Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI"

Transcript

1 Regione Toscana Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015

2 PASSI in breve - sistema di sorveglianza sui fattori di rischio comportamentali e programmi di prevenzione - indagine telefonica, svolta a livello di ASL con un questionario standardizzato, in residenti anni - campionamento casuale stratificato (per sesso ed età) su liste dell'anagrafe sanitaria - avviato nel giugno 2007: a fine 2014 sono state interviste raccolte in Toscana

3 Caratteristiche di PASSI 1. Dati autoriferiti (Health Interview Survey) - possibile inaccuratezza nella stima di parametri oggettivi (es. peso, altezza, ecc.) e condizionamento dell accettabilità - valorizzato il punto di vista del cittadino (conoscenze, percezioni, atteggiamenti, valutazioni, ricezione dei messaggi) 2. Sorveglianza continua su molteplici aspetti legati alla prevenzione possibile valutare associazioni tra variabili diverse - possibile seguire l'evoluzione temporale dei fenomeni - numero limitato di domande su ciascun tema, mirate per dare supporto all'attività programmatoria

4 PASSI e Guadagnare Salute 1. Salute percepita 2. Attività fisica 3. Alimentazione 4. Fumo 5. Alcol 6. Sicurezza stradale 7. Fattori di rischio cardiovascolare 8. Screening oncologici 9. Vaccinazioni dell adulto 10.Salute mentale 11.Incidenti domestici 12.Aspetti socio-demografici Attenzione e Consigli degli operatori sanitari + moduli opzionali, adottabili dalle Regioni su temi di interesse locale

5 Attività Fisica

6 Attività fisica e sedentarietà Sedentari (%) PASSI i Toscana Toscana a vità fis ca - tassi standardizza % ,1 39,7 26,2 5 0 ATTIVI PARZ ATTIVI SEDENTARI Pool PASSI 31,1% Range: 7,9% Bolzano - 62,6% Basilicata In Regione: - circa sedentari nella fascia 18-69enni - la sedentarietà è più diffusa negli anziani

7 La percezione Percezione e livello di attività fisica praticata Toscana PASSI Autopercezione del livello di a vità fisica -Toscana 100% 90% 28,73% 80% 50,07% 70% 60% 82,22% non sufficiente 50% sufficiente 40% 71,27% 30% 49,93% 20% 10% 17,78% 0% a vo parzialmente a vo sedentario

8 Attenzione e consigli* Promozione dell attività fisica da parte degli operatori sanitari (%) PASSI * escluso chi non è stato dal medico negli ultimi 12 mesi

9 Stato nutrizionale e alimentazione

10 Stato nutrizionale Persone in eccesso ponderale (BMI 25) Passi Toscana Eccesso ponderale - Toscana 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 62,6% 30,0% 20,0% 29,1% 10,0% 8,3% 0,0% Obesi Pool PASSI 42,1% Range: 34,3% Liguria 50,8% Campania Sovrappeso Normo/So opeso In Regione: circa persone sovrappeso/obesi tra i anni l eccesso ponderale è più diffuso: - nella fascia anni - negli uomini - persone con bassa istruzione

11 Five a day? Consumo di frutta e verdura secondo le raccomandazioni Toscana Consumo di fru a e verdura - Toscana 50,0% 45,0% 40,0% 35,0% 30,0% 25,0% 44,4% 20,0% 43,4% 15,0% 10,0% 9,8% 5,0% 0,0% 2,5% 0 porzioni 1/2 porzioni 3/4 porzioni 5+ porzioni - In Toscana la quasi totalità degli intervistati (97,5%) ha dichiarato di mangiare frutta e verdura almeno una volta al giorno. - Solo una quota assai esigua (9,8%) mangia le 5 o più porzioni al giorno di frutta e verdura raccomandate.

12 La percezione Percezione e peso corporeo Toscana Passi Autopercezione del proprio peso corporeo - Toscana 100,0% 92,5% 90,0% 84,2% 80,0% 70,0% 55,8% 60,0% 50,0% 43,5% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 9,1% 7,3% 6,7% 0,8% 0,3% 0,0% Troppo basso Più o meno giusto So o/normopeso Sovrappeso Troppo alto Obeso

13 Attenzione e consigli Consiglio di perdere peso (%) Toscana Passi Consiglio di perdere peso - Toscana 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 47,7% 52,3% 10,0% 0,0% NO SI

14 Attenzione e consigli Segue una dieta(%) Toscana Passi Segue una dieta - Toscana 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 74,8% 20,0% 10,0% 0,0% NO 25,2% SI

15 Consigli alle persone sovrappeso/obese * In Toscana: Il 52,3% delle persone in eccesso ponderale ha riferito il consiglio di fare una dieta per perdere peso: 80,2% degli obesi - 44% dei sovrappeso Il 42.4% ha riferito di aver ricevuto il consiglio di fare regolarmente attività fisica: - 57,5% degli obesi - 37,9% dei sovrappeso * escluso chi non è stato dal medico negli ultimi 12 mesi

16 Abitudine al fumo

17 Fumatori(%) PASSI Abitudine al fumo 100,0% Toscana Abitudine al fumo Toscana 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 51,6% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 27,6% 20,8% 0,0% Non fumatori Fumatori Ex-fumatori Pool PASSI 27,4% range: 22,1% Basilicata 30,8% Umbria In Regione: Circa fumatori 18-69enni. l abitudine al fumo è più diffusa: - negli uomini (30,1% vs 25,1%)

18 Abitudine al fumo e consigli* Toscana - PASSI ITALIA 40% 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% Chiesto se fuma - Toscana 60,9% 39,1% NO SI -Poco meno dei due terzi dei fumatori (52,4%) hanno ricevuto il consiglio di smettere di fumare da parte di un operatore sanitario * escluso chi non è stato dal medico negli ultimi 12 mesi

19 Come è riuscito l ex fumatore a smettere di fumare? Fra gli ex fumatori, la quasi totalità (91%) ha dichiarato di aver smesso di fumare da solo Non so/non ricordo Modalità di smettere di fumare negli ex fumatori (%) Toscana Passi Modalità di cessazione dell'abitudine al fumo - Toscana Altro Da solo 1% 2% 91% Solo il 2 % riferisce di aver fruito di servizi dell ASL Farmaci 3% Altri corsi 1% Corsi asl 2% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

20 Il fumo passivo

21 L abitudine al fumo nei luoghi pubblici TOSCANA PASSI Rispe o divieto luoghi pubblici Non so/non ricordo 0,3% Mai 1,7% A volte 6,1% Quasi sempre 21,5% Sempre 70,3% 0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% 60,0% 70,0% 80,0% 90,0% 100,0%

22 L abitudine al fumo nei luoghi di lavoro TOSCANA PASSI Rispe o divieto luoghi di lavoro Non so/non ricordo 0,2% Mai 3,0% A volte 5,5% Quasi sempre 14,8% Sempre 76,5% 0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% 60,0% 70,0% 80,0% 90,0% 100,0%

23 Esposizione al fumo nelle abitazioni FUMO IN CASA PERMESSO OVUNQUE 5% PERMESSO IN ALCUNE ZONE 19% NON PERMESSO 76% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% TOSCANA PASSI

24 Consumo di alcol

25 Bevitori a rischio Pool Passi Consumo di alcol Toscana Consumo di alcol: 55% Consumo alcol - Toscana Consumo fuori pasto 7% Consumo abituale elevato 5% Consumo binge 8% Consumo a maggior rischio 17% 0% 5% 10% 15% 20% Pool PASSI 16,7% Range: 9% Sicilia 38,4% Bolzano In Regione: - circa bevitori a rischio nella fascia 18-69enni - il consumo a rischio è più diffuso negli uomini e nei giovani.(44,6% di tutti i bevitori a rischio sono nella fascia 18-34aa)

26 Consiglio di bere meno* Toscana PASSI Consiglio di bere meno - Toscana fuori pasto 4% a rischio 6% consumo abituale elevato 10% binge 9% 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% 16% 18% 20%

27 Qualche considerazione

28 Prevenzione protagonista agli Stati Generali della Salute Zsuzsanna Jakab Direttore OMS Europa Dati sugli investimenti in prevenzione in chiave europea, tra cui la stima del possibile incremento dell'1% del PIL di un paese in caso di riduzione delle malattie CV del 10%, da raggiungere soprattutto con interventi di prevenzione primaria.

29 Dall OMS nell ambito della strategia Health Promuovere sana alimentazione e pratica dell attività fisicain tutte le fasce di etàcoinvolte in particolare nei gruppi vulnerabili(bambini 0 10 anni, anziani e immigrati), coinvolgimento famiglie, contrasto diseguaglianze. Facilitare acquisto e consumo di frutta, verduraed altri alimenti protettivi a ridottoapporto di calorie, grassi saturi, zuccheri e sale. Rafforzare il ruolo dei servizi sanitari nel promuovere sani comportamenti utili a prevenire le malattie croniche

30 Global Burden of Disease 2013 Fattori di rischio che più minacciano umanità 2010 Var.% vs Ipertensione Tabacco Abuso alcool Inquinamento indoor da riscaldamento Dieta povera di frutta Elevato Indice Massa Corporea Iperglicemia Sottonutrizione infantile Inquinamento da polveri sottili Inattività fisica nd

31 Organizzazione Mondiale della Sanità Global Burden of Disease ( bilancio globale di salute) Oggi nel mondo 1/3 delle persone hanno problemi di nutrizione 868 milioni sono denutrite 1,5 miliardi sono obese o in sovrappeso 1 : 2 36 milioni muoiono per carenza di cibo 29 milioni muoiono per eccesso di cibo

32 OBESITÀ emergenza per salute pubblica Negli ultimi 20 anni l obesitàin Italia è aumentata del 20% In Italia OBESITÀ e patologie correlate ( CV, diabete, tumori, m.muscolo-scheletriche.) costano quasi 23 miliardi di euro all anno al Servizio Sanitario Nazionale causano 100 mila infarti ogni anno e 4 morti ogni ora colpiscono soprattutto (8 casi su 10) persone tra i 40 e i 60 anni. Obesitàèessa stessa motivo di esclusione sociale : maggiore difficoltàa trovare lavoro, stipendio minore. 32

33 Conclusioni PASSI monitora gli ambiti di Guadagnare Salute I dati prodotti alimentano molti indicatori di PRP (Toscana in salute) e PNP I dati supportano le attività di programmazione degli interventi di prevenzione (Piano socio-sanitario, Piano regionale della prevenzione)

34 Conclusioni Il Dipartimento di Prevenzione come cabina di regia degli interventi. g bis) (il Direttore del DP) è responsabile del coordinamento e del monitoraggio a livello aziendale delle attività e dei soggetti coinvolti nella realizzazione delle progettualità riguardanti il piano regionale per la prevenzione. (art. 48 pdl 6 del 16/11/2015)

35

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI Guadagnare Salute in Emilia-Romagna: dalla Sorveglianza alle Buone Pratiche Guadagnare salute in Emilia-Romagna: i risultati del sistema di monitoraggio PASSI Nicoletta Bertozzi Giuliano CarrozziDiego

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Dicembre 2014 La sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute a cura

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Marzo 2012 Il sistema di sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute

Dettagli

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Gianluigi Ferrante Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto Superiore di Sanità Razionale I

Dettagli

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione.

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. XXXIX Convegno AIE Alimentazione e salute nell era della globalizzazione Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. Il caso dello screening della cervice uterina.

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute Rapporto 2011/2012 Azienda ULSS n. 13 1 Rapporto a cura di: Damiano Dalla Costa, Silvia Milani (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 La situazione nutrizionale di una popolazione è un determinante importante

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1.

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. Premessa Nel territorio dell Azienda Ulss 19 di Adria le neoplasie

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui fattori di rischio comportamentali per la salute della

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

Guadagnare salute nella Bassa Friulana

Guadagnare salute nella Bassa Friulana Sistema di sorveglianza Guadagnare salute nella Bassa Friulana REPORT ASS5 BASSA FRIULANA QUADRIENNIO 2010-2013 Parte generale e dati PASSI Italia tratti da: www.epicentro.iss.it www.epicentro.iss.it/passi

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Rapporto ASL Salerno 2009-2012 0 PREFAZIONE Il presente rapporto aggiorna al 2012 i risultati della sorveglianza

Dettagli

Il consiglio dell operatore sanitario

Il consiglio dell operatore sanitario Il consiglio dell operatore sanitario I programmi di prevenzione sono oggi sempre più articolati e vedono il coinvolgimento di un numero sempre più ampio ed eterogeneo di soggetti. In un approccio intersettoriale,

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI ANNO 09 ULSS VERONA Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni

Dettagli

Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia

Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Il sistema P.A.S.S.I. (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) stima la frequenza e l evoluzione dei comportamenti associati

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI tra 18 e 69 ANNI ANNO 2009 ULSS 18 ROVIGO Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69

Dettagli

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge

PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia PASSI: i tentativi di smettere di fumare ed il rispetto della legge Massimo O. Trinito, Sandro Baldissera, Valentina Minardi, Nancy Binkin per

Dettagli

PASSI A BASSANO ANNI

PASSI A BASSANO ANNI PASSI A BASSANO ANNI RAPPORTO PASSI PER GUADAGNARE SALUTE ANNI 2009-2012 Rapporto a cura di: Maria Caterina Bonotto (Dipartimento di Prevenzione AULSS 3 Bassano) Intervistatrici AULSS 3 Bassano del Grappa

Dettagli

Sistema di sorveglianza PASSI

Sistema di sorveglianza PASSI Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza PASSI RAPPORTO AZIENDALE 2008-2011 ASL DI VARESE Hanno contribuito alla realizzazione di PASSI nell ASL di Varese Roberto

Dettagli

L attività di screening mammografico nel Sud Italia e nelle Isole: risultati, criticità e strategie. I dati del Sistema PASSI

L attività di screening mammografico nel Sud Italia e nelle Isole: risultati, criticità e strategie. I dati del Sistema PASSI Convegno Nazionale GI SMa 2011 L attività di screening mammografico nel Sud Italia e nelle Isole: risultati, criticità e strategie. I dati del Sistema PASSI Nicoletta Bertozzi, Giuliano Carrozzi, Lara

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Rapporto Aziendale quadriennio 2011-2014 Guadagnare Salute 2 Sistema di Sorveglianza PASSI ASS n.6 Friuli Occidentale

Dettagli

Guadagnare salute 2013 Azienda per i Servizi Sanitari n.3 - Alto Friuli

Guadagnare salute 2013 Azienda per i Servizi Sanitari n.3 - Alto Friuli Sistema di sorveglianza Passi Guadagnare salute 2013 Azienda per i Servizi Sanitari n.3 - Alto Friuli 1 Coordinatore Aziendale: Andrea Iob (Responsabile S.O. Medicina Preventiva nelle Comunità) Organizzazione

Dettagli

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

PASSI 2009. I dati sul tabagismo in Valle d Aosta. Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PASSI 2009 I dati sul tabagismo in Valle d Aosta Elisa Francesca ECHARLOD DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Che cos è PASSI? Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Sistema di sorveglianza della popolazione

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni Comportamenti e rischi per la salute Aldo De Togni Le malattie croniche costituiscono la principale causa di disabilità e di morte comprendono le cardiopatie, l ictus, il cancro, il diabete e le malattie

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Roma

Dettagli

2007-2008. Il sistema di sorveglianza PASSI nella provincia di Viterbo Sintesi rilevazione luglio 2007 dicembre 2008. Salute e stili di vita

2007-2008. Il sistema di sorveglianza PASSI nella provincia di Viterbo Sintesi rilevazione luglio 2007 dicembre 2008. Salute e stili di vita 2007-2008 Il sistema di sorveglianza PASSI nella provincia di Viterbo Sintesi rilevazione luglio 2007 dicembre 2008 Il Sistema di sorveglianza PASSI PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani

Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani SEMINARIO REGIONALE SORVEGLIANZA: uno strumento per descrivere, orientare, valutare L esempio dell attività fisica Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani Perugia 9 maggio 2013 Marco

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Stato Nutrizionale e Abitudini Alimentari nella Popolazione Siciliana Ultrasessantacinquenne. Sistema di Sorveglianza Passi D Argento

Stato Nutrizionale e Abitudini Alimentari nella Popolazione Siciliana Ultrasessantacinquenne. Sistema di Sorveglianza Passi D Argento Stato Nutrizionale e Abitudini Alimentari nella Popolazione Siciliana Ultrasessantacinquenne. Sistema di Sorveglianza Passi D Argento Cernigliaro A., Belvedere G., Alcamo R., Catanese G., Carlino V., Scondotto

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Il sistema di Sorveglianza PASSI nell ASL1 Imperiese Sintesi dei risultati del triennio 2007-2009

Il sistema di Sorveglianza PASSI nell ASL1 Imperiese Sintesi dei risultati del triennio 2007-2009 Il sistema di Sorveglianza PASSI nell ASL1 Imperiese Sintesi dei risultati del triennio 2007-2009 Il Sistema di sorveglianza PASSI Passi (Progressi nelle Aziende Sanitarie in Italia) è il sistema di sorveglianza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Giuliano Carrozzi, Letizia Sampaolo, Nicoletta Bertozzi 3, Lara Bolognesi, Marco Zappa 4, Paolo

Dettagli

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 Alcuni risultati dell indagine PdA in Asl 3 Genovese Raffaella Castiglia, Patrizia Crisci

Dettagli

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011 L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC dott.ssa Marta Mattioli Parma, 1 marzo 11 Andamento del sovrappeso nei bambini in età scolare nei paesi Europei dal 1958 al 3 IOTF - WHO European Region Previsioni:

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi Sintesi del rapporto nazionale 2007

Sistema di sorveglianza Passi Sintesi del rapporto nazionale 2007 Controllo e prevenzione Sistema di sorveglianza Passi Sintesi del rapporto nazionale 2007 Il sistema di sorveglianza sui Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia (Passi) dall ascolto dei

Dettagli

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Gianluigi Ferrante Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di

Dettagli

Il sistema di Sorveglianza PASSI nella ASL di Latina

Il sistema di Sorveglianza PASSI nella ASL di Latina Il sistema di Sorveglianza PASSI nella ASL di Latina PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui comportamenti rischiosi (o vantaggiosi)

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Regione Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute 2010 Regione Sistema di sorveglianza Passi Rapporto regionale

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012

ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012 ALLEGATO A PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE SANITARIA 2010-2012 ! #! % & & & ( # ))!!!! )+,!!& ). /0 1 1 0 / 2 1 / )%. +3! & +3 4! +) & & ++ & & 5 & & +! &! + 6 & & + / 0 / 7 +( 8& 4 6!8&! & & +( # +( /.

Dettagli

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese Contributo PASSI per il Piano della Prevenzione Roma, ISS CNESPS 27 marzo 2014 Esperienze promettenti di uso della sorveglianza per perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale della Prevenzione, in Regioni

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute

PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute Linda Gallo Info day: guadagnare salute 2011 Udine, 27 settembre 2011 Le evidenze: i Messaggi Chiave 1. Le malattie

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Il ruolo del Veneto nella strategia del CCM per il controllo del tabacco

Il ruolo del Veneto nella strategia del CCM per il controllo del tabacco Il ruolo del Veneto nella strategia del CCM per il controllo del tabacco Francesca Russo Annarosa Pettenò Padova, 30 ottobre 2009 Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Ha tra

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

MALATTIE CARDIOVASCOLARI MALATTIE CARDIOVASCOLARI Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di mortalità,, di morbilità e di disabilità specialmente nei paesi del mondo occidentale. NEL MONDO 15 milioni/anno di eventi

Dettagli

Stili di vita e salute in ULSS 9

Stili di vita e salute in ULSS 9 Stili di vita e salute in ULSS 9 I dati del sistema di sorveglianza PASSI sui cittadini tra i 18 e i 70 anni Dipartimento di PREVENZIONE Fumo Alimentazione Attività fisica Alcol Ipertensione Ipercolesterolemia

Dettagli

Stili di vita e stato di salute dei giovani liguri Rapporto Statistico Liguria 2014. Roberto Carloni

Stili di vita e stato di salute dei giovani liguri Rapporto Statistico Liguria 2014. Roberto Carloni Stili di vita e stato di salute dei giovani liguri Rapporto Statistico Liguria 2014 Roberto Carloni Stili di vita e stato di salute dei giovani liguri Il capitolo presenta un analisi su stili di vita

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Guadagnare Salute Ausl Parma Report Aziendale

Guadagnare Salute Ausl Parma Report Aziendale Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Guadagnare Salute Ausl Parma Report Aziendale Assessorato politiche per la salute Che cos è il sistema di sorveglianza PASSI? E un sistema di monitoraggio

Dettagli

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI Venerdì 13 dicembre 2013 Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE Dr. Alfio De Sandre Direttore

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI. Rapporto aziendale ASL Viterbo 2009-2012

Sistema di Sorveglianza PASSI. Rapporto aziendale ASL Viterbo 2009-2012 Sistema di Sorveglianza PASSI Rapporto aziendale ASL Viterbo 2009-2012 ASL Viterbo I risultati del Sistema di Sorveglianza 2009-2012 A cura di: Oretta Micali*, Patrizia Carpentieri, Maria Casali, Anna

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Sistema di sorveglianza Passi Rapporto ASL 5 Spezzino - 27 Regione Liguria A cura di: Roberta Baldi, Ester Bazzali, Floriana Pensa S.C. Epidemiologia ASL 5 Spezzino Hanno contribuito alla realizzazione

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010 M. Fridel Bologna, 18 novembre 2010 OKkio alla SALUTE: Obiettivi Implementare, nelle diverse

Dettagli

CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Risultati della sperimentazione di un sistema di sorveglianza dello stato di salute

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Focus per l Obesity day Stralcio dal Rapporto regionale 27 Umbria A cura di: Carla Bietta, Coordinatore Regionale

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Rapporto aziendale giugno 27 dicembre 28 ASL CN2 Alba-Bra A cura di: Franco Giovanetti Coordinatore aziendale Passi

Dettagli

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi 31 Maggio 2010 GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TABACCO G.Klimt 4 Giugno 2010 16 GIORNATA DEL RESPIRO L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi e con la collaborazione

Dettagli

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Aprile 2014 Questa presentazione è stata redatta da Medi-Pragma METODOLOGIA I dati riportati di seguito si riferiscono

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Sistema di sorveglianza Passi Rapporto 2010 ASP di Vibo Valentia Referenti e Coordinatori regionali: Giacomino Brancati, Rubens Curia, Caterina Azzarito, Amalia De Luca, M Beatrice Grasso, Francesco Sconza

Dettagli

Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute

Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute Report aziendale Ulss 7 Pieve di Soligo dicembre 2011 Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute Negli ultimi cinquant anni lo

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI

I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia La povertà in Umbria: le difficoltà economiche riferite I dati 2009-2012 del sistema di sorveglianza PASSI Novembre 2013 A cura di: Carla Bietta:

Dettagli

Menu: i nuovi standard regionali

Menu: i nuovi standard regionali Menu: i nuovi standard regionali Assessorato politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna M.Fridel Reggio Emilia 29 settembre 2012 Abitudini alimentari da migliorare A livello regionale sono attive

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Guadagnare Salute Ausl Piacenza Report Aziendale

Guadagnare Salute Ausl Piacenza Report Aziendale Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Guadagnare Salute Ausl Piacenza Report Aziendale Assessorato politiche per la salute Che cos è il sistema di sorveglianza PASSI? E un sistema di

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti CAPITOLO 1 Salute Un bene da salvaguardare per tutti La salute rappresenta un elemento centrale nella vita e una condizione indispensabile del benessere individuale e della prosperità delle popolazioni,

Dettagli

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri

La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri La Legge 16 gennaio 2003, n.3, sull applicazione del divieto di fumo nei locali aperti al pubblico: primi riscontri Marina Bonfanti Luigi Macchi U.O Prevenzione - Direzione Generale Sanità - Regione Lombardia

Dettagli