Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana"

Transcript

1 Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana Milano, 13 Maggio 2014 Documento a cura di A. Cicchetti, A. Cifalinò, D. Mascia, I. Gabutti

2 Outline ü Obiettivi e metodi ü Modello di riferimento ü L area della valutazione del personale: Modelli, esperienze, priorità ü L area della formazione: Modelli, esperienze, priorità ü La via per il cambiamento 2

3 Obiettivi ü Obiettivo principale del progetto è fornire agli enti partecipanti un occasione di incontro per sviluppare un assessment sull attuale stato dei principali processi di gestione del personale (HRM) rispetto a standard nazionali ed internazionali riconosciuti, identificando delle buone pratiche trasferibili. ü Il conseguimento dell obiettivo principale presuppone: Æ una analisi delle best practices nazionali ed internazionali sui principali processi di HRM; Æ un assessment dei principali processi di HRM adottati dai membri del tavolo, rispetto agli standard riconosciuti; Æ una gap analysis; Æ la definizione di un percorso per ricoprire i gap individuati rispetto a priorità condivise. 3

4 Il gruppo di lavoro ü Fondazione Don Carlo Gnocchi ü Fondazione Maddalena Grassi ü Fondazione Poliambulanza ü Fondazione Opera San Camillo ü IRCCS Oasi di Troina ü Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo-Veneta ü Policlinico universitario A. Gemelli collaboratori posti letto 4

5 Il modello di riferimento ü La gestione strategica delle persone all interno di una azienda sanitaria presuppone il governo delle diverse fasi del ciclo di vita dei collaboratori. I sistemi gestionali sono chiamati a: Æ Attrarre Æ Allocare Æ Valutare Æ Premiare Æ Sviluppare Æ Trattenere Æ Congedare ü attraverso processi traversali che permettono: Æ di programmare all interno di un modello organizzativo Æ assicurando una corretta amministrazione dei contratti di lavoro Æ utilizzando procedure ICT 5

6 Modello di riferimento 6

7 Il focus sui processi ALLOCARE E VALUTARE La definizione degli organici (i carichi di lavoro vs requisiti di accreditamento) La definizione dei profili di ruolo (Modelli di competenze/ famiglie professionali) Meccanismi di valutazione delle posizioni e della performance SVILUPPARE Gestione del piano di formazione e Lo sviluppo del dossier formativo 7

8 Le aree di interesse Aree Ente Fondazione Opera S. Camillo Fondazione Maddalena Grassi Area Formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi Policlinico A. Gemelli Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo- Veneta Fondazione Poliambulanza Area Allocazione/Valutazione/ Compensa5on IRCCS Oasi di Troina Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo- Veneta Fondazione Opera S. Camillo 8

9 I meeting Meeting #1 (12/2/2014) Il gruppo di lavoro Ce.Ri.S.Ma.S. presenta le best practices nazionali ed internazionali Ogni istituzione presenta i processi HR su cui intende lavorare Si giunge alla puntuale definizione dell ambito di ricerca Meeting #2 (20/2/2014) Il gruppo di lavoro Ce.Ri.S.Ma.S. presenta il proprio protocollo di ricerca per la conduzione dei focus group, suddivisi in due sessioni (una mattutina, una pomeridiana). Le istituzioni partecipanti (ad una delle due sessioni) prendono parte al focus group Si giunge ad una mappatura della situazione AS IS e si valutano le prime criticità emerse Meeting #3 (18/3/2014) Il gruppo Ce.Ri.S.Ma.S. alla luce della gap analysis (confronto tra best practices e situazione AS IS nei singoli processi) presenta un assessment report individuale (per ente) ed uno complessivo; Meeting #4 (9/42014) Analisi delle proposte di percorsi di sviluppo; I membri del tavolo condividono le reciproche roadmaps e le priorità, esplicitando minacce e opportunità del cambiamento che intendono intraprendere 9

10 COME SELEZIONARE, ALLOCARE E VALUTARE LE PERSONE NELL ORGANIZZAZIONE? 10

11 Allocazione ü Riguarda metodologie e strumenti di HRM volti a migliorare le scelte aziendali che riguardano il dimensionamento qualitativo e quantitativo delle risorse umane ü Il termine anglosassone utilizzato è «workforce planning» Æ Workforce planning is the strategic alignment of an organization s human capital with its business direction. It is a methodical process of analyzing the current workforce, determining future workforce needs, identifying the gap between the present and future, and implementing solutions so the organization can accomplish its mission, goals, and objectives (International Personnel Management Association, 2002). ü Tre sono gli approcci più diffusi nella letteratura e utilizzati in ambito organizzativo Æ Approccio «Workforce» Æ Approccio «Workload» Æ Approccio «per Competenze» 11

12 Dalle famiglie professionali alle competenze Gestione delle carriere, compensation, formazione-sviluppo 12

13 La valutazione (le 3P a 360 ) Superiori Persona Pari Auto valutazione Pazienti Collaboratori Posizione Prestazione 13

14 Strumenti per la valutazione e la retribuzione Valutazione della posizione Valutazione della persona Valutazione della performance Job description Job analysis Job ranking Metodo del punteggio Medoto Hay Approccio per competenze Dizionario delle competenze e skills Assessment center Valutazione a 360 MbO BSC Schede di valutazione Distribuzione forzata Liste di controllo 14

15 Scheda Esperienza (Valutazione): Fondazione Opera S. Camillo Contesto 18 strutture in 7 Regioni, collaboratori (ospedali per acuti, ambulatori, RSA, riabilitazione, centri diurni) Criticità economico-finanziarie e fase di riduzione progressiva del personale Molteplicità di contratti di lavoro (7) Molteplicità delle sedi e approcci eterogenei alla gestione delle persone Cultura manageriale non consolidata, approccio paternalistico nella valutazione Stato dell arte Priorità Strumenti implementati differenziati (alcuni esempi di job description) Regole gestionali diverse (es. calcolo ferie, ore formazione) in corso di omogeneizzazione Investimento rilevante effettuato sui principali processi di amministrazione del personale (ICT) Legare la strategia aziendale e i nuovi modelli organizzativi all apporto delle risorse umane Sviluppare un modello per competenze Individuazione famiglie professionali Elaborazione dizionario delle competenze per famiglia professionale Sviluppare i profili di ruolo delle posizioni apicali delle strutture locali per gestire selezione, allocazione, formazione e valutazioni in modo integrato 15

16 Scheda Esperienza (Valutazione) Fondazione Poliambulanza Contesto Stato dell arte Priorità 2 strutture nella città di Brescia collaboratori (Istituto Ospedaliero, Poliambulanza Centro Poliambulatorio) Attività di ricovero ordinario, ricovero diurno, diagnostica strumentale e specialistica ambulatoriale Criticità culturale in merito all acquisizione di fiducia e familiarità nei confronti del sistema di valutazione Valutazione della posizione: Job Description per tutta la popolazione aziendale Valutazione delle persone: Schede di valutazione delle competenze richieste per i profili non medici: punteggio minimo per ogni competenza, in relazione a profilo e anzianità personale; Per personale medico schede volte ad effettuare una valutazione della performance ma attualmente assimilabili ad una valutazione delle persone Valutazione della performance: MbO per Direttori Dip./U.O./Ufficio, Coordinatori di Area Infermieristica, in fase iniziale Sistema di valutazione finalizzato all ottenimento dell accreditamento JCI Evoluzione dell attuale approccio per competenze (individuazione famiglie professionali, ruoli chiave, profili di ruolo, dizionario delle competenze) Sviluppo di un approccio BSC per la valutazione delle performance Ancoraggio del sistema di valutazione delle performance ai profili di ruolo Integrazione del sistema MbO con l approccio BSC: progettazione del processo di negoziazione obiettivi e definizione dei coefficienti di incentivazione e livelli di risultato 16

17 Scheda esperienza (Valutazione) Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio - Fatebenefratelli Provincia Lombardo Veneta Contesto Stato dell arte Priorità 11 strutture in tutta la provincia Lombardo-Veneta (RSA, psichiatria, strutture per acuti, riabilitazione) dipendenti e 300 collaboratori esterni Metodo Workload per determinazione del fabbisogno aziendale Job Description e Job Analysis approfondite per tutti i ruoli operativi Dizionario delle competenze e dizionario delle skills, per descrivere il ruolo di personale non medico e personale amministrativo Valutazione per competenze non ancora estesa a tutte le strutture MbO per tutti i dirigenti, per Direttori Amministrativi e Direttori Sanitari all interno dei Presidi, per i Direttori di Dipartimento e di U.O. Progetto Data Warehouse per successiva attivazione di un sistema BSC (inizialmente pilota) Sviluppo di un approccio BSC per la valutazione delle performance Riprogettazione del ciclo di gestione del personale (individuazione famiglie professionali, dizionario delle competenze per ogni famiglia professionale) Integrazione del sistema MbO con approccio BSC (progettazione di un sistema di pesatura degli obiettivi e definizione dei coefficienti di incentivazione e livelli di risultato) 17

18 Scheda esperienza (Valutazione) Irccs Oasi Maria SS. - Troina Contesto Stato dell arte Priorità Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico nella provincia di Enna 650 operatori Contrattualizzazione delle aree non dirigenziali con ARIS/AIOP; area dirigenziale contrattualizzazione su modello pubblico Situazione di negoziazione con i sindacati a causa dei contratti scaduti Criticità sindacali per l assegnazione d ufficio della retribuzione variabile e criticità culturale sulla valutazione delle performance (resistenze da parte di valutatori) Valutazione della posizione tramite metodo del punteggio: pesatura contrattuale lega parte della retribuzione variabile alla posizione; ulteriore pesatura a seconda di complessità, tipo di attività e di processo gestito Compensation dell area amministrativa non prevede una parte variabile Pesatura revisionata in base a strategia aziendale e domanda sanitaria Valutazione della performance non effettuata, sebbene sia stato introdotto un modello di assegnazione di obiettivi a livello dipartimentale; Obiettivi quantitativi (attività, organizzazione, gestione RU, partecipazione obiettivi aziendali) Variabilità retributiva sulla base del raggiungimento degli obiettivi (sistema Mbo) Progettazione di un ciclo di gestione del personale Individuazione famiglie professionali Elaborazione dizionario delle competenze Ancoraggio del sistema di valutazione delle performance alle competenze 18

19 Analisi comparativa valutazione Aree di valutazione Valutazione della posizione Strumenti di valutazione Irccs Oasi Maria S.S. Fondazione Opera San Camillo Job description Job analysis Job ranking Metodo del punteggio Comparazione dei fattori Ordine Ospedaliero Fondazione Fatebenefratell Poliambulanza i Approccio per competenze MLP MLP +MP Valutazione della persona Dizionario competenze MLP BP +MP Dizionario skills Assessment center e Valutazione a 360 BMP Scheda di valutazione Valutazione della performance Metodo del confronto Distribuzione forzata MbO +BP +BMP BSC BP BMP 19

20 Le buone pratiche Una piattaforma ICT per l amministrazione e la gestione del personale (Fondazione Opera S. Camillo) Job description e job analysis dettagliate e diffuse su tutte le posizioni (Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio e Fondazione Poliambulanza) Valutazione delle competenze ed MbO per i dirigenti (Fondazione Poliambulanza) Valutazione delle posizioni dirigenziali (Irccs Oasi di Troina) 20

21 Priorità di intervento: Valutazione-Allocazione Avvio, sviluppo di un sistema di gestione per competenze Dizionario delle competenze caratterizzati per famiglia professionale Elaborazione di profili di ruolo Sviluppo sistema di valutazione delle performance integrando approccio MbO e BSC Prima introduzione partendo dai dirigenti Allargamento degli strumenti adottati a nuove famiglie professionali 21

22 LE BEST PREATICE COME SVILUPPARE E FORMARE LE PERSONE? 22

23 L evoluzione dei modelli di governo della formazione ü Dall approccio operativo ( fare le cose bene ) all approccio strategico ( fare bene le cose giuste ) Æ Qualità/Costo vs Valore Æ Contributo alle performance aziendali ü Dai programmi formativi ai processi formativi complessivamente afferenti alla funzione formazione ü Il superamento del cd. micro-macro gap nella gestione della formazione (multi-level perspective) (Kozlowski et. al, 2000) Æ «A goal of training is to enhance organizational effectiveness Æ but the models, methods, and tools of training basically focus on the individual level» Livello individuale, gruppo e aziendale 23

24 La gestione della complessità Training practices Learning (competence) outcome Organizational outcome Forme di allineamento strategico - Vertical fit - Horizontal fit - Intrapractice fit 24

25 Scheda esperienza (Formazione) Policlinico A. Gemelli Contesto 2 distinti poli ospedalieri (Policlinico Gemelli, Complesso Integrato Columbus) ppll, 3679 dipendenti del policlinico, 953 dipendenti della facoltà Elevato numero di ore di formazione obbligatoria Resistenze culturali e di sistema Stato dell arte Valenza operativa dei processi di formazione e sviluppo Periodo di forte innovazione strategica ma difficoltà nell allinearvi i percorsi formativi Vertical fit in fase di sviluppo (introduzione di formazione sul campo per incoraggiare multidisciplinarietà) Sviluppo di dizionario delle competenze e skill per profili infermieristici ma scarso coordinamento con percorsi formativi Analisi organizzativa frammentata Analisi individuale da sviluppare (è in fase di sviluppo un sistema informatico di tracciabilità dei percorsi formativi) Assenza dossier formativo Diffusi questionari di gradimento e di apprendimento Priorità Creazione di un sistema di analisi bottom-up e top-down più sistematico Sviluppo rete referenti/facilitatori della formazione Integrazione funzione formazione con SITRA e allineamento della formazione con altre leve di GRU Sviluppo sistema informativo Sviluppo della valutazione della ricaduta ed impatto della formazione Dossier formativo 25

26 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Opera S. Camillo Contesto Stato dell arte Priorità (supra) Approccio strategico alla gestione della formazione, in integrazione con il sistema di pianificazione e budgeting Focalizzazione sui processi di vertical e intra-practice fit Presenza di un piano formativo integrato Presenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Dai referenti della formazione alla rete dei referenti della formazione Utilizzo del dizionario delle competenze per lo sviluppo dei piani formativi (focus horizontal fit) Sviluppo del dossier formativo (inteso prima core learning portfolio e poi come competence portfolio) Completamento degli strumenti di governo strategico mediante il potenziamento degli strumenti di valutazione (dalla valutazione di gradimento e di apprendimento alla valutazione di ricaduta e di impatto) 26

27 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Maddalena Grassi Contesto Stato dell arte Priorità Costituzione nel 1991 Cultura organizzativa coesa rispetto ai valori fondanti (250 collaboratori) Modello organizzativo organicistico Servizi domiciliari e residenziali Rilevanza dei processi formativi interni ed esterni Forte enfasi alla valutazione ex ante del contributo che i processi formativi possono offrire alla soddisfazione delle esigenze espresse ai diversi livelli organizzativi (direzione, servizi, equipe, professionisti) Processo di pianificazione formativa partecipato (formazione anche come responsabilità individuale) che sfocia nella costruzione del piano formativo Focalizzazione sui processi di vertical e intra-practice fit Presenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Utilizzo del dizionario delle competenze per lo sviluppo del piano formativo (focus horizontal fit) Sviluppo del dossier formativo (inteso prima come learning portfolio e poi come competence portfolio) Completamento degli strumenti di governo strategico mediante il potenziamento degli strumenti di valutazione (dalla valutazione di gradimento e di apprendimento alla valutazione di ricaduta e di impatto) 27

28 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Don Carlo Gnocchi Contesto Stato dell arte Priorità 8 Poli, diffusi in 9 regioni, per un totale di 29 centri e 30 ambulatori territoriali, collaboratori (3.602 posti letto di degenza ordinaria e day hospital, servizi territoriali) Rilevanza dei processi di ricerca e formativi, oltre che clinico-assistenziali Approccio strategico alla gestione della formazione, legato al sistema di pianificazione aziendale, sviluppato con un processo integrato centro-periferia Sviluppo prevalente di processi di vertical e intra-practice fit Presenza di un piano formativo integrato Presenza in prevalenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Presenza del dossier formativo con funzioni di rendicontazione formativa ex post Completamento del dossier formativo dalla sola funzione di rendicontazione a quella di pianificazione formativa (learning portfoflio) Potenziamento degli strumenti di valutazione di ricaduta e di impatto Sviluppo di processi di gestione strategica delle competenze (dizionario delle competenze a supporto dei processi di horizontal fit, competence portfolio con funzione di valutazione delle competenze e pianificazione delle azioni di sviluppo) 28

29 Scheda Esperienza (Formazione): Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo-Veneta Contesto Stato dell arte Priorità (supra) Gestione della formazione in integrazione con il sistema di pianificazione, che sfocia in un piano formativo integrato Numerosità dei soggetti coinvolti nel processo di pianificazione formativa (così da valorizzare sia la promozione del carisma, sia il supporto alla realizzazione di obiettivi organizzativogestionali) Focus prevalente sui processi di vertical e horizontal fit In corso di costruzione dizionario delle competenze, a cui legare anche i processi di formazione In corso di costruzione dossier formativo individuale e di gruppo Prevalenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Completamento dei processi di gestione strategica delle competenze, così da valorizzare anche i processi di horizontal fit Completamento del dossier formativo individuale e di gruppo inteso come learning portfolio e suo sviluppo in termini di competence portfolio Sviluppo di strumenti e processi di valutazione di ricaduta e di impatto 29

30 Analisi comparativa formazione (1/2) Processi di governo strategico della formazione (approccio learning-based) Analisi dei fabbisogni formativi a livello aziendale in integrazione con il sistema di goal setting aziendale (organizational analysys) Analisi dei fabbisogni formativi a livello aziendale in integrazione con i sistemi di gestione della qualità/rischio clinico (organizational analysis) Analisi dei fabbisogni formativi a livello di ruolo (job analysis) Analisi dei fabbisogni formativi individuali (person analysis) Progettazione formativa (instructional strategy) Reportistica attività svolte, gradimento e apprendimento Sviluppo della rete referenti/facilitatori della formazione Utilizzo della reportistica formazione a supporto del trasferimento dell apprendimento IRCCS Oasi Maria S.S. Fondazione Don Carlo Gnocchi Fondazione Maddalena Grassi Fondazione Opera San Camillo Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli Policlinico Gemelli BP LP BP LP LP LP BP Valutazione ricaduta/impatto LP BP LP LP LP BP DF individ./gruppo (learning port.) BP BP BP MLP BP LP 30

31 Analisi comparativa formazione (2/2) Processi di governo strategico della formazione (approccio competence-based) Individuazione famiglie professionali aventi rilevanza strategica Individuazione competenze trasversali aventi rilevanza strategica IRCCS Oasi Maria S.S. Fondazione Don Carlo Gnocchi Fondazione Maddalena Grassi Fondazione Opera San Camillo Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli Policlinico Gemelli BP LP LP LP BP BP BP LP LP LP BP LP Individuazione profili di ruolo BP LP LP LP BP BP Competence assessment (auto vs etero-valutazione) BP LP LP LP BP LP Definizione di piani individuali e trasversali di sviluppo delle competenze BP LP LP LP BP BP DF individ./gruppo (compet. port.) BP LP LP LP BP LP Governo integrato della formazione con i restanti processi HRM BP LP MLP LP BP LP 31

32 Le buone pratiche L approccio strategico (Fondazione Don Gnocchi, Opera S. Camillo, Fondazione Poliambulanza, Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio) Il piano formativo integrato (Opera San Camillo, Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio, Fondazione Maddalena Grassi) Il dossier formativo in costruzione (Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio, Irccs Oasi Maria SS. di Troina) I sistemi di valutazione di apprendimento e gradimento (Fondazione Maddalena Grassi) 32

33 Priorità di intervento: Formazione 33

34 LA VIA PER IL CAMBIAMENTO 34

35 La via per il cambiamento Fattori abilitanti ü Valori di riferimento comuni ü Committment della struttura manageriale ü La questione economica ü Sistemi contabili e gestionali ben strutturati (soprattutto nella valutazione) ü Supporto dell ICT Fattori ostativi ü Lo spazio della cultura manageriale ü Valutazione paternalistica vs valutazione obiettiva sui numeri ü L elemento sindacale ü L eterogeneità territoriale e contrattuale (per le strutture multi-sede) 35

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Sala Negri da Oleggio, Universita Cattolica del Sacro Cuore 13 maggio 2014 BENVENUTO E PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non

Dettagli

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità 1ª edizione In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Obiettivi,

Dettagli

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI PERSONNEL ORGANIZATION HUMAN RESOURCES TOOLKIT I temi e l evoluzione delle competenze chiave nel mondo dell HR Management Percorso formativo per HR Junior, HR Assistant e Consulenti HR Junior MILANO 10

Dettagli

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.)

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.) CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.) AREA FORMAZIONE COMMUNITY OF PRACTICE PER ESPERTI DI SVILUPPO ORGANIZZATIVO E FORMAZIONE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2015 DOCUMENTO A CURA DI A.CIFALINÒ

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali. 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant

La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali. 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant Indice 1. Presupposti, Obiettivi, Scopi pag. 2 1. Metodologia:

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale

La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale La valutazione e la formazione come leva di gestione strategica del personale [sistemi informativi integrati a supporto] Case history Azienda Usl di Parma 18 Maggio 2012 Exposanità Case history Azienda

Dettagli

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service.

La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. La Trasformazione Digitale dei processi HCM: il nuovo paradigma as a service. Giorgio Angeli Managing Director Accenture Technology Andrea Brambilla SuccessFactors Competence Center - Accenture Technology

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

news INDICE Progetti di ricerca Formazione sul campo Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario

news INDICE Progetti di ricerca Formazione sul campo Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario news Numero 37 Luglio 2014 Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario INDICE Migliorare la logistica e le operations nelle aziende sanitarie: perché e come? di S. Villa Progetti di ricerca 3 Progetti

Dettagli

1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale

1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale 1 Nascita ed evoluzione del sistema di valutazione permanente delle prestazioni del personale La Direzione Aziendale ha dato mandato all Ufficio Valutazione di studiare e portare a termine un progetto

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

La valutazione della pratica professionale dei medici: Esperienze e difficoltà

La valutazione della pratica professionale dei medici: Esperienze e difficoltà La valutazione della pratica professionale dei medici: Esperienze e difficoltà CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Quadro di fondo Nodi concettuali e gestionali

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

La Learning Organisation in UCB

La Learning Organisation in UCB La Learning Organisation in UCB CONVEGNO ABI HR 2008 Banche e Risorse Umane Giorgio Ballotta Responsabile Formazione UniCredit Banca Manlio Rizzo Partner e Amministratore Delegato AchieveGlobal Italia

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano

www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano verso Damasco verso Damasco l incontro con Vittorio Ventafridda un nuovo modello di cure (modello Floriani)

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Attrarre e trattenere il Talento il supporto dei sistemi informativi all'implementazione di politiche retributive e sistemi incentivanti efficaci

Attrarre e trattenere il Talento il supporto dei sistemi informativi all'implementazione di politiche retributive e sistemi incentivanti efficaci Attrarre e trattenere il Talento il supporto dei sistemi informativi all'implementazione di politiche retributive e sistemi incentivanti efficaci «Ci sono pittori che trasformano il sole in una macchia

Dettagli

Sede Modulo corrispondente Argomento Docente. Inquadramento Istituzionale Regionale. Inquadramento Istituzionale Regionale

Sede Modulo corrispondente Argomento Docente. Inquadramento Istituzionale Regionale. Inquadramento Istituzionale Regionale PRO.GE.A. SRL CORSO PER DIRIGENTI DI STRUTTURA COMPLESSA AREA OSPEDALIERA Codice edizione PRG DSCO 1402 Data 02/04/14 03/04/14 08/04/14 Largo Ugo Dossena, 2, 26013 Crema (CR) Modulo Valutativo Politica

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Il sistema di misurazione e valutazione è orientato ad integrare le dimensioni delle performance organizzative assicurate dalle Strutture che concorrono

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome LANZONE ISABELLA

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome LANZONE ISABELLA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LANZONE ISABELLA Data di nascita 29 marzo 1974 Qualifica AMMINISTRATORE PUBBLICO Amministrazione COMUNE DI GENOVA Incarico attuale ASSESSORE AL

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale La cultura è ciò che resta GT Cooperation Consulting Il nome GT, oltre a ricordare le iniziali dei nomi dei soci fondatori, Giulio Care e Tullio

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate Flavia Gherardi Responsabile Qualità A.O. Bolognini di Seriate (BG) L Azienda opera all interno del Servizio Sanitario Lombardo. L Azienda 7

Dettagli

Corso di perfezionamento in

Corso di perfezionamento in Corso di perfezionamento in GESTIONE STRATEGICA DEL PERSONALE IN SANITA Edizione n. 2 a.a. 2015-2016 In collaborazione con: Obiettivo La consapevolezza crescente che una cultura della gestione e dell'organizzazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

DIRETTORE DIPARTIMENTO AREA DELLA RICERCA E SVILUPPO DISCIPLINARE

DIRETTORE DIPARTIMENTO AREA DELLA RICERCA E SVILUPPO DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DIRETTORE DIPARTIMENTO SEGRETERIA DI DIREZIONE SUPPORTO ALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA COMUNICAZIONE INTERNA E RELAZIONI ORGANIZZATIVE CENTRO DI RICERCA ANTROPOLOGICA

Dettagli

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO Dr.ssa Gabriella Angeloni Il Comitato Infermieri Dirigenti (CID), Società Scientifica, è apartitico e non persegue scopi di lucro e si propone di: a. promuovere

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE

IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE IL PROCESSO DI P&C AZIENDALE Premessa: il ruolo del Controllo di Gestione nelle ASL Lombarde Il Controllo di Gestione per la funzione PAC nell ASL di Lodi L innovazione degli strumenti informativi a supporto

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PAGINA 1 DI 5 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI.. 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE.. 3 6.1 STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE.

Dettagli

L evoluzione dei modelli organizzativi e del sistema dei ruoli nelle aziende sanitarie

L evoluzione dei modelli organizzativi e del sistema dei ruoli nelle aziende sanitarie L evoluzione dei modelli organizzativi e del sistema dei ruoli nelle aziende sanitarie Innovazione organizzativa e ruoli emergenti: il contesto ospedaliero Maurizio Zega Policlinico Agostino Gemelli, Roma

Dettagli

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 -

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - La crescente attenzione delle Direzione Aziendali verso lo sviluppo dell Attività

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale

Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale Indicazioni generali Le aziende ospedaliere, le aziende sanitarie locali, le fondazioni I.R.C.C.S. pubbliche e l Azienda Regionale

Dettagli

Indice. Parte I Strategia, organizzazione, persone

Indice. Parte I Strategia, organizzazione, persone V XI XIII XV 3 5 9 9 12 13 16 17 22 24 26 26 26 27 29 32 33 36 38 40 42 44 45 48 49 dei casi Gli autori Prefazione Parte I Strategia, organizzazione, persone Capitolo 1 Strategia d impresa, risorse umane

Dettagli

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S.

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. Materiale a cura di Antonella Cifalinò «Quale» PHC? Si assume una concezione

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

GREAT PLACE TO WORK JOURNEY! Giftwork Training per Managers

GREAT PLACE TO WORK JOURNEY! Giftwork Training per Managers GREAT PLACE TO WORK JOURNEY! Giftwork Training per Managers Sviluppo della cultura di leadership Quanto sono efficaci i manager nel creare un great place to work? COACHING COMPRENDERE TRASFORMARE 360 Trust

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

CPS. Dal Bilancio al Cruscotto delle competenze: IL

CPS. Dal Bilancio al Cruscotto delle competenze: IL Dal Bilancio al Cruscotto delle competenze: IL CPS Il Competence Positioning System per individuare, valutare e sviluppare il patrimonio economico delle competenze presenti in azienda. LE COMPETENZE LA

Dettagli

La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione. In collaborazione con

La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione. In collaborazione con La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione In collaborazione con Sommario 1. Chi siamo 3 2. Il progetto H2O Riabilita 6 3. A chi si rivolge 10 4. Con quale obiettivo 12

Dettagli

MASTER PROFESSIONE HR MANAGER. Milano, dal 18 al 29 gennaio 2016

MASTER PROFESSIONE HR MANAGER. Milano, dal 18 al 29 gennaio 2016 MASTER PROFESSIONE HR MANAGER Milano, dal 18 al 29 gennaio 2016 Il Master si propone di formare professionisti delle risorse umane che sappiano muoversi agevolmente nell ambito di un sistema in continua

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Il Governo Clinico delle Cure Primarie

Il Governo Clinico delle Cure Primarie Il Governo Clinico delle Cure Primarie Proposta 1.0 del 15 dicembre 2011 1. Obiettivo generale Acquisire metodologie, strumenti e modelli organizzativi per implementare il Governo Clinico nelle cure 2.

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 HUMAN RESOURCES Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane PERSONNEL ORGANIZATION La Società Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane Organizzazione Ristrutturazione Aziendale Formazione Outsourcing PERSONNEL

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Humanitas Cancer Center

Humanitas Cancer Center Humanitas Cancer Center Stefano Cazzaniga Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cure 30 marzo 2012 Contenuti Istituto Clinico Humanitas Modello operativo Humanitas Cancer Center Istituto Clinico

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Dall agosto 2002 al luglio 2014 POSTE ITALIANE S.p.A.

Dall agosto 2002 al luglio 2014 POSTE ITALIANE S.p.A. C L A U D I O P I C U C C I DATI ANAGRAFICI Claudio Picucci nato a Roma il 10/7/54 INCARICO ATTUALE Da Aprile 2015 MILANO SERRAVALLE MILANO TANGENZIALI Assago (MI) Direttore Risorse Umane e Servizi L assetto

Dettagli

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente Università Cattolica, Milano 16 Marzo 2015 Stefano

Dettagli