Commercializzazione a distanza dei servizi finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commercializzazione a distanza dei servizi finanziari"

Transcript

1 Commercializzazione a distanza dei servizi finanziari Aggiornamenti al codice del consumo Brescia 5 maggio 2008 ADICONSUM -Dott. Paolo Sandri

2 Disposizioni correttive ed integrative del Codice del Consumo : Decreto legislativo 23 ott. 2007, n.221 Codice del consumo (sez.iv-bis) Commercializzazione a distanza di servizi finanziari (nozione) L informazione al consumatore Diritto di recesso Controversie ed assistenza

3 Introduzione Il decreto legislativo n 221 ha apportato alcune modifiche al Codice del consumo (Dlgs 206/2005) recependo con il provvedimento le direttive comunitarie 2002/65, in materia di commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori, e 2005/29, in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti fra professionisti e consumatori. Il provvedimento con l art.9 modifica il Codice del Consumo con una nuova sezione (IV-bis) composta da 21 articoli i quali: Integrano le definizioni di consumatore o utente, di associazioni dei consumatori e degli utenti, di professionista, produttore, prodotto, prevedendo il riferimento anche alle attività commerciali e artigianali; Approfondiscono le INFORMAZIONI DEI CONSUMATORI in generale, e riconoscono ai consumatori, come fondamentali, anche i diritti delle pratiche commerciali secondo principi di buona fede, correttezza e lealtà Disciplinano il Diritto di recesso (applicabilità e non) Illustrano gli strumenti dei consumatori per la risoluzione di controversie

4 PRINCIPALI DEFINIZIONI

5 Contratto a distanza: qualunque contratto avente per oggetto servizi finanziari, concluso tra un fornitore e un consumatore nell ambito di un sistema di vendita o di prestazione di servizi a distanza organizzato dal fornitore che, per tale contratto, impieghi esclusivamente una o più tecniche di comunicazione a distanza fino alla conclusione del contratto, compresa la conclusione del contratto stesso (art 50 comma 1 lett. a codice consumo). Da notare gli elementi caratterizzanti della organizzazione riferito al sistema di vendita o di prestazione e della esclusivita delle tecniche di comunicazione a distanza (assenza pressoche totale dell incontro fisico tra persone). Servizio finanziario: qualsiasi servizio di natura bancaria, creditizia, di pagamento, di investimento, di assicurazione o di previdenza individuale. Si sottolinea che la nozione di servizio finanziario è di ampiezza maggiore a quella di servizio di investimento (che include una vasta tipologia di attività di intermediazione di gestione e di consulenza riguardante i valori mobiliari), giacchè comprende ad esmpio servizi di natura creditizia ed assicurativa. Fornitore: qualunque persona fisica o giuridica, soggetto pubblico o privato, che, nell ambito delle proprie attività commerciali o professionali, è il fornitore contrattuale dei servizi finanziari oggetto dei contratti a distanza. Consumatore: la persona fisica che agisce perscopi estranei all attività imprenditoriale,commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (art. 3 comma 1 lett. A c. cons.)

6 Tecnica di comunicazione a distanza: qualunque mezzo che, senza la presenza fisica e simultanea del fornitore e del consumatore, possa impiegarsi per la commercializzazione a distanza di un servizio finanziario tra le parti. Supporto durevole: qualsiasi strumento che permetta al consumatore di memorizzare informazioni a lui personalmente dirette in modo che possano essere agevolmente recuperate durante un periodo di tempo adeguato ai fini cui sono destinate le informazioni stesse, e che consenta la riproduzione immutata delle informazioni memorizzate. Operatore o fornitore di tecnica di comunicazione a distanza: qualunque persona fisica o giuridica, pubblica o privata, la cui attività commerciale o professionale consista nel mettere a disposizione dei fornitori una o più tecniche di comunicazione a distanza. Reclamo del consumatore: una dichiarazione sostenuta da validi elementi di prova, secondo cui un fornitore ha commesso o potrebbe commettere un infrazione alla normativa sulla protezione degli interessi dei consumatori. Interessi collettivi dei consumatori: gli interessi di un numero di consumatori che sono stati o potrebbero essere danneggiati da un infrazione.

7 INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI

8 Il legislatore, ha inteso tutelare il consumatore (soggetto debole) dalle asimmetrie informative che in ambito finanziario, assicurativo, bancario, lo espongono ad una insufficiente consapevolezza nella conclusione di contratti a distanza, qualificando le informazioni che gli devono essere fornite sia preliminari alla conclusione del contratto che quelle inerenti al diritto di recesso e di eventuali reclami o di ricorsi.

9 Le informazioni preliminari Il fornitore: l identità e la sua attività principale, l indirizzo geografico, l eventuale iscrizione ad albi o registri, qualora l attività del fornitore sia soggetta ad autorizzazione, gli estremi della competente autorità di controllo, se esiste un professionista diverso dal fornitore l identità del professionista. (art.67 quinquies) Informazioni relative al servizio finanziario: una descrizione delle principali caratteristiche del servizio finanziario, il prezzo totale, particolari rischi di strumenti che lo compongono, l eventuale presenza di altre imposte e costi, limite di tempo di validità delle informazioni, modalità di pagamento, costi aggiuntivi per il consumatore..(art. 67 sexies) Informazioni relative al contratto a distanza: esistenza o meno del diritto di recesso, durata e modalità dello stesso comprese le informazioni sull importo che il consumatore può essere tenuto a versare e conseguenze del mancato esercizio di detto diritto; le istruzioni pratiche per l esercizio del diritto di recesso; foro competente; durata minima del contratto a distanza; Stato membro sulla cui legislazione il fornitore si basa per instaurare rapporti con il consumatore; la lingua o le lingue in cui sono comunicate le condizioni contrattuali prima della conclusione e durante la vigenza del contratto (a. 67 septies) Informazioni relative al ricorso: l esistenza o meno di procedure extragiudiziali di reclamo o di ricorso accessibili al consumatore e le modalità per avvalersene e l esistenza o meno di fondi di garanzia o di altri dispositivi di indennizzo (a. 67 octies) Comunicazioni mediante telefonia vocale: oltre all identità del fornitore e il fine commerciale della chiamata devono essere fornite previo il consenso del consumatore solo una serie di informazioni ben definite dal legislatore, va anche comunicato che altre sono disponibili su richiesta del consumatore (il legislatore ha così voluto impedire che il consumatore possa essere tratto in errore da un quantitativo eccessivo di informazioni trasmesse per telefono)

10 SUPPORTO DUREVOLE La legge prevede che il fornitore comunica al consumatore tutte le condizioni contrattuali, nonché le informazioni su supporto cartaceo o su altro supporto durevole, disponibile ed accessibile per il consumatore in tempo utile, prima che lo stesso sia vincolato da un contratto a distanza o da un offerta. E chiara la finalità di fornire una più completa informativa al consumatore prima della conclusione del contratto a questo principio sfugge il caso in cui il contratto sia stato concluso su richiesta del consumatore e il caso in cui vi è l impossibilità di trasmissione immediata prima della conclusione del contratto. E quindi esclusa la comunicazione in forma solamente orale delle informazioni. La forma scritta o comunque su supporto durevole permette al consumatore di avere accesso in qualsiasi momento a condizioni e informazioni e verificarne il contenuto. Il diritto di ricevere le informazioni su supporto cartaceo vige per tutta la durata del contratto.

11 DIRITTO DI RECESSO

12 Il livello di tutela del consumatore si evidenzia nel diritto di recesso: Il consumatore dispone di un termine di quattordici giorni per recedere dal contratto senza penali e senza dover indicare il motivo, il predetto termine è esteso a trenta giorni per le assicurazioni sulla vita e per i fondi pensionistici individuali. Il termine decorre dalla data della conclusione del contratto, tranne il caso di assicurazioni sulla vita per le quali il termine comincia a decorrere dal momento in cui al consumatore viene comunicato che il contratto è stato concluso, oppure dalla data in cui il consumatore riceve le condizioni contrattuali solamente dopo la conclusione del contratto.

13 Eccezioni al diritto di recesso e modalità di esercizio Il diritto di recesso non si applica a quei servizi finanziari il cui prezzo dipende dalle fluttuazioni di mercato (cambi, valori mobiliari in genere, derivati), alle polizze di assicurazione viaggio e bagagli o a quelle analoghe di durata inferiore a un mese, ai contratti interamente eseguiti su richiesta del consumatore e a quelli nei quali si sia verificato l evento assicurato, Ad altri casi specifici in cui il consumatore abbia fatto ricorso a dichiarazione resa innanzi a pubblico ufficiale al fine della stipula contrattuale. Il diritto di recesso è regolamentato anche nella sua modalità di esercizio, il legislatore ha accolto il principio che il termine preso in considerazione è quello della spedizione il luogo di quello della ricezione.

14 Irrinunciabilità dei diritti I diritti attribuiti al consumatore sono irrinunciabili. E nulla ogni pattuizione contraria. Rientrano ovviamente tra questi diritti quello al recesso e al ricevimento di una completa informativa.

15 Controversie ed assistenza

16 Le associazione dei consumatori iscritte all apposito elenco (art.137 codice cons.) sono legittimate a proporre alle competenti autorità (Banca d Italia, Consob, Isvap..) di vigilanza reclamo per l accertamento di violazioni delle disposizioni esaminate e proporre azione inibitoria per far cessare le violazioni nei confronti delle imprese o degli intermediari. Sono fatte salve, ove no espressamente derogate, le disposizioni in materia bancaria, finanziaria, assicurativa e dei sistemi di pagamento, ivi comprese le attribuzioni delle rispettive autorità di vigilanza si settore. Il Ministero dell economia e delle finanze, il Ministero dello sviluppo economico ed il ministero della giustizia possono promuovere l istituzione di adeguate ed efficaci procedure extragiudiziali di reclamo e di ricorso per la composizione di controversie riguardanti i consumatori,conformi ai principi previsti dall ordinamento comunitario e da quello nazionale e che operano nell ambito della rete europea relativa ai servizi finanziari (FIN NET) in Italia questa rete internazionale comprende l Ombudsman Bancario, l Isvap. Sul fornitore grava l onere della prova riguardante gli obblighi informativi, la presentazione dell assenso del consumatore, l esecuzione del contratto, la responsabilità per l inadempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto

17 CONSIDERAZIONI FINALI Direttiva comunitaria MIFID (Markets in Financial Instruments Directive) Le norme comunitarie si propongono di disciplinare unitariamente, per l intera Comunità europea, la materia dei servizi di investimento e dei mercati. Un nuovo assetto normativo introduce modifiche nel rapporto tra investitori e intermediari. L iniziativa vuole invitare i risparmiatori (consumatori) a porre in essere comportamenti più consapevoli a attivi alle proprie decisioni di investimento. E una sfida per i risparmiatori che devono elevare il proprio livello di cultura finanziaria. E indispensabile porre una sempre crescente attenzione alla PROFILAZIONE dei clienti da parte degli intermediari ma anche e soprattutto è ormai indispensabile una corretta analisi a parole quali: PROPENSIONE AL RISCHIO - ORIZZONTE TEMPORALE - ANALISI DEI BISOGNI termini troppe volte usati con superficialità da addetti ai lavori, ma trascurati anche dai consumatori, ciò contribuisce a compiere scelte di investimento o acquisti di servizi a finanziari inadatti alle proprie esigenze e che spesso si rivelano fonti di controversie oltre che di perdite finanziarie. E sempre utile ricordare che anche i più grandi investitori finanziari (W. Buffet ad es. da anni tra i primi tre uomini più ricchi sulla terra) adottano la regola di acquistare solo ciò che è comprensibile, ma sempre dopo avere chiarito anche i tre aspetti sopraelencati. E INDISPENSABILE TENERE PRESENTE CHE LA NOSTRA PROPENSIONE AL RISCHIO, IL NOSTRO ORIZZONTE TEMPORALE E L ANALISI DEI PROPRI BISOGNI SONO CARATTERISTICHE CHE NON MUTANO CON LA STESSA VELOCITA DELLE MODE O DELLE STAGIONI, QUINDI ASSUNTE DELLE SCELTE PONDERATE DI ACQUISRI DI PRODOTTI FINANZIARI E CONSIGLIABILE NON FARE FREQUENTI E REPENTINI CAMBIAMENTI PERCHE COSTOSI ED E STATISCAMENTE DIMOSTRATO CHE SPESSO COMPORTA UN COSTO MAGGIORE DIFFICILMENTE RECUPERABILE.

18 Gli italiani e internet (fonte il Sole 24 ore) Il ritardo italiano nell utilizzo di internet è emerso abbastanza chiaramente dai dati forniti da Eurisko, Nielsen ed Eurostat solo il 7% di 24,5 milioni di navigatori italiani attivi si misura con il commercio elettronico. Solo il 15% degli italiani, all incirca 8 milioni di persone, si collega via internet alla propria banca. Nella categoria che più ci interessa ovvero Finanza, Assicurazioni, Investimenti, la percentuale degli italiani che accedono a questi servizi online sono il 49% di coloro che hanno navigato on-line nel mese (un quarto del totale della popolazione con più di 16 anni), gli spagnoli sono il 53% della popolazione attiva on-line, gli inglesi il 62%, i francesi il 64% e gli americani il 66%. Gli italiani impiegano 39 minuti medi su questi siti contro i 45 minuti degli spagnoli, i 48 degli inglesi, 1 ora e 8 minuti dei francesi e le 2 ore e 10 minuti degli americani! E evidente che ci troviamo di fronte a una combinazione di arretratezze strutturali del nostro sistema di offerta assicurativa e bancaria e una diffidenza culturale dei nostri cittadini per tutto ciò che non è tangibile a costo di pagare un prezzo salato (in termini di tempo e costo del servizio) alla burocrazia cartacea con la quale siamo abituati a convivere.

19 Adiconsum Brescia Via Altopiano d'asiago, Brescia BS Tel Fax Lunedì/Venerdì: 15.00/18.00 Resp. Cesare Reboni

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA La presente appendice integrativa costituisce parte integrante del Fascicolo informativo. Il presente documento

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA La presente appendice integrativa costituisce parte integrante del Fascicolo informativo. Il presente documento

Dettagli

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA 1/6 PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE PER LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE Autovetture La presente Appendice

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA Sede Legale: via Stalingrado, 45-40128 Bologna (Italia) - tel. +39 051 5077111 - fax +39 051 375349 Capitale Sociale i.v. Euro 1.977.533.765,65 - Registro delle Imprese di Bologna, C.F. e P.IVA 00818570012

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER OPERAZIONI CONTRATTUALI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER OPERAZIONI CONTRATTUALI A DISTANZA Core Multiramo Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio unico Multiramo: Unit Linked e con partecipazione agli utili La presente appendice costituisce parte integrante del Fascicolo informativo.

Dettagli

Segue una breve disamina dei principali contenuti degli altri articoli.

Segue una breve disamina dei principali contenuti degli altri articoli. Circolare n. 86 AP/cg - 30 ottobre 2007 TITOLO: Approvazione dello schema di decreto legislativo concernente disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA La presente appendice integrativa costituisce parte integrante del Fascicolo informativo. Il presente documento

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME 1 tel. 70124, fax 770677 - www.apamontecatini.it, info@apamontecatini.it Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME Circolare n. 08/2014 Montecatini T., 12/06/2014

Dettagli

I SERVIZI ED I PRODOTTI FINANZIARI NELLA DIMENSIONE INTERNAZIONALISTICA DELLA RETE INTERNET

I SERVIZI ED I PRODOTTI FINANZIARI NELLA DIMENSIONE INTERNAZIONALISTICA DELLA RETE INTERNET COMMERCIALIZZAZIONE A DISTANZA DEI SERVIZI FINANZIARI AI CONSUMATORI (PARTE PRIMA) PROF.SSA FRANCESCA MITE Indice 1 I SERVIZI ED I PRODOTTI FINANZIARI NELLA DIMENSIONE INTERNAZIONALISTICA DELLA RETE INTERNET

Dettagli

Decreto Legislativo 23 ottobre 2007, n. 221

Decreto Legislativo 23 ottobre 2007, n. 221 Decreto Legislativo 23 ottobre 2007, n. 221 "Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma dell'articolo 7, della legge 29

Dettagli

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori,

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, innovazioni e criticità. Cosa cambia dal 13.06.2014 a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs 21/2014 Milano, giovedì 17 luglio 2014 Confcommercio

Dettagli

SEZIONE V TECNICHE DI COMUNICAZIONE A DISTANZA

SEZIONE V TECNICHE DI COMUNICAZIONE A DISTANZA SEZIONE V TECNICHE DI COMUNICAZIONE A DISTANZA 1. Premessa La presente sezione contiene disposizioni relative all impiego di tecniche di comunicazione a distanza da parte degli intermediari o di altri

Dettagli

Acquista in sicurezza online Contratti a distanza - aggiornamento normativa di riferimento

Acquista in sicurezza online Contratti a distanza - aggiornamento normativa di riferimento Acquista in sicurezza online Contratti a distanza - aggiornamento normativa di riferimento 1 I contratti a distanza sono caratterizzati dall essere stipulati senza la presenza fisica e simultanea di chi

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA ALLEGATO A Alla delibera n. REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA Art. 1 (Definizioni) 1. 1.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007, n. 221: Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005,, recante Codice del consumo, a norma dell'articolo 7, della legge 29 luglio

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Versione aprile 2012 Indice generale Premessa... 3 Come presentare il reclamo... 4 Arbitro Bancario Finanziario...

Dettagli

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Il Regolamento disciplina: a) la proposizione e la gestione dei reclami presentati all ISVAP dalle persone fisiche e giuridiche dalle associazioni

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

Acquista in sicurezza online

Acquista in sicurezza online con la collaborazione di Acquista in sicurezza online Contratti a distanza - aggiornamento normativa di riferimento Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti?

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

I contratti di finanziamento: Credito al consumo

I contratti di finanziamento: Credito al consumo I contratti di finanziamento: Credito al consumo Definizioni e struttura del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Per credito al consumo si intende il credito per l acquisto di beni e servizi (credito

Dettagli

Introduzione al commercio elettronico

Introduzione al commercio elettronico Introduzione al commercio elettronico Definizioni di commercio elettronico Comunicazione della Commissione europea al parlamento europeo, al Consiglio, al comitato economico e sociale ed al comitato delle

Dettagli

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria Giovanni Carosio 13 dicembre 2007 Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria 1. L educazione finanziaria 2. La soluzione delle controversie 1 L educazione finanziaria 1. Un bisogno crescente 2.

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999

LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A DISTANZA (PER POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVENDITE) DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185 DEL 1999 Di Gianfranco Visconti 1) I contratti a distanza : definizione ed evoluzione

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34

Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34 Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34 Disposizioni in materia di promozione e collocamento a distanza di contratti di assicurazione.

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA INTESTATARIO 1 (persona fisica) Nome Cognome Codice fiscale Residenza (via e n civico) CAP Località Prov. Telefono fisso fax Tel. Cellulare E-mail documento (Tipo) Num.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Aggiornamento numero 5 del 01/10/2014 Agos Ducato S.p.A. - Via Bernina, 7-20158 Milano - www.agosducato.it - Capitale Sociale Euro 638.655.160,00 I.V. Registro delle Imprese di Milano n. di C.F./P.IVA

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESSIONE DEL QUINTO DELLA RETRIBUZIONE DIPENDENTI PRIVATI Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESSIONE DEL QUINTO DELLA RETRIBUZIONE DIPENDENTI PRIVATI Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013 MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESONE DEL QUINTO DELLA RETRIBUZIONE DIPENDENTI PRIVATI Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito

Dettagli

Condizioni generali di vendita Soap

Condizioni generali di vendita Soap Condizioni generali di vendita Soap A. Definizioni Soap si intende Soap di Marco Borsani, con sede in Corso Roma 122, Cesano Maderno MB, tel. +39 347 5087246, P.Iva 07815570960, società proprietaria del

Dettagli

Se intendete acquistare libri e prodotti da Transeuropa Edizioni, avvalendovi della comunicazione via internet, vi informiamo (ai sensi dell art.

Se intendete acquistare libri e prodotti da Transeuropa Edizioni, avvalendovi della comunicazione via internet, vi informiamo (ai sensi dell art. Se intendete acquistare libri e prodotti da Transeuropa Edizioni, avvalendovi della comunicazione via internet, vi informiamo (ai sensi dell art. 52 del DLgs. 206/2005) che: - il soggetto dal quale acquistate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n.

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del titolo VI e VI bis del T.U.B., della delibera CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento di attuazione della Banca d Italia del 25 luglio 2003 e del provvedimento

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA KIRON PARTNER S.P.A. Società di Mediazione Creditizia Sede Legale: via Monte Bianco 60/A - 20089 Rozzano (MI) - Tel. 02.52.858.1 - Fax 02.52.858.311 - e-mail: info@kiron.it - e-mail certificata: kiron@pec.kiron.it

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE SUI CONTRATTI E SERVIZI A DISTANZA (Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n.

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE SUI CONTRATTI E SERVIZI A DISTANZA (Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. INFORMATIVA PRECONTRATTUALE SUI CONTRATTI E SERVIZI A DISTANZA (Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206) AVVERTENZA PRELIMINARE: la presente ha valore di informativa precontrattuale

Dettagli

Condizioni generali di contratto Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza

Condizioni generali di contratto Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza Art. 1 Condizioni generali di contratto Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza Ai fini delle presenti condizioni generali, si intende per: Consumatore, la persona fisica che agisce per scopi

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Oggetto Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito Condizioni Generali ) sono applicabili a tutte le vendite di prodotti (di seguito Prodotti o Prodotto )

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

ACCORDO. tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE )

ACCORDO. tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE ) ACCORDO tra Intrachannel Srl in seguito RIVENDITORE AMS o anche solo RIVENDITORE ) e (in seguito GESTORE POINT o anche solo GESTORE ) congiuntamente le Parti, 1 - premesso che AMS - ARABIA MOBILE SERVICES

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE. Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE. Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013 MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CESONE DEL QUINTO DELLA PENONE Condizioni valide dal 27/02/2013 al 31/03/2013 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito Finanziatore Indirizzo

Dettagli

Guida ai reclami di Banca di Sassari

Guida ai reclami di Banca di Sassari Guida ai reclami di Banca di Sassari Aggiornamento ottobre 2015 1. L importanza dei Reclami in Banca di Sassari La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria capacità di avere

Dettagli

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Il presente documento, recante lo schema del nuovo Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche

Dettagli

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R.

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R. Viale Carlo Felice n. 103 00185 ROMA CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma 12.12.14 POSTE ITALIANE s.p.a. Legale Rappresentante p.t. Viale

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Le nuove regole UE per la risoluzione alternativa delle controversie: la Direttiva ADR e il Regolamento ODR sulle dispute E-commerce con i consumatori on line. di: Prof. Avv. Alessandro del Ninno Studio

Dettagli

1. In tempo utile, prima della conclusione di qualsiasi contratto a distanza, il consumatore deve ricevere le seguenti informazioni:

1. In tempo utile, prima della conclusione di qualsiasi contratto a distanza, il consumatore deve ricevere le seguenti informazioni: legge sul diritto di recesso Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente decreto si intende per: a) contratto a distanza: il contratto avente per oggetto beni o servizi stipulato tra un fornitore e un

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO A TERMINE PRESTITO PERSONALE FIDIAMO

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO A TERMINE PRESTITO PERSONALE FIDIAMO Codice modulo e versione SECCI 17-07/2015_04 Data di consegna del presente documento INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE / INTERMEDIARIO DEL

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

CARTE DI CREDITO CORPORATE

CARTE DI CREDITO CORPORATE CARTE DI CREDITO CORPORATE FOGLIO INFORMATIVO Ai sensi del Provvedimento della Banca d Italia del 15 febbraio 2010 e successivi aggiornamenti di recepimento della Direttiva sui servizi di pagamento e delle

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari CONTO DEPOSITO YOUBANKING - Clienti Consumatori - INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento

Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento Pag. 1/5 Deposito Titoli /Strumenti Finanziari a Custodia e/o Amministrazione e Servizi di Investimento INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari - Circolare Banca di Italia del 10 febbraio 2011 - Esegesi Sommario INFORMAZIONI GENERALI 3 T.A.E.G. 4 MODULISTICA PRECONTRATTUALE 5 ANNUNCI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO

CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO Settore Finanza Mediazione Creditizia S.r.l., con sede legale in Via Crescenzio, 42-00193 Roma, iscr. OAM n. M106, P.IVA 09253481007, Tel./Fax

Dettagli

Come portare un attività su internet

Come portare un attività su internet Come portare un attività su internet Le regole base per l e-commerce ottobre 2014 1 Impresa e internet pubblicità promozione commercio ottobre 2014 2 pubblicità diretta aprendo un proprio sito web indiretta

Dettagli

ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA

ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA Nozione: COL CONTRATTO DI AGENZIA UNA PARTE (detta AGENTE), ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA (detta PREPONENTE), E VERSO RETRIBUZIONE (detta PROVVIGIONE), LA CONCLUSIONE

Dettagli

Condizioni di vendita - Agotherapy - Aghi e prodotti per agopuntura e apparecchiature elettromedicali

Condizioni di vendita - Agotherapy - Aghi e prodotti per agopuntura e apparecchiature elettromedicali - Oggetto del contratto Le presenti Condizioni Generali hanno per oggetto l acquisto di prodotti, effettuato a distanza tramite rete telematica, da Agotherapy, con sede legale in Torino (TO) - 10155 -

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA SOCIETA' E LA BORSA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI

MEMORANDUM D INTESA SOCIETA' E LA BORSA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI MEMORANDUM D INTESA JERSEY FINANCIAL SERVICES COMMISSION COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA ITALIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI MEMORANDUM D'INTESA La Jersey Financial

Dettagli

CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC

CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC CONTRATTO SOLUZIONE DI RISPARMIO BASIC Il presente contratto (il Contratto) tra il/la Sig./ra, nato/a il, a, C.F., residente in, via, tel., email (il Cliente) e MoneyFarm SIM S.p.A. (MoneyFarm SIM o la

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID III Incontro Compliance AICOM-Dexia Crediop Strategies, governance, compliance: le sfide della direttiva MiFID e l integrazione del mercato finanziario europeo La Funzione di Compliance tra Basilea II

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND BY INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO

Dettagli

INFORMAZIONI STANDARD EUROPEE RELATIVE AL CREDITO SU TITOLI

INFORMAZIONI STANDARD EUROPEE RELATIVE AL CREDITO SU TITOLI INFORMAZIONI STANDARD EUROPEE RELATIVE AL CREDITO SU TITOLI 1 IDENTITÀ E DATI DI CONTATTO DELL ISTITUTO DI CREDITO EROGANTE Istituto di credito erogante: DEGIRO B.V. Indirizzo: Rembrandt Tower 9 th floor

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Sezione II CHE COS E LA FIDEIUSSIONE

Sezione II CHE COS E LA FIDEIUSSIONE FOGLIO INFORMATIVO per la garanzia da ricevere denominata fideiussione Questo foglio è suddiviso nelle seguenti sezioni: Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Informazioni sull intermediario

Dettagli

GRUPPO. guida ai reclami

GRUPPO. guida ai reclami GRUPPO guida ai reclami Aggiornamento febbraio 2012 La Guida è stata redatta in collaborazione con 1. L importanza dei Reclami in BPER La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria

Dettagli

La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari

La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari La Banca d Italia e la tutela del consumatore dei servizi bancari e finanziari Vittorio Tusini Cottafavi Servizio Rapporti Esterni e Affari Generali Roma, 27 aprile 2010 La tutela del cliente di servizi

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Oggetto Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito Condizioni Generali ) sono applicabili a tutte le

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Oggetto Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito Condizioni Generali ) sono applicabili a tutte le CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Oggetto Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito Condizioni Generali ) sono applicabili a tutte le vendite di prodotti (di seguito Prodotti o Prodotto )

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE La Cassa di Risparmio di Asti S.p.A., così come il Gruppo omonimo, è da sempre attenta alle esigenze dei propri Clienti; le Banche

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

FI-602 Documento informativo delle condizioni offerte alla generalità della clientela

FI-602 Documento informativo delle condizioni offerte alla generalità della clientela Documento informativo delle condizioni offerte alla generalità della clientela 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Intesa Sanpaolo S.p.A. Indirizzo Sito web Intermediario del credito Piazza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO DI M-PAYMENT

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO DI M-PAYMENT CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO DI M-PAYMENT Avviso legale. Le presenti condizioni generali disciplinano gli accordi contrattuali per la fruizione dei servizi di ricarica messi a disposizione da Totobit

Dettagli

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI Alberto Grossi Direttore Consumatori e qualità del servizio Autorità per l energia elettrica e il gas Questa presentazione non è un documento ufficiale

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI Via Caldera, 21 20153 Mil ano DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS. 385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO) E

Dettagli