RIABILITAZIONE PSICHIATRICA DALLA TEORIA ALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE L ORTO-TERAPIA IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA ALCUNI DATI LOMBARDI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIABILITAZIONE PSICHIATRICA DALLA TEORIA ALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE L ORTO-TERAPIA IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA ALCUNI DATI LOMBARDI"

Transcript

1

2 RIABILITAZIONE PSICHIATRICA DALLA TEORIA ALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE L ORTO-TERAPIA IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA ALCUNI DATI LOMBARDI

3 La Riabilitazione psichiatrica. Cosa fa? La Riabilitazione Psichiatrica mira a ridurre la disabilità derivante dalla malattia mentale e l handicap derivante dal contesto sociale in cui vive la persona affetta da grave e persistente disturbo psichico, ristrutturando e/o sviluppando competenze perse o mai apprese, dando alla persona una possibilità di recuperare un ruolo e reintegrarsi effettivamente ed efficacemente nella sua famiglia e nel suo ambiente sociale (Liberman, 2008). aiutare le persone con disabilità psichiatrica ad aumentare la loro capacità di funzionare con successo e di essere soddisfatte nell ambiente di loro scelta (Anthony, Cohen, Farkas 2003)

4 Spettro di programmi che mirano a potenziare le parti «sane» della persona affetta da psicosi, andando a ridurre quelle disfunzionali (World Psychiatric Association, Rössler, 2006) Ogni programma riabilitativo deve essere: Individualizzato Pianificato (Lombardia: P.T.R.) in un progetto definito in base a obiettivi che derivano da una adeguata valutazione delle aree di funzionamento, con una tempistica definita Monitorato nel tempo ed aggiornato in base ai cambiamenti che emergono, al fine di ridurre la naturale tendenza alla regressione (cronicizzazione) insita nella malattia Integrato ai trattamenti classici (Layard R 2006; Kern R.S et al 2009; Wai Tong Chien et al, 2013). e quindi non come «ultima risorsa quando non funziona nulla (Anthony et al 2003) La Riabilitazione psichiatrica. Cosa è?

5 Effectiveness dei trattamenti per la psicosi farmacoterapia Modificata da: Outcome domains in schizophrenia Naber D., Vita A. Eur Neuropharm Interventi di riabilitazione Strategie cognitive e psicoeducazionali per aumentare l aderenza Psicoterapi e

6 Antony, Farkas 2002 Improvvisazione Assistenzialismo Recupero forzato ed obbligatorio del deficit Normalizzazione tout court Attenzione solo al saper fare Raggiungimento di livelli di funzionamento identici a quelli precedenti l esordio o mai raggiunti dal paziente nella sua storia La Riabilitazione psichiatrica. Cosa non è?

7 La psicosi altera le dimensioni fondamentali dell esistenza umana TEMPO SPAZIO RELAZIONE La relazione => operatore Comunicazione Empatia, Gioco.. Dimensione gruppo.. Dimensioni di intervento e strumenti di lavoro Cosa usa?

8 Esistono infine obiettivi trasversali ad ogni progetto riabilitativo, che pur nella specificità e nella caratterizzazzione individuale, devono mirare a: sviluppare una relazione significativa aumentare il senso di identità e l autostima del soggetto restituire una temporalità nella atemporalità della malattia psichica utilizzare le risorse ambientali per favorire nel tempo la graduale separazione dal luogo protetto della struttura riabilitativa per l inserimento nella comunità esterna (Paterniti R. 1996) OBIETTIVI COMUNI DELL AGIRE RIABILITATIVO

9 La relazione con il paziente costituisce l obiettivo ed al tempo stesso lo strumento di lavoro, che relazioni stabili devono accompagnare il paziente lungo l intero percorso terapeutico. Questa è condizione indispensabile ma non sufficiente perché, considerata la molteplicità delle tecniche e delle attività, la presa in carico del paziente non può limitarsi al rapporto individuale ma deve necessariamente articolarsi in un lavoro di gruppo. Un lavoro che non cancella l eterogeneità del sapere e delle competenze ma tende a mettere in legame i diversi elementi al fine di lavorare con il paziente in una dimensione che lo consideri nella sua globalità. In quest ottica l equipe terapeutica diviene l elemento forte che condiziona il clima affettivo e la cultura all interno dei quali si svolge l intero percorso riabilitativo. (Ba G 2003) La Riabilitazione psichiatrica. Cosa usa?

10 EQUIPE MULTI-PROFESSIONALE in cui operano integrandosi Professionisti con formazione diversa nel rispetto delle personali competenze: Medici, Psicologici/psicoterapeuti, Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica /Educatori Professionali/ infermieri, altro (professionisti di specifiche tecniche etc.) Anche negli interventi domiciliari il riabilitatore dovrebbe essere inserito «in rete» coordinandosi con le altre figure coinvolte nel processo di cura La Riabilitazione psichiatrica. CHI?

11 LE ATTIVITÀ PRIMO LIVELLO TUTTE QUELLE ATTIVITÀ CHE POTENZIANO IL FARE, LE ABILITÀ BASE E QUOTIDIANE *TERAPIA OCCUPAZIONALE PROGRAMMI CURA DI SÉ E AMBIENTE (CLT) GRUPPO CUCINA GRUPPO GIORNALE GRUPPO CINEFORUM GRUPPO TEMPO LIBERO *ATTIVITÀ RISOCIALIZZAZIONE *GRUPPI DI GINNASTICA, ATTIVITÀ SPORTIVE *LABORATORI (RESTAURO, PC, FOTOGRAFIA ETC) *ORTO-GIARDINAGGIO *SUPPORTO ALLO STUDIO *PROGETTI REINSERIMENTO AL LAVORO *INTERVENTI DOMICILIARI *SUPPORTING HOUSING SECONDO LIVELLO TUTTE LE ATTIVITÀ FINALIZZATE AL RECUPERO DELL ESSERE : FUNZIONAMENTO RELAZIONALE INTRAPSICHICO E INTERPERSONALE TECNICHE ESPRESSIVE ARTETERAPIA MUSICOTERAPIA ATTIVA MUSICOTERAPIA D ASCOLTO PSICOMOTRICITÀ DANZA-MOVIMENTOTERAPIA TEATROTERAPIA INTERVENTI PSICOTERAPICI GRUPPO DISCUSSIONE GRUPPO ASSERTIVITÀ GRUPPO AUTOBIOGRAFICO GRUPPI IPT (ALCUNI MODULI) INTERVENTI FAMIGLIARI Interventi di ristrutturazione cognitiva

12 Strutture Residenziali a diverso livello di intensità e durata di cura (CRA, CRM - CPA, CPM) Strutture Semiresidenziali (Centri Diurni) CPS /CSM Domicilio SPDC Altro PIANO NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE GEN 2013; CONFERENZA STATO REGIONI 17/10/2013 La Riabilitazione psichiatrica. DOVE?

13 NON È DEFINIBILE UN QUANDO INIZIARE.QUANTO PRIMA QUANTO? INTENSITA : È IMPORTANTE CHE IL PROGRAMMA RIFLETTA IL LIVELLO DI DIFFICOLTÀ E DI COINVOLGIMENTO CHE IL PAZIENTE PUÒ REALISTICAMENTE SOSTENERE. TROPPI STIMOLI E TROPPI STRESS POSSONO AVERE ESITI CONTROPRODUCENTI E FAR FALLIRE IL MIGLIOR PROGRAMMA (Dyer 1988) PER QUANTO? E POSSIBILE CHE IL PROCESSO DI RECOVERY RICHIEDA UN DISCRETO LASSO DI TEMPO, CARATTERIZZATO DA FASI DI STASI, CHE IN REALTÀ SONO FASI D CONSOLIDAMENTO, PRIMA DI POTER PASSARE ALLO STADIO DI SUCCESSIVO MIGLIORAMENTO (STRAUSS 1986) La Riabilitazione psichiatrica. Quando, quanto e per quanto?

14 OGNI PROGETTO RIABILITATIVO DOVREBBE PREVEDERE UN TERMINE SE È VERO CHE LA RIABILITAZIONE È UN PROCESSO CHE AIUTA IL PAZIENTE A POTENZIARE LE SUE PARTI SANE AL FINE DI SVILUPPARNE LE CAPACITÀ DI FUNZIONARE CON SUCCESSO E SODDISFAZIONE NELL AMBIENTE DI SUA SCELTA, E FAVORISCE L INTEGRAZIONE DELL INDIVIDUO, ALLORA POTREBBE ESSERE UN PERCORSO CHE NON TERMINA MA CHE SI CONSOLIDA NEL TEMPO

15 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO DALLA VALUTAZIONE ALLA VERIFICA E ALLA CONCLUSIONE LA CRONICITÀ SI REALIZZA QUANDO NON CI SONO OBIETTIVI EVOLUTIVI E VIENE A MANCARE LA TENSIONE VERSO IL CAMBIAMENTO QUANDO UN PROGETTO DIVENTA SOLO CORNICE SENZA CONTENUTI

16 LE EVIDENZE SCIENTIFICHE IN RPS Social Skills Training (Liberman RP et al, 1986) Assertive Community Treatment (Stein and Santos 1998) (approccio psichiatria del territorio) Cognitive Behavior Therapy for psychosis (Lyndenmayer 2000) Programmi di Cognitive Remediation (Krabbendam G. & Aleman A, 2003; Vita A, 2013); Interventi Psicoeducazionali (problem solving etc) (Lincoln TM et al 2007), Training per l auto gestione della malattia (Hogarty GE 2002; Gingerich & Mueser K, 2011), Interventi Psicoeducazionali famigliari (Falloon I.R. et al 1984), Approcci al supporto lavorativo, in particolare «Supported employment» (Corrigan PW et al, 2008). (Mueser et al; Ann. Rev. Clin. Psychol. 2013)

17 EVIDENZE UN PO PIÙ TIMIDE In Europa ed in Italia sono molto diffuse altre tecniche di derivazione psicodinamica (Tecniche Espressive) che sebbene fossero note e usate nella clinica da tempo, solo recentemente hanno cominciato a evidenziare dati di significatività rilevanti tanto da venir citate anche nelle linee guida internazionali Sicuramente l efficacia delle ArtiTerapie è confermata quando integrate con altri trattamenti, mentre usate «da sole» hanno una efficacia simlie ad altre attività strutturate di base (studio MATISSE, Crawford MJ et al, 2012), certo è che sembrano ridurre l espressione dei sintomi negativi nella schizofrenia (Guhne u et al, 2012) migliorare la conoscenza di se, le capacità relazionali e lo sviluppo affettivo. (Richardson P et al, 2007; Ren J and Xia J, 2013).

18 ORTOTERAPIA E PSICHIATRIA BENJAMIN RUSH DESCRIVEVA AD INIZIO 19 SECOLO L EFFETTO POSITIVO DI PARTECIPARE AD ATTIVITA DI GIARDINAGGIO PER I SUOI PAZIENTI CON MANIA RUSH «MEDICAL INQUIRIES AND OBSERVATION UPON DISEASE OF MIND, 1812

19 Ortoterapia ed evidenze B.J. General Practice Feb 2012, Studio condotto su pazienti con disturbi psichiatrici maggiori (depressione)

20 Ortoterapia ed evidenze Benefici Cognitivi: stimolazione della memoria (Namazi & Haynes, 1994), miglioramento delle funzioni cognitive (Kaplan & Kaplan, 1989; Cimprich, 1993; Herzog, Black, Fountaine & Knotts, 1997), aumento di capacità attentiva (Hartig, Mang & Evans, 1991; Ulrich et al., 1991; Ulrich & Parsons, 1992; Ulrich, 1999; Taylor et al., 2001). Benefici Psicologici: incrementa lo stato di benessere psicologico (Relf et al., 1992; Ulrich & Parsons, 1992; Galindo & Rodrieguez, 2000; Kaplan, 2001; Jarrott, Kwack & Relf, 2002; Barnicle & Stoelzle Midden 2003; Hartig, 2003), riduce lo stress (Ulrich & Parsons, 1992; Whitehouse et al., 2001; Rodiek, 2002). Benefici Sociali: aumento dell'interazione sociale (Langer & Rodin, 1976; Moore, 1989; Perrins- Margalis, Rugletic, Schepis, Stepanski, & Walsh, 2000), promuove una maggior coesione sociale sia l'aumento delle abilità relazionali, interpersonali e comunicative (Sempik et al., 2003). Benefici Fisici promozione della salute fisica (Ulrich & Parsons, 1992; Kweon, Sullivan & Wiley, 1998; Cooper Marcus & Barnes, 1999; Armstrong, 2000; Rodiek, 2002), diminuisce lo stress (Rodiek, 2002), accorcia i tempi della riabilitazione da stress (Ulrich et al., 1991; Kaplan, 1993). (Benotti et al, Assistenza Anziani 2012)

21 Ortoterapia ed evidenze

22 BENESSERE PSICOLOGICO E FISICO Confortevole Calmante Naturale Frequenza cardiaca + Freq. Resp.

23 ATTIVITÀ RIABILITATIVE E PERCEZIONE SOGGETTIVA DEL BENESSERE

24 Secondo la teoria della selezione psicologica noi selezioniamo e ricerchiamo e riproduciamo esperienze in cui abbiamo percepito una condizione ottimale, una bilanciatura tra sfida e competenze (Esperienza ottimale) e che danno «ben-essere» L esperienza ottimale è determinata da l interazione di variabili cognitive, emozionali e motivazionali A.Delle Fave, F Massimini Eur. Psychologist 2005

25 WELL BEING AND MENTAL HEALTH FLUORISHING Productive activities, Fulfilling relationships, Have a direction in life Satisfaction of own needs Ability to adapt to change LANGUISHING Emptiness, stagnation, life of quiet despair High levels of well being. + - Low levels of well being. Mental health could be described like a syndrome with a set of constellation of symptoms of an individual. Subjective well being is individual s perception and evalutation of their own lives in terms of: emotional functioning (Affective states) psychosocial functioning Headey, Kelley and Wearing 1993 C. L.M Keyes 1998

26 MODELLO DELLA FLUTTUAZIONE DELL ESPERIENZA Canale 1 AROUSAL Massimini, Csikszentmihaly, Carli, 1987; Massimini, Carli 1988 Canale 8 ANSIA challenges > MS skills < MS challenges > MS skills MS challenges > MS skills > MS Canale 2 ESPERIENZA OTTIMALE C H A L L E N G E S Canale 7 PREOCCUPAZIONE SKILLS Canale 6 APATIA challenges MS skills < MS challenges < MS skills < MS MS challenges < MS skills MS Canale 5 NOIA challenges MS skills > MS challenges < MS skills > MS Canale 3 CONTROLLO Canale 4 RILASSAMENTO MS = media soggettiva 26

27 Attività strutturate ed attivazione dei canali E.S.M Canali attivati durante interventi strutturate di gruppo: Energia, Esperienza ottimale, ansia Canali attivitai durante il tempo libero (senza attività) Relax/ debolezza; Noia Apatia, Preoccupazione, Ansia Possibilità di sperimentare Esperienze Ottimali e quindi ricercarle >> mantenere attiva la motivazione ed il coinvolgimento nel processo riabilitativo

28 ATTIVITA ASSOCIATE ALL ESPERIENZA OTTIMALE (equilibrio skills-challenges e selezione psicologica dell esperienza) Il 90% dei soggetti riconosce E.O. e la associa ai seguenti ambiti: CURA e SALUTE: Attività Riabilitative identificate: Gruppo Salute Benessere Gruppo Teatrodanzaterapia Gruppo Canto Gruppo Orto e giardino

29 COME SI INSERISCE L ORTOTERAPIA NEL PROGETTO RIABILITATIVO? LA PSICOSI ALTERA LE DIMENSIONI FONDAMENTALI DELL ESISTENZA UMANA TEMPO SPAZIO RELAZIONE

30 L ORTO-TERAPIA IN RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Dimensioni dell intervento a) Tempo: riprendere un ritmo Adattarsi ad un ritmo naturale Alternanza tempi intensi, tempi di attesa b) Spazio: corpo e manualità c) Incontro con l altro da sé riconoscere ed adattarsi alle necessità dell Altro >Natura > Relazione con altri pazienti AREE SPECIFICHE DI INTERVENTO SVILUPPO CAPACITÀ DI PROGETTARE E RAGGIUNGERE UN OBIETTIVO CAPACITÀ DI CURA RESPONSABILE ABILITÀ COGNITIVE LETTURE, APPROFONDIMENTI; PREPARAZIONE DEL TERRENO E PIANIFICAZIONE SEMINA, ALTRI TEMI DI INTERESSE DEL GRUPPO

31

32 1. SPAZIO COME: SUPERFICIE CONTENITORE PERCORSO INTERVALLO LIMITE (TRA DENTRO E FUORI) SCENA Attenzione allo spazio rigido, codificato, chiuso e isolato ed isolante, manicomiale in cui la persona non è più un fruitore dotato di soggettività La psichiatria ha sempre organizzato lo spazio della cura della follia, spazio di custodia e emarginazione, ed il rischio di ripercorrere antichi territori, come quello di creare cronicità, è sempre presente

33 DALLO SPAZIO SUBÌTO ALLO SPAZIO ABITATO SPAZIO ABITATO RIDISEGNATO ED ORGANIZZATO PER PRODURRE AFFETTI E RELAZIONI ABITATO DA OGGETTI CHE DANNO SENSO ALLA QUOTIDIANITÀ SPAZIO PIACEVOLE, CURATO, ANCHE ESTETICAMENTE SICURO E PROTETTO DIFENDERE IL SETTING Viganò C., Bielli A., Ba G. il Vaso di Pandora vol X,4, 2002, 37-45

34 REQUISITI PER LA COSTRUZIONE DI UN AMBIENTE RIABILITATIVO - COMUNITARIO DIMENSIONE COMUNITARIA principi gestionali simili all economia domestica in senso lato CLIMA DI VITA orientamento alla promozione sociale e protezione degli ospiti, manutenzione ambientale, partecipazione alla stessa dei residenti FLESSIBILITÀ possibilità di modificare alcuni aspetti strutturali in relazione a specifici bisogni PERMEABILITÀ apertura agli scambi sociali, alla relazione con l esterno

35 2. PROGETTAZIONE PIANIFICARE LO SVILUPPO DI ABILITA /ATTIVITA DA SVOLGERE STABILIRE LE PRIORITA E DEFINIRE OBIETTIVI PARZIALI SCEGLIERE GLI INTERVENTI IDENTIFICARE LE DIFFICOLTA COINVOLGERE ATTIVAMEMTE IL PAZIENTE IN OGNI FASE

36 3. ATTENZIONE COSTANTE ALLA RELAZIONE PERMETTE DI: VALUTARE E CONDIVIDERE GLI SVILUPPI ATTENTA E COSTANTE OSSERVAZIONE DEL PAZIENTE IN OGNI MOMENTO DEL SUO PERCORSO RIABILITATIVO, COME MOMENTO FONDANTE OGNI GESTO ED OGNI PROGETTO SVILUPPARE UNA FUNZIONE RIFLESSIVA SULL AGIRE RIABILITATIVO PER MANTENERE IL CARATTERE EVOLUTIVO DEI PERCORSI RIABILITATIVI

37

38 ALL INTERNO DI UN PROGETTO DI TRATTAMENTO TERAPEUTICO RIABILITATIVO INDIVIDUALIZZATO E MONITORATO NEL TEMPO, L USO DELL ORTOTERAPIA, IN UN OTTICA RIABILITATIVA, E NON SOLO OCCUPAZIONALE, PERMETTE DI: RIPRENDERE NATURALMENTE UN CONTATTO CON LO SPAZIO ED IL TEMPO POTENZIARE ALCUNE COMPETENZE CHE POSSONO APRIRE NUOVE SFIDE ACQUISIRE CONSAPEVOLEZZA DELLE PROPRIE CAPACITÀ, POTENZIALITÀ, IDEALI E ASPIRAZIONI RIPRENDERE UN RAPPORTO EQUILIBRATO CON SE STESSI E GLI ALTRI avere un po di gratificazione perché il risultato è tangibile.

39 GRAZIE

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni

Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni Dario Lamonaca C.S.M. Aulss 21 Legnago VR Mestre, 22 ottobre 2014 Convegno Regionale sulla Salute Mentale La riabilitazione psichiatrica:

Dettagli

VERDE TERAPEUTICO. Quei progetti mirati che aiutano a guarire

VERDE TERAPEUTICO. Quei progetti mirati che aiutano a guarire VERDE TERAPEUTICO Quei progetti mirati che aiutano a guarire PROGETTI MIRATI DI GIARDINI CURATIVI E DI SPAZI PER L ORTOTERAPIA DESTINATI ALLE UTENZE FRAGILI POSSONO ATTIVARE PERCORSI DI RIABILITAZIONE

Dettagli

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Luc De Vreese, Rabih Chattat, Guido Gori, Elisabetta Mecatti, Anna Maria Mello, Sara De Montis, Pier Luigi Oscari, Silvia Ragni INTRODUZIONE (1) I farmaci oggi a disposizione

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Corso Regionale Esordi Psicotici: 5 Modulo Emanuela Ferri Considerato che: L esordio si

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino R3/IT Te.D learning programme in Italian Corso Argo Secondo Livello Coadiutore dell animale ULSS 4 Alto Vicentino PREMESSE: Si definiscono Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) le prestazioni a valenza

Dettagli

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze (L'impatto della malattia mentale: menomazione, disfunzione,

Dettagli

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE 1 SALUTE = POSSIBILITA SVILUPPO POTENZIALITA NON C ÈC SALUTE SENZA SALUTE MENTALE (O.M.S.) Circa il 20% della popolazione mondiale maggiore dei 18

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana

La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana La presa in carico globale della persona adulta con disabilità intellettiva attraverso processi di abilitazione nella vita quotidiana Dr. Lucio MODERATO Psicologo - Psicoterapeuta Direttore Servizi Diurni

Dettagli

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

HOME-CARE PER LA DEMENZA di COMETA 99. Paolo Giuseppe dr. d Angelo

HOME-CARE PER LA DEMENZA di COMETA 99. Paolo Giuseppe dr. d Angelo HOME-CARE PER LA DEMENZA di COMETA 99 Paolo Giuseppe dr. d Angelo Presidente di COMETA 99 Cooperativa sociale ONLUS sanitaria e socio-sanitaria Iscritta Elenco regionale ONLUS con atto n. 2579 del 28.03.01

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali Remissione: riduzione della frequenza e dell intensità delle manifestazioni psicopatologiche Stabilizzazione:permanenza nel tempo

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI i.so.di. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Progetto integrazione sociale disabili i.so.di. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

«Fare Rete in Psichiatria»

«Fare Rete in Psichiatria» EXPO 2015 - Nutrire, Potenziare, Curare - Il futuro della Salute Mentale Milano 19-20 giugno 2015 «Fare Rete in Psichiatria» Il Case Manager nel percorso della presa in carico del paziente grave nel Servizi

Dettagli

Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer

Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di Vigato Federico Alla luce degli

Dettagli

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO - da operatore a promotore sociale - Dott. Marcello Candotto L IDENTITÀ DELL ASSISTENTE SOCIALE L assistente sociale è un operatore sociale

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

Presentazione Centri diurni terapeutici Biella, 17-18 ottobre 2011 L. Poggiali A. Fux Biella 18/19 ottobre 2011 Fux Amèle FAIDO dal 1999 MURALTO dal 1995 LUGANO dal 1993 GIUBIASCO dal 1995 BALERNA dal

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività

Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività Intervento sui Disturbi dell Età Evolutiva Spin off dell Università degli Studi di Genova Sede operativa: Vico Sant Antonio 5/7 scala B 16126 Genova

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it (IRCCRO_00792) Narrazioni e coping nelle crisi di cambiamento Crediti assegnati: 8.8 Durata: 7 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Seminario, workshop Organizzato da: I.R.C.C.S.

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA SERVIZIO PSICHIATRICO MIRANO Direttore: Dr.ssa Anna Urbani CENTRO DIURNO LA MERIDIANA Via Miranese, 18-30035 Mirano (VE) tel. 041 5795516 fax 041 5795501 BENVENUTI NEL NOSTRO CENTRO DIURNO! IN QUESTE PAGINE

Dettagli

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Descrizione del Corso: Questo corso fornirà una panoramica degli interventi possibili con il modello DIR. Il modello DIR/Floortime crea

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

COMUNITÀ ALLOGGIO. per DISABILI PSICHICI

COMUNITÀ ALLOGGIO. per DISABILI PSICHICI COMUNITÀ ALLOGGIO per DISABILI PSICHICI MAGNOLIA CENTRO SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIALI LA FENICE CUSTONACI Via Scurati n 32 C/da Tribli 91015 Custonaci (Tp) PER INFORMAZIONI: Tel/Fax: 0923971462

Dettagli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli ALLEGATO N 1 Anno scolastico 2013/2014 Classe 5 D Disciplina: Docente: PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA TERESA STAGLIANO Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli Ore di lezione settimanali:

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Valeria Destefani Psicologa Psicoterapeuta Fondazione Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino IRCCS.

Valeria Destefani Psicologa Psicoterapeuta Fondazione Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino IRCCS. RESILIENZA PER GENITORI RESILIENTI Valeria Destefani Psicologa Psicoterapeuta Fondazione Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino IRCCS. 13/02/2014 - V. Le dimensioni psico-sociali della resilienza: i

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO

MANAGEMENT IN COMUNICAZIONI E RELAZIONI IN AMBITO SOCIO-SANITARIO Facoltà di Lettere Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma Formazione ed Aggiornamento Master Universitario di I^livello in MANAGEMENT

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio

Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Assessorato all Educazione Servizi all infanzia Comune di Firenze - Servizi all infanzia Una collaborazione fra istituzioni per prevenire il disagio Giovanna Malavolti Coordinamento pedagogico Servizi

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Chi siamo Casa di Enrica è una casa alloggio per adulti con disagio psichico. Si configura come

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Polis SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Area: Disabili ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto intende sviluppare azioni di sostegno per

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE Persone al centro Quarrata, 21 febbraio 2009 IL LAVORO DI RETE E un processo finalizzato/tendente a legare fra loro più persone tramite connessioni

Dettagli

Le tecniche espressive nella riabilitazione psicosociale. Dott.ssa Manuela Peserico Psichiatra e Psicoterapeuta

Le tecniche espressive nella riabilitazione psicosociale. Dott.ssa Manuela Peserico Psichiatra e Psicoterapeuta Le tecniche espressive nella riabilitazione psicosociale Dott.ssa Manuela Peserico Psichiatra e Psicoterapeuta UNA TEORIA NON E LA CONOSCENZA, MA PERMETTE LA CONOSCENZA. UNA TEORIA NON E UN PUNTO DI ARRIVO,

Dettagli

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico

LA LAMPADA DI ALADINO Associazione Onlus per l assistenza globale al malato oncologico Chi siamo Associazione nata a Brugherio nel 2000 da un gruppo di persone che ha vissuto l esperienza del tumore, convinti della necessità di dare risposta alle molteplici e complesse problematiche che

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli