Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Trieste RIVISTA BIMESTRALE DI INFORMAZIONE MEDICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Trieste RIVISTA BIMESTRALE DI INFORMAZIONE MEDICA"

Transcript

1 bollettino bimestrale anno XXVI numero 1 gennaio-febbraio 2011 RIVISTA BIMESTRALE DI INFORMAZIONE MEDICA Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 co. 1, DCB Trieste Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Trieste

2 GLI EVENTI PATROCINATI DALL ORDINE IL PRONTUARIO TERAPEUTICO DI AREA VASTA: STRUMENTO PER LA GESTIONE DI UNA TERAPIA OTTIMALE DEL DIABETE MELLITO M.I.B. Palazzo Ferdinandeo, Largo Caduti di Nassirja, Trieste 26 gennaio 2011 Responsabili scientifici: Fabio Samani e Riccardo Candido SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: ECM: punteggio richiesto Termine iscrizione: alla data dell evento IV CONGRESSO DI PATOLOGIA E CHIRURGIA ORO-MAXILLO-FACCIALE LE MALATTIE DEL CAVO ORALE NELL ETA EVOLUTIVA Centro Congressi Stazione Marittima, Trieste febbraio 2011 Responsabili scientifici: Roberto Di Lenarda e Matteo Biasotto SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: KEY CONGRESSI SrL, piazza della Borsa 7, Trieste Tel. O /362727; Fax ; ECM: punteggio richiesto Termine iscrizione: ad esaurimento posti IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E I PROBLEMI QUOTIDIANI IN ORL Sala Riunioni dell Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Trieste piazza Goldoni 10, Trieste 4 marzo 2011 Responsabili scientifici: Alberto Giammarini Barsanti e Giancarlo Tirelli SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: The Office SrL, via San Nicolò, Trieste Tel int. 10; Fax ; ECM: punteggio richiesto Termine iscrizione: 1 marzo 2011 LA TERAPIA IMPLANTARE NEI PAZIENTI PARODONTALI Sala Riunioni dell Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Trieste piazza Goldoni 10, Trieste 19 marzo 2011 Responsabile scientifico: Antonella Primosi SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Antonella Primosi c/o Studio Isabella Mayer, via San Francesco 4, Trieste Telefono ECM: punteggio richiesto Termine iscrizione: alla data dell evento GLI EVENTI FORMATIVI ORGANIZZATI DALL ORDINE I VENERDI DI AGGIORNAMENTO DELL ORDINE DEI MEDICI PRIMA DI TUTTO LE LDL E POI? LE NUOVE FRONTIERE NELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Sala Riunioni dell Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Trieste, piazza Goldoni 10, Trieste 25 febbraio 2011, ore Responsabile scientifico: Claudio Pandullo SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Termine iscrizione: alla data dell evento PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI A TUTTI I CORSI RIVOLGERSI ALLA SEGRETERIA DELL ORDINE ( )

3 bollettino bimestrale anno XXVI numero 1 gennaio - febbraio 2011 Consiglio Direttivo Presidente Claudio Pandullo Vicepresidente Dino Trento Segretario Ronald Tramarin Tesoriere Andrea Vuga Consiglieri Roberto Adovasio, Mario Balestra, Biagio Borea, Fabrizio Briganti Piccoli, Gaetano Castronovo (Odont.), Gabriella Clarich, Paolo Gustini, Giorgio Longo, Mauro Melato, Euro Ponte, Denis Pregarc (Odont.), Cosimo Quaranta, Maurizio Spedicati Revisori dei Conti Tiziana Cimolino (Presidente), Rinaldo Rolli. Fabio Ranieri, Laura Ukovich (Supplente) Commissione Odontoiatri Diego Paschina (Presidente), Gaetano Castronovo, Antonella Bonivento, Claudia Busecchian, Denis Pregarc Direttore Responsabile Mauro Melato Videoimpaginazione e Pubblicità Quickline sas Via S. Caterina da Siena 3, Trieste Autorizzazione del Tribunale di Trieste n. 675 Registrazione del 24/07/1985 Stampa a cura di F&G Prontostampa - Trieste Finito di stampare il 25/02/2011 Pubblicità inferiore Direzione e Redazione del Bollettino Piazza Goldoni, Trieste tel fax in questo numero... 6 L ARTICOLO DEL PRESIDENTE 9 ARTICOLO DEL PRESIDENTE CAO 10 LA VOCE DEI CONSIGLIERI 12 NOTIZIE DALLA FACOLTÀ MEDICA E DAGLI SPECIALIZZANDI 16 ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE MEDICO (AIDM) 18 DALL IRCCS BURLO GAROFOLO 19 DALLA STAMPA INTERNAZIONALE 20 RUBRICA DI BIOETICA 21 ED INFINE UN PO DELLA NOSTRA STORIA 22 RUBRICA SINDACALE 26 DALLA ASSOCIAZIONE MOGLI MEDICI ITALIANI (AMMI) 28 COMUNICATI 32 LA SITUAZIONE REGIONALE AMIANTO REGIONALE AMIANTO 34 PROGETTO: REPORTAGE AMIANTO FVG

4 COMUNICAZIONE IMPORTANTE Prot.: 343 Trieste, 1 febbraio 2011 Carissime Colleghe, Carissimi Colleghi, In relazione alla procedura di trasmissione per via telematica dei certificati di malattia dei dipendenti pubblici e privati in seguito ad incontri tenuti con i referenti dell Assessorato presso l Ordine sono stati concordati i seguenti punti: persiste la possibilità di utilizzare i certificati di malattia INPS cartacei nel caso di evidente impossibilità di trasmissione per via telematica: indisponibilità del sistema per problemi di rete e server, indisponibilità del terminale (cfr visite domiciliari). Secondo una interpretazione della Federazione Nazionale questi certificati cartacei rientrano nel 20% fissato dal Ministero quale quota di invio non telematico tollerabile e tollerata. Nella Regione Autonoma FVG l accesso al sistema di invio dei certificati avviene attraverso il Portale della Continuità della Cura e l impiego di una Carta operatore o, in alternativa, di una Carta dei Servizi attivata. L Ordine, al fine di agevolare il rilascio delle Carte Operatorie Regionali ai medici libero professionisti e ai sostituti dei medici di medicina generale, raccoglie i nominativi degli iscritti interessati e li comunica ad INSIEL; sarà possibile pertanto contattare la segreteria nei seguenti giorni e orari: lun. mar. giov. dalle alle merc. dalle alle venerdì dalle alle o inviare una mail all indirizzo Vi ricordo che il rilascio delle Carte Operatore Regionali avverrà tramite la segreteria del Sistema Informativo dell'ass 1 Triestina ai seguenti recapiti: dott. Italo Miglionico sig. Enrico Era tel da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore Buon lavoro a tutti Claudio Pandullo Presidente OMCeO Trieste

5 PRESENTAZIONE Il primo numero dell anno è particolarmente ricco di notizie ed eventi e, siccome sarà seguito a breve dal secondo numero, chiedo a tutti i colleghi che volessero intervenire con lettere, commenti, segnalazioni sul prossimo di inviarmeli subito. Con questo numero, infatti, è stato recuperato del tutto l arretrato e la cadenza delle uscite, d ora in poi, si preannuncia regolare garantendo la pubblicazione in tempo utile di avvisi con scadenza quali quelli relativi ai congressi.. Il numero è stato arricchito dalle immagini e da alcune informazioni ricavate dal volume ASBESTOS reportage amianto fvg appena edito dall Associazione culturale Metarte, materiale che ha il fine di tener viva anche nella nostra categoria l attenzione riguardo le drammatiche problematiche di salute ed ambientali che a distanza di un ventennio dal divieto di utilizzo dell amianto non risultano ancora risolte, specie nella nostra Provincia dove, è utile ricordare, la mortalità per neoplasie amianto-correlate detiene un tragico record. Buona lettura a tutti! Mauro Melato 5

6 L ARTICOLO DEL PRESIDENTE... Carissime Amiche Carissimi Amici, queste mie riflessioni si pongono a cavallo fra la fine del 2010 e l inizio dell anno nuovo, periodi di bilanci e di previsioni per quanto possibile. Le certificazioni on line Il 2010 appena trascorso verrà sicuramente ricordato come l anno della informatizzazione forzata e della smaterializzazione dei certificati. Abbiamo iniziato questo tormentato percorso con le certificazioni di invalidità civile inserita a tappe forzate a cavallo fra Natale e Capodanno del L Ordine si è attivato nell informare e formare i colleghi interessati a questa procedura. Il sistema di certificazione di invalidità on line è ormai a regime anche se secondo gli utilizzatori della procedura la centralizzazione sta determinando un prolungamento nei tempi di erogazione dei benefici economici. A questa procedura on line è seguita la certificazione di malattia che oltre a coinvolgere i medici di medicina generale interessa tutti i professionisti. Anche in questo caso sono emerse importanti difficoltà legate soprattutto e come sempre alla lentezza della rete informatica, inoltre la Federazione Nazionale ha preso posizione invitando il Ministero ad una proroga nelle sanzioni per permettere agli interessati di adeguarsi alla procedura. I rapporti con le altre Professioni sanitarie Nel 2010 abbiamo assistito alla presa di posizione dell Ordine di Bologna nei confronti del protocollo di intervento denominato See and treat dalla Regione Toscana. In buona sintesi i protocolli prevedono per alcuni accessi al Pronto Soccorso una valutazione e trattamento da parte del personale infermieristico in autonomia ed indipendenza del medico fino all invio a consulenza specialistica e successiva dimissione del paziente. L adozione di questo protocollo ha indotto, come era prevedibile, un incremento di accesso dei codici bianchi ai Pronti Soccorso non risolvendo il problema dei codici bianchi ma semplicemente delegando ad altre figure professionali la loro gestione. Infatti se si vogliono ridurre gli accessi impropri alle strutture d emergenza il filtro deve essere posto sul territorio e non alle porte del Pronto Soccorso inventando soluzioni tampone. Oltre all incremento dei codici bianchi l adozione di questo protocollo non ha permesso di ridurre una riduzione sensibile dei tempi di attesa si attesta in media sulle 4 ore e ½. La posizione ordinistica è molto chiara, riconoscendo la professionalità raggiunta dalle altre figure sanitarie, in primis quella infermieristica tuttavia è mia opinione che pur nello spirito di massima collaborazione, sempre nell interesse del bene del paziente, vi debba essere un case manager, se volete un direttore d orchestra che coordini e supervisioni gli interventi. Al momento attuale la legislatura identifica il medico quale responsabile e referente di ogni atto sanitario. E anche da dire per completezza che manca una definizione della legislatura su cosa sia un atto sanitario, definizione effettivamente complessa e pertanto mal definibile in pochi paragrafi. Se altre figure sanitarie vogliono diventare case manager devono anche affrontare oltre gli onori anche gli oneri che questo ruolo porta con sé. L Ordine di Bologna si è sentito in dovere di denunziare il protocollo See and Treat alla Procura ravvisando il reato di abuso di professione medica. Come Ordine di Trieste abbiamo preferito cercare di avviare un dibattito con le altre professioni sanitarie, dibattito che si svolgerà nei prossimi mesi. Come ho più volte avuto modo di evidenziare iniziative del genere devono essere viste con attenzione in quanto non vorrei che fosse una soluzione tampone alla futura ed inevitabile carenza di medici che dovremmo affrontare a breve anche nel nostro Paese. Più volte a livello nazionale è emerso il problema della erosione della professione medica da parte delle altre professioni sanitarie. I numeri sono chiari e più volte avete avuto modo di valutarli dalle pagine di questo giornale: si prevede che nel decennio circa professionisti raggiungeranno i 65 anni di età ossia l età del pensionamento. Di questi circa l 85% svolge attività in conto e per conto dei servizi sanitari regionali per i quali la normativa vigente prevede il possesso della specialità (quinquennale) o il corso di formazione specialistica in medicina generale (triennale). Considerando che mediamente uno studente arriva alla laurea in 7.2 anni risulta evidente che qualsiasi decisione venga presa adesso sarà spendibile fra anni! E nel frattempo.. Il futuro della Professione Per rispondere a questa ed altre domande il Congresso Nazionale degli Ordini tenutosi a Roma il 2-4 dicembre 2010 ha dedicato una intera sessione alla valutazione della qualità professionale del medico. Ritengo possa essere di interesse comune riportare i principali temi trattati in tale occasione. Dai vari interventi è emersa la necessità di garantire un medico di qualità che deve innanzitutto essere formato e poi protetto dalla obsolescenza delle conoscenze e competenze, garantendo nel tempo della sua vita professionale, un sistema accessibile ed efficace di costante aggiornamento. Sono anche emerse le criticità e le relative proposte fra le principali: Ammissione a medicina: risulta necessario modificare la modalità di accesso per rendere più trasparente, equo ed accettabile la selezione e soprattutto garantire che la selezione determini l accesso ai corsi di laurea ai soggetti dotati delle migliori at- 6

7 titudini sia agli studi che alla attività professionale. Dovrebbero venire inseriti nel processo selettivo delle valutazioni di profitto negli studi di scuola media superiore normalizzate a livello nazionale, attività di counselling, gestite dagli ordini, con medici esperti sui significati tecnici, relazionali ed etici dell esercizio professionale con l eventuale attribuzione di crediti formativi da valorizzare nei punteggi selettivi finali. Secondo alcuni relatori l introduzione di graduatorie divise per il 70% su base locale e il 30% su base nazionale per ripescare i candidati esclusi dalla graduatorie locali consentirebbe un accesso numericamente più ampio con una certa mobilità territoriale degli studenti. Contenuti formativi del corso di laurea: il mondo accademico e quello degli studenti ritiene auspicabile la revisione dei curricula formativi, con una riduzione degli esame e la valorizzazione piuttosto delle prove multidisciplinari, l utilizzo di progress test e la valutazione sul campo. Si dovrebbe prevedere un ampliamento delle attività professionalizzanti con l ausilio formativo di un tutor che consenta il contatto già durante la formazione con i servizi di prevenzione, diagnosi e cura sia ospedalieri sia territoriali; questi ultimi dovrebbero essere integrati nei processi di formazione pratica coinvolgendo nel percorso formativo sia gli ospedali pubblici che i privati accreditati, i distretti, i presidi territoriali, gli ambulatori di medicina generale e dei pediatri di libera scelta. La formazione prelaurea deve prevedere anche la costruzione i competenze in altre discipline quali le tecniche di comunicazione, di gestione, la deotologia, la bioetica. Scuole di Specializzazione: al momento attuale la programmazione dell accesso alla specialità resta nella pratica condizionata alle risorse formative della Facoltà di Medicina. Lo stato attuale evidenzia le criticità del momento formativo specialistico fino ad ora seguito che con difficoltà rende conto di alcuni delicati aspetti del mercato del lavoro professionali. Fra le variabili da considerare vi è la rivoluzione demografica ed epidemiologica conseguente e l ingresso nel mondo del lavoro molto più in ritardo rispetto agli altri colleghi europei. Viene quindi proposto un modello di formazione specialistica che estenda, pur nel rispetto dei ruoli e delle competenze, le attività professionalizzanti a tutte le attività del sistema sanitario. Scuole regionali di formazione specifica in medicina generale e le scuole di specializzazione possono, attraverso opportuni accordi e convenzioni, individuare attività integrate di reciproco insegnamento ed apprendimento di docenti e discenti, di strutture, di metodologie e obiettivi formativi comuni. La realtà locale: Trieste e oltre. Vorrei ora esaminare brevemente alcuni eventi che hanno caratterizzato la sanità della nostra Provincia. Il 2010 ha visto il cambio al vertice delle 3 realtà aziendali triestine con la nomina ai prestigiosi vertici di due stimati colleghi: il prof Mauro Melato alla direzione dell IRCSS ed il dr. Fabio Samani alla direzione dell ASS1. Le Aziende hanno avuto immediatamente l incarico di razionalizzare le rispettive strutture nell ambito di una generale ridefinizione dei fondi regionali destinati alla sanità. Un ulteriore compito importante che hanno ricevuto è quello di declinare la sanità nell ottica dell area vasta giuliano-isontina costituendo una rete con l azienda goriziana che porta in dote anche due ospedali quello di Gorizia e Monfalcone realtà storiche importanti. Il compito è difficile ed importante anche perché le decisioni che verranno prese condizioneranno il futuro della sanità triestina ed isontina per i prossimi decenni. E stata degli ultimi giorni del 2010 la discussione dei nuovi atti aziendali o piani operativi che dir si voglia e mentre scrivo queste righe non sono ancora note le osservazioni della Regione, se non per le solite indiscrezioni della stampa. Ci auguriamo che questa revisione dell assetto della sanità locale non pregiudichi e non crei difficoltà operative ai medici e di conseguenza agli utenti. Sempre nell ambito di importanti incarichi che hanno visto protagonisti nostri colleghi voglio ricordare la nomina del dr. Alberto Giammarini Barsani alla direzione del CEFORMED, importante ente di formazione regionale. L immediato futuro Il 2011 si annuncia con importanti novità. Sta avviandosi alla fase attuativa la nuova procedura di accreditamento per gli eventi ECM, che prevedono l accreditamento dei provides e non dei singoli eventi, questi saranno accreditati dai providers stessi. Il ruolo degli Ordini in questo proposito sarà importante in quanto dovrebbero raccogliere e valutare il percorso formativo ECM degli iscritti. Questo coinvolgimento ordinistico presuppone un sistema informatico che automaticamente riversi i dati anagrafici degli ECM dei medici nel così detto fascicolo formativo. Il problema al momento attuale è dato dalla essenziale incompletezza del sistema informatico e della difficoltà di trasferimento dei crediti riscossi con ECM regionale nel data base nazionale. Si crea tuttavia il paradosso per cui le regioni che non sono dotate di un sistema ECM regionale, trasferiscono i dati nel sistema nazionale, e quindi sono facilmente recuperabili dalle segreterie degli ordini. Al contrario le regioni più virtuose, come la nostra e quelle in genere, dotate di un sistema ECM regionale, fra l altro più agile e meno oneroso di quello nazionale, trovano difficoltà a trasferire gli eventi sul database nazionale e pertanto gli ordini hanno la possibilità di recuperare solo i crediti relativi ad eventi nazionali, in genere pari al 30% circa del debito formativo del professionista! Da qui il rischio che gli Ordini debbano fare da verificatori di un numero considerevole di eventi (50 per anno per ogni iscritto!), attività che richiederebbe un aumento del personale o l esternalizzazione tutto ciò con un aumento di costi di gestione dell Ente. L Ordine di Milano ha calcolato, ad esempio, che per questo tipo si attività sarebbero necessari circa 14 impiegati, per Trieste, che ovviamente ha un numero di iscritti inferiore è ipotizzabile la necessità dell incremento di 1 persona lo staff segretariale o in alternativa esternalizzare la procedure con altri 7

8 oneri economici. Al momento attendiamo ancora delle direttive precise e puntuali che calendarizzino in maniera reale e sostenibile la messa a regime di questa nuovo procedura individuando anche le eventuali risorse. Un altra innovazione incombente è la Camera di Conciliazione. Funzione prevista per legge, e che dovrebbe divenire operativa dal marzo 2011, anche se è nell aria una proroga. La legge prevede che in seno agli Ordini professionali venga creata una Camera di Conciliazione dove in caso di un contenzioso il cittadino/utente debba obbligatoriamente rivolgersi in prima istanza. In tale sede un conciliatore, appositamente formato in corsi ad hoc (ancora da organizzare!) tenta una accordo fra le parti. Questa procedura permetterebbe di alleggerire la magistratura di tutte quei procedimenti di natura civile che si protraggono per anni. Tuttavia se si ridurrà il lavoro per la magistratura, e forse i tempi di attesa per i cittadini, aumenterà il lavoro ordinistico. A Trieste la Camera di Commercio ha già attivato questa funzione conciliatoria, tuttavia come Ordine abbiamo preferito attendere le direttive delle Federazione Nazionale. Queste quindi alcune riflessioni ed alcuni scenari che ci accompagneranno nel 2011 e anche negli anni successivi. Sono certo che avremmo modo di approfondire queste ed altre tematiche nei prossimi mesi, non mi resta che augurare a tutti voi buon lavoro. Claudio Pandullo Avviso... Nuova banca dell Ordine A partire dal 1 gennaio 2011 la banca di riferimento dell Ordine è Banca Antonveneta S.p.A. Gruppo Montepaschi sede di Trieste Piazza della Borsa,11. Le modalità di pagamento della quota di iscrizione sono rimaste invariate oltre che per coloro che adempiono a mezzo MAV anche per coloro che adempiono a mezzo RID grazie all allineamento automatico degli accrediti tra Istituti bancari. 8

9 ... E L ARTICOLO DEL PRESIDENTE CAO Dal Consiglio Nazionale dei Presidenti delle Commissioni per gli Iscritti all'albo degli Odontoiatri svoltosi a Roma il 3 e 4 dicembre Nel corso del Consiglio Nazionale dei Presidenti delle Commissioni per gli Iscritti all'albo degli Odontoiatri svoltosi a Roma, si sono riuniti quattro gruppi di lavoro per trattare: - Pubblicità dell'informazione sanitaria; - Formazione pre e post lauream: ECM- Cernobbio; - Applicazione del Regolamento FNOMCEO all'albo degli Odontoiatri; - Regime autorizzatorio apertura studi odontoiatrici. Sono stato chiamato a dare il mio contributo all'ultima delle quattro che è stata l'unica a non riuscire a licenziare un documento condiviso per la presenza di problematiche particolarmente complesse presenti nelle varie regioni italiane. In attesa che ulteriori incontri permettano di individuare una linea condivisibile dalle varie realtà regionali, vi esporrò quanto elaborato dal primo gruppo in quanto importante per le implicazioni non solo disciplinari, ma etiche e di immagine: la pubblicità dell'informazione sanitaria. L'approvazione del D.L, 223/2006 altrimenti noto come Legge Bersani, ha posto in grave difficoltà gli Ordini, che si sono trovati di fronte al rischio di veder liberalizzata ogni più squallida forma di pubblicità che rischiava di cadere sulla testa di una popolazione forse non preparata a questo impatto, non dimentichiamo che sino a quel momento la normativa era piuttosto severa, ma anche di veder scadere la stima sociale e la considerazione che il medico e l'odontoiatra avevano presso la comunità, nel momento che si creasse una prevaricazione dell'aspetto imprenditoriale rispetto a quello medico. È sotto gli occhi di tutti che questi dubbi erano fondati. Vi ho già espresso la perplessità della Commissione che presiedo sulla opportunità di pagare somme anche ingenti per far circolare il proprio nome con articoli palesemente pubblicitari, magliette, siti web. Questo stesso pensiero è risultato essere condiviso da tutte le altre CAO che hanno quindi ritenuto importate fare il punto della situazione. Un esame della normativa in vigore ha evidenziato come ad un certo punto si parlasse di pubblicità informativa riguardante titoli, specializzazioni professionali, caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo ed i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dall'ordine. Si richiedeva quindi una serie di variazioni del Codice Deontologico entro il gennaio Il gruppo di studio ha quindi evidenziato come in realtà non si parli semplicemente di pubblicità, ma di pubblicità informativa, tradotto nel nostro Codice Deontologico con il termine certamente più chiaro di pubblicità di informazione. Il che vuol dire che non è vero che si può liberamente farsi pubblicità commerciale (che potrà essere promozionale e/o comparativa) ma semplicemente si potrà fare informazione e pubblicizzarla. Tutto chiaro? Non proprio in quanto occorre ben delineare il confine tra pubblicità ed informazione. Da un punto di vista pratico la pubblicità altro non è che una informazione parziale in cui si sottolineano degli aspetti, magari secondari ma di maggior impatto, e se ne tralasciano altri, magari più importanti ma di difficile apprezzamento per l'utenza. Molto correttamente la Commissione incaricata di esaminare questa problematica ha sottolineato come il legislatore ha in realtà dato un elenco di quello che era oggetto della liberalizzazione: titoli e specializzazioni professionali, caratteristiche del servizio offerto, prezzo e costi complessivi delle prestazioni. Va da se che questi elementi nel loro insieme sono informazione, singolarmente sono pubblicità. Inoltre oltre gli art. 55/56/57 del C.D. si dovrebbe far riferimento anche a quegli articoli che si riferiscono al decoro e dignità del sanitario vedi art 4 e 30, seppure quest'ottica, per noi importante, sia sottovalutata dall' Antitrust. La Commissione ha poi ricordato come sia prevista la verifica dell'ordine sulla trasparenza e veridicità della comunicazione e che questa in qualche modo debba trovare una sua collocazione temporale. Potrebbe essere una verifica preventiva, che in qualche modo meglio tutela la comunità ed il collega, impedendo che comunicazioni fallaci girino creando confusione nella gente ed impongano alla CAO di pertinenza di istituire un procedimento disciplinare a cose fatte. In vero la situazione è assai complessa, in quanto sino ad ora è mancato un coordinamento tra le varie CAO che si sono alle volte trovate di fronte a difficoltà oggettive, quali avvocati agguerriti, linee guida misconosciute, pareri legali contrastanti. Molto interessante è infine un parere del Ministero della salute in cui la liberalizzazione viene imputata solo alle attività libero professionali ed intellettuali, escludendo di fatto le società. Per concludere, forse qualcosa si sta muovendo, ed era ora. Non per fare il bacchettone moralista ma semplicemente per svolgere un compito di tutela della popolazione e dell'immagine della professione, libera o meno che sia. Ma soprattutto per ristabilire quel poco di credibilità che il medico e l'odontoiatra deve avere nell'interesse di tutti, e che i pieghevoli sui tergicristalli, gli articoli a pagamento (sono quelli non firmati), gli adesivi sugli autobus non hanno certo alimentato. Diego Paschina 9

10 LA VOCE DEI CONSIGLIERI Il collega Castronovo, odontoiatra Nato a Udine il 22 febbraio 1956 ho svolto nella mia città gli studi elementari e medi per iscrivermi, nel 1974, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Trieste. All inizio l entusiasmo era grande, ma le idee poco chiare tanto che il mio primo interresse è stata la Psichiatria. Verso la fine del corso di laurea mi sono invece appassionato alle branche chirurgiche ed in particolare alla chirurgia maxillo-facciale. Ho cominciato al 5 anno del corso di laurea in medicina e Chirurgia a frequentare la Clinica Stomatologica terminando il corso di laurea con una tesi specialistica ed entrando in scuola di specialità di Odontostomatologia. Nel 1983 è iniziata la mia carriera ospedaliera con l incarico di Assistente, sempre presso la Clinica Odontoiatrica e Stomatologica, ed è arrivata anche la prima esperienza di insegnamento presso la scuola per Infermieri Professionali Giulio Ascoli. Ma ormai stava per iniziare quella che è stata la grande rivoluzione per l odontoiatria: l istituzione del Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria che, imposto dalla Comunità Europea, ha cambiato le modalità di accesso alla professione che entro breve sarà riservata ai solo laureati in Odontoiatria. Ho avuto la fortuna di partecipare a questo epocale cambiamento ottenendo, nel 1985, l incarico di insegnamento di Odontoiatria Conservativa. Ma in questi anni mi sono avvicinato a quella che sarà Opuscolo informativo reperibile sul sito dott. GAETANO CASTRONOVO nato a Udine nel 1956, laureato a Trieste il 15 luglio 1980, dal 1 gennaio 2006 fa parte della Commissione per gli iscritti all Albo degli Odontoiatri e dal 1 gennaio 2009 fa parte del Consiglio Direttivo negli anni successivi la mia vera passione professionale: la Parodontologia. E la branca dell odontoiatria che si occupa delle patologie delle gengive e dell apparato di sostegno dei denti. E sicuramente una specialità di grande importanza in quanto la parodontite, forse più nota tra i non addetti ai lavori come Piorrea, rappresenta la maggior causa di perdita degli elementi dentari nei pazienti di età superire ai 40 anni ed è spesso collegata ad importanti patologie sistemiche quali diabete, vasculopatie e nascita di neonati pretermine. La malattia parodontale, per anni poco conosciuta e diagnosticata tardivamente, può essere trattata ed arrestata con successo nella gran parte dei pazienti. Da ormai 20 sono socio della Società Italiana di Parodontologia (SIdP) partecipando attivamente a 2 importanti progetti quali il progetto Diagnosi e, quest anno, Il Progetto Stili di Vita che si propone di suggerire l eliminazione di abitudini viziate e comportamenti errati e di adottare stili di vita sani al fine di prevenire ed arrestare anche la progressione della Malattia Parodontale. Ho sviluppato in questi anni anche un attività di ricerca clinica in particolare sulla valutazione del rischio della malattia parodontale, sul mantenimento degli elementi dentari con compromissione delle forcazione e sulla valutazione del trattamento implantare con la pubblicazione di numerosi articoli su riviste nazionali ed internazionale e la partecipazione come oratore a numerosi congressi e corsi. 10

11 Attualmente sono Dirigente medico di primo livello presso la Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dell Azienda Ospedaliera-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste diretta dal prof. Roberto Di Lenarda e titolare di Insegnamenti riguardanti le problematiche Parodontali ed Implantari presso il corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi dentale, il corso di Laurea in Igiene Dentale e la scuola di specialità in Chirurgia Orale della nostra Università. Dopo aver collaborato nei primi anni nello studio dentistico di mio padre svolgo ora attività libero professionale presso il mio studio in Trieste. Mi piace ricordare l attività di prevenzione e cura delle malattie del cavo orale, che svolgo assieme a numerosi colleghi ed in collaborazione con i centri trapianti della regione e con le più importanti associazioni di pazienti trapiantati d organo, nei soggetti sottoposti a trapianto d organo. Sono pazienti in terapia immunosoppressiva che, oltre ad avere possibili azioni dirette sulle gengive, li espongono ad un calo di difese immunitarie e quindi frequentemente ad infezioni di origine batteriche, fungine o virali. Tale attività si è concretizzata anche in un opera divulgativa di istruzioni pubblicata in collaborazione con l Azienda Ospedaliera ed in numerose pubblicazioni scientifiche e corsi tenuti in ambito regionale ed extraregionale. Da circa 25 anni sono socio della Associazione Nazionale Dentisti Italiani (ANDI) svolgendo il ruolo di segretario culturale nello scorso triennio e quello di revisore dei conti nell attuale consiglio. Nel 2005 ho avuto la possibilità di essere eletto consigliere della Commissione Odontoiatri dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Trieste presieduta dal dott.adriano Celato. E stata occasione per apprendere numerosi e diversi aspetti della professione che spero di incrementare nel l attuale triennio nel quale oltre che consigliere della CAO, presieduta dal dott.diego Paschina, sono anche consigliere dell Ordine diretto dal dott.claudio Pandullo. Svolgo la mia attività all interno della Commissione Pubblicità Medica e della Commissione Paritetica Ordine dei Medici - Corso di Laurea in Odontoiatria. Mi piacerebbe concludere sperando di aver fatto trasparire come nonostante siano passati ormai più di 30 anni da quando mi sono avvicinato alla professione è ancora tanto l entusiasmo nei confronti di tutti gli aspetti di questa lavoro e che mi piacerebbe essere capace di trasmettere questo entusiasmo agli studenti ed i colleghi con i quali quotidianamente collaboro. PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Piscina Terapeutica acquamarina Molo Fratelli Bandiera, 1 Tel Trieste Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva SERVIZI AMBULATORIALI AREA DELLA RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA Idrokinesiterapia, Fisiokinesiterapia, Tecar Therapy Dott.ssa T.Galante spec. in Fisioterapia Dott.N.Masè spec. in Fisioterapia, Medicina dello Sport PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva ATTIVITÀ DI RICOVERO E AMBULATORIALE AREA BRONCOPNEUMOLOGICA Dott. F.Crismancich spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato respiratorio Dott. B.Spacal spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato Respiratorio Dott.F.Toneatti spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato respiratorio Dott.R.Ukmar spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato respiratorio PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva ATTIVITÀ DI RICOVERO E AMBULATORIALE AREA DELLA RIABILITAZIONE CARDIO-RESPIRATORIA Dott. P.Gori spec. in Cardiologia Dott. F.Crismancich spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato respiratorio Dott.F.Toneatti spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato respiratorio PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva SERVIZI AMBULATORIALI AMBULATORIO PER LA TERAPIA AD ONDE D URTO EXTRACORPOREE Dott. M.Ghasem Pour spec. in Medicina Fisica e Riabilitazione Dott. T.de Nicola spec. in Radiodiagnostica, medicina dello Sport PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva SERVIZI AMBULATORIALI LABORATORIO ANALISI CHIMICO-CLINICHE E BATTERIOLOGICHE Dott.ssa F.Bearzi Biologa PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva SERVIZI AMBULATORIALI ALLERGOLOGIA RESPIRATORIA Dott. B.Spacal spec. in Tisiologia e Malattie dell Apparato Respiratorio PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd PINETA DEL CARSO CASA DI CURA Viale Stazione, Duino Aurisina (TS) Telefono: (centralino) - fax: Sito Internet: Dir. Sanitaria: dott. Lucio PETRONIO spec. in Medicina del Lavoro, Igiene e Medicina Preventiva ATTIVITÀ DI RICOVERO AREA DELLA RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA con Piscina Riabilitativa Dott.N.Masè spec. in Fisioterapia, Medicina dello Sport AREA DELLA RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dott. G.Borotto Medico Chirurgo PROTOCOLLO /GEN-IV-1-D-1 dd

12 NOTIZIE DALLA FACOLTÀ MEDICA Per noi un intervista al Presidente del CNU sul tema della riforma dell Università Il Senato ha, da qualche giorno, approvato, in via definitiva, la riforma dell Università, voluta con estrema determinazione dal Governo, e che ha suscitato e suscita ancora molte proteste e profonda preoccupazione, tra i Docenti, oltre che fra una parte dei Rettori. Sui principi che l hanno ispirata, i contenuti, le ricadute, i retroscena che hanno accompagnato il varo ed il travagliato iter parlamentare della legge, abbiamo sentito il Prof. Franco Indiveri, Docente di Medicina Interna della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Genova, Presidente Nazionale del CNU, una Associazione Autonoma di Docenti e Ricercatori Universitari, che da anni si batte per una Università Autonoma, Meritocratica, Pubblica. Quali sono stati i principi ispiratori di questa riforma? L'Università Italiana è, certamente, afflitta da molti problemi che risalgono al fatto che dal 1980 non è stata adeguata alle esigenze emerse nella Società che richiederebbero un sistema di istruzione superiore basato sulla capacità di produrre ricerca, innovazione e cultura per formare generazioni capaci di rendere competitiva la Società. Purtroppo la legge testé approvata dal Parlamento è stata ispirata da una visione aziendalistica e verticistica che immagina di poter rendere efficiente il sistema promulgando regole che danno tutto il potere ad un unico soggetto,il rettore, senza fornire risorse per promuovere la ricerca e senza predisporre meccanismi seri per valutare l'efficienza della utilizzazione di tali risorse. A chi può essere attribuita la paternità visto che la maternità sembrerebbe accertata? La paternità è da ricercare in ambienti politico-industriali che interpretano la ricerca come un orpello poco funzionale e/o come una opportunità per drenare risorse dallo stato. Quali soni i contenuti più qualificanti? Il progetto di riforma è partito da premesse accettabili, la necessità di rendere più efficace la gestione degli atenei; di rendere più trasparenti i processi di selezione del personale docente; di rendere più razionale e aderente alle esigenze della società la scelta e l'organizzazione dei corsi di laurea, dei poli didattici e degli stessi atenei. In realtà tutto ciò è rimasto nelle intenzioni, le modifiche del sistema di governo si sono fermate al potenziamento dei poteri del rettore e all'enunciazione dell'ingresso di soggetti esterni nei consigli di amministrazione. In realtà già prima in quasi tutti i consigli di amministrazione sedevano rappresentanti delle istituzioni, la nuova normativa non definisce i criteri con cui i soggetti esterni debbano essere selezionati e lascia ampia discrezionalità nella loro scelta. Le novità in tema di selezione dei docenti definiscono un meccanismo basato su due processi: idoneità nazionale aperta a tutti e scelta dei dipartimenti dal pool degli idonei. E' facile immaginare che il processo idoneativo non sia molto selettivo (i medici hanno sperimentato il meccanismo nei concorsi per primario ospedaliero) e che la selezione da parte dei dipartimenti non sarà sottratta alle influenze delle lobbies accademiche che in teoria si volevano sterilizzare, infatti manca qualsiasi riferimento ad una valutazione ex post dell'efficacia delle scelte fatte dal singolo dipartimento ed alle conseguenze che scelte non produttive potessero avere sulla erogazione delle risorse allo stesso dipartimento. A livello parlamentare è stato introdotto il divieto di assumere parenti dei componenti del governo di ateneo o di dipartimento, anche questa sembra una grida manzoniana dal momento che è ampiamente sperimentato che le lobbies accademiche sono molto abili nell'aggirare questi divieti con accordi trasversali. Accanto alla modifica dei meccanismi di accesso è stato introdotto il concetto che la progressione del trattamento economico sia legato alla valutazione della produttività scientifica e didattica, questa innovazione sembra logica e condivisibile e lo sarebbe se fosse stato definito il meccanismo della valutazione che invece pur molto enfatizzata è demandata ad un organismo, l'agenzia nazionale per la valutazione dell'università e della ricerca, che è ancora da organizzare e rendere operativo, inoltre per imporre una carriera articolata in funzione della valutazione del prodotto professionale sembrerebbe necessario fornire al soggetto in carriera gli strumenti necessari al suo lavoro, la legge di riforma al contrario non prevede alcun supporto economico alla ricerca scientifica e alcuna correzione dei tagli che le ultime finanziarie hanno imposto al finanziamento ordinario delle università. Un'altra innovazione è quella relativa alla messa in esaurimento del ruolo dei ricercatori e alla creazione della figura del ricercatore a tempo definito che nell'arco di sei anni dovrebbe maturare la capacità scientifica necessaria ad intraprendere il mestiere del professore universitario. Anche in questo caso una buona intenzione viene interpretata in maniera discutibile, infatti il numero dei ricercatori a tempo definito non è programmato in funzione del turnover dei professori, per il loro lavoro di ricerca non è previsto alcun supporto economico, la nuova figura non sostituisce ma si aggiunge alle numerose figure di precari che lavorano nelle università (assegnisti, borsisti, contrattisti etc.). Non è difficile immaginare che così organizzata la innovazione porterà alla creazione di un nuovo pool di precari che dopo aver sperimentato il percorso accidentato fra borsa-assegno- contratto- ricercatorato a termine, sull'orlo della maturità, premeranno disordinatamente alle porte delle università per accedere ad un ruolo. 12

13 Il problema della razionalizzazione degli atenei, poli didattici etc. è solo enunciato, la legge non stabilisce alcunché sulla valutazione né sulle conseguenze che questa potrebbe avere. Quanto ha pesato, nel definirli, l esigenza economica e quanto un cambiamento ideologico (dal pubblico al privato)? Il primo movente è stato certamente quello economico, cioè l'esigenza di comprimere la spesa in un settore in cui il finanziamento ordinario (FFO) non era più sufficiente per mantenere la spesa corrente, infatti è stato creato un sistema di valutazione basato sul rapporto fra finanziamento ordinario e costo del personale che ha distinto le università in virtuose e non a seconda che la spesa corrente per il personale superasse il 90% del FFO. Naturalmente questa classificazione non ha tenuto conto del prodotto e della qualificazione scientifica. Contemporaneamente le finanziarie degli ultimi tre anni hanno tagliato l' FFO e costretto le università a ridurre il turnover del personale in modo da rientrare nei limiti della virtuosità. Questo processo mira, evidentemente a restringere il raggio di azione dell'università pubblica e lasciare spazi a quella privata alla quale viene lasciato un ampio margine di discrezionalità organizzativa. In che misura si è fatto ricorso all uso mediatico distorto per informare l opinione pubblica (tenure track ad es.)? L'opinione pubblica in generale ha scarsa conoscenza del sistema universitario e, spesso, cavalca episodi scandalistici senza mai considerare che il sistema, nonostante le difficoltà finanziarie e normative, produce buona ricerca tanto da collocarsi fra i primi dieci del mondo. Alcuni degli scandali che vengono enfatizzati nei confronti dell'università rappresentano, in realtà, difetti della società italiana, vedasi il familismo che ha interessato alcuni atenei ma che è fiorente in molti altri settori. Per quanto riguarda la legge in questione si è fatta molta propaganda sul fatto che essa avrebbe ridotto il potere dei baroni mentre, come ho detto prima, le lobbies accademiche risultano oggettivamente rafforzate, si è detto che con l'istituzione della figura del ricercatore a tempo definito si sarebbe razionalizzato il percorso di accesso alla docenza mentre non sono state previste risorse per permettere a queste figure di sviluppare un percorso di ricerca né è stato programmato il loro numero in funzione del turnover. Quante false informazioni sono state fornite? Molte, dall'analisi del sistema universitario che è stato descritto come un coacervo di infingardaggine trascurando e offendendo la maggior parte degli operatori che con sacrificio e dedizione mantengono a galla il sistema, alla prospettiva che modificando qualche regola si possa incidere sulla struttura e funzione del sistema che invece richiederebbe una iniezione di rigore e fiducia. Quali sono le ricadute attese? Se la legge rimane come è le ricadute saranno negative, la carenza di risorse non permetterà lo sviluppo della ricerca, costringerà gli atenei a ridurre l'offerta formativa e a restringere le offerte per gli studenti, la messa ad esaurimento dei ricercatori di ruolo ridurrà (di circa ) il numero dei docenti di ruolo facendo lievitare il rapporto docenti/studenti a livelli poco funzionali, la istituzione non programmata dei ricercatori a tempo definito allargherà la palude del precariato, la mancanza di norme precise che definiscano i criteri per la creazione di nuove università non porrà freno ai desideri dei politici locali di inventarsi atenei sotto casa privi delle qualificazioni necessarie. Sarà applicabile? La legge licenziata dal Senato è un grosso contenitore di buone intenzioni e rimanda ad una pletora di decreti attuativi la sua applicazione. Questo aspetto e l'esperienza della legge di riforma promulgata dal Ministro Moratti due legislature fa ci suggerisce l'idea che la sua realizzazione sarà difficile o addirittura impossibile con il rischio di aver messo in moto qualcosa che non sarà in grado di generare propulsione. Si può ancora fare qualcosa per migliorarla o si aspetta il persistere del rifiuto al dialogo del Ministro? Forse si potrebbe apportare qualche miglioramento, ma è difficile intervenire su una costruzione che ha difetti strutturali. Il CNU ha,invano, chiesto che: a) si definiscano i canali di finanziamento della ricerca; b) si riconosca lo status di professore ai ricercatori di ruolo dopo una attenta valutazione del loro lavoro; c) si definisca una unica figura di professore universitario che possa progredire attraverso fasce (due o tre) sulla base di una valutazione periodica e obbligatoria della produttività scientifica e didattica; d) che si definisca un meccanismo di valutazione ex post delle chiamate in ruolo dei professori da parete dei dipartimenti e che questa valutazione sia connessa con il flusso delle risorse; e) che si definisca una unica figura pre-ruolo che abbia un percorso chiaro e che possa acquisire titoli professionali da utilizzare fuori dall'università se l'accesso alla docenza fallisse; f) che il potere del rettore sia bilanciato da organi di controllo democratici. Il fatto che non ci sia stata opposizione in Parlamento (a parte alcune prese di posizione opportunistiche)cosa le fa pensare (ci sono speranze di trovare sostegno alle proposte CNU)? L'opposizione in Parlamento ha avuto due fasi, nella prima discussione al Senato essa è stata piuttosto flebile anche in considerazione del fatto che il partito di opposizione maggiore (PD) aveva elaborato un progetto di legge che in qualche modo risulta parallelo a quello governativo. Di fronte al testo inviato alla camera l'opposizione ha messo a fuoco i difetti della legge ed ha cercato di migliorarla senza riuscirci. La legge di riforma dell'università è diventata un problema politico che prescinde dai contenuti e dall'efficienza del sistema universitario italiano. La presidenza del CNU ha poche speranze che si possa aprire un dialogo con il Ministro che non ha voluto, pervicacemente, avere alcun contatto con il mondo universitario (fatta eccezione della CRUI e di alcuni rettori) 13

14 rinunciando a qualsiasi contributo di coloro che l'università vivono. E per la Facoltà di Medicina e Chirurgia? C è il rischio che venga scorporata dall università tenuto conto del ridimensionamento del Corpo Docente? La facoltà di medicina è appena sfiorata dalla legge che rimanda tutta la problematica ai rapporti con la sanità. Il futuro della facoltà deve essere inquadrato nella applicazione integrale della legge Bindi e nella precisa definizione del ruolo della medicina universitaria nelle aziende miste. Purtroppo ancora oggi alcuni universitari continuano a considerarsi in concorrenza con i corrispettivi ospedalieri invece che complementari ad essi. Se questo nodo non venisse sciolto il futuro sarebbe incerto. A cura di Renzo Carretta... E DAGLI SPECIALIZZANDI Stabilizzazione finanziaria e competitività economica in sanità Vogliamo esprimere la nostra seria preoccupazione per i contenuti riguardanti la sanità presenti nella legge numero 122, approvata dal governo il 30 luglio 2010, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita' economica. La legge prevede il blocco del turn-over fino al 2014 e il razionamento del personale sanitario. Essa infatti decreta che fino a dicembre 2011 solo un medico ogni cinque, di quanti cesseranno l attività assistenziale per anzianità, potrà essere sostituito. E fino a dicembre 2014 potrà subentrare solamente un medico per ogni due medici andati in pensione. Infine dal primo gennaio 2015 il numero delle assunzioni non potrà superare quello delle unità cessate nell anno precedente. Sono previste inoltre la riduzione del 50% dei medici a tempo determinato con convenzione e con contratto di collaborazione, e la riduzione del 80% delle consulenze. A decorrere dal primo gennaio 2011 le amministrazioni potranno quindi avvalersi di personale a tempo determinato o con convenzioni o con contratti di collaborazione coordinata e continuativa nel limite del 50% della spesa sostenuta per le stesse finalità nell anno Tutto ciò in totale contrasto con quello che sta succedendo invece per l ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia, dove si è visto un aumento complessivo nazionale dei posti a numero chiuso. In un prossimo futuro assisteremo a una sovra-saturazione del sistema sanitario, ci saranno infatti molti più neo-laureati e neo-specializzati di quelli che il Sistema Sanitario Nazionale potrà assorbire nelle proprie strutture. Molti dei nostri giovani medici saranno quindi costretti ad emigrare all estero per poter trovare lavoro, regalando ad altri Stati le loro capacità professionali e i milioni di euro che l Italia ha investito nella loro formazione specialistica. Sono queste la competitività e la stabilizzazione economica di cui tanto si parla? Laura Ukovich Federspecializzandi Trieste Specializzandi: finalmente un controllo di qualità! Dal 22 novembre 2010 al 10 gennaio 2011, tutti i medici specializzandi iscritti con il Nuovo Ordinamento hanno la possibilità di compilare on-line (andando sul sito del CINECA) un questionario di valutazione della propria Scuola di Specializzazione. 14

15 Nei mesi scorsi già era stato fatto un tentativo in tal senso da parte dell associazione di categoria Federspecializzandi che in proprio aveva preparato un questionario e l aveva diffuso in tutta Italia con lo scopo di valutare con diversi parametri l effettivo funzionamento delle scuole. I risultati in quella circostanza non furono estremamente confortanti. Questa volta invece l iniziativa è centralizzata e parte per così dire dall alto, ma con il medesimo scopo di valutare cosa si faccia realmente nelle scuole per preparare gli specialisti di domani. Il questionario è rivolto ai medici iscritti con il nuovo ordinamento, in pratica al I e al II anno di scuola. La compilazione del questionario è anonima. Le domande spaziano in ogni campo: dalle ore di servizio settimanali, alla possibilità di fare ricerca, dalla possibilità di seguire delle lezioni frontali al diritto di usufruire di servizi aziendali come parcheggio e mensa agevolata (tasto dolente a Trieste, città nella quale attualmente gli specializzandi non hanno diritto di parcheggiare la propria auto nel parcheggio aziendale e, se vogliono, possono andare in mensa pagando circa tre volte quello che paga il personale assunto dall ospedale). Importante è che tutti gli specializzandi ne capiscano l importanza e compilino con onestà il questionario. In particolare, questo riveste importanza per i medici iscritti alle scuole accorpate e aggregate nelle quali, alla necessità evidente di risparmiare facendo confluire più scuole (spesso materialmente distanti fra loro) in una sola, si contrappone la necessità di una vera possibilità di organizzare un percorso formativo, cosa che attualmente sembra più teorica che pratica. In alcune scuole, infatti, da due anni gli specializzandi non hanno un piano di studi, non seguono lezioni frontali e non sembra realmente partito il cosiddetto tronco comune ossia quell organizzazione che dovrebbe prevedere un periodo di formazione generale e comune tra scuole attinenti fra loro; cosa che, funzionando a dovere, dovrebbe ampliare la formazione dello specialista. L associazione Specializzandi Medici di Trieste (AsMeTs) esprime grande entusiasmo nei confronti di questo importante strumento volto (speriamo) a migliorare la qualità della formazione e invita caldamente tutti i colleghi a trovare reale motivazione e interesse nel compilarlo! Giovanna Servillo Stato dell arte: bando per l accesso alle scuole di specializzazione di area medica Come avvenuto negli ultimi anni anche quest anno si stanno verificando alcuni ritardi nell emanazione del bando per l accesso alle scuole di specializzazione in area medica. L iter che porta all emanazione del bando è lungo ed è reso più complesso dalla nuova normativa del riordino (D.M. 1 agosto 2005) che ha però finalmente imposto una valutazione della capacità formativa delle scuole di specializzazione. Il primo scoglio di questo iter, la definizione del fabbisogno di futuri specialisti, definito nel 2008 dalla conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, essendo di durata triennale in base all ART. 35 comma 1 del D.Lgs. 368/99, non necessita di modifiche da parte delle Regioni o della conferenza stessa, come per altro è avvenuto lo scorso anno. Il punto nodale che giustifica i ritardi che si stanno accumulando è invece la valutazione della capacità formativa delle scuole e la conseguente definizione di accorpamenti e scuole capofila, ed è reso ancora più problematico dal ritardo nella nomina del nuovo Osservatorio Nazionale, dopo che quest ultimo è decaduto nel marzo u.s. Attualmente grazie anche all impegno a livello nazionale di Federspecializzandi si è deciso di chiedere l attivazione da parte di tutte le istituzioni coinvolte (Atenei, Facoltà, Ministeri e Regioni) per una valutazione delle scuole seria, condivisa, e rapida che porti in tempi brevi all emanazione del bando per l ammissione alle scuole stesse, al fine da evitare gli ormai consueti ritardi che si ripercuotono su tutto il sistema formativo e sanitario italiano. A tal fine qui a Trieste si è costituito un gruppo di aspiranti specializzandi per chiedere un confronto con le istituzioni sia universitarie che governative locali. Stefano Restaino Lettere... Lettere e brevi articoli di interesse ordinistico provinciale vanno inviati in formato cartaceo a OMCeO-TS, piazza Goldoni 10, Trieste, all attenzione del Direttore Mauro Melato o, preferibilmente, in formato elettronico a 15

16 ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE MEDICO (AIDM) Costituita la sezione di Trieste della Associazione Italiana Donne Medico (AIDM) Da qualche tempo alcune di noi donne medico iscritte all Ordine dei Medici e Odontoiatri di Trieste siamo state sollecitate dalla direzione nazionale a ricostituire una sezione di Trieste dell AIDM. Si è tenuto a Bari il marzo 2010 il Congresso Nazionale AIDM che ha visto un nuovo grande interesse delle donne medico a partecipare all assise visti gli argomenti di attualità. I temi trattati sono stati centrati sulla salute della donna in generale, gravidanza e parto visto come completamento della donna, ma talvolta considerato un ostacolo per l attività lavorativa, problemi correlati alla menopausa, aumento del rischio cardiovascolare nelle professioniste, depressione per citare alcune delle problematiche svolte. Ci sembra utile fornire alcune informazioni sulla storia dell Associazione. Il 14 ottobre 1921 fu fondata a Salsomaggiore Terme con il nome di Associazione Italiana Dottoresse in Medicina e Chirurgia due anni dopo la nascita a New York della Medical Woman International Association. In quegli anni le donne medico in Italia erano circa 200 viste piuttosto con diffidenza dai pazienti ed anche dai propri colleghi uomini. Gli scopi dell associazione erano e tuttora sono: -valorizzare il lavoro della donna medico nel campo sanitario -promuovere la collaborazione fra le donne medico -collaborare con le altre Associazioni Italiane ed Internazionali per lo studio delle problematiche sanitarie e socio-sanitarie che coinvolgono la collettività ed in particolare le donne -promuovere la formazione scientifico culturale in campo sanitario. Obbiettivo importante per l AIDM è acquisire spazi per le donne medico che, seppur oggi sono così numerose da eguagliare la componente maschile, trovano ancora difficoltà, nonostante l impegno e la rigorosa preparazione, ad affermarsi ai massimi livelli, specialmente in alcune discipline considerare tradizionalmente prerogativa maschile. Attualmente in Italia ci sono una trentina di sezioni dell AIDM, pensiamo sia utile anche per Trieste la presenza di una sede, perché con la collaborazione di tante di noi potremmo portare molti argomenti importanti sia a livello locale che nazionale. Dalle pagine del nostro bollettino desideriamo stimolare le donne medico ad attivarsi e partecipare all attività della rinata sezione di Trieste dell AIDM ed avere l occasione di trattare argomenti, criticità, bisogni, risorse che le donne nella professione possano condividere ed assieme se possibile risolvere. Le colleghe interessate sono invitate a contattare la segreteria dell Ordine dei Medici e lasciare il proprio nominativo per partecipare in modo attivo a questa iniziativa Past presidente Eva Grimaldi Presidente Gabriella Vaglieri Vice presidente Gabriella Clarich Tesoriera Tiziana Cimolino Consigliere Vincenza Russo Antonella Detoni Roberta Situlin Gabriella Clarich 16

17 E da ultimo un comunicato: è nato anche a Trieste il Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) Il Segretariato Italiano Giovani Medici (S.I.G.M.), nato dalle robuste radici del Segretariato Italiano Medici e Specializzandi (S.I.M.S.), realtà che negli ultimi anni si è affermata sul territorio nazionale quale associazione di riferimento per i medici in formazione specialistica, si propone all attenzione della comunità medica Italiana in qualità di realtà associazionistica che si prefigge di portare a sintesi le istanze dei Giovani Medici Chirurghi Italiani. Il S.I.G.M., associazione no profit, persegue il fine di dare un contributo qualificante alla formazione dei giovani medici, ai profili etici e sociali della professione medica, alla crescita intellettuale, professionale, deontologica delle nuove classi mediche; il tutto promuovendo relazioni operose fra le professionalità mediche Italiane e di ogni nazionalità, fra i medici e la società civile; svolge inoltre attività nei settori dell istruzione medica generale e specifica, della formazione sociale e medica, della ricerca scientifica di particolare interesse. Affermare un modello di medico che abbia padronanza della propria professione in ogni condizione, oltre i confini geografici e culturali, aprendosi al confronto con le realtà assistenziali internazionali senza trascurare di contribuire al miglioramento del complicato contesto nel quale opera, è il sogno della Dirigenza del SIGM. L impegno affinchè non vengano disperse le motivazioni iniziali che hanno indotto i giovani ad intraprendere il lungo percorso formativo della medicina, salvaguardando l attenzione alla cura della persona globalmente intesa, prima ancora che al paziente-utente, sintetizza lo spirito dell Associazione. In tale ottica il S.I.G.M. offre servizi, in termini di formazione, occasioni di lavoro e perfezionamento in Italia ed all Estero, di accesso alla ricerca scientifica, senza mancare di curare una corretta informazione e formazione sugli aspetti tecnico legislativi e di intervenire attivamente e criticamente sulle Politiche sanitarie, professionali e previdenziali. Il S.I.G.M. ha prodotto, inoltre, il primo Manuale del Giovane Medico, nel quale sono reperibili tutte le informazioni di riferimento per quanti si affacciano alla professione medica, e la rivista sul web, Capsula Eburnea, che pubblica articoli scientifici originali su argomenti di medicina, biomedicina, biotecnologie mediche, scienze motorie e psicologia medica. Capsula Eburnea (ISSN ) è una rivista scientifica, ma anche uno strumento di formazione per giovani ricercatori. Tutte le produzioni edite dal S.I.G.M. sono disponibili on line sul sito web dell associazione: L assetto organizzativo del Segretariato, ramificato sul territorio in Sedi Locali e Provinciali, prevede un articolazione in Dipartimenti, autonomi, ma coordinati da un direttivo parimenti rappresentativo delle differenti specificità. Attualmente il S.I.G.M. è presente in ben 25 sedi distribuite sul territorio nazionale. L Associazione vuole creare i presupposti per favorire il dialogo tra medicina universitaria, ospedaliera e territoriale, superando gli steccati posti in essere dalla ultraspecializzazione e dalla mancanza di una cultura di Sistema e di rete che quotidianamente produce carenze, disservizi e spreco di risorse. In altre parole, il SIGM vuole rappresentare un movimento di pensiero, ma anche culturale, che rinnovi nello spirito la medicina Italiana. Il SIGM, da Statuto, ha individuato la FNOMCeO e gli Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri quali riferimenti Istituzionali e modelli organizzativi ai quali ispirarsi. Il S.I.G.M ha avviato da tempo una partnership con futurimedici.com, il portale degli studenti in medicina Italiani. Attualmente il rappresentante di tutti gli specializzandi Italiani al CNSU è un membro del SIGM. Il SIGM a Trieste intende essere un riferimento per medici specializzandi ma anche per i colleghi del corso di formazione Ceformed in Medicina Generale, della Continuità Assistenziale e per giovani specialisti liberi professionisti. Ai colleghi il SIGM offre servizi di consulenza legale e fiscale a condizioni agevolate presso professionisti locali convenzionati. Infine il SIGM a Trieste non vuole essere in contrapposizione con le altre realtà rappresentative in particolare dei medici specializzandi, ma, possibilmente, collaborare per il bene comune, ovvero la dignità e la tutela dei giovani professionisti. Il SIGM a Trieste intende inoltre dialogare con le realtà sindacali disposte ad ascoltare le istanze dei giovani colleghi. Giuliano PESEL incaricato locale SIGM ad interim 17

18 DALL IRCCS BURLO GAROFOLO La protezione dal dolore Garantire la protezione dal dolore, fare in modo che i piccoli pazienti sottoposti ad intervento chirurgico al Burlo possano sentirsi più sereni, sapendo che tra gli obiettivi della struttura sanitaria c'è anche quello di limitare e tenere sotto controllo il dolore stesso. Era questo l'obiettivo del grande progetto Ospedale senza dolore, che coinvolgeva tutti gli ospedali regionali, e che in un luogo come il Burlo, dove i pazienti sono soprattutto bambini, ha un valore speciale. Il gruppo di lavoro medico-infermieristico per il controllo del dolore - dice la dott.ssa Patrizia Vallon, già referente per il Burlo del progetto - è una iniziativa dove questo e un aspetto che potremmo definire normale, che fa parte del piano stesso delle cure, dove il sintomo viene individuato, misurato, ridotto o eliminato attraverso delle terapie che possono prevedere sia l'utilizzo di medicinali sia di tecniche per rendere gli interventi meno invasivi, o ancora azioni che migliorino la condizione del paziente nella struttura. L'obiettivo del gruppo è che il concetto di ospedale non sia più automaticamente associato al concetto di dolore e paura, come spesso accade per i pazienti, piccoli o adulti che siano: Un bambino che viene ricoverato per un intervento accetta il periodo di degenza con più serenità sapendo che è a lui garantita la protezione dal dolore. E' provato scientificamente inoltre, che se non trattato, il dolore scatena un circolo vizioso di ansia e stress che a loro volta aumentano l intensità del dolore stesso, dice ancora Patrizia Vallon. Esistono due tipi di dolore contro cui combattere in ospedale: quello acuto, momentaneo, collegato a una particolare e puntuale causa, e quello cronico, che nei bambini è spesso legato a patologie di carattere medicooncologico. Ci sono evidenze - spiega ancora Patrizia Vallon - che dimostrano come il trattamento del dolore acuto, oltre a garantire un miglioramento delle condizioni del paziente, permette una diminuzione delle complicanze e dei tempi di degenza. Per quanto riguarda invece il dolore cronico, il Burlo ha messo in atto protocolli e procedure coordinate tra oncoematologi, pediatri, psicologi ed anestesisti per attivare una strategia comune contro il dolore dei bambini. Strategie di cura, attenzione e rispetto: sono questi i punti cardine che stanno alla base dell'ospedale senza dolore. Sul fronte del rispetto, i bambini e le loro famiglie sono tutelati partendo dal presupposto che il dolore del paziente è sempre tenuto in considerazione, e misurato, in tutte le sue espressioni: Facciamo attenzione all'aspetto psicologico, alla paura indotta dal luogo in se stesso, e dalla presenza di materiali e tecnologie che possono impaurire il bambino. Teniamo conto di tutte le manifestazioni del dolore, e lo misuriamo parlando ai bambini con un linguaggio adatto alla loro età. In questo contesto, la presenza dei genitori è fondamentale: Questo ospedale è sempre stato all'avanguardia relativamente alla presenza dei familiari in reparto, oggi questo è ancor più vero, perché i genitori possono entrare anche in sala pre operatoria e nella sala del risveglio, e il distacco dai propri bambini avviene all'ultimo momento possibile. Il Burlo senza dolore: i principali protocolli per il dolore acuto Misurazione e registrazione del dolore: la cartella clinica dei piccoli pazienti riporta dati relativi al dolore. L'intensità del dolore si misura con diversi tipi di scala, a seconda della capacità dei bambini di esprimersi. Può essere una misurazione attraverso l'osservazione esperta di infermieri e medici, oppure la valutazione del paziente attraverso simboli o una scala da 1 a 10. Protocolli farmacologici. Per ogni patologia è definita a priori una cura del dolore, ogni intervento presuppone la possibilità di curare il dolore molte volte in via preventiva, ovvero somministrando gli analgesici prima che il dolore appaia e in maniera costante, per evitare che il dolore riemerga. Un ambiente sorridente. La cura dell'ambiente, la possibilità per i genitori di restare con i figli, la specifica preparazione delle infermiere nella realizzazione di manovre dolorose (come eseguire una puntura)i: si tratta di strategie che fanno parte del prendersi cura dei pazienti adottato al Burlo. Si tratta di una gestione che permette al bambino di limitare le sensazioni negative, e inquadrare il dolore come sintomo fisico, e non ingrandirlo come disagio psicologico. Oggi in sala operatoria si può entrare con il proprio pupazzo preferito. Il dolore grave. Ci sono situazioni nelle quali gli effetti di un ambiente positivo non sono sufficienti ad arginare il dolore dei pazienti. In questi casi, le terapie antalgiche si avvalgono di metodiche più invasive e di dispositivi di infusione continua denominate elastomeri che erogano in maniera costante per 24/48 ore il farmaco o la miscela di farmaci previsti. E in fase di studio l autocontrollo della terapia con dispositivi di erogazione a richiesta da parte del paziente o dei genitori e infermieri che lo accudiscono. La verifica audio-visiva. Il percorso del paziente dal suo arrivo in sala operatoria, fino al rientro in reparto è auto valutato continuamente dagli stessi operatori sanitari, con l aiuto di filmati realizzati nella quotidianità delle attività chirurgiche e nella gestione dei pazienti in Rianimazione nella pretesa di un continuo miglioramento delle performance individuali. 18

19 DALLA STAMPA INTERNAZIONALE Ancora grandi cambiamenti nella sanità inglese Il Servizio Sanitario Inglese (NHS), dopo la vittoria dei conservatori, si rinnova ancora, non ritenendo sufficiente la riforma Darzi del precedente governo laburista 1. L Inghilterra è sempre più alla ricerca di un sistema che possa autoregolarsi e migliorarsi, in base ai suoi principi storici, gratuità e accessibilità a tutti sulla base del bisogno e non sulla capacità di pagare, senza le rigidità che derivano dalla gestione centrale, che spesso non consente i miglioramenti necessari che potrebbero partire dalla base, da parte degli operatori sanitari. Recentemente il Ministero della sanità inglese (ne restano esclusi il Galles, l Irlanda del Nord e la Scozia) del governo conservatore presieduto da David Cameron ha pubblicato il Libro bianco Equity and excellence: Liberating the NHS 2, che annuncia novità consistenti: la reale centralità del paziente nel SSN, il continuo miglioramento di ciò che conta per il paziente, e cioè il risultato delle loro cure sanitarie; la delega ai medici per innovare e migliorare i servizi sanitari, liberati così dalla burocrazia e dall obbligo di raggiungere obiettivi prefissati dal vertice dell organizzazione. Resta sempre valido l obbligo di intervenire nell ambito della disponibilità delle risorse economiche messe a loro disposizione. Gli aspetti principali della riforma sono costituiti dall abolizione delle Strategic Health Authorities e dei Primary Care Trusts (PCTs) (equivalenti, grosso modo, alle funzioni amministrative degli assessorati della sanità e le aziende sanitarie). Il punto centrale gestionale sarà costituito dai vari Consorzi dei medici di famiglia, che avranno a disposizione l 80% delle risorse del servizio sanitario inglese. Vi sarà un sistema d acquisto di prestazioni tipo libero mercato tra le varie strutture sanitarie pubbliche, in un sistema di concorrenza in semimercato, condizionato dalle scelte (si spera responsabili) dei pazienti, piuttosto che dal raggiungimento di obiettivi di salute (target) previsti. Il controllo pubblico avverrà da parte di nuove strutture - NHS Commissioning Board - e dei comuni. Questi ultimi riprenderebbero, grosso modo, il ruolo del vecchio ufficio d igiene (vaccinazioni, controllo delle malattie infettive ) e degli assessorati dei servizi sociali, mentre i primi riprenderebbero i compiti delle Agenzie sanitarie regionali e degli uffici di Programmazione e controllo. Per quanto riguarda gli ospedali, continuerebbe la strada verso le Fondazioni semiprivate (più che semipubbliche).un altro punto realmente innovativo dovrebbe essere la reale centralità del paziente, attraverso le garanzie di maggiori informazioni sul versante delle sue condizioni cliniche e della possibilità di essere curato nelle strutture più convenienti, sia dal lato dei risultati clinici sia da quello della tempestività degli interventi. Questo dovrebbe stimolare le strutture sanitarie a lavorare meglio, in quanto quelle meno efficienti potranno trovarsi con meno pazienti e quindi con meno fondi a disposizione. Fin qua, il tutto potrebbe essere giudicato, da parte di alcuni addetti ai lavori, in particolare di quelli fautori dell intervento privato, interessante e proponibile anche in molte regioni italiane. Quello che invece appare più difficile da trasferire in Italia è la parte riguardante la responsabilità che dovrebbero assumersi i cittadini riguardo alle scelte inerenti quanto sopra esposto, in particolare l aderenza ai regimi terapeutici, alle scelte e ai consigli medici e soprattutto ai migliori stili di vita. Infatti in Inghilterra vi è da tempo l abitudine, da parte dei pazienti, di accettare le scelte mediche, soprattutto quelle riguardanti aspetti etici, che in Italia rappresentano un aspetto ancora nebuloso, sia sul piano legislativo sia su quelle delle consuetudini. Le prime valutazioni da parte dei medici inglesi sono abbastanza positive 3. I medici di famiglia inglesi (General Practitioner, GP) accentuano il fatto che vi dovrà essere un attenzione maggiore ai bisogni dei pazienti piuttosto che ai target imposti dal governo, mentre i medici ospedalieri 4 si rendono conto che potranno avere una grande influenza sul sistema, ma anche una grande responsabilità, in quanto non verrà valutata l efficienza, ma l efficacia, cioè i risultati, sia di salute sia economici, il che non appare semplice, per vari motivi. Chris Ham, l autorevole direttore del King s Fund, importante fondazione inglese che si occupa del miglioramento del NHS, è scettico 5 sul fatto che questo innovativo piano sanitario possa dare risultati certi, in quanto una grande parte di questa riforma è già stato sperimentata 20 anni fa, dal governo conservatore della Thatcher, con scarsi risultati positivi. Non è detto poi che i GP vogliano assumersi la responsabilità di essere il perno del sistema. Ham si pone alcune domande: sarà permesso di fallire, come previsto dal piano governativo, alle strutture non efficienti, comunque pubbliche, che servono aree nelle quali, magari, sono le uniche presenti? Inoltre, sarà possibile recuperare risorse attraverso l appropriatezza, come necessario e come ipotizzato? Sarà possibile coniugare competizione e collaborazione, quest ultima sempre più importante della prima in campo sanitario? Insomma, secondo Ham, è tutto da dimostrare che queste notevoli innovazioni possano produrre risultati. Vi sarà comunque una grande attenzione, a livello internazionale, a questa ulteriore innovazione del sistema sanitario inglese, vero capostipite del nostro sistema sanitario, che comunque, nonostante la necessità di ulteriori miglioramenti, risulta offrire prestazioni di buon livello soprattutto nel Nord e in alcune regioni del Centro. Infatti, la recente crisi finanziaria globale ci ha avvisato, se proprio ce n era bisogno, che le risorse finanziarie non sono infinite e che bisogna trovare un modo di coniugare qualità, universalità e controllo della spesa se si vuole avere un sistema sanitario efficace che garantisca salute, pace e giustizia sociale nel miglior modo possibile. Aureo Muzzi

20 Bibliografia 1. Bollettino dell Ordine dei Medici di Trieste anno XXV; numero 1-2, gennaio - aprile Department of Health. Equity and excellence: Liberating the NHS. Presented to Parliament by the Secretary of State of Health by Command of Her Majesty. July ationspolicyandguidance/dh_ Ultimo accesso 11 ottobre Roland M. What will the white paper mean for GPs? BMJ 2010; 341:c Walshe K. Reorganization of the NHS in England. BMG 2010; 341:c Ham C. The coalition government s plan for the NHS in England. BMJ 2010; 341:c3790. RUBRICA DI BIOETICA La persona, l inizio della vita La vita di ciascun individuo è qualcosa che inizia e finisce. Verrebbe da dire che l'inizio e la fine della vita durino un attimo, un attimo prima non si è, poi si è vivi ed infine un attimo dopo non lo si è più. Di fatto non è così nel momento in cui si considera il nascere ed il morire come qualcosa intimamente legato non solo alla biologia ma ad altri valori, come l'anima, la persona, la dignità della persona, ecc. L'inizio della vita pone al legislatore, al credente, all'agnostico, un problema che non è sempre foriero di soluzioni univoche e ciò in rapporto anche a momenti storici e culturali diversi. Nelle civiltà più evolute riconoscere la vita vuol dire preservarla, come imperativo etico, a meno che non si rispettino altri valori che reputiamo abbiano, momento per momento e caso per caso, la precedenza. Problemi fondamentali sono la determinazione dell'inizio della vita intesa non solo come fatto biologico ma anche in rapporto a ciò che riconosciamo come diritto di colui che inizia a vivere, diritto che identifica la nuova persona. L'embrione come tale vive, prima in sé, dal momento dell'impianto nel corpo materno, poi, evolvendo a quello che definiamo feto, collegato al vivere dell'organismo che lo ospita, la madre, e poi autonomo, come neonato, dopo l'uscita dal corpo materno. Ma vediamo per prima cosa quanto su di ciò dicono su questo argomento le religioni del libro Ebraismo, Cristianesimo e Islam. Tutte e tre le religioni privilegiano la vita come valore in sé, da cui consegue che la vita va protetta: anche la vita autonoma del soggetto che nasce tra la ventiduesima e la venticinquesima settimana va salvaguardata e su ciò ritorneremo; per la normativa ebraica il concepito acquisisce stato giuridico completo solo alla nascita, mentre prima della nascita va privilegiata, in primis, l'integrità della madre, di cui il feto è parte organica. Se vi è opposizione, nell'interesse della madre, il feto può essere soppresso in un atto che, secondo la legislazione ebraica, non è desiderabile ma che non va comunque equiparato ad un omicidio. Il cristiano non vede singoli stadi nello sviluppo endouterino, essendovi sempre sì una differenziazione progressiva ma in una continuità biologica e genetica, sin dal momento del concepimento. Per l'islam, coerentemente ai precetti del Profeta, lo sviluppo dall'embrione al feto passa attraverso tre volte quaranta giorni. Un angelo alla fine dei centoventi giorni insuffla l'anima e da quel momento l'aborto è interdetto; non che prima debba essere agevole dato che è norma fondamentale comunque proteggere la vita. Come si comporta la legislazione in Italia? Al partire dal concepimento vi è diritto alla vita, a meno che non esista un conflitto del diritto alla vita del concepito con il diritto alla vita ed alla salute della madre. Per quanto attiene l'interruzione di gravidanza in Italia ricordiamo la legge 194; legge importante che riconosce la potestà della madre. E' stata, nel 1978, una legge importante, discussa e sottoposta a referendum abrogativo, peraltro contestata dal mondo cattolico che vede in essa la giustificazione legale dell'aborto come omicidio. La legge appare essere lo strumento giuridico che riconosce l'autonomia decisionale della donna sul processo biologico che si svolge nel suo corpo. Ne è derivata la figura dell'obiettore di coscienza che per quanto attiene il medico richiede una affermazione di principio a priori. Neanche lui però è esentato dall'intervenire in caso di stato di necessità. Particolare importanza assume il parto prematuro: come tale può essere definito un parto che sia avvenuto tra la ventesima e la trentasettesima settimana. Ma il periodo critico è quello tra la ventunesima e la venticinquesima settimana quando la sopravvivenza del nato non è affatto sicura, o, comunque. non è esentata da complicazioni; la prognosi quoad vitam in genere è buona dopo la ventiseiesima settimana. Per quanto attiene l'assistenza ai prematuri un punto certo è il rifiutare l'accanimento terapeutico; il coinvolgimento dei genitori è fondamentale. Il legislatore afferma che la valutazione dell'assistenza ai prematuri va fatta caso per caso, sempre in riferimento al fatto che il medico, dove non c'è certezza, debba far sempre riferimento al criterio di presunzione. Tra i nati alla ventiquattresima e venticinquesima settimana l'80-90 % dei nati muore in sala parto, il 5-10 % nelle terapie intensive e il 95 % dei sopravvissuti è affetto da gravi disabilità. Altre fonti ci dicono che il 35 % dei nati alla ventitreesima settimana sopravvivono. Il documento finale del Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici-chirughi e degli Odontoiatri stabilisce che quando sussiste la possibilità di vita autonoma del feto il medico che esegue l'intervento deve adottare ogni misura idonea a salvaguardare la vita del feto. Ma gli interventi di rianimazione fetale, ove l'età gestazionale riporti tassi di mortalità elevatissimi o gravi ed irrecuperabili lesioni di organi ed apparati si deve considerare l'accanimento terapeutico come limite deontologico all'intervento medico; i genitori vanno informati o per acquisire il consenso o per registrarne il dissenso, secondo l'articolo 37 del Codice di Deontologia Medica. Euro Ponte 20

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott.

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014 Data 18.12.2014 Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Matteo Di Trani Settore Alta Formazione, Didattica e Servizi agli Studenti Responsabile Dott. Tommaso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 10549 del 19/05/2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL PRESIDENTE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240, in particolare

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA Approvato dal Consiglio di corso di laurea in Medicina e Chirurgia nella seduta del 20/07/2015 Approvato

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE REQUISITI DI AMMISSIONE Il Master, aperto a tutti i laureati delle discipline umanistiche, è

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA 2006 PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA tra La Regione Emilia-Romagna, in persona del Presidente della Giunta Regionale in carica Vasco Errani e L'Università

Dettagli

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA

BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA Dipartimento Civiltà antiche e moderne Polo Annunziata - Messina BANDO MASTER DI II LIVELLO IN GESTIONE ETICA DELLE RISORSE UMANE. PHILOSOPHICAL COUNSELING E JOB PERFORMANCE PREMESSA Viste le deliberazioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che:

A relazione dell'assessore Monferino: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 29-5083 Approvazione del Protocollo d'intesa Regione Piemonte - Universita' degli Studi di Torino per le Scuole

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN.

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. ANNO ACCADEMICO 2011/2012 FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO MEDIANTE CONTRATTI DI DIRITTO PRIVATO Si rende noto che il Consiglio della Facoltà di Scienze

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Rep. 65/2014 Prot. n. 995 del 5/12/2014 Titolo VII classe 16 fasc. 6 Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Avviso di selezione pubblica, per titoli,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra la Seconda Università degli Studi di Napoli e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno, il giorno. del mese di,

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

Formati sul campo, scopri come

Formati sul campo, scopri come prevmanagement economia e management del welfare master universitario di i livello Anno accademico 2015-2016 Formati sul campo, scopri come Formiamo i giovani per inserirli nel mondo del lavoro e aggiorniamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 10 DELLA LEGGE N. 230/2005 E DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 SENATO ACCADEMICO 27 marzo 2009, 16 marzo

Dettagli

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017 Proposte per il Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Genova triennio 2015-2017 a cura della Commissione Giovani Medici e Odontoiatri Premessa La Commissione Giovani Medici e Odontoiatri

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Ai Professori Direttori delle Scuole di Specializzazione in Medica e chirurgia Loro Sedi. UMS Prot. 0044889 04/12/2007

Ai Professori Direttori delle Scuole di Specializzazione in Medica e chirurgia Loro Sedi. UMS Prot. 0044889 04/12/2007 UMS Prot. 0044889 04/12/2007 Ai Professori Direttori delle Scuole di Specializzazione in Medica e chirurgia Loro Sedi E p.c. Al Prof. Virgilio Ferruccio Ferrario Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

L anno, il giorno del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania, TRA

L anno, il giorno del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania, TRA Protocollo d intesa tra l Università degli Studi di Salerno e la Regione Campania per la disciplina delle modalità di reciproca collaborazione per la formazione specialistica di area sanitaria L anno,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI UNIVERSITA' DEGLI STUDI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO Settore Post Lauream Scuole di Specializzazione D.R. n. 219 del 02.12.2013 Bando concorso per l'ammissione alla Scuola di Specializzazione

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL DIRETTORE del Dipartimento Culture e Società

IL DIRETTORE del Dipartimento Culture e Società Titolo VII Classe 4 Fascicolo N. 39 del 14/01/2015 UOR CC RPA IL DIRETTORE del Dipartimento Culture e Società Viste le vigenti disposizioni di legge in materia di conferimenti di incarichi di insegnamento

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo Università degli studi di Palermo Prot. N. 7446 del 04.02.2010 IL RETTORE VISTA la delibera del Senato Accademico del 9 novembre 2004; Decreto N. 370/2010 VISTO il D.M. 509 del 3 novembre 1999 ed in particolare

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI Ufficio Dottorati di Ricerca e Scuole di Specializzazione AT/fm Decreto del Rettore Repertorio n. 354-2006 Prot. n. 18687 del 26.07.2006 Tit. III cl. 2 Oggetto: Istituzione

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica

D E C R E T A. Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Area Reclutamento Settore V Oggetto: bando concorso ammissione C.L.M. in Psicologia clinica Decreto n.5315 IL RETTORE VISTA la legge 9.5.1989, n. 168; VISTA la legge 7.8.1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA la legge 5.2.1992, n.104, così come modificata dalla legge 28

Dettagli

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE Accordo di collaborazione interuniversitaria tra l Università degli Studi di Cagliari e l Università degli Studi di Sassari per l aggregazione di Scuole di specializzazione mediche della stessa tipologia

Dettagli

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015 Sommario «Allontanato dall ospedale con mia madre morente»... 2 Al Businco più donazioni e trapianti... 3 Un centro cura il gioco d azzardo... 4 Ticket sanitario, esentati anche gli inoccupati... 5 Agus

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO

BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Legale Cattedra di medicina sociale Anno Accademico 2007-2008 BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO IN MEDICINA E SANITA PENITENZIARIA Codice del Corso

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 4 gennaio 2005 Reg. 3 Fog. 225 N. 1/AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il D.Lgs. 30 marzo 2001, n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE -CLASSE LM 67- ANNO

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo Università degli studi di Palermo Prot. N. 7451 del 04.02.2010 IL RETTORE VISTA la delibera del Senato Accademico del 9 novembre 2004; Decreto N. 371/2010 VISTO il D.M. 509 del 3 novembre 1999 ed in particolare

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Orario. Borsa di studio

Orario. Borsa di studio Università per Stranieri di Siena Avviso per la costituzione di una graduatoria per l assegnazione di n. 5 Borse di studio per Assistente di Lingua Italiana nelle scuole del Victoria (Melbourne e Provincia

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE

PROCEDURA DI SELEZIONE DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA (ai sensi del regolamento interno allegato alla delibera del Pres. C.S. 222/2009) per il conferimento di incarichi di collaborazione

Dettagli

I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di I Livello in Infermieristica in Sanità Pubblica Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi de L Aquila attiva, su proposta della Facoltà di Medicina e Chirurgia, un Master di 1 livello

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO III MASTER POST-UNIVERSITARIO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO Direttore: Dott.ssa A. Chillà Coordinatori didattici: dott. A. Borzone, dr. A. Centanni

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati L'Italia spende in ricerca l'1,1% del PIL; siamo lontani dai primi della classe (la Finlandia, che investe in ricerca e innovazione il 3,5% della ricchezza

Dettagli

PICCOLA GUIDA alla privacy

PICCOLA GUIDA alla privacy PICCOLA GUIDA alla privacy Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Materno-Infantile Burlo Garofolo Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014 Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2013/2014 Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Dipartimento di Patologia Umana X MASTER UNIVERSITARIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN STRATEGIC MARKETING MANAGEMENT (FAD) Anno Accademico 2005/2006

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN STRATEGIC MARKETING MANAGEMENT (FAD) Anno Accademico 2005/2006 BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN STRATEGIC MARKETING MANAGEMENT (FAD) Anno Accademico 2005/2006 Indicazioni generali L Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, ai sensi

Dettagli

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Repertorio n. 72/2014 prot n. 1484 del 15/12/2014 (2014-URM3DSC-0001484) BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Visto l art. 23 della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente FUFP/3 ET IL RETTORE visto il DPR 10 marzo 1982, n. 162, e in particolare gli artt. 1 (comma 2, lettera c), 16 e 17, relativi ai corsi di perfezionamento; visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990, n.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014

Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Verbale della seduta del Comitato Direttivo CBUI del 06 Giugno 2014 Risultano presenti: prof. R. Angelini, prof. G. Antonini, prof. A. Castelli, prof.ssa C. Cioni, prof.ssa M. Crispino, prof.ssa M. I.

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. di Prot. Direzione Generale 48 REG.DEC. OGGETTO: Ricostituzione dell'organismo indipendente di valutazione della prestazione dell'azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste. SERVIZIO

Dettagli

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI FORMAZIONE UNIVERSITARIA ON-LINE MASTER IN BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI A Distanza e con Campus Virtuale A partire dall A.A. 2009-2010 Coordinamento Prof. Adriano Tagliabracci

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA Telefono 030-393507 Fax 030-3397476 E-mail coniglio@med.unibs.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Programma nazionale per la formazione continua - Ecm

Programma nazionale per la formazione continua - Ecm Testo aggiornato al 28 aprile 2006 Circolare del Ministero della salute 5 marzo 2002, n. DIRP3/AG/448 Gazzetta Ufficiale 13 maggio 2002, n. 110 Programma nazionale per la formazione continua - Ecm Ai presidenti

Dettagli

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT APPRENDISTATO TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI WWW.TRIFIRO.IT TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI APPRENDISTATO A cura di Damiana Lesce Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la Circolare n. 5 del 21

Dettagli

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO -

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Bando per l assegnazione di contributi per stage all estero A.A. 2014-2015 PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Per l'a.a. 2014-2015 è indetta la selezione, riservata a studenti e neolaureati dell Università

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli