CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso"

Transcript

1 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel territorio della provincia di Catania Articolo 1, comma 1011, della legge 27 dicembre 2006, n Premessa Il comma 1011, articolo unico, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (di seguito legge Finanziaria 2007) prevede espressamente che Ai soggetti destinatari dell ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 giugno 2005, n interessati dalla proroga dello stato di emergenza nella provincia di Catania, stabilita per l anno 2006 con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 dicembre 2005 è consentita la definizione della propria posizione entro il 30 giugno 2007, relativamente ad adempimenti e versamenti, corrispondendo l ammontare dovuto per ciascun tributo e contributo a titolo di capitale, al netto di versamenti già eseguiti a titolo di capitale ed interessi, diminuito al 50 per cento, ferme restando le vigenti modalità di rateizzazione. Il susseguirsi nel tempo di diversi provvedimenti sia di sospensione che di ripresa degli adempimenti e dei versamenti ha generato nei soggetti destinatari alcune incertezze in merito al corretto assolvimento degli obblighi di natura contributiva e tributaria. Ciò ha indotto il legislatore a rimettere in termini i soggetti che, essendosi legittimamente avvalsi della sospensione, al termine della stessa non hanno provveduto al pagamento della prima e/o delle successive rate alle scadenze individuate, da ultimo, rispettivamente dall ordinanza del

2 2 Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 giugno 2005, n per i contributi, e dal decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 17 maggio 2005 per i tributi. 2. Soggetti interessati Ai sensi del citato comma 1011, possono avvalersi della definizione agevolata in esame i soggetti interessati dalla proroga dello stato di emergenza nella provincia di Catania destinatari dell ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 giugno 2005, n. 3442, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 139 del 17 giugno La predetta ordinanza individuava i soggetti beneficiari della sospensione con riferimento ai contributi ed ai premi e non con riferimento agli adempimenti ed ai versamenti tributari la cui sospensione era regolata, invece, dal decreto ministeriale del 14 novembre 2002 e dai provvedimenti successivi che ne hanno disposto la proroga. I soggetti individuati dalla citata ordinanza n erano quelli residenti in determinati comuni della provincia di Catania, ivi compresi Giarre, Sant Alfio ed Acicatena. Questi tre comuni, invece, non sono contemplati dal DM 14 novembre 2002 ai fini della sospensione degli obblighi di natura fiscale, né dai provvedimenti successivi che hanno disposto la proroga della predetta sospensione (in ultimo, dal dm 17 maggio 2005 che ha disciplinato, a partire dal 16 dicembre 2005, la ripresa degli adempimenti e dei versamenti). Stante la non coincidenza dell ambito applicativo definito dalla ordinanza n citata con quello del decreto ministeriale 14 novembre 2002, a beneficio dei comuni di Giarre, Sant Alfio ed Acicatena, prima della finanziaria 2007, operava solo la sospensione degli obblighi di natura previdenziale ed assistenziale ma non quella degli obblighi di natura fiscale. Il comma 1011 della legge finanziaria per il 2007, come premesso, introducendo le nuove modalità di definizione agevolata relativamente a tributi e contributi, fa espresso riferimento ai soggetti destinatari dell ordinanza n.

3 Il rinvio a tali soggetti, operato genericamente senza distinguere tra tributi e contributi, va interpretato nel senso che possono beneficiare della definizione tutti i soggetti che, alla data del 29 ottobre 2002, avevano la residenza, la sede legale o operativa nei comuni individuati dall articolo 1 della citata ordinanza, ivi compresi, quindi, quelli aventi la residenza, sede legale o operativa nei comuni di Giarre, Sant Alfio e Acicatena. 2.1 Sostituti d imposta Con riferimento ai sostituti d imposta, occorre distinguere l ipotesi in cui sulle somme erogate questi ultimi, per effetto dell articolo 1, comma 3, del decreto ministeriale del 14 novembre 2002, non abbiano operato le ritenute previste dagli articoli 23, 24, 25, 25-bis, 28, secondo comma, e 29 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, dall ipotesi in cui abbiano operato le predette ritenute, senza tuttavia effettuare il correlato versamento (ciò che è stato possibile, ad esempio, se il solo sostituto e non anche il sostituito era residente in uno dei comuni colpiti dal sisma). a) Nel primo caso, posto che il beneficio fiscale (sospensione dell obbligo di pagare i tributi) è stato riconosciuto direttamente al contribuente-sostituito, quest ultimo è anche il soggetto obbligato a provvedere al versamento dei tributi sospesi, anche se nel frattempo abbia cessato la propria attività lavorativa. Si ricorda, infatti, che ai sensi dell articolo 1, comma 3, del decreto ministeriale del 14 novembre 2002, disciplinante la sospensione dei termini relativi agli adempimenti degli obblighi tributari, il sostituto, indipendentemente dal suo domicilio fiscale, previa richiesta dei contribuenti beneficiari della sospensione, non doveva operare le ritenute alla fonte Nell eventualità che il sostituto d imposta, a seguito della ripresa della riscossione, abbia erroneamente provveduto ad effettuare e versare le ritenute relative al periodo di vigenza della sospensione, è ora tenuto a comunicare sia ai soggetti che hanno subito la ritenuta sia al competente ufficio dell Agenzia delle entrate, l ammontare delle ritenute trattenute e versate, nonché quelle ancora da versare. Sarà il contribuente (sostituito) a

4 4 dover eseguire il versamento delle somme ancora eventualmente dovute e a regolarizzare eventuali versamenti omessi, con possibilità di avvalersi della definizione agevolata in commento. b) Nell ipotesi in cui, invece, durante il periodo di sospensione il sostituto, avvalendosi della facoltà prevista con l articolo 1, commi 1 e 2, del decreto ministeriale 14 novembre 2002, non abbia versato le ritenute regolarmente operate, obbligato al versamento delle predette ritenute è lo stesso sostituto, il quale potrà avvalersi della definizione agevolata. 3. Modalità di regolarizzazione della posizione fiscale 3.1 Adempimenti L articolo 1, comma 3, del decreto ministeriale del 17 maggio 2005, nel disciplinare la ripresa degli adempimenti sospesi per effetto del sisma dell ottobre 2002 nel territorio della provincia di Catania, stabiliva che: Gli adempimenti tributari, diversi dai versamenti, non eseguiti per effetto della sospensione, sono effettuati entro il mese di gennaio Con l introduzione del comma 1011 dell articolo unico della legge Finanziaria 2007, i contribuenti che non hanno provveduto ad eseguire, entro il 31 gennaio 2006, gli adempimenti tributari sospesi possono regolarizzare la propria posizione, aderendo alla definizione agevolata entro il 30 giugno Versamenti L articolo 1, comma 2, del citato decreto ministeriale prevedeva che: I versamenti tributari non eseguiti per effetto della sospensione, che decorre dal 29 ottobre 2002 fino alla suddetta data del 15 dicembre 2005, sono effettuati in un unica soluzione entro il 16 dicembre 2005, ovvero a decorrere da tale data e senza aggravio di sanzioni e di interessi, mediante rateizzazione mensile pari, al massimo, ad otto volte il periodo della sospensione. Al fine di individuare il numero delle rate in cui poteva essere dilazionato il pagamento dei tributi sospesi occorre fare riferimento, pertanto, all intero periodo di sospensione, ammontante a

5 5 38 mesi (dal 29 ottobre 2002 al 15 dicembre 2005), con la conseguenza che il numero massimo di rate mensili, determinato singolarmente per ciascun tributo, non può essere superiore a 304 (38 X 8). Occorre evidenziare che il mancato pagamento della prima o di più rate del piano di rateizzazione definito ai sensi del citato comma 2, non ha determinato la decadenza dal beneficio della rateizzazione prevista dal decreto ministeriale del 17 maggio Con l entrata in vigore della legge finanziaria 2007, i contribuenti che non hanno versato la prima o unica rata entro il 16 dicembre 2005, ovvero più rate alle scadenze stabilite secondo il piano di rateazione prescelto, potranno sanare la propria posizione versando entro il 30 giugno 2007 l'ammontare dovuto per ciascun tributo a titolo di capitale, al netto dei versamenti già eseguiti a titolo di capitale ed interessi, diminuito al 50 per cento. Ad esempio, un contribuente con debito d imposta pari a euro, che abbia beneficiato della sospensione fino al 15 dicembre 2005 e, quindi, eseguito un pagamento parziale pari a 200 euro, potrà avvalersi della definizione in esame versando la somma di 400 euro, corrispondente al 50 per cento della differenza tra euro e 200 euro. Poiché la norma in commento consente di sanare gli omessi o tardivi versamenti ferme restando le vigenti modalità di rateizzazione, deve ritenersi che i contribuenti interessati alla predetta rateizzazione, fermo restando l obbligo di versare entro il 30 giugno 2007, il 50 per cento della differenza tra l ammontare delle rate scadute fino a tale data e l ammontare dei versamenti già eseguiti, possono dilazionare il pagamento delle successive rate non ancora scadute, versando alle scadenze stabilite un importo pari al 50 per cento di ciascuna rata. Si ipotizzi che un contribuente abbia scelto di rateizzare in 20 rate mensili un debito Iva sospeso pari a euro (20 rate di 200 euro ciascuna, dal 16 dicembre 2005 al 16 luglio 2007); nell ipotesi che abbia omesso il versamento di una delle rate intermedie (ad esempio quella del 16 gennaio 2006) può regolarizzare la propria posizione versando entro il 30 giugno 2007 l importo di

6 6 100 euro (50 per cento della rata non pagata di importo pari a 200 euro); l ultima rata residua del debito (corrispondente alla ventesima ed ultima mensilità) dovrà essere versata entro il 16 luglio per un importo pari a 100 euro (50 per cento dell importo della rata). Avuto riguardo alle finalità definitorie della norma in commento, si ritiene che l eventuale tardività dei versamenti effettuati entro la data del 30 giugno 2007 da parte dei soggetti che hanno beneficiato della sospensione possa ritenersi sanata e che pertanto, nei confronti degli stessi, non si procede all irrogazione delle relative sanzioni. Al fine di consentire, in modo corretto e trasparente, ai contribuenti la determinazione dell ammontare dell imposta da versare e all amministrazione finanziaria la possibilità di effettuare i necessari riscontri, entro il 30 giugno 2007 i contribuenti interessati presentano all Ufficio locale dell Agenzia delle entrate competente per territorio un apposita dichiarazione, resa su modello conforme a quello riportato in allegato alla presente circolare, contenente i seguenti dati: - ammontare dei tributi oggetto di definizione agevolata; - modalità di pagamento (se in unica soluzione o in forma rateizzata); - eventuale numero e importo delle rate. La stessa dichiarazione è presentata altresì dai contribuenti che alla data del 30 giugno 2007 abbiano già estinto il debito d imposta eseguendo i relativi versamenti tardivamente. 3.3 Ravvedimento operoso L ultimo periodo del comma 1011 dispone che per il ritardato versamento dei tributi e contributi di cui al presente comma si applica l istituto del ravvedimento operoso di cui all articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, e successive modificazioni, ancorché siano state notificate cartelle esattoriali. La disposizione in commento consente ai contribuenti interessati dagli eventi sismici che abbiano aderito alla procedura di definizione agevolata di cui

7 7 al comma 1011 in esame, di avvalersi dell istituto del ravvedimento operoso di cui all articolo 13 del d.lgs. n. 472 del Il ravvedimento operoso potrà riguardare tutte le rate del piano di pagamento, ad eccezione di quella in scadenza il 30 giugno 2007, comunque dovuta a comprova della volontà di aderire alla procedura agevolata. Particolare rilievo assume, in proposito, la disposizione recata dall ultimo periodo del citato comma 1011, secondo cui, in deroga all art. 13 comma 1, del d.lgs. n. 472 del 1997, la disposizione è applicabile al ritardato versamento dei tributi e contributi in argomento ancorché siano state notificate le cartelle di pagamento. Con la conseguenza che il contribuente potrà avvalersi, con riferimento ai relativi ruoli, del ravvedimento operoso, provvedendo al pagamento del 50 per cento dell importo del tributo inscritto (corrispondente all importo delle rate non tempestivamente versate), dell intero ammontare degli interessi inscritti a ruolo, nonché della sanzione per omesso o tardivo versamento (pari al trenta per cento dell imposta non versata) ridotta ad un ottavo (ossia 3,75 per cento) se il versamento avviene entro trenta giorni ovvero ad un quinto (ossia 6 per cento) se il versamento viene effettuato entro un anno dalla scadenza della rata. 4. Codici tributo Per il pagamento dei tributi oggetto di regolarizzazione si ricorda, infine, che l Agenzia delle Entrate in data 27 marzo 2003, con un comunicato stampa, ha informato i contribuenti che i codici tributo da utilizzare per l effettuazione dei versamenti dei tributi che hanno formato oggetto della sospensione, sono quelli utilizzati in via ordinaria mediante il modello F24. Nell ipotesi di tributi iscritti a ruolo il versamento è eseguito presso il concessionario della riscossione.

8 genzia ntrate COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DELLA DEFINIZIONE DEI VERSAMENTI SOSPESI A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI E VULCANICI DELL OTTOBRE 2002 NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CATANIA (art. 1, comma 1011, della legge 27 dicembre 2006, n. 296) CODICE FISCALE DATI DEL CONTRIBUENTE PARTITA IVA SOSTITUTO D IMPOSTA Persone fisiche Cognome Data di nascita Comune (o Stato estero) di nascita Nome Sesso (barrare la relativa casella) M F Provincia (sigla) Comune Residenza anagrafica o (se diverso) Domicilio fiscale Tipologia (via, piazza, ecc.) Indirizzo Provincia (sigla) Codice comune Numero civico Frazione C.a.p. Stato estero di residenza Codice Stato estero Numero di identificazione IVA Stato estero Soggetti diversi dalle persone fisiche Sede legale Denominazione o ragione sociale Natura giuridica Comune Provincia (sigla) Codice comune C.a.p. Tipologia (via, piazza, ecc.) Indirizzo Numero civico Frazione Domicilio fiscale (se diverso dalla sede legale) Comune Tipologia (via, piazza, ecc.) Indirizzo Provincia (sigla) Codice comune Numero civico Frazione C.a.p. Stato estero di residenza Codice Stato estero Numero di identificazione IVA Stato estero Periodo d imposta Anno 200 Tributo Modalità di pagamento TRIBUTO Codice tributo Importo IRPEF Addizionale comunale all IRPEF Addizionale regionale all IRPEF IRPEG/IRES IRAP IVA Altri tributi Altri tributi TOTALE Pagamento in un unica rata versamento del importo versato Pagamento rateale numero rate numero rate versate importo versato numero rate da versare importo da versare

9 CODICE FISCALE Periodo d imposta Anno 200 Tributo Modalità di pagamento TRIBUTO Codice tributo Importo IRPEF Addizionale comunale all IRPEF Addizionale regionale all IRPEF IRPEG/IRES IRAP IVA Altri tributi Altri tributi TOTALE Pagamento in un unica rata versamento del importo versato Periodo d imposta Anno 200 Tributo Modalità di pagamento Pagamento rateale numero rate numero rate versate importo versato numero rate da versare importo da versare TRIBUTO Codice tributo Importo IRPEF Addizionale comunale all IRPEF Addizionale regionale all IRPEF IRPEG/IRES IRAP IVA Altri tributi Altri tributi TOTALE Pagamento in un unica rata versamento del importo versato Periodo d imposta Anno 200 Tributo Modalità di pagamento Pagamento rateale numero rate numero rate versate importo versato numero rate da versare importo da versare TRIBUTO Codice tributo Importo IRPEF Addizionale comunale all IRPEF Addizionale regionale all IRPEF IRPEG/IRES IRAP IVA Altri tributi Altri tributi TOTALE Pagamento in un unica rata versamento del importo versato Pagamento rateale numero rate numero rate versate importo versato numero rate da versare importo da versare FIRMA Data FIRMA

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione Roma, 17-07-2012 Messaggio n. 12007 OGGETTO: Sisma Abruzzo del 6 aprile 2009 - ripresa degli adempimenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE N. 2010/ 151122 Ripresa degli adempimenti tributari non eseguiti per effetto della sospensione disposta in seguito agli eventi sismici del 6 aprile 2009 che hanno colpito il territorio della regione Abruzzo

Dettagli

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N.31/E Roma, 2 luglio 2009 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3780 del 6 giugno 2009 Ripresa degli adempimenti e dei versamenti-

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 13 agosto 2010 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti 2 INDICE 1 Soggetti fuori cratere.

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ragioneria della Struttura Amministrativa Centrale Il Dirigente

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ragioneria della Struttura Amministrativa Centrale Il Dirigente Allegato alla Circolare n. 10/2008 Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ragioneria della Struttura Amministrativa Centrale Il Dirigente Oggetto: articolo 48-bis del DPR 29 settembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2011 DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI A decorrere dal 1 Gennaio 2011 sono entrate in vig ore nuove limitazioni per le compensazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 296/E

RISOLUZIONE N. 296/E RISOLUZIONE N. 296/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di calcolo degli interessi moratori dovuti

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI. CIRCOLARE n. 08/2011

Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI. CIRCOLARE n. 08/2011 Pesaro, lì 28 febbraio 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI CIRCOLARE n. 08/2011 1 - Tutto pronto per la compensazione debiti erariali iscritti a ruolo: 1.1 Divieto compensazione dei crediti in presenza

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE: N. 117261 /2009 protocollo Approvazione delle modalità di effettuazione della comunicazione di adesione ai contenuti degli inviti al contraddittorio ai fini delle imposte dirette e I.V.A. nonché delle

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO Modello F24 euro 27-11-2001 14:17 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data

Dettagli

La notizia in breve. UNICO 2011: è ufficiale la proroga dei versamenti

La notizia in breve. UNICO 2011: è ufficiale la proroga dei versamenti a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 187 FISCAL FLASH La notizia in breve 14.05.2011 UNICO 2011: è ufficiale la proroga dei versamenti Categoria Dichiarazione Sottocategoria

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati Circolare 2/2011 Compensazione crediti in presenza di ruoli Rovereto, 28 marzo 2011 Spett. Clienti Loro Sedi Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati La manovra correttiva

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 16 del 21 marzo 2011 DL 29.12.2010 n. 225 (c.d. milleproroghe ) convertito nella L. 26.2.2011 n. 10 - Novità in materia di agevolazioni INDICE 1 Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Finanziamento agevolato per il sisma del maggio 2012 Pagamenti senza sanzioni per le somme dovute fino al 15 novembre 2013 Pronto il modello da inviare entro il prossimo

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

Modello di comunicazione dell adesione ai verbali di constatazione

Modello di comunicazione dell adesione ai verbali di constatazione Modello di comunicazione dell adesione ai verbali di constatazione L'Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 10/09/2008 ha approvato il modello di comunicazione, con le relative istruzioni, per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI NUOVI LIMITI ALLA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI PER RUOLI SCADUTI prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di. riferimento TOTALE

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di. riferimento TOTALE genzia ntrate MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data di nascita giorno mese anno DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO

Dettagli

NOVITÀ IMU E TARES: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF

NOVITÀ IMU E TARES: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF NOVITÀ IMU E TARES: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF Artt. 13 e 14, DL n. 201/2011 Art. 10, DL n. 35/2013 Circolare MEF 29.4.2013, n. 1/DF Informativa SEAC 10.4.2013, n. 96 Recentemente il MEF è intervenuto

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Aldrovandi. Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal

Aldrovandi. Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal Circolare n. 24 Marzo 2013 Oggetto: I recenti provvedimenti che interessano i soggetti colpiti dal sisma del maggio 2012 Con precedenti informative, alle quali si rinvia, avevamo dato conto della possibilità,

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014 STUDIO INTERPROFESSIONALE 20121 Milano, Via Pozzone 1 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.043.82 - Fax 02.967.026.50 www.interprofessionale.net

Dettagli

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV)

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di riferimento

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di riferimento genzia ntrate MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data di nascita sesso (M o F) giorno mese anno DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 OGGETTO: Remissione in bonis Articolo 2, commi 1, 2, 3 e 3-bis, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 (c.d. Decreto semplificazioni

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Nella evoluzione delle procedure in materia di riscossione, a seguito

Dettagli

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 2015/41186 Estensione delle modalità di pagamento delle somme dovute dal contribuente a seguito di notifica di avviso di accertamento per inosservanza della normativa catastale, in applicazione

Dettagli

Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga

Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stato firmato il Decreto che prevede lo spostamento dei termini, dal 18

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto il decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147, recante misure per la crescita e la internazionalizzazione delle imprese, e in particolare l articolo 2,

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

Nota operativa n. 21 e, p.c.

Nota operativa n. 21 e, p.c. Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Credito, Investimenti e Patrimonio Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Sistemi informativi,

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 novembre 2015, con il commento dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE Circolare 15 del 12 giugno 2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 Premessa... 3 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 3 2.1 Contribuenti interessati...

Dettagli

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna. Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento COMUNE DI RIESI (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Articoli del Regolamento Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

sull Imposta di soggiorno

sull Imposta di soggiorno 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull Imposta di soggiorno Approvato con Deliberazione del C.C. n. 56 del 21.12.2011 Modificato con Deliberazione del C.C. n. 70 del 21.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE SCADENZARIO PER LE ASD Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così come stabilito dall art.7

Dettagli

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF

ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF ACCONTO PER L ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF La Finanziaria 2007, con il comma 142 dell articolo 1, ha introdotto il versamento in acconto dell addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche.

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA A cura di Sebastiano Barusco I SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche Società di persone Società di capitali IRRILEVANZA SOGGETTIVITÀ CONTRIBUENTE 2 LE CONDIZIONI TIPOLOGIA

Dettagli

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 9/2011 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Erogazioni a partiti politici: novità in materia di detrazione IRES e IRPEF

Erogazioni a partiti politici: novità in materia di detrazione IRES e IRPEF Erogazioni a partiti politici: novità in materia di detrazione IRES e IRPEF Il legislatore, con la Legge 6 luglio 2012 n. 96 recante, tra l altro, norme in materia di riduzione dei contributi pubblici

Dettagli

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott.

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott. 8.2016 Giugno PROROGHE VERSAMENTI per i contribuenti con Studi di settore Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI INTERESSATI DALLA PROROGA DEI VERSAMENTI... 2 2.1 Soci di società e associazioni trasparenti...

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Roma, 17 giugno 2008 RISOLUZIONE N. 247/E

Roma, 17 giugno 2008 RISOLUZIONE N. 247/E RISOLUZIONE N. 247/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del - BANCA ALFA Condono sisma Sicilia 1990 restituzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i

D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 21/01/2011 Circolare n. 3-2011 AI GENTILI

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 Sono riportate le istruzioni complete riguardanti tale modello. A pagina 4 sono riportate le istruzioni specifiche relative alla SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI

Dettagli

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO RISOLUZIONE N.80/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 luglio 2012 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fatture di importo inferiore a 300,00 euro - Annotazione cumulativa anche

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli