Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Independent Asset Managers. Italy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Independent Asset Managers. Italy"

Transcript

1 Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Independent Asset Managers Italy

2 Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Indipendent Asset Managers Market Italy II Edition Presentation The international financial crisis, with its impact on domestic economies, has led governments to focus on policies aimed at the repatriation of their citizens assets, with the objective of increasing tax revenue as well as fuelling domestic investment activities. In this new world assets are either booked domestically, or, if they do remain offshore, are fully declared. For the successful international financial advice of the future, this implies the need for an in-depth understanding of the domestic market and domestic environment in which the client operates. The international Independent Asset Manager is now competing directly with domestic ones. The Independent Asset Manager can only leverage in full the global dimension as a competitive advantage, if it comes on top of an indepth understanding of the domestic situation of the client. At the same time, the new transparency opens up new business opportunities for the astute international Independent Asset Manager: in this way he/she can now target the client s domestic assets, expand the service offering and the sophistication of services to include tax and inheritance aspects, and address new onshore sources of wealth such as liquidity events. Tax compliance has become a commonplace concept developed by the Swiss Banking Association as well as the Swiss Confederation in response to the ever increasing international pressure applied on Switzerland as part of the repatriation efforts described above. All these concepts have in common that they impact the skills required in an international financial advice. Managing declared assets requires the Independent Asset Manager to be familiar with the tax regulations, the general financial rules and the local market practices of the country in which the wealth owner resides or in which his/her business assets are located. In its capacity of supervising authority, FINMA demands a thorough respect of sovereign states' regulations, coupled with a service offer model consistent with the governing laws of each reference market (excerpt from the FINMA statement on legal risks, FINMA; ). This statement provides a clear guideline for the Swiss financial industry. The Swiss government s policy aims to counter international pressure and to focus on the subsequent implications for the Swiss Banking System. In this perspective, a Swiss Independent Asset Manager is expected to be thoroughly acquainted with the legal framework governing his/her operations when serving a client residing in a foreign country. In particular, three new areas need to be added to traditional financial expertise of an international Independent Asset Manager to sustain and 1

3 expand his/her business opportunities: familiarity with domestic regulations to sustain business; familiarity with domestic taxation to expand the level of advice; familiarity with the local markets and local client needs to compete successfully and expand own offerings to integrate domestic needs. In this way, the new competitive scenario is an opportunity to broaden the Swiss banks business possibilities, even if the process of adapting to the new situation is difficult and painful. In response to these new competitive market requirements, the Centro di Studi Bancari and the Swiss Finance Institute have developed a training program addressing precisely the above key issues centered on an Independent Asset Manager s cross-border business with Italy. To optimize the time of the Independent Asset Manager, the training program blends various learning methods, based on the following framework set: Self-study Pre-test Foundation (Module 0) Specializations (Modules 1-3) Final Exam Refresher Online Documentation Online Classroom training Case studies Classroom training Case studies Multiple choice Classroom training Case studies 15 days 30 min. 15 days* * 1 day 25 days* 2.5 days 15 days* * 60 min. 0.5 to 1 day *Average values The program starts with a phase of self-study based on online documentation. It is followed by a self-assessment pre-test to help the participant to gauge his/her level of preparation and to ensure a homogeneous level of knowledge among participants as they begin the classroom phase. The pre-reading material will be made available electronically in English, French, Italian and German (with the exception of the fiscal self-study reading, not available in German), to be downloaded from a limited access e-learning platform. The classroom phase starts with a Foundation session (Module M0) followed by Specialization sessions (Modules M1, M2 and M3). The classroom phase is followed by a multiple choice exam. In order to maintain the certification, alumni will have to attend refresher sessions (on average once a year) aimed at providing an in-depth review of the major law and tax changes relevant for the Italian market. The Centro di Studi Bancari and the Swiss Finance Institute offer cross-border training programs for various countries (Germany, France, Italy and others as requested) with the same characteristics. For all these countries the Foundation Module (M0) is the same. Participants who have already taken Module M0 can therefore register directly for the Specialization Modules (M1 M3) for the chosen country. 2

4 Objectives As regards know-how, at the end of the program the participant: - has learned the Italian and Swiss regulations governing cross-border activities - knows the fundamentals of Italian taxation principles and their implications for managing wealth - has deepened his or her insight into the Italian wealth management market and its links to the domestic business activities of the wealthy As regards insights, at the end of the program the participant: - has understood that the cross-border issue is also a business opportunity, not just a regulatory challenge - has understood the importance of a certified training concerning cross-border advisory in order to ensure irreproachable activities towards authorities, banks with which he or she collaborates and clients And as for practical applications, at the end of the program the participant: - is able to manage the regulatory risk depending on domestic regulations that are implied by the foreign supervisory authorities - is able to improve the management of asset by transforming it into more global financial planning activity that also takes aspects such as taxation and inheritance into account - knows how to identify selected business opportunities and how to use them to expand the relationship with his or her client Target Audience The program is targeted at independent asset managers with international clients. Content M0 Nozioni generali (10 ore) Il modulo è suddiviso in tre parti e permette di acquisire i fondamenti validi indistintamente per tutti i Paesi di riferimento del gestore patrimoniale indipendente relativi alle problematiche regolamentari delle attività crossborder, alle variabili fiscali e agli aspetti aziendali. 1. Responsabilità del gestore patrimoniale indipendente nel contesto di attività transfrontaliere 1.1. Il rapporto triangolare (banca-gestore-cliente) 1.2. Introduzione alle attività cross-border Definizione dei concetti di base Contesti regolamentari svizzeri ed europei di riferimento 1.3. Il fattore rischio nelle attività cross-border L approccio della FINMA alle dinamiche cross-border L approccio del diritto straniero La FINMA nel contesto delle domande di assistenza da parte di autorità straniere MiFID e modifiche alla Circolare FINMA 2009/1 3

5 2. Sistema fiscale, tassazione dei redditi di capitale 2.1. Fiscalità della famiglia La residenza dell individuo e dei membri della famiglia Determinazione del reddito secondo i principi internazionali La tassazione dei redditi esteri e obblighi di dichiarazione 2.2. Fiscalità dell impresa Tassazione delle società (soggetti fiscalmente opachi) Periodo di imposta Calcolo dei redditi e aliquote Tassazione consolidata delle imprese Tassazione dei dividendi, interessi e capital gain Tassazione delle associazioni (società trasparenti) Periodo di imposta Calcolo dei redditi e aliquote Responsabilità dei soci 3. Consulenza integrata per famiglie imprenditoriali e aziende familiari 3.1. Comprendere e rispondere ai bisogni degli imprenditori La composizione del patrimonio di famiglia: impresa, beni immobiliari, beni da collezione, altri investimenti Come prepararsi al colloquio con l imprenditore familiare Lista di possibili "entry-points" Le opportunità per il relationship manager e il suo istituto 3.2. Famiglie imprenditoriali: allocazione e diversificazione del patrimonio Considerazioni in merito al rendimento potenziale dell azienda Ciclo di vita dell impresa e profilo di rischio Considerazioni in merito alla diversificazione 3.3. Evoluzioni strategiche e organizzative nel perimetro dell impresa: quale legame con il patrimonio della famiglia? Pianificazione della successione - eredità Strategie per la crescita aziendale Il reperimento di risorse finanziarie: private equity e quotazione in borsa 3.4. Competenze di "valutazione d azienda" Metodo dei multipli Discounted cash flow (DCF) 3.5. I "liquidity events": scenari ed opportunità per il relationship manager Cessione (totale o parziale) dell impresa: le implicazioni per il proprietario e il ruolo del client advisor Altre fattispecie 3.6. Liquidity event: un caso pratico M1 Responsabilità del gestore patrimoniale indipendente nel contesto di attività transfrontaliere (4 ore) Piuttosto che limitarsi alla mera elencazione di paletti delimitanti il campo d azione del gestore patrimoniale indipendente, in questo modulo verrà posto l accento sulle modalità di applicazione delle normative da parte degli organi di vigilanza, sottolineando il grado di "rischiosità normativa" delle attività crossborder. 4

6 1. Principi della regolamentazione dei mercati finanziari 1.1. Attività soggette ad autorizzazione e attività consentite 1.2. Criterio di territorialità 1.3. Impatto dell'offerta al pubblico di prodotti finanziari 2. Applicazione dei principi 2.1. Forme e modalità di promozione 2.2. One-to-one prospection 2.3. Offerta di nuovi servizi a clienti già esistenti con i quali è stato correttamente instaurato un precedente rapporto 2.4. Prestazione dei servizi 3. Come operare sul territorio italiano 3.1. Le società di consulenza previste dall ordinamento italiano e diverse da SIM o banche: stato dell arte e principi normativi 3.2. L attività cross-border nel caso di autorizzazione ottenuta a vario titolo in altro Paese UE 3.3. Possibili casistiche e limiti di tale approccio 3.4. Stabilimento di succursali 3.5. La reverse enquiry 3.6. Altre possibili soluzioni Operatività tramite fiduciarie: aspetti critici e soluzioni operative. Differenze a seconda di clientela ex scudo o nuovo rapporto. Cenni alla riforma delle società fiduciarie in Italia Le novità prospettiche della MiFID II Le responsabilità per l intermediario svizzero (civili e penali) nell attività svolta in Italia M2 Tassazione della persona fisica, dell impresa, successioni e pianificazione fiscale (12 ore) L obiettivo del modulo è di permettere al gestore patrimoniale indipendente di poter mostrare al cliente di padroneggiare, oltre la materia finanziaria di per sé universale, anche elementi legati alla sua realtà nazionale, migliorando così il rapporto di fiducia col cliente; consentire al gestore patrimoniale indipendente d individuare altre opportunità di business grazie all identificazione di eventuali problematiche fiscali; aiutare il gestore patrimoniale indipendente a migliorare la consulenza finanziaria trasformandola in una pianificazione finanziaria che tenga conto, fra le altre, della variabile fiscale e di quella successoria. 1. La fiscalità della famiglia 1.1. La residenza della persona fisica secondo l ordinamento italiano e la CDI Svizzera-Italia 1.2. Il regime di tassazione della persona fisica e della famiglia 1.3. Inquadramento delle categorie di reddito rilevanti per il consulente svizzero 1.4. Focus sui redditi finanziari 1.5. I redditi con caratteri di transnazionalità 1.6. Obblighi dichiarativi a carico della persona fisica 1.7. Il monitoraggio fiscale (comprensivo della cd. voluntary disclosure) e il quadro RW (esempi) 5

7 2. I redditi di impresa 2.1. Inquadramento Individuazione dei soggetti passivi d imposta (SpA, Srl, trust, OICR, etc.) Problematiche di individuazione della residenza ed esterovestizione 2.2. Regimi di determinazione del reddito 2.3. Redditi di partecipazione Tassazione per trasparenza delle società 2.4. Focus su impresa famigliare 2.5. Redditi derivanti dai regimi patrimoniali della famiglia in presenza di azienda 3. Problematiche successorie 3.1. Profili legali delle donazioni e delle successioni 3.2. Imposta sulla donazione e successione 3.3. Pianificazione successoria M3 Il mercato del private banking in Italia (4 ore) L obiettivo del modulo è di permettere al gestore patrimoniale indipendente da un lato di migliorare il rapporto con il cliente mostrandogli le proprie conoscenze del contesto economico del suo Paese e dall altro di posizionarsi meglio rispetto alla concorrenza individuando nuove possibilità di sviluppo nella relazione commerciale. 1. Il mercato del private banking in Italia 1.1. Dimensione e tassi di crescita 1.2. La distribuzione della ricchezza 1.3. La distribuzione del reddito 2. Attività cross-border: gli aspetti culturali 2.1. Il fattore culturale: variabile competitiva per le attività cross-border 2.2. "Ricchezza", "famiglia" e "integrità sociale": tre elementi fondamentali nell attività cross-border 2.3. L attitudine del cliente nella consulenza cross-border 3. L analisi della concorrenza 3.1. I diversi attori 3.2. Strategie di posizionamento differenziate in funzione dei segmenti serviti e delle diverse regioni geografiche 3.3. I canali di distribuzione 3.4. Analisi della concorrenza: punti di forza e di debolezza degli attori principali 4. L analisi dei prodotti e servizi offerti 4.1. Le esigenze della clientela e i prodotti e gli investimenti attualmente più "in voga" per soddisfarle 4.2. L attuale domanda di servizi 4.3. L offerta di servizi da parte degli attori principali 4.4. Strategie di "pricing" adottate dalla concorrenza 5. Strategie di marketing nel banking cross-border 5.1. Analisi di scenari Strategie Assetti organizzativi Processi 6

8 5.2. Vantaggi competitivi rispetto alla concorrenza on-shore 5.3. Argomenti di vendita nel banking cross-border 6. Le tendenze cruciali in atto 6.1. Prodotti e investimenti 6.2. Servizi 7. Discussione plenaria 7.1. Come competere contro la concorrenza on-shore 7.2. Utili argomenti di vendita 7.3. Vantaggi competitivi 7.4. Come superare le "barriere" organizzative Didactics Documentation Blended learning approach with a combination of teaching methods: e-learning, classroom training and case studies Centro di Studi Bancari and Swiss Finance Institute teaching material Advisory board Alfredo Gysi, Chairman of the Association of Foreign Banks in Switzerland, Member of the SwissBanking Board of Directors, Member of the Swiss National Bank s Bank Council, Chairman of the Board of Directors of BSI SA Claudio Loderer, Professor and Director of the Institute of Financial Management at the University Berne, Vice President of the Rochester-Berne Executive M.B.A. Program, Research Associate at the European Corporate Governance Institute (ECGI) Xavier Oberson, Professor of Swiss and International Tax Law, Director of the LLM Tax Program at the University of Geneva, Member of the Federal Commission for Tax Harmonization Daniel Zuberbühler, former Director of the Swiss Federal Banking Commission and Vice-Chair of the Board of Directors of FINMA and of Banca Popolare di Sondrio (Suisse) SA and EFG International Steering Committee René Chopard, CEO, Centro di Studi Bancari Gabriela Maria Payer, Head of Education, Member of the Management Board, Swiss Finance Institute Program director Helen Tschümperlin Moggi, CFA, Head of Area Finance, Centro di Studi Bancari Project manager Nicola Donadio, Centro di Studi Bancari Faculty Foundation Nicola Franchini, Partner, Studio Fiduciario Pagani SA, Lugano (Italian) Jean Luc Epars, KPMG, Geneva (French) Gianluca Pallini, Independent Advisor, Milano (Italian) Fouad Sayegh, Attorney-at-law, LL.M., Partner, Oberson Avocats, Geneva (French) Lars Schlichting, Lawyer, Partner, KPMG SA, Lugano (Italian) Peter Stocker, Head Tax, Legal & Compliance, Marcuard Family Office Ltd., Zurich (English, German) Stefanie Widmer, KPMG, Zurich (German) 7

9 Italy Toni Atrigna, Chartered accountant, Partner, Atrigna & Partners Studio Legale Associato, Milano, Professor, Università di Brescia Fabrizio Crespi, Professor, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milan, Università di Cagliari Roberto D Imperio, Chartered accountant, Studio D'Imperio, Novara, Professor, Università del Piemonte Orientale "A. Avogadro", Novara Raffaele Rossetti, Lawyer, Studio Annunziata e Associati, Milano and Lugano (Italian) Program duration Scheduling Pre-test Exam 30 hours (M0 included) From May to July 2015 (see attached timetable) An online self-assessment test is required before the start of the classroom phase. This serves to ensure that participants gauge their own level of preparation and to help achieve a more homogeneous level of knowledge for this phase. The test will be a 30 minute multiple choice questionnaire and will allow participants to check if they have the appropriate level of knowledge of the basic principles that will be treated during Foundation Module 0. After completing the full program, a multiple choice exam (on paper) will be held in Italian. The exam will last one hour. Successful candidates will receive the Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Independent Asset Managers Market Italy issued by the Centro di Studi Bancari and the Swiss Finance Institute. Examination Board René Chopard, CEO, Centro di Studi Bancari Gabriela Maria Payer, Head of Education, Member of the Management Board, Swiss Finance Institute Helen Tschümperlin Moggi, CFA, Head of Area Finance, Centro di Studi Bancari Fees SBA members CHF 3,900.-, others CHF 4,330.- Registration deadline Information April 24, 2015 Alfonsina Barbay Phone:

10 Swiss Cross-Border Wealth Management Certification for Indipendent Asset Managers - Market Italy 2015 APRIL MAY JUNE Day Time Module Day Time Module Day Time Module 1 Wed 1 Fri 1 Mon 2 Thu 2 Sat 2 Tue 3 Fri 3 Sun 3 Wed 4 Sat 4 Mon 4 Thu 5 Sun 5 Tue 5 Fri 6 Mon 6 Wed 6 Sat 7 Tue 7 Thu 7 Sun 8 Wed 8 Fri 8 Mon 9 Thu 9 Sat 9 Tue 10 Fri 10 Sun 10 Wed 16:00 19:30 M3 Language: Italian Location: Lugano 11 Sat 11 Mon 11 Thu 08:30 17:00 M1 - M2 Language: Italian Location: Lugano 12 Sun 12 Tue 12 Fri 13 Mon 13 Wed 13 Sat 14 Tue 14 Thu 14 Sun 15 Wed 15 Fri 15 Mon 16 Thu 16 Sat 16 Tue 17 Fri 17 Sun 17 Wed 18 Sat 18 Mon 18 Thu 19 Sun 19 Tue 8:30-18:00 M0* Language: Italian Location: Lugano 19 Fri 20 Mon 20 Wed 20 Sat 21 Tue 21 Thu 21 Sun 22 Wed 22 Fri 22 Mon 23 Thu 23 Sat 23 Tue ONLINE 24 Fri DOCUMENTATION 24 Sun 24 Wed AVAILABILITY 08:30 17:00 M2 Language: Italian Location: Lugano 25 Sat 25 Mon 25 Thu 26 Sun 26 Tue 26 Fri 9:00-10:00 Final Exam Language: Italian Location: Lugano/Geneva/Zurich 27 Mon 27 Wed 27 Sat 28 Tue 28 Thu 28 Sun 29 Wed 29 Fri 29 Mon 30 Thu 30 Sat 30 Tue 31 Sun Modules M0 Nozioni generali M0 Time Schedule Full Day Session M1-M3 Time Schedule Evening Sessions M1 M2 Responsabilità del gestore patrimoniale indipendente nel contesto di attività transfrontaliere Tassazione della persona fisica, dell impresa, successioni e pianificazione fiscale 08:30-10:00 10:00-10:15 16:00-17:30 17:30-18:00 M3 Il mercato del private banking in Italia 10:15-11:45 11:45-13:00 Lunch 18:00-19:30 Full Day Sessions (*) "Foundation Module (M0) is common to all the countries and needs only to be attended once. This module is offered also in Geneva in French (8 May 2015) and in Zurich in German (29 May 2015). Participants who have already attended module M0 can therefore register directly for the Specialization Modules (M1 M3) for the specific chosen country." 13:00-14:30 14:30-14:45 14:45-16:15 16:15-16:30 08:30-10:00 10:00-10:30 10:30-12:00 12:00-13:30 Lunch 16:30-18:00 13:30-15:00 N.B. The timetable might be subject to change. These changes will be communicated in advance to the participants. 15:00-15:30 15:30-17:

11 Swiss Finance Institute Created in 2006 by the Swiss banks, the Swiss Stock Exchange, six leading Swiss Universities and the Swiss Federal government, the Swiss Finance Institute is a unique undertaking merging the experiences of a centuries old financial center with the innovative drive of a frontier research institution. Its goal is to change the research and teaching landscape in areas relevant to banks and financial institutions. With more than 50 full time professors and ca. 80 PhD students, the Swiss Finance Institute represents the premier concentration of expertise in banking and finance across the European continent. The Institute s close affiliation with the Swiss banking industry ensures that its research culture remains in tune with the needs of the financial services sector. Networking events where the participants can meet with local practitioners are therefore also an essential part of the offerings. Centro di Studi Bancari Centro di Studi Bancari (CSB) is an institution that promotes and provides education, training and continuous update for banking, fiduciary, insurance and legal-financial professionals in the financial market. Founded by the Associazione Bancaria Ticinese (Ticino s Banking Association) in 1990, it has its headquarters at the prestigious Villa Negroni in Vezia Lugano. CSB provides courses, training schemes for various certifications and hosts conferences. The training programs are recognized at local, national and international levels by public institutions, such as the Swiss Confederation, as well as by many private associations, such as SwissBanking. CSB can also organise tailormade training, leveraging on its interdisciplinary competences in the field of banking, finance, compliance, management and taxation. For further information please contact: Swiss Finance Institute Walchestrasse 9 CH 8006 Zürich T +41 (0) F +41 (0) Centro di Studi Bancari Villa Negroni CH 6943 Vezia T +41 (0) F +41 (0)

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

CAS in Compliance management

CAS in Compliance management CAS in Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Presentazione Negli ultimi anni il settore finanziario ha compreso come la gestione del rischio costituisca

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE.

BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE. BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 BSI E GLI EXTERNAL ASSET MANAGER. PIÙ DI UNA COLLABORAZIONE, DEDIZIONE E PASSIONE. INSIEME CON UN UNICO OBIETTIVO: LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 04.C.08 EAM Gestori Esterni_IT.qxd:-

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Iniziativa Asset Management Svizzera

Iniziativa Asset Management Svizzera Iniziativa Asset Management Svizzera Ticino for Finance Lugano, 12 Vision dell'iniziativa La Svizzera sta diventando una sede di rilievo a livello mondiale per l'asset Management. Asset Management «Made

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli