COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n SA.37347 (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2014) 939 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di Stato n SA (2013/N) Italia Regime di aiuti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas in Alto Adige Signora Ministro, ho il piacere di comunicarle che la Commissione europea ha valutato la misura in oggetto, notificata dall'italia ai sensi dell'articolo 108, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'unione europea ( TFUE ), e ha deciso di non sollevare obiezioni in merito poiché la misura in parte non costituisce aiuto di Stato e in parte costituisce un aiuto di Stato considerato compatibile ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE. 1. PROCEDIMENTO (1) L'11 settembre 2013 l'italia ha notificato alla Commissione un regime di aiuti agli investimenti per la costruzione e l'ampliamento di impianti di biogas nella Provincia autonoma di Bolzano/Bozen (di seguito: Alto Adige ) a norma dell'articolo 108, paragrafo 3, del TFUE. (2) Al termine di una prima analisi, l'11 novembre 2013 i servizi della Commissione hanno chiesto informazioni complementari. S.E. On. Emma Bonino Ministro degli Affari Esteri P.le della Farnesina Roma RM Commission européenne, B-1049 Bruxelles Belgique Europese Commissie, B-1049 Brussel België Telefono: (0)

2 (3) L'Italia ha fornito tali informazioni il 9 dicembre DESCRIZIONE DELLA MISURA 2.1 Basi giuridiche e obiettivo (4) La base giuridica di questa misura nel diritto nazionale è costituita dai seguenti atti giuridici regionali: (a) Legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, Disciplina del procedimento amministrativo e del diritto di accesso ai documenti amministrativi; (b) (c) Legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9, Disposizioni in materia di risparmio energetico e energia rinnovabile, che definisce l'obiettivo da perseguire e i tipi di investimenti da sostenere nel campo del risparmio energetico e dell'energia rinnovabile, delegando al governo locale l'adozione delle relative misure di attuazione; Delibera della Giunta provinciale del 26 agosto 2013, n (di seguito: delibera ), che contiene le disposizioni di attuazione adottate dal governo locale per definire i criteri di ammissibilità e la procedura amministrativa per il regime in oggetto (investimenti per la costruzione e l'ampliamento di impianti di biogas). (5) Secondo l'alto Adige, cioè l'autorità che concede l'aiuto, la misura in oggetto mira a promuovere lo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili (biogas/biomassa) e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra mediante l'uso di effluenti di allevamento. 2.2 Durata e bilancio (6) Nell'ambito di questa misura, l'alto Adige intende erogare un importo complessivo di 9 milioni di EUR nel periodo (7) L'aiuto è finanziato dal bilancio generale della Provincia. (8) La delibera comprende una clausola di sospensione fino all'approvazione della Commissione e pertanto non è stata attuata. 2.3 Cumulo (9) Secondo le informazioni comunicate, gli aiuti concessi nell'ambito del regime in oggetto non possono essere combinati con altre forme di sostegno di origine nazionale o UE. (10) I richiedenti devono firmare un'autocertificazione in cui si impegnano a non richiedere nessun altro tipo di aiuto previsto dalla normativa UE o italiana per lo stesso progetto. 2.4 Disposizioni specifiche della delibera n

3 (11) La delibera n riguarda aiuti a favore della costruzione e dell'ampliamento di impianti di biogas per il trattamento anaerobico degli effluenti di allevamento. (12) Secondo la delibera, il gas ottenuto dall impianto di biogas deve essere utilizzato per almeno il 70% per finalità elettriche e/o termiche. (13) Un contributo a carico del bilancio provinciale per impianti di biogas può essere concesso soltanto se il calore prodotto viene immesso nella rete di teleriscaldamento. (14) L'Alto Adige ha confermato che gli aiuti concessi nell ambito del regime in oggetto saranno destinati esclusivamente alla promozione del biogas quale fonte energetica rinnovabile ai sensi della disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela ambientale 1. (15) A norma dell'articolo 5 dell'allegato A della delibera, i costi ammissibili per la costruzione e per l ampliamento di impianti di biogas sono quelli relativi a: impianto di rifornimento ed estrazione, agitatore, deposito gas (esclusi lavori edili), impianto per il trattamento e la distribuzione del gas con dispositivi di sicurezza, impianto per la produzione combinata di energia elettrica e calore, impianto termoidraulico, impianto elettrico inclusa alimentazione di riserva, impianto di regolazione, prestazione di lavoro per la realizzazione di quanto descritto sopra, spese tecniche fino a un massimo dell 8% delle spese ammissibili (progettazione, direzione lavori, perizie tecniche, studi di fattibilità tecnicoeconomica, coordinamento della sicurezza, progetto antincendio e collaudo). (16) Conformemente all'allegato A della delibera, gli aiuti possono essere concessi solamente per materiali ed impianti nuovi di fabbrica. Non vengono concessi aiuti per la sostituzione di parti di impianto già sovvenzionate. (17) L'Alto Adige dichiara che i beneficiari della misura sono i privati, le imprese, gli enti pubblici, le cooperative agricole, ecc. che costruiscono o ampliano impianti di biogas sul territorio della Provincia. (18) Conformemente all'allegato A della delibera, le domande di aiuto devono essere presentate prima dell'inizio del progetto. (19) Lo stesso allegato specifica che le domande per la costruzione di impianti di biogas presentate da grandi imprese devono essere corredate da un analisi economica dell investimento in assenza del contributo provinciale redatta da un esperto abilitato indipendente. Calcolo dell intensità dell aiuto (20) I progetti conformi alle condizioni di cui all'allegato A della delibera riceveranno aiuti per gli investimenti sotto forma di una sovvenzione diretta non superiore al 30% dei costi d'investimento ammissibili, come indicato al punto (15). 1 GU C 82 dell' , pag. 1. 3

4 (21) Conformemente all'articolo 6 dell'allegato A della delibera, l intensità dell'aiuto viene calcolata secondo la seguente tabella: Impianto di biogas Investimento di riferimento Investimento A B Costi operativi nei primi 5 anni C D Ricavi operativi nei primi 5 anni E F Sovraccosti d investimento Importo dell'aiuto Intensità dell aiuto A-B+C-D-E+F G G / (A-B+C-D-E+F) (22) Conformemente all'articolo 6 dell'allegato A della delibera, l'investimento di riferimento per la costruzione di un impianto di biogas è la costruzione di una centrale elettrica o di un generatore di calore a gas metano di pari capacità. (23) Conformemente all'articolo 5 dell'allegato A della delibera, ai sensi della disciplina per gli aiuti ambientali l intensità degli aiuti, calcolata in base all articolo 6, non può superare le percentuali di seguito indicate: - medie imprese: 70% - piccole imprese: 80%. (24) Qualora l intensità sopra indicata venisse superata, l'aiuto dovrà essere ridotto in misura corrispondente. In nessun caso verranno concessi aiuti che superino le percentuali massime consentite dalla disciplina. (25) Per quanto riguarda gli aiuti concessi nell'ambito del regime per le grandi imprese, l'alto Adige s'impegna ad applicare il regolamento de minimis 2. (26) Per quanto riguarda gli obiettivi ambientali della misura, l'alto Adige prevede di produrre energia termica ed elettrica da biogas pari a 75 GWh all'anno. Ciò comporta una riduzione dell'emissione di gas a effetto serra pari a t all'anno. (27) L'Alto Adige ritiene che la misura debba essere valutata in base alla disciplina per gli aiuti ambientali e ha presentato i calcoli dell'importo previsto dell'aiuto per un esempio rappresentativo di progetto di produzione di energia rinnovabile da biogas. A scopo illustrativo si riportano di seguito i dettagli dell'esempio. 2 OJ L 352, , p.1 Regolamento (EC) No 1407/2013 4

5 L esempio di progetto riguarda la costruzione di un impianto di biogas consortile alimentato da scarti d allevamento, caratteristico per la realtà agricola provinciale con aziende agricole di dimensioni ridotte con una media di 8 UBA (unità bovine adulte) per agricoltore, una quantità troppo bassa per poter sfruttare gli scarti d allevamento in un impianto di biogas individuale. Con la costruzione di un impianto consortile, nel quale verranno raccolti e lavorati gli scarti di diverse aziende agricole situate nelle vicinanze, si potrà raggiungere una quantità di scarti sufficiente per poter gestire l impianto in modo efficiente e sostenibile. Il progetto riguarda la costruzione di un impianto di biogas consortile per una comunità di valle ad opera di una cooperativa agricola costituita da circa 200 aziende agricole. La cooperativa gestirà il servizio di trasporto della biomassa fresca dai contadini all impianto. Qui i liquami saranno stoccati per alcuni giorni in due vasche di precarico e quindi immessi nel digestore. La biomassa solida (letame) sarà stoccata separatamente, quindi aggiunta nel digestore. Nel digestore verrà prodotto il biogas dalla digestione anaerobica delle sostanze organiche immesse. Il biogas prodotto sarà valorizzato in un unità di cogenerazione per la produzione di energia elettrica e termica. La maggior parte dell energia elettrica sarà immessa in rete, mentre una parte verrà impiegata per i consumi dell impianto biogas (circa il 10% dell energia prodotta). Il calore recuperato verrà in parte utilizzato per garantire le temperature richieste dal processo di digestione (circa il 25% del calore prodotto dall impianto) e per la restante parte immesso in una rete di teleriscaldamento preesistente. Considerando un rendimento complessivo dell impianto di cogenerazione dell 85%, con un rendimento elettrico del 40% e un rendimento termico del 45%, si stima che complessivamente il 70% dell energia contenuta nel biogas potrà essere ceduta in forma di energia elettrica e termica, con un ricavo economico corrispondente. L'impianto tratterà t/anno di biomassa (liquame e letame) e t/anno di scarti della produzione agricola. Il biogas prodotto nell impianto è stimato a m³/anno, che equivalgono a m³/anno di gas metano. L'impianto di cogenerazione di biogas avrà una potenza complessiva di 2 x kw, con un rendimento complessivo di cogenerazione dell'85%, una potenza elettrica di 2 x 500 kw e una potenza termica complessiva di kw. La produzione di energia elettrica netta annua (-10% di autoconsumo) è di kwh, mentre la produzione di energia termica netta annua è (-25% di autoconsumo) è di kwh. 5

6 I costi d'investimento complessivi per l'impianto di biogas sono stimati in EUR, come indicato nella tabella seguente. Descrizione Costi d investimento Costi ammissibili a norma dell'articolo 5 3 Acquisto terreno EUR -- Preparazione terreno, lavori di interramento, ripristino terreno EUR -- Costruzione edificio per impianti, garage, officina e uffici EUR -- Costruzione di 6 vasche (precarico, digestione, stoccaggio) EUR -- Carpenteria metallica per impianto di rifornimento EUR -- Allacciamento alle infrastrutture e cabina di trasformazione EUR -- Acquisto di 2 veicoli per trasporto liquame e letame EUR -- Impianto rifornimento/estrazione liquame, letame, cofermenti EUR EUR Impianto agitatore per digestore EUR EUR Deposito biogas EUR EUR Impianto trattamento, sicurezza e distribuzione biogas EUR EUR Impianto di cogenerazione a biogas ( 2 x kw) EUR EUR Impianto termoidraulico e riscaldamento digestore EUR EUR Impianto elettrico e alimentazione di emergenza EUR EUR Impianto di regolazione e gestione impianti EUR EUR Spese di progettazione, direzione lavori, perizie, collaudo EUR EUR Totale EUR EUR Come investimento di riferimento per l impianto di biogas viene individuata la costruzione di un impianto di cogenerazione a gas metano di pari potenza complessiva nonché di pari produzione di energia elettrica e termica. Il costo dell'investimento di riferimento è di EUR. I sovraccosti di investimento per la costruzione dell impianto di biogas sono calcolati rapportando l'investimento alla situazione controfattuale. I costi ammissibili sono calcolati al netto di qualsiasi profitto e costo 3 Il livello massimo del finanziamento in base all'articolo 5 della delibera è pari al 30% dei costi d'investimento indicati nello stesso articolo (si veda il considerando (15)). L'importo massimo del finanziamento è quindi di EUR x 30% = EUR. 6

7 operativo durante i primi cinque anni di vita dell'investimento interessato, come risulta dalla tabella seguente. Descrizione Impianto di biogas Progetto controfattuale Costi d investimento (A) = EUR (B) = EUR Costi operativi nei primi cinque anni (C) = EUR (D) = EUR Ricavi operativi nei primi cinque anni (E) = EUR (F) = EUR Sovraccosti d investimento A-B+C-D-E+F = EUR Importo dell'aiuto (30% dei costi d'investimento conformemente all'articolo 5) 4 (G) = EUR Intensità dell aiuto G/(A-B+C-D-E+F) = 29,9% L'intensità dell'aiuto a favore del progetto è ottenuta dividendo l'importo dell'aiuto calcolato a norma dell'articolo 5 per i costi d'investimento totali dell'impianto di biogas ( EUR). Conformemente all'articolo 5, l'intensità dell'aiuto viene rapportata alle intensità massime previste nella disciplina per gli aiuti ambientali. Dai calcoli di cui sopra risulta chiaramente che il finanziamento dell'impianto di biogas interessato determina un'intensità di aiuto inferiore a quelle consentite dalla disciplina. (28) Conformemente all'articolo 5 dell'allegato A della delibera, gli aiuti a singole imprese per un singolo progetto d'investimento superiori a 7,5 milioni di EUR devono essere notificati, prima della concessione, alla Commissione a norma del punto 160 della disciplina. 3. VALUTAZIONE DELL'AIUTO 3.1 Legittimità della misura (29) Notificando la misura in questione prima di darvi esecuzione, le autorità italiane hanno rispettato l'obbligo loro imposto dall articolo 108, paragrafo 3, del TFUE. 4 Il livello massimo del finanziamento in base all'articolo 5 della delibera n del 26 agosto 2013 è pari al 30% dei costi d'investimento indicati nello stesso articolo. Conformemente all'articolo 5, i costi d'investimento per il calcolo dell'importo dell'aiuto ammontano a EUR. L'importo massimo del finanziamento è quindi di EUR x 30% = EUR. 7

8 3.2 Aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE (30) Ai sensi dell articolo 107, paragrafo 1, del TFUE, una misura costituisce aiuto di Stato se risultano cumulativamente soddisfatte le seguenti condizioni: la misura a) conferisce un vantaggio economico al beneficiario; b) è un aiuto concesso dallo Stato ovvero mediante risorse statali; c) presenta una natura selettiva; d) incide sugli scambi tra Stati membri ed è di natura tale da falsare la concorrenza nell'ue. (31) Per quanto riguarda il regime in oggetto, che concede aiuti per la costruzione e l'ampliamento di impianti di biogas, la Commissione conclude quanto segue: poiché il regime è finanziato dal bilancio dell'alto Adige, si considera che l'aiuto sia concesso direttamente tramite risorse statali e che sia imputabile allo Stato; il regime di aiuti prevede sovvenzioni dirette e quindi conferisce un vantaggio economico ai beneficiari; il regime è selettivo, perché il pagamento è destinato esclusivamente a un determinato gruppo di beneficiari, cioè le persone giuridiche che attuano progetti d'investimento nel territorio dell'alto Adige; poiché i mercati collegati sono aperti alla concorrenza e agli scambi all'interno dell'ue, secondo la giurisprudenza consolidata il regime potrebbe incidere sugli scambi intra-ue e a falsare la concorrenza nell'ue. (32) La Commissione ritiene pertanto che la misura volta a sostenere la costruzione e l'ampliamento di impianti di biogas costituisca un aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, del TFUE nella misura in cui l'aiuto è concesso a imprese. 3.3 Compatibilità ai sensi dell articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE Compatibilità dell'allegato A della delibera n del 26 agosto 2013 Impianti di biogas (33) Alla luce dei criteri di ammissibilità di cui all'allegato A della delibera n e dato che gli aiuti all'investimento sono concessi a impianti di biogas che utilizzano fonti energetiche rinnovabili (biomassa), la Commissione valuterà la compatibilità della misura notificata conformemente alla sezione della disciplina per gli aiuti ambientali (Aiuti a favore delle fonti energetiche rinnovabili) Valutazione conformemente alla sezione della disciplina per gli aiuti ambientali per gli investimenti in impianti di biogas Ammissibilità (34) Le condizioni di ammissibilità applicabili agli investimenti a favore della produzione di energia da fonti rinnovabili sono definite al punto 101 della disciplina per gli aiuti ambientali, secondo il quale gli aiuti di Stato possono essere giustificati in assenza di norme comunitarie obbligatorie che prescrivano la quota di energia da fonti rinnovabili per singola impresa. 8

9 (35) Alla luce del punto 101 della disciplina per gli aiuti ambientali, la Commissione fa presente che non esiste una norma UE obbligatoria per quanto riguarda la quota di energia da fonti rinnovabili (biogas) per le singole imprese. La Commissione ritiene pertanto che la misura soddisfi le condizioni di ammissibilità applicabili definite nella disciplina per gli aiuti ambientali. Intensità dell aiuto (36) Conformemente alla disciplina per gli aiuti ambientali, l'intensità dell'aiuto non deve superare il 60% dei costi ammissibili, più le maggiorazioni PMI, per gli aiuti a favore delle fonti energetiche rinnovabili 5. (37) Con riferimento all'ammissibilità dei costi d'investimento, a norma dei punti 105 e 106 della disciplina per gli aiuti ambientali i costi ammissibili devono essere calcolati sulla base dei sovraccosti d'investimento detraendo i costi di un investimento di riferimento e al netto di tutti i profitti e costi operativi registrati durante i primi cinque anni dell'investimento, come indicato ai punti da 81 a 83 della disciplina. Negli stessi punti viene individuato anche lo scenario controfattuale in una centrale elettrica tradizionale o in un sistema di riscaldamento tradizionale di pari capacità in termini di produzione effettiva di energia. (38) A questo riguardo, la misura prevede un aiuto fino al 30% dei costi d'investimento indicati all'articolo 5 dell'allegato A della delibera. All'articolo 6 dell'allegato A della delibera i costi ammissibili sono calcolati a norma dei punti da 81 a 83 della disciplina, cioè al netto di qualsiasi profitto operativo e costo operativo legato all'investimento supplementare per le fonti energetiche rinnovabili e verificatosi durante i primi cinque anni di vita dell'investimento L'intensità dell'aiuto a favore del progetto si ottiene dividendo l'importo dell'aiuto di cui sopra per i costi ammissibili. Conformemente all'articolo 5 dell'allegato A della delibera, qualora l'intensità dell'aiuto calcolata superi le intensità massime previste dalla disciplina per gli aiuti ambientali, l'importo dell'aiuto viene ridotto in modo da rispettare dette intensità massime. (39) La Commissione osserva che questa metodologia è in linea con le disposizioni della disciplina per gli aiuti ambientali. (40) La Commissione osserva altresì che l'alto Adige ha presentato un esempio credibile di progetto nell'ambito del regime notificato (si veda il considerando (27)), in cui si dimostra che il metodo di calcolo è in linea con i punti da 81 a 83 della disciplina. (41) In base alle informazioni fornite, la Commissione ritiene pertanto che la misura sia conforme alle disposizioni relative all'intensità degli aiuti e all'ammissibilità dei costi contenute nelle sezioni pertinenti della disciplina. 5 L'intensità degli aiuti è pari rispettivamente al 60, al 70 e all'80% dei costi ammissibili per le grandi, medie e piccole imprese beneficiarie (si vedano i punti 103 e 104 della disciplina per gli aiuti ambientali). 9

10 Effetto di incentivazione e necessità degli aiuti (42) Per quanto riguarda l'effetto di incentivazione e la necessità degli aiuti, la Commissione fa riferimento ai punti 142 e 143 della disciplina, a norma dei quali gli aiuti di Stato per la tutela ambientale devono indurre nel beneficiario un cambiamento di comportamento tale da garantire un livello più elevato di protezione ambientale. Questo significa che i progetti beneficiari non possono iniziare prima che sia inoltrata la domanda di aiuto. (43) A questo riguardo, la misura limita l'ammissibilità ai progetti non avviati prima dell'inoltro della domanda alle autorità nazionali. In tal caso, a norma del punto 144 della disciplina per gli aiuti ambientali, si presuppone che l'effetto di incentivazione sia dimostrato per quanto riguarda le PMI. (44) Per quanto riguarda le grandi imprese, l'alto Adige si è impegnato ad applicare il regolamento de minimis 6. (45) In considerazione delle informazioni fornite dalle autorità italiane, la Commissione conclude che il regime notificato è conforme alla sezione 3.2 della disciplina per gli aiuti ambientali. Notifiche individuali (46) La Commissione prende atto del fatto che, conformemente all'articolo 5 dell'allegato A della delibera, qualora le sovvenzioni superino la soglia per gli aiuti agli investimenti (7,5 milioni di EUR) i progetti saranno notificati individualmente alla Commissione a norma del punto 160 della disciplina. (47) Di conseguenza, la Commissione ritiene che le disposizioni del regime notificato a favore della costruzione e dell'ampliamento di impianti di biogas possano essere considerate compatibili con i requisiti stabiliti dalla disciplina per gli aiuti ambientali. Possibili modifiche del quadro normativo (48) La Commissione sta valutando la possibilità di definire criteri di sostenibilità anche per la biomassa solida e gassosa. Si ricorda alle autorità italiane che, nel caso in cui tali criteri di sostenibilità entrino in vigore, dette autorità dovranno adeguare il regime in oggetto per conformarsi alla normativa pertinente. La Commissione ricorda inoltre alle autorità italiane che l'attuale disciplina per gli aiuti ambientali scade il 31 dicembre 2014 e che, se necessario, la Commissione proporrà opportune misure per garantire che i regimi esistenti siano adattati alle nuove norme applicabili. 6 Considerati i costi operativi e i benefici per l'intera durata del progetto, le autorità italiane ritengono che non vi siano effetti di incentivazione dimostrabili per le grandi imprese. Queste ultime sono quindi escluse dal campo di applicazione della presente notifica. Qualora venga concesso un sostegno a grandi imprese, la Provincia autonoma di Bolzano s'impegna ad applicare il regolamento de minimis. 10

11 4. CONCLUSIONE In considerazione di quanto precede, la Commissione conclude che il regime notificato di aiuti agli investimenti per la costruzione e l ampliamento di impianti di biogas è compatibile con il mercato interno a norma dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE e decide pertanto di non sollevare obiezioni in merito. La Commissione ricorda alle autorità italiane che, ai sensi dell articolo 108, paragrafo 3, del TFUE, qualsiasi progetto diretto a rifinanziare, alterare o cambiare il regime in oggetto deve essere notificato alla Commissione conformemente alle disposizioni del regolamento (CE) n. 794/2004 della Commissione, recante disposizioni di esecuzione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio, che definisce modalità di applicazione dell articolo 93 (ora 108) del TFUE 7. Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega di informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione. Ove non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l esistenza del consenso alla divulgazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della presente lettera nella lingua facente fede, all indirizzo internet: Voglia gradire, signora Ministro, i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione Joaquín ALMUNIA Vicepresidente 7 GU L 140 del , pag

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto Le categorie di spesa ammissibili, le tipologie di costi e le relative intensità di aiuto sono riportate nel prospetto seguente. Esse

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369;

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369; COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.05.2009 C(2009)4363 Oggetto: Aiuto di Stato N 6/09 - Italia Incentivi agli investimenti in energia solare su discariche esaurite (Regione Piemonte) Signor Ministro, con

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 902 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "Investimenti per la crescita

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

A) Produttori primari (agricoltori)

A) Produttori primari (agricoltori) Parte III.12.J SCHEDA DI INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUGLI AIUTI PER LA PRODUZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI DI QUALITÀ Il presente modulo deve essere utilizzato per la notifica di aiuti

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2012 C(2012) 9853 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.35413 (2012/NN) - Italia Aiuti destinati a compensare i danni arrecati dagli eventi sismici verificatisi nel maggio

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE D.D. 96\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.D. 27\Segr D.G.\2014 del 12/11/2014, allegato al presente atto,

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 C(2015) 72 final DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9.1.2015 relativa alla rinuncia all esenzione dall accesso dei terzi e dalle disposizioni tariffarie concessa per

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori DEFINIZIONI Solare Termico: utilizzo della radiazione solare per produrre acqua calda Solare Fotovoltaico: utilizzo della radiazione solare per

Dettagli

ALLEGATO II. Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento

ALLEGATO II. Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento IT ALLEGATO II Informazioni relative agli aiuti di Stato esenti a norma delle condizioni previste dal presente regolamento PARTE I (da presentare mediante l'applicazione informatica della Commissione in

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, TURISMO E PROTEZIONE CIVILE Settore Politiche Agricole Genova, 3 ottobre 2008 Prot. n. PG 2008/132376 Allegati: Alle Comunità Montane Ai Consorzi dei Comuni per

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

INCENTIVI SOLARE TERMICO. Stato. Normativa Art.1, comma 20, Legge 244/2007 (Finanziaria 2008) Art 1, comma 346, legge 296/2006 (Finanziaria 2007)

INCENTIVI SOLARE TERMICO. Stato. Normativa Art.1, comma 20, Legge 244/2007 (Finanziaria 2008) Art 1, comma 346, legge 296/2006 (Finanziaria 2007) INCENTIVI SOLARE TERMICO Stato Detrazione in conto capitale del 55% in 3-10 quote annuali fino ad un massimo di 60.000 euro Persone fisiche. Enti, società semplici, società in nome collettivo, società

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.05.2009 C(2009)4152 Oggetto: Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà Signor

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI NEL CAMPO DELLE TECNOLOGIE ENERGETICO-AMBIENTALI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALL UTILIZZO DELLE FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Aiuto di Stato N 275/2008 - Italia Infrastruttura per l'erogazione di gas metano per autotrazione (Bolzano)

Aiuto di Stato N 275/2008 - Italia Infrastruttura per l'erogazione di gas metano per autotrazione (Bolzano) COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.VIII.2008 C(2008)4482 Oggetto: Aiuto di Stato N 275/2008 - Italia Infrastruttura per l'erogazione di gas metano per autotrazione (Bolzano) Signor Ministro, la Commissione

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

Il Contratto di Sviluppo

Il Contratto di Sviluppo Il Contratto di Sviluppo Obiettivo Favorire la realizzazione di programmi strategici e innovativi di rilevante dimensione, anche attraverso l attrazione di investimenti esteri, allo scopo di rafforzare

Dettagli

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 05.12.2013 C(2013) 8827 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuti

Dettagli

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003.

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003. Numero dell' XS 16/03 Grecia Tutte le regioni (13) Regime di aiuti ad azioni PMI nel quadro dei programmi operativi regionali del III QCS 2000-2006: Aiuto alla competitività e all'innovazione delle PMI

Dettagli

OPERAZIONE 7.2.2. Investimenti per favorire l approvvigionamento e l utilizzo di energia da fonti rinnovabili per autoconsumo.

OPERAZIONE 7.2.2. Investimenti per favorire l approvvigionamento e l utilizzo di energia da fonti rinnovabili per autoconsumo. OPERAZIONE 7.2.2 Investimenti per favorire l approvvigionamento e l utilizzo di energia da fonti rinnovabili per autoconsumo. Questa Operazione mira alla creazione, al miglioramento e all espansione delle

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.10.2015 C(2015) 7046 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.10.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Italia-

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Carlini

Prof. Ing. Maurizio Carlini ENERGIA DA BIOMASSE RESIDUALI NELLA REGIONE TIBERINA: OPPORTUNITÀ DI LAVORO E PROSPETTIVE DI CRESCITA PER LE AZIENDE AGRICOLE LAZIALI Prof. Ing. Maurizio Carlini 1 New Economy: dalla tecnologia alla centralità

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.12.2015 C(2015) 9347 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 15.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Grecia-Italia

Dettagli

Allegato 2 al Decreto n. del composto di n. 8 pagine

Allegato 2 al Decreto n. del composto di n. 8 pagine Spett. Amministrazione Provinciale di Istituto erogante OGGETTO: PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI ADESIONE AL PROGRAMMA D AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO

Dettagli