SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)"

Transcript

1 SSB Diagnostica Remota (SSB-DR) Specifica dei Requisiti Funzionali e Non Funzionale A termini di legge Ansaldo Segnalamento Ferroviario s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione 1/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

2 EMISSIONE DOCUMENTO Preparato da NOME ENTE FIRMA DATA S. Riguzzi, M. Scatta Alstom M. Zani Alstom P. Alberti Alstom S. Sabina Alstom Aasf ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA C.d.M. Preparato Approvato Autorizzato Motivo della revisione S. Riguzzi, M. Scattà M. Zani P. Alberti S. Sabina P. Alberti S. Sabina Prima Emissione 2

3 CONTROLLO DOCUMENTO Questo documento è soggetto al controllo documenti. Questa è una copia autorizzata se, e solo se, è firmata o siglata con inchiostro non nero. I possessori di copie autorizzate riceveranno automaticamente copie aggiornate in caso di modifiche. REV. DATA DESTINAZIONE ASF, Alstom, RFI Editing curato da: 3

4 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO CAMPO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI E ACRONIMI DOCUMENTI APPLICABILI E DI RIFERIMENTO Documenti Applicabili Normative Applicabili Documenti di Riferimento Normative di riferimento STRUTTURA DEL DOCUMENTO TBC DESCRIZIONE GENERALE RELAZIONI CON I PROGETTI CORRENTI RELAZIONI CON I PROGETTI PRECEDENTI E SUCCESSIVI FUNZIONE E SCOPO CONSIDERAZIONI SULL'AMBIENTE OPERATIVO RELAZIONI CON ALTRI SISTEMI VINCOLI GENERALI DESCRIZIONE DEL MODELLO REQUISITI SPECIFICI REQUISITI FUNZIONALI REQUISITI ELEMENTI COSTITUTIVI REQUISITI CARATTERISTICHE MECCANICHE REQUISITI CARATTERISTICHE ELETTRICHE REQUISITI PRESCRIZIONI PARTICOLARI REQUISITI DI PERFORMANCE REQUISITI DI INTERFACCIA ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO...Errore. Il segnalibro non è definito TIME NIDMA NIDA NIDPI DIRPI PC C_E CSE REQUISITI OPERAZIONALI REQUISITI SULLE RISORSE REQUISITI DI VERIFICA REQUISITI DI TEST DI ACCETTAZIONE REQUISITI DI DOCUMENTAZIONE REQUISITI DI SECURITY REQUISITI DI PORTABILITÀ REQUISITI DI QUALITÀ REQUISITI DI AFFIDABILITÀ REQUISITI DI DISPONIBILITÀ REQUISITI DI MANUTENIBILITÀ

5 3.19 REQUISITI DI SAFETY REQUISITI AMBIENTALI, MECCANICI, ED ELETTRICI

6 INDICE DELLE FIGURE FIGURA 1: SSB-DR MODELLO LOGICO

7 INDICE DELLE TABELLE TABELLA 1 - ELENCO DELLE DEFINIZIONI E DEGLI ACRONIMI....8 TABELLA 2 - BLOCCO HEADER DEL M ESSAGGIO SMS...14 TABELLA 3 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO POWER ON...15 TABELLA 4 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO CODICE ERRORE...15 TABELLA 5 ID_SUPPLIER...16 TABELLA 6 MATRICOLA_TRENO...16 TABELLA 7 TIME...16 TABELLA 8 NIDMA...17 TABELLA 9 NIDA...17 TABELLA 10 NIDPI...17 TABELLA 11 DIRPI...17 TABELLA 12 PC...18 TABELLA 13 C_E...19 TABELLA 14 CSE

8 1. INTRODUZIONE 1.1 Scopo del Documento Il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR) permette di inviare ad apposito apparato ricevente di terra, non oggetto della seguente specifica, il codice degli eventuali errori rilevati dalla logica del SSB SCMT. I codici di errori inviabili sono soltanto quelli previsti dal Volume 3 SCMT [..] ed applicabili schede. Lo scopo del presente documento è di fornire la specifica dei requis iti funzionali e non funzionali di SSB- DR. I destinatari del presente documento sono i progettisti degli apparati di bordo SCMT e dell apposito apparato ricevente di terra. 1.2 Campo di Applicazione Il campo di applicazione del documento è il sottosistema di bordo SCMT. 1.3 Definizioni e acronimi Num. Acronimo Definizione 1. ASF Ansaldo Segnalamento Ferroviario 2. ALS Alstom Ferroviaria 3. SSB-DR SottoSistema di Bordo - Diagnostica Remota 4. SCMT Sistema Controllo Marcia Treno 5. SMS Short Message Service 6. PC Personal Computer 7. SSB SottoSistema di Bordo 8. SW Software 9. HW Hardware Tabella 1 - Elenco delle definizioni e degli acronimi. 1.4 Documenti Applicabili e di Riferimento Documenti Applicabili In caso di riferimenti a documenti applicabili datati, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. 8

9 Rif. Identificazione Autori Titolo [A1] -- Volume 3 SSB SCMT e schede applicabili [A2] -- Alstom Tabella Errori [A3] -- ASF Tabella Errori Normative Applicabili In caso di riferimenti a normative applicabili datate, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. Rif. Identificazione Autori Titolo [A4] -- CENELEC EN 50155, [A5] -- CENELEC EN , Settembre Documenti di Riferimento I documenti di riferimento sono citati nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Normative di riferimento Le normative di riferimento sono citate nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Struttura del documento Questo documento si compone di tre Capitoli: Il Capitolo 1 descrive lo scopo del documento, il campo di applicazione e riporta i documenti applicabili e di riferimento. Il Capitolo 2 affronta la descrizione generale del SSB-DR. 9

10 Il Capitolo 3 descrive i requisiti specifici del SSB-DR. 2. DESCRIZIONE GENERALE L obiettivo di questo capitolo è quello di descrivere, in linea generale, le funzionalità del modulo Diagnostica Remota del SSB SCMT, oggetto del presente documento, di chiarire le modalità di interfacciamento con l Armadio SCMT, di gestione dei codici di errori ricevuti dalla logica SCMT, e la modalità di trasferire tali codici di errore verso apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato sul rotabile ed integrato in modo permanente con la parte esistente del SSB SCMT. Il SSB-DR assume che la rete di trasmissione sia GSM-R; soltanto durante la fase iniziale temporanea di sperimentazione potrà essere utilizzata la rete di trasmissione GSM. A prescindere dalla rete di trasmissione disponibile, SSB-DR assume che la qualità del servizio trasmissivo sia idoneo allo scopo. 2.1 Relazioni con i Progetti Correnti Il sistema di diagnostica remota sarà utilizzato per (i) acquisire gli eventuali codici di errore rilevati dalla logica del SSB SCMT durante il periodo di attivazione del SSB (i.e. periodo durante il quale il SSB è alimentato), (ii) inviare, mediante invio di uno o più messaggi SMS autoconsistenti, tali codici di errore ad apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato nei rotabili attrezzati con SSB SCMT o che dovranno essere attrezzati con SSB SCMT. L apparato ricevente di terra non è oggetto della presente specifica. 2.2 Relazioni con i Progetti Precedenti e Successivi Non esistono applicazioni precedenti di SSB-DR. 2.3 Funzione e Scopo Ogni rotabile attrezzato con il SSB SCMT dovrà anche essere equipaggiato con il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR). Ogni qualvolta il SSB SCMT, successivamente alla sua attivazione, dovesse rilevare l occorrenza di un errore di bordo o di terra, dovrà notificare al SSB-DR il relativo codice di errore. SSB-DR dovrà costruire il messaggio SMS contenente il codice di errore e dovrà provvedere al suo invio verso l apparato ricevente di terra. Poiché ogni singolo messaggio SMS potrà contenere al massimo tre codici di errore, sarà responsabilità del SSB-DR costruire il numero necessario di messaggi SMS. 2.4 Considerazioni sull'ambiente Operativo Il SSB-DR, ad eccezione dell Antenna, dovrà essere idoneo ad operare nell ambiente tipico dell Armadio SCMT. L Antenna, nella versione finale del SSB-DR, dovrà essere installata sull imperiale del locomotore. Eventuali versioni preliminari potranno, a solo fine di sperimentazione, disporre di antenne montate in modo provvisorio all interno del rotabile. 10

11 2.5 Relazioni con altri Sistemi Non esiste alcuna relazione con altro sistemi. 2.6 Vincoli Generali Il SSB-DR non è una apparecchiatura in sicurezza e non gestisce dati in sicurezza. Pertanto, dovrà soddisfare i requisiti aziendali di qualità applicabili agli apparati di bordo non vitali. Lo stato di funzionamento di tale dispositivo non deve essere oggetto della diagnostica di SSB-SCMT. 2.7 Descrizione del Modello In questo paragrafo è descritto il modello logico progettuale utilizzato per la descrizione dei requisiti del SSB-DR. Tale modello è stato definito utilizzando il metodo della suddivisione funzionale top-down. Secondo tale modello il SSB-DR può essere suddiviso nei seguenti principali blocchi funzionali: - Power Supply, responsabile di fornire la tensione di alimentazione e la potenza necessaria al corretto funzionamento del SSB-DR nell ambiente operativo tipico dei locomotori. L accensione del SSB SCMT dovrà comportare la fornitura della tensione di alimentazione del blocco Power Supply. - Core, responsabile della ricezione dei codici di errori rilevati dalla Logica del SSB SCMT, della costruzione del messaggio SMS (contenente al massimo tre codici di errore) da inviare all apparato ricevente di terra, e della gestione del blocco Interfaccia di Rete. Il Core dovrà ricevere i codici di errore dalla Logica del SSB SCMT mediante bus proprietario; invece, dovrà gestire il blocco Interfaccia di Rete mediante comandi AT. Qualora il numero di codici di errore ricevuti dalla Logica del SSB SCMT sia superiore a tre, il Core dovrà costruire un numero adeguato di messaggi SMS; ogni singolo messaggio SMS dovrà essere autoconsistente. Nel caso che il blocco Interfaccia di Rete sia impossibilitato a trasmettere il singolo messaggio SMS, Core dovrà riprovare (per un numero massimo prefissato di tentativi) ad rinviare il singolo messaggio SMS. Qualora la causa del mancato invio del singolo messaggio SMS sia imputabile alla mancanza della copertura di rete, Core sospenderà la procedura di ritrasmissione in attesa della copertura di rete. - Interfaccia di Rete, responsabile della invio del messaggio SMS. - Antenna, responsabile dell invio delle onde radio nel mezzo trasmissivo. Al fine di supportare la fase di messa in servizio del SSB-DR e della relativa manutenzione di 1 Livello, la presente specifica include anche i requisiti de l Tool di MIS e Manutenzione. 11

12 La seguente figura rappresenta il modello logico funzionale del SSB-DR. +Batt Armadio SCMT Power Supply Core Interfaccia di Rete Antenna SSB-DR Tool di MIS e Manutenzione Figura 1 - SSB-DR Modello Logico 3. REQUISITI SPECIFICI In questo capitolo sono riportati i requisiti specifici del SSB-DR. A ciascun requisito sono associati i seguenti attributi: Essenziale: [E]. Differito: [D], cioè essenziale, ma la cui implementazione è differita nel tempo; il requisito verrà implementato in versioni successive del SSB-DR. Sviluppo futuro: [F]. Instabile: [U]. Prototipo [P] I requisiti con attributo categoria [F] non saranno presi in considerazione nelle successive fasi del ciclo di vita. 3.1 Requisiti Funzionali Si riporta di seguito la lista dei Requisiti Funzionali per il SSB-DR. 12

13 (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di ricevere i codici di errore dall Armadio SCMT da trasferire a terra. (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il/i messaggio/i SMS contenente/i i codici di errori ricevuti. (REQ) [P] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM. (REQ) [E] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM-R. 3.2 Requisiti Elementi Costitutivi Si riporta di seguito la lista dei requisiti sugli elementi costitutivi del SSB-DR [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere costituito da un unico dispositivo interno od esterno all armadio di bordo SCMT e dalla relativa antenna, oppure da due unità separate interne e/o esterne all armadio di bordo SCMT e relativa Antenna. 3.3 Requisiti Caratteristiche Meccaniche Si riporta di seguito la lista dei requisiti riguardanti le caratteristiche meccaniche per il SSB-DR [U] (REQ) Il SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve avere i seguenti ingombri massimi (mm): L=500, H=200, P=160. [E][P] (REQ) L SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve essere posizionato all interno del rotabile a una distanza max di 3 metri dall armadio SCMT. [E] (REQ) L antenna del SSB-DR deve essere posizionata sull imperiale del rotabile. [P] (REQ) L antenna del SSB-DR, per la versione prototipale, può essere posizionata internamente al rotabile ad una distanza massima di tre metri dall armadio SCMT. Tale disposizione sarà condizionata dalla presenza di un adeguato livello di campo. 3.4 Requisiti Caratteristiche Elettriche Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle caratteristiche elettriche dell armadio di stazione: [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere preferibilmente connesso all alimentazione della batteria del treno (24 o 110 VDC nominali) [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere fornito di opportuni interruttori di protezione. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere attivato al momento dell inserimento del SSB SCMT tramite piastra pneumatica [P] (REQ) Il SSB-DR, nella fase prototipale, può essere alimentato direttamente dal SSB SCMT 13

14 3.5 Requisiti prescrizioni particolari (REQ) [E] [P] Il contenitore del SSB-DR deve essere provvisto di una o più targhette identificative comprendenti almeno: Marchio e nome del costruttore (il marchio può essere all esterno); Part Number e Serial Number che identificano in modo univoco il SSB-DR, con relativa revisione. 3.6 Requisiti di Performance Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Performance: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere in grado di trasmettere un messaggio SMS almeno ogni cinque minuti (si assume che le condizioni offerte dal Gestore della Rete siano ottimali) 3.7 Requisiti di Interfaccia Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Interfaccia: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere connesso all armadio SSB SCMT attraverso un interfaccia di tipo proprietario (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere fornito di una interfaccia di tipo proprietario per le attività di messa in servizio e di manutenzione (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il messaggio SMS opportunamente formattato. (REQ) [E] [P] SSB-DR non dovrà gestire SMS concatenati, ovvero messaggi di più di 160 caratteri. (REQ) [E] [P] SSB-DR dovrà costruire ed inviare il messaggio SMS contenente il/i codice/i di errore (per un massimo di tre) ogni qualvolta riceve tale informazione dalla Logica del SSB SCMT. (REQ) [E] [P] Il singolo messaggio SMS dovrà essere composto da un blocco header di lunghezza fissa e da uno più blocchi dati (fino ad un massimo di tre) ciascuno di lunghezza fissa ed uguale. (REQ) [E] [P] Il blocco header del messaggio SMS, costituito dai primi 4 campi del messaggio SMS, dovrà contenere i seguenti campi, vedi Tabella 2: ID_SUPPLIER, cioè l identificativo del fornitore del SSB SCMT (ALS oppure ASF), 3 caratteri; blank, separatore di 1 carattere; MATRICOLA_TRENO, cioè l identificativo del rotabile (matricola treno, 16 caratteri); blank, separatore di 1 carattere. ID_SUPPLIER Blank MATRICOLA_TRENO blank TOT Tabella 2 - Blocco Header del Messaggio SMS 14

15 (REQ) [E] [P] Al Power on il SSB DR deve inviare il messaggio di Power on avente la seguente struttura del campo dati, vedi Tabella 3: POWER ON, separatore di 8 caratteri POWER ON TOT 8 8 Tabella 3 - Blocco dati del Messaggio Power on Il messaggio di Power On è inviato dal SSB DR per registrarsi presso l apposito apparato di terra. (REQ) [E] [P] Il singolo blocco dati del messaggio Codice Errore dovrà contenere il codice di errore secondo la seguente struttura, vedi Tabella 4: TIME, contenente il time stamp relativo all istante temporale di rilevazione dell evento che ha causato il codice di errore, 8 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; CT, separatore di 2 caratteri; NIDMA, identificatore NID macro area, 2 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDA, identificatore NID area, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDPI, identificatore del PI, 4 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; DIRPI, direzione dell ultimo PI captato correttamente, 1 carattere; Blank, separatore di 1 carattere; PD, separatore di 2 caratteri; PC, progressiva chilometrica differenziale rispetto all ultimo PI captato correttamente, 6 caratteri; CE, separatore di 2 caratteri; C_E, codice errore, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; CSE, codice di sotto errore, 2 caratteri, blank, separatore di 1 carattere. TIME Blank CT NIDMA - NIDA - NIDPI blank DIRPI blank PD PC blank CE C_E. CSE blank TOT Tabella 4 - Blocco dati del Messaggio Codice errore (REQ) [E] [P] Qualsiasi campo della struttura deve essere allineato a destra. 15

16 (REQ) [E] [P] Qualora il singolo messaggio SMS debba contenere più codici di errore, ognuno di questi codici di errore dovrà essere inserito in un blocco dati del messaggio SMS, fino ad un massimo di tre blocchi dati per singolo SMS. Pertanto, un tale messaggio SMS sarà costituito da intestazione e da uno o più blocchi dati. Il SSB-DR potrà inviare SMS di lunghezza diversa in base al tipo di messaggio ed al numero di codici di errore contenuti: 29 caratteri nel caso di trasmissione del messaggio di Power on; 64 caratteri nel caso di trasmissione di un solo codice di errore; 104 caratteri nel caso di trasmissione di due codice di errore; 144 caratteri nel caso di trasmissione di tre codice di errore. L apposito apparato di terra potrà utilizzare il messaggio di Power On o il primo Messaggio Dati ricevuto, per la diagnostica del corretto funzionamento del SSB DR ID_SUPPLIER Name ID_SUPPLIER Descrizione: Identificativo fornitore del SSB SCMT Lunghezza campo (caratteri): 3 Valore speciale: ALS oppure ASF Valore di default: - Tabella 5 ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO Nome MATRICOLA_TRENO Descrizione: Identificativo rotabile (matricola del rotabile) Lunghezza campo (caratteri): 16 Valore speciale: Vedi tabella seguente Valore di default: - Tabella 6 MATRICOLA_TRENO TIME Nome: TIME Descrizione: Istante temporale in cui è stato rilevato l evento. Lunghezza campo (caratteri): 8 Valori ammessi: [0-9] Valore di default: - Tabella 7 TIME 16

17 3.7.4 NIDMA Nome: NIDMA Descrizione: Identificativo di macro-area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 8 NIDMA NIDA Nome: NIDA Descrizione: Identificativo di area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 9 NIDA NIDPI Nome: NIDPI Descrizione: Identificativo del Punto Informativo. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 4 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 10 NIDPI DIRPI Nome: DIRPI Descrizione: Direzione dell ultimo PI captato correttamente. Lunghezza campo (caratteri): 1 Valori ammessi: N per direzione nominal; R per direzione reverse. Valore di default: - Tabella 11 DIRPI 17

18 3.7.8 PC Nome: PC Descrizione: Progressiva chilometrica rispetto all ultimo PI captato correttamente in metri Lunghezza campo (caratteri): 6 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 12 PC 18

19 3.7.9 C_E Nome: Descrizione: Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - C_E Codice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Tabella 13 C_E CSE Nome: CSE Descrizione: Sottocodice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [A-Z], [-], [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 14 CSE 19

20 3.8 Requisiti Operazionali Si riporta di seguito la lista dei requisiti sui Requisiti Operazionali (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di ricevere, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, nuove configurazioni SW. (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di essere configurato, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, da un operatore inserendo almeno le informazioni relative a: matricola del rotabile composta dalla tipologia del rotabile ed il relativo numero di serie; numero telefonico dell apparato di terra per la raccolta dei codici di errori inviati dal SSB SCMT. L apparato SSB-DR fornirà l infrastruttura per consentire la trasmissione dei codici di errore mediante SMS all apposito apparato di terra (non oggetto della presente specifica). RFI avrà la responsabilità di fornire la carta SIM da inserire nel SSB-DR e di predisporre un apposito Apparato di terra in grado di ricevere e processare i singoli messaggi SMS. Inoltre si assume che RFI avrà la responsabilità della gestione dell apposito Apparato di terra e dell utilizzo dei codici di errore inviati dal SSB-DR. 3.9 Requisiti sulle Risorse Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle Risorse: [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà poter memorizzare un numero massimo di codici di errore pari a 9. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR, in caso di raggiungimento della dimensione massima di memorizzazione dei codici di errore non inviati, dovrà iniziare la memorizzazione di eventuali nuovi codici di errore dai più obsoleti Requisiti di Verifica Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Verifica: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere verificato mediante l esecuzione in laboratorio di apposita Test Suite Funzionale che garantisce la copertura del 100% dei requisiti funzionali del SSB-DR. [E] (REQ) La verifica del SSB-DR dovrà avvalersi anche dei risultati di una adeguata sperimentazione in linea sul sottoinsieme di rotabili assunti come Teste di Serie per SSB-DR. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà aver superato con esito posit ivo le Prove di Tipo applicabili. [E] (REQ) Il SSB-DR, essendo un apparato non vitale, dovrà essere progettato e realizzato in modo da soddisfare i requisiti di un apparato di bordo non vitale Requisiti di Test di Accettazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Test di Accettazione: 20/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

21 [E] (REQ) RFI considererà idoneo all uso il SSB-DR se questi supererà con esito positivo i test funzionali previsti dalla apposita Test Suite ed avrà superato con esito positivo la fase di sperimentazione in linea. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà superare con esito positivo i test di accettazione in Fabbrica descritti nell apposta Specifica di Collaudo. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato in modo conforme a quanto prescritto dalle norme EN e EN per sistemi SIL 0. Per quanto concerne la documentazione a corredo, questa è definita nei requisiti di cui al paragrafo Requisiti di Documentazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Documentazione di pertinenza dell apparato SSB-DR: (REQ) [E] Il SSB-DR sarà corredato dai seguenti documenti: 1. SSB-DR Specifica tecnica; 2. SSB-DR Specifica dell interfaccia tra armadio SCMT e SSB-DR; 3. SSB-DR Specifica dei test d integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 4. SSB-DR Report dei test di integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 5. SSB-DR Specifica dei Test Funzionali (Test Suite); 6. SSB-DR Report dei Test Funzionali (Test Suite); 7. SSB-DR Specifica di Collaudo; 8. SSB-DR Report dei Test di Collaudo; 9. SSB-DR Specifica delle Prove di Tipo; 10. SSB-DR Report delle Prove di Tipo; 11. SSB-DR Messa in esercizio. L inserimento del SSB-DR come componente del SSB comporterà lo svolgimento di almeno le seguenti attività: 1. Sopralluogo sui rotabili; 2. Progettazione Predisposizione Meccanica; 3. Progettazione Impiantistica; 4. Design Review con RFI/TrenItalia; 5. Posa, e messa in servizio; 6. Esecuzione delle prove per ottenere un aggiornamento del NOI; 7. Aggiornamento delle Specifiche tecniche e disegni di installazione di SCMT (comprendente SSB- DR) sia dei fornitori che di TrenItalia; 8. Aggiornamento dei Manuali di Manutenzione di SCMT relativi a SSB-DR; 9. Aggiornamento dei Tools di SSB; 10. Aggiornamento del Volume 3 SSB SCMT; 21

22 11. Aggiornamento delle Matrice di Tracciabilità verso il Volume 3 SSB SCMT; 12. Aggiornamento della Specifica di Collaudo in Fabbrica per il SSB SCMT; 13. Attività di sviluppo ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 14. Attività di V&V ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 15. Corsi di istruzione 3.13 Requisiti di Security Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Security: [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà consentite l accesso al personale autorizzato mediante controllo dell identificativo dell operatore e relativa password. [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà memorizzare su apposito file di log l identificativo dell operatore, l operazione richiesta, l esito dell operazione, la date e l ora di esecuzione dell operazione Requisiti di Portabilità Non applicabile 3.15 Requisiti di Qualità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Qualità: (REQ) [E] [P] Il prodotto SSB-DR dovrà soddisfare gli Standards di Qualità applicabili di ogni ditta fornitrice per apparati non vitali di bordo. (REQ) [E] [P] Tutte le fasi di sviluppo e verifica del SSB-DR dovranno essere poste sotto configurazione come previsto da Piano di Gestione della Configurazione di ogni ditta fornitrice 3.16 Requisiti di Affidabilità Non applicabile 3.17 Requisiti di Disponibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Disponibilità: [U] (REQ) Il SSB-DR dovrà avere un target di affidabilità di 5000 h rif.to MIL HDBK417 Ground Mobile. 22

23 3.18 Requisiti di Manutenibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Manutenibilità: [E] (REQ) La manutenibilità del Sistema SSB-DR dovrà essere garantita da chiara e concisa documentazione (manuali d uso). [E] (REQ) La manutenibilità del sottosistema SSB-DR dovrà essere garantita dalla formazione del personale addetto alla manutenzione, tramite istruzione dello stesso per mezzo di corsi informativi tenuti da personale qualificato delle ditte fornitrici. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato e realizzato in modo da poter essere considerato come composto da almeno due LRUs (e.g. una di queste sarà costituita dall Antenna). Ogni LRU del SSB-DR dovrà essere chiaramente identificabile ed estraibile Requisiti di Safety Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Safety: [E] (REQ) Il sistema SSB-DR dovrà essere progettato in modo da essere conforme a CENELEC SIL Requisiti Ambientali, Meccanici, ed Elettrici Si riporta di seguito la lista dei requisiti ambientali: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere sottoposto a Prove di Tipo secondo quanto prescritto dalle Norme applicabili [??????????????????????] 23

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2di 19 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev Data Motivo della revisione 3di 19 INDICE 1 Generalità... 4 1.1 Scopo del documento... 4 1.2 Contesto applicativo... 4 1.3 Convenzioni adottate... 4 1.4 Riferimenti...

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT 1di 19 ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT (*) Verifica Tecnica: Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione A 15 03 2001 (*) A.5 18 09 2001 2di 19

Dettagli

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il I. ~~~I'~ RF I DIREZIONE TECNICA PROCEDURA ICodifica: RFI TC.P A TC FOGLIO PR CM 02 D68 BI 1 di Il 2 di 11 I.1 Scopo... 3 I.2 Campo di Applicazione... 3 I.3 Riferimenti... 4 I.4 Definizione e acronimi...

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2 di 11 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev. Data Motivo della revisione B 05/12/2008 Allineamento alla revisione del documento principale C 31/03/09 Implementata la scheda di revisione RFI_SSB_101_00.doc

Dettagli

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E SERVIZI DI IGIENE URBANA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Maggio 2009 ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders Allegato 15 Lettura ed identificazione con transponders

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT Allegato al documento ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SCMT SCMT Codifica: DI TC PATC ST CM 01 G05 A01 FOGLIO 1 di 7 ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

SELETEC Sistema di telecontrollo su rete GSM

SELETEC Sistema di telecontrollo su rete GSM Sistema di telecontrollo su rete GSM SELECON Server & Client La tua centrale di controllo wwwseletecmodcom Presentazione SELECON rev00 SELECON SOMMARIO: Server Client Server & Client INTRO - Rappresentazione

Dettagli

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH GENIO ITALIA si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti in qualsiasi momento senza alcun preavviso.

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: CONTRATTO PER L ESECUZIONE DELLA PROGETTAZIONE E DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DEI SISTEMI STEMI DI COMANDO CENTRALIZZATO DEL TRAFFICO DELLE LINEE BARI-LECCE E BARI-TARANTO E

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Roma, 10 novembre 2008 Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Ing. Gabriele Ridolfi RFI Direzione Tecnica Mail: g.ridolfi@rfi.it Processo Omologativo:

Dettagli

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Data Creazione 04/12/2012 Versione 1.0 Autore Alberto Bruno Stato documento Revisioni 1 Sommario 1 - Introduzione... 3 2 - Attivazione

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870

ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870 ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870 Il presente documento descrive le istruzioni per trasformare il dispositivo By10850 (TELEDISTACCO conforme alla norma

Dettagli

TELEMETRIA GSM PER GSE

TELEMETRIA GSM PER GSE Pagina 1 di 5 TELEMETRIA GSM PER GSE Mod. TLM-GSE4 La telemetria TLM-GSE4 è una opzione applicabile a tutti i gruppi GSE. Essa consiste in un box metallico contenente le schede elettroniche e il modem

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi Acquisizione Beni e Servizi Indice dei contenuti 1. SCHEDA SERVIZIO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI...3 1.1. TIPOLOGIA... 3 1.2. SPECIFICHE DEL SERVIZIO... 3 1.2.1 Descrizione del servizio... 3 1.2.2 Obblighi

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1 Pag. 1 di 15 UTFUS - Linee guida per redazione e TITOLO - LINEE GUIDA PER REDAZIONE E GESTIONE DI PIANI DELLA QUALITÀ CLASSIFICAZIONE:L Il presente Documento è proprietà intellettuale dell Unità Tecnica

Dettagli

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno 1 di 30 Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno Condizioni per la Messa in servizio dopo la prima installazione del SSB SCMT e linee guida per la definizione delle procedure di verifica (rotabili

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10 PROCEDURA PER LE VERIFICHE INERENTI LA QUALIFICA DI COSTRUTTORI E FORNITORI DI SISTEMI DI AUTOMAZIONE A CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) PER LE CENTRALI DI SNAM RETE GAS 0 18-03-10 Emissione TECESER Castagnoli

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM.

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. model POE M40 GSM code P311040 SOLUZIONI IP www.stab-italia.it 1 Info Questo

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

GSM Plus MANUALE D USO. Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM. Italian. Quality

GSM Plus MANUALE D USO. Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM. Italian. Quality GSM Plus Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM 4 canali vocali o sms programmabili 1 teleattivazioni con riconoscimento ID 1 risposta a tele attivazioni Invio sms settimanale di esistenza in vita Menù

Dettagli

Sistema PASSADOREKey

Sistema PASSADOREKey Sistema PASSADOREKey Guida operativa 1 INDICE -1- Descrizione del sistema PASSADORE Key... 3-2- Dispositivi PASSADORE Key... 4-3- Accesso al Servizio IB - Internet Banking Banca Passadore... 6-3.1 -Passo

Dettagli

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1...

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... s Luglio 1996 8 271 UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... PAK1.1... Scala 1 : 2 Set di comunicazione, completo di zoccolo/morsettiera e sottomodulo per consentire

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI CHIARIMENTI AL 27/06/2011 1. Domanda Art.. 11 Polizza assicurativa del Disciplinare

Dettagli

SISTEMI INDUSTRIALI LASER NAVIGATION

SISTEMI INDUSTRIALI LASER NAVIGATION osistema DI TELE CONTROLLO SISTEMI INDUSTRIALI 1 Il Sistema per il tele controllo di bombole industriali è un utile strumento per il monitoraggio in remoto ed in automatico di bombole situate presso impianti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 16 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 3.1) Specifica dei Requisiti Utente Funzionalità di associazione di più Richiedenti ad un procedimento Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Requisiti di Progetto Cambio/revoca medico di base o pediatra online

Requisiti di Progetto Cambio/revoca medico di base o pediatra online Indice REQUISITI DI PROGETTO (CAPITOLATO TECNICO)... 2 PREMESSA... 2 REQUISITI DEL MODULO ONLINE O DI FRONTOFFICE... 2 REQUISITI DEL MODULO DI BACKOFFICE... 5 REQUISITI GENERICI DEL SOFTWARE... 6 1 Requisiti

Dettagli

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface

SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface SBME (Sistema di Bigliettazione Magnetica ed Elettronica) Specifica Tecnica Carte Contactless e Dual Interface codice: SBME.Spec.TSC rev.: 3.01 data: 31/01/2010 REVISIONI Revisione Data Autore Firma Note

Dettagli

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S.

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. GENERALITA Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. Alla centralina possono pervenire direttamente (tramite cavo) gli impulsi di un massimo

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Guida alla configurazione

Guida alla configurazione NovaSun Log Guida alla configurazione Revisione 3.1 28/06/2010 Partita IVA / Codice Fiscale: 03034090542 pag. 1 di 16 Partita IVA / Codice Fiscale: 03034090542 pag. 2 di 16 Contenuti Il presente documento

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2 (uscita digitale U6), attraverso

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni di trasmissione fattura al Portale di trasmissione fattura al Portale Revisione : 00 Data creazione : 29/02/2016 Data revisione : Revisioni : Rev. Riferimento Descrizione Data Autore 00 Specifiche Tecniche

Dettagli

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Cofinanziamento Fondi CIPE Progetto CST CUP J59H05000040001 Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Convenzione per la costituzione di un Centro Servizi Territoriale tra la Regione Calabria

Dettagli

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale.

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO: ATTENZIONE: NON EFFETTUARE

Dettagli

SST SCMT Allegato 2 Appendice N Protocollo di comunicazione

SST SCMT Allegato 2 Appendice N Protocollo di comunicazione 1 di 30 SST SCMT Posto Diagnostico SCMT Armadi SCMT Rev. Data Descrizione Redazione Verificato Autorizzato B 1/07/06 Seconda Emissiione M. TorassaS.Lagorio C. Rossi E. Marzilli 2 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE...4

Dettagli

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it 1.1 INTRODUZIONE Scopo della presente offerta è la fornitura presso la casa di riposo del sistema di sorveglianza e controllo delle evasioni di ospiti non consapevoli con limitate capacità cognitive. 1.2

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

SERVIZIO IMPIANTI E SICUREZZE

SERVIZIO IMPIANTI E SICUREZZE Pag. 1 di 7 1.0 OGGETTO L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (I.N.F.N.) Sezione di Milano ha la necessità di provvedere all'automazione del sistema di gestione dell intera sala macchine del centro di

Dettagli

Gara GE 06---13 Procedura aperta ai sensi del D. Lgs. 163/2006 - Fornitura di un

Gara GE 06---13 Procedura aperta ai sensi del D. Lgs. 163/2006 - Fornitura di un Pag.1 di 8 DOMANDA n.1 In riferimento al procedimento di gara in oggetto, con la presente veniamo gentilmente a chiedervi la possibilità di effettuare un sopralluogo presso i siti di installazione nei

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La direttiva prodotti da costruzione 89/106 (CPD) impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È un

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY)

LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY) LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY) MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 Descrizione dei sottosistemi 2 Caratteristiche tecniche 3 Posizionamenti

Dettagli

Servizio Telematico Paghe

Servizio Telematico Paghe Servizio Telematico Paghe GUIDA ALL USO DELLE PAGINE DI AMMINISTRAZIONE DEL SERVIZIO PAGHE.NET Software prodotto da Nuova Informatica srl 1 SOMMARIO SOMMARIO...2 INTRODUZIONE...3 FLUSSO DELLE INFORMAZIONI...3

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Procedura aggiornamento firmware

Procedura aggiornamento firmware Procedura aggiornamento firmware Sommario Introduzione... 3 Caratteristiche versione firmware... 3 Strumentazione necessaria e requisiti di base... 3 Operazioni preliminari... 4 Procedura aggiornamento...

Dettagli

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere

automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Contatto: DUECI PROGETTI srl Emanuele Colombo +39 335 8339312 automazione impianti produzione calcestruzzo per alimentazione vibropresse e tubiere Realizzato con Unigest-DP PRESENTAZIONE Si tratta di un

Dettagli

Download e Upload PLC di sicurezza PILZ

Download e Upload PLC di sicurezza PILZ INDICE: 1. SCOPO 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 3. ELENCO DEGLI ACRONIMI 4. CAMPO D APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 6. PRESCRIZIONI GENERALI DI SICUREZZA DESTINATARI: PRES, RBU, MO, RAT,

Dettagli

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015)

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015) MANUALE UTENTE contenente le specifiche tecniche necessarie per la trasmissione delle negoziazioni dei cambiavalute art. 5, comma 1, della circolare n. 24/15 (Aggiornamento 08 ottobre 2015) OAM Organismo

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

ALBO FORNITORI MEDIASET

ALBO FORNITORI MEDIASET e-procurement TMP-018_11 MEDIASET ALBO FORNITORI MEDIASET Manuale_BUYER_vOnline.doc Pagina 1 di 46 e-procurement TMP-018_11 Sommario MEDIASET... 1 ALBO FORNITORI MEDIASET... 1 INTRODUZIONE... 4 STRUTTURA

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING Allegato B DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING 1. INTRODUZIONE Il presente allegato ha lo scopo di descrivere gli aspetti del collegamento telematico tra Istituto Cassiere ed Automobile

Dettagli

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Questo documento descrive nei punti salienti il processo seguito nel rispetto di normative, disposizioni e procedure di attuazione per il ERTMS/ETCS

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

BcsWeb 3.0. Manuale utente. Rev. 3 (luglio 2012)

BcsWeb 3.0. Manuale utente. Rev. 3 (luglio 2012) BcsWeb 3.0 Manuale utente Rev. 3 (luglio 2012) Alceo Servizi di telematica Santa Croce, 917 30135 Venezia Tel. +39 0415246480 Fax +39 0415246491 www.alceo.com Sommario 1. INTRODUZIONE 3 Convenzioni utilizzate

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La Direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È un

Dettagli

Accreditamento al SID

Accreditamento al SID Accreditamento al SID v. 3 del 22 ottobre 2013 Guida rapida 1 Sommario Accreditamento al SID... 3 1. Accesso all applicazione... 4 2. Richieste di accreditamento al SID... 6 2.1. Inserimento nuove richieste...

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

MONITORAGGIO ACQUEDOTTO MANUALE UTENTE

MONITORAGGIO ACQUEDOTTO MANUALE UTENTE MONITORAGGIO ACQUEDOTTO MANUALE UTENTE Comune di Saint-Marcel I.S.I.T.I.P Verres SOMMARIO OBIETTIVO... 3 SCHEMA GENERALE E DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO... 4 INSTALLAZIONE... 5 Installazione sensore...

Dettagli

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Descrivere la gestione della documentazione e delle registrazioni del sistema di gestione 3. APPLICABILITÀ La presente procedura

Dettagli

Ingressi: 8, espandibili a 160, con parametro individuale definibile

Ingressi: 8, espandibili a 160, con parametro individuale definibile Concepita per dare soluzione a ogni livello di installazione, dal residenziale esteso, al sito commerciale, all industria fino al complesso di edifici di dimensioni estremamente ampie come Ecco perché

Dettagli

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 MONOGRAFIA DESCRITTIVA Edizione Gennaio 2010 MON. 255 REV. 1.0 1 di 27 INDICE Introduzione alle funzionalità di gestione per sistemi di trasmissioni PDH...

Dettagli

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica Nota tecnica ARMANI Alberto Novembre-2013 Premessa Con l impiego di strumentazione di misura sempre più integrata con i sistemi operativi di Windows, molti operatori si sono posti il problema di come poter

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE w w w.pr otexital i a. it Combinatore Telefonico GSM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 8 numeri di telefono per canale 2 canali vocali o sms programmabili 2 teleattivazioni 2 risposte a teleattivazioni Display

Dettagli

L OBBLIGO DIVENTA OPPORTUNITÀ

L OBBLIGO DIVENTA OPPORTUNITÀ L OBBLIGO DIVENTA OPPORTUNITÀ 5 MLN le imprese italiane 2 MLN le imprese fornitrici PA 60 MLN le fatture scambiate all anno 135 MLD il volume fatturato Fonte: Agenzia per l Italia Digitale Convegno Assosoftware

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH. Win Rel. 755011

ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH. Win Rel. 755011 ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH Win Rel. 755011 04705 Il software di ripartizione spese per sistema AQUAPRO centralizzato permette, una volta reperiti i dati di consumo individuale d'utenza (tramite teletrasmissione

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Se l utente intende gestire la conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti a livello fiscale differenti

Dettagli

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl Sistema ATM con rete NetRail Divisione elco srl Introduzione Verrà di seguito descritto un sistema di gestione degli impianti automotore di tipo evoluto. Questo sistema si basa sull'utilizzo di una rete

Dettagli