Quell AREA così particolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quell AREA così particolare"

Transcript

1 Presentato il primo studio sul sistema imprenditoriale di Mirandola e dintorni realizzato da K Finance per Confindustria Modena Quell AREA così particolare Inedita fotografia economicofinanziaria della Bassa modenese. Ha una concentrazione di imprese medio-grandi più elevata rispetto alla provincia ma sconta una minore efficienza nell impiego dei capitali investiti. Però tra il 2005 e il 2008 è cresciuta più del resto del territorio e nel 2009 ha retto meglio la crisi di Paolo Tomassone Diciamolo senza timori: piccolo può essere ancora bello, pur ché intorno ci sia qualcosa di grande. Oggi i mercati ri chiedono aggregazioni, anche solo temporanee o parziali, per garantire una massa critica in grado di affrontare le sfide della globalizzazione. Un dettaglio che è stato compreso da sempre nell'area Nord di Modena. Ed è per questo che proprio quella zona può essere un modello di riferimento per trainare fuo ri dalla crisi l'intero territorio provinciale. Non è solo un au - spicio per il 2011, al contrario. Lo dice, nero su bianco, una ricerca commissionata da Confindustria Modena sui «fattori distintivi e le sfide competitive del fare impresa», presentata a fine anno a Mirandola, alla presenza di molti imprenditori della zona e di un nutrito gruppo di rappresentanti delle istituzioni locali. «Per rilanciare questa zona, occorre affrontare il tema della dimensione di impresa», spiega Pietro Ferrari, presidente di Confindustria Modena. «È ancora uno dei suoi punti di debolezza» L area Nord della provincia di Modena (chiamata anche Bassa modenese) conta 9 comuni: Camposanto, Cavezzo, Concordia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, San Felice, San Possidonio e San Prospero, per una popolazione complessiva di circa abitanti CARPI Concordia S.Possidonio MODENA Cavezzo S. Prospero MIRANDOLA S. Felice Medolla Camposanto Finale Emilia CASTELFRANCO EMILIA «Per creare le condizioni di crescita delle imprese locali», avverte l economista Franco Mosconi, «serve una nuova politica industriale in grado di rafforzare e sostenere concretamente la ricerca, la tecnologia, e il capitale umano» 36 OUTLOOK OUTLOOK 37

2 L intervento Palma Costi: «Più innovazione per valorizzare il territorio» «La ricerca presentata da Confindustria Modena sullo stato dell impresa nell area Nord offre spunti di riflessione e stimoli per mettere in campo un azione comune e condivisa, all interno della quale come rappresentante del territorio nell assemblea regione continuerò a impegnarmi». Per Palma Costi, consigliere regionale del Pd e vicepresidente della commissione regionale Politiche economiche (con un passato da sindaco di Camposanto e poi da assessore alla Pianificazione del Comune di Modena e da assessore alle Attività produttive della Provincia di Modena), l area che comprende i nove comuni della Bassa modenese ha i numeri per continuare a crescere e «per non farsi ingabbiare dalla crisi». L area Nord si distingue per la presenza di imprese di dimensioni maggiori (con fatturati e numero di dipendenti superiori del 14 per cento rispetto alla media provinciale) e più capitalizzate. Come racconta la ricerca «piccolo non è più bello»: quasi tutte le performance migliorano al crescere delle dimensioni aziendali. «S in- Palma Costi, vicepresidente della commissione Politiche economiche della Regione Emilia-Romagna nesta qui il primo motivo di riflessione: qualche segnale positivo già si registra ma occorre fare di più per favorire la crescita dimensionale e la patrimonializzazione delle imprese. Gli strumenti esistono e insieme dobbiamo trovare le modalità più efficaci per favorirne l'utilizzo e anche la personalizzazione sulle esigenze specifiche del comprensorio». Imprese più forti hanno però necessità di infrastrutture adeguate, innanzitutto per la mobilità. «Su questo fronte, con buona pace degli scettici, siamo alla vigilia di novità importanti», afferma Palma Costi. «Grazie alla scelta della Regione di non aspettare più finanziamenti e decisioni nazionali che non arrivavano mai, stanno per partire i lavori per realizzare l autostrada Cispadana, che garantirà al distretto i collegamenti di cui ha bisogno. L essenziale, ora, è fare squadra attorno a quest opera, per migliorarne l efficacia e ridurre al minimo l impatto e disagi per i cittadini, ma senza rimettere in discussione quel che già è stato condiviso e deciso». Infine, l innovazione è un tema cruciale per le sorti dell area Nord. E per il consigliere regionale è proprio qui, su questo tema, che si intrecciano le competenze delle imprese con l azione di chi ha responsabilità di governo. «La Regione, come ha confermato con la recente manovra di bilancio, continuerà a investire sull innovazione e a sostenere gli sforzi delle imprese. Per compiere un ulteriore salto di qualità abbiamo a disposizione un settore specializzato come il medicale, un università ricca di competenze, un sistema sanitario disponibile a fare la propria parte come bacino di sperimentazione e consulenza. Personalmente continuerò a impegnarmi affinché crescano i rapporti tra imprese e assessorato alla Sanità, che deve diventare sempre più un partner attivo in questo processo. Non dimentichiamoci che esiste uno strumento come il Quality Center Network nel quale tutti questi soggetti si ritrovano: non si tratta di costruire ulteriori contenitori, ma di valorizzare quel che già c è, rendendo stabile la presenza sul territorio di un centro di competenze e incubatore di idee». G.V. L'area Nord della provincia di Modena, come e - merge dallo studio, ha in sé la "ricetta" per l'uscita dal le secche della recessione. Il territorio tra Cam - posanto, Cavezzo, Concordia, Finale Emilia, Me dol - la, Mirandola, San Felice, San Possidonio e San Pro - spero è, infatti, un mix di cultura imprenditoriale, competenze tecnologiche e clima sociale che ha consentito negli scorsi decenni lo sviluppo di esperienze aziendali uniche. Il distretto biomedicale che si è co - stituito a partire dagli anni Sessanta (con oltre 130 im prese e addetti, secondo l'ultimo censimento), ne è un esempio concreto. Quell'esperienza è sta - ta talmente positiva che ha attratto capitali per investire nelle aziende locali anche dall estero. «Tutti i giorni combattiamo in prima linea una battaglia sempre più dura per la sopravvivenza delle aziende e il mantenimento dell occupazione», ricorda Enrico Manfredini, titolare della N-C-O e delegato di Confindustria Modena per il distretto di Mirandola Da sinistra; l assessore di Mirandola Roberto Ganzerli, i primi cittadini di S. Prospero Mario Ferrari, di Mirandola Maino Benatti e di S. Felice Alberto Silvestri; gli imprenditori Mario Casoni e Giancarlo Baroni; l imprenditore Alberto Mantovani con il presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari; il sindaco di Concordia Carlo Marchini; Rudi Accorsi, sindaco di S. Possidonio, Franco Cocchi, direttore della Banca Popolare di S. Felice, e Giovanni Messori, direttore di Confindustria Modena Il rischio globalizzazione Ma la globalizzazione non si ferma davanti alla tradizione o davanti alla buona volontà degli imprenditori: «Tutti i giorni combattiamo in prima linea una bat taglia sempre più dura», conferma Enrico Man fre - dini, titolare della N-C-O, azienda specializzata nella lavorazione di materie plastiche, e delegato di Con - fin dustria Modena per il distretto di Mirandola e Fi - nale Emilia, «per la sopravvivenza delle aziende e il mantenimento dei livelli di occupazione». La globalizzazione qui si misura a suon di concorrenza (spesso sleale), libero mercato e manodopera sempre più sottopagata perché sempre meno specializzata. «Stiamo vivendo un momento di gran de difficoltà, e le nostre aziende si trovano nel pieno di una guerra commerciale», rincara il presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari. Ba stano alcuni dati: oggi il 50 per cento della produzione di carta, di cemento, di vetro e di acciaio viene dal la Cina; i giovani dai 18 ai 24 anni in Cina sono 240 milioni, in America 50 milioni, in Europa 60 milioni e soltanto sei in Italia. Anche da questi dati internazionali nasce l'idea di rilanciare l'area Nord: un «esempio della realtà delle nostre imprese, purtroppo ancora troppo piccole per affrontare i problemi», non ultimo quello della continua cre - scita dei Paesi asiatici. «Attraverso questo studio ap - profondito», spiega Ferrari, «cerchiamo di fornire elementi di riflessione: le aziende hanno assoluta necessità di crescere, in tutti i modi possibili, dalle aggregazioni ai consorzi alle reti di impresa». E l invito a ri flettere è anche per gli amministratori pubblici, cui spettano decisioni importanti per lo sviluppo del territorio. La forza dei numeri La ricerca realizzata da K Finance, società milanese di consulenza in ambito finanziario, mette a confronto un campione di 325 imprese con sede nei nove co - muni dell'area Nord (con un fatturato aggregato nel 2009 di 3,3 miliardi di euro e un fatturato medio di 10,2 milioni; sono gli addetti su una popolazione residente di abitanti) con un campione di imprese che operano nell'intera provincia di Modena (con un fatturato aggregato nel 2009 di 30,6 miliardi di euro e un fatturato medio di 8,9 milioni; 38 OUTLOOK OUTLOOK 39

3 INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA Utility Tessileabbigliamento Servizi Meccanica, macchinari e appar. elettronici Legno e carta Gomma/plastica Costruzioni Commercio Chimica Ceramica e materiali da costruzione Biomedicale, farmaceutico e plastica Alimentare e bevande Agricoltura, foreste, pesca e miniere LE VOCAZIONI DELL AREA NORD (% RICAVI AZIENDALI) 5,2% 1,3% 2,5% 5,5% 4,5% 0,8% 1,9% 0,2% 0,1% Area Nord 9,1% 11,1% 7,4% 9,2% 0,6% 1,9% 7,1% 8,7% 5,3% 4,9% 11,8% Modena 17,3% 20,4% 25,7% 0,7% 0,7% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% addetti su una popolazione residente di circa abitanti). E i risultati raccontano che, nonostante la crisi economico-finanziaria, dal 2005 al 2009 l'area Nord è cresciuta in termini di ricavi del 25 per cento. Anche se la redditività delle imprese che hanno sede in questa zona è peggiorata rispetto cinque anni fa, è stato co munque possibile contenere il calo registrato in ma niera più consistente che nel resto della provincia. Questo perché il 56 per cento dei ricavi si concentra nei settori di specializzazione (biomedicale, costruzioni e utility) che sono stati colpiti in maniera meno 36,0% Il 56% dei ricavi si concentra nei settori produttivi più tipici: BIOMEDICALE (36% contro 5% della provincia di Modena) COSTRUZIONI (17% contro 7%) UTILITY (5% vs. 1%) Vi sono anche dei comparti sottorappresentati rispetto alla realtà provinciale: MECCANICA (11% contro 20%) CERAMICA (7% contro 9%) ALIMENTARE (5% contro 12%) Vi è scarsa vocazione al terziario: meno commercio (9% contro 26%) e meno servizi (4% contro 9%) grave dalla crisi, a differenza del meccanico, della ce - ramica, degli alimentari e del tessile-abbigliamento, tutti comparti che sono meno rappresentati nella zo - na della Bassa modenese. Un altro aspetto evidenziato dallo studio è che le aziende locali sono più indebitate della media provinciale e che durante la crisi l'in - debitamento è cresciuto, mentre nel resto della pro - vincia è leggermente diminuito (5,7 per cento contro il 3,9 per cento). «I punti di forza di quest'area», spiega Giuseppe Grasso, presidente di K Finance, «sono una maggiore presenza di imprese medio-grandi e una buona soli- CARATTERISTICHE DELLA BASSA RISPETTO ALLA PROVINCIA nel periodo è cresciuta di più e nel 2009 ha retto meglio la crisi ha una più elevata concentrazione di imprese medio-grandi (sia per numero di aziende sia come fatturato aggregato); ha una minore densità imprenditoriale, meno aziende e meno ricavi ha sempre creato più valore in rapporto al fatturato ha una bassa efficienza nell impiego dei capitali investiti AREE DI INTERVENTO PER POTENZIARE LA CRESCITA CAPITALI MANAGEMENT TECNOLOGIE SISTEMA LOCALE La struttura finanziaria deve avere al centro l equilibrio tra capitale e debito La famiglia imprenditoriale deve imparare a usare fonti di capitale innovative La gestione della crescita deve passare attraverso l introduzione di manager L imprenditore deve evolvere da gestore di prodotti a gestore di uomini Occorre creare laboratori di ricerca condivisi e occasioni di contaminazione tecnologica attraverso la costruzione di community Gli attori istituzionali devono garantire i servizi necessari a sostenere lo sviluppo: infrastrutture stradali e telematiche, burocrazia business friendly OUTLOOK 41

4 Enti locali 3,4% TIPOLOGIA DI PROPRIETÀ Gruppi italiani Cooperative 5,5% 13,2% Finanziari 2,8% Privati/famiglie 72,3% Gruppi esteri 2,8% IFV A rischio VALORE E RATING Virtuosi Biomedicale Tessile Meccanica Utilities Legno-Carta Alimentari Commercio Servizi Costruzioni Chimica Gomma-Plastica Ceramica RATING K2 K3 K4 K5 Raggio cerchi: ricavi totali (in migliaia di euro) Nell area Nord i privati controllano la fetta maggiore dell attività d impresa, sia come numero di aziende (72%) sia in termini di ricavi (34%). Seguono i gruppi esteri, con il 22% dei ricavi e il 3% delle aziende; i finanziari, con il 17% dei ricavi e il 3% delle aziende; i gruppi italiani che possiedono il 13% delle aziende, con il 12% dei ricavi; le cooperative che controllano l 11% dei ricavi attraverso il 6% delle aziende; gli enti locali, con il 3% delle aziende e il 4% dei ricavi SETTORI VIRTUOSI sono quelli che rispetto alla media creano più valore e hanno un rating migliore: biomedicale, meccanica, utility, tessile e commercio SETTORI A RISCHIO sono quelli che distruggono valore e presentano un elevato rischio finanziario: in particolare costruzioni e ceramica dità finanziaria, in particolare nei settori del biomedicale, della meccanica, delle utility e del tessile. C'è una cultura diffusa e un clima sociale favorevole allo sviluppo, oltre alla presenza di capitali e competenze manageriali portate da azionisti finanziari o da multinazionali estere, soprattutto nel biomedicale. Le aziende più a rischio finanziario sono quelle con un fatturato annuo tra i tre e gli otto milioni, e oltre il 70 per cento del valore finanziario dell'area è nelle mani di azionisti finanziari, esteri o cooperative, che controllano le aziende di maggiori dimensioni. I privati e i gruppi italiani controllano quasi il 50 per cento del fatturato ma generano meno di un quarto del valore «I punti di forza di quest area», commenta Giuseppe Grasso, presidente di K Finance, «sono una maggiore presenza di imprese medio-grandi e una buona solidità finanziaria, soprattutto nel biomedicale e nella meccanica. Le aziende più a rischio sono quelle con un fatturato tra i tre e gli otto milioni» e possiedono aziende mediamente piccole». Ma quei va lori che hanno da sempre caratterizzato lo sviluppo dell'area Nord oggi rischiano di rimanere schiacciati, se non addirittura venire cancellati, da quei capitali finanziari (italiani o esteri) che sono orientati al rimborso dei debiti di acquisizione piuttosto che all'investimento e allo sviluppo delle imprese «soccorse». Un'altra minaccia, sempre più pressante, è le - gata alle scelte delle multinazionali che nel corso de - gli anni hanno lasciato i comuni intorno a Mirandola per trasferire la produzione in Paesi dove i costi della manodopera incidono meno, obbligando anche la «te - sta» dell'azienda a delocalizzare. Dall'analisi dei dati emergono anche le proposte e K Finance individua alcune opportunità per il rilancio dell'area e per favorire lo sviluppo e la crescita del le imprese locali. Prima di tutto il tema dei capitali. «La tipica struttura finanziaria impostata sull'indebitamento dell'impresa» spiega Grasso, «va ribaltata ponendo al centro l'equilibrio tra capitale e debito e focalizzando la gestione dell'azienda sulla creazione di valore. In sostanza le famiglie che ammini- OUTLOOK 43

5 Nuova Didactica presenta due iniziative formative ad alta specializzazione Economia IL CAMPIONE DELLA RICERCA AREA NORD 325 imprese fatturato medio di 10,2 milioni di euro addetti media di 32 addetti per azienda PROVINCIA imprese fatturato medio di 8,9 milioni di euro addetti media di 28 addetti per azienda in collaborazione con Democenter Sipe Le nuove frontiere della progettazione e produzione tra design, elettronica e collaborazione con il sistema sanitario SHORTMASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE - 4 edizione 116 ore - 6 moduli Sede di svolgimento: Club La Marchesa via per Concordia, 46 - Mirandola (MO) PROGRAMMA 1) Dal design creativo all ingegnerizzazione di prodotto 2) La ricerca nella collaborazione tra sanità e imprese 3) Sensori e sistemi elettronici per applicazioni biomediche 4) I materiali plastici: tendenze ed applicazioni 5) La progettazione con le materie plastiche 6) Le tecnologie di lavorazione PERIODO DI SVOLGIMENTO: Febbraio Giugno 2011 INFO: Nuova Didactica Scarl Corso Cavour Modena - tel fax in collaborazione con Confindustria Modena - Delegazione di Carpi Il Corso di specializzazione si rivolge a General Manager, Brand Manager, Marketing Manager, Responsabili Comunicazione, Event Manager, Public Relation Manager e Responsabili Ufficio Stampa operanti nel settore del tessile-abbigliamento e accessori moda. Sede di svolgimento: Confindustria Modena - Delegazione di Carpi via Peruzzi, Carpi (MO) PROGRAMMA 16 MARZO La qualità del prodotto, la creazione del Brand e la sua affermazione sul mercato. 24 MARZO La Fashion Industry in Italia e nel Mondo: caratteristiche, stili e tendenze. 31 MARZO Comunicare la moda: strumenti e strategie. INFO: Nuova Didactica Scarl Corso Cavour Modena - tel fax strano da quarant'anni le aziende devono imparare a usare fonti innovative di fi - nanziamento. Per questo è opportuno in - trodurre nelle piccole imprese figure ma - nageriali sempre più qualificate, andando a ricercarle tra chi ha già esperienza in realtà più grandi o nelle multinazionali». In secondo luogo, l'azione delle istituzioni. Davanti alle forti carenze presenti nel l'area, gli enti locali e la politica (e le as sociazioni economiche hanno il compito di sti molarli) devono garantire servizi sul ter ritorio (a cominciare dalle infrastrutture stradali e da quelle telematiche) al pas so coi tempi. Inoltre occorre che istituzioni e imprese proseguano nella individualizzazione di «laboratori di ricerca» con divisi da più aziende, senza avere pau - ra di contaminarsi a vicenda. Territorio e politica industriale La ricerca di K Finance e l'iniziativa promossa da Confindustria Modena confermano la «riscoperta» del territorio. Una di - mensione trascurata per troppo tempo, se - condo Franco Mosconi, docente di Eco no - mia industriale all'università di Par ma: «Per anni», commenta, «col dominio dell'approccio liberista si è pensato che le a zien - de potessero vivere come staccate dal territorio in cui operavano; abbiamo poi vi - sto, e questo studio ne dà un'ulteriore con - ferma, che l'economia "reale" (che è fat ta di imprese e lavoratori) vive in osmosi col territorio in cui opera. C'è allora una for - za intrinseca che nasce dall'economia dell'area Nord. Quando si parla di Modena non ci si riferisce a quanto ruota attorno al ca poluogo, ma a un insieme di forze, rap - LA SERENITÀ SI COSTRUISCE GIORNO PER GIORNO con MODENASSISTENZA MODENASSISTENZA SERVIZI PRIVATI DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CASA E IN STRUTTURE OSPEDALIERE PER ANZIANI, HANDICAPPATI, MALATI, DISABILI E PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI MODENA - VIALE V. REITER, CARPI

6 WHO S WHO IN ITALY 2011 EDITION presentate ACCESSO ESCLUSIVO, PRESTIGIO NEL MONDO. Da oltre 50 anni è il più prestigioso promotore dell immagine di Uomini, Imprese e Istituzioni che rappresentano l eccellenza del nostro Paese. 3 volumi, 3100 pagine, 7800 profili biografici 4800 profili di Imprese e Istituzioni. Who s Who in Italy Srl Via De Amicis Bresso (Milano) tel Fax Economia dai diversi distretti industriali sul territorio come quel lo di Mirandola, di Carpi e di Sas suolo». Purtroppo la crisi degli ultimi anni ha im posto un ridimensionamento delle im - pre se modenesi. Per il futuro, però, andrà rivisto lo slogan «piccolo è bello». Infatti, secondo Mosconi, «il piccolo non basta più». «Nei prossimi mesi l'attenzione di tutti do - vrà essere per creare le condizioni per fa - re crescere le imprese locali. Non è ca sua - le che la classe di imprese fotografata dal - la ricerca come più "brillante" sia quel la con un fatturato medio di mi lioni». Per contrastare la concorrenza e per mi glio - rare il proprio appeal verso mer cati in ter - nazionali, la dimensione delle im pre se gio - cherà un ruolo fondamentale. «I fabbisogni di capitale per le imprese di oggi so no legati allo svolgimento di attività immateriali molto co stose: ricerca e marketing si pongono a monte e a valle del pro cesso produttivo, rap presentano co sti fis si che possono essere sostenuti soltanto da a - ziende con le "spalle larghe". Tra l'altro le attività di ricerca e di promozione sono ad alta intensità di capitale umano e rappresentano una delle poche chance per convincere i "giovani cervelli" a rimanere in Italia». Lo studio di Confindustria offre una fotografia della situazione attuale dell'a - rea Nord e indica alcune priorità su cui con tinuare il confronto e concentrare le forze. «Oc corre recuperare un'espressione cancellata dal lessico negli anni dell'economia fi nanziaria», conclude Mosconi. «Una nuo va politica industriale, diversa quindi da quella degli anni Settanta, in grado di rafforzare e sostenere concretamente la ri cer ca, la tecnologia, l'innovazione, il ca - pitale umano. Questa politica deve partire da una riforma seria della formazione su periore (sia tecnica sia universitaria), fa vo rendo la collaborazione fra imprese e università, anche partendo dai quattro a - tenei che abbiamo in regione; inoltre, promuovendo partnership tra pubblico e privato per fare decollare i tecnopoli e concentrarsi su alcuni veri e solidi incubatori di nuove imprese».

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

PROGETTO ASSOBIOMEDICALI. L eccellenza biomedicale in Italia

PROGETTO ASSOBIOMEDICALI. L eccellenza biomedicale in Italia PROGETTO ASSOBIOMEDICALI L eccellenza biomedicale in Italia PREMESSA Le aziende di dispositivi medici rappresentano un tessuto produttivo che in Italia conta 3.025 imprese con un fatturato medio di 6 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

PROGETTO ASSOBIOMEDICALI. L eccellenza biomedicale in Italia

PROGETTO ASSOBIOMEDICALI. L eccellenza biomedicale in Italia PROGETTO ASSOBIOMEDICALI L eccellenza biomedicale in Italia PREMESSA Le aziende di dispositivi medici rappresentano un tessuto produttivo che in Italia conta 3.025 imprese con un fatturato medio di 6

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a M² Meridiano Moda: una ricetta in 9 punti per il rilancio dell Italian Style Proposte di intervento per il rilancio del settore, puntando su innovazione, sostegno al credito,

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

I GREEN BERETS AL SERVIZIO DELLE AZIENDE

I GREEN BERETS AL SERVIZIO DELLE AZIENDE http://www.sinedi.com ARTICOLO 11 APRILE 2007 I GREEN BERETS AL SERVIZIO DELLE AZIENDE Erano così chiamati i membri delle forze speciali dell esercito degli Stati Uniti, addestrati ad alti livelli per

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s.

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. Malavolta Consulting S.A.S. del Dott. Roberto Malavolta & C. 63016 Campofilone (AP) Via Borgo San Patrizio, 112 tel 0734 937058 - fax 0734 935084

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina Le piccole ci à Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina L ogge o di studio Ø Sistemi economici caratterizzati da attività ad alta tecnologia

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop quality fashion shop Introduzione quality fashion shop Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Aggiornamento al 31 dicembre 2011 30 ottobre 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia Romagna

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo I successi del 2009-2014 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Nelle imprese italiane la Direzione Finanza è gestita personalmente dall imprenditore e solo poche realtà hanno la possibilità di permettersi un Direttore Finanziario.

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Web Forum con Imprenditori e Manager Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese

Web Forum con Imprenditori e Manager Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese Aggregazione, Innovazione e Reti di Imprese Udine, 26 Luglio 2012 Premessa L obiettivo dell iniziativa per Confindustria Udine: Recepire indirizzi ed orientamenti da un pool di imprenditori e manager su

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE Imprese e giovani a scuola di promozione del mobile. Intelligent Furniture, il progetto sul marketing mobile, dedicato

Dettagli

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill ThinkGet S.r.l. nasce con una mission molto chiara: Sostenere gli individui e le organizzazioni nella realizzazione del successo desiderato. Costituita

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Anthony Robbins. Business Mastery

Anthony Robbins. Business Mastery Hi-Performance presenta: Il nuovo appuntamento con 2015 Anthony Robbins Business Mastery L esclusivo programma di Tony Robbins per rendere il tuo Business efficace, efficiente e redditizio. Sempre e comunque.

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Rassegna stampa Dicembre 2013 - Gennaio 2014

Rassegna stampa Dicembre 2013 - Gennaio 2014 Rassegna stampa Dicembre 2013 - Gennaio 2014 CONSORZIO ROMA RICERCHE RASSEGNA STAMPA Dicembre 2013 - Gennaio 2014 paginemonaci.it...pag. 3 Public Policy...pag. 4 dire.it...pag. 5 Newsletter IACCS...pag.

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Angelantoni Test Technologies srl e SOGESI spa entrano nel progetto ELITE di Borsa Italiana

COMUNICATO STAMPA. Angelantoni Test Technologies srl e SOGESI spa entrano nel progetto ELITE di Borsa Italiana Perugia, 12 ottobre 2012 COMUNICATO STAMPA Angelantoni Test Technologies srl e SOGESI spa entrano nel progetto ELITE di Borsa Italiana Ci sono anche due aziende umbre tra le trentatré selezionate da Borsa

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 23 26 marzo 2015 26/03/2015 Gazzetta di Modena Pagina 9 Confcommercio: le opportunità del franchising 1 26/03/2015 La Nuova Prima Pagina Pagina

Dettagli

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta

Accelerare l internazionalizzazione. Marco Costaguta Accelerare l internazionalizzazione Marco Costaguta La ripresa c è. noi non la vediamo ancora 2 Senza export non riusciremo a ripartire +2% Gli ultimi 4-5 anni hanno mostrato PIL stabile/in contrazione

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL PIU GRANDE CONSUMATORE INDUSTRIALE COMMENTA L ANALISI DEL MERCATO DEL GAS EFFETTUATA DA PROMETEIA

COMUNICATO STAMPA IL PIU GRANDE CONSUMATORE INDUSTRIALE COMMENTA L ANALISI DEL MERCATO DEL GAS EFFETTUATA DA PROMETEIA COMUNICATO STAMPA IL CONSORZIO GAS INTENSIVE CHIEDE L ESTENSIONE DEI TETTI ANTITRUST, NUOVE GAS E CAPACITY RELEASE DESTINATE AI CLIENTI FINALI INDUSTRIALI E CONTRATTI PLURIENNALI DI ACQUISTO IL PIU GRANDE

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

HORIZON 2020 PER LE IMPRESE. Bologna, 21 ottobre 2014

HORIZON 2020 PER LE IMPRESE. Bologna, 21 ottobre 2014 HORIZON 2020 PER LE IMPRESE Bologna, 21 ottobre 2014 I NUMERI DI VARVEL Capitale sociale: 2.000.000 Euro Anno di fondazione: 1955 Personale: 150 addetti (incluse consociate) Fatturato 2013: 30.025.000

Dettagli

DOSSIER UNIMORE Giovedì, 19 dicembre 2013

DOSSIER UNIMORE Giovedì, 19 dicembre 2013 DOSSIER UNIMORE Giovedì, 19 dicembre 2013 Dossier Unimore Gli studenti delle superiori puntano a Oriente, al via i corsi di... 1 Da La Nuova Prima Pagina del 2013 12 19T06:02:00 Progetto Cina: corsi in

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO Cagliari Oristano Olbia agosto 2014 BUONGIORNO Mi presento Consulenza turistiche Formazione Ricerca Progetti Studi di mercato www.teamwork-rimini.com

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Ioli Architetto e già Consigliere Comunale ad Arese

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli