Magrini Novità in tema di computo delle ore di assemblea retribuita spettanti ai singoli lavoratori Rivista di cultura delle RISORSE UMANE 518 ANNO XLVI - N. 4 OTTOBRE 2010 - TORINO Spediz. in abbon. postale 45% Art. 2 - comma 20/b Legge 662/96 Filiale di Torino LE PAROLE DEL LAVORO Michele La Rosa,

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

LA FORMAZIONE ESPERIENZIALE NELL ATTUALE MERCATO ITALIANO

LA FORMAZIONE ESPERIENZIALE NELL ATTUALE MERCATO ITALIANO LA FORMAZIONE ESPERIENZIALE NELL ATTUALE MERCATO ITALIANO Intervento a Manager informa organizzato da Connecting-managers Milano, 3 marzo 2010 Formazione esperienziale: CARATTERISTICHE Apprendimento olistico

Dettagli

Corsi di Team Building

Corsi di Team Building Corsi di Team Building Allegato 1 CIRCOLO IPPICO LA NUOVA CERRINA A.S.D. VIA VITTORIA NENNI, 90 10040 RIVALTA-TO C.F. 95605740018 - P.IVA 10681580014 TEL. 3355652738 3897981030 www.cerrina.it info@cerrina.it

Dettagli

Team development program

Team development program Industrial Management School Percorso Team development program Crescere lavorando in gruppo Percorsi area Human Resources & Skills Percorso Team development program La mappa Lavorare in gruppo 1 Valorizzare

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE. 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicazione in Rete 3. Parlare in pubblico 4. Presentazioni Efficaci

AREA COMUNICAZIONE. 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicazione in Rete 3. Parlare in pubblico 4. Presentazioni Efficaci AREA COMUNICAZIONE 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicazione in Rete 3. Parlare in pubblico 4. Presentazioni Efficaci La Comunicazione Efficace 1 giorno Conoscere il funzionamento del processo comunicativo

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia ...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia di Massimo Tricarico e Giordana Tirocchi PREMESSA Il mondo FS è sempre stato caratterizzato da

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo

Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo Ricerca di personale qualificato Ricerca di management e consulenti Formazione del personale e coaching Sviluppo Organizzativo SPACE WORK offre a imprese private, enti, organizzazioni, liberi professionisti

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli