Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana"

Transcript

1 Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Dalle buone pratiche allo sviluppo dei processi di gestione del personale in 7 istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana Milano, 13 Maggio 2014 Documento a cura di A. Cicchetti, A. Cifalinò, D. Mascia, I. Gabutti

2 Outline ü Obiettivi e metodi ü Modello di riferimento ü L area della valutazione del personale: Modelli, esperienze, priorità ü L area della formazione: Modelli, esperienze, priorità ü La via per il cambiamento 2

3 Obiettivi ü Obiettivo principale del progetto è fornire agli enti partecipanti un occasione di incontro per sviluppare un assessment sull attuale stato dei principali processi di gestione del personale (HRM) rispetto a standard nazionali ed internazionali riconosciuti, identificando delle buone pratiche trasferibili. ü Il conseguimento dell obiettivo principale presuppone: Æ una analisi delle best practices nazionali ed internazionali sui principali processi di HRM; Æ un assessment dei principali processi di HRM adottati dai membri del tavolo, rispetto agli standard riconosciuti; Æ una gap analysis; Æ la definizione di un percorso per ricoprire i gap individuati rispetto a priorità condivise. 3

4 Il gruppo di lavoro ü Fondazione Don Carlo Gnocchi ü Fondazione Maddalena Grassi ü Fondazione Poliambulanza ü Fondazione Opera San Camillo ü IRCCS Oasi di Troina ü Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo-Veneta ü Policlinico universitario A. Gemelli collaboratori posti letto 4

5 Il modello di riferimento ü La gestione strategica delle persone all interno di una azienda sanitaria presuppone il governo delle diverse fasi del ciclo di vita dei collaboratori. I sistemi gestionali sono chiamati a: Æ Attrarre Æ Allocare Æ Valutare Æ Premiare Æ Sviluppare Æ Trattenere Æ Congedare ü attraverso processi traversali che permettono: Æ di programmare all interno di un modello organizzativo Æ assicurando una corretta amministrazione dei contratti di lavoro Æ utilizzando procedure ICT 5

6 Modello di riferimento 6

7 Il focus sui processi ALLOCARE E VALUTARE La definizione degli organici (i carichi di lavoro vs requisiti di accreditamento) La definizione dei profili di ruolo (Modelli di competenze/ famiglie professionali) Meccanismi di valutazione delle posizioni e della performance SVILUPPARE Gestione del piano di formazione e Lo sviluppo del dossier formativo 7

8 Le aree di interesse Aree Ente Fondazione Opera S. Camillo Fondazione Maddalena Grassi Area Formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi Policlinico A. Gemelli Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo- Veneta Fondazione Poliambulanza Area Allocazione/Valutazione/ Compensa5on IRCCS Oasi di Troina Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo- Veneta Fondazione Opera S. Camillo 8

9 I meeting Meeting #1 (12/2/2014) Il gruppo di lavoro Ce.Ri.S.Ma.S. presenta le best practices nazionali ed internazionali Ogni istituzione presenta i processi HR su cui intende lavorare Si giunge alla puntuale definizione dell ambito di ricerca Meeting #2 (20/2/2014) Il gruppo di lavoro Ce.Ri.S.Ma.S. presenta il proprio protocollo di ricerca per la conduzione dei focus group, suddivisi in due sessioni (una mattutina, una pomeridiana). Le istituzioni partecipanti (ad una delle due sessioni) prendono parte al focus group Si giunge ad una mappatura della situazione AS IS e si valutano le prime criticità emerse Meeting #3 (18/3/2014) Il gruppo Ce.Ri.S.Ma.S. alla luce della gap analysis (confronto tra best practices e situazione AS IS nei singoli processi) presenta un assessment report individuale (per ente) ed uno complessivo; Meeting #4 (9/42014) Analisi delle proposte di percorsi di sviluppo; I membri del tavolo condividono le reciproche roadmaps e le priorità, esplicitando minacce e opportunità del cambiamento che intendono intraprendere 9

10 COME SELEZIONARE, ALLOCARE E VALUTARE LE PERSONE NELL ORGANIZZAZIONE? 10

11 Allocazione ü Riguarda metodologie e strumenti di HRM volti a migliorare le scelte aziendali che riguardano il dimensionamento qualitativo e quantitativo delle risorse umane ü Il termine anglosassone utilizzato è «workforce planning» Æ Workforce planning is the strategic alignment of an organization s human capital with its business direction. It is a methodical process of analyzing the current workforce, determining future workforce needs, identifying the gap between the present and future, and implementing solutions so the organization can accomplish its mission, goals, and objectives (International Personnel Management Association, 2002). ü Tre sono gli approcci più diffusi nella letteratura e utilizzati in ambito organizzativo Æ Approccio «Workforce» Æ Approccio «Workload» Æ Approccio «per Competenze» 11

12 Dalle famiglie professionali alle competenze Gestione delle carriere, compensation, formazione-sviluppo 12

13 La valutazione (le 3P a 360 ) Superiori Persona Pari Auto valutazione Pazienti Collaboratori Posizione Prestazione 13

14 Strumenti per la valutazione e la retribuzione Valutazione della posizione Valutazione della persona Valutazione della performance Job description Job analysis Job ranking Metodo del punteggio Medoto Hay Approccio per competenze Dizionario delle competenze e skills Assessment center Valutazione a 360 MbO BSC Schede di valutazione Distribuzione forzata Liste di controllo 14

15 Scheda Esperienza (Valutazione): Fondazione Opera S. Camillo Contesto 18 strutture in 7 Regioni, collaboratori (ospedali per acuti, ambulatori, RSA, riabilitazione, centri diurni) Criticità economico-finanziarie e fase di riduzione progressiva del personale Molteplicità di contratti di lavoro (7) Molteplicità delle sedi e approcci eterogenei alla gestione delle persone Cultura manageriale non consolidata, approccio paternalistico nella valutazione Stato dell arte Priorità Strumenti implementati differenziati (alcuni esempi di job description) Regole gestionali diverse (es. calcolo ferie, ore formazione) in corso di omogeneizzazione Investimento rilevante effettuato sui principali processi di amministrazione del personale (ICT) Legare la strategia aziendale e i nuovi modelli organizzativi all apporto delle risorse umane Sviluppare un modello per competenze Individuazione famiglie professionali Elaborazione dizionario delle competenze per famiglia professionale Sviluppare i profili di ruolo delle posizioni apicali delle strutture locali per gestire selezione, allocazione, formazione e valutazioni in modo integrato 15

16 Scheda Esperienza (Valutazione) Fondazione Poliambulanza Contesto Stato dell arte Priorità 2 strutture nella città di Brescia collaboratori (Istituto Ospedaliero, Poliambulanza Centro Poliambulatorio) Attività di ricovero ordinario, ricovero diurno, diagnostica strumentale e specialistica ambulatoriale Criticità culturale in merito all acquisizione di fiducia e familiarità nei confronti del sistema di valutazione Valutazione della posizione: Job Description per tutta la popolazione aziendale Valutazione delle persone: Schede di valutazione delle competenze richieste per i profili non medici: punteggio minimo per ogni competenza, in relazione a profilo e anzianità personale; Per personale medico schede volte ad effettuare una valutazione della performance ma attualmente assimilabili ad una valutazione delle persone Valutazione della performance: MbO per Direttori Dip./U.O./Ufficio, Coordinatori di Area Infermieristica, in fase iniziale Sistema di valutazione finalizzato all ottenimento dell accreditamento JCI Evoluzione dell attuale approccio per competenze (individuazione famiglie professionali, ruoli chiave, profili di ruolo, dizionario delle competenze) Sviluppo di un approccio BSC per la valutazione delle performance Ancoraggio del sistema di valutazione delle performance ai profili di ruolo Integrazione del sistema MbO con l approccio BSC: progettazione del processo di negoziazione obiettivi e definizione dei coefficienti di incentivazione e livelli di risultato 16

17 Scheda esperienza (Valutazione) Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio - Fatebenefratelli Provincia Lombardo Veneta Contesto Stato dell arte Priorità 11 strutture in tutta la provincia Lombardo-Veneta (RSA, psichiatria, strutture per acuti, riabilitazione) dipendenti e 300 collaboratori esterni Metodo Workload per determinazione del fabbisogno aziendale Job Description e Job Analysis approfondite per tutti i ruoli operativi Dizionario delle competenze e dizionario delle skills, per descrivere il ruolo di personale non medico e personale amministrativo Valutazione per competenze non ancora estesa a tutte le strutture MbO per tutti i dirigenti, per Direttori Amministrativi e Direttori Sanitari all interno dei Presidi, per i Direttori di Dipartimento e di U.O. Progetto Data Warehouse per successiva attivazione di un sistema BSC (inizialmente pilota) Sviluppo di un approccio BSC per la valutazione delle performance Riprogettazione del ciclo di gestione del personale (individuazione famiglie professionali, dizionario delle competenze per ogni famiglia professionale) Integrazione del sistema MbO con approccio BSC (progettazione di un sistema di pesatura degli obiettivi e definizione dei coefficienti di incentivazione e livelli di risultato) 17

18 Scheda esperienza (Valutazione) Irccs Oasi Maria SS. - Troina Contesto Stato dell arte Priorità Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico nella provincia di Enna 650 operatori Contrattualizzazione delle aree non dirigenziali con ARIS/AIOP; area dirigenziale contrattualizzazione su modello pubblico Situazione di negoziazione con i sindacati a causa dei contratti scaduti Criticità sindacali per l assegnazione d ufficio della retribuzione variabile e criticità culturale sulla valutazione delle performance (resistenze da parte di valutatori) Valutazione della posizione tramite metodo del punteggio: pesatura contrattuale lega parte della retribuzione variabile alla posizione; ulteriore pesatura a seconda di complessità, tipo di attività e di processo gestito Compensation dell area amministrativa non prevede una parte variabile Pesatura revisionata in base a strategia aziendale e domanda sanitaria Valutazione della performance non effettuata, sebbene sia stato introdotto un modello di assegnazione di obiettivi a livello dipartimentale; Obiettivi quantitativi (attività, organizzazione, gestione RU, partecipazione obiettivi aziendali) Variabilità retributiva sulla base del raggiungimento degli obiettivi (sistema Mbo) Progettazione di un ciclo di gestione del personale Individuazione famiglie professionali Elaborazione dizionario delle competenze Ancoraggio del sistema di valutazione delle performance alle competenze 18

19 Analisi comparativa valutazione Aree di valutazione Valutazione della posizione Strumenti di valutazione Irccs Oasi Maria S.S. Fondazione Opera San Camillo Job description Job analysis Job ranking Metodo del punteggio Comparazione dei fattori Ordine Ospedaliero Fondazione Fatebenefratell Poliambulanza i Approccio per competenze MLP MLP +MP Valutazione della persona Dizionario competenze MLP BP +MP Dizionario skills Assessment center e Valutazione a 360 BMP Scheda di valutazione Valutazione della performance Metodo del confronto Distribuzione forzata MbO +BP +BMP BSC BP BMP 19

20 Le buone pratiche Una piattaforma ICT per l amministrazione e la gestione del personale (Fondazione Opera S. Camillo) Job description e job analysis dettagliate e diffuse su tutte le posizioni (Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio e Fondazione Poliambulanza) Valutazione delle competenze ed MbO per i dirigenti (Fondazione Poliambulanza) Valutazione delle posizioni dirigenziali (Irccs Oasi di Troina) 20

21 Priorità di intervento: Valutazione-Allocazione Avvio, sviluppo di un sistema di gestione per competenze Dizionario delle competenze caratterizzati per famiglia professionale Elaborazione di profili di ruolo Sviluppo sistema di valutazione delle performance integrando approccio MbO e BSC Prima introduzione partendo dai dirigenti Allargamento degli strumenti adottati a nuove famiglie professionali 21

22 LE BEST PREATICE COME SVILUPPARE E FORMARE LE PERSONE? 22

23 L evoluzione dei modelli di governo della formazione ü Dall approccio operativo ( fare le cose bene ) all approccio strategico ( fare bene le cose giuste ) Æ Qualità/Costo vs Valore Æ Contributo alle performance aziendali ü Dai programmi formativi ai processi formativi complessivamente afferenti alla funzione formazione ü Il superamento del cd. micro-macro gap nella gestione della formazione (multi-level perspective) (Kozlowski et. al, 2000) Æ «A goal of training is to enhance organizational effectiveness Æ but the models, methods, and tools of training basically focus on the individual level» Livello individuale, gruppo e aziendale 23

24 La gestione della complessità Training practices Learning (competence) outcome Organizational outcome Forme di allineamento strategico - Vertical fit - Horizontal fit - Intrapractice fit 24

25 Scheda esperienza (Formazione) Policlinico A. Gemelli Contesto 2 distinti poli ospedalieri (Policlinico Gemelli, Complesso Integrato Columbus) ppll, 3679 dipendenti del policlinico, 953 dipendenti della facoltà Elevato numero di ore di formazione obbligatoria Resistenze culturali e di sistema Stato dell arte Valenza operativa dei processi di formazione e sviluppo Periodo di forte innovazione strategica ma difficoltà nell allinearvi i percorsi formativi Vertical fit in fase di sviluppo (introduzione di formazione sul campo per incoraggiare multidisciplinarietà) Sviluppo di dizionario delle competenze e skill per profili infermieristici ma scarso coordinamento con percorsi formativi Analisi organizzativa frammentata Analisi individuale da sviluppare (è in fase di sviluppo un sistema informatico di tracciabilità dei percorsi formativi) Assenza dossier formativo Diffusi questionari di gradimento e di apprendimento Priorità Creazione di un sistema di analisi bottom-up e top-down più sistematico Sviluppo rete referenti/facilitatori della formazione Integrazione funzione formazione con SITRA e allineamento della formazione con altre leve di GRU Sviluppo sistema informativo Sviluppo della valutazione della ricaduta ed impatto della formazione Dossier formativo 25

26 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Opera S. Camillo Contesto Stato dell arte Priorità (supra) Approccio strategico alla gestione della formazione, in integrazione con il sistema di pianificazione e budgeting Focalizzazione sui processi di vertical e intra-practice fit Presenza di un piano formativo integrato Presenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Dai referenti della formazione alla rete dei referenti della formazione Utilizzo del dizionario delle competenze per lo sviluppo dei piani formativi (focus horizontal fit) Sviluppo del dossier formativo (inteso prima core learning portfolio e poi come competence portfolio) Completamento degli strumenti di governo strategico mediante il potenziamento degli strumenti di valutazione (dalla valutazione di gradimento e di apprendimento alla valutazione di ricaduta e di impatto) 26

27 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Maddalena Grassi Contesto Stato dell arte Priorità Costituzione nel 1991 Cultura organizzativa coesa rispetto ai valori fondanti (250 collaboratori) Modello organizzativo organicistico Servizi domiciliari e residenziali Rilevanza dei processi formativi interni ed esterni Forte enfasi alla valutazione ex ante del contributo che i processi formativi possono offrire alla soddisfazione delle esigenze espresse ai diversi livelli organizzativi (direzione, servizi, equipe, professionisti) Processo di pianificazione formativa partecipato (formazione anche come responsabilità individuale) che sfocia nella costruzione del piano formativo Focalizzazione sui processi di vertical e intra-practice fit Presenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Utilizzo del dizionario delle competenze per lo sviluppo del piano formativo (focus horizontal fit) Sviluppo del dossier formativo (inteso prima come learning portfolio e poi come competence portfolio) Completamento degli strumenti di governo strategico mediante il potenziamento degli strumenti di valutazione (dalla valutazione di gradimento e di apprendimento alla valutazione di ricaduta e di impatto) 27

28 Scheda Esperienza (Formazione): Fondazione Don Carlo Gnocchi Contesto Stato dell arte Priorità 8 Poli, diffusi in 9 regioni, per un totale di 29 centri e 30 ambulatori territoriali, collaboratori (3.602 posti letto di degenza ordinaria e day hospital, servizi territoriali) Rilevanza dei processi di ricerca e formativi, oltre che clinico-assistenziali Approccio strategico alla gestione della formazione, legato al sistema di pianificazione aziendale, sviluppato con un processo integrato centro-periferia Sviluppo prevalente di processi di vertical e intra-practice fit Presenza di un piano formativo integrato Presenza in prevalenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Presenza del dossier formativo con funzioni di rendicontazione formativa ex post Completamento del dossier formativo dalla sola funzione di rendicontazione a quella di pianificazione formativa (learning portfoflio) Potenziamento degli strumenti di valutazione di ricaduta e di impatto Sviluppo di processi di gestione strategica delle competenze (dizionario delle competenze a supporto dei processi di horizontal fit, competence portfolio con funzione di valutazione delle competenze e pianificazione delle azioni di sviluppo) 28

29 Scheda Esperienza (Formazione): Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Provincia Lombardo-Veneta Contesto Stato dell arte Priorità (supra) Gestione della formazione in integrazione con il sistema di pianificazione, che sfocia in un piano formativo integrato Numerosità dei soggetti coinvolti nel processo di pianificazione formativa (così da valorizzare sia la promozione del carisma, sia il supporto alla realizzazione di obiettivi organizzativogestionali) Focus prevalente sui processi di vertical e horizontal fit In corso di costruzione dizionario delle competenze, a cui legare anche i processi di formazione In corso di costruzione dossier formativo individuale e di gruppo Prevalenza di strumenti di valutazione del gradimento e dell apprendimento Completamento dei processi di gestione strategica delle competenze, così da valorizzare anche i processi di horizontal fit Completamento del dossier formativo individuale e di gruppo inteso come learning portfolio e suo sviluppo in termini di competence portfolio Sviluppo di strumenti e processi di valutazione di ricaduta e di impatto 29

30 Analisi comparativa formazione (1/2) Processi di governo strategico della formazione (approccio learning-based) Analisi dei fabbisogni formativi a livello aziendale in integrazione con il sistema di goal setting aziendale (organizational analysys) Analisi dei fabbisogni formativi a livello aziendale in integrazione con i sistemi di gestione della qualità/rischio clinico (organizational analysis) Analisi dei fabbisogni formativi a livello di ruolo (job analysis) Analisi dei fabbisogni formativi individuali (person analysis) Progettazione formativa (instructional strategy) Reportistica attività svolte, gradimento e apprendimento Sviluppo della rete referenti/facilitatori della formazione Utilizzo della reportistica formazione a supporto del trasferimento dell apprendimento IRCCS Oasi Maria S.S. Fondazione Don Carlo Gnocchi Fondazione Maddalena Grassi Fondazione Opera San Camillo Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli Policlinico Gemelli BP LP BP LP LP LP BP Valutazione ricaduta/impatto LP BP LP LP LP BP DF individ./gruppo (learning port.) BP BP BP MLP BP LP 30

31 Analisi comparativa formazione (2/2) Processi di governo strategico della formazione (approccio competence-based) Individuazione famiglie professionali aventi rilevanza strategica Individuazione competenze trasversali aventi rilevanza strategica IRCCS Oasi Maria S.S. Fondazione Don Carlo Gnocchi Fondazione Maddalena Grassi Fondazione Opera San Camillo Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli Policlinico Gemelli BP LP LP LP BP BP BP LP LP LP BP LP Individuazione profili di ruolo BP LP LP LP BP BP Competence assessment (auto vs etero-valutazione) BP LP LP LP BP LP Definizione di piani individuali e trasversali di sviluppo delle competenze BP LP LP LP BP BP DF individ./gruppo (compet. port.) BP LP LP LP BP LP Governo integrato della formazione con i restanti processi HRM BP LP MLP LP BP LP 31

32 Le buone pratiche L approccio strategico (Fondazione Don Gnocchi, Opera S. Camillo, Fondazione Poliambulanza, Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio) Il piano formativo integrato (Opera San Camillo, Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio, Fondazione Maddalena Grassi) Il dossier formativo in costruzione (Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio, Irccs Oasi Maria SS. di Troina) I sistemi di valutazione di apprendimento e gradimento (Fondazione Maddalena Grassi) 32

33 Priorità di intervento: Formazione 33

34 LA VIA PER IL CAMBIAMENTO 34

35 La via per il cambiamento Fattori abilitanti ü Valori di riferimento comuni ü Committment della struttura manageriale ü La questione economica ü Sistemi contabili e gestionali ben strutturati (soprattutto nella valutazione) ü Supporto dell ICT Fattori ostativi ü Lo spazio della cultura manageriale ü Valutazione paternalistica vs valutazione obiettiva sui numeri ü L elemento sindacale ü L eterogeneità territoriale e contrattuale (per le strutture multi-sede) 35

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE Laureanda: Relatore: Martina Orlando

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM (LA BOZZA DI LAVORO E STATA PREDISPOSTA DALLA SEGRETERIA SULLA BASE DEL DOCUMENTO CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER E LA FORMAZIONE

Dettagli