LA TERAPIA OCCUPAZIONALE IN PSICHIATRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TERAPIA OCCUPAZIONALE IN PSICHIATRIA"

Transcript

1 LA TERAPIA OCCUPAZIONALE IN PSICHIATRIA LA TERAPIA COME TRATTAMENTO SOCIALE COMPLESSO CORSO PER OPERATORI SOCIO SANITARI SARA VALERIANI TERAPISTA OCCUPAZIONALE SILVIA CAPRIOTTI TERAPISTA OCCUPAZIONALE 1

2 RIABILITAZIONE PSICHIATRIA WORLD HEALTH ORGANIZATION 1992: La riabilitazione psichiatrica è l insieme di tutte le attività che tendono alla massimizzazione delle opportunità per l individuo ed alla minimizzazione degli effetti negativi della cronicità. Questi obiettivi comportano un intervento ambientale a livello individuale, familiare e comunitario. È volta ad alleviare menomazioni, disabilità ed handicap negli individui con disturbi mentali e migliorare, nei limiti del possibile, la loro vita. Questi interventi hanno come scopo: 1. La massima partecipazione ed integrazione dell individuo con la famiglia, la comunità, la società. 2. La partecipazione e la diminuzione delle disabilità, la riduzione delle ricadute, la promozione dell integrazione sociale e la partecipazione dell individuo alla sua riabilitazione. 2

3 FATTORI PREDITTIVI IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FATTOTI SIGNIFICATIVI PER IL BUON ESITO DELLA RIABILITAZIONE: Entità dei rapporti sociali; la durata dell isolamento sociale, la durata delle ospedalizzazioni precedenti; il grado delle menomazioni primarie e secondarie; la predisposizione di personalità; l ambiente familiare; le capacità di adattamento; la vulnerabilità del soggetto; la fiducia in sé; l atmosfera dell ambiente terapeutico. 3

4 FATTORI PREDITTIVI IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FATTORI PREDITTIVI SFAVOREVOLI IN UN PROGRAMMA RIABILITATIVO INDIVIDUALI: debolezza dell IO; non compliance; contatti sociali scarsi; prolungata ospedalizzazione. RELAZIONALI: 1. TERAPEUTICI intempestività e/o inadeguatezza; ipo/iper stimolazione; uso inadeguato dei farmaci. 2. RIABILITATIVI intempestività; modalità non personalizzata e non adeguata; rigidità del setting; inadeguato lavoro d equipe; inadeguato coinvolgimento della famiglia 4

5 FATTORI PREDITTIVI IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA APPARE SEMPRE PIÙ CHIARO CHE GLI INTERVENTI TERAPEUTICI DEVONO ESSERE MESSI IN RELAZIONE NON SOLO CON L AMBIENTE CIRCOSTANTE AL PZ MA ANCHE CON LO STATO EMOTIVO DELL EQUIPE, CON LE ASPETTATIVE DEGLI OPERATORI E LA LORO FORMAZIONE. TRA LE VARIABILI PREDITTIVE INSERIAMO QUINDI L INTERAZIONE TRA LE ASPETTATIVE DEL PZ, DEGLI OPERATORI E DEI FAMILIARI 5

6 FATTORI PREDITTIVI IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FONDAMENTALE IMPORTANZA DELL ALLEANZA TERAPEUTICA. Un atteggiamento emotivo empatico, accogliente e non giudicante da parte dello staff verso il disagio del pz e dei suoi familiari ed il perseguimento di una valida alleanza terapeutica sono di fondamentale importanza. Rischio di innescare un meccanismo chiamato effetto Rosenthal o profezia che si autoavvera: se l equipe nutre aspettative di insuccesso verso il pz questo risponderà male al programma riabilitativo andando a confermare i sospetti dell equipe. 6

7 L EQUIPE MEDICA Gli operatori che sono in continuo contatto con i pz psicotici necessitano di una buona capacità di tollerare le frustrazioni, il senso di impotenza e gli inevitabili fallimenti del pz e dell equipe. Possono subentrare la disillusione, l indifferenza, la rassegnazione nel vedere il pz fuori dalle loro possibilità di aiuto finendo per segregarlo alla periferia dei loro interessi. Lo scambio emotivo con il pz rievoca aspetti della vita personale degli operatori e comporta un crescente senso di ansia dal quale si difendono con distacco e controllo dei sentimenti interrelazionali; rinvio delle decisioni; verifiche e controverifiche delle responsabilità; deresponsabilizzazione; svalutazione delle proprie capacità; resistenza ai cambiamenti; ricorso all inefficienza. Fino ad arrivare alla sindrome del burn-out 7

8 L EQUIPE MEDICA DIVERSI FATTORI INCIDONO SULLO STATO EMOTIVO E SULLE ESPETTATIVE DELL EQUIPE: 1. Individuali (meccanismi di difesa, attitudini ed atteggiamenti personali); 2. Di gruppo (insufficiente management e formazione dell equipe, insufficiente addestramento emozionale) 3. Istituzionali (tipo e stile di organizzazione del servizio) 8

9 TO IN PSICHIATRIA La terapia occupazionale, affiancata ad altre forme di terapia, è un procedimento di trattamento sociale ed un elemento fondamentale nel trattamento del paziente psichiatrico (Associazione Svizzera dei Terapisti Occupazionali). La pratica del terapista occupazionale è incentrata sul paziente ed assume il suo pieno significato se connessa ad una politica della salute ed alla collaborazione (compliance) dell ambiente in cui il paziente vive. 9

10 TO IN PSICHIATRIA IL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LAVORA IN: CENTRI DIURNI DAY HOSPITAL IN OSPEDALI O CENTRI SANITARI (SSN) COMUNITÀ TERAPEUTICHE RESIDENZIALI PRIVATE O CONVENZIONATE PRIVATAMENTE A DOMICILIO 10

11 TO IN PSICHIATRIA Il terapista occupazionale lavora con i pazienti attraverso attività significative che rappresentano il fine ed il mezzo dell intervento terapeutico. DIVERSI AMBITI DI ATTIVITÀ: 1. ATTIVITÀ DI CURA DI SÉ E DELL AMBIENTE (ADL E IADL) 2. ATTIVITÀ PRODUTTIVE (LAVORO) 3. ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO 4. RIPOSO E SONNO 11

12 TO IN PSICHIATRIA LA SALUTE DEL PZ INTESA COME PARTECIPAZIONE ATTIVA ALLA VITA! Molti dei nostri pazienti non saranno mai normali dal punto di vista clinico ma l impegno del TO è quello di migliorarne la salute e la qualità della vita indipendentemente dalla cronicità della malattia. La funzione centrale del TO è quella di lavorare con l individuo per recuperare motivazione, senso di competenza, di autonomia, di autodeterminazione; riscoprire interessi e potenzialità; riappropriarsi dei ruoli sociali. Fornisce assistenza nel reperire le giuste risorse sul territorio. Il TO collabora con i caregivers e li addestra alla cura del pz ed alla manutenzione degli ausili. 12

13 TO IN PSICHIATRIA GLI OBIETTIVI MACROSCOPICI DELL INTERVENTO DI TO SONO QUINDI: Migliorare le competenze sociali attraverso il rafforzamento delle abilità relazionali, dell adeguatezza psicologica e delle capacità occupazionali della persona; Il sostegno sociale attraverso la promozione di opportunità che possano rispondere ai bisogni primari della persona quali il lavoro, le relazioni, lo svago, l indipendenza, l autodeterminazione; Rafforzare le possibilità di scelta attraverso una maggiore coscienza di sé e dei propri interessi; Sostegno alle famiglie 13

14 L INTERVENTO DI TO Valutazione iniziale Obiettivi Pianificazione Valutazione finale Risultati Ambiente Terapista Attività Fine intervento/nuovo obiettivo 14

15 TO IN PSICHIATRIA QUALI ATTIVITÀ? ATTIVITÀ FISICHE: siamo fatti per il movimento! Il corpo in movimento rilascia anandamide (neuro-modulatore appartenete alla famiglia degli endocannabinoidi). Stimola la propriocezione e la coordinazione motoria. Movimenti mirati che il pz di solito non fa; giochi dinamici; passeggiate; attività per scaricare energie in eccesso. Rilassamento: eliminare la tensione improduttiva per indirizzare l energia verso attività utili In gruppo o singolarmente. In collaborazione con il fisioterapista e lo psicomotricista. 15

16 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ ESPRESSIVE Incoraggiano la comunicazione, l espressione di sé e delle proprie idee e la collaborazione con gli altri. Attività artistiche come disegnare, dipingere, modellare la creta, scolpire, realizzare un collage, scrivere o suonare uno strumento (musicoterapia) danno la possibilità al pz di esprimere, senza parlare, il suo mondo interiore. Rappresentano un momento di concretezza perché producono oggetti concreti. Permettono di esercitare abilità manuali, prassiche, costruttive, sociali e cognitive senza necessitare però di particolari capacità artistiche da parte del pz il quale è libero di creare fuori da ogni tecnica specifica. 16

17 TO IN PSICHIATRIA Il TO non valuta il risultato finale, vuole solo aiutare il pz ad esprimersi uscendo dall isolamento. Le attività espressive possono essere svolte in gruppo o singolarmente, in collaborazione con i tecnici della riabilitazione psichiatrica, psicologi, musicoterapisti, maestri d arte. Nello svolgere queste attività dobbiamo impedire qualsiasi forma di frustrazione per il pz. Particolare attenzione verrà quindi rivolta alla scelta di un attività che il soggetto può portare avanti con soddisfazione. 17

18 TEATRO-TERAPIA TO IN PSICHIATRIA Molto utile per preparare i pazienti ad eventi concreti della loro vita sociale che possono essere fonte di stress ed ansia. Esercizi verbali e non verbali, giochi ed improvvisazioni che favoriscano la consapevolezza di sé, la consapevolezza degli altri e la capacità di esprimere le proprie idee. Scegliere esercizi che siano aderenti alla realtà. SOCIODRAMMA: scene ed esercizi role-play per simulare situazioni sociali, per acquisire migliore comprensione delle dinamiche interpersonali e per sperimentare comportamenti sociali adeguati. PSICODRAMMA: tecnica per esplorare le dinamiche ed i conflitti esistenti nella vita di una persona. Il pz interpreta le situazioni problematiche della sua vita e dei suoi rapporti attribuendo, a sua scelta, i diversi ruoli ad altri partecipanti del gruppo. 18

19 TO IN PSICHIATRIA ESERCIZI DI RISPECCHIAMENTO : imitare e seguire il movimento del compagno; richiede consapevolezza e concentrazione oltre che una certa dose di immedesimazione e coordinazione motoria. MIMO: lavoro sulla mimica facciale e l espressione dei sentimenti, sulla gestualità e gli atteggiamenti corporei. IMPROVVISAZIONE: uso dell immaginazione e condivisione delle proprie idee/emozioni/bisogni. Importante l uso dello spazio scenico, il contatto anche fisico con gli altri e l aggancio visivo. Si svolge in gruppo in collaborazione con il fisioterapista, lo psicologo, il musicoterapista 19

20 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ RICREATIVE Adatte soprattutto per intervallare compiti pesanti per il paziente e per coloro che si trovano ricoverati in ospedale. In questo caso il compito principale del terapista è organizzare l ambiente, eventuali gruppi e reperire il materiale adatto all attività. Queste attività non hanno lo scopo di ammazzare il tempo ma vogliono essere un momento di aggregazione, di condivisione, di stimolo alla comunicazione ed all indipendenza. Sono importanti perché richiedono la formulazione di una scelta e l organizzazione del proprio tempo, coadiuvano il lavoro sulle abilità sociali e sullo sviluppo degli interessi personali. Meglio se in gruppo, in collaborazione con psicologi, tecnici della riabilitazione psichiatrica e volontari. 20

21 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ PER INCREMENTARE LE ABILITÀ SOCIALI Importanti soprattutto per quei pz non istituzionalizzati che sperimentano il ritiro sociale, la stigmatizzazione e la discriminazione. Fondamentale per coloro che vogliono svolgere delle attività produttive, lavorative o meno, e che quindi devono sapersi relazionare adeguatamente con l ambiente circostante. Attività non specifiche: teatro-terapia (sociodramma, psicodramma, improvvisazione), attività artistico-espressive, attività ricreative e ludiche, IADL, attività artigianali. Attività specifiche: training mirati attraverso attività che richiedono particolari abilità sociali. Uscite, partecipazione ad eventi, tirocini/stage volontari o formativi. In gruppo o singolarmente, in collaborazione con psicologi, tecnici della riabilitazione psichiatrica, assistenti sociali. 21

22 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ DELLA VITA QUOTIDIANA (ADL, IADL) Avere cura di sé, dell ambiente in cui si vive e delle proprie cose non richiede solo capacità cognitive e fisiche, ma soprattutto motivazione, senso di dignità ed identità personale, libertà e possibilità di accedere ai servizi per sperimentare autonomia senza dipendere dagli altri. CURA DELLA PERSONA: igiene personale, abbigliamento, alimentazione, gestione delle medicine/visite mediche, cura degli ausili. CURA DELL AMBIENTE: faccende domestiche, organizzazione e gestione degli spazi/casa, compere, gestione della famiglia. 22

23 TO IN PSICHIATRIA GESTIONE DEGLI SPOSTAMENTI: uso dei mezzi pubblici o privati, gestione dei tempi e delle risorse del territorio. GESTIONE DEL TEMPO: progettazione e pianificazione delle attività, scelta delle attività in base al livello di priorità assegnato, diario giornaliero/settimanale/mensile. GESTIONE DEL DENARO: per singoli obiettivi, per obiettivi multipli 23

24 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ LAVORATIVE Sono importanti per la persona perché permettono il ripristino dei ruoli e dello status sociale. Forniscono remunerazione e quindi senso di soddisfazione ed efficacia personale, orgoglio per il lavoro finito o per il prodotto realizzato. Senso di concretezza. REINSERIMENTO LAVORATIVO: riguarda coloro che svolgevano una mansione lavorativa che è stata interrotta a causa della malattia. Il pz che riprende a lavorare dopo un episodio morboso può incontrare molte difficoltà inaspettate. Fondamentale la collaborazione del datore di lavoro e dei colleghi. INSERIMENTO LAVORATIVO: riguarda quei soggetti in cui l insorgenza dell evento morboso ha precluso l accesso alle mansioni lavorative. La sfida più grande è trovare il lavoro più idoneo considerando le risorse della persona e quelle del territorio. Fondamentale che le aspettative siano molto realistiche. 24

25 TO IN PSICHIATRIA Le attività lavorative più idonee ai malati psichiatrici sono, in generale, quelle artigianali o industriali che consentono di poter concretamente realizzare un prodotto finito o di poter partecipare ad una parte della sua realizzazione. Falegnameria; lavorazione di metalli; tappezzeria; ristorazione; piccole o medie imprese edili; lavori in piccole, grandi o medie industrie. Il lavoro della terra e l accudimento degli animali all interno delle aziende e cooperative agricole può rappresentare una buona opportunità di inserimento lavorativo. 25

26 TO IN PSICHIATRIA La stragrande maggioranza dei pazienti psichiatrici a lungo termine ha una scarsa possibilità di entrare o rientrare nel mondo produttivo a causa dell età avanzata, del prolungato isolamento sociale e per la mancanza di posti di lavoro. Non si può quindi impostare una riabilitazione sull aspettativa di un reinserimento o inserimento lavorativo e pensare che lo status sociale ed il senso di efficacia personale dipendano solo dal salario. La realtà è che la riabilitazione è spesso volta ad una buona gestione del pensionamento o della disoccupazione. 26

27 TO IN PSICHIATRIA ATTIVITÀ COSTRUTTIVE Laboratori di piccolo artigianato (falegnameria, scultura, costruzione di piccoli oggetti e giocattoli, ricamo, cucito, carta pesta, decoupage, mosaico, artigianato tradizionale, realizzazione di dolci e conserve ecc ) vengono usate per aumentare la capacità della persona di prendere decisioni, di perseverare nell intento, di manipolare strumenti, di seguire attentamente le indicazioni altrui, di concentrarsi, di condividere responsabilità ed incombenze con gli altri. Anche il giardinaggio, il lavoro della terra e la cura degli animali sono attività molto utili che sempre più spesso vengono proposte in molte strutture riabilitative. 27

28 SCHIZOFRENIA ATTIVITÀ CONSIGLIATE: Attività artigianali, Attività espressive, Teatro-terapia (improvvisazione, psicodramma, sociodramma) Training abilità sociali, Training ADL e IADL, Attività lavorative Addestramento caregiver 28

29 SCHIZOFRENIA Importante per questi pazienti è anche l attività fisica, sia dal punto di vista della sperimentazione di movimenti inusuali e coordinati che dal punto di vista del rilassamento. In generale si propongono attività strutturate, chiare, che diano senso di continuità e compiutezza, che abbiano scopi precisi e concreti, che consentano espressione e confronto con gli altri riscoprendo interessi e bisogni. Importante evitare attività iperstimolanti, il contatto con oggetti indesiderati e l inserimento in ambienti troppo confondenti. Possono partecipare ad attività singole o in piccoli gruppi per poi passare in gruppi più numerosi. 29

30 DISTURBI DEL TONO DELL UMORE (Depressione Maggiore o Minore) ATTIVITÀ CONSIGLIATE: Semplici lavori artigianali strutturati (ricamo, maglia, mosaico, decoupage); Training ADL, IADL; Attività espressive (pittura, teatro-terapia in presenza di particolari ansie e paure); Giardinaggio e cura degli animali; Attività ricreative di gruppo; Reinserimento o inserimento lavorativo Attività fisica e di rilassamento Addestramento caregiver 30

31 DISTURBI DEL TONO DELL UMORE (Depressione Maggiore o Minore) In generale con questi pazienti si lavora molto per recuperare il senso, la motivazione e la spinta al fare e quindi all essere. Per restituire il senso di competenza, la soddisfazione ed il piacere. Importante favorire l espressione della persona e la relazione attraverso un rapporto empatico, di ascolto e comprensione. Mai assumere un atteggiamento giudicante e coinvolgerli in attività che potrebbero comportare frustrazione. Favorire la relazione con altre persone attraverso attività in piccoli gruppi. 31

32 DISTURBI DEL TONO DELL UMORE (Disturbo Bipolare I e II) ATTIVITÀ CONSIGLIATE : Attività artigianali che richiedano passaggi lenti, chiari, concentrazione ed attenzione (intaglio, mosaico, telaio, lavorazione del vimini); Attività espressive che consentano manualità grossolana e fine (lavorazione della creta); Giardinaggio; Training ADL, IADL; Training abilità sociali; Attività fisica volta a sfogare le energie in eccesso o al rilassamento; Addestramento caregiver 32

33 DISTURBI DEL TONO DELL UMORE (Disturbo Bipolare I e II) In generale con questi pazienti si cerca di svolgere attività concrete, chiare, con una finalità precisa. Gli scopi e gli obiettivi dell attività devono essere chiari al pz e con lui bisogna concordare anche i limiti dell azione, i tempi ed i confini che non devono essere valicati. Le attività devono essere strutturate ed il risultato finale tangibile. Stimolare la capacità di concentrazione e favorire la costanza dell azione. 33

34 DISTURBO D ANSIA E DOC ATTIVITÀ CONSIGLIATE: Attività espressive libere (pittura, creta, musica ecc ); Teatro-terapia (psicodramma, sociodramma) per gestire le ansie sociali e condividerle con gli altri in maniera costruttiva; Training abilità sociali; Training ADL, IADL; Attività fisica strutturata che richieda concentrazione e coordinazione motoria. 34

35 DISTURBO D ANSIA E DOC Attività di rilassamento; Attività costruttive; Giardinaggio; Attività lavorative (reinserimento o inserimento) Addestramento caregiver. Il lavoro può essere svolto singolarmente o in gruppo. Particolare attenzione deve essere riposta nell istaurare un rapporto di fiducia col pz; questo deve essere sempre messo al corrente di ciò che si farà insieme e deve potersi organizzare mentalmente. Non assumere un atteggiamento giudicante e non permettere che gli altri lo assumano. Non scegliere mai attività che potrebbero frustrarlo. 35

36 TOSSICODIPENDENZA ED ALCOLISMO ATTIVITÀ CONSIGLIATE: Attività espressive (creta, pittura, musica, collage); Teatro-terapia; Attività costruttive; Giardinaggio e cura degli animali; Training abilità sociali; Attività fisica; Attività ricreative; Reinserimento lavorativo Le terapie vengono preferibilmente svolte in gruppi per favorire il recupero delle abilità sociali. 36

37 TOSSICODIPENDENZA ED ALCOLISMO È ampiamente dimostrato come il fare sia una delle terapie più indicate per il recupero di soggetti alcolizzati e tossicodipendenti. L impegno in attività produttive, significative e soddisfacenti, restituisce alla persona quel senso di competenza sociale (ripristino dei ruoli) che viene meno a causa dell evento morboso. A volte i soggetti alcolizzati (meno i tossicodipendenti) sono persone che hanno cominciato ad abusare dell alcol dopo aver perso il lavoro. Restituire loro la possibilità di fare bene e collaborare alla vita sociale è un passo avanti verso la guarigione. Far rivivere il senso di dignità occupazionale in queste persone è fondamentale. 37

38 IL SETTING DI TO Con il termine setting intendiamo l ambiente fisico in cui viene svolta la performance occupazionale. Nella TO questo costituisce un fattore di grande importanza perché l ambiente può favorire o sfavorire lo svolgimento della performance e, di conseguenza, essere uno degli elementi che ne determina il successo o il fallimento. Va quindi opportunamente scelto, organizzato e modificato in relazione al paziente ed all attività da svolgere. 38

39 IL SETTING DI TO Ovviamente un conto è lavorare a domicilio nell ambiente proprio del paziente, un conto è lavorare nel reparto di TO all interno di un centro di riabilitazione ed un altro ancora è lavorare nei reparti di ospedale. Ognuno di questi setting offre vantaggi e svantaggi, la differenza la fa la capacità del terapista di adattarsi all ambiente e quindi di riuscire ad adattare questo alle esigenze del paziente. 39

40 IL SETTING DI TO Caratteristiche del setting occupazionale: Accogliente Tranquillo Ordinato Fornito del materiale necessario Con la giusta dose di stimoli Versatile Stimolante e non confondente Atmosfera diversa da quella del reparto 40

41 IL SETTING DI TO Il setting in cui l attività viene svolta deve essere modificato a seconda delle caratteristiche dell attività e della patologia del paziente. Le varie tipologie di attività, se possibile, dovrebbero avere un setting dedicato ed opportunamente attrezzato. Fondamentale la presenza di stimoli ambientali adeguati e non confondenti. Il setting, come tutto il processo riabilitativo, deve essere il più versatile possibile, mai rigido e predefinito. Ci vuole una grandissima dose di flessibilità e di capacità di adattarsi alle esigenze del paziente e della sua patologia. 41

42 MODELLI DI SUPPORTO ALLA TO In psichiatria, come in altri ambiti della riabilitazione, il lavoro dei terapisti occupazionali viene facilitato e supportato da alcuni modelli provenienti da discipline diverse, come ad esempio la psichiatria. Uno di questi è il modello comportamentista che spiega o rappresenta il comportamento umano in termini di apprendimento. Una persona che non è in grado di funzionare normalmente ha fallito nell apprendere oppure ha adottato comportamenti socialmente inaccettabili o inadeguati al raggiungimento di un obiettivo qualificato. 42

43 MODELLO COMPORTAMENTISTA Gli psicologi della scuola comportamentista affermano che ogni comportamento osservabile è il risultato di un apprendimento. L insieme dei comportamenti appresi indirizza la personalità dell individuo, il suo modo di percepire e di partecipare alle attività ed alle relazioni. Il modello terapeutico comportamentista identifica (valutazione) i comportamenti disadattivi e tenta di correggerli insegnando al pz comportamenti adattivi attraverso tecniche di apprendimento. 43

44 MODELLO COMPORTAMENTISTA Ad esempio un pz molto ritirato in sé ha avuto un apprendimento sociale (funzioni ed abilità) sbagliato che comporta deficit relazionali. I deficit relazionali possono condurlo all isolamento e l isolamento all ansia ed alla depressione. In questo caso il comportamento disadattivo causa la patologia. I pz istituzionalizzati, invece, a causa dell istituzionalizzazione presentano una carenza di abilità sociali ed incapacità di compiere mansioni normali in maniera indipendente. La patologia quindi è conseguenza di un apprendimento sbagliato e quindi di comportamenti disadattivi. Altri pz con problemi cognitivi importanti non hanno mai acquisito abilità e quindi l apprendimento è mancante. 44

45 MODELLO COMPORTAMENTISTA TECNICHE USATE IN TO: Rinforzo positivo: premi come cibo o gettoni (token), elogio, approvazione. Si dà quando il pz mette in atto un comportamento adattivo da premiare affinché venga ripetuto. Può essere estrinseco, ovvero provenire dal TO, oppure intrinseco cioè interno alla persona, come la realizzazione personale, il benessere, l orgoglio, l accettazione. Rinforzo negativo: rimprovero o assenza di rinforzo positivo. Si dà quando il pz mette in atto un comportamento disadattivo da estinguere affinché non si ripeta. Premio 45

46 MODELLO COMPORTAMENTISTA APPRENDIMENTO OPERATIVO: Richiede la partecipazione attiva del soggetto che è impegnato, mente e corpo, in una attività. Si avvale della token economy (gettone) come rinforzo positivo per un comportamento adattivo messo in pratica. Il comportamento disadattivo viene estinto con l assenza di rinforzo. MODELLAMENTO: sfrutta le capacità della persona di apprendere osservando ed imitando azioni o comportamenti altrui. Il TO deliberatamente modella determinati comportamenti perché il pz li imiti e li ripeta successivamente. Molto usato nel problem solving 46

47 MODELLO COMPORTAMENTISTA DESENSIBILIZZAZIONE SISTEMATICA: Usata nel disturbo d ansia e nelle fobie. Il TO attua una desensibilizzazione in vivo, cioè il pz viene posto di fronte ad una gerarchia di situazioni reali ansiogene. Nel setting occupazionale si possono ricostruire delle situazioni sociali tipiche e presentarle al pz secondo una gerarchia precostituita. Il TO può anche organizzare esperimenti fuori dal contesto dell ospedale o del centro durante delle uscite. Uno della teatro-terapia. CONTRATTAZIONE: Contratto stipulato tra TO e pz che ha come oggetto o il comportamento da evitare e le conseguenze se questo viene messo in atto, o il comportamento da attuare e le conseguenti ricompense. Simile alla token economy 47

48 MODELLO COMPORTAMENTISTA CONCATENAMENTO RETROGRADO: Tecnica che sfrutta il frazionamento di un compito in tanti sottocompiti. Il TO individua il numero dei sotto-compiti da svolgere a seconda delle abilità del pz, insegna per prima la fase finale dell attività e quindi, procedendo a ritroso, tutte le fasi precedenti. L abilità di portare a termine il compito presuppone un apprendimento concatenato di tutti i sotto-compiti. Ad ogni sotto-compito appreso il pz riceve un rinforzo positivo. 48

49 Grazie per l attenzione! 49

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Descrizione del progetto/iniziativa da realizzare

Descrizione del progetto/iniziativa da realizzare PROGETTO INIZIATIVA PROGETTO DI PET THERAPY PER I MINORI CON DISTURBI E DISAGI EMOTIVI SOCIALI Descrizione del progetto/iniziativa da realizzare L associazione Amici degli Animali a 4 zampe, è ben consapevole

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Luc De Vreese, Rabih Chattat, Guido Gori, Elisabetta Mecatti, Anna Maria Mello, Sara De Montis, Pier Luigi Oscari, Silvia Ragni INTRODUZIONE (1) I farmaci oggi a disposizione

Dettagli

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE Rientrano in questa categoria l'insieme di difficoltà comunicazionali e relazionali che spesso coinvolgono l'ansia e la scarsa autostima, ma anche

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Paola Coscia A.F.D. Coordinatore Infermieristico S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Uno dei diritti

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO Sara Vessella GENOGRAMMA DELLA FAMIGLIA NUCLEARE S. 42 anni parrucchiera A. 42 anni imbianchino V. neonato Invio: Ospedale Careggi

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY Nel 1961 lo psichiatra Boris Levinson, parlò per la prima volta di Pet therapy in un lavoro in cui metteva in risalto il ruolo

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE PSICOTERAPIA E COMPETENZE SOCIALI: DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE TERAPIE DI TERZA GENERAZIONE Luigi Gastaldo, Antonella Bressa, Romina Castaldo, Viola Galleano, Elvezio Pirfo Dipartimento di Salute Mentale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA

LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA Dott.ssa Alessandra Marsili Psichiatra, Psicoterapeuta Civitanova Marche L assertività è la capacità del soggetto di utilizzare in ogni contesto relazionale, modalità di comunicazione

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Centro Territoriale per l Integrazione di Feltre Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Dott.ssa

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese

PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese 1 Indice Fare rete con e oltre la famiglia Qualità della vita Definizione di comportamento problema

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Bisogni del paziente in cure palliative

Bisogni del paziente in cure palliative Bisogni del paziente in cure palliative Amore Sicurezza Comprensione Accettazione Autostima Fiducia Problemi del malato PAURA: di morire; che il dolori diventi incontrollabile, di perdere l autocontrollo,

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo

PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo 22 maggio 2010 PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo Valutazione dei vari strumenti alternativi e/o complementari nell approccio alla disabilità intellettiva

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Sviluppo e Integrazione delle Funzioni Neuropsicologiche Verona 26 Febbraio 2011 maurizio gioco Centro Ricerca, Diagnosi e Cura per l Autismo Az.Ulss20

Dettagli

IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it

IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it Il counseling si connota sempre come aiuto psicologico E un processo di interazione attiva e bidirezionale

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La gestione dei disturbi comportamentali tramite interventi di Musicoterapia e Terapia della Bambola con pazienti affetti

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA

STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA AZIENDA ULSS N. 8 OPERE PIE D ONIGO STRUTTURA INTERMEDIA DI RIABILITAZIONE DALLA DISABILITA ACQUISITA attività innovativa (delibera del Direttore Generale dell Azienda ULSS n. 8 del 29 novembre 2007 n.

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 17 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA SERVIZIO PSICHIATRICO MIRANO Direttore: Dr.ssa Anna Urbani CENTRO DIURNO LA MERIDIANA Via Miranese, 18-30035 Mirano (VE) tel. 041 5795516 fax 041 5795501 BENVENUTI NEL NOSTRO CENTRO DIURNO! IN QUESTE PAGINE

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

I diritti del bambino

I diritti del bambino I diritti del bambino I diritti del bambino Principi fondamentali dei diritti dell'infanzia Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza: a) Non discriminazione

Dettagli