Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica."

Transcript

1 SEMINARIO Continua il percorso. Il 19 Marzo 2009 a Palazzo Ducale Lucca- Sala Mario Tobino- la F.A.S.M. ha proposto, coinvolgendo le Istituzioni, il seminario Terapie riabilitative per la salute mentale. Riflessioni per uno stile organizzativo le cui riflessioni avevano gli scopi di trovare nuovi stimoli per le buone pratiche, attraverso uno scambio di esperienze operative nella riabilitazione per la salute mentale. Soddisfazione per il successo ottenuto che ha registrato una presenza di oltre 150 persone. Molto apprezzato e seguito con interesse l intervento del relatore primario la Dottoressa Paola Carozza, professionista altamente qualificata in questo settore, infatti è primario presso l Azienda USL di Ravenna, dove espleta funzioni di Direttore dell area aziendale di riabilitazione psichiatrica. Ha svolto per circa 15 anni attività di docenza universitaria presso la Cattedra di Psichiatria sociale della scuola di Specializzazione in Psichiatria dell Università di Chieti ed è stata docente di numerosi corsi sull attività di formazione del personale dei Servizi di Salute Mentale; è impegnata in attività di consulenza e formazione in materia di riabilitazione psichiatrica e fa parte del direttivo del Coordinamento Nazionale Centri Diurni in Psichiatria. Ha pubblicato Principi di riabilitazione psichiatrica: per un sistema di servizi orientato alla guarigione (Franco Angeli, 2006), La riabilitazione psichiatrica nei Centri Diurni (Franco Angeli, 2003) e ha curato l edizione italiana di Psychiatric Rehabilitation di W. Anthony, N. Farkas, M. Cohen e C. Gagne (CIC, 2003). Nel suo intervento, la Dr.ssa Carozza ha focalizzato l attenzione sui seguenti punti: Massiccio ricorso alla residenzialità con gravosi oneri sul bilancio aziendale Manicomializzazione delle strutture residenziali aziendali (pubbliche e private) Assenza di strumenti da parte degli operatori per promuovere processi di dimissione dalle strutture residenziali Frequente delega ai servizi sociali o alle famiglie del monitoraggio e del supporto degli inserimenti sociali e lavorativi degli utenti. Eterogeneità delle rette, non correlate agli esiti e alla qualità del servizio Inappropriatezza degli inserimenti (pazienti psichiatrici inseriti in strutture per disabili e in case protette per anziani) Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica. Nel nostro modello, la riabilitazione non è un particolare tipo di inserimento diurno o residenziale per i casi cronici o irrecuperabili un particolare tipo di inserimento lavorativo, ma una metodologia con valenza generale e che, come tale, può essere utilizzata in tutti i programmi che si propongono di accrescere l articolazione sociale, a prescindere dal genere di setting in cui essi vengono attuati. In questa struttura concettuale le residenze non sono altro che due dei molteplici setting di attuazione del processo riabilitativo (erogazione di un trattamento), e come tali sono concepiti quali luoghi di permanenza temporanea degli utenti. Il principale obiettivo perseguito fin dall avvio dell U.O. di Riabilitazione psichiatrica è stato quello di superare il concetto di struttura riabilitativa per introdurre quello di servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica, facendo sì che la riabilitazione non fosse

2 più identificata con costruzioni murarie, quali appunto sono le strutture residenziali e semiresidenziali, ma assumesse una sua precisa identità culturale e operativa. Residenza = setting di trattamento setting per l attuazione delle prime cinque fasi del processo riabilitativo sviluppo di un rapporto di partnership con l utente sviluppo della disponibilità al cambiamento, definizione dell obiettivo riabilitativo valutazione del funzionamento insegnamento delle abilità e di interventi di supporto ai programmi di inserimento negli ambienti reali della comunita Residenza/semiresidenza = setting di trattamento Superamento dell identificazione della riabilitazione con le mura delle strutture che diventano: luogo di permanenza temporanea setting di attuazione del processo riabilitativo per l acquisizione di ruoli sociali validi (erogazione di un trattamento). Formazione ed esiti Non attribuire importanza alla formazione degli operatori significa sottovalutare quanto l esito riabilitativo delle persone con disabilità psichiatriche venga influenzato dalla professionalità del personale con cui esse interagiscono (Anthony, Farkas, Cohen, Gagne, 2002). Prevalenza di formazione rivolte ai singoli (il più delle volte la figura medica) Prevalenza di formazioni astratte, che molto spesso si concretizzano in corsi completamente sganciati dalla realtà pratica Funzioni della leadership Favorire il mantenimento della motivazione degli operatori nei confronti del proprio lavoro. Definire chiaramente gli obiettivi e le prospettive future dell organizzazione. Promuovere la crescita e l evoluzione del gruppo. Sviluppare un clima di fiducia reciproca e di mutuo - aiuto. Fornire supporto. Promuovere un assetto organizzativo coerente con il mandato istituzionale. Favorire la formazione permanente. Definire parametri per valutare l adeguatezza del personale al mandato affidato Presa in carico riabilitativa La presa in carico riabilitativa è assumersi la responsabilità degli interventi sulle più importanti disfunzioni che l utente manifesta nelle principali aree di vita (lavoro, cura di sé, abitazione, famiglia, vita sociale e ricreativa). Ne consegue che gli operatori dell èquipe riabilitativa formulano il piano di trattamento individuale

3 effettuano interventi individuali e di gruppo per l acquisizione di abilità nel setting residenziali/semiresidenziale forniscono supporto per tutto il tempo necessario negli ambienti reali lavorano in stretto contatto e sinergia con gli operatori sociali. Implementazione dell approccio riabilitativo nelle strutture residenziali e semiresidenziali a gestione diretta e gestite dal privato sociale Stesura di piani di trattamento per tutti gli utenti ospitati a prescindere dalla gravità della disabilità Gruppi per l apprendimento delle abilità a mediazione strumentale e verbale Supporto ai ruoli sociali esterni Conferma degli strumenti di valutazione degli obiettivi/esiti già esistenti(vado) e adozione di strumenti di valutazione de bisogni/interessi degli utenti (CAN) Riunione quotidiana d èquipe Concetto di operatore unico Esternalizzazione degli operatori dagli appartamenti aziendali Operatore unico in riabilitazione La principale funzione dell operatore della riabilitazione debba essere quella di avere la responsabilità e la titolarità della presa in carico riabilitativa longitudinale (per tutto il tempo necessario e richiesto dall utenza) e trasversale, intervenendo sulle più importanti disfunzioni che l utente manifesta nelle principali aree di vita (lavoro, cura di sé, abitazione, famiglia, vita sociale e ricreativa). Operatore unico ha significato affermare che tutti gli operatori debbano avere la medesima funzione e omogenei strumenti di intervento. L enfasi viene così posta sugli esiti e sui comportamenti efficaci per raggiungerli, a prescindere dalle qualifiche professionali Contratto con la persona residente Permanenza temporanea Migliorare alcuni aspetti della propria qualità di vita (evitiamo termini quali autonomia, indipendenza) Enfasi sul successo, anche piccolo Garanzia che non saranno richiesti cambiamenti per i quali la persona non è pronta Garanzia che non saranno richiesti cambiamenti che la persona non considera vantaggiosi per se stessa (motivazione) Garanzia che l avvio di un nuovo trattamento non comporta la perdita delle figure significative (famiglia) il cui supporto nel raggiungimento degli obiettivi viene considerato fondamentale Garanzia che l avvio di un nuovo trattamento non comporta la perdita del terapeuta inviante e dell operatore referente

4 Contratto con la famiglia La permanenza del proprio congiunto in un luogo diverso da quello in cui vive la sua famiglia non riduce affatto l influenza che essa ha sul raggiungimento degli esiti riabilitativi Informare le famiglie dell importanza che esse rivestono nel trattamento del loro congiunto e dei cambiamenti da affrontare mano a mano che il loro congiunto evolve Valorizzare la collaborazione con le famiglie. Se si rinforza la sinergia con i familiari, gli esiti riabilitativi saranno raggiunti più velocemente e più facilmente Essere chiari sui limiti dei propri interventi ed aiutare le famiglie a coltivare aspettative realistiche. Chiarire che la residenza è un luogo di permanenza temporanea con possibile anche rientro in famiglia qualora ci siano le condizioni Chiarire il ruolo dell èquipe curante = non sostituta delle figure familiari ma strumento perché il congiunto mantenga le connessioni con il contesto d origine nel modo migliore possibile Accordarsi sulle modalità di lavoro congiunto: Contratto con l inviante Mantenere la relazione terapeutica.tale misura consente: di non associare un passaggio evolutivo, quale quello rappresentato dall inizio del trattamento e da ogni altra sua fase critica, ad una perdita di relazioni significative Di superare più facilmente le resistenze al trattamento riabilitativo. Supportare l uente nella fase di prima accoglienza, anche attraverso una partecipazione degli invianti agli incontri nella residenza Facilitare la ripresa del programma dopo un interruzione Gestire la farmacoterapia e suoi aggiustamenti in relazione alle evoluzioni del trattamento. Definire gli esiti riabilitativi attesi, esplicitandoli all utente e ai suoi familiari Adozione di strumenti di valutazione degli obiettivi/esiti e dei bisogni/interessi degli utenti Contestualmente all adozione di un approccio riabilitativo basato sull evidenza scientifica, si sta provvedendo a dotarsi di strumenti oggettivi con i quali: Individuare i bisogni di cura esplorando la percezione che gli utenti hanno della loro condizione e la loro opinione in merito a quale area della loro vita necessita di maggiore attenzione da parte dell équipe riabilitativa Individuare gli obiettivi riabilitativi individualizzati, ossia le principali disfunzioni che devono essere ridotte affinché gli utenti si realizzino al massimo delle loro possibilità Individuare i principali interessi che gli utenti desiderano riprendere Individuare le principali abilità che gli utenti devono apprendere o esercitare per realizzare i propri obiettivi Contenere/ridurre il ricorso alla residenzialità Contenimento degli invii nelle strutture gestite dal privato sociale

5 Dimissioni dalle strutture residenziali aziendali e collocazione in civili abitazioni condominiali (alloggi popolari, appartamenti propri, appartamenti di nuova acquisizione) Recupero degli utenti esportati in strutture residenziali al di fuori della provincia di Ravenna Il ruolo del privato sociale nella rete dei servizi aziendali Ricorso al privato sociale per i casi con livelli più gravi di disabilità e di deterioramento Basse aspettative (casi senza speranza) Permanenze a tempo indefinito Delega in bianco con fenomeni di abbandono degli utenti da parte dei DSM Operatori senza supporto e con strumenti prevalentemente soggettivi (disponibilità, attitudini personali Il privato sociale deve entrare a far parte di una rete di servizi aziendali in cui, ribadita la titolarità e la responsabilità primaria del sistema pubblico, assume a proprio carico l esercizio delle funzioni e dei compiti ad esso espressamente demandati dall inviante. Responsabilità della presa in carico e responsabilità degli esiti Responsabilità della presa in carico attiene al DSM (invio, monitoraggio e valutazione) Responsabilità degli esiti attiene all èquipe del privato sociale (attuazione piano di trattamento) Azioni nei confronti del privato sociale Adozione di una metodologia operativa omogena con quella adottata nell U.O. Stesura di piani di trattamento per tutti gli utenti ospitati, a prescindere dalla gravità della disabilità Monitoraggio settimanale/quindicinale dei piani di trattamento individuali elaborati in sinergia con l équipe della struttura e di valutazione periodica dei risultati conseguiti di 8 strutture (format piano di trattamento, VADO, èquipe). Definizione della mission delle strutture residenziali a gestione diretta e di quelle gestite dal privato sociale, Strutture a gestione diretta = riabilitative Strutture gestite dal privato sociale(casa Sintoni 1 e 2, Hotel Selice, Villanova, Il Veliero, Cooperativa Laura) = socio assistenziali Formulazione di due tipologie di contratto tipo : riabilitativo e socio-assistenziale Introduzione di tecniche riabilitative anche nei contesti residenziali socio assistenziali (colloqui motivazionali, gruppi per l apprendimento delle abilità) Avvio della valutazione di utenti psichiatrici inseriti in strutture extraregionali (Work 2000), in strutture per disabili (il Faro, La Pieve) e in strutture per anziani Gestione di iniziative tendenti a modificare il rapporto con i familiari Effettuazione incontri con le Associazioni dei familiari

6 Effettuazione di incontri mensili di gruppo con tutte le famiglie degli utenti inseriti nelle tre strutture a gestione diretta e in alcune strutture gestite dal privato sociale Risorse persone (sindaci, amministratori, datori di lavoro, insegnanti, condomini, istruttori sportivi, membri di associazioni, amici, pari, etc) posti (abitazioni, posti di lavoro, centri sportivi, corsi di formazione, luoghi ricreativi), Le risorse: favoriscono i processi di guarigione attraverso l espletamento di ruoli sociali. rappresentano lo strumento principale per l ultima fase del processo di riabilitazione psichiatrica, ossia quella dell applicazione negli ambienti reali della comunità delle abilità apprese nei programmi riabilitativi (generalizzazione delle abilità). Azioni effettuate a livello della società civile Le azioni effettuate a livello della società civile sono fondamentalmente di due tipi: 1. Interventi di sensibilizzazione/informazione degli enti locali al fine di ottenere alloggi a basso costo inseriti in normali condomini dove inserire utenti con programmi abitativi supportati 2. Interventi di monitoraggio dei programmi di inserimento lavorativo, abitativo, di ripresa degli studi, al fine di valutare periodicamente i progressi dell utente, gli aggiustamenti e i cambiamenti da apportare e di scambiare informazioni tra tutti i referenti coinvolti. L effettuazione delle azioni descritte necessita di una formazione specifica da parte degli operatori della riabilitazione per apprendere e sviluppare abilità di comunicazione, di negoziazione e di supporto nei confronti dei referenti sociali coinvolti nei programmi. Ampliamento del numero dei posti di lavoro nell ambito della cooperazione sociale Costituzione di un gruppo tecnico Consorzio Agape/DSM SERT che ha: Rivisto la metodologia di inserimento lavorativo Formulato uno strumento di valutazione del funzionamento sociale integrando alcuni parametri già utilizzati con altri più appropriati alla disabilità psichiatrica Resta come ampliare le possibilità reali attraverso un incremento delle commesse offerte alle Cooperative Revisione del modello di inserimento lavorativo Necessità di ridurre il rischio degli esiti negativi. Proposta di misure correttive: Mantenimento della presa in carico da parte del servizio inviante Importanza del lavoro sulla motivazione prima dell inserimento Importanza della valutazione del funzionamento prima dell inserimento Mantenimento del supporto da parte dell operatore del servizio inviante per tutto il tempo necessario comunicazione in tempo reale tra l operatore del servizio inviante e gli operatori del SIIL e delle Cooperative sugli eventi critici riguardanti l utente, fuori e dentro in contesto di lavoro

7 Flessibilità dell inserimento, con la possibilità di modificare l orario di lavoro, di introdurre facilitazioni e di riaccettare l utente anche dopo periodi di interruzione.

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali Remissione: riduzione della frequenza e dell intensità delle manifestazioni psicopatologiche Stabilizzazione:permanenza nel tempo

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Paola Carozza DSM Ravenna Fermo 4 Aprile 2014 Le grandi sfide Ridisegnare i servizi sui principi del recovery

Dettagli

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze (L'impatto della malattia mentale: menomazione, disfunzione,

Dettagli

Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni

Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni Dario Lamonaca C.S.M. Aulss 21 Legnago VR Mestre, 22 ottobre 2014 Convegno Regionale sulla Salute Mentale La riabilitazione psichiatrica:

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

CENTRO DIURNO LA SEMENTE

CENTRO DIURNO LA SEMENTE ASSOCIAZIONE NAZIONALE GENITORI SOGGETTI AUTISTICI ONLUS Rev 01 del 5/03/13 CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO LA SEMENTE Redatta secondo Linee Guida 2/95 Centro diurno LA SEMENTE, località Limiti di Spello

Dettagli

Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI

Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI 1 CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento importante per la nostra organizzazione, ci consente di far conoscere

Dettagli

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 -

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - COMPOSIZIONE DEL TAVOLO Coordinatore del Tavolo Sara Ambivero (Comune di

Dettagli

Supporto e accompagnamento degli utenti inseriti nei Programmi di Riabilitazione per favorire e facilitare l accesso alle risorse quali:

Supporto e accompagnamento degli utenti inseriti nei Programmi di Riabilitazione per favorire e facilitare l accesso alle risorse quali: attività sociali a rilevanza sanitaria rivolte a persone in carico al Servizio Ambulatoriale ed al Programma di Riabilitazione Psichiatrica del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 1 Torino Nord L intervento

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA SERVIZIO PSICHIATRICO MIRANO Direttore: Dr.ssa Anna Urbani CENTRO DIURNO LA MERIDIANA Via Miranese, 18-30035 Mirano (VE) tel. 041 5795516 fax 041 5795501 BENVENUTI NEL NOSTRO CENTRO DIURNO! IN QUESTE PAGINE

Dettagli

PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI VERSO L ACCREDITAMENTO DEFINITIVO

PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI VERSO L ACCREDITAMENTO DEFINITIVO SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DIREZIONE GENERALE SANITA E POLITICHE SOCIALI PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Salute mentale La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana.

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

Interventi integrati e integrazione degli interventi nei CSM: work in progress

Interventi integrati e integrazione degli interventi nei CSM: work in progress Interventi integrati e integrazione degli interventi nei CSM: work in progress Dott.ssa Carla Barile CSM Cso Francia 73 DSM G. Maccacaro ASL TO 2 Due tipologie di intervento nei percorsi terapeutici ove

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI Il gruppo di lavoro sull assistenza domiciliare educativa per disabili necessita, per poter meglio svolgere il proprio

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto Allegato 11. Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Premessa 108 Questo progetto intende affrontare le tematiche del cambiamento della persona con disabilità all innalzarsi

Dettagli

CentroSocioEducativoRiabilitativo CARTA DEI SERVIZI

CentroSocioEducativoRiabilitativo CARTA DEI SERVIZI CentroSocioEducativoRiabilitativo CARTA DEI SERVIZI Via Locorotondo, 35-70022 Altamura e-mail: cseraltamura@libero.it tel/fax: 080/3117695 393/9699264 CentroSocioEducativoRiabilitativo DESCRIZIONE DEL

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno

Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno Centro Diurno per Disabili (C.D.D.) di Zogno Redatta in conformità alla D.G.R. n. 18334 del 23/07/2004 La Carta dei Servizi è il requisito organizzativo per il miglioramento della qualità delle strutture

Dettagli

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono:

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono: SETTORE ENTE SEDE PRIVATO CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA Torino Le diverse sedi proposte sono: Comunità Terapeutica Residenziale Passaggio a Nord- Ovest Strada alla funicolare di Superga n. 47/6 10132

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA All.B1 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Uff/SSC AMBITO ZONALE ALTO AGRI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL Art. 1 Premessa

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo)

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) REGOLAMENTO COMUNITA EDUCATIVA PER MINORI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ==============

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== 2 0 1 5 s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

CODICE ETICO CSS IL SORRISO

CODICE ETICO CSS IL SORRISO CODICE ETICO PREMESSA La Comunità Socio sanitaria Il Sorriso è una struttura residenziale, che accoglie persone disabili, impossibilitate a restare nel proprio nucleo familiare o prive dello stesso, fornendo

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Stellapolare Centro diurno psichiatrico Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Chi siamo Il centro diurno Stellapolare si configura come una struttura semiresidenziale,

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA

ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA IL CASE MANAGEMENT: UN MODELLO ORGANIZZATIVO PER LA CURA DEL PAZIENTE PSICHIATRICO La presa in carico e la pianificazione Dott.ssa

Dettagli

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese -

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - CHE COS E IL SIIL Il SIIL, Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo, è un servizio organizzato, dal 1998,

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO.

GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO. GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO. Il Gruppo Appartamento è una unità abitativa per progetti personalizzati gestita dalla

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Introduzione La tutela della salute mentale della popolazione costituisce uno degli obiettivi principali

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: OREFO 10 SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA DISABILI COD.A06 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI Il progetto intende favorire

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Osservazioni Anci Piemonte sullo schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO Via F. Filzi 2-20851 LISSONE Tel. 039-2457165 - Fax 039-2453802 - www.fondazionestefania.it

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO Via F. Filzi 2-20851 LISSONE Tel. 039-2457165 - Fax 039-2453802 - www.fondazionestefania.it CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO Via F. Filzi 2-20851 LISSONE Tel. 039-2457165 - Fax 039-2453802 - www.fondazionestefania.it Interventi nell ambito della disabilità e dello svantaggio sociale Presentazione:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Chi siamo Casa di Enrica è una casa alloggio per adulti con disagio psichico. Si configura come

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI OLONTARI IN SERIZIO CIILE IN ITALIA ENTE ) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIE E MUTUE ia A.Guattani, 9 006 Roma Tel. 06/08429386-327

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE FRIULI VENEZIA GIULIA O.N.L.U.S. - PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE La Fondazione Down Friuli Venezia Giulia O.N.L.U.S. gestisce, in collaborazione con l AAS 5 Friuli Occidentale, il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 9 Generalità. La Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di esplicitare e comunicare ai committenti e ai beneficiari gli impegni che il CONSORFORM assume nei loro confronti

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI Art.1 - Oggetto e finalità Gli Alloggi protetti offrono ai giovani accolti un sostegno educativo individuale

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA ALLEGATO B1 DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Riferimenti normativi 1. Piano Sanitario Nazionale 2007-2009 adottato con DPCM del 7.4.2006. 2. Piano Socio Sanitario Regionale

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli