1. Project synthesis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Project synthesis"

Transcript

1

2 FINAL REPORT Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture SIAB 001/05/puglia (September 2005 November 2007) European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA Axis: 3 Measure: 3.1: Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action: Cross-border professional training Lead Partner C.I.H.E.A.M. Mediterranean Agronomic Institute of Bari Partners Italy University of Bari; Department of Biology and Agro-forestry and Environmental Chemistry; Department of Genetics and Plant Breeding University of Lecce Department of Science and Biological and Environmental Technologies Apulia Region Cooperation office for developing countries Albania Ministry of Agriculture Agriculture University of Tirana Biological Research Institute, Academy of Sciences, Tirana Bosnia & Herzegovina University of Banjaluka Faculty of Agriculture Croatia Podravka, Agricultural Development Croatian Agriculture Extension Institute Montenegro University of Montenegro Biotechnical Institute Serbia Agroinstitute of Sombor CIHEAM Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari September 2008

3 1. Project synthesis Organic Agriculture represents an option of entrepreneurial development to the current status, which is in favour of a positive situation on European and international markets. Consumers increasingly buy organic products and are ready to accept a higher price. Compared to this positive scenario, there is a considerable delay of Apulia and southern farms, especially with reference to the capability of creating effective organizational models aimed at marketing that must be regarded as a priority that is a qualitative and quantitative stability of productions. Current producers, among whom Apulia region and Italy are leaders at the international level, are not able to meet the demand of organic products. However, there are good market areas for new countries, such as PAO countries, which could back up a possible option for the development of the sector in the field of Organic Agriculture. This is due to their soil, climatic and agronomic characteristics and to the fact that they support the design idea aimed to encourage the development of Organic Agriculture in the Adriatic area through the strengthening of services to farms and the institutional support. Evident positive effects on the environment are not to be neglected. They are mainly due to the non-use of synthesis chemical products and to the encouragement of processes of crop diversification and recovery of soil organic fertility that are consistent with the choices of sustainable development of Adriatic countries. Conditions underpinning the project idea aiming at promoting organic agriculture development in the Adriatic area through cross-border professional training focusing on strengthening of sector institutions and organizations. Strategically, the project mainly pursues two objectives: Qualification of professional skills in order to strengthen the services offer to farms Institutional building - creating the normative and administrative conditions for the "government" of the Organic Agriculture system in compliance with the European and international legislation. 1.Qualification of professional skills and strengthening of services to promote the introduction and development of organic farms and agri-food farms in the Adriatic area. The aim is to contribute through the diffusion of the organic agriculture method at the improving of the farm number and to improve the quality of the production, applying methods with a low level input with a ecofunctional recover of the whole farm system. With regard to this objective, what is missing is the certitude about the use efficiency of technical means accepted by Regulation 2092/91 in different environmental contexts. In particular, the knowledge of an optimal management of the farm agro-ecosystem complying with the criteria of environmental conditions expressed by the recent reform of the Common Agricultural Policy (CAP) is also missing. Therefore, the development of steady forms of integration, the exchange of scientific knowledge and the implementation of pilot projects for demonstration and spreading purposes are remarkable among Adriatic countries. 2. Institutional building to create the norms and administrative prerequisites for the governance of the system organic agriculture that will be in equivalence at the European and international legislation. To promote the development of organic agriculture ion the Adriatic countries, it is necessary to create a normative contest in which it is possible to operate a control and a certification of the organic productions. 2

4 It is necessary to undertake projects of commerce on the most important international markets. (USA, Japan and UE) To this end it is necessary to initiate professional training and qualification in the public administration and institutions entrusted with the management of the organic farming system. In contrast with the on-going development of the organic agriculture it s possible to delineate some critical points that could create an obstacle or slower the qualitative or quantitative evolution of the most important Adriatic organic productions, losing a good commercial opportunity. Particularly, the most important problem situation that the SIAB project will overcome are: -The recognition (adoption), in several Countries, of the organic production method; in other Countries, instead, an intervention to promote the adjustment of existing national rules to those in force at Community or international level is requested. -There is a lack of national and regional policies backing up farms, either directly or indirectly, helping them in their conversion to organic agriculture and improving the quality of their productions. 2. Objectives The main objective is the development of quality farming through qualification and strengthening of sector institutions and organizations. As for the specific objectives OB1 Improvement of cross border cooperation in the primary sector OB2 Institutional strengthening and harmonization of systems: creation of a normative and institutional context through professional qualification and training in the public administration and in the institutions entrusted with the management of the organic farming system. OB3 Qualification of professional skills and strengthening of services offered to farms to convert to the organic production method. OB4 Dissemination of know-how 3. Structure by groups of activity ATO Project management: Technical and administrative coordination; project preparation. AT1 Improvement of cross border cooperation in the primary sector. AT1.1 Analysis of the agro-food sector in the Adriatic cross border region and identification of training needs. AT1.2 Creation of the cross border technical-scientific partnership. AT2 Institutional strengthening and harmonization of the systems: Creation of the normative-institutional context. AT2.1 Strengthening of the public institutions in charge of defining the normative and institutional context of the organic agricultural system (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region) Face-to-face training course and on the job training for public administration; Training support for the creation and/or development of the system to inspect organic agriculture productions (Inspection and Certification bodies). AT2.2 Development of a network of competence centres experts in organic agriculture in the Adriatic cross-border region (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region). 3

5 AT3 Qualification of professional skills and strengthening of services offered to farms in order to help them in the conversion to the organic production method. AT3.1 Development of innovative telematic services for the know-how exchange, sharing and transfer to organic farming. AT3.2 Pilot projects for demonstrations about crop diversification that can be practiced in Organic Agriculture, identification of the most suitable varieties for such an agricultural system, adoption of plant structures, both productive and unproductive, functional to the organic agro-ecosystem., composting and biocontrol. AT4 Dissemination of know-how AT4.1 Organization of 2 workshops: Kick off meeting and final workshop. AT4.2 Organization of no. 5 seminars/country AT4.3 Publication of results AT4.4 Implementation of an Internet website on the project 4. Foreseen involvement of each partner The Partners choice was determined by the Project Leader s experience (MAIB) as well as by the institutional relations that are cemented by now. Actually, all the PAO countries were, in the past, official members of the intergovernmental organization CIHEAM of which MAIB is one of the four institutes being present in the Mediterranean area. The institutional relations between MAIB and PAO countries have restarted for about three years leading them to take part in the institutional activities, mainly in training courses, regularly. This allowed for the establishment of constant relations even in one of the key sectors for MAI activities, i.e. organic farming. Therefore, the established partnership results from a long work carried out in the past and implemented through a series of initiatives in the field of training, research and cooperation. Very important has been the recent signing of a letter of intent between the Italian Ministry of Agriculture and the Ministries of the Balkan Countries (Albania, Bosnia - Herzegovina, Croatia, Macedonia, Serbia and Montenegro) whose aim is the promotion of cooperation in the agricultural sector (MAI-Bari, 8 April 2004). The Apulia University system has been involved in order to integrate the scientific competences, in particular the University of Bari and Lecce for their experience in the field of crop diversification, both productive and not productive, as well as the choice of varieties characterised by a high level of productive stability, whose use guarantees a lower level of energetic inputs useful for organic crops. The choice of foreign partners has been driven by the institutional role they cover in their own countries, in the administration (ministries) and/or research (universities and experimental institutes) in organic agriculture and that therefore can have a key role in the sector development. 4

6 Group of Activities (ACT) Partner OB0 Management MAIB OBJ1 Improvement of cross border cooperation in the primary sector AT1.1 Study of the organic and safety MAIB agriculture in the Adriatic cross-border region partnership AT1.2 Creation of the cross border technicalscientific All the PAO countries MAIB Puglia Region University of Bari and Lecce OBJ2 Institutional strengthening and system harmonization: Creation of the normative-institutional context AT2.1 Strengthening of the public institutions in charge of defining the normative and institutional context of the organic agricultural system; Face-to-face training course and on the job training for public administration; Training support for the creation and/or development of the system to inspect organic agriculture productions (Inspection and Certification bodies). AT2.2 Development of a network of competence centres experts in organic agriculture in the Adriatic cross-border region (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region). MAIB, Apulia Region, All PAO Countries MAIB, All PAO Countries OBJ3 Qualification of professional skills and strengthening of services offered to farms to convert to the organic production method AT3.1 AT3.1 Development of a distance MAIB learning course for the exchange, sharing and transfer of organic agriculture know-how AT3.2 Pilot projects aiming at demonstrative actions in organic agriculture to develop specific skills through professional qualification paths both on the field and in the laboratory. OBJ4 Dissemination of know-how AT4.1 Organization of 2 workshops: Kick off meeting e final workshop AT4.2 Organization of no. 5 seminars/country AT4.3 Publication of results University of Bari University of Lecce MAIB University of Bari MAIB AT4.4 Implementation of an Internet website on the project MAIB 5

7 ATO Project management: Technical and administrative coordination; project preparation. This activity was assured by the Lead Partner The main goal was to ensure good project management through the scientific, administrative and financial coordination. The coordination of activities developed at different levels ensuring, on one hand, a correct methodological-scientific approach to the work and the supervision of the activity and, on the other hand, efficient implementation of the working group. Moreover, as for the administrative-financial aspects, a coordination and support activity have been be provided to the partners for the periodical and final presentation of financial statements, as well as financial monitoring. Overall, seven financial statements were presented, and all expenses have been certified. A permanent link was established among Italian and other partners which has led to a fluid implementation of the project without any relevant problems as mentioned in the periodical technical scientific reporting AT1 Improvement of cross border cooperation in the primary sector. AT1.1 Analysis of the agro-food sector in the Adriatic cross border region and identification of training needs. The preliminary aim was to develop a study targeted to describe the agro-food scenario of the area, the main production sectors, the actual substantial character of organic farming and its development potentialities. The training needs of the institutional subjects mainly involved in the management of the organic agriculture system were particularly evaluated. The main difficulties for the development of sector/country analyses are the limited availability of the information sources. The national and regional statistical sources, which are relatively scarce and uncertain, does not allow for any detail on the current scenario and any evolution of the agro-food sector. The few available data can be derived from different information sources and are therefore desegregated and not homogeneous. Such a remark inevitably affects the development of the study to the choice of an integrated methodology for the information survey based on the intersection of data that result from different sources and are often original. The following work methodology will apply to the development of the study: desk analysis of the information that can be derived from the available databases; interviews and questionnaires to experts and privileged local witnesses; The objective of the analysis is to give a detailed description of the structural situation and, in particular, to detect the elements that can hinder the processes of evolution and introduction of innovative management instruments oriented to improve trade performance as well as relations with international markets. This aspect is of a particular importance with reference to the regulations adjustment that the local agro-food sector must put into practice when dealing with organic products in order to comply with the international standards (rules related to the quality and food security - tracciability) and in particular in organic farming. Furthermore, there are socio-economic and institutional constraints which may hinder and, in any case, slowdown the evolution of the sector.. As a matter of fact a study has been prepared (a hard copy will be attached to this report): El Moujabber M., Al Bitar L. and Raeli M. (eds.) Study of the organic and safety agriculture in the Adriatic cross-border region and of training needs. IAMB, Valenzano. Options Méditerranéennes: Studies and Research, Ser. B 60 6

8 The main objective of this study is to provide a description of the main features of agriculture with a special emphasis on organic farming in five countries: Albania, Bosnia & Herzegovina, Croatia, Montenegro and Serbia. The preliminary aim is to develop a study targeted to describe the agro-food scenario of the area, the main production sectors, the actual substantial character of organic farming and its development potentialities. The training needs of the institutional subjects mainly involved in the management of the organic agriculture system will be particularly evaluated. The main difficulties for the development of sector/country analyses are the limited availability of the information sources. The national and regional statistical sources, which are relatively scarce and uncertain, do not allow for any detail on the current scenario and any evolution of the agro-food sector. The few available data can be derived from different information sources and are, therefore, desegregated and heterogeneous. Such a remark, inevitably, affects the development of the study to the choice of an integrated methodology for the information survey based on the intersection of data that result from different sources and are often original. This study was divided in two parts. The first part with a country report from five countries: Albania, Bosnia & Herzegovina, Croatia, Montenegro and Serbia. Each country report contains: General characteristics Agriculture in national economy: Social and structural aspects Land use and production Agricultural politics and the strategies for its development Basic institutions providing training in agriculture and rural development History and development of organic agriculture Development of organic agriculture in figures Organic agriculture organizations Standards and certification, state regulations State support, policy initiatives Training (Institutions providing training in organic farming, level of courses, type of courses, curricula) Advisory service Research (Overview of main institutions carrying out research, list of main publications) Challenges and outlook Foreign trade of agricultural and organic products References The second part contains the results of a survey carried out in aforementioned countries that aims at identifying the training offers and needs through the distribution of questionnaires to institutions and stakeholders involved in organic agriculture AT1.2 Creation of the cross border technical-scientific partnership. A network representing all countries involved were created. Five meetings of this network were held Below, the minutes of the five meetings. The fifth meeting was held at the same time as the final workshop. 7

9 Minutes SIAB Project First Network Meeting Tirana (Albania) June 9-10, 2006 In date of June 9 th 2006, at the Sala Madre Teresa, Centro Esteri Regione Puglia (Tirana) Albania, took place the First Network Meeting of SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA. Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training The program was as follows: June 9, Opening ceremony - Welcome speech of Dr Maurizio Raeli (IAM Bari Deputy Director) - Welcome speech of Apulia Region Representative Dr Marilena Pinca - Welcome speech of H.E. the Albanian Minister of Agriculture represented by the Deputy Minister Mr. Ndue Preka Coffee break First working session Chairperson: Prof. Luigi Ricciardi; Rapporteur: Dr. Lina Al Bitar Country Study Presentation Irfan Tarelli(Albania) Country Study Presentation Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Country Study Presentation Zdravko Matotan(Croatia) Country Study Presentation Vladimir Sabados (Serbia) Country Study Presentation Natasa Mirecki (Montenegro) General discussions Visit to the Ministry of Agriculture and the Organic Farming Competence Center Lunch break Second working session Chairperson: Prof. Silvano Marchiori; Rapporteur: Dr. Maroun El Moujabber Methodology for the Identification of Training Needs in Organic Farming: Questionnaire illustration (Project Technical Officers: Dr. Lina Al Bitar & Dr. Damiano Petruzzella) General discussions Closing remarks and recommendations June 10, 2006 Technical Trip 8

10 The participants were: Lina Al Bitar Italy Tatjana Beuk Pirusic Republic of Serbia Chiara Ciannamea Italy Maroun El Moujabber Italy Efigeni Kongjika Albania Futura Laniaj Italy Dimitrjie Markovic Bosnia & Herzegovina Fuat Memeli - Albania Ibiv Meleti Albania Natasa Mirecki Republic of Montenegro Silvano Marchiori - Italy Zdravko Matotan Croatia Damiano Petruzzella Italy Marilena Pinca - Italy Ndue Preka - Albania Pandeli Pasko Italy Velesin Peçuli - Albania Luigi Ricciardi Italy Maurizio Raeli Italy Sokol Stafa - Albania Vladimir Sabados - Republic of Serbia Irfan Tarelli Albania The meeting started at 9.30 by a presentation of the framework of the project by the project manager Maroun El Moujabber. Maurizio Raeli gave the greetings of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB and illustrated the major achievements of IAMB in organic agriculture mainly in Balkan area Marilena Pinca gave the greetings of the Apulia Region. The opening ceremony was concluded by the welcome speech of H.E. the Albanian Minister of Agriculture represented by the Deputy Minister Ndue Preka. In the first working session, took place the Country Study Presentations as follows: Irfan Tarelli (Albania), Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Zdravko Matotan (Croatia), Tatjana Beuk Pirusic (Serbia) and Natasa Mirecki (Montenegro) After that, all participants went to visit the competence center at the ministry of Agriculture where Irfan Tarelli presented the activities of the center. At the end of the presentation, the project manager asked the partners to prepare before the end of June what would they require in order to implement a competence center in their institutions as for Albania the complementary needs to improve the performance of the center. In the second working session, Lina Al Bitar represented the questionnaires distributed before the meeting in order to carry out a survey for the identification of training needs in organic agriculture. Some comments where highlighted and the questionnaires were adopted. 9

11 At the end all partners adopted the following: Next network meeting in Montenegro (September date to be defined) Requirements in order to implement a competence center in the partner institutions before end of June 2006 Solve technical problems within ten days and questionnaires will be on-line Comments on country studies will be sent to partners within 15 days. Send questionnaires by July 15 th Send the complementary sheet of the survey on organic agriculture by July 25. On Saturday June 10 th 2006, the technical trip started to an oil press that won for the last two years the Andria price for organic olive oil and ended by the visit of the area of Kruja. 10

12 11

13 Minutes SIAB Project Second Network Meeting Montenegro September 29-30, 2006 In date of September 30th 2006, at the Queen of Montenegro Hotel in Becici (Montenegro), took place the Second Network Meeting of SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA. Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training The program was as follows: Montenegro Program SIAB Project Network Meeting September 29-30, 2006 September 29, 2006 Technical Trip: the trip covered several areas of Montenegro (from the coast to inland). Participants realized the great ecological potential of Montenegro and the difficulties that agriculture is facing. September 30, Opening ceremony Coffee break First working session Chairperson: Prof. Luigi Ricciardi; Rapporteur: Dr. Fabio Ippolito Country Survey Presentation (Albania) Country Survey Presentation (Bosnia & Herzegovina) Country Survey Presentation (Croatia) Country Survey Presentation (Montenegro) Country Survey Presentation (Serbia) Requirements of the Competence Centers Lunch break Second working session Chairperson: Prof. Silvano Marchiori; Rapporteur: Dr. Maroun El Moujabber Identification of Training Needs in Organic Farming: Results of the Questionnaire, Organization of Face to Face Courses (Project Technical Officer: Dr. Lina Al Bitar) General discussions Closing remarks and recommendations 12

14 The participants were: Albania Irfan Tarelli Bosnia & Herzegovina Dimitrjie Markovic Croatia Zdravko Matotan Italy Lina Al Bitar Chiara Ciannamea Maroun El Moujabber Fabio Ippolito Silvano Marchiori Luigi Ricciardi Montenegro Radana Damjanovic Natasa Mirecki Slavko Mirecki Veselin Vuletic Serbia Tatjana Beuk Pirusic Vladimir Sabados On September 29, 2006 a technical trip took place. The trip covered several areas of Montenegro (from the coast to inland). Participants realized the great ecological potential of Montenegro and the difficulties that agriculture is facing. On September 30, 2006, the meeting started at The Project Manager Maroun El Moujabber welcomed all participants and gave the greetings of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB and Maurizio Raeli the deputy director. The opening ceremony was concluded by the welcome speech of Ljubomir Pejovic director of the Biotechnical Institute of Montengro. In the first working session, took place the Country Survey Presentations as follows: Irfan Tarelli (Albania), Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Zdravko Matotan (Croatia), Natasa Mirecki (Montenegro) and Tatjana Beuk Pirusic (Serbia). After some discussions, the project manager gave a briefing about competence centers and asked all partners to send their requirements for a competence center in each country not later than October 14 th, Lina Al Bitar made a presentation on all the results obtained during the survey and it was concluded that two courses should be organized in the period of October 22-29, 2006: - The first course for administrators involved in Organic Agriculture and will cover the following topics: International and EU standards, EU Action Plan, Planning, management and finance - As for the second, it will for technical issues in Organic Agriculture: Inspection and certification, Crop Protection, Cultivation Techniques, Soil fertility management. 13

15 The total number involved will be 15 per course. In this case 30 persons will participate. This will leave the possibility for two persons from each country to follow some modules from the DSPU Course on Organic Farming organized by IAMB. The project will cover the ticket and one week expenses. If the participant would like to follow more than one-week module, it will be on his/her expenses for lodging and accommodation. All partners welcomed the idea, and it was agreed as follows: - The project manager would send an information letter to all partners about the two courses by Monday October 2 nd, 2006; - Each country is requested to send 5 candidacies per course (so 10 candidacies per country) before Friday October 6 th, The application form can be found on the website of the institute with a short resume; - By Tuesday October 10 th, 2006, all letters of acceptance and visa application should be sent to partners, candidates and embassies. - Partners should than communicate the best way to reach Bari by each candidate. After finishing discussions concerning courses, it was agreed that the next meeting of the Network will take place in the period February-March 2007 in Serbia, by merging two topics: Evaluation of the training courses and the performance of the competence centers. The fourth network meeting will be in Bosnia & Herzegovina for the presentation of the Pilot Projects The fifth will be on the same time as the final workshop to present all the results of the project in Croatia. 14

16 15

17 Minutes SIAB Project third Network Meeting Palic - Subotica February 27-28, 2007 In date of February 27 th 2007, at the Prezident Hotel in Palic - Subotica (Serbia), took place the third Network Meeting of SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA. Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training The program was as follows: Serbia Program SIAB Project Network Meeting February 27-28, 2007 February 27 th Opening ceremony Coffee break First working session Chairperson: Prof. Luigi Ricciardi; Rapporteur: Dr. Fabio Ippolito Training Assessment Presentation (Irfan Tarelli - Albania) Training Assessment Presentation (Dimitrije Markovic - Bosnia & Herzegovina) Training Assessment Presentation (Zdravko Matotan - Croatia) Training Assessment Presentation (Natasa Mirecki - Montenegro) Training Assessment Presentation (Vladimir Sabados - Serbia) Overall training Assessment (Lina Al Bitar Italy) Discussion Management of the Competence Centers (Irfan Tarelli - Albania) Lunch break Second working session Chairperson: Dr Lina Al Bitar; Rapporteur: Dr. Tatjana Beuk Pirusic Presentation of Training program on Pilot Projects (Luigi Ricciardi, Silvano Marchiori Italy) Presentation of Countries Seminars (Luigi Ricciardi Italy) Closing remarks and recommendations 16

18 February 28 th 2007 Technical Trip The participants were: Albania Irfan Tarelli Bosnia & Herzegovina Dimitrjie Markovic Croatia Zdravko Matotan Italy Lina Al Bitar Maroun El Moujabber Fabio Ippolito Concetta Lotti Luigi Ricciardi Pandeli Pasko Montenegro Natasa Mirecki Serbia Vladimir Sabados Tatjana Beuk Pirusic Jelena Ivan Olivera Sekulic On February 27 th 2007, the meeting started at The Project Manager Maroun El Moujabber welcomed all participants and gave the greetings of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB and Maurizio Raeli the deputy director. The opening ceremony was concluded by the welcome speech of Vladimir Sabados the director of the Agroinstitut of Sombor. In the first working session, took place the Presentations of the training courses in October 2006 that took place in Bari as follows: Irfan Tarelli (Albania), Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Zdravko Matotan (Croatia), Natasa Mirecki (Montenegro) and Tatjana Beuk Pirusic (Serbia).All participants expressed their good satisfaction from the quality of the training. Lina Al Bitar made a presentation on an overall assessment of the training and some recommendations for further training. The first working session was concluded by a presentation of Irfan Tarelli on the management of A Competence Centre. The project manager distributed to the five countries a digital camera, a hard disk and an USB as a contribution of IAMB to the competence centre in each country. A collection of books will by sent to each country to enrich its competence centre. The second working session included two presentations on ongoing research in Pilot Projects by Luigi Ricciardi and Fabio Ippolito. 17

19 The second working session was concluded by the presentation of a draft of training on Pilot Project. The proposed date May 2007 for the training with four days in Bari and two days in Lecce. All partners will receive as soon as possible a registration form to start identify and select participants (2 from each country, for a total of 10 persons) The project manager than asked partners to communicate before march 23 rd 2007 their expectations for the 7 trainees that the IAMB should train. After finishing discussions concerning courses, it was agreed that the next meeting of the Network will take place in the period early June 2007 in Bosnia & Herzegovina for the presentation of the Pilot Projects results and the assessment of the training On February 28th, 2007 took place the field trip. Participants visited the Agroinstitut of Sombor and than a conference on Organic Agriculture was held by Lina Al Bitar for the extension agents in VOJVODINE Region. Than the participants were received by the chief of cabinet of the Mayor of Sombor. The field trip ended by a visit to an agri tourism farm near Sombor. 18

20 19

21 Minutes SIAB Project Fourth Network Meeting Banja Luka June 5-6, 2007 In date of June 5 th 2007, at the Hotel Atina in Banja Luka, took place the Fourth Network Meeting of SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA. Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training The program was as follows: Program SIAB Project Network Meeting Bosnia & Herzegovina June 5-6, 2007 June 5 th Opening ceremony Coffee break First working session: Pilot Projects Training Assessment Chairperson: Dr Concetta Lotti; Rapporteur: Dr Lina Al Bitar (Irfan Tarelli - Albania) (Dimitrije Markovic - Bosnia & Herzegovina) (Zdravko Matotan - Croatia) (Natasa Mirecki - Montenegro) (Vladimir Sabados - Serbia) Overall training Assessment (Luigi Ricciardi, Fabio Ippolito Italy) Second working session: Latest projects and initiatives in Organic Agriculture Chairperson: Prof Luigi Ricciardi; Rapporteur: Dr. Francesco Minonne (Irfan Tarelli - Albania) (Dimitrije Markovic - Bosnia & Herzegovina) (Zdravko Matotan - Croatia) (Natasa Mirecki - Montenegro) (Vladimir Sabados - Serbia) (Lina Al Bitar - IAMB) General discussion Lunch break Third working session Latest projects and initiatives in Organic Agriculture 20

22 Chairperson: Dr. Irfan Tarelli; Rapporteur: Dr. Dimitrije Markovic (Fabio Ippolito Italy) (Luigi Ricciardi Italy) Presentation of Countries Seminars (Luigi Ricciardi Italy) Closing remarks and recommendations June 6 th 2007 Technical Trip The participants were: Albania Irfan Tarelli Bosnia & Herzegovina Dimitrjie Markovic Croatia Zdravko Matotan Italy Vito Amoruso Maroun El Moujabber Fabio Ippolito Concetta Lotti Francesco Minonne Luigi Ricciardi Montenegro Natasa Mirecki Serbia Vladimir Sabados Tatjana Beuk Pirusic On June 5 th 2007, the meeting started at The Project Manager Maroun El Moujabber welcomed all participants and gave the greetings of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB and Maurizio Raeli the deputy director. The opening ceremony was concluded by the welcome speech of the Vice Dean of the Faculty of Agriculture (University of Banja Luka) Professor Ilija Komljenovic. In the first working session, took place the assessment of the training on pilot projects that took place in Bari and Lecce (May ) as follows: Irfan Tarelli (Albania), Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Zdravko Matotan (Croatia), Natasa Mirecki (Montenegro) and Tatjana Beuk Pirusic (Serbia). All participants expressed their good satisfaction from the quality of the training. The first working session was concluded by a presentation of Luigi Ricciardi on an overall assessment and presentation of the training activities The second working session included presentations of all participants on the latest news and activities concerning the Organic Agriculture in each country. 21

23 The second working session was concluded by a presentation by Vito Amoruso which gave express the support of Regione Puglia to these activities as well as a synthesis of On going programs. The third working session included the presentation of Bari and Lecce University concerning latest projects and activities concerning the Organic Agriculture. After finishing discussions concerning courses, it was agreed that: - Francesco Minonne will prepare a draft of ideas to be adopted at the final workshop to create new sustainable proposals for new projects - The next meeting of the Network will take place in Croatia at the same time as the final workshop. - Bari and Lecce Universities express their will to have an extension of the project for 3 months in order to allow them to have results from the pilot projects. Waiting for the agreement of the funding agency to extend the project, the meeting will take place early September if no extension is given. Otherwise, the participants prefer to hold the final meeting at the end of September On June 6th, 2007 took place the field trip to the National Park. 22

24 23

25 AT2 Institutional strengthening and harmonization of the systems: Creation of the normative-institutional context. AT2.1 Strengthening of the public institutions in charge of defining the normative and institutional context of the organic agricultural system (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region) Face-to-face training course and on the job training for public administration; Training support for the creation and/or development of the system to inspect organic agriculture productions (Inspection and Certification bodies). Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture (SIAB) Training Course for Administrators October 2006 Monday Opening Ceremony (Welcome speech, SIAB project presentation) Coffee break ; Introduction to organic agriculture, agroecology and sustainability (Lina Al Bitar) Tuesday 24 International and EU standards (Giovanni Matteotti) Wednesday 25 Project Planning (Claudio Bogliotti) Thursday 26 Inspection and certification. EU Action Plan (Daniela Caretto) Friday 27 Management and finance (Viviana Tarantini) Saturday 28 Fraude repression (Roberto Altini) Participants Albania Mr Osman Hoxha Mr Hysen Gushta Mr Luan Ahmetaj Bosnia & Herzegovina Mrs Nikolina Cutura Mr Sasa Lalic Mr Markovic Dimitrije Croatia Mr Josip Raov Mr Zeljko Herner Mr Hrvoje Trojak Montenegro Mrs Aleksandra Despotovic Mrs Valentina Scekic Mr Branislav Vojinovic Serbia Mrs Lidija Acimovic Mrs Slavica Colic Mr Dejan Spasic 24

26 Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture (SIAB) Technical Training Course October 2006 Monday Opening Ceremony (Welcome speech, SIAB project presentation) Coffee break ; Introduction to organic agriculture, agroecology and sustainability (Lina Al Bitar) Tuesday 24 International and EU standards (Giovanni Matteotti) Wednesday 25 Soil fertility management. Cultivation Techniques (Claudio Cocozza) Thursday 26 Practical work: compost (Vincenzo Verrastro) Friday 27 Crop Protection (Vito Simeone) Saturday 28 Practical work in field and insectarium (Vito Simeone) Participants Albania Mr Ejup Cota Mr Liri Miho Mr Enver Isufi Bosnia & Herzegovina Mrs Amela Solak Mrs Branka Pljuco Mr Sergej Papoci Croatia Mrs Ines Pohajda Mrs Svjetlana Matotan Mrs Karmen Tomić Montenegro Mr Ilija Moric Mr Srdjan Orlandic Mrs Natasa Mirecki Serbia Mrs. Jelena Ivan Mrs. Slavica Dzelatovic Mr. Sasa Avramovic Training Course on Pest Management February 2007 Bosnia & Herzegovina SIMIC Jasmina DAVIDOVIC Maja Serbia BEUK PIRUSIC Tatjana 25

27 Albania Ejup Cota Croatia Karmen Karlic Training Course on biological control Bari (Italy), July 2007 Training Course on Compost Bari (Italy), 30 July August 3, 2007 Croatia Miomir Stojnovic 26

28 27

29 AT2.2 Development of a network of competence centres experts in organic agriculture in the Adriatic cross-border region (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region). As mentioned in the project document, competences centres were established in each country (except for Albania where we reinforced the already existing one). Some small instruments were given to each centre as well as the following publications: 2004 Organic: Farm Management Handbook. Edited by Nic Lampkin, Mark Measures, Susanne Padel. - Aberystwyth : University of Wales, p., tab. ; 20 cm A guide to successful organic marketing initiatives / Otto Schmid, Ulrich Hamm, Toralf Richter, Andrea Dahlke. - Organic marketing initiatives and rural development : V Aberystwyth: School of Management & Business, University of Wales, p. ; 21 cm. A handbook of organic farming / Arun K. Sharma. - Jodhpur : Agrobios, c p. : ill., tab. Agroecology : Ecological processes in sustainable agriculture / Stephen R. Gliessman / edited by Eric W. Engles. - New York : Lewis Publishers, c XXIII, 357 p. : ill., tab., graf. - Bibliogr. Agroecology : the science of sustainable agriculture / Miguel A. Altieri ; with contributions by John G. Farrell... [et al.] ed. - London : IT Publications, XII, 433 p. ; 24 cm Animal health and welfare in organic agriculture/edited by Mette Vaarst, Stephen Roderick, Vonne Lund, Willie Lockeretz. Wallingford: CABI Publishing, c XX, 427 p. ; 24 cm Biodiversity and pest management in agroecosistems / Miguel Altieri, Clara Ines Nicholls. - New York [etc.] : Food Products, c XII, 236 p. ; 24 cm Boskou, D Olive oil: Chemistry and Technology. AOCS Presss Building Trust in Organics : a guide to setting up organic certification programmes/compiled by Gunnar Rundgren. - Tholey - Theley (Germany) : IFOAM c p. Chambers, R., Rural Development: putting the last first. Longman Group Limited, Essex. Composting manure for value-added products / edited by the Staff of BioCycle. - 2nd ed. Emmaus: The JG Press, c p. ; 28 cm. Creswell J. W. (1997). Qualitative Inquiry and Research Design: Choosing Among Five Traditions. Thousand Oaks, CA: Sage Pubns. ISBN Development of a European Information System for Organic Markets - Improving the Scope and Quality of Statistical Data : Proceedings of the 1st EISfOM Europea Seminar, held in Berlin, Germany, April, 2004 / Guido Recke, Helga Willer, Nicolas Lampkin and Alison Vaugham (Editors). - Frick : FiBL - Research Institute of Organic Agriculture, p., tab., graf. Douglas D. Buhler Expanding the context of weed management -New York : The Haworth Press. Ecological engineering for pest management : advances in habitat manipulation for arthropods / edited by Geoff M. Gurr, Steve D. Wratten, Miguel A. Altieri. - Wallingford : CSIRO Publishing, c xi, 232 p. : ill. ; 26 cm 28

30 Evaluating inputs for organic farming : a new system / edited by B. Speiser. [et al.]. - Frick : FiBL, c CD-ROM ; 12 cm. FiBL dossier: Quality and safety of organic products : food systems compared / published by Research Institute of Organic Agriculture.Frick: FiBL, c p.: ill.; 30 cm Global development of organic agriculture : challenges and prospects / edited by Niels Halberg... [et al.]. - Tjele : CABI Publishing, c xii, 377 p. : ill. ; 24 cm Going organic : mobilising networks for environmentally responsible food production / edited by S. Lockie, Central Queensland University, Australia. (CABI) Handbook of Biological Control. Edited by Thomas S. Bellows and T.W. Fischer. - London: Academic press, c XXIII, 1046 p.: ill. Harmonization and Equivalence in Organic Agriculture: background papers of the international task force on harmonization and equivalence in organic agriculture / edited by Joy Michaud, Els Wynen, Diane Bowen. - Bonn : IFOAM, c VI, 229 p. ; 21 cm Hill, B. (2006). An introduction to economics: Concepts for Students of Agriculture and the Rural Sector, 3nd ed., Oxford: Pergamon. Madeley J. (2002). Food for all, the need for a new agriculture, Zed Books, London and New York. Netting, R.McC., Smallholders, Householders. Stanford University Press, Santford, CA. Organic Agriculture a Global Perspective. Edited by P. Kristiansen, University of New England, Australia. (CABI) Organic Farming / Nicolas Lampkin. - Tonbridge : Farming press, p., tab., graf. : ill. Organic Farming and European Rural Development. Proceedings of the Joint Organic Congress Ed. Organic Eprints Organic Farming: Policies & Prospects / Stephan Dabbert, Anna Maria Haring, Raffaele Zanoli. New York : Zed Books, c2003. Organic Fruit Growing / Karl Lind, (et al). - Wallingford : CABI Publishing, c xiv, 281 p. : ill. ; 25 cm Organic Marketing Initiatives and Rural Development / Otto Schmid, Jürn Sanders, Peter Midmore. - Aberystwyth : University of Wales, c p. ; 21 cm Organic Olives in the Mediterranean Basin [CD]. - IFOAM. - Bonn : IFOAM, 2005 Organic Producer Initiatives and Rural Development: four european case studies / Peter Midmore, Carolyn Foster, Markus Schermer. - Organic marketing initiatives and rural development : V Aberystwyth : School of Management & Business, University of Wales, XV, 217 p. ; 21 cm Piccolo A. (1996). (Ed.). Humic Substance in Terrestrial Ecosystems Elsevier, Amsterdam. ISBN Pollan, Michael (2006). "The Omnivore's Dilemma: A Natural History of Four Meals" Editor: Penguin Press. Soil Fertility Management for Sustainable Agriculture / Rajendra Prasad, James F. Power. - Boca Raton : CRC Press, c p. : ill. ; 24 cm. Sparks, D.L. Environmental Soil Chemistry (1995). Academic Press, San Diego, USA. Sposito G. The Chemistry of Soils (1989). Oxford University Press, New York, USA. ISBN Stevenson F.J. Humus Chemistry. Genesis, Composition, Reactions. (1994). John Wiley & Sons, New York, USA. ISBN

31 Tan K.H. Humic Matter in Soil and the Environment (2003). Marcel Dekker, New York, USA. ISBN The European Market for Organic Food: Revised and Updated Analysis / Ulrich Hamm, Friederike Gronefeld. - Organic Marketing Initiatives and Rural Development : volume five. - Aberystwyth : School Of Management & Business, University of Wales, XVII, 165 p The Organic Directory Edited by Clive Litchfield ; foreword by Sophie Grigson. - Bristol : Soil Association, c xix, 554 p. ; 22 cm. The Policy and Regulatory Environment for Organic Farming in Europe : country reports / Nicolas Lampkin, Carolyn Foster, Susanne Padel. - Stuttgart (Germany) : Universität Hohenheim, Institut für landwirtschaftliche p.; 24 cm. ISBN: ISSN: Valuing Crop Biodiversity: On-Farm Genetic Resources and Economic Change. Edited by Melinda Smale. - Wallingford: CABI Publishing, c xvi, 318 p.: ill. ; 25 cm Weed Management Handbook. Edited by Robert E.L. Naylor. - Oxford : Blackwell Publishing, c VII, 423 p. ; 24 cm. Wolf, E.C., Beyond the green revolution: new approaches for Third World agriculture. Worldwatch Institute. Washington D.C. 46p. World Conservation Union (IUCN) and Future Harvest (2001). Common Ground, Common Future: How Ecoagriculture Can Help Feed the World and Save Wild Biodiversity. 30

32 AT3 Qualification of professional skills and strengthening of services offered to farms in order to help them in the conversion to the organic production method. AT3.1 Development of innovative telematic services for the know-how exchange, sharing and transfer to organic farming. After the two sessions of training, a distance learning course was available on line on the website of the project: The course included the following topics: Introduction to organic agriculture, agroecology and sustainability (Lina Al Bitar) International and EU standards (Giovanni Matteotti) Soil fertility management. Cultivation Techniques (Claudio Cocozza) Composting (Vincenzo Verrastro) Crop Protection (Vito Simeone) Project Planning (Claudio Bogliotti) Inspection and certification. EU Action Plan (Daniela Caretto) Management and finance (Viviana Tarantini) Fraude repression (Roberto Altini) 31

33 AT3.2 Pilot projects for demonstrations about crop diversification that can be practiced in Organic Agriculture, identification of the most suitable varieties for such an agricultural system, adoption of plant structures, both productive and unproductive, functional to the organic agro-ecosystem., composting and biocontrol. This activity was jointly carried out by the University of Bari and the University of Lecce as explained in their report. 32

34 AT4 Dissemination of know-how AT4.1 Organization of 2 workshops: Kick off meeting and final workshop. Minutes Kickoff Meeting SIAB Project Mediterranean Agronomic Institute of Bari April 3rd 2006 In date of April 3rd 2006, at the CIHEAM, Mediterranean Agronomic Institute of Bari Italy, took place the Kickoff Meeting SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture. The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training Registration of Participants Program Kickoff Meeting SIAB Project Mediterranean Agronomic Institute of Bari April 3rd Opening ceremony - Welcome speech of IAM Bari Director Dr Cosimo Lacirignola - Dr Giovanna Andreola - Responsible International activities - Abruzzo Region - Dr Silvia Godelli - Advisor Mediterranean Cooperation - Apulia Region - Dr Maurizio Raeli- Project coordinator Coffee break First working session Chairperson: Dr Gordana Djuric; Moderator: Dr Natasa Mirecki Apulia Region presentation Bari University presentation Lecce University presentation General discussions Second working session Chairman: Dr Luigi Ricciardi; Moderator: Dr Fabbio Ippolito Biotechnical Institute, Montenegro University (Serbia & Montenegro) Faculty of Agriculture, Banjaluka University (Bosnia & Herzegovina) Agriculture Institute of Sombor (Serbia) Department of agriculture Development (Croatia) General discussions Lunch break Third working session Chairman: Dr Silvano Marchiori; Moderator: Dr Zdravko Matotan 33

35 Ministry of Agriculture (Albania) Agriculture University of Tirana (Albania) Biology Research Institute of Tirana (Albania) SIAB presentation (project manager) General discussions Tea break Fourth working session Chairman: Dr Maroun El Moujabber; Moderator: Chiara Ciannamea General discussion, planing of meetings and events, presentation of TOR of the Country Study The participants were: Albania Irfan Tarelli Efigjeni Kongjika Velesin PEÇULI Pandeli Pasko Croatia Zdravko Matotan Italy Lina Al Bitar Chiara Ciannamea Piacentino Ciccarese Maroun El Moujabber Fabio Ippolito Silvano Marchiori Francesco Minonne Gianfranco Naborre Bernardo Notarangelo Damiano Petruzzella Maurizio Raeli Luigi Ricciardi Vincenzo Verrastro Montenegro Natasa Mirecki Serbia Vladimir Sabados Tatjana Beuk Pirusic Gordana Djuric and Ivan Katalinic were absent due to some inconvenient. However, they confirmed their participation to the projects. The meeting started at 9.30 by a presentation of the framework of the project by Maurizio Raeli, Deputy Director of the IAMB and the project coordinator. Bernardo Notarangelo gave the greetings of Silvia Godelli and the opening session was concluded by the speech of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB who underlined the 34

36 need of further cooperation and optimization of resources for sound development in the Mediterranean area. Before the break, a quick presentation of all participants was done. In the first working session, Piacentino Ciccarese from Apulia Region explained the involvement and the commitment of Apulia Region in Trans Adriatic cooperation projects. Luigi Ricciardi from Bari University illustrated his activities in general and those related to the project. In the same way Fabio Ippolito from Lecce University illustrated their activities. In the second working session, the presentations of the following institutions were made: Biotechnical Institute, Montenegro University (Serbia & Montenegro) by Natasa Mirecki, Agriculture Institute of Sombor (Serbia) by Vladimir Sabados assisted by Tatjana Beuk Pirusic and the session was concluded by the presentation of Department of agriculture Development (Croatia) by Zdravko Matotan. In the third working session, the presentations of the following institutions were made: Ministry of Agriculture (Albania) by Irfan Tarelli, Agriculture University of Tirana (Albania) by his rector Velesin Peçuli and the Biology Research Institute of Tirana (Albania) by Efigjeni Kongjika The third working session was concluded by the presentation of the project manager, Maroun El Moujabber, concerning the project activities, deliverables, methodology, schedule and planning. After the break, took place the final working session. After discussions, the project activities, deliverables, methodology, schedule and planning proposed by the project manager, according to the project document, were adopted as follows: ATO Project management: Technical and administrative coordination; project preparation. Led by IAMB AT1 Improvement of cross border cooperation in the primary sector. Led by IAMB AT1.1. Analysis of the agro-food sector in the Adriatic cross border region and identification of training needs. ACT1.1 Study of the organic and safety agriculture in the Adriatic cross-border region and of training needs. Result N 1 study for the development of the primary sector N 1000 stakeholders benefiting from the study Decision: The Lead Partner should receive the Identification of One Expert from each country by April 15 th, It is advisable that the expert will be the same participating in the scientific network. The study will be done in May-July The project manager with the technical officers should prepare the Terms of Reference of this Study by the end of April AT1.2 Creation of the cross border technical-scientific partnership. Led by IAMB N 1 technical-scientific network with of 10 partners and six meetings with the publication of n. 3 reports Decision: The Lead Partner should receive the Identification of One person from each country by April 15th, It is advisable that the network members should have high 35

37 scientific profile. Furthermore, after discussions, the dates, the places and the topics of scientific networks were decided as follows: 1 st network: Methodology of Country Study (May 2006) Albania 2nd network: Results of Country Study & Training Requirements (September 2006) Montenegro 3 rd network: Pilot Projects (Nov-Dec 2006) Lecce Italy 4 th network: Competence Centres (Feb 2007) Croatia 5 th network: Deep analysis of project results (May 2007) Serbia 6 th network: Final Workshop (August 2007) Bosnia N.B: These dates and places could change according to some specific requirements AT2 Institutional strengthening and harmonization of the systems: Creation of the normative-institutional context. Led by IAMB AT2.1 Strengthening of the public institutions in charge of defining the normative and institutional context of the organic agricultural system (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region) Face-to-face training course and on the job training for public administration; N 1 40-hour training course for 20 public administration officers, including the on the job training phase Decision: The course will take place at the IAMB Italy in October The profile of the courses and participants should be identified during the second network Training support for the creation and/or development of the system to inspect organic agriculture productions (Inspection and Certification bodies). N 1 40-hour training course for 20 Certification organizations officers, including the on the job training phase Decision: The course will take place at the IAMB Italy in October The profile of the courses and participants should be identified during the second network AT2.2 Development of a network of competence centres experts in organic agriculture in the Adriatic cross-border region (Ministry of Agriculture PAO Countries and Apulia Region). Led by IAMB N 6 competence centres whose task will be the transfer of organic agriculture know-how (Italy, Croatia, Albania, Serbia, Montenegro; Bosnia & Herzegovina) Decision: This activity will take place from May 2006 July The project manager with the technical officers should prepare the Terms of Reference of these centers by the end of April

38 AT3 Qualification of professional skills and strengthening of services offered to farms in order to help them in the conversion to the organic production method. AT3.1 Development of innovative telematic services for the know-how exchange, sharing and transfer to organic farming. Led by IAMB N 1 DL course Decision: The Distance Learning course will take place from March till May The profile of the courses and participants should be identified during the second network AT3.2 Pilot projects for demonstrations about crop diversification that can be practiced in Organic Agriculture, identification of the most suitable varieties for such an agricultural system, adoption of plant structures, both productive and unproductive, functional to the organic agro-ecosystem., composting and biocontrol. Led by Bari & Lecce University N 1 demonstrative pilot project April 2007-May 2007 N 10 individuals trained in the laboratory-on the job April 2007-May 2007 AT4 Dissemination of know-how AT4.1 Organization of 2 workshops: Kick off meeting and final workshop. Led by IAMB Kick off meeting April 2006 Final workshop August 2007 AT4.2 Organization of no. 5 seminars/country Led by Bari University April July 2007 AT4.3 Publication of results Led by IAMB AT4.4 Implementation of an Internet website on the project Led by IAMB The website should be ready by at mid May

39 38

40 Minutes SIAB Project Final Workshop Croatia October 1-3, 2007 In date of October 1 st 2007, at the Hotel Ilirija (Biograd na moru, Zadar) in Crotia, took place the Final Workshop of SIAB Project Strengthening of services to farms and institutional support for the development of Organic Agriculture The project is financed by European Commission Adriatic Cross Border INTERREG IIIA. Axis 3 Actions to strengthen cooperation Measure 3.1 Human resources training, professional refreshing and innovative initiatives in the field of social promotion and the job market. Action Cross-border professional training The program was as follows: Croatia Program SIAB Project Final Workshop October 1-3, 2007 October 1 st Opening ceremony Coffee break First working session: Project Activities & Achievements Chairperson: Prof Silvano Marchiori; Rapporteur: Prof Luigi Ricciardi Maroun El Moujabber Project Manager Lina Al Bitar (Training activities) (Irfan Tarelli - Albania) (Dimitrije Markovic - Bosnia & Herzegovina) (Zdravko Matotan - Croatia) (Natasa Mirecki - Montenegro) (Vladimir Sabados - Serbia) Discussion Lunch break Second working session: Project Activities & Achievements Chairperson: Dr Irfan Tarelli; Rapporteur: Dr. Natasa Mirecki (Luigi Ricciardi Italy) (Silvano Marchiori Italy) General discussion 39

41 October 2 nd 2007 Third working session: Perspectives Chairperson: Dr. Bernardo Notarangelo; Rapporteur: Dr. Lina Al Bitar Discussion on Perspectives and recommendations for further projects Departure for technical trip visiting the organic olive producers on island Dugi otok and national park Kornati October 3 rd 2007 Technical Trip inland highland part visiting organic vegetable production near Udbina and national park Plitvicka jezera The participants were: Albania Irfan Tarelli Bosnia & Herzegovina Dimitrjie Markovic Croatia Miroslav Andric Zdravko Busic Natalie Flegar Ivan Katalinic Zdravko Matotan Tomislav Petrovic Vinko Pintic Olga Radulic Josip Razov Italy Lina Al Bitar Vito Amoruso Maroun El Moujabber Fabio Ippolito Concetta Lotti Francesco Minonne Luigi Ricciardi Margherita Spinelli Montenegro Natasa Mirecki Slavko Mirecki Serbia Vladimir Sabados Tatjana Beuk Pirusic 40

42 The meeting started at 9.30 with a welcome from Zdravko Matotan. The Project Manager Maroun El Moujabber welcomed all participants and gave the greetings of Cosimo Lacirignola Director of the IAMB and Maurizio Raeli the deputy director and gave a briefing about the activities of CIHEAM-IAMB. Then the representative of the Minister of Agriculture in Croatia, the head of organic agriculture department Tomislav Petrovic brought the regards of the minister and explained the importance of training that Croatia has benefit from this project. The opening ceremony was concluded by the welcome speech of the Vinko Pintic and Ivan Katalinic Before concluding the Opening session the Project Manager Maroun El Moujabber made a presentation on the activities and the achievements of the project. In the first working session, Lina Al Bitar presented the training activities in the framework of the project as well as other possibilities of cooperation with the IAMB. Then Irfan Tarelli (Albania), Dimitrije Markovic (Bosnia & Herzegovina) Zdravko Matotan (Croatia), Natasa Mirecki (Montenegro) and Tatjana Beuk Pirusic (Serbia) expressed their good satisfaction from the project in terms of quality of the training, the creation of competence centre in each country as well as the exchange of information and experience. The second working session included presentations of Lecce University (Fabio Ippolito) and Bari University (Luigi Ricciardi) concerning the results of pilot projects. During the third working session, there was an exchange of ideas for further cooperation and Vito Amoruso from Regione Puglia illustrated the activities in the framework of cooperation and sustainability Than took place the technical trips: The organic olive producers on island Dugi otok and national park Kornati Inland highland part organic vegetable production near Udbina and national park Plitvicka jezera 41

43 42

44 43

45 AT4.2 Organization of no. 5 seminars/country This activity was carried out by the University of Bari Lecce as explained in their report. AT4.3 Publication of results The dissemination of the obtained was assured by all the partners of the project as mentioned in each report. AT4.4 Implementation of an Internet website on the project A website with comprehensive information was created In addition, the website was linked to the Europuglia Portale 44

46 Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria Dipartimento di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale (DiBCA) Sezione di Genetica e Miglioramento Genetico PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III A Transfrontaliero Adriatico Asse III- Azioni di rafforzamento della cooperazione; Misura Qualificazione risorse umane, aggiornamento professionale e iniziative innovative su promozione sociale e mercato del lavoro; Azioni Qualificazione formazione professionale transfrontaliera. P R O G E T T O S I A B Rafforzamento dei servizi alle imprese e supporto istituzionale per lo sviluppo dell agricoltura biologica (SIAB) RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA DI FINE PROGETTO A cura del Responsabile Scientifico del DiBCA Prof. Luigi Ricciardi

47 P R O G E T T O S I A B Rafforzamento dei servizi alle imprese e supporto istituzionale per lo sviluppo dell agricoltura biologica (SIAB) RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA DI FINE PROGETTO A cura del Responsabile Scientifico del DiBCA Prof. Luigi Ricciardi PREMESSA Il Dipartimento di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale (DiBCA), Sezione di Genetica e Miglioramento Genetico, della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Bari ha partecipato al programma di iniziativa comunitaria: INTERREG III A Transfrontaliero Adriatico. Il DiBCA nel suddetto programma ha realizzato, unitamente all Istituto Agronomico Mediterraneo di Valenzano (Lead Partner), la Regione Puglia, Ufficio Cooperazione PVS, e l Università degli Studi di Lecce, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali, il Progetto SIAB dal titolo: Rafforzamento dei servizi alle imprese e supporto istituzionale per lo sviluppo dell agricoltura biologica. Altri Partner stranieri coinvolti nel progetto sono stati: per l Albania, il Ministero dell Agricoltura, l Università Agricola di Tirana e l Accademia delle Scienze di Tirana con l Istituto di Ricerca Biologica; per la Bosnia & Erzegovina, l Università di Banja Luka con la Facoltà di Agraria; per la Croazia, l Ente Podravka del Dipartimento dei Servizi Croati di Sviluppo Agricolo; per il Montenegro, l Università del Montenegro, con la Facoltà di Agraria, in particolare l Istituto di Biotecnologie; per la Serbia, il Ministero dell Agricoltura, Belgrado, e l Istituto di Agraria di Sombor. Il progetto è stato monitorato costantemente dall Autorità di Gestione PIC INTERREG III A Transfrontaliero Adriatico della Giunta Regionale d Abruzzo 2

48 secondo la Convenzione di Finanziamento, firmata in data 27/03/2006, e l Accordo tra i Partner, firmato in data 06/04/2006. La durata del progetto era prevista a partire dal settembre 2005 all agosto 2007 ma, come evidenziato di seguito, le attività progettuali, di fatto, sono iniziate il 03/04/2006, con lo svolgimento dell incontro iniziale tra i Partner italiani e stranieri presso la sede del Lead Partner, e si sono concluse alla fine del novembre 2007, dopo l ottenimento di una proroga concessa dall AdG nel luglio OBIETTIVI GENERALI E DEL DiBCA NEL PROGETTO SIAB Considerando i documenti di presentazione della Proposta di Progetto poi approvata, ed in particolare gli allegati 1 e 2 consistenti nelle schede A e B, possono rilevarsi gli obiettivi principali del Progetto SIAB e quelli specifici perseguiti dal DiBCA. Il fine principale del progetto è consistito nello sviluppo di un agricoltura di qualità attraverso la qualificazione e rafforzamento delle Istituzioni e Organizzazioni impegnate nella diffusione dell agricoltura biologica nei Paesi Partner del progetto. Il principale risultato atteso doveva favorire la crescita quantitativa e qualitativa delle imprese biologiche e la qualificazione del sistema istituzionale di supporto e governo dell agricoltura biologica. Per realizzare detto risultato, tutti i Partner coinvolti in SIAB si sono prodigati per il raggiungimento di quattro obiettivi fondamentali, espletando dieci attività tecniche di progetto. L obiettivo 1 ha riguardato il miglioramento della cooperazione transfrontaliera nel settore primario (due attività); l obiettivo 2 è consistito nel rafforzamento istituzionale e l armonizzazione dei sistemi attraverso la creazione del contesto normativo-istituzionale riguardante l agricoltura biologica (due attività); l obiettivo 3 attinente alla qualificazione delle competenze professionali e al rafforzamento dei servizi alle imprese agricole per la conversione al metodo di produzione biologica (due attività); l obiettivo 4 volto alla divulgazione delle conoscenze (quattro attività). Come da progetto, il DiBCA ha partecipato alla realizzazione del primo obiettivo con azioni condotte con tutti i Partner e volte alla creazione del 3

49 partenariato tecnico-scientifico transfrontaliero (attività AT1.2). Inoltre, unitamente al DiSTEBA dell Università degli Studi di Lecce, ha svolto, in seno all obiettivo 3, l attività AT3.2: Realizzazione di progetti pilota per azioni dimostrative in agricoltura biologica finalizzate allo sviluppo di competenze specifiche attraverso percorsi di qualificazione professionale in campo e in laboratorio. In seno a quest attività, il DiBCA ha condotto presso l Azienda Sperimentale della Facoltà di Agraria di Bari, sita in Valenzano, e in altre località un Progetto Pilota sull agricoltura biologica organizzando, inoltre, uno stage presso le Università degli Studi di Bari e Lecce rivolto a due ricercatori per ognuno dei cinque Paesi coinvolti nel progetto. In ultimo, la partecipazione del DiBCA si è anche concretizzata nell obiettivo quattro con lo svolgimento di cinque seminari condotti presso Istituzioni dei cinque Paesi stranieri partecipanti al progetto e volti, come meglio descritto di seguito, alla diffusione e pubblicizzazione dei risultati conseguiti con la realizzazione del Progetto Pilota sull agricoltura biologica. In relazione ai molteplici e variegati compiti scientifici, tecnici ed amministrativi cui assolvere nel Progetto SIAB, la compagine tecnico-scientifica del DiBCA impiegata nella realizzazione del progetto è risultata culturalmente ampiamente assortita, prevedendo competenze scientifiche e tecniche agronomiche, genetiche e di miglioramento genetico, fito-patologiche, biologiche, statistiche ed informatiche. Responsabile scientifico del DiBCA per il progetto in questione è stato il Prof. Luigi Ricciardi, Ordinario di Genetica Agraria presso il DiBCA e Dottore Agronomo. Egli è stato coadiuvato dai seguenti collaboratori: Prof. Girolamo Fanizza (Genetista Agrario), Prof. ssa Concetta Lotti (Genetista Biologa), Dr. Paolo Resta (Genetista Agrario), Dr. Claudio De Giovanni (Genetista Biologo), P.A. Ferruccio Marzano (Personale Tecnico-Amministrativo), P.I. Vito Zonno (Personale Tecnico-Amministrativo), Sig. Vito De Santis (Personale Tecnico- Amministrativo), Sig. Raffaele Fariello (Personale Tecnico-Amministrativo), Dr. ssa Mariangela Latorre (Personale Tecnico-Amministrativo), Rag. Davide Mazzacane (Personale Tecnico-Amministrativo), Dr. Stefano Pavan (Dottorando di Ricerca), Sig. Angelo Raffaele Marcotrigiano (Contrattista), Dr. ssa Cecilia Miacola (Contrattista), Dr. Nicola Mancino (Agronomo Contrattista). 4

50 A tutte le persone citate è da rivolgere un sincero ringraziamento per l operato svolto, molte volte in situazioni di campo disagevoli, che ha consentito l ottenimento di apprezzabili risultati su tutti gli obiettivi previsti nella realizzazione del Progetto SIAB. ATTIVITA SVOLTE DAL DiBCA OBIETTIVO 1 - Miglioramento della cooperazione transfrontaliera nel settore primario Nell ambito dell obiettivo 1, il DiBCA, come accennato, in collaborazione con il Lead Partner e l Università di Lecce, ha contribuito alla creazione del partenariato tecnico-scientifico transfrontaliero che ha operato in SIAB (attività AT1.2). Tale attività è stata svolta in sede di preparazione del Progetto SIAB ed è continuata, durante lo svolgimento dello stesso, con la partecipazione a tutti gli incontri tecnico-scientifici organizzati dal Lead Partner in Italia e nei cinque Paesi PAO. In particolare, il responsabile scientifico del DiBCA e alcuni suoi collaboratori hanno partecipato alle riunioni di coordinamento dei Partner italiani svolte presso lo IAMB nei giorni 10, 16 e 23 marzo 2006 e nei giorni 10 gennaio e 22 ottobre Gli stessi sono stati presenti in veste di chairman di sessioni di lavoro e/o relatori al Kickoff Meeting del 3 aprile 2006 (Foto 1), per la presentazione del progetto e delle attività del DiBCA ed, inoltre, ai cinque Project Network Meeting organizzati dal Lead Partner e svolti: dal 9 al 10 giugno 2006 in Albania (Foto 2), dal 29 al 30 settembre 2006 a Becici, Montenegro (Foto 3), dal 27 al 28 febbraio 2007 a Palic e Sombor in Serbia (Foto 4), dal 5 al 6 giugno 2007 a Banja Luka in Bosnia & Erzegovina ed, infine, dall 1 al 3 ottobre 2007 a Beograd Na Moru in Croazia, per il Workshop Finale di progetto (Foto 5). Durante i meeting sono stati esposti i risultati delle sperimentazioni e ricerche svolte in ambito SIAB in atto presso il DiBCA. Inoltre, sono state comunicate le decisioni del DiBCA e del DiSTEBA circa l organizzazione e le modalità di svolgimento dello stage rivolto a ricercatori del partenariato 5

51 straniero, nonché i tempi di esecuzione ed i contenuti dei cinque seminari conclusivi previsti nei Paesi PAO. Tutti gli eventi descritti sono stati utilissimi per la massima integrazione tra i Partner, che hanno agito sempre in perfetta e stretta sinergia, derivando esperienze professionali ed umane di elevata qualità. OBIETTIVO 2 - Rafforzamento istituzionale e armonizzazione dei sistemi: creazione del contesto normativo-istituzionale riguardante l agricoltura biologica Il DiBCA non ha partecipato al raggiungimento di questo obiettivo perseguito dal Lead Partner, dalla Regione Puglia e dai Paesi PAO ma, soprattutto durante le visite effettuate allo IAMB e nei Paesi citati, ha avuto modo di apprezzare la qualità dei due corsi effettuati a Bari dallo IAMB (attività AT2.1) e visitare i Centri di Competenza sull agricoltura biologica allestiti nelle regioni transadriatiche (attività AT2.2). Si ritiene che in tali regioni dette strutture potranno essere di enorme utilità nel prosieguo di azioni volte alla diffusione e affermazione del sistema di produzione biologico. OBIETTIVO 3 - Qualificazione delle competenze professionali e rafforzamento dei servizi alle imprese agricole per la conversione al metodo di produzione biologica Come detto, il DiBCA ha partecipato alla realizzazione di questo obiettivo curando particolarmente l attività di progetto AT3.2: Realizzazione di progetti pilota per azioni dimostrative in agricoltura biologica finalizzate allo sviluppo di competenze specifiche attraverso percorsi di qualificazione professionale in campo e in laboratorio. Tale attività è stata organizzata e sviluppata di comune accordo con l Unità dell Università di Lecce ed in particolare con il Prof. Silvano Marchiori, Ordinario di Botanica Sistematica e Direttore dell Orto Botanico di quella Università, e con i dottori Fabio Ippolito e Francesco Minnone. L operato del DiBCA e del DiSTEBA è consistito nell allestimento di un Progetto Pilota volto alla conduzione di ricerche e sperimentazioni su 6

52 problematiche agricole correlate all applicazione dei criteri dell agricoltura biologica e nella realizzazione di uno stage, rivolto a due ricercatori per ognuno dei cinque Paesi coinvolti nel progetto, condotto presso le Università di Bari e Lecce. Per quest ultima attività nella presente relazione si daranno informazioni sullo stage condotto presso l Ateneo barese, mentre il Prof. Marchiori tratterà nella sua relazione di quanto di sua competenza progettuale. IL PROGETTO PILOTA DEL DiBCA In fase di stesura del Progetto SIAB, il DiBCA, in particolare la Sezione di Genetica e Miglioramento Genetico, si era impegnato a condurre presso l Azienda Sperimentale Martucci della Facoltà di Agraria di Bari, sita a Valenzano (Ba), un Progetto Pilota finalizzato alla conduzione di prove di campo utili a evidenziare l opportunità di inserire negli avvicendamenti tipici dell agricoltura biologica colture e genotipi dotati di elevata adattabilità all ambiente di coltura e stabilità produttiva diveniente dalla maggiore efficienza nello sfruttamento dei ridotti input energetici in uso in tale sistema agricolo. Attenzione sarebbe stata posta anche al recupero, salvaguardia e valorizzazione di risorse genetiche di varie specie agrarie caratterizzate dal possedere geni e sistemi genici importanti per l ottenimento di nuove varietà, da sfruttare specificatamente per l agricoltura biologica, in quanto migliorate per gli aspetti quanti-qualitativi della produzione, gli aspetti salutistici, resistenti a particolari patogeni e stress abiotici e maggiormente adattate ad essere coltivate con tecniche proprie dell agricoltura biologica e, in generale, dell agricoltura sostenibile. Tutte le prove realizzate nel biennio 2005/2006 e 2006/2007 presso l Azienda Martucci sarebbero anche servite come ausili didattici per i ricercatori dei Paesi PAO per accrescere la loro qualificazione professionale specificatamente: a) sulle tecniche agronomiche e colturali da adottare in regime biologico; b) sulla possibilità d intraprendere programmi di miglioramento genetico a breve e medio termine, per la selezione di genotipi superiori 7

53 selezionati con metodologie tradizionali e biotecnologiche, da utilizzare come nuove costituzioni varietali per il biologico; c) sulle più opportune scelte varietali; d) su alcune tecniche genetiche e molecolari innovative di laboratorio che, all attualità, possono essere determinanti nella protezione dei diritti dei costitutori di varietà e per la valorizzazione di produzioni tipiche attraverso il rilascio di marchi di qualità, utili ad accrescere il reddito agricolo realizzabile nelle aziende biologiche. E da evidenziare come tutte le prove realizzate nel Progetto Pilota siano state condotte su superfici aziendali che, come richiesto dalle normative vigenti sul biologico, non erano state sottoposte, nei tre anni precedenti all avvio delle prove, a coltivazioni con sistema convenzionale. In particolare, gli appezzamenti utilizzati nel Progetto Pilota erano stati lasciati a maggese o coltivati con leguminose da granella. Il Progetto Pilota (Foto 6) ha specificatamente interessato le seguenti specie agrarie: frumento duro, leguminose (cece e pisello), melone e pomodoro. Inoltre, indagini preliminari d introduzione in coltura sono state condotte su genotipi di cartamo e kenaf. Come si vedrà di seguito, comunque, al fine di mostrare agli stagisti del corso altre prove sperimentali presso il DiBCA per la coltivazione biologica, osservazioni sono state compiute anche su: carciofo, vite, melanzana africana, fico e specie officinali. Chiaramente, tutte le sperimentazioni svolte nell Azienda Martucci sono state replicate spazialmente, estendendole anche in altri campi sperimentali siti in località tipiche di coltivazione delle specie considerate, per esempio: Lecce, Policoro, Metaponto, Foggia, ecc.. Durante gli anni di sperimentazione, tutte le prove sono state condotte adottando i principali disegni sperimentali di campo e compiendo le più opportune analisi statistiche volte a differenziare i trattamenti posti a confronto. Nella presente relazione, in virtù delle numerose sperimentazioni svolte, verranno presentati in forma sintetica e sotto forma di tabelle, figure e foto i principali risultati ottenuti, peraltro commentati e discussi ampiamente durante la visita effettuata a Bari dai ricercatori stranieri e, in seguito, anche nei 5 8

54 seminari organizzati e svolti nell ambito dell obiettivo 4 presso le Istituzioni straniere. Per ciò che concerne il frumento duro, sono state condotte sperimentazioni volte a selezionare linee e cultivar ad elevata stabilità produttiva esibita in condizioni di ridotto apporto di azoto o adottando piani di concimazione con fertilizzanti organici. La valutazione dei materiali citati ha anche riguardato la loro performance produttiva in relazione all utilizzo della pratica del sovescio, al fine di accrescere la disponibilità di sostanza organica del suolo. Infatti, nell annata agraria 2005/2006, sono state condotte sperimentazioni di campo volte a valutare per la coltivazione del frumento duro l efficienza d uso del sovescio, operato mediante l interramento di due leguminose (cece e pisello). Iniziando la disamina dei risultati ottenuti, una prima prova di campo è stata realizzata nell a.a. 2005/2006 utilizzando uno split-plot con 3 repliche su 15 genotipi di frumento duro valutati preliminarmente nell annata agraria precedente per la loro attitudine ad essere allevate utilizzando pratiche colturali convenzionali e biologiche (Foto 7). Infatti, le linee allevate nell annata agraria 2005/2006 provenivano da selezioni di campo in cui si erano posti a confronto vari trattamenti di concimazione organica ed inorganica. In particolare, i trattamenti realizzati furono: 1. pieno apporto di azoto inorganico distribuito per il 50% in presemina e per il restante 50% in fase di levata (Test 100N); 2. riduzione del 50% della dose precedentemente citata, distribuita solo nella fase di levata (Test 50N) ; 3. nessun apporto di concimazione azotata; 4. concimazione organica (sangue secco) effettuata con 50 unità di azoto distribuite nella fase di levata. Nella tabella 1 sono riportati i risultati dell analisi della varianza (ANOVA) condotta rilevando i principali caratteri bio-agronomici sui 15 genotipi allevati in condizioni di piena disponibilità di azoto (Test 100N) e assenza di concimazione azotata (Test 0N). Come è possibile osservare, i trattamenti posti a confronto ed i genotipi sono risultati sempre statisticamente differenziati, permettendo la selezione di linee (Tab. 2) caratterizzate da alta 9

55 stabilità produttiva, come dimostrato dai bassi indici di danno (Blum et al., 1983), in particolare, quando allevate in condizioni di low input. Quattordici dei genotipi usati nel primo anno di sperimentazione sono stati posti a confronto, sempre utilizzando uno slip-plot con 3 repliche, anche nelle sperimentazioni condotte nell a.a. 2006/2007 allo scopo sia di confermare i risultati del primo anno di sperimentazione, circa le performance agronomiche delle linee allevate con e senza apporti azotati (rispettivamente pratica colturale convenzionale e biologica), sia per saggiarne il comportamento agronomico utilizzando la pratica del sovescio condotta con cece o pisello (Foto 8 e 9). In tabella 3 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta sui caratteri bio-agronomici rilevati durante la sperimentazione o dopo la raccolta (Foto 10). In media, come può osservarsi anche dalla tabella 4, le pratiche colturali poste a confronto sono risultate statisticamente differenti solo per l epoca di fioritura, il peso dei 1000 semi e la produzione. La differenza tra la produzione ottenuta utilizzando la pratica colturale convenzionale rispetto a quella biologica è stata di 1 tonnelata/ha. Come mostrato in tabella 5, il tipo di leguminosa utilizzata per il sovescio ha prodotto lievi effetti sulle differenze riscontrate per i caratteri bio-agronomici rilevati. Perciò, i due trattamenti di sovescio adottati, utilizzando cece e pisello, può affermarsi abbiano sortito un effetto simile sulle performance agronomiche dei genotipi di frumento duro posti a confronto. Tuttavia, considerando i dati relativi alle interazioni esistenti tra le pratiche colturali e i trattamenti di sovescio riportati in tabella 6, è possibile osservare come il sovescio con pisello nel trattamento biologico sia risultato più positivo su alcuni caratteri. Continuando la discussione dei risultati riferendosi a quelli dell ANOVA riportati in tabella 3, nella tabella 7 sono riportati i valori medi delle principali componenti della produzione relativi ai genotipi in prova in condizioni di allevamento convenzionale e biologico. È possibile osservare come nel trattamento convenzionale si siano distinte, come migliori genotipi, cultivar selezionate in relazione al loro elevato potenziale produttivo (Iride, Svevo, Duilio). Questo risultato non è stato sempre confermato passando a considerare i genotipi risultati meritori nelle condizioni di low-input. In questo caso, genotipi con migliori performance sono risultati linee selezionate presso il DiBCA per il 10

56 loro migliore adattamento alle condizioni di low-input, mentre le cultivar, per esempio, Duilio e Svevo hanno mostrato una severa riduzione della produzione di campo. Le linee LRAZ26-P, MG10/19 e MG11/45 sono risultate superiori sia nel trattamento convenzionale che nel biologico. Per quanto concerne le specie leguminose, molto importanti nell agricoltura biologica, nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 sono state condotte sperimentazioni in campo e ambienti controllati perseguendo i seguenti obiettivi: 1. selezione di genotipi di cece per la produzione di biomassa (Foto 11); 2. selezione per la produzione di granella di genotipi ed ecotipi di cece allevati in convenzionale e biologico in due differenti ambienti (Bari e Lecce) (Foto 11); 3. selezioni di genotipi di pisello resistenti a oidio (Erysiphe pisi) e orobanche (Orobanche spp.); 4. studi di ereditarietà delle suddette resistenze. Per il primo obiettivo, nella tabella 8 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta su 15 genotipi di cece (2 varietà, 4 ecotipi, 9 linee) allevati nell annata agraria 2005/2006 a Bari e a Lecce secondo uno split-plot con 3 repliche, seguendo pratiche colturali dell agricoltura convenzionale e biologica. In particolare, nel primo sistema di allevamento le prove sono state effettuate con arature profonde, con concimazioni distribuite in pre-semina, utilizzando fosfato biammonico e ricorrendo al controllo delle infestanti tramite diserbo chimico; mentre nel sistema di allevamento biologico si è provveduto a realizzare lavorazioni superficiali (fresatura e sarchiatura meccanica), a non fornire alcun apporto di fertilizzanti chimici e a controllare le malerbe tramite sarchiatura manuale. In media, le differenti località hanno influenzato significativamente tutti i caratteri rilevati (ad eccezione del numero di baccelli per branca ed il peso dei 1000 semi), mentre nessuna influenza è stata osservata in relazione ai due sistemi colturali adottati (ad eccezione del peso dei 1000 semi). La fonte di variazione imputabile ai differenti genotipi è risultata sempre statisticamente significativa, ad eccezione del numero di branche per pianta. In tabella 9 è possibile osservare come le medie dei caratteri rilevate nelle due località di prova si siano diversificate notevolmente soprattutto in relazione 11

57 alla semina tardiva effettuata nei campi sperimentali del DiSTEBA di Lecce. Fatta eccezione per il peso dei 1000 semi, nessuna differenza statisticamente significativa, come accennato, è stata osservata considerando i valori medi dei caratteri rilevati nel convenzionale e nel biologico (Tab. 10), mentre in entrambe le località i migliori genotipi per la produzione di granella e biomassa sono risultati le linee 359 e 392 selezionate dal DiBCA (Tab. 11). In tabella 12 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta su 12 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di cece allevati a Valenzano nell annata agraria 2006/07 con sistema convenzionale e biologico e con semina invernale e primaverile (Foto 12, 13 e 14). La diversa epoca di semina ha influenzato significativamente la variazione di quasi tutti i caratteri rilevati. A tal proposito è importante sottolineare come in semina invernale la produttività ed altre caratteristiche bio-agronomiche dei genotipi in prova siano state influenzate negativamente dalla bassa incidenza di pioggia e dalle alte temperature verificatesi durante l epoca di fioritura; inoltre, seri danni alla produzione e alle sue componenti sono derivati da severi attacchi di Ascochyta rabiei (Pass.) Labr., agente dell antracnosi del cece, registrati nel corso della sperimentazione. I differenti sistemi colturali, convenzionale e biologico, non hanno influenzato significativamente i caratteri esaminati, mentre, in media, i genotipi sono sempre risultati tra loro differenziati. Nella tabella 13 è possibile osservare sia le differenze tra le medie dei caratteri rilevati sui genotipi allevati in semina invernale e primaverile, sia il decremento, cui si è fatto precedentemente cenno, registrato per quasi tutti i caratteri rilevati nella prova a semina invernale rispetto a quella a semina primaverile. Nelle tabelle 14 e 15 sono riportati i risultati dell interazione di prim ordine Epoca di semina x Genotipo (SxG), risultata statisticamente significativa per la produzione e le sue principali componenti. Dalle predette tabelle è possibile osservare come genotipi con buone performance produttive in entrambe le epoche di semina siano risultate le linee: 464, 131, 359, selezionate per adattabilità dal DiBCA, e la cultivar Sultano, resistente all antracnosi. Come detto, un altra ricerca svolta nell ambito del Progetto Pilota ha riguardato due fonti di resistenza selezionate in pisello presso la Sezione di 12

58 Genetica e Miglioramento Genetico del DiBCA dell Università di Bari. Tali resistenze genetiche sono state fissate in due linee di pisello, denominate ROI e ROR, rispettivamente resistenti ad oidio e orobanche (Foto 15). Come mostrato ai partecipanti allo stage svolto a Bari (Foto 16), le resistenze sono state confermante mediante prove sperimentali condotte in pieno campo nell annata agraria 2006/2007. Inoltre, studi di ereditarietà sono stati intrapresi nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 per stabilire la natura del controllo genico di dette resistenze. Infatti, come mostrato dalla foto 17, sono stati condotti piani di incrocio e l allevamento di due popolazioni F 2, provenienti, rispettivamente, dall incrocio tra le due linee citate con piante provenienti da una accessione di Pisum elathius Bieb.. Tutti questi materiali genetici sono stati mostrati ai ricercatori stranieri durante lo stage tenutosi a Bari e lavori sono ancora in corso per stabilire l ereditarietà delle suddette resistenze e compiere studi di mappatura genetica. L isolamento di marcatori molecolari (RAPD, AFLP, SSR) associati al gene o ai geni di resistenza (ancora in corso) potrà essere determinante per condurre piani di selezione assistita anche in assenza dei patogeni per isolare altri genotipi di pisello promettenti agronomicamente e resistenti all oidio ed all orobanche. Tali ricerche stanno proseguendo anche tramite la conduzione di piani di reincrocio per introdurre dette resistenze in cultivar commerciali di pisello. Altra linea di ricerca sviluppata nel Progetto Pilota ha riguardato il melone, in particolare la varietà botanica inodorus la cui coltura è di notevole importanza negli ambienti meridionali e per la Puglia. Nel Progetto SIAB l attenzione per tale coltura è stata rivolta alla valorizzazione di linee inbred estratte da ecotipi agrari di diversa origine e selezionate per caratteristiche bioagronomiche d interesse. E bene evidenziare come i risultati ottenuti dalla caratterizzazione delle risorse genetiche di melone utilizzate presso il DiBCA nell ambito del Progetto SIAB siano stati recentemente pubblicati su una rivista internazionale con la seguente citazione bibliografica: Univariate and multivariate analysis performed on bioagronomical traits of Cucumis melo L. germplasm, Lotti, C., Marcotrigiano, A.R., De Giovanni, C., Resta, P., Ricciardi, A., Zonno, V., 13

59 Fanizza, G., Ricciardi, L., Genetic Resources and Crop Evolution, DOI /s y. Nell ambito del Progetto SIAB sono state selezionate linee inbred (Foto 18) ad elevato valore agronomico; in particolare: 10 ecotipi di melone, 2 linee di barattiere e 2 linee di carosello. Questi materiali rivestono particolare interesse soprattutto per l agricoltura biologica in quanto rappresentano produzioni tipiche capaci di innalzare il reddito degli imprenditori agricoli che, spesso, adottano il regime biologico in aree marginali. Le linee sono state allevate in entrambi gli anni di sperimentazione (2005/2006 e 2006/2007). Nel primo anno esse sono state allevate adottando un blocco randomizzato con tre repliche e pratiche colturali convenzionali. Nel secondo anno le linee, adottando uno split plot con tre repliche, sono state valutate seguendo pratiche colturali convenzionali e biologiche (Foto 19). Le principali tecniche convenzionali utilizzate hanno riguardato lavorazioni superficiali e profonde del terreno (fresatura e aratura), accompagnate da concimazioni fosfo-biammonica, operata prima del trapianto delle piantine, e fertirrigazione con un concime ternario, eseguita in corrispondenza dell allegagione e durante la maturazione dei frutti. Il controllo della flora infestante è stato eseguito tramite diserbo chimico in pre-trapianto e mediante pacciamatura e sarchiature meccaniche durante la coltivazione. Nel controllo dei principali fitopatogeni si è fatto uso dei presidi fitosanitari di utilizzazione comune presso gli orticoltori pugliesi. Nel trattamento biologico, le parcelle sono state allestite con lavorazioni del terreno condotte con fresature superficiali in pre-trapianto e, in seguito, tramite sarchiatura. La concimazione è stata operata in pre-trapianto somministrando 1 t/ha di guano, mentre il controllo delle malerbe è avvenuto mediante pacciamatura e sarchiatura. Per il controllo dei fitopatogeni ci si è avvalsi di prodotti a base di rame, zolfo, piretro e rotenone. In tutte le prove sono stati rilevati 13 caratteri bio-agronomici correlati alla precocità delle linee e ad attributi dei frutti. In tabella 16 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta su detti caratteri rilevati negli anni 2006 e 2007 sulle 10 linee inbred di melone allevate con regime convenzionale. Per tutti i caratteri (ad eccezione del numero di frutti per pianta) non sono state rilevate differenze statisticamente significative tra gli anni di sperimentazione, 14

60 mentre la fonte di variazione imputabile ai genotipi è risultata statisticamente non significativa solo per la produzione; inoltre, l interazione Genotipo x Anno (GxA) è risultata statisticamente significativa solo per alcuni caratteri. In tabella 17 sono riportati le principali statistiche descrittive stimate per le 10 linee inbred esaminate. Inoltre, la tabella 18 mostra i dati relativi all interazione Genotipo x Anno (GxA), riguardante le medie dell epoca di raccolta, del contenuto in solidi solubili e della produzione. Come può osservarsi, le linee IT-18/039 e IT-18/012 sono risultate le più stabili nei due anni di sperimentazione compiuta con il sistema convenzionale. In tabella 19 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta sulle 10 linee inbred allevate nell annata agraria 2006/2007 adottando i sistemi colturali convenzionale e biologico. In generale, la maggior parte dei caratteri non sono stati significativamente influenzati dai trattamenti posti a confronto, tranne qualche eccezione, mentre la fonte di variazione dovuta al genotipo è sempre risultata statisticamente significativa ad eccezione della lunghezza del frutto. L interazione di prim ordine Genotipo x Trattamento (GxT) è risultata statisticamente significativa solo per l epoca di raccolta e la consistenza della polpa. Dalla tabella 20 si può osservare come, in media, le differenze a carico dei caratteri rilevati con l allevamento convenzionale e biologico siano risultate minime e non significative. Eccezioni hanno riguardato lo spessore della corteccia, la lunghezza dei frutti e il contenuto in solidi solubili. Questo risultato appare di particolare interesse in quanto dimostra che le linee selezionate e valutate nelle prove sono caratterizzate da buone performance produttive ed elevata adattabilità in condizioni di low-input quali sono quelle tipiche dell agricoltura biologica. In tabella 21 sono riportati i valori delle medie dei principali caratteri rilevati nel 2007 sulle 10 linee inbred. È possibile osservare come sussisti una correlazione negativa tra la produzione e il contenuto in solidi solubili; perciò, linee altamente produttive sono caratterizzate da un basso contenuto in solidi solubili. Tuttavia, le linee IT-18/012 e IT-18/030 hanno confermato il loro elevato valore agronomico, mostrando valori medi interessanti per i 4 caratteri riportati. Il valore delle linee studiate è anche da intravedersi nella possibilità di costituire con esse, tramite piani di incrocio ad hoc, ibridi di valore. 15

61 La sperimentazione riguardante le 4 linee di carosello (IT-1/001 e IT- 1/009) e barattiere (IT-1/029 e IT-1/036) costituite presso il DiBCA è stata sostanzialmente condotta in modo analogo a quella del melone. Durante la sperimentazione, comunque, in virtù della diversa destinazione dei frutti del carosello e del barattiere, che vengono raccolti allo stadio immaturo, sono stati rilevati solo 6 caratteri bio-agronomici riportati nelle tabelle 22 e 23. In esse sono anche riportate, rispettivamente, le medie dei caratteri rilevati nelle annate 2005/2006 e 2006/2007, adottando pratiche colturali di tipo convenzionale, e quelle dell annata agraria 2006/2007 in cui il confronto dei trattamenti è stato operato tra allevamento convenzionale e biologico. Dai risultati ottenuti può sinteticamente affermarsi che la linea più promettente, in tutti i trattamenti studiati, è risultata la IT-01/001. Nelle foto 20 e 21 sono presentati i frutti delle migliori linee di melone, barattiere e carosello studiate, capaci di fornire buone e tipiche produzioni che, soprattutto in condizioni di agricoltura biologica, potrebbero essere importanti per una loro definitiva valorizzazione anche attraverso la richiesta di rilascio di marchi di qualità nazionali ed europei. L attività di ricerca messa in atto nel Progetto Pilota ha riguardato anche lo sviluppo di linee d indagine riguardanti il pomodoro. Le attività su tale specie sono iniziate nella primavera del 2006 con la caratterizzazione morfologica, bioagronomica e molecolare di una collezione di germoplasma comprendente genotipi italiani (18) e albanesi (24). Nel corso di tale studio sono stati quindi caratterizzati 42 ecotipi agrari, allevati adottando un blocco randomizzato con 2 repliche, e utilizzando 70 descrittori bio-agronomici dell IPGRI. Per l allevamento dei genotipi si sono eseguite pratiche colturali convenzionali, ricorrendo ad aratura profonda e fresatura in pre-trapinato, a concimazioni pre-trapinato a base di fosfato biammonico (2,5 q/ha) e fertirrigazione con concime ternario (20:20:20) in fase di allegazione e durante la maturazione dei frutti. Durante la coltivazione il controllo delle infestanti è stato realizzato tramite periodiche sarchiature. Per il controllo dei principali fitopatogeni ci si è avvalsi dei più comuni prodotti fitosanitari. Per la caratterizzazione molecolare ci si è avvalsi di analisi molecolari condotte tramite due classi di marcatori: gli AFLP (Amplified Fragment Lenght Polymorphism) e gli SSR (Simple Sequence Repeat). 16

62 Nella tabella 24 sono riportate le principali statistiche descrittive degli ecotipi studiati. I dati dei caratteri rilevati hanno evidenziato l ampia variabilità disponibile nella collezione, come dimostrato dagli elevati valori dei coefficienti di variazione stimati per la maggior parte dei caratteri. Tale risultanza rivestiva notevole importanza e costituiva un utile pre-requisito per poter intraprendere con efficienza programmi di miglioramento genetico volti alla selezione di linee con particolari caratteristiche di pregio e di adattamento utili sia per la loro utilizzazione nell agricoltura convenzionale che nel biologico. La caratterizzazione morfologica e la stima della variazione disponibile nella collezione di pomodoro esaminata è stata effettuata tramite analisi multivariata, mentre per discriminare ed evidenziare caratteri utili, che spiegassero sinteticamente le variazioni fenotipiche rilevate nella collezione, si è condotta l analisi delle componenti principali. Infine, per discriminare eventuali similarità tra gli ecotipi in studio si è adottata la cluster analisys. I risultati ottenuti hanno dimostrato che le prime 6 componenti principali contribuivano a spiegare il 75% dell intera variabilità presente nella collezione (Tab. 25) e che la maggior parte dei caratteri erano rappresentati dalla prima componente principale in cui ricadevano alcune caratteristiche morfologiche dei frutti e alcune componenti della produzione. La cluster analisys, inoltre, ha permesso di raggruppare gli ecotipi in due gruppi principali, soprattutto in relazione al proprio habitus vegetativo (determinato e indeterminato), le dimensioni del frutto (piccolo o grande) e l origine geografica (Fig. 1). La caratterizzazione morfologica della collezione nel primo anno di prova ha anche permesso di valutare preliminarmente le performance bio-agronomiche degli ecotipi considerati, consentendo di operare la selezione di alcuni altamente differenziati per i principali caratteri bio-agronomici. Nella tabella 26 è, infatti, possibile osservare solo alcuni ecotipi caratterizzati da elevata precocità e tardività, da buona produttività e alto contenuto in solidi solubili. Come detto, le evidenze sperimentali riguardanti la caratterizzazione morfologica e bio-agronomica della collezione sono state comparate con quelle provenienti dalle analisi molecolari realizzate utilizzando i marcatori AFLP e SSR. Le metodologie utilizzate per il rilievo di questi marcatori sono sinteticamente riportate nella figura 2. 17

63 I risultati ottenuti dalle analisi AFLP e SSR hanno confermato l ampia variabilità esistente tra gli ecotipi in studio e la loro differenziazione in relazione alla differente origine geografica (Fig. 3 e 4). Inoltre, l uso dei marcatori più specifici, come gli SSR, ha permesso di caratterizzare alcuni ecotipi tipicamente coltivati in Puglia come il Molese e il Regina e, in questo ultimo caso, di risolvere casi di sinonimia e/o omonimia. E opportuno evidenziare che, come indicato per le sperimentazioni operate su melone, anche i risultati inerenti alle caratterizzazioni bioagronomiche e molecolari condotte nel I anno di sperimentazione SIAB sulla collezione di pomodoro siano stati oggetto di presentazione durante le VIII Giornate Scientifiche della Società Italiana di Orticoltura (SOI) e di pubblicazione nei relativi Atti del Congresso Nazionale svolto a Sassari nel maggio La rispettiva referenza bibliografica è: "Salvaguardia, caratterizzazione e valorizzazione di ecotipi agrari di pomodori pugliesi ed albanesi, Lotti C., Ricciardi A., De Giovanni C., Marcotrigiano A.R., Zonno V., Miacola C., Ricciardi, L., pp.: 34". Nell annata agraria 2006/2007 i 42 ecotipi sono stati anche valutati in una prova sperimentale condotta in serra seguendo il regime di allevamento biologico (Foto 22). Infatti, i 42 ecotipi sono stati allevati secondo un blocco randomizzato con 2 repliche adottando lavorazioni del terreno minime e praticate mediante fresature leggere in fase di pre-trapianto e, successivamente, durante la coltivazione solo con sarchiatura. La concimazione è stata effettuata in pre-trapianto utilizzando 10q/ha di guano, mentre sarchiature periodiche sono state utilizzate per il controllo delle malerbe. La difesa fitosanitaria è stata attuata mediante prodotti consentiti dall attuale normativa sul biologico a base di rame, zolfo, piretro, rotenone e Bacillus thuringensis var. kurstaki. In particolare, per la lotta agli acari (ragnetto rosso) e alla mosca bianca (Foto 23) si è ricorso al controllo biologico utilizzando nel primo caso il Phytoseiulus persimilis (acaro predatore) e nel secondo caso l Encarsia formosa (imenottero parassitoide). Nella tabella 27 sono riportati i risultati dell analisi della varianza condotta sui dati bio-agronomici rilevati sui 42 ecotipi. La fonte di variazione relativa ai genotipi in prova è risultata sempre statisticamente significativa ad eccezione del contenuto in solidi solubili. Osservando le medie dei caratteri 18

64 studiati (Tab. 28) è possibile evidenziare la bontà agronomica dei materiali in studio e la loro ampia differenziazione (alti valori di C.V.). Come è possibile notare nella tabella 29, linee estratte tramite piani di selezione dagli ecotipi IT- 22/003, IT-22/030-5 e IT , in relazione alla loro precocità, al numero di frutti per pianta, al peso medio del frutto e produttività per pianta potrebbero risultare meritorie per essere impiegate in condizioni di coltivazione biologica del pomodoro da mensa. Inoltre, si può affermare che il controllo dei fitopatogeni, realizzato mediante i prodotti fitosanitari ammessi dai disciplinari e gli ausiliari, è stato efficace per contenere le infestazione dei più temibili agenti patogeni che si sviluppano in serra su pomodoro. Un altra importante ricerca condotta sulla solanacea in questione in ambito SIAB ha permesso di continuare l ottenimento di risultati scientifici di base e applicativi in merito all isolamento di un gene di resistenza ad un nuovo oidio (Oidium neolycopersici Kiss et al.) risultato molto dannoso per le colture di pomodoro allevate in pieno campo ed in serra. Il gene citato era stato precedentemente identificato in una specie selvatica di pomodoro (Solanum lycopersicum L. var. cerasiforme). Con le sperimentazioni condotte è stato possibile riuscire a mantenere in vivo il fungo in ambiente protetto ed ottenere linee di pomodoro resistenti al patogeno (Foto 24). Inoltre, i risultati ottenuti in collaborazione con Istituzioni di ricerca tedesche ed olandesi sono stati oggetto di importanti pubblicazioni riportate su due riviste internazionali. Nelle due pubblicazioni dal titolo: Further isolation of AFLP and LMS markers for the mapping of the Ol-2 locus related to powdery mildew (Oidium neolycopersici) resistance in tomato (Solanum lycopersicum L.). Plant Science, 172: Ricciardi, L., Lotti, C., Pavan, S., Bai, Y., Lindhout, P., De Giovanni, C., 2007, e Naturally occurring broad-spectrum powdery mildew resistance in a Central American tomato accession is caused by loss of LeMLO1 function. Molecular Plant Microbe Interaction, No. 1: pp Bai, Y., Pavan, S., Zheng, Z., Zappel, N.F., Reinstadler A., Lotti, C., De Giovanni, C., Ricciardi, L., Lindhout, P., Visser, R., Theres, K. and R. Panstruga, 2008, sono riportati i risultati relativi all identificazione del gene di resistenza ad oidio, denominato ol-2 e risultato di tipo recessivo, alla sua mappatura sul cromosoma 4 di pomodoro. Con le ricerche è stato possibile dimostrare che il gene di resistenza identificato 19

65 appartiene alla stessa famiglia dei geni di resistenza ad oidio presenti in Arabidopsis ed orzo e che la resistenza conferita al genotipo selvatico (rispetto al genotipo coltivato che è suscettibile alla malattia) è dovuta alla delezione di 19 paia di basi in uno degli esoni costituenti il gene. I risultati di base sinteticamente descritti rivestono particolare interesse per la specie soprattutto per la possibilità futura di ottenere cultivar di pomodoro resistenti ad oidio, da allevare in condizioni di agricoltura biologica, evitando o limitando in tal modo l uso di pesticidi non consentiti, generalmente, nelle forme di agricoltura sostenibile. Durante lo svolgimento del Progetto Pilota sono state anche condotte osservazioni preliminari sull introduzione in coltura negli ambienti pugliesi del cartamo e del kenaf (Foto 25). Per entrambe le specie, nel primo anno di sperimentazione è stato possibile introdurre un limitato numero di genotipi che è stato moltiplicato. Comunque essi, durante le prove agronomiche allestite nel secondo anno, si sono rilevati scarsamente adattati alle condizioni pedoclimatiche locali, rendendo impossibile l ottenimento di risultati attendibili per poter valutare un eventuale loro inserimento negli avvicendamenti colturali come specie alternative. Circa questo punto di ricerca, quindi, altre indagini saranno condotte nella primavera Come detto all inizio del paragrafo, soprattutto per scopi didattici, ed in particolare durante il corso di training organizzato a Bari in favore dei 10 ricercatori provenienti dai 5 Paesi coinvolti nel programma SIAB, lo svolgimento del Progetto Pilota ha anche considerato altre specie sottoposte a sperimentazione presso il DiBCA per il raggiungimento di vari obiettivi di ricerca agronomici, genetici e di miglioramento genetico correlati con la diffusione dell agricoltura biologica. E il caso di prove condotte: sulla vite, per il controllo della Frankliniella occidentalis; sulla melanzana africana (Solanum aethiopicum L.), per lo studio di questa solanacea caratterizzata da produzioni tipiche interessanti per l industria conserviera della melanzana coltivata (Foto 26); sul fico e carciofo (Foto 27), per la selezione di genotipi con produzione migliorata quanti-qualitativamente e studi di diversificazione genetica compiuti con approccio classico e molecolare; su varie risorse genetiche di specie officinali (salvia, origano, etc.) (Foto 28). 20

66 Tutte le prove in atto nei campi sperimentali e nei laboratori in cui il DiBCA ha operato durante gli anni di conduzione del Progetto SIAB sono state mostrate ai ricercatori dei Paesi PAO durante il loro stage presso l Università di Bari. Inoltre, come già riportato e detto di seguito, i risultati di tutte le ricerche sono stati anche presentati durante gli incontri avuti in Italia e nei 5 Paesi partecipanti al progetto. REALIZZAZIONE E RISULTATI DEL TRAINING COURSE Come precedentemente descritto, nell ambito dell obiettivo 3 del Progetto SIAB: Qualificazione delle competenze professionali e rafforzamento dei servizi alle imprese agricole per la conversione al metodo di produzione biologica ed, in particolare, nell attività AT3.2 ( Realizzazione di progetti pilota per azioni dimostrative in agricoltura biologica finalizzate allo sviluppo di competenze specifiche attraverso percorsi di qualificazione professionale in campo e in laboratorio ), sia il DiBCA che il DiSTEBA dell Università degli Studi di Lecce si erano impegnati anche ad organizzare e svolgere un training course rivolto a 10 ricercatori provenienti dai cinque Paesi coinvolti nel progetto. Il training sarebbe stato svolto in contemporanea alla visita prevista alle prove svolte in campo e negli ambienti controllati del Progetto Pilota precedentemente descritte. I responsabili scientifici delle due Università italiane partecipanti al progetto, Proff. Ricciardi e Marchiori, unitamente ai loro collaboratori hanno svolto varie riunioni presso le Università di Lecce e di Bari per mettere a punto un efficiente programma da realizzare con gli stagisti. Sono stati discussi i tempi di realizzazione del corso, gli aspetti logistici, per poter ospitare al meglio i partner stranieri, quelli tecnico-scientifici su cui far vertere lo stage, le modalità e i tempi di accesso ai campi sperimentali, alle serre ed i laboratori dei due Dipartimenti, le visite tecniche da realizzare per mostrare realtà produttive pugliesi gestite imprenditorialmente nel settore dell agricoltura biologica. Dopo le riunioni è stato stilato un programma di massima che, oltre a prevedere in dettaglio le attività da svolgere durante i giorni di soggiorno a Bari e Lecce, prevedeva anche la partecipazione attiva degli stagisti ad attività di 21

67 laboratorio e di presentazione, presso le Istituzioni italiane, di seminari inerenti alla diffusione e sviluppo dell agricoltura biologica nei loro Paesi. Detto programma è stato presentato ai partner stranieri in occasione dell incontro avuto nel febbraio 2007 a Palic e Sombor in Serbia per poterlo discutere e adottare comunemente eventuali modifiche. In quella occasione fu deciso di comune accordo che lo stage sarebbe stato rivolto a giovani ricercatori o ricercatori senior direttamente impegnati nelle Istituzioni straniere partecipanti al progetto in modo da rafforzare quanto più possibile i legami del partenariato. Inoltre, si decise che lo stage si sarebbe svolto dal 20 al 26 maggio Successivamente, il partenariato straniero comunicò i nominativi e le Istituzioni di appartenenza dei ricercatori che avrebbero partecipato allo stage. Per l Albania hanno partecipato la Dr. Ariola Bacu dell Accademia delle Scienze dell Albania e la Sig. ra Valbona Mata dell Istituto di Ricerche Biologiche di Tirana; per la Bosnia e Erzegovina, la Dr. ssa Biljana Lolic e il Dr. Dimitrije Markovic della Facoltà di Agraria dell Università di Banja Luka; per la Croazia, il Prof. Zdravko Matotan dell Istituto Podravka d.d. di Koprivnica e il Dr. Slavko Kopilovic dei Servizi Croati di Sviluppo Agricolo; per il Montenegro, la Prof. ssa Natasa Mireki della Facoltà di Agraria dell Università del Montenegro e la Prof. ssa Vesna Vujacic della Facoltà del Turismo di Kotor, Università del Montenegro; per la Serbia, il Dr Vladimir Sabados dell Istituto di Agraria di Sombor e la Dr. ssa Tatjana Beuk Pirusic del Ministero dell Agricoltura, delle Foreste e delle Risorse Idriche di Belgrado. Il corso, quindi, è stato svolto nel periodo concordato presso le Università di Bari e Lecce e nella figura 5 è possibile osservare la brochure realizzata per la pubblicizzazione dell evento. Come può notarsi dalle foto 29 e 30, durante la permanenza presso l Università di Bari, i ricercatori stranieri hanno partecipato ad attività seminariali svolte con l intento di fornire ai discenti conoscenze di base e pratiche su tematiche correlate allo sviluppo e diffusione dell agricoltura biologica. In particolare, docenti delle due Università citate e dell Università di Foggia, unitamente ad esperti dell agricoltura biologica, hanno trattato argomenti inerenti: agli aspetti economici di tale forma di agricoltura, alle norme comunitarie e nazionali che la regolano, all applicazione di disegni sperimentali idonei a compiere sperimentazioni in agricoltura e al corretto utilizzo dei dati 22

68 statistici rilevati, alla salvaguardia e valorizzazione della biodiversità agraria e delle produzioni tipiche, al controllo delle malerbe, ai risultati del Progetto Pilota, all applicazione di tecniche molecolari di laboratorio fortemente innovative per la risoluzione di vari problemi scientifici e pratici. Tutti i ricercatori partecipanti al corso hanno potuto osservare le numerose prove sperimentali condotte nelle aziende agrarie e nelle serre della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Bari, visitando le camere di conservazione di germoplasma (Foto 31), le biblioteche e i Centri di Calcolo di Facoltà, di Dipartimento e di Sezione. Di seguito si riporta l elenco ed i titoli dei seminari trattati, le attività effettuate a Bari, con i nominativi dei docenti impegnati nel corso: Informazioni generali sul corso. Il Progetto Pilota sull agricoltura biologica: principali ricerche sviluppate presso la Sezione di Genetica e Miglioramento Genetico del DiBCA. Prof. Luigi Ricciardi, DiBCA, Università degli Studi di Bari; Aspetti economici dell agricoltura biologica in Puglia. Prof. Rocco Roma, DePAR, Università degli Studi di Bari; Normative comunitarie per la produzione in agricoltura biologica: aspetti agronomici e di certificazione. Dr. Matteo Manna, ICEA, SOT Puglia; Controllo delle malerbe nell agricoltura biologica. Prof. Pasquale Montemurro, DiSPV, Università degli Studi di Bari; Risultati delle prove di campo, disegni sperimentali e procedure statistiche adottate nelle ricerche del Progetto Pilota. P.A. Angelo Raffaele Marcotrigiano, DiBCA, Università degli Studi di Bari; Visita al Progetto Pilota realizzato presso l Azienda Sperimentale Martucci della Facoltà di Agraria di Bari, Valenzano, Bari. Intero staff tecnico-scientifico del DiBCA, Università degli Studi di Bari; 23

69 Salvaguardia, valutazione, conservazione e valorizzazione delle risorse genetiche per l agricoltura biologica. Prof. Paolo Resta, DiBCA, Università degli Studi di Bari; Tecniche molecolari usate nel miglioramento genetico per la valorizzazione di specie utili nell agricoltura biologica. Prof.ssa Concetta Lotti, DiSACDV, Università di Foggia; Applicazione in laboratorio di tecniche molecolari per l agricoltura biologica: alcuni casi studio. Prof. Claudio De Giovanni, DiBCA, Università degli Studi di Bari; Pratiche di Laboratorio. A cura del Gruppo di Lavoro del Prof. Ricciardi, DiBCA, Università degli Studi di Bari. Durante la permanenza dei partner stranieri sono stati anche creati eventi conviviali, che hanno permesso, a nostro parere, un elevata socializzazione tra docenti e discenti (Foto 31). A tutti i partecipanti sono stati distribuiti materiali di cancelleria e di pubblicizzazione del Progetto SIAB siglati con il logo del progetto. Sono stati anche ristampati e distribuiti due manuali redatti dal coordinatore scientifico per il DiBCA: Prof. Luigi Ricciardi, inerenti ai principali disegni sperimentali e alle analisi statistiche di maggior uso nella sperimentazione agraria, e alle principali azioni da compiere in caso di organizzazione e svolgimento di missioni per la raccolta di germoplasma. Successivamente, su richiesta dei ricercatori partecipanti allo stage, sono stati anche acquistati e forniti libri e pubblicazioni d interesse sull agricoltura biologica consultati in Italia dagli stessi e consegnati loro durante il meeting di chiusura del progetto svolto in Croazia. Per ciò che attiene al raggiungimento dei risultati dell obiettivo 3 del Progetto SIAB, si ritiene che lo staff tecnico-scientifico del DiBCA si sia prodigato esaurientemente e con alta efficienza sia per lo sviluppo del Progetto Pilota sia per l organizzazione e svolgimento dello stage previsto. 24

70 Come accennato in sede di commento, uno dei segni più tangibili degli interessanti risultati ottenuti nel corso di svolgimento del Progetto Pilota diviene dal breve lasso di tempo con cui sono stati pubblicati ben tre lavori scientifici scaturiti da SIAB su riviste nazionali ed internazionali di prestigio. Si è convinti che anche lo stage organizzato presso gli Atenei di Bari e Lecce sia stato di notevole interesse culturale e scientifico sia per parte italiana sia per il partenariato straniero. Tali convinzioni sono state suffragate dai giudizi espressi pubblicamente dai ricercatori dei cinque Paesi coinvolti in SIAB durante il meeting successivo allo stage svolto in Bosnia. Tutte le esperienze scientifiche, didattiche, tecniche ed amministrative accumulate con l implementazione del progetto e con il suo svolgimento rappresentano conoscenze che saranno senz altro utili in un futuro, si spera molto prossimo, per condurre nuovi programmi di cooperazione transnazionale e non disperdere i valori umani e professionali particolarmente curati nel Progetto SIAB. OBIETTIVO 4 - Divulgazione delle conoscenze Per questo obiettivo il DiBCA, oltre ad aver partecipato allo svolgimento dell attività AT4.1, intervenendo ai meeting di apertura e chiusura del progetto, ha specificatamente operato nell attività AT4.2: Organizzazione di 5 seminari presso Istituzioni indicate dal partenariato straniero da svolgere in Albania, Bosnia e Erzegovina, Croazia, Montenegro e Serbia. Anche in quest attività, il DiBCA si è fortemente prodigato per la capillare diffusione dei risultati del Progetto Pilota e per poter interagire efficacemente con Istituzioni pubbliche e private, con ricercatori e imprenditori agricoli e del settore agro-alimentare dei 5 Paesi partecipanti a SIAB. Molto spesso il raggiungimento delle sedi in cui svolgere i seminari è stato faticoso e non particolarmente confortevole, ma l ospitalità concessa dai partner del progetto è stata sempre squisita e tutti si sono adoperati perché il soggiorno del personale del DiBCA fosse gradevole. Anche in questo caso, le date di realizzazione dei seminari sono state concordate con i partner cosi come i titoli e le problematiche da trattare. Il primo seminario si è svolto dal 25 al 28 ottobre 2007 in Croazia, presso l Istituto di 25

71 Agricoltura di Krizevci, località distante 70 km da Zagabria (Foto 32). Il secondo, dal 30 ottobre al 1 novembre, in Serbia, è stato svolto nell ambito del I Seminario dei Servizi di Estensione Agricola della Provincia Autonoma della Vojvodina, tenuto a Divcibare Mountain, distante circa 200 km da Belgrado (Foto 33). Il terzo, dal 1 al 3 novembre, in Bosnia presso la Facoltà di Agraria dell Università di Banja Luka (250 km da Zagabria). Il quarto, dal 5 al 7 novembre, in Albania, presso il Ministero dell Agricoltura di Tirana (Foto 34) e l ultimo, dall 11 al 13 novembre in Montenegro presso l Istituto di Biotecnologie di Podgorica (Foto 35). In accordo con i partner di progetto, il Prof. Ricciardi e la Prof. ssa Lotti hanno svolto il seminario tenuto in Albania dal titolo: Risultati finali del Progetto SIAB e quelli in Croazia e Montenegro dal titolo: Salvaguardia, valutazione e valorizzazione di risorse genetiche nell agricoltura biologica: casi studio del Progetto SIAB, mentre il Prof. Resta, con quest ultimo titolo, ha tenuto i seminari svolti in Serbia e Bosnia. Durante la permanenza nei cinque Paesi sono anche state visitate Università, Centri di ricerca e aziende agrarie dell area balcanica, intrecciando rapporti interpersonali con ricercatori con cui si sono discusse tematiche di ricerca e applicative dell agricoltura biologica dei rispettivi Paesi. Anche per questa attività, in relazione alla numerosità e qualificazione degli uditori che hanno partecipato per parte straniera ai seminari, si è convinti di aver raggiunto un ampia pubblicizzazione del Progetto SIAB ed una completa diffusione dei risultati ottenuti nell ambito del Progetto Pilota. Ciò è stato palesemente manifestato dai ricercatori dei 5 Paesi partner, che hanno espresso un elevato grado di soddisfazione per quanto ricevuto dal DiBCA in termini di relazioni umane, culturali e scientifiche. CONCLUSIONI A conclusione della presente relazione si ritiene di poter affermare che il lavoro condotto dal DiBCA dell Università degli Studi di Bari nel Progetto SIAB sia stato svolto in modo esauriente, rispettando i tempi di ottenimento dei risultati previsti e raggiungendo tutti gli obiettivi previsti dal progetto. 26

72 Come illustrato nella relazione, il DiBCA, nell ambito del 1 obiettivo, ha collaborato con gli altri Partner italiani di progetto alla creazione di un efficiente parternariato transfrontaliero che, secondo lo scrivente, si è distinto per coesione, interesse scientifico, partecipazione a tutte le attività organizzate ed espletate in SIAB. Ciò è stato tangibile, in particolare durante i meeting realizzati, il training course svolto in Italia, i seminari condotti presso le Istituzioni straniere. Tramite lo svolgimento del Progetto Pilota si sono potute accrescere le conoscenze di base ed applicative su numerose specie agrarie allevate sia seguendo pratiche colturali convenzionali sia quelle biologiche. Dalle sperimentazioni sono scaturiti importanti risultati scientifici utili sia in virtù delle discussioni critiche seguite con i discenti del training course sia perché prontamente pubblicati su riviste nazionali ed internazionali. A tal proposito è bene evidenziare che anche altri risultati provenienti dalle sperimentazioni effettuate in ambito SIAB saranno prossimamente oggetto d invio a riviste scientifiche per una loro eventuale pubblicazione. Si ritiene che un altro importante risultato ottenuto con la conduzione del progetto sia derivato dalla possibilità che si è avuto di collezionare e/o moltiplicare risorse genetiche di specie agrarie, che costituiscono importanti materiali genetici di base per intraprendere futuri ed ulteriori programmi di miglioramento genetico volti alla costituzione di linee maggiormente adattate alle condizioni proprie dell agricoltura biologica. Il corso svolto presso il DiBCA è stato seguito con elevata attenzione ed interesse dai discenti. Essi hanno potuto, durante il soggiorno presso la Facoltà di Agraria di Bari, incontrare ricercatori ed esperti dell agricoltura biologica pugliese con cui hanno intrapreso rapporti scientifici che, ci consta, sono ancora attivi e saranno importanti per lo sviluppo di future collaborazioni. La realizzazione dell ultimo obiettivo prefissato dal DiBCA, consistente nello svolgimento di 5 seminari da svolgere nei Paesi PAO partecipanti al 27

73 Progetto SIAB, ha rappresentato un esperienza estremamente gratificante perché ha consentito la conoscenza e lo scambio di informazioni scientifiche, didattiche e umane tra i ricercatori di varie Istituzioni, che saranno sicuramente pronti a riformare efficienti partenariati per la conduzione di altre collaborazioni scientifiche, inserendo anche forze imprenditoriali dei Paesi ospitanti. In ultimo si vuole ribadire il ringraziamento verso tutti gli artefici della progettazione e realizzazione del Progetto SIAB. Essi sono in particolare rivolti all Autorità di Gestione del Progetto, al Leader Partner ed ai suoi collaboratori, al Prof. Marchiori ed il suo staff dell Università di Lecce, a tutte le Istituzioni e ricercatori dei Paesi partecipanti al Progetto. Non si vuole, in conclusione, dimenticare l operato di tutti i docenti, i tecnici di laboratorio, di campo e amministrativi del DiBCA che, in tempi ristretti, hanno dato vita ad una serie numerosa di attività organizzative, esecutive, di ricerca e sperimentazione agricola qualificata per raggiungere e onorare gli obiettivi di progetto; da parte dello scrivente un sentito grazie. Il Responsabile Scientifico del DiBCA (Prof. Luigi Riccairdi) 28

74 Tab. 1: Risultati dell ANOVA condotta su 6 caratteri bioagronomici rilevati su 15 genotipi di frumento duro allevati con piena disponibilità di azoto e assenza di concimazione azotata nell annata agraria 2005/2006 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) CARATTERE FONTE DI VARIAZIONE 1 Pratica colturale (P) Genotipo (G) P x G G.L Epoca di spigatura (gg) n.s. ** ** Altezza pianta (cm) ** ** ** Spighe per pianta (n) ** ** n.s. Peso dei 1000 semi (g) ** ** ** Peso ettolitrico (kg/hl) ** ** ** Produzione (t/ha) ** ** ** 1: **, *, n.s.: indicano fonti di variazione statisticamente significative rispettivamente allo 0.01P, 0.05P o non significative 29

75 Tab. 2: Medie produttive (t/ha) e indici di danno (Blum et al., 1983) stimate su 15 genotipi di frumento duro allevati nell annata agraria 2005/2006 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) con piena disponibilità di azoto (Test 100N) e assenza di concimazione azotata (Test 0N) 1 Genotipo Test 100N Test 0N Danno (%) Simeto 4,49 ABC 3,70 bcde 17,6 Messapia 4,22 BCD 3,64 cde 13,7 Norba 4,24 ABCD 3,64 cde 14,1 Ofanto 4,56 AB 4,01 abcd 12,1 Duilio 4,25 ABCD 3,48 e 18,1 LR AZ 1-5 4,49 ABC 4,10 abcd 8,7 LR AZ ,00 D 3,60 de 10,0 LR AZ ,25 ABCD 3,80 abcde 10,6 LR AZ 2-6P 4,36 ABCD 3,95 abcd 9,4 LR AZ ,67 A 4,12 ab 11,8 MG ,56 AB 4,17 a 8,5 MG ,18 BCD 3,72 abcde 11,0 MG ,61 AB 4,08 abc 11,5 MG ,29 ABCD 3,88 abcde 9,6 MG ,08 CD 3,71 bcde 9,1 Media totale 4,35 3,84 11,7 Medie varietà 4,35 n.s. 3,69 15,1 Medie linee 4,35 3,91 * 10,0 1: Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono significativamente allo 0.01P (lettere maiuscole) e allo 0.05P (lettere minuscole) (Duncan s Test) 30

76 Tab. 3: Risultati dell ANOVA condotta su 7 caratteri bio-agronomici rilevati su 14 genotipi di frumento duro allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) con piena disponibilità di azoto, assenza di concimazione e utilizzando il sovescio con cece o pisello FONTE DI VARIAZIONE 1 CARATTERE Pratica colturale (P) Sovescio (S) Genotipo (G) P x S P x G S x G P x S x G G.L Epoca di spigatura (gg) 2 * * *** n.s. n.s. n.s. ** Altezza pianta (cm) n.s. ** *** ** * n.s. n.s. Produzione per pianta (g) n.s. n.s. *** n.s. n.s. n.s. n.s. Spighe per pianta (n) n.s. n.s. * n.s. n.s. n.s. n.s. Peso dei 1000 semi (g) ** ** *** n.s. *** n.s. n.s. Peso ettolitrico (kg/hl) n.s. ** *** n.s. *** n.s. n.s. Produzione (t/ha) ** *** *** *** *** n.s. n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano fonti di variazione statisticamente significative rispettivamente allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (30/11/2006) 31

77 Tab. 4: Principali statistiche descrittive stimate per 7 caratteri bioagronomici rilevati su 14 genotipi di frumento duro allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche CARATTERE Pratica colturale Pratica colturale convenzionale biologica MEDIA 1 Media ± e.s. CV (%) Media ± e.s. CV (%) Epoca di spigatura (gg) 2 134,9 ± 1,1 5,2 132,5 ± 0,9 4,4 133,7 * Altezza pianta (cm) 98,0 ± 2,0 13,3 96,5 ± 0,7 5,0 97,2 n.s. Produzione per pianta (g) 2,8 ± 0,1 14,5 2,5 ± 0,1 14,6 2,6 n.s. Spighe per pianta (n) 1,2 ± 0,1 16,3 1,1 ± 0,1 14,3 1,2 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 51,6 ± 0,6 7,6 43,7 ± 0,6 8,2 47,7 ** Peso ettolitrico (kg/hl) 83,3 ± 0,4 3,0 83,8 ± 0,3 2,3 83,5 n.s. Produzione (t/ha) 5,4 ± 0,1 12,5 4,4 ± 0,1 20,3 4,9 ** 1: **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (30/11/2006) Tab. 5: Principali statistiche descrittive stimate per 7 caratteri bioagronomici rilevati su 14 genotipi di frumento duro allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) adottando cece o pisello come essenze da sovescio CARATTERE Sovescio con cece Media ± e.s. Sovescio con pisello CV (%) Media ± e.s. CV (%) MEDIA 1 Epoca di spigatura (gg) 2 134,2 ± 0,9 4,1 133,2 ± 1,1 5,4 133,7 n.s. Altezza pianta (cm) 96,3 ± 0,7 4,5 98,4 ± 2,1 13,8 97,2 n.s. Produzione per pianta (g) 2,5 ± 0,1 14,6 2,7 ± 0,1 14,0 2,6 n.s. Spighe per pianta (n) 1,2 ± 0,1 16,7 1,1 ± 0,1 12,4 1,2 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 47,0 ± 0,5 6,9 48,4 ± 0,6 7,5 47,7 * Peso ettolitrico (kg/hl) 83,2 ± 0,3 2,6 83,9 ± 0,3 2,6 83,5 n.s. Produzione (t/ha) 4,7 ± 0,1 13,3 5,1 ± 0,1 12,9 4,9 ** 1: **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (30/11/2006) 32

78 Tab. 6: Principali statistiche descrittive stimate su 7 caratteri bio-agronomici registrati su 14 genotipi di frumento duro allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche e ricorrendo al sovescio con cece o con pisello (interazione PxS ) Pratica colturale convenzionale CARATTERE Sovescio con cece Sovescio con pisello Media ± e.s. CV (%) Media ± e.s. CV (%) Media Totale 1 Epoca di spigatura (gg) 2 135,3 ± 1,7 4,8 134,4 ± 2,0 5,7 134,9 n.s. Altezza pianta (cm) 98,2 ± 1,0 3,9 97,7 ± 4,2 15,5 98,0 n.s. Produzione per pianta (g) 2,7 ± 0,1 13,8 2,8 ± 0,1 12,3 2,8 n.s. Spighe per pianta (n) 1,3 ± 1,0 13,4 1,1 ± 0,1 9,3 1,2 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 51,0 ± 1,0 7,6 52,3 ± 1,0 7,5 51,6 n.s. Peso ettolitrico (kg/hl) 83,1 ± 0,7 3,1 83,6 ± 0,7 3,1 83,3 n.s. Produzione (t/ha) 5,5 ± 0,2 10,4 5,4 ± 0,2 13,2 5,4 n.s. Pratica colturale biologica CARATTERE Sovescio con cece Sovescio con pisello Media ± e.s. CV (%) Media ± e.s. CV (%) Media Totale 1 Epoca di spigatura (gg) 2 133,0 ± 1,3 3,8 131,9 ± 1,8 5,2 132,5 * Altezza pianta (cm) 94,4 ± 1,1 4,2 98,5 ± 1,2 4,7 96,5 * Produzione per pianta (g) 2,3 ± 0,1 12,0 2,7 ± 0,1 15,5 2,5 n.s. Spighe per pianta (n) 1,1 ± 0,1 12,0 1,1 ± 0,1 7,5 1,1 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 42,9 ± 0,8 7,3 44,5 ± 1,0 8,7 43,7 * Peso ettolitrico (kg/hl) 83,3 ± 0,5 2,3 84,2 ± 0,5 2,3 83,8 * Produzione (t/ha) 3,9 ± 0,2 19,0 4,8 ± 0,2 14,5 4,4 ** 1: **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (30/11/2006) 33

79 Tab. 7: Valori medi di 3 caratteri bio-agronomici registrati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) in 14 genotipi di frumento duro allevati secondo pratiche colturali convenzionali e biologiche (interazione PxG ) Pratica colturale convenzionale Peso dei 1000 Peso Genotipo semi Genotipo ettolitrico Genotipo (g) (kg/hl) Simeto 57,0 a Svevo 87,6 a Iride 6,96 a MG 11/62 56,2 a Duilio 86,8 a b Svevo 6,37 b MG 10/19 55,6 a Ciccio 86,6 a b Duilio 5,81 c LR AZ ,0 a Iride 86,2 b Ciccio 5,61 c d MG 11/45 54,4 a Simeto 84,0 c MG 10/19 5,43 c d e Duilio 54,1 a MG 12/3 83,6 c d LR AZ 2-6P 5,36 c d e f MG 12/3 53,0 a b MG 10/19 82,5 d e LR AZ ,33 c d e f Ciccio 50,1 b c LR AZ ,2 e Simeto 5,25 c d e f LR AZ ,0 c d LR AZ ,1 e LR AZ 2-8 5,23 c d e f Svevo 48,6 c d LR AZ ,1 e MG 11/45 5,20 d e f LR AZ ,5 c d MG 11/45 82,0 e LR AZ ,07 d e f LR AZ 2-6P 48,3 c d LR AZ 2-6P 80,4 f LR AZ ,83 e f LR AZ ,4 c d LR AZ ,3 f MG 11/62 4,79 f Iride 45,6 d MG 11/62 80,3 f MG 12/3 4,75 f Pratica colturale biologica Peso dei 1000 Peso Genotipo semi Genotipo ettolitrico Genotipo (g) (kg/hl) Produzione (t/ha) Produzione (t/ha) Duilio 50,3 a Svevo 87,4 a LR AZ 2-6P 6,09 a Svevo 47,3 a b Ciccio 86,7 a b Ciccio 5,12 a b Simeto 47,2 a b Duilio 85,8 b c Iride 4,80 b c MG 12/3 46,4 b c Iride 85,4 c d MG 11/45 4,66 b c MG 11/45 44,4 b c d Simeto 84,6 d LR AZ 2-8 4,63 b c MG 10/19 44,1 b c d e MG 12/3 83,5 e LR AZ ,52 b c LR AZ ,1 b c d e LR AZ 2-6P 83,2 e f MG 11/62 4,31 b c d MG 11/62 43,4 c d e MG 10/19 83,0 e f Simeto 4,29 b c d Ciccio 42,5 d e LR AZ ,7 e f MG 10/19 4,26 b c d LR AZ ,8 d e MG 11/45 82,6 e f LR AZ ,05 b c d LR AZ ,5 d e MG 11/62 82,4 f MG 12/3 3,93 c d Iride 40,9 e LR AZ ,3 f Duilio 3,92 c d LR AZ ,8 e LR AZ ,3 f LR AZ ,65 c d LR AZ 2-6P 37,1 f LR AZ ,9 g Svevo 3,18 d Medie seguite dalla stesse lettere non sono differenti statisticamente allo 0,05P (Duncan's Test) 34

80 Tab. 8: Risultati dell ANOVA condotta su 11 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso le Aziende Sperimentali delle Università degli Studi di Bari e Lecce, adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche CARATTERE Località (E) Pratica colturale (T) FONTE DI VARIAZIONE 1 Genotipo (G) E x T E x G T x G E x T x G G.L Altezza 1 nodo fruttifero (cm) ** n.s. *** * *** n.s. n.s. Branche per pianta (n) * n.s. n.s. * * n.s. * Baccelli per pianta (n) * n.s. *** * *** n.s. n.s. Baccelli per branca (n) n.s. n.s. *** n.s. *** n.s. n.s. Semi per pianta (n) * n.s. *** * *** n.s. n.s. Semi per baccello (n) * n.s. *** * *** n.s. n.s. Peso dei 1000 semi (g) n.s. * *** n.s. *** n.s. n.s. Produzione granella per pianta(g) * n.s. *** * *** n.s. n.s. Produzione biomassa per pianta (g) * n.s. *** n.s. *** n.s. n.s. Produzione granella (t/ha) * n.s. *** ** *** n.s. * Produzione biomassa (t/ha) * n.s. *** * *** n.s. n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazioni statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative Tab. 9: Principali statistiche descrittive rilevate su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso le Aziende Sperimentali di Valenzano (BA) e Lecce CARATTERE Valenzano Media ± e.s. C.V. (%) Lecce Media ± e.s. C.V. (%) Media totale 1 Altezza 1 nodo fruttifero (cm) 24,9 ± 0,6 24,6 15,7 ± 0,3 15,4 20,3 ** Branche per pianta (n) 4,9 ± 0,1 21,4 2,6 ± 0,1 25,0 3,7 * Baccelli per pianta (n) 45,4 ± 2,0 41,1 15,4 ± 0,6 38,1 30,4 * Baccelli per branca (n) 9,4 ± 0,4 40,1 6,6 ± 0,3 38,2 8,0 n.s. Semi per pianta (n) 46,8 ± 2,2 44,4 15,1 ± 0,7 45,8 31,0 * Semi per baccello (n) 1,0 ± 0,0 9,6 1,0 ± 0,0 16,5 1,0 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 293,4 ± 10,2 32,8 260,1 ± 8,6 31,5 276,7 n.s. Produzione granella per pianta(g) 13,2 ± 0,6 45,7 3,6 ± 0,2 44,9 8,4 * Produzione biomassa per pianta (g) 36,4 ± 1,4 35,5 6,0 ± 0,3 45,8 21,2 ** Produzione granella (t/ha) 2,1 ± 0,1 30,7 1,2 ± 0,0 35,5 1,6 * Produzione biomassa (t/ha) 6,0 ± 0,2 27,7 1,9 ± 0,1 37,8 4,0 ** 1: **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazioni statisticamente significative allo 0.01P, 0.05P o non significative 35

81 Tab. 10: Principali statistiche descrittive rilevate su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso le Aziende Sperimentali di Valenzano (BA) e Lecce adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche CARATTERE Pratica colturale convenzionale Pratica colturale biologica Media ± e.s. C.V. (%) Media ± e.s. Altezza 1 nodo fruttifero (cm) 20,3 ± 1,1 30,5 20,1 ± 1,2 32,5 20,2 n.s. Branche per pianta (n) 3,7 ± 0,2 26,0 3,8 ± 0,3 40,6 3,7 n.s. Baccelli per pianta (n) 29,4 ± 3,3 61,9 31,4 ± 3,6 63,1 30,4 n.s. Baccelli per branca (n) 8,0 ± 0,7 45,5 7,9 ± 0,5 32,5 7,9 n.s. Semi per pianta (n) 30,0 ± 3,5 64,3 32,1 ± 4,0 68,0 31,1 n.s. Semi per baccello (n) 1,0 ± 0,0 11,4 1,0 ± 0,0 11,7 1,0 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 259,2 ± 14,1 29,8 283,9 ± 17,3 33,4 271,5 * Produzione granella per pianta(g) 7,8 ± 1,0 68,7 9,0 ± 1,2 74,3 8,4 n.s. Produzione biomassa per pianta (g) 21,5 ± 3,2 80,2 20,7 ± 3,1 82,0 21,1 n.s. Produzione granella (t/ha) 1,5 ± 0,1 26,3 1,7 ± 0,1 43,3 1,6 n.s. Produzione biomassa (t/ha) 3,9 ± 0,4 53,0 4,0 ± 0,5 62,3 3,9 n.s. 1: *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazioni statisticamente significative allo 0.05P o non significative C.V. (%) Media totale 1 36

82 Tab. 11: Valori medi di 3 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso le Aziende Sperimentali delle Università degli Studi di Bari e Lecce con pratiche colturali convenzionali e biologiche (interazione ExG ) Valenzano Lecce Genotipo Altezza 1 nodo fruttifero (cm) Produzione granella (t/ha) Produzione biomassa (t/ha) Altezza 1 nodo fruttifero (cm) Produzione granella (t/ha) Produzione biomassa (t/ha) Locale barese 16,8 1,6 3,8 15,7 1,1 1,7 Califfo 32,2 2,2 7,0 15,0 1,3 2,3 Sultano 21,3 2,4 6,1 13,2 1,0 1,6 Linea ,7 2,5 5,9 15,8 1,2 1,9 Linea ,4 1,9 7,2 21,2 1,0 1,8 Linea ,1 2,5 6,4 14,5 1,1 1,8 Linea ,9 2,2 6,5 15,0 1,1 1,9 Linea ,5 2,3 5,5 16,0 0,9 1,5 ICARDA ,1 1,8 5,2 15,4 1,5 2,4 ICARDA ,9 2,0 6,3 18,0 1,4 2,3 ICARDA ,3 1,9 5,0 14,5 1,3 2,1 ICARDA ,8 2,0 5,8 13,4 1,1 1,8 RIG. AL 6/003 34,5 1,9 6,8 17,3 1,1 1,9 RIG. AL 6/004 21,1 2,2 5,9 14,9 0,8 1,3 RIG. IT 6/005 28,8 1,9 7,2 15,8 1,3 2,3 Media 24,9 2,1 6,0 15,7 1,2 1,9 37

83 Tab. 12: Analisi della varianza condotta su 12 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l'azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando due epoche di semina (invernale e primaverile) e pratiche colturali convenzionali e biologiche FONTE DI VARIAZIONE 1 CARATTERE Epoca di semina (S) Tecnica colturale (T) Genotipo (G) S x T S x G T x G S x T x G GL Epoca di fioritura (gg) 2 *** n.s. *** n.s. n.s. * n.s. Altezza 1 nodo fruttifero (cm) *** n.s. *** n.s. * n.s. n.s. Branche per pianta (n) * n.s. *** n.s. n.s. n.s. n.s. Baccelli per pianta (n) * n.s. *** n.s. *** ** n.s. Baccelli per branca (n) n.s. n.s. *** n.s. *** *** * Semi per pianta (n) n.s. n.s. *** n.s. ** * n.s. Semi per baccello (n) n.s. n.s. *** n.s. n.s. n.s. n.s. Peso dei 1000 semi (g) ** n.s. *** n.s. *** n.s. * Produzione granella per pianta(g) * n.s. *** n.s. *** ** * Produzione biomassa per pianta (g) ** n.s. *** n.s. *** n.s. n.s. Produzione granella (t/ha) ** n.s. *** n.s. *** n.s. n.s. Produzione biomassa (t/ha) n.s. * *** n.s. n.s. n.s. n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazioni statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (15/01/2007 e 12/04/2007) 38

84 Tab. 13: Principali statistiche descrittive stimate su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) adottando due epoche di semina (invernale e primaverile) CARATTERE Semina invernale Media ± e.s. CV (%) Semina primaverile Media ± e.s. CV (%) Media totale 1 Epoca di fioritura (gg) 2 96,3 0,6 3,2 56,3 ± 0,6 5,4 76,3 *** Altezza 1 nodo fruttifero (cm) 38,1 ± 1,0 14,2 30,7 ± 0,9 15,4 34,4 * Branche per pianta (n) 3,8 ± 0,1 9,7 4,8 ± 0,1 13,6 4,3 * Baccelli per pianta (n) 19,6 ± 0,8 22,7 31,1 ± 1,9 32,7 25,3 * Baccelli per branca (n) 5,5 ± 0,3 31,7 6,6 ± 0,4 31,6 6,0 n.s. Semi per pianta (n) 19,5 ± 0,8 21,7 29,9 ± 1,8 33,4 24,7 * Semi per baccello (n) 1,0 ± 0,1 6,2 1,0 ± 0,1 8,8 1,0 n.s. Peso dei 1000 semi (g) 304,0 ± 14,0 25,1 212,6 ± 14,8 38,1 258,3 ** Produzione granella per pianta(g) 5,7 ± 0,2 21,8 1,2 ± 0,1 27,8 3,4 ** Produzione biomassa per pianta (g) 14,2 ± 0,6 21,9 4,0 ± 0,1 17,3 9,1 ** Produzione granella (t/ha) 1,7 ± 0,1 12,5 1,2 ± 0,1 24,8 1,5 * Produzione biomassa (t/ha) 4,9 ± 0,1 10,0 4,6 ± 0,1 10,8 4,7 n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazioni statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di semina (15/01/2007 e 12/04/2007) 39

85 Tab. 14: Valori medi di 4 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) con semina invernale, adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche (interazione SxG ) Genotipo Genotipo (g) Locale barese 513,2 a Locale barese 8,6 a RIG. IT 6/ ,1 b ICARDA ,7 b Linea ,9 b Sultano 6,2 b c ICARDA ,3 b RIG. IT 6/005 6,1 b c ICARDA ,4 c Linea 131 6,0 b c d ICARDA ,0 c d ICARDA ,9 b c d ICARDA ,8 c d Linea 359 5,6 b c d Califfo 289,1 c d ICARDA ,6 b c d Linea ,0 c d Linea 464 5,3 c d e Linea ,9 d e RIG. AL 6/003 5,1 c d e Linea ,8 e f ICARDA ,1 c d e Linea ,4 e f Linea 254 5,0 c d e RIG. AL 6/ ,7 e f Linea 392 4,7 d e Sultano 231,6 f Califfo 4,7 d e RIG. AL 6/ ,4 g RIG. AL 6/004 4,3 e Genotipo Peso dei 1000 semi (g) Produzione biomassa per pianta Genotipo Produzione granella per pianta Produzione granella (t/ha) (g) Locale barese 20,4 a Sultano 2,1 a ICARDA ,9 a b Linea 464 2,1 a ICARDA ,8 b c Linea 131 2,0 a RIG. IT 6/005 16,0 b c d RIG. AL 6/004 1,8 b Califfo 15,7 b c d ICARDA ,7 b c ICARDA ,6 c d e Linea 359 1,7 b c Linea ,8 c d e f RIG. IT 6/005 1,7 b c d Linea ,4 c d e f Locale barese 1,7 b c d e Linea ,4 c d e f ICARDA ,6 b c d e ICARDA ,3 c d e f Linea 254 1,6 b c d e RIG. AL 6/003 13,0 d e f Linea 392 1,6 b c d e Sultano 12,6 d e f ICARDA ,6 c d e Linea ,8 e f Califfo 1,5 d e f Linea ,5 f RIG. AL 6/003 1,5 e f RIG. AL 6/004 10,4 f ICARDA ,4 f Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono statisticamente allo 0.05P (Duncan's Test) 40

86 Tab. 15: Valori medi di 4 caratteri bio-agronomici rilevati su 15 genotipi di Cicer arietinum L. allevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) con semina primaverile, adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche (interazione SxG ) Genotipo Genotipo (g) Locale barese 470,8 a Locale barese 1,6 a ICARDA ,2 b Sultano 1,5 a ICARDA ,5 b Linea 359 1,5 a b Sultano 223,9 b c Linea 464 1,5 a b RIG. IT 6/ ,1 b c ICARDA ,4 a b c Linea ,7 b c Linea 131 1,3 a b c d Linea ,3 b c RIG. AL 6/004 1,3 a b c d Linea ,5 b c ICARDA ,2 a b c d Linea ,1 b c ICARDA ,2 a b c d e Califfo 199,3 b c d ICARDA ,0 a b c d e ICARDA ,7 c d RIG. IT 6/005 1,0 c d e f ICARDA ,6 d e Califfo 0,9 c d e f Linea ,1 e f RIG. AL 6/003 0,8 d e f RIG. AL 6/ ,0 e f Linea 254 0,7 e f RIG. AL 6/ ,0 f Linea 392 0,7 f Genotipo Peso dei 1000 semi (g) Produzione biomassa per pianta Genotipo Produzione granella per pianta Produzione granella (t/ha) (g) ICARDA ,6 a Sultano 1,7 a ICARDA ,6 a Linea 131 1,5 b RIG. AL 6/003 4,5 a Linea 359 1,5 b c Califfo 4,4 a Linea 464 1,5 b c Linea 464 4,3 a RIG. AL 6/004 1,3 b c d RIG. IT 6/005 4,1 a ICARDA ,3 c d e ICARDA ,1 a Locale barese 1,3 c d e Linea 359 4,0 a ICARDA ,3 c d e Sultano 3,9 a ICARDA ,2 d e Locale barese 3,9 a RIG. IT 6/005 1,1 e RIG. AL 6/004 3,8 a ICARDA ,1 e Linea 392 3,5 a Califfo 1,1 e Linea 131 3,5 a RIG. AL 6/003 0,8 f ICARDA ,4 a Linea 392 0,8 f Linea 254 3,3 a Linea 254 0,7 f Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono statisticamente allo 0.05P (Duncan's Test) 41

87 Tab. 16: Risultati dell ANOVA condotta su 13 caratteri bioagronomici rilevati su 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus allevate nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali CARATTERE FONTE DI VARIAZIONE 1 Anno Genotipo (A) (G) A x G G.L Epoca di prima raccolta (gg) 2 n.s. ** * Epoca media di raccolta (gg) 2 n.s. *** ** Frutti per pianta (n) * * n.s. Peso medio frutto (kg) n.s. * n.s. Peso 1 frutto (kg) n.s. * n.s. Produzione (t/ha) n.s. n.s n.s. Spessore corteccia (mm) n.s. *** ** Spessore polpa (mm) n.s. *** n.s. Lunghezza frutto (cm) n.s. *** * Larghezza frutto (cm) n.s. * * Consistenza corteccia (kg) n.s. *** n.s. Consistenza polpa (kg) n.s. *** n.s. Contenuto in solidi solubili ( Brix) n.s. *** ** 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalle date di trapianto (15/06/2006 e 09/05/2007) 42

88 Tab. 17: Principali statistiche descrittive stimate su 13 caratteri bio-agronomici rilevati su 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus allevate nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali CARATTERE Min Max Media ± e.s. CV (%) Epoca di prima raccolta (gg) 1 60,0 77,0 68,5 ± 1,1 7,3 Epoca media di raccolta (gg) 1 73,0 87,5 79,5 ± 0,8 4,8 Frutti per pianta (n) 3,2 6,2 4,4 ± 0,2 19,9 Peso medio frutto (kg) 1,5 2,9 2,1 ± 0,1 16,9 Peso 1 frutto (kg) 2,0 3,7 2,6 ± 0,1 17,6 Produzione (t/ha) 26,4 63,8 41,5 ± 2,0 21,5 Spessore corteccia (mm) 4,4 9,9 7,3 ± 0,4 21,7 Spessore polpa (mm) 32,7 46,2 39,1 ± 0,9 10,2 Lunghezza frutto (cm) 15,5 28,8 21,3 ± 0,9 19,0 Larghezza frutto (cm) 14,4 17,7 16,2 ± 0,2 6,1 Consistenza corteccia (kg) 2,4 7,2 5,3 ± 0,3 24,8 Consistenza polpa (kg) 0,9 4,2 2,4 ± 0,2 39,6 Contenuto in solidi solubili ( Brix) 7,7 13,9 11,2 ± 0,4 16,5 1: a partire dalle date di trapianto (15/06/2006 e 09/05/2007) 43

89 Tab. 18: Valori medi relativi a 3 caratteri bio-agronomici rilevati nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) sulle 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus, adottando pratiche colturali convenzionali (interazione AxG ) Epoca media di raccolta (gg) Contenuto in solidi solubili ( Brix) Produzione 1 Genotipo Genotipo Genotipo Genotipo Genotipo (t/ha) Media 2006/2007 IT-18/083 87,5 IT-18/105 81,1 IT-18/059 13,9 IT-18/083 13,4 IT-18/049 55,5 IT-18/059 87,5 IT-18/049 80,7 IT-18/030 13,6 IT-18/012 12,6 IT-18/030 50,3 IT-18/030 85,5 IT-18/059 80,0 IT-18/083 13,0 IT-18/071 11,8 IT-18/073 45,0 IT-18/071 80,1 IT-18/071 79,8 IT-18/026 12,6 IT-18/030 11,8 IT-18/012 42,9 IT-18/069 79,9 IT-18/012 79,7 IT-18/069 12,1 IT-18/059 11,5 IT-18/071 41,5 IT-18/073 79,4 IT-18/069 77,8 IT-18/071 11,8 IT-18/105 10,7 IT-18/059 39,1 IT-18/105 79,1 IT-18/030 77,1 IT-18/012 11,2 IT-18/026 10,3 IT-18/026 38,1 IT-18/012 77,7 IT-18/083 77,1 IT-18/105 11,1 IT-18/049 9,9 IT-18/083 37,9 IT-18/049 77,3 IT-18/073 77,0 IT-18/073 8,0 IT-18/069 9,9 IT-18/069 34,8 IT-18/026 73,7 IT-18/026 73,0 IT-18/049 7,9 IT-18/073 7,7 IT-18/105 30,2 1: AxG =fonte di variazione non significativa 44

90 Tab. 19: Rislutati dell ANOVA condotta su 13 caratteri bio-agronomici rilevati su 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus allevate nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche FONTE DI VARIAZIONE 1 CARATTERE TRATTAMENTO (T) GENOTIPO (G) T x G G.L Epoca di prima raccolta (gg) 2 n.s *** n.s. Epoca media di raccolta (gg) 2 n.s. *** * Frutti per pianta (n) * ** n.s. Peso medio frutto (kg) n.s. * n.s. Peso 1 frutto (kg) n.s. * n.s. Produzione (t/ha) n.s. * n.s. Spessore corteccia (mm) ** *** n.s. Spessore polpa (mm) * *** n.s. Lunghezza frutto (cm) n.s. n.s n.s. Larghezza frutto (cm) ns. * n.s. Consistenza corteccia (kg) ** *** n.s. Consistenza polpa (kg) ns. *** * Contenuto in solidi solubili ( Brix) * *** n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di trapianto (09/05/2007) 45

91 Tab. 20: Principali statistiche descrittive stimate su 13 caratteri bio-agronomici rilevati su 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus allevate nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche CARATTERE Pratica colturale convenzionale Pratica colturale biologica Media ± e.s. CV (%) Media ± e.s. CV (%) Media totale 1 Epoca di prima raccolta (gg) 2 70,8 ± 1,0 4,5 72,2 ± 1,4 6,2 71,5 n.s Epoca media di raccolta (gg) 2 78,3 ± 0,8 3,1 79,5 ± 1,1 4,4 78,9 n.s. Frutti per pianta (n) 4,7 ± 0,3 17,2 4,3 ± 0,4 30,8 4,5 n.s. Peso medio frutto (kg) 2,1 ± 0,1 14,7 2,1 ± 0,1 18,8 2,1 n.s. Peso 1 frutto (kg) 2,7 ± 0,1 13,4 2,8 ± 0,1 16,8 2,7 n.s. Produzione (t/ha) 44,7 ± 3,2 22,6 43,8 ± 4,8 35,0 44,3 n.s. Spessore corteccia (mm) 7,0 ± 0,4 19,3 6,3 ± 0,4 18,5 6,7 ** Spessore polpa (mm) 39,0 ± 1,1 8,8 39,7 ± 1,5 12,2 39,3 n.s. Lunghezza frutto (cm) 21,8 ± 1,3 19,0 24,9 ± 3,3 42,1 23,3 * Larghezza frutto (cm) 16,4 ± 0,3 6,1 16,2 ± 0,3 5,8 16,3 ns. Consistenza corteccia (kg) 4,7 ± 0,4 29,6 5,0 ± 0,3 20,8 4,9 n.s. Consistenza polpa (kg) 1,8 ± 0,2 35,8 1,8 ± 0,2 31,1 1,8 ns. Contenuto in solidi solubili ( Brix) 11,0 ± 0,5 14,8 10,8 ± 0,4 10,8 10,9 * 1: **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di trapianto (09/05/2007) 46

92 Tab. 21: Valori medi di 10 linee inbred di Cucumis melo L. var. inodorus relativi a 4 caratteri bio-agronomici registrati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche Genotipo Genotipo IT-18/059 2,44 a IT-18/049 68,9 a IT-18/012 2,37 a IT-18/073 59,2 a b IT-18/105 2,33 a IT-18/030 48,5 b c IT-18/071 2,33 a IT-18/012 42,8 b c IT-18/049 2,31 a IT-18/071 42,5 b c IT-18/073 2,29 a IT-18/083 37,0 c IT-18/030 1,91 a b IT-18/059 36,9 c IT-18/083 1,91 a b IT-18/026 36,8 c IT-18/069 1,87 a b IT-18/069 36,0 c IT-18/026 1,43 b IT-18/105 34,0 c Genotipo Peso medio frutto (kg) Consistenza corteccia (kg) Genotipo Produzione (t/ha) Contenuto in solidi solubili ( Brix) IT-18/071 6,27 a IT-18/083 12,7 a IT-18/030 6,09 b a IT-18/012 12,0 a b IT-18/049 5,76 b a IT-18/030 11,7 a b IT-18/012 5,30 a b c IT-18/059 11,4 a b c IT-18/059 4,87 b c d IT-18/071 11,2 b c IT-18/073 4,84 b c d IT-18/105 11,1 b c IT-18/083 4,80 b c d IT-18/026 10,8 b c d IT-18/105 4,23 c d IT-18/069 10,2 c d IT-18/069 3,88 d IT-18/049 9,6 d IT-18/026 2,52 e IT-18/073 8,0 e Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono significativamente allo 0.05P (Duncan's Test) 47

93 Tab. 22: Valori medi registrati nelle annate agrarie 2005/2006 e 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) su 4 linee inbred di carosello e barattiere, adottando pratiche colturali convenzionali Epoca di prima Epoca media Frutti per Genotipo raccolta Genotipo di raccolta Genotipo pianta (gg) (gg) (n) IT-1/036 50,0 a IT-1/036 67,8 a IT-1/009 41,2 a IT-1/029 49,0 a IT-1/029 67,7 a IT-1/001 39,1 a IT-1/001 41,0 b IT-1/009 64,6 b IT-1/036 24,1 b IT-1/009 41,0 b IT-1/001 64,0 b IT-1/029 23,7 b Genotipo Peso medio Peso 1 frutto frutto Genotipo Genotipo (g) (g) IT-1/ ,0 a IT-1/ ,0 a IT-1/009 57,4 a IT-1/ ,2 a b IT-1/ ,7 a IT-1/001 54,1 a IT-1/ ,9 b c IT-1/ ,5 a IT-1/029 44,5 b IT-1/ ,6 c IT-1/ ,0 a IT-1/036 44,3 b Produzione (t/ha) Medie seguite da lettere comuni non differiscono significativamente allo 0.05P (Duncan's Test) Tab. 23: Valori medi registrati nella annata agraria 2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) su 4 linee inbred di carosello e barattiere, adottando pratiche colturali convenzionali e biologiche Epoca di prima Epoca media Genotipo raccolta Genotipo di raccolta Genotipo (gg) (gg) Frutti per pianta (n) IT-1/036 49,0 a IT-1/036 67,2 a IT-1/001 59,6 a IT-1/029 45,0 b IT-1/029 66,2 b IT-1/009 45,4 a IT-1/009 44,5 b IT-1/009 65,6 b IT-1/029 35,7 b IT-1/001 41,0 c IT-1/001 64,5 c IT-1/036 27,1 b Peso medio Peso 1 frutto Genotipo frutto Genotipo Genotipo (g) (g) Produzione (t/ha) IT-1/ ,9 a IT-1/ ,1 a IT-1/001 79,2 a IT-1/ ,1 a IT-1/ ,8 a IT-1/029 65,6 b IT-1/ ,5 b IT-1/ ,9 b IT-1/009 62,3 b IT-1/ ,5 b IT-1/ ,4 b IT-1/036 48,2 c Medie seguite da lettere comuni non differiscono significativamente allo 0.05P (Duncan's Test) 48

94 Tab. 24: Principali statistiche descrittive relative a 12 caratteri bioagronomici rilevati su 42 ecotipi di pomodoro allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali convenzionali CARATTERE Min Max Media ± e.s. CV (%) Epoca di fioritura (gg) 1 22,0 38,0 32,0 ± 0,6 12,8 Epoca media di raccolta (gg) 1 75,7 100,0 93,4 ± 0,8 5,3 Frutti 1 palco (n) 2,3 32,2 7,4 ± 0,8 71,3 Frutti 2 palco (n) 1,7 21,2 7,4 ± 0,6 56,3 Frutti 3 palco (n) 1,7 19,7 6,4 ± 0,6 55,5 Peso 1 frutto (g) 18,4 256,0 110,8 ± 12,0 70,2 Peso medio frutto (g) 10,9 278,6 75,1 ± 9,7 83,8 Peso 1 palco (g) 64,0 1642,0 498,5 ± 71,6 93,0 Peso 2 palco (g) 75,0 1230,0 427,7 ± 47,4 71,8 Peso 3 palco (g) 25,0 942,0 424,0 ± 43,1 63,5 Produzione per pianta (kg) 2 0,164 3,449 1,3 ± 0,2 74,6 Contenuto in solidi solubili ( Brix) 3,0 7,5 4,8 ± 0,1 16,1 1: a partire dalla data di trapianto (17/05/2006) 2: ottenuta considerando solo 3 palchi fruttiferi per pianta Tab. 25: Eigenvalue, percentuale di variazione e variazione cumulata relativi alle prime sei componenti principali stimate su 42 ecotipi di pomodoro allevati nell'annata agraria 2005/2006 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) PC1 PC2 PC3 PC4 PC5 PC6 Eigenvalue Percentuale di variazione Variazione cumulata

95 Tab. 26: Ecotipi di pomodoro differenziati per valori medi contrastanti relativi a 6 principali caratteri bio-agronomici rilevati nell'annata agraria 2005/2006 adottando pratiche colturali convenzionali 1 Genotipo Epoca media di raccolta (gg) Genotipo Frutti per palco (n) IT-22/ ,0 a AL-22/084 23,1 a AL-22/031 98,8 ab AL-22/070 15,1 b AL-22/062 97,7 b IT-22/004 12,6 bc IT-22/023 88,5 l AL-22/035 2,9 h IT-22/ ,0 m AL-22/049 2,6 hi IT-22/ ,7 n AL-22/047 2,3 l Genotipo Peso medio palco (g) Genotipo Peso medio frutti (g) AL-22/ ,7 a AL-22/ ,6 a AL-22/ ,0 ab AL-22/ ,4 b AL-22/ ,0 bc AL-22/ ,7 c IT-22/ ,9 pq IT-22/004 18,3 l IT-22/ ,0 q IT-22/025 14,7 lm IT-22/ ,7 r IT-22/001 12,4 m Genotipo Produzione per pianta 2 (kg) Genotipo Contenuto in solidi solubili ( Brix) AL-22/065 3,449 a AL-22/080 7,5 a AL-22/077 3,340 bc AL-22/031 6,0 b AL-22/070 3,276 c AL-22/046 6,0 b IT-22/ ,616 m IT-22/ ,8 f IT-22/ ,450 n IT-22/003 5,5 fg IT-22/025 0,164 o IT-22/001 5,0 g 1: Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono significativamente allo 0.05 P (Duncan's Test) 2: ottenuta considerando solo 3 palchi fruttiferi per pianta 50

96 Tab. 27: Risultati dell ANOVA condotta su 8 caratteri bioagronomici rilevati su 42 ecotipi di pomodoro allevati in serra nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali biologiche CARATTERE FONTE DI VARIAZIONE 1 GENOTIPO BLOCCO G.L Epoca di fioritura (gg) 2 *** *** Epoca media di raccolta (gg) 2 * n.s. Frutti per pianta (n) *** n.s. Peso medio frutto (g) *** n.s. Peso 1 frutto (g) *** n.s. Produzione per pianta (kg) ** n.s. Contenuto in solidi solubili ( Brix) n.s. n.s. 1: ***, **, *, n.s.: indicano rispettivamente fonti di variazione statisticamente significative allo 0.001P, 0.01P, 0.05P o non significative 2: a partire dalla data di trapianto (23/04/2007) Tab. 28: Principali statistiche descrittive registrate nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) su 8 caratteri bio-agronomici rilevati in 42 ecotipi di pomodoro, allevati in serra con pratiche colturali biologiche CARATTERE Min Max Media ± e.s. CV (%) Epoca di fioritura (gg) 1 32,0 50,0 42,9 ± 0,5 9,8 Epoca media di raccolta (gg) 1 92,5 119,3 101,1 ± 0,7 6,1 Frutti per pianta (n) 8,5 701,3 108,2 ± 15,0 126,8 Peso medio frutto (g) 11,7 278,9 82,8 ± 6,7 73,7 Peso 1 frutto (g) 20,0 482,5 162,3 ± 12,6 71,4 Produzione per pianta (kg) 0,8 13,0 4,0 ± 0,3 63,3 Contenuto in solidi solubili ( Brix) 4,3 8,0 6,1 ± 0,1 11,2 1: a partire dalla data di trapianto (23/04/2007) 51

97 Tab. 29: Ecotipi di pomodoro differenziati per valori medi contrastanti relativi a 4 caratteri bio-agronomici rilevati nell'annata agraria 2006/2007 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA), adottando pratiche colturali biologiche 1 Genotipo Epoca di fioritura (gg) Genotipo Frutti per pianta (n) AL-22/049 49,0 a IT-22/ ,5 a AL-22/080 47,0 b IT-22/ ,3 a b AL-22/082 47,0 b IT-22/ ,5 a b AL-22/066 47,0 b IT-22/ ,0 b AL-22/085 47,0 b IT-22/ ,5 c IT-22/ ,0 h AL-22/071 15,7 g IT-22/ ,0 i AL-22/031 15,7 g IT-22/ ,0 i AL-22/046 14,1 g IT-22/ ,0 i AL-22/049 11,3 g IT-22/ ,0 i AL-22/058 9,0 g Genotipo Peso medio frutto (g) Genotipo Produzione per pianta (kg) AL-22/ ,8 a IT-22/003 9,8 a AL-22/ ,2 b IT-22/006 8,2 a b AL-22/ ,9 b c IT-22/ ,9 a b c AL-22/ ,6 b c d IT-22/ ,7 a b c AL-22/ ,0 b c d e IT-22/004 7,1 a b c d IT-22/003 24,5 n o AL-22/079 1,7 e f IT-22/025 20,5 n o IT-22/001 1,5 f IT-22/001 16,0 o AL-22/058 1,5 f IT-22/002 15,3 o AL-22/036 1,3 f IT-22/024 12,7 o AL-22/062 1,2 f 1: Medie seguite dalle stesse lettere non differiscono significativamente allo 0.05P (Duncan's Test) 52

98 IT-22/001 IT-22/002 IT-22/003 IT-22/007 IT-22/009 IT-22/011 IT-22/010 IT-22/024 IT-22/025 IT-22/030-5 IT-22/030-2 IT-22/030-4 IT-22/023 IT-22/030-3 AL-22/036 AL-22/062 AL-22/079 AL-22/084 IT-22/004 IT-22/006 IT-22/022 IT-22/030-1 AL-22/037 AL-22/077 AL-22/047 AL-22/053 AL-22/049 AL-22/035 AL-22/082 AL-22/031 AL-22/085 AL-22/080 AL-22/045 AL-22/046 AL-22/060 AL-22/065 AL-22/071 AL-22/059 AL-22/063 AL-22/058 AL-22/070 AL-22/ Habitus determinato; 2. Dimensione del frutto piccola; 3. Origine italiana. 1. Habitus indeterminato; 2. Dimensione del frutto grande; 3. Origine albanese Figura 1: Cluster analysis condotta su 42 ecotipi di pomodoro attraverso il rilievo di 70 descrittori morfologici dell IPGRI compiuto nell annata agraria 2005/2006 presso l Azienda Sperimentale Martucci di Valenzano (BA) 53

99 Estrazione di DNA da 42 ecotipi agrari Analisi molecolare con marcatori AFLP e SSR Lettura delle Bande: 1=presenza 0=assenza Creazione di una matrice di similarità genetica Analisi Cluster (SAHN)-(UPGMA algoritmo) Dendrogramma delle similarità genetiche Figura 2: Descrizione sintetica della metodica utilizzata per la individuazione di polimorfismi mediante mancatori AFLP e SSR 54

100 Marker ECOTIPI PUGLIESI ECOTIPI ALBANESI Marker Figura 3: Esempio di profilo elettroforetico ottenuto mediante marcatori SSR su 5 ecotipi pugliesi e 4 albanesi di pomodoro. Si noti la presenza di polimorfismo tra il materiale pugliese e albanese rilevato con un diverso numero di bande amplificate: 3 per gli ecotipi pugliesi e 2 per gli albanesi 55

101 Similarità genetica Figura 4: Dendrogramma di similarità genetica ottenuto utilizzando marcatori SSR su 42 ecotipi di pomodoro. Le frecce indicano ecotipi che, in condizioni di omonimia sono risultati geneticamente diversificati, o in sinonimia sono risultati geneticamente identici 56

102 INSTITUTIONS INVOLVED IN THE SIAB PROJECT ADRIATIC CROSS BORDER INTERREG IIIA AGRICULTURE UNIVERSITY OF TIRANA ALBANIA MINISTRY OF AGRICULTURE ALBANIA ALBANIAN ACADEMY OF SCIENCES, BIOLOGICAL RESEARCH INSTITUTE OF TIRANA ALBANIA AXIS 3 STRENGTHENING OF COOPERATION MEASURE 3.1 QUALIFICATION OF HUMAN RESOURCES, PROFESSIONAL REFRESHING AND INNOVATIVE INITIATIVES FINALISED TO SOCIAL PROMOTION AND THE JOB AND ACTION CROSS-BORDER PROFESSIONAL QUALIFICATION TRAINING MINISTRY OF AGRICULTURE, FORESTRY AND WATER MANAGEMENT BEOGRAD - SERBIA AGROINSTITUTE OF SOMBOR SERBIA UNIVERSITY OF BANJA LUKA FACULTY OF AGRICULTURE BOSNIA & HERZEGOVINA PODRAVKA d.d., AGRICULTURAL DEVELOPMENT CROATIA CROATION AGRICULTURAL EXTENSION INSTITUTE CROATIA BARI UNIVERSITY ITALY LECCE UNIVERSITY ITALY APULIA REGION ITALY MEDITERRANEAN AGRONOMIC INSTITUTE OF BARI ITALY S I A B PROJECT Strengthening of Services to Farms and Institutional Support for the Development of Organic Agriculture U N I V E R S I T I E S o f B A R I A N D L E C C E (Di.B.C.A. and Di.S.Te.B.A.) PILOT PROJECT ON ORGANIC AGRICULTURE Training program UNIVERSITY OF MONTENEGRO FACULTY OF AGRICULTURE MONTENEGRO Scientific organization: Prof. Silvano Marchiori, Di.S.Te.B.A. University of Lecce Prof. Luigi Ricciardi, Di.B.C.A. University of Bari Secretarial Staff: Mr Guglielmo Corallo, Di.S.Te.B.A. tel: Mrs Mimoza Frasheri, Di.S.Te.B.A. tel: Mr Cosimo Ferruccio Marzano, Di.B.C.A. tel: Mr Vito Zonno, Di.B.C.A., tel: Bari and Lecce May, Figura 5: Brochure informativa del training course svoltosi a Bari e Lecce dal 20 al 26 maggio

103 Foto 1: Un momento del kickoff meeting del Progetto SIAB svolto presso lo IAM-B di Valenzano (Bari) il 3/4/2006 Foto 2: Alcuni dei partecipanti al project network meeting di SIAB svolto dal 9 al 10/6/2006 a Tirana (Albania) 58

104 Foto 3: Il saluto delle Autorità montenegrine ai partecipanti al secondo project network meeting di SIAB svolto dal 29 al 30/9/2006 a Becici in Montenegro Foto 4: L inizio dei lavori ed alcuni momenti delle presentazioni tenute dai partner di progetto durante il terzo meeting di SIAB svolto in Serbia (Palic e Sombor: 27-28/2/2007) 59

105 Foto 5: Una presentazione dei risultati in ambito SIAB e un momento conviviale dei partner italiani e stranieri nei giorni di svolgimento del meeting finale del progetto svolto a Beograd Na Moru (Croazia) dal 1 al 3/10/07 60

106 Foto 6: Ingresso dell Azienda Sperimentale Martucci in cui si è stato realizzato il Progetto Pilota nell ambito del Progetto SIAB 61

107 Foto 7: Genotipi di frumento duro allevati in condizioni di ridotti o nulli apporti di fertilizzanti azotati o con concimazione organica (a. a. 2005/2006) 62

108 Foto 8: Pratica colturale del sovescio (in alto) operata nell annata agraria 2005/2006 con cece o con pisello e finalizzata a osservarne gli effetti su 14 genotipi di frumento duro allevati nel 2006/2007 (in basso) 63

109 Foto 9: Alcuni stagisti visitano il campo sperimentale di Valenzano (BA) utilizzato per le prove condotte nel 2006/2007 su 14 genotipi di frumento duro 64

110 Foto 10: Raccolta e rilievo dei caratteri bio-agronomici operato sui 14 genotipi di frumento duro allevati nel 2006/2007 presso l Azienda Martucci (Valenzano, BA) 65

111 Foto 11: Genotipi di Cicer arietinum L. allevati a Valenzano nel 2005/2006 in prove parcellari per la selezione di linee a buona produzione di biomassa (in alto) ed elevata stabilità produttiva (in basso) in condizioni di agricoltura convenzionale e biologica 66

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

LA FILIERA DEL GRANO DURO IN ETIOPIA THE DURUM WHEAT VALUE CHAIN IN ETHIOPIA

LA FILIERA DEL GRANO DURO IN ETIOPIA THE DURUM WHEAT VALUE CHAIN IN ETHIOPIA LA COOPERAZIONE ITALIANA AD EXPO MILANO 2015 ITALIAN COOPERATION IN EXPO MILAN 2015 LA FILIERA DEL GRANO DURO IN ETIOPIA THE DURUM WHEAT VALUE CHAIN IN ETHIOPIA Mercoledì, 8 luglio / 8th July, Wednesday

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS)

EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) EUROPEAN GRADING CONVERTING SYSTEM (EGRACONS) Luciano Saso Deputy Rector for International Mobility Erasmus Institutional Coordinator luciano.saso@uniroma1.it February 2009 The traditional system A, B,

Dettagli

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007)

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) PROJECT DOCUMENT FORMAT EXECUTIVE SUMMARY Project title Sistemi Innovativi e di Ricerca per la Salvaguardia

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione Ammortizzatori sociali in deroga With the 2008 agreement and successive settlements aimed at coping with the crisis, the so-called Income Support

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

innovazione energie rinnovabili risorse ambientali Regione Calabria

innovazione energie rinnovabili risorse ambientali Regione Calabria Polo innovazione sull energie rinnovabili, efficienza energetica e tecnologie per la gestione sostenibile delle risorse ambientali della Regione Calabria Ente Gestore Dove POLI D INNOVAZIONE DELLA REGIONE

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

Europe 2020: Offering New Perspectives and Incentives for Young People

Europe 2020: Offering New Perspectives and Incentives for Young People 1 st Project meeting or Short-term Exchange of groups of pupils (LTT) 2 nd Transnational Meeting in Campobasso- Italy, from 13 to 19 April 2015 Monday, 13 April Guests Arrival: - German delegation at 8.15

Dettagli

Prospettive filosofiche sulla pace

Prospettive filosofiche sulla pace Prospettive filosofiche sulla pace Atti del Colloquio Torino, 15 aprile 2008 a cura di Andrea Poma e Luca Bertolino Trauben Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Torino Trauben

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs. La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors

Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs. La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors Padova, 3 Aprile 2014 The Province of Modena for several years has set policies in the energy field, such

Dettagli

Erasmus+ Partenariati strategici

Erasmus+ Partenariati strategici Erasmus+ Partenariati strategici Questo documento è stato elaborato dall Agenzia nazionale Erasmus+ Indire per aiutare gli utenti nella compilazione dei alcune sezioni dell eform KA2 per partenariati strategici.

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B3. RESEARCHER

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B3. RESEARCHER A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B3. RESEARCHER Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Attività di Research Governance Antonio Addis

Attività di Research Governance Antonio Addis L o g o EVENTO INTERNAZIONALIZZAZIONE TORINO, 08 novembre 2012 Attività di Research Governance Antonio Addis Agenda The Region in a nutshell Internationalization genesis Mapping regional research preparing

Dettagli

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L insegnamento delle lingue straniere in Italia Gisella Langé gisella.lange@istruzione.it Rome, 29 Novembre, 2012 1 Tre punti 1. Il contesto

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie

Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie Milano, 27 maggio 2012 Apre domani il media center per i giornalisti accreditati al VII Incontro mondiale delle famiglie Apre domani, lunedì 28 maggio, dalle ore 12, alla Fieramilanocity (via Gattamelata,

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA Un TEAM di specialisti in progettazione europea assiste le imprese per attivare gli strumenti

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

ACCORDO TRA LA UNIVERSITY OF CALIFORNIA, BERKELEY LA SCUOLA NORMALE SUPERIORE, PISA

ACCORDO TRA LA UNIVERSITY OF CALIFORNIA, BERKELEY LA SCUOLA NORMALE SUPERIORE, PISA ACCORDO TRA LA UNIVERSITY OF CALIFORNIA, BERKELEY E LA SCUOLA NORMALE SUPERIORE, PISA Questo accordo è stipulato dalla UNIVERSITY OF CALIFORNIA, BERKELEY (BERKELEY) e la SCUOLA NORMALE SUPERIORE, PISA

Dettagli

WWW.resiliencelab.eu

WWW.resiliencelab.eu 1 REsilienceLAB is a network of people working on sustainability issues, adaptation, urban and territorial resilience with different looks and approaches The network aims to support the promotion of actions

Dettagli

Regolamento LeAltreNote 2015. Si possono iscrivere ai corsi tutti gli studenti di strumento musicale.

Regolamento LeAltreNote 2015. Si possono iscrivere ai corsi tutti gli studenti di strumento musicale. Regolamento LeAltreNote 2015 Si possono iscrivere ai corsi tutti gli studenti di strumento musicale. 1. SELEZIONE I partecipanti ai corsi di perfezionamento si distinguono in allievi attivi e uditori.

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Creare la massa critica Building critical mass

Creare la massa critica Building critical mass SWIFTNet Funds Workshop Creare la massa critica Building critical mass Hotel Michelangelo Via Scarlatti 33 20124 Milan Italy Giovedí, 30 marzo 2006 Thursday, 30 March 2006 Venite a sentire cosa ne pensano

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

ccademia Casearia INTERNATIONAL ACADEMY OF CHEESE MAKING ART internazionale dell Arte Corsi di tecnologia e pratica casearia

ccademia Casearia INTERNATIONAL ACADEMY OF CHEESE MAKING ART internazionale dell Arte Corsi di tecnologia e pratica casearia ccademia internazionale dell Arte Casearia INTERNATIONAL ACADEMY OF CHEESE MAKING ART Corsi di tecnologia e pratica casearia Courses focused on the technologies and the practical skills related to dairy

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN

RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN RED RESOURCES ENGINEERING DESIGN Per affrontare al meglio le problematiche relative al settore delle costruzioni, abbiamo ritenuto più sicura e affidabile la soluzione di costituire un consorzio stabile

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Dr. Pietro Pistolese Ministero della Salute Autorità Competente REACH R E A C H Registration, Evaluation, Authorisation and restriction

Dettagli

SIL 2016 SPONSORSHIP PROPOSAL XXXIII CONGRESS TORINO 31 JULY 5 AUGUST. Italian version ITALY. International Society of Limnology

SIL 2016 SPONSORSHIP PROPOSAL XXXIII CONGRESS TORINO 31 JULY 5 AUGUST. Italian version ITALY. International Society of Limnology www.sil2016.it SIL 2016 ITALY TORINO 31 JULY 5 AUGUST International Society of Limnology XXXIII CONGRESS SPONSORSHIP PROPOSAL invitation Dear Sponsor, Dear Exhibitor, as Chairs of the upcoming XXXIII Congress

Dettagli

Environment Park Torino

Environment Park Torino Environment Park Hydrogen and FC Technologies Environment Park Torino Environment Park A joint initiative of the Piedmont Region, the Turin District, the City of Turin and the European Union The primary

Dettagli

Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est. Seminario

Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est. Seminario Seminario Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est Con il patrocinio della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Milano, venerdì 27 gennaio 2006 Palazzo delle Stelline

Dettagli

Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. WELCOME DAY for International Exchange Students

Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. WELCOME DAY for International Exchange Students Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria WELCOME DAY for International Exchange Students 16 SETTEMBRE 2014 CHECK IN When you arrive in Italy Registrazione dell arrivo Ufficio Relazioni Internazionali (DIRI)

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Workshop useful instructions and logistic information - Transports to Hotel and to Meeting location

Workshop useful instructions and logistic information - Transports to Hotel and to Meeting location MOSCA 2 nd User Forum Workshop The integration in an unique and common platform using new technologies developing new facilities and functionalities, will improve the generic access capacities for the

Dettagli

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 REA: 150762 81031 AVERSA (CE) ph. / fax: +39 081 19257920

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Accademy la Lettura (In collaboration with Corriere della Sera la Lettura)

Official Announcement Codice Italia Accademy la Lettura (In collaboration with Corriere della Sera la Lettura) a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Accademy la Lettura (In collaboration with Corriere della Sera la Lettura) INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE

Dettagli

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins)

How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) How to use volunteers' inspections to set priorities for the management of hydraulic structures? (Check dams in mountain basins) V. Juliette Cortes1, Simone Sterlacchini2, Thom Bogaard3, Simone Frigerio1,

Dettagli

ANRC based in Naples (Italy), adheres to UCINA - Confindustria Nautica (National Union of Marine Industry and Related).

ANRC based in Naples (Italy), adheres to UCINA - Confindustria Nautica (National Union of Marine Industry and Related). Company Profile ANRC in breve L ANRC (Associazione Nautica Regionale Campana) unica associazione di categoria riconosciuta dalla Regione Campania, è nata nel 1993 da un gruppo di operatori campani del

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

CONVENZIONE DI CO-TUTELA DI TESI DI DOTTORATO DI RICERCA AGREEMENT FOR JOINT RESEARCH DOCTORAL THESIS

CONVENZIONE DI CO-TUTELA DI TESI DI DOTTORATO DI RICERCA AGREEMENT FOR JOINT RESEARCH DOCTORAL THESIS Logo of Partner University CONVENZIONE DI CO-TUTELA DI TESI DI DOTTORATO DI RICERCA AGREEMENT FOR JOINT RESEARCH DOCTORAL THESIS L Università degli Studi di Firenze con sede in Firenze, Piazza S. Marco

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

Andrea-Cornelia Riedel

Andrea-Cornelia Riedel EUROSTUDENT III La dimensione sociale nel processo di Bologna Il contributo di EUROSTUDENT, il suo ruolo e le prossime tappe HIS, EUROSTUDENT-coordinamento 12 Novembre 2008 Roma, Italia 1 L Indice 1. La

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015 MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN COMMERCE - MASCI Sezione di Diritto/Law Section Sezione di Economia e Finanza/Economics and Finance Section XIV edizione Anno Accademico 2014-2015 CORSI

Dettagli

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO)

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) INSTITUTION PRESENTING THE PROJECT (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE):

Dettagli

Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo

Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo The schools are provided to committing a course aimed at: Developing the attendee's language sense and the linguistic skills in

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

Data Network for better European organic market information. Rete europea di dati per una migliore informazione sul Mercato dei prodotti biologici

Data Network for better European organic market information. Rete europea di dati per una migliore informazione sul Mercato dei prodotti biologici Data Network for better European organic market information Rete europea di dati per una migliore informazione sul Mercato dei prodotti biologici Informazioni di base sul progetto Fonte di finanziamento:

Dettagli