LA SALUTE DELL OSSO. Come sostenere la salute delle ossa nella terza età

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SALUTE DELL OSSO. Come sostenere la salute delle ossa nella terza età"

Transcript

1 LA SALUTE DELL OSSO Come sostenere la salute delle ossa nella terza età Con il supporto non condizionante di Iniziativa promossa da

2

3 INDICE INDICE IL PERICOLO DELLE CADUTE E DELLE FRATTURE 4 Le ossa dell anziano 4 Il pericolo delle fratture fratture di femore ogni anno 6 I costi elevati delle fratture 6 Il pericolo è dietro la porta di casa 7 Prevenzione del rischio di cadute 7 CONOSCERE L OSTEOPOROSI 9 Come è fatto un osso 9 Le ossa sono vive 9 Il rimodellamento dell osso 10 Una malattia silenziosa 11 Il rischio di osteoporosi aumenta con l età 11 Altri fattori di rischio per l osteoporosi 12 Principali esami utili per diagnosticare l osteoporosi 12 Quali sono i sintomi? 15 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI 16 Calcio e vitamina D 16 Attenzione al peso 19 Evitare alcool e fumo 20 Attività fisica 21 Cura dell osteoporosi 23 3

4 Le ossa si rinnovano continuamente ma purtroppo, con il passare degli anni, vanno comunque incontro a una maggiore fragilità che predispone al rischio di fratture. Questo pericolo è particolarmente rilevante nella persona anziana, perché è anche a maggior rischio di cadute. Purtroppo con l età non solo aumenta il rischio di fratturarsi, ma anche la gravità delle fratture, con possibili conseguenze gravi sia per la qualità di vita (possibile invalidità e ridotta autonomia) sia per la salute generale (aumentato rischio di mortalità). IL PERICOLO DELLE CADUTE E DELLE FRATTURE LE OSSA DELL ANZIANO Le ossa della persona anziana (dopo i 65 anni di età) subiscono una naturale evoluzione - in buona parte dovuta essenzialmente all età - che le rendono meno solide ed elastiche. In definitiva, le ossa della persona anziana sono meno resistenti agli urti e al sostegno del peso del corpo. La ridotta resistenza agli urti è particolarmente evidente a livello del femore, che può andare facilmente incontro a una frattura a seguito di una caduta, e a livello delle vertebre che, soprattutto a seguito di un trauma ma anche spontaneamente, tendono a schiacciarsi. La notevole variazione di resistenza delle ossa di un anziano rispetto a quelle di un giovane è ben evidenziata dal grafico che segue, dove la capacità di resistenza dell osso è misurata in Newton, che esprime la capacità dell osso di sopportare un determinato peso. La situazione di minore resistenza dell osso, e quindi di maggiore fragilità, è una condizione conosciuta con il termine di osteoporosi, che descriveremo meglio più avanti. 4

5 IL PERICOLO DELLE CADUTE E DELLE FRATTURE LA RESISTENZA OSSEA COMPLESSIVA DIMINUISCE SENSIBILMENTE CON L ETÀ Resistenza ossea complessiva (Newtons) Femore (caduta laterale) giovane anziano Vertebra lombare (compressione) giovane anziano Courtney et al. Bone Joint SurgAm 1995; 77: Mosekilde. Technology and Health Care 1998; 6: IL PERICOLO DELLE FRATTURE Il rischio di frattura a cui può andare incontro la persona anziana non dipende solo dalla minore resistenza delle ossa. All aumentata perdita di massa ossea tipica dell età si associa infatti una ridotta risposta ai farmaci specifici e un maggiore rischio di cadute. Su quest ultimo aspetto si concentrano i consigli di prevenzione (vedi avanti), per evitare il più possibile questo evento che può avere conseguenze drammatiche, compromettendo gravemente sia la quantità sia la qualità di vita. Purtroppo, infatti, con l età non solo aumenta il rischio di fratturarsi, ma anche la gravità delle fratture stesse, che in alcuni casi possono provocare un invalidità permanente e in altri aumentare persino il rischio di decesso. Nei soggetti adulti sono per esempio più frequenti le fratture di polso (che sono anche le meno pericolose), mentre nell anziano la più frequente è la frattura di femore, più temibile e pericolosa. 5

6 SEDI PIÙ FREQUENTI DI FRATTURA NELLE ETÀ TRA 50 E 54 ANNI E TRA 85 E 89 ANNI, RISCONTRATE IN DONNE SVEDESI Età anni 27% 4% 39% 15% 15% Età anni 33% 36% Femore Polso Vertebre Omero Altro 10% 11% 10% Aerch Osteoporos 2013; 8: FRATTURE DI FEMORE OGNI ANNO Complessivamente, in Italia, ogni anno si registrano circa fratture di femore, il 90% delle quali è conseguente a una caduta. Osteporos Int 2006; 17: L incidenza delle fratture raddoppia nelle donne a partire dai 65 anni di età (osteoporosi conseguente alla menopausa), mentre negli uomini questo fenomeno si osserva al di sopra dei 75 anni (osteoporosi conseguente all età). I COSTI ELEVATI DELLE FRATTURE Le fratture sono un evento molto grave e possono determinare un importante diminuzione della sopravvivenza, diversa a seconda del tipo di frattura. Basti pensare che i pazienti con una frattura del collo del femore (la parte del femore che si collega al bacino) presentano, entro un anno dalla frattura, un tasso di mortalità del 15-30%. 6

7 IL PERICOLO DELLE CADUTE E DELLE FRATTURE Oltre ai costi in termini di vite, le fratture osteoporotiche hanno importanti implicazioni sociali ed economiche. L anziano che subisce una frattura può infatti rischiare una condizione di invalidità, di peggioramento della salute e della qualità di vita, che inevitabilmente ricadrà sui familiari e sulla necessità di una maggiore assistenza sanitaria. JAMA 2001; 285: IL PERICOLO È DIETRO LA PORTA DI CASA È interessante notare che il 94% dei casi di cadute avviene in ambiente domestico. Il medico di famiglia potrà aiutarvi a scoprire le varie situazioni di pericolo (per esempio: luci basse, ostacoli a terra, come cavi elettrici volanti, tappeti ) che possono essere prevenute. Dentro casa, gli ambienti a maggior rischio sono: la cucina (25%) la camera da letto (22%) le scale interne ed esterne (20%) il bagno (13%) PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTE Per prevenire il rischio delle cadute, oltre all importanza del movimento e dell attività fisica, soprattutto all aria aperta, sono importanti alcune precauzioni, sia in casa sia fuori. 7

8 Alcuni consigli: In casa Fare attenzione che vi sia una buona illuminazione (no luci basse) Non usare tappeti e scendiletto: è facile scivolare! Usare scarpe morbide, con suola di gomma Non usare ciabatte, ma pantofole chiuse (aderiscono meglio al piede) Evitare di flettere il dorso per raccogliere qualcosa o sollevare un peso da terra: è preferibile piegarsi sulle ginocchia Usare tappetini antiscivolo in gomma nella vasca da bagno o nella doccia Applicare una maniglia sul muro della doccia o del bagno per sorreggersi meglio Fuori Usare scarpe comode, ausili (per esempio: bastone) e non dimenticare gli occhiali Evitare le strade sconnesse o i percorsi accidentati 8

9 CONOSCERE L OSTEOPOROSI CONOSCERE L OSTEOPOROSI COME È FATTO UN OSSO La struttura di un osso ha una superficie esterna dura e compatta che riveste un tessuto spugnoso e più leggero. La parte compatta costituisce quasi l 80% del totale ed è maggiormente rappresentata nelle ossa lunghe, come il femore; l osso spugnoso è circa il 20% del totale ed è particolarmente presente nella parte interna dei corpi vertebrali. La struttura compatta è composta da piccoli cilindri di tessuto osseo (denominati osteoni), fittamente accostati l uno all altro. La parte spugnosa dell osso ha invece una struttura formata da lamine intrecciate, dette trabecole, e spazi vuoti. Questa composizione rende l osso allo stesso tempo leggero e robusto. Infatti, le trabecole, seppur sottili, hanno una particolare disposizione che offre comunque un elevata resistenza alle pressioni e alle torsioni. LE OSSA SONO VIVE Anche nell età anziana, le ossa non sono inerti e senza vita, ma sono ricche di vasi sanguigni e nervi, e contengono cellule che permettono loro di rigenerarsi continuamente. Abbiamo già visto che gli osteoni (ossia gli elementi base della parte più compatta dell osso) si presentano come piccoli cilindri: al centro di ognuno di essi c è un canale dove scorre un vaso sanguigno. A ridosso di questo canale vivono due tipi particolari di cellule, chiamate osteoblasti e osteoclasti. Osteoblasti e osteoclasti sono come muratori con due diverse specializzazioni. Gli osteoclasti (pieni di vescicole contenenti un acido) rimuovono il tessuto vecchio, quindi hanno una funzione demolitrice; gli osteoblasti ricostruiscono il tessuto nuovo, quindi hanno una funzione rigeneratrice. 9

10 Nervo Osteocita OSTEONE Osteoblasta Osteoclasta Canale centrale Arteria Vaso Vena Lamelle linfatico 10 IL RIMODELLAMENTO DELL OSSO La competizione tra l azione demolitrice degli osteoclasti e quella rigeneratrice degli osteoblasti è denominata rimodellamento osseo. Questo processo si svolge con una sequenza prestabilita: prima gli osteoclasti producono una piccola cavità di riassorbimento; quindi la cavità viene riempita dagli osteoblasti con nuovo tessuto osseo. Questa operazione è molto importante per la salute dell osso, perché rimuovendo il tessuto osseo più usato e sostituendolo con tessuto nuovo di zecca, le ossa si mantengono giovani ed efficienti. Purtroppo, come molti altri meccanismi fisiologici, col passare del tempo anche il rimodellamento osseo diventa via via meno efficiente. In tal modo non avremo più un pareggio tra uscite (riassorbimento osseo) ed entrate (neoformazione ossea). In altre parole, la funzione demolitrice degli osteoclasti tende a prevalere e le ossa tendono a invecchiare e a divenire più fragili e quindi più esposte al rischio di frattura. Questa situazione è conosciuta come osteoporosi (le ossa appaiono internamente meno dense e più porose ), ed è caratterizzata da una riduzione della massa ossea e un alterazione della microarchitettura dell osso stesso.

11 CONOSCERE L OSTEOPOROSI BILANCIO NEGATIVO TRA RIASSORBIMENTO E NEOFORMAZIONE DELL OSSO NELL OSTEOPOROSI UNA MALATTIA SILENZIOSA L osteoporosi si sviluppa silenziosamente. Le ossa che divengono più fragili non danno inizialmente alcun sintomo. Poi, all improvviso, a seguito di un trauma - anche di poco conto - o addirittura spontaneamente, può avvenire una frattura ossea, che si presenta con un forte dolore. Le ossa più soggette alle fratture sono l anca, le vertebre e il polso. Nel caso di fratture vertebrali, queste possono verificarsi spontaneamente, all improvviso, senza alcuna causa immediata; il loro schiacciamento a cuneo può far incurvare tutta la colonna vertebrale e provocare intensi dolori, che inizialmente potrebbero venir confusi con dolori nevralgici o muscolari. La frattura viene dimostrata da una radiografia che, nel caso della colonna vertebrale, riporta la definizione di cedimento di un corpo vertebrale. IL RISCHIO DI OSTEOPOROSI AUMENTA CON L ETÀ E CON LA MENOPAUSA Lo squilibrio del rimodellamento osseo è favorito dal sesso e dall età: l osteoporosi prevale infatti nelle donne in menopausa (scomparsa delle mestruazioni) e nel sesso maschile dopo i 60 anni. 11

12 ALTRI FATTORI DI RISCHIO PER L OSTEOPOROSI L osteoporosi può essere inoltre favorita da numerosi fattori predisponenti. storia personale di precedenti fratture storia familiare di osteoporosi scarsa attività fisica basso peso corporeo dieta povera di calcio e di vitamina D abuso di alcool e caffè fumo di tabacco assunzione prolungata di cortisonici e anticoagulanti malattie ormonali (per esempio, l ipertiroidismo) asportazione chirurgica delle ovaie PRINCIPALI ESAMI UTILI PER DIAGNOSTICARE L OSTEOPOROSI Radiografia L osteoporosi può essere sospettata nel caso ci si sia sottoposti a una normale radiografia - richiesta magari per altri motivi nel cui referto il radiologo indichi segni di osteopenia, ovvero di ridotta consistenza dell osso. Ciò vuol dire che sulla lastra l immagine della struttura delle ossa risulta meno bianca (ossia meno densa). Talvolta il referto radiografico riporta alterazioni ormai avanzate o, addirittura, segni di frattura (per esempio, i cedimenti vertebrali già citati). La radiografia della colonna vertebrale può essere richiesta anche per un esame morfologico della colonna stessa, che consente di misurare la presenza di eventuali cedimenti vertebrali. 12

13 CONOSCERE L OSTEOPOROSI Densitometria ossea L esame di riferimento per porre diagnosi di osteoporosi è la densitometria ossea (detta anche mineralometria ossea computerizzata, meglio conosciuta con la sigla MOC). È un metodo radiologico assolutamente indolore e innocuo (i raggi vengono utilizzati in bassissime dosi) che valuta in modo esatto la densità minerale delle ossa: stabilisce infatti quanti grammi di calcio e altri minerali sono presenti nel segmento osseo esaminato. Questa valutazione viene solitamente applicata alla colonna vertebrale e al femore, oppure a livello del polso. DONNA SOTTOPOSTA ALLA MOC SEZIONE SCANSIONATA DELLA COLONNA VERTEBRALE SEZIONE SCANSIONATA DEL FEMORE 13

14 Il tempo necessario per eseguire una MOC è di circa 5 minuti, non è in alcun modo dolorosa e non c è bisogno di particolari preparazioni dietetiche o farmacologiche. Al termine della procedura il paziente può quindi riprendere normalmente le comuni occupazioni. L unica accortezza è di rimandare di qualche giorno la densitometria in caso di recente sottoposizione a un esame scintigrafico o radiologico con mezzo di contrasto. Prima dell esame, inoltre, andranno rimosse dal campo di esplorazione parti metalliche come monete, fibbie, orologi, braccialetti e simili. I segmenti scheletrici studiati dalla densitometria ossea variano in relazione alle caratteristiche del paziente; in generale viene valutato il tratto lombare della colonna vertebrale nelle persone di età <65 anni, mentre si preferisce esaminare il collo del femore nelle persone più anziane e/o con malattie della colonna vertebrale. A volte, per avere una valutazione più attendibile, l esame può essere condotto sia sulla colonna vertebrale sia sul femore. Esami di laboratorio Per definire meglio la diagnosi e le cure, sono anche utili alcuni esami del sangue e delle urine (per esempio, fosfatasi alcalina, calcio, fosforo, vitamina D e paratormone). Altri esami A discrezione del medico, per particolari condizioni, possono essere richiesti ulteriori esami come la TAC, la risonanza magnetica nucleare e gli ultrasuoni. 14

15 CONOSCERE L OSTEOPOROSI QUALI SONO I SINTOMI? Purtroppo il primo sintomo con cui solitamente si preannuncia l osteoporosi è una frattura, quindi con un dolore molto forte e acuto, che può colpire il polso, l anca o una vertebra. Ciò indica che in qualcuna di queste sedi la malattia è già in stato avanzato. Come già detto, tali fratture possono essere persino spontanee o conseguenti a piccoli traumi. Altre volte i primi sintomi sono rappresentati da dolori ossei meno acuti di quelli di una frattura ma persistenti, che possono conseguire a modificazioni strutturali di alcune ossa. Se l osteoporosi interessa le vertebre, uno dei primi sintomi può essere rappresentato dalla riduzione di altezza per schiacciamento di uno o più corpi vertebrali e conseguenti dolori (che possono somigliare a lombalgie o sciatalgie) che seguono il percorso del nervo corrispondente alla vertebra danneggiata. 15

16 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI La salute delle ossa richiede un adeguato introito alimentare di calcio e vitamina D. Gli studi indicano inoltre che un elevata assunzione di frutta e verdura è molto benefica per le ossa. Inoltre vanno evitati alcuni fattori di rischio, quali gli alcolici e il fumo di sigaretta, e favorita l attività fisica. Un alimentazione corretta e un attività fisica adeguata possono ridurre rischio di osteoporosi del 50%. CALCIO E VITAMINA D L osso è composto soprattutto di fosfato di calcio. Lo scheletro contiene infatti il 99% del calcio presente in tutto il corpo. La salute delle ossa richiede quindi un adeguato introito alimentare di calcio, ma anche di vitamina D, senza la quale il calcio non può essere assorbito a livello intestinale e messo a disposizione delle ossa. La vitamina D ha inoltre molte ulteriori azioni benefiche sull organismo. Fabbisogno quotidiano di calcio La Società Italiana di Nutrizione Umana, che definisce i livelli di assunzione di riferimento dei nutrienti (LARN), nell ultimo aggiornamento del 2014, ha definito il fabbisogno medio giornaliero di calcio in milligrammi, a seconda dell età. 16

17 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI Società Italiana di Nutrizione Umana-SINU, 2014 Fabbisogno medio giornaliero di calcio (Ca) Ca (mg) BAMBINI - ADOLESCENTI 6-12 mesi Non definito 1-3 anni anni anni anni anni 1000 (femmine) 1100 (maschi) ADULTI anni anni anni anni 1000 GRAVIDANZA 1000 ALLATTAMENTO 800 È dimostrato che un apporto giornaliero di calcio inferiore a mg è associato a una ridotta densità minerale ossea e ad un aumentato rischio di frattura. È da privilegiare l assunzione di calcio con gli alimenti rispetto a quella con integratori, perché nella forma alimentare il calcio è assorbito meglio dall organismo. Andrebbero invece limitate bevande contenenti alcol e caffeina, perché queste sostanze interferiscono con il metabolismo del calcio. Non è difficile raggiungere le dosi consigliate con l alimentazione, se non in presenza di restrizioni dietetiche dovute a intolleranze alimentari (in particolare al lattosio) o a scelte di vita (dieta vegetariana/ vegana). Se la dieta non assicura un adeguato apporto di calcio, diventa indispensabile l utilizzo degli integratori. 17

18 500 mg di calcio sono contenuti in: mezzo litro di latte 125 grammi di mozzarella 100 grammi di stracchino 400 grammi di yogurt 50 grammi di pecorino stagionato 5 arance intere (1 chilogrammo) 600 grammi di spinaci 200 grammi di mandorle Un assunzione normale di calcio è per esempio assicurata dal consumo giornaliero di: 200 ml di latte + 1 yogurt + 40 grammi di formaggio stagionato. Una buona integrazione di calcio può essere ottenuta anche con l assunzione di acqua minerale (alcune acque arrivano ad apportare anche 360 mg di calcio per un litro) ma la stessa acqua del rubinetto è solitamente molto ricca di calcio. Fabbisogno quotidiano di vitamina D La vitamina D è presente nei vegetali e negli alimenti di origine animale (in particolare nei grassi animali). Tuttavia, sono pochi gli alimenti che ne contengono quantità apprezzabili (i pesci grassi tipo salmone, latticini e uova). La vitamina D deriva quindi soprattutto (80-90%) dalla produzione della nostra pelle, sotto l azione dei raggi solari nei mesi che vanno da aprile a settembre. Difficile fornire indicazioni generali circa l esposizione solare. Alcuni studi hanno rilevato che un esposizione di minuti tra le e le 15.00, 2 volte a settimana, su viso/braccia/gambe, senza protezione solare, possono essere sufficienti per un adeguata sintesi di vitamina D da parte della pelle. 18

19 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI Ovviamente, l esposizione al sole è influenzata da diversi fattori e va controbilanciata con l effetto dannoso dei raggi ultravioletti (UV) sulla pelle soprattutto a certe latitudini e su certe carnagioni. La capacità di sintetizzare la vitamina D è particolarmente condizionata dall età del soggetto, tendendo a diminuire con l avanzare degli anni: si ha infatti un 30% in meno di produzione di vitamina D, a parità di esposizione ai raggi solari. Aging Dis 2012;3: CONCENTRAZIONI DI VITAMINA D IN RISPOSTA ALLA ESPOSIZIONE DI TUTTO IL CORPO A RAGGI UV (MINIMA DOSE CHE PROVOCA ERITEMA) 100 Vitamina D (nmol/l) Giovane Giorno Anziano Holick et al. Lancet 1989 ATTENZIONE AL PESO La persona anziana può avere una nutrizione ridotta o inadeguata per vari motivi (difficoltà di masticazione, dieta scarsa di nutrienti, problemi economici, ipercolesterolemia) che può condurre a un eccessiva magrezza. Questa situazione è infatti un fattore predisponente per l osteoporosi e le fratture. Ma lo è anche l obesità che, oltre a predisporre al rischio di malattie cardiovascolari e diabete, non fa bene 19

20 alla salute delle ossa, anche perché spesso si associa a scarsa attività fisica. In particolare, con l obesità si può verificare una minore disponibilità di vitamina D, perché questo tipo di vitamina tende a essere sequestrata dalla massa grassa. Differenze tra donne e uomini Le donne, prima della menopausa, sono solitamente più attente al peso e quindi più a rischio di sottoalimentazione soprattutto di cibi contenenti calcio, cioè i formaggi, spesso considerati grassi o troppo ricchi di colesterolo. Questo concetto va in parte smitizzato: va evitato soprattutto il contenuto di colesterolo in cibi più dannosi come dolci e salumi, per esempio. L uomo invece è più tendente al sovrappeso e all obesità, con scelte di cibi più spesso già confezionati, meno ricchi di nutrienti, e con meno scelta di verdure e frutta. EVITARE ALCOOL E FUMO Alcool Un elevato consumo di alcolici è un fattore di rischio per l osteoporosi e si associa a un aumento del rischio di fratture, sia per gli uomini sia per le donne. Nell adulto si consiglia di non superare il quantitativo di 2 unità alcoliche al giorno, da consumare sempre a stomaco pieno Birra 1 bicchiere 330 ml Vino rosso 1 bicchiere 125 ml Aperitivo 1 bicchiere 80 ml Superalcolico UNITÀ 1 bicchiere ALCOLICA 40 ml (circa 12 grammi di alcool) Azioni negative dell alcool sul tessuto osseo Blocca gli osteoblasti (le cellule che portano nuovo tessuto osseo) Stimola gli osteoclasti (le cellule che eliminano tessuto osseo, affinché sia rinnovato) Riduce l assorbimento del calcio Riduce l attivazione della vitamina D Riduce la produzione di ormoni (testosterone ed estrogeni) 20

21 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI Fumo Gli studi effettuati confrontando i fumatori con i non fumatori hanno chiaramente dimostrato che il fumo di sigaretta è un fattore di rischio per un vasto numero di malattie e condizioni, incluse le malattie delle ossa. Azioni negative del fumo sul tessuto osseo Blocca gli osteoblasti (le cellule che portano nuovo tessuto osseo) Stimola gli osteoclasti (le cellule che eliminano tessuto osseo, affinché sia rinnovato) Riduce la produzione di ormoni (testosterone ed estrogeni) ATTIVITÀ FISICA L attività fisica è fondamentale nelle persone anziane non solo perché mantiene in buona salute le ossa, ma anche perché migliora il tono muscolare e l equilibrio. Persone che fanno moto regolarmente hanno meno probabilità di cadere rispetto a chi non si muove. Uno studio ha dimostrato che le persone con età superiore a 80 anni che fanno moto regolarmente hanno una probabilità di cadere minore del 20% rispetto agli anziani sedentari. La percentuale di ridotto rischio aumenta fino al 35% riferendosi a cadute particolarmente rovinose. J Am Geriatr Soc 1996; 44: Il movimento è quindi come una vera e propria cura. L importante è che l attività fisica sia quotidiana, deve quindi far parte del nostro stile di vita. I medici consigliano un esercizio fisico alla portata di tutti: camminare almeno mezz ora al giorno, con passo sostenuto e rinunciare, almeno per qualche piano di scale, all ascensore. Ma movimento è anche portare a spasso il cane e occuparsi dei nipoti. L importante è cambiare abitudini come quelle di stare tutto il giorno davanti al televisore o al computer. 21

22 Attività fisica consigliata dall Istituto Superiore di Sanità per l anziano (dai 65 anni in poi) (studio PASSI 2013) Almeno 150 minuti alla settimana di attività moderata o 75 di attività vigorosa, con esercizi di rafforzamento dei maggiori gruppi muscolari da svolgere almeno 2 volte alla settimana. Svolgere anche attività orientate all equilibrio per prevenire le cadute. Chi fosse impossibilitato a seguire in pieno le raccomandazioni, dovrebbe fare attività fisica almeno 3 volte alla settimana e adottare uno stile di vita attivo adeguato alle proprie condizioni. Una buona attività muscolare può essere stimolata inoltre con piccoli esercizi che possono essere eseguiti comodamente in casa, da concordare con il proprio medico; in ogni caso, in presenza di osteoporosi vanno evitate flessioni e rotazioni rapide della colonna vertebrale, perché potrebbero essere traumatiche e favorire il rischio di fratture. Alcuni esercizi utili, da concordare con il proprio medico (anche per valutare intensità e durata): 1 2 Esercizi da seduti: mantenendo il busto eretto, spingere in avanti (1) e in dietro (2) i gomiti, con le mani poggiate dietro al collo. 1 2 Esercizi in posizione prona (distesi a pancia in giù su un piano rigido, con la pancia poggiata su un cuscino): dalla posizione di riposo (1) sollevare la testa (2), sforzandosi di mantenere busto e gambe tese ben aderenti a terra. 22

23 PREVENZIONE E CURA DELL OSTEOPOROSI 1 2 Esercizi in posizione supina (distesi a pancia in su, su un piano rigido): dalla posizione di partenza, con le ginocchia flesse (1) sollevare la testa (2), sforzandosi di mantenere il busto ben aderente a terra. CURA DELL OSTEOPOROSI In caso di diagnosi di osteoporosi, il medico fornisce consigli specifici sull attività fisica e sull alimentazione e valuta in base alle caratteristiche della persona, alla gravità dell osteoporosi e all esistenza di fattori di rischio aggiuntivi, come per esempio il rischio di cadute. Il medico può inoltre prescrivere farmaci molto efficaci, capaci di arrestare la perdita di tessuto osseo (riducendo l azione degli osteoclasti) e di favorire un corretto rimodellamento osseo, aumentando la massa ossea seguendo la naturale architettura interna dell osso. La terapia comprende inoltre solitamente il supporto della vitamina D e un eventuale integrazione di calcio. Il ruolo di questi farmaci, nella prevenzione dell insorgenza o della recidiva di fratture, è abbondantemente dimostrato. Inoltre, i farmaci più moderni sono anche estremamente maneggevoli, alcuni richiedono un assunzione giornaliera, ma ve ne sono altri che consentono anche una sola assunzione settimanale o mensile o, addirittura, con intervalli di tempo più lunghi. Tutto ciò comporta ovviamente un notevole miglioramento della qualità di vita della persona affetta da osteoporosi e una maggiore tranquillità di non incorrere in rischi futuri di sofferenza e inabilità. Molti lavori scientifici suggeriscono la supplementazione con vitamina D e calcio nei soggetti sopra i 65 anni, visto che quasi l 80% di questi soggetti risultano carenti di vitamina D. 23

24 Scopri come prenderti cura della salute delle tue ossa visitando il sito Con il supporto non condizionante di

LA SALUTE DELL OSSO. Conoscere, prevenire e curare l OSTEOPOROSI

LA SALUTE DELL OSSO. Conoscere, prevenire e curare l OSTEOPOROSI LA SALUTE DELL OSSO Conoscere, prevenire e curare l OSTEOPOROSI Con il supporto non condizionante di Iniziativa promossa da INDICE INDICE COME È FATTO UN OSSO 4 Le ossa sono vive 5 Il rimodellamento dell

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

IL TESSUTO OSSEO Anche se a prima vista un osso può sembrare simile a una pietra,

IL TESSUTO OSSEO Anche se a prima vista un osso può sembrare simile a una pietra, L OSSO questo sconosciuto 1 Quanto spesso pensiamo alle nostre ossa - a parte i momenti in cui ci fanno male? Forse mai, o quasi mai. Invece dovremmo pensarci, perché lo scheletro è una parte del nostro

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

RAFFAELLA MICHIELI LE GUIDE. Diversa modalità di caduta nel giovane e nell'anziano

RAFFAELLA MICHIELI LE GUIDE. Diversa modalità di caduta nel giovane e nell'anziano RAFFAELLA MICHIELI CAPITOLO 8 OSSA FRAGILI? 159 Che cosa è l osteoporosi? L osteoporosi è una malattia dell osso caratterizzata da un minor contenuto di calcio e da un deterioramento della struttura microscopica

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore Dr. Franco Adriano Zecchillo Il primo trattamento per la cura dello scompenso cardiaco è.. MODIFICHE

Dettagli

OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci?

OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci? OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci? Una corretta alimentazione, in tutte le fasi della vita, è il miglior modo di prevenire l osteoporosi. L osteoporosi deve essere

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI PER LO SPORT Funzionano o fanno male?

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI PER LO SPORT Funzionano o fanno male? GLI INTEGRATORI ALIMENTARI PER LO SPORT Funzionano o fanno male? Le corrette abitudini alimentari apportano in genere tutti i nutrienti necessari per praticare adeguatamente qualsiasi attività fisica,

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

28-07-2014 32 1. Quotidiano. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento:

28-07-2014 32 1. Quotidiano. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento: Quotidiano Data Pagina Foglio 28-07-2014 32 1 Codice abbonamento: 097156 Settimanale Data Pagina Foglio 28-07-2014 2 1 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 28-07-2014 9 1 Codice abbonamento:

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita

Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita Aiuta le tue ossa! A tavola, con attività fisica e sole. Osteoporosi e stili di vita A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI

IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL RM/F REGIONE LAZIO IL FLUORO NELLE ACQUE POTABILI DEL TERRITORIO DELL AZIENDA USL RM F INFORMATIVA PER GLI UTENTI CHE COS E IL FLUORO Il

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI)

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) MINERAL PET S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) Esame elaborato per: F. G. Via XX,11 - Mil Tipo Animale Età Peso Gatto - Europeo Nome Jingle 1 Sesso Maschio 4.3 Altezza 0 Informazioni Generali

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Breve guida per il paziente con insufficienza renale cronica

Breve guida per il paziente con insufficienza renale cronica Quando l insufficienza renale ti fa perdere l equilibrio, Fosforo Calcio cosa puoi fare per controllare il fosforo Breve guida per il paziente con insufficienza renale cronica ASSOCIAZIONE NAZIONALE EMODIALIZZATI

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

Informazioni e consigli utili per il paziente

Informazioni e consigli utili per il paziente ARTROPROTESI DELL ANCA Informazioni e consigli utili per il paziente INDICE La protesi d anca pag. 3 Intervento 5 Recupero post-operatorio 6 Controlli periodici e sintomi 12 Note 13 3 LA PROTESI D'ANCA

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione

prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione prevenzione per la donna Investi in salute con una corretta prevenzione La prevenzione. Non ci sono più dubbi: adottando alcune semplici abitudini di vita e seguendo i programmi di diagnosi precoce, si

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare L'attività fisica è ai primi posti nella prevenzione del mal di schiena, ma oltre a ciò è indispensabile adottare alcuni accorgimenti posturali nei

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Osteoporosi. & Prevenzione. Introduzione di Maria Luisa Brandi. Prefazione di Emanuela Bartolozzi

Osteoporosi. & Prevenzione. Introduzione di Maria Luisa Brandi. Prefazione di Emanuela Bartolozzi Osteoporosi & Prevenzione Introduzione di Maria Luisa Brandi Prefazione di Emanuela Bartolozzi Copyright 2011 by Edizioni Internazionali srl Divisione EDIMES - Edizioni Medico-Scientifiche - Pavia Via

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Dalla conchiglia la forza per le vostre articolazioni.

Dalla conchiglia la forza per le vostre articolazioni. L estratto originale di Perna. Dalla conchiglia la forza per le vostre articolazioni. www.pernaton.ch L estratto naturale originale di Perna dalle acque della Nuova Zelanda. L estratto originale di Perna

Dettagli

L OSTEOPOROSI E LE DONNE

L OSTEOPOROSI E LE DONNE L OSTEOPOROSI E LE DONNE L osteoporosi è una malattia che provoca una riduzione della massa ossea e alterazioni della struttura dell osso che diventa poroso e, di conseguenza, più fragile ed esposto a

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

SISTEMA : UTILIZZO PRATICO

SISTEMA : UTILIZZO PRATICO SISTEMA : UTILIZZO PRATICO Do#.ssa A. Zuppini, Do#.ssa F. Bassani - Servizio Tecnico- Scien9fico Cabassi&Giuria9 SpA LA SOLUZIONE PROFESSIONALE PER LA PREVENZIONE DELL OSTEOPOROSI OSTEOPOROSI L'osso è

Dettagli

www.fondazionedamico.org

www.fondazionedamico.org www.fondazionedamico.org COSA SONO Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto chiamato uretere. L urina prodotta dai due

Dettagli

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Club Rapallo Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Dott.Lorenzo Marugo Piattaforma dell Unione Europea su dieta, attività fisica e salute Presupposto: I Cittadini dell Unione Europea si esercitano

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli