SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)"

Transcript

1 SSB Diagnostica Remota (SSB-DR) Specifica dei Requisiti Funzionali e Non Funzionale A termini di legge Ansaldo Segnalamento Ferroviario s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione 1/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

2 EMISSIONE DOCUMENTO Preparato da NOME ENTE FIRMA DATA S. Riguzzi, M. Scatta Alstom M. Zani Alstom P. Alberti Alstom S. Sabina Alstom Aasf ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA C.d.M. Preparato Approvato Autorizzato Motivo della revisione S. Riguzzi, M. Scattà M. Zani P. Alberti S. Sabina P. Alberti S. Sabina Prima Emissione 2

3 CONTROLLO DOCUMENTO Questo documento è soggetto al controllo documenti. Questa è una copia autorizzata se, e solo se, è firmata o siglata con inchiostro non nero. I possessori di copie autorizzate riceveranno automaticamente copie aggiornate in caso di modifiche. REV. DATA DESTINAZIONE ASF, Alstom, RFI Editing curato da: 3

4 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO CAMPO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI E ACRONIMI DOCUMENTI APPLICABILI E DI RIFERIMENTO Documenti Applicabili Normative Applicabili Documenti di Riferimento Normative di riferimento STRUTTURA DEL DOCUMENTO TBC DESCRIZIONE GENERALE RELAZIONI CON I PROGETTI CORRENTI RELAZIONI CON I PROGETTI PRECEDENTI E SUCCESSIVI FUNZIONE E SCOPO CONSIDERAZIONI SULL'AMBIENTE OPERATIVO RELAZIONI CON ALTRI SISTEMI VINCOLI GENERALI DESCRIZIONE DEL MODELLO REQUISITI SPECIFICI REQUISITI FUNZIONALI REQUISITI ELEMENTI COSTITUTIVI REQUISITI CARATTERISTICHE MECCANICHE REQUISITI CARATTERISTICHE ELETTRICHE REQUISITI PRESCRIZIONI PARTICOLARI REQUISITI DI PERFORMANCE REQUISITI DI INTERFACCIA ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO...Errore. Il segnalibro non è definito TIME NIDMA NIDA NIDPI DIRPI PC C_E CSE REQUISITI OPERAZIONALI REQUISITI SULLE RISORSE REQUISITI DI VERIFICA REQUISITI DI TEST DI ACCETTAZIONE REQUISITI DI DOCUMENTAZIONE REQUISITI DI SECURITY REQUISITI DI PORTABILITÀ REQUISITI DI QUALITÀ REQUISITI DI AFFIDABILITÀ REQUISITI DI DISPONIBILITÀ REQUISITI DI MANUTENIBILITÀ

5 3.19 REQUISITI DI SAFETY REQUISITI AMBIENTALI, MECCANICI, ED ELETTRICI

6 INDICE DELLE FIGURE FIGURA 1: SSB-DR MODELLO LOGICO

7 INDICE DELLE TABELLE TABELLA 1 - ELENCO DELLE DEFINIZIONI E DEGLI ACRONIMI....8 TABELLA 2 - BLOCCO HEADER DEL M ESSAGGIO SMS...14 TABELLA 3 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO POWER ON...15 TABELLA 4 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO CODICE ERRORE...15 TABELLA 5 ID_SUPPLIER...16 TABELLA 6 MATRICOLA_TRENO...16 TABELLA 7 TIME...16 TABELLA 8 NIDMA...17 TABELLA 9 NIDA...17 TABELLA 10 NIDPI...17 TABELLA 11 DIRPI...17 TABELLA 12 PC...18 TABELLA 13 C_E...19 TABELLA 14 CSE

8 1. INTRODUZIONE 1.1 Scopo del Documento Il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR) permette di inviare ad apposito apparato ricevente di terra, non oggetto della seguente specifica, il codice degli eventuali errori rilevati dalla logica del SSB SCMT. I codici di errori inviabili sono soltanto quelli previsti dal Volume 3 SCMT [..] ed applicabili schede. Lo scopo del presente documento è di fornire la specifica dei requis iti funzionali e non funzionali di SSB- DR. I destinatari del presente documento sono i progettisti degli apparati di bordo SCMT e dell apposito apparato ricevente di terra. 1.2 Campo di Applicazione Il campo di applicazione del documento è il sottosistema di bordo SCMT. 1.3 Definizioni e acronimi Num. Acronimo Definizione 1. ASF Ansaldo Segnalamento Ferroviario 2. ALS Alstom Ferroviaria 3. SSB-DR SottoSistema di Bordo - Diagnostica Remota 4. SCMT Sistema Controllo Marcia Treno 5. SMS Short Message Service 6. PC Personal Computer 7. SSB SottoSistema di Bordo 8. SW Software 9. HW Hardware Tabella 1 - Elenco delle definizioni e degli acronimi. 1.4 Documenti Applicabili e di Riferimento Documenti Applicabili In caso di riferimenti a documenti applicabili datati, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. 8

9 Rif. Identificazione Autori Titolo [A1] -- Volume 3 SSB SCMT e schede applicabili [A2] -- Alstom Tabella Errori [A3] -- ASF Tabella Errori Normative Applicabili In caso di riferimenti a normative applicabili datate, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. Rif. Identificazione Autori Titolo [A4] -- CENELEC EN 50155, [A5] -- CENELEC EN , Settembre Documenti di Riferimento I documenti di riferimento sono citati nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Normative di riferimento Le normative di riferimento sono citate nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Struttura del documento Questo documento si compone di tre Capitoli: Il Capitolo 1 descrive lo scopo del documento, il campo di applicazione e riporta i documenti applicabili e di riferimento. Il Capitolo 2 affronta la descrizione generale del SSB-DR. 9

10 Il Capitolo 3 descrive i requisiti specifici del SSB-DR. 2. DESCRIZIONE GENERALE L obiettivo di questo capitolo è quello di descrivere, in linea generale, le funzionalità del modulo Diagnostica Remota del SSB SCMT, oggetto del presente documento, di chiarire le modalità di interfacciamento con l Armadio SCMT, di gestione dei codici di errori ricevuti dalla logica SCMT, e la modalità di trasferire tali codici di errore verso apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato sul rotabile ed integrato in modo permanente con la parte esistente del SSB SCMT. Il SSB-DR assume che la rete di trasmissione sia GSM-R; soltanto durante la fase iniziale temporanea di sperimentazione potrà essere utilizzata la rete di trasmissione GSM. A prescindere dalla rete di trasmissione disponibile, SSB-DR assume che la qualità del servizio trasmissivo sia idoneo allo scopo. 2.1 Relazioni con i Progetti Correnti Il sistema di diagnostica remota sarà utilizzato per (i) acquisire gli eventuali codici di errore rilevati dalla logica del SSB SCMT durante il periodo di attivazione del SSB (i.e. periodo durante il quale il SSB è alimentato), (ii) inviare, mediante invio di uno o più messaggi SMS autoconsistenti, tali codici di errore ad apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato nei rotabili attrezzati con SSB SCMT o che dovranno essere attrezzati con SSB SCMT. L apparato ricevente di terra non è oggetto della presente specifica. 2.2 Relazioni con i Progetti Precedenti e Successivi Non esistono applicazioni precedenti di SSB-DR. 2.3 Funzione e Scopo Ogni rotabile attrezzato con il SSB SCMT dovrà anche essere equipaggiato con il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR). Ogni qualvolta il SSB SCMT, successivamente alla sua attivazione, dovesse rilevare l occorrenza di un errore di bordo o di terra, dovrà notificare al SSB-DR il relativo codice di errore. SSB-DR dovrà costruire il messaggio SMS contenente il codice di errore e dovrà provvedere al suo invio verso l apparato ricevente di terra. Poiché ogni singolo messaggio SMS potrà contenere al massimo tre codici di errore, sarà responsabilità del SSB-DR costruire il numero necessario di messaggi SMS. 2.4 Considerazioni sull'ambiente Operativo Il SSB-DR, ad eccezione dell Antenna, dovrà essere idoneo ad operare nell ambiente tipico dell Armadio SCMT. L Antenna, nella versione finale del SSB-DR, dovrà essere installata sull imperiale del locomotore. Eventuali versioni preliminari potranno, a solo fine di sperimentazione, disporre di antenne montate in modo provvisorio all interno del rotabile. 10

11 2.5 Relazioni con altri Sistemi Non esiste alcuna relazione con altro sistemi. 2.6 Vincoli Generali Il SSB-DR non è una apparecchiatura in sicurezza e non gestisce dati in sicurezza. Pertanto, dovrà soddisfare i requisiti aziendali di qualità applicabili agli apparati di bordo non vitali. Lo stato di funzionamento di tale dispositivo non deve essere oggetto della diagnostica di SSB-SCMT. 2.7 Descrizione del Modello In questo paragrafo è descritto il modello logico progettuale utilizzato per la descrizione dei requisiti del SSB-DR. Tale modello è stato definito utilizzando il metodo della suddivisione funzionale top-down. Secondo tale modello il SSB-DR può essere suddiviso nei seguenti principali blocchi funzionali: - Power Supply, responsabile di fornire la tensione di alimentazione e la potenza necessaria al corretto funzionamento del SSB-DR nell ambiente operativo tipico dei locomotori. L accensione del SSB SCMT dovrà comportare la fornitura della tensione di alimentazione del blocco Power Supply. - Core, responsabile della ricezione dei codici di errori rilevati dalla Logica del SSB SCMT, della costruzione del messaggio SMS (contenente al massimo tre codici di errore) da inviare all apparato ricevente di terra, e della gestione del blocco Interfaccia di Rete. Il Core dovrà ricevere i codici di errore dalla Logica del SSB SCMT mediante bus proprietario; invece, dovrà gestire il blocco Interfaccia di Rete mediante comandi AT. Qualora il numero di codici di errore ricevuti dalla Logica del SSB SCMT sia superiore a tre, il Core dovrà costruire un numero adeguato di messaggi SMS; ogni singolo messaggio SMS dovrà essere autoconsistente. Nel caso che il blocco Interfaccia di Rete sia impossibilitato a trasmettere il singolo messaggio SMS, Core dovrà riprovare (per un numero massimo prefissato di tentativi) ad rinviare il singolo messaggio SMS. Qualora la causa del mancato invio del singolo messaggio SMS sia imputabile alla mancanza della copertura di rete, Core sospenderà la procedura di ritrasmissione in attesa della copertura di rete. - Interfaccia di Rete, responsabile della invio del messaggio SMS. - Antenna, responsabile dell invio delle onde radio nel mezzo trasmissivo. Al fine di supportare la fase di messa in servizio del SSB-DR e della relativa manutenzione di 1 Livello, la presente specifica include anche i requisiti de l Tool di MIS e Manutenzione. 11

12 La seguente figura rappresenta il modello logico funzionale del SSB-DR. +Batt Armadio SCMT Power Supply Core Interfaccia di Rete Antenna SSB-DR Tool di MIS e Manutenzione Figura 1 - SSB-DR Modello Logico 3. REQUISITI SPECIFICI In questo capitolo sono riportati i requisiti specifici del SSB-DR. A ciascun requisito sono associati i seguenti attributi: Essenziale: [E]. Differito: [D], cioè essenziale, ma la cui implementazione è differita nel tempo; il requisito verrà implementato in versioni successive del SSB-DR. Sviluppo futuro: [F]. Instabile: [U]. Prototipo [P] I requisiti con attributo categoria [F] non saranno presi in considerazione nelle successive fasi del ciclo di vita. 3.1 Requisiti Funzionali Si riporta di seguito la lista dei Requisiti Funzionali per il SSB-DR. 12

13 (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di ricevere i codici di errore dall Armadio SCMT da trasferire a terra. (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il/i messaggio/i SMS contenente/i i codici di errori ricevuti. (REQ) [P] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM. (REQ) [E] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM-R. 3.2 Requisiti Elementi Costitutivi Si riporta di seguito la lista dei requisiti sugli elementi costitutivi del SSB-DR [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere costituito da un unico dispositivo interno od esterno all armadio di bordo SCMT e dalla relativa antenna, oppure da due unità separate interne e/o esterne all armadio di bordo SCMT e relativa Antenna. 3.3 Requisiti Caratteristiche Meccaniche Si riporta di seguito la lista dei requisiti riguardanti le caratteristiche meccaniche per il SSB-DR [U] (REQ) Il SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve avere i seguenti ingombri massimi (mm): L=500, H=200, P=160. [E][P] (REQ) L SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve essere posizionato all interno del rotabile a una distanza max di 3 metri dall armadio SCMT. [E] (REQ) L antenna del SSB-DR deve essere posizionata sull imperiale del rotabile. [P] (REQ) L antenna del SSB-DR, per la versione prototipale, può essere posizionata internamente al rotabile ad una distanza massima di tre metri dall armadio SCMT. Tale disposizione sarà condizionata dalla presenza di un adeguato livello di campo. 3.4 Requisiti Caratteristiche Elettriche Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle caratteristiche elettriche dell armadio di stazione: [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere preferibilmente connesso all alimentazione della batteria del treno (24 o 110 VDC nominali) [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere fornito di opportuni interruttori di protezione. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere attivato al momento dell inserimento del SSB SCMT tramite piastra pneumatica [P] (REQ) Il SSB-DR, nella fase prototipale, può essere alimentato direttamente dal SSB SCMT 13

14 3.5 Requisiti prescrizioni particolari (REQ) [E] [P] Il contenitore del SSB-DR deve essere provvisto di una o più targhette identificative comprendenti almeno: Marchio e nome del costruttore (il marchio può essere all esterno); Part Number e Serial Number che identificano in modo univoco il SSB-DR, con relativa revisione. 3.6 Requisiti di Performance Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Performance: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere in grado di trasmettere un messaggio SMS almeno ogni cinque minuti (si assume che le condizioni offerte dal Gestore della Rete siano ottimali) 3.7 Requisiti di Interfaccia Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Interfaccia: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere connesso all armadio SSB SCMT attraverso un interfaccia di tipo proprietario (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere fornito di una interfaccia di tipo proprietario per le attività di messa in servizio e di manutenzione (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il messaggio SMS opportunamente formattato. (REQ) [E] [P] SSB-DR non dovrà gestire SMS concatenati, ovvero messaggi di più di 160 caratteri. (REQ) [E] [P] SSB-DR dovrà costruire ed inviare il messaggio SMS contenente il/i codice/i di errore (per un massimo di tre) ogni qualvolta riceve tale informazione dalla Logica del SSB SCMT. (REQ) [E] [P] Il singolo messaggio SMS dovrà essere composto da un blocco header di lunghezza fissa e da uno più blocchi dati (fino ad un massimo di tre) ciascuno di lunghezza fissa ed uguale. (REQ) [E] [P] Il blocco header del messaggio SMS, costituito dai primi 4 campi del messaggio SMS, dovrà contenere i seguenti campi, vedi Tabella 2: ID_SUPPLIER, cioè l identificativo del fornitore del SSB SCMT (ALS oppure ASF), 3 caratteri; blank, separatore di 1 carattere; MATRICOLA_TRENO, cioè l identificativo del rotabile (matricola treno, 16 caratteri); blank, separatore di 1 carattere. ID_SUPPLIER Blank MATRICOLA_TRENO blank TOT Tabella 2 - Blocco Header del Messaggio SMS 14

15 (REQ) [E] [P] Al Power on il SSB DR deve inviare il messaggio di Power on avente la seguente struttura del campo dati, vedi Tabella 3: POWER ON, separatore di 8 caratteri POWER ON TOT 8 8 Tabella 3 - Blocco dati del Messaggio Power on Il messaggio di Power On è inviato dal SSB DR per registrarsi presso l apposito apparato di terra. (REQ) [E] [P] Il singolo blocco dati del messaggio Codice Errore dovrà contenere il codice di errore secondo la seguente struttura, vedi Tabella 4: TIME, contenente il time stamp relativo all istante temporale di rilevazione dell evento che ha causato il codice di errore, 8 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; CT, separatore di 2 caratteri; NIDMA, identificatore NID macro area, 2 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDA, identificatore NID area, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDPI, identificatore del PI, 4 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; DIRPI, direzione dell ultimo PI captato correttamente, 1 carattere; Blank, separatore di 1 carattere; PD, separatore di 2 caratteri; PC, progressiva chilometrica differenziale rispetto all ultimo PI captato correttamente, 6 caratteri; CE, separatore di 2 caratteri; C_E, codice errore, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; CSE, codice di sotto errore, 2 caratteri, blank, separatore di 1 carattere. TIME Blank CT NIDMA - NIDA - NIDPI blank DIRPI blank PD PC blank CE C_E. CSE blank TOT Tabella 4 - Blocco dati del Messaggio Codice errore (REQ) [E] [P] Qualsiasi campo della struttura deve essere allineato a destra. 15

16 (REQ) [E] [P] Qualora il singolo messaggio SMS debba contenere più codici di errore, ognuno di questi codici di errore dovrà essere inserito in un blocco dati del messaggio SMS, fino ad un massimo di tre blocchi dati per singolo SMS. Pertanto, un tale messaggio SMS sarà costituito da intestazione e da uno o più blocchi dati. Il SSB-DR potrà inviare SMS di lunghezza diversa in base al tipo di messaggio ed al numero di codici di errore contenuti: 29 caratteri nel caso di trasmissione del messaggio di Power on; 64 caratteri nel caso di trasmissione di un solo codice di errore; 104 caratteri nel caso di trasmissione di due codice di errore; 144 caratteri nel caso di trasmissione di tre codice di errore. L apposito apparato di terra potrà utilizzare il messaggio di Power On o il primo Messaggio Dati ricevuto, per la diagnostica del corretto funzionamento del SSB DR ID_SUPPLIER Name ID_SUPPLIER Descrizione: Identificativo fornitore del SSB SCMT Lunghezza campo (caratteri): 3 Valore speciale: ALS oppure ASF Valore di default: - Tabella 5 ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO Nome MATRICOLA_TRENO Descrizione: Identificativo rotabile (matricola del rotabile) Lunghezza campo (caratteri): 16 Valore speciale: Vedi tabella seguente Valore di default: - Tabella 6 MATRICOLA_TRENO TIME Nome: TIME Descrizione: Istante temporale in cui è stato rilevato l evento. Lunghezza campo (caratteri): 8 Valori ammessi: [0-9] Valore di default: - Tabella 7 TIME 16

17 3.7.4 NIDMA Nome: NIDMA Descrizione: Identificativo di macro-area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 8 NIDMA NIDA Nome: NIDA Descrizione: Identificativo di area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 9 NIDA NIDPI Nome: NIDPI Descrizione: Identificativo del Punto Informativo. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 4 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 10 NIDPI DIRPI Nome: DIRPI Descrizione: Direzione dell ultimo PI captato correttamente. Lunghezza campo (caratteri): 1 Valori ammessi: N per direzione nominal; R per direzione reverse. Valore di default: - Tabella 11 DIRPI 17

18 3.7.8 PC Nome: PC Descrizione: Progressiva chilometrica rispetto all ultimo PI captato correttamente in metri Lunghezza campo (caratteri): 6 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 12 PC 18

19 3.7.9 C_E Nome: Descrizione: Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - C_E Codice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Tabella 13 C_E CSE Nome: CSE Descrizione: Sottocodice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [A-Z], [-], [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 14 CSE 19

20 3.8 Requisiti Operazionali Si riporta di seguito la lista dei requisiti sui Requisiti Operazionali (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di ricevere, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, nuove configurazioni SW. (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di essere configurato, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, da un operatore inserendo almeno le informazioni relative a: matricola del rotabile composta dalla tipologia del rotabile ed il relativo numero di serie; numero telefonico dell apparato di terra per la raccolta dei codici di errori inviati dal SSB SCMT. L apparato SSB-DR fornirà l infrastruttura per consentire la trasmissione dei codici di errore mediante SMS all apposito apparato di terra (non oggetto della presente specifica). RFI avrà la responsabilità di fornire la carta SIM da inserire nel SSB-DR e di predisporre un apposito Apparato di terra in grado di ricevere e processare i singoli messaggi SMS. Inoltre si assume che RFI avrà la responsabilità della gestione dell apposito Apparato di terra e dell utilizzo dei codici di errore inviati dal SSB-DR. 3.9 Requisiti sulle Risorse Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle Risorse: [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà poter memorizzare un numero massimo di codici di errore pari a 9. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR, in caso di raggiungimento della dimensione massima di memorizzazione dei codici di errore non inviati, dovrà iniziare la memorizzazione di eventuali nuovi codici di errore dai più obsoleti Requisiti di Verifica Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Verifica: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere verificato mediante l esecuzione in laboratorio di apposita Test Suite Funzionale che garantisce la copertura del 100% dei requisiti funzionali del SSB-DR. [E] (REQ) La verifica del SSB-DR dovrà avvalersi anche dei risultati di una adeguata sperimentazione in linea sul sottoinsieme di rotabili assunti come Teste di Serie per SSB-DR. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà aver superato con esito posit ivo le Prove di Tipo applicabili. [E] (REQ) Il SSB-DR, essendo un apparato non vitale, dovrà essere progettato e realizzato in modo da soddisfare i requisiti di un apparato di bordo non vitale Requisiti di Test di Accettazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Test di Accettazione: 20/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

21 [E] (REQ) RFI considererà idoneo all uso il SSB-DR se questi supererà con esito positivo i test funzionali previsti dalla apposita Test Suite ed avrà superato con esito positivo la fase di sperimentazione in linea. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà superare con esito positivo i test di accettazione in Fabbrica descritti nell apposta Specifica di Collaudo. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato in modo conforme a quanto prescritto dalle norme EN e EN per sistemi SIL 0. Per quanto concerne la documentazione a corredo, questa è definita nei requisiti di cui al paragrafo Requisiti di Documentazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Documentazione di pertinenza dell apparato SSB-DR: (REQ) [E] Il SSB-DR sarà corredato dai seguenti documenti: 1. SSB-DR Specifica tecnica; 2. SSB-DR Specifica dell interfaccia tra armadio SCMT e SSB-DR; 3. SSB-DR Specifica dei test d integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 4. SSB-DR Report dei test di integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 5. SSB-DR Specifica dei Test Funzionali (Test Suite); 6. SSB-DR Report dei Test Funzionali (Test Suite); 7. SSB-DR Specifica di Collaudo; 8. SSB-DR Report dei Test di Collaudo; 9. SSB-DR Specifica delle Prove di Tipo; 10. SSB-DR Report delle Prove di Tipo; 11. SSB-DR Messa in esercizio. L inserimento del SSB-DR come componente del SSB comporterà lo svolgimento di almeno le seguenti attività: 1. Sopralluogo sui rotabili; 2. Progettazione Predisposizione Meccanica; 3. Progettazione Impiantistica; 4. Design Review con RFI/TrenItalia; 5. Posa, e messa in servizio; 6. Esecuzione delle prove per ottenere un aggiornamento del NOI; 7. Aggiornamento delle Specifiche tecniche e disegni di installazione di SCMT (comprendente SSB- DR) sia dei fornitori che di TrenItalia; 8. Aggiornamento dei Manuali di Manutenzione di SCMT relativi a SSB-DR; 9. Aggiornamento dei Tools di SSB; 10. Aggiornamento del Volume 3 SSB SCMT; 21

22 11. Aggiornamento delle Matrice di Tracciabilità verso il Volume 3 SSB SCMT; 12. Aggiornamento della Specifica di Collaudo in Fabbrica per il SSB SCMT; 13. Attività di sviluppo ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 14. Attività di V&V ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 15. Corsi di istruzione 3.13 Requisiti di Security Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Security: [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà consentite l accesso al personale autorizzato mediante controllo dell identificativo dell operatore e relativa password. [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà memorizzare su apposito file di log l identificativo dell operatore, l operazione richiesta, l esito dell operazione, la date e l ora di esecuzione dell operazione Requisiti di Portabilità Non applicabile 3.15 Requisiti di Qualità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Qualità: (REQ) [E] [P] Il prodotto SSB-DR dovrà soddisfare gli Standards di Qualità applicabili di ogni ditta fornitrice per apparati non vitali di bordo. (REQ) [E] [P] Tutte le fasi di sviluppo e verifica del SSB-DR dovranno essere poste sotto configurazione come previsto da Piano di Gestione della Configurazione di ogni ditta fornitrice 3.16 Requisiti di Affidabilità Non applicabile 3.17 Requisiti di Disponibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Disponibilità: [U] (REQ) Il SSB-DR dovrà avere un target di affidabilità di 5000 h rif.to MIL HDBK417 Ground Mobile. 22

23 3.18 Requisiti di Manutenibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Manutenibilità: [E] (REQ) La manutenibilità del Sistema SSB-DR dovrà essere garantita da chiara e concisa documentazione (manuali d uso). [E] (REQ) La manutenibilità del sottosistema SSB-DR dovrà essere garantita dalla formazione del personale addetto alla manutenzione, tramite istruzione dello stesso per mezzo di corsi informativi tenuti da personale qualificato delle ditte fornitrici. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato e realizzato in modo da poter essere considerato come composto da almeno due LRUs (e.g. una di queste sarà costituita dall Antenna). Ogni LRU del SSB-DR dovrà essere chiaramente identificabile ed estraibile Requisiti di Safety Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Safety: [E] (REQ) Il sistema SSB-DR dovrà essere progettato in modo da essere conforme a CENELEC SIL Requisiti Ambientali, Meccanici, ed Elettrici Si riporta di seguito la lista dei requisiti ambientali: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere sottoposto a Prove di Tipo secondo quanto prescritto dalle Norme applicabili [??????????????????????] 23

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA relativa alla manutenzione (Dossier di BOZZA Rev 0 REDATTO VERIFICATO APPROVATO M. Scrivani R. Cammarata M.G. Marzoni INDICE 1 Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA Rif. Norma UNI EN ISO 9001:2008 - Rev. 01 del 22/12/2011

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Policy per fornitori

Policy per fornitori Policy per fornitori Con riferimento alla Decisione 32/2008 del Presidente dell EUI e in particolare degli articoli 4, 5 e 6 il fornitore è tenuto alla sottoscrizione della Dichiarazione dell impegno del

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web

GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web La presente guida rapida sintetizza in modo veloce le procedure da seguire per attivare ed utilizzare con estrema semplicità il BITCARD POS Intellect

Dettagli