a cura di Guido Giommi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Guido Giommi"

Transcript

1 AA. VV. a cura di Guido Giommi Prefazione di Stefano M. Masullo Contiene indagine Private Banking e Family Office in Italia 2009 Gruppo Fiduciaria Orefici

2 UNIONE FIDUCIARIA S.p.A. Società Fiduciaria e di Servizi delle Banche Popolari Italiane Scudo Fiscale Soggetti interessati:. persone fisiche. Enti non commerciali (inclusi i trust non commerciali). Società semplici e associazioni equiparate Per conoscere termini, modalità e costi, contatta l Area Affari Generali/Relazioni Esterne allo /297/365 o invia una al seguente indirizzo:

3 Guida alla Tutela del Patrimonio Aggiornato con la circolare n. 43/E del

4 2

5 GUIDA ALLA TUTELA DEL PATRIMONIO Aggiornato alla circolare n. 43/E del Editrice Le Fonti

6 Tutti i diritti sono riservati. E vietata la riproduzione e la distribuzione anche parziale e con qualsiasi strumento del presente prodotto editoriale senza previo consenso scritto dell Editore. Tutte le informazioni riportate sono state verificate nel migliore dei modi dagli autori e dall editore. Tuttavia entrambi declinano la responsabilità per eventuali ed involontari errori. Le opinioni ed i punti di vista non necessariamente coincidono e rispecchiano quelli degli autori e/o dell editore. ISBN Prima edizione: dicembre 2009 Copyright 2009 Editrice Le Fonti S.r.l. Via R. Franchetti, Milano Tel r.a. Fax Stampa: Laser CC S.r.l., Milano

7 PREFAZIONE Il cambiamento strutturale ed i fenomeni di naturale evoluzione del contesto economico ed istituzionale sono divenuti una costante che governa tempi, modalità e regole dell operatività degli attori presenti sui mercati finanziari, siano essi risparmiatori, investitori istituzionali, emittenti, consulenti, autorità di vigilanza od anche semplici osservatori. L innovazione nelle sue forme più svariate, coincide sempre più con la sofisticazione, necessaria il più delle volte a plasmare la soluzione più confacente al soddisfacimento di precise esigenze dell investitore. Se il contesto economico diventa sempre più competitivo e market friendly, lo studio e la conoscenza dei mercati finanziari diviene cruciale, rappresentando essi l approssimazione più fedele oggi immaginabile dalla struttura di un mercato in concorrenza perfetta con: a) una pluralità crescente di giocatori, con diverso potere ma con prevalenza di nessuno; b) scarso pricing power dei singoli; c) crescente difficoltà da parte di singoli di ottenere un monopolio del fattore informazione, sempre più una variabile disponibile a tutti ad un prezzo meno oneroso; d) assenza di costi frizionali di transazione significative e di vincoli alla libera circolazione della merce in questione, i capitali. In altri termini, sempre più i mercati dei capitali rispettano le condizioni di efficienza, descritte con precisione dalla teoria finanziaria, da Eugene Fama tra tutti. In effetti raramente si è assistito ad una compenetrazione fruttuosa di teoria economica e comportamenti concreti come nel mondo finanziario dell ultimo quarto di secolo: la struttura dei mercati, le tecniche di investimento, i prodotti finanziari oggi a disposizione dei risparmiatori sono la traduzione, spesso nel corso di pochi anni o mesi, di felici intuizioni espresse da brillanti studiosi, come Markowitz e Sharpe, Modigliani e Black e Scholes. Il funzionamento dei mercati finanziari del futuro, come pure le strategie di investimento di innumerevoli operatori, dai fondi pensione anglosassoni al trader on line, si basano su poche, fondamentali, illuminanti idee, alla base della moderna teoria finanziaria; V

8 Guida alla Tutela del Patrimonio a) a maggior rendimento atteso si accompagna maggiore rischio: le due variabili vanno valutate congiuntamente; b) sui mercati non esistono pasti gratis: non è possibile costruire tecniche di arbitraggio indefinitamente profittevoli o strategie di gestione costantemente vincenti; c) esiste un rischio finanziario che può essere diversificato o traslato su altri operatori, disposti ad assumerlo, naturalmente ad un prezzo; d) il prezzo di mercato di una attività finanziaria è un utile indicatore del suo valore, riassumendo in sé le informazioni disponibili al momento. Oggi il mercato internazionale dei capitali è anche caratterizzato da una straordinaria influenza e pervasività della tecnologia, in particolare delle tipologie più avanzate di strumentazione informatica e di comunicazione dati, i quali hanno potuto in questo settore mostrare le loro potenzialità come in pochi altri. La stessa implicita virtualità della merce qui scambiata, il denaro, e la necessità quotidiana di elaborare quantità pressoché infinite di dati, cifre ed informazioni, hanno rappresentato un ambiente ideale per l utilizzo della memoria dei computer, e dei mezzi di comunicazione a distanza. I mercati digitali di beni e servizi, di cui si parla ogni giorno con frequenza dopo il consolidamento e lo sviluppo della rete internet, sono stati in qualche modo anticipati dai sistemi globali di contrattazione all ingrosso di titoli e divise, effettuate su mercati altamente automatizzati. L impiego estensivo da alta tecnologia esalterà ulteriormente le caratteristiche di concorrenza pressoché perfetta: il mercato finanziario attuale e prossimo sarà un mercato globale, su cui sarà possibile trattare lo stesso strumento 24 ore su 24, con costi di transazione prossimi allo zero, con abbondanza di informazioni in tempo reale. La massiccia diffusione di internet, che consente da una parte un accesso a notizie e dati un tempo impensabile e dall altra una maggiore consapevolezza sul costo e la qualità dei prodotti e dei servizi, ha accelerato potentemente questa evoluzione. Il processo di finalizzazione delle economie, ormai avviato, difficilmente potrà essere arrestato o limitato, dato che anche le società più chiuse, come quelle pianificate, hanno ormai imboccato la via che conduce verso la liberalizzazione dei movimenti di capitale. Le opportunità che offre tale fenomeno ad aziende, risparmiatori ed operatori in genere sono immense, ma chiunque voglia coglierle oggi, più che mai, deve poter contare su una solida preparazione di base. Preparazione che non può che essere multidisciplinare, data l esistenza di forti interconnessioni di ordine economico, giuridico, fiscale, finanziario. VI

9 Prefazione L improvvisazione non è più ammissibile in un mondo dove l instabilità ambientale coinvolge ormai ogni contesto, esasperando quella naturale tendenza alla fluttuazione che è caratteristica propria dei corsi delle attività finanziarie e che viene tradizionalmente ricompresa sotto il termine di volatilità. Oggi, la soluzione di tali problemi, pur nella loro complessità appare molto più vicina e ciò dovrebbe consentire un più rapido sviluppo dell efficienza dei mercati dei capitali, degli strumenti di credito/debito e dei rispettivi derivati. La seconda edizione dell Indagine sul Private Banking e Family Office in Italia 2009, diventata ormai un punto di riferimento prestigioso ed obbligato per i protagonisti del settore presenta, con un approccio chiaro, lineare, ma al contempo rigorosamente scientifico, la situazione attuale e la prospettiva futura di un mercato in fase di profonda trasformazione ed evoluzione in seguito, fondamentalmente, a due accadimenti di natura straordinaria, la crisi finanziaria ed il recepimento della Direttiva Mifid con la conseguente affermazione del ruolo professionale a livello istituzionale del Consulente di Investimento Indipendente. La panoramica è completa, formalizzata, dotata di una indispensabile visione internazionale, ed offre al lettore non superficiale non solo un prezioso riferimento per comprendere il divenire dello scenario che quotidianamente si presenta davanti ai propri occhi, ma anche una serie di spunti di riflessione ed approfondimento. Tali prerogative rendono pertanto il testo utile sia per finalità accademiche, anche multidisciplinari, che per tutti gli operatori, finanziari e non, oltre che per i professionisti interessati ad arricchire il proprio bagaglio tecnico. Stefano M. Masullo Socio Fondatore e Segretario Generale Assoconsulenza Magnifico Rettore Università ISFOA Libera e Privata Università Internazionale di Lugano Direttore Editoriale Family Office Patrimoni di Famiglia VII

10

11 INDICE PREFAZIONE V I - La situazione attuale Storia dell economia per comprendere la crisi 3 Parla Alberto Cova, Professore di Storia Economica dell Università Cattolica A cura della redazione II - Il passaggio generazionale d impresa Gli strumenti a tutela del patrimonio 15 Guido Giommi La pianificazione del passaggio generazionale nelle imprese 19 Guido Giommi Donazioni. Considerazioni civilistiche 25 Katia Di Noto Successioni. Considerazioni civilistiche 30 Katia Di Noto Il Family Office per valorizzare le imprese 35 durante il passaggio generazionale La parola a Patrizia Misciattelli delle Ripe, Presidente e Fondatore di Mamy s A cura della redazione Patti di famiglia e il passaggio generazionale 38 Il caso RCH La parola a Luigi De Pra, Presidente Rch A cura della redazione Il ricambio generazionale. 43 Occasione di crisi o di sviluppo dell impresa? Francesca Cremonesi IX

12 Guida alla Tutela del Patrimonio III - Il segreto bancario e lo strumento dello Scudo Fiscale Il segreto bancario e il sistema fiscale svizzero 55 Marco Silvio Jaeggi Speciale Scudo Fiscale Ter 60 La parola ai protagonisti A cura della redazione Intervista a Bruno Zanaboni, Segretario generale Aipb 68 A cura della redazione Intervista a Giampiero Guarnerio, Consigliere dell Ordine 71 dei Dottori Commercialisti ed esperti Contabili di Milano A cura della redazione Scudo Fiscale ed opere d arte detenute illegittimamente all estero 74 Luca Del Federico Lo Scudo Fiscale: la regolarizzazione degli immobili all estero 83 Fabio Bonicalzi IV - Filantropia La filantropia di impresa. 95 Dalla fondazione alla responsabilità sociale Simona Baldanza V - Il capitale umano Tavola rotonda 105 Capitale umano, formazione multidisciplinare nel settore del Private Banking A cura di Alessia Rosa Capitale umano 121 Una svolta in direzione dei valori di merito Colloquio con Pierluigi Celli, Direttore Generale dell Università Luiss Guido Carli di Roma A cura della redazione X

13 Indice VI - Il trust nel passaggio generazionale e nel family business Il trust familiare 127 L ontologica differenza con gli altri istituti Vito Mariani Trusts e fondazioni 140 Confronti - Utilizzi - Alternative Guido Giommi Trust nel diritto inglese e trust internazionale 147 Giusi Fortunato VII - La gestione del patrimonio immobiliare La gestione del patrimonio immobiliare 157 A cura di Andrea Faini Andamento del mercato immobiliare 162 e necessità di politiche sociali per la casa Intervista ad Antonio Pastore A cura della redazione VIII - Corporate governante nel family business Le opzioni per il governo e la gestione delle società 171 I tre modelli tradizionale dualistico e monistico Analisi del sistema tradizionale Rosa Petruccelli Corporate governance 181 Analisi del modello monistico e dualistico Rosa Petruccelli IX - Pianificazione patrimoniale e finanziaria Family Office: la pianificazione patrimoniale integrata 191 Massimo Lumiera XI

14 Guida alla Tutela del Patrimonio Sviluppo delle strategie di trading 195 nella gestione finanziaria dei patrimoni di famiglia Mariano La Rosa X - Gestione assicurativa e previdenziale La pianificazione assicurativa e le principali polizze. 217 L assicurazione del patrimonio di famiglia tra rischio e finanza Giovanni Bulani Assicurare l arte 221 A cura del portale Lo strumento del trust e la designazione 223 del beneficiario nelle polizze vita Guido Giommi XI - Il private banking e il family office Strategie formulate a partire dai bisogni 227 David Ward (PhD) e Marta Lasen Indagine Private Banking e Family Office - Italia A cura del Centro Studi Finanziari, Giuridici e Sociali XII - I principali operatori del settore 263 XII

15 Capitolo I La situazione attuale

16

17 Storia dell economia per comprendere la crisi Parla Alberto Cova, Professore di Storia Economica dell Università Cattolica A cura della redazione Come storico dell economia, è d accordo con chi paragona l attuale crisi dei mercati finanziari, a quella avvenuta nel 1929? Ritiene che sia più grave anche se gli effetti, all apparenza, sembrano meno tangibili? Senza fare il previsionista ad ogni costo, ritengo che, per il momento, salvo spiacevoli sorprese nel corso del 2009, la gravità della crisi attuale risulti imparagonabile, rispetto a quella del Più in generale, le due crisi presentano elementi comuni ma anche notevoli differenze. Guardando a queste ultime, occorre considerare in primo luogo che l economia degli Stati Uniti in rapporto all economia mondiale non appare, oggi, così importante, come negli anni Trenta del Novecento. In secondo luogo, nel 1929, la crisi scoppiò dopo diversi anni di crescita del PIL e si manifestò in una brusca e inarrestabile caduta dei corsi dei valori mobiliari che erano cresciuti con buona continuità dal 1922 e che dal 1927 in poi avevano accelerato considerevolmente la crescita stessa. Inoltre, nel 29, la crisi assunse la consistenza nota anche perché l azione dei governi e, in particolare, del governo USA, fu radicalmente inadeguata rispetto alle necessità e lo fu, per ragioni chiaramente legate alla fiducia nell azione comunque risanatrice del mercato. Fra le somiglianze, è bene sottolineare che, entrambe le crisi nascono negli Stati Uniti e si propagano altrove. Per quella del 29, la propagazione avvenne attraverso la caduta del commercio estero aggravata da una politica fortemente protezionistica, avvenne attraverso il ritiro di capitali americani investiti all estero, che crearono notevoli difficoltà al regolare svolgimento delle funzioni creditizie degli intermediari finanziari e, specialmente, delle banche. Tutto ciò, accompagnato dall insolvenza di alcune grandi società, i cui titoli di credito, sostanzialmente privi di valore, distrussero gli equilibri economico-finanziari di una molteplicità di intermediari finanziari di ogni tipo, provocando perdite a soggetti pubblici e privati. L avvio di entrambe le crisi trae origine dalla finanza e si estende all economia di produzione e di scambio, attraverso la caduta della domanda di beni di investimento e di consumo durevole e anche attraverso una politica re- 3

18 Guida alla Tutela del Patrimonio strittiva del credito. Si denota, infine, uno scarto temporale comune, tra la crisi finanziaria e la crisi dell economia reale. Per la crisi attuale, le notizie non positive si susseguono e nessuno sa quale evoluzione potrà registrarsi. Occorrerà procedere alla messa a punto di nuove regole e, come dice il Governatore Draghi, ridurre la gran massa di debiti sui quali si regge l economia, con la consapevolezza, però, che misure di questo genere avranno effetti soprattutto nel futuro. Il presente sembra, invece, dominato dall esigenza assoluta di far ripartire l economia reale e per questo, occorreranno grandi risorse da immettere, però, in settori economici che, per le loro caratteristiche di forte interdipendenza, siano suscettibili di estendere al massimo gli stimoli per una ripresa sufficientemente vigorosa. Al fine di risolvere questa crisi, occorre un cambiamento culturale globale o misure politiche specifiche? I cambiamenti culturali si realizzano nel lungo periodo! E perciò necessario pensare innanzitutto alle cose che abbiano ricadute positive in tempi relativamente brevi. E possibile concepire riforme dal costo limitato, che incidano sulla struttura, come le regole ma va rimesso in moto il sistema economico nel suo complesso. Personalmente, non sono tanto colpito dalla crisi finanziaria, alla fine della quale, come è noto, il ciclo riprende, quanto dalla crisi economica soprattutto perché è generatrice di disoccupazione. In un clima come quello attuale, predomina un atteggiamento di sfiducia; un imprenditore, non sa cosa accadrà nel futuro. In questo caso, la preoccupazione più rilevante è il fatto di riuscire ad incoraggiare gli imprenditori ad attuare i propri piani di investimento. Un imprenditore, il quale dovesse decidere se investire una certa somma per migliorare, innovando o allargando la macchina produttiva è, ora, in una situazione di grave incertezza. Investirà nel momento in cui avrà la certezza che i suoi prodotti saranno acquistati sul mercato; se permane questo futuro indeterminato nei suoi connotati e, soprattutto, se esiste il timore di una forte caduta della capacità d acquisto, la decisione di investire diventa assai rischiosa e, allora, la si rinvia. Questo è un problema di cui occorre prendere atto. Bisogna, poi, considerare, il persistere di orientamenti culturali, per la verità assolutamente marginali, molto critici nei riguardi dell assetto attuale dell economia. Nonostante la caduta del socialismo reale vi è ancora chi è convinto che il Capitalismo sia alla fine o che, comunque, vada profondamente riformato senza sapere bene come. Quali sono, a suo parere, le vere cause della crisi finanziaria? 4

19 Capitolo I - La situazione attuale Come nel 1929, la causa primaria è stata, mio parere, l insolvenza dei debitori. Ma nel 1929, la situazione, almeno come l hanno ricostruita gli storici, era abbastanza chiara. Gli strumenti del mercato finanziario erano relativamente semplici; il contratto di riporto, considerato da alcuni autorevoli studiosi uno dei principali strumenti utilizzati per la speculazione in borsa, era trasparente: esistevano pienamente visibili debitori e creditori. Nella crisi attuale i rapporti finanziari non sono affatto chiaramente conoscibili. Soprattutto non è chiaramente valutabile il rischio insito in operazioni inestricabilmente legate una all altra che facilitano enormemente la trasmissione delle crisi di insolvenza che, come sempre, colpiscono un settore ma che adesso, rispetto al passato hanno un enorme velocità di trasmissione nel tempo e nello spazio. Credo però che, per comprendere le ragioni della profondità della crisi finanziaria odierna, si debba anche considerare la gigantesca consistenza della ricchezza finanziaria e la sua distribuzione in ampi strati della società. Nel 1929, una famiglia media, non possedeva grandi capacità di accumulazione; i livelli del reddito familiare erano quelli che erano. Adesso, qualsiasi famiglia, gode di una concreta possibilità di risparmio. In che modo utilizza questi risparmi? O li conserva in forma liquida o comincia ad investire. Perciò, la ricchezza degli strumenti finanziari, deriva anche dalla necessità di ampliare la gamma delle opportunità di investimento. Si tratta di una realtà, che le future riforme non potranno trascurare. In fondo la geografia dello sviluppo è mutata. Basti pensare alle due grandi economie asiatiche: Cina e India e all impatto che gli elevati ritmi di crescita della ricchezza prodotta recano al sistema finanziario mondiale. Anche in questi e negli altri paesi che fanno parte del gruppo sempre più numeroso dei paesi sviluppati, la ricchezza resta pur sempre concentrata, ma, componenti rilevanti della società, hanno raggiunto e godono di livelli di reddito che consentono loro di accumulare risorse senza ricadute sui consumi risorse da investire in beni anche di carattere finanziario. Questo risulta, a mio parere, un aspetto fondamentale della contemporaneità per ciò che riguarda il tema qui affrontato. La moltiplicazione degli strumenti finanziari risponde, dunque, ad una esigenza reale. Il problema è far rientrare questa componente del sistema in un complesso di regole e far sì che i meccanismi molto complessi di funzionamento di quel sistema siano adeguatamente conosciuti non soltanto da chi vi è addetto da operatore ma anche da quelli che con quel sistema entrano in una qualche tipo di rapporto, ad esempio come investitori. Ma c è un altra questione da considerare quando si ragiona sulle crisi finanziarie ed economiche di rilevanza mondiale. Ed è la seguente: fino alla fine 5

20 Guida alla Tutela del Patrimonio dell Ottocento e, per certi versi fino alla crisi del 29, vi erano un paese e una moneta che dominavano il mercato finanziario: l Inghilterra e la sterlina. Ma poi l Inghilterra è declinata, perdendo il proprio primato senza però che alcun altro paese le si sostituisse. In particolare gli Stati Uniti negli anni della grande depressione non vollero o non furono in grado di assolvere a questa funzione non assumendo comportamenti da paese, che avrebbe dovuto assumere la leadership. Ma anche nel tempo presente al globalismo policentrico economico-finanziario non corrisponde un organismo sovranazionale o comunque mondiale in grado di governare il sistema. Cosa accadrebbe se chi dispone di ingentissime disponibilità finanziarie magari derivate dalla produzione di petrolio, decidesse di convertire i proventi della vendita in euro o altro anziché in dollari? Che ne sarebbe della valuta americana e quali conseguenze sull economia statunitense? Non penso sia realistico immaginare un autorità mondiale in grado di regolare il sistema monetario internazionale e meno che mai quello finanziario. Non di meno una qualche forma di controllo andrà trovata e forse la prassi che si è instaurata di effettuare un coordinamento delle politiche attraverso le rappresentanze dei maggiori paesi (G7, G8 o G20), ossia dei paesi che manovrano gran parte delle attività del mondo, potrebbe rappresentare una soluzione certamente oligarchica e tuttavia necessaria per realizzare un minimo di controllo del sistema. Tuttavia, il cammino da percorrere è lunghissimo perché le difficoltà di conciliare gli interessi di molti sono davvero grandi come la realtà ha dimostrato e dimostra. Sarebbe utile, secondo lei, il rimedio per cui, i Paesi ricchi si attrezzassero per usare i loro redditi più elevati, al fine di investire nella creazione di conoscenze originali e di reti di relazioni esclusive, rendendo così più morbido, l inseguimento tra Paesi ricchi e Paesi emergenti? Il rapporto tra paesi ricchi e paesi poveri, rappresenta una vecchia questione, sulla quale si predica da decenni e decenni e che resta irrisolta. Senza immaginare soluzioni improbabili, sarebbe già un notevole passo in avanti garantire tra paesi ricchi e paesi poveri rapporti di scambio equi e non ostacolare l accesso alle risorse, garantire un facile accesso ai brevetti, alle conoscenze e alle innovazioni, eliminare le barriere che impediscono di acquisire tecnologie. Ma occorrerebbe anche aprire le frontiere dell istruzione e favorire la mobilità dei giovani di seguire corsi di studio nelle migliori istituzioni del mondo. Però sulla questione dei rapporti fra paesi ricchi e paesi poveri non penso si debba tacere la responsabilità delle classi dirigenti di questi ultimi in ordine alla permanente condizione di arretratezza nella quale sono immobilizzati. Se si guarda all Africa, un continente che, rispetto ad altri, continua ad oc- 6

21 Capitolo I - La situazione attuale cupare la sgradevole posizione di coda della graduatoria della ricchezza materiale tanto è elevato il numero dei paesi a bassissimo reddito, è a tutti noto l enorme spreco di risorse nei conflitti armati. Alla distruzione dei beni materiali e delle risorse naturali si aggiungono le orrende stragi della popolazione civile ostacolando di fatto ogni processo di rinascita. E vero che grande è anche la responsabilità dei paesi ricchi e che il regime coloniale, abbia lasciato in eredità ai nuovi stati nati dalla decolonizzazione situazioni oggettivamente difficili da superare come quella di avere tracciato i confini senza guardare alle realtà socio culturali, linguistiche, religiose e anche politiche sottostanti. Ma è altrettanto vero che in altre parti del mondo le popolazioni sono riuscite a liberarsi dei vincoli verso i vecchi dominatori e, attraverso la formazione di classi dirigenti autoctone, hanno imboccato la via della rinascita. E d accordo con chi sostiene, che il sistema bancario italiano è solido e non è stato eccessivamente esposto ai fenomeni speculativi, che tanti danni hanno prodotto in altri paesi? Il sistema bancario italiano, come è noto, ha una caratteristica molto particolare, quella di avere conservato un tessuto molto fitto di banche locali molto legate al territorio le quali, tradizionalmente, proprio perché tali, non solo operano e hanno operato con la grande prudenza che caratterizza il mondo rurale dal quale sono nate e che, in Italia, ha cominciato a cambiare da troppo poco tempo per avere dimenticato comportamenti propri di quel mondo, ma, soprattutto, collocano al centro dell attività l economia locale che sono impegnate a sostenere. La conclusione è che, qualche volta, il non essere moderni o modernissimi e quindi non essere in linea con le tendenze generali affermatesi altrove, garantisce qualche non piccolo vantaggio. Il fitto tessuto di banche locali di cui si è detto risale all Ottocento e al primo Novecento ed il suo nucleo principale è dato dalle banche popolari e da quelle che si chiamavano casse rurali. In più di un caso, banca locale non vuol dire piccola banca nel senso dell entità delle risorse mobilitate se pensa, ad esempio, alla Cassa di Risparmio delle Province lombarde, grandissima banca, anche se un po sonnolenta, se è vero che i servizi alle imprese che operavano sul mercato internazionale venne attivato solo nel secondo dopoguerra. Ma la Cariplo per i lombardi rappresentava una certezza, dal punto di vista della sicurezza degli impieghi. Accadeva, infatti, che in momenti di qualche turbamento finanziario, la gente ritirasse i depositi dalle banche e li trasferisse nella Cassa di Risparmio perché era nota la prudenza con la quale la banca, almeno allora, manovrava i soldi degli altri. 7

22 Guida alla Tutela del Patrimonio E possibile ritenere che, la sussidiarietà, uno dei pilastri della dottrina sociale della Chiesa, si rispecchi in questa azione delle banche rurali, più vicine alla persona? Più che di sussidiarietà parlerei di rete di solidarietà, di capacità di percepire l importanza della funzione finanziaria. Mai come nel caso delle banche di cui ho parlato, la prudenza delle operazioni e, quindi la valutazione dei rischi connessi agli impieghi era assistita dalla conoscenza della condizione e dei caratteri degli affidatari. Tra il direttore dello sportello e il cliente che chiedeva prestiti i rapporti erano fondati, spesso, sulla conoscenza personale. Il che accresceva la capacità di valutazione dei rischi connessi alla concessione di un finanziamento che, tutto sommato, conservava una grande trasparenza. Il fatto è, però, che le banche locali svolgevano anche una funzione culturale e sociale oltre che economica. Se si guarda alle casse rurali la documentazione non lascia dubbi in proposito. Nel giorno dell assemblea annuale dei soci, gran parte delle famiglie erano rappresentate e presenti. Vi era, un coinvolgimento, una partecipazione reale e tangibile. Sotto questo punto di vista, il discorso della sussidiarietà rappresenta un modello in cui, l istituzione creditizia si colloca a livello della società locale. Vi furono casse rurali impegnate direttamente in operazioni concernenti l agricoltura perché, in un mondo contadino tendenzialmente poco aperto all innovazione, era necessario dimostrare concretamente che l uso di una data macchina poteva dare migliori risultati in termini raccolto e questo capitava non nel secolo XVII ma nel XX e non un una landa desolata ma ai confini di Milano. Tutto ciò venne organizzato dalla cassa rurale, la quale, aveva realizzato un operazione del tutto estranea alle operazioni di una banca ma che era diventata necessaria se si voleva davvero contribuire allo sviluppo della comunità locale. Va da se che l esempio non è fatto per riproporre nel tempo presente una situazione di un secolo fa o quasi ma per dimostrare che i processori sviluppo sono determinati dall agire cooperativo dell intero sistema socio-economico. Le misure anti-crisi adottate dal Governo, tra cui gli incentivi per l auto e per le banche, quali effetti produrranno, a suo parere, sull economia del Paese? Condivide i recenti appelli al consumo, lanciati dal Governo? Dipende. Ritengo vi sia, innanzitutto, un problema di sostegno delle capacità d acquisto dei redditi bassi e specie della protezione dei disoccupati involontari. Se, però, si parla di ripresa, non è aumentando la quantità delle risorse di chi compra pane e latte che l economia riparte. Oltretutto, pare che, oggi, 8

23 Capitolo I - La situazione attuale l industria alimentare non sia particolarmente colpita dalla crisi. La vera questione, dunque, è di far aumentare la domanda di beni industriali. Da questo punto di vista, occorre agire su settori economici, i quali abbiano la proprietà di propagare un movimento di espansione ad altri settori. Il settore delle costruzioni è uno di questi. Infatti, quando l industria delle costruzioni si sviluppa, si sviluppano, di conseguenza, moltissime industrie collegate ad essa e basti pensare all edilizia abitativa e alla formidabile consistenza delle attrezzature domestiche che caratterizzano un casa di oggi e delle prospettiva nelle quali oggi ci si colloca a partire da edifici capaci di garantire risparmi energetici. Per quale motivo, secondo lei, in Italia, si ha difficoltà, anche solo a discutere di politica industriale e sviluppo industriale? Si tratta di un vecchio pregiudizio culturale, per cui, nell industrializzata Lombardia, paesi esclusivamente agricoli che godono di redditi elevatissimi rispetto alla generale miseria di un tempo e godono di questi redditi in conseguenza diretta del processo di industrializzazione ostacolano di fatto la realizzazione di opere, ad esempio nel settore delle infrastrutture stradali e ferroviarie o negli impianti di produzione dell energia elettrica, che a quel processo sono strettamente funzionali. Dimenticando tre fondamentali condizioni delle quali il nostro Paese deve tenere conto: la prima è che la condizione di benessere dipendente dall andamento dell economia non è acquisita una volta per tutte perché è, appunto, legata all economia, sicché se l economia declina, declinano le condizioni di reddito e quindi il benessere di tutti; la seconda è che l Italia fa parte dell Unione Europea e che l economia italiana deve costantemente misurarsi con quella degli altri Stati dell Unione in un rapporto di crescente integrazione che esclude, tendenzialmente, la possibilità di interventi a difesa da parte dei governi, terzo è che l Italia come membro dell Unione e come singolo stato è inserito profondamente nell economia del mondo la quale, come tutti sanno, presenta non solo un crescente livello di integrazione ma anche una crescente capacità di concorrenza di alcuni grandissimi Stati un tempo estranei alla competizione economica. Per affrontare la crisi, sarà sufficiente l iniziativa di un singolo Governo o l azione coordinata delle grandi economie mondiali? Premetto che, da soli, non si fa niente. La cooperazione diventa assolutamente indispensabile. Su alcuni piani, ognuno, poi, interviene, utilizzando le peculiarità del proprio sistema. 9

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

IL RUOLO DELLA BANCA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE

IL RUOLO DELLA BANCA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE IL RUOLO DELLA BANCA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE Dott. Marcello GISOTTI Banca Popolare di Puglia e Basilicata Direttore Centrale Divisione Private Banking Passaggio Generazionale : urge un nuovo approccio

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE

PASSAGGIO GENERAZIONALE STRUMENTI CIVILISTICI SOCIETARI E FISCALI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO GENERAZIONALE A cura del Dott. Claudio LUDOVICO Bari, 11 Maggio 2012 IMPRESE Ricchezza della nazione viene spesso agevolata la loro costituzione..non

Dettagli

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato

La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato La Banca e lo Scudo Fiscale: Tutela del patrimonio e qualità di un servizio integrato Bergamo, 12 Ottobre 2009 Giovanni Marafante Direttore Generale Aletti Fiduciaria Indice 1. Adempimenti e modalità operative

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO

PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO Tra famiglia e impresa A cura di Giuliano Bonollo Aspetti tipici del cliente Imprenditore Forte legame tra attività aziendale e flussi in entrata ed uscita

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com

Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera. Telefono +41 91 260 38 00. www.icam-group.com Via S. Balestra 17 6900 Lugano Svizzera Telefono +41 91 260 38 00 www.icam-group.com Affidare la gestione a ICAM Group SA tramite lo strumento ICAMLife INDICE: Introduzione Alternative all investimento

Dettagli

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009

Luigi Mennini, MBA Socio AIAF Responsabile Financial Planning Banca Finnat Euramerica SpA. Mercoledì 14 ottobre 2009 Le soluzioni di Financial Planning all'interno dello Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale 2009 Approfondimenti normativi e di analisi finanziaria Scuola di Amministrazione Aziendale Università degli Studi di

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato ANDREA LOLLI LA RILEVAZIONE DELLE SITUAZIONI DI CRISI FINANZIARIA NELLA DOCUMENTAZIONE CONTABILE DELLE S.P.A. E QUALE STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA GESTIONE. I- Nel corso degli ultimi anni il mondo delle

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE FrancoAngeli Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano COLLANA DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Possibili applicazioni pratiche Roma, 13 ottobre 2014 Agenda 1. Premessa 2. Il caso di Ermenegildo 3. Il caso di Martino e Alessandro

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

SAG AZIONI CONSIGLIATE

SAG AZIONI CONSIGLIATE SAG AZIONI CONSIGLIATE AZIONI CONSIGLIATE Considerate le esigenze testamentarie di Tizio e preso atto della situazione familiare e patrimoniale così come rappresentata nel parere tecnico redatto dal Servizio

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

Impresa di Famiglia e Passaggio Generazionale. Guido Feller

Impresa di Famiglia e Passaggio Generazionale. Guido Feller Impresa di Famiglia e Passaggio Generazionale Guido Feller Le Imprese di Famiglia sono più longeve? Le più antiche imprese di famiglia Anno di fondazione * Paese Kongo Gumi 578 Japan Hoshi Ryokan 718 Japan

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

EOS Servizi Fiduciari

EOS Servizi Fiduciari Cura del dettaglio www.eosfiduciaria.it Una fiduciaria d eccellenza EOS Servizi Fiduciari è la fiduciaria di amministrazione statica del Gruppo BSI SA. La società è attiva da oltre 30 anni nel settore

Dettagli

una (potenziale) realtà

una (potenziale) realtà Analisi IL DISTRETTO TICINESE DI SERVIZI FINANZIARI una (potenziale) realtà René Chopard Centro di Studi Bancari 75 Non potevamo mancare al consueto appuntamento di settembre con dati, statistiche e società

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Il trust operativo: un caso pratico. Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro

Il trust operativo: un caso pratico. Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro Il trust operativo: un caso pratico Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro Occorre o meno un trust? Pag. 2 L obiettivo del cliente potrebbe essere soddisfatto mediante negozi sottoposti al diritto

Dettagli

business consultants financial & tax advisors

business consultants financial & tax advisors business consultants financial & tax advisors LA NOSTRA MISSION Da tempo, accanto alle tradizionali competenze nelle materie fiscali e contabili, sta crescendo il nostro impegno nel fornire assistenza

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

G R U P P O B A N C A F I N N AT

G R U P P O B A N C A F I N N AT G R U P P O B A N C A F I N N AT IL SERVIZIO FIDUCIARIO È UNO STRUMENTO PER OTTIMIZZARE L AMMINISTRAZIONE DEI VOSTRI INVESTIMENTI, MANTENERNE IL CONTROLLO E GARANTIRNE LA RISERVATEZZA. FINNAT fiduciaria

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

www.bonoplus.it BONOplus Family PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

www.bonoplus.it BONOplus Family PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE BONOplus Family Office PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE 1 Il Family Office INDIPENDENTE LA VERA CONSULENZA FINANZIARIA PER LE FAMIGLIE ITALIANE 2 Cosa è un Family Office? 1. Nasce negli anni 90 come servizio

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

SFIDA IMPRESE DI FAMIGLIA GENERAZIONALE GUIDO FELLER LUCA PETOLETTI MARCO DOLZANI. delle

SFIDA IMPRESE DI FAMIGLIA GENERAZIONALE GUIDO FELLER LUCA PETOLETTI MARCO DOLZANI. delle GUIDO FELLER Docente di Management delle imprese di famiglia presso il Dipartimento di economia e management dell Università di Trento e Direttore Wealth Planning Azimut LUCA PETOLETTI Partner The European

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze

Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Focus di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Il trust e il fondo patrimoniale: similitudini e differenze Nel presente intervento analizzeremo le analogie e le differenze tra l istituto del

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI Master di specializzazione TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI La tutela dei patrimoni familiari e la corretta gestione del passaggio generazionale rappresentano oggi una assoluta priorità per garantire

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Le tipologie di gruppo Le strutture dei gruppi LE TIPOLOGIE DI GRUPPI I gruppi aziendali possono essere classificati in relazione a diverse variabili prese come

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

RISPARMIO E PROTEZIONE FISCALE

RISPARMIO E PROTEZIONE FISCALE Vorrei cominciare con il raccontarti una storia realmente accaduta: Un mio cliente possiede una azienda a conduzione familiare nel ricco veneto. L azienda non solo ha dato da mangiare alla sua famiglia

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY

WEALTH MANAGEMENT ADVISORY WEALTH MANAGEMENT ADVISORY Lo Studio Legale Scala, fondato nel 1999 dall Avv. Antonio Scala, fornisce servizi di assistenza legale in ambito giudiziale e stragiudiziale in materia bancaria, finanziaria,

Dettagli

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

verfid s.r.l. Società fiduciaria e di revisione

verfid s.r.l. Società fiduciaria e di revisione verfid s.r.l. Società fiduciaria e di revisione Membro di STRUMENTI PER IL PASSAGGIO GENERAZIONALE: di Antonio Righini IL TRUST Buongiorno a tutti, oggi mi viene chiesto di parlare in ordine al trust ed

Dettagli

Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari

Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari Banche: struttura ed evoluzione Un approccio sistemico al distretto ticinese di servizi finanziari foto Ti-Press / Davide Agosta René Chopard, Centro di Studi Bancari Alcuni elementi introduttivi Metodologia,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE)

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI COSTITUTIVI DI SOCIETÀ DI PERSONE (S.N.C./S.A.S.), DI CAPITALI (S.R.L./S.P.A.) E COOPERATIVE L intervento del Notaio nella fase costitutiva

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli