SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)"

Transcript

1 SSB Diagnostica Remota (SSB-DR) Specifica dei Requisiti Funzionali e Non Funzionale A termini di legge Ansaldo Segnalamento Ferroviario s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione 1/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

2 EMISSIONE DOCUMENTO Preparato da NOME ENTE FIRMA DATA S. Riguzzi, M. Scatta Alstom M. Zani Alstom P. Alberti Alstom S. Sabina Alstom Aasf ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA C.d.M. Preparato Approvato Autorizzato Motivo della revisione S. Riguzzi, M. Scattà M. Zani P. Alberti S. Sabina P. Alberti S. Sabina Prima Emissione 2

3 CONTROLLO DOCUMENTO Questo documento è soggetto al controllo documenti. Questa è una copia autorizzata se, e solo se, è firmata o siglata con inchiostro non nero. I possessori di copie autorizzate riceveranno automaticamente copie aggiornate in caso di modifiche. REV. DATA DESTINAZIONE ASF, Alstom, RFI Editing curato da: 3

4 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO CAMPO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI E ACRONIMI DOCUMENTI APPLICABILI E DI RIFERIMENTO Documenti Applicabili Normative Applicabili Documenti di Riferimento Normative di riferimento STRUTTURA DEL DOCUMENTO TBC DESCRIZIONE GENERALE RELAZIONI CON I PROGETTI CORRENTI RELAZIONI CON I PROGETTI PRECEDENTI E SUCCESSIVI FUNZIONE E SCOPO CONSIDERAZIONI SULL'AMBIENTE OPERATIVO RELAZIONI CON ALTRI SISTEMI VINCOLI GENERALI DESCRIZIONE DEL MODELLO REQUISITI SPECIFICI REQUISITI FUNZIONALI REQUISITI ELEMENTI COSTITUTIVI REQUISITI CARATTERISTICHE MECCANICHE REQUISITI CARATTERISTICHE ELETTRICHE REQUISITI PRESCRIZIONI PARTICOLARI REQUISITI DI PERFORMANCE REQUISITI DI INTERFACCIA ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO...Errore. Il segnalibro non è definito TIME NIDMA NIDA NIDPI DIRPI PC C_E CSE REQUISITI OPERAZIONALI REQUISITI SULLE RISORSE REQUISITI DI VERIFICA REQUISITI DI TEST DI ACCETTAZIONE REQUISITI DI DOCUMENTAZIONE REQUISITI DI SECURITY REQUISITI DI PORTABILITÀ REQUISITI DI QUALITÀ REQUISITI DI AFFIDABILITÀ REQUISITI DI DISPONIBILITÀ REQUISITI DI MANUTENIBILITÀ

5 3.19 REQUISITI DI SAFETY REQUISITI AMBIENTALI, MECCANICI, ED ELETTRICI

6 INDICE DELLE FIGURE FIGURA 1: SSB-DR MODELLO LOGICO

7 INDICE DELLE TABELLE TABELLA 1 - ELENCO DELLE DEFINIZIONI E DEGLI ACRONIMI....8 TABELLA 2 - BLOCCO HEADER DEL M ESSAGGIO SMS...14 TABELLA 3 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO POWER ON...15 TABELLA 4 - BLOCCO DATI DEL MES SAGGIO CODICE ERRORE...15 TABELLA 5 ID_SUPPLIER...16 TABELLA 6 MATRICOLA_TRENO...16 TABELLA 7 TIME...16 TABELLA 8 NIDMA...17 TABELLA 9 NIDA...17 TABELLA 10 NIDPI...17 TABELLA 11 DIRPI...17 TABELLA 12 PC...18 TABELLA 13 C_E...19 TABELLA 14 CSE

8 1. INTRODUZIONE 1.1 Scopo del Documento Il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR) permette di inviare ad apposito apparato ricevente di terra, non oggetto della seguente specifica, il codice degli eventuali errori rilevati dalla logica del SSB SCMT. I codici di errori inviabili sono soltanto quelli previsti dal Volume 3 SCMT [..] ed applicabili schede. Lo scopo del presente documento è di fornire la specifica dei requis iti funzionali e non funzionali di SSB- DR. I destinatari del presente documento sono i progettisti degli apparati di bordo SCMT e dell apposito apparato ricevente di terra. 1.2 Campo di Applicazione Il campo di applicazione del documento è il sottosistema di bordo SCMT. 1.3 Definizioni e acronimi Num. Acronimo Definizione 1. ASF Ansaldo Segnalamento Ferroviario 2. ALS Alstom Ferroviaria 3. SSB-DR SottoSistema di Bordo - Diagnostica Remota 4. SCMT Sistema Controllo Marcia Treno 5. SMS Short Message Service 6. PC Personal Computer 7. SSB SottoSistema di Bordo 8. SW Software 9. HW Hardware Tabella 1 - Elenco delle definizioni e degli acronimi. 1.4 Documenti Applicabili e di Riferimento Documenti Applicabili In caso di riferimenti a documenti applicabili datati, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. 8

9 Rif. Identificazione Autori Titolo [A1] -- Volume 3 SSB SCMT e schede applicabili [A2] -- Alstom Tabella Errori [A3] -- ASF Tabella Errori Normative Applicabili In caso di riferimenti a normative applicabili datate, le loro successive modifiche o revisioni si applicano al presente documento solo quando esplicitamente citate. Per riferimenti non datati, si applica l ultima edizione della pubblicazione citata. Rif. Identificazione Autori Titolo [A4] -- CENELEC EN 50155, [A5] -- CENELEC EN , Settembre Documenti di Riferimento I documenti di riferimento sono citati nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Normative di riferimento Le normative di riferimento sono citate nel testo per consentire una migliore comprensione del documento e per fornire in taluni casi informazioni aggiuntive da considerare, in genere, non vincolanti per l applicabilità. Rif. Identificazione Autori Titolo Struttura del documento Questo documento si compone di tre Capitoli: Il Capitolo 1 descrive lo scopo del documento, il campo di applicazione e riporta i documenti applicabili e di riferimento. Il Capitolo 2 affronta la descrizione generale del SSB-DR. 9

10 Il Capitolo 3 descrive i requisiti specifici del SSB-DR. 2. DESCRIZIONE GENERALE L obiettivo di questo capitolo è quello di descrivere, in linea generale, le funzionalità del modulo Diagnostica Remota del SSB SCMT, oggetto del presente documento, di chiarire le modalità di interfacciamento con l Armadio SCMT, di gestione dei codici di errori ricevuti dalla logica SCMT, e la modalità di trasferire tali codici di errore verso apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato sul rotabile ed integrato in modo permanente con la parte esistente del SSB SCMT. Il SSB-DR assume che la rete di trasmissione sia GSM-R; soltanto durante la fase iniziale temporanea di sperimentazione potrà essere utilizzata la rete di trasmissione GSM. A prescindere dalla rete di trasmissione disponibile, SSB-DR assume che la qualità del servizio trasmissivo sia idoneo allo scopo. 2.1 Relazioni con i Progetti Correnti Il sistema di diagnostica remota sarà utilizzato per (i) acquisire gli eventuali codici di errore rilevati dalla logica del SSB SCMT durante il periodo di attivazione del SSB (i.e. periodo durante il quale il SSB è alimentato), (ii) inviare, mediante invio di uno o più messaggi SMS autoconsistenti, tali codici di errore ad apposito apparato ricevente di terra. Il SSB-DR dovrà essere installato nei rotabili attrezzati con SSB SCMT o che dovranno essere attrezzati con SSB SCMT. L apparato ricevente di terra non è oggetto della presente specifica. 2.2 Relazioni con i Progetti Precedenti e Successivi Non esistono applicazioni precedenti di SSB-DR. 2.3 Funzione e Scopo Ogni rotabile attrezzato con il SSB SCMT dovrà anche essere equipaggiato con il Sotto Sistema di Bordo Diagnostica Remota (SSB-DR). Ogni qualvolta il SSB SCMT, successivamente alla sua attivazione, dovesse rilevare l occorrenza di un errore di bordo o di terra, dovrà notificare al SSB-DR il relativo codice di errore. SSB-DR dovrà costruire il messaggio SMS contenente il codice di errore e dovrà provvedere al suo invio verso l apparato ricevente di terra. Poiché ogni singolo messaggio SMS potrà contenere al massimo tre codici di errore, sarà responsabilità del SSB-DR costruire il numero necessario di messaggi SMS. 2.4 Considerazioni sull'ambiente Operativo Il SSB-DR, ad eccezione dell Antenna, dovrà essere idoneo ad operare nell ambiente tipico dell Armadio SCMT. L Antenna, nella versione finale del SSB-DR, dovrà essere installata sull imperiale del locomotore. Eventuali versioni preliminari potranno, a solo fine di sperimentazione, disporre di antenne montate in modo provvisorio all interno del rotabile. 10

11 2.5 Relazioni con altri Sistemi Non esiste alcuna relazione con altro sistemi. 2.6 Vincoli Generali Il SSB-DR non è una apparecchiatura in sicurezza e non gestisce dati in sicurezza. Pertanto, dovrà soddisfare i requisiti aziendali di qualità applicabili agli apparati di bordo non vitali. Lo stato di funzionamento di tale dispositivo non deve essere oggetto della diagnostica di SSB-SCMT. 2.7 Descrizione del Modello In questo paragrafo è descritto il modello logico progettuale utilizzato per la descrizione dei requisiti del SSB-DR. Tale modello è stato definito utilizzando il metodo della suddivisione funzionale top-down. Secondo tale modello il SSB-DR può essere suddiviso nei seguenti principali blocchi funzionali: - Power Supply, responsabile di fornire la tensione di alimentazione e la potenza necessaria al corretto funzionamento del SSB-DR nell ambiente operativo tipico dei locomotori. L accensione del SSB SCMT dovrà comportare la fornitura della tensione di alimentazione del blocco Power Supply. - Core, responsabile della ricezione dei codici di errori rilevati dalla Logica del SSB SCMT, della costruzione del messaggio SMS (contenente al massimo tre codici di errore) da inviare all apparato ricevente di terra, e della gestione del blocco Interfaccia di Rete. Il Core dovrà ricevere i codici di errore dalla Logica del SSB SCMT mediante bus proprietario; invece, dovrà gestire il blocco Interfaccia di Rete mediante comandi AT. Qualora il numero di codici di errore ricevuti dalla Logica del SSB SCMT sia superiore a tre, il Core dovrà costruire un numero adeguato di messaggi SMS; ogni singolo messaggio SMS dovrà essere autoconsistente. Nel caso che il blocco Interfaccia di Rete sia impossibilitato a trasmettere il singolo messaggio SMS, Core dovrà riprovare (per un numero massimo prefissato di tentativi) ad rinviare il singolo messaggio SMS. Qualora la causa del mancato invio del singolo messaggio SMS sia imputabile alla mancanza della copertura di rete, Core sospenderà la procedura di ritrasmissione in attesa della copertura di rete. - Interfaccia di Rete, responsabile della invio del messaggio SMS. - Antenna, responsabile dell invio delle onde radio nel mezzo trasmissivo. Al fine di supportare la fase di messa in servizio del SSB-DR e della relativa manutenzione di 1 Livello, la presente specifica include anche i requisiti de l Tool di MIS e Manutenzione. 11

12 La seguente figura rappresenta il modello logico funzionale del SSB-DR. +Batt Armadio SCMT Power Supply Core Interfaccia di Rete Antenna SSB-DR Tool di MIS e Manutenzione Figura 1 - SSB-DR Modello Logico 3. REQUISITI SPECIFICI In questo capitolo sono riportati i requisiti specifici del SSB-DR. A ciascun requisito sono associati i seguenti attributi: Essenziale: [E]. Differito: [D], cioè essenziale, ma la cui implementazione è differita nel tempo; il requisito verrà implementato in versioni successive del SSB-DR. Sviluppo futuro: [F]. Instabile: [U]. Prototipo [P] I requisiti con attributo categoria [F] non saranno presi in considerazione nelle successive fasi del ciclo di vita. 3.1 Requisiti Funzionali Si riporta di seguito la lista dei Requisiti Funzionali per il SSB-DR. 12

13 (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di ricevere i codici di errore dall Armadio SCMT da trasferire a terra. (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il/i messaggio/i SMS contenente/i i codici di errori ricevuti. (REQ) [P] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM. (REQ) [E] Il SSB-DR deve essere in grado di inviare i messaggi SMS di informazioni diagnostica attraverso un collegamento radio utilizzante il sistema GSM-R. 3.2 Requisiti Elementi Costitutivi Si riporta di seguito la lista dei requisiti sugli elementi costitutivi del SSB-DR [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere costituito da un unico dispositivo interno od esterno all armadio di bordo SCMT e dalla relativa antenna, oppure da due unità separate interne e/o esterne all armadio di bordo SCMT e relativa Antenna. 3.3 Requisiti Caratteristiche Meccaniche Si riporta di seguito la lista dei requisiti riguardanti le caratteristiche meccaniche per il SSB-DR [U] (REQ) Il SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve avere i seguenti ingombri massimi (mm): L=500, H=200, P=160. [E][P] (REQ) L SSB-DR, ad eccezione della Antenna, deve essere posizionato all interno del rotabile a una distanza max di 3 metri dall armadio SCMT. [E] (REQ) L antenna del SSB-DR deve essere posizionata sull imperiale del rotabile. [P] (REQ) L antenna del SSB-DR, per la versione prototipale, può essere posizionata internamente al rotabile ad una distanza massima di tre metri dall armadio SCMT. Tale disposizione sarà condizionata dalla presenza di un adeguato livello di campo. 3.4 Requisiti Caratteristiche Elettriche Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle caratteristiche elettriche dell armadio di stazione: [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere preferibilmente connesso all alimentazione della batteria del treno (24 o 110 VDC nominali) [E] (REQ) Il SSB-DR deve essere fornito di opportuni interruttori di protezione. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR deve essere attivato al momento dell inserimento del SSB SCMT tramite piastra pneumatica [P] (REQ) Il SSB-DR, nella fase prototipale, può essere alimentato direttamente dal SSB SCMT 13

14 3.5 Requisiti prescrizioni particolari (REQ) [E] [P] Il contenitore del SSB-DR deve essere provvisto di una o più targhette identificative comprendenti almeno: Marchio e nome del costruttore (il marchio può essere all esterno); Part Number e Serial Number che identificano in modo univoco il SSB-DR, con relativa revisione. 3.6 Requisiti di Performance Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Performance: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere in grado di trasmettere un messaggio SMS almeno ogni cinque minuti (si assume che le condizioni offerte dal Gestore della Rete siano ottimali) 3.7 Requisiti di Interfaccia Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Interfaccia: (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere connesso all armadio SSB SCMT attraverso un interfaccia di tipo proprietario (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve essere fornito di una interfaccia di tipo proprietario per le attività di messa in servizio e di manutenzione (REQ) [E] [P] Il SSB-DR deve essere in grado di costruire il messaggio SMS opportunamente formattato. (REQ) [E] [P] SSB-DR non dovrà gestire SMS concatenati, ovvero messaggi di più di 160 caratteri. (REQ) [E] [P] SSB-DR dovrà costruire ed inviare il messaggio SMS contenente il/i codice/i di errore (per un massimo di tre) ogni qualvolta riceve tale informazione dalla Logica del SSB SCMT. (REQ) [E] [P] Il singolo messaggio SMS dovrà essere composto da un blocco header di lunghezza fissa e da uno più blocchi dati (fino ad un massimo di tre) ciascuno di lunghezza fissa ed uguale. (REQ) [E] [P] Il blocco header del messaggio SMS, costituito dai primi 4 campi del messaggio SMS, dovrà contenere i seguenti campi, vedi Tabella 2: ID_SUPPLIER, cioè l identificativo del fornitore del SSB SCMT (ALS oppure ASF), 3 caratteri; blank, separatore di 1 carattere; MATRICOLA_TRENO, cioè l identificativo del rotabile (matricola treno, 16 caratteri); blank, separatore di 1 carattere. ID_SUPPLIER Blank MATRICOLA_TRENO blank TOT Tabella 2 - Blocco Header del Messaggio SMS 14

15 (REQ) [E] [P] Al Power on il SSB DR deve inviare il messaggio di Power on avente la seguente struttura del campo dati, vedi Tabella 3: POWER ON, separatore di 8 caratteri POWER ON TOT 8 8 Tabella 3 - Blocco dati del Messaggio Power on Il messaggio di Power On è inviato dal SSB DR per registrarsi presso l apposito apparato di terra. (REQ) [E] [P] Il singolo blocco dati del messaggio Codice Errore dovrà contenere il codice di errore secondo la seguente struttura, vedi Tabella 4: TIME, contenente il time stamp relativo all istante temporale di rilevazione dell evento che ha causato il codice di errore, 8 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; CT, separatore di 2 caratteri; NIDMA, identificatore NID macro area, 2 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDA, identificatore NID area, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; NIDPI, identificatore del PI, 4 caratteri; Blank, separatore di 1 carattere; DIRPI, direzione dell ultimo PI captato correttamente, 1 carattere; Blank, separatore di 1 carattere; PD, separatore di 2 caratteri; PC, progressiva chilometrica differenziale rispetto all ultimo PI captato correttamente, 6 caratteri; CE, separatore di 2 caratteri; C_E, codice errore, 3 caratteri; Hyphen, separatore di 1 carattere; CSE, codice di sotto errore, 2 caratteri, blank, separatore di 1 carattere. TIME Blank CT NIDMA - NIDA - NIDPI blank DIRPI blank PD PC blank CE C_E. CSE blank TOT Tabella 4 - Blocco dati del Messaggio Codice errore (REQ) [E] [P] Qualsiasi campo della struttura deve essere allineato a destra. 15

16 (REQ) [E] [P] Qualora il singolo messaggio SMS debba contenere più codici di errore, ognuno di questi codici di errore dovrà essere inserito in un blocco dati del messaggio SMS, fino ad un massimo di tre blocchi dati per singolo SMS. Pertanto, un tale messaggio SMS sarà costituito da intestazione e da uno o più blocchi dati. Il SSB-DR potrà inviare SMS di lunghezza diversa in base al tipo di messaggio ed al numero di codici di errore contenuti: 29 caratteri nel caso di trasmissione del messaggio di Power on; 64 caratteri nel caso di trasmissione di un solo codice di errore; 104 caratteri nel caso di trasmissione di due codice di errore; 144 caratteri nel caso di trasmissione di tre codice di errore. L apposito apparato di terra potrà utilizzare il messaggio di Power On o il primo Messaggio Dati ricevuto, per la diagnostica del corretto funzionamento del SSB DR ID_SUPPLIER Name ID_SUPPLIER Descrizione: Identificativo fornitore del SSB SCMT Lunghezza campo (caratteri): 3 Valore speciale: ALS oppure ASF Valore di default: - Tabella 5 ID_SUPPLIER MATRICOLA_TRENO Nome MATRICOLA_TRENO Descrizione: Identificativo rotabile (matricola del rotabile) Lunghezza campo (caratteri): 16 Valore speciale: Vedi tabella seguente Valore di default: - Tabella 6 MATRICOLA_TRENO TIME Nome: TIME Descrizione: Istante temporale in cui è stato rilevato l evento. Lunghezza campo (caratteri): 8 Valori ammessi: [0-9] Valore di default: - Tabella 7 TIME 16

17 3.7.4 NIDMA Nome: NIDMA Descrizione: Identificativo di macro-area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 8 NIDMA NIDA Nome: NIDA Descrizione: Identificativo di area. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 9 NIDA NIDPI Nome: NIDPI Descrizione: Identificativo del Punto Informativo. E parte del Codice Tratta. Lunghezza campo (caratteri): 4 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 10 NIDPI DIRPI Nome: DIRPI Descrizione: Direzione dell ultimo PI captato correttamente. Lunghezza campo (caratteri): 1 Valori ammessi: N per direzione nominal; R per direzione reverse. Valore di default: - Tabella 11 DIRPI 17

18 3.7.8 PC Nome: PC Descrizione: Progressiva chilometrica rispetto all ultimo PI captato correttamente in metri Lunghezza campo (caratteri): 6 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 12 PC 18

19 3.7.9 C_E Nome: Descrizione: Lunghezza campo (caratteri): 3 Valori ammessi: [0-9], [spazio] Valore di default: - C_E Codice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Tabella 13 C_E CSE Nome: CSE Descrizione: Sottocodice errore visualizzato su cruscotto SCMT. Lunghezza campo (caratteri): 2 Valori ammessi: [A-Z], [-], [0-9], [spazio] Valore di default: - Tabella 14 CSE 19

20 3.8 Requisiti Operazionali Si riporta di seguito la lista dei requisiti sui Requisiti Operazionali (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di ricevere, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, nuove configurazioni SW. (REQ) [E] [P] L apparato SSB-DR deve avere la possibilità di essere configurato, mediante apposito tool proprietario ed in modalità di funzionamento off-line, da un operatore inserendo almeno le informazioni relative a: matricola del rotabile composta dalla tipologia del rotabile ed il relativo numero di serie; numero telefonico dell apparato di terra per la raccolta dei codici di errori inviati dal SSB SCMT. L apparato SSB-DR fornirà l infrastruttura per consentire la trasmissione dei codici di errore mediante SMS all apposito apparato di terra (non oggetto della presente specifica). RFI avrà la responsabilità di fornire la carta SIM da inserire nel SSB-DR e di predisporre un apposito Apparato di terra in grado di ricevere e processare i singoli messaggi SMS. Inoltre si assume che RFI avrà la responsabilità della gestione dell apposito Apparato di terra e dell utilizzo dei codici di errore inviati dal SSB-DR. 3.9 Requisiti sulle Risorse Si riporta di seguito la lista dei requisiti sulle Risorse: [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà poter memorizzare un numero massimo di codici di errore pari a 9. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR, in caso di raggiungimento della dimensione massima di memorizzazione dei codici di errore non inviati, dovrà iniziare la memorizzazione di eventuali nuovi codici di errore dai più obsoleti Requisiti di Verifica Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Verifica: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere verificato mediante l esecuzione in laboratorio di apposita Test Suite Funzionale che garantisce la copertura del 100% dei requisiti funzionali del SSB-DR. [E] (REQ) La verifica del SSB-DR dovrà avvalersi anche dei risultati di una adeguata sperimentazione in linea sul sottoinsieme di rotabili assunti come Teste di Serie per SSB-DR. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà aver superato con esito posit ivo le Prove di Tipo applicabili. [E] (REQ) Il SSB-DR, essendo un apparato non vitale, dovrà essere progettato e realizzato in modo da soddisfare i requisiti di un apparato di bordo non vitale Requisiti di Test di Accettazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Test di Accettazione: 20/23 A A termini di legge Ansaldo Signal s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che non potrà essere copiato, riprodotto o comunicato ad altri senza esplicita autorizzazione

21 [E] (REQ) RFI considererà idoneo all uso il SSB-DR se questi supererà con esito positivo i test funzionali previsti dalla apposita Test Suite ed avrà superato con esito positivo la fase di sperimentazione in linea. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà superare con esito positivo i test di accettazione in Fabbrica descritti nell apposta Specifica di Collaudo. [E] [P] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato in modo conforme a quanto prescritto dalle norme EN e EN per sistemi SIL 0. Per quanto concerne la documentazione a corredo, questa è definita nei requisiti di cui al paragrafo Requisiti di Documentazione Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Documentazione di pertinenza dell apparato SSB-DR: (REQ) [E] Il SSB-DR sarà corredato dai seguenti documenti: 1. SSB-DR Specifica tecnica; 2. SSB-DR Specifica dell interfaccia tra armadio SCMT e SSB-DR; 3. SSB-DR Specifica dei test d integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 4. SSB-DR Report dei test di integrazione tra armadio SCMT e SSB-DR; 5. SSB-DR Specifica dei Test Funzionali (Test Suite); 6. SSB-DR Report dei Test Funzionali (Test Suite); 7. SSB-DR Specifica di Collaudo; 8. SSB-DR Report dei Test di Collaudo; 9. SSB-DR Specifica delle Prove di Tipo; 10. SSB-DR Report delle Prove di Tipo; 11. SSB-DR Messa in esercizio. L inserimento del SSB-DR come componente del SSB comporterà lo svolgimento di almeno le seguenti attività: 1. Sopralluogo sui rotabili; 2. Progettazione Predisposizione Meccanica; 3. Progettazione Impiantistica; 4. Design Review con RFI/TrenItalia; 5. Posa, e messa in servizio; 6. Esecuzione delle prove per ottenere un aggiornamento del NOI; 7. Aggiornamento delle Specifiche tecniche e disegni di installazione di SCMT (comprendente SSB- DR) sia dei fornitori che di TrenItalia; 8. Aggiornamento dei Manuali di Manutenzione di SCMT relativi a SSB-DR; 9. Aggiornamento dei Tools di SSB; 10. Aggiornamento del Volume 3 SSB SCMT; 21

22 11. Aggiornamento delle Matrice di Tracciabilità verso il Volume 3 SSB SCMT; 12. Aggiornamento della Specifica di Collaudo in Fabbrica per il SSB SCMT; 13. Attività di sviluppo ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 14. Attività di V&V ed aggiornamento della relativa documentazione SCMT SSB; 15. Corsi di istruzione 3.13 Requisiti di Security Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Security: [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà consentite l accesso al personale autorizzato mediante controllo dell identificativo dell operatore e relativa password. [E] [P] (REQ) Il tool di configurazione e manutenzione del SSB-DR dovrà memorizzare su apposito file di log l identificativo dell operatore, l operazione richiesta, l esito dell operazione, la date e l ora di esecuzione dell operazione Requisiti di Portabilità Non applicabile 3.15 Requisiti di Qualità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Qualità: (REQ) [E] [P] Il prodotto SSB-DR dovrà soddisfare gli Standards di Qualità applicabili di ogni ditta fornitrice per apparati non vitali di bordo. (REQ) [E] [P] Tutte le fasi di sviluppo e verifica del SSB-DR dovranno essere poste sotto configurazione come previsto da Piano di Gestione della Configurazione di ogni ditta fornitrice 3.16 Requisiti di Affidabilità Non applicabile 3.17 Requisiti di Disponibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Disponibilità: [U] (REQ) Il SSB-DR dovrà avere un target di affidabilità di 5000 h rif.to MIL HDBK417 Ground Mobile. 22

23 3.18 Requisiti di Manutenibilità Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Manutenibilità: [E] (REQ) La manutenibilità del Sistema SSB-DR dovrà essere garantita da chiara e concisa documentazione (manuali d uso). [E] (REQ) La manutenibilità del sottosistema SSB-DR dovrà essere garantita dalla formazione del personale addetto alla manutenzione, tramite istruzione dello stesso per mezzo di corsi informativi tenuti da personale qualificato delle ditte fornitrici. [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere progettato e realizzato in modo da poter essere considerato come composto da almeno due LRUs (e.g. una di queste sarà costituita dall Antenna). Ogni LRU del SSB-DR dovrà essere chiaramente identificabile ed estraibile Requisiti di Safety Si riporta di seguito la lista dei requisiti di Safety: [E] (REQ) Il sistema SSB-DR dovrà essere progettato in modo da essere conforme a CENELEC SIL Requisiti Ambientali, Meccanici, ed Elettrici Si riporta di seguito la lista dei requisiti ambientali: [E] (REQ) Il SSB-DR dovrà essere sottoposto a Prove di Tipo secondo quanto prescritto dalle Norme applicabili [??????????????????????] 23

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2di 19 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev Data Motivo della revisione 3di 19 INDICE 1 Generalità... 4 1.1 Scopo del documento... 4 1.2 Contesto applicativo... 4 1.3 Convenzioni adottate... 4 1.4 Riferimenti...

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il I. ~~~I'~ RF I DIREZIONE TECNICA PROCEDURA ICodifica: RFI TC.P A TC FOGLIO PR CM 02 D68 BI 1 di Il 2 di 11 I.1 Scopo... 3 I.2 Campo di Applicazione... 3 I.3 Riferimenti... 4 I.4 Definizione e acronimi...

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT 1di 19 ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT (*) Verifica Tecnica: Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione A 15 03 2001 (*) A.5 18 09 2001 2di 19

Dettagli

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno 1 di 30 Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno Condizioni per la Messa in servizio dopo la prima installazione del SSB SCMT e linee guida per la definizione delle procedure di verifica (rotabili

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT Allegato al documento ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SCMT SCMT Codifica: DI TC PATC ST CM 01 G05 A01 FOGLIO 1 di 7 ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2 di 11 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev. Data Motivo della revisione B 05/12/2008 Allineamento alla revisione del documento principale C 31/03/09 Implementata la scheda di revisione RFI_SSB_101_00.doc

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI)

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Manuale Utente SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Indice Informazioni preliminari 2 Prima accensione del dispositivo 2 Caratteristiche 2 Specifiche tecniche 3 Led di segnalazione

Dettagli

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Questo documento descrive nei punti salienti il processo seguito nel rispetto di normative, disposizioni e procedure di attuazione per il ERTMS/ETCS

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

DIREZIONE TECNICA. Verifica funzionale dell installazione del SSB sui rotabili PROGETTO ATC. Descrizione. Prima emissione

DIREZIONE TECNICA. Verifica funzionale dell installazione del SSB sui rotabili PROGETTO ATC. Descrizione. Prima emissione 2 di 120 Rev. Descrizione A Prima emissione 3 di 120 1 INDICE 1 INDICE...3 2 SCOPO DEL DOCUMENTO...6 3 CAMPO DI APPLICAZIONE...6 4 FASE DEL CICLO DI VITA...7 5 RIFERIMENTI...8 6 DEFINIZIONI, ACRONIMI ED

Dettagli

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1...

PAK1.1... Impiego. Luglio 1996. UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... s Luglio 1996 8 271 UNIGYR Set di comunicazione per i controllori di processo universali PRU1... PAK1.1... Scala 1 : 2 Set di comunicazione, completo di zoccolo/morsettiera e sottomodulo per consentire

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870

ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870 ISTRUZIONI PER LA TRASFORMAZIONE DI UN DISPOSITIVO By10850 IN UN DISPOSITIVO By10870 Il presente documento descrive le istruzioni per trasformare il dispositivo By10850 (TELEDISTACCO conforme alla norma

Dettagli

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Roma, 10 novembre 2008 Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Ing. Gabriele Ridolfi RFI Direzione Tecnica Mail: g.ridolfi@rfi.it Processo Omologativo:

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE

COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: E DEGLI INTERVENTI COMPLEMENTARI E/O SECONDARI CONNESS NNESSI ALLEGATO 7.2 VOCI AGGIUNTIVE COMMITTENTE: PROGETTAZIONE: CONTRATTO PER L ESECUZIONE DELLA PROGETTAZIONE E DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DEI SISTEMI STEMI DI COMANDO CENTRALIZZATO DEL TRAFFICO DELLE LINEE BARI-LECCE E BARI-TARANTO E

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DOCUMENTO DIVULGATIVO Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DDPL04I2 rev.2 0511 Pag. 1 di 14 S O M M A R I O 1. GENERALITA 3 2. MONITORAGGI E COMANDI UTILIZZABILI NEL SISTEMA

Dettagli

TELEMETRIA GSM PER GSE

TELEMETRIA GSM PER GSE Pagina 1 di 5 TELEMETRIA GSM PER GSE Mod. TLM-GSE4 La telemetria TLM-GSE4 è una opzione applicabile a tutti i gruppi GSE. Essa consiste in un box metallico contenente le schede elettroniche e il modem

Dettagli

Descrizione delle modifiche

Descrizione delle modifiche 2 di 26 Descrizione delle modifiche Data Rev Modifica 20/01/2006 A Prima emissione 26/11/2006 B Campo di applicazione: estensione dell applicabilità delle prove anche al rotabile TdS, inserito concetto

Dettagli

SST SCMT Allegato 2 Appendice N Protocollo di comunicazione

SST SCMT Allegato 2 Appendice N Protocollo di comunicazione 1 di 30 SST SCMT Posto Diagnostico SCMT Armadi SCMT Rev. Data Descrizione Redazione Verificato Autorizzato B 1/07/06 Seconda Emissiione M. TorassaS.Lagorio C. Rossi E. Marzilli 2 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE...4

Dettagli

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S.

Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. GENERALITA Base del sistema è la centralina di raccolta, memorizzazione e trasmissione dati, denominata TELEaQua/S. Alla centralina possono pervenire direttamente (tramite cavo) gli impulsi di un massimo

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni di trasmissione fattura al Portale di trasmissione fattura al Portale Revisione : 00 Data creazione : 29/02/2016 Data revisione : Revisioni : Rev. Riferimento Descrizione Data Autore 00 Specifiche Tecniche

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. All. 1 CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. OGGETTO E LUOGO DI CONSEGNA DELLA FORNITURA...4

Dettagli

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza.

Dettagli

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno

Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno 1 di 24 Sotto Sistema di Bordo Sistema Controllo Marcia Treno Prove per la valutazione dell installazione DIS Rev. Data Descrizione Emissione Verifica Tecnica Autorizzazione A 20/01/2006 Prima emissione

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener Manuale di installazione e utilizzo Indice 1. Introduzione pag. 2 2. Informazioni pag. 3 2.1 Istruzioni sulla sicurezza pag. 3 3. Installazione pag. 4 3.1

Dettagli

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM.

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. model POE M40 GSM code P311040 SOLUZIONI IP www.stab-italia.it 1 Info Questo

Dettagli

1. Architettura del sistema

1. Architettura del sistema 1. Architettura del sistema La proposta offerta da Solari di Udine spa è concepita nell ottica della modularità, con possibilità di ampliare e modificare in qualsiasi momento l impianto esistente. La stessa

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders

ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E SERVIZI DI IGIENE URBANA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Maggio 2009 ALLEGATO 15 Lettura ed identificazione con transponders Allegato 15 Lettura ed identificazione con transponders

Dettagli

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13 Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 2 di 13 Sommario Novità introdotte rispetto alla precedente emissione... 3 1 Introduzione... 4 2 Riferimenti normativi...

Dettagli

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1

UTFUS PSO 09 - Linee guida per redazione e gestione di piani della qualità Rev. 1 Pag. 1 di 15 UTFUS - Linee guida per redazione e TITOLO - LINEE GUIDA PER REDAZIONE E GESTIONE DI PIANI DELLA QUALITÀ CLASSIFICAZIONE:L Il presente Documento è proprietà intellettuale dell Unità Tecnica

Dettagli

NUOVO GRUPPO DI MISURA MULTIORARIO DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A.

NUOVO GRUPPO DI MISURA MULTIORARIO DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. NUOVO GRUPPO DI MISURA MULTIORARIO DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. IMPORTANTE: Questo documento contiene informazioni di proprietà di Enel S.p.A. e deve essere utilizzato esclusivamente dal destinatario in

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

ElettroTERM Lookout - User s Guide - Note

ElettroTERM Lookout - User s Guide - Note Lookout ElettroTERM SMS Gateway MANUALE UTENTE ElettroTERM Lookout ElettroTERM SMS Gateway rev. 1.0.0 - Tutti i diritti Riservati ElettroTERM S.r.l. Via Villapizzone, 10 20156 Milano (MI) www.elettroterm.com

Dettagli

MANUALE UTENTE. ADFL Consulting - i -

MANUALE UTENTE. ADFL Consulting - i - MANUALE UTENTE ADFL Consulting - i - Manuale Utente ADFL Consulting S.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta o copiata in qualsiasi forma senza il consenso

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

SMSSHOW MANAGER V. 3-104

SMSSHOW MANAGER V. 3-104 SMSSHOW MANAGER V. 3-104 Software per la gestione del sistema informativo InfoCOM-SMS Guida all suo SMSSHOW Manager V 3.104 1 Guida all uso S MS S H O W M AN A G E R V. 3. 1 0 4 Guida all uso Elettronica

Dettagli

MotoTRBO IPSC: le chiamate.!

MotoTRBO IPSC: le chiamate.! MotoTRBO IPSC: le chiamate. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Febbraio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI

ELENCO DELLE REVISIONI 2 di 66 Rev. Data 00 30 Settembre 2004 00 23 Dicembre 2004 A 03 Marzo 2005 B 20 Luglio 2005 ELENCO DELLE REVISIONI Motivo della revisone Prima emissione Strutturato il documento in modo da descrivere i

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2 (uscita digitale U6), attraverso

Dettagli

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH GENIO ITALIA si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti in qualsiasi momento senza alcun preavviso.

Dettagli

Innovazione al servizio della linea ferroviaria Trento - Malè - Marilleva. Algorab srl Lavis (Trento) ITALY Ing. Claudio Ianes Project Manager

Innovazione al servizio della linea ferroviaria Trento - Malè - Marilleva. Algorab srl Lavis (Trento) ITALY Ing. Claudio Ianes Project Manager Innovazione al servizio della linea ferroviaria Trento - Malè - Marilleva Algorab srl Lavis (Trento) ITALY Ing. Claudio Ianes Project Manager Telecontrollo Made in Italy: a step forward for a better life,

Dettagli

Come si usano i modem GSM

Come si usano i modem GSM Come si usano i modem GSM Le schede in questione sono dei modem GSM dual Band montati su una board aggiuntiva. I moduli GSM sono dei Siemens o dei Wavecom.Il modulo GSM è un completo cellulare in versione

Dettagli

PYOU CAPITOLATO TECNICO

PYOU CAPITOLATO TECNICO PYOU CAPITOLATO TECNICO TERMINALE POS Sommario 1. Premessa... 3 2. Architettura del sistema... 4 3. Caratteristiche e funzionalità... 5 4. Descrizione Funzionale... 6 4.1 Gestione dei modi operativi...

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

Systema gestionale SOFTWARE e HARDWARE IL GASOLIO LA GARANZIA NEL GARANTIRE L'UTILE AZIENDALE

Systema gestionale SOFTWARE e HARDWARE IL GASOLIO LA GARANZIA NEL GARANTIRE L'UTILE AZIENDALE Systema gestionale SOFTWARE e HARDWARE IL GASOLIO LA GARANZIA NEL GARANTIRE L'UTILE AZIENDALE MyFleet Sistema di Controllo Carburante Tracciamento e Localizzazione Satellitare MyFleet Truck Enterprise

Dettagli

PROCEDURA APERTA TELEMATICA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO IN CONTINUO DELLE TEMPERATURE FASC.1118/2014 ALLEGATO TECNICO

PROCEDURA APERTA TELEMATICA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO IN CONTINUO DELLE TEMPERATURE FASC.1118/2014 ALLEGATO TECNICO A) Descrizione e finalità Acquisizione, installazione, configurazione e assistenza alla gestione di un sistema di monitoraggio in continuo delle temperature; è richiesta anche la rilevazione della concentrazione

Dettagli

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM.

Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM. Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. Alimentatore PoE, UPS, LAN, GSM Alimentatore PoE con linee protette, UPS, comandabile tramite interfaccia Web e da rete GSM. model M80 GSM code P311080 SOLUZIONI IP www.stab-italia.it 1 Info Questo alimentatore

Dettagli

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT 1 di 188 SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA Parte Titolo Volume1 APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione F 04/12/06 QUARTA EMISSIONE S. Rosini

Dettagli

Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba. Manuale dell utente

Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba. Manuale dell utente Controllo tramite cellulare per pompe di calore Toshiba Manuale dell utente 2 ITALIANO Sommario 3 Funzioni del Combi Control 4 Indicatori LED 6 Tasti 8 Alimentazione 10 SIM Card 10 Installazione del Combi

Dettagli

SMS GATEWAY GUIDA ALL USO. Ver. 1.0

SMS GATEWAY GUIDA ALL USO. Ver. 1.0 SMS GATEWAY GUIDA ALL USO Ver. 1.0 INVIO SMS Mittente : Il nome che verrà visualizzato nel cellulare del destinatario quando l SMS viene inviato. Se si è scelta la personalizzazione dinamica del mittente,

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE DOCUMENTO DIVULGATIVO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE Servizi di pubblico utilizzo gestiti da un unica piattaforma software Reverberi Enetec. DDVA27I2-0112 Sommario 1. Servizi a valore aggiunto

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso DISPOSITIVO DI GESTIONE APERTURE VARCHI SU RETE GSM MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO Leggere attentamente questo manuale prima dell uso 1 INFORMAZIONI GENERALI Manuale d installazione ed uso Il presente

Dettagli

LYNX-eye Manuale d uso

LYNX-eye Manuale d uso 1 LINX eye ver. 10.2 Manuale d uso Indice: 1 Come funziona. 2 Caratteristiche tecniche.. 3 Contenuto della confezione.. 4 Installazione e attivazione. 5 Pannello di controllo. 6 Comandi tramite invio di

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

SELETEC Sistema di telecontrollo su rete GSM

SELETEC Sistema di telecontrollo su rete GSM Sistema di telecontrollo su rete GSM SELECON Server & Client La tua centrale di controllo wwwseletecmodcom Presentazione SELECON rev00 SELECON SOMMARIO: Server Client Server & Client INTRO - Rappresentazione

Dettagli

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso.

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Italiano Serie GSM MINI Manuale di uso e installazione MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Indice Descrizione delle funzioni del dispositivo 3 Descrizione dei

Dettagli

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl Sistema ATM con rete NetRail Divisione elco srl Introduzione Verrà di seguito descritto un sistema di gestione degli impianti automotore di tipo evoluto. Questo sistema si basa sull'utilizzo di una rete

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Allegato tecnico al Capitolato d'appalto 06 luglio 2009 Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Specifiche

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

ECCM Service. Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente

ECCM Service. Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente ECCM Service Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente Indice contenuti 1 Introduzione... 2 2 Requisiti di sistema per l utilizzo del software... 2 3 Installazione

Dettagli

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio Remote Service Solution Descrizione del Servizio Redattore: Alberto Redi Luogo e Data Lugano, 25 Novembre 2008 Status: Finale All attenzione di: Protocollo: Security Lab Sagl ViaGreina 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV SPECIFICHE TECNICHE OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV RSST04I00 rev. 0 0113 SPECIFICA SIGLA TIPO DI PRODOTTO A DIM/F TELEGESTIONE QUADRI DI CAMPO

Dettagli

Live Trap Alarm. Manuale Utente

Live Trap Alarm. Manuale Utente Live Trap Alarm Manuale Utente Sommario 1. Introduzione... 2 1.1 Descrizione Generale... 2 1.2 Caratteristiche... 2 2. Componenti... 3 3. Installare la SIM Card e le Batterie... 4 3.1 Installare la SIM

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

EN0500-DIALER 1 versione 1.2

EN0500-DIALER 1 versione 1.2 Manuale di istruzioni versione 1.2 EN0500-DIALER 1 versione 1.2 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 2. Caratteristiche tecniche...3 2.1 Dimensioni...3 3. Installazione e impostazioni iniziali...4 3.1

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Antenna di ricezione WTT16... WTX16... Siemens Building Technologies HVAC Products. Siemeca

Antenna di ricezione WTT16... WTX16... Siemens Building Technologies HVAC Products. Siemeca 2 874 Siemeca Antenna di ricezione WTT16... WTX16... L antenna di ricezione riceve e memorizza via radio i dati di consumo provenienti dai componenti del sistema Siemeca AM. L antenna è alimentata a batteria

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO DESCRIZIONE Il GSM-CB33 è un combinatore telefonico GSM a 3 ingressi di allarme per la trasmissione di 3 messaggi vocali + 3 messaggi SMS (prioritari) relativi agli ingressi

Dettagli

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 2 di 11 INDICE 1 Introduzione... 4 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 3 Misura del diametro ruote ricalibrazione automatica... 8 4 Misura

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Sistema automatico di lettura ad onde radio

Sistema automatico di lettura ad onde radio 2 870 Siemeca AMR Sistema automatico di lettura ad onde radio Panoramica generale del sistema Siemeca AMR (Automatic Meter Reading) e dei suoi componenti con delle note utili per la progettazione, la messa

Dettagli

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE LOTTO N 6 N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di altissimo

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

M1-EVO GPS DATALOGGER

M1-EVO GPS DATALOGGER SERIE M1-EVO LOG GPS DATALOGGER : M1-EVO RS M1-EVO ALU I datalogger serie M1-EVO LOG sono stati concepiti per le applicazioni Racing più estreme grazie al peso, ridotte dimensioni ed elevata resistenza

Dettagli

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE Apparecchi elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE 01913 - elettronico GSM Alimentazione: 120-230 V~, 50-60 Hz. 2 batterie AAA NiMH 1,2 V ricaricabili (fornite) in grado di garantire, per alcune ore,

Dettagli