CONFIMI. Rassegna Stampa del 24/01/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 24/01/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 24/01/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 24/01/2014 QN - La Nazione - Umbria Confimi Impresa 'Spazio all'indotto' 24/01/2014 Gazzetta di Modena - Nazionale Striscia, aiuti e il Secchia che diventa Sarno 24/01/2014 La Voce di Romagna - Ravenna Da Cmc incentivi allo studio Confimi a colloquio col Prefetto Poste a sostegno delle imprese 24/01/2014 La Voce di Mantova L'Imu: una tassa da pagare 4 volte 24/01/2014 Prima Pagina - Modena «Subito attivi per gli associati, ma servono provvedimenti» CONFIMI WEB 23/01/2014 gazzettadimodena.gelocal.it 19:11 La prima "vittima": Af Frigoclima 23/01/ :03 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate 23/01/ :47 Confimi Bergamo, uniti per assumere 23/01/ :03 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate 23/01/ :19 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate 23/01/ :03 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate 23/01/ :03 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate 23/01/ :03 Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate

3 SCENARIO ECONOMIA 24/01/2014 Corriere della Sera - Nazionale Saccomanni: l'italia torna a crescere Quest'anno il Pil salirà intorno all'1% 24/01/2014 Corriere della Sera - Nazionale I contratti a termine sono sette su dieci Bene l'aspi, arretra l'apprendistato 24/01/2014 Corriere della Sera - Nazionale Fare impresa è una vocazione Salverà il mondo dalla povertà 24/01/2014 Il Sole 24 Ore Perché Berlino deve correggere l'eccesso di export 24/01/2014 Il Sole 24 Ore L'operazione-Paese e le lezioni europee 24/01/2014 Il Sole 24 Ore La «legge di Draghi» sull'evoluzione bancaria 24/01/2014 La Repubblica - Nazionale Gli economisti a Davos "Italia fuori dalla crisi solo con la stabilità" 24/01/2014 La Repubblica - Nazionale Evasione sul 3% del Pil italiano oltre 50 miliardi sottratti al fisco 24/01/2014 La Repubblica - Nazionale Tamburi: "I sindaci vendano le municipalizzate" 24/01/2014 La Repubblica - Nazionale LIBERIAMOCI DAL PIL 24/01/2014 La Stampa - Nazionale Saccomanni: nel 2014 cresceremo dell'1% 24/01/2014 La Stampa - Nazionale Privatizzazioni e caccia ai capitali, il governo accelera 24/01/2014 La Stampa - Nazionale Patrimoni all'estero, multe ridotte per chi si autodenuncia all'erario 24/01/2014 Il Messaggero - Nazionale Al via la privatizzazione del 40% di Poste il Tesoro può incassare fino a 8 miliardi 24/01/2014 Il Messaggero - Nazionale Draghi: «Gli istituti deboli dovranno chiudere» 24/01/2014 Il Giornale - Nazionale Ora Patuano vuole tenersi il Brasile e la rete Telecom

4 24/01/2014 MF - Nazionale Tobin tax, un tipico esempio di cosa non andrebbe mai fatto in materia fiscale 24/01/2014 MF - Nazionale Da un governo pasticcione il caos Imu e Tares 24/01/2014 Il Mondo L'economista Francesco e la guerra alla povertà 24/01/2014 Il Mondo Gli Usa accelerano, l'europa è in affanno 24/01/2014 L'Espresso precari di famiglia 24/01/2014 L'Espresso Pericolo DEFLAZIONE 24/01/2014 L'Espresso DATEMI UN MEZZO vi muoverò il mondo SCENARIO PMI 24/01/2014 Corriere della Sera - Bergamo Costruzioni «Alcuni settori rischiano di sparire» 24/01/2014 Avvenire - Nazionale Lavoro e opportunità per donne e stranieri «Così le cooperative hanno resistito alla crisi» 24/01/2014 Libero - Nazionale L'uomo conta sempre meno Il digitale cancella 4 lavori su 10 24/01/2014 Il Foglio Al lavoro sul lavoro/2 24/01/2014 MF - Nazionale Ecco gli italiani che sfondano in Uk 24/01/2014 MF - Nazionale Da Intesa una mano alle aziende

5 CONFIMI 5 articoli

6 24/01/2014 QN - La Nazione - Umbria Pag. 24 (diffusione:136993, tiratura:176177) CONFERENZA Confimi Impresa 'Spazio all'indotto' - TERNI - CONFIMI Impresa Umbria si presenta oggi, alle 11.30, nella sala consiliare di Palazzo Spada. «Gli interessi economici e sindacali delle Pmi dell'indotto industriale - afferma l'associazione - devono essere rappresentati 'ufficialmente' in tutti i tavoli istituzionali di competenza a partire dal 'tavolo della crisi d'impresa'. Confimi intende dare voce alle piccole e medie industrie dell'indotto di grandi aziende nazionali e multinazionali affermando con forza che queste imprese hanno la stessa dignità ed eguale strategicità dell'azienda principale». Riccardo Ruggeri, presidente del consorzio Terni Risorse, è entrato nel consiglio direttivo. CONFIMI - Rassegna Stampa 24/01/2014 6

7 24/01/2014 Gazzetta di Modena - Ed. nazionale Pag. 7 (diffusione:10626, tiratura:14183) Striscia, aiuti e il Secchia che diventa Sarno Brumotti arriva nella Bassa, il Bologna Fc dona acqua e soldi e la solidarietà locale è già a regime I riflettori si stanno accendendo sulla Bassa alluvionata, o meglio qualche faro illumina una laguna di silenzio. A Bastiglia e Bomporto sono arrivate le troupe Rai - si è rivisto anche Antonio Farnè, che aveva rischiato di essere travolto dalla piena a Villavara - ma l'attenzione maggiore è stata riservata a Vittorio Brumotti, inviato di "Striscia la Notizia", che ha chiacchierato a lungo con la popolazione, esibendosi in alcune acrobazie in bici nell'acqua alta. Alcuni quotidiani nazionali stanno prendendo coscienza della situazione, concentrandosi soprattutto sulle polemiche e i pochi servizi televisivi dei rotocalchi vanno a caccia di storie strappalacrime. Capita anche che qualcuno annunci l'alluvione scambiando il Secchia per il Sarno, che si trova in Campania. Vabbè. Per raccontare poi l'indifferenza che regna sovrana sulla disgrazia modenese, basta affidarsi al post di Alle Tattoo, artista di Soliera, in prima linea negli aiuti alla sua terra. «Ci ha contattato il Bologna - scrive - donandoci 5 bancali d'acqua e 5mila euro per comprare materiale per gli alluvionati: una notizia positiva. Quella sconvolgente è che loro non avevano idea della gravità della situazione, per il 98% dell'italia è solo un po' di acqua in casa...». In compenso la corsa della solidarietà locale viaggia, come sempre, a ritmi forsennati. A Sassuolo, ad esempio, l'associazione La Calzetta, con Comune e Supermercato Conad di via Bologna, organizza una raccolta di beni di prima necessità. Appuntamento per domani, dalle 8 alle 20, al market. Oggi, invece, dalle 16 alle 18, a Finale, al mercatino di Manitese, raccolta, per famiglie di Bomporto, servono: stracci, spazzoloni, secchi, sacchi grandi per pattume, compressori, idropulitrici e gruppo elettrogeno trasportabile. Va ricordato che oltre 300 volontari sono a disposizione anche dei cittadini per avviare le operazioni di pulizia e sgombero. Info alla Consulta del Volontariato ( ). Apmi Confimi si propone come hub fra imprese danneggiate e quelle disponibili a dare supporto ai colleghi. «Chiediamo - dice Giovanni Gorzanelli - la cassa integrazione cumulativa per i dipendenti. C'è anche il problema del credito: a fine mese ci saranno delle insolvenze con automatiche segnalazioni in Centrale rischi: va sollecitata Abi». (f.d.) CONFIMI - Rassegna Stampa 24/01/2014 7

8 24/01/2014 La Voce di Romagna - Ravenna Pag. 15 (diffusione:30000) Da Cmc incentivi allo studio Confimi a colloquio col Prefetto Poste a sostegno delle imprese La stretta creditizia verso le piccole e medie imprese del territorio nell'ultimo trimestre dello scorso anno e le dicoltà di accesso ai prestiti sono stati gli argomenti discussi nel corso di un incontro tra gli specialisti di PosteImpresa Ravenna, cui ha partecipato Doriano Bolletta, responsabile dell'area Centro Nord. "Per le oltre 558mila imprese che operano in Emilia Romagna - ha sottolineato il dirigente - accedere a prestiti veloci nella maggior parte dei casi è una priorità. Un'oerta arriva da Prontissimo Aari Bancoposta, prodotto che prevede finanziamenti da e euro con una durata variabile da 24 a 84 mesi". Nei giorni scorsi una delegazione di Confimi Impresa si è recata in visita al nuovo Prefetto Fulvio Della Rocca per presentare l'associazione e confrontarsi su alcuni temi di particolare rilievo per la nostra provincia. Presenti all'incontro il presidente Gianni Lusa, il vice-presidente Valeria Giacomoni, i consiglieri Rachele Morini, Renzo Righini, Giampiero Aresu e Mauro Basurto, segretario generale dell'associazione. L'incontro si è focalizzato sulla crisi e sul tema della sicurezza con le relative implicazioni di ordine pubblico. A tale riguardo gli imprenditori hanno comunque ribadito il ruolo meritorio delle forze dell'ordine. Domenica mattina, alle 10, nella sede Cmc (via Trieste 76), si rinnoverà il tradizionale appuntamento sociale della consegna degli incentivi allo studio per i figli di soci e dipendenti. Un appuntamento che Cmc mantiene da molti anni e che riguarderà quest'anno 57 ragazzi frequentanti superiori e università. L'impegno economico di Cmc è di circa euro. Ospite dell'incontro Emanuele Bassetti, docente di Sociologia della comunicazione dell'università di Bologna, che prima della consegna delle borse di studio, cui parteciperà il presidente Massimo Matteucci, terrà una breve lezione sul tema "studio ecace nell'era digitale". CONFIMI - Rassegna Stampa 24/01/2014 8

9 24/01/2014 La Voce di Mantova Pag. 9 Il direttore dell' Api Giovanni Acerbi critica la classe politica che pensa a sé stessa e non allo sviluppo L'Imu: una tassa da pagare 4 volte «In Italia le tasse sono come le scatole a sorpresa che si trovavano nelle drogherie di Paese: nessuno sa mai cosa aspettarsi. L'Imu non fa eccezione e oramai gli imprenditori sanno che se per un'imposta si utilizza una sigla è perché dietro c'è quasi sempre una fregatura» inizia con una battuta lo sfogo di Giovanni Acerbi, direttore di Apindustria Mantova. L'as sociazione torna sul tema dell'imu che in questi giorni evidenzia ancora di più l'ina deguatezza della nostra classe politica che, invece di ragionare in termini di riduzione dei costi, aumenta sempre le imposte. «Le nostre imprese purtroppo continuano a "b o c c h eg g i a r e " rincara Acerbi - nonostante la crisi che da cinque anni sta massacrando il tessuto imprenditoriale italiano e gli appelli affinché il nostro Paese si doti finalmente di un nuovo sistema fiscale moderno, semplice, chiaro, equo e sostenibile. Tutto tace e l'imu rimane una tassa ingiustificata ed esosa, soprattutto per alcune tipologie di aziende come i prefabbricatori, che hanno necessità di capannoni e spazi enormi per la loro produzione». Avere mantenuto l'imu per i fabbricati industriali è una assurdità per un governo che continua a ribadire la sua vicinanza alle imprese e poi con imposte come questa mette a grave rischio i posti di lavoro in un momento in cui salvaguardare i livelli occupazionali è sempre più difficile. «Gli imprenditori non sono contro le tasse, ma contro i prelievi forzosi e non legati alla produttività aziendale. Infatti, l'imu è una tassa che va moltiplicata per quattro continua Acerbi - infatti non solo si paga l'imposta, ma si aggiunge l'indeducibilità dell'imu ai fini reddituali, l'in deducibilità dell'imu ai fini Irap e anche ai fini Ires del valore del terreno su cui sorge lo stabile». Anche Confimi, la confederazione nazionale dell'industria manifatturiera cui aderisce Apindustria, non ha perso occasione in ogni sede istituzionale e a tutti i tavoli di confronto per evidenziare che il capannone sta all'impresa manifatturiera come l'abitazione principale sta al cittadino, con l'ag gravio che nel primo caso non si è in presenza di un bene patrimonio, bensì di uno strumento di lavoro necessario per la produzione del reddito sul quale si "abbatte" una tassazione non più sostenibile. «Mi chiedo quando avremo un governo che penserà più alle cose da fare - conclude il direttore - invece di limitarsi a vivacchiare pensando più alla sua sopravvivenza che al bene del Paese? Occorre il rispetto del contribuente: in Europa se la ridono degli italiani in fila per pagare una tassa che pur essendo stata abolita a parole continua a risorgere come una fenice». CONFIMI - Rassegna Stampa 24/01/2014 9

10 24/01/2014 Prima Pagina - Modena Pag. 11 «Subito attivi per gli associati, ma servono provvedimenti» Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli ( fo t o ), vice presidente delle Pmi modenesi. «La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione esordisce Gorzanelli -. Sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione; naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia e della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza. C'è poi la necessità della cassa integrazione cumulativa. Un'ultima nota sulla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto». CONFIMI - Rassegna Stampa 24/01/

11 CONFIMI WEB 8 articoli

12 23/01/ :11 gazzettadimodena.gelocal.it Sito Web La prima "vittima": Af Frigoclima pagerank: 7 Bomporto. L'azienda di climatizzazione chiude: «Chiederemo i danni ad Aipo» alluvione 2014 BOMPORTO. «Siamo costretti a chiudere dopo quest'alluvione e abbiamo già fatto la richiesta di cassa integrazione per la maggior parte dei dipendenti. Avevamo investito tutto in questo capannone e l'acqua ha spazzato via il cuore dell'azienda: la tecnologia con cui serviamo clienti come Frecciarossa. Faremo un esposto in Procura contro Aipo e per capire chi è che non ci ha avvisato con tempestività, se ci avessero detto di evacuare la ditta domenica mattina l'avremmo salvata». È disperato e molto arrabbiato Francesco Aliano, titolare di Af Frigoclima di via Caduti di Nassirya, azienda che si occupa della climatizzazione ferroviaria e metropolitana. «Questo capannone ha un anno soltanto ed è stato costruito con certificazioni antisismiche e sistemi informatici all'avanguardia - spiega Aliano che è anche consigliere di Confimi Meccanica - Del gioiellino che era la nostra ditta rimangono solo le scrivanie e pochi altri documenti. Del resto, gli armadi con i faldoni relativi alle pratiche aziendali sono stati scardinati dall'acqua. Domenica siamo stati avvisati della piena dalla proprietaria del capannone, Manuela Gibertoni, e non ho fatto appena in tempo a venire qui con mio figlio di 9 anni. Ho sposato solo alcune cose, che subito la piena ha travolto la via e per poco non sono stato risucchiato dall'ondata. Se solo l'avviso di evacuazione fosse stato diramato la mattina, avremmo potuto salvare tutto. Chiudere è l'unica alternativa rimasta per noi, che avevamo investito tutto nell'attività e ora ci troviamo costretti a fare la conta dei danni. Ma costituiremo un comitato di imprenditori della zona che si batterà per avere risposte sulla possibilità di prevenzione di questa tragedia e su chi aveva il dovere di avvisare per tempo e non l'ha fatto. Sapevamo, infatti, che la piena era a Bastiglia, ma andavamo adeguatamente informati sullo spostamento dell'ondata verso Bomporto. Abbiamo un avvocato che ci difende gratuitamente e vogliamo i nomi dei responsabili del disastro. Chiederemo il conto all'aipo di quanto è successo e andremo fino in fondo con una class action». (s.a.) CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

13 23/01/ :03 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 4 Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

14 23/01/ :47 Sito Web Confimi Bergamo, uniti per assumere pagerank: 4 A Terno l'associazione parla di lavoro e il sindaco invita i 400 disoccupati Nata e cresciuta sul territorio, Confimi Apindustria Bergamo continua l'azione dal basso con due progetti che incrociano imprese e disoccupati nelle aree di Terno d'isola (412 persone iscritte nelle liste di mobilità) e di Treviglio (400), cofinanziati dalla Provincia. Il primo appuntamento si terrà domani a Terno (ore 18, oratorio Don Bosco di via Milano - zona chiesa), dove interverranno il presidente Paolo Agnelli, il direttore Edoardo Ranzini e il sindaco Corrado Centurelli per illustrare queste iniziative dedicate alla riqualificazione dei lavoratori in mobilità. Un'iniziativa analoga riguarderà nelle prossime settimane l'area della Bassa. «L'idea è semplice: creare una sorta di "matching" che aiuti sia le aziende che i lavoratori - ha spiegato il sindaco, intervistato a riguardo dal quotidiano L'Avvenire -. L'iniziativa ha immediatamente trovato il sostegno degli imprenditori: "Finalmente la politica si interessa di noi", mi hanno detto. Hanno ragione: troppe volte ci si ricorda di loro solo quando c'è da pagare Imu e tassa sui rifiuti». Durante la serata Confimi presenterà una ricerca finanziata dalla Provincia, che sarà effettuata di qui a giugno tra le imprese dell'isola e della Bassa per comprendere quali sono le figure professionali più ricercate. L'esito dello "screening" (eseguito da sei giovani neolaureati) sarà poi incrociato con i curriculum di chi è in mobilità, poi partiranno eventuali corsi di riqualificazione. «Spesso manca un'analisi seria che aiuti realmente a capire di cosa ha bisogno un'azienda e che cosa sa fare il lavoratore - conclude Edoardo Renzini, segretario di Confimi Bergamo -.Vogliamo innescare una sorta di dinamismo territoriale che speriamo possa dare buoni frutti». CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

15 23/01/ :03 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 4 Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

16 23/01/ :19 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 4 Le iniziative dell'associazione delle Pmi sul fronte degli aiuti e del rapporto con le istituzioni Giovanni Gorzanelli Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

17 23/01/ :03 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 4 Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

18 23/01/ :03 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 4 Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

19 23/01/ :03 Sito Web Apmi Confimi Modena si mobilita per le imprese alluvionate pagerank: 3 Apmi Confimi Modena si è fin da subito mobilitata per supportare le aziende associate, in modo da fornire loro tutto l'appoggio possibile. Ne parla Giovanni Gorzanelli, vice presidente delle Pmi modenesi. "La nostra associazione opera un monitoraggio continuo della situazione - esordisce Gorzanelli -; come in occasione del terremoto, ci poniamo come hub fra le imprese colpite dall'alluvione e quelle disponibili a fornire supporto ai colleghi colpiti. Come allora, di nuovo oggi, abbiamo il riscontro di come l'associazione possa svolgere una proficua azione di supporto. La Giunta di presidenza di mercoledì 22 ha impostato le operazioni che possono contribuire a dare aiuto alle molte imprese colpite da questa ulteriore calamità". "Per altro, sul piano operativo, le nostre imprese edili sono intervenute già da domenica con i loro mezzi per arginare l'alluvione - prosegue il vice presidente Apmi -, naturalmente ci siamo immediatamente attivati anche nei confronti delle istituzioni, e abbiamo rilevato la pronta risposta della Provincia, così come apprezziamo l'immediata mobilitazione della Regione, ma i provvedimenti necessari sono compito del Governo, e il primo è la dichiarazione di stato di emergenza, funzionale anche a superare i vincoli del patto di stabilità, quello stesso patto di stabilità che, frenando gli investimenti, forse va considerato fra le concause di quanto è successo". "Ci sono poi diversi altri fronti sui quali richiamiamo l'attenzione delle istituzioni, a partire dalla necessità della cassa integrazione cumulativa, come si fece in occasione del terremoto, per i dipendenti delle aziende danneggiate. Attenzione poi al problema del credito: a fine mese ci saranno sicuramente delle insolvenze, con le relative automatiche segnalazioni in Centrale rischi; occorre sollecitare anche Abi affinché al danno non si aggiunga anche la beffa". Conclude Giovanni Gorzanelli: "Un'ultima nota voglio riservarla al provvedimento annunciato dalla Camera di Commercio, che ha stanziato un milione di Euro che però passeranno attraverso i Confidi. Ciò significherà probabilmente tempi lunghi e interventi in punto interessi. Il nostro giudizio è che si tratta di un provvedimento largamente insufficiente. Auspichiamo che l'ente intervenga invece in modo ben più sostanzioso e diretto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 24/01/

20 SCENARIO ECONOMIA 23 articoli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

Rassegna del 20/04/2015

Rassegna del 20/04/2015 Rassegna del 20/04/2015 LAVORO 20/04/2015 Corriere della Sera Voucher più facili per pagare le colf - Voucher fino a 7 mila euro per pagare colf e badanti 20/04/2015 Corriere della Sera Economia 20/04/2015

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli