anno LI - luglio-agosto n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno LI - luglio-agosto 2014 - n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale"

Transcript

1 anno LI - luglio-agosto n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova

2 SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE BABELE... pag. 3 NOTIZIARIO DELL ORDINE Seduta di Consiglio del 5 giugno 2014» 5 Ricordo di Massimo» 7 MASSIMO» 9 Un saluto a Massimo» 10 STATUTO ENPAM - Lettera di Alessandro Innocenti» 11 SPAZIO LIBERO PSICOANALISI E NEUROSCIENZE di A. Romitti» 14 CONVEGNO: Inquinamento e salute settembre 2014» 16 INSERTO SPECIALE Elezioni 2014 componenti del Consiglio Direttivo dell Ordine dei Medici 1

3 INFORMAZIONI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO Lunedì, Mercoledì e Venerdì mattina ore 09.00/12.30 Martedì e Giovedì ore 09.00/16.00 Sabato chiuso. MANTOVA MEDICA È CONSULTABILE ANCHE SUL SITO WEB Via Pomponazzo n Mantova - tel.: 0376/ fax: 0376/ Posta elettronica certificata: Bollettino Ufficiale dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Mantova Bimestrale d informazione medica, inviato gratuitamente agli iscritti all Ordine ed agli Ordini Nazionali. Autorizz. Trib. Mantova , n. 111 Ordine dei Medici della Provincia di Mantova Stampa: Tipografia Commerciale srl (MN) Direttore Responsabile Dr. Stefano Bernardelli Consiglio Direttivo Presidente: Dr. Marco Collini Vice Presidente: Dr. Stefano Bernardelli Segretario: Dr. Adelmo Mambrini Tesoriere: Dr. Giampaolo Sabbioni Consiglieri: Dr.i Doriana Bertazzo, Fausto Bettini, Alfredo Bettoni, Pier Luigi Botti, Adriana Forapani, Antonio Graziano, Adelia Gringiani, Antonio Parma, Giancarlo Pascal, Elena Politano, Rinaldo Rondelli Consiglio Odontoiatri Dr. Valentino Staffoli Revisori dei conti Dr.i Daniela Gialdi, Anna Maria Monesi, Raffaella Rabbi Revisore supplente Dr. Carlo Bonfanti Commissione Odontoiatri Segretario: Dr. Valentino Staffoli Componenti: Dr.i Stefano Caramaschi, Guido Corghi, Renato Vaglia DELEGHE Rapporti con l Università, l Ospedale e le Fondazioni: Dr.i Collini, Pascal Rapporti con l ASL: Dr.i Politano, Rondelli Direzione del bollettino Mantova Medica : Dr. Bernardelli Comitato di redazione: il Consiglio in carica Rapporti con la medicina del territorio: dr.i Bettini, Bettoni, Gringiani Problemi del Personale: Dr. Mambrini Rapporti con i Medici operanti sul territorio: Dr.i Bernardelli, Bertazzo Problemi dei giovani medici: Dr.ssa Bertazzo Pubblicità odontoiatri: Dr.i Caramaschi, Corghi Pubblicità medici: Dr. Mambrini Rapporti con gli specialisti: Dr.sse Forapani, Politano Osservatorio anziani: Dr.sse Gringiani, Rabbi Rapporti con INPS ed ENPAM: Dr. Mambrini Rapporti interprofessionali: Dr.i Bettini, Bettoni, Botti Rapporti con la medicina privata: Dr. Graziano Problemi locali: Dr.i Bettoni, Mambrini Cultura e formazione medici: Dr.i Bernardelli, Botti, Graziano Cultura e formazione odontoiatri: Dr. Staffoli 2

4 L ANGOLO DEL PRESIDENTE BABELE... Clima incerto ed inclemente, in sintonia con l estate appena trascorsa, alla ripresa del lavoro. La professione medica costretta a subire, con cadenza preoccupante, ingiunzioni e divieti da parte di una Magistratura che pare arrogarsi anche il governo della Scienza medica, per decreti. Il caso Stamina è emblematico della Babele in cui si dibatte il Paese; è di questi giorni, con un blitz dei NAS, lo stop alle infusioni presso gli Ospedali Civili di Brescia. In questi mesi, nel frattempo, 172 giudici civili hanno vietato questa sperimentazione, mentre altri Magistrati, nel contempo, ne imponevano la prosecuzione. Nel conflitto fra toghe, si è alzata forte la voce della FNOMCeO a ribadire l autonomia della Professione medica e la responsabilità del Medico; a sollecitare finora indarno al CSM, nella persona del Suo massimo Rappresentante, il Presidente della Repubblica, un intervento che riporti equilibrio, dirima i conflitti esplosi fra Scienza e Diritto, soprattutto tuteli gli ammalati e i loro familiari frastornati da contrastanti sentenze. Nuovo Codice Deontologico: licenziato a Torino nel luglio 2014, dopo una gestazione di oltre due anni, ha visto la condivisione di oltre il 90% dei Consigli Direttivi Provinciali. L unanimità delle decisioni, che pur vagheggeremmo in tema di etica e deontologia, è mera utopia nella nostra società. L essenza del vivere e quindi della Medicina, dall inizio alla fine della vita, pone un confronto serrato fra culture e credi diversi, talora in contrasto tra loro... Rimane, in definitiva, il dovere di accettare, in democrazia, le decisioni assunte 3

5 L ANGOLO DEL PRESIDENTE a larga maggioranza, ancor più se frutto di una corale partecipazione. Ricorsi all Autorità Giudiziaria avverso le decisioni dell Assemblea, paiono sinceramente pretestuosi, dettati forse da ragioni e criteri che poco hanno a che vedere con la Deontologia Medica. Ad ottobre saremo a rinnovare il Consiglio Direttivo Provinciale: sia questo un momento per promuovere una cultura deontologica; non una tutela corporativa, ma un dialogo con il cittadino e confronto con le Istituzioni, volto alla promozione dei diritti della persona. Così la valorizzazione della rete della Medicina territoriale ed una razionalizzazione della spesa. Un occhio attento poi rivolto ai giovani Medici, che avvertano una tutorship dei Colleghi più anziani come un ausilio ad intraprendere la Professione. Questi i nostri obiettivi prossimi, nella convinzione che il Medico debba essere, oggi più che mai, cuore e cervello del Sistema Sanità! IL PRESIDENTE Torre di Babele, Pieter Brueghel il Vecchio, Kunsthistorisches Museum di Vienna 4

6 NOTIZIARIO DELL ORDINE VERBALE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DEL 5 GIUGNO 2014 Sono presenti i Colleghi Dr.i: Mambrini, Gringiani, Parma, Politano, Pascal, Rondelli, Bettini, Staffoli, Botti, Bettoni, Bernardelli (Consiglieri); Gialdi e Rabbi (Revisori). Assenti giustificati dr.i: Nardini, Graziano, Forapani, Bertazzo, Sabbioni (Consiglieri), Monesi (Revisore). Presiede il dr. Marco Collini. In apertura di seduta, il Presidente annuncia che il giorno 7 giugno, a Brescia, vi sarà una riunione della FNOMCEO sul caso Stamina. Il dott. Pascal parteciperà a nome del Consiglio e ne riferirà nella prossima riunione. 1 Approvato il Verbale della seduta precedente senza alcuna variazione. 2 Approvate le seguenti variazioni dell Albo: Cancellazione per decesso: - Dott. LORA ORAZIO Cancellazione per cessazione attività: - Dott. AHMED FARAH ABDI - Dott. SCHIBALSKI WINFRIED - Dott. ZUCCALÀ UMBERTO 3 Nuovo Codice Deontologico. Il Dott. Bernardelli riferisce sulla riunione di Torino per la discussione e l approvazione del nuovo Codice Deontologico. Alcuni Ordini hanno fatto contestazioni sui contenuti per cui la discussione si è protratta a lungo e si è votato articolo per articolo compresi eventuali emendamenti. Una volta pubblicato verrà inviato a tutti gli iscritti. 4 Analisi procedimento disciplinare Dott. XY. Il Presidente riferisce di notizie di stampa riguardanti un Collega condannato in primo grado dal Tribunale. Non avendo ricevuto comunicazioni ufficiali, si è ritenuto di richiedere copia della sentenza al Giudice, alfine di valutare l opportunità di sentire il Collega in proposito. 5 Esposto Dott. XY. Viene rinviato alla Commissione Odontoiatri per le opportune azioni un esposto ricevuto su di un caso di abusivismo. 6 Acquisizione nuovi software ed hardware per Segreteria. Si dà notizia al Consiglio dell avvenuta sostituzione delle postazioni informatiche del nostro personale come in precedenza deliberato. È tutt ora in corso in trasferimento dei dati. 5

7 NOTIZIARIO DELL ORDINE 7 Varie ed eventuali - Il Consiglio approva l adesione alla proposta della Federazione Lombarda degli Ordini di opporsi alla Regione Lombardia che vorrebbe affidare la scelta e revoca del medico alle farmacie. Questo per motivazioni che sono già state esposte e discusse in passato. - Un Collega MMG ci segnala di avere richiesto una visita specialistica per un proprio paziente il quale invece, di propria volontà, si è recato al P.S. ritenendo essersi verificato un aggravamento. Il Collega di P.S. ha scritto sul referto delle considerazioni di natura professionale ritenute lesive dal MMG il quale ha deciso di inviarcele. Il Dr. Bettini rileva che sono proprio fatti come questo che fanno diminuire la fiducia dei pazienti nella STUDIO DI ECOGRAFIA ECO-COLOR DOPPLER AGO ASPIRATO DR. GIANANDREA BERTONI SPECIALISTA IN: Radiologia Diagnostica RICEVE PER APPUNTAMENTO Via Marangoni, 7 - Mantova cell. 348/ abit. 0376/ Via M. Azara, 6 - Tempio Pausania (SS) abit. 079/ classe medica in generale. Il Consiglio, ritenuto fondato l esposto, decide l invio per competenza all Ordine di Cremona. - ISDE ci ha richiesto il patrocinio e l accreditamento per un convegno da tenersi il prossimo autunno. Per il primo non ci sono problemi ma per quanto riguarda il secondo non sarà possibile in quanto l Ordine non riveste il ruolo di provider. - Ci giunge richiesta dai Servizi Sociali del Comune di Viadana di aderire ad un protocollo in corso di elaborazione sulla violenza di genere. Essendo favorevoli a tale iniziativa, il Consiglio, su proposta del Presidente, decide di richiederne una bozza. - La sede centrale FNOMCEO ci ha girato un esposto a partenza da un sindacato e riguardante un medico nostro iscritto. Si tratterebbe della compilazione di un certificato di idoneità per il rientro al lavoro che, a detta dell esponente, risulterebbe illegittimo in quanto immotivato. Tuttavia, in quanto il Sindacato non ci ha coinvolto e non ci ha inviato alcun materiale, non siamo in grado di esprimere parere come richiesto da Roma. Alle 23,00 non essendoci altri argomenti di discussione il Presidente dichiara chiusa la seduta. Il Presidente Il Segretario Dr. Marco Collini Dr. Adelmo Mambrini 6

8 NOTIZIARIO DELL ORDINE RICORDO DI MASSIMO Il nostro collega, ma soprattutto il nostro carissimo amico Massimo Nardini ci ha lasciati. Ricordarlo alla comunità medica ed odontoiatrica della nostra provincia, è compito veramente triste e doloroso per chi ha condiviso con lui tanti anni di vita ordinistica ed associativa. Per alcuni di noi l amicizia con Massimo risale agli anni del liceo virgilio e dell Università, per ritrovarci poi a condividere un impegno, all interno del nostro Ordine provinciale e della nostra associazione sindacale, durato fino all ultimo, quando Massimo ha voluto partecipare all Assemblea Ordinistica dello scorso maggio. Questo impegno è sempre stato alimentato da un grande spirito di servizio, con un profondo senso di appartenenza alla classe medica, ed un grande rispetto per la deontologia e la professione. Insieme al fratello, Massimo ha respirato fin da piccolo l atmosfera medica in famiglia: il padre, noto Neuropsichiatra, ha diretto per diversi anni l Ospedale Psichiatrico della nostra città. Pur affrontando sempre molto seriamente i suoi compiti istituzionali, Massimo non mancava mai di farci sorridere con la sua immensa simpatia e la sua ironia pungente, che ricorderemo sempre con immutato affetto, insieme alla sua grandissima gioia di vivere. 7

9 NOTIZIARIO DELL ORDINE Sempre molto presente e propositivo durante le riunioni di consiglio del nostro Ordine, è stato un vulcano di idee e di iniziative anche in campo associativo: in A.N.D.I. ha rivestito importanti cariche a livello regionale, e mantenuto strettissimi rapporti di collaborazione ed amicizia con i dirigenti nazionali che si sono succeduti negli ultimi decenni. Ci piace menzionare, tra i tanti ricordi, l organizzazione, da lui fortemente voluta, del Congresso Europeo della Dental Liason Commitee nella nostra città nel A Massimo va riconosciuto il merito di essere stato fondamentale elemento di aggregazione per un gruppo di amici, prima che di colleghi, impegnati nel cercare di preservare la dignità della professione e di mettersi al servizio di tutti i colleghi. Questi amici porteranno avanti con grande impegno, nel rispetto del suo ricordo, il lavoro di Massimo ed i suoi pricipi etici, pur con la consapevolezza di un vuoto incolmabile, Massimo ha affrontato con grande coraggio e infinita dignità la malattia che lo ha portato via. Chi gli è stato vicino in questi anni ha potuto ammirare una forza interiore incredibile nell affrontare il suo calvario. Questa forza dovrà essere di stimolo per tutti noi. Giampaolo Sabbioni STUDIO DI PSICHIATRIA E PSICOTERAPIA dott. GIOVANNI USBERTI Via P. Amedeo, 35 - Mantova Tel per appuntamento telefonico ore 13,30 / 14,30 DR. PIER LUIGI GIBELLI Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica CONSULENZE PREVIO APPUNTAMENTO Tel. 0376/ R.M. 335/

10 NOTIZIARIO DELL ORDINE MASSIMO Nato a Mantova, dopo la maturità classica presso il Liceo Virgilio, Massimo Nardini si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l Univerità degli studi di Parma. Da subito si è dedicato alla libera professione Odontoiatrica, che ha esercitato nella nostra città fino agli ultimi mesi. Massimo ha sempre partecipato con grande passione alla vita ordinistica: è stato membro della commissione per l Albo degli Odontoiatri nei trienni 1994\1996, 1997\1999, 2000\2002. Ha presieduto la stessa commissione nei trienni 2003\2205, 2006\2008, 2009\2011, 2012\2014. In questi stessi trienni è stato consigliere dell Ordine, partecipando assiduamente alle sedute di consiglio. Con lo stesso grande impegno ha dato un grandissimo contributo alla crescita della Sezione Provinciale di A.N.D.I., facendo parte del Consiglio Direttivo dagli anni novanta in poi. Per A.N.D.I. ha rivestito la carica di Consigliere Regionale e di Tesoriere Regionale per il triennio 2007\2009. Ha partecipato ad innumerevoli riunioni ed assemblee regionali e nazionali in rappresentanza della nostra Provincia, sempre con l entusiasmo che lo contraddistingueva. Tutta la comunità medica ed odontoiatrica mantovana deve essergli grata! DOMUS SALUTIS CITTA DI LEGNAGO srl Azienda sanitaria privata certificata con sistema di qualità ISO 9001:2008 Autoriz. San. n del 16/08/ Direttore Sanitario Dr. Pasquale Adilardi Direttore Blocco Operatorio, Anestesia e rianimazione Dr. Lorenzo Banzi U. OPERATIVE DI CHIRURGIA GENERALE U. OPERATIVA DI CHIRURGIA PLASTICA U. OPERATIVA DI OCULISTICA U. OPERATIVA DI ORTOPEDIA E ARTROSCOPIA U. OPERATIVA DI GINECOLOGIA U. OPERATIVA DI OTORINOLARINGOIATRIA U. OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILOFACCIALE AMBULATORI SPECIALISTICI la clinica mette a disposizione ai medici esterni che ne fanno richiesta il gruppo operatorio, le degenze, gli ambulatori per i propri pazienti. Centro unico prenotazioni: Tel fax Viale dei Tigli, Legnago, Verona 9

11 NOTIZIARIO DELL ORDINE UN SALUTO A MASSIMO È compito davvero ingrato salutare qui oggi Massimo...: - ringraziarlo per l impegno ordinistico profuso in tanti anni, alla guida degli Odontoiatri, in difesa della dignità della professione medica e a tutela dei pazienti; - rendere omaggio all Amico, uomo colto, generoso, dotato di sottile ironia verso sé stesso prima ancora che verso gli altri. Bonum certamen certavi cursum consummavi fidem servavi : le parole di S. Paolo a Timoteo ben valgono per te, Massimo! Hai combattuto la buona battaglia, sempre presente in Consiglio, al lavoro fino all ultimo. Conscio che ormai era venuto per te il tempo di sciogliere le vele, mi hai detto una sera:...ho poco tempo e ci hai voluto al tuo capezzale, la settimana scorsa, per definire pratiche burocratiche, pensando a tuo figlio e a tua moglie... Hai conservato fede e dignità: hai salutato dicendo andrò a stare meglio e a Marcantonio sarò su una stellina! Addio Massimo e ti sia lieve la terra!! Marco Collini Abbiamo perso Massimo Nardini, vicepresidente del Consiglio Provinciale. Questa mattina ha smesso di lottare contro il male che un paio d anni lo stava tormentando. È sempre stato un punto di riferimento importante per la sua intelligenza e schiettezza, lo è stato fino alla fine anche per come ha affrontato il patimento fisico e l avvicinarsi consapevole dell addio. Mi piace ricordarne però ora la sua amicizia solida e la simpatia che lo distingueva. Abbiamo perso Massimo...ci manca già terribilmente. Guido Corghi 10

12 NOTIZIARIO DELL ORDINE STATUTO ENPAM Lettera di Alessandro Innocenti Sono Alessandro Innocenti, Presidente dell Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Sondrio e membro del Consiglio di Amministrazione di ENPAM: ho fatto parte della commissione paritetica che ha lavorato sul rinnovamento dello statuto dell ENPAM e sento il dovere di rispondere alle dichiarazioni di Roberto Carlo Rossi, Presidente dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano. Ancora una volta questa dirigenza dell Enpam ha perso un occasione concreta per dimostrare di volere veramente aprire un nuovo corso dopo le note vicende degli ultimi anni è un concetto assolutamente slegato dalla realtà. L iter per la riforma dello statuto dell Enpam è iniziato nel novembre 2011 con una sessione del Convegno Governare il cambiamento organizzato dalla Fondazione in cui si è parlato di riforma della previdenza (poi attuata e approvata dai ministeri vigilanti) e della Governance del patrimonio (poi attuata dal CdA). Di seguito, schematicamente, i Consigli Nazionali in cui si è discusso dell argomento: : il presidente Oliveti consegna ai membri del CN le linee guida approvate dalla commissione paritetica Enpa-Fnomceo sulle quali verrà stilata dalla componente tecnica della commissione stessa una prima bozza che sarà sottoposta al CdA ed eventualmente al CN : il presidente comunica che la bozza tecnica è stata preparata e sarà sottoposta alla valutazione della commissione. Aggiunge che eventuali cambiamenti saranno sottoposti ai tecnici. Illustra ampiamente i principi che informano la bozza stessa : il presidente comunica che la bozza è alla valutazione della componente Fnomceo della commissione paritetica che la sottoporrà al proprio Consiglio Nazionale nell adunanza del 13 dicembre : viene convocato un Consiglio Nazionale straordinario per la presentazione della bozza definitiva, frutto Dr. LUCIANO NEGRISOLI Psichiatra e Psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalitical Association STUDIO Via Cocastelli Mantova Tel Riceve per appuntamento 11

13 NOTIZIARIO DELL ORDINE del lavoro della commissione paritetica e di 4 riunioni del Consiglio di Amministrazione. Durante la seduta il presidente illustra i singoli articoli della bozza. Intervengono i rappresentanti degli Ordini di Bologna, Terni, Parma, Milano, Cremona, Trapani, Cagliari, Pescara, Sassari, Matera e Ascoli che portano dei suggerimenti e preannunciano proposte di modifica. In particolare lo fanno i rappresentanti di Bologna, Milano, Parma, Trapani. Il presidente propone che gli Ordini che lo ritengano inviino proposte di emendamenti alla bozza entro il 15 aprile. Il CdA potrà valutarli e integrare la bozza, anche considerando che lo statuto prevede che il Consiglio Nazionale approvi le modifiche statutarie su proposta del Consiglio di Amministrazione (art. 13, comma f). Il CdA vaglia tutte le proposte di emendamenti arrivate e ne fa proprie parte di quelle degli Ordini di Ascoli Piceno, Dr. ENRICO AITINI Oncologo Medico ed Ematologo ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ONCOLOGIA MEDICA EUROPEAN SOCIETY OF MEDICAL ONCOLOGY HESPERIA MEDICAL SERVICE - Via I. Alpi Mantova - Tel cell Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Latina, Milano, Napoli, Nuoro, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza: Pordenone, Potenza, Salerno, Sassari, Terni, Trapani, Treviso, Verona. Sottopone il testo alle consulte (2,3 e 4 aprile) e fa propri molti suggerimenti proposti, in particolare, dalla consulta degli ambulatoriali. Il presidente incontra i sindacati medici e odontoiatrici che propongono modifiche e il CdA ne accoglie alcune, in particolare di Aaroi-Emac. Anaao-Assomed, Cisl Medici, Cgil Medici, Fassid- Snr Fesmed. Il testo, così modificato, viene inviato agli Ordini per la valutazione un mese prima del Consiglio Nazionale. Considerando che non vi è una procedura per le votazioni codificata, ne propone una che sottopone alla attenzione degli Ordini 48 ore prima del CN. Nel Cn del 27 giugno u.s., sottopone la procedura proposta al voto dell assemblea: nessuno propone modifiche e la proposta di procedura viene accettata da 85 componenti su 106 aventi diritto e 101 presenti. Questo voto, come tutti gli altri sugli articoli dello statuto, avviene alla presenza del notaio. Il testo del nuovo Statuto è stato approvato dal CN con 86 voti favorevoli, due astenuti e nessun contrario, con l assenza, dichiarata a verbale, di 10 ordini. Ancora una volta questa dirigenza dell Enpam ha perso un occasione concreta 12

14 NOTIZIARIO DELL ORDINE per dimostrare di volere veramente aprire un nuovo corso dopo le note vicende degli ultimi anni.... il testo predisposto dal Consiglio di Amministrazione è risultato blindato e sostanzialmente immodificabile.... Queste dichiarazioni di Roberto Carlo Rossi, Presidente dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano sono assolutamente non condivisibili e contrarie alla sostanza e alla forma con cui è stato portato avanti e approvato il nuovo statuto. Non si può affermare che il testo presentato era blindato solo perché non tutte le idee dell Ordine di Milano, e di pochi altri Ordini, non sono state accolte dalla maggioranza (86 su 101 presenti!): la democrazia consiste anche nell accettare quello che la maggioranza, in questo caso qualificata, decide. Non si può dire che il testo era immodificabile, quando è stato presentato un testo che ha visto accolti la stragrande maggioranza dei suggerimenti di 21 Ordini. Non si può dire che non si è voluto aprire un nuovo corso dopo le note vicende per non aver visto approvati alcuni dei suggerimenti inviati. Non si può parlare di mancanza di democrazia quando le proposte di 10 non vengono accolte da 100, o quando ci si allontana senza aver presentato mozioni atte a modificare la proposta di procedure. Quasi a continuare a percorrere la strada per precostituire un ricorso alla magistratura. Insieme ai colleghi presidenti e delegati degli Ordini di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Monza, Brianza, Pavia, Luigi Daleffe, Marco Agosti, Carlo Maria Teruzzi, Marco Gioncada, Mauro Pigni, Varese, invito il presidente Rossi, quindi, ricostruita l evidenza dell iter dell approvazione dello statuto a non strumentalizzare l operato della Fondazione e a guardare alla Fondazione stessa per quello che realmente e positivamente fa per i medici e gli odontoiatri italiani. Dr. ADRIANA FORAPANI Specialistà in scienze dell alimentazione e Malattie Metaboliche HESPERIA MEDICAL SERVICE - Via I. Alpi Mantova - Tel Riceve per appuntamento cell DR. ANTONIO ARRIGONI Specialista in Ortopedia e Traumatologia Riceve per appuntamento presso il proprio Studio Viale Gorizia 21 - Mantova Tel. 0376/ e 335/

15 SPAZIO LIBERO PSICOANALISI E NEUROSCIENZE La psicoanalisi sta affrontando significativi cambiamenti nel confronto con le neuroscienze. Non più isolata o terra di addetti ai lavori, vista dalla medicina ufficiale sempre con una certa diffidenza, il futuro della psicoanalisi come già si auspicava Freud è quello di una disciplina in evoluzione e sempre più fondata su basi empiriche, in sinergia con le scienze del cervello per comprendere più in profondità il funzionamento della mente umana. Gli studi hanno dimostrato come la maturazione del S.N.C. avviene per apprendimenti, ovvero le esperienze e la loro elaborazione determinano un organizzazione neurologica di zone e collegamenti tra reti neurali responsabili del funzionamento del cervello. Lo psichico condiziona il corrispondente neurale, insomma. In particolare l emisfero cerebrale destro, dominante nei primi due anni, è la sede di elaborazione di tutte le esperienze emotive e in particolare della comunicazione non verbale che avviene con le figure che si occupano dell infante. Sia gli studi sull attaccamento, che derivano dalla teoria di Bowlby, che quelli che fanno capo all osservazione psicoanalitica diretta del bambino dell Infant Research sono concordi nel sostenere che sono gli affetti che organizzano la mente e che già al terzo mese di vita si possono osservare stili di attaccamento diversi verso le figure affettive di riferimento. Le esperienze precoci vengono registrate ed elaborate nella memoria implicita, regolata dal sistema neurale che ha nell amigdala il suo centro: lo psichico si fa organico, ciò che accade alla coscienza diventa oggetto dell inconscio affettivo. È sempre stupefacente osservare come alla PET si illuminino le corrispondenti zone dell emisfero destro del neonato insieme a quelle della madre: i due emisferi destri dialogano in quel modo del tutto particolare e unico in cui si scambiano messaggi non verbali una madre con il suo neonato, fondando le basi della costruzione della mente. L infante impara a regolare così la propria tensione emotiva attraverso la disponibilità emotiva della madre, come scriveva lo psicoanalista americano Emde. Quando questa stessa disponibilità viene a mancare, il piccolo è costretto a trasformare la tensione emotiva in sintomi fisici o psichici. E questa diponibilità materna è presente nel periodo gestazionale, dove già fa sentire la sua influenza, proseguendo poi in una logica di continuità con la vita extrauterina. Neuroscienza e psicoanalisi potrebbero costruire modelli di corrispondenza tra l obiettività biologica della prima e la soggettività psicologica dell altra, per passare dalla medietà statistica di un cervello sta- 14

16 SPAZIO LIBERO tico e astratto a un cervello specifico di un singolo individuo, come sottolinea Vittorio Gallese cui è stato assegnato il Premio Musatti nel recente Congresso Nazionale di Psicoanalisi. In questa direzione il fenomeno dei neuroni specchio sta rivoluzionando il modo di pensare le relazioni interpersonali, costruendo possibili fondamenti neurali a molti fenomeni cruciali con cui tutti noi facciamo i conti, dall imitazione all empatia, dall identificazione al fenomeno del transfert, ben conosciuto dalla psicoanalisi clinica. Il sistema dei neuroni specchio può essere descritto come l equivalente neurobiologico del sistema intersoggettivo: è ciò che ci spinge, insomma, a entrare in contatto con le emozioni degli altri e a condividere l esperienza soggettiva. Quando una madre sufficientemente buona per dirla con il pediatra-psicoanalista D. Winnicott entra in contatto con il suo bambino, soprattutto attraverso l emisfero cerebrale destro, è in grado di attribuirgli degli stati mentali, lo riconosce altro da sé ma anche in grado di avere una sua vita mentale: in questo senso sente le sue emozioni. Ma questa sintonia quando è presente riesce soltanto nel 30% del tempo che madre e bambino passano insieme. Molto frequenti sono i fraintendimenti e le incomprensioni e in questo senso sono importanti le capacità riparative per dirla con M. Klein, ma anche gli studiosi della Infant Research hanno ormai abbondantemente studiato il fenomeno sia della madre che del bambino. L esperienza di rottura e riparazione diventa allora fondamentale per evitare quella aspettativa negativa che tanto può condizionare la futura vita adulta. Le esperienze interattive durante il primo anno di vita vengono organizzate e immagazzinate all interno di una conoscenza implicita, una sorta di memoria cui il bambino non avrà accesso attraverso la coscienza ma che andrà a costituire quel senso di sicurezza/insicurezza nell attaccamento alle figure parentali. Quel che va definendosi in modo sempre più preciso è un progressivo assottigliarsi di quel binomio NATURA O CULTU- RA che tanto ha angustiato i ricercatori nel secolo passato. Potrebbe essere che non ci chiederemo più se una determinata caratteristica è innata o acquisita: l innato cioè il prima del nato- è in stretto contatto con l acquisito. Il contesto ambientale, connesso alle esperienze esterne, e il genotipo, cioè l organizzazione biologica individuale interagiscono reciprocamente generando il fenotipo (il bambino in evoluzione) il quale a sua volta influenza Dr. PAOLO PREVIDI Specialista in Neurologia Specialista in Fisiatria Riceve presso Ambulatorio Angelo Custode Loc. 4 Venti - Curtatone (MN) Tel cell visite ed esecuzioni ecocolordoppler t.s.a. 15

17 SPAZIO LIBERO il contesto ambientale e la dotazione genetica. Dovremo abbandonare le rassicuranti categorie dell innato/acquisito perché la realtà della mente è infinitamente più complessa e, per fortuna, affascinante. Scrive lo psicoanalista ricercatore P. Fonagy,: Penso che man mano che le neuroscienze evolveranno scopriranno sempre di più come funziona la mente. Così, poiché è il cervello l organo della mente, le neuroscienze ci faranno conoscere sempre meglio come funziona la mente. Non penso che le neuroscienze svilupperanno nuove forme di terapia, ma invece che le nuove conoscenze renderanno il trattamento psicosociale più efficace. C è un unico cervello. Non c è un cervello della terapia cognitivo-comportamentale, un cervello della psicoanalisi etc... E, in ultima analisi ci sono solo poche cose che fanno star meglio le persone, e sono queste le cose che abbiamo davvero bisogno di capire. Questo, credo, sia davvero da sottoscrivere per tutti noi medici come persone che si occupano di persone e per tutti i nostri pazienti. Alberto Romitti INQUINAMENTO E SALUTE L IMPATTO SANITARIO DELLE ATTIVITA A RISCHIO E DEI SITI INQUINATI ART. 41 COSTITUZIONE L iniziativa economica è libera. Non può svolgersi in contrasto con l utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. Venerdì 19 e sabato 20 settembre 2014 Aula Magna del Seminario Vescovile Via Cairoli 20, Mantova Organizzazione 16

18 CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ELETTORALE CONSIGLIO DIRETTIVO OTTOBRE 2014

19 AVVISO DI CONVOCAZIONE ASSEMBLEE ELETTORALI 1. CONSIGLIO DIRETTIVO - COMPONENTI ISCRITTI ALL ALBO DEI MEDICI-CHIRURGHI 2. COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Triennio CONSIGLIO DIRETTIVO - Componenti iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi L Assemblea elettorale degli iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi é convocata, in prima convocazione, ai sensi dell art. 2 D.LGS.C.P.S. del 13 settembre 1946, n. 233, modificato dall art. 2, comma 4 sexies, del D.L. del 14 marzo 2005, n. 35, convertito con modificazioni nella L. del 14 maggio 2005, n. 80 e dell art. 14 del DPR 5 aprile 1950 n. 221, nei giorni: VENERDI 3 OTTOBRE 2014 dalle ore 15 alle ore 18; SABATO 4 OTTOBRE 2014 dalle ore 9 alle ore 12,30 e dalle 15 alle 18; DOMENICA 5 OTTOBRE 2014 dalle ore 10 alle ore 16. nella sede dell Ordine - Via Pomponazzo, 50 - MANTOVA -, per la votazione dei quindici componenti del Consiglio Direttivo iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi. Sono eleggibili tutti gli iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi ivi compresi i componenti uscenti del Consiglio Direttivo. Componenti uscenti: 1) Presidente - Dr. MARCO COLLINI 2) Vice Presidente - Dr. STEFANO BERNARDELLI 3) Segretario - Dr. ADELMO MAMBRINI 4) Tesoriere - Dr. GIAMPAOLO SABBIONI 5) Consigliere - Dr. DORIANA BERTAZZO 6) - Dr. FAUSTO BETTINI 7) - Dr. ALFREDO BETTONI 8) - Dr. PIER LUIGI BOTTI 9) - Dr. ADRIANA FORAPANI 10) - Dr. ANTONIO GRAZIANO 11) - Dr. ADELIA GRINGIANI 12) - Dr. MASSIMO NARDINI 13) - Dr. ANTONIO PARMA 14) - Dr. GIANCARLO PASCAL 15) - Dr. ELENA POLITANO 16) - Dr. RINALDO RONDELLI 17) - Dr. STAFFOLI VALENTINO L assemblea è valida se vota 1/3 degli iscritti. COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Ai sensi dell art. 27, del D.P.R. 5 aprile 1950, n. 221, è convocata, in prima convocazione, l Assemblea degli iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi e l Assemblea degli iscritti all Albo degli Odontoiatri nei su citati giorni e con lo stesso orario, nella sede dell Ordine, per la votazione dei tre componenti effettivi e del componente supplente del Collegio dei Revisori dei Conti. Sono eleggibili tutti gli iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi e all Albo degli Odontoiatri ivi compresi i Revisori uscenti. Per la votazione si applicano le stesse procedure e modalità valevoli per la elezione dei componenti medici del Consiglio Direttivo. Componenti effettivi uscenti: 1. Dr.ssa DANIELA GIALDI 2. Dr.ssa RAFFAELLA RABBI 3. Dr.ssa ANNA MARIA MONESI Componente supplente: 1) Dr. CARLO BONFANTI L Assemblea è valida se vota 1/3 degli iscritti ai due Albi. N.B. IL PRESIDENTE Dott. Marco Collini A coloro che risultano iscritti ai due Albi, a quello dei Medici-Chirurghi e a quello degli Odontoiatri, vengono consegnate quattro schede: una per la votazione dei componenti iscritti all Albo dei Medici-Chirurghi del Consiglio Direttivo; una per la votazione dei componenti la Commissione per gli iscritti all Albo degli Odontoiatri; due per la elezione dei componenti il Collegio dei Revisori dei Conti.

20 ATTENZIONE! LE NORME ELETTORALI VIGENTI STABILISCONO CHE LA VOTAZIONE SIA NULLA NEL CASO NON SI RAGGIUNGA IL QUORUM DI 1/3 DEGLI AVENTI DIRITTO IN PRIMA ISTANZA E QUINDI DA RIPETERSI. L ONERE ECONOMICO PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DEL TURNO ELETTORALE È ELEVATO; RIPETERE LE ELEZIONI SIGNIFICA QUINDI SOSTENERE SPESE CHE POSSONO VENIRE PIU PROFICUAMENTE IMPIEGATE. È COSTUME DIFFUSO E DEPRECABILE DOVER RIPETERE DEI TURNI ELETTORALI, PER CUI CI SI APPELLA AL SENSO DI RESPONSABILITA DEGLI ISCRITTI NELLA SPERANZA DI RAGGIUNGERE IL QUORUM ALLA PRIMA VOTAZIONE.

anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI ARTICOLO 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita l associazione senza scopo di lucro Federcongressi&eventi, in appresso denominata "Associazione" (già Federcongressi, organismo

Dettagli

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE

STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE STATUTO ART. 1: DENOMINAZIONE SEDE 1.1 È costituita l Associazione senza fini di lucro, apolitica e aconfessionale, denominata: ALZHEIMER BERGAMO di Beppe Pirola. 1.2 L associazione ha sede in Bergamo,

Dettagli

Dr. Roberto Callioni

Dr. Roberto Callioni Dr. Roberto Callioni Nato il 18 luglio 1954 a Bergamo, dove risiede, svolge esclusivamente attività libero professionale in qualità di Medico Chirurgo Odontoiatra in Bergamo e Treviglio (BG). Laureatosi

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

SOMMARIO. Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio 2015-2017 pag. 3

SOMMARIO. Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio 2015-2017 pag. 3 SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio 2015-2017 pag. 3 NOTIZIARIO DELL ORDINE Rinnovo cariche ordinistiche per il triennio 2015-2017 - risultati elettorali»

Dettagli

ASSOCIAZIONE. Contatto - onlus STATUTO

ASSOCIAZIONE. Contatto - onlus STATUTO ASSOCIAZIONE Contatto - onlus STATUTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Contatto onlus Articolo 1: Costituzione Ai sensi degli art. 36 e 37 del C.C. e seguenti, è costituita l Associazione denominata Contatto

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172

SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172 SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172 SERVICE VOLONTAIRE INTERNATIONAL INTERNATIONAL VOLUNTARY SERVICE SERVICIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica -

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica - COMUNE DI SAVIGNO Provincia di Bologna COPIA DELIBERAZIONE N 110 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica - OGGETTO: ADOZIONE SCHEMA DI

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO. Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30. FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B

CONSIGLIO DIRETTIVO. Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30. FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B CONSIGLIO DIRETTIVO Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30 FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B Piazza Cola di Rienzo 80/A - Roma Ordine del Giorno: Comunicazioni del Presidente

Dettagli

STATUTO. Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Costituzione - Denominazione - Sede

STATUTO. Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Costituzione - Denominazione - Sede STATUTO Unione per la difesa dei diritti dei Malati Anziani Non Autosufficienti (Associazione Umana) Allegato all Atto Costitutivo Costituzione - Denominazione - Sede Art. 1. È costituita con sede a Perugia,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Viale Piceno, 18-20129 Milano - Telefono 02/70102396 - Fax 02/76110653 http://www.ordinefarmacistimilano.it - E-Mail : info@ordinefarmacistimilano.it

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO Art. 1 Costituzione 1.1. E costituita, ai sensi degli art. 36 ss. del Codice Civile e del Decreto Legislativo 4 dicembre 1977, n. 460, l associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO Art. 1 E costituita, con sede in Imola, una Associazione non riconosciuta, senza scopo di lucro, e per fini esclusivi di solidarietà, denominata

Dettagli

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION Regolamento dei congressi e delle assemblee Approvato dal Consiglio Nazionale nella

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA DELL ASSOCIAZIONE ALLEANZA CONTRO IL CANCRO. Ministero della Salute, Viale della Civiltà Romana, 7 (Roma)

VERBALE DELL ASSEMBLEA DELL ASSOCIAZIONE ALLEANZA CONTRO IL CANCRO. Ministero della Salute, Viale della Civiltà Romana, 7 (Roma) VERBALE DELL ASSEMBLEA DELL ASSOCIAZIONE ALLEANZA CONTRO IL CANCRO Ministero della Salute, Viale della Civiltà Romana, 7 (Roma) 07 novembre 2006 ORE 12.00 ODG: 1. Comunicazioni 2. Modifiche statutarie

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANFFAS BRESCIA ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANFFAS BRESCIA ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANFFAS BRESCIA ONLUS Titolo Primo: Sede, fini e risorse economiche Art.1 - COSTITUZIONE Art. 2 SEDE Art. 3 FINALITA E ATTIVITA' Art. 3.1 ADESIONE ALL ANFFAS NAZIONALE Art. 4 RISORSE

Dettagli

Statuto A.N.VE Nicola Gazzini. Titolo I. Costituzione e generalità

Statuto A.N.VE Nicola Gazzini. Titolo I. Costituzione e generalità Statuto A.N.VE Nicola Gazzini Titolo I Costituzione e generalità Art. 1) E costituita un Associazione democratica apartitica e aconfessionale, senza scopo di lucro denominata A.N.VE - Nicola Gazzini con

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE Titolo 1 Art 1 costituzione e denominazione Art 2 soci di diritto Art 3 soci Art 4 durata Art 5 scopi e attività Titolo 2 Art 6 organi sociali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E costituita l associazione culturale apartitica denominata PESCHIERA BENE COMUNE, associazione di fatto, libera, non riconosciuta

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI. ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI. ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito in Lodi nel 1956 per iniziativa di un gruppo di professionisti e

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ORIZZONTE TUMAINI ONLUS Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. E costituita l Associazione ORIZZONTE TUMAINI ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), con sede in Conselve

Dettagli

ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO

ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO Art. 1 Costituzione L Associazione di volontariato Autismo Firenze Onlus (in seguito chiamata Associazione), con sede in Firenze Via Pirandello n. 5, nel rispetto

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

A H M I S Amici Hospice Malattie Infettive Sacco Associazione di Volontariato ONLUS S T A T U T O

A H M I S Amici Hospice Malattie Infettive Sacco Associazione di Volontariato ONLUS S T A T U T O S T A T U T O (aggiornato dalle delibere dell assemblea straordinaria dei soci del 16 giugno 2008) Art. 1 Costituzione e durata 1.1 - È costituita l'associazione di volontariato: (AHMIS) di seguito denominata

Dettagli

SOCIETA INTERNET. RIUNIONE DEL CONSIGLIO N.4 Pisa, 8-9 dicembre 2003 Verbale

SOCIETA INTERNET. RIUNIONE DEL CONSIGLIO N.4 Pisa, 8-9 dicembre 2003 Verbale SOCIETA INTERNET RIUNIONE DEL CONSIGLIO N.4 Pisa, 8-9 dicembre 2003 Verbale Seduta del 8/12/2003. Presenti: Abba, Bertola, Fogliani, Giunchi, Mazzucchi, Trumpy, Viscuso Assenti: Bonora, Chiari Ordine del

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI. Milano-Aula Magna della Clinica del Lavoro 3 luglio 2013

ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI. Milano-Aula Magna della Clinica del Lavoro 3 luglio 2013 ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI Milano-Aula Magna della Clinica del Lavoro 3 luglio 2013 L Assemblea e stata convocata con il seguente odg 1. Presentazione, discussione e verifica delle iniziative CIIP 2012

Dettagli

STATUTO Dell ASSOCIAZIONE BIELLESE DI VOLONTARIATO A.B.V. Con sede in Biella

STATUTO Dell ASSOCIAZIONE BIELLESE DI VOLONTARIATO A.B.V. Con sede in Biella STATUTO Dell ASSOCIAZIONE BIELLESE DI VOLONTARIATO A.B.V. Con sede in Biella Art.1- Denominazione e sede Nell ambito delle vigenti disposizioni di legge in materia, ed in particolare della Legge quadro

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S.

ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA dei FORMATORI ED ESPERTI IN SICUREZZA SUL LAVORO A.I.F.E.S. TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Articolo 1 -Denominazione e durata L Associazione denominata

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO

ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE AUTISMO FIRENZE ONLUS STATUTO Art. 1 Costituzione L Associazione di volontariato Autismo Firenze Onlus (in seguito chiamata Associazione), con sede in Firenze Via Pirandello n. 5, nel rispetto

Dettagli

1 di 2 28/12/2011 16.22

1 di 2 28/12/2011 16.22 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.bki.a.a.a.a 1 di 2 28/12/2011 16.22 Numero 15 - Maggio 2011 UN ANNO DA PRESIDENTE NAZIONALE, AL SERVIZIO DELL ASSOCIAZIONE Cari Colleghi, un anno fa venivo eletto

Dettagli

Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA. Articolo 1

Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA. Articolo 1 Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA Il venti aprile duemilasei. In Roma via Dora n. 1. Avanti a me Silvio Garroni, notaio in Anzio, con studio in via Breschi

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

sabato 21 gennaio 2012, alle ore 10.30 presso il Teatro dal Verme, via S. Giovanni sul Muro

sabato 21 gennaio 2012, alle ore 10.30 presso il Teatro dal Verme, via S. Giovanni sul Muro Caro collega, come sai, da tempo assistiamo con preoccupazione ad un vero e proprio attacco al sistema delle professioni, spesso rappresentate all'opinione pubblica come un blocco sociale chiuso in se

Dettagli

Associazione Italiana contro le Miopatie Rare ONLUS STATUTO

Associazione Italiana contro le Miopatie Rare ONLUS STATUTO Associazione Italiana contro le Miopatie Rare ONLUS STATUTO Titolo I Associazione - Accoglienza - Sede - Obiettivi e Scopi. Art. 1 - Associazione È costituita col nome di Associazione Italiana contro le

Dettagli

Il percorso del farmaco dagli studi registrativi all accesso dei pazienti

Il percorso del farmaco dagli studi registrativi all accesso dei pazienti Promossa da Il percorso del farmaco dagli studi registrativi all accesso dei pazienti SABATO, 10 OTTOBRE 2015 ore 9.00-16.30 Patrocinio richiesto di Regione Lombardia - SALA BIAGI Palazzo Lombardia Piazza

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino Torino, 17 marzo 2008 NOTIZIARIO 10/2008 S O M M A R I O SERATA MENSILE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE: LE NOVITA DEL BILANCIO 2007 Martedì 25 marzo 2008, alle ore 17.00, presso il Centro Congressi Torino

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE noi per te VOLONTARIATO PER LE CURE PALLIATIVE ED ONCOLOGIA. Art. 1 DENOMINAZIONE SEDE - FORMA GIURIDICA DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE noi per te VOLONTARIATO PER LE CURE PALLIATIVE ED ONCOLOGIA. Art. 1 DENOMINAZIONE SEDE - FORMA GIURIDICA DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE noi per te VOLONTARIATO PER LE CURE PALLIATIVE ED ONCOLOGIA Art. 1 DENOMINAZIONE SEDE FORMA GIURIDICA DURATA Il giorno 21 gennaio dell anno 2005 si costituisce l Associazione

Dettagli

STATUTO. Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE

STATUTO. Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE STATUTO Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE Premessa Le norme contenute nel presente Statuto di Sezione sono approvate dall Assemblea Generale dei

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Art. 3 Sede La SIE ha sede presso la propria segreteria in Milano, Via Pietro Custodi n. 3.

Art. 3 Sede La SIE ha sede presso la propria segreteria in Milano, Via Pietro Custodi n. 3. LO STATUTO Art. 1 Denominazione E costituita una Associazione senza scopo di lucro fra Medici Dentisti ed Odontoiatri italiani, denominata: SOCIETÀ ITALIANA DI ENDODONZIA S.I.E.. Essa non ha finalità sindacali

Dettagli

L ANGOLO DEL PRESIDENTE NOTIZIARIO DELL ORDINE NOTIZIE E COMUNICAZIONI SPAZIO LIBERO SOMMARIO. Sanità Malata... a cura di M. Collini pag.

L ANGOLO DEL PRESIDENTE NOTIZIARIO DELL ORDINE NOTIZIE E COMUNICAZIONI SPAZIO LIBERO SOMMARIO. Sanità Malata... a cura di M. Collini pag. SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE Sanità Malata... a cura di M. Collini pag. 3 NOTIZIARIO DELL ORDINE Seduta di Consiglio del 14 novembre 2013» 4 Seduta di Consiglio del 19 dicembre 2013» 6 Seduta di Consiglio

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT.

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO DELLA PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO COSTITUZIONE

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER STATUTO Associazione di Volontariato ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER Costituzione - Denominazione - Sede Art. 1. E' costituita con Sede in Via Nino Taranto, 30 l'associazione denominata "Associazione di volontariato

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI DE La Nostra Famiglia Sezione del Veneziano ATTO COSTITUTIVO I - Costituzione, scopi e durata - Articolo 1 - Costituzione E

ASSOCIAZIONE GENITORI DE La Nostra Famiglia Sezione del Veneziano ATTO COSTITUTIVO I - Costituzione, scopi e durata - Articolo 1 - Costituzione E ASSOCIAZIONE GENITORI DE La Nostra Famiglia Sezione del Veneziano ATTO COSTITUTIVO I - Costituzione, scopi e durata - Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione denominata Associazione Genitori

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione "Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei" (VIDiCE). Art. 2 Finalità e Scopi sociali

STATUTO Art. 1 - Costituzione Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei (VIDiCE). Art. 2 Finalità e Scopi sociali STATUTO Art. 1 - Costituzione 1.1 - È costituita l associazione "Veterinari Italiani Diplomati dei Colleges Europei" (VIDiCE). 1.2 - La durata dell associazione è illimitata. 1.3 - L associazione ha sede

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Bari 3 Foggia 2 Cagliari 2 3 Firenze 4 Pisa Siena 4 Genova 3 Torino 5 L'Aquila 2 Chieti 6 Messina 2 Catania 7 Milano 4 Brescia Pavia 8 Milano S. Raffaele 1 9 Milano

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 Verbale n 15 L anno 2015, addì ventitre del mese di settembre, in Campobasso alle ore 19,00, presso la sede dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008

Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008 Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008 Il giorno 9 luglio 2008, alle ore 15.30, il Consiglio Direttivo della SIMTREA si è riunito presso la Sezione di Microbiologia Generale

Dettagli

STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA. Denominazione-Sede

STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA. Denominazione-Sede STATUTO dell Associazione Culturale LIBERA STATISTICA Denominazione-Sede 1) E costituita l Associazione Culturale denominata LIBERA STATISTICA. 2) L Associazione ha sede in San Fili alla via Antonio Gramsci

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI GIOVANNI PASCOLI SCUOLA PRIMARIA DI COMERIO

STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI GIOVANNI PASCOLI SCUOLA PRIMARIA DI COMERIO STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI GIOVANNI PASCOLI SCUOLA PRIMARIA DI COMERIO ART.1 DENOMINAZIONE - SEDE L associazione è denominata Associazione Genitori Giovanni Pascoli ed è un Ente non commerciale di tipo

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

Senso di colpa e responsabilità in psicoanalisi. Seminari di supervisione clinico/teorici Docente: Dott. Ciro Elia

Senso di colpa e responsabilità in psicoanalisi. Seminari di supervisione clinico/teorici Docente: Dott. Ciro Elia Associazione Psicoanalisi e Ricerca Via Bezzecca 4 37126 Verona P.IVA 03262560232 Codice Organizzatore Ven-Org 505 Programma Evento formativo Senso di colpa e responsabilità in psicoanalisi. Seminari di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione FARE ABA 2. 2. L Associazione è apartitica, con durata illimitata, nel tempo e senza scopo di lucro.

Dettagli

Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto

Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto Art. 1 - Costituzione e Scopi L associazione Volontarinsieme-CSV Treviso ha sede legale nel comune di Treviso ed opera nel rispetto degli artt. 14 e segg. del Codice

Dettagli

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Approvato dall Assemblea Straordinaria del 29 maggio 2009 2 ORGANIGRAMMA (Rif.Statuto) ASSEMBLEA

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto REGOLAMENTO DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RESTAURATORI D ITALIA Approvato dall assemblea straordinaria dei soci il 16-02-2015. Articolo 1 Il presente Regolamento Interno, redatto dal Consiglio Direttivo ai

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Art.1 Costituzione a. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

VOLONTARIMINI - ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI RIMINI STATUTO Art. 1 Denominazione e durata 1. Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio ai principi contenuti nella Legge 11-08-1991 n. 266, nonché in base alle norme del Codice

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

b) offrire assistenza e consulenze alla progettazione l'avvio e la realizzazione di specifiche attività;

b) offrire assistenza e consulenze alla progettazione l'avvio e la realizzazione di specifiche attività; STATUTO Art. 1 - COSTITUZIONE È costituita con sede legale nel territorio del Comune di Milano, l'associazione Ciessevi, di seguito denominata Ciessevi. L Associazione ha sede in Milano piazza Castello

Dettagli

CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO

CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO AI CONFINI DEL DOLORE Incontro tra saperi sull esperienza del dolore e della sofferenza per l affermazione di una cultura della terapia del dolore

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA 90 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA (D.L. 25 marzo 2013, n. 24) 17 maggio 2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente INDICE 2

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL)

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Consulta Nazionale degli Specializzandi in Medicina del Lavoro VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Giardini Naxos 11/10/2013 Il

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

STATUTO. Art. 1) Denominazione e sede E costituita l Associazione CAMERA CIVILE DI FIRENZE con sede in Firenze, Via Vittorio Alfieri 28.

STATUTO. Art. 1) Denominazione e sede E costituita l Associazione CAMERA CIVILE DI FIRENZE con sede in Firenze, Via Vittorio Alfieri 28. STATUTO Art. 1) Denominazione e sede E costituita l Associazione CAMERA CIVILE DI FIRENZE con sede in Firenze, Via Vittorio Alfieri 28. Art. 2) Soci Alla possono aderire, quali soci, gli Avvocati che svolgono

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO CINOFILO COMASCO

STATUTO DEL GRUPPO CINOFILO COMASCO COSTITUZIONE E SCOPI STATUTO DEL GRUPPO CINOFILO COMASCO ART. 1 E costituito con sede in Como, una associazione non avente fini di lucro denominata Gruppo Cinofilo Comasco ed è operante nella provincia

Dettagli

anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PRO OVIBUS UNUS GREX ( PROGREX ) COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE Art. 1. E costituita, con sede in Bari, l Associazione di volontariato denominata PRO OVIBUS

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

STATUTO. Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE

STATUTO. Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE STATUTO Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART.1 Si costituisce un Associazione di Coordinamento tra le Associazioni di Volontariato

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

Non lasciarla nell ombra.

Non lasciarla nell ombra. La vita è emozione. Non lasciarla nell ombra. Un ascolto attento e qualificato. Michele Andolina coltiva da sempre una grande passione: il benessere della persona in tutte le sue forme. Considera la cura

Dettagli